Brochure - Covenant of Mayors

eumayors.eu
  • No tags were found...

Brochure - Covenant of Mayors

INTRAPRENDERE AZIONI ADAMPIO SPETTROI Firmatari del Patto dei Sindaci si sonoposti un grande obiettivo impegnandosi araggiungere – e superare – gli ambiziosiobiettivi europei di riduzione delle emissionidi CO 2. In occasione della secondacerimonia del Patto dei Sindaci nel maggio2010, il Presidente della Commissioneeuropea José Manuel Barroso ha sottolineatoin maniera entusiastica che, grazieall’attuazione dei PAES, le autorità localidel Patto contribuirebbero per “un quintodell’intero sforzo necessario all’UE nel suocomplesso”.Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile– che le amministrazioni localidevono presentare entro un anno dallaloro adesione – è il documento guida cheli orienta verso la meta fi nale della riduzionedelle emissioni, definendo le principalitappe per raggiungerlo e i passeggerida imbarcare.Una serie di requisiti strategici associatial Piano assicura che il Patto promuovarisultati specifici e tangibili: l’elaborazionedell’Inventario di Base delle Emissioni(IBE) aiuta i firmatari a determinare i settoriche consumano e inquinano maggiormente,indicando dove vanno concentratigli interventi. L’IBE deve coprire almenotre dei quattro settori chiave del Patto –(1) trasporti, (2) edifici comunali e (3)edifici terziari, attrezzature e impianti, e(4) edifici residenziali –, e almeno due diquesti dovrebbero essere inclusi nel relativoPAES. Infine, dato che azioni e risultatisono fondamentali per l’iniziativa del Pattodei Sindaci, i fi rmatari che non onoranoil loro impegno vengono temporaneamentesospesi dall’iniziativa, fino a provacontraria. Inoltre, l’attuazione pratica delPAES è assicurata dalla presentazione diuna relazione di attuazione ogni due anni.Sebbene questi passi possano sembrareimpegnativi, essi sono di fondamentaleimportanza nell’aiutare la città nel suocammino verso un approccio integrato esostenibile alla pianifi cazione urbana, incui le questioni energetiche e climatichehanno un ruolo decisivo e portano nuoveopportunità di sviluppo locale.Attuando i programmi definiti nel PAES, ci si può certamente aspettare che l’economiae l’occupazione locale ne traggano beneficio. Il programma iniziale dei RisparmiatoriEnergetici di Birmingham, ad esempio, ha il potenziale per creare circa260 posti di lavoro e per fornire circa 16 milioni di sterline di valore aggiunto lordoall’economia locale.Fonte: Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile del Consiglio cittadino di Birmingham© ShutterstockULTERIORI INFORMAZIONIBrochure tematica sui Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile:http://www.pattodeisindaci.eu/media/communication-materials_it.htmlCatalogo online dei Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile:http://www.pattodeisindaci.eu/actions/sustainable-energy-action-plans_it.html


OPPORTUNITÀ DI FINAN-ZIAMENTO DA COGLIEREATTINGERE AI FONDI EUROPEI…La mobilitazione senza precedenti deiFirmatari del Patto dei Sindaci a contributodegli obiettivi politici strategici dell’UE haportato al lancio di strumenti finanziarispecifici volti a sostenere lo sforzo pioneristicodelle città e delle regioni.Uno dei primi grandi strumenti d’ingegneriafinanziaria creati sotto l’impulso delPatto è stato lo strumento di assistenza© ShutterstockFoto: Comune di Vila Nova de Gaiaenergetica europea a livello locale – EuropeanLocal ENergy Assistance (ELENA)– finanziato dal Programma europeoEnergia Intelligente perl’Europa e inizialmentegestito dalla Banca europea per gliinvestimenti con l’obiettivo di sostenere icosti tecnici relativi allo sviluppo, la strutturazione,l’appalto e il lancio di grandiprogrammi d’investimento in ambito dienergia sostenibile.La Città di Parigi, Francia, è riuscita,grazie a ELENA, ad avviare la preparazionedi un programma d’investimentosu vasta scala per l’efficientamentoenergetico di 300 scuole pubbliche.La città investirà circa 180 milionidi euro nel progetto e il consumo dienergia dovrebbe diminuire del 30%conseguentemente all’attuazione ditali misure.Vila Nova de Gaia, una città più piccolasituata nel Portogallo settentrionale,sta benefi ciandoanch’essa di questostrumento europeo, che ha permessoal comune di condurre studi di fattibilitàper valutare la solidità tecnicaed economica di progetti di energiasostenibile e di costituire un gruppo diesperti qualifi cati che si occupano digestire le procedure legali e contrattualiin seno al comune.In una fase successiva, lo strumentoELENA è stato esteso per includere duenuove opportunità che forniscono sovvenzionidi assistenza tecnica per lo sviluppodi investimenti su scala più ridotta: ELENA– KfW supporta progetti di piccoli investimentie fornisce opportunità di prestitiglobali coinvolgendo istituti finanziari;mentre ELENA – CEB si rivolge agli investimentilegati all’energia per le abitazionisociali.Ma l’effetto valanga non finisce qui. IlFondo europeo Efficienza Energetica(EEE-F) è infatti un altro esempio di strumentofinanziario creato dalla Commissioneeuropea che coinvolge gli istitutifinanziari nel supporto dei progetti perl’energia sostenibile delle città che sisono impegnate per l’obiettivo di riduzionedelle emissioni CO 2del 20%. L’EEE-F è unvettore d’investimento che fornisce capitalicommerciali e finanziamento medianteemissione di debiti per progetti d’investimentonel campo dell’energia sostenibile,e che supporta in particolare i contratti direndimento energetico*. Analogamente, il2011 ha visto il lancio dell’iniziativa SmartCities and Communities, fi nanziata dalSettimo Programma Quadro per la Ricercae l’Innovazione: si prevede che i Firmataridel Patto che cercano di lanciare investimentiper le nuove tecnologie previsti neiloro Piani d’Azione, o di sviluppare ulteriormenteil loro PAES verso piani di sviluppourbano integrato, trarranno grandi beneficida questa iniziativa.I forti impegni e i risultati delle autoritàlocali hanno inoltre portato alla propostada parte della Commissione europea dellanormativa FESR 2014-2020, che assegnarisorse importanti all’efficienza energeticae all’energia rinnovabile locale e che siconcentra fortemente sulle questioni disviluppo urbano.…O MOSTRARE CREATIVITÀIn ogni caso, in un periodo di rallentamentoeconomico e di tagli alle fi nanze,le amministrazioni locali hanno bisogno diqualcosa di più del semplice contributoeuropeo. Oltre all’aiuto finanziario dellacomunità, è necessaria un’ampia dosedi creatività per avviare schemi fi nanziariinnovativi o partenariati pubblico-privatiche supportino investimenti nel campodell’energia sostenibile. Un gran numerodi Firmatari del Patto dei Sindaci l’ha giàcapito, come dimostrato dal progetto diappalto pubblico congiunto avviato daDigione e Brest, o dall’iniziativa di Berlinodi affi ttare i tetti degli edifi ci comunali ainvestitori privati.© Sébastien Delaunay / Fotolia© Shutterstock© ShutterstockULTERIORI INFORMAZIONIBrochure tematica sugli strumentifinanziari:http://www.pattodeisindaci.eu/support/library_it.html* Contratti sul risparmio energetico basato sulle prestazioni tra settore pubblico e privato (EnergyPerformance Contracting).


GODERE DELPIENO SUPPORTODELL’UFFICIO DELPATTO DEISINDACIDEL CENTROCOMUNE DIRICERCADELLEISTITUZIONIEUROPEEI Firmatari del Patto sono sostenuti nel loroimpegno dall’Ufficio del Patto dei Sindaci(CoMO), finanziato dal Programma EnergiaIntelligente per l’Europa e funzionantecome Segretariato ufficiale dell’iniziativa.Gestito da un consorzio di reti che rappresentale autorità locali e regionali, il CoMOfornisce giornalmente ai Firmatari del Pattoassistenza promozionale, tecnica e amministrativa.La credibilità scientifica e tecnica è unaltro punto di forza del Patto, rafforzatadal coinvolgimento del Centro Comunedi Ricerca della Commissione europea(CCR).In collaborazione con il CoMO, il CCRassiste i firmatari principalmente nellequestioni relative all’inventario delle emissionie ai piani d’azione. I firmatari sonoguidati durante il processo di sviluppo delPAES grazie alla guida metodologica e adaltri strumenti sviluppati in coordinamentocon il CoMO.Oltre al sostegno della Commissioneeuropea, il Patto gode del pieno supportodelle altre istituzioni, compreso il Comitatodelle Regioni, che lo ha sostenutosin dal suo avvio; il Parlamento europeo,dove si sono celebrate le prime due cerimoniedi firma, e la Banca europea per gliinvestimenti, che assiste le autorità localinell’uso del loro potenziale d’investimento.© ShutterstockCredit: Christian Vassie


RIPRODURRE I SUCCESSILa natura onnicomprensiva del Patto dei Sindaci – che si rivolge alla pianificazione delleenergie sostenibili in senso lato – ha contribuito allo sviluppo di un numero in continuacrescita di iniziative e progetti concepiti per sostenere i suoi obiettivi e rafforzare alcontempo il suo impulso.Sensibilizzazione e creazionedi competenze• Campagna Energia SostenibileEuropa• ManagEnergy• Settimana europea dellaMobilità, ecc.Sostegno finanziario• FESR• ELENA, EEE-F• Programmi IEE eINTERREG, ecc.Supportoamministrativo,tecnico epromozionale• Ufficio delPatto deiSindaciLe amministrazionilocali si sono impegnatedemocraticamenteper ilPATTO DEISINDACISostegno istituzionale• Parlamento europeo• Commissione europea• Comitato delle RegioniSostegno per l’attuazionee il networking• Coordinatori del Patto• Sostenitori del Patto• Agenzie per l’Energialocali e regionaliLa lista dei progetti finanziati dall’UE e finalizzati a sostenere gliimpegni del Patto è lunga. Per nominarne alcuni, possiamo citare ilprogetto “Come2CoM”, che aiuta le autorità locali del Patto nell’elaborazionedel PAES; “COMBAT” – il cui obiettivo principale èaccelerare l’attuazione del Patto nelle capitali del Baltico centrale,“ENGAGE”, che sostiene i Firmatari del Patto nelle loro attività d’impegnopubblico e “NETCOM”, un progetto incentrato sullo sviluppodi “club” nazionali del Patto dei Sindaci e di piattaforme per il networking.Oltre a eventi informativi e attività di condivisione delle esperienzeorganizzati dall’Ufficio del Patto dei Sindaci, i firmatari e gli altrisoggetti del Patto sono sostenuti da seminari di creazione di competenze– organizzati ad esempio nel contesto dell’iniziativa ManagEnergy– e da opportunità di partecipare a campagne di sensibilizzazionecome la Settimana Europea dell’Energia Sostenibile e laSettimana della Mobilità.Il sito del Patto e i vari materiali di comunicazione offrono numeroseopportunità alle città, province e regioni per apprendere leune dalle altre e ispirarsi a iniziative di successo:Sfogliare il catalogo del Piano d’Azione per l’Energia SostenibileLeggere la sezione “Esempi di Eccellenza”Consultare la banca dati dei casi di studioe altro ancora nel sitoSupporto scientifico emetodologico• Centro Comune di Ricerca• Progetti IEE e INTERREGSupporto tecnico• TIC per la crescita sostenibile• Smart Cities & Communities• Partner associati© Shutterstock


IL PATTO IN IMMAGINICrediti fotografici: Paul O’DriscollCrediti fotografici: Città di FriedrichshafenCrediti fotografici: Città di Helsinki - Pirita MännikköCrediti fotografici: Paul O’DriscollIl Commissario europeo all’Energia GüntherOettinger assiste alla firma ufficialedel primo contratto ELENA siglato con laProvincia di Barcellona (Spagna) inoccasione della seconda Cerimonia delPatto dei Sindaci nel maggio 2010.Dichiarazione di adesione di Friedrichshafen(Germania), Salé (Marocco) ePolotsk (Bielorussia), che hanno firmatocongiuntamente il Patto dei Sindaci in occasionedella cerimonia di firma nel settembre2011.Foto della campagna ENGAGE finanziatadall’UE che mostra l’impegno dei cittadinidi Helsinki (Finlandia), uno dei numerosifirmatari dell’iniziativa.Alcuni Sindaci firmano il Patto in occasionedella prima cerimonia annualetenutasi al Parlamento europeo (Belgio),febbraio 2009.Crediti fotografici: Christian VassieCrediti fotografici: Ufficio del Patto dei SindaciCrediti fotografici: AbgnovaCrediti fotografici: FEDARENEI ciclisti del Patto dei Sindaci a Malmö(Svezia).Il Presidente della Commissione europeaJosé Manuel Barroso in occasionedella seconda cerimonia del Patto deiSindaci nel maggio 2010.Petra Roth, Sindaco di Francoforte sulMeno (Germania), pronta per un giro suuna delle biciclette elettriche della città.María José Cortil, Direttore per l’Ambientee l’Energia Rinnovabile della Provinciadi Huelva (Spagna) consegna i PAESdei comuni al rappresentante della Commissioneeuropea, Roman Doubrava.Crediti fotografici: CITERNEGOCrediti fotografici: Regione AbruzzoCrediti foto:grafici Regione SardegnaCrediti fotografici: Reynders, Provincia del LimburgoDal Segretariato Generale di CITER-NEGO, un Sostenitore del Patto, MariánMinarovič̌interviene in occasione dellancio della Piattaforma slovacca del Pattodei Sindaci a Bratislava (Slovacchia).Foto dell’Energiochi Energy Day organizzatadalla regione Abruzzo (Italia) nelquadro del Patto dei Sindaci.Ugo Cappellacci, Presidente dellaRegione Sardegna (Italia), firma comeCoordinatore Territoriale in presenza dellaCommissione europea.I Sindaci della Provincia del Limburgo(Belgio), Coordinatore Territoriale delPatto, riuniti in occasione di un seminariotenutosi nel maggio 2011 sul tema dellastrategia zero emissioni della Provincia.

More magazines by this user
Similar magazines