Osservatorio sulla dinamica economico - finanziaria delle ... - Acimit

acimit.it
  • No tags were found...

Osservatorio sulla dinamica economico - finanziaria delle ... - Acimit

LE DINAMICHE EVOLUTIVE DELLE PRINCIPALI GRANDEZZELe dinamiche evolutive delle principali grandezzeDagli indicatori di sviluppo si osserva come la ripresa, che ha caratterizzato il 2000, nonabbia trovato prosecuzione nel corso del 2001. Quest’ultimo anno si contraddistingue peruna spiccata criticità, con un tasso di crescita del fatturato in Italia, rispetto all’anno precedente,ridimensionato a 1,8 punti percentuali, rispetto al +22,3% del biennio 2000-1999, e con una contrazione del valore aggiunto pari a –2,4%.In confronto agli indici di fatturato di fonte ISTAT, la situazione del meccanotessile italianoappare positiva. Mentre si nota un sostanziale allineamento nel triennio con il macro settoredelle macchine per uso speciale (codice ATECO 29.5), sia il settore delle macchine utensileche quello manifatturiero in generale mostrano saggi di crescita più contenuti (rispettivamente+12,3% e +11,9%). Nel biennio di maggiore espansione del fatturato (2000-1999)le macchine strumentali per uso speciali hanno evidenziato una crescita del 15,0%, mentreil settore macchine utensili ha denotato un indicatore pari a + 9,7%. L’intero settore manifatturieroè stato caratterizzato, infine, da un incremento del fatturato pari a 11,1%.Il livello occupazionale, tuttavia, riflette solo parzialmente tale andamento, attestandosi su un+5%, di poco inferiore rispetto alla variazione percentuale relativa al biennio 2000-1999 (+7,3%).Infine, il dato relativo agli investimenti evidenzia una certa stabilità (-0,9%, tra 2001 e 2000, conriferimento alle immobilizzazioni tecniche nette). Questo dato è stato corretto dall’effetto distorsivolegato alla rivalutazione dei cespiti, consentita per legge, ed applicata negli anni 2000 e 2001.La tendenza descritta trova conferma nei dati desunti dal campione estero. Ovunque, ladebolezza congiunturale ha compromesso il volume delle vendite, in particolar modo peril Giappone, caratterizzato dalla maggiore dimensione media in termini di fatturato. Leimprese minori italiane registrano, invece, una dinamica che esula completamente dalcontesto congiunturale. I dati evidenziano un aumento delle vendite del 23,9%, un valoreaggiunto in crescita del 18,9%, una variazione del livello occupazionale pari a +24,8%ed, infine, una propensione all’investimento che ha portato il corrispondente indice delleimmobilizzazioni tecniche nette a salire di 3,7 punti percentuali. Tale fatto sarebbe legatoalla presenza delle suddette imprese in specifiche nicchie di mercato.La dinamica occupazionale italiana risulta la più sostenuta nel confronto internazionale.Gli altri raggruppamenti, infatti, hanno registrato riduzioni della forza lavoro oscillanti tra–0,1% dei Paesi dell’Europa Occidentale e –7,9% dell’Europa Orientale.Per quanto concerne i comparti produttivi, una nota positiva merita il comparto nazionaledella tessitura (+9,7%), il cui dato relativo al volume di vendite trova conferma anchenegli altri indicatori di crescita, ad esclusione della variazione delle immobilizzazioni tecnichenette rettificate. Anche nel confronto internazionale, le imprese italiane della tessituramostrano una performance soddisfacente.Infine, limitatamente all’ambito nazionale, l’appartenenza a gruppi industriali sembraaver fornito una protezione contro il rischio di stagnazione o contrazione delle vendite.Nell’ultimo biennio, il tasso di crescita delle imprese controllate si è, infatti, assestato suun valore pari a +15,3% per il fatturato e +5,5% per il valore aggiunto. Si può ipotizzareche la presenza di un adeguato sostegno finanziario abbia dotato queste aziende di piùsolidi strumenti per il presidio del mercato attraverso efficaci politiche di consegna edassistenza. Anche per queste imprese, tuttavia, la sottostante dinamica congiunturale si èmanifestata nella contrazione dell’occupazione (-1,3%) e in progetti di investimento insufficientia bilanciare il processo di ammortamento delle immobilizzazioni (-8,9%).5OSSERVATORIO

More magazines by this user
Similar magazines