Views
3 years ago

Bufalo Bill (1976) www.iltitanic.com - pag. 1

Bufalo Bill (1976) www.iltitanic.com - pag. 1

DISASTRO AEREO SUL

DISASTRO AEREO SUL CANALE DI SICILIABufalo Bill (1976) – Francesco De GregoriDO RE- DO RE- DO RE- DO RE-Risulta peraltro evidente, anche nel clima della distensioneDO RE- DO RE- DO RE- DO REcheun eventuale attacco ai paesi arabi vede l'Italia in prima posizione(come sopra)E tutti sanno tutto dell'inizio, ma nessuno può parlare della finee questa è la canzone dell'aereo perduto al largo delle coste tunisine.DO7FADOLa Fabbrica di Vedove volava a diecimila metri sulla costa sicilianaRE-LAilpilota controllava l'orizzonte, la visibilità era buonaSOL DO DO7il pilota era un giovane ragazzo americano, ma faceva il soldato a VeronaE dieci chilometri sotto, ginestra e cemento a due passi dal maree case popolari costruite sulla sabbia, nient'altro da segnalaresolo la tomba di un giornalista, ancora difficile da ritrovare.E la Fabbrica di Vedove volava, sola come un uccello da rapinail mare era una tavola azzurra ormai, l'Africa era già più vicinanel cielo soltanto una striscia di neve, bianca di carta velina.Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De Gregori. Tral'altro non sono copiati da messaggerie musicali ma realizzati secondo personali interpretazioni del Nostromo del Titanic e/o di altri pazzi come lui.Non siintende in nessun modo violare alcun copyright o legge italiana/internazionale vigente.Bufalo Bill (1976) www.iltitanic.com - pag. 6

NINETTO E LA COLONIABufalo Bill (1976) – Francesco De GregoriLA-RE-La notte si annunciava chiara, la sera era serenaSOLLAlagente del cinema assisteva seria al magico 4x4 del circo di BremaNel cielo all'improvviso si aprì un lampo, la pellicola di colpo si spezzòe apparve all'improvviso sullo schermo un pellegrino vestito di chiffonE il silenzio piombò come il veleno e tutti cominciarono a pregarelevato il piccolo Ninetto scemo che continuò a giocareCon una mano dentro i pantaloni e un piede leggermente sollevatourlò nel cinema la sua domanda: "Ma chi è che ti ha mandato?"strumE il pellegrino si guardò le unghie e disse: "Così sia facciamo prestochi mi manda non parla la vostra lingua e non importa che sappiate il resto.È troppo tempo che cammino, vengo dalla montagna e vado al mare,è troppo tempo che cammino, e questa sera mi vorrei fermare"E tre angeli nella notte, con le catene sotto al giaccone,facevano la guardia al mistero come rondini sul balconeE nella notte alle loro spalle, le loro voci diventavano fumoqualcuno cominciava ad aver paura, ma non parlava nessunostrumE il vento passava tra gli alberi e nessuno vide passareil funerale del piccolo Ninetto portato via dal temporaleE dietro a un fondale di stelle, gli impiegati della compagniarubarono tutta la frutta dagli alberi, e la portarono via.Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De Gregori. Tral'altro non sono copiati da messaggerie musicali ma realizzati secondo personali interpretazioni del Nostromo del Titanic e/o di altri pazzi come lui.Non siintende in nessun modo violare alcun copyright o legge italiana/internazionale vigente.Bufalo Bill (1976) www.iltitanic.com - pag. 7

Theorius Campus (1972) www.iltitanic.com - pag. 1
Scacchi e tarocchi (1985) www.iltitanic.com - pag. 1
Il fischio del vapore - www.iltitanic.com - pag. 1
Rimmel (1975) - www.iltitanic.com - pag. 1
Pezzi (2005) - a cura di Francesco Corallo – www.iltitanic.com - pag. 0
Titanic (1982) www.iltitanic.com - pag. 1
Sulla strada (2012) www.iltitanic.com - pag. 1
Viva l'Italia (1979) www.iltitanic.com - pag. 1
Alice non lo sa (1973) www.iltitanic.com - pag. 1
Amore nel pomeriggio (2001) www.iltitanic.com - pag. 1
Varie www.iltitanic.com - pag. 1
Terra di nessuno (1987) www.iltitanic.com - pag. 1
F. De Gregori (1974) - www.iltitanic.com - pag. 1
Canzoni d'amore (1992) www.iltitanic.com - pag. 1