Ernia del disco - Sistema Nazionale Linee Guida

snlg.iss.it
  • No tags were found...

Ernia del disco - Sistema Nazionale Linee Guida

Programma nazionaleper le linee guidaLINEA GUIDADOCUMENTO 9ottobre 2005Appropriatezza della diagnosie del trattamento chirurgico dell’erniadel disco lombare sintomatica


Nota per gli utilizzatoriLa ricerca in campo biomedico produce una tale quantità di nuove conoscenze che è diventatodifficile per il medico prendere decisioni cliniche fondate sulle prove scientifiche disponibili,a meno che egli non operi in un ambito molto ristretto o specialistico. Di fronte a un casoclinico, non solo il comportamento del singolo professionista è spesso variabile, ma, in contestisanitari differenti, molti interventi assistenziali vengono sovra o sotto utilizzati.Le linee guida rappresentano uno strumento che consente un rapido trasferimento delle conoscenze,elaborate dalla ricerca biomedica, nella pratica clinica quotidiana. Si tratta di raccomandazionidi comportamento, messe a punto mediante un processo di revisione sistematicadella letteratura e delle opinioni di esperti, che possono essere utilizzate come strumentoper medici e amministratori sanitari per migliorare la qualità dell’assistenza e razionalizzarel’utilizzo delle risorse.Le decisioni cliniche sul singolo paziente richiedono l’applicazione delle raccomandazioni, fondatesulle migliori prove scientifiche, alla luce dell’esperienza clinica del singolo medico e ditutte le circostanze di contesto. Le linee guida rappresentano una sintesi delle migliori conoscenzedisponibili e possono rappresentare uno strumento di aggiornamento e formazione peril medico. Spetta dunque alla competenza e all’esperienza del singolo professionista deciderein che misura i comportamenti raccomandati dalle linee guida, pur rispondendo a standardqualitativi definiti sulla base delle più aggiornate prove scientifiche, si applichino al caso clinicoparticolare.


PNLG9Appropriatezza della diagnosie del trattamento chirurgico dell’erniadel disco lombare sintomaticaLINEA GUIDAData di pubblicazione: ottobre 2005Data di aggiornamento: ottobre 2008


RedazioneAnna Satolli, Zadig, MilanoProgetto graficoChiara GatelliImpaginazioneGiovanna Smiriglia


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaPresentazioneL’uomo è un bipede imperfetto. Da quando ha assunto la posizione eretta più di cinque milioni dianni fa, non solo ha segnato una differenza rispetto agli altri animali ma ha anche dato inizio aidisturbi della schiena che da allora lo affliggono. Come testimonia il più antico testo di chirurgiagiunto ai nostri giorni, il papiro egizio di Edwin Smith del XVII secolo a.C., il mal di schiena nonè infatti un problema nuovo.Con il miglioramento della speranza di vita e delle condizioni generali di salute nel mondo occidentale,il mal di schiena è divenuto una delle principali cause di morbosità, assenza dal lavoro espesa sanitaria. Per quanto l’ernia del disco sia responsabile solo di una quota limitata di episodi dimal di schiena, incide tuttavia in modo rilevante sui costi complessivi sostenuti dal Sistema sanitarionazionale per questo problema clinico.E’ stato lo storico intervento di laminectomia eseguito il 31 dicembre 1932 da William Mixter, neurochirurgoad Harvard, e dal suo collega ortopedico Joseph Barr a confermare l’etiologia discogenicae la patofisiologia della sciatica ipotizzata da Virchow, Lasègue, Cushing e Dandy, e già nel 1764dall’italiano Domenico Cotugno. Da allora il trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombareè divenuto popolare, ed è iniziata la cosiddetta «dinastia della sciatica».Dal 1939, quando Love, chirurgo alla Mayo Clinic, indicò la possibilità di limitare al massimo lalaminectomia con l’ausilio della flavectomia, si può dire che l’essenza della tattica chirurgica nonsia più mutata. Gli approcci microchirurgici che comportano dissezioni meno invasive iniziano allafine degli anni sessanta, anche se le prime pubblicazioni che documentano la microdiscectomia conmicroscopio operatore risalgono al 1977.Più di recente alla discectomia standard e alla microdiscectomia si è aggiunta un’ampia gammadi procedure mini-invasive ma di efficacia non ancora provata.Nel contempo, le informazioni emerse sulla storia naturale della condizione e l’ampia variabilitàgeografica, internazionale e regionale, messa in luce per la chirurgia dell’ernia del disco lombarehanno chiarito il carattere discrezionale di questo trattamento, mettendone in dubbio l’ineluttabilitàe addirittura l'utilità.Applicare un trattamento costoso e non esente da complicanze a una malattia che ha un’elevataprobabilità di guarigione spontanea può infatti produrre risultati simili a quelli della danza dellapioggia.Diviene dunque necessario fare il punto sull’appropriatezza del percorso diagnostico dell’ernia deldisco lombare e sulla valutazione dell’efficacia dei trattamenti disponibili, per limitare sovradiagnosie interventi chirurgici inappropriati.Nell’ambito del Programma nazionale per le linee guida (PNLG) dell’Istituto Superiore di Sanità,e del Progetto LINCO dell’Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio, che mira alla promozione dell’appropriatezzaclinica e organizzativa, l’ernia del disco lombare è stata individuata come areaprioritaria per lo sviluppo di una linea guida di buona pratica clinica.Questo documento dedica particolare attenzione alla diagnosi di ernia del disco lombare sintomatica,alle indicazioni, all’efficacia, ai fattori prognostici e alle complicanze dei trattamenti chirurgicie conservativi disponibili per questa condizione e, infine, alle principali modalità di gestioneperioperatoria.Presentazione 3


AUTORIDr.ssa Elvira Bianco, Istituto Superiore di Sanità, RomaProgramma nazionale per le linee guidaDr.ssa Simona Bistazzoni, Dipartimento Neuroscienze,IRCCS Neuromed, Pozzilli, IserniaProf. Massimo Biondi, Dipartimento di Scienze Psichiatrichee Medicina Psicologica, Università degli Studi «LaSapienza», RomaProf. Cesare Colosimo, Istituto di Radiologia, Universitàdi ChietiProf. Giampaolo Cantore, Dipartimento Neuroscienze,IRCCS Neuromed, Pozzilli, IserniaDr. Roberto D’Alessandro, Dipartimento di Scienze Neurologiche,Università di BolognaProf. Luigi Maria Fantozzi, Cattedra di Neuroradiologia,Azienda Policlinico Sant’Andrea, Università degli Studi«La Sapienza», RomaDr.ssa Marica Ferri, Agenzia Sanità Pubblica del Lazio,Progetto EBM e modelli assistenzialiProf. David Antonio Fletzer, Dipartimento di Riabilitazionee Mielolesioni ASL RMD, Unità Spinale Centro Paraplegici,OstiaDr. Michele Manca, Fisioterapista, TE.RI. Roma - AssociazioneItaliana Fisioterapisti - AIFI LazioDr. Sergio Marletta, Agenzia Sanità Pubblica del LazioDr. Enrico Materia, Agenzia Sanità Pubblica del Lazio,Coordinatore Progetto LINCODr. Vittorio Modena, SCDO Reumatologia, ASO S. GiovanniBattista, TorinoDr. Paolo Orsi, Servizio Anestesia e Rianimazione DipartimentoNeuroscienze, AO San Camillo Forlanini, RomaDr. Massimo Pasquini, Dipartimento di Scienze Psichiatrichee Medicina Psicologica, Università degli Studi «LaSapienza», RomaDr. Alessandro Rossi, Consiglio di Presidenza SIMG(Società Italiana di Medicina Generale)Dr. Francesco Tamburrelli, Istituto di Clinica Ortopedica- Chirurgia Vertebrale, Università Cattolica del S. Cuore,RomaProf. Francesco Tempesta, Cittadinanzattiva, Tribunaledei Diritti del Malato, RomaDr. Gustavo Zanoli, Clinica Ortopedica, Università di FerraraGli autori dichiarano di non avere conflitti di interesse.COLLABORATORIDr. Giovanni Baglio, Agenzia Sanità Pubblica del LazioDr.ssa Rosaria Cammarano, Settore Documentazione,Istituto Superiore di Sanità, RomaDr.ssa Donatella Canonaco, Agenzia Sanità Pubblica delLazioDr.ssa Rita Ialacci, Dipartimento di Igiene, Universitàdi Tor Vergata, RomaDr.ssa Roberta Macci, Agenzia Sanità Pubblica delLazioDr.ssa Sandra Magliolo, Agenzia Sanità Pubblica delLazioDr.ssa Lorenza Rossi, Agenzia Sanità Pubblica del LazioDr.ssa Alessia Tiberio, Agenzia Sanità Pubblica del LazioCOMITATO DI REDAZIONEEnrico Materia, Sergio Marletta, Gustavo Zanoli, RobertoD’AlessandroREFEREEProf. Roberto Delfini, Istituto di Neurochirurgia, Universitàdegli Studi «La Sapienza», RomaProf. Giuseppe Guida, Istituto di Clinica Ortopedica, IIUniversità di NapoliProf. Raffaele Elefante, Neuroradiologia, UniversitàFederico II, NapoliProf. Carlo Logroscino, Istituto di Clinica Ortopedica -Chirurgia Vertebrale, Università Cattolica del S. Cuore,RomaProf. Vittorio Monteleone, Dipartimento di Scienze Ortopedichee Riabilitative, AORN Ospedale A. Cardarelli,NapoliProf. Enrico Occhipinti, Dipartimento Medicina delLavoro, Università di MilanoDr. Luciano Sagliocca, Direzione Generale, AO Rummo,BeneventoSOCIETÀ SCIENTIFICHE RAPPRESENTATEAssociazione Italiana Fisioterapisti (AIFI)Associazione Italiana di Neuroradiologia (AIN)Collegio Reumatologi Ospedalieri Italiani (CROI)Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazionee Terapia Intensiva (SIAARTI)Società Italiana di Chirurgia Vertebrale (SICV-GIS)Società Italiana di Medicina Fisica e di Riabilitazione(SIMFER)Società Italiana di Medicina Generale (SIMG)Società Italiana di Neurochirurgia (SINCH)Società Italiana di Neurologia (SIN)Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT-GLOBE)Società Italiana di Radiologia Medica (SIRM)Società Italiana di Reumatologia (SIR)Società Italiana di Psicopatologia (SOPSI)PROGRAMMA NAZIONALE LINEE GUIDA (PNLG)Responsabile: Dr. Alfonso Mele, Istituto Superiore diSanità, Roma4


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaIndiceRiassunto Pag. 7Introduzione » 12Definizioni » 12Epidemiologia » 12Storia naturale » 14Scopo della linea guida » 15Metodi » 18Costituzione del gruppo di lavoro e identificazione dei quesiti clinici » 18Ricerche di letteratura » 18Estrazione dei dati, sintesi delle prove e formulazione delle raccomandazioni » 21Revisione esterna » 21Aggiornamento, implementazione, monitoraggio e valutazione » 22Diagnosi: indicazioni e tempi » 24Anamnesi ed esame clinico » 24Diagnostica strumentale » 26Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze » 32Indicazioni al trattamento chirurgico » 32Fattori predittivi dell’esito del trattamento chirurgico » 36Complicanze operatorie e recidive » 37Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi » 40Procedure chirurgiche » 40Interventi mini-invasivi » 42Trattamenti conservativi » 43Modalità assistenziali perioperatorie » 48Tecniche anestesiologiche » 48Profilassi antibiotica e antitrombotica » 49Valutazione psicologica perioperatoria » 51Anticicatrizzanti intraoperatori » 52Fisioterapia postoperatoria » 54Modalità organizzative » 55Glossario » 57Bibliografia » 59Indice 5


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaGUIDA AI LIVELLI DI PROVA E ALLA FORZA DELLE RACCOMANDAZIONINelle linee guida, le raccomandazioni vengono qualificate con un certo grado di Livello di prova(LDP) e di Forza della raccomandazione (FDR), espressi rispettivamente in numeri romani(da I a VI) e in lettere (da A a E).Con LDP ci si riferisce alla probabilità che un certo numero di conoscenze sia derivato da studipianificati e condotti in modo tale da produrre informazioni valide e prive di errori sistematici.Con FDR ci si riferisce invece alla probabilità che l’applicazione nella pratica di una raccomandazionedetermini un miglioramento dello stato di salute della popolazione obiettivo cuila raccomandazione è rivolta.Livelli di provaIIIIIIIVVVIProve ottenute da più studi clinici controllati randomizzati e/o da revisioni sistematichedi studi randomizzati.Prove ottenute da un solo studio randomizzato di disegno adeguato.Prove ottenute da studi di coorte con controlli concorrenti o storici o loro metanalisi.Prove ottenute da studi retrospettivi tipo caso-controllo o loro metanalisi.Prove ottenute da studi di casistica («serie di casi») senza gruppo di controllo.Prove basate sull’opinione di esperti autorevoli o di comitati di esperti come indicato in linee guidao consensus conference, o basate su opinioni dei membri del gruppo di lavoro responsabiledi queste linee guida.Forza delle raccomandazioniABCDEL’esecuzione di quella particolare procedura o test diagnostico è fortemente raccomandata.Indica una particolare raccomandazione sostenuta da prove scientifiche di buona qualità,anche se non necessariamente di tipo I o II.Si nutrono dei dubbi sul fatto che quella particolare procedura/intervento debba sempre essereraccomandata/o, ma si ritiene che la sua esecuzione debba essere attentamente considerata/o.Esiste una sostanziale incertezza a favore o contro la raccomandazione di eseguire la procedurao l’intervento.L’esecuzione della procedura non è raccomandata.Si sconsiglia fortemente l’esecuzione della procedura.6Livelli di prova


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRiassuntoL’ernia del disco lombare sintomatica è una patologia degenerativa del disco intervertebraleche si manifesta con un quadro clinico caratterizzato da mal di schiena, radicolopatiacompressiva sciatica o crurale, e limitazione o impotenza funzionale. Gli studidi storia naturale indicano che le ernie del disco intervertebrale si riassorbono spesso deltutto o in parte, e che la sintomatologia a essa associata regredisce di frequente con itrattamenti conservativi. Ernie del disco lombare vengono riscontrate con la diagnosticaper immagini con frequenza elevata anche in persone del tutto asintomatiche. L’erniadiscale è dunque un fenomeno dinamico, nonché una condizione relativamentecomune e a prognosi favorevole nella maggior parte dei casi.La variabilità geografica degli interventi per ernia del disco lombare riflette l’incertezzariguardo le indicazioni chirurgiche. In Italia sono effettuati ogni anno circa trentamilainterventi chirurgici con diagnosi di ernia del disco lombare, che corrispondono a untasso medio nel triennio 1999-2001 pari a 5,09 per 10.000 (IC 95% 5,05-5,12). I tassiregionali standardizzati per età e sesso oscillano ampiamente, da 6,87 (IC 95% 6,77-6,96) in Lombardia a 2,52 per 10.000 (IC 95% 2,39-2,65) in Calabria.Questa linea guida è stata definita da un gruppo di lavoro multidisciplinare ed è destinataai professionisti sanitari di differenti discipline che si occupano di persone con maldi schiena e discopatia. Si propone: a) di raccogliere e rendere disponibili le conoscenzescientifiche più aggiornate su diagnosi e trattamento dell’ernia del disco lombare; b)di formulare raccomandazioni di forza graduata, applicabili nella pratica clinica, che permettanola migliore gestione dei pazienti con mal di schiena e discopatia nonché di ridurreil rischio di sovradiagnosi e di interventi chirurgici non necessari.Diagnosi: indicazioni e tempiL’anamnesi e l’esame clinico del paziente con mal di schiena e/o dolore radicolaredevono essere orientati a identificare i casi in cui i sintomi possono dipendere da malattiesistemiche, infiammatorie, neoplastiche o infettive che coinvolgono il rachide. Ipazienti che presentano, oltre al dolore lombare irradiato o meno, i cosiddetti semaforirossi (deficit neurologico esteso e/o progressivo; anamnesi positiva per tumore, caloponderale non spiegabile, astenia protratta, febbre, dolore ingravescente continuo a riposoe notturno; traumi recenti, assunzione protratta di cortisonici, osteoporosi; quadroclinico della sindrome della cauda equina con anestesia a sella in regione perineale, ritenzioneo incontinenza urinaria e/o fecale, ipostenia bilaterale degli arti inferiori) devonoeffettuare uno studio di diagnostica per immagini.Riassunto 7


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaConsiderata l’elevata frequenza di remissione del quadro clinico spontanea o a seguitodi trattamenti conservativi, nei casi in cui non siano presenti i semafori rossi, si raccomandadi attendere almeno 4-6 settimane dall’insorgenza dei sintomi prima di effettuaregli accertamenti di diagnostica per immagini. TC e RM si equivalgono in termini diaccuratezza diagnostica, ma la RM ha il vantaggio di non esporre il paziente al rischioradiologico.I medici responsabili della gestione clinica del paziente devono correlare le informazionidei referti della diagnostica per immagini con la situazione clinica, spiegando che ilriscontro radiologico di protrusioni discali asintomatiche è frequente nella popolazionegenerale.La radiografia della colonna non è indicata come esame di routine in pazienti con doloreradicolare, salvo che in caso di sospetta frattura vertebrale o di sospetta spondiliteanchilosante. Non si raccomanda l’effettuazione di routine dei test elettrofisiologici.Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognosticie complicanzeLa sindrome della cauda equina da ernia del disco intervertebrale rappresenta un’indicazioneassoluta all’intervento di discectomia da effettuare con urgenza entro 24ore dall’insorgenza della sintomatologia. La comparsa di deficit motorio ingravescentein un paziente con diagnosi accertata di ernia del disco lombare richiede diprendere in considerazione l’intervento chirurgico, anche se non rappresenta un’indicazioneassoluta.Per le indicazioni elettive, che riguardano più del 95% delle casistiche chirurgiche, deveesservi sempre congruità tra la sintomatologia riferita dal paziente (irradiazione deldolore e delle parestesie), il quadro clinico obiettivo (test clinici e riflessi) e la diagnosistrumentale per immagini che conferma il livello di interessamento discale. Se questacongruità è soddisfatta, si raccomanda di considerare l’intervento chirurgico in presenzadi tutti i seguenti criteri:➜ durata dei sintomi superiore a sei settimane➜ dolore persistente non rispondente al trattamento analgesico➜ fallimento, a giudizio congiunto del chirurgo e del paziente, di trattamenti conservativiefficaci adeguatamente condotti.E’ di fondamentale importanza che il paziente sia coinvolto nel processo decisionalee informato adeguatamente sulla storia naturale della malattia e sulle alternativeterapeutiche.Un elemento di ulteriore cautela per l’indicazione all’intervento chirurgico è rappresentatadall’età avanzata del paziente, che rappresenta un fattore prognostico probabil-8Riassunto


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticamente sfavorevole dell’esito postoperatorio. La concomitante presenza di gravi patologiedegenerative diffuse della colonna o di neuropatie periferiche rappresenta una controindicazioneall’intervento di discectomia.La chirurgia del rachide non è esente da complicanze intra e postoperatorie temibili,quali la discite, il danno alle radici nervose, le complicanze vascolari immediate o tardivee l’instabilità vertebrale. Complessivamente l’incidenza delle complicanze operatorieè pari al 3-6%, il rischio di reintervento al 3-15%, mentre il rischio di mortalità a 30 giornidall’intervento varia tra 0,5 e 1,5 per 1.000 pazienti operati.Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivie conservativiI trattamenti utilizzati per l’ernia del disco lombare sintomatica includono gli interventidi discectomia, gli interventi mini-invasivi quali la chemonucleolisi e le iniezioni di farmaciepidurali e i trattamenti conservativi.Vi è buona evidenza che la discectomia standard sia più efficace rispetto al trattamentoconservativo per la risoluzione del dolore ma l’effetto è limitato nel tempo e tendead annullarsi a quattro anni dall’intervento. La microdiscectomia è di efficacia pari alladiscectomia standard. Non vi sono prove sufficienti sull’efficacia della discectomia percutaneaautomatizzata e degli interventi con laser o con coblazione.Considerando che l’effetto della discectomia a distanza di tempo è sovrapponibile aitrattamenti conservativi e che le ernie discali si riassorbono guarendo spontaneamentecon elevata frequenza, è fondamentale che il paziente sia informato esaustivamentesulla storia naturale della condizione, sulla migliore efficacia limitata nel tempo deltrattamento chirurgico rispetto ai trattamenti conservativi, sui rischi legati all’interventochirurgico e sulle alternative terapeutiche. Vi è prova che l’informazione delpaziente migliora la prognosi complessiva della condizione. Il paziente deve partecipareattivamente alla scelta della strategia di trattamento anche rispetto al suo stile divita e alle sue preferenze.Una volta deciso l’intervento, la discectomia standard o la microdiscectomia rappresentanole tecniche di scelta. Per pazienti che sono sottoposti al primo intervento perernia del disco lombare si sconsiglia di accompagnare l’intervento di discectomia con lasostituzione parziale o totale del disco intervertebrale.La chemonucleolisi non è raccomandata, sulla base delle prove che indicano un’efficaciainferiore rispetto alla discectomia. Anche la somministrazione di steroidi epiduralinon è consigliata se non nell’ambito di studi clinici miranti alla valutazione dell’effetto.Si sconsiglia anche l’utilizzo della somministrazione epidurale, paravertebrale o intradi-Riassunto9


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticascale di miscele di ossigeno e ozono, in mancanza di prove di efficacia, al di fuori distudi clinici randomizzati e controllati.Per quanto riguarda i trattamenti conservativi, si raccomanda di limitare il riposo aletto allo stretto tempo necessario e di ritornare attivi non appena possibile. I FANSsono raccomandati per controllare il dolore ma solo per periodi di tempo non prolungati,considerato il rischio di effetti indesiderati soprattutto nei soggetti anziani. Il paracetamoloda solo o con oppiodi deboli e il tramadolo possono rappresentare una validaalternativa ai FANS. Si sconsiglia l’uso dei miorilassanti considerata l’assenza di provedi efficacia e i possibili effetti collaterali, mentre gli steroidi per via sistemica possonoessere usati per brevi periodi. Gli inibitori del fattore di necrosi tumorale dovrebberoessere utilizzati solo nell’ambito di studi clinici controllati per valutarne l’efficacia.Nell’ambito di una presa in carico globale del paziente con discopatia, si raccomanda diistituire programmi di riabilitazione multimodali basati su esercizi posturali o su altritipi di esercizi che non richiedono l’impiego di macchine.Modalità assistenziali perioperatorieL’esperienza dell’anestesista e del chirurgo rappresentano i fattori principali che determinanola scelta della tecnica anestesiologica e della posizione del paziente durante l’interventodi discectomia. In base a criteri di buona pratica clinica si consiglia comunquel’uso dell’anestesia generale. L’effettuazione dell’intervento in posizione genu-pettoraleo in posizione prona richiede l’utilizzo di appositi telai e di adeguati appoggi per toracee bacino, che consentano di tenere sollevato l’addome.Considerato il rischio di complicanze infettive dopo discectomia, quali la discite e le infezionidella ferita chirurgica, si raccomanda di attuare una profilassi antibiotica con unacefalosporina di I generazione in un’unica somministrazione monodose perioperatoria.La profilassi antitrombotica nei pazienti a moderato rischio di tromboembolismo (pregressatrombosi venosa profonda, cancro, condizioni molecolari trombofiliche, uso dicontraccettivi orali contenenti estrogeni) va effettuata utilizzando eparina, preferibilmentea basso peso molecolare, a basso dosaggio e/o calze a compressione gradualee/o sistemi a compressione pneumatica intermittente. Nel caso di rischio tromboembolicoelevato (età >60 anni o tra 40 e 60 anni in associazione a fattori addizionali) siconsiglia eparina, preferibilmente a basso peso molecolare, a dosaggi elevati, e/o sistemia compressione pneumatica intermittente.La valutazione psicologica è da prendere in considerazione se i sintomi non miglioranoentro 4-6 settimane dall’esordio. I fattori psicosociali potrebbero infatti aumentare10Riassunto


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticail rischio di sovratrattamento chirurgico e di cronicità dei sintomi. La presenza di fattoripsicosociali può essere identificata, sia al momento dell’esordio del quadro clinicoche in caso di dolore e di disabilità protratta, tramite il cosiddetto test di Waddel. Strumentipsicometrici utili per la valutazione psicologica sono il test MMPI per la componentesomatica, e la Beck Depression Inventory o la Zung Self Rating Scale per il tonodell’umore.Per quanto riguarda gli anticicatrizzanti intraoperatori per prevenire la fibrosi epidurale,le prove disponibili non indicano l’utilità di gel o di grasso autologo apposto insede epidurale in corso di discectomia per ernia del disco lombare.La fisioterapia postoperatoria va iniziata precocemente dopo il primo intervento chirurgicoper ernia del disco lombare e comunque entro 4-6 settimane dall’intervento.Non vi sono prove per raccomandare una particolare tipologia o modalità (supervisionatao domiciliare) di programma riabilitativo, né per limitare l’attività fisica dei pazientinel periodo postoperatorio.Riassunto11


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaIntroduzioneDefinizioniL’ernia del disco lombare è una patologia degenerativa del disco intervertebrale. Dalpunto di vista anatomico, per ernia del disco si intende la rottura dell’anello fibroso (anulus)con conseguente spostamento del nucleo polposo nello spazio intervertebrale, cheavviene usualmente nella parte posteriore o postero-laterale del disco 1 (figura 1 e 2, pagina16). L’ernia può oltrepassare o meno il legamento longitudinale posteriore, potendosidistinguere l’estrusione (con eventuale sequestro, migrazione ed erniazione intravertebraleo intraforaminale) dalla protrusione (ernia contenuta), a seconda della formae della posizione del materiale dislocato. Non vi è peraltro consenso sulle definizioni diestrusione e protrusione.* L’ernia è definibile radiologicamente come la dislocazionelocalizzata di materiale discale oltre i limiti dello spazio del disco intervertebrale. 2 Lospazio discale è delimitato cranialmente e caudalmente dalle limitanti somatiche vertebralie, perifericamente, dal limite esterno dell’anulus.La presenza di tessuto discale oltre i limiti dell’anulus per almeno il 50% della circonferenza,o bulging, non è considerata una forma di ernia. 2L’ernia può manifestarsi con segni e/o sintomi di compressione delle radici nervose lombosacrali(dolore lombare, radicolopatia sciatica o crurale, e limitazione funzionale).Per sciatalgia si intende il dolore irradiato lungo il decorso del nervo sciatico, dal gluteoalla parte posteriore della coscia e postero-laterale della gamba, fino alla caviglia. Puòessere associata a mal di schiena (lombosciatalgia). Per cruralgia si intende il dolore avvertitolungo la faccia anteriore o antero-interna della coscia, lungo il decorso del nervocrurale.La presente linea guida si occupa della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’erniadel disco lombare sintomatica. Le persone che presentano sintomi e segni che possonofar sospettare un’ernia del disco lombare costituiscono la popolazione bersaglio interessatada questa linea guida.EpidemiologiaLa prevalenza life-time di ernia del disco lombare è stata stimata pari all’1-3% nei paesioccidentali. 3 Sulla base della storia naturale dell’ernia del disco lombare e dell’incostante* Secondo Baldwin 1 l’estrusione consiste nel superamento delle fibre esterne dell’anello fibroso da parte del nucleo polposo.Secondo Fardon 2 l’estrusione è presente quando qualunque distanza tra i margini del materiale discale erniato, suqualunque piano, è maggiore della distanza tra i margini della base dell’ernia o quando non vi è più continuità tra il materialediscale erniato e quello all’interno dello spazio discale.12Introduzione


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticacorrispondenza tra quadro clinico, radiologico e anatomico, non è peraltro possibiledisporre di informazioni definitive riguardanti l’incidenza o la prevalenza di ernia deldisco in popolazioni determinate. 1L’ernia del disco lombare sintomatica può essere causa di mal di schiena, un disturboche nei paesi occidentali colpisce il 90% degli adulti nel corso della loro vita 1, 3-4 e cherappresenta un frequente motivo di limitazione funzionale più o meno invalidante al disotto dei 45 anni di età. 5L’indagine ISTAT sullo stato di salute in Italia segnala che l’8,2% della popolazione hariferito nel 1999 di essere affetto da «lombosciatalgia» (7,3% maschi e 9,3% femmine). 6L’ernia del disco associata a sintomi clinici si manifesta più spesso nelle persone di 30-50 anni. 7 Sono considerati fattori di rischio le occupazioni sedentarie e l’inattività fisica,il sovrappeso, l’alta statura, la guida di veicoli a motore prolungata e costante, le vibrazioni,i lavori a elevato impegno fisico soprattutto se comportano abitualmente il sollevamentomanuale di carichi, e le gravidanze. 7-8A questo proposito, il DM del Ministero del lavoro 27/04/2004 include l’ernia del discolombare tra le patologie professionali da segnalare al Dipartimento di prevenzione delleASL. 9 Il DM indica un’elevata probabilità di origine lavorativa dell’ernia del disco lombarese connessa ad attività abituali e prolungate di movimentazione manuale di carichie una limitata probabilità di origine lavorativa se connessa ad attività di guida di automezzipesanti con vibrazioni trasmesse a tutto il corpo. 9Sono state descritte variazioni internazionali molto ampie dei tassi di intervento chirurgicoper ernia del disco lombare risalenti agli anni ottanta: da 10 per 100.000 in GranBretagna a più di 100 per 100.000 negli USA. 3Negli USA, dal 1979 al 1990, è stato anche osservato un aumento del 33% dei tassi dichirurgia della colonna lombare. 10 I tassi aumentano linearmente con il numero di neurochirurghie ortopedici pro capite 5 e oscillano ampiamente tra i vari stati federali.3, 10Nell’ambito del Maine Lumbar Spine Study, è stata indagata la relazione tra esito e volumedegli interventi eseguiti. 11 A differenza di quanto noto per altre procedure chirurgiche,gli esiti del trattamento nei pazienti operati dai chirurghi nelle aree caratterizzateda tassi di intervento più bassi sono risultati significativamente migliori che nei pazientidelle aree con tassi elevati.Più del 95% delle operazioni vengono eseguite ai livelli L4-L5 o L5-S1; 3 gli uomini vengonooperati con frequenza doppia rispetto alle donne. 3Attraverso i dati dell’Archivio nazionale delle dimissioni ospedaliere del Ministero dellasalute è stato calcolato il tasso di interventi chirurgici eseguiti per ernia del disco lombarecon o senza mielopatia, escludendo i ricoveri con segnalazione di lombalgia, sciatalgia,spondilosi lombare, spondilolistesi e stenosi del canale come diagnosi principale.Introduzione13


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaIn Italia il tasso medio di interventi chirurgici nel triennio 1999-2001 è risultato pari a5,09 per 10.000 (IC 95% 5,05-5,12). I tassi standardizzati oscillano tra 6,87 (IC 95%6,77-6,96) in Lombardia e 2,52 per 10.000 (IC 95% 2,39-2,65) in Calabria (figura 3,pagina 17). La variabilità temporale nel triennio è stata invece contenuta: il numero assolutodi operazioni è aumentato da 28.231 nel 1999 a 30.243 nel 2001.Con una selezione più larga della casistica che comprende anche lombalgia, sciatalgia,spondilosi lombare, spondilolistesi e stenosi del canale come diagnosi principale, il tassomedio di interventi chirurgici per ernia del disco lombare è pari a 6,1 per 10.000(IC 95% 6,09-6,17) nel triennio 1999-2001, oscillando tra 8,12 (IC 95% 8,00-8,26)nel Lazio e 3,40 per 10.000 (IC 95% 3,2-3,6) in Sardegna.Sempre in Italia nel 2001, la chirurgia per ernia del disco lombare veniva effettuata nel61% dei casi nei maschi e consisteva in interventi di discectomia (88%), discectomia percutaneao laser (7%), chemonucleolisi (2%), o decompressione (2%). La differenza tramaschi e femmine (rispettivamente 16.000 e 8.000 interventi, nella fascia d’età 30-39anni) si riduce progressivamente con il progredire dell’età. Rispetto al 1999, diminuiscedal 4% al 2% la quota di chemonucleolisi a vantaggio delle tecniche percutanee. Questeultime sono più frequentemente utilizzate nelle case di cura accreditate (18%) piuttostoche nelle altre tipologie amministrative di ospedali. La chemonucleolisi viene eseguitacon frequenza più elevata in Campania (10% sul totale degli interventi) e nel Friuli(8%) rispetto alle altre regioni. Il 20% delle chemonucleolisi e il 33% delle discectomiepercutanee sono effettuate in day hospital. Interventi non a carico del SSN sonosegnalati nel Lazio più di frequente (14%) che nel resto d’Italia.Su base nazionale nel 2001, la durata media della degenza era pari a 4 giorni per ladiscectomia, a 2,7 giorni per la chemonucleolisi e a 1,3 giorni per le tecniche percutaneeo laser.Storia naturaleNonostante la non esigua letteratura esistente in merito, la storia naturale a lungo terminedell’ernia del disco lombare non è del tutto chiara.Mentre il dolore radicolare è un sintomo ben riconosciuto di ernia del disco lombare –causato dalla compressione meccanica e dalle conseguenze infiammatorie, vascolari e biochimichegenerate dal contatto tra il materiale discale e le radici nervose 12-13 – il mal dischiena discogenico è più controverso, anche se numerose prove, sia cliniche che neuro-anatomiche,depongono per la sua esistenza. 1Benché l’ernia possa causare dolore alla schiena, radicolopatia sciatica o crurale e impotenzafunzionale, la degenerazione del disco può verificarsi anche in assenza di sintomi.1 Ernie del disco vengono riscontrate infatti con elevata frequenza in persone asin-14Introduzione


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticatomatiche. 4 Nello studio di Boos il 76% dei controlli asintomatici era portatore di un’erniadel disco lombare, anche se la frequenza di forme estruse era significativamente menoelevata rispetto al gruppo sintomatico (13% vs 35%), come pure il riscontro di una compromissioneneurologica (22% vs 83%). 14La sintomatologia determinata dall’ernia può risolversi spontaneamente o con i trattamenticonservativi: numerosi studi di diagnostica per immagini hanno provato che leernie del disco lombare, in un’elevata quota di casi, regrediscono del tutto o in largaparte. 14-20 Il miglioramento è rapido entro i primi tre mesi ed è attribuibile a meccanismidi riassorbimento cellulare mediato da citochine senza reazione fibroblastica. 12L’ernia discale è dunque un fenomeno dinamico, nonché una condizione relativamentecomune e a prognosi favorevole nella maggior parte dei casi. 12 Il 95% dei pazienticon mal di schiena invalidante è in grado di ritornare al lavoro entro tre mesi dall’insorgenzadella sintomatologia senza ricorrere alla chirurgia. 21Sono invece rare le ernie del disco che provocano compressioni estese, usualmente consideratecome chiare indicazioni all’intervento chirurgico. Queste lesioni regrediscono difrequente spontaneamente o migliorano dal punto vista clinico con i trattamenti conservativi:le probabilità di riassorbimento aumentano infatti con le dimensioni dell’ernia e conl’entità della migrazione dallo spazio discale. 12 Anche i deficit neurologici motori causatida ernia del disco lombare (a eccezione della sindrome della cauda equina e della perditaprogressiva della funzione motoria) avrebbero dunque una storia naturale favorevole. 12Gli effetti dei vari tipi di trattamento sul decorso della discopatia lombare sono riportatinel capitolo «Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi» di questalinea guida. Gli esiti clinici dei trattamenti per ernia discale sintomatica non risultanoperaltro associati con la risoluzione dell’ernia documentata radiologicamente. 22Scopo della linea guidaLa storia naturale dell’ernia del disco lombare e la prognosi favorevole nella maggioranzadei casi trattati conservativamente rendono necessario identificare in quali casi itrattamenti chirurgici sono in grado di apportare benefici maggiori e valutarne comparativamentel’efficacia. E’ anche da tener presente che l’effettuazione di esami diagnosticiinappropriati può innescare un iter in grado di condurre all’intervento chirurgiconon necessario. La variabilità geografica della chirurgia dell’ernia del disco riflette l’incertezzasull’uso ottimale delle procedure come anche l’entità del «disaccordo medico»riguardo le indicazioni all’intervento.Gli studi epidemiologici 11 suggeriscono inoltre che, nel caso della chirurgia dell’ernia deldisco lombare, appropriatezza degli interventi ed esiti postoperatori vanno di pari passo.Introduzione15


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaDal punto di vista della sanità pubblica, sia la frequenza della condizione che l’elevatorischio di sovradiagnosi e sovratrattamento indicano l’utilità di disporre una base condivisadi conoscenze che permetta una migliore gestione dei pazienti con mal di schienae discopatia, e contribuisca a ridurre gli interventi chirurgici non necessari.Scopo della presente linea guida è quello di presentare ai professionisti sanitari le provescientifiche attualmente disponibili sulla validità delle procedure diagnostiche e sull’efficaciadei trattamenti per l’ernia del disco lombare, accompagnate dalle raccomandazioniformulate su tale base dal gruppo di lavoro multidisciplinare.I destinatari del documento sono i professionisti sanitari di differenti discipline che sioccupano di mal di schiena e di discopatia, inclusi medici di medicina generale, neurochirurghie ortopedici, neurologi, reumatologi e fisiatri, fisioterapisti e chiropratici.canalevertebralenervospinaleerniadiscalediscointervertebraleFigura 1. Ernia del disco intervertebrale. Visione trasversale.discointervertebralenervo spinaleerniadiscalevertebraFigura 2. Ernia del disco intervertebrale. Visione laterale.16Introduzione


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaFigura 3. Tassi standardizzati di interventi chirurgici per ernia del disco lombare (per 10.000) per regione italiana(media del triennio 1999-2001).Introduzione 17


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaMetodiCostituzione del gruppo di lavoro e identificazionedei quesiti cliniciIl gruppo di lavoro multidisciplinare che ha realizzato questa linea guida comprendeclinici rappresentanti delle principali discipline coinvolte nella diagnosi e nel trattamentodell’ernia del disco lombare, nonché esperti di EBM (Medicina basata sulle provedi efficacia) e metodologia di sviluppo di linee guida, e rappresentanti delle associazionidei cittadini.Le società scientifiche nazionali hanno designato gli esperti con le competenze appropriateper partecipare alla preparazione del documento. Il panel si è incontrato più volte,fra novembre 2003 e luglio 2005, per predisporre la stesura della linea guida.I documenti di lavoro intermedi (schede di estrazione dei dati e tabelle di sintesi) sonodisponibili per consultazione sul sito www.pnlg.it.Il gruppo di lavoro ha in primo luogo identificato i quesiti clinici e, in coerenza conquesti, i criteri di inclusione ed esclusione degli studi e le parole chiave per la costruzionedella strategia di ricerca per la consultazione delle basi di dati biomediche.Ricerche di letteraturaLe ricerche sono state effettuate adottando strategie diversificate a seconda della tipologiadi documenti da ricercare. La strategia completa delle ricerche è disponibile sulsito www.pnlg.it.Come filtro di ricerca principale è stato utilizzato, con le combinazioni opportune peri differenti tipi di studio, il seguente:intervertebral disk displacement/ or exp intervertebral disk hernia/ or intervertebral diskhernia/ or herniated disk.mp. or herniated disk/ or (herniated disc or herniated disk orintervertebral disk displacement or intervertebral disk hernia).tw. or (intervertebral diskdisplacement or intervertebral disk hernia).mp.Linee guidaNel maggio 2004 sono stati interrogati i principali siti di linee guida per individuare idocumenti di interesse, evitando, in questo caso, l’uso restrittivo di filtri di ricerca. L’elencocompleto è disponibile presso gli autori. Sono state così identificate quattordicilinee guida più una sintesi metodologico-clinica del CeVEAS di 11 linee guida recentisulla lombalgia acuta e cronica.18 Metodi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaCriteri di selezioneI documenti sono stati selezionati privilegiando le linee guida più recenti e disponibilinelle lingue italiana, inglese, francese o tedesca.Valutazione metodologicaLe linee guida selezionate sono state ottenute per esteso e sottoposte a verifica di qualitàmetodologica ed estrazione dei dati con l’ausilio di una scheda che utilizzava insiemei criteri elaborati dal CeVEAS (www.ceveas.it) e le indicazioni del gruppo di lavoroCOGS (www.openclinical.org/prj_cogs.html ). 23 Otto linee guida che soddisfacevano iprincipali criteri di qualità metodologica, oltre alla sintesi CeVEAS sulla lombalgia, sonostate utilizzate nel presente lavoro.Revisioni sistematicheLe revisioni sistematiche sono state ricercate sulla Cochrane Library (issue 3, 2004);su Medline (1966-aprile 2004), Embase (1980-aprile 2004), con interfaccia OVID, eCinahl (1982-aprile 2004) con le seguenti parole chiave adattate in base all’archivioconsultato:meta-analysis/ or meta analy$.tw or metaanaly$.tw. or meta analysis.pt. or (systematic adj(review$1 or overview$1)).tw. or systematic review. mp. or exp review literature/.Altre ricercheNel dicembre 2004 sono stati contattati i seguenti gruppi editoriali Cochrane,richiedendo informazioni su revisioni sistematiche eventualmente in corso: CochraneMusculoskeletal Group; Cochrane Anaesthesia Review Group; Cochrane Pain, Palliativeand Supportive Care Group; Back Group; Effective Practice and Organisation of CareGroup; Neuromuscular Disease Group.Criteri di selezione e strumenti per valutazione metodologicaLe 24 revisioni sistematiche rintracciate sono state valutate in doppio sulla base del titoloe dell’abstract. Per 18 revisioni sistematiche pertinenti si è proceduto alla valutazionemetodologica e all’estrazione dei dati tramite le schede definite dallo Scottish IntercollegiateGuidelines Network (SIGN, www.sign.ac.uk). 24Altri documenti di sintesi – in particolare il capitolo «Herniated Lumbar Disk» inClinical Evidence 25 (giugno 2004, ultima ricerca agosto 2003) – sono stati utilizzati einclusi in bibliografia.Studi primariPer i quesiti ai quali linee guida e revisioni sistematiche non hanno fornito risposte esaustive,la ricerca è stata estesa agli studi randomizzati controllati (RCT, efficacia dei trat-Metodi 19


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticatamenti), agli studi osservazionali (fattori prognostici e studi di diagnosi) e alle serie dicasi (complicanze, tecniche chirurgiche alternative e modalità organizzative).Le ricerche sono state effettuate sulle seguenti basi dati: Medline (1966-aprile 2004);Embase (1980-aprile 2004); Cinahl (1982-aprile 2004); Central-Cochrane Library(issue 3, 2004), combinando il filtro di ricerca principale con i filtri previsti per iseguenti studi.Studi randomizzati controllati (RCT)Randomized controlled trial or controlled clinical trial or random allocation or single blindmethod or double blind method or clinical trial or research design or “clinical trial*” or“single blind*” or “double blind*” or “single mask*” or “double mask*” or placebos orplacebo* or random* or placebo effect or comparative study or evaluation studies or followup studies or prospective studies.Studi osservazionaliEpidemiologic studies/ or exp case control studies/ or exp cohort studies/ or case control.tw.(cohort adj (study or studies)).tw. cohort analy$.tw.(follow up adj (study orstudies)).tw.(observational adj (study or studies)).tw. (longitudinal or retrospective or crosssectional).tw. cross-sectional studies/ clinical study/ or case control study.mp. or family study/[mp = ti, ab, sh, tn, ot, dm, mf, rw]retrospective study/ prospective study/ not randomizedcontrolled trials/ cohort analysis/(cohort adj (study or studies)).mp.(case control adj (studyor studies)).tw. (epidemiologic$ adj (study or studies)).tw.(cross sectional adj (study orstudies)).tw.Altre ricercheGruppi di ricerca e singoli ricercatori sono stati contattati per informazioni sugli studiin corso non ancori pubblicati, e per valutare e integrare l’elenco degli studi identificati.I componenti del gruppo di lavoro hanno fornito materiale bibliografico di rilievo,inclusi i dati del Registro nazionale svedese sulla chirurgia vertebrale.Criteri di selezione e strumenti per valutazione metodologicaLa ricerca delle banche dati ha originato 11.251 titoli e abstract che sono stati ispezionatiin doppio. 217 articoli sono stati selezionati per pertinenza e richiesti allebiblioteche. Ulteriori articoli sono stati reperiti in base alle segnalazioni del gruppodi lavoro.La valutazione metodologica e l’estrazione dei dati è avvenuta per mezzo delle schedeelaborate da SIGN.20 Metodi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaEstrazione dei dati, sintesi delle prove e formulazionedelle raccomandazioniConsiderando la qualità non sempre adeguata degli studi di interesse specifico per questalinea guida, segnalata anche in Clinical Evidence, e la difficile delimitazione deiconfini dei quesiti di ricerca, l’approccio metodologico alla ricerca della letteratura èstato orientato più alla sensibilità che alla specificità, mirando a includere il maggiornumero di studi. Pertanto, i criteri di valutazione metodologica non sono stati orientatiall’esclusione degli studi più deboli ma alla loro corretta valutazione.I dati sono stati estratti attraverso apposite schede messe a punto dal gruppo SIGN. Leschede prevedono che la valutazione venga effettuata soprattutto sulla base del disegnodi studio e della qualità metodologica.Per le complicanze della chirurgia sono stati analizzati disegni di studio non consideratidalle schede metodologiche SIGN. 26-27Le prove derivanti dai singoli studi sono state sintetizzate in apposte tabelle, specificheper singolo quesito e per tipologie degli studi. Le tabelle di sintesi sono state adattateda SIGN o sviluppate ad hoc dal gruppo di lavoro.Il metodo di grading delle prove adottato è quello descritto nel Manuale metodologicoPNLG 26 (www.pnlg.it/doc/manuale.htm), che prevede sei livelli di prova (I-VI) e cinquegradi di raccomandazione (A-E) (vedi pagina 6).L’attribuzione del livello di prova ha tenuto conto del disegno degli studi e delle valutazionimetodologiche che sono state discusse all’interno del panel per l’attribuzionedella forza delle raccomandazioni.Principi di buona pratica clinicaNella gerarchia delle prove attualmente in uso le opinioni degli esperti sono consideratecome livello non elevato al quale si ricorre in assenza di prove sperimentali o per quesitiparticolari. Formulare raccomandazioni sulla base dell’esperienza derivante dalla migliorepratica clinica in aree dove la sperimentazione non è effettuabile può peraltro risultare moltoutile. 24, 28 Questa tipologia di principi è stata adottata nella presente linea guida, e vienesegnalata con il seguente acronimo: Buona pratica clinica raccomandata (BPC).Revisione esternaIl documento definito dal gruppo di lavoro è stato inviato a esperti esterni dal gruppodi lavoro con il mandato esplicito di valutare la leggibilità e la chiarezza del documentononché la rilevanza clinica e l’applicabilità delle raccomandazioni.Metodi 21


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaFanno parte del gruppo di revisori: un neurochirurgo, due ortopedici, un chirurgo vertebrale,un radiologo, un esperto di metodologia e di implementazione delle linee guida,un esperto di medicina del lavoro e di malattie dell’apparato muscolo-scheletrico.Aggiornamento, implementazione, monitoraggio e valutazioneUn aggiornamento della linea guida è previsto entro il 2008.Verranno adottate tecniche multiple di diffusione del documento e di implementazione«attiva», che includeranno i seguenti approcci:➜ diffusione dell’iniziativa sui media e articoli sulla stampa divulgativa➜ invii postali agli assessorati alla sanità di Regioni e Province autonome, ASL, ospedali,medici specialisti e non, opinion leaders➜ pubblicazioni su siti internet (PNLG, ASP, società scientifiche, agenzie sanitarie, altro)➜ pubblicazioni scientifiche➜ corsi di formazione ECM➜ promozione dell’adozione formale negli ospedali italiani➜ presentazione a congressi nazionali e internazionali➜ adattamento delle linee guida alle realtà locali, attraverso la promozione di percorsiclinici integrati a livello aziendale, con attenzione posta al superamento delle eventualibarriere all’implementazione.Per monitorare la diffusione della linea guida su base nazionale verranno registrate tuttele iniziative di diffusione del documento.Quali indicatori di audit, utili per il monitoraggio dell’adozione locale della linea guidaa livello aziendale, distrettuale e ospedaliero, si suggeriscono gli indicatori riportatinel riquadro 1.Per la valutazione di impatto, verranno calcolati i tassi regionali standardizzati di discectomiaper ernia del disco sulla base dei dati degli archivi della scheda di dimissione ospedalieradel Ministero della salute e verrà stimato l’andamento della variabilità geograficain Italia.Allegati e disponibilità del testo integraleLa linea guida per esteso e la versione destinata ai cittadini sono disponibili sui sitiwww.pnlg.it e www.asplazio.it.22 Metodi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRiquadro 1. Indicatori di audit clinico• % con intervallo superiore alle quattro settimane dall’esordio clinico per effettuare TC/RM, in assenzadi semafori rossi• % di interventi di chemonucleolisi sul totale degli operati per ernia del disco lombare• % di interventi di laser/coblazione sul totale degli operati per ernia del disco lombare al di fuoridi RCT• % di interventi di discectomia per ernia del disco lombare con congruità tra sintomatologia, segniobiettivi e diagnosi strumentale, e con durata dei sintomi >6 settimane, intensità marcata dei sintomi,fallimento di trattamenti conservativi• % di pazienti che hanno utilizzato miorilassanti• % di pazienti che hanno iniziato il trattamento riabilitativo postoperatorio entro quattro settimanedall’interventoMetodi 23


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaDiagnosi: indicazioni e tempiIl dolore lombare acuto con o senza irradiazione agli arti inferiori (radicolopatia sciaticao crurale) è un sintomo frequente nella popolazione generale e nella maggior partedei casi si risolve spontaneamente.Esso tuttavia può essere associato a ernia del disco intervertebrale lombare oltre che amalattie sistemiche, infiammatorie, neoplastiche o infettive che coinvolgono il rachide.La relazione tra mal di schiena con irradiazione radicolare o meno, e dimostrazione radiologicadi ernia del disco lombare non è del tutto chiara: la sintomatologia clinica regrediscenella maggioranza dei casi spontaneamente o con un trattamento conservativo, 14-19laddove ernie del disco vengono riscontrate con la diagnostica per immagini in personeasintomatiche.4, 29Nell’approccio clinico al paziente con radicolopatia periferica è dunque necessario identificarei casi con gravi malattie sottostanti e quelli che potrebbero essere effettivamenteaffetti da una radicolopatia da ernia del disco, distinguendoli dai casi con dolore aspecificoche possono rientrare nella gestione di un comune mal di schiena.I cardini su cui si deve basare il processo diagnostico sono tre:➜ raccolta dei dati anamnestici➜ esame obiettivo con test clinici di coinvolgimento radicolare (irritativo, deficitario,paretico)➜ diagnostica per immagini e strumentale.In questo capitolo, che riguarda l’utilità degli strumenti diagnostici nell’accertamentodell’ernia discale, sono state prese in considerazione anche prove derivanti da documentiriguardanti il dolore lombare con o senza irradiazione radicolare.Anamnesi ed esame clinicoProve sull’utilità dell’anamnesi e dell’esame clinicoLe linee guida sul mal di schiena, 30-31 inclusa la sinossi del CeVEAS che esamina le lineeguida prodotte sull’argomento fino al 2001, 32 concordano sull’importanza fondamentaledella storia clinica nell’identificare i cosiddetti semafori rossi (vedi riquadro 2) in presenzadei quali è indicata, per definire o confermare la diagnosi, l’effettuazione immediatadi esami di diagnostica per immagini (livello di prova III).Due revisioni sistematiche 4, 38 indicano che, relativamente all’importanza dell’anamnesi,sciatica, irradiazione del dolore e dolore al di sotto del ginocchio sono elementi utili perla diagnosi clinica di ernia del disco lombare, sulla base dell’elevata accuratezza diagnostica(livello di prova III).24 Diagnosi: indicazioni e tempi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRiquadro 2. Semafori rossi4, 31-33• Deficit neurologico esteso e/o progressivo• Sintomi caratteristici della sindrome della cauda equina (anestesia a sella in regione perineale, ritenzioneo incontinenza urinaria e/o fecale, ipostenia bilaterale)• Sospetto di malattie sistemiche, infiammatorie, neoplastiche o infettive (anamnesi positiva per tumore,calo ponderale non spiegabile, astenia protratta, febbre, dolore ingravescente continuo a riposoe notturno)• Sospetto di lombalgia infiammatoria +• Traumi recenti• Assunzione protratta di cortisonici, osteoporosi• L’età 55 anni, in associazione a un altro semaforo rosso, rappresenta un fattore cherafforza il criterio di urgenzaTre revisioni sistematiche, 4, 38-39 le linee guida sul mal di schiena 30-32 e cinque studi didiagnosi 40-44 indicano una buona sensibilità e una scarsa specificità dei test clinici (vediriquadro 4, pagina 30) nella diagnosi di ernia del disco lombare utilizzando le tecnichedi diagnostica per immagini come gold standard (livello di prova III). Solo per il testStraight Leg Raising (SLR) incrociato e per la debolezza dell’estensione plantare dellacaviglia, la revisione di Jarvick riporta valori complessivi di specificità rispettivamente pario superiori al 90% e al 95%. 4Raccomandazioni relative al ruolo di anamnesi ed esame clinico nella diagnosidi ernia del disco lombareIII/AIl medico curante deve accuratamente raccogliere l’anamnesi ed effettuarel’esame obiettivo nel paziente con dolore lombare semplice o irradiato. Vannoin particolare ricercati quei sintomi (sciatica e dolore irradiato sotto ilginocchio) dotati di buona accuratezza diagnostica nei confronti dell’ernia deldisco lombare. Devono soprattutto essere ricercati sintomi e segni indicantii semafori rossi (vedi riquadro 2), suggestivi di malattie sistemiche, infiammatorie,neoplastiche o infettive, e della sindrome della cauda equina.+ Il sospetto di spondilite anchilosante si basa sui seguenti elementi: età


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaDiagnostica strumentaleProve sull’utilità della diagnostica strumentaleLe tecniche di diagnostica per immagini includono la radiografia della colonna, latomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica (RM).La radiografia della colonna non è in grado di fornire una visualizzazione direttadel disco intervertebrale. Pertanto, come indicato nella revisione sistematica di Jarvick4 e nelle linee guida sul mal di schiena, 31-32 non è raccomandata come esame diroutine nel primo mese di sintomatologia, in assenza di segni o sintomi di grave patologiaspinale. Non è altresì indicata per la valutazione di pazienti con lombalgia cronicain assenza di deficit neurologici o semafori rossi (livello di prova I). La radiografiadella colonna e del bacino è invece indicata nei pazienti con lombalgia e/o lombosciatalgia«tronca» (con irradiazione sino al cavo popliteo) da sospetta spondiliteanchilosante infiammatoria 34 (livello di prova III). Nei pazienti con radiologia negativa,ma clinica molto sospetta, è indicata l’effettuazione di RM (livello di prova VI).La radiografia della colonna può inoltre avere un ruolo nella diagnosi di frattura o dicrollo vertebrale.TC e RM sono pressoché sovrapponibili in termini di sensibilità, specificità e accuratezzadiagnostica per porre diagnosi di ernia del disco e di stenosi del canale spinale4, 30-31 (livello di prova III). E’ peraltro da sottolineare che la RM non eroga radiazioniionizzanti, offre una valutazione anatomica realmente multiplanare, e visualizzameglio i tessuti molli e le alterazioni del tessuto osseo spongioso. Per le sue caratteristicheinoltre la RM è in grado di evidenziare eventuali patologie intradurali (causadella sintomatologia o riscontro occasionale) che non sono rilevate dalla TC4, 30(livello di prova VI).Le linee guida sul mal di schiena, 31-32 la revisione sistematica di Jarvick 4 e un successivostudio di diagnosi 45 indicano concordemente che, nel corso del primo mesedi sintomatologia dolorosa, in assenza di semafori rossi suggestivi di grave patologiaspinale, non è raccomandata l’effettuazione di TC o RM come esami di routine (livellodi prova III). L’intervallo di attesa prima di iniziare gli accertamenti di diagnosticaper immagini non è inferiore a un mese, variando nelle diverse linee guida da quattrofino a otto settimane. 32La TC spirale multidetettore ha una panoramicità simile a quella della RM e fornisceuna documentazione multiplanare grazie alla qualità delle ricostruzioni bi- e tri-dimensionali.Rispetto alla TC tradizionale sequenziale e alla TC spirale a singolo detettoreoffre una migliore rappresentazione delle strutture osteo-cartilaginee e una superiorevalutazione del canale rachideo (livello di prova VI). Tuttavia l’impiego della TC26 Diagnosi: indicazioni e tempi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticamultidetettore implica per il paziente l’erogazione di una dose radiante nettamentesuperiore, approssimativamente doppia, rispetto alla TC sequenziale.L’impiego dei mezzi di contrasto endovenosi con TC o RM 46, 47 trova indicazione nelladiagnostica dell’ernia del disco lombare solo in pazienti già sottoposti a interventochirurgico e solo nei casi in cui lo studio senza mezzo di contrasto sia risultato non conclusivo4, 30 (livello di prova III). La cosiddetta mielo-TC (realizzata con l’introduzionedi mezzo di contrasto intratecale, per rachicentesi) non è indicata nella diagnosi di erniadiscale lombare per la sua invasività, i potenziali rischi e gli effetti collaterali. La mielo-TC dovrebbe essere riservata solo a pazienti con patologia intradurale con controindicazioneassoluta alla RM (livello di prova VI).Afronte dell’accresciuta offerta di prestazioni di diagnostica per immagini sempre piùevolute, viene inoltre segnalata la necessità di migliorare l’appropriatezza del loro utilizzo,30 in modo da contenere i costi e il rischio radiologico. 48-49 E’ inoltre da tenerpresente che la sovradiagnosi e le indagini eseguite troppo precocemente potrebberoportare a indicazioni inappropriate al trattamento chirurgico in casi destinati a risolversispontaneamente.Oltre al significato prognostico, 50-53 sono stati anche studiati gli effetti psicologici e comportamentalideterminati dai risultati delle indagini strumentali 54-59 nei pazienti con maldi schiena. E’ stato ipotizzato che i preconcetti associati con l’informazione contenutanei referti delle indagini strumentali possano indurre nelle persone un senso di malattia.60 E’ stato pertanto suggerito di introdurre formulazioni standardizzate nella refertazionedelle indagini di diagnostica per immagini, 61 in modo da relativizzare la portatadelle informazioni che devono comunque essere riportate in maniera completa. Ilreferto strumentale, letto da medici e pazienti, può infatti influenzare di per sé il percorsoterapeutico successivo.L’utilità diagnostica dei test neurofisiologici è presa in esame negli studi su elettromiografia(EMG), 62 potenziali evocati somato-sensoriali (PESS) 63-65 e stimolazione elettrofisiologica.66 I risultati degli studi sui PESS che utilizzano differenti tecniche e comparazioni,sia anatomiche sia funzionali, sono contradditori. La sensibilità diagnostica el’accuratezza relativa all’accertamento della compromissione radicolare sono risultati inferioririspetto all’EMG, 64 anche se i PESS risultano utili come procedura addizionale alladiagnostica per immagini se non è chiara la presenza di danno delle radici nervose 63-65(livello di prova V). Complessivamente i test neurofisiologici risultano dotati di bassaspecificità.45, 63-66Diagnosi:indicazioni e tempi 27


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRaccomandazioni relative alla diagnostica strumentaleIII/AIII/ABPCVI/BIII/AVI/BIII/AConsiderando l’alta frequenza di ernie discali asintomatiche e la possibileregressione di ernie sintomatiche, è opportuno attendere almeno 4-6 settimanedall’insorgenza dei sintomi (dolore lombare, radicolopatia e limitazionefunzionale) in assenza di semafori rossi, prima di effettuare gli esamidi diagnostica per immagini. TC o RM sono invece da effettuare conurgenza in caso di sospetta malattia sistemica, neoplastica o infettiva, e disospetta sindrome della cauda equina.TC o RM sono raccomandate, dopo 4-6 settimane di trattamento conservativo,in pazienti con sintomi o segni di compressione radicolare sufficientementegravi da far considerare la possibilità dell’intervento chirurgico,anche in relazione alle preferenze del singolo paziente.Le modalità tecniche di esecuzione raccomandate per la diagnostica perimmagini (TC/RM) per ernia del disco lombare sono riportate nel riquadro 3.Benché TC e RM (ottenute con apparecchiature allo «stato dell’arte») sianoquasi equivalenti in termini di potenzialità per la diagnosi di ernia discalelombare, la RM è preferibile per la mancanza di esposizione alle radiazioniionizzanti (temibili in particolare per le donne in età fertile), per la possibilitàdi diagnosi di lesioni intradurali e per la superiore panoramicità. Lascelta della tecnica di diagnostica per immagini dipende peraltro anche dafattori legati al contesto e alle risorse disponibili localmente.La radiografia della colonna non è indicata come esame di routine in pazienticon dolore radicolare, salvo che in caso di sospetta frattura o crollo vertebrale.In certi casi (per esempio se la RM mostra listesi) può essere indicato ilcompletamento diagnostico con radiografie standard e/o dinamiche delrachide lombo-sacrale, anche per una corretta pianificazione dell’interventochirurgico.La radiografia della colonna e del bacino, ed eventualmente la RM, sonoindicate nei pazienti con lombalgia e/o lombosciatalgia «tronca» da sospettaspondilite anchilosante.28 Diagnosi: indicazioni e tempi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaV/DIII/DVI/BNon vi è sufficiente prova per raccomandare l’effettuazione di test elettrofisiologicidi routine, incluso lo studio dei potenziali evocati, se non in casiselezionati dallo specialista.Per la diagnosi di ernia del disco lombare non c’è alcuna indicazione adeffettuare TC o RM con mezzi di contrasto per via endovenosa o per rachicentesi.L’uso dei mezzi di contrasto è giustificato solo nei pazienti già operatio con sospetto di patologia intradurale.I medici responsabili della gestione clinica del paziente che si sottopone adiagnostica per immagini per mal di schiena devono correlare le informazionicontenute nei referti della diagnostica per immagini con la situazioneclinica, spiegando che il riscontro radiologico di protrusioni discali asintomaticheè frequente.Riquadro 3. Caratteristiche tecniche raccomandate per la diagnostica per immagini (TC/RM)per ernia del disco lombareTC• Estensione dello studio: esame esplorante i livelli di possibile coinvolgimento clinico. Scansione spiralecon esplorazione continua oppure scansioni sequenziali in cui ogni livello intersomatico includecranialmente tutto il foro di coniugazione e caudalmente tutto il recesso laterale.• Spessori di strato delle immagini uguali o inferiori a 3 mm.• Documentazione con finestre e filtri per tessuti molli e strutture scheletriche (su film o su supportodigitale manipolabile).RM• Immagini T1 e T2 dipendenti almeno sul piano sagittale e su quello assiale.• Esplorazione sul piano sagittale che includa bilateralmente i fori di coniugazione; sul piano assialeper ogni livello a copertura anatomica, come riportato per la TC.• Spessori di strato delle immagini uguali o inferiori a 4 mm.Diagnosi: indicazioni e tempi 29


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRiquadro 4. Test cliniciL’SLR (Straight Leg Raising, flessione della coscia a gamba tesa) si effettua nel paziente supino sollevandopassivamente l’arto inferiore sintomatico a ginocchio esteso per valutare la comparsa didolore o di parestesie all’arto e misurare l’angolo di sollevamento. Il test è usualmente positivo incaso di compressione sulle radici L5-S1.Quando la manovra, eseguita bilateralmente, risveglia dolore a irradiazione sciatica nell’arto controlaterale,si definisce SLR incrociato o controlaterale.Benché l’SLR sostanzialmente equivalga alla manovra di Lasègue, alcuni autori distinguono i duetest. Quest’ultima consiste nella flessione della coscia sul bacino a 90° a gamba flessa, seguita dall’estensionedella gamba portata in linea con la coscia. Il test risulta positivo se il dolore irradiatoal piede insorge o si aggrava solo con la prima manovra.Quando la manovra, eseguita bilateralmente, risveglia dolore a irradiazione sciatica nell’arto controlateralesi definisce Lasègue incrociato o controlaterale.Di fatto, la manovra di Lasègue non prevede la misurazione dell’angolo, ma solo una risposta sì/no.Entrambi i test peraltro rappresentano segni di sofferenza radicolare allo stiramento.La manovra di Wasserman (femoral stretch test) si effettua a paziente prono con il ginocchio in massimaflessione e la mano dell’esaminatore posizionata in fossa poplitea. Spesso è positiva in casodi compressione sulle radici L2, L3 e L4, ma può essere positiva anche in caso di neuropatia femoralediabetica o di ematoma del muscolo psoas. In questi casi la manovra di Lasègue è in generenegativa poiché le radici L5 e S1 non sono coinvolte.Il sitting knee extension test si effettua con il paziente seduto a ginocchia flesse di 90° estendendolentamente un ginocchio. Lo stiramento delle radici è di grado più modesto rispetto all’SLR.Il test del calzino (sock test ) consiste nella misurazione della distanza raggiunta dalle mani finoa: terzo inferiore della coscia, ginocchio, terzo superiore, medio o inferiore della gamba, caviglia,dorso del piede o estremità dell’alluce, nel tentativo di indossare un calzino in posizione seduta.Il test ha rivelato una significativa correlazione con l’SLR nei pazienti con protrusione del discosintomatica. 40Lo slump test consiste nel registrare la distribuzione del dolore con il paziente seduto su una pancain flessione toraco-lombare, seguita da flessione cervicale forzata, estensione del ginocchio edorsiflessione della caviglia. 67La debolezza dell’estensione plantare della caviglia si evidenzia quando il paziente non riesce asollevarsi facendo leva sugli avampiedi poggiati su un gradino.La flessione anteriore del torace si effettua con paziente in piedi e misurazione della distanza minimatra pavimento e mani tese e dell’angolo ottuso tra arti e schiena tramite kifometro.30 Diagnosi: indicazioni e tempi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRiquadro 4 (segue). Quadro sinottico delle alterazioni dei riflessi osteotendinei e dei deficit motorie sensitivi in relazione al livello di compressione radicolareRadice compressaL4L5S1Riflesso diminuitoo assenteRiflesso rotuleoRiflesso achilleoDeficit di forzaEstensionedella gambasulla coscia(quadricipitefemorale)Flessione dorsaledel piede e dell’alluce(estensore lungodell’alluce e tibialeanteriore)Flessione plantaredel piede(gastrocnemio)Alterazionedella sensibilitàFaccia medialedella gambaDorso del piede eprimo dito del piedeMalleolo lateralee faccia lateraledel piedeDistribuzionedel doloreFaccia anterioredella cosciaFaccia posterioredell’arto inferioreFaccia posterioredell’arto inferioree spesso finoalla cavigliaDiagnosi: indicazioni e tempi 31


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaTrattamento chirurgico: indicazioni, fattoriprognostici e complicanzeLa chirurgia dell’ernia del disco può essere molto gratificante sia per il chirurgo sia peril paziente, che entra in sala operatoria in preda a dolori lancinanti e può uscirne completamentesollevato. Per prassi, l’intervento viene spesso eseguito entro i primi tre mesidall’insorgenza della sintomatologia per ottenere i migliori risultati. D’altronde la buonaprognosi degli episodi di sciatica da protrusione discale ha favorito il diffondersi ditrattamenti alternativi alla chirurgia. E’ dunque cruciale cercare di definire quali sonole indicazioni appropriate al trattamento chirurgico e i fattori che possono condizionaregli esiti postoperatori.La chirurgia del rachide non è peraltro esente da rischi e le complicanze perioperatoriee i conseguenti danni permanenti possono essere temibili. Anche gli insuccessi possonoessere frequenti, al punto di aver portato alla definizione di una vera e propria entitànosologica, la failed-back syndrome.Indicazioni al trattamento chirurgicoProve sulle indicazioni all’intervento chirurgicoLa revisione sistematica di Ahn, 68 di incerta qualità metodologica, che indaga la relazionefra tempo intercorso dall’insorgenza della sindrome della cauda equina e la decompressionechirurgica, valutando gli esiti clinici, indica di effettuare la decompressioneentro le 48 ore dalla comparsa dei sintomi (livello di prova I). La revisione non identificaperaltro significative differenze nell’esito chirurgico tra pazienti operati entro le prime24 ore e quelli operati tra 24 e 48 ore. 68 Una più recente revisione degli stessi studiprimari critica la metodologia impiegata nella metanalisi dello studio di Ahn che condurrebbea una sottostima del valore dell’intervento chirurgico precoce. 69La comparsa di deficit motorio progressivo a carico degli arti inferiori è consideratodalla linea guida tedesca sul mal di schiena 70 come un’indicazione cogente, anche se nonassoluta come nel caso della sindrome della cauda equina, all’intervento di discectomia.Benché non sia più considerato come inderogabile il limite dei tre giorni per il recuperocompleto da una paralisi causata da compressione radicolare, la linea guida fa riferimentoa diversi lavori che dimostrano una correlazione inversa tra durata della sintomatologiae recupero funzionale. 71 Un recente studio osservazionale su pazienti affettida sciatica e paresi discogenica indica che non vi è differenza nell’esito clinico valutatoa sei mesi tra trattamento chirurgico e conservativo 72 (livello di prova III).32Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaConsiderando anche i dati riportati da Ahn, 68 gli autori della linea guida stimano chequeste due indicazioni siano responsabili complessivamente del 5% degli interventi chirurgiciper ernia del disco lombare.Le indicazioni elettive riguarderebbero dunque il restante 95% dei pazienti sottopostia interventi chirurgici.Non sono state identificate prove di buona qualità per rispondere al quesito clinico e leraccomandazioni saranno quindi prevalentemente basate su prove derivanti principalmenteda altre linee guida e conferenze di consenso.Per analizzare l’appropriatezza delle indicazioni di una casistica retrospettiva, 73 sonostati sviluppati criteri per gli interventi di discectomia per ernia del disco o stenosi spinaleutilizzando il metodo dalla RAND Corporation. Nel riquadro 5 sono riportatigli scenari più frequentemente riscontrati nella casistica studiata, della quale rappresentanoil 62,2%.Riquadro 5. Gli scenari più frequenti di indicazione all’intervento di discectomia lombare,definiti con il metodo RAND CorporationScenarioDolore all’arto inferiore, imaging positivo per ernia discale o stenosi spinale,deficit neurologici minori (*), attività ridotta più di 6 settimaneDolore all’arto inferiore, imaging positivo per ernia discale o stenosi spinale,deficit neurologici maggiori (**), attività ridotta più di 6 settimaneDolore all’arto inferiore, imaging positivo per ernia discale o stenosi spinale,deficit neurologici maggiori, attività ridotta meno di 2 settimaneDolore all’arto inferiore, imaging positivo per ernia discale o stenosi spinale,deficit neurologici maggiori, attività ridotta di 2-4 settimaneDolore all’arto inferiore, imaging positivo per ernia discale o stenosi spinale,deficit neurologici minori, attività ridotta più di 6 settimaneDolore all’arto inferiore, imaging positivo per ernia discale o stenosi spinale,deficit neurologici minori, attività ridotta meno di 2 settimaneDolore all’arto inferiore, imaging positivo per ernia discale o stenosi spinale,deficit neurologici minori, attività ridotta di 2-4 settimaneIndicazioneappropriataappropriataequivocaequivocaequivocainappropriatainappropriata* Deficit neurologici minori (due elementi o più): riflessi achillei asimmetrici; deficit sensitivo nel dermatomero di pertinenza;SLR ipsilaterale positivo; sciatica.** Deficit neurologici maggiori: debolezza progressiva unilaterale della gamba; SLR controlaterale positivo.Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze 33


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaLa linea guida del Washington State Department of Labour and Industries sulle compressioniradicolari 74 identifica quattro criteri che devono coesistere per porre indicazionechirurgica elettiva:➜ fallimento di terapia conservativa condotta per almeno quattro settimane➜ sintomi sensitivi nel dermatomero di pertinenza➜ segni obiettivi di coinvolgimento sensitivo o motorio o dei riflessi nel dermatomerodi pertinenza o EMG positiva➜ reperto di imaging positivo per ernia del disco a livello della radice nervosacorrispondente al quadro clinico.La linea guida sul mal di schiena dell’American Academy of Orthopedic Surgeons edella North American Spine Society 75 tratta incidentalmente anche le indicazionial trattamento chirurgico dell’ernia del disco, indicando come criteri la corrispondenzatra quadro clinico e strumentale e il coinvolgimento del paziente nel processodecisionale.Le indicazioni derivanti dalla Conferenza di consenso olandese CBO sulla radicolopatiacompressiva lombosacrale 76 estendono a sei settimane l’attesa prima di prendere inconsiderazione l’ipotesi di intervento chirurgico e non considerano il deficit motoriocome un’indicazione assoluta, a differenza della sindrome della cauda equina.La linea guida ANAES sulla lombosciatalgia 77 suggerisce come indicazioni all’intervento,oltre alla sindrome della cauda equina e al deficit motorio progressivo, anche la «lombosciatalgiaiperalgica» con dolore intrattabile e resistente anche agli oppiacei.Raccomandazioni relative alle indicazioni all’intervento chirurgicoI/AIII/CLa sindrome della cauda equina da ernia del disco intervertebrale rappresentaun’indicazione assoluta all’intervento di discectomia da effettuareurgentemente, se possibile entro 24 ore e non oltre le 48 dall’insorgenzadei sintomi.La comparsa di deficit motorio ingravescente in un paziente con diagnosiaccertata di ernia del disco lombare richiede di prendere in considerazionel’intervento chirurgico, pur non rappresentando un’indicazione assoluta.34 Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaVI/AVI/AVI/AVI/CVI/BPer quanto riguarda le indicazioni elettive si raccomanda di prendere in considerazioneper l’intervento chirurgico i casi in cui vi è congruità tra:• sintomatologia riferita dal paziente (irradiazione dermatomerica del doloree delle parestesie)• quadro clinico obiettivo (test clinici e riflessi per la radice corrispondente)• diagnosi strumentale (radiologica ed eventualmente neurofisiologica) checonferma il livello di interessamento discale.L’assenza di una tale congruità va considerata come una controindicazioneall’intervento e impone una rivalutazione diagnostica del caso e il ricorso atecniche meno invasive di trattamento.Nei casi in cui sussiste la corrispondenza tra sintomatologia, segni clinici eimmagini diagnostiche, si raccomanda di considerare l’intervento chirurgicoin presenza di tutti i seguenti criteri:• durata dei sintomi superiore a sei settimane• dolore persistente, non rispondente al trattamento analgesico• fallimento, a giudizio congiunto del paziente e del chirurgo, di trattamenticonservativi efficaci adeguatamente condotti. Non sono disponibili prove sufficientiper indicare la durata massima del trattamento.Il paziente deve essere coinvolto nel processo decisionale e adeguatamenteinformato della storia naturale della malattia e delle alternative terapeutiche.La scelta informata del paziente può eccezionalmente giustificare il ricorsoall’intervento chirurgico anche prima delle sei settimane come nei casi di sciatalgia«iperalgica» intrattabile e resistente a tutte le terapie antidolorifiche.L’eventuale presenza di gravi patologie concomitanti della colonna (stenosidel canale, spondilolistesi, instabilità vertebrale) rappresentano elementi daconsiderare attentamente nella decisione di effettuare o meno la discectomia.Nei casi in cui lo studio di diagnostica per immagini sia consistito nella solaRM e questa evidenzi reperti indicativi di stenosi degenerativa (del canale centralee/o dei recessi laterali/fori di coniugazione) o disallineamento sul pianosagittale, in preparazione dell’eventuale intervento è opportuno completarela valutazione per immagini mediante TC (per l’esame delle componentiosteo-articolari) e/o mediante esame radiografico dinamico in stazione eretta(radiogrammi in proiezione laterale con flessione ed estensione).Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze 35


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaVI/DControindicazioni relative all’intervento di discectomia per ernia del discolombare sono rappresentate dalla concomitante presenza di gravi patologiedegenerative diffuse della colonna o di neuropatie periferiche.Fattori predittivi dell’esito del trattamento chirurgicoTra le caratteristiche socio-demografiche del paziente, sono state rintracciate provecontraddittorie riguardanti l’età come fattore prognostico degli esiti della discectomia.I pazienti più giovani presentavano una prognosi chirurgica migliore rispetto agli anzianiin sei studi, 72, 78-82 mentre tre ricerche indicavano esiti più soddisfacenti nei pazientipiù anziani. 83-85 L’età non ha invece influito sugli esiti postoperatori in quattro studi86-89 e in un altro studio non sono emerse differenze nell’esito tra pazienti pediatricie adulti. 90 In sintesi, vi è debole prova che l’età superiore ai 40 anni possa rappresentareun fattore prognostico sfavorevole (livello di prova III).Il lavoro pesante è risultato associato a un esito chirurgico sfavorevole in due studi 91-92(livello di prova V).Il genere non è risultato avere alcun effetto predittivo sulla prognosi, nella maggioranzadegli studi in cui questo fattore è stato trattato come variabile esplicativa,78, 82, 84-88, 93-94anche se il genere maschile è risultato avere un effetto prognostico favorevole in due studi83, 91 e sfavorevole in un altro 79 (livello di prova III).Tra i fattori psicosociali, sono risultati predittivi di un esito postoperatorio insoddisfacente:il distress psicologico, 79, 93, 95 la somatizzazione del dolore 96 e un basso livello diistruzione. 91, 97-98 Viceversa nello studio di Schade la depressione preoperatoria e lo stressmentale relativo al lavoro sono risultati associati a un esito soddisfacente dopo discectomialombare, 99 e in altri studi 98, 100 l’esito del trattamento chirurgico non è risultatoassociato ai fattori psicologici preoperatori.Vi è dunque contraddittoria prova che il distress psicologico influenzi negativamente l’esitopostoperatorio (livello di prova III).Tra le caratteristiche cliniche o morfologiche dell’ernia del disco, il tipo di ernia èrisultato rappresentare un importante fattore prognostico. Esiti peggiori sono stati evidenziaticon ernie di piccole dimensioni, 87 o con anulus intatto, 83 o in pazienti con frammentierniari e difetti minimi dell’anulus. 101 L’intervento chirurgico è risultato più efficacenei casi caratterizzati da maggiore gravità clinico-radiologica, in termini di maggiorideficit neurologici e di estensione del disco erniato. 95 In altri due studi le caratte-36 Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaristiche morfologiche dell’ernia del disco evidenziate dalla diagnostica per immagini nonsono peraltro risultate correlate all’esito della discectomia. 102-103 In sintesi, esiste buonaprova (livello di prova III) che i risultati chirurgici più favorevoli sono stati ottenutioperando pazienti con patologia del disco più estesa e compressiva.Prove contraddittorie riguardano la durata della sintomatologia come fattore predittivodella prognosi dell’intervento chirurgico. I pazienti con sciatalgia di durata maggioredi otto mesi avevano esiti postoperatori peggiori, 78 tanto da giustificare un’attesanon superiore agli otto mesi prima del ricorso alla chirurgia. In un’altra casistica invece,i pazienti operati entro due mesi dall’inizio della sintomatologia presentavano gli esitichirurgici più favorevoli. 104Raccomandazioni relative ai fattori prognostici postoperatoriIII/CIII/CVi è contraddittoria evidenza che i pazienti con un basso livello di istruzionee con distrurbi psicopatologici in atto traggano minore beneficio dal trattamentochirurgico. Si raccomanda dunque di considerare la valutazione psicologicadei pazienti al momento del triage chirurgico.La debole prova relativa al ruolo dell’età come fattore in grado di condizionarela prognosi chirurgica suggerisce ulteriore cautela nel trattamento chirurgicodei pazienti più anziani.Complicanze operatorie e recidiveGli studi di coorte retrospettivi basati sui dati del sistema informativo ospedaliero condottiin Finlandia su pazienti operati per ernia del disco lombare stimano rischi cumulatividi reintervento a nove anni pari al 18,9% 105 e di interventi successivi dopo il primoreintervento a dieci anni pari al 25,1%. 106 Il rischio di reintervento in una coorteretrospettiva di 993 pazienti operati di microdiscectomia è risultato pari al 7,9% a diecianni. 107 Altre fonti riportano che i tassi di reintervento dopo chirurgia del disco lombarevariano ampiamente dal 3% al 15%. 108-109I tassi di reintervento a uno e dieci anni, calcolati dal Registro nazionale svedese per lachirurgia della colonna lombare, dove sono state registrate 27.500 operazioni tra il 1987e il 1999, sono risultati pari rispettivamente al 5% e al 10%. 110 Questi tassi sono diminuitidel 40% nel tempo, durante il periodo dello studio.Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze 37


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaNel Registro nazionale svedese il tasso di mortalità a 30 giorni è stimato pari a 0,5 per1.000 e l’incidenza delle complicanze pari a 2,7% per la discectomia convenzionale e a5,8% per la microdiscectomia. 111Altri dati relativi all’incidenza delle complicanze insorte con la discectomia standard, lamicrodiscectomia e la discectomia percutanea sono riportate nel riquadro 6 dove sonoriassunti i dati che Clinical Evidence 25 ricava da una revisione sistematica del 1993. 112Riquadro 6. Complicanze postchirurgiche dell’ernia del disco lombare(adattato da Clinical Evidence 25 )DiscectomiastandardMicrodiscectomiaDiscectomiapercutaneaComplicanzeMedia% (95% IC)Studin*Media% (95% IC)Studin*Media% (95% IC)Studin*Mortalità0,15 (0,09-0,24)250,06 (0,01-0,42)8-3Tutte le infezionidella ferita operatoria1,97 (1,97-2,93)251,77 (0,92-3,37)16-2Infezioni profondedella ferita operatoria0,34 (0,23-0,50)170,06 (0,01-0,23)8-2Discite1,39 (0,97-2,01)250,67 (0,44-1,02)201,43 (0,42-4,78)8Lacerazionedella dura madre3,65 (1,99-6,65)173,67 (2,03-6,58)160,002Tutte le lesionidella radice nervosa3,45 (2,21-5,36)80,84 (0,24-2,92)120,30 (0,11-0,79)6Lesioni permanentidella radice nervosa0,78 (0,42-1,45)100,06 (0,00-0,26)8-6Tromboflebiti1,55 (0,78-1,30)130,82 (0,49-1,35)4non riportato0Embolia polmonare0,56 (0,29-1,07)140,44 (0,20-0,98)5non riportato0Meningiti0,30 (0,15-0,60)5non riportato0non riportato0Sindrome della caudaequina0,22 (0,13-0,39)3non riportato0non riportato0Ematoma muscolopsoasnon riportato0non riportato04,65 (1,17-15,5)5Trasfusioni0,70 (0,19-2,58)60,17 (0,08-0,39)11non riportato0* 81 studi inclusi: 2 RCT, 7 trial controllati non randomizzati, 10 studi caso-controllo e 62 serie di casi.38 Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaLa revisione, a differenza del Registro nazionale svedese, indica che l’incidenza delle complicanzedopo microdiscectomia è inferiore rispetto alla discectomia standard.Le complicanze più frequenti risultano la lacerazione della dura madre, il danno alle radicinervose, le infezioni della ferita chirurgica e la discite, che consiste nell’infiammazionedel disco e delle vertebre adiacenti, talora estesa anche ai tessuti molli circostanti, piùspesso a etiologia infettiva.Le complicanze vascolari postoperatorie immediate e tardive della chirurgia del discolombare sono state oggetto di una revisione sistematica. 113 L’incidenza complessiva dellecomplicanze vascolari viene stimata pari a 1-5 casi ogni 10.000 interventi. Sono statiidentificati 30 casi con lacerazione di un vaso retroperitoneale, 66 con fistola arterovenosae tre con formazione di uno pseudoaneurisma. Le lacerazioni più frequenti siverificano a carico dell’aorta addominale, della vena cava inferiore, dell’arteria iliacacomune e della vena iliaca comune. Quest’ultima è anche più spesso interessata da fistoleo pseudoaneurismi.Sono stati rintracciati alcuni studi di casistica, posteriori agli studi rintracciati da ClinicalEvidence, che riportano come l’incidenza delle complicanze intra e postoperatorie dopodiscectomia standard 114-115 o percutanea 116 risulta pari al 4-5%.L’incidenza della sindrome della cauda equina nell’immediato periodo post-discectomiaè segnalata con incidenza relativamente elevata (1,2%) in presenza di stenosi spinale congenita,117 considerata un fattore di rischio per l’insorgenza della complicanza.L’instabilità vertebrale, caratterizzata dal movimento irregolare tra una o più vertebreche può causare compressione radicolare intermittente, rappresenta una delle cause principalidi failed-back syndrome. 118-119 Aumenta progressivamente di incidenza con i successivireinterventi: fino a oltre il 60% nei pazienti sottoposti a revisioni multiple. 118 39Trattamento chirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaEfficacia dei trattamenti: chirurgici,mini-invasivi e conservativiI trattamenti utilizzati per l’ernia del disco lombare sintomatica sono classificabili in:➜ procedure chirurgiche (discectomia standard, microdiscectomia, discectomiapercutanea automatizzata, discectomia con laser o con coblazione, sostituzione del discointervertebrale)➜ interventi mini-invasivi (chemonucleolisi, iniezioni di steroidi epidurali, terapiaelettrotermica intradiscale o IDET, discolisi con ossigeno e ozono)➜ trattamenti conservativi (farmaci per via non epidurale, fisioterapia, massaggi, trazioni,manipolazioni vertebrali, scuola di educazione posturale o back school).Le prove scientifiche relative all’effetto di questi trattamenti, considerate generalmentepoco chiare, vengono esaminate in questo capitolo.Procedure chirurgicheProve sull’efficacia della procedure chirurgicheQuattro revisioni sistematiche 112, 120-122 e Clinical Evidence 25 concordano su unamigliore efficacia, sebbene limitata nel tempo, della discectomia standard per la risoluzionedel dolore rispetto al trattamento conservativo con fisioterapia (livello di provaI). Queste revisioni si basano sullo studio di Weber 123 che ha messo a confronto gli esitiin termini di dolore e attività fisica a uno, quattro e dieci anni in 126 pazienti conernia del disco L5-S1 sintomatica, di cui 67 trattati con discectomia standard e 87 trattaticonservativamente con fisioterapia. Risultati migliori erano presenti a un anno nelgruppo sottoposto a chirurgia (65% vs 36,4% dei pazienti riportavano di essere completamentesoddisfatti dal trattamento ricevuto) ma la differenza non era più significativadopo quattro anni (66,7% vs 51,5%) e si annullava a dieci anni (58,3% vs 56,1%).L’effetto, in termini di rischio relativo, risulta pari a: 1,79 (IC 95% 1,30-2,18) a un anno,con NNT = 3 (IC 95% 2-9); 1,29 (IC 95% 0,96-1,56) a quattro anni; 1,04 (IC 95%0,73-1,32) a dieci anni.** NNT = Number Needed to Treat. E’ il numero di pazienti che devono essere trattati per prevenire un esito avverso. Il valoredi NNT è pari al reciproco della riduzione assoluta del rischio (NNT= 1/ARR). La riduzione assoluta del rischio, o differenzadel rischio, è la differenza aritmetica tra le frequenze con cui si verifica un evento in seguito a due diversi trattamenti.Se la differenza del rischio risulta zero (i trattamenti sono perciò equivalenti), NNT ha valore infinito.40 Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaLo studio di coorte prospettico Maine Lumbar Spine Study, con periodo di follow-up dicinque anni, condotto su 507 pazienti con ernia del disco lombare, perviene a risultatisimilari allo studio di Weber, evidenziando una maggiore efficacia della chirurgia a brevedistanza dall’intervento con diminuzione dell’effetto nel tempo. 124-125 Peraltro, ibenefici del trattamento chirurgico sono significativi solo nel sottogruppo di pazienticon sintomatologia di maggiore gravità.Una revisione sistematica, 120 basata su tre RCT che valutavano esiti diversi, non ha evidenziatodifferenze tra discectomia standard e microdiscectomia né in termini di efficacia,né di effetti avversi (sanguinamento perioperatorio, durata della degenza o formazionedi fibrosi epidurale) (livello di prova I). Alcune complicanze chirurgiche, comele infezioni della ferita e i danni provocati alle radici nervose, sono peraltro riportatecon minor frequenza con la microdiscectomia (vedi riquadro 6, pagina 38).Non vi sono studi che comparano la microdiscectomia con i trattamenti conservativi. 25Non esistono studi che confrontino le tecniche di discectomia percutanea automatizzatacon il trattamento conservativo né con la discectomia standard. 25, 120, 122 DueRCT che confrontano le tecniche percutanee con la microdiscectomia forniscono risultaticontraddittori: 25 pertanto non vi sono prove sufficienti sull’efficacia della discectomiapercutanea rispetto alla microdiscectomia. L’incidenza delle complicanze operatoriedelle tecniche percutanee è riportata nel capitolo «Trattamento chirurgico: indicazioni,fattori prognostici e complicanze» di questa linea guida.Tre documenti di sintesi 25, 120, 126 concordano sull’assenza di RCT che valutino l’efficaciadegli interventi di discectomia con laser. Né sono state rintracciate prove di livelloadeguato sulla discectomia con coblazione.Sull’efficacia della sostituzione parziale o totale del disco, il posizionamento chirurgicodi dispositivi con funzione vicariante rispettivamente il solo nucleo polposoo l’intero disco intervertebrale, non sono stati rintracciati studi con disegno di rangoadeguato.Una corretta ed esaustiva informazione dei pazienti con ernia del disco lombare o constenosi del canale vertebrale sul significato della condizione, sulle possibilità di trattamentoe sui benefici e rischi del trattamento chirurgico è efficace per orientare una sceltaconsapevole tra le opzioni terapeutiche e per migliorare la prognosi clinica 127 (livellodi prova II). Anche la linea guida per la lombalgia acuta e cronica dell’Emilia Romagna31 indica che l’informazione del paziente è utile per ridurre l’apprensione e migliorarei sintomi clinici nei pazienti con mal di schiena.Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi 41


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRaccomandazioni per la pratica clinicaII/ABPCI/AVI/DVI/DConsiderando che l’efficacia della discectomia a distanza di tempo è sovrapponibileal trattamento conservativo e che la maggior parte dei pazienti conernia del disco lombare sintomatica guarisce spontaneamente, è necessarioche i medici responsabili della gestione clinica informino il paziente in modoesaustivo sulla storia naturale della condizione, sull’efficacia del trattamentochirurgico e sulle alternative terapeutiche per consentire una scelta deltrattamento consapevole e appropriata rispetto al suo stile di vita e alle suepreferenze.Le informazioni sulla limitata efficacia nel tempo della discectomia rispettoai trattamenti conservativi dovrebbero essere riportate con chiarezza anchesul modulo del consenso informato.La discectomia standard o la microdiscectomia rappresentano le tecniche chirurgichedi scelta.Sulla base dell’insufficienza delle prove disponibili, non si raccomanda l’effettuazionedella discectomia percutanea automatizzata con laser o concoblazione, se non nell’ambito di studi clinici sperimentali.Data l’insufficienza delle prove esistenti, l’intervento di discectomiaaccompagnato da sostituzione parziale o totale del disco non è raccomandatoper pazienti che sono sottoposti al primo intervento per ernia del discolombare.Interventi mini-invasiviProve sull’efficacia degli interventi mini-invasiviLa chemonucleolisi con chimopapaina risulta di efficacia inferiore alla discectomia standardma superiore al placebo per esiti valutati dal chirurgo o dai pazienti, e per rischiodi successiva discectomia 112, 120-122 (livello di prova I). I vari trattamenti proteolitici(chimopapaina, collagenasi) non differiscono tra loro in termini di efficacia 120, 128 (livellodi prova I). Si segnala che la valutazione di efficacia della chemonucleolisi non è presain esame da Clinical Evidence.Una revisione sistematica basata su quattro RCT riporta una limitata maggiore effica-42 Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticacia degli steroidi epidurali rispetto al placebo in termini di miglioramento complessivo(OR pooled = 2,2; IC 95% 1,0-4,7). Due successivi RCT non hanno viceversa evidenziatodifferenze tra la somministrazione di steroidi epidurali e il trattamento conservativo129 o il placebo. 130 Altri due recenti RCT, 131-132 condotti su pazienti con malattiadegenerativa del disco, hanno mostrato risultati contraddittori sull’effetto dell’iniezionedi steroidi epidurali o intradiscali sul dolore e la compromissione funzionale. In sintesi,le prove disponibili non permettono una valutazione conclusiva sull’effetto dellasomministrazione epidurale di steroidi nei pazienti con sciatica discogenica.Tra le principali complicanze delle iniezioni di steroidi epidurali sono state riportate lacefalea (3,1%) 133 e, più raramente, reazioni vasovagali, iperglicemia transitoria, ipertensionearteriosa, astenia agli arti inferiori 134 e cecità transitoria da emorragia retinica. 135Non sono stati rintracciati RCT di qualità adeguata per valutare l’efficacia clinica dellaterapia elettrotermica intradiscale (IDET) e della discolisi con ossigeno e ozono pervia epidurale, paravertebrale o intradiscale.Raccomandazioni per la pratica clinicaI/EI/CVI/DGli interventi di chemonucleolisi non sono consigliabili, considerandone laridotta efficacia rispetto alla discectomia.Considerata l’incertezza riguardante l’efficacia, la somministrazione degli steroidiepidurali può essere praticata nell’ambito di RCT miranti alla valutazionedi effetto.Considerata la mancanza di prove a favore della somministrazione epidurale,paravertebrale o intradiscale di miscele di ossigeno e ozono, se ne sconsiglial’utilizzo al di fuori di studi clinici randomizzati e controllati per valutarnel’effetto.Trattamenti conservativiProve sull’efficacia dei trattamenti conservativiLa base scientifica per i vari trattamenti conservativi utilizzati nella fase acuta è debole.Per quanto riguarda i farmaci a somministrazione non epidurale per il trattamento dell’erniadel disco lombare sintomatica, una revisione sistematica sull’efficacia dei trattamenticonservativi, che ha rintracciato tre RCT che valutano esiti eterogenei, 136 conclude perla non efficacia dei FANS rispetto al placebo (OR pooled 0,99; IC 95% 0,6-1,7) (livelloEfficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi 43


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticadi prova I). Un successivo RCT indica l’efficacia dei FANS rispetto al placebo sul dolorea breve termine nella sciatica acuta. 137La linea guida norvegese sul trattamento dell’ernia del disco lombare sconsiglia l’utilizzodei FANS nel trattamento acuto dell’ernia discale. 138La revisione sistematica sull’efficacia dei trattamenti conservativi riporta risultati non significativicirca l’efficacia dell’uso di steroidi via intramuscolare in pazienti con ernia deldisco lombare sintomatica (OR pooled 1,3; IC 95% 0,5-3,4) (livello di prova I). 136Non sono stati invece rintracciati revisioni sistematiche o RCT relativi all’efficacia di analgesici,miorilassanti e antidepressivi in caso di ernia del disco lombare. 25Non sono stati rintracciati RCT sull’efficacia dei farmaci inibitori del fattore di necrositumorale nei pazienti con ernia del disco. Alcuni recenti studi osservazionali riportano laloro efficacia nel trattamento della sciatica severa. 139-141Non sono stati trovati RCT che valutino l’effetto delle fisioterapie strumentali, qualimagnetoterapia, ultrasuoni, elettroterapia antalgica (alto voltaggio, diadinamica), mesoterapia,termoterapia, in pazienti con ernia del disco sintomatica. Un solo studio controllato,non recente e di scarsa qualità metodologica, 142 riporta l’efficacia del trattamento conultrasuoni per il dolore lombare da ernia del disco.Clinical Evidence, sulla base di una revisione sistematica 143 (search date 1998) che ha rintracciatoun RCT di bassa qualità, conclude per un’insufficiente prova di efficacia dell’agopunturain caso di ernia discale sintomatica.Altri trattamenti non farmacologici o di fisioterapia non strumentale includono: manipolazionidella colonna; trazioni manuali; programma di esercizi; massoterapia; riposo aletto; ripresa dell’attività fisica.Vi sono prove contraddittorie derivanti da RCT sull’efficacia della manipolazione inpazienti con sciatica 136 o ernia del disco lombare: 25 risulta più efficace del trattamentocon placebo (calore da infrarossi), ma non emergono differenze rispetto alla trazionemanuale, esercizi o corsetto. Un RCT condotto su pazienti con ernia del disco lombaresintomatica indica un’efficacia pari della manipolazione e della chemonucleolisi sudolore e disabilità 144 (livello di prova II).La linea guida della regione Emilia Romagna sul mal di schiena indica la manipolazionecome controindicata in caso di sospetta lesione radicolare o ernia del disco (forza deboledella raccomandazione). 31, ++ Una recente revisione sistematica (Bronfort G, Haas M, Evans RL, Bouter LM. Efficacy of spinal manipulation and mobilizationfor low back pain and back pain: a systematic review and best evidence synthesis. Spine J 2004; 4: 335-56) sull’efficaciadella manipolazione spinale e della mobilizzazione per il trattamento del mal di schiena indica una moderata prova diefficacia nella lombalgia sia acuta che cronica. Anche la sinossi CeVEAS considera la manipolazione efficace e consigliabilenelle prime 2-6 settimane dall’insorgenza della lombalgia acuta.44 Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaDue revisioni sistematiche, non prive peraltro di seri limiti metodologici, indicano lasostanziale sicurezza dei trattamenti di manipolazione spinale, data la rarità di insorgenzadi complicanze gravi. 145-146Una revisione sistematica non ha rintracciato RCT pubblicati fino al 1998 sul beneficiodel riposo a letto o del consiglio di stare attivi nei pazienti con sciatica. 136 Un successivoRCT 147 effettuato in pazienti con sciatica non ha evidenziato differenze significativetra il riposo a letto e una cauta attesa per due settimane su dolore, impotenzafunzionale, miglioramento percepito e soddisfazione del paziente.La linea guida norvegese sul trattamento dell’ernia del disco lombare 138 sconsiglia il riposoa letto in fase acuta e raccomanda di ritornare a essere attivi non appena possibile.**Non sono stati rintracciati RCT sull’utilità dei massaggi e del calore/freddo in presenzadi ernia del disco lombare sintomatica. 25Una revisione sistematica 136 ha rintracciato un RCT che non mostrava differenze traterapia con esercizi isometrici e trazione manuale praticata per sette giorni in pazienticon sciatica da ernia del disco.Non esistono prove sull’efficacia della scuola di educazione posturale (back school) neipazienti con ernia discale sintomatica. ++Raccomandazioni per la pratica clinicaII/BVI/BVI/BL’uso di paracetamolo o FANS è raccomandabile per ridurre la sintomatologiadolorosa, ma solo per periodi di tempo non prolungati. Non deve esseredimenticato che i FANS possono avere seri effetti collaterali, specialmentenei soggetti anziani.Il paracetamolo con oppiodi deboli e il tramadolo possono rappresentareun’efficace alternativa ai FANS o al paracetamolo da solo.Gli steroidi per via sistemica possono essere utilizzati per brevi periodi.** Anche una recente revisione sistematica Cochrane sconsiglia il riposo a letto rispetto all’attività fisica nei pazienti conmal schiena (Hagen KB, Hilde G, Jamtvedt G, Winnem M. Bed rest for acute low-back pain and sciatica. Cochrane DatabaseSyst Rev 2004; (4): CD001254).++ La back school è peraltro di provata efficacia nei pazienti con mal di schiena ricorrente o cronico rispetto agli altri trattamenticonservativi, come indicato da una recente revisione Cochrane (Heymans MW, van Tulder MW, Esmail R, BombardierC, Koes BW. Back schools for non-specific low-back pain. Cochrane Database Syst Rev 2004; (4): CD000261). Anche la lineaguida sul mal di schiena dell’Emilia Romagna 31 ne raccomanda la pratica negli ambienti di lavoro.Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi 45


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaVI/DVI/DVI/BVI/BVI/CI/CVI/BII/BIn assenza di prove a favore dell’uso di miorilassanti non se ne consiglial’utilizzo, in particolare negli uomini anziani per il rischio di ritenzione urinariaacuta.Non vi sono prove sufficienti a favore dell’uso di antidepressivi, se non inpresenza di depressione maggiore e di indicazione specialistica.La somministrazione di farmaci inibitori del fattore di necrosi tumorale inpazienti con ernia del disco lombare sintomatica dovrebbe essere praticatasolo nell’ambito di studi clinici controllati miranti alla valutazione dell’effetto.I programmi di riabilitazione multimodali, nell’ambito di una presa in caricoglobale e in relazione al contesto clinico del singolo paziente, potrannoessere costituiti da esercizi posturali e scuola di educazione posturale, nonchéeventualmente da altri tipi di esercizi che non richiedono l’impiego dimacchine.Pur in assenza di prove sull’efficacia delle fisioterapie strumentali e dell’agopunturanei pazienti con ernia del disco lombare sintomatica, il loro usopotrebbe essere preso in considerazione, a scopo antalgico, nell’ambito diprogrammi riabilitativi multimodali.Non ci sono elementi certi per raccomandare o sconsigliare le manipolazioninel trattamento dell’ernia discale sintomatica, considerando le debolie contraddittorie prove di efficacia e la remota possibilità di rischi.Le manipolazioni devono comunque essere eseguite da professionisti qualificati.Si raccomanda di limitare il riposo a letto allo stretto tempo necessario eritornare attivi non appena possibile.46 Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRiquadro 7. Valutare l’esito clinico dei trattamentiLe misure per valutare l’esito clinico dei trattamenti sul rachide si esplicano nei seguenti ambiti: 1481. Valutazione del doloreVisual Analogic Scale (VAS). Scala di valutazione della percezione soggettiva dell’intensità del dolore, consistentein una linea di 10 cm su cui il paziente registra con un segno il livello del dolore provato (0 = nessun dolore;100 = il peggior dolore possibile). 149-150McGill Pain Questionnaire (MPQ). Questionario per valutare tre dimensioni qualitative del dolore: cognitivovalutativa,affettiva e sensoriale. E’ costituito da una scala descrittiva dell’intensità del dolore; un disegno delcorpo umano sul quale il paziente indica la sede del suo dolore; un indice di stima del dolore basato su aggettiviche riflettono le componenti sensoriali, affettive e cognitive del dolore. Definita l’ampiezza di ciascuna dimensione,ne risulta il «profilo qualitativo» del dolore. 1512. Questionari di valutazione della qualità della vita genericiShort-Form Healthy Survey (SF-36). Questionario più diffuso che misura lo stato di salute e la qualità della vita,composto da 36 elementi che misurano otto concetti di salute (percezione dello stato di salute generale, attivitàfisica, limitazione del proprio ruolo dovuto alla salute fisica, dolore fisico, salute mentale generale, limitazione diruolo dovuta a problemi emozionali, vitalità, attività sociali). Il punteggio di ogni scala è calcolato da 0 a 100. 152Ne esiste una versione italiana. 1533. Questionari di valutazione della qualità della vita specifici per il rachideRoland-Morris Questionnaire (RMQ). Questionario autosomministrato che misura il grado di disabilità. Costituitoda 24 frasi che descrivono situazioni tipiche di un soggetto con dolore. Il punteggio massimo, cui corrispondeil grado di disabilità, è 24. 154 Ne esiste una versione italiana. 155Oswestry Low Back Pain (Disability) Questionnaire (ODQ). Scala di valutazione con indice di disabilità correlatoal dolore. Il questionario comprende dieci elementi (intensità del dolore, cure personali, sollevamento, camminare,sedersi, stare in piedi, dormire, vita sociale, viaggiare, cambiamenti del grado di dolore) che descrivonoil livello di disabilità. Ognuno dei dieci elementi comprende un punteggio da 0 a 5 per indicare l’impatto deldolore. Il punteggio totale è la somma dei punti ottenuti. 156 Ne esiste una versione italiana da richiedere al GLO-BE (www.globeweb.org).Nass. Il Lumbar Spine Questionnaire proposto dalla North American Spine Society (NASS) e dall’American Academyof Orthopedic Surgeons (AAOS) è una versione modificata dell’ODQ integrata con diagramma del dolore,domande dell’SF-36, scala di sintomi neurologici, domande sulla soddisfazione e scala delle aspettative. 157Ne esiste una versione italiana. 1584. Soddisfazione del pazienteNessun questionario da solo è esaustivo per la valutazione della soddisfazione del paziente.5. Capacità lavorativaSi utilizza la durata della disabilità intesa come il tempo trascorso da quando il lavoratore lascia il lavoro a quandoè in grado di ritornarvi.Sono riportate di seguito alcune scale di misurazione che tentano di riassumere in un solo punteggio caratteristichecliniche oggettive (misurate dal medico) e soggettive (riferite dal paziente).Criteri di MacNab. Valutazione del dolore post-trattamento tramite una scala 1-4: eccellente (assenza di dolore,nessuna limitazione nei movimenti, possibile la normale attività lavorativa); buono (talvolta dolore, ma ugualmentepossibile tornare al lavoro, modeste restrizioni funzionali); discreto (scarso miglioramento funzionale,qualche limitazione delle attività lavorative e quotidiane); scarso (nessun miglioramento). 159Prolo Functional Economic Outcome Rating Scale (Prolo Scale). Scala di valutazione pre e post-trattamentodello stato economico e funzionale del paziente. 160Clinical Overall Score. Valutazione dello stato clinico generale pre e post-trattamento ottenuta tramite sommatoriadei risultati ottenuti dai vari elementi: intensità del dolore (VAS); segni fisici (alterazione flessibilità e/otorsione della colonna, test di Lasègue, atrofia muscolare, forza muscolare, alterazione sensoriale); capacitàfunzionale; uso di analgesici.Efficacia dei trattamenti: chirurgici, mini-invasivi e conservativi 47


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaModalità assistenziali perioperatorieIn questo capitolo vengono prese in considerazione le modalità anestesiologiche e organizzativedel ricovero, nonché l’utilità di alcuni trattamenti perioperatori quali la profilassiantibiotica e antitrombotica, la valutazione psicologica, l’uso di anticicatrizzantiintraoperatori per prevenire la fibrosi epidurale e la fisioterapia.Tecniche anestesiologicheDiversi tipi di anestesia (generale, spinale e/o epidurale, persino locale) e diverse posizionidel paziente (genu-pettorale, prona o laterale) possono essere utilizzati per l’interventodi discectomia.Prove sull’efficacia dei vari tipi di anestesia e sulla preferibile posizionedel pazienteL’anestesia e.v. genera un recupero più rapido e minori effetti postoperatori rispetto all’anestesiapuramente inalatoria a fronte di un costo maggiore 161 (livello di prova II). Complessivamentevantaggi e svantaggi dell’impiego dei due anestetici remifentanil e alfentanilsi equivalgono 162 (livello di prova II). Gli studi sugli effetti della posizione genupettoraleriportano risultati contrastanti. In due studi la posizione genu-pettorale nonè risultata associata ad alterazioni emodinamiche sfavorevoli durante l’intervento. In unaltro studio, 163 al contrario, sono stati osservati decrementi significativi della pressionearteriosa e della frequenza cardiaca rispetto ai pazienti operati proni con addome sollevato(posizione di Wilson). Un altro studio riporta che gli effetti emodinamici nei pazientiin posizione genu-pettorale sono meglio tollerati con l’anestesia spinale che in anestesiagenerale. 164 Nel complesso i pochi studi esistenti non permettono di individuarele migliori tecniche di anestesia per l’intervento di discectomia.Raccomandazioni relative all’anestesiaBPCPer quanto riguarda la scelta del tipo di anestesia, in assenza di prove relativeagli interventi di ernia del disco, tenendo conto che l’anestesia generaleè di gran lunga la più impiegata, se ne consiglia l’uso per l’effettuazionedegli interventi di discectomia in base a criteri di buona pratica clinica. L’esperienzadell’anestesista e del chirurgo rappresentano comunque i principalifattori che determinano la scelta del tipo di anestesia e della posizionedel paziente durante l’intervento di discectomia.48 Modalità assistenziali perioperatorie


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaBPCBPCBPCL’effettuazione dell’intervento in posizione genu-pettorale richiede l’utilizzodi un apposito telaio (per esempio: l’Andrews frame), mentre anche in posizioneprona si utilizzano telai appositi come il Wilson frame o l’allestimentodi adeguati appoggi opportunamente protetti per torace e bacino, che consentanodi tenere sollevato l’addome al fine di prevenire la stasi venosa.La posizione prona è di per sé legata a complicazioni quali soprattutto lelesioni nervose periferiche da stiramento e compressione (plesso brachiale,nervo ulnare). E’ pertanto raccomandata la sistematica messa in opera di tuttigli accorgimenti protettivi del caso.L’intervento di discectomia non è normalmente associato a dolore postoperatorioparticolarmente significativo. Un semplice accorgimento analgesicoè comunque costituito da un decubito confortevole (semisupinato) già dall’immediatorisveglio.Profilassi antibiotica e antitromboticaLa profilassi antibiotica mira a prevenire le infezioni superficiali e profonde della ferita chirurgicae la discite, una delle complicanze più frequenti degli interventi di discectomia.Il razionale della profilassi tromboembolica si fonda sull’analisi dei fattori di rischio, alcunipropri del paziente e altri dipendenti dall’entità e dalla sede del traumatismo chirurgico.Sotto quest’ultimo profilo, l’intervento di discectomia costituisce un traumatismodi modesta entità, ed è quindi di per sé gravato da modesto rischio tromboembolico.La profilassi antitrombotica, per prevenire le complicanze tromboemboliche postchirurgiche,può essere effettuata con eparinici per via sistemica o con presidi meccanici,quali calze contenitive e mobilizzazione precoce.Prove sull’efficacia della profilassi antibiotica e antitromboticaDue RCT 165-166 rintracciati nella linea guida del PNLG (Programma nazionale per le lineeguida) su Profilassi antibiotica in chirurgia 167 indicano l’efficacia della profilassi antibioticacon cefazolina in singola dose o cefazolina e gentamicina rispetto all’esito infezione dellaferita (livello di prova II; NNT = 20). La linea guida PNLG raccomanda conseguentementel’uso della profilassi antibiotica nella chirurgia del rachide (Forza A, elevata).Uno studio con outcome surrogato 168 indica l’efficacia della somministrazione di unadose molto elevata di gentamicina (5mg/kg e.v, due ore prima dell’intervento), ma nondel cefuroxime, per prevenire la discite.Modalità assistenziali perioperatorie49


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaLa linea guida ACCP on Antithrombotic and Thrombolityc Therapy, relativa alla prevenzionedel tromboembolismo venoso, riporta raccomandazioni di forza elevata relativealla tromboprofilassi chirurgica, anche se non specifiche per la chirurgia discale. 169 Ladecisione di instaurare la prevenzione è legata a fattori associati sia al tipo di interventoche al rischio individuale del paziente.Sono stati anche rintracciati alcuni studi controllati non recenti e di scarsa qualità relativialla tromboprofilassi della chirurgia per ernia del disco. Gli studi che confrontanoil trattamento antitrombotico con placebo 170 o con il non trattamento 171 indicanol’inefficacia della profilassi antitrombotica. Altri due studi 172-173 dimostrano lamaggiore o pari efficacia dell’eparina a basso peso molecolare rispetto all’eparina nonfrazionata.Raccomandazioni relative alla profilassi antibiotica e antitromboticaI/AI/BIII/DI/BI/BConsiderato il rischio di complicanze infettive dopo discectomia, sulla basedella provata efficacia della profilassi nei confronti dell’infezione della feritachirurgica, si raccomanda di attuare una profilassi antibiotica.La somministrazione di cefalosporine di I generazione in unica somministrazionemonodose perioperatoria rappresenta il trattamento di profilassiantibiotica consigliabile sulla base di criteri di efficacia, sicurezza e costo.Vi è evidenza per raccomandare di non utilizzare di routine la profilassi antitromboticanei pazienti a basso rischio di tromboembolismo, sottoposti adiscectomia lombare per ernia del disco intervertebrale.La tromboprofilassi trova indicazione in presenza di fattori di rischio tromboemboliciassociati. In caso di rischio moderato (per pregressa trombosivenosa profonda, cancro, condizioni molecolari trombofiliche, uso di contraccettiviorali contenenti estrogeni), si può ricorrere all’eparina, preferibilmentea basso peso molecolare, a basse dosi, e/o alle calze a compressionegraduale e ai sistemi a compressione pneumatica intermittente.Nel caso di rischio elevato, rappresentato dall’età maggiore di 60 anni o compresatra i 40 e i 60 anni in associazione a fattori addizionali, si dovrebbe ricorrereall’eparina, preferibilmente a basso peso molecolare, a dosaggi elevati,e/o ai sistemi a compressione pneumatica intermittente.50 Modalità assistenziali perioperatorie


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaValutazione psicologica perioperatoriaL’incostante correlazione tra quadro clinico e anatomo-radiologico nella patologiadiscale ha portato a indagare il ruolo che altri fattori (aspetti psicosociali, percezione deldolore e componenti biochimiche dell’infiammazione) svolgono nella genesi del doloree della disabilità funzionale e nella prognosi chirurgica (vedi anche il capitolo «Trattamentochirurgico: indicazioni, fattori prognostici e complicanze»).La percezione della disabilità nei soggetti trattati chirurgicamente per ernia del discopotrebbe infatti essere sovrastimata da coloro che tendono alla somatizzazione indipendentementedalla presenza o meno di disturbi depressivi. I pazienti clinicamentedepressi, ma senza caratteristiche di somatizzazione, potrebbero invece sottostimare lagravità di una patologia lombare non particolarmente disabilitante. Tale condizione, specialmentese non trattata, potrebbe determinare un peggior decorso rispetto ai soggettinon affetti da disturbi depressivi, in quanto i soggetti clinicamente depressi difficilmentesvolgono attività fisica anche minima. Inoltre se cronicamente affetti da depressioneè verosimile che siano in sovrappeso, e che in generale abbiano scarsa cura di sé(alimentazione, stile di vita).Dal punto di vista clinico, diviene dunque importante disporre di strumenti in grado divalutare i fattori psicologici che possono condizionare l’esito clinico dei trattamenti.Prove sull’utilità della valutazione psicologicaLe prove contraddittorie sul ruolo dei fattori psicologici nel predire l’esito clinico postoperatoriosono state esaminate nel capitolo «Trattamento chirurgico: indicazioni, fattoriprognostici e complicanze».Sono stati rintracciati altri studi di coorte di piccole dimensioni, 174-176 eterogenei traloro come disegno, in cui vengono impiegati l’MMPI o altri strumenti di valutazione,per la misurazione dei fattori psicologici. Questi studi indicano nel complesso che i fattoripsicologici (percezione del lavoro, depressione, ipocondria) possono svolgere un ruolonel condizionare l’esito clinico della discectomia 174-175 o della chemionucleolisi 176in termini di dolore e disabilità, e dovrebbero essere presi in considerazione nella gestioneclinica (livello di prova III). Uno studio 174 indica che nei pazienti con protrusionesenza segni di compressione nervosa, la valutazione dei fattori legati alla percezione dellavoro e ai fattori psicosociali potenzia l’accuratezza diagnostica e riduce il rischio disovratrattamento chirurgico.Non sono state rintracciate prove che indichino in quale momento sia più appropriatoeffettuare i test.Modalità assistenziali perioperatorie 51


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRaccomandazioni relative alla valutazione psicologicaBPCIII/CIII/BL’eventuale presenza di fattori non organici può essere suggerita, sia almomento dell’esordio del quadro clinico che in caso di dolore e di disabilitàprotratti, dal cosiddetto test di Waddel (vedi riquadro 8).La presenza di fattori psicosociali deve essere valutata se i sintomi nonmigliorano entro 4-6 settimane dall’esordio, contestualmente alla rivalutazionedella presenza di eventuali semafori rossi e agli accertamenti di diagnosticaper immagini e alle visite specialistiche. I fattori psicosociali potrebberorappresentare potenziali determinanti del sovratrattamento chirurgicoe del rischio di cronicità dei sintomi.Gli strumenti psicometrici da impiegare per la valutazione psicologica sonoil test MMPI per la componente somatica e la Beck Depression Inventory ola Zung Self Rating Scale per il tono dell’umore (vedi riquadro 9).Anticicatrizzanti intraoperatori per prevenire la fibrosi epiduraleDopo chirurgia del disco lombare può verificarsi la formazione di tessuto fibroso a livelloepidurale. La formazione di fibrosi perineurale potrebbe essere causa della recidivadel dolore lombare e del mancato recupero della funzionalità. Studi su animali hannomostrato che l’applicazione di grasso autologo riduce la formazione di tessuto cicatrizialefibroso. Negli interventi sull’uomo il tessuto adiposo viene di regola prelevato daun’area sottocutanea e collocato lateralmente alla radice nervosa. 181 Alternativamentevengono utilizzate molecole di origine sintetica quali gel, schiume o membrane di interposizione,che vengono ugualmente apposti in sede epidurale.Negli studi che valutano l’efficacia degli anticicatrizzanti, l’entità della fibrosi è generalmentemisurata attraverso le tecniche di diagnostica per immagini, mentre dolore efunzionalità attraverso questionari somministrati al paziente. La relazione fra dolore/funzionalitàe presenza di fibrosi non è peraltro supportata da prove solide. 175Prove sull’efficacia dei trattamenti anticicatrizzantiVi sono prove contrastanti, derivanti da una revisione sistematica 120 e cinque RCT di piccoledimensioni, 182-186 di cui due finanziati peraltro dall’industria produttrice, 182-183 chel’applicazione intraoperatoria di gel anticicatrizzanti in sede epidurale abbia effetto nelprevenire la formazione della fibrosi e sugli esiti clinici. Gli stessi studi mostrano risultati52 Modalità assistenziali perioperatorie


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRiquadro 8. Test di WaddelE’ composto da cinque sezioni:1. Test distrazionali. L’obiettivo del test è distrarre il paziente per vedere se una manovra risultata positivadiviene negativa con paziente distratto. La manovra più utilizzata è quella di Lasègue, la piùconosciuta anche dai pazienti, specie se affetti da lombalgia cronica e quindi con storia di moltevisite. Il paziente può evocare dolore durante il sollevamento della gamba in posizione supina, mentrein posizione seduta con gambe abdotte l’occasionale sollevamento della gamba non reca alcundolore.2. Test simulati. L’obiettivo di questi test è dare l’impressione che si stia eseguendo una manovrasemeiologica, mentre in realtà non è così. I sintomi accusati dal paziente sono causati dalla suaaspettativa di percepirli:• carico assiale: test positivo quando il paziente in piedi avverte lombalgia se viene applicata conle mani del medico una spinta di circa 1-2 kg sulla testa o sulle spalle. In nessun caso, infatti, talespinta può accentuare sintomi lombalgici;• rotazione: si ruota passivamente il tronco del paziente in posizione eretta in modo che spalle ebacino rimangano sullo stesso piano; in questo modo non vi è alcuna rotazione della colonna e lacomparsa di dolore rende il test positivo per risposta comportamentale (solo in caso di irritazioneradicolare ci potrebbe essere una leggera trazione sulla radice).3. Test della dolorabilità. Anche se è difficile individuare le aree di alterata dolorabilità, queste sonocomunque circoscritte. Nel paziente con presentazione non organica l’area iperalgica è diffusa senzadistribuzione metamerica. La cute è dolorabile per lieve pizzicamento anche fino alla regione scapolaree la dolorabilità alla pressione sulle prominenze ossee si estende dal coccige all’occipite.4. Test delle alterazioni distrettuali. Nel paziente con sintomi non organici le alterazioni della forza edella sensibilità corrispondono all’immagine corporea comprendendo spesso tutto l’arto inferioreo tutta la gamba, senza corrispondenza neurofisiologica:• debolezza: a dispetto di un riferito deficit di forza che interessa diversi miotomeri, senza plausibilespiegazione anatomica, il paziente quando non è valutato compie gli atti quotidiani della vita; allavisita, la resistenza che il muscolo offre alla forza applicata non è continua, ma a scatti oppure conun cedimento improvviso;• alterazione della sensibilità: non corrisponde a un dermatomero ma ha distribuzione a calzino ointeressa metà corpo o tutta la circonferenza di un arto.5. Test dell’iperreattività. La verbalizzazione, la mimica, la tensione muscolare, il tremore, la sudorazione,la facilità al deliquio.Il test di Waddel è considerato positivo solo se più di tre sezioni risultano positive. Non è valutabilein pazienti anziani. Non è un test medico-legale per evidenziare simulatori. La positività del test indicala necessità di approfondire la valutazione globale del paziente per poi calibrare gli obiettivi di trattamento,con strumenti e competenze aggiuntive.tra loro contraddittori anche riguardo l’associazione fra l’entità della fibrosi e la persistenzadi dolore o il recupero della funzionalità.Un altro RCT 181 non mostra differenze fra il gruppo trattato con posizionamento digrasso autologo e il gruppo di controllo per la prevenzione della formazione di fibrosiepidurale.Modalità assistenziali perioperatorie 53


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaRiquadro 9. Scale di valutazione psicometricaIl Minnesota Multiphasic Personality Inventory(MMPI) 177-178 è un test psicodiagnostico, che permettedi cogliere la personalità del soggetto e di focalizzare le sue aree di difficoltà e le sue modalità diespressione del disagio psicologico. Il questionario autosomministrato, cui l’intervistato risponde informa binaria (vero o falso), indaga vissuti, condizioni fisiche, abitudini, atteggiamenti e pensieri ricorrenti.In generale, punteggi alti esprimono caratteristiche psicologiche disadattanti relativamente alladimensione considerata; punteggi medi indicano adattamento; punteggi bassi evidenziano l’assenzadi patologia.La Beck Depression Inventory (BDI) 179 valuta lo stato di depressione, attraverso 13 elementi ordinatisecondo un livello crescente di gravità. Viene esplorata una gamma ristretta di sintomi riferiti soloalla depressione.L’Hospital Anxiety and Depression Scale (HADS) 180 è una scala di autovalutazione per lo screeningdella sintomatologia ansioso-depressiva, composta da 14 elementi valutati in base a una scala da 1a 4, che riguardano depressione e ansia. La scala esclude dalla valutazione la sintomatologia somaticaconcentrando invece l’attenzione, per la depressione, sulla riduzione delle capacità edoniche,considerate gli indicatori più sensibili di questo disturbo.Raccomandazioni relative ai trattamenti anticicatrizzantiI/EConsiderate le prove contrastanti sull’efficacia dei trattamenti intraoperatoriper prevenire la fibrosi epidurale e sulla relazione tra questa e gli esiti clinici,si raccomanda di non utilizzare gel o grasso autologo in sede epiduralein corso di discectomia per ernia del disco lombare, al di fuori di studi clinicisperimentali.Fisioterapia postoperatoriaVi è persistente controversia sull’opportunità di limitare l’attività fisica dopo chirurgiaspinale, sulla durata di questa restrizione e sull’efficacia dei vari programmi di riabilitazioneattiva, per il timore di aumentare il rischio di recidive o di instabilità vertebrale.Prove sull’effetto della fisioterapia postoperatoriaVi è forte prova (livello di prova I), derivante da una revisione sistematica di studi controllatirandomizzati e non 187 e da due successivi RCT, 188-190 che un programma intensivodi esercizi, effettuato dopo il primo intervento chirurgico per il trattamento dell’erniadel disco lombare, iniziato entro 4-6 settimane dall’intervento, faciliti il recuperofunzionale e il rientro al lavoro, senza incrementare il rischio di reintervento. Inol-54 Modalità assistenziali perioperatorie


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticatre, la revisione sistematica non riporta prove che i pazienti debbano ridurre la loro attivitàdopo l’intervento. 187 Uno studio di coorte prospettica non controllata indica chela ripresa precoce dell’attività fisica dopo discectomia facilita una più rapida ripresa dell’attivitàlavorativa 92 (livello di prova V).Non sono stati rintracciati studi che indagano se i programmi di riabilitazione attiva debbanoiniziare immediatamente o dopo 4-6 settimane dall’intervento chirurgico. 187Raccomandazioni relative alla fisioterapia postoperatoriaI/BI/ABPCI/CNon è opportuno limitare l’attività fisica dei pazienti dopo il primo interventochirurgico per ernia del disco lombare, anche per facilitare la precoce ripresadell’attività lavorativa se non associata a un rischio professionale di erniadel disco.Dopo il primo intervento chirurgico per ernia del disco lombare va effettuatoun programma intensivo di riabilitazione fisioterapica da iniziare entro 4-6 settimane dall’intervento.Il trattamento fisioterapico, nell’ambito della presa in carico globale delpaziente, deve essere iniziato il più precocemente possibile dopo l’interventoe, qualora possibile, anche in fase preoperatoria.Non vi sono prove per raccomandare una particolare tipologia o modalità diprogramma riabilitativo (supervisionato o domiciliare).Modalità organizzativeIl trasferimento di prestazioni chirurgiche dal ricovero ordinario verso la day surgery el’ambulatorio è un fenomeno in rapida espansione, reso possibile dalla disponibilità dinuove tecniche mini-invasive e dalla necessità di contenere durata e costi della degenza.Nella lista degli interventi effettuabili in day surgery, approvata dalla Conferenza Stato-Regioni, è menzionata la procedura «Altra distruzione di disco intervertebrale» che includela «distruzione effettuata con laser» (codice ICD-9-CM 80.59).Prove sulle modalità organizzativeI risultati della chirurgia per ernia del disco condotta su outpatient sono riportati in unquasi-RCT a randomizzazione prevedibile condotto in Gran Bretagna, 191 e in dieci stu-Modalità assistenziali perioperatorie 55


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticadi di casistica, condotti negli USA 192-200 – in cinque casi da neurochirurghi operanti inregime privatistico – o in Germania. 201In sei studi 191, 193-195, 197, 200 i pazienti erano stati sottoposti a discectomia tradizionaleo microdiscectomia in anestesia generale; in tre studi a discectomia per via endoscopica(due in anestesia generale 192, 198 e uno con paziente sedato ma cosciente 201 ); inuno studio 196 a decompressione con laser in anestesia locale; in un altro studio 199 adiscectomia percutanea in anestesia locale con paziente sedato.In tutti gli studi gli autori concludono che l’intervento è fattibile e sicuro, e consenteun abbattimento dei costi rispetto al ricovero ordinario. Gli autori identificano peraltrocriteri variabili di selezione dei pazienti (in base a età, complicanze, classe ASA, requisitisociali). In taluni casi emergono indizi di inappropriatezza della casistica trattata sullabase dell’età dei pazienti operati, sulle indicazioni o sulla tempistica del trattamento.195, 199, 201Disegno, qualità metodologica e scarsa generalizzabilità degli studi indicano un livellomolto debole di prove (livello di prova V) riguardo all’efficacia e alla sicurezza delsetting ambulatoriale/day surgery per gli interventi di discectomia e delle altre tecnichedi chirurgia per ernia del disco.Raccomandazioni relative alle modalità organizzativeV/CNon sono disponibili prove sufficienti per raccomandare un particolaresetting assistenziale per i vari interventi di discectomia.56 Modalità assistenziali perioperatorie


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaGlossarioChemonucleolisi. Tecnica percutanea di iniezione di un enzima proteolitico (chimopapainao collagenasi) nel nucleo polposo di un disco, con digestione chimica del materialeerniato.Coblazione. Intervento di ablazione fredda per trasmissione di energia ad alta frequenza(radiofrequenza) in grado di vaporizzare una parte del nucleo polposo senza produrrecalore, attraverso l’inserimento di un ago, sotto controllo radiologico, nello spaziodiscale.Discectomia laser. Procedura che utilizza il raggio laser diretto sul nucleo del discocon vaporizzazione del nucleo erniato, eseguibile sotto controllo radiologico, usualmentecon l’approccio mini-invasivo percutaneo.Discectomia percutanea (Automated percutaneous discetomy, APD). Frammentazionee aspirazione dell’ernia senza dissezioni tissutali attraverso incisioni cutanee minime(


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticadratante che comporterebbe una riduzione delle dimensioni del nucleo polposo erniato.La miscela viene applicata in anestesia locale sotto controllo radiologico.Nucleoplastica. Metodiche chirurgiche mini-invasive che, tramite l’impiego per via percutaneadi mezzi fisici che agiscono sul disco (quali la coblazione e la IDET), determinanola modificazione dello stato morfologico-strutturale del nucleo polposo (ed eventualmentedell’anulus: anuloplastica).Termoterapia. Si utilizza il calore prodotto esternamente da onde corte (marconiterapia)o internamente tramite microonde (radarterapia). L’aumento della temperatura corporeanelle zone trattate determina vasodilatazione e aumento dell’ossigenazione dei tessuti,che si tradurrebbe in un’azione analgesica e miorilassante.58 Glossario


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticaBibliografia1. Baldwin NG. Lumbar disc disease: the natural history. Neurosurg Focus 2002; 13: 1-4.2. Fardon DF, Milette PC. Nomenclature and classification of lumbar disc pathology. Spine2001; 26: E93-E113.3. Andersson GBJ. The epidemiology of spinal disorders. In: Frymoyer JW, Ed. The adult spine:principles and practice. Philadelphia: Lippincott-Raven Publishers, 1997: 93-141.4. Jarvik JG, Deyo RA. Diagnostic evaluation of low back pain with emphasis on imaging.Ann Intern Med 2002; 137: 586-97.5. Cherkin DC, Deyo RA, Loeser JD, Bush T, Waddell G. An international comparison ofback surgery rates. Spine 1994; 19: 1201-6.6. ISTAT. Sistema sanitario e salute della popolazione. Indicatori regionali – anno 1999. Roma:ISTAT, 2001.7. Weber H. The natural history of disc herniation and the influence of intervention. Spine1994; 19: 2233-8.8. Nachmeson AL. Prevention of chronic back pain. The orthopedic challenge for the ’80.Bull Hosp Jt Dis Orthop Inst 1984; 44: 1-15.9. Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 27 aprile 2004. Elenco dellemalattie per le quali è obbligatoria la denuncia, ai sensi e per gli effetti dell’art. 139 del testounico, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124, esuccessive modificazioni e integrazioni. Gazzetta Ufficiale n. 134 del 10 giugno 2004.10. Davis H. Increasing rates of cervical and lumbar spine surgery in the United States, 1979-1990. Spine 1994; 19: 1117-24.11. Keller RB, Atlas SJ, Soule DN, Singer DE, Deyo RA. Relationship between rates andoutcomes of operative treatment for lumbar disc herniation and spinal stenosis. J Bone JointSurg Am 1999; 81: 752-62.12. Saal JA. Natural history and nonoperative treatment of lumbar disc herniation. Spine 1996;21 (24 Suppl): 2S-9S.13. Goupille Ph, Lalat J-P. Lombosciatique: théorie mécanique remise en cause. Rev PratMédecine Générale 1998; 12: 9-11.14. Boos N, Semmer N, Elfering A, et al. Natural history of individuals with asymptomatic discabnormalities in magnetic resonance imaging: predictors of low back pain-related medicalconsultation and work incapacity. Spine 2000; 25: 1484-92.15. Komori H, Shinomiya K, Nakai O, Yamaura I, Takeda S, Furuya K. The Natural history ofherniated nucleous polposus with radiculopaty. Spine 1996; 21: 225-9.16. Saal JA, Saal JS, Herzog RJ. The natural history of lumbar intervertebral disc extrusionstreated nonoperatively. Spine 1990; 15: 683-6.17. Matsubara Y, Kato F, Mimatsu K, Kajino G, Nakamura S, Nitta H. Serial changes on MRIin lumbar disc herniations treated conservatively. Neuroradiology 1995; 37: 378-83.18. Bozzao A, Gallucci M, Masciocchi C, Aprile I, Barile A, Passariello R. Lumbar diskherniation: MR imaging assessment of natural history in patients treated without surgery.Radiology 1992; 185: 135-41.Bibliografia 59


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica19. Bush K, Cowan N, Katz DE, Gishen P. The natural history of sciatica associated with discpathology. A prospective study with clinical and independent radiologic follow-up. Spine1992; 17: 1205-12.20. Takada E, Takahashi M, Shimada K. Natural history of lumbar disc hernia with radicularleg pain: spontaneous MRI changes of the herniated mass and correlation with clinicaloutcome. J Orthop Surg 2001; 9: 1-7.21. Fischgrund JS, Montgomery DM. Diagnosis and treatment of discogenic low back pain.Orthop Rev 1993; 22: 311-8.22. Fraser RD, Sandhu A, Gogan WJ. Magnetic resonance imaging findings 10 years aftertreatment for lumbar disc herniation. Spine 1995; 20: 710-4.23. Shiffman RN, Shekelle P, Overhage JM, Slutsky J, Grimshaw J, Deshpande AM.Standardized Reporting of Clinical Practice Guidelines: A Proposal from the Conferenceon Guideline Standardization. Ann Intern Med 2003; 139: 493-8.24. SIGN Publication No 50. A guideline developers’ handbook. Published February 2001 Lastupdated May 2004. (www.sign.ac.uk/guidelines/fulltext/50/index.html).25. Jordan J, Morgan TS, Weinstein J. Herniated lumbar disc. In: Clinical Evidence 2004; 11:1477-1492. London: BMJ Publishing Group, 2004.26. Dalziel K, Round A, Stein K, Garside R, Castelnuovo E, Payne L. Do the findings of caseseries studies vary significantly according to methodological characteristics? Health TechnolAssess 2005; 9: iii-iv, 1-146.27. Glasziou P, Vandenbroucke J, Chalmers I. Assessing the quality of research. BMJ 2004; 328:39-41.28. Programma nazionale per le linee guida. Istituto superiore di sanità. Agenzia per i servizisanitari regionali. Manuale Metodologico. Come produrre, diffondere e aggiornareraccomandazioni per la pratica clinica. Milano: Zadig, 2002.29. Boos N. Volvo Award in clinical sciences. The diagnostic accuracy of magnetic resonanceimaging, work perception, and psychosocial factors in identifying symptomatic discherniations. Spine 1995; 20: 2613-25.30. Linee guida per la diagnostica per immagini. Documento approvato dalla Conferenza Stato-Regioni il 28 Ottobre 2004, Repertorio Atti n. 2113.31. Agenzia per i Servizi Sanitari Emilia Romagna. Linee guida cliniche per la diagnostica e laterapia della lombalgia acuta e cronica. 2000.32. CeVEAS. Lombalgia acuta e cronica. Sintesi metodologico-clinica delle linee-guida analizzate.2003.33. New Zealand Guidelines Group. Guide to assessing psychosocial yellow flags in acute low backpain. 2002.34. Rudwaleit M, van der Heijde D, Khan MA, Braun J, Sieper J. How to diagnose axialspondyloarthritis early. Ann Rheum Dis 2004; 63: 535-43.35. Gram JT, Husby G. Ankyolosing spondylitis: prevalence and demography. In: Klippel JH,Dieppe JH, Eds. Rheumatology. London, Philadelphia: Mosby, 1998; 1-6.36. Saraux A, Guillemin F, Guggenbuhl P, et al. Prevalence of spondyloarthropathies in France:2001. Ann Rheum Dis 2005; 64: 1431-5.60 Bibliografia


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica37. Braun J, Bollow M, Remlinger G, et al. Prevalence of spondyloarthropathies in HLA-B27positive and negative blood donors. Arthritis Rheum 1998; 41: 58-67.38. Vroomen PC, de-Krom MC, Knottnerus JA. Diagnostic value of history and physicalexamination in patients suspected of sciatica due to disc herniation: a systematic review.J Neurol 1999; 246: 899-906.39. Deville WL, van der Windt DA, Dzaferagic A, Bezemer PD, Bouter LM. The test ofLasegue: systematic review of the accuracy in diagnosing herniated discs. Spine 2000; 25:1140-7.40. Murali SR, Lennox IAC, Porter RW. The sock test for patients with disc protrusion. Journalof Orthopaedic Rheumatology 1995; 8: 75-8.41. Vucetic N, Svensson O. Physical signs in lumbar disc hernia. Clin Orthop Relat Res 1996;333: 192-201.42. Vroomen PC, Van Hapert SJ, Van Acker RE, Beuls EA, Kessels AG, Wilmink JT. The clinicalsignificance of gadolinium enhancement of lumbar disc herniations and nerve roots onpreoperative MRI. Neuroradiology 1998; 40: 800-6.43. Stankovic R, Johnell O, Maly P, Willner S. Use of lumbar extension, slump test, physicaland neurological examination in the evaluation of patients with suspected herniated nucleuspulposus. A prospective clinical study. Man Ther 1999; 4: 25-32.44. Demircan MN, Colak A, Kutlay M, Kibici K, Topuz K. Cramp finding: can it be used as anew diagnostic and prognostic factor in lumbar disc surgery? Eur Spine J 2002; 11: 47-51.45. Beauvais C, Wybier M, Chazerain P, et al. Prognostic value of early computed tomographyin radiculopathy due to lumbar intervertebral disk herniation. A prospective study. JointBone Spine 2003; 70: 134-9.46. Tsuchiya K, Katase S, Aoki C, Hachiya J. Application of multi-detector row helical scanningto postmyelographic CT. Eur Radiol 2003; 13: 1438-43.47. Huang TS, Zucherman JF, Hsu KY, Shapiro M, Lentz D, Gartland J. Gadopentetatedimeglumine as an intradiscal contrast agent. Spine 2002; 27: 839-43.48. Direttiva 97/43/Euratom del Consiglio Europeo del 30 giugno 1997 riguardante laprotezione sanitaria delle persone contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti connesse aesposizioni mediche e che abroga la direttiva 84/466/Euratom. Gazzetta Ufficiale n. L180del 9 luglio 1997.49. Decreto Legislativo del 26 maggio 2000, n. 187. Attuazione della direttiva 97/43/Euratomin materia di protezione sanitaria delle persone contro i pericoli delle radiazioni ionizzanticonnesse a esposizioni mediche.50. Witt I, Vestergaard A, Rosenklint A. A comparative analysis of x-ray findings of the lumbarspine in patients with and without lumbar pain. Spine 1984; 9: 298-300.51. Jensen MC, Brant-Zawadzki MN, Obuchowski N, Modic MT, Malkasian D, Ross JS.Magnetic resonance imaging of the lumbar spine in people without back pain. N Engl JMed 1994; 331: 69-73.52. Carragee EJ, Paragioudakis SJ, Khurana S. R 2000 Volvo Award winner in clinical studies:Lumbar high-intensity zone and discography in subjects without low back problems. Spine2000; 25: 2987-92.Bibliografia 61


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica53. Borenstein DG, O’Mara JW Jr, Boden SD, et al. The value of magnetic resonance imagingof the lumbar spine to predict low-back pain in asymptomatic subjects: a seven-year followupstudy. J Bone Joint Surg Am 2001; 83-A: 1306-11.54. Kendrick D, Fielding K, Bentley E, Kerslake R, Miller P, Pringle M. Radiography of thelumbar spine in primary care patients with low back pain: randomised controlled trial. BMJ2001; 322: 400-5.55. Kendrick D, Fielding K, Bentley E, Miller P, Kerslake R, Pringle M. The role of radiographyin primary care patients with low back pain of at least 6 weeks duration: a randomised(unblinded) controlled trial. Health Technol Assess 2001; 5: 1-69.56. Miller P, Kendrick D, Bentley E, Fielding K. Cost-effectiveness of lumbar spine radiographyin primary care patients with low back pain. Spine 2002; 27: 2291-7.57. Kerry S, Hilton S, Dundas D, Rink E, Oakeshott P. Radiography for low back pain: arandomised controlled trial and observational study in primary care. Br J Gen Pract 2002;52: 469-74.58. Gilbert FJ, Grant AM, Gillan MG, Vale LD, Campbell MK, Scott NW, Knight DJ, WardlawD; Scottish Back Trial Group. Low back pain: influence of early MR imaging or CT ontreatment and outcome-multicenter randomized trial. Radiology 2004; 231: 343-51.59. Gilbert FJ, Grant AM, Gillan MG, et al. Does early imaging influence management andimprove outcome in patients with low back pain? A pragmatic randomised controlled trial.Health Technol Assess 2004; 8: 1-131.60. Bedson J, McCarney R, Croft P. Labelling chronic illness in primary care: a good or a badthing? Br J Gen Pract 2004; 54: 932-8.61. Roland M, van Tulder M. Should radiologists change the way they report plain radiographyof the spine? Lancet 1998; 352: 229-30.62. Falck B, Nykvist F, Hurme M, Alaranta H. Prognostic value of EMG in patients with lumbardisc herniation - A five year follow up. Electromyogr Clin Neurophysiol 1993; 33: 19-26.63. Machida M, Asai T, Sato K, Toriyama S, Yamada T. New approach for diagnosis inherniated lumbosacral disc. Dermatomal somatosensory evoked potentials (DSSEPs). Spine1986; 11: 380-4.64. Rodriquez AA, Kanis L, Lane D. Somatosensory evoked potentials from dermatomalstimulation as an indicator of L5 and S1 radiculopathy. Arch Phys Med Rehabil 1987; 68:366-8.65. Pape E, Eldevik P, Vandvik B. Diagnostic validity of somatosensory evoked potentials insubgroups of patients with sciatica. Eur Spine J 2002; 11: 38-46.66. Yamashita T, Kanaya K, Sekine M, Takebayashi T, Kawaguchi S, Katahira G. A quantitativeanalysis of sensory function in lumbar radiculopathy using current perception thresholdtesting. Spine 2002; 27: 1567-70.67. Maitland GD. The slump test. Aust J Physiother 1985; 31: 215-9.68. Ahn UM, Ahn NU, Buchowski JM, Garrett ES, Sieber AN, Kostuik JP. Cauda equinasyndrome secondary to lumbar disc herniation: a meta-analysis of surgical outcomes. Spine2000; 25: 1515-22.69. Kohles SS, Kohles DA, Karp AP, Erlich VM, Polissar NL. Time-dependent surgical outcomes62 Bibliografia


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticafollowing cauda equina syndrome diagnosis: comments on meta-analysis. Spine 2004; 29:1281-7.70. German Guideline Clearinghouse. Low Back Pain Guideline [Operative Eingriffe an derlumbalen Wirbelsaule bei bandscheibenbedingten Rucken und Beinschmerzen]. Cologne(Germany): Agency for Quality in Medicine, 2001 (www.leitlinien.de).71. Mohsenipour I, Friessnigg HP, Schmutzhard E. Regression of neurologic deficits after nerveroot lesions caused by lumbar intervertebral disk hernia. Zentralbl Neurochir 1993; 54: 58-65.72. Dubourg, G, Rozenberg S, Fautrel B. A pilot study on the recovery from paresis after lumbardisc herniation. Spine 2002; 27: 1426-31.73. Larequi-Lauber T, Vader JP, Burnand B, et al. Appropriateness of indications for surgeryof lumbar disc hernia and spinal stenosis. Spine 1997; 22: 203-9.74. Washington State Department of Labour and Industries; Washington State MedicalAssociation – Medical Speciality Society. Criteria for entrapment of a single nerve root. 1999.75. American Academy of Orthopedic Surgeons, North American Spine Society. ClinicalGuideline on low back pain. 1996.76. Consensus Het Lombosacrale Radikulaire Syndroom, 1995.77. ANAES. Prise en Charge Diagnostique et Thérapeutique des Lombalgies et Lombosciatiquescommunes de moins de trois mois d’évolution. Paris: ANAES, 2000.78. Rompe JD, Eysel P, Zollner J, Heine J. Prognostic criteria for work resumption after standardlumbar discectomy. Eur Spine J 1999; 8: 132-7.79. Vucetic N, Astrand P, Guntner P, Svensson O. Diagnosis and prognosis in lumbar discherniation. Clin Orthop 1999; (361): 116-22.80. Bernd L, Schiltenwolf M, Mau H, Schindele S. No indications for percutaneous lumbardiscectomy? Int Orthop 1997; 21: 164-8.81. Silvers HR, Lewis PJ, Asch HL, Clabeaux D. Lumbar microdiscectomy in the elderly patient.Br J Neurosurg 1997; 11: 16-24.82. Hurme M, Alaranta H. Factors predicting the result of surgery for lumbar intervertebraldisc herniation. Spine 1987; 12: 933-8.83. Komori H, Okawa A, Haro H, Shinomiya K. Factors predicting the prognosis of lumbarradiculopathy due to disc herniation. J Orthop Sci 2002; 7: 56-61.84. Jonsson B, Stromqvist B. Influence of age on symptoms and signs in lumbar disc herniation.Eur Spine J 1995; 4: 202-5.85. Parisini P, Di Silvestre M, Greggi T, Miglietta A, Paderni S. Lumbar disc excision in childrenand adolescents. Spine 2001; 26: 1997-2000.86. Nygaard OP, Kloster R, Solberg T. Duration of leg pain as a predictor of outcome aftersurgery for lumbar disc herniation: a prospective cohort study with 1-year follow up.J Neurosurg 2000; 92 (2 Suppl): 131-4.87. Graver V, Haaland AK, Magnaes B, Loeb M. Seven-year clinical follow-up after lumbar discsurgery: results and predictors of outcome. Br J Neurosurg 1999; 13: 178-84.88. Rothoerl RD, Woertgen C, Holzschuh M, Schlaier J. Are there differences in the symptoms,signs and outcome after lumbar disc surgery in the elderly compared with younger patients?Br J Neurosurg 1998; 12: 250-3.Bibliografia 63


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica89. Fujii K, Henmi T, Kanematsu Y, Mishiro T, Sakai T. Surgical treatment of lumbar discherniation in elderly patients. J Bone Joint Surg Br 2003; 85: 146-50.90. Durham SR, Sun PP, Sutton LN. Surgically treated lumbar disc disease in the pediatricpopulation: an outcome study. J Neurosurg 2000; 92 (1 Suppl): 1-6.91. Loupasis GA, Stamos K, Katonis PG, Sapkas G, Korres DS, Hartofilakidis G. Seven- to 20-year outcome of lumbar discectomy. Spine 1999; 24: 2313-7.92. Carragee EJ, Han MY, Yang B, Kim DH, Kraemer H, Billys J. Activity restrictions afterposterior lumbar discectomy. A prospective study of outcomes in 152 cases with nopostoperative restrictions. Spine 1999; 24: 2346-51.93. Sorensen LV, Mors O, Skovlund O. A prospective study of the importance of psychologicaland social factors for the outcome after surgery in patients with slipped lumbar diskoperated upon for the first time. Acta Neurochir 1987; 88: 119-25.94. Barrios C, Ahmed M, Arrotegui JI, Bjornsson A. Clinical factors predicting outcome aftersurgery for herniated lumbar disc: an epidemiological multivariate analysis. J Spinal Disord1990; 3: 205-9.95. Graver V, Ljunggren AE, Malt UF, et al. Can psychological traits predict the outcome oflumbar disc surgery when anamnestic and physiological risk factors are controlled for? Resultsof a prospective cohort study. J Psychosom Res 1995; 39: 465-76.96. Sorensen LV. Preoperative psychological testing with the MMPI at first operation forprolapsed lumbar disc. Five-year follow up. Dan Med Bull 1992; 39: 186-90.97. Vucetic N, de Bri E, Svensson O. Clinical history in lumbar disc herniation. A prospectivestudy in 160 patients. Acta Orthop Scand 1997; 68: 116-20.98. Junge A, Frohlich M, Ahrens S, et al. Predictors of bad and good outcome of lumbarspine surgery: A prospective clinical study with 2 years’ follow-up. Spine 1996; 21:1056-65.99. Schade V, Semmer N, Main CJ, Hora J, Boos N. The impact of clinical, morphological,psychosocial and work-related factors on the outcome of lumbar discectomy. Pain 1999;80: 239-49.100. Hobby JL, Lutchman LN, Powell JM, Sharp DJ. The Distress and Risk Assessment Method(DRAM): failure to predict the outcome of lumbar discectomy. J Bone Joint Surg Br 2001;83B: 19-21.101. Carragee EJ, Han MY, Suen PW, Kim D. Clinical outcomes after lumbar discectomy forsciatica: the effects of fragment type and anular competence. J Bone Joint Surg Am 2003;85A: 102-8.102. Oland G, Hoff TG. Intraspinal cross-section areas measured on myelography-computedtomography. The relation to outcome in nonoperated lumbar disc herniation. Spine 1996;21: 1985-9.103. Wittenberg RH, Lutke A, Longwitz D, et al. The correlation between magnetic resonanceimaging and the operative and clinical findings after lumbar microdiscectomy. Int Orthop1998; 22: 241-4.104. Rothoerl RD, Woertgen C, Brawanski A. When should conservative treatment for lumbardisc herniation be ceased and surgery considered? Neurosurg Rev 2002; 25: 162-5.64 Bibliografia


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica105. Keskimaki I, Seitsalo S, Osterman H, Rissanen P. Reoperations after lumbar disc surgery.Spine 2000; 25: 1500-8.106. Osterman H, Sund R, Seitsalo S, Keskimaki I. Risk of multiple reoperations after lumbardiscectomy: a population-based study. Spine 2003; 28: 621-7.107. Gaston P, Marshall RW. Survival analysis is a better estimate of recurrent disc herniation.J Bone Jt Surg Ser B 2003; 85: 535-7.108. Vucetic N. Clinical diagnosis of lumbar disc herniation. Outcome predictors for surgicaltreatment [thesis/dissertation]. Stockholm: Karoinska Institutet, 1997.109. Suk KS, Lee H, Moon S, Kim N. Recurrent lumbar disc herniation, results of operativemanagement. Spine 2001; 26: 672-6.110. Jansson KA, Nemeth G, Granath F, Blomqvist P. Surgery for herniation of a lumbar discin Sweden between 1987 and 1999. J Bone Joint Surg 2004; 86: 841-7.111. Stromqvist B, Jonsson B, Fritzell P, Hagg O, Larsson BE, Lind B. The Swedish NationalRegister for Lumbar Spine Surgery. Acta Orthop Scand 2001; 72: 99-106.112. Hoffman RM, Wheeler KJ, Deyo RA, Hadler NM. Surgery for herniated lumbar disc:A review. Ann Intern Med 1994; 120/2 Suppl 1 (15).113. Papadoulas S, Konstantinou D, Kourea HP, Kritikos N, Haftouras N, Tsolakis JA. Vascularinjury complicating lumbar disc surgery. A systematic review. Eur J Vasc Endovasc Surg 2002;24: 189-95.114. Davis RA. A long-term outcome analysis of 984 surgically treated herniated lumbar discs.J Neurosurg 1994; 80: 415-21.115. Stambough JL. Lumbar disk herniation: an analysis of 175 surgically treated cases. J SpinalDisord 1997; 10: 488-92.116. Dullerud R, Nakstad PH. Side effects and complications of automated percutaneous lumbarnucleotomy. Neuroradiology 1997; 39: 282-5.117. Henriques T, Olerud C, Petren-Mallmin M, Ahl T. Cauda equina syndrome as apostoperative complication in five patients operated for lumbar disc herniation. Spine 2001;26: 293-7.118. Fritsch EW, Heisel J, Rupp S. The failed back surgery syndrome: reasons, intraoperativefindings, and long-term results: a report of 182 operative treatments. Spine 1996; 21: 626-33.119. Kotilainen E. Long-term outcome of patients suffering from clinical instability aftermicrosurgical treatment of lumbar disc herniation. Acta Neurochir 1998; 140: 120-5.120. Gibson JN, Grant IC, Waddell G. Surgery for lumbar disc prolapse. Cochrane Database SystRev 2000; (3): CD001350.121. Scheer SJ, Radack KL, O’Brien DR Jr. Randomized controlled trials (RCTs) in industriallow back pain relating to return to work - Part 2: discogenic low back pain. Arch Phys MedRehabil 1996; 77: 1189-97.122. Stevens CD, Dubois RW, Larequi-Lauber T, Vader JP. Efficacy of lumbar discectomy andpercutaneous treatments for lumbar disc herniation. Soz Praventivmed 1997; 42: 367-79.123. Weber H. Lumbar disc herniation. A controlled, prospective study with ten years ofobservation. Spine 1983; 8: 131-40.Bibliografia 65


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica124. Atlas SJ, Deyo RA, Keller RB, et al. The Maine Lumbar Spine Study, Part II. 1-yearoutcomes of surgical and nonsurgical management of sciatica. Spine 1996; 21: 1777-86.125. Atlas SJ, Keller RB, Chang Y, Deyo RA, Singer DE. Surgical and nonsurgical managementof sciatica secondary to a lumbar disc herniation: five-year outcomes from the Maine LumbarSpine Study. Spine 2001; 26: 1179-87.126. Boult M, Fraser RD, Jones N, et al. Percutaneous endoscopic laser discectomy. Aust N ZJ Surg 2000; 70: 475-9.127. Deyo RA, Cherkin DC, Weinstein J, Howe J, Ciol M, Mulley AG Jr. Involving patients inclinical decisions: impact of an interactive video program on use of back surgery. Med Care2000; 38: 959-69.128. Wittenberg RH, Oppel S, Rubenthaler FA, Steffen R. Five-year results fromchemonucleolysis with chymopapain or collagenase: a prospective randomized study. Spine2001; 26: 1835-41.129. Buchner M, Zeifang F, Brocai DR, Schiltenwolf M. Epidural corticosteroid injection in theconservative management of sciatica. Clin Orthop Relat Res 2000; 375: 149-56.130. Valat JP, Giraudeau B, Rozenberg S, et al. Epidural corticosteroid injections for sciatica: Arandomised, double blind, controlled clinical trial. Ann Rheum Dis 2003; 62: 639-43.131. Buttermann GR. The effect of spinal steroid injections for degenerative disc disease. SpineJ 2004; 4: 495-505.132. Khot A, Bowditch M, Powell J, Sharp D. The use of intradiscal steroid therapy for lumbarspinal discogenic pain. Spine 2004; 8: 833-7.133. Botwin KP, Gruber RD, Bouchlas CG, et al. Fluoroscopically guided lumbar transforaminalepidural steroid injections in degenerative lumbar stenosis: an outcome study. Am J PhysMed Rehabil 2002; 81: 898-905.134. Botwin KP, Gruber RD, Bouchlas CG, Torres-Ramos FM, Freeman TL, Slaten WK.Complications of fluoroscopically guided transforaminal lumbar epidural injections. ArchPhys Med Rehabil 2000; 81: 1045-50.135. Young WF. Transient blindness after lumbar epidural steroid injection: a case report andliterature review. Spine 2002; 27: E476-7.136. Vroomem PC, de Krom MC, Slofstra PD, Knottnerus JA. Conservative treatment of sciatica:a systematic review. J Spinal Disord 2000; 13: 463-9.137. Dreiser RL, Le Parc JM, Vélicitat P, Lleu PL. Oral meloxicam is effective in acute sciatica: tworandomized, double-blind trias verus placebo or diclofenac. Inflamm Res 2001; 50: S17-S23.138. The Norwegian Centre for Health Technology Assessment (SMM). Treatment of lumbardisc herniation. Report n. 1/ 2001.139. Karppinen J, Korhonen T, Malmivaara A, et al. Tumor necrosis factor-alpha monoclonalantibody, infliximab, used to manage severe sciatica. Spine 2003; 28: 750-3.140. Genevay S, Stingelin S, Gabay G. Efficacy of etanercept in the treatment of acute, severesciatica: a pilot study. Ann Rheum Dis 2004; 63: 1120-3.141. Tobinick E, Davoodifar S. Efficacy of etanercept delivered by perispinal administration forchronic back and/or neck disc-related pain: a study of clinical observations in 143 patients.Curr Med Res Opin 2004; 20: 1075-85.66 Bibliografia


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica142. Nwuga VC. Ultrasound in treatment of back pain resulting from prolapsed intervertebraldisc. Arch Phys Med Rehabil 1983; 64: 88-9.143. Smith LA, Oldman AD, McQuai HJ, Moore RA. Teasing apart quality and validity insystematic reviews: am example from acupuncture trias in chronic and back pain. Pain 2000;86: 119-32.144. Burton AK, Tillotson KM, Cleary J. Single-blind randomised controlled trial ofchemonucleolysis and manipulation in the treatment of symptomatic lumbar disc herniation.Eur Spine J 2000; 9: 202-7.145. Stevinson C, Ernst E. Risks associated with spinal manipulation. Am J Med 2002; 112: 566-71.146. Oliphant D. Safety of spinal manipulation in the treatment of lumbar disk herniations: asystematic review and risk assessment. J Manipulative Physiol Ther 2004; 27: 197-210.147. Vroomen PC, de Krom MC, Wilmink JT, Kester AD, Knottnerus JA. Lack of effectivenessof bed rest for sciatica. N Engl J Med 1999; 340: 418-23.148. Deyo RA, Battie M, Beurskens AJ, et al. Outcome measures for low back pain research: aproposal for standarized use. Spine 1998; 23: 2003-13.149. Huskisson EC. Measurement of pain. Lancet 1974; 2: 1127-31.150. Huskisson EC. Visual analogue scales. In: Melzack R, Ed. Pain measurement and assessment.New York: Raven Press, 1983: 33-40.151. Melzack R. The McGill Pain Questionnaire: major properties and scoring methods. Pain1975; l: 277-99.152. Ware JE, Sherbourne CD. The MOS 36-Item Short-Form Health Survey (SF-36). 1.Conceptual framework and item selection. Med Care 1992; 30: 473-83.153. Apolone G, Mosconi P, Ware JE. Questionario sullo stato di salute SF-36. Manuale d’uso eguida all’interpretazione dei risultati. Milano: Guerini e Associati, 1997.154. Roland M, Morris RA. A study of the natural history of back pain. Development of a reliableand sensitive measure of disability in low-back pain. Spine 1983; 8: 141-4.155. Padua R, Padua L, Ceccarelli E, et al. Italian version of the Roland Disability Questionnaire,specific for low back pain: cross-cultural adaptation and validation. Eur Spine J 2002; 11:126-9.156. Fairbank JC, Couper J, Davies JB, O’Brien JP. The Oswestry low back pain disabilityquestionnaire. Physiotherapy 1980; 66: 271-3.157. Daltroy LH, Cats-Baril WL, Katz JN, Fossel AH, Liang MH. The North American SpineSociety lumbar spine outcome assessment instrument: reliability and validity tests. Spine1996; 21: 741-9.158. Padua R, Padua L, Ceccarelli E, et al. Cross-cultural adaptation of the lumbar NorthAmerican Spine Society questionnaire for Italian-speaking patients with lumbar spinaldisease. Spine 2001; 26: E344-7.159. MacNab I. Negative disc exploration. Negative disc exploration. An analysis of the causesof nerve-root involvement in sixty-eight patients. J Bone Joint Surg Am 1971; 53: 891-903.160. Prolo DJ, Oklund SA, Butcher M. Toward uniformity in evaluating results of lumbar spineoperation. A paradigm applied to posterior lumbar interbody fusion. Spine 1986; 11: 601-6.Bibliografia 67


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica161. Ozkose Z, Ercan B, Unal Y, et al. Inhalation versus total intravenous anesthesia for lumbardisc herniation: comparison of hemodynamic effects, recovery characteristics, and cost. JNeurosurg Anesthesiol 2001; 13: 296-302.162. Ozkose Z, Yalcin Cok O, Tuncer B, Tufekcioglu S, Yardim S. Comparison of hemodynamics,recovery profile, and early postoperative pain control and costs of remifentanil versusalfentanil-based total intravenous anesthesia (TIVA). J Clin Anesth 2002; 14: 161-8.163. Rudolph Ch, Schaffranietz L, Hellmundt L, Vitzthum HE, Olthoff D. [Comparative studiesof patient positioning for lumbar intervertebral disk operation]. [Article in German].Anaesthesiol Reanim 2002; 27: 38-41.164. Becq MC, Verdin M, Riegel B, et al. [Hemodynamic effects of genu-pectoral position duringthe surgery of lumbar disk herniation: spinal anesthesia versus general anesthesia]. [Articlein French]. Agressologie 1994; 34 Spec No 1: 49-50.165. Rubinstein E, Findler G, Amit P, Shaked I. Perioperative Prophylactic cephazolin in spinalsurgery. A double-blind placebo-controlled trial. J Bone Joint Surg 1994; 76: 99-102.166. Young RF, Lawner PM. Perioperative antibiotic prophylaxis for prevention of postoperativeneurosurgical infections. J Neurosurg 1987; 66: 701-5.167. Istituto Superiore di Sanità. Programma nazionale per le linee guida. Antibioticoprofilassiperioperatoria nell’adulto. Milano: Zadig, 2003.168. Tai CC, Want S, Quraishi NA, Batten J, Kalra M, Hughes SP. Antibiotic prophylaxis insurgery of the intervertebral disc. A comparison between gentamicin and cefuroxime. J BoneJoint Surg Br 2002; 84: 1036-9.169. The Seventh ACCP Conference on Antithrombotic and Thrombolytic Therapy. Chest 2004;126: 338S-400S.170. Desbordes JM, Mesz M, Maissin F, Bataille B, Guenot M. [Retrospective multicenter studyof prevention of thromboembolic complications after lumbar disk surgery]. [Article inFrench]. Neurochirurgie 1993; 39: 178-81.171. Gruber UF, Rem J, Meisner C, Gratzl O. Prevention of thromboembolic complications withminiheparin-dihydroergotamine in patients undergoing lumbar disc operations. Eur ArchPsychiatry Neurol Sci 1984; 234: 157-61.172. Voth D, Schwarz M, Hahn K, Dei-Anang K, al Butmeh S, Wolf H. Prevention of deep veinthrombosis in neurosurgical patients: a prospective double-blind comparison of twoprophylactic regimen. Neurosurg Rev 1992; 15: 289-94.173. Prestar FJ. [Prevention of thromboembolism complications with low molecular weightheparin in microneurosurgical lumbar intervertebral disk operations]. [Article in German].Neurochirurgia (Stuttg) 1992; 35: 1-4.174. Boos N, Rieder R, Schade V, Spratt KF, Semmer N, Aebi M. 1995 Volvo Award in clinicalsciences. The diagnostic accuracy of magnetic resonance imaging, work perception, andpsychosocial factors in identifying symptomatic disc herniations. Spine 1995; 20: 2613-25.175. Coskun E, Suzer T, Topuz O, Zencir M, Pakdemirli E, Tahta K. Relationships betweenepidural fibrosis, pain, disability, and psychological factors after lumbar disc surgery. EurSpine J 2000; 9: 218-23.176. Wiltse LL, Rocchio PD. Preoperative psychological tests as predictors of success of68 Bibliografia


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomaticachemonucleolysis in the treatment of the low-back syndrome. J Bone Joint Surg Am 1975;57: 478-83.177. Hathaway SR, McKinley JC. A multiphasic personality schedule: I. Construction of theschedule. Journal of Psychology 1940; 10: 249-54.178. Hathaway SR, Butcher JN, Dahlstrom WG, Graham JR, Tellegen A, Kaemmer B. MinnesotaMultiphasic Personality Inventory-2. Minneapolis: University of Minnesota Press, 1989.179. Beck AT, Ward CH, Mendelson M, Mock J, Erbaugh J. An inventory for measuringdepression. Arch Gen Psychiatry 1961; 4: 561-71.180. Zigmond AS, Snaith RP. The Hospital Anxiety and Depression Scale. Acta Psichiatr Scand1983; 67: 361-70.181. Bernsmann K, Kramer J, Ziozios I, Wehmeier J, Wiese M. Lumbar micro disc surgery withand without autologous fat graft. A prospective randomized trial evaluated with referenceto clinical and social factors. Arch Orthop Trauma Surg 2001; 121: 476-80.182. Kim KD, Wang JC, Robertson DP, et al. Reduction of radiculopathy and pain withOxiplex/SP Gel after laminectomy, laminotomy, and discectomy: A pilot clinical study. Spine2003; 28: 1080-8.183. Richter HP, Kast E, Tomczak R, Besenfelder W, Gaus W. Results of applying ADCON-Lgel after lumbar discectomy: the German ADCON-L study. J Neurosurg 2001; 95 (2 Suppl):179-89.184. Isla A, Alvarez F. Spinal epidural fibrosis following lumbar diskectomy and antiadhesionbarrier. Neurocirugia (Astur) 2001; 12: 439-46.185. Maroon JC, Abla A, Bost J. Association between peridural scar and persistent low back painafter lumbar discectomy. Neurol Res 1999; 21 (Suppl. 1): S43-6.186. Bendebba M, Van Alphen HA, Long DM. Association between peridural scar and activityrelatedpain after lumbar discectomy. Neurol Res 1999; 21 (Suppl. 1): S37-S42.187. Ostelo RW, de Vet HC, Waddell G, Kerckhoffs MR, Leffers P, van Tulder M. Rehabilitationfollowing first time lumbar disc surgery. A systematic review within the framework of theCochrane collaboration. Spine 2003; 28: 209-18.188. Kjellby-Wendt G, Styf J, Carlsson SG. Early active rehabilitation after surgery for lumbardisc herniation: a prospective, randomized study of psychometric assessment in 50 patients.Acta Orthop Scand 2001; 72: 518-24.189. Kjellby-Wendt G, Carlsson SG, Styf J. Results of early active rehabilitation 5-7 years aftersurgical treatment for lumbar disc herniation. J Spinal Disord Tech 2002; 15: 404-9.190. Yilmaz F, Yilmaz A, Merdol F, Parlar D, Sahin F, Kuran B. Efficacy of dynamic lumbarstabilization exercise in lumbar microdiscectomy. J Rehabil Med 2003; 35: 163-7.191. Gonzalez-Castro A, Shetty A, Nagendar K, Greenough CG. Day-case conventionaldiscectomy: a randomised controlled trial. Eur Spine J 2002; 11: 67-70.192. Perez-Cruet MJ, Foley KT, Isaacs RE, et al. Microendoscopic lumbar discectomy: technicalnote. Neurosurgery 2002; 51 (5 Suppl): S129-36.193. An HS, Simpson JM, Stein R, Spengler DM. Outpatient laminotomy and discectomy. JSpinal Disord 1999; 12: 192-6.194. Newman MH. Outpatient conventional laminotomy and disc excision. Spine 1995; 20: 353-5.Bibliografia 69


PNLG – Appropriatezza della diagnosi e del trattamento chirurgico dell’ernia del disco lombare sintomatica195. Zahrawi F. Microlumbar discectomy. Is it safe as an outpatient procedure? Spine 1994; 19:1070-4.196. Groenemeyer DHW, Buschkamp H, Braun M, Schirp S, Weinsheimer PA, Gevargez A.Image-guided percutaneous laser disk decompression for herniated lumbar disks: A 4-yearfollow-up in 200 patients. J Clin Laser Med Surg 2003; 21: 131-8.197. Asch HL, Lewis PJ, Moreland DB, et al. Prospective multiple outcomes study of outpatientlumbar microdiscectomy: should 75 to 80% success rates be the norm? J Neurosurg 2002:96 (1 Suppl): 34-44.198. Slotman GJ, Stein SC. Laminectomy compared with laparoscopic diskectomy and outpatientlaparoscopic diskectomy for herniated L5-S1 intervertebral disks. J Laparoendosc Adv SurgTechniques A 1998; 8: 261-7.199. Rezaian SM, Ghista DN. Percutaneous discectomy: Technique, indications, andcontraindications, 285 cases and results. J Neurol Orthop Med Surg 1995; 16: 1-6.200. Bookwalter JW 3rd, Busch MD, Nicely D. Ambulatory surgery is safe and effective inradicular disc disease. Spine 1994; 19: 526-30.201. Savitz MH. Same-day microsurgical arthroscopic lateral-approach laser-assisted (SMALL)fluoroscopic discectomy. J Neurosurg 1994; 80: 1039-45.70 Bibliografia


Tutti i documenti prodotti dal Programma sono consultabili nel sito internethttp://www.pnlg.it. In esso sono anche consultabili le versioni semplificate delle linee guidaper la cittadinanza


Il Programma nazionale per le linee guida (PNLG)In Italia, l’elaborazione di linee guida e di altri strumentidi indirizzo finalizzati al miglioramento della qualitàdell’assistenza avviene all’interno del Programmanazionale per le linee guida (PNLG) dell’Istituto Superioredi Sanità. La legislazione vigente propone l’adozionedi linee guida come richiamo all’utilizzo efficienteed efficace delle risorse disponibili e come miglioramentodell’appropriatezza delle prescrizioni.Queste sono le finalità del PNLG con i compiti specifici di:• produrre informazioni utili a indirizzare le decisionidegli operatori, clinici e non, verso una maggiore efficaciae appropriatezza, oltre che verso una maggiore efficienzanell’uso delle risorse;• renderle facilmente accessibili;• seguirne l’adozione esaminando le condizioni ottimaliper la loro introduzione nella pratica;• valutarne l’impatto organizzativo e di risultato.Gli strumenti utilizzati per perseguire questi fini sonoappunto linee guida clinico-organizzative, documentidi indirizzo all’implementazione e documenti di indirizzoalla valutazione dei servizi.

More magazines by this user
Similar magazines