SQUADRAREGINA - Federazione Ciclistica Italiana

federciclismo.it

SQUADRAREGINA - Federazione Ciclistica Italiana

STRADA ● PISTA ● MOUNTAIN BIKE ● CICLOCROSS ● MASTER ● CICLOTURISMO ● GRANFONDO ● BMX40ALL’INTERNONorme generali e attuativeFuoristrada 2010Norme attuative 2010Categorie GiovanissimiCONGRESSO UCIRenato Di Rocco elettoalla vice presidenzadel ciclismo mondiale:un grande successodel movimento italiano40 SQUADRA REGINATATIANA GUDERZO CORONA IL SOGNO IRIDATO CONL’AIUTO DECISIVO DI NOEMI CANTELE (BRONZO, DOPOLO STORICO ARGENTO NELLA CRONO) E COMPAGNE.EXPLOIT DI PINOTTI NELLA GARA CONTRO IL TEMPODOMINATA DA CANCELLARA, DETERMINANTE ANCHENELLA PROVA IN LINEA CHE REGISTRA CON EVANSLA PRIMA VITTORIA AUSTRALIANA AL MONDIALE ÉLITEISSN 1593-0769CDM CICLOCROSSDomenica a Lovadina di Spresianola prima prova del Challenge UCIMARATHON TOURTutte le classifiche finali e iprotagonisti del Circuito italiano


L’arcobaleno dei Mondiali Juniores 2010 illumina Offida(strada 5-6 agosto) e Montichiari (pista 11-15 agosto)SI È SVOLTA venerdì 25 settembre aLugano la presentazione dei campionatidel mondo juniores che nel 2010si disputeranno ad Offida, in provinciadi Ascoli Piceno, e a Montichiari, inprovincia di Brescia, nel mese di agosto:“Ci stiamo avvicinando alla rassegnairidata curando ogni dettaglio- ha dichiarato Gianni Spaccasassi,presidente del Comitato Organizzatore- le gare su strada si svolgeranno supercorsi molto collaudati, in una terradi forti radici sportive, caratterizzatada sentimenti di straordinaria ospitalità.Le gare in pista si svolgerannoinvece nel nuovissimo velodromo diMontichiari, in provincia di Brescia.Lì abbiamo trovato dei dirigenti moltomotivati a proporre il loro impiantoin sede internazionale. Si tratta di unvero e proprio debutto mondiale a pedaliper entrambe le cittadine”. I campionatidel mondo su strada si svolgerannodunque ad Offida dal 5 all’8agosto 2010, mentre le gare in pistaavranno luogo a Montichiari dall’11 al15 agosto.Nell’occasione è intervenuto, tra glialtri, Pat McQuaid, presidente dell’UCI:“Abbiamo affidato i mondialidi ciclismo ad Offida, che è un piccolocentro, perchè nelle piccole realtàgli sportivi ci mettono tutto il cuorepossibile. E Offida è stata una sceltagiustissima proprio per questo aspetto.Sono sicuro che saranno mondialimolto ben organizzati. L’Italia aspettavada 25 anni la costruzione di unvelodromo coperto e ora pensiamoche Montichiari organizzerà numerosemanifestazioni. Sono infine moltofelice dell’elezione del presidente RenatoDi Rocco a vice presidente UCI;iniziamo oggi una nuova collaborazionecon l’Italia. Sono d’accordo che ilcuore del ciclismo è l’Europa e l’Italiaoccupa un ruolo importantissimo nell’ambitodel ciclismo mondiale”€


CONGRESSO UCIGrande successo politico-diplomatico del movimento italianoRenato Di Rocco elettovicepresidente del ciclismo mondialeHa ottenuto il massimo dei voti. I complimenti del Presidente del CONIGiovanni Petrucci: “Frutto di una politica vincente e di una programmazionelungimirante, ormai conosciute e apprezzate a livello internazionale”I COMPLIMENTI DI PE-TRUCCI - Appresa la notizia,il Presidente del CONIGiovanni Petrucci ha inviatoa Di Rocco il seguente telegramma:“Caro Renato, a nome miopersonale e del ComitatoOlimpico Nazionale Italiano,desidero esprimerti imiei più sinceri e affettuosicomplimenti per la nominaa Vice Presidente dell’UCI,frutto di una politica vincentee di una programmazionelungimirante, ormaiconosciute e apprezzate a livellointernazionale. La tuaserietà e l’entusiasmo profusoin nome del ciclismo, allabase del meritato riconoscimento,ti permetteranno dionorare egregiamente il nuovoruolo esportando il voltomigliore del nostro modo difare sport. L’occasione mi ègradita per augurarti nuovie importanti successi.Giovanni PetrucciPresidente CONIDA SINISTRA, PAT MCQUAID E RENATO DI ROCCOIN OCCASIONE dei Campionatidel Mondo si è svolto ilCongresso dell’Unione CiclisticaInternazionale per il rinnovodelle cariche. L’assise ditutte le federazioni ciclistichenazionali ha fatto registrareun grande successo per il ciclismoitaliano e personale diRenato Di Rocco, che è statoeletto nel Consiglio Direttivodell’UCI con il massimo deivoti esprimibili (42). Scontatala conferma di Pat McQuaid,candidato unico alla Presidenzadell’organo internazionale.In seguito il nuovo Consiglioha eletto Di Rocco VicePresidente con 13 voti su 14esprimibili. Riconfermato allavice presidenza il portogheseArtur Lopes (8 voti). Stessivoti per il coreano Hee Wook.Questo largo consenso premiala coerenza delle posizioniassunte dal Presidente dellaFCI, su mandato del ConsiglioFederale, sui temi più scottantidel ciclismo internazionale:la difesa delle corse storiche,della grande tradizionee dei valori autentici del ciclismorispetto a una visioneprevalentemente commercialee astratta; il richiamo a unapolitica di rigore e di rispettodelle regole in materia antidoping,nel quadro della separazionedei poteri, dell’uniformitàdei controlli e dellesanzioni; la promozione di unpiano solidale più incisivo perlo sviluppo del ciclismo nelmondo, e via elencando. “Sonolieto di aver riconquistato peril ciclismo italiano il ruolo chemerita nell’ambito dell’UCI -ha commentato Di Rocco -. E’un riconoscimento al suo contributoalla promozione e allosviluppo del ciclismo mondiale.C’è molto da lavorare e lofaremo con il solito spirito digruppo che abbiamo attivatoall’interno della nostra Federazione.Essere il più votatosignifica che il lavoro svolto èstato apprezzato sia nei metodiche nei contenuti”.Questa la composizione delnuovo Consiglio Direttivodell’Uci: M. Pat McQuaid(IRL) - presidente; Renato DiRocco (ITA) - vicepresidente;Artur Lopes (POR) - vicepresidente;Hee Wook Cho(COR) - vicepresidente. Componenti:Cheikh Faisal BinHumaid Al Qassimi (UAE);Joop Atsma (OL); MohamedWagih Azzam (EG); BrianCookson (GBR); MohamedJamel Louafi (TUN); PederPedersen (DAN); José ManuelPelaez (CUB); Mike Plant(USA); Fritz Ramseier (GER);Mike Turtur (AUS); WojciechWalkiewicz (POL); VittorioAdorni (ITA) - membro cooptato;Hein Verbruggen - presidenteonorario; Ray Godkin(AUS) - vice presidente onorario;Vladimir Holecek (R.CEC) - vice presidente onorario;Agostino Omini (ITA)- vicepresidente onorario.MONDIALI 2012 - E’ stato assegnato alla candidatura olandesedi Maastricht e Valkenburg il campionato mondialestrada del 2012.Si torna quindi sul traguardo che nel 1998 vide il successo iridatodello svizzero Camenzind davanti al belga Van Petegem,all’azzurro Bartoli e ad un Lance Armstrong che proprio inquel periodo rientrava alle gare dopo la malattia.Il Presidente della FCI Renato Di Rocco, dopo essersi complimentatocon gli organizzatori olandesi, ha evidenziato comela vicinanza dei Mondiali di Varese (che aveva tra l’altro battutola candidatura di Valkenburg nel 2008) e di Mendrisio2009 abbia di fatto tarpato le ali al progetto Genova, peraltromolto ben preparato.La decisione è dipesa soprattutto da motivi di alternanza“perché - ha detto Di Rocco - Genova ha tutti i requisiti perospitare i Mondiali, con la sua bellezza e visibilità avrebbepotuto beneficiare tutto il movimento del ciclismo.Ringrazio il Comitato Organizzatore e la Regione Liguria perl’importante impegno assunto e per aver ben compreso quantoun grande evento di ciclismo possa arrecare al territorio intermini di valori economici e di promozione turistica”.il Mondo del Ciclismo n.403


CAMPIONATO DEL MONDOL’Italia porta a casa tre medaglie grazie alla grande prestazione della nazionale femminileUn bilancio positivoAccanto alle imprese di Tatiana Guderzo e di Noemi Cantele, le grandi prove nelle cronodell’under 23 Balloni (Malori sottotono) e di Pinotti, quinto e in netto progressoil Mondo del Ciclismo n.404IL PRESIDENTE della Federazione Ciclistica Italiana, RenatoDi Rocco, al termine del torneo iridato, ha stilato il bilancio dellaspedizione azzurra. “Peccato per la gara dei professionisti, manon si può sempre ottenere il massimo. La nazionale ha comunquedimostrato compattezza e di essere un gruppo. Ha interpretato almeglio la corsa e si è fatta carico di movimentarla in più fasi. Laforte marcatura nei nostri confronti è stata la costante della corsa,difficile da interpretare a caldo, e che ha visto tanti pronosticatiautoescludersi. Ringrazio tutti i componenti della squadra edil Direttore Tecnico, al quale confermo fiducia totale per non aversoffocato lo spirito tecnico della gara e aver tentato di tenere altolo spettacolo sportivo. Complimenti al vincitore, atleta di grandespessore, cresciuto e maturato alla scuola del ciclismo italiano. Ilbilancio di questi mondiali è comunque più che positivo. L’Italiaha conquistato il maggior numero di medaglie. La maglia iridatadi Tatiana Guderzo e le due medaglie, di bronzo e d’argento, diNoemi Cantele ci hanno dato una grande soddisfazione. In particolarel’argento conquistato da Noemi Cantele nella cronometro,una specialità a lei nuova, apre la prospettiva di un ulterioresviluppo della specialità”. Di Rocco sottolinea che “si è chiuso unmondiale di grande soddisfazione per quanto riguarda il settorefemminile nelle specialità olimpiche. Inoltre, abbiamo ottenuto ungrande successo al livello di diplomazia sportiva. L’ingresso nel direttivodell’UCI e la vice presidenza che mi è stata attribuita conil massimo dei voti ci consentirà di esprimere appieno i valori ed icontenuti di una lunga ed affermata tradizione”.TRE MEDAGLIE per restareal vertice. Dopo i professionisti- sempre vincenti negli ultimitre anni - due volte Bettini,poi Ballan - gli under 23, l’orodi Malori e l’argento di Ponzilo scorso anno a Varese - oggiè l’Italia al femminile che tienebanco. Una piacevole consuetudine,peraltro.Prima l’argento di Noemi Cantelenella cronometro, poi l’orodi Tatiana Guderzo e il bronzodella varesina nella gara in lineain faccia alle più forti ( Vose Armstrong), ci hanno consentitodi chiudere comunquein attivo il torneo iridato, nonostantein campo maschilenon sia arrivata alcuna medaglia.Fatto salvo l’impegno e uncomportamento di squadra, trai professionisti e gli under 23,all’altezza della situazione. Comunque,anche nelle sconfittenon sono mancati gli aspettiTATIANA GUDERZO E NOEMI CANTELE (FOTO SIROTTI)positivi. Nella cronometro under23 ci si aspettava che Malorisi confermasse almeno sulpodio, ed è spuntato Balloni,con un sesto posto e un distaccodal primo, di soli 39. Solo unpaio di anni fa avremmo gridatoal miracolo, ora è il caso disottolineare la costante crescitadi questo indiscutibile talento.E sulla stessa falsariga, MarcoPinotti, rimasto virtualmentesul podio quasi fino al terminedella gara, prima dell’arrivodi Larsson e Martin, aiutati nelfinale dal sorpasso di un Cancellarain formato locomotiva.Nelle gare in linea è mancatala forza e la lucidità nel coglierel’attimo, ma quando sei al limitedelle tue capacità, è possibilenon avere né l’una, né l’altra.Peraltro, non hanno vinto degliillustri sconosciuti, ma atleti dilunga e gloriosa esperienza, nelcaso di Cadel Evans e, uno deifavoriti, se non quello in assoluto,nel caso del francese Sicard.È vero, però, che davantialla gara perfetta della squadrafemminile, tutto il resto apparecome un’immagine sfuocata.E la copertina non può cheessere per loro e il loro tecnico,Dino Salvoldi, principale autoredi questo autentico fenomenorosa. Massimo RodiMEDAGLIEREAUSTRALIA 2 ori.ITALIA 1 oro, 1 argento, 1 bronzo.SVIZZERA 1 oro.USA 1 oroFRANCIA 1 oro.RUSSIA 1 argento, 1 bronzoOLANDA 1 argento.PORTOGALLO 1 argento.COLOMBIA 1 argento.SVEZIA 1 argento.GERMANIA 2 bronzi.DANIMARCA 1 bronzo.SPAGNA 1 bronzo.


CAMPIONATO DEL MONDOLe gare a cronometro di under 23, donne e uomini élitedi Michela Mastrangeloe Massimo RodiLA GARA RISERVATA agliunder 23 è stata quella che haaperto il mondiale. Malori difendevail titolo conquistatoa Varese, ma è stato l’australianoJack Bobridge, vent’anniil 13 luglio scorso, a salire sulprimo gradino del podio. Medagliad’argento, il portogheseNelson Oliviera staccato di18”, bronzo il tedesco PatrickGrestch a 27”, che ha precedutodi sette secondi il connazionaleMarcel Kittel.Il quinto posto di Malori a 36”,fotografa, a dire del parmense,una stagione dove il giovanecampione non ha mai pedalatoal livello dell’anno scorso.“Oggi - il suo commento a finecorsa - ho capito subito chenon andavo come avrei voluto,ma non ne so il motivo”.Di tenore opposto lo statod’animo di Balloni - campionenazionale in carica propriodavanti a Malori e Stocco - sestoa 39” dal vincitore. Il lazialeha confermato di essere untalento in piena maturazioneUn argento da sognoIl secondo posto di Noemi Cantele dà ulteriore linfa ad unaspecialità che sta vivendo un momento di rinascita. In ombraMalori, spunta Balloni e Pinotti è stato ad un passo dal podioNOEMI CANTELE IN AZIONE NELLA CRONO DI MENDRISIO (FOTO SIROTTI)MARCO PINOTTI (FOTO SIROTTI)e bisogna dargli solo il tempodi crescere senza affanni. Penalizzatodal vento contrarioManuele Boaro, diciottesimoall’arrivo. Per il tecnico, MarinoAmadori, “abbiamo fattotutto il possibile. Adriano citeneva particolarmente a riconfermarsie si era preparatominuziosamente a questa corsa.Molto probabilmente gli èmancata quella pedalata fluidanecessaria per dare il massimo,anche se era tranquilloe motivato. Non sono delusoperché comunque capitanogiornate in cui non si è al topdella forma anche negli appuntamentiimportanti. Consideropoi buone le prestazionianche di Balloni e di Boaro.Indubbiamente ci manca unamedaglia; Adriano è giovane epotrà sempre migliorarsi”.il Mondo del Ciclismo n.405


CAMPIONATO DEL MONDOil Mondo del Ciclismo n.406ALFREDO BALLONI (FOTO SIROTTI)DONNE - La medaglia chenon ti aspetti. Quella che arrivain una specialità che non ciha mai visto particolarmentecompetitivi, segno che i tempisono maturi per un movimentoche non finisce mai di stupire,segno che per Noemi eraarrivato proprio il momentogiusto.Tredici anni fa c’era riuscitala vicentina Alessandra Cappellotto,bronzo a Lugano nel‘96. Poi, nessuna prova significativa,fino all’impresa compiutadalla Cantele mercoledìscorso.Ancora una volta il C.T. Salvoldiha guardato lontano.A Pechino non era riuscito atentare la varesina, quest’anno,complice anche il successotricolore ad Imola, ha iscrittoall’appuntamento controil tempo per le due pedine dipunta della gara in linea.La maglia iridata è finita sullespalle di una veterana dellesfide contro il tempo.La statunitense Armstrong èinafferrabile e agguanta l’iridealla media di 45,379. Alle suespalle, la Cantele compie l’impresaconquistando a 55” unargento dal sapore prezioso.Dietro di lei le altre grandi favorite,la danese Villumsen,bronzo a 58”, la tedesca Arndt,l’austriaca Soeder, la statunitenseNeben, la russa Antoshina,la canadese Whitten, lasvizzera Turig e l’eterna franceseLongo, che a 50 anni riesceancora a dire la sua. Diciottesimal’altra azzurraTatiana Guderzo che sui 26km del tracciato preparava ilnumero messo in scena sabatonella gara in linea.“La medaglia nella cronometrodi Noemi è stata unagrandissima sorpresa - hacommentato il C.T. Salvoldi.Eravamo consapevoli dellasua condizione e dell’applicazioneche ha messo nell’affrontareper la prima volta unmondiale in questa specialità,pensavamo ad un buon piazzamento,ma un risultato cosìprestigioso è stato un grandissimoregalo che ha aggiunto atutto il gruppo motivazioni estimoli per la gara su strada.Guardando in prospettiva futura,vorrei che l’esempio datoda Noemi quest’anno venisseraccolto dalle giovani per averemateriale sul quale lavorareper la crono ed alcune specialitàdella pista.”“Ero partita con l’obiettivo diarrivare nelle prime dieci -racconta la Cantele che correda diverse stagioni nella svizzera“Bigla” e che nel 2010 difenderài colori del team Columbia,uno dei più forti delpanorama ciclistico internazionale- E’ stata davvero unasorpresa. Durante la corsanon mi rendevo conto di quelloche stava succedendo, poi,negli ultimi chilometri ho capitodi avere un buon tempo.Mi sembrava di vivere una situazionesurreale, uno scatenarsidi emozioni continue.Non ci ho creduto finchè nonè arrivata al traguardo l’ultimaatleta. Una gioia indescrivibileche mi ha dato grinta emaggiore tranquillità nell’afffrontarela gara in linea.”UOMINI ELITE - Cancellara,imbattibile, e questo si sapeva,al punto che l’unico dubbiodella vigilia era sul distaccoche avrebbe inflitto ai rivali.RisultatiSui 49,8 km del percorso haletteralmente volato - mediadi 51,580 - lasciando GustavLarsson, medaglia d’argento aPechino, a soli 1’27”, grazie alfatto che, e non è un paradosso,una volta raggiunto, lo svedeseha goduto di un magnificopunto di riferimento. A2’30” il tedesco Tony Martin,anche lui agevolato dal sorpassoquando viaggiava allapari con il bravissimo Pinotti.E la magnifica prova dell’azzurroha trovato proprio nellaperformance di Cancellara unostacolo in più.Partito con piglio e determinazione,il campione italiano èrimasto virtualmente sul podioquasi fino al termine dellagara, prima dell’arrivo di Larssone Martin, aiutati nel finaledal sorpasso di Cancellara,che ha fatto da traino sia purea distanza.Il quinto posto, ma soprattuttola prestazione che esclusoil marziano Cancellara, lo avvicinaai migliori, sarà certamenteuno stimolo in più peril prossimo anno. Contentissimo,ovviamente, Franco Balleriniper il quale “il fatto diaver centrato l’obiettivo delsuo miglior piazzamento personalein sette mondiali disputati,rende questo risultatodegno di merito”.UNDER 23: 1. Jack Bobridge (Aus) km 33,2 in 40’44”, media 48,887km/h; 2. Nelson Oliviera (Por) a 18”; 3. Patrick Grestch (Ger) a 27”;4. Marcel Kittel (Ger) a 34”; 5. Adriano Malori (Ita) a 36”, 6. AlfredoBalloni (Ita) a 39”; 7. Alex Dowsett (Gbr) a 44”; 8. Blaz Jarc (Slo) a 1’;9. Rasmus Christian Quaade (Dan) a 1’07”; 10. David Veilleux (Can) a1’12”; 18. Emanuele Boaro (Ita) a 1’43”.DONNE ELITE : 1. Kristine Armstrong (Usa) km 26,8 in 35’26”09,media 45,379; 2. Noemi Cantele (Ita) a 55”; 3. Linda Villumsen (Dan)a 58”; 4. Judith Arndt (Ger) a 1’24”; 5. Christiane Soeder (Austria) a1’28”; 6. Amber Neben (Usa) a 1’29”; 7. Tatiana Antoshina (Rus) a 1’31”;8. Tara Whitten (Can) a 1’34”; 9. Karin Thurig (Svi) a 1’38”; 10. JeannieLongo (Fra) a 1’48”; 18, Tatiana Guderzo (Ita) a 2’33”.UOMINI ELITE: 1. Fabian Cancellara (Svi) km 49,8 in 57’55”74, media51,580 km/h; 2. Gustav Larsson (Sve) a 1’27”; 3. Tony Martin (Ger) a2’30”; 4. Tom Zirbel (Usa) a 2’47”; 5. Marco Pinotti (Ita) a 3’02”; 6. JanezBrajkovic (Slo) a 3’08”; 7. Koos Moerenhout (Ol) a 2’11”; 8. AlexandreVinoukourov (Kaz) a 3’20”; 9. Ignatas Konovalovas (Lit) a 3’33”; 10. BertGrabsch (Ger) a 3’37”.


CAMPIONATO DEL MONDOUna prestazione di altissimo livello della squadra femminile diretta da Dino Salvoldidi Michela Mastrangeloe Massimo RodiLA CORSA PERFETTA.Quella che si disegna a tavolino,metro dopo metro. Checuce addosso ad ogni protagonista,punta o gregario chesia, l’azione giusta al momentogiusto. La gara che si vorrebberiuscire a disputare propriocome la si era immaginata, emagari anche di più. E’ accadutoa Mendrisio sabato scorso. Ildi più ce lo hanno messo loro:Tatiana, Noemi, Fabiana, Giorgia,Monia, Luisa. Dino Salvoldi,alla regia, sorride e guarda ititoli di coda di un anno strepitosodominato in ogni categoriae su ogni terreno di gara. Ititoli di coda, in ordine di apparizione,sono l’argento cronodi Noemi Cantele, l’oro in lineadi Tatiana Guderzo, un bronzo,ancora con la varesina protagonista,la gioia condivisa delle altrequattro protagoniste.“Lo scorso anno - racconta lacampionessa del mondo - sonoripartita da Varese con l’amaroin bocca, per niente soddisfattadella mia prestazione. Ero sulpullman con i tifosi e quandomia madre mi si è avvicinata, leho detto che quel giorno avevocapito come lavorare per indossarequella maglia. Ero pronta aprendermi le mie responsabilità,avevo compreso che dovevogestire le emozioni vivendole cose con naturalezza, divertendomicome ho sempre fatto.Ora che il sogno è diventatorealtà, mi sento più prontache mai, non ho paura di vestirequesta maglia e cercherò difare onore all’Italia in ogni momentodella stagione”.E’ nei momenti difficili chequesta giovane donna riesce atirare fuori la grinta e la classeche sin dalle prime corse in bicil’hanno contraddistinta. DaVerona, a Pechino, fino al gradinopiù alto di Mendrisio.“E’ stata semplicemente la garaperfetta - spiega il C.T. Salvoldi.Le ragazze irresistibiliL’oro della Guderzo e il bronzo di Cantele mantengono altoil nostro prestigio internazionale. Sia tra gli under 23, oro a Picard,che tra i professionisti, titolo a Evans, è mancato l’ultimo guizzoL’ESULTANZA DI TATIANA GUDERZO ALL’ARRIVO (FOTO SIROTTI)Tutte le ragazze hanno rispettatoil loro compito e il ruoloche avevano all’interno dellasquadra e le nostre due leaderhanno completato l’opera e ilcapolavoro. Entrambe avevanonelle gambe la possibilità delmassimo risultato, consapevoliche il finale avrebbe potutopremiare più una rispetto all’altra.Le avversarie forti c’eranoe c’è voluta una squadra superper battere la Vos e tutta laconcorrenza. Un elogio a tutte,dalla prima all’ultima.”L’obiettivo delle azzurre eraquello di fare selezione, sin dalprincipio. La prima metà gara ètutta per Bronzini, Baccaille eTamanini, meravigliose nell’assolvereil loro compito su ognicentimetro d’asfalto. Si alternanoin testa al gruppo, si incollanoalle avversarie, sono semprelì, come la Luperini. Al quintogiro parte il suo attacco, poi ancoraun altro all’inizio del settimo,generosa gregaria. Le suestoccate, quando la strada sale,fanno sempre male, soprattuttosu quel percorso e dopo un belpo’ di chilometri nelle gambe.Un percorso cattivo, che mietele sue vittime. Il gruppo si assottigliasempre più, la discesatradisce persino la fuoriclasseCooke, campionessa olimpicae iridata che non riuscirà più arientrare sulle migliori.Poi, come da copione, la parolapassa alle nostre primedonne.Inizia Noemi Cantele, la medagliad’argento a cronometrotatuata nel cuore a guidare lasua pedalata elegante. Allunganel tratto in discesa, al terzultimogiro, la Luperini, in testaal gruppo, protegge la sua azione.Non sarà quella decisiva, enon spinge fino in fondo, maalle sue spalle le avversarie paganoun ulteriore dazio. “A direil vero è stato un caso - ha commentatola varesina. In discesavado forte e al terzultimo giromi sono avvantaggiata, ma nonho mai spinto al massimo. Tatianaper radio mi dava notiziesulle avversarie. Un tentativocomunque utile, che ha poi giovatoall’obiettivo finale”.All’ottavo giro, dopo la salitadi Acquafresca, al comando siforma un gruppetto con le migliori.In gara, delle 127 partenti,ne restano soltanto 47.All’ultimo giro sono in quattroa guidare le danze: Guderzo,Cantele, l’oro crono Armstronge l’olandese Vos, unadelle più temibili. Le leonessedi Casa Italia sono pronte asferrare ogni attacco possibile.La prima a scattare è la Guderzo.Vos prova a reagire. E’la volta di Cantele, poi ancoraGuderzo. “In quel momentoio e Noemi ci siamo incrociatecon gli sguardi. In quellaocchiata ho visto la mia grinta,la sua e la nostra voglia di vincere.Avevamo un unico obiettivo:una delle due doveva vincere,non importava chi.” E’ ilmomento giusto. La ragazzadi Marostica - che corre conle Fiamme Azzurre e la toscanaMichela Fanini, (di patronBrunello) - un bronzo olimpicoa Pechino, un argento ai mon-il Mondo del Ciclismo n.407


CAMPIONATO DEL MONDOil Mondo del Ciclismo n.408diali del 2004, in discesa è unafreccia. Il nomignolo “kami”insegna. Dietro la Cantele proteggee controlla. “Avere Noemialle spalle mi ha dato una tranquillitàinteriore fondamentale- racconta Tatiana - se mi avesseroripreso c’era lei pronta aripartire. Nel tratto in pianuracercavo di risparmiare un po’di energia per rilanciare sull’ultimasalita. Nei primi cinquecentometri ho sofferto tanto.Le gambe mi facevano malissimo,a metà salita ho iniziato acrederci, la pedalata era buona,i dolori erano scomparsi. Sentivoil vuoto dentro, scombussolatada un’emozione che stavaper travolgermi. La vittoria miha ripagato di un anno duro epieno di sofferenza. Durantel’azione ero piena di timori, hopensato di essere uscita troppopresto, ma ho pensato a Marta(Bastianelli n.d.rI) che con unafuga da lontano aveva vinto ilmondiale di Stoccarda, e questomi ha rassicurato.”Dietro di lei, la Cantele, leale,generosa ed infaticabile, completaval’impresa conquistandoil bronzo alle spalle della Vos.Una medaglia, che dopo unagara corsa così, era quanto dipiù giusto le potesse capitare.Quello di Mendrisio, con duemedaglie al collo, è stato sicuramenteanche il suo mondiale.“Nella gara in linea volevo saliresul podio e ci sono riuscita- spiega la Cantele. Ho lottatonella volata finale per conquistarel’argento, ma la Vos è statapiù forte. Sono felicissima. E’stata una settimana indimenticabile.Penso che fosse arrivatoil momento giusto per me,ed ora che sono tornata a casami sto godendo questi risultatiin tranquillità con la mia famigliae i miei amici. Un successoche ripaga dei tanti sacrifici affrontatiin questi anni. Dopo lacrono ho capito che stavo bene,speravo di disputare una buonaprova anche su strada, ma nellecorse ci sono tante variabili,e le cose possono andare anchein altra maniera. Per fortunanon è stato così, sabato abbiamocorso alla grande, nonabbiamo sbagliato nulla. Maiun momento di difficoltà, maiun’indecisione. E’ andato tuttocome volevamo che andasse.”La corsa per le sei pedine diEdoardo Salvoldi è iniziata alle5.30 del mattino.“La mattina della gara eravamotranquille e rilassate - ricorda laGuderzo. In pullman e sui rullischerzavamo e facevamo battute.C’era una bellissima sintoniae in gara ognuna ha fatto lasua parte ed anche di più. Questamaglia è anche loro. Se fossepossibile ne cucirei un pezzosulla manica di ciascuna diloro, compresa la riserva (ValentinaCarretta n.d.r). Avere insquadra un’atleta come FabianaLuperini, pronta a correrein testa al gruppo, premurosanel chiedermi se avessi bisognodi qualcosa, capace di mettersia completa disposizione dellasquadra, mi ha dato ancorapiù carica e voglia di raggiungereil sogno e con lei tutte lealtre. Non credo di averle ancoraringraziate ancora abbastanza,penso che continuerò afarlo per tutto l’anno ricordandoloro quanto hanno fatto perme. Il C.T. Salvoldi poi è statostraordinario nel darci la tranquillitàgiusta, nell’assegnare iruoli sapendo valorizzare le capacitàdi ciascuna, lasciandosilibere di fare la gara pur restandosempre al nostro fianco perIL FRANCESE ROMAIN SICARD (FOTO SIROTTI)il consiglio giusto.”Per Dino Salvoldi questo è unanno speciale nel quale i risultatidi Mendrisio sono la cilieginasulla torta. E’ la forza delgruppo l’ingrediente fondamentaledei tanti risultati raggiuntiin questi anni.“Nelle prove di squadra, ma anchenella preparazione di eventiche privilegiavano l’individualità- spiega il C.T. - ho semprepuntato sul gruppo in funzionedell’atleta che in quella particolarecircostanza, sia su pistache su strada, ha le caratteristicheparticolari per ottenereil risultato, cercando ognivolta di trovare le motivazionie l’obiettivo giusto nel tempo,senza soffermarsi sull’impegnopiù immediato, ma guardandoavanti, aspettando il momentogiusto per ciascuna. Le cosevanno fatte per obiettivi a medioe lungo termine. Non è statosempre facile all’inizio, maora che abbiamo una continuitàdi risultato, viene automaticorispettare questa filosofia. E’chiaro che arrivare in alto nonè scontato. Non sempre arrivanoi risultati, non sempre cisono stagioni come questa, mal’obiettivo è garantire sempreuna continuità. “Nonostante i risultati strepitosidel 2009, il C.T. delle donne,resta ben saldo con i piedi perterra, uno sguardo rivolto agliobiettivi futuri.“Ora continuiamo a lavorarenel migliore dei modi in prospettivadi Londra 2012. Nondimentichiamo le nostre carenzee faremo di tutto per impegnarciin quelle discipline incui non siamo ancora ai vertici.Siamo consapevoli che saràdifficilissimo ripetersi ai livellidi quest’anno, ma lavoreremocon lo stesso metodo e con lostesso impegno per cercare dicolmare le lacune che ci restano.In conclusione, i dovuti ringraziamenti,prima di tutto alleragazze con le quali quest’annoc’è stato un gran feeling trasversale,dalla pista, alle junior,fino alla squadra di Mendrisio.Grazie anche al mio gruppo,perché senza il suo contributonon avremmo raggiunto questirisultati, e in particolare, al presidenteDi Rocco che mi lascialavorare con grande serenità.”UNDER 23 - Onore a RomainSicard che, ventidue anni dopoRichard Vivien, primo nel 1987a Villach, ha riportato un francesein cima al mondo dellacorsa in linea. L’ha fatto colpiglio del fuoriclasse, lui chegià nella prossima stagione indosseràla maglia da professionistanella squadra basca dell’Euskatel. Era uno dei favoritidella vigilia - aveva vinto ilTour de l’Avenir, quindi marcatissimo- ma questo non gliha impedito di allungare sulladiscesa del penultimo giro, assiemeall’olandese Kreder. Chegli ha dato una mano per quantopossibile, visto che dopo lacampana dell’ultimo giro, ècrollato sulla salita dell’Acquafresca,pagandone poi i prezzo(è arrivato staccatissimo sullalinea del traguardo). Nessunoha saputo resistere alla sua progressione.Non il colombianoCarlos Alberto Betancourt Gomezo il russo Egor Silin, medaglied’argento e di bronzo,giunti ad una trentina di secondi.Non il nostro Damiano Caruso,alla fine decimo, ma checomunque nel momento clouera lì davanti. Non si può rimproverarenulla alla squadra azzurra.Ha fatto tutto quello che


CAMPIONATO DEL MONDOc’era da fare per portare il capitanonella posizione giusta almomento giusto, ma nel finaleCaruso non ha avuto la gambaper rispondere. Resta il valoredella prestazione complessiva,dove Pagani è stato bravissimoa svolgere il lavoro di ricucituradopo che un quintetto avevapreso il largo nella prima partedi gara. Surrogato da Ulissi,lui si non brillantissimo, neldargli il cambio. Presente e pugnacein Brambilla quando èservita la risposta agli attacchipiù duri, ma anche la propostain un momento cruciale. Infine,Daniele Ratto, votato al sacrificioquando, superata unacrisi, si è riportato in testa algruppetto degli inseguitori perfavorire il possibile rientro diCaruso. Il commento del cittìMarino Amadori fotografaperfettamente i nostri meriti “...ci siamo comportati bene, c’èstato un grande lavoro da partedi tutti gli azzurri durante lacorsa” e i nostri difetti “...forseci voleva qualche scatto in più,ma su questa tipologia di percorsosprechi molte energie.Ci è mancata una freccia nellafase finale, certamente Damianooggi non era lui”.C’è da dire che la Francia, piùdella Germania, ha ben spesola possibilità di correre con seiuomini (e non cinque), in virtùdel primo posto nella classificafinale della Coppa delleNazioni.Se siamo di fronte ad una “nouvellevague” di vincenti è prestoper dirlo. Di sicuro ha vinto ilcorridore più rappresentativo(ma è stato bravissimo anche aPinot recente vincitore del Girodella Valle d’Aosta) della squadratransalpina. Un successoche fa bene, per la storia dellaFrancia, a tutto il movimento.ELITE UOMINI - Aveva ragioneFranco Ballerini a temeremaggiormente la Spagna. E certamentenon era sorpreso nelvedere che i due capitani, Valverde,Sanchez, più il “solista”Rodriguez erano nel gruppettoche, a dieci km dal traguardo,si stava giocando la medagliad’oro. Lo era di più pensandoche dei suoi ragazzi, era rimastounicamente Cunego - al postogiusto, al momento gisuto- ma era dannatamente solo equesto non andava bene. Morale,stavolta la Spagna avevatutte le possibilità di fare bingoe per superarla bisognava esserepiù in tutto. O, al contrario,scommettere sulla loro presunzionee l’insipienza tattica. CadelEvans ha capito il lato oscurodegli spagnoli e ha fruttatobene la sua posizione di “solitaryman”, e il fatto di essereescluso dal ballottaggio finaleper la medaglia. Insomma, ilsuo basso profilo.Un errore marchiano, visto cheil terzo posto nella Vuelta erastato la sommatoria di una buonadose di sfortuna e si dovevatemere la sua forza. Però, nelcalcolo finale c’era che lui, frai nove presenti in quella fuga,aveva meno possibilità di conquistarel’oro. E proprio perquesto, alla fine, l’ha conquistato.La presenza di Rodriguez- il meno carismatico dei leaderspagnoli - quella di Kolobnev,ha ingessato la corsa nel momentotopico. La sensazione erache davanti lo spagnolo andavaa rimorchio perché non volevaRisultatiL’AUSTRALIANO CADEL EVANS (FOTO SIROTTI)essere tacciato di lesa maestànei confronti dei due capitani,mentre dietro Valverde e Sanchezspeculavano su chi, deglialtri, dovesse fare la mossaper scatenarli all’inseguimento.Quando si è mosso Cunegoe dietro di lui Gilbert, e primaancora Cancellara aveva operatola scrematura finale, Evansaveva già assestato il colpo decisivoe volava indisturbato perandarsi a prendere la medagliad’oro. Primo australiano a vincereil mondiale professionistiin 82 anni di storia e 76 edizioni.Un punto d’orgoglio ancheDONNE ELITE: 1. Tatiana Guderzo (Ita) km. 124,2 in 3h33’25”; 2.Marianne Vos (Ol) a 19”; 3. Noemi Cantele (Ita); 4. Kristin Armstrong(Usa); 5. Diana Zilute (Lit) a 1’07”; 6. Judith Arndt (Ger); 7. ErinneWallock (Can); 8. Nicole Braendli (Svi); 9. Grace Verbeke (Bel); 10.Catherine Cheatley (Nzl); 30. Fabiana Luperini (Ita) a 6’54”; 46. MoniaBaccaille (Ita) a 10’18”; 47. Luisa Tamanini (Ita).UNDER 23: 1. Romain Sicard (Fra) Km. 179,4 in 4.41’54”, media 38,183;2. Carlos Alberto Betancur Gomez (Colombia) a 27”; 3. Egor Silin(Rus); 4. Peter Kennaugh (Gbr) a 49”; 5. Jérôme Baugnies (Bel) a 54”; 6.Marko Kump (Slo); 7. Yevgeniy Nepomnyachshiy (Kaz); 8. Jose CayetanoSarmiento Tunarrosa (Col); 9. Matthias Brandle (Aut) a 1’; 10. DamianoCaruso (Ita) a 1’33”; 31. Gianluca Brambilla (Ita) a 1’40”; 39. DanieleRatto (Ita) a 5’21”. Ritirati Angelo Pagani e Diego Ulissi.UOMINI ELITE: 1. Cadel Evans (Aus) km 262,2 in 6h56’26” media37,777 km/h; 2. Alexandr Kolobnev (Rus) a 27”; 3. Joaquin Rodriguez(Spa) a 28”; 4. Samuel Sanchez (Spa) a 30”; 5. Fabian Cancellara (Svi), 6.Philippe Gilbert (Bel) a 51”; 7. Matti Breschel (Dan); 8. Damiano Cunego(Ita); 9. Alejandro Valverde Belmonte (Spa); 10. Simon Gerrants (Aus)a 1’47”; 16. Ivan Basso (Ita) a 2’02”; 21. Filippo Pozzato (Ita) a 2’50”; 65.Luca Paolini (Ita) a 7’43”; 71. Stefano Garzelli (Ita) a 10’54”;per l’Italia, perché cresciuto ciclisticamenteprima alla Saecoe poi alla Mapei di GiorgioSquinzi sotto la direzione diRoberto Damiani e Aldo Sassi.L’Italia di Ballerini ha mancatoil poker consecutivo in unacorsa troppo regolare nel ritmo,di fatto senza scossonipraticamente sino all’ultimogiro. A livello tattico qualcosanon ha funzionato, ma non èil caso di battersi il petto, negliultimi due giri. Fino a quelmomento, tra alti e bassi, Visconti,Scarponi, Bruseghin,Garzelli, Paolini, Ballan avevanotenuto botta e Cunego, Bassoe Pozzato potevano speraredi esprimersi al meglio là doveerano attesi. Cunego ha risposto,per gli altri due il lavoro dispinta e ricucitura finale è statotroppo dispendioso. Per Cunego,solo e senza l’esplosività chegli ha permesso di vincere ledue tappe più dure della Vuelta,non c’è stata storia. Ha stretto identi, ha alzato la testa - scattosulla salita di Novazzano - maproprio non ne aveva più. FrancoBallerini non ha certo gioito,ma la debacle della Spagna -tre corridori su nove nella fugadecisiva - ha confermato ancorauna volta che la filosofia delgruppo è la sola carta vincente.Stavolta è andata buca, mal’Italia è sempre stata lì, in alto.Come le compete.il Mondo del Ciclismo n.409


APPUNTAMENTIil Mondo del Ciclismo n.4010Ciclocross - Domenica prossima prima prova di Coppa del Mondo a Le Bandietersi in evidenza, davanti alsuo pubblico, per contendereagli assi belgi lo scettro dellaCoppa, nell’albo d’oro dellaquale figurano Daniele Pontonie Luca Bramati, oltre DavideMalacarne per la categoriajuniores.Con Franzoi, medaglia dibronzo ai mondiali 2007 diHooglede Gits, saranno dellapartita Marco Bianco (ha giàcorso in Belgio e Olanda), FabioUrsi, Rafael Visinelli, AlessandroGambino, Luca Damianie Marco Ponta, al suodebutto nella categoria superiore.Incerta la presenza dell’olandeseLars Boom, che a Spresianosi laureò campione delmondo nel 2008. L’atleta dellaRabobank, vittorioso in unatappa del recente Giro di Spagnae reduce dal mondiale sustrada di Mendrisio, disputeràin questa stagione un limitatonumero di gare di ciclocrossper preparare una grande primaveranelle classiche su stradiAlfredo VittoriniTreviso: 1 a prova Coppadel mondo ciclocrossCalato il sipario dei mondialisu strada il ciclocross si ponetempestivamente sulla ribaltainternazionale con la primaprova di Coppa del mondo,domenica prossima a Spresiano,nei pressi di Treviso, suquel circuito del Lago Le Bandieche accolse una precedenteprova di Coppa nel 2006 e imondiali nel 2008.Saranno complessivamentenove le prove di Coppa: duesettimane dopo Spresianosarà la volta della RepubblicaCeca con Pilzen, visto cheTabor sarà sede dei prossimicampionati del mondo; poi inFrancia con il ritorno di Nommay,in Belgio con Koksijde, inSpagna con la classica bascadi Igorre; ancora in Belgio conKalmthout e Heusden-Zolder,di nuovo in Francia a Roubaixe infine in Olanda sul circuitodi Hoogerheide, lo stesso cheaccolse la recente edizione delmondiale ciclocross.E’ sottinteso che il ritorno diTreviso nel calendario Uciprelude ad una riassegnazionedel mondiale ciclocross algruppo di Remo Mosole (2013o 2014?). Ricordiamo che leprossime rassegne iridatesono previste a Tabor (2010),St. Wendel (2011) e Koksijde(2012). Tre località che ripetonoprecedenti esperienze, cosìcome vuol fare Treviso.Niels Albert a Le BandieIl campione del mondo NielsAlbert, che a Le Bandie stravinseil titolo iridato tra gliUnder 23, apre l’elenco deiconcorrenti della categoriaElite. E’ da considerare comeun simbolico porta bandieradello squadrone belga cheha nelle sue fila, tra gli altri, ilfuoriclasse Sven Nys (campionenazionale, detentore dellaCoppa) e l’irriducibile trenta-Si riparte da TrevisoSaranno complessivamente nove le prove del challenge federaleche si appresta a vivere una stagione all’insegna del duello Nys-AlbertREMO MOSOLE IN OCCASIONE DELLA PRESENTAZIONE DELLA PRIMA PROVA DI COPPAsettenne Erwin Vervecken ilquale con indosso le insegneiridate fece terzo a Le Bandienella prova di Coppa del 2006.Albert ha già vinto tre garein Belgio, quella d’aperturaad Erpe-Mere lo scorso 13settembre e le successive diNeerpelt ed Eenergem. Nys,terzo nel mese di luglio nelcampionato europeo mountainbike, ha esordito con ilciclocross il 20 settembre aNeerpelt con un piazzamentomodesto (9°) ma già sabatoscorso nella prova nazionaledi Eenergem è salito sul terzogradino del podio, precedutosolo da Albert e da Sven Vanthourenhout.Davide Frattinistar negli UsaA sua volta Vervecken è andatoa cogliere una vittoria e utilipiazzamenti negli Usa dove,dal 19 al 27 settembre, si sonodisputate ben otto gare Uci.In due occasioni (Fogelsville eBaltimora) è risultato vincenteil nostro Davide Frattini,ormai di casa negli Usa, portacoloridel Team Fuji. Ancheil campione elvetico ChristianHeule ha colto una vittoria aRedmond e sono in aumento icorridori europei che colgonole opportunità che il calendarioUci offre negli Usa, specienei mesi di settembre e ottobre.Antagonista abituale deibelgi è il ceko Zdenek Stybar,campione nazionale e da dueanni vice campione del mondo.Anche il francese FrancisMourey va tenuto nella dovutaconsiderazione e lo stessoha un buon ricordo di Spresianoquando nella precedenteprova di Coppa battè allosprint Nys e Vervecken.La determinazionedi Enrico FranzoiIl ventisettenne campione italianoEnrico Franzoi, orientatoin questa stagione ad impegnarsia tempo pieno nelciclocross, sarà il nostro elementodi punta e vorrà met-


APPUNTAMENTIda. Sicuro assente sarà il belgaBart Wellens affetto da citomegalovirus.L’ex campionedel mondo di ciclocross nel2003 e 2004 dovrà osservareun periodo di riposo non breve,prima di poter tornare allegare. Marco Aurelio Fontana,reduce da un’intesa attivitànel settore Mtb, sarà assentegiustificato. Egli osserverà unprogrammato periodo di riposoattivo prima di mettersiin mischia nel ciclocross, conun programma razionale chepunta ad alcune prove di Coppadel mondo, al campionatoitaliano e quello mondiale.Il vasto vivaiodegli junioresSaranno gli juniores ad affrontarela prima delle quattroprove valevoli per la Coppa delmondo. Per questo stimolanteconfronto internazionale il direttoretecnico Fausto Scottiha convocato Rudy Lorenzon,Fabio Alfonso Todaro,Andrea Righettini, AdrianoLenti, Michael Casagrande edAlberto Terziarol; da segnalareche Lenti e Terziarol sonojuniores di primo anno. Unaseconda squadra di azzurrini,prevista dal regolamento perjuniores ed under 23 in favoredelle nazioni che organizzanole prove di Coppa, comprendeFrancesco Acquaviva, StefanoBraidot, Luca Guerrini, LorenzoSamparisi, Enrico Scapolaned Andrea Sottocornola. Sonotutti juniores di primo anno,fatta eccezione per Acquaviva.Un bel vivaio, non c’è chedire, un gruppo di giovani reducidel recente raduno collegialeche il direttore tecnicoFausto Scotti ha organizzatoa Teramo. Pur essendo difficilein questa categoria qualsiasiprevisione rileviamo tra gliantagonisti dei nostri azzurrinile potenzialità dell’olandeseDavid Van der Poel (figliodel popolare Adrie), del belgaLaurens Sweeck e del ceko RadekPolnicky.Conferme e novitàtra gli Under 23Tra gli Under 23 con le doveroseconferme non sono pochele novità tra gli azzurriconvocati da Scotti, sempreben coadiuvato da Luigi Bielli.Nella prima squadra troviamoAlessandro Calderan(da juniores si classificò al secondoposto nella precedenteprova di Coppa di Spresiano),UNA FOTO DEI MONDIALI DEL 2008 SUL CIRCUITO DELLE BANDIEMatteo Trentin, Cristian Cominelli,Elia Silvestri, MirkoTabacchi e Mattia Marcelli(al primo anno nella categoria).Questo gruppo, già bencollaudato, sarà affiancato dauna seconda formazione azzurracomposta da Bryan Falaschi,Daniele Braidot, LucaBraidot, Giuseppe Michieletto,Domenico Maria Salvianie Cristian Romanò. Fattaeccezione per Michieletto eRomanò tutti gli altri sono alloro esordio tra gli Under 23 ein questa categoria resterannoper altri tre anni. Un gradualericambio, quindi, con passaggiche, nel tempo, assicuranovitalità e qualità al crescentemovimento giovanile del ciclocrossnazionale.In questa categoria l’azzurroCominelli, medaglia di bronzoa Spresiano nel 2008, dovràvedersela ancora una volta conun agguerrito lotto di rivalitra i quali i francesi ArnaudJouffroy (iridato juniores nel2008) e Thomas Girard (vinsea Le Bandie la prova di Coppajuniores), i belgi Kenneth VanCompernolle e Vincent Baestaens,i ceki Petrus Lubomir(medaglia di bronzo a Treviso2008 tra gli juniores) e JiriPolnicky, lo slovacco RobertGavenda.Una grande festacon la diretta RaiCon il conforto della direttatelevisiva prenderà il via alleore 14 la gara della categoriaDonne Elite con le azzurreEva Lechner, Evelyn Stafflere Veronica Alessio. Con lorosaranno in lizza, con le insegnesociali, Daniela Bresciani,Francesca Cucciniello, ElisabettaBorgia, Stefania Vecchioe Ilaria Rinaldi. Assente l’iridataMarianne Vos, medagliad’argento a Mendrisio nellaprova su strada e vincitricedella prova di Coppa di Trevisonel 2006, i favori del pronosticovanno alla sua connazionaleDaphny Van denBrand, all’americana KatherineCompton (vincitrice dellarecente gara in notturna a LasVegas), alla francese ChristelFerrier-Bruneau, all’ingleseHelen Wyman, alla ceka PavlaHavlikova ed alla belga SanneCant.Una cosa è certa. Sarà in ognicaso grande festa al centrosportivo Le Bandie, su un tracciatodi grande spettacolarità,con un programma specialeche, oltre le quattro gare diCoppa del mondo, prevede tregare nazionali riservate a tuttele categorie federali, valevolicome prima prova del circuitotriveneto 30° Gran PremioCalcestruzzi Mosole. Le garenazionali aperte ad allievi,esordienti, juniores, mastercon elite e under 23 femminiliavranno luogo la mattina (ore8,30), mentre under 23, elitee master F1 maschi si cimenterannoin chiusura (ore 17).Le gare clou della Coppa delmondo si svolgeranno alle ore11 (juniores), alle 12,10 (under23), alle 14 (donne elite) ed alle15,30 (uomini elite). L’intensagiornata di eventi agonisticisarà confortata dalla direttatelevisiva di “Rai Sport Più”(regista Nazareno Balani) dalleore 14 alle ore 17.il Mondo del Ciclismo n.4011


CRONACHE DELLE GAREil Mondo del Ciclismo n.4012Internazionale Point to Point - 8 a Gimondi BikeISEO (BS) (27/9) - In unasplendida giornata di sole chefa già rimpiangere l’estate appenaconclusa, sono MarzioDeho e Eva Lechner i verimattatori della Gimondi Bike.Oltre a scrivere i propri nominell’albo d’oro della manifestazione,infatti, sono stati ingrado di battere i primati delleprecedenti edizioni e fermareil cronometro rispettivamentea 1h19 49” e 1h33’08”.La gara maschile è stata caratterizzatada continui attacchie contrattacchi che, chilometrodopo chilometro, l’hannoresa sempre più emozionante.A muovere le acque nellaprima parte del tracciatosono stati il colombiano LeonardoPaez ed il russo AlexeyMedvedev che hanno tentatola fuga subito dopo il via. Manel Comune di Provezze, conuna decina di chilometri nellegambe, la situazione nonera già più la stessa: davanti atutti c’erano Celestino, Bettelli,Lazzaroni e Alberati. Seichilometri dopo a condurreera un quartetto (Deho, Bettelli,Alberati e Medvedev) ingrado di guadagnare un leggerovantaggio sul gruppo. APassirano il distacco dei trefuggitivi (Bianchi, Lazzaronie Medvedev) era di soli 10” ela situazione si presentava ancoramolto incerta. A dare lasvolta della gara è stata la Cronoscalatadella Madonna delCorno, a quattro chilometridall’arrivo. Medvedev, Bettelli,Lazzaroni, Deho e Bianchi:questo l’ordine dei passaggidei cinque biker in testa. All’ultimochilometro radio corsainformava di un uomo soloal comando, Medvedev, cheveniva però ripreso e superatoda Deho in un finale con straripante.In campo femminile, dopo soli9 chilometri di gara Elena Giacomuzzi(A.S.D. Unione CiclistiCaprivesi) e Eva Lechner(Team Colnago) avevano giàDeho e Lechnervittoria e recordSi aggiudicano la classica abbassando entrambi i limiti di percorrenzafatto il vuoto alle loro spalle. Alchilometro successivo era l’altoatesinaa sferrare il primo attaccoche le permetteva di guadagnareun vantaggio di 1’30”sulla Giacomuzzi e su ElenaGaddoni (G.S. Promo-bike). Daqui in poi per la pluricampionessaè stata una corsa in perfettasolitudine, con il distaccosulle inseguitrici che crescevadi intermedio in intermedio,L’ARRIVO VITTORIOSO DI MARZIO DEHO E EVA LECHNER SUL PODIOUOMINI - 1. Deho Marzio (A.S.D. G.S.Cicli Olympia) 1h19’49; 2. Medvedev Alexey(Torrevilla Mtb Team As Diletta) 1h20’00; 3.Bettelli Pierluigi (G.S. Scott Racing Team A.S.D.)1h20’05; 4. Lazzaroni Oscar (Axevo - Alba OrobiaBike Asd) 1h20’05; 5. Bianchi Ramon (G.S. ScottRacing Team A.S.D.) 1h20’12; 6. Celestino Mirko(Axevo - Alba Orobia Bike Asd) 1h20’46; 7.Felderer Mike (A.S.D. Sintesi Corse M2) 1h20.53;8. Tiberi Andrea (Tx Active Bianchi) 1h21.09;Ordini d’arrivofino ad arrivare a 5’ sulla terzanei pressi del Castello di Passirano.Sola al traguardo di Iseo,Eva Lechner ha festeggiato lasua prima vittoria alla GimondiBikecon un tempo record.9. Lamastra Giuseppe (Hard Rock Frw A.S.D.)1h21’13; 10. Paez Leonardo (Tx Active Bianchi)1h21’54DONNE - 1. Lechner Eva (Team ColnagoArreghini Filago) 1h33’08; 2. Giacomuzzi Elena(A.S.D. Unione Ciclisti Caprive) 1h37’27; 3.Gaddoni Elena (G.S. Promo-Bike A.S.Dilettanti)1h39’22; 4. Klomp Sandra (Torrevilla MtbTeam As Diletta) 1h40’53; 5. Zanasca Stefania(Torrevilla Mtb Team As Diletta) 1h42’58


CRONACHE DELLE GARECampionato Italiano Fourcross - Spettacolo e tanta partecipazione a Rossana (Cn)ROSSANA (CN) (26/9) - sisono svolti a Rossana (CN), iCampionati Italiani di Fourcross.La pista parzialmenterinnovata, rispetto all’edizionepassata, ha attirato un notevolenumero di partecipantifra cui molti giovani e il pubblicoè accorso numeroso perammirare gli atleti cimentarsiin questa spettacolare disciplina.La professionalità della societàorganizzatrice, VigorCycling Team di Piasco (CN),e la clemenza delle condizionimeteorologiche hanno permessoche la gara si svolgessenelle migliori condizioni.La manche di qualificazionia tempo, per determinarele batterie di gara, si è svoltaregolarmente nel tardo pomeriggiodi sabato e gli atletihanno iniziato a dare provadelle loro abilità, mentrela gara vera e propria, grazieall’impianto di illuminazionedi cui la pista di Rossana è dotata,si è svolta in notturna.Livio Zampieri (Vigor Da-Bomb Cuneo) si è confermatoper il terzo anno consecutivoCampione Italiano di Fourcrossper le categorie agonistiche.Sfortunato in qualifica,a causa di una cadutaha fatto registrare il peggiortempo della categoria, in garaè riuscito, batteria dopo batteria,a dimostrare di essere ilpiù forte. Alle sue spalle è finitoil fratello Dario Zampieri(Vigor Da-Bomb Cuneo); terzolo junior Daniele Cosseta(Ready2ride).Per le categorie Giovanili iltitolo va all’allievo Mario Milani(Caravaggio Offroad), unatleta del BMX che ha saputodestreggiarsi bene anchenel Fourcross. Alle sue spalleè giunto Giovanni Pozzoni(Caravaggio Offroad), seguitoda Francesco Colombo(Team Axo / Pro-gest).Si riconferma Campione Italiano,per le categorie amato-Conferma per ZampieriLivio conquista il titolo, davanti al fratello Dario, per il terzo annoconsecutivo. Tra le donne elite si impone Alia Marcelliniriali, Luca Fusani (AncillottiDoganaccia), al secondo postoStefano Balestracci (VigorDa-Bomb Cuneo), terzoBionaz Paolo (Mtb HerinSchool).I NEO CAMPIONI ITALIANI 4CROSSELITE - 1. Zampieri Livio (Vigor Da BombCuneo); 2. Zampieri Dario (Vigor Da BombCuneo); 3. Cosseta Daniele (Ready2ride-Mdebikes); 4. Gambirasio Carlo (SurfingShop Sport Promo); 5. Fantoni Giacomo(Team Bmx Verona); 6. Milivinti Marco(Dytech Dh); 7. Ravizzini Federico (BmxAction Cremona A.S.D.); 8. Mocellin Andrea(Team Biciaio A.S.D.); 9. Gambirasio Vittorio(Surfing Shop Sport Promo); 10. Gilli Simone(Team Biciaio A.S.D.). DONNE ELITE - 1.Marcellini Alia (Surfing Shop Sport Promo);2. Perardi Federica (Dytech Dh). GIOVANILI- 1. Milani Mario (Al - Caravaggio Offroad);2. Pozzoni Giovanni (Es - Caravaggio OffOrdini di arrivoNelle donne il titolo va ad AliaMarcellini Surfing Shop SportPromotion). Già campionessaitaliana nel downhill, Alia hadimostrato la sua abilità anchenel Fourcross. In secondaposizione Federica Perardi(Dytech DH), mentre per lecategorie giovanili femminilila neo campionessa Italianaè l’esordiente Rosaria Fuccio(Dytech DH). A.M.Road); 3. Colombo Francesco (Es - Team Axo/ Pro-Gest); 4. Giletta Gabriele (Al - Vigor-Cycling Team); 5. Dolfin Stefano (Es - TeamAxo / Pro-G Est); 6. Arnolfo Pietro (Al - Vigor-Cycling Team); 7. Alladio Edoardo (Al - Vigor-Cycling Team); 8. Virdis Luca (Al - CaravaggioOffroad); 9. Vernassa Gianluca (Es - ArgentinaBik E); 10. Perotti Claudio (Al - Dytech Dh).AMATORI - 1. Fusani Luca (AncillottiDoganacci); 2. Balestracci Stefano (Vigor DaBomb Cuneo); 3. Bionaz Paolo (Mtb HerinSchool); 4. Troilo Fabrizio (Mtb Herin School);5. Lorefice Andrea (U.C. Vallée D’aoste); 6.Fuccio Angelo (Dytech Dh); 7. Rossa Damiano(A.S. Dilettantistica)il Mondo del Ciclismo n.4013


CRONACHE DELLE GAREil Mondo del Ciclismo n.4014Nazionale Elite/U23 - 13° Giro della Provincia di Bielladi Paolo BuranelloBIELLA (27/9) - La rivincitacontro la malasorte. AlessandroDe Marchi ha vinto il “13°Giro della Provincia di Biella”(l’ex Torino-Biella) dando definitivamenteun calcio allasfortuna. Il 24enne udinese diBuia ha, infatti, conquistato laseconda vittoria stagionale insoli 15 giorni, dopo essere statoper alcuni mesi al palo. Unarovinosa caduta in primaveradurante una gara a Palazzolo,nel bresciano, lo aveva messolungamente fuori gioco.Così il top della condizione èarrivato solo in quest’ultimoscorcio di annata confortatodai successi di Verona e Biella.Atleta che alterna la stradaalla pista, tra due settimanedisputerà il Campionato Europeodi Derny a Gand in Belgio,De Marchi ha vinto ancheun titolo nazionale sul tondinonell’inseguimento a squadredue anni or sono, mentre nel2008 è stato tra i dieci under23 pre-selezionati dall’alloraC.T. Fina in vista del mondialedi Varese. A Biella il portacoloridel Cycling Team Friuliha dato un saggio delle sueRiscatto di De MarchiSecondo centro in 15 giorni per il friulano, che ritrovail suo smalto dopo il grave incidente di primaveraIL PODIO DI BIELLA. IN ALTO L’ARRIVO DI DE MARCHI (FOTO RODELLA)Ordine di arrivo1. Alessandro De Marchi(Cycling Team Friuli) km154,300 in 3h48’26”, media40,528; 2. Manuele Caddeo(Team Hopplà) a 17”; 3.Mattia Barabesi (idem) a32”; 4. Giuseppe Pecoraroa(Petroli Gragnano) a 35”; 4.Maurizio Anzalone (VeloClub Mendrisio) a 1’09”; 5.Gianluca Maggiore (CasatiPerrel) a 1’11”; 6. MatteoMammini (Team Hopplà)a 1’38”; 8. Ricardo Pichetta(Big Team Limpida) a 1’47”; 9.Pavel Kochetkov (Russia); 10.Alessio Marchetti (ProgettoCiclismo).qualità, riuscendo a battereil formidabile squadrone delTeam Hopplà. Ma andiamoper ordine. Alla gara allestitadall’Ucab Biella hanno partecipato126 corridori con foltarappresentanza straniera. Subitovivacissimo l’avvio caratterizzatoda medie vertiginose,e prima fuga di rilievo operatada quindici battistrada, tra iquali il campione italiano deglielite Gianmario Pedrazzini.Rintuzzato l’attacco, erano altria provare finché la carovanafaceva l’ingresso nel circuitoconclusivo. Qui gli atleti dovevanopercorrere cinque giriper oltre 40 km complessivisuperando le salite della Nera,un micidiale strappo di appena500 metri ma con pendenzeal 17%, e di Piazzo dov’eracollocato lo striscione d’arrivo.Dopo varie scremature agiocarsi il successo finale eranoin tre: la coppia del TeamHopplà costituita da ManueleCaddeo e Mattia Barabesi e DeMarchi. E contro ogni previsione,De Marchi non solo arginavagli attacchi di Caddeoe Barabesi, ma addirittura invista dell’ultimo km di ascesadi Biella Piazzo, si producevain un irresistibile assolo checostringeva alla resa i due avversari.E ora grazie a questostrepitoso finale di stagione, ilfriulano sogna ancora un postonel professionismo.


CRONACHE DELLE GARENazionale Elite/U23 - 29° Piccolo Giro dell’Emiliadi Gianpaolo BalottaCASALECCHIO DI RENO(BO) (27/9) - Un corridoresolitario al traguardo del 29°Piccolo Giro dell’Emilia, il romagnolodi Solarolo, AlbertoContoli, della Bottoli Ramonda,riserva in patria delmondiale di Mendrisio. Al viadella corsa della Ceretolese1969 (Franco Chini direttoredi corsa, Daniele Gulmanellivice) presenti anche gli azzurriBoaro, Malori e Pagani,nonché il vincitore dello scorsoanno Cimolai. Dei 126 partentisi mette subito in mostraun quintetto: Ciavatta, Contoli,Tarasau, Vaccher e Santoro,che scollina ai 700 metridi Cà Bortolani. Vantaggiosempre risicato, la libera uscitatermina al ritorno in pianura.Lungo la statale Emilia allungaMalori, viene inseguitoe ripreso da Gozzi, Margutti,Bertazzo, Defaut, Sottocornolae Moresco. Il drappello restaal comando una decina dichilometri e poi stop. Ci provaTrionfo di ContoliScatto secco e terzo successo stagionale per il romagnolodella Bottoli Ramonda Nordelettrica. Boem e Ciavatta ai posti d’onoreModolo in solitaria, una ventinadi secondi di vantaggio,ma quando supera i 270 metridi San Lorenzo in Collinaanche la sua avventura termina.Secondo passaggio sulSan Lorenzo, primo Busato alquale si accodano Del Santo,Prodigioso, Canzini, Viviani,Wolczak e Modolo, rientranoCiavatta, Contoli, D’Elpidio eTassinari, il gruppo in ritardodi un minuto. Terzo passaggio,il drappello di testa rimanecompatto, in cima transitaprimo Viviani. Quarto e ultimopassaggio sul San Lorenzo,scollinano Ciavatta, Contoli,Tassinari, D’Elpidio e Busato.Le carte si mischiano in discesa,a 5 chilometri dall’arrivoguida un quartetto compostoda Contoli, Modolo, Ciavattae il rientrante Boem. Contoliha la gamba buona e non cista, entrando in Casalecchioscatta e fa il vuoto, il lungorettilineo di arrivo davanti almunicipio, presente il sindacoSimone Gamberini, lo accoglievincitore a mani alzate.Terza vittoria la sua, e 49° successostagionale per la BottoliRamonda Nordelettrica.Ordine di arrivoIN ALTO LA VITTORIA DI CONTOLI. QUI SOPRA IL PODIO DI CASALECCHIO (FOTO SONCINI)1. Alberto Contoli(Nordelettrica BottoliRamonda) km 155, media42,466; 2. Nicola Boem(Marchiol Liquigas PastaMontagrappa) a 5”; 3.Paolo Ciavatta (MonturanoCivitanova); 4. Elia Viviani(Marchiol Site Liquigas); 5.Enrico Battaglin (Zalf désiréeFior); 6. Andrei Nechita(Marchiol Site); 7. MatteoBusato (Coppi Gazzera Videa);8. Massimo Graziato (BottoliNordelettrica); 9. Nicola DalSanto (Mantovani CyclingTeam); 10. Daniele Zuanon(Puros Fapu Mantovani).il Mondo del Ciclismo n.4015


CRONACHE DELLE GAREil Mondo del Ciclismo n.4016Marathon Tour - Con l’Adamello Bike si è concluso il circuitoCON UN DUELLO all’ultimocolpo di pedale tra MirkoCelestino e Johann Pallhuber,nella 5^ e ultima prova lungole pendici del Gavia, si è conclusoil Marathon Tour. Il raccontodi Mirko, vincitore finaledel challenge federale:“E’ stata una battaglia costantecon Hannes fino a quandosono riuscito a staccarlo, sullasalita del Gavia...” In effettii due erano separati, primadell’Adamello Bike, in classificagenerale di una manciatadi punti. Alla corsa lombardatoccava il verdetto finale: si ètrattata di una gara nella gara.Mentre Paez si involava versol’ennesimo successo stagionale,Celestino e Pallhuber lottavanoper la maglia gialla finale,simbolo del primato. Primadel via erano staccati di unamanciata di punti. Celestinoli aveva conquistati grazie aduna costanza di rendimento,pur senza nessun acuto particolare.Johann Pallhuber dovevainvece buona parte dei suoipunti ad un buon inizio di stagione,culminato con il successodi Pragelato, terza prova delcircuito. Alla fine l’ha spuntataCelestino, terzo a Pontedi Legno, due posizioni avantiCelestino e Gaddonisignori delle marathonSuccessi anche per Balducci (MS e M1), Milesi (M2),Zappa (M3), Berlusconi (M4-5-6) e Zanasca (Donne Master)OPEN MASCHILE - 1. Celestino Mirko (TeamAlba Orobia Bike) p. 129; 2. Pallhuber Johann(Team Silmax Amd Merida Asd) p. 117; 3.Medvedev Alexey (Torrevilla Mtb) p. 110; 4. DehoMarzio (Gs Cicli Olympia) p. 89; 5. Paez Leon (TxActive Bianchi) p. 70.OPEN FEMMINILE - 1. Gaddoni Elena (PromoBike) p. 153; 2. Klomp Sandra (Torrevilla MtbAsd) p. 129; 3. Giacomuzzi Elena (Unione CiclistiCaprivesi) p. 117; 4. Benzoni Michela (TorrevillaMtb Asd) p. 88; 5. Gasparini Roberta (Ktm-DaycoAsd) p. 56.MASTER SPORT - MASTER 1 - 1. BalducciMirco (Asd Cicli Taddei Team Galluzzi) p. 170;2. Bonadei Stefano (Bicimania Lissone Mtb) p.147; 3. Mikhailouwski Serghey (Mtb Durantini) p.107; 4. Pasta Alessandro (Torrevilla Mtb) p. 83; 5.Valente Daniele (Torrevilla Mtb) p. 73.MASTER 2 - 1. Milesi Riccardo (BicimaniaLissone Mtb) p. 170; 2. Cantoni Roger (Torrevillal’avversario. Per l’ex professionistasi tratta di una stagioneda incorniciare: titolo italianoe Marathon Tour.Tra le donne ha regnato minorClassifiche finaliincertezza. Grazie ad un iniziodi stagione fulminante (vittoriea Odolo e Marina di Bibbona)Elena Gaddoni ha raccoltoun vantaggio tale da poterCELESTINO E GADDONI CON LE MAGLIE DI LEADER DEL CIRCUITOMtb) p. 102; 3. Pipoli Silvio (Bicimania LissoneMtb) p. 66; 4. Mostosi Josef (Gs Cicli Olympia) p.52; 5. Dell’oca Andrea (Rdzi Caminada Asd) p. 52.MASTER 3 - 1. Zappa Marco (Staff Bike 2000) p.140; 2. Merlo Carlo (Torrevilla Mtb Asd) p. 131;3. Solagna Maurizio (Staff Bike 2000) p. 60; 4.Lanfranchi Severino (Sc Peia Edilstrade) p. 46; 5.Cenedella Marco (Team Martina) p. 44.MASTER 4-5-6 - 1. Berlusconi Massimo(Bicimania Lissone Mtb) p. 170; 2. PiantatoManlio (Gp 2008 Pro Recco Bike) p. 75; 3. NavaMario (Team Bike S.Paolo D’argon) p. 65; 4.Gelmi Fabio (Team Bike S.Paolo D’argon) p. 58; 5.Zanasca Adriano (Torrevilla Mtb Asd) p. 54.DONNE MASTER - 1. Zanasca Stefania(Torrevilla Mtb) p. 161; 2. Paolazzi Claudia(Scott Racing Team) p. 117; 3. Roberti Cristina(Paduano Martina Racing) p. 65; 4. PezzatiGalusero Sofia (Rdzicaminada Asd) p. 44; 5.Vallinotto Valentina (Asd Lissone Mtb) p. 37.controllare nelle prove successive.Alle sue spalle ha chiusoSandra Klomp, mai vincitricee sempre piazzata, mentre ElenaGiacomuzzi si è “svegliata”troppo tardi (un po’ comePaez), conquistando i due successifinali e chiudendo terza.Nelle categorie amatoriali si èregistrato il netto dominio diMirco Balducci (Master Sporte Master 1), Riccardo Milesi(Master 2), Marco Zappa (Master3), Massimo Berlusconi(Master 4-5-6) e Stefania Zanasca(Donne Master).ERRATA CORRIGESullo scorso numero de ilMondo del Ciclismo la foto apag. 14 nell’articolo di Pontedi Legno è di Botero e nonPeaz, come erroneamente indicatonella didascalia.Ce ne scusiamo con i lettori egli interessati.


CRONACHE DELLE GARENazionale Elite/Under 23 – 74 a Coppa Collecchiodi Emilio MainiCOLLECCHIO (PR) (22/9) - Iragazzi di Gianni Faresin dellaZalf désirée Fior sbancanola 74a Coppa Collecchio, corsanazionale élite ed under 23.valevole anche come 25° TrofeoSergio Caselli - 11° TrofeoRiccardo Bertinelli. Vittoria diAndrea Vaccher davanti ai suoicompagni di squadra MatteoCollodel, Giorgio Cecchinele Federico Bontorin. La corsaorganizzata dalla Virtus Collecchioin collaborazione conla Parmense ed il Gigi Pezzoniha visto alla partenza 150corridori con ben quattro nazionali:Polonia, Russia, Kazakistan,Bielorussia. La giuriacomposta da Vincenza Bianchi(presidente), Simona Muzzioli,Giuliana Guerzoni, GiuseppeGrandi, Marco Giannotti(componenti), direzione di corsaaffidata a Giovanni Stecconie Claudio Romanò.La corsa s’infiamma sin dalprimo giro, quando al comandosi portano in 25 in rappresentanzadi 12 società: FrancescoLasca, Giuseppe Cicciari,Thomas Pinaglia, Stiven Fanelli,Emanuele Moschen,Alessandro Mazzi, FedericoBontorin, Giorgio Cecchinel,Matteo Collodel, Ruslan Karimov,Matteo Bernardi, GianlucaLeonardi, Alessandro Bernardini,Marco Coledan,Viessur Luksevigs, DamianoMargutti, Enrico Montanari,Artur Tarasau, RiccardoBiasio, Elia Viviani, AdamAdamkiewicz, KnakiarmanMerei e Ablay Shugaipov. Questoplotoncino in poco tempoporta il vantaggio ad oltre dueminuti, vantaggio che rimarràsino alla conclusione degli ottogiri corti.A meno quattro giri dal terminetentano in undici, fra i qualianche l’idolo di casa Luca Dodi,ad inseguire i battistrada, ma iltentativo non avrà durata.Nei tre giri lunghi verso Sega-Vaccher firma la primaFuga a quattro con gli altri compagni della Zalf désirée Fior,Collodel, Cecchinel e Bontorin, regolati poi allo sprintlara (GPM) il gruppo dei battistradaperde qualche pezzo.S’inizia l’ascesa con 18 al comando.In vetta transita perprimo Federico Bontorin, aseguire vari gruppetti più omeno numerosi.Anche i passaggi successivi sulSegalara vedono primo Bontorin,il quale si aggiudicheràil trofeo del miglior scalatore.Al suono della campanaper l’ultima tornata i ragazzidi Faresin prendono in manola situazione. Al comandoFederico Bontorin e GiorgioCecchinel, seguiti dall’altracoppia Zalf Andrea Vacchere Matteo Collodel, i quali nell’ultimasalita raggiungonoi battistrada. A questo puntocorsa finita: i quattro Zalfal comando, a 1’10” il tandemEmanuele Moschen e DamianoMargutti, poi Elia Viviani eEnrico Montanari.1.2.3.4.5.6.7.8.Ordine di arrivoAndrea Vaccher (Zalf désirée Fior)km 145,070 in 3h35’58”, media40,303 km/hMatteo Collodel (idem )Giorgio Cecchinel (idem) a 1”Federico Bontorin (idem) a 2”Damiano Margutti (PodenzanoJuvenes Steriltom) a 2’02”Emanuele Moschen (LucchiniArvedi Unidelta) a 2’22”Oleksandr Polidova (Pedalando inLanga Camel) a 2’25”Elia Viviani (Marchiol SiteLiquigas) a 2’36”Andrei Nechita (idem) a 2’39”9.10. Radoslaw Kwiatkowski (Polonia).La discesa verso Collecchiomette le ali ai quattro battistradai quali si presenterannosul viale appaiati, ai 200 metrisarà Andrea Vaccher a tagliareper primo in traguardoregolando nell’ordine MatteoCollodel, Giorgio Cecchinele Federico Bontorin. DamianoMargutti del Podenzano,sfinito nel finale per il forcingprodotto, arriva quinto staccatodi 2’02”.L’ARRIVO E IL PODIO DI COLLECCHIO (FOTO RODELLA)il Mondo del Ciclismo n.4017


CRONACHE DELLE GAREil Mondo del Ciclismo n.4018Nazionale Juniores - 2 a Eroica di Pradipozzodi Francesco CoppolaPRADIPOZZO (VE) (20/9) -Quella del 20 settembre 2009rimarrà una giornata unica edindimenticabile per i 100 corridoriche hanno partecipatoalla 2^ edizione dell’Eroicadi Pradipozzo, la corsa nazionaleriservata agli juniores edabbinata al 43° Trofeo Cadutidi Pradipozzo. Ad aggiudicarsil’importante appuntamentoè stato il corridore bulgaroYovcho Yovchev, punta di diamantedella fortissima RinascitaOrmelle Friuli. E’ statauna giornata da ciclismo epico,con la polvere delle stradebianche attorno alle vigne delTokaj. La partenza della garaè stata anticipata dalla sfilatadei mezzi agricoli d’epoca e dalminuto di raccoglimento in ricordodelle vittime di Kabule di Gino Zambon, lo storicopresidente del Gruppo Sporti-IL TRIONFALE ARRIVO DEL BULGARO A PRADIPOZZOImpresa di YovchevIl bulgaro al traguardo con 1’40” sul russo Akimov. La corsa rispetta leprevisioni e regala momenti di ciclismo epico. Ghezzo campione venezianoOrdine di arrivo1. Yovcho Yovchev (Rinascita OrmelleFriuli) km 120,5 in 3h5’5”, media39,063; 2. Mikhail Akimov (Russia)a 1’40”; 3. Klemen Michelizza(Hit Casinos); 4. Francesco Flora(Mogliano 85 Colorificio San Marco);5. Elia Ongaretto (Rinascita OrmellePinarello) a 1’48”; 6. GianlucaMilani (Postumia 73 Dino Liviero);7. Andrea Trovato (Caneva RecordEliogea); 8. Sandi Vodopivec (HitCasinos); 9. Marco Mazzetto (TeamLa Torre Italtecnica) a 2’45”; 10.Marco Contesotto (Rinascita OrmellePinarello).vo Sorgente dal 1988 al 2003,scomparso alla fine dello scorsomarzo. Nemmeno il tempodi abbassare la bandiera ascacchi che i concorrenti hannoimposto una velocità folle:sin dai primi settori di sterratosi è creata una grande selezione,tanto che al primo passaggioalla zona d’arrivo il grupposi è presentato diviso in piùtronconi. Non c’è mai stato unattimo di respiro: grazie ad unaserie infinita di scatti e controscatti, la situazione in testa allacorsa è continuamente cambiata.Nel finale si sono avvantaggiatiYovcho Yovchev elo sloveno Klemen Michelizza(Hit Casinos). I due hanno acquisitoun margine considerevoledi vantaggio nei confrontidei più immediati inseguitori,ma nella seconda parte dell’ultimatornata il bulgaro dellaRinascita Ormelle Friuli hadato vita ad una progressioneimpressionante alla quale nonè riuscito a rispondere lo sloveno.Yovchev, che è nato a NovaZagora il 27 marzo del 1991, haguadagnato secondi su secondi;mentre Michelizza è statoraggiunto da Akimov (NazionaleRussa) e dal mestrinoFrancesco Flora (Mogliano 85Colorificio San Marco). A duechilometri dalla conclusioneil vantaggio del bulgaro era di1’20” sui tre più immediati inseguitori.Sul rettilineo d’arrivogli applausi scrosciantihanno accolto il corridore delteam veneto-friulano. E’ statauna vera e propria impresa: ilvincitore ha tagliato il traguardocon un vantaggio di 1’40”sul russo Akimov. Al quintoposto, con un ritardo di 1’48”,si è piazzato Elia Ongaretto,vincitore dell’edizione 2008. Idistacchi nel finale sono statidavvero quelli di un tapponedolomitico: il 10° classificatoha concluso la prova conben 3’30” di ritardo. Il titolo dicampione provinciale di Veneziaè stato assegnato a NiccolòGhezzo (Fausto Coppi Gazzera-Videa-Casinòdi Venezia).L’Eroica 2009 ha quindi rispettatotutte le previsioni e ha fattorivivere le emozioni del ciclismodel passato. Il nuovotracciato, quanto mai spettacolare,ha riscosso tantissimiconsensi e sarà sicuramenteriproposto anche nel 2010.Soddisfatto tutto il comitatoorganizzatore presieduto dall’excorridore Daniele Comacchio,che, con tanta passione,ha allestito l’importante appuntamento.


CRONACHE DELLE GAREElite/Under 23 - 13 a Coppa Guinigi, GP Fausto Coppidi Antonio MannoriLATERINA (AR) (22/9). - InPiazza della Repubblica nelcentro storico di Laterina, autenticaterrazza dalla quale sidomina la pianura aretina e valdarnese,è sfrecciato per primoil ventiduenne campionemoldavo Oleg Berdos. L’atletadel GS Brisot Cardin Bibaneseguidato dal Ds Lino Celante,ha vinto questa 13a CoppaGuinigi -Gran Premio FaustoCoppi, aggredendo il muro postonell’ultimo chilometro edinfilando la stretta stradina trale case ed il muro di cinta cheporta alla Torre Guinigi e versoil traguardo. Sono stati gliultimi momenti di una corsacome sempre bella, spettacolaresui sette giri di 18 chilometrie mezzo comprendenti la salitadi Monsoglio, mentre il “muro”era previsto per quattro volte.Corsa attraente e veloce, questain provincia di Arezzo organizzatadal gruppo sportivo FaustoCoppi, in collaborazione con laFracor Modolo Pratomagno el’apporto sempre importante eprezioso del Comune di Late-Berdos scala il muroAll’ultimo chilometro il moldavo si lancia lungola strettoia che porta alla Torre e va solo all’arrivorina. Vi hanno preso parte 151corridori in rappresentanza di23 società. Dopo una serie ditentativi di fuga ed una selezioneche ha costretto al ritiro molticorridori soprattutto quandosi è effettuato il primo passaggiosulla salita verso il centrostorico di Laterina, la gara restavaaperta ad ogni soluzioneall’inizio dell’ultimo giro quandosulla salita verso MonsoglioBERDOS A LATERINA (FOTO BALSIMELLI)a circa 17 Km dalla conclusione,si verificava l’allungo di Berdosassieme a Randazzo. I dueproseguivano di comune accordofino al ìmuroî finale, quandoRandazzo era costretto a cedere,mentre cercava di rientrareil russo Zhdanov portacoloridel Cycling Valdarno alla ricercadi una vittoria che il bravoatleta meriterebbe ampiamente.Teneva a questa corsa il corridoredell’est e fino all’ultimoha sperato di farcela, ma il moldavoè stato imprendibile. Per ilvincitore, già campione nazionale,è la seconda affermazionestagionaleOrdine di arrivo1. Oleg Berdos (Mold - BrisotCardin Bibanese) km 130,in 2h59’, media 43,414km/h2. Alexander Zhdanov (Rus-Cycling Valdarno Umbria)a 8”3. Simone Campagnaro(CalzaturieriMontegranaro Marini)4. Gianluca Randazzo (SeanoHopplà Bellissima)5. Luciano Barindelli(Mastromarco SensiMapooro)6. Formichetti a 23”; 7.Barabesi; 8. Rizzo; 9. Iattici; 10.Di Carlo.Elite/Under 23 - 52° Gran Premio Vivaisti Cenaiesidi Antonio MannoriOrdine di arrivo1. Giuseppe Di Salvo(Ginestra Gabbiano Alessi)km 135 in 3h11’ media42,408 km/H2. Antonino Parrinello(Bedogni Grassi Natalini)3. Marco Stefani (DantonVibert Italia)4. Mirko Battaglini (NeriSottoli Comauto)5. Carlos Betancourt (Naz.Colombia)6. Mcevoy; 7. Orto; 8. Cesaro;9. Anichini; 10. Simoni.Di Salvo, spunto vincenteVolata a ranghi compatti e vittoria del campione toscano élite,che porta a sei il bottino 2009 del GS Ginestra Gabbiano AlessiCENAIA (PI) (20/9) - Ungrande spunto quello del campionetoscano elite, GiuseppeDi Salvo davanti al gruppocompatto dei pochi rimasti ingara, a conclusione del GranPremio Vivaisti Cenaiesi, cheil Gruppo Gradi Arredamentie Modiano Freschi hanno saputoallestire con bravura. Edha ragione il direttore sportivodel vincitore, il fiorentinoIvo Masi, quando sul palco diarrivo elogia non solo Di Salvoper la volata di Cenaia, maanche tutti i suoi compagni disquadra che non solo in questaoccasione, ma per líinterastagione si sono comportatiin tante occasioni in manierabrillante. Prima della volatavincente, la squadra avevaprovato a vincere per distaccocon il versiliese Da Castagnori,mentre Cesaro, altrovelocista poi giunto ottavo,si è messo a disposizione delcompagno di squadra conammirevole altruismo. Danotare, infine, che GiuseppeDi Salvo ha disputato il finaledella gara di Cenaia conla bicicletta del compagnodi squadra Pratesi, in quantola sua ha avuto un guastomeccanico, ed il compagnodi squadra ha prontamentepassato la propria. Bravo Parrinelloche non è andato lontanodal successo a confermadi una ritrovata condizione.Terzo il pisano Stefani, cheaveva già vinto su questo traguardo.il Mondo del Ciclismo n.4019


CRONACHE DELLE GAREElite/Under 23 - 37 a Coppa Festa in Fiera San Salvatoredi Antonio MannoriBUCINE (AR) (21/9) - Dopolíarrivo di tappa del Giro Biounder 27, la località valdarneseha voluto ospitare nelrispetto della tradizione, anchela 37a Coppa Festa in FieraSan Salvatore, prima delledue gare in Valdarno nel girodi 24 ore. Sul traguardo di Bucinein leggera salita ha vintocon uno spunto vigoroso LeonardoPinizzotto al terzo successostagionale. Due giorniprima l’atleta che abita a SanGiuliano Terme era nel gruppodi testa a Cenaia, quandofu costretto al ritiro dai crampi.Il giorno successivo lo ave-1.2.3.4.5.6.Ordine di arrivoPinizzotto fa trisVolata a ranghi ridotti e sprint perentorio del toscanoche precede l’abruzzese Fedele e il corregionale TuriniLA VOLATA DI BUCINE (FOTO BALSIMELLI)Leonardo Pinizzotto (Hopplà Seano Bellissima) km 125, in2h50’, media 44,118 km/hManuel Fedele (Aran Odoardi Regolo Camel Fazzini)Teddi Turini (Maltinti Solgomma BCC)Luca Dugam Flumian (Brisot Cardin Bibanese)Matteo Belli (Hopplà Seano Bellissima)Rosini; 7. Simoni; 8. Ianniello; 9. Stefani; 10. Battaglini.vamo visto sulla salita di Carmignanoad assistere al GranPremio di Prato professionistiun po preoccupato per quelloche gli era successo nellacompetizione pisana. Evidentementeera un contrattempodi lieve entità e questa vittoriaperentoria in provincia diArezzo, rilancia il corridoredella Hopplà Seano Bellissimaper il finale di stagione. La suaambizione, quella di passareprofessionista (ha già disputatoin passato come stagista alcunegare) nel 2010, vedremose Leonardo riuscirà a centrarequesto suo obbiettivo. Volatanon facile quella di Bucine,ma qui Pinizzotto ha sfoderatooltre alla sua proverbialegrinta, anche l’estro ed il coraggionecessario per imporsiai compagni di fuga. Postid’onore per l’abruzzese Fedelee per il toscano Turini, altridue ottimi velocisti, comedel resto il quarto classificatoil friulano Dugani Flumian.Soddisfatti gli organizzatoriper il numero dei partenti(83 hanno concluso la gara) ebuona l’affluenza del pubblicononostante la giornata feriale.il Mondo del Ciclismo n.4020Elite/Under 23 - 1 a Eroica Espoirsdi Antonio MannoriGAIOLE IN CHIANTI (SI)(20/9) - Quando AlessandroMazzi ha innestato il “turbo”lungo quei settori di stradebianche che sembravanodisegnati su misura per luinulla hanno potuto gli avversari.Troppo forte era il desideriodi vincere per l’atletadi Valeggio sul Mincio che èsembrato un gladiatore, si èmacinato una trentina di chilometridi fuga solitaria, perpoi presentarsi sul traguardodi Gaiole in Chianti con pocopiù di due minuti di vantaggionei confronti della coppiadella Bottoli Nordelettricaformata da Graziato e dallosloveno Koren. Corsa perpochi, questa Erioca Espoirs,Mazzi, gambe e cuoreNetta vittoria del veronese che sulle strade bianche trova il suohabitat ideale. Graziato secondo a 2’03” davanti Koren a 2’05”1.2.3.4.5.6.Ordine di arrivosulle strade bianche dellaprovincia senese sull’esempiodi quella dei professionistie dell’ultima tappa del GiroBio: 69 partenti e 17 arrivaticon distacchi pesanti. Unacorsa di fatica, tra la polvereed il sudore, che Mazzi havinto coronando un propriosogno che cullava da tempo,quello di essere protagonistaqui, in una gara che gli piaceva.Una vittoria da dividerecon i compagni di squadra,Alessandro Mazzi (Zalf désirée Fior) km 144 in 3h53’03”,media 37,074 km/hMassimo Graziato (Nordelettrica Bottoli Ramonda) a 2’03”Kristijan Koren (Slo-Bottoli Ramonda Norelettrica) a 2’05”Mattia Bucci (Cycling Valdarno Umbria) a 2’43”Felice Rizzo (Maltinti Solgomma BCC) a 2’54”Borchi a 3’12”; 7. Modolo a 3’16”; 8. Owsian a 3’45”; 9.Anzalone a 4’10”; 10. Aguero a 4’13”preziosi ed importanti, con lostaff tecnico della Zalf désiréeFior. E’ il quarto successoper lui dopo quelli conseguitie sempre da solo in tre classichedel calendario come laPiccola Sanremo, la Vicenza-Bionde e la gara di San Vendemianoin Veneto. Dopo unanotevole selezione già nei primitratti delle strade bianche,a una trentina di chilometrida Gaiole, Mazzi si scatenavalasciando l’impronta in questacorsa senese condotta adoltre 37 di media.


CRONACHE DELLE GAREUnder 23 - 19° Trofeo Lampredi Vito BernardiBERNAREGGIO (MI) (20/9)- Con l’organizzazione del VeloceClub Bernareggio, si è disputatoil 19° Trofeo Lampre, alquale si sono presentati ben 5corridori della nazionale tedescaper i mondiali di Mendrisio,due della nazionale di Israele, ilcampione nazionale albanese,Zhupa, rappresentanti dellaRepubblica Dominicana, dellaColombia, della Spagna, del-Richeze, gaucho volanteCon un colpo di reni da autentico specialista, l’argentino ha superatosul traguardo l’ottimo Nosotti. Nerz sul terzo gradino del podioIL TESTA A TESTA DI BERNAREGGIO (FOTO SONCINI)l’Ukraina e, naturalmente dell’Argentina,visto che il vincitoreè stato proprio un corridoreargentino, Richeze che, in unserrato sprint a tre ha precedutosulla linea del traguardo,Mirko Nosotti e il nazionale tedescoDominik Nerz. La gara,con Mossieri d’eccezione, Marioe Sergio Galbusera, titolaridell’Azienda Lampre, GiuseppeSaronni, Vitaly Buts, AldoColombo, Presidente onorariodella Ciclistica Ceramiche Lemer(Udace) e il dirigente delVeloce Club Bernareggio, LearcoPerego che hanno assistitoOrdine di arrivoalla gara che, fin dalle primebattute ha cominciato a falcidiareil gruppo tanto che solo22 corridori porteranno a terminela gara conclusa ad unamedia veramente eccezionalee con distacchi significativi trai corridori che hanno portato atermine la gara venendo classificati.1. Adrian Ezequiel Richeze (Argentina-Bottoli-Nordelettrica-Sorelle Ramonda) km 136 in 2h50’ media 46,629; 2. MirkoNosotti (Casati Ngc Perrel); 3. Dominik Nerz (Germania-MilramContinental); 4. John Degenkolb (Germania Thuringen Energy) a37”; 5. Christian Delle Stelle (Bottoli); 6. Eugert Zhupa (Albania-Bottoli) a 43”; 7. Norman Falco (Gerbi 1910) a 1’05”; 8. MarcoZanotti (Cicli Casati); 9. Walter Giuffredi (Ngc Pool Cantù); 10.Niv Libner (Israele-Fuji Trasmiera)Elite/Under 23 - 27° Trofeo Pama Prefabbricati, Memorial Pietro Pancinidi Vito BernardiRuffoni big brescianoIl suo spunto, davanti Galli e Amicabile, gli regala la vittoriae il titolo provinciale U23. Quello élite va a DonesanaOrdine di arrivoLOGRATO (BS) (20/9) - NicolaRuffoni, bresciano di Castelmella,diciannove anniancora da compiere vince la27ema edizione del TrofeoPama e conquista il titolo diCampione provinciale di Bresciacategoria Under 23 dopoun avvincente testa a testacon la ruota veloce di Galli,con l’enfant du pays, Amicabileche va a completare unpodio di tutti U23.La gara, organizzata dal GSPama, per i primi tre giri havisto il gruppo a ranghi compattipoi, all’inizio della quartatornata, è l’alfiere della Gavardo-Tecmor,Andrea Paliniad accendere le micce. Si formaal comando un gruppo di26 corridori che guiderà lacorsa fino al terzo dei diecigiri del secondo circuito, conquistandoun vantaggio massimodi circa 1’30”.Nell’ultima parte della garaentrano in azione Magini, Coledan,Belleri, Bernardelli eZanelli, ma, il caldo e l’andaturaaltissima, sempre sul filodei 46 kmh, decimano il plotoncinodei fuggitivi che ricevonoman forte da un pimpanteProdigioso che tentaanche di andarsene tutto solo,1. Nicola Ruffoni (Gavardo-Tecmor) km 161 in 3h31’50”media 45,602 km/h2. Nicola Galli (GC Feralpi)3. Marco Amicabile (Delio Gallina-S.Inox Filcre)4. Fabio Donesana (Team Schivardi-F. Magni)5. Giacomo Nizzolo (Bottoli-Ramonda-Nordelettrica)6. Enrico Montanari (GS Podenzano)7. Lorenzo Lancini (Gavardo-Tecmor)8. Marco Depetris (Centro Revisioni Cerone)9. Nicola Piechele (UC Trevigiani)10. Andrea Guardini (Neri Comauto).imitato nell’ultimo da Bonane Torri, ma sul lungo rettilineoheda Logratoa Maclodio,il ricongiungimento è cosafatta. Qui entrano in azione itreni delle ruote veloci prontea scattare, ma è Palini a tirareuna volata da manuale cheNicola Ruffoni rifinisce allamaniera dei grandi sprinters.Con la vittoria si fregia anchedel titolo di campione brescianodegli under 23, mentre FabioDonesana bergamasco diSeriate, tesserato per il Teambresciano della Schivardi restaai piedi del podio, ma conquistala maglia di campionebresciano élite.il Mondo del Ciclismo n.4021


CRONACHE DELLE GARE1.2.3.4.5.6.7.8.9.Elite/Under 23 - 56° Gran Premio Sannazzarodi Vito BernardiSANNAZZARO DE’ BUR-GONDI (PV) (22/9) - “Misono impegnato al massimofin dalle prime pedalate diquesta fuga che siamo riuscitia portare a termine, anche secon solo qualche metro di vantaggiosugli inseguitori. Negliultimi 500 metri è subentratala “forza della disperazione”, eOrdine di arrivoFederico Rocchetti (CicliCasati Ngc Perrel) km. 128 in2h53’, media 44,393 km/hMichele Foppoli (DelioGallina S.Inox Filcre)Alberto Contoli(Nordelettrica Bottoli SorelleRamonda)Luca Orlandi (AuroraNamed-M.I. Impianti)Michele Gobbi (SC Fwr Bata)Giacomo Nizzolo(Nordelettrica-Bottoli-SorelleRamonda)Matteo Pelucchi (Bottoli)Edoardo Costanzi(Cremonese Arvedi)Alberto Gatti (Delio Gallina-S.Inox Filcre)10. Marco Depetris (CentroRevisioni Cerone).La tenacia di RocchettiIn fuga con Contoli, Foppoli, Gobbi e Orlandi tallonati dal gruppo,negli ultimi cento metri ha avuto la forza di rilanciare e vincereho tirato fuori le ultime forzerimaste. Ho vinto e la felicitàdesidero condividerla con imiei compagni di squadra, coni nostri sponsor, il personaleche ci segue con tanta passionee con il nostro “Albertone”L’ESULTANZA DI ROCCHETTI (FOTO BENATI)cioè, il direttore sportivo Cappelletti”.Questo il sunto di FedericoRocchetti, vincitore delG.P. Sannazzaro al terminedella fuga a cinque con Foppoli,Contoli, Orlandi e Gobbi.Fuga che nasceva intorno alnono giro e il vantaggio sulgruppo si stabilizza subito intornoai 40” che diventano unminuto quando mancano 20chilometri al traguardo. Mail gruppo che insegue non demordee inizia a recuperare.Il distacco a 10 chilometri dall’arrivoè di soli 20 secondi e, alsuono della campana si riducea soli 13 secondi. I fuggitivinon demordono, il vantaggio èormai minimo. Ai 300 metriGobbi tenta disperatamentel’affondo, ma cede proprio invista del cartello dei 200, dovescatta deciso Contoli, seguitodal campione lombardo éliteFederico Rocchetti, che lanciauno sprint piuttosto lungo,rabbioso, forse disperato,perché sente il fiato degli inseguitorisul collo. Le gamberispondono ancora, Rocchettirilancia ai meno 100 dal traguardoe lo taglia vittoriosoper aggiungere la quinta perlaal suo palmares stagionale.il Mondo del Ciclismo n.4022Elite/Under 23 - 59° Gran Premio Madonna delle Grazie, Memorial Augusto Sforzinidi Giovanni MaialettiALLUMIERE (RM) (12/9)- Grande partecipazione dipubblico ad Allumiere occasionedei festeggiamenti dellaPatrona Madonna delle Graziee Memorial Augusto Sforzinia ricordo di un amato sportivolocale. Ha messo la sua ruotadavanti ad un gruppo di pocopiù di venti atleti, al terminedi una gara molto vivace, RobertoCesaro del GS Ginestra ilGabbiano precedendo il compagnodi squadra Kasthan e gliindomabili Formichetti e Iannello.Cesaro con questo successoraggiunge le tre vittorieCesaro, terzo bersaglioNella volata fra poco più di venti atleti, ha messo la sua ruotadavanti il compagno di squadra Kasthan e Formichettistagionali. Nei primi tre giri simettevano in evidenza i ragazzidei Team Valdarno Umbria,Ginestra il Gabbiano, PalazzagoElledent con Camilli, Iattici1.2.3.4.5.6.Ordine di arrivoe Cantù. Durante il quinto giroulteriore scrematura con 22atleti. I più attivi sono Kasthan,Barabesi, Iannello, Cesaro eFormichetti. Nel finale di garaRoberto Cesaro (GS Ginestra il Gabbiano), km 112,00 in2h44’12” media 40,926 km/hAnatoly Kashtan (GWS Ginestra il Gabbiano)Stefano Formichetti (Pol. GS Valdarno)Vincenzo Iannello (GS Ginestra il Gabbiano)Mattia Barabesi (Hopplà Seano Bellissima)Iattici ; 7. Shaw ; 8. Di Salvo ; 9. Di Castagnori ; 10. Duranteci provano Di Salvo e Doneddu,ma il tentativo va a vuoto. AllungaBarabesi sulla salita traCibona e La Bianca, ma vieneripreso dai fuggitivi. Inevitabilela conclusione in volata, doveCesaro ha la meglio sul compagnodi squadra Kasthan esugli indomabili Formichetti eIannello. Con questo successoCesaro porta a tre vittorie stagionali.


CRONACHE DELLE GAREElite/Under 23 - 9° Trofeo Di Pietro Immobiliare, Targa Marsilio Di Gennarodi Alessandra PortinariALBA ADRIATICA (TE)(29/8) - Vittoria di Fabio Piscopiellonel 9° Trofeo Di PietroImmobiliare e Targa MarsilioDi Gennaro”, al terminedi 130 chilometri di gara moltocombattuta e ricca di interessantitentativi di fuga. L’ultimaazione con dieci fuggitiviè stata neutralizzata proprionel finale costringendo Piscopielload una splendidavolata con una ventina i concorrenti.L’ atleta della VegaIL PODIO DI ALBA ADRIATICAPiscopiello allo sprintVolata a ranghi ridotti nella quale l’atletadella Vega Prefabbricati ha preceduto Berdos e PeruffoPrefabbricati Montappone hapreceduto Berdos (Bibanese-Brisot-Cardin) e il vincitoredei Giochi del MediterraneoPeruffo (Palazzago-Elledent).La manifestazione, già in programmail lunedi di Pasqua,ma rinviata per i noti eventisismici, si è svolta a Casasantadi Alba Adriatica con l’organizzazionedel Velo ClubAran-Cogem-BLS, in collaborazionecon il locale comitatofesta, su un tracciato inizialmentepianeggiante e circuitofinale collinoso che ha richiamatocome tradizione un numerosopubblico.Ordine di arrivo1. Fabio Piscopiello(Vega PrefabbricatiMontappone A.D.) km130 in 3h00’25” media43,193 km/h2. Oleg Berdos (GS Bibanese-Brisot Cardin)3. Enrico Peruffo (UCPalazzago Elledent RadLogistica)4. Fabrizio Di Lizio (SCMonturano CivitanovaMarche Cascinare Srl)5. Domenico Rosini (TeamS.C.A.P. PrefabbricatiForesi)6. Paolo Centra (FuturaTeam - Matricardi)7. Vincenzo Puca (VC AranCogem B.L.S.)8. Naranjo Luis Pulido (ASDMarco Pantani Abruzzo)9. Maksym Averin(Vega PrefabbricatiMontappone A.D.)10. Giacomo Michelessi(idem)Elite/Under 23 - 19° Memorial Morgan Capretta, 2° Tr. Città di Garrufo, 2 a Medaglia d’Oro Di Clementedi Alessandra PortinariBrychak da solo all’arrivoL’ucraino ha preceduto di 20” Piscaglia. Ciavatta, a 25”, ha vintola volata del gruppo. Titoli teramani a Pulido e Ciarlante1.2.3.4.Ordine di arrivoVitalii Brychak (VC Aran Cogem B.L.S.) km 136 in 3h30’05”media 38,491Francesco Piscaglia (Team S.C.A.P. Prefabbricati Foresi) a 15”Paolo Ciavatta (SC Monturano Civitanova Marche Cascinare) a 25”Carlos Julian Quintero Norena (Bedogni Grassi Natalini GrPraga)Paolo Centra (Futura Team - Matricardi)Naranjo Luis Pulido (A.S.D. Marco Pantani Abruzzo)Matteo Rabottini (A.S.D. V.C. Aran Cogem B.L.S.)Domenico Rosini(Team S.C.A.P. Prefabbricati Foresi)Fabio Piscopiello (Vega Prefabbricati Montappone A.D.)5.6.7.8.9.10. Matteo Gozzi (SC Virtus Villa A.S.D.)GARRUFO (TE) (30/8) -Successo per distacco dell’ucrainoBrychak Vitalii nel9° Memorial Morgan Capretta- 2° Trofeo Città di Garrufoe 2° Medaglia d’Oro VincenzoDi Clemente. L’atleta delVelo Club Aran Cogem BLS,società anche organizzatricedella gara, si è imposto con15” di vantaggio su FrancescoPiscaglia e 25” su Paolo Ciavatta,idolo locale, che davantial numerosissimo pubblicodi casa conquistava il terzoposto vincendo la volata delgruppo. La manifestazione,snodatasi su un percorso mistonella Val Vibrata, era anchevalida per l’assegnazionedei titoli provinciali teramaniconquistati da Pulido per gliélite e Ciarlante per gli under23 entrambi della MarcoPantani Abruzzo. Una garavissuta costantemente conazioni di attacco, ma il colpodecisivo riusciva all’ucrainosolitario e applauditissimoin dirittura d’arrivo posto inleggera salita.il Mondo del Ciclismo n.4023


F.C.I. SETTORE FUORISTRADAStruttura Tecnica FederaleNorme generalie attuativeFuoristrada2010


F.C.I. NORME MTB 2010il Mondo del Ciclismo n.40II1 ATTIVITÀL’attività del Settore Fuoristrada prevede la partecipazione di tesseratidi tutte le categorie Agonistiche, Giovanili ed Amatoriali.Il Settore fuoristrada si articola nelle seguenti discipline :- CICLOCROSS - CROSSCOUNTRY (XCO – XCP – XCM- UPH)- BMX - DOWNHILL – 4X - BIKETRIALIl settore emanerà per ogni disciplina l’apposita normativa.2. QUADRI TECNICI:2.1 E’ obbligatorio almeno un “MAESTRO MTB di 1^ livello” pertesserare atleti delle categorie GIOVANISSIMI, ESORDIENTI,ALLIEVI e JUNIORES (vedasi comunicati 1 e 2 anno 2007 dellaSegreteria Generale)2.2 E’ obbligatorio almeno un “MAESTRO MTB di 2^ livello” o un“DIRETTORE SPORTIVO di 3^ livello” per tesserare atleti dellecategorie UNDER ed ELITE2.3 E’ obbligatoria la figura del MEDICO SOCIALE solo per il tesseramentodi atleti delle categorie UNDER ed ELITE che svolgonoattività di crosscountry (XCO/XCP/XCM)3 DEFINIZIONI DELLE SQUADRE3.1 Per nazionalità si intende unicamente quella sportiva ovveroquella riportata sul codice UCI indicato sulla tessera3.2 Rappresentativa Regionale/Provinciale:composta da atleti di nazionalità italiana tesserati per società diuno stesso CR/CP, che deve effettuare la convocazione dellarappresentativa;3.3 Squadra di Club:composta da atleti di nazionalità italiana e da massimo di dueatleti stranieri, per le categorie in cui è consentito.3.4 Gruppi Sportivi UCI: equipe riconosciuta dall’UCI con atletiitaliani e stranieri tesserati nei rispettivi paesi di residenza.4 ISCRIZIONE AI CALENDARI4.1 Una gara dovrà obbligatoriamente essere iscritta nel calendariointernazionale se alla partenza della precedente edizione vi eranole condizioni dell’ art. 1.2.006 RT UCI (ovvero atleti di almeno3 federazioni straniere). In tutti gli altri casi l’iscrizione alcalendario internazionale è facoltativa.4.2 A gara iscritta e confermata nel calendario UCI l’organizzatorenon può declassarla. In caso ciò avvenga l’organizzatore dovràfarsi carico di tutte le spese e penali previste dalle obbligazionifinanziarie.4.3 Se la gara apparteneva al calendario internazionale come garaXCO,XCP o XCM, se declassata, oltre alle penali stabilite dall’UCI,l’organizzatore dovrà versare ugualmente tutte le tassepreviste per la gara internazionale maggiorate di euro 500.Inoltre entro i 7 giorni successivi alla manifestazione, l’organizzatoredovrà versare alla FCI 10 euro per ogni atleta della categoriaelite m/f che ha preso parte alla manifestazione5 APPROVAZIONE GARE5.1 Gare Internazionali e Nazionali,il programma di gara deve essere presentato per l’approvazione alSettore Fuoristrada almeno 60 giorni prima della manifestazione,con allegate le ricevute di versamento e tutta la documentazionerichiesta dagli articoli 38 e 39 del RT FCI, in caso contrario verrannoaddebitati € 300 di supplemento per ritardo. Resta intesoche la Struttura Tecnica si riserva la possibilità di non approvarela gara oltre alla mancata pubblicazione sull’Organo Ufficiale.Si invitano le società organizzatrici ad inviare contestualmenteal programma gara il “Regolamento Speciale di Corsa”. Per legare Internazionali la documentazione dovrà essere riportataanche in lingua inglese/francese.È possibile fare richiesta del fac-simile “Regolamento Speciale diCorsa” tramite e-mail all’indirizzo: fuoristrada@federciclismo.it5.2 Il Settore Fuoristrada provvederà a trasmettere ai Comitati Regionali,per conoscenza, copia dell’approvazione del programmagara e provvederà alla pubblicazione sull’Organo ufficialedella gara5.3 Il Settore Fuoristrada ha la facoltà di modificarne il programma,qualora lo ritenga necessario, per motivi tecnici o per normein contrasto con i RT dell’UCI o della FCI.5.4 Le società organizzatrici di gare che partono od arrivano in localitàfuori dalla propria regione dovranno ottenere, per il tramitedel proprio CR, il nulla osta del CR competente per territorio.5.5 E’ responsabilità del settore Fuoristrada far pervenire ai CommissariInternazionali designati copia del programma gara approvatoalmeno 30 giorni prima della manifestazione cosi comeprevisto dal regolamento internazionale5.6 Gare RegionaliLe gare devono essere approvate in conformità al RegolamentoTecnico ed alle norme attuative in vigore.Nelle gare regionali qualora nel calendario non vi siano concomitanzecon gare nazionali/internazionali, è ammessa la partecipazionedi n. 03 atleti stranieri tesserati per una federazioneestera, in rispetto della norma 4.1.Le società organizzatrici di gare che partono od arrivano in localitàfuori dalla propria regione dovranno ottenere, per il tramitedel proprio CR, il nulla osta del CR competente per territorio.6 OBBLIGHI ORGANIZZATIVI6.1 Identificazione dei corridori;Salvo diverse disposizioni di specialità:Gare Internazionali e Nazionali, tabella di identificazione sullabicicletta e numero dorsale.Gare regionali, tabella di identificazione6.2 Nelle manifestazioni Nazionali e Internazionali è vietato istallaresu tutto il percorso di gara strutture e archi gonfiabili ameno che non siano stati messi in sicurezza con strutture rigide.Nelle gare iscritte nel calendario regionale tale limitazione èlasciata alle Strutture Tecniche Regionali.6.3 L’indicazione “Partenza” e/o “Arrivo”, sarà posta immediatamentesopra la linea bianca, ad una altezza minima di 2,5 metrida terra occupando l’intera larghezza del percorso.6.4 Le transenne nelle gare nazionali e internazionali saranno posizionateai due lati del percorso per un tratto minimo di 100metri prima e di 50 metri dopo la linea di arrivo, come pure perla linea di partenza qualora non coincidano.6.5 L’organizzatore dovrà fornire un adeguato numero di radio oaltri sistemi di comunicazione al fine di garantire un continuocollegamento fra i commissari oltre che col Delegato Tecnico ea necessità col Responsabile della manifestazione6.6 Nelle gare di un giorno che prevedono la verifica licenze il giornoantecedente quello della gara la società organizzatrice dovràprovvedere al vitto ed alloggio per i Giudici designati; la societàorganizzatrice dovrà provvedere al vitto ed alloggio del DelegatoTecnico a partire dalla vigilia della manifestazione al terminedella medesima6.7 Per le manifestazioni su più giornate di gara, la società organizzatricedovrà provvedere al vitto ed alloggio per la Giuria e peril Delegato Tecnico per tutta la durata della manifestazione.6.8 Nelle gare dove previsto il rilevamento tempi e classifiche tramitetrasponder (CHIP) gli atleti partecipanti avranno l’obbligo diinstallare il chip di rilevamento. Il chip dovrà essere necessariamentemesso a disposizione a titolo gratuito o cauzionato con latotale restituzione della cauzione dalla società organizzatrice.6.9 Comunicazione risultatiNelle Gare Nazionali, Internazionali e Regionali che assegnanopunti Top Class, al termine della gara, l’organizzatore oltre ad


F.C.I. NORME MTB 2010inviare le classifiche alla STF, deve compilare le classifiche sulsistema informatico fino alla posizione necessaria per l’assegnazionedei punti Top Class e darne conferma al Settore Fuoristradavia mail: fuoristrada@federciclismo.itInoltre nelle gare internazionali l’organizzatore dovrà predisporreun collegamento internet al fine dell’invio delle classifiche ufficialiall’UCI entro 2 ore dal termine della manifestazione.7 MODALITÀ D’ISCRIZIONE ED ELENCO ISCRITTI7.1 La società che intende partecipare ad una gara è obbligata ad iscriverei suoi atleti tramite il sistema informatico federale all’indirizzoweb http://ksport.fattorek.it/fci/ (la gara è facilmente rintracciabiledal link “gare” e inserendo il numero “Id Gara” nell’appositocampo). Da tale obbligo sono escluse le società non affiliate allaFCI. Gli ID gare sono reperibili sulle pagine WEB dedicate al settore:http://www.federciclismo.it/attivita/mtb/idgare.aspSuccessivamente si dovrà trasmettere alla Società organizzatriceil previsto fax di conferma dell’avvenuta richiesta d’iscrizionecon eventuale bollettino c/c, ove richiesto, del versamentodella tassa d’iscrizione.7.2 L’omessa iscrizione provoca la mancata ammissione in corsa7.3 Ai Commissari di Gara dovrà essere consegnato esclusivamentel’elenco iscritti redatto in excel o pdf scaricato dal sistemainformatico federale. A tale elenco, o su elenco separato, dovrannoessere riportati tutti gli altri iscritti appartenenti agliEnti di Promozione o a Federazioni Straniere.Per le gare internazionali è obbligatorio fornire un unico elenco(pertanto gli atleti appartenenti a Federazioni Straniere o contessera giornaliera dovranno essere riportati in fondo all’elencoscaricato dal sito federale)7.4 L’uso dei Bollettini di ingaggio è obbligatorio per le categorieagonistiche nelle gare Internazionali XCO.7.5 Su ogni foglio devono essere riportati i dati della manifestazione(numero gara, denominazione, tipo e specialità e data disvolgimento)8 CONTROLLO DELLE TESSEREO MODULO S.I.F. (FATTORE K)8.1 In tutte le gare, un responsabile del Team potrà presentare inverifica, tessere o Modulo S.I.F. (Fattore K); nelle gare Regionalie Nazionali XCP e XCM il controllo delle tessere degli atletidelle categorie amatoriali è di competenza del Comitato Organizzatore,gli eventuali casi particolari segnalati saranno valutatidal Collegio di Giuria.8.2 Nelle gare Internazionali il controllo delle tessere o moduloS.I.F. (fattore K) è competenza esclusiva del Collegio di Giuria.8.3 Al termine del periodo di controllo delle tessere e comunquenon oltre i 30 minuti prima della partenza della gara, il responsabiledella manifestazione dovrà consegnare al Presidente delCollegio di Giuria l’elenco completo e aggiornato (con riportatiobbligatoriamente ed in modo aggiornato e corretto, cognomee nome dell’atleta, codice UCI, numero di tessera, società diappartenenza con relativo codice ed ente di appartenenza sediverso dalla FCI) di tutti gli effettivi partenti. Con la consegnadi tale elenco il Responsabile della manifestazione dichiara ancheche tutti i partenti hanno diritto, in base ai regolamenti FCIe UCI, a parteciparvi.8.4 La mancanza della consegna dell’elenco partenti oltre il terminedei 30 minuti prima della partenza cosi come previsto alpunto 8.3 comporta una sanzione alla società organizzatriceoltre alle eventuali responsabilità civili e penali.9 PROGRAMMA GARA9.1 E’ vietata la divulgazione del programma gara diverso da quelloapprovato da parte dell’organo competente. Inoltre non è tollerabile,e pertanto sanzionabile, la divulgazione di una gara condenominazione o titolarità superiore a quella per cui è iscritta.Nel caso una gara sia divulgata come internazionale o nazionaledeve obbligatoriamente essere iscritta nel rispettivo calendarionazionale o internazionale.9.2 Una gara regionale non può assumere denominazioni tipo “avalenza nazionale”, “a carattere nazionale” oppure “interessenazionale” o altre denominazioni che possono trarre in inganno.L’organizzatore ne è l’unico responsabile, qualunque ne siala causa.10 MANIFESTAZIONI DIVERSEL’organizzazione a qualsiasi livello di manifestazioni aventi caratteristicheche non rientrano fra quelle indicate dalle normeattuative, é di esclusiva valutazione e competenza del SettoreNazionale Fuoristrada.11 PREMI E TASSESi fa riferimento a quanto deliberato dal Consiglio Federale pubblicatosull’organo ufficiale nel vademecum “Premi e Tasse”.Il montepremi, si applica alle sole categorie agonistiche in tuttele manifestazioni Internazionali, Nazionali, Regionali Top Classe Campionati Regionali. I pagamenti devono essere liquidatisul posto al termine della manifestazione, rimettendo alla Giuriala distinta dei premi federali firmata dagli atleti, dopo 30minuti dall’esposizione dell’ordine d’arrivo. La distinta premidovrà essere consegnata al Presidente del Collegio di Giuria.Il montepremi riportato sul prospetto “premi e tasse” è già alnetto di ogni eventuale trattenuta alla fonte.12 OBBLIGHI TESSERATICategorie AgonisticheI tesserati delle categorie agonistiche e giovanili (Allievi ed Esordienti)di tutte le discipline non possono prendere parte ad attivitàorganizzate da qualsiasi altra organizzazione sportiva oEnte di Promozione, pena il deferimento alla Procura Federale.13 PUNTI VALORIZZAZIONE ATLETIE CATEGORIE SOGGETTE A VINCOLO:Tale riconoscimento è dovuto all’atto del passaggio tra Societànella misura prevista dalle tabelle Federali (premi e tasse) per iseguenti punteggi e categorie:Elite m/f – Under 23 m/f - Junior m/f punteggi acquisiti nelle gareRegionali di Campionato Regionale o Top Class, Nazionali e Internazionali.Allievi ed Esordienti m/f anche nelle gare regionali.Gli atleti stranieri non acquisiscono punti di valorizzazione.Altre specifiche sono citate nelle norme di specialità.E’ stabilito che per i suddetti atleti/e é possibile nel corso dellastagione svolgere attività con una sola società.14 ACCORDI FRONTALIERINel rispetto delle norme Internazionali, gli accordi frontalieridevono essere concordati, con le Federazioni Nazionali deiPaesi stranieri confinanti con l’Italia, direttamente dal ConsiglioFederale, sentito il parere dei Comitati Regionali interessati.A questi spetta il compito di pubblicare l’aggiornamento ditale accordo.14bis - TRASFERTE ALL’ESTERO: SOCIETÀ E TESSERATI F.C.I.Le trasferte all’estero di società italiane e di singoli atleti, anchenel periodo di inattività in Italia, devono essere preventivamenteautorizzate dal Settore Fuoristrada.il Mondo del Ciclismo n.40III


F.C.I. NORME MTB 2010il Mondo del Ciclismo n.40IVQuanto citato al precedente comma non vale per i GS-MTB-UCI per i soli atleti compresi nella lista presentata all’atto dell’affiliazioneUCI e riportati nella rispettiva pagina sul sitointernet dell’UCILe trasferte all’estero di rappresentative regionali od interregionali,devono essere sempre autorizzate dal Settore Fuoristrada,alla quale va inviata la richiesta completa dei nominatividegli atleti e degli accompagnatori.L’autorizzazione è subordinata al rispetto della seguente normativa:• invito da parte di altra Federazione o Società organizzatriceregolarmente affiliato ad una federazione• richiesta di autorizzazione al Settore Fuoristrada, con copiaal proprio CR, indicando il numero di tessera ed il codiceUCI per ogni singolo atleta, da parte della società interessata• invio di ricevuta di versamento, dell’importo previsto dallatabella federale tasse e premi, sul c/c n. 571018 intestatoalla F.C.I. c/o BNL filiale di Roma;Le richieste devono pervenire almeno dieci giorni prima dellascadenza delle iscrizioni o della partenza per la manifestazione.15 - CORRIDORI STRANIERICorridori Stranieri tesserati in Italia15.1 Nelle rappresentative regionali ed interregionali, non possonoessere inseriti atleti di nazionalità straniera, anche se tesseratialla FCI per società italiane.15.2 Per partecipare alle gare regionali, con la società italiana, ilcorridore straniero deve essere tesserato alla FCI e dovràsempre presentare esclusivamente la tessera rilasciata dallaFCI, fatto salvo della norma 5.6.15.3 All’atleta straniero/a sarà rilasciata la tessera per una societàaffiliata alla FCI. La richiesta di tesseramento va inoltrata allaSTF con allegata la seguente documentazione:• richiedente che abbia la residenza principale in Italia• sottoscrizione dell’apposita dichiarazione che sarà inviatadal Settore Fuoristrada su richiesta degli interessati• richiesta tessera FCI su modello federale• copia del passaporto o documento similare• certificato di idoneità sportiva a svolgere attività agonistica,rilasciato in Italia• bollettino di versamento della quota tessera annuale previstaper la categoria di appartenenza• fotografia digitale formato tesseraPer gli atleti extracomunitari, inoltre, dovrà essere esibito:• copia autentica del permesso di soggiorno per attività sportivain Italia,rilasciato dalle preposte autorità (vedi punti15.4)15.4 Visti attività sportivaLe società interessate al tesseramento di atleti extracomunitaridevono richiedere il visto per attività sportiva tramite laFCI/CONI.La richiesta deve essere effettuata utilizzando l’apposito modulodisponibile presso gli uffici della STF o sulle pagine webdella FCI.15.5 Vincoli societariGli atleti/e stranieri tesserati in Italia non acquisiscono il dirittodei punti di valorizzazione e non sono soggetti ai vincolidi appartenenza alla società.Resta confermato che per i suddetti atleti/e è possibile, nelcorso della stagione, svolgere attività con una sola società.15.6 Vincoli federaliNella dichiarazione che dovrà sottoscrivere per il rilascio dellatessera, l’atleta straniero dovrà impegnarsi:• al rispetto delle norme e disposizioni della FCI;• al rispetto delle norme ed incombenze in materia di tuteladella salute, emanate dalla FCI;• al rispetto delle sanzioni emanate dagli organi disciplinaridella FCI;• ad usare esclusivamente la tessera FCI per tutte le partecipazionialle gare con la sua società.15.7 Limiti di tesseramentoCategoria Juniores (maschile/femminile);E’ vietato il tesseramento di atleti/e stranieri.Categoria Elite m/f e Under 23Ogni società può tesserare nel corso della stagione un massimodi 2 atleti di nazionalità straniera, pur che abbia tesserato4 atleti italiani che svolgono regolare attività agonistica (2 X1).15.8 Permessi Temporali IndividualiPermessi di gara temporanei per vacanza o studio, possonoessere rilasciati, ad atleti stranieri che soggiornano in Italia.Gli atleti gareggeranno indossando la maglia con i colori socialidel club di appartenenza della propria nazione.Tali permessi, devono essere rilasciati dalla STF, su richiestain originale della Federazione straniera di appartenenza.15.9 Visti d’ingresso Gare – Squadre ed Atleti ExtracomunitariI visti d’ingresso validi per la partecipazione a gare ciclisticheda parte di squadre ed atleti extracomunitari, sono rilasciatitramite la FCI ed il CONI, su richiesta delle società/federazioniestere interessate o degli organizzatori, allegando il relativobollettino di iscrizione alla gara/e.I permessi sono rilasciati per una durata pari all’effettivo periododi svolgimento della manifestazione o serie di manifestazioni(più i giorni di viaggio). La richiesta deve essere presentataalla Segreteria Generale FCI, Roma, almeno 40 giorniprima della gara.16 CAMPIONATI16.1 Il Campione Italiano o Mondiale di ogni categoria, è tenutoad indossare la maglia da lui detenuta, nelle gare della specialitàe nella categoria ove l’ha conquistata. Tale obbligo vigeanche per le categorie amatoriali. La normativa è estesa per ileader delle varie classifiche dei challenge federali.16.2 Nelle gare in cui le categorie corrono in promiscuità, ognicorridore titolato indosserà la maglia da lui detenuta. Nellegare Internazionali vige la normativa UCI (pertanto indosseràla maglia solo il titolare della categoria riconosciuta UCI)16.3 Gli Enti di promozione sportiva non possono indossare magliedi Campione Italiano o Campioni del Mondo o altre maglietitolate nelle gare della FCI.17 UTILIZZO DEL CASCOL’uso del casco rigido è obbligatorio in tutte le corse e nellericognizioni ufficiali prima di una gara. di qualsiasi categoriae disciplina18 NORME GENERALI18.1 Per quanto non specificato nelle “Norme Attuative Generali”o di specialità, si farà riferimento alle altre Normative previstedai regolamenti FCI e UCI.18.2 Nelle gare nazionali e internazionali sarà applicato per tutte lecategorie agonistiche e non, il RT UCI, anche per il relativoprospetto infrazioni e sanzioni, salvo disposizione diversaprevista delle presenti norme.18.3 Nelle gare regionali sarà applicata per tutte le categorie, salvoesplicite disposizioni delle presenti norme, le regole UCI ed ilprospetto infrazioni e sanzioni, per quanto applicabile, previstodagli allegati del RT FCI. A tal proposito si precisa che lesanzioni delle categorie amatoriali sono equiparate alla tabellaprevista per le categorie agonistiche.


F.C.I. NORME MTB 2010NORME ATTUATIVEXCO XCM XCP GIOVANILE 24H ENDURANCEPREMESSAPER QUANTO NON PREVISTO DA QUESTE NORME TECNICHEDI SPECIALITÀ, VIGE LA NORMATIVA UCI, EVENTUALI AG-GIUNTE O MODIFICHE ALLE STESSE SARANNO OGGETTO DICOMUNICATO.1 CLASSIFICAZIONE GARE1.1 Le gare si classificano in base al calendario in cui sono iscrittenel seguente modo:GARE INTERNAZIONALI- come da definizione UCI (art 4.1.011 RT UCI) e in particolare:• gare a tappe di classe S1 – S2• gare di un giorno di classe HC – C1 – C2 – C3GARE NAZIONALI- CN Campionato Nazionale- NZ Gara NazionaleGARE REGIONALI- RR Campionato Regionale- RT Regionale Top Class- RG Gara regionale.1.2 Le gare si classificano per specialità nel seguente modo:formato XCO Cross Country Olimpicoformato XCM Cross Country Marathon (min 60 km e 3 h gara)formato XCP Cross Country Point to Point (max 59 km)formato XCC Cross Country percorso breveformato XCT Cross Country Cronometro (Team Trial)formato XCR Cross Country Staffetta (Team Relay)formato NDV Corse diverse con regolamento speciale di garaformato XC24H Corse a circuito per squadreUna gara sarà sempre ben identificata in quanto sul programmagara sarà sempre riportata una sigla in cui le prime 2 lettereidentificano chiaramente a quale calendario la gara è iscrittanonché il grado d’importanza e le successive alla specialità(esempio, una gara regionale di cross country olimpico che assegnapunti top class avrà come sigla RTXCO; se invece si trattavadel campionato regionale marathon la sigla era RRXCM)calendario in concomitanza con tutte le gare Nazionali o InternazionaliXCO in calendario e con gare Internazionali e NazionaliXCM e XCP disputate nella stessa regione.3.3 E’ ammessa la concomitanza di gare Esordienti ed Allievi conquelle del Calendario Nazionale Giovanile ma senza assegnazionedi punteggio.4 TASSE D’ISCRIZIONE4.1 Sono esonerati dal pagamento della tassa d’iscrizione tutte lecategorie agonistiche M/F. A tale riguardo non sono previstederoghe regionali.4.2 La tassa d’iscrizione per le gare regionali è fissata ad un massimodi € 154.3 La tassa d’iscrizione per le gare nazionali ed internazionali èfissata ad un massimo di € 205 OBBLIGHI TESSERATI5.1 Gli atleti primi 10 classificati delle categorie agonistiche Elitem/f, Under 23 m/f, del Ranking Nazionale Top Class XCO/XCP non possono svolgere alcuna attività nazionale o regionalese vi sono gare internazionali formato XCO.Per quanto riguarda le gare nazionali formato XCO tale normativaverrà applicata solo nelle “gare indicative” segnalate daapposito comunicato.5.2 Una eventuale loro presenza in gara a qualsiasi titolo comportada parte del collegio di giuria la denuncia degli atleti e dellaSocietà Organizzatrice al Giudice Sportivo in quanto la stessapermette a persone di intromettersi sul percorso di gara. A talriguardo si fissa l’ammenda di euro 500 alla società organizzatricee di euro 150 per l’atleta che si intromette nella gara. Incaso di recidiva o per casi gravi il Giudice Sportivo trasmetteràgli atti alla Procura Federale per il seguito di competenza.5.3 L’elenco ufficiale di tali atleti a cui fare riferimento è quello divulgatodal sito internet della FCI alla vigilia dell’inizio delleoperazioni inerenti la conferma dei partenti (verifica tessere).6 TOP CLASS NAZIONALE2 LIMITAZIONI2.1 La categoria Master Junior M/F (17 e 18 anni) non può parteciparemanifestazioni Nazionali ed Internazionali, se non nell’eventuale gara regionale abbinata e solo nella propria regionedi appartenenza.2.2 Gli Enti di promozione riconosciuti dal CONI possono parteciparealle manifestazioni regionali e nazionali solo se previstonel programma gara.3 CALENDARI3.1 Ogni Comitato Regionale dovrà comunicare entro il 31 dicembredi ogni anno, alla STF Settore Fuoristrada le località di svolgimentodelle gare Regionale Top Class e del Campionato Regionalein prova unica. La mancata segnalazione in tempo utiledelle gare da parte dei CC.RR. comporterà l’esclusione dal calendariodi gare top class3.2 Le gare regionali Top Class (massimo 2 per ogni Comitato Regionale)ed i campionati regionali, disputati in prova unica evalidi per i Ranking nazionali, non potranno essere inserite in6.1 Il Settore Fuoristrada aggiornerà regolarmente il ranking nazionaledandone pubblicazione sulla dedicata pagina internet della FCI6.2 Vi sarà un ranking XCO/XCP al quale affluiranno i punteggiottenuti nelle gare formato XCO e XCP internazionali e nazionali;le gare regionali solo ed esclusivamente quelle che assegnanopunti cosi come regolarmente autorizzate e pubblicate6.3 Vi sarà un ranking XCM al quale affluiranno i punteggi ottenutinelle gare marathon nazionali e internazionali6.4 Il ranking determinerà l’ordine di partenza e l’ammissione ingriglia nelle gare delle diverse specialità6.5 Sono assegnati punti ai primi 25 classificati.Nelle gare XCO saranno considerate gli ordini di arrivo di tuttele categorie previste nel programma gara.Nelle gare XCM saranno considerati i seguenti ordini di arrivo:- agonisti maschile (tutte le categorie agonistiche)- agonisti femminile (tutte le categorie agonistiche)- amatori maschile (tutte le categorie amatoriali)- amatori femminile (tutte le categorie amatoriali)In occasione di gara Internazionale e concomitante gara Nazionaleo Regionale su percorsi ridotti, i punti Top Class sono assegnatialla sola gara Internazionale.il Mondo del Ciclismo n.40V


F.C.I. NORME MTB 2010il Mondo del Ciclismo n.40VIIn occasione delle gare XCM concomitanti a gare con percorsidi diverso chilometraggio, quindi classificate XCP, i punti TopClass sono assegnati alla sola gara del percorso Marathon. GliAtleti delle categorie agonistiche ed amatoriali, si potrannoiscrivere indifferentemente ad una delle due gare.Nelle Gare XCP saranno considerati i seguenti ordini di arrivo:- assoluta maschile (tutte le categorie maschili)- assoluta femminile (tutte le categorie femminili)6.6 Attività Esordienti e Allievi NazionaleNelle gare Nazionali Giovanili, ed in quelle abbinate a prove delcalendario Internazionale o Nazionale XCO agonistico, dovrannoessere obbligatoriamente redatte 2 classifiche, rispettivamenteper il I° ed il II° anno, maschile e femminile.6.7 I punti vengono calcolati nel seguente modo :35 al 1° 30 al 2° 26 al 3° 23 al 4° 21 al 5° 20 al 6° 19 al 7° 18 al 8° 17al 9° 16 al 10° 15 al 11° 14 al 12° 13 al 13° 12 al 14° 11 al 15° 10 al16° 9 al 17° 8 al 18° 7 al 19° 6 al 20° 5 al 21° 4 al 22° 3 al 23° 2 al24° 1 al 25°6.8 Il punteggio sopra acquisito sarà moltiplicato per il seguentecoefficiente :1 per le prove di Camp. regionale in prova unica e gare topclass2 per le prove del calendario nazionale3 per le prove del calendario internazionale3 per le prove di campionato nazionale3 per le prove di Coppa del Mondo e Camp. Europeo4 per le prove di Campionato Mondialegare a tappe: 1 per ogni tappa e 2 per classifica finale.Eventuali risultati acquisiti all’estero (dal 1° al 25° posto assolutoper punti Top Class) dovranno essere comunicati alla STFSettore Fuoristrada dalla società di appartenenza.6.9 Ad eccezione delle categorie femminili, nel caso in cui ci sianomeno di tre atleti di categoria partenti non verranno assegnatipunteggi.In caso di accorpamento sarà tenuta valida la relativa classifica.Nelle categorie Esordienti ed Allievi si intende accorpamentosolo quello fra 1° e 2°anno.6.10 La griglia di partenza valida nonché il ranking è quello finaledell’anno precedente sino alla prima gara internazionale in Italiadella stessa specialità6.11 Un atleta della categoria Under 21, nella manifestazioni, circuitio challenge, dove contemplata tale categoria, verrà classificatonella sola categoria di appartenenza dell’anno di nascita.6.12 Gli atleti che avranno una convocazione in maglia azzurra inoccasione dei Campionati Continentale e Mondiale riceverannoun bonus “una tantum” di 100 punti Top Class.7 CAMPIONATI ITALIANI – REGIONALI – PROVINCIALI7.1 I Campionati italiani sono assegnati dal C.F. e si svolgono inprova unica.7.2 Le gare di Campionato Nazionale si svolgono come da RegolamentoUCI e assegnano i relativi punteggi anche per il rankinginternazionale.7.3 La maglia di Campione italiano per le categorie agonistiche (anchegiovanili) sarà tricolore con le tradizionali fasce orizzontali7.4 La maglia di Campione italiano per le categorie amatoriali saràbianca con banda tricolore orizzontale. Questo obbligatoriamentee indipendentemente dal tipo di maglia consegnato sulpodio in occasione della vestizione.7.5 Tutti gli atleti titolari di tale maglia hanno l’obbligo di indossarlanelle prove di cui sono titolari, vedi normativa UCI (XCO/XCP e XCM)7.6 I Campionati Regionali di Marathon e Cross-Country dovrannoessere disputati in prova unica. I titoli saranno assegnatisolo agli atleti di nazionalità italiana (codice “ITA”) e tesseraticon una società avente affiliazione alla FCI tramite il ComitatoRegionale per cui si svolge la prova di campionato.7.7 Non è prevista l’assegnazione di titoli nazionali, per le gare diXCP7.8 Previa autorizzazione è facoltà dei Comitati Regionali assegnarela maglia di Campione Regionale in più prove, a tale classificanon sarà però assegnato alcun punteggio Top Class o riconoscimento.7.9 I Campionati Provinciali dovranno essere disputati in provaunica e nelle modalità previste per i campionati regionali di cuial punto 7.68 CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI XCO8.1 Titoli: Elite m, Elite f, Under 23 m, Under 23 f, Junior m, Juniorf, Allievo m 2° anno, Allievo m 1° anno, Donna Allieva 1° anno,Donna Allieva 2° anno Esordiente m 2° anno, Esordiente m 1°anno, Donna Esordiente 1° anno, Donna Esordiente 2° anno,Master Sport, Master Sport Woman 19-29, Master 1, Master 2,Master 3, Master 4, Master 5, Master 6+, Master Woman 30+8.2 La partecipazione è libera per tutte le categorie agonistiche egiovanili e amatoriali.8.3 Non è ammessa la partecipazione di atleti stranieri anche secon tessera FCI. Gli unici atleti ammessi dovranno avere codiceUCI con inizio “ITA” e tesserati per una Federazione Nazionalericonosciuta UCI8.4 Non é ammessa la partecipazione dei tesserati agli Enti di promozione8.5 E’ facoltà del Commissario Tecnico o del Settore Fuoristrada,schierare nelle prime file della griglia di partenza atleti di interessenazionale che per ragioni di infortunio o attività internazionalenon hanno punti sufficienti per tale posizione di partenza.8.6 La partenza delle categorie Under 23 e Under 21 avviene contemporaneamentein base alla Top Class individuale. Il titolo èunico ma viene stilata una speciale classifica per la categoriaUnder 21, premiata con un montepremi che verrà liquidato separatamente.8.7 CAMPIONATI ITALIANI STAFFETTA CROSS COUN-TRY (TEAM RELAY)8.7.1 La partecipazione è consentita esclusivamente alle categorieagonistiche Elite M/F, Under23 M/F, Junior M/F.8.7.2 La squadra è composta da 4 atleti della stessa società, nellesquadre possono partecipare anche atleti stranieri con tesseraF.C.I.8.7.3 La composizione deve essere obbligatoriamente di: 1 Donna(Elite, Under o Junior), 1 Junior, 1 Under 23 ed 1 Elite, in caso diassenza dell’atleta Elite è ammessa la sua sostituzione di unatleta di categoria inferiore. La staffetta in ogni caso sarà semprecomposta da tre maschi ed una femmina.8.7.4 E’ aperta la partecipazione di squadre straniere, il titolo vieneassegnato alla prima squadra italiana classificata.8.7.5 L’ufficializzazione della squadra avviene durante le operazionidi verifica tessere, ogni D.S. consegna su modulistica fornitadall’organizzazione, la lista dei partenti ed il loro ordine8.8 “GRAND PRIX D’INVERNO XCO”8.8.1 Il Grand Prix d’Inverno Assoluto XCO si svolge in prova unicaed è ammessa la partecipazione delle categorie previste dal regolamentointernazionale UCI. Sia gli Atleti Italiani che straniericoncorrono all’assegnazione della maglia bianca con icristalli di neve tricolori. Titoli previsti per Elite, Donne Elite,Under23, Donne U23, Juniores, Donna Junior, MT, M1, M2,M3, M4, M5, M6 oltre, Master Sport Woman e Master Woman.I tesserati degli Enti di Promozione, ammessi in gara, nonconcorrono all’assegnazione del titolo.8.8.2 Il Grand Prix d’Inverno Giovanile XCO, si svolge in prova unicaed è ammessa la partecipazione di Esordienti e Allievi m/f.La maglia bianca con i cristalli di neve tricolori, sarà assegnataad Esordienti 1° e 2° anno; Donne Esordienti 1° e 2° anno; Allievi1° e 2° anno; Donne Allieve 1° e 2° anno.


F.C.I. NORME MTB 20109 CAMPIONATI ITALIANI MARATHON - XCM9.1 Titoli: Elite m, Elite f, Under 23 m, Under 23 f, Master Sport ,Master Sport Woman 19-29, Master 1, Master 2, Master 3, Master4, Master 5, Master 6+, Master Woman 30+9.2 La partecipazione è libera per tutte le categorie agonistiche eamatoriali9.3 Non è ammessa la partecipazione di atleti stranieri anche secon tessera FCI. Gli unici atleti ammessi dovranno avere codiceUCI con inizio “ITA” e tesserati per una Federazione Nazionalericonosciuta UCI9.4 Non é ammessa la partecipazione dei tesserati agli Enti di promozione.9.5 E’ facoltà del Commissario Tecnico o del Settore Fuoristrada,schierare nelle prime file della griglia di partenza atleti di interessenazionale che per ragioni di infortunio o attività internazionalenon hanno punti sufficienti per tale posizione di partenza.10 TIPOLOGIA DELLE GARE FUORISTRADACROSS COUNTRY NAZIONALI XCO10.1 Si svolgono su circuito in conformità al RT10.2 Il percorso dovrà essere segnalato ogni chilometro con un pannelloindicante i km ancora da percorrere.10.3 Cross-Country GiovanileSi svolgono su circuito in conformità al RT, percorso ad anellocon una percorrenza massima a giro di 15’ considerando unfondo omogeneo ed asciutto.10.4 Nelle gare Nazionali Esordienti-Allievi il programma deve prevederealmeno 2 blocchi di partenza scaglionate l’una per lecategorie Esordienti e l’altra per le categorie Allievi, consigliatauna terza partenza solo femminile.10.5 Staffetta Giovanileil percorso deve prevedere un anello con una percorrenza sulgiro, minima di 6’ e massima di 10’ considerando un fondoomogeneo ed asciutto; ogni staffettista compie un unico giro10.6 La composizione della squadra di staffetta deve prevedere 1Donna Allieva o Esordiente, 1 Esordiente e altri 2 frazionistidelle categorie Esordienti ed Allievi10.7 L’ordine di partenza è stabilito dal tecnico che consegna al collegiodi Giuria l’ordine dei propri staffettisti10.8 Il cambio fra i componenti della stessa squadra avviene percontatto di mano.10bis STAFFETTA XCO (CATEGORIE AGONISTI)1 bis - Si sviluppano, con un chilometraggio minimo di 3 Km edun massimo di 6 km, in circuito come da RT XCO.2 bis - La zona di partenza ed arrivo devono essere di sufficientelarghezza da poter predisporre tanti box di cambio quantesono le squadre in corsa3 bis - Ogni cambio avviene all’interno del box identificato dalnumero della squadra in corsa4 bis - La zona d’arrivo deve prevedere un’ampia visibilità pervedere anticipatamente i numeri al cambio.5 bis - I numeri avranno l’ identificazione del team numerico el’atleta letterale Es. 1A-1B-1C-1D.6 bis - Le zone di assistenza meccanica dovranno rispettare ilRT XCO.7 bis - La Griglia di partenza è a sorteggio e determina anche lasuccessione dei box di cambio8 bis - Tutti gli atleti dovranno concludere il proprio giro penala squalifica di tutto la squadra.9 bis - Il cambio fra i componenti della stessa squadra avvieneper contatto di mano.11 DURATA DELLE GARE XCO11.1 Categorie agonistiche:Juniores da 1.30 h a 1.45 hDonne junior da 1.15 h a 1.30 hUnder 23/21 M da 1.45 h a 2.00 hElite da 2.00 h a 2.15 hDonne Elite da 1.45 h a 2.00 hDonne Under 23 da 1.30 h a 1.45 h11.2 Categorie AmatorialiMaster sport: da 1.30 h a 2.00 hMaster femminile 1-2: da 1.30 h a 1.45 hMaster 1-2-3-4-5-6+: da 1.30 h a 2.00 h11.3 Categorie GiovaniliDonne Esordienti: da 20’ a 30’Esordienti: da 30’ a 40’Donne Allieve: da 30’ a 40’Allievi: da 50’ a 60’11.4 In caso di riduzione per condizioni atmosferiche avverse sarànecessario che il tempo di gara si avvicini al tempo minino indicatoper categoria.11.5 Nelle gare internazionali e nazionali è facoltà del collegio deicommissari applicare la regola dell’80% con esclusione dallacorsa e classificato con la posizione acquisita. In caso di accorpamentodi più categorie, l’applicazione della stessa sarà esplicatanel corso della riunione dei Team Manager.12. PARTECIPAZIONE ALLE GARE XCO12.1 Gare internazionaliesclusivamente atleti tesserati tramite una federazione nazionaleaffiliata all’UCI secondo il regolamento internazionaleUCI12.2 Gare nazionaliè ammessa la partecipazione di atleti tesserati per la FCI o FederazioneNazionale riconosciuta dall’UCI. Nelle categorie amatorialipossono partecipare anche atleti appartenenti ad Enti diPromozione Sportiva (nel caso il programma gara lo preveda)12.3 Gare regionaliè ammessa la partecipazione ai soli atleti tesserati alla FCI o Entedi Promozione Sportiva. E’ ammessa la partecipazione di atleticon tessera non rilasciata dalla FCI solo nel caso sussistono accordifrontalieri, fatto salvo della norma 5.6 delle norme generali.13 NORME ORGANIZZATIVE GARE ABBINATE XCO13.1 La gestione delle due manifestazioni dovrà avvenire in modoseparato13.2 Per la gara regionale, sarà applicato il Regolamento Tecnico Regionalee sarà designato un Collegio di Giuria che rimetteràtutta la documentazione al Giudice Sportivo Regionale perl’omologazione.14 GRIGLIA DI PARTENZA XCO14.1 Nel caso di gare che prevedano la partenza di categorie agonisticheed amatoriali quest’ultima dovrà avvenire indicativamentecon un divario di 30 secondi di distacco fra la partenzadell’ultimo corridore della categoria agonistica ed il primo dellacategoria amatoriale.14.2 Nelle gare nazionali la griglia di partenza sarà determinata infunzione del ranking nazionale (XCO/XCP), mentre per i nonclassificati sarà determinata per sorteggio o in base alla datad’iscrizione.14.3 Nelle gare internazionali la griglia di partenza sarà determinatain base al ranking UCI, per i non classificati sarà effettuato unsorteggio. La categoria Juniores sarà posizionata, per teste diserie, in base alla vigente classifica UCI per nazioni.il Mondo del Ciclismo n.40VII


F.C.I. NORME MTB 2010il Mondo del Ciclismo n.40VIII14.4 La griglia per le categorie agonistiche dovrà avere uno schieramentoda sei a dieci atleti per fila. Ogni fila dovrà avere obbligatoriamentela sua segnalazione sulla pavimentazione stradaleo aerea.14.5 Il corridore leader di un circuito federale ha l’obbligo di indossarela maglia titolata, con la possibilità di applicare sul davantie sul dorso i propri marchi in base alle normative UCI.15. TIPOLOGIA DELLE GARE FUORISTRADA XCP15.1 Si sviluppano su un percorso in linea o a circuito con partenzaed arrivo nella stessa località con un chilometraggio massimodi 59 Km – nel caso vengano previsti più percorsi con distanzedifferenti anche aventi tratti comuni, deve essere compilato unprogramma gara per ognuno di essi, con le relative formalitàamministrative15.2 Alle gare Internazionali è ammessa la partecipazione delle categoriepreviste del regolamento Internazionale UCI; nelle gareInternazionali è possibile la concomitanza di una gara NazionaleXCP per le categorie amatoriali con relativa classifica.15.3 In caso di avverse condizioni meteorologiche, il Delegato Tecnicoin accordo con il Presidente del Collegio di Giuria e Il Responsabiledell’Organizzazione può decidere la riduzione delpercorso. Resta inteso quanto già previsto dal RT UCI e FCI nelcaso ciò avvenga a gara già partita15.4 Viene prevista un’unica partenza in base al ranking UCI e secondoil regolamento tecnico UCI.15.5 Nelle gare Nazionali la griglia di partenza per le categorie amatorialisarà in base alla Top Class nazionale a seguire gli Enti dipromozione.16 TIPOLOGIA DELLE GAREFUORISTRADA MARATHON - XCM16.1 Si sviluppano con un chilometraggio minimo di 60 Km.16.2 In caso di particolari situazioni e previo contatto con il SettoreFuoristrada Nazionale saranno consentiti anche percorsi che sisviluppano su un massimo di 2 giri del tracciato.16.3 Nel caso vengano previsti più percorsi con distanze differentianche con tratti comuni, deve essere compilato un programmagara per ognuno di essi con le relative formalità amministrative.16.4 Tempo massimo: Internazionali 25% del tempo del vincitore,Nazionali 30% del tempo del vincitore.16.5 In caso di avverse condizioni meteorologiche, il Delegato Tecnicoin accordo con il Presidente del Collegio dei Commissari eIl Responsabile dell’Organizzazione può decidere la riduzionedel percorso. Resta inteso quanto già previsto dal RT UCI e FCInel caso ciò avvenga a gara già partita.16.6 Viene prevista un’unica partenza in base al ranking UCI e secondoil regolamento tecnico UCI.16.7 Nelle gare Nazionali la griglia di partenza per le categorie amatorialisarà in base alla Top Class nazionale XCM a seguire gliEnti di promozione.16.8 Verrà stilata una classifica assoluta maschile e una assolutafemminile, tali classifiche saranno valide per i punteggi UCI e irelativi premi federali nonché per il calcolo dei premi di valorizzazione.17 PEDALATE ECOLOGICHE E CICLOTURISMO MTB17.1 Le Pedalate ecologiche e il cicloturismo MTB sono manifestazioninon competitive aperte a società o gruppi o singoli a carattereesclusivamente regionale e nel caso di concomitanza conuna gara MTB, con partenza posticipata di almeno 15 minuti.17.2 Questo tipo di manifestazione è aperta a tutti fino ad una distanzadi 20 km. Per distanze superiori dall’età di 18 anni in poi.E’ richiesta per tutti una bici da fuoristrada, il casco ed un certificatomedico di buona salute .17.3 L’organizzatore di queste manifestazione deve garantire sulpercorso punti di ristoro.17.4 La società organizzatrice all’arrivo dovrà predisporre un puntodi ristoro per tutti i partecipanti.17.5 Alla fine della manifestazione l’organizzatore dovrà stilare unaclassifica per società o per gruppi che hanno tagliato il traguardocon il numero maggiore di partecipanti.17.6 La tassa d’iscrizione per questo tipo di manifestazione non potràsuperare i 10 €.18 ASSISTENZA TECNICA IN GARA GARE XCO-XCP-XCM18.1 L’assistenza tecnica autorizzata in corsa consiste nella riparazioneo sostituzione di tutte le componenti della bicicletta adeccezione del telaio.18.2 Sarà possibile effettuare l’assistenza tecnica, unicamente nellezone segnalate.18.3 Le zone di assistenza dovranno avere un box fuori dal percorsodi gara in modo da non ostacolare il passaggio dei concorrenti.18.4 La riparazione e il cambio di alcune parti della bicicletta possonoessere effettuate dal corridore stesso o con l’aiuto di un compagnodi squadra, di un meccanico della squadra o da partedell’assistenza neutra eventualmente presente.18.5 Oltre all’assistenza tecnica nelle zone segnalate previste, la stessa èautorizzata anche al di fuori di dette zone soltanto tra concorrentiappartenenti alla stessa squadra o alla stessa rappresentativa.18.6 I concorrenti possono trasportare con sé degli attrezzi e pezzidi ricambio a condizione che questi non costituiscano un pericoloper l’atleta stesso e per gli altri.18.7 Le zone di rifornimento/assistenza devono essere chiaramenteindicate e numerate e completamente chiuse al pubblico, puòaccedere solo personale autorizzato con accredito.18.8 Gli accrediti (Pass) saranno assegnati dal collegio di Giuria nelTeam Manager Meeting come segue: 2 pass d’accesso (uno peril rifornimento e uno per il meccanico) ogni 4 corridori per ciascunazona di rifornimento e assistenza previste.18.9 Qualora non venisse previsto un pass per accedere nell’area assistenzameccanica e rifornimento al termine della riunionetecnica le società che intendono usufruire di questo serviziodevono confermare al Presidente di Giuria la presenza nei boxcon la divisa della società di appartenenza.18.10 Si precisa che per compagno di squadra si intende un atletadella stessa categoria (agonisti - amatori) e sesso e che si trovaal medesimo km di gara.19 ATTIVITÀ ESORDIENTI E ALLIEVI19.1 PERIODOL’attività agonistica è consentita tutto l’anno, nelle giornate di sabatoe domenica nonché in occasione delle festività riconosciute19.2 MATERIALISono vietate appendici al manubrio di qualsiasi genereSono vietati apparati ricetrasmittenti con o senza auricolare19.3 TIPOLOGIA GARE19.3.1 Coppa Italia: manifestazione con classifica per Comitati Regionali,viene disputata su più prove in aree geografiche differenti,vedi regolamento separato.19.3.2 Campionato per Società: viene disputato in più prove del calendarionazionale, tra cui la gara che assegna il titolo individualeassoluto, viene assegnato un attestato ed uno scudettotricolore alla società vincitrice.19.3.3 Campionato Italiano di Staffetta Memorial “Gianfranco Craba”per Comitati Regionali: viene disputata in prova unica, abbinatoad una prova di Coppa Italia.19.3.4 Campionato Italiano di Staffetta per Società abbinato ad unaprova di Campionato di Società19.3.5 Campionato Individuale, è prevista la Tabella Rimborsi ai ComitatiRegionali.


F.C.I. NORME MTB 201019.4 TITOLI e MAGLIE19.4.1 Nella stagione successiva, fino alla data del Campionato ItalianoIndividuale escluso, il titolare che ha conquistato la maglianel suo primo anno ha l’obbligo di vestirla in tutte le gare cheprevedono una partenza promiscua di entrambe gli anni, inquanto, comunque, ne rappresenta la categoria.19.4.2 Nelle gare a Staffetta per Società, la Società che ha vinto il titoloItaliano deve far indossare la maglia ai componenti che l’hannoconquistata, anche se in formazioni diverse.19.4.3 La squadra detentrice il titolo di Campione di Società è obbligata,nella stagione entrante, ad apporre sulle maglie dei propriatleti (13-16 anni) lo scudetto tricolore o identica serigrafia.20 NORMATIVA 24H ENDURANCE20.1 PREMESSALe manifestazioni denominate 24H ENDURANCE sono consideratedelle gare a staffetta che si disputano a squadre nellatempistica delle 24 ore , riconducibili anche a prove di 12 ore edad un minimo di 6.Allo scoccare delle 24H l’evento si riterrà concluso solamente alpassaggio sul traguardo della squadra che avrà percorso in quelmomento il maggior numero di giri.Da questo istante non verranno più autorizzati eventuali cambie tutte le squadre verranno fermate sulla linea del traguardo.Nell’ordine d’arrivo le squadre verranno classificate in funzionedei numeri di giri percorsi e del tempo accumulato sul giro.20.2 CLASSIFICAZIONE DELLE GAREFormato N24H Gare Nazionali 24 H ENDURANCEFormato CI24H Campionati Italiani 24 H ENDURANCE.Formato CR24H Campionati Regionali 24 H ENDURANCEFormato R24H Gara Regionale 24H ENDURANCEFormato P24H Campionati Provinciali 24H ENDURANCE.20.3 CATEGORIE20.3.1 Categorie Agonistiche M/F (dai 19 anni e più)20.3.2 Categorie Amatoriali M/F (dai 19 anni e più)20.3.3 Categorie degli Enti di Promozione (dai 19 anni e più)20.3.4 Le categorie degli Enti di Promozione non possono concorrereai titoli Naz.20.3.5 Non è ammesso nessun abbinamento con Pedalate Ecologichee Raduni Cicloturistici.20.4 SQUADRE20.4.1 Le squadre partecipanti ai Campionati Italiani dovranno essereformate da 6 (sei) atleti M/F ed iscritti alla stessa Società.20.4.2 Nelle squadre possono partecipare anche atleti stranieri contessera F.C.I.20.4.3 Il titolo è per Società sia maschile che femminile e può includerenella squadra maschile anche la partecipazione di atlete femmine.20.4.4 Le squadre dovranno avere un responsabile di Società/Squadrache sarà chiamato “Capitano”, avrà un pass o fascia di riconoscimentoconsegnata dalla Società organizzatrice, i suoi compitisaranno di gestire la squadra nei cambi e nelle problematicheinerenti la corsa.20.4.5 Le squadre avranno la tabella porta numero al manubrio con leindicazioni della squadra nel nostro caso le squadre sono da seies.601 e del frazionista con la scritta ITA, quindi il numero finaledella squadra sarà 601 ITA,602 ITA ecc.20.4.6 Non sono ammessi più di due ritiri di atleti per squadre composteda sei atleti, pena la squalifica dalla gara.20.5 TRACCIATO20.5.1 La partenza dovrà avere una larghezza che permetta l’allineamentodi almeno dieci atleti per griglia.20.5.2 Le griglie di partenza saranno determinate da sorteggio o dall’ordined’arrivo dell’edizione precedente,dando priorità alleSocietà FCI omogenee.20.5.3 Il tracciato dovrà essere interamente pedalabile di lunghezzacompressa tra 5/10 KM e che non presenti una eccessiva componentetecnica.20.5.4 L’organizzatore dovrà prevedere l’illuminazione dei tratti piùpericolosi nelle ore notturne.20.5.5 Si deve prevedere due aree di assistenza meccanica sul percorsonel rispetto della normativa in vigore per la specialità XC.20.5.6 La zona cambio dovrà avere una larghezza tale da poter facilitarei cambi ed avere una completa visibilità dei numeri identificativi.20.5.7 In caso di guasto, l’atleta dovrà comunque completare il giro,non potrà tornare indietro sul percorso di gara, pena la squalificadi tutta la squadra.20.5.8 In caso di condizioni meteo particolarmente avverse il Presidentedel Collegio dei Commissari di gara con il responsabileTecnico della Società organizzatrice e nel caso di gara Nazionaledal Delegato Tecnico, si deciderà se sospendere la gara, aquel punto vincerà la squadra che ha totalizzato sino a quel momentopiù giri.20.5.9 In caso di incidente dal momento che intervengono i sanitari lasquadra dell’infortunato, avrà congelata la posizione che occupavasino a quel momento, ed il cambio entrerà in gara con lastessa posizione in classifica.20.6 BICICLETTE20.6.1 Si potrà utilizzare la classica MTB da XCO/XCM con la predisposizioneobbligatoria di un dispositivo di illuminazione anterioreda 10watt di potenza ed uno posteriore di colore rosso,una torcia di scorta dovrà garantire in caso di guasto dell’impiantoprimario.20.6.2 Non sono ammesse biciclette da ciclocross.20.7 PERIODO DI ATTIVITA20.7.1 Le gare si possono disputare tutto l’anno ed ogni giorno dellasettimana.20.8 LOGISTICA20.8.1 Le società organizzatrici dovranno predisporre le struttureadeguate alle esigenze particolari degli atleti delle 24H ENDU-RANCE: ufficio gara, punti di ristoro,area di assistenza meccanica,docce per tutte le ventiquattrore assistenza medica continuata,box team, ufficio stampa, ed un’area attrezzata “attesacambi”.20.8.2 Le Società organizzatrici devono prevedere un servizio di cronometraggiocon sistema di rilevazione elettronica (chips).20.8.3 La Società organizzatrice dovrà prevedere a vitto ed alloggiodel Collegio di Giuria in struttura adeguata alla manifestazione.20.9 TASSE D’ISCRIZIONE20.9.1 La tassa d’iscrizione per le gare Nazionali è fissata ad un massimodi Euro 90 per squadra (da sei).20.9.2 Nell’eventualità che la Società organizzatrice offra ulteriori serviziconsiderati indivisibili deve essere comunicata la non accettazionedell’iscrizione almeno dieci giorni prima della gara.20.9.3 La tassa d’iscrizione per le gare Regionali e Provinciali è fissataad un massimo di 60 Euro per squadra (da sei).20.10 CAMPIONATI20.10.1 I Campionati Italiani sono assegnati dal Consiglio Federale.20.10.2 La maglia di Campione Italiano di Società 24H ENDURANCEavrà le seguenti caratteristiche: Tricolore tradizionale20.10.3 La Società vincitrice della maglia tricolore avrà l’obbligo di farlaindossare alla squadra titolata nelle gare di specialità.20.10.4 Campionati Regionali, dovranno essere disputati in prova unicaè a discrezione del comitato variarne le prove in base agliimpegni del calendario XC.20.10.5 E’ facoltà dei comitati Regionali assegnare le maglie alle Società.20.10.6 Campionati Provinciali, dovranno essere disputati in provaunica discrezione del comitato variarne le prove in base agliimpegni del calendario XC.20.10.7 E’ facoltà dei comitati Provinciali assegnare le maglie alle Società.il Mondo del Ciclismo n.40IX


F.C.I. NORME MTB 2010da tabella 66, premi e tasse.ALBO D’ORO STAFFETTAEdizione 2007: A.S.V. ST LORENZEN RADEdizione 2008: RACING TEAM DAYCOEdizione 2009: ALPIN BIKE EDILBI TEAM4 a Edizione - CAMPIONATO ITALIANOGIOVANILE di SOCIETA’1. La partecipazione è riservata ai corridori delle categorie Esordientied Allievi maschili e femminili.2. Calendario: prove specifiche ed il Campionato Individuale.3. Ogni Società è rappresentata da tutti i propri corridori.4. La classifica finale è redatta al meglio di 4 prove.5. L’ammissione avviene previa ESCLUSIVA iscrizione tramite SI-STEMA INFORMATICO FEDERALE, non sono ammesse altreiscrizioni6. L’ordine di partenza è stabilito dal punteggio Top Class vigente.7. Acquisiscono punteggio i primi 2 maschi e la 1^ femmina di ogniSocietà, fra i primi (20 m./10 f.) classificati in ogni categoria conrelativo punteggio a scalare (vedi specchietto a lato).8. Le categorie in gara sono Esordienti 1° e 2°anno, Donne Esordienti 1° e 2° anno, Allievimaschili 1° e 2° anno, Donne Allieve 1° e 2°anno.9. Le premiazioni di gara dovranno essere conformialla categoria di gara (montepremi).10. In ogni prova dovranno essere premiate in natura,le prime 5 Società, meglio piazzate.11. E’ obbligatorio offrire pasta party a tutti i concorrenti.12. La finale premia le prime 5 Società, a parità dipunteggio vige il piazzamento nella finale.ALBO D’OROEdizione 2007: A.S.V. ST LORENZEN RADEdizione 2008: RACING TEAM DAYCOEdizione 2009: MELAVI’ TIRANO BIKENORME ATTUATIVE BMX 20101.0 PREMESSALe presenti norme completano le “ Norme Attuative Generalidel Settore Fuoristrada “.2.0 LE CATEGORIECategorie InternazionaliBMX:Juniores m/f – Elite m/fB7>B16 – M17 +G7>G16 –G17 +CRUISER:Juniores m/f – Elite m/fCR13>CR18 – CR 19>CR29 – CR30>CR39 – CR 40+La categoria B17/18 corrisponde alla categoria Master JuniorLa categoria M17+ corrisponde alla categoria Master Sport2.1 Categorie nazionaliBMX:G1>G6Esordienti m/f - Allievi m/f - Juniores m/f - Elite m/fMaster 17 +CRUISER:Esordienti m/f - Allievi m/f - juniores m/f - Elite m/fMaster Junior - Master Sport 19>29 - Master 30>39 - Master 40+Nelle categorie giovanili da G1 a G6 le femmine possono chiederedi correre con la categoria inferiore però deve essere pertutta la stagione.Nelle categorie agonistiche ove consentito, se qualcuno vuolecorrere con la categorie superiore lo può fare, ma deve essereper tutta la stagione3.0 ATTIVITA’ATTIVITA’ REGIONALE3.1 A cura dei rispettivi CR :Calendari Regionali d’interesse nazionaleCalendari RegionaliCampionato Regionale - prova unicaGran Challenge regionale a squadreAttività open promozionale.3.2 I CR dovranno far pervenire entro il 30 settembre di ogni annoalla Segreteria della STF- Settore Fuoristrada i rispettivi calendaridi tutta l’attività regionale per opportuna conoscenza.ATTIVITA’ NAZIONALE3.3 A cura della STF- Settore Fuoristrada :Calendario nazionaleCampionato Italiano IndividualeCampionato Italiano di Società GiovaniliCoordinamento Calendario regionale d’interesse nazionaleATTIVITA’ INTERNAZIONALE3.4 A cura della UEC – UCICampionato EuropeoCampionati del Mondo4.0 PARTECIPAZIONE4.1 Gare InternazionaliBMXElite m/f - Juniores m/fEsordienti m/f – Allievi m/fB7>B18 – M17+G7>G18 –G17 +CRUISERElite –m/f - Juniores m/fCR13>CR18 – CR 19>CR29 – CR30>CR39 – CR 40+4.2 Gare NazionaliBMXElite m/f - Juniores m/fEsordienti m/f – Allievi m/fGiovanile G1>G6Master Sport 17 +CRUISEREsordienti m/f – Allievi m/f – Juniores m/f – Elite m/fMaster Sport 19>29 – Master 30>39 – Master 40+Atleti Italiani e Stranieri4.3 Gare RegionaliBMXElite m/f Juniores m/fil Mondo del Ciclismo n.40XI


F.C.I. NORME MTB 2010il Mondo del Ciclismo n.40XIIEsordienti m/f - Allievi m/fGiovanile G1>G6Master 17 +CRUISERElite m/f Juniores m/fEsordienti m/f - Allievi m/fMaster Junior - Master Sport 19>29 - Master 30>39 - Master 40+Atleti FCI e Enti di promozione4.4 Nelle gare Nazionali e Regionali, le categorie Elite – Juniores –Master Sport - Master Junior, possono gareggiare in promiscuitàcon classifiche separate e nel caso ci siano meno di 5atleti partenti nella stessa categoria.4.5 Le categorie giovanili G1>G6 gareggiano accorpati come segue:G1-G2G3-G4G5-G64.6 Nelle gare Nazionali e Regionali d’interesse Nazionale è vietatoaccorpare corridori con numerazione federale ad atleti principiantisenza numerazione federale; i summenzionati atletipossono partecipare alla manifestazione esclusivamente nellegare di contorno5.0 NUMERAZIONE5.1 La numerazione fissa verrà rilasciata su richiesta delle societàinteressate.5.2 La S.T.F. rilascerà la numerazione fissa per tutti gli atleti di tuttele categorie. Il numero è personale e identificherà l’atleta per laspecialità disputata.Tale numerazione sarà obbligatoria per le gare Nazionali e Regionalidi interesse Nazionale.5.3 I numeri di identificazione devono rispettare le normativeUCI.La bicicletta deve essere dotata di una placca porta numero fissatasul davanti del manubrio. Il bordo superiore delle stessa nondeve superare la barra di protezione trasversale del manubrio.6.0 CAMPIONATI6.1 CAMPIONATI ITALIANI BMXIl Campionato Italiano Individuale si svolge in prova unica.La partecipazione è libera. Sono previsti i seguenti titoli:Esordienti m/fAllievi m/fJuniores m/fElite m/fMaster 17+Per l’assegnazione del titolo di categoria è necessaria la partecipazionedi almeno tre corridori.Il titolo viene assegnato ad ogni categoria anche se le categoriecorrono in promiscuità.6.2 CAMPIONATI ITALIANI CRUISERSono previsti i seguenti titoli :Esordienti m/fAllievi m/fJuniores m/fElite m/fMaster 17/29Master 30/39Master 40+Per l’assegnazione del titolo di categoria è necessaria la partecipazionedi almeno tre corridoriIl titolo viene assegnato ad ogni categoria anche se le categoriecorrono in promiscuità.6.3 CAMPIONATI REGIONALIIl titolo regionale può essere assegnato per le categorie in cui éprevisto il titolo italiano.Per l’assegnazione del titolo di categoria è necessaria la partecipazionedi almeno tre corridori.Le categorie possono correre in promiscuità per l’assegnazionedel titolo.6.4 CAMPIONATI PROVINCIALIIl titolo provinciale può essere assegnato per le categorie in cuié previsto il titolo italiano.Per l’assegnazione del titolo di categoria è necessaria la partecipazionedi almeno tre corridori.Le categorie possono correre in promiscuità per l’assegnazionedel titolo.6.5 ASSEGNAZIONE DEL TITOLONel caso in cui si corra in promiscuità, il titolo è assegnato alprimo atleta di categoria nella classifica generale della gara.7.0 CIRCUITO ITALIANO BMX(BMX E CRUISER)Si svolge in più prove con classifica finale con assegnazione punteggioe gestione gara secondo regolamento Internazionale.Categorie ammesse:Esordienti M/F - Allievi M/F - Junior M/F - Elite M/F - Master17+8.0 CRITERIUM NAZIONALE GIOVANISSIMIIl criterium nazionale giovanissimi si svolge in prova unicacontestualmente al Campionato ItalianoPossono partecipare solo tesserati FCI di tutte le categorie giovanissimi:G1 m/f 7 anniG2 m/f 8 anniG3 m/f 9 anniG4 m/f 10 anniG5 m/f 11 anniG6 m/f 12 anniLe categorie possono correre accorpate (G1-G2/G3-G4/G5-G6) se meno di 5 per categoria, con premiazioni separate percategoria.9.0 CRITERIUM REGIONALE GIOVANISSIMISarà emanata la regolamentazione specifica a cura dei CR.10.0 CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETA’ GIOVANILE10.1 Sarà disputato su più prove, in concomitanza con le prove dicircuito italiano di BMX.10.2 Le società partecipanti acquisiscono punteggi con i primi 2atleti classificati di ogni categoria arrivati nei primi 16. Con iseguenti punti 15 al primo ed a scalare di un punto fino al 15 e16 che acquisiranno un punto. Più 1 punto di partecipazioneper ogni atleta.10.3 Saranno emanate a cura della STF le date e le località.10.4 Le categorie giovanili corrono accorpate con classifica per accorpamento(G1-G2/G3-G4/G5-G6).11 ATTIVITA’ PROMOZIONALE OPEN11.1 Alle manifestazioni promozionali open possono partecipare icorridori tesserati di qualsiasi categoria ed Ente.11.2 Le categorie sono maschili e femminili agonisti e principianti.11.3 L’approvazione e la modalità di svolgimento delle prove Opensono di competenza dell’organo che approva la manifestazione.


F.C.I. NORME MTB 201012 NORME SPECIFICHE PER LE MANIFESTAZIONINAZIONALI ISCRIZIONI E VERIFICA TESSERE12.1 Gli atleti, tramite la propria società di appartenenza, devono farpervenire l’iscrizione agli organizzatori delle gare nazionali e diinteresse nazionale attraverso il SISTEMA INFORMATICOFEDERALE (fattore K).12.2 La richiesta di iscrizione deve essere corredata obbligatoriamentedai seguenti dati dell’atleta e della Società :Cognome e Nome - Numero di tessera - anno di nascita - categoriadi appartenenza - codice Società - numero di placca.12.3 Sulla base delle iscrizioni pervenute entro i termini di cui ai punti12.1 l’organizzatore dovrà presentare al Presidente di giuria primadell’inizio delle operazioni di verifica tessere l’elenco degli iscritti,suddiviso per categoria e riportante i dati di cui al punto 12.212.4 La verifica tessere si conclude inderogabilmente un’ora primadella partenza della prima batteria.12.5 Possono partecipare solo i tesserati alla FCI.12.6 Il programma può prevedere due giornate di gara (esempio; sabatosera Cruiser; domenica mattina BMX con i relativi obblighiamministrativi.13 ARTICOLAZIONE GARA13.1 Il contatto fisico in gara fra gli atleti è ammesso se non ritenutointenzionale.13.2 Qualora in una categoria sono presenti da 5 a 8 concorrentisaranno effettuate quattro manche di finale.13.3 Qualora in una categoria sono presenti da 9 a 16 concorrentisaranno effettuate tre manche di qualificazione, semifinale edue finali A e B in prova unica.13.4 A partire da 17 concorrenti sono previste 3 manche di qualificazione;eventuali quarti una semifinale e due finali A e B inprova unica13.5 E’ importante garantire un adeguato periodo di recupero tra unamanche e l’altra. Tale intervallo dovrà essere di almeno 8 minuti.13.6 La composizione delle batterie deve essere effettuata tenendopresente le “teste di serie” (sulla base delle classifiche di valorizzazioneo di tempi di qualificazione). E’ previsto un accorpamentocon classifica unica nel caso in cui non si raggiunga ilnumero di 5 corridori come segue:- per le categorie agonistiche maschili con la categoria superiore- per le categorie agonistiche femminili con la categoria maschiledi pari età- per le categorie Giovanissimi (G1>G6) maschili o femminilicon la categoria superiore, la categoria femminile partecipanella medesima categoria maschile13.7 E’ possibile fare svolgere in promiscuità le gare delle categorie agonistichee amatoriali anche nelle prove di Campionato Italiano.13.8 Nelle gare nazionali è consentito l’uso di pedali a sgancio rapidospecifico per il BMX con base di appoggio larga a partire dacategoria 17+.13 A ABBIGLIAMENTO E SICUREZZAAbbigliamento obbligatorio: maglia tecnica a maniche lunghe,pantaloni tecnici specifici per la specialità lunghi e stretti allecaviglie o pantaloni corti sempre tecnici per specialità fuoristradaa condizione che siano accompagnati da protezioni superficherigide alle ginocchia e sulle tibie, guanti tecnici e cascointegrale con mentoniera rigida.I rivestimenti di sicurezza per le biciclette sono raccomandatisoprattutto per le categorie giovanili.14 COMPOSIZIONE COLLEGIO COMMISSARI DI GARAIl Collegio dei Commissari sarà composto da 1 Presidente e 1Giudice d’arrivo e 2 componenti quindi andrà previsto un adeguatonumero di ispettori di percorso messi a disposizione dallaSocietà organizzatrice della gara.15 DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE15.1 La società organizzatrice dovrà predisporre:- la fornitura del materiale di segreteria in particolare fotocopiatrice,moduli, tabellone, P.C. e stampante.- l’assistenza medica (in particolare ambulanza obbligatoria)nel corso degli allenamenti ufficiali e della gara;- il personale medico deve essere tale da poter garantire il proseguimentodella gara anche nel caso in cui un’ambulanzadovesse allontanarsi dal campo gara.- il reperimento di almeno 10 i collaboratori addetti alle varieprocedure di gara coordinati dal Presidente di Giuria. (segreteria,cancello di partenza, incolonnamento atleti ecc.)- i premi vedi tabelle federali,- la designazione di un responsabile dell’organizzazione daparte della Società.- che le manifestazioni nazionali si disputino su pista BMXomologate.- locali idonei per eventuale controllo medico secondo le normespecifiche.- fotofinish o ripresa con telecamera alla linea di arrivo per tuttele categorie agonistiche16 TRASFERTE ALL’ESTEROPer le trasferte all’estero, i tesserati e le società affiliate alla FCI,devono seguire quanto riportato indicata sulle “Norme AttuativeGenerali ”.Si ricorda comunque alle società interessate, che le richieste perl’iscrizione degli atleti, devono pervenire alla Struttura TecnicaFederale – Settore Fuoristrada - Milano – fuoristrada@federciclismo.ito fax 02 6705364 - 10 giorni prima della data di aperturadelle iscrizioni, per permettere ai vari settori federali dieffettuare le verifiche previste. Oltre ai dati completi di societàed atleti dovrà essere inviato la fotocopia dell’avvenuto versamento,di euro 5 ad atleta o euro26 per tutta il Team/Società,(per gare normali), mentre per le prove di Campionati Continentali,ecc. dovrà essere segnalato l’albergo o un recapito disoggiorno della squadra sul luogo della competizione.17 TASSE D’ISCRIZIONELa tassa d’iscrizione massima per ciascuna manifestazione vienecosì stabilita:Gare Regionali: fino a 12 anni € 5Categorie agonistiche e amatoriali BMX e Cruiser (tassa unica) € 10Gare Nazionali o Regionali di interesse nazionale fino a 12anni € 5Esordienti, Allievi, Master e Cruiser € 10Junior € 15Elite € 20Tutte le gare sono da considerarsi ad invito, pertanto l’organizzatoreè tenuto ad informare in forma scritta e in tempo utile(gare Nazionali e Internazionali almeno 7 giorni, gare Regionalialmeno 48 ore prima della manifestazione) la mancata accettazionedell’iscrizione. In caso di mancata comunicazione valela prassi del “silenzio assenso”. Quindi gli atleti hanno diritto adessere iscritti e ammessi in gara18 CARATTERISTICHE MINIME DEL CIRCUITO DI BMXDIMENSIONI, TEMPI DI PERCORRENZA E CARATTE-RISTICHEPer le piste di BMX, di dimensioni comprese tra m. 300 e m.400, si può calcolare un tempo medio di percorrenza di 35” (art.148, punto 3, comma 1, del R.T.-F.C.I.)il Mondo del Ciclismo n.40XIII


F.C.I. NORME MTB 2010il Mondo del Ciclismo n.40XIVSi riportano di seguito indicate le caratteristiche della pista regolamentatedalle norme vigenti (art. 143 punto 3 del R.T – F.C.I):• La pista deve avere una larghezza minima di m. 8 praticabilesul primo rettilineo (prevedere una larghezza di m.10 minimaalla base dei salti), m.10 sulla partenza e di m.6 (prevedereuna larghezza di m.8 minima alla base dei salti) sul restodel percorso.• La pista deve essere isolata dagli spettatori.• Il primo rettilineo compreso tra il cancello di partenza e laprima curva deve avere una lunghezza non inferiore a m.60.• La pista deve avere minimo tre curve; la prima ad almenom.60 dal cancello di partenza, le altre ad almeno m.40 di distanzal’una dall’altra.• Gli ultimi m.10 devono essere rettilinei e senza ostacoli.• La linea d’arrivo deve essere chiaramente tracciata sul terreno.Per le tipologie di ostacoli, a titolo indicativo, si riportano di seguitoalcuni degli esempi più ricorrenti con le relative misure:1. Speed - jump (salto veloce): dosso con altezza variabile(cm.50/90) e lunghezza proporzionata all’altezza (m.1,80/2,30);2. Soft – jump (salto non impennante): variazione dello speed- jump, permette una continuità di pedalata senza particolaridifficoltà; altezza del dosso cm.0,60/0,80, lunghezza dellapendenza iniziale m.2,00 e finale m. 2,00/4,00;3. Step - jump (salto a sbalzo): dosso composto da un tratto insalita (l. m. 1,30 x h. m.0,70), uno orizzontale (m. 0,80) , unaltro in salita ed infine l’ultimo in discesa (l. m. 3,00 x h. m.1,00/1,10);4. Long – step – jump (salto a sbalzo allungato): le misure rispettiveai tratti sono: in salita l. m. 3,00 x h., in piano m.1,00,m. 0,80 e in discesa l. m. 6,00 x h. 1,50;5. Double – speed – jump (doppio salto veloce): si tratta di duedossi di lunghezza ognuno di m. 3,00, con altezza diversa m.0,50 e m. 0,90 e collocati a m.4,00 l’uno dall’altro; riducendola distanza a m.2,00 si consente di scavalcare gli ostacoli conun salto unico; esiste anche la possibilità di avere più saltifrequenti con incremento progressivo sia delle quote che delledistanze (Triple - jump); il Triple – jump ravvicinato ha lacaratteristica di svilupparsi a quota non inferiore a m. 0,40con tratto iniziale in salita di m.2,00, distanza ed altezza deidossi rispettivamente di m. 0,30/0,50 e m. 0,20 e tratto in discesadi m.4,00;6. Douple – top – jump (doppio salto elevato, simmetrico):dossi posti a vicina distanza con variabilità di quote (I° tratto,l. m. 3,50/3,75/4,00 x h. m.1,00/1,50/2,00; cunetta centrale, l.m. 2,00/2,50/3,00 x h. minima di m. 0,30/0,60/0,90 e massimam. 0,50/1,00/1,50 e II° tratto in discesa di l. m.5,50/5,75/6,00x h. come il I° tratto); esiste anche una soluzione con varianteasimmetrica dove i dossi hanno diversa altezza ed il secondoè quello più basso;7. Table – top (piano alto): può essere inteso come variazionealtimetrica del percorso; si giunge a quota m.1,60/1,80 conuna rampa di l. m.2,00, si continua sempre in quota perm.3,00/4,00 e poi si scende con pendenza meno ripida; unaalternativa è il Two – flattop – jump, dove è presente inizialmenteun tratto in piano di lunghezza ed altezza inferiore alsuccessivo;8. Triple - mogul – jump: ha la caratteristica di presentarsicome l’accostamento di due Triple – jump affiancati sul percorso,sfalzati e con n. 3 dossi di diversa altezza (se uno deidue presenta due dossi alti ed il centrale basso, l’altro, duedossi bassi ed il centrale alto);9. Mogul – jump (salto mongolo): è formato da due Triple –mogul – jump, affiancati e sfalzati, aventi i dossi di ugualealtezza (cm.50) e lunghezza (m. 2,00) e distanza tra gli stessidi m. 2,00.In sede di realizzazione, vanno garantite le caratteristiche siafunzionali che geometriche degli ostacoli.Tutte le curve devono essere sopraelevate e realizzate tenendoconto della “direttrice ottimale di percorrenza”, in quanto elementofondamentale per il raggiungimento dei migliori obiettivicon il minimo sforzo.(per la progettazione e costruzione degli ostacoli è consigliatoavvalervi della conoscenza di un tecnico della federazione o unrider di provata esperienza ).RAMPA DI PARTENZASi riportano di seguito indicate le caratteristiche della ramparegolamentate dalle norme vigenti(art. 143 del R.T – F.C.I);• La rampa deve avere una larghezza di m.10 e prevedere 8corsie di larghezza m.1, contrassegnate da linee di lunghezzanon inferiore a m.10. Il metro eccedente su ogni lato ha funzionedi margine di sicurezza.• L’altezza della partenza tra m.2,50 e m.3 (misure ottimali nontassative)• La lunghezza della pendenza tra m.10 e m.15 (misure ottimalinon tassative)• La parte posteriore della rampa deve essere progettata in manierada permettere un facile accesso al cancello di partenza• Il cancello di partenza, da realizzare con un sistema di comandomanuale di tipo elettrico o idraulico, deve essere collegatosimultaneamente ad un impianto sia sonoro che semaforico.(Per le gara nazionali ed internazionali èobbligatorio un sistema a sintesi vocale che dà gli ordini dipartenza al posto dello starter).• La pavimentazione prima la cancello deve avere un forte gripper permettere l’accelerazione di piloti evitando slittamenti.In particolare:• L’accesso alla rampa deve essere progettato e realizzato inmaniera da favorire e facilitare l’arrivo al punto di partenzadei corridori al relativo cancello; sono ipotizzabili soluzionicon gradini, in terrapieno, oppure rampe con pendenza nonsuperiore all’8%.• Il cancello di partenza deve essere posto lungo la linea di discesadella rampa ed a una distanza minima dal piano di attesa,pari a quella intercorrente tra il limite anteriore della ruotadella bicicletta, nella sua proiezione ortogonale, e ladirettrice perpendicolare passante per il centro o asse dellaruota posteriore. Il piano dovrà comunque essere realizzatoin maniera tale che, il punto di appoggio del copertone dellaruota posteriore si trovi alla medesima altezza dell’asse dellaruota anteriore.• Il cancello, di altezza cm.50, prima della fase di partenza,deve assumere una posizione ortogonale al piano della rampa.• Il meccanismo di movimento del cancello deve comunquegarantire sia il completo abbassamento del battente, sino acostituire con il piano della rampa la perfetta planarità, cheun regolare e veloce abbassamento dello stesso cancello, senzaattriti o blocco del sistema.• La pavimentazione della rampa deve essere realizzata su unastruttura rigida con sovrastante materiale sintetico, cementoo asfaltoide o altri prodotti a questi assimilabili, né troppoabrasivi e né tali da permettere lo scivolamento in presenzadi umidità atmosferica.Al termine del percorso di gara è utile prevedere una segnaleticaben visibile indicante l’ordine di arrivo.Al fine di minimizzare lo spazio utile e quindi i costi di realizzazionee gestione si consiglia che i rettilinei del tracciato seguanoun andamento parallelo e vengano realizzati vicini tra loro.


F.C.I. SETTORE GIOVANILE NAZIONALENorme attuative 2010Categorie Giovanissimi(APPROVATE DAL CONSIGLIO FEDERALE DEL 3 SETTEMBRE 2009)PREMESSALe presenti norme integrano quanto stabilito nel Regolamento Tecnico delle categorieGiovanissimi.Ciascun Settore Giovanile Regionale, in base alle esigenze territoriali, ha la possibilitàdi predisporre, annualmente, proprie normative transitorie connesse all’attivitàdei Giovanissimi. Tali normative, elaborate nel rispetto delle linee guida proposte dalRegolamento Tecnico e delle relative norme attuative nazionali, devono essere sottopostea ratifica del Settore Giovanile Nazionale e, a seguito della loro pubblicazionesull’Organo Ufficiale, assumono la medesima valenza delle norme nazionali.ARTICOLO 1MATERIALI IN USOPer quanto riguarda i requisiti della bicicletta e dei materiali in uso si fa riferimentoall’articolo 13 del Regolamento Tecnico dei Giovanissimi.E’ vietato l’utilizzo di ruote non a raggi (a razze o lenticolari). E’ ammesso l’utilizzo diruote omologate aventi un numero minimo di 16 raggi.E’ consentito l’utilizzo di biciclette con doppio impianto frenante.ARTICOLO 2LIMITAZIONI NELL’USO DI RAPPORTI E PEDIVELLENelle prove di velocità, nelle prove su strada, tipo pista e pista è prevista la limitazionenell’utilizzo dei rapporti, secondo il seguente schema:CATEGORIESVILUPPO METRICOG1 maschile e femminilemt.3,10G2 e G3 maschili e femminili mt. 3,70G4 e G5 maschili e femminili mt. 5,00Categoria G6 maschile e femminile mt. 5,55Nelle medesime prove è altresì prevista la limitazione nella lunghezza minima dellepedivelle, secondo il seguente schema:CATEGORIEG1,G2 e G3 maschili e femminiliG4 e G5 maschili e femminiliG6 maschile e femminileLUNGHEZZA MINIMA PEDIVELLEmm. 125.Con ruote di diametro inferiore a 22 nonesiste il limite minimomm. 145.Con ruote di diametro 22 è consentita lalunghezza di mm. 125mm. 155.Con ruote di diametro 24 è consentita lalunghezza di mm. 145)Nessuna limitazione è prevista per le prove di abilità (gimkana)ARTICOLO 3CONTROLLO RAPPORTI E PEDIVELLEIl controllo dei rapporti deve essere effettuato prima della partenza di ogni categoria.Non é consentito l’uso di biciclette con rapporti bloccati.E’ discrezione della Giuria effettuare dopo ogni gara controlli sulla lunghezza deirapporti.Il controllo delle pedivelle rientra nella discrezionalità della Giuria che può effettuarloa campione anche dopo la conclusione della prova.Casi riscontrati di irregolarità comportano le sanzioni stabilite nell’allegato 1 del RegolamentoTecnico Giovanissimi.ARTICOLO 4LIMITAZIONE ALLA PARTECIPAZIONEL’attività nelle categorie GIOVANISSIMI si svolge nel periodo compreso fra il primosabato di aprile e l’ultima domenica di settembre, nelle sole giornate di sabato e didomenica, fatta eccezione per le prove di abilità, di cicloturismo e per le manifestazionipromozionali similari, aperte anche ai non tesserati, che possono essere organizzatetutto l’anno.L’attività su pista e tipo pista, limitatamente al periodo aprile-settembre, può svolgersitutti i giorni della settimana.Fatta eccezione per le prove di abilità, un giovanissimo non può partecipare nellamedesima giornata a più di una gara.E’ consentito in ogni provincia, per una sola volta durante la stagione, organizzareuna gara supplementare su strada durante la settimana (al di fuori del sabato edomenica) a condizione che vi siano ammessi esclusivamente i tesserati della provinciastessa, o, a discrezione dei Comitati Regionali, quelli di più provincie laddoveil limitato numero di tesserati lo rendesse necessario, in questo caso la gara copriràla disponibilità annuale di tutte le provincie ammesse. Questa norma dovrà esserecontenuta nelle norme attuative regionali.ARTICOLO 5CARATTERISTICHE DELLE PROVE5.1 Prove su stradaSono prove aperte a tutte le categorie.Tali prove possono essere organizzate nelle sole giornate di sabato o di domenica.Fra una prova su strada e la successiva deve intercorrere un intervallo minimodi 5 giorni, con la sola eccezione di quanto stabilito al quarto commadell’art. 4.Ad integrazione dell’art.10 del Regolamento Tecnico è obbligatoria l’iscrizioneon line. Quindi la partecipazione a tali prove è consentita solo alle societàche hanno iscritto i propri tesserati secondo il suddetto sistema. La societàorganizzatrice è tenuta ad accettare solo le società iscritte on line ed a consegnareai Giudici di Gara la stampa dell’elenco iscritti tramite il sistema informaticodella FCI, pena la sanzione pari a quella stabilita nel punto 3 del prospettoinfrazioni e sanzioni di natura tecnico-organizzativa del RegolamentoTecnico Giovanissimi.il Mondo del Ciclismo n.40A


F.C.I. NORME CATEGORIE GIOVANILI 2010il Mondo del Ciclismo n.40BDal 1° maggio al 15 settembre possono effettuarsi anche in notturna e devonoconcludersi possibilmente entro le 22.30.E’ facoltà dei singoli Comitati Regionali, con loro specifiche norme attuativeche devono essere comunicate al Settore Giovanile Nazionale, che potràesprimere il proprio parere in merito, di stabilire giornate di sospensionedell’attività su strada nel corso della stagione valide solo nell’ambito della regionestessa e non vincolanti per le società.Le prove su strada, devono svolgersi su percorsi possibilmente non superioriai 1500 metri da ripetere più volte a seconda delle categorie nel rispetto dellaseguente tabella:- cat. G1: max. km. 3 - cat. G2: max. km. 5- cat. G3: max. km. 7 - cat. G4: max. km. 10- cat. G5: max. km. 12 - cat. G6: max. km. 18.5.2 Prove di velocitàSono prove aperte a tutte le categorie.Dal 1° maggio al 15 settembre possono effettuarsi anche in notturna e devonoconcludersi possibilmente entro le 22.30.Possono essere scelte le seguenti due formule di gara:1. formula con batterie eliminatorie, un recupero, quarti di finale, semifinalie finali. In questo caso ogni corridore deve effettuare da un minimo di 2prove (batteria e recupero) fino ad un massimo di sei, secondo le tabelleallegate.2. formula con qualificazioni a tempo e successivo torneo di velocità.Le qualificazioni avverranno su di un tratto cronometrato di lunghezza noninferiore ai 50 metri con partenza lanciata e non superiore agli 80 metri, ripetutipreferibilmente per due volte con scelta del migliore fra i due tempiottenuti.La composizione delle batterie successive (18 corridori) verrà effettuata inbase ai tempi di qualificazione secondo il seguente schema: 1-7-13 2-8-143-9-15 4-10-16 5-11-17 6-12-185.3 Prova di abilità (gincana)Tale attività é consentita a tutte le categorie.Le prove di abilità possono essere organizzate tutto l’anno e tutti i giorni dellasettimana.Si possono praticare con qualsiasi tipo di bicicletta.Le prove di abilità possono essere organizzate in un’area asfaltata, in cemento,erbosa o sterrata, purché pianeggiante e chiusa al traffico. Possono essereorganizzate altresì all’interno di palestre e ambienti similari.Le prove dovranno prevedere una serie di difficoltà relative alle varie abilitàtecniche, da superare in successione. Il risultato delle prove verrà determinatodal tempo impiegato da ciascun atleta per coprire l’intero percorso, addizionatodelle eventuali penalità.Ogni concorrente ha diritto ad effettuare due prove e verrà classificato con ilmigliore dei due tempi ottenuti.5.4 Corse tipo pistaSono gare a punti da svolgere su strada aperte solo ai giovanissimi di ambo isessi delle categorie G5 (11 anni) e G6 (12 anni).Si possono organizzare tutti i giorni della settimana e possono essere inseritenel programma di manifestazioni aperte alle le categorie superiori.Il chilometraggio massimo è fissato nel modo seguente:- categoria G5 massimo 6 km. (massimo 3 traguardi)- categoria G6 massimo 8 km. (massimo 4 traguardi)E’ obbligatoria l’iscrizione on line così come specificato nell’art. 5.1 quartocomma.5.5 Corse a punti su pistaSi possono organizzare tutti i giorni della settimana su velodromi o piste diatletica.Tali corse sono aperte ai giovanissimi di ambo i sessi delle sole categorie G5(11 anni) e G6 (12 anni) e possono essere anche abbinate a manifestazioniaperte alle categorie superiori.Il massimo dei corridori ammessi nella stessa prova è di 16 ed il chilometraggiomassimo previsto è il seguente:• G5 maschili e femminili 6 km. (massimo 3 traguardi)• G6 maschili e femminili 8 km. (massimo 4 traguardi)Eventuali prove di qualificazione possono essere previste con uno scratch dimax. 4 chilometri con traguardo unico finale.E’ obbligatoria l’iscrizione on line così come specificato nell’art. 5.1 quartocomma.5.6 Manifestazioni promozionaliIn riferimento all’articolo 20 del Regolamento Tecnico delle categorie GIO-VANISSIMI, le manifestazioni promozionali sono costituite da attività nonagonistiche aperte anche ai non tesserati, a partire dai 7 anni di età.Queste le caratteristiche salienti di tali manifestazioni:q possono essere organizzate tutto l’anno ed in tutti i giorni della settimanaq è possibile utilizzare qualsiasi tipo di bicicletta, fermo restando i requisitiminimi stabiliti nell’articolo 13 del Regolamento Tecnico (“requisiti dimassima sicurezza e salvaguardia della incolumità dei concorrenti… meccanicamentein perfetto stato”)q non è prevista la presenza dei Giudici di Gara, visto il carattere non agonisticodi tali manifestazioniq la scelta nella tipologia delle prove da effettuare è libera, fermo restandoi principi di sicurezza connessi alla scelta del percorso (circuiti e tracciaticompletamente chiusi al traffico, percorsi pianeggianti ecc…)ARTICOLO 6MEETING NAZIONALE DI SOCIETA’Le norme in merito allo svolgimento ed alle modalità di ammissione saranno resenote con apposito comunicato dal Settore Giovanile Nazionale.ARTICOLO 7ACCORDI FRONTALIERITali accordi vengono autorizzati dal Consiglio Federale su proposta dei Comitati Regionaliinteressati, nel rispetto delle limitazioni previste dal Regolamento Tecnico edalle presenti norme attuative.ARTICOLO 8TRASFERTE ALL’ESTEROLe trasferte all’estero devono essere preventivamente autorizzate dal Settore GiovanileNazionale.L’autorizzazione è subordinata al rispetto della vigente normativa che prevede larichiesta di autorizzazione al Settore Giovanile inoltrata dalla società interessata,tramite il proprio CR con l’indicazione dei nomi dei corridori, e relativi numeri ditesseraLa partecipazione a gare all’estero senza autorizzazione da parte degli organi competenticomporta alla Società l’applicazione delle sanzioni stabilite dal C.F.ARTICOLO 9TESSERAMENTO DI STRANIERI RESIDENTI IN ITALIALe società che intendono tesserare giovanissimi di nazionalità straniera, purché residenticon la famiglia in Italia, devono presentare richiesta ai competenti ComitatiRegionali allegando la regolare documentazione.I CR, una volta accertata la residenza in Italia della famiglia dell’atleta da almeno tremesi e verificata la regolarità di tutta la documentazione trasmessa, possono rilasciarela relativa tessera federaleGli atleti stranieri tesserati possono partecipare a tutte le gare organizzate dalla FederazioneCiclistica Italiana.


F.C.I. NORME CATEGORIE GIOVANILI 2009ARTICOLO 10PARTECIPAZIONE A GARE DI GIOVANISSIMI STRANIERIAI giovanissimi stranieri (comunitari ed extracomunitari) di età compresa tra i 7e i 12 anni, che soggiornano in Italia per motivi di studio o vacanza, è consentitopartecipare a manifestazioni federali purché in possesso della tessera della propriafederazione.ATTIVITÁ FUORISTRADA GIOVANISSIMI1 CATEGORIE:1.1 Le categorie giovanili sono:1.1.1 Giovanissimi (7 anni) sigla G11.1.2 Giovanissimi (8 anni) sigla G21.1.3 Giovanissimi (9 anni) sigla G31.1.4 Giovanissimi (10 anni) sigla G41.1.5 Giovanissimi (11 anni) sigla G51.1.6 Giovanissimi (12 anni) sigla G61.2 Le Società che tesserano atleti delle categorie giovanili, devono tesserare nelproprio staff tecnico almeno un Maestro di Mtb o un Direttore Sportivo di 1°livello2 DISCIPLINE:2.1 Abilità: Gincana Off Road o Easy Bike Trial2.2 Velocità: Bmx, 4-Cross, Easy Downhill2.3 Resistenza: Cross Country e Ciclocross (solo categoria G6)3 TIPOLOGIA DEI MEZZI:3.1 Sono ammesse tutte le tipologie di biciclette fuoristrada, tranne che nel Bmxdove è obbligatoria la bici specialistica3.2 Non è previsto alcun tipo di controllo rapporti4 PERIODO DI ATTIVITÀ:4.1 Per le prove di Cross Country, va dal primo sabato di aprile all’ultima domenicadi settembre e fra una gara e l’altra deve intercorrere un periodo minimodi cinque giorni.E’ consentito in ogni provincia, per una sola volta durante la stagione, organizzareuna gara supplementare di Cross Country durante la settimana (aldi fuori del sabato e domenica) a condizione che vi siano ammessi esclusivamentei tesserati della provincia stessa, o, a discrezione dei Comitati Regionali,quelli di più provincie laddove il limitato numero di tesserati lo rendessenecessario, norma questa, che dovrà essere contenuta nelle norme attuativeregionali.4.2 Per le prove di Abilità e Velocità tutto l’anno4.3 Non è consentito partecipare a gare o manifestazioni organizzate da societàed enti diversi dalla Federazione Ciclistica Italiana4.4 nella stessa giornata è possibile disputare una sola prova di Resistenza.5 TIPOLOGIA GARE GIOVANILI:5.1 Gara Regionale, (possono essere proposte più discipline assieme, limitatamentealle prove di abilità e velocità)5.2 CHALLENGE REGIONALI: devono essere composte da massimo 9 prove3.3 CHALLENGE PROVINCIALI: il numero massimo delle prove è stabilito daciascun Comitato Provinciale con l’approvazione dei rispettivi Comitati Regionali3.4 Il numero minimo di prove ai fini dell’inserimento nella classifica finale diogni CHALLENGE non deve essere inferiore ai 2/3 del totale delle prove.5.5 Ogni prova deve far parte di una sola Challenge.5.6 Le prove di campionato provinciale e regionale individuale (facoltative) non devonofar parte di alcuna challenge e le griglie di partenza devono essere sorteggiate5.7 Manifestazioni promozionaliIn riferimento all’articolo 20 del Regolamento Tecnico delle categorie GIO-VANISSIMI, le manifestazioni promozionali sono costituite da attività nonagonistiche aperte anche ai non tesserati, a partire dai 7 anni di età.Queste le caratteristiche salienti di tali manifestazioni:q possono essere organizzate tutto l’anno ed in tutti i giorni della settimanaq è possibile utilizzare qualsiasi tipo di bicicletta, fermo restando i requisitiminimi stabiliti nell’articolo 13 del Regolamento Tecnico (“requisiti dimassima sicurezza e salvaguardia della incolumità dei concorrenti… meccanicamentein perfetto stato”)q non è prevista la presenza dei Giudici di Gara, visto il carattere non agonisticodi tali manifestazioniq la scelta nella tipologia delle prove da effettuare è libera, fermo restandoi principi di sicurezza connessi alla scelta del percorso (circuiti e tracciaticompletamente chiusi al traffico, percorsi pianeggianti ecc…)6 DEFINIZIONE DI SQUADRA:6.1 Rappresentativa Regionale, selezione dei corridori di Società appartenenti adun Comitato Regionale o ai Comitati Provinciali di Trento e Bolzano6.2 Rappresentativa Provinciale, selezione dei corridori di Società appartenentiad un Comitato Provinciale6.3 Squadra di Club, corridori tesserati per una Società7 ISCRIZIONE ALLE GARE:7.1 Ad integrazione dell’art.10 del Regolamento Tecnico è obbligatoria l’iscrizione online. Quindi la partecipazione a tali prove è consentita solo alle società che hannoiscritto i propri tesserati secondo il suddetto sistema. La società organizzatriceè tenuta ad accettare solo le società iscritte on line e a consegnare ai Giudici diGara la stampa dell’elenco iscritti tramite il sistema informatico della FCI, pena lasanzione pari a quella stabilita nel punto 3 del prospetto infrazioni e sanzioni dinatura tecnico-organizzativa del Regolamento Tecnico Giovanissimi.7.2 Rappresentative Regionali: tramite il proprio comitato Regionale7.3 Rappresentative Provinciali: tramite il proprio comitato Provinciale e con ilbenestare del Comitato Regionale7.4 Squadre di Club: tramite la propria società affiliata alla FCI7.5 Non sono ammesse iscrizioni individuali.8 CLASSIFICHE8.1 Devono essere compilate per ogni singola categoria, non devono essere attuatiaccorpamenti fra di esse.9 ATTUAZIONE ABILITA’9.1 Easy Bike Trial, (tutte le categorie): Il Trial è una competizione ciclistica incui si deve compiere un circuito comprendente delle “zone controllate” conun minimo di errori “penalità”. La durata totale della corsa ed il tempo cheserve per superare tutti gli ostacoli è previsto di conseguenza9.1.1 vengono affrontati passaggi naturali con la presenza sul fondo di radici, tronchi,sassi9.1.2 possono essere inseriti dei passaggi in salita e discesa di gradini o porzioni diterreno scalinato,9.1.3 viene percorso un breve tratto di fango, sabbia o ghiaia, sia in salita che indiscesa, su rettilineo o in curva,9.1.4 vengono affrontati dei dossi successivi di differente altezza e variabilmentedistanziati,9.1.5 vengono superati ostacoli anche artificiali sia in bici che a piedi,9.1.6 viene percorsa una sezione di prato con l’utilizzo di porte o birilli che determinanoun tracciato vario, sia in piano che in discesa,9.1.7 l’altezza degli eventuali salti non può superare i 60 cm fino ai G4, e gli 80 cmfino ai G69.1.8 le penalità sono elencate nell’allegato “A”,il Mondo del Ciclismo n.40C


F.C.I. NORME CATEGORIE GIOVANILI 201010 ATTUAZIONE ABILITÀ VELOCE10.1 Easy Downhill: la valutazione è a tempo, dall’arrivo si deve avere la visualesulla partenza e possibilmente sull’intero percorso,10.1.1 non devono essere posti salti o passaggi tecnici che non abbiano una possibilitàdi transito alternativo privo di ostacolo,10.1.2 il numero delle eventuali porte deve consentire un spazio tra di esse tale daconsentire una curva regolare,10.2 BMX: in mancanza di una struttura fissa ed omologata è possibile costruireun percorso utilizzando una superficie pianeggiante con dossi ed avvallamentinaturali o artificiali consecutivi, con il gesso tracciare 4 o 6 corsie parallele,10.2.1 la partenza deve essere posta in leggera discesa, in modo da favorire lo slanciodei concorrenti12.1.4 è possibile effettuare una gara Mista Abilità per alcune categorie e Resistenzaper altre12.2 Campionato Regionale di Società: vedi regolamento specifico regionale.12.3 Gara Interprovinciale: attraverso la compilazione del apposito modello deveessere indicata la tipologia della gara ed il numero massimo di ammessi perogni rappresentativa provinciale.12.3.1 l’iscrizione alla gara deve pervenire alla Società organizzatrice dai ComitatiProvinciali che provvedono a stabilire le teste di serie per l’ordine di partenzadei propri corridori12.3.2 vengono ammessi solo i corridori appartenenti alle rappresentative provinciali12.3.3 la premiazione dovrà prevedere un riconoscimento di modico valore, anchein naturail Mondo del Ciclismo n.40D10.3 4-Cross: in ogni batteria partono 4 atleti, le batterie iniziali vengono sorteggiate,in ogni batteria avviene l’eliminazione di 2 concorrenti fino a raggiungereuna finale che determina i primi 4 classificati, vedi allegato “B”10.3.1 alla partenza andranno tracciate con il gesso 4 corsie rettilinee per una lunghezzadi 10 mt, in caso di mancanza del cancello automatico, saranno gli accompagnatoridegli atleti che dovranno tenere in equilibrio i propri corridori,lasciandoli solo al momento del via,10.3.2 i dossi necessari devono essere con soluzione di continuità, le porte devonoessere snodabili, in mancanza di esse è preferibile posizionare due birilli mobilidi gomma,10.3.3 ad ogni porta deve essere posizionato un commissario di percorso indicato alCollegio di Giuria dal responsabile della società organizzatrice.11 ATTUAZIONE RESISTENZA11.1 Sono prove aperte a tutte le categorie, fatta eccezione per il ciclocross che èconsentito solo alla categoria G6. Tali prove possono essere organizzate nellesole giornate di sabato o di domenica. Fra una prova e la successiva deve intercorrereun intervallo minimo di 5 giorni.11.2 Cross Country individuale: il percorso, con un dislivello contenuto, deve esseread anello con una percorrenza indicativa a giro di 5’, considerando il fondoomogeneo ed asciutto, e deve avere uno sviluppo metrico non inferiore ai400 mt e non superiore ai 1000 mt. Di seguito i tempi massimi di percorrenzaper ciascuna categoria GIOVANISSIMI:q G1 5 minutiq G2 7 minutiq G3 10 minutiq G4 15 minutiq G5 20 minutiq G6 25 minuti11.3 Staffetta Cross Country: (dai G4 in su), il percorso, privo di dislivello evidente,deve essere ad anello con una percorrenza indicativa a giro di 5’ considerandoil fondo omogeneo ed asciutto,11.3.1 la Staffetta è composta da 4 elementi, di cui: 1 atleta della cat. G4, 1 atletadella categoria G5 + 2 atleti a scelta delle categorie G4 - G5 - G6 sia maschiliche femminili, l’ordine di partenza è scelto dal proprio tecnico11.4 Il ciclocross è consentito solo alla categoria G6 nel periodo 1° ottobre 31 dicembree le gare possono essere previste anche in abbinamento a quelle dellecategorie agonistiche, con partenze separate o distanziate. La durata massimadella prova è di 25 minuti.12 PROGRAMMA GARA12.1 Regionale: attraverso la compilazione del apposito modello deve essere indicatala tipologia della gara…12.1.1 se di Abilità andrà indicato il tipo di percorso, la lunghezza dello stesso e sepossibile la tipologia degli ostacoli,12.1.2 se di Velocità andrà indicata la tipologia, la lunghezza del campo di gara el’eventuale dislivello,12.1.3 se di Resistenza andrà indicato il chilometraggio dell’anello di gara ed il numerodi giri da effettuare per ogni categoria13 PREMIAZIONI13.1 individuali: per tutte le categorie fino al 5° classificato ed almeno la primaragazza13.2 collettive: per le rappresentative fino alla 3^ classificata e a tutti i componentidelle stesse14 SISTEMI DI PROTEZIONE:14.1 OBBLIGO del CASCO RIGIDO dal momento in cui si sale sulla Bicicletta altermine della prestazione sportiva, anche nei momenti ludici, il casco devecorrispondere alle vigenti normative in materia di sicurezza e protezione,14.2 è vietato l’uso di appendici al manubrio14.3 nelle prove di Velocità è OBBLIGATORIO dotarsi di PROTEZIONI RIGIDEper gli arti e la spina dorsaleALLEGATI“A” – Penalità Easy Bike Trial1. Qualsiasi appoggio sull’ostacolo o al suolo per ristabilire l’equilibrio, sia con unaparte del corpo sia con una parte della bicicletta, esclusi i pneumatici, viene penalizzatocon 1 punto2. L’appoggio di un pedale o del carter inferiore della bicicletta sul suolo o sull’ostacoloviene penalizzato con 1 punto3. L’appoggio contemporaneo di entrambi i piedi al suolo o sull’ostacolo comporta lapenalità di 5 punti4. superare il tempo massimo imposto per ogni sezione comporta la penalità di 1punto ogni 15”5. Tenere la bicicletta non dal manubrio comporta la penalità di 5 punti6. Toccare il suolo o l’ostacolo con una mano che non tiene il manubrio comporta lapenalità di 5 punti7. La caduta comporta la penalità di 5 punti“B” – Fasi eliminatorie e finali del 4-CrossIn ogni batteria vengono eliminati il 3° e 4° classificato, mentre il 1° ed il 2° classificatopassano alla fase successiva8’ di finale (32 atleti)8 batterie da 4 atleti ciascunaI I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I4’ di finale (16 atleti)4 batterie da 4 concorrenti ciascunaI I I I I I I I I I I I I I I Isemifinale (8 atleti)2 batterie da 4 concorrenti ciascunaI I I II I I IFinale 5° - 8° postoFinale 1° - 4° posto


F.C.I. NORME MTB 2010LA PAVIMENTAZIONELe seguenti indicazioni si riferiscono, in particolare ad impiantidi BMX ove sono richieste alte prestazioni ed elevati livelli diimpegno da parte dei corridori.Occorre tenere presente che la pavimentazione ha un’incidenzarilevante sul costo dell’impianto sia in fase di realizzazione, chedurante la sua ordinaria manutenzione.Indicativamente le voci che concorrono alla definizione del costodell’impianto, sono:• Costo di realizzazione;• Costo di manutenzione;• Tempi di utilizzazione dell’impianto;• Vita media dell’impianto.La struttura generale di un terreno stabilizzato, visto in sezioneverticale, dal basso verso l’alto, comprende i seguenti strati:1. Base (suolo);2. Strato portante e filtrante (cm.30/35);3. Strato filtrante (cm.15); e non obbligatorio se la strato 2 e filtrante4. Manto di copertura filtrante (cm.10/12).Nella formazione dei rilevati in genere, siano essi dossi o curveparaboliche, occorre prevedere la realizzazione di opere di sostegnoin rapporto sia della spinta del terreno che di eventualisovraccarichi determinati dai lavori di manutenzione.Per le scarpate a ridosso dei rilevati ed al di sopra delle opere disostegno, si consiglia la collocazione di colture per la stabilitàdel terreno.Per la realizzazione ed esecuzione conviene fare riferimento aditte di provata esperienza ed affidabilità nel settore, con capacitàdi provvedere integralmente all’esecuzione dei lavori nelloro complesso.Si consiglia l’uso di una pavimentazione in terra stabilizzata,drenante.MISURE DI PROTEZIONE E SICUREZZA – ATLETILungo i bordi, all’esterno della pista, non devono essere presentiostacoli di alcun genere. In caso di presenza di alberi si dovrannoadottare idonee misure di protezione.Il bordo pista ed il piano di campagna devono essere complanarial fine di agevolare il corridore sulla sua eventuale uscita dallapista.Adeguati sistemi di protezione devono essere previsti lungo ibordi dei dossi il relazione alle caratteristiche ed altezze adottate.Si ritiene utile che i bordi dell’intero percorso vengano “marcati”da segnatura (naturale o artificiale) tale da fissare i limiti dellapista e consentire il controllo da parte dei giudici. Qualsiasisoluzione deve comunque garantire la sicurezza e l’incolumitàdei corridori.E’ indispensabile realizzare lungo i lati della rampa e nelle partipericolose, a protezione degli utenti, una barriera continua senzaangoli o spigoli vivi (v. art. 5.5).In occasione di gare ed in particolare nei punti di maggior pericolo,occorre prevedere la presenza di un servizio d’ordine connumero di addetti sufficiente a garantire un adeguato serviziodi controllo. Il personale dovrà essere dotato di bandiere di segnalazionedi colore giallo da utilizzare al verificarsi di un incidente.Si consiglia che il tratto successivo all’arrivo sia di lunghezzacompresa tra m.10 e m. 20, al fine di garantire una regolare eprogressiva riduzione di velocità; tale lunghezza comunque dipendeanche dal tipo di soluzione adottata per l’arresto finale(piazzola con sabbia, ostacolo, ecc.).Occorre in aggiunta prevedere le seguenti strutture e spazi delimitati:ZONA D’ARRIVOPer zona di arrivo si intende quel particolare tratto della pistache, presente dopo il traguardo, permette ai corridori di concludereil proprio scatto finale. E’ opportuno che in tale ambitodebba trovare collocazione l’area destinata al pubblico.QUARTIERE CORRIDORIPer quartiere corridori si intende l’area che accoglie le squadreed i rispettivi atleti in attesa di concorrere alla gara; essa è dotatadi eventuali servizi (fontanelle, bar) ed è il luogo destinatoallo stazionamento delle biciclette, alle operazioni di riparazione,al deposito dei propri indumenti, ecc. E’ utile che detto spaziosia dotato di strutture coperte a carattere provvisorio, tipotende, roulotte, ecc. La sua dimensione deve essere rapportataalla reale prevedibile presenza di utenti sportivi ed accompagnatori.PADDOCKPer paddock si intende quel settore transennato o recintato ecoperto, all’interno del quartiere corridori, ove sostano gli atletidi ogni manché con le proprie biciclette, in attesa di accedereal Parc-fermè.PARCO-CHIUSOE’ la zona destinata ai corridori in procinto di effettuare la gara;è situata di norma immediatamente dietro (o a fianco) dellarampa di partenza. Si tratta di uno spazio delimitato e coperto,costituito da distinte corsie transennate, ove si fanno allineare icorridori di ogni manché.UNITA’ DI CONTROLLO GARASi intende la postazione al coperto destinata ad accogliere i giudiciai quali spetta il compito di verificare le fasi di partenza e diarrivo, nonché, controllare lo svolgimento dell’attività sull’interopercorso; la localizzazione va individuata nella zona compresatra la rampa di partenza e l’arrivo.Lungo l’intero percorso di gara deve essere garantita e facilitatala mobilità di altri giudici che hanno il compito di controllare ivari comportamenti degli atleti lungo il tracciato.AREA LAVAGGIO BICICLETTESi consiglia, occorrerà di individuare, in prossimità del punto diarrivo del percorso, una zona da destinare al lavaggio delle biciclettecon una dotazione minima di n. 5 bocchette, opportunamentedistanziate tra loro.il Mondo del Ciclismo n.40XV


F.C.I. NORME MTB 2010NORME ATTUATIVE 2010DH – 4X – Dual – DH Marathon - EnduroPREMESSALe presenti norme attuative completano le “Norme Attuative Generali”per il Settore Fuoristrada.Per quanto non specificato nelle “ Norme Attuative Generali ” o di specialità,si farà riferimento alle altre Normative previste dai regolamentiFCI e UCI.1 PERIODO DI ATTIVITA’1.1 Le gare si possono disputare tutto l’anno e in ogni giorno dellasettimana.2.4 Nelle gare Internazionali le categorie verranno accorpate nellaseguente maniera:- Open Maschile ( EL – UN – JU )- Open Femminile ( EL – JU )2.5 Nelle gare di Marathon Downhill le Categorie Esordienti m/fnon potranno partecipare.3 TIPO DI GARE3.1 Internazionali, Nazionali, Regionali.4 CLASSIFICAZIONE GAREil Mondo del Ciclismo n.40XVI2 CATEGORIE2.1 All’attività Downhill – Fourcross – Marathon Downhill – Endurosono ammesse le categorie:Agonistiche Internazionali:Elite m (EL)23 anni e oltreElite f (DE)19 anni e oltreUnder 23 m (UN)19 anni e oltreJunior m/f (JU-DJ)17-18 anniAgonistiche Giovanili:Allievi m/f (AL-DA) 15-16 anniEsordienti m/f (ES-ED) 13-14 anniAmatoriali:Master Woman (W1-W2) 19 anni e oltreMaster Sport (MT)19 anni e oltreMaster 1 (M1)30-34 anniMaster 2 (M2)35-39 anniMaster 3 (M3)40-44 anniMaster 4 (M4)45-49 anniMaster 5 (M5)50-54 anniMaster 6 (M6)55 anni e oltreMaster Junior m/f (MJ-WJ) 17-18 anni - Queste Categorianon può partecipare a manifestazioni Nazionali e Internazionali,possono partecipare solo in gare Regionali organizzatenella propria regione di appartenenza.2.2 Nelle Gare Regionali e Nazionali Downhill, Marathon Downhilled Enduro, le categorie verranno accorpate nella seguente maniera:- Open Maschile ( Elite –Under 23 )- Open Femminile (Elite – junior )- Junior Maschile- Allievi Maschile- Esordienti Maschile- Giovanile Femminile ( Esordienti – Allieve )- Master Sport e Master Junior- Master 1-2- Master 3-4-5-6- Master Woman 1-22.3 Nelle gare di Fourcross le categorie verranno accorpate nellaseguente maniera:- Agonisti Maschili ( EL-UN-JU )- Agoniste Femminili ( EL – JU )- Amatoriali Maschili ( MT-M1/2/3/4/5/6 )- Amatoriali Femminili ( MW 1/2 )- Giovanili Maschili ( AL-ES )- Giovanili Femminili ( DA-DE )4.1 Classificazione gare InternazionaleNon potranno essere inserite nel calendario ufficiale in concomitanzacon gare di Coppa del Mondo e altre gare Internazionaliche si svolgono in Italia.4.1.1 DH – Discesa individuale – durata della gara da 2’00 a 5’00.CNCampionati NazionaliHC – 1 – 2 – 3Corse di un giorno4.1.2 MD – Discesa collettiva –Discesa di minimo due corridori contemporaneamente.HC – 1 – 2 – 3Corse di un giorno4.1.3 4X – 4 Cross –Discesa di 4 corridori contemporaneamente.CNCampionati NazionaliHC – 1 – 2 – 3Corse di un giorno4.1.4 DL – Dual –Discesa di due corridori su due percorsi differenti.CNCampionati NazionaliHC – 1 – 2 – 3Corse di un giorno4.2 Classificazione gare nazionaliNon potranno essere inserite nel calendario ufficiale in concomitanzacon altre gareNazionali, con gare Internazionali che si svolgono in Italia egare di Coppa del Mondo.4.2.1 NDH – Discesa individuale – durata della gara da 2’00 a 5’00.4.2.2 NMD – Discesa collettiva – Discesa di minimo due corridoricontemporaneamente.4.2.3 N4X – 4 Cross - Discesa di 4 corridori contemporaneamente.4.2.4 NDL – Dual – Discesa di due corridori contemporaneamentesu due percorsi differenti.4.2.5 NED- Enduro – prove speciali in discesa.4.3 Classificazione gare regionaliNon potranno essere inserite nel calendario ufficiale in concomitanzacon gare Nazionali e Internazionali che si svolgono in Italia.4.3.1 RDT – Discesa individuale Top Class - massimo 3 gare per regionesu indicativa dei rispettivi C.R. – durata della gara da2’00” a 5’00”.4.3.2 RCR – Campionato regionale individuale4.3.3 RDH – Discesa individuale Regionale4.3.4 RMD – Discesa collettiva – Discesa di minimo due corridoricontemporaneamente.4.3.5 R4X – 4 Cross – Discesa di 4 corridori contemporaneamente.4.3.6 RDL – Dual – Discesa di due corridori contemporaneamentesu due percorsi differenti.4.3.7 RPL – Play DH – Discesa molto facile riservata ai principianti edalle categorie giovanili durata della gara meno di un minuto.4.3.8 RED – Enduro – prove speciali in discesa


F.C.I. NORME MTB 20105 GARE REGIONALIDOWNHILL (DH)5.1 Gare Promozionali – PLAY DH – ( RPL )Gare su percorsi facili e brevi dedicate alle categorie giovaniliG1 – G6 ( 07 – 12 anni ), aperte agli Atleti tesserati per gli Entidi Promozione.I regolamenti e i programmi demandati dai rispettivi CC.RR.5.2 Gare regionali ( RDH ) e gare Regionali Top Class ( RDT ).Saranno disputate in un giorno con 2 manche di gara nel pomeriggio.Le gare Regionali Top Class assegneranno punti Top Class.5.2.1 CATEGORIE AMMESSE:Possono partecipare tutti i tesserati F.C.I., sia delle categorieagonistiche che amatoriali ed i tesserati agli enti di promozione,è vietata la partecipazione degli atleti stranieri, fatta eccezioneper le nazioni che hanno accordi frontalieri con il ComitatoRegionale che ospita la gara.5.2.2 ORDINE DI PARTENZA: Vedi il punto 11.5.2.3 CLASSIFICHE PREMIAZIONI:Devono essere redatte due classifiche assolute, una per le categorieagoniste e una per le categorie amatoriali, dalle quali verrannoestrapolate le classifiche di categoria:Open Maschile, Open Femminile, Junior, Allievi, Esordienti,Giovanile Femminile.Donna Amatore, Master Sport, Master Junior, Master 1-2, Master3-4-5-6.Dovranno essere premiati con montepremi (se previsto) e premiin natura almeno i primi 5 atleti delle Classifiche Assolute ealmeno i primi 3 Atleti delle Classifiche di Categoria.5.2.4 MODALITA’ D’ISCRIZIONE:Le iscrizioni devono pervenire obbligatoriamente all’organizzazione, tramite la società d’appartenenza dell’atleta,due giorniprima della gara, con le modalità previste dalle Norme GeneraliFuoristrada della stagione in corso, l’atleta che non sarà regolarmenteiscritto non prenderà parte alla gara.Non saranno accettate iscrizioni tardive e il giorno stesso dellagara.Il pagamento delle quote di iscrizione e del costo delle risalitesarà effettuato, all’organizzatore il giorno stesso della gara, daun Responsabile della Società, che provvederà personalmenteal ritiro delle tabelle numeriche.5.2.5 PROGRAMMA GARA:Il programma deve prevedere indicativamente la seguentetempistica:dalle ore 7.30 alle 8.30ricognizione pista a piedidalle ore 8.30 alle 10.30verifica tesseredalle ore 8.30 alle 12.00prove libere assistiteore 13.001° manche60 minuti dopo il termine della 1° 2° manche6 GARE NAZIONALI6.1 Le Gare Nazionali si disputano obbligatoriamente in due giorni.La gara si svolge con un sistema di manche unica, una discesadi classificazione per determinare l’ordine di partenza, seguitada una discesa ufficiale nella quale il corridore più veloce saràconsiderato vincitore.6.1.1 CATEGORIE AMMESSE:Possono partecipare tutti i tesserati F.C.I.Potranno accedere alle gare Nazionali gli atleti stranieri di tuttele categorie, con licenza riconosciuta dall’U.C.I.Non è ammessa la partecipazione dei tesserati agli enti di promozione.6.1.2 ORDINE DI PARTENZA: Vedi il punto 11.6.1.3 CLASSIFICHE E PREMIAZIONI:Devono essere redatte due classifiche assolute, una per le categorieagonistiche e una per le categorie amatoriali, dalle qualiverranno estrapolate le classifiche di categoria:Open Maschile, Open Femminile, Junior, Allievi, Esordienti,Giovanile Femminile.Donna Amatore, Master Sport-Junior , Master 1-2, Master 3-4-5-6.Dovranno essere premiati con montepremi (se previsto) e premiin natura almeno i primi 5 atleti delle Classifiche Assolute ealmeno i primi 3 Atleti delle Classifiche di Categoria.6.1.4 MODALITA’ D’ISCRIZIONE:Le iscrizioni devono pervenire all’organizzazione, tramite lasocietà d’appartenenza dell’atleta, tre giorni prima della gara,con le modalità previste dalle Norme Generali Fuoristrada dellastagione in corso, l’atleta che non sarà regolarmente iscrittonon prenderà parte alla gara.Non saranno accettate iscrizioni tardive e il giorno stesso dellagara.Il pagamento delle quote di iscrizione e del costo delle risalitedovrà essere effettuato, all’atto dell’iscrizione tramite vaglia postale,bonifico bancario e altro, o a discrezione dell’organizzatore,il giorno stesso della gara, da un Responsabile della Societàche provvederà personalmente al ritiro delle tabelle numeriche;qualora una società iscrivesse più atleti di quelli che realmenteparteciperanno alla manifestazione, dovrà accollarsi ilcosto dell’iscrizione di tutti gli atleti iscritti.6.1.5 PROGRAMMA GARAIl programma deve prevedere indicativamente la seguentetempistica:Prima giornatadalle 8.00 alle 9.00 ricognizione pista a piedidalle 9.00 alle 13.00 verifica tesseredalle 9.00 alle 13.00 prove libere assistitedalle 13.00 alle 16.30 allenamento controllatodalle 16.30 alle 17.30 allenamento controllato riservato aiTOPore 18.00riunione team managerSeconda giornataDalle 8.00 alle 9.00 ricognizione pista in biciclettaOre 10.00Manche di classificazione (Semi-Finale)Ore 14.00 Manche di gara ( Finale )Gli orari degli allenamenti controllati, della discesa di classificazionee della manche di gara potranno variare a discrezionedel Collegio dei Commissari di Gara, del Delegato Tecnico edell’organizzatore.7 GARE INTERNAZIONALI7.1 CATEGORIE AMMESSE:Possono partecipare i tesserati F.C.I. e i tesserati delle Federazioniriconosciute dall’UCI della categorie Agonistiche ( Elitem/f, Under 23 m/f e Juniores m/f ) e le categorie Amatoriali eAgonistiche Giovanili se previste.7.2 PROGRAMMA GARAIl programma delle gare fa riferimento ai Regolamenti TecnicoU.C.I.8 CAMPIONATI ITALIANI DOWNHILL8.1 I Campionati Italiani si svolgono in prova unica.8.2 La partecipazione è aperta a tutti i tesserati F.C.I. di NazionalitàItaliana, con Codice UCI che inizia con la sigla ITA.8.3 Non è ammessa la partecipazione di atleti stranieri.8.4 Non è ammessa la partecipazione dei tesserati agli enti di promozione.8.5 Vengono assegnati i titolo di Campione Italiano alle categorie Eli-il Mondo del Ciclismo n.40XVII


F.C.I. NORME MTB 2010te m/f – under 23 – Juniores m/f – Allievi m/f – Esordienti m/f– Master 19/29 – Master 1/2/3/4/5/6 – Amatoriale Femminile.8.6 Per l’assegnazione del titolo italiano di categoria è necessaria lapartecipazione di almeno 3 atleti; con meno di 3 atleti, allachiusura dell’iscrizione, le categorie potranno essere accorpate.La maglia sarà consegnata al vincitore dell’accorpamento.8.7 Le iscrizioni dovranno pervenire alla Società Organizzatrice,con le modalità previste dalle Norme Generali Fuoristrada dellastagione in corso, tre giorni prima della manifestazione.CAMPIONATO REGIONALE x 111.1.4 Dopo ogni gara Regionale Top Class, Nazionale e Internazionaleverrà pubblicata dalla S.T.F. il Ranking Top Class aggiornato.11.1.5 Fino allo svolgimento della prima gara Nazionale/Internazionale,verrà tenuto valido il Ranking della stagione precedente.11.2 PUNTI DI VALORIZZAZIONEIn tutte le gare Nazionali, Regionali Top Class e CampionatiRegionali, verranno assegnati punti di Valorizzazione ( comeda Tabella del R.T. vigente ) ai primi 5 atleti delle categorieAGONISTICHE.il Mondo del Ciclismo n.40XVIII8.8 Dovranno essere premiati i primi 3 Atleti di ogni Categoria previstacon montepremi (se previsto), medaglie e coppe.8.9 PROGRAMMA GARAI Campionati Nazionali si corrono applicando quanto previstodal Regolamento Tecnico UCI.9. CAMPIONATI REGIONALI9.1 Ogni C.R. può prevedere lo svolgimento dei Campionati Regionaliche si svolgono in prova unica, o come previsto da appositoregolamento regionale.9.2 Il titolo regionale può essere assegnato per le categorie per cuiè previsto il titolo italiano.9.3 I Campionati Regionali assegneranno punti Top Class.10 CAMPIONATI PROVINCIALI10.1 Ogni C.P. può prevedere lo svolgimento dei Campionati Provinciali,emanando all’inizio dell’anno uno specifico comunicato.10.2 Il titolo provinciale può essere assegnato per le categorie percui è previsto il titolo italiano.11 PUNTEGGIO E ORDINE DI PARTENZA DOWNHILL11.1 PUNTEGGIO11.1.1 RANKING TOP CLASSVerranno creati due Ranking Top Class, uno per le categorieamatoriali e uno per le categorie agonistiche.Il sistema di punteggio sarà lo stesso per entrambe le categorie:Punteggio:1° 5502° 4903° 4404° 4005° 371dal 6° al 10° scarto di 15 punti – dal 11° al 15° scarto di 10 punti– dal 16° al 25° scarto di 5 punti - dal 26° al 35° scarto di 3 punti– dal 36° al 200° scarto di 1 puntoGli atleti acquisiranno punti nelle gare Regionali Top Class, nellegare Nazionali e nelle gare Internazionali.11.1.2 In ogni gara NAZIONALE e INTERNAZIONALE vengonoattribuiti punteggi ai primi 100 della classifica ASSOLUTA cat.Agonistiche e ai primi 100 della classifica ASSOLUTA cat.AMATORIALI.In ogni gara REGIONALE Top Class vengono attribuiti punteggiai primi 100 della classifica ASSOLUTA cat. Agonistichee ai primi 100 della classifica ASSOLUTA cat. AMATORIALI.11.1.3 Coefficienti gare:INTERNAZIONALE e di CAMPIONATO ITALIANO x 3NAZIONALE x 2REGIONALE TOP CLASS e di11.3 ORDINE DI PARTENZA11.3.1 Nelle Gare Regionali l’ordine di partenza sarà lo stesso in entrambele Manche di Gara o come previsto da apposito regolamentoregionale.Gli Atleti saranno ordinati dal peggiore al migliore, salvo le categoriefemminili che partiranno dalla migliore alla peggiore, inbase al loro punteggio Top Class, in questo ordine:Categorie Amatoriali Femminili, Categorie Amatoriali Maschili,Categorie Agonistiche Femminili e Categorie AgonisticheMaschili.I concorrenti del medesimo gruppo di categoria partiranno conun distacco minimo, fra un atleta e l’altro, di 30 secondi.Il distacco minimo fra i gruppi di categorie sarà di 3 minuti.Gli atleti appartenenti ad Enti di Promozione saranno inseriti,nell’ordine di partenza prima dei corridori FCI delle categorieAmatoriali.11.3.2 Nelle Gare Nazionali e Internazionali l’ordine di partenza dellaManche di Classificazione sarà disposto in base al Ranking UCIa seguire il Ranking Top Class.Gli Atleti saranno ordinati dal peggiore al migliore, salvo le categoriefemminili che partiranno dalla migliore alla peggiore, inbase al loro punteggio in questo ordine: Categorie AmatorialiFemminili, Categorie Amatoriali Maschili, Categorie AgonisticheFemminili e Categorie Agonistiche Maschili.I concorrenti del medesimo gruppo categoria partiranno conun distacco minimo, fra un atleta e l’altro, di 30 secondi.Il distacco minimo fra i gruppi di categorie sarà di 3 minuti.11.3.3 Nelle Gare Internazionali con abbinata Nazionale, le CategorieGiovanile m/f verranno fatte partire separatamente dalle CategorieAgonistiche sia nella manche di Classificazione che nellamanche di Gara.11.3.4 Nelle Gare Nazionali e Internazionali, per determinare l’ordinedi partenza della Manche di Gara, gli Atleti saranno ordinati dalpeggiore al migliore, salvo le categorie femminili che partirannodalla migliore alla peggiore, in base al tempo fatto registrarenella Manche di Classificazione.Gli Atleti prenderanno parte alla Gara nel seguente ordine: CategorieAmatoriali Femminili, Categorie Amatoriali Maschili,Categorie Agonistiche Femminili e Categorie Agonistiche Maschili.11.3.5 I concorrenti della medesima categoria partiranno con un distaccominimo, fra un atleta e l’altro, di 30 secondi.Gli ultimi 10 Atleti delle Categorie Amatoriali Maschili, le ultime5 Atlete delle Categorie Agonistiche Femminili e gli ultimi15 Atleti delle Categorie Agonistiche Maschili partiranno fraloro con un distacco minimo di 1 minuto.Il distacco minimo fra i gruppi di categorie sarà di 3 minuti.11.3.6 Gli atleti che non faranno registrare un tempo valido nella Discesadi Classificazione non saranno ammessi alla Manche diGara.11.4 PARTENZE CAMPIONATO ITALIANO DOWNHILL11.4.1 Ai Campionati Italiani gli Atleti prenderanno il via in ordine dicategoria.11.4.2 L’ordine di partenza della Manche di Classificazione sarà dispostoin base al Ranking UCI a seguire il Ranking Top Class.


F.C.I. NORME MTB 2010Gli Atleti saranno ordinati dal peggiore al migliore, salvo le categoriefemminili che partiranno dalla migliore alla peggiore, inbase al loro punteggio, in questo ordine:Donne Master, Master 6 – 5 – 4 – 3 – 2 – 1 , MasterSport,Donne Esordienti, Donne Allieve, Donne Junior, Donne Elite,Esordienti, Allievi, Junior, Under 23, Elite.I Concorrenti della medesima categoria partiranno con un distaccominimo, fra un atleta e l’altro, di 30 secondi.Il distacco minimo fra una categoria e l’altra sarà di 3 minuti.11.4.3 Per determinare l’ordine di partenza della Manche di Gara, gliAtleti saranno ordinati dal peggiore al migliore, salvo le categoriefemminili che partiranno dalla migliore alla peggiore, inbase al tempo fatto registrare nella Manche di Classificazione,in questo ordine: Donne Master, Master 6 – 5 – 4 – 3 – 2 – 1 ,MasterSport, Donne Esordienti, Donne Allieve, Donne Junior,Donne Elite, Esordienti, Allievi, Junior, Under 23, Elite.I Concorrenti della medesima categoria partiranno con un distaccominimo, fra un atleta e l’altro, di 30 secondi.I 5 migliori Atleti della manche di classificazione, delle categorieElite m/f Under23 ed Junior m/f, partiranno con un distacco,fra un atleta e l’altro, di 1 minuto.Il distacco minimo fra una categoria e l’altra sarà di 3 minuti.11.4.4 Gli atleti che non faranno registrare un tempo valido nella Discesadi Classificazione non saranno ammessi alla Manche diGara.FOURCROSS (4X)12 Le prove di 4X sono aperte ai Corridori a partire dai 13 anni.Le Categorie Giovanili ( Esordienti e Allievi ) dovranno gareggiareseparatamente dalle Categorie Agonistiche e Amatoriali.Le Categorie Femminili dovranno gareggiare separatamentedalle Categorie Maschili.12.1 Il Four-Cross (4X) è una gara ad eliminazione che oppone 4Concorrenti che si gettano fianco a fianco sullo stesso percorsodi discesa. La natura di tale prova contempla la possibilità diavere alcuni contatti, non intenzionali, tra Concorrenti. Questicontatti saranno tollerati se, secondo il giudizio del Presidentedel Collegio dei Commissari, questi resteranno entro i limitidella competizione, della giustizia ed equità sportiva nei confrontidegli altri Concorrenti.12.2 Delle discese di allenamento controllato dovranno aver luogo ilgiorno stesso della prova principale o il giorno precedente se lagara si svolge in due giorni.12.3 Verrà organizzata una manche di qualifica, che a discrezionedell’organizzatore potrà essere il giorno prima o il giorno stessodella gara, nella quale ogni singolo Concorrente dovrà percorrereuna prova cronometrata sul percorso. I Corridori iscrittiche non vi partecipano, saranno squalificati.I Corridori partiranno nell’ordine stabilito dalla lista di partenzae in base alla categoria.12.4 Le Manches di Gara verranno impostate nella seguente maniera:Femminile Amatoriale, Femminile Agonistiche, GiovanileFemminile (Esordienti-Allievi), Giovanile (Esordienti-Allievi),Maschile Amatori e Maschile Agonisti (Junior-Under23-Elite).12.5 I primi 64 uomini e le prime 8 donne (le prime 16 se vi sarannopiù di 40 atlete) di ogni categoria prevista, si qualificano per laprova finale.12.6 Gli abbinamenti dei Corridori, per la prova finale, saranno effettuatisecondo quanto indicato nella tabella sotto riportata, inmodo che il primo ed il secondo delle qualificazioni debbanoincontrarsi soltanto in finale.UOMINI64,1,33,32 17,49,16,48 40,25,57,8 41,24,56,9 29,4,36,6145,20,13,52 28,37,5,60 44,21,12,53 34,31,63,247,18,50,15 39,26,7,58 10,55,23,42 30,35,62,3 19,46,51,1438,27,6,59 43,22,11,5432,1,17,16 25,8,24,9 29,4,20,13 28,5,21,12 31,2,18,15 26,7,23,1030,3,19,14 27,6,22,11DONNE1,16,8,9 4,13,5,12 2,15,7,10 3,14,6,11,5,4,8 2,7,3,612.7 E’ prevista una sola manche per ogni abbinamento. Il terzo e ilquarto di ogni scontro diretto vengono eliminati. Il primo e ilsecondo sono qualificati per la fase successiva.12.8 Oltre alla finale, una piccola finale opporrà i quattro perdenti dellesemifinali per l’attribuzione delle posizioni dalla 5^ all’ 8^.12.9 I Concorrenti che terminano oltre l’ 8^ posizione vengono classificatisecondo la manche completata e quindi in base al tempodi qualificazione.12.10 I Corridori di ciascuna griglia, sceglieranno la corsia di partenzain funzione del loro tempo di qualificazione. Il Concorrentecon il miglior tempo sceglierà per primo.12.11 I Corridori devono obbligatoriamente superare le porte senza inforcarle,cioè entrambe le ruote della bicicletta devono passareesternamente a ciascuna porta. I Commissari di porta, piazzatilungo il percorso, verificheranno la correttezza del passaggio. Unaporta saltata (se il Concorrente non avrà l’accortezza di tornareindietro per superarla correttamente), comporta la squalifica.12.12 Se i quattro Concorrenti cadono e/o non tagliano la linea d’arrivonelle eliminatorie, l’ordine d’arrivo sarà stabilito in funzionedi chi avrà compiuto il tratto maggiore di percorso.12.13 PROGRAMMA GARA:Il programma deve prevedere indicativamente la seguente tempistica:Dalle 9.00 alle 11.00 Verifica tessereDalle 9.00 alle 14.00 Allenamento controllatoOre 16.00Manche di QualificazioneOre 18.00Riunione Team ManagerOre 21.00Gara12.14 CLASSIFICHE E PREMIAZIONI:Devono essere redatte le Classifiche Assolute Agonisti m/f,Amatori m/f e Giovanili m/f.Dovranno essere premiati con Montepremi (se previsto) e premiin natura:I primi 3 Atleti della Classifica Assoluta Categorie AgonisticheMaschili.Le prime 3 Atlete della Classifica Assoluta Categorie AgonisticheFemminili.I primi 3 Atleti della Classifica Assoluta Categorie AmatorialiMaschili.Le prime 3 Atlete della Classifica Assoluta Categorie AmatorialiFemminili.I primi 3 Atleti della Classifica Assoluta Categorie GiovaniliMaschili.Le prime 3 Atlete della Classifica Assoluta Categorie GiovaniliFemminili.il Mondo del Ciclismo n.40XIX


F.C.I. NORME MTB 201012.15 CAMPIONATI ITALIANI 4X12.15.1 La partecipazione è aperta a tutti i tesserati F.C.I. di NazionalitàItaliana, con Codice UCI che inizia con la sigla ITA.Non è ammessa la partecipazione di atleti stranieri.Non è ammessa la partecipazione dei tesserati agli enti di promozione.12.15.2 Sarà assegnato il titolo di Campione Italiano 4X con rispettivamaglia alle categorie:Agonistica Maschile, Agonistica Femminile, Amatoriale Maschile,Amatoriale Femminile,Giovanile Maschile e Giovanile Femminile.12.15.3 Dovranno essere premiati i primi 3 Atleti di ogni Categoria previstacon montepremi (se previsto), medaglie e coppe.13 CATEGORIEMARATHON DOWNHILL ( MD )13.1 All’attività Marathon Downhill sono ammesse le categorie:Agonistiche Femminili, Agonistiche Maschili, Amatoriali Femminili,Amatoriali Maschili, Giovanili Femminile e Maschile apartire dai 15 anni ( Allievi ).E’ ammessa la partecipazioni dei Tesserati agli Enti di Promozione.13.5 PUNTEGGIO E ORDINE DI PARTENZA13.5.1 Le griglie di partenza, per la Discesa di Qualificazione, sarannodisposte in base ai Ranking Internazionale, a seguire il RankingTop Class Downhill.Gli atleti appartenenti ad Enti di Promozione saranno inseriti nellegriglie di partenza dopo i corridori con tessera UCI ed FCI.13.5.2 Nelle griglie di partenza della discesa di Qualificazione, la primariga sarà formata dagli atleti con il punteggio Uci a seguirequello top class downhill, più alto.13.5.3 Ogni griglia di partenza sarà formata da un massimo di 200corridori, ogni riga da un massimo di 20 corridori.13.5.4 L’intervallo di partenza fra una griglia e l’altra sarà di 30 minuti.13.5.5 Le griglie di partenza delle due manches di Gara verranno dispostein base all’ordine d’arrivo della discesa di Qualificazione.13.5.6 Gli Atleti che per un qualsiasi motivo non riescano a raggiungereil traguardo nella Discesa di Qualificazione, potranno comunqueprendere parte alla gara ma verranno inseriti nell’ultimariga dell’ultima batteria.13.5.7 Le batterie delle Categorie Femminili partiranno, sia nellaManche di Qualificazione che nelle Manches di Gara, dopo tuttele batterie delle Categorie Maschili.13.5.8 Le Griglie di Partenza delle Prima e della Seconda Manches diGara saranno le stesse.13.5.9 Sarà considerato vincitore l’Atleta che otterrà il punteggio maggiorecon la somma dei punti delle due Manches di Gara. Sedue atleti concludessero la Gara a pari punti verrà consideratovincitore l’atleta che ha ottenuto il punteggio maggiore nellaseconda manche.13.5.10 Il Punteggio che verrà assegnato in entrambe le Manches digara sarà il seguente:1° 252 punti2° 222 punti3° 202 punti4° 192 punti5° 184 punti6° 178 punti7° 174 puntiDall’8° al 35° scarto di 2 punti.Dall’36° in poi scarto di un punto.il Mondo del Ciclismo n.40XX13.2 Le gare dovranno essere disputate su due giorni.13.3 CLASSIFICHE E PREMIAZIONI:Devono essere redatte due classifiche assolute, una per le categorieagonistiche e una per le categorie amatoriali, dalle qualiverranno estrapolate le classifiche di categoria:Open Maschile, Open Femminile, Junior, Allievi m/f, DonnaAmatore , Master Sport , Master 1-2, Master 3-4-5-6.Dovranno essere premiati con montepremi (se previsto) e premiin natura almeno i primi 5 atleti delle Classifiche Assolute ealmeno i primi 3 Atleti delle Classifiche di Categoria.13.4 PROGRAMMA GARA:Il programma deve prevedere indicativamente la seguente tempistica:Prima giornataDalle 8.00 alle 10.00 Verifica tessereDalle 8.00 alle 14.00 Allenamento controllatoOre 16.00Ore 18.30Manche di QualificazioneRiunione Team Manager e ritironumeri/lettere garaSeconda giornataOre 10.001°mancheOre 14.002° mancheGli orari degli allenamenti controllati, della discesa di qualificazionee della manche di gara potranno variare a discrezione dell’organizzazionee in base al numero degli atleti partecipanti.ENDURO (ED)14 DEFINIZIONELa disciplina Enduro è una specialità che abbina le capacità tecnichee fisiche della downhill e del crosscountry.Il percorso di una gara di Enduro deve essere prevalentementesterrato e può presentare tratti stretti ed esposti, rocce, guadi,salite e discese ripide.La gara si articola in più Prove Speciali ( P.S. ), da un minimo ditre ad un massimo di cinque.Le P.S. dovranno essere articolate su percorsi prevalentementein discesa, caratterizzate da tratti pedalati in salita non superiorial 20% del loro sviluppo totale.La classifica di gara verrà ricavata dalla somma dei tempi dipercorrenza del concorrente nelle P.S. sommati agli anticipi oritardi al Controllo Orario ( C.O. ).I trasferimenti da una P.S. all’altra non saranno cronometrati,tuttavia saranno fissati tempi imposti, in base alla lunghezza edifficoltà della gara, entro i quali ogni concorrente dovrà transitare;inoltre verrà imposto un tempo massimo di ritardo di 30minuti, trascorsi i quali il concorrente sarà automaticamenteescluso dalla gara.Potranno essere predisposti, dagli organizzatori, trasferimenticon mezzi di risalita meccanici.Nelle Gare di Enduro con più di tre P.S. verrà predisposto unriordino di tutti i concorrenti al termine della 3° P.S.14.1 CATEGORIEAll’attività Enduro possono partecipare tutti i tesserati F.C.I.,sia delle categorie agonistiche che amatoriali ed i tesserati aglienti di promozione.14.2 CLASSIFICHE E PREMIAZIONI:Devono essere redatte due classifiche assolute, una per le categorieagonistiche e una per le categorie amatoriali, dalle qualiverranno estrapolate le classifiche di categoria:Open Maschile, Open Femminile, Junior, Allievi, Esordienti,Giovanile Femminile.Donna Amatore, Master Sport, Master Junior( attività solo re-


F.C.I. NORME MTB 2010gionale), Master 1-2, Master 3-4-5-6.Dovranno essere premiati con montepremi (se previsto) e premiin natura almeno i primi 5 atleti delle Classifiche Assolute ealmeno i primi 3 Atleti delle Classifiche di Categoria.14.3 MODALITA’ D’ISCRIZIONE:Le iscrizioni devono pervenire all’organizzazione , tramite lasocietà d’appartenenza dell’atleta, entro i due giorni prima dellagara, tramite il Sistema Informatico Federale.Il pagamento delle quote di iscrizione sarà effettuato, all’organizzatore,il giorno stesso della gara da un Responsabile della Società,che provvederà personalmente al ritiro delle tabelle numeriche14.4 MOUNTAIN BIKE AMMESSEPotranno essere utilizzate biciclette mountain-bike di qualsiasitipo.Sono ammesse biciclette mountain-bike con ruote da 29”.Le estremità del manubrio devono essere protette da tappi.Le biciclette dovranno essere in perfetto stato di manutenzioneed efficienza, la Giuria si riserverà la decisione di escludere dallacompetizione i concorrenti che non rispetteranno tale norma.Sarà assolutamente vietato sostituire la bicicletta e/o le ruotedurante tutta la durata della competizione. Ad ogni Atleta verrannofornite, dall’organizzazione, tre contromarche adesiveche dovranno essere applicate al telaio e alle ruote; al terminedella competizione l’organizzatore verificherà la presenza dellecontromarche e i concorrenti che non avranno tutte le contromarcheregolarmente posizionate o che non si presenterannoalla verifica saranno squalificati dalla competizione.14.5 PROGRAMMA GARA:Il programma deve prevedere indicativamente la seguente tempistica:1° Giornodalle ore 16.00 alle 18.00 Verifica Licenzedalle ore 9.00 alle ore 18.00 Prove libere non assistite2° Giornodalle ore 8.00 alle ore 9.00 Verifica Licenzeore 10.00Riunione Tecnicaore 10.30Partenza Gara14.6 ATTRIBUZIONE NUMERI GARA E ORDINE PARTENZAIn ogni gara i primi 25 numeri saranno attribuiti alle Teste diSerie dei Ranking top class Downhill.Quelli seguenti saranno consecutivi e l’assegnazione avverrà inbase all’ordine d’iscrizione.L’ordine di partenza sarà stabilito in base ai numeri assegnati,dal pettorale più basso a quello più alto.14.7 La partenza del primo trasferimento è data per gruppi di 1, 2, 3o 4 concorrenti, ogni 15, 20 o 30 secondi, a discrezione deicommissari di gara e del numero di iscritti.La partenza delle prove speciali sarà in base al numero dorsaleassegnato ad ogni Atleta, dal più basso al più alto e sarà dataogni 30 secondi.15 DISPOSIZIONI GENERALI (DOWNHILL – MARATHONDOWNHILL – FOURCROSS – ENDURO)15.1 Il cronometraggio della gara dovrà essere effettuato da cronometristiufficiali, al centesimo di secondo.15.2 La partenza di ogni concorrente dovrà avvenire, sotto controllodel Giudice di partenza e concordata con i cronometristi ufficiali.15.3 I cronometristi devono segnalare all’atleta i 10 secondi mancantialla partenza e scandire oralmente, o con apposito segnaleacustico/visivo, gli ultimi 5 secondi.15.4 Nelle gare Nazionali Downhill l’ultima ora degli allenamenticontrollati, sarà dedicata ai 30 migliori atleti delle CategorieAgonistiche Maschile, alle 5 migliori atlete delle CategorieAgonistiche Femminili e ai 20 migliori atleti delle CategorieAmatoriali Maschili; gli atleti senza diritto, che verranno trovatia girare sul percorso con la bicicletta, non prenderanno partealla manifestazione.15.5 Nelle Gare Internazionali Downhill, con abbinata Nazionale,l’ultima ora degli allenamenti controllati, sarà dedicata ai 30 miglioriatleti delle Categorie Agonistiche Maschile, alle 5 miglioriatlete delle Categorie Agonistiche Femminili, ai 20 miglioriatleti delle Categorie Amatoriali Maschili e ai primi 10 miglioriAtleti delle Categorie Giovanili Maschili.; gli atleti senza diritto,che verranno trovati a girare sul percorso con la bicicletta, nonprenderanno parte alla manifestazione.15.6 Ai Campionati Nazionali l’ultima ora degli allenamenti controllati,sarà dedicata ai primi 5 migliori Atleti di ogni categoria acui verrà assegnata la maglia di Campione Nazionale.15.7 Nelle Gare Nazionali e Internazionali Downhill, il tempo utileche ogni Atleta ha per terminare la manche di classificazione edessere inserito nell’ordine di partenza della manche di gara, è di20 minuti.15.8 Nelle gare Nazionali e Internazionali Downhill, gli Atleti cherientrano nella fascia protetta dei top 30 Agonisti maschili e letop 5 Agoniste femminili, saranno inseriti ugualmente nell’ordinedi partenza della manche di Gara anche se non fanno registrareun tempo utile nella manche di classificazione e verrannoposizionati come primi atleti partenti delle loro rispettive categorie.15.9 Nelle Gare Regionali Downhill la classifica finale viene stilatatenendo conto del tempo migliore registrato dal concorrente inuna delle 2 manches. La Giuria ufficializzerà i risultati delle dueManches.Nelle Gare Nazionali e Internazionali Downhill per essere classificati,i concorrenti dovranno far registrare un tempo validonella Manche di Gara, ai fini della classifica il tempo delle Discesadi Classificazione non sarà tenuto valido.La Giuria ufficializzerà i risultati della Discesa di Classificazionee della Manche di gara.15.10 Nelle Gare di Downhill, sarà escluso dalla partenza, il concorrenteche si presente in ritardo rispetto all’orario previsto.15.11 Nelle Gare di Downhill, sono obbligatorie, da parte di tutti gliatleti iscritti alla gara, almeno due discese, in bicicletta, del percorsodurante lo svolgimento delle prove controllate, pena lasqualifica.15.12 Nelle Gare di Downhill, Fourcross e Marathon Downhill, durantele prove libere assistite e durante l’allenamento controllato,gli atleti devono obbligatoriamente girare sul percorso digara con la tabella numerica ( numero gara ) applicata alla bicicletta;l’assenza, la modifica o il posizionamento irregolare dellatabella numerica, comporterà una sanzione ( euro 50,00 perle categorie agonistiche, euro 30,00 per le categorie amatoriali egiovanili).15.13 Nelle Gare Nazionali ed Internazionali di Downhill, in caso dicondizioni atmosferiche difficili, il Presidente del Collegio deiCommissari potrà decidere di annullare la prova, dopo averconsultato il Delegato Tecnico o, in mancanza, l’organizzatore.In caso di annullamento della gara potrà essere tenuta valida laprova cronometrata di classificazione.il Mondo del Ciclismo n.40XXI


F.C.I. NORME MTB 201015.14 Nelle Gare Nazionali ed Internazionali di Downhill, Fourcross,Marathon Downhill ed Enduro, alla Riunione Tecnica che sisvolge il giorno prima della gara, tutte le Società con Atleti regolarmenteiscritti, sono obbligate ad inviare un proprio rappresentante.L’assenza comporterà una sanzione ( euro 30,00 ).15.15 Nelle Gare di Enduro, se il concorrente percorre il trasferimento(non cronometrato) in un tempo inferiore a quello assegnato,giungendo in anticipo sul proprio orario di partenza di unaqualsiasi P.S., deve attendere prima della linea di partenza sinoall’orario indicato sulla propria tabella oraria.15.16 Nelle Gare di Enduro, al concorrente che anticiperà la partenza,rispetto al proprio orario, sarà calcolato tale anticipo sommandoloal tempo di percorrenza della P.S.Al contrario, il ritardatario rispetto al proprio orario di partenzapotrà partire per la PS utilizzando un’apposita corsia di “start” immediatamente,previo il consenso del Commissario di gara, e il suotempo di percorrenza della P.S. sarà calcolato a partire dall’orario“teorico” indicato sulla propria tabella oraria. All’inizio di tutte leP.S. deve essere predisposta una corsia riservata ai ritardatari chedevono entrare nella stessa esclusivamente da quell’accesso.15.17 Nelle Gare di Enduro, la linea di partenza coincide con la lineadi arrivo, e tutti i concorrenti saranno classificati al passaggiosulla linea di partenza/arrivo.15.18 Nelle Gare di Enduro, perché una gara sia convalidata è indispensabileche almeno il 50% delle prove speciali siano valide edeffettuate da tutti i concorrenti.16.3 I Corridori che si allenano sul percorso di gara in periodi diversida quelli stabiliti dal programma ufficiale e dall’Organizzatore,saranno squalificati dalla gara.16.4 Se per un qualsiasi motivo un Corridore sia costretto a fermarsisul percorso durante le prove ufficiali, dovrà immediatamentespostarsi dall’interno di esso e posizionarsi in modo da nonintralciare la discesa degli altri Corridori.16.5 È vietato apportare modifiche al percorso, predisposto dagliorganizzatori e visionato da un Tecnico Federale, da parte deiconcorrenti. Gli atleti che non rispetteranno tale norma sarannoesclusi dalla gara.16.6 Nelle Gare di Enduro, i Concorrenti devono rispettare il regolamentodella manifestazione e il codice della strada, in particolareper i tratti di percorso non interdetti al traffico.16.7 Nelle Gare di Enduro, è vietato farsi trasportare, spingere o tirareda veicoli a motore.16.8 Nelle Gare di Enduro, ogni concorrente deve essere, durante lagara, completamente autosufficiente provvedendo da se anchea eventuali riparazioni e/o sostituzioni di componenti del propriomezzo (esempio, cambio camera d’aria).16.9 I Concorrenti che vedono la bandiera rossa agitata durante lagara, dovranno arrestarsi immediatamente. Il Corridore che èstato fermato, appena è possibile, dovrà proseguire il suo tragittoe raggiungere il traguardo per chiedere l’autorizzazione, alCommissario d’arrivo, per una nuova partenza.il Mondo del Ciclismo n.40XXII15.19 Nelle Gare di Enduro, le P.S. devono necessariamente esserechiuse al traffico.15.20 VESTIARIO E ACCESSORI DI PROTEZIONE:Come da Regolamento Tecnico UCI ( Art. 4.3.012 – 4.3.013 ).In analogia al Regolamento Tecnico UCI, nello specifico gli Art.1.3.001 – 1.3.002 – 1.3.003, tale norma vale anche per la F.C.I.,la quale la recepisce totalmente anche per le Gare Nazionali eRegionali.15.21 QUOTE D’ISCRIZIONE ( DH – 4X – MD – ED )GARE PROMOZIONALIQuota di iscrizione massima – euro 5GARE REGIONALIQuota di iscrizione massima – euro 10GARE NAZIONALIQuota di iscrizione massima – euro 20GARE INTERNAZIONALI/CAMPIONATI ITALIANIQuota di iscrizione massima – euro 25Le categorie Agonistiche sono esenti dal versamento della tassa diiscrizione. A tale riguardo non sono ammesse deroghe regionali.IMPIANTI DI RISALITAIl costo degli impianti di risalita deve essere obbligatoriamenteindicata nel programma gara, con un massimo di 20 euro peratleta.16 COMPORTAMENTO CORRIDORI16.1 I Corridori dovranno dare prova di sportività in ogni occasionee lasceranno il passo ai Concorrenti più veloci senza ostacolarneil sorpasso.16.2 Se per un qualsiasi motivo un concorrente dovesse uscire dalpercorso di gara, egli dovrà rientrarvi nello stesso punto precisoda cui è uscito, pena la squalifica dalla gara.16.10 Ai Campionati Nazionali, gli Atleti premiati, si dovranno presentarealla cerimonia Protocollare in tenuta da corsa, con la loromaglia sociale, senza casco, fascette od occhiali e capellini, questofino al momento nel quale abbandoneranno l’area previstaper la premiazione. ( analogia Art. 9.1.046 Regolamento UCI ).17 PERCORSO DOWNHILL E MARATHON DOWNHILLPREMESSAPer qualificare un percorso e destinarlo ad una gara Internazionale,Nazionale o Regionale, verrà effettuato preventivamenteun sopraluogo da un Tecnico Federale, che ne valuterà il gradodi difficoltà e deciderà in merito. Sarà redatto un rapportoscritto e ufficiale in cui il Tecnico Federale darà la sua approvazionee il suo giudizio e nel quale inserirà le dovute modifiche,se necessarie, da apportare al tracciato.Il percorso in assetto da gara dovrà essere pronto per il sopraluogodefinitivo il giorno precedente la manifestazione e dovrà essereinterdetto, per l’intero giorno, a tutti gli Atleti in bicicletta.Gli Atleti che saranno trovati a girare sul percorso di gara, insella alla bicicletta, il giorno prima delle prove ufficiali, sarannosanzionati ( euro 50,00 ) ed esclusi dalla gara.La sera prima della manifestazione il percorso dovrà essere interamentefettucciato e messo in sicurezza e non dovrà subirenessuna variazione dalla giornata di prove ufficiali alla giornatadi gara, salvo specifica autorizzazione dei Commissari di Garao del Delegato Tecnico.17.1 Per questa disciplina è indispensabile l’esistenza in prossimitàdel percorso di un impianto di risalita (seggiovia, cabinovia, funivia) attrezzato per il trasporto di biciclette o di una stradaadiacente al percorso percorribile da automezzi adatti al trasportodi biciclette e corridori.17.2 Il percorso di Downhill deve essere caratterizzato prevalentementeda tratti di fuori strada (campi, boschi, sentieri sterrati oerbosi, tratti rocciosi), ed essere interamente in discesa.


F.C.I. NORME MTB 201017.3 La lunghezza di un percorso di Downhill dovrà essere fra 1,5km e 3,5 km. ( da un minimo di 2 minuti ad un massimo di 5minuti ).17.4 Il percorso di Marathon Downhill deve essere caratterizzatoprevalentemente da tratti di fuori strada (campi, boschi, sentieristerrati o erbosi, tratti rocciosi), ed può presentare tratti insalita.17.5 La lunghezza di un percorso di Marathon Downhill, dovrà essereda un minimo 5 km ad un massimo di 20 km.17.6 La larghezza della zona di partenza e arrivo, in una gara diDownhill, dovrà essere minimo di 2 m. e 6 m. rispettivamente.Una zona di decelerazione supplementare dovrà essere previstasubito dopo la linea d’arrivo, tale zona dovrà essere priva diogni tipo di ostacolo.La larghezza della zona partenza, nelle gare di MarathonDownhill, dovrà essere minimo 20 metri.17.7 Il percorso potrà presentare sezioni diverse: sezioni strette, sezionilarghe, sentieri nei boschi, parti campestri e parti rocciose,potranno prevedersi anche sezioni tecniche più o meno veloci.17.8 Sono consentiti tratti di percorso su strade pavimentate o asfaltatenon superiore al 5% del totale del percorso.17.9 Il percorso può presentare salti naturali o /e artificiali.17.10 Nelle Gare Regionali Downhill e nelle Gara Marathon Downhillsia nazionali che Regionali, nei tratti tecnici e nei salti dovrà esserepresente una variante del percorso in maniera da permettere atutti i corridori, anche agli atleti meno esperti, di concludere l’interopercorso in sella alla bicicletta, nelle gare Nazionali e InternazionaliDownhill non sarà obbligatoria la variante.17.11 Le zone del percorso ove siano presenti muri, sassi, o tronchid’albero dovranno essere adeguatamente segnalate e se necessarioprotette con appropriati rivestimenti ( materassi, gommapiuma…),nel caso in cui sassi, radici o rocce siano troppo sporgenti,le relative superfici dovranno essere spruzzate di vernicespray biodegradabile, in maniera da essere visibili da tutti i corridori,anche se procedono a velocità sostenuta.17.12 Nelle zone a rischio ( bordi di burroni..) dovranno essere posizionatereti di protezione. Le superfici delle pavimentazioni diponti e rampe dovranno essere adeguatamente rivestite da materialeantisdrucciolevole.18 PERCORSO FOUR-CROSS (4X)PREMESSAPer qualificare un percorso e destinarlo ad una gara Internazionale,Nazionale o Regionale, verrà effettuato un sopraluogo daiTecnici del Settore Abilità, che ne valuteranno la difficoltà edecideranno in merito. Sarà redatto un rapporto scritto e ufficialein cui il Tecnico Federale darà la sua approvazione e il suogiudizio e nel quale inserirà le dovute modifiche, se necessarie,da apportare al tracciato.18.1 Occorrono idealmente dei percorsi posti su chine moderate, lacui inclinazione sia progressiva. Il percorso deve comprendereun insieme un insieme di salti, di gobbe, di curve a rilievo ( paraboliche), cunette, tavole naturali e altri passaggi speciali. Possonoessere previste curve in piano, non potranno invece presentarsitratti in salita nei quali sia necessario pedalare. Il percorsodovrà essere sufficientemente largo per consentire ai quattroConcorrenti di posizionarsi fianco a fianco e di sorpassarsi.18.2 La durata della prova dovrà essere contenuta tra i 30 e i 45 secondi.18.3 I primi 10 metri del percorso, dovranno essere liberi da qualsiasiostacolo. Su questo tratto, debbono essere tracciate in terrastrisce bianche ( con nastro adesivo, vernice biodegradabile ofarina ) che formino 4 corridoi. Il Concorrente che taglierà opasserà sopra la linea bianca, sarà squalificato.18.4 Il primo tratto rettilineo dovrà avere una lunghezza minima di30 metri.18.5 Le porte sul percorso dovranno essere costituite da picchettinon metallici, sia in bambù che in PVC ( picchetti da slalom ),d’altezza compresa tra 1,5 e 2 metri.18.6 L’ultima porta del percorso deve essere situata almeno a 10 metridalla linea d’arrivo.18.7 L’Organizzatore deve predisporre una piattaforma rialzata chepermetta al Commissario responsabile del 4X e al DelegatoTecnico, di avere la visione integrale del percorso senza ostacoli.Tale piattaforma dovrà essere situata in una zona non accessibileal pubblico.18.8 Per la partenza degli Atleti dovrà essere predisposto con uncancelletto automatico.19 ASSEGNAZIONE DI GARE NAZIONALI DOWNHILL,MARATHON DOWNHILL, ENDURO E CAMPIONATIITALIANI DOWNHILL E FOURCROSSPREMESSALa Commissione del Settore Downhill ha l’onere e l’incarico diassegnare le GareNazionali.La Commissione del Settore Downhill si riserva di decidere inmerito alle date delle Gare nazionali e Internazionali da inserirenel Calendario Ufficiale.19.1 Le società interessate ad organizzare una gara Nazionale dovrannofare richiesta al Settore Fuoristrada - CommissioneAbilità nei termini e modalità stabiliti da comunicato ufficialepubblicato.19.2 I criteri che verranno presi in considerazione per l’assegnazionedelle gare tenderanno a valutare due principali aspetti:- Capacità e possibilità organizzative del richiedente- Caratteristiche tecniche e logistiche del circuito o percorsoproposto.19.3 Nel caso la richiesta avesse esito positivo per lo svolgimento diuna gara Nazionale, la Società organizzatrice dovrà provvedereimmediatamente al pagamento del deposito cauzionale dellatassa d’iscrizione, per l’inserimento nel Calendario Nazionaledi specialità.19.4 I requisiti minimi per l’assegnazione di una gara Nazionale oInternazionale sono i seguenti:- La società organizzatrice dovrà avere nel proprio curriculumesperienza di organizzazione di gare Regionali e/o Promozionaliper la richiesta di una gara Nazionale ed esperienza diorganizzazione di gare Nazionali per la richiesta di gare Internazionali.- I servizi minimi richiesti sono: lavaggio bici, servizi igienici,parcheggio per camper e roulotte, area per la accoglienzadelle squadre, alberghi convenzionati per la gara.- Sarà necessario, uno spazio coperto per le procedure di verificatessere, e la compilazione di ordine di partenza, classifi-il Mondo del Ciclismo n.40XXIII


F.C.I. NORME MTB 2010il Mondo del Ciclismo n.40XXIVche gara ecc.; una struttura coperta ed adeguata per lo svolgimentodella riunione con i Team Manager; un locale daadibire a segreteria con fotocopiatrice, computer e connessionead internet; un tabellone espositivo per affiggere comunicatiordini di partenza e classifiche; uno spazio adeguatoper ospitare un eventuale controllo antidoping; palco eretropalco adeguati allo svolgimento della Cerimonia di Premiazione.19.5 CAMPIONATI ITALIANIL’assegnazione dei Campionati Italiani, di tutti i settori vengonoassegnati tramite bando. Le società interessate all’organizzazionedei Campionati Italiani nella loro specialità dovrannofare richiesta alla Struttura Tecnica nei termini e nelle modalitàspecificate nel bando ufficiale pubblicato sugli organi ufficialiFCI.Per poter richiedere l’organizzazione dei Campionati Italiani, lesocietà interessate dovranno avere gli stessi requisiti necessariper organizzare una gara Nazionale ed una provata esperienzaorganizzativa a livello nazionale.20. OBBLIGHI ORGANIZZATIVIPREMESSAOgni mancanza organizzativa potrà essere sanzionata dal Collegiodi Giuria e dalla Federazione Ciclistica Italiana, secondo letabelle del regolamento tecnico dell’anno in corso.20.1 Le Società desiderano organizzare una gara Nazionale o Internazionaledovranno avere il benestare di un tecnico Federale,che si recherà sul luogo per visionare il percorso e la logistica estilare un dettagliato rapporto.20.2 Avuto il consenso dal Tecnico Federale, l’Organizzatore dovràfare richiesta ufficiale alla Struttura Tecnica e provvedere al pagamentocauzionale per la messa in calendario.La richiesta dovrà essere fatta su carta intestata, dal Presidentedella Società, che richiede la gara indicando: dati della Società– località e data in cui desidera organizzare la gara.La data della gara sarà decisa in accordo con il Tecnico Federaleprima della richiesta ufficiale.40 giorni prima della gara, l’organizzatore dovrà provvedere acompilare il programma gara ufficiale e a versare il totale delletasse da pagare ed ad inviare il tutto tramite fax o e-mail allaStruttura tecnica.20.3 L’Organizzatore dovrà provvedere al vitto ed alloggio dei Giudici,se presenti dei medici per il controllo antidoping, per tuttoil periodo della manifestazione e del Delegato Tecnico che arriveràil giorno prima delle giornate ufficiali di gara per il sopralluogodel percorso e della logistica.20.4 L’organizzatore dovrà provvedere a trovare personalmente iCronometristi, i quali dovranno far parte della FederazioneCronometristi Italiani, che saranno ospitati dall’Organizzatoreper l’intera durata della manifestazione.I Cronometristi dovranno essere presente in loco il giorno primala giornata ufficiale di Gara.L’organizzatore dovrà obbligatoriamente provvedere a far passareun cavo elettrico di collegamento fra la partenza e l’arrivo,che verrà utilizzato dai Cronometristi.L’organizzatore dovrà assicurarsi personalmente che i Cronometristisiano competenti e che siano attrezzati per poter gestireal meglio il cronometraggio e le classifiche che dovranno esserestilate nel minor tempo possibile in formato excel e pdf.20.5 L’Organizzatore dovrà mettere a disposizione dei Giudici e delDelegato Tecnico un ufficio privato con computer, connessionead internet, stampante laser e fotocopiatrice ed un incaricatoche rimarrà a loro disposizione per la gestione della segreteria.Dovrà essere messo a disposizione dei Giudici, uno spazio copertocon tabellone per l’affissione dei comunicati ufficiali di gara.L’organizzatore dovrà mettere a disposizione una sala per la verificatessere con tavolo e sedie per i Giudici ed una sala peraccogliere le società durante la riunione tecnica.Dovrà inoltre mettere a disposizione dei locali per il controlloantidoping, i quali dovranno essere non accessibili se non dalpersonale incaricato, dovranno essere divisi in due zone separate( maschili e femminili ) con in entrambe un bagno, un antibagnoe uno spazio per far attendere gli Atleti e dotati di tavolie sedie per i medici e gli atleti ed un lettino per un eventualecontrollo ematico.20.6 Sarà obbligo dell’Organizzatore fornire i nomi dei responsabilidi Società addetti al percorso, alla sicurezza, alla segreteria aiquali i Giudici faranno riferimento durante le giornate di gara.20.7 L’Organizzatore dovrà predisporre, alla partenza e all’arrivo,un’area adeguata e coperta per cronometristi e giudici.Sarà obbligo avere in partenza un gazebo 3x3 e all’arrivo 6x3dotati di pareti, con tavoli, sedie, un orologio.Dovrà essere predisposto in partenza un corridoi per incanalaregli Atleti ed un appoggio per facilitarne la partenza.20.8 L’Organizzatore dovrà provvedere a sistemare cartelli di segnalazionedelle varie zone adibite a particolari mansioni ( es. verificalicenze, controllo antidoping, riunione tecnica etc.).20.9 Sarà obbligo dell’organizzatore preparare la lista degli iscritti (alfabetico e numerico ) da consegnare ai Giudici e l’ordine dipartenza da consegnare ai Cronometristi.20.10 Sarà obbligo dell’Organizzatore fornire ai Giudici e al DelegatoTecnico delle radio in numero sufficiente, che prevedano uncanale riservato, per comunicare fra di loro, con l’organizzazionee il personale di sicurezza.20.11 L’Organizzatore dovrà assicurare la presenza, per l’intera duratadella manifestazione, di 2 ambulanze, obbligatoriamente unadi tipo A e una di tipo A1 dotate di personale qualificato e certificatoper le emergenze, due medici e di personale di salvataggio( protezione civile o soccorso alpino ) attrezzato con mezzidi soccorso per il recupero dei feriti lungo il tracciato.L’Organizzatore dovrà assicurarsi che sia allertato il prontosoccorso più vicino e che sia disponibile il recupero dei feriticon elisoccorso. Dovrà inoltre provvedere, sin dalle prove libereassistite, ad assicurare un’adeguata presenza di segnalatori(Marshall), dotati di radio, fischietto, bandierine gialle e rosse,di un gilet colorato e di materiale per scrivere. Verrà fornito all’Organizzatore,dal Delegato Tecnico, un documento che dovràessere consegnato a tutti i Marshall dove viene spiegato ilruolo e le mansioni che avranno. I Marshall dovranno esserepresenti sul percorso per l’intera durata della manifestazione.L’Organizzatore dovrà mettere a disposizione del DelegatoTecnico, dei Giudici e del personale di soccorso una mappa dettagliatadel percorso dove sono indicate tutte le postazioni deiMarshall.Prima delle prove e della gara verrà organizzata una riunionecon tutti i Marshall, alla quale saranno presenti il Presidente diGiuria, il Delegato Tecnico, il responsabile della sicurezza, verràfatto l’appello e controllato che tutti i Marshall siano a conoscenzadel loro ruolo.I Marshall non dovranno avere meno di 16 anni.20.12 L’Organizzatore dovrà prevedere 2 apri-pista e 1 chiudi-pistapronti a percorrere il percorso di gara, secondo le indicazioni


F.C.I. NORME MTB 2010del Presidente di Giuria, prima e dopo la discesa di Classificazionee la manche di Gara.20.13 L’Organizzatore dovrà provvedere a fornire i numeri di gara daapplicare sulle bici degli Atleti e i numeri dorsali da applicaredietro la schiena degli stessi ( + spille e fascette ).20.14 Dovrà provvedere ad avere uno speaker competente per la gara( nelle prove Internazionali lo speaker dovrà conoscere almenouna delle lingue ufficiali UCI ) e la premiazione e un servizio dimusica all’arrivo.20.15 L’organizzatore dovrà fornire un pass gratuito per l’impianto dirisalita, da consegnare al Direttore Sportivo o al meccanico, dautilizzare nella giornata di gara.NORME ATTUATIVE BIKETRIAL 20101° CAPITOLO INTRODUZIONE1. COMMENTI GENERALI1.01 Le competizioni di Biketrial si svolgono all’aperto, nel totalerispetto per l’ambiente naturale, o in luoghi chiusi, competizioniindoor.1.02 Organizzatori e/o concorrenti devono attenersi per quantonon citato nelle presenti normative della disciplina alle vigentinorme FCI e UCI.2 TIPI DI GARE1.03 Il Biketrial riconosce i seguenti tipi di gare:1.04 GARE INDIVIDUALI20” ( Biketrial)26” (MTBtrial)I punti F.C.I. di ogni rider stabiliscono il ranking nazionale.2° CAPITOLO REGOLEDELLA COMPETIZIONE2.01 DEFINIZIONEIl Biketrial è una competizione, in un circuito definito, checomprende zone supervisionate (SEZIONI) che devono esseresuperate con un minimo di penalità.La durata totale della gara, necessaria per superare tutti gliostacoli, viene decisa in precedenza2 SEZIONI2.02 Gli organizzatori devono, in base ad ogni categoria della competizione,dare un numero prestabilito di sezioni2.03 Il numero minimo di sezioni per ogni competizione nazionale:CAMPIONATO ITALIANO 16 sezioni (4X4sezioni)ELITE: 16 sezioni.JUNIOR: 16 sezioni.DONNE: 9 sezioni (3x3)ALLIEVI: 16 sezioniESORDIENTI:12 sezioni (4x3)MASTER: 16 sezioniGIOVANISSIMI: 9 sezioni. (3x3)Le zone sono le stesse con percorso differente a seconda dellacategoria.In ogni categoria sono ammessi al massimo 2 sezioni artificiali(con esclusione delle competizioni indoor.)Una sezione è considerata artificiale se tutti i materiali utilizzatisono artificiali.Sezioni con elementi naturali e artificiali non sono consideratesez. artificiali.2.04 Le sezioni presentano diverse difficoltà. Ogni sezione deve includereun massimo di 3 principali difficoltà (ostacoli) che possonoessere sia artificiali che naturali, per esempio: pietre, acqua,sabbia, gradini, pendii, tronchi di albero, tubazioni dicalcestruzzo2.05 E’ seriamente raccomandato che ogni parte del tracciato siacontrassegnato da frecce e da strisce, da 10 a 30 cm a terra.2.06 Ogni sezione deve avere 1 porta di entrata e 1 di uscita, contrassegnatada una linea di inizio e di fine e da pannelli corrispondenti(IN= inizio OUT = fine ). La porta di inizio deveavere contrassegnato il numero della sezione(Zona 1) I pannellidi inizio e fine vengono definiti nella sezione tecnica.2.07 Ogni sezione deve comprendere una zona neutra di tre metri difronte alla linea di inizio, dove deve stare il rider pronto a partire.2.08 La linea di arrivo deve essere a 3 metri dopo l’ultimo ostacoloper evitare penalità.2.09 Entrata ed Uscita devono essere oltrepassate dall’asse della ruotaanteriore.2.10 Le sezioni ufficiali della gara non devono essere affrontate conla bike prima dell’inizio della gara.2.11 In caso di violazione il rider non potrà iniziare la gara.Il tempo massimo per ogni sezione è di 2’30” sebbene la giuriapossa modificare il tempo in base alla difficoltà delle singolesezioni.2.12 Nel scegliere le sezioni si consiglia indicativamente di non superarele seguenti altezze per gli ostacoli in salita:per il Campionato Italianocat. percorso altezza max20” BIANCO 0.6020” VERDE 0,8020” e 26” ROSSO 1.4020” e 26” GIALLO 1.603 CIRCUITO2.15 Le sezioni devono essere sistemate su un circuito di circa 2Km,disposto in modo tale da permettere al pubblico di seguire senzadifficoltà.2.16 Una piantina del circuito deve essere sistemato all’inizio e allafine del circuito per permettere agli atleti di vedere la posizionedelle sezioni.2.17 L’organizzatore dovrà decidere se le sezioni devono essere superateuna di seguito all’altra o a caso.2.18 Le sezioni potrebbero essere modificate dal delegato tecnicotra i 2 round ma soltanto con il consenso del Presidente delCollegio di giuria.il Mondo del Ciclismo n.40XXV


F.C.I. NORME MTB 20104 INIZIO E REGOLE2.19 Prima dell’inizio della gara si deve svolgere un briefing dei rider.La partecipazione al briefing è obbligatoria.2.20 Laddove lo start sia dato a gruppi o a intervalli di tempo i riderdevono rispettare gli orari.2.21 I rider hanno il divieto di modificare la configurazione delle sezioni.2.22 Ad eccezione dei giudici dei delegati tecnici e dei rider, nessunaltro può restare nelle sezione durante la gara2.23 Le sezioni devono essere attraversate a piedi.2.24 Le penalità devono essere segnalate sugli appositi moduli daigiudici e riportati poi sulla check list per ogni sezione.2.25 Le sezioni devono essere segnalate con delle frecce coloratecorrispondenti alla categoria della competizione e la sezionedeve essere andrà percorsa seguendo l’apposita segnaletica. Lefrecce vengono definite nelle specifiche tecniche.2.26 Il rider non deve entrare nelle sezioni di altre categorie. Le portedevono essere segnalate da frecce dello stesso colore posizionatesui lati delle porte stesse a destra e sinistra.2.27 I rider devono presentarsi obliquamente e di fronte alla zonaneutrale.2.28 Il rider che termina una sezione deve consegnare la carta puntiallo “stand” dei risultati.5 DURATA DELLA GARA2.40 Superare il tempo max di 2’30” per la sezione. (1 pt. per ogni 15sec. fino al raggiungimento delle 5 penalità, oltre il concorrentedovrà abbandonare la sezione)2.41 Passare sopra o sotto, alzare o strappare il nastro o le frecce chedelimitano le sezioni. ( 5 pt). L’asse della ruota e l’asse longitudinaledella bike deve formare il punto di misurazione.2.42 Entrare nelle sezioni di altre categorie della competizione. (5pt)2.43 Tenere la bike non dal manubrio. (5 pt)2.44 Appoggiare entrambi i piedi simultaneamente sul terreno o suun ostacolo ( 5 pt)2.45 Ruota anteriore fuori dal cancello di entrata (5 pt). Quando, dopoessere entrati nel cancello l’asse anteriore esce nuovamente.2.46 Portare entrambi i piedi dalla stessa parte della bike, rispettoall’asse longitudinale, quando uno dei piedi è gia sul terreno.(5pt)2.47 Cadere, appoggiare parti del corpo al di sopra dell’anca sul terreno,sedere sul terreno o su un ostacolo.(5 pt)2.48 Quando il massimo di penalità è raggiunto il rider deve lasciarela sezione.2.49 Toccare il terreno o l’ostacolo con una mano che non tiene ilmanubrio. (5 pt)2.50 E’ vietato segnare 5 pt di penalità sulla carta punti senza essereentrati nella sezione.10 PENALITA’ SUPPLEMENTARIil Mondo del Ciclismo n.40XXVI2.32 La totale durata della gara deve essere decisa dal delegato tecnicoe deve permettere a tutti i rider di terminare la gara. La giuriapotrà estenderla durante lo svolgimento della competizione.2.33 Il tempo max è di 4 ore , più ulteriori 30 minuti a penalità. Lagiuria può estenderlo alla fine della competizione se più di 10rider dovessero essere eliminati.6 TEMPO E RISULTATI2.34 Il tempo deve essere preso all’inizio e alla fine della sezione.La durata della gara di ogni rider viene calcolata annotando iltempo di inizio e il tempo di fine competizione sulla carta puntio su di un sistema computerizzato.7 RIPARAZIONILe riparazioni possono essere effettuate durante la gara, manon nelle sezioni né nelle aree limitrofe per evitare di crearepericoli per i rider.8 ASSISTENZA ESTERNA2.36 Le seguenti azioni eseguite dallo staff o dal pubblico sono proibitee penalizzano il rider di 10 punti:• Prendere posizione per il rider all’entrata della sezione.• Criticare il giudice• Entrare nelle sezioni. E’ permessa l’assistenza per proteggereil rider solo su autorizzazione del giudice e senza però influenzarela sua performance durante la gara• Dare consigli (posizioni) al rider che sta effettuando una sezione.In nessun caso si potrà interferire nella competizione.9 PUNTI DI PENALITA’2.37 I seguenti punti di penalità possono essere imposti ai rider:2.38 Ogni appoggio sull’ostacolo o sul terreno per ristabilire l’equilibriodel rider sia con il corpo o con una parte della bike, eccettole ruote (1 punto)2.39 Appoggiarsi con un pedale o con il paracorona su un ostacolo osul terreno. (1 pt)2.51 Ad ogni minuto per il ritardo alla partenza (1 pt) nel caso dipartenza ad intervalli di tempo.2.52 Cercare aiuto dal pubblico (10 pt)2.53 Perdere la carta punti o dimenticare una sezione(10 pt)2.54 Comportamento antisportivo (10 pt)2.55 Sul totale per la championship saltare più di 3 sezioni. (squalifica)2.56 Lasciare o accorciare il circuito (squalifica)2.57 Abbandonare la gara (squalifica)2.58 Cambiare la configurazione delle sezioni.(squalifica)2.59 Un rider ferito che continua la gara senza autorizzazione delmedico (squalifica)2.60 Il delegato tecnico può decidere in accordo con la giuria aggiuntedi altri punti di penalità.2.61 Qualsiasi rider che supera il tempo max di durata, ma entro iltempo aggiuntivo a penalità, sarà penalizzato di metà punto perogni minuto di ritardo.2.62 Ciascun rider che supera il tempo max totale (tempo gara +tempo a penalità) sarà escluso dalla classifica.2.63 Non indossare il casco. (10pt-squalifica in caso di volontarietà)2.64 Non rispettare le regole riguardanti il numero assegnato e ilpettorale. (10pt)11 CLASSIFICA / RISULTATI2.65 I punti di penalità per ogni giro, saranno esibiti all’inizio e allafine di ogni giro. Il rider con il minor numero di penalità sarà ilvincitore di quella categoria.2.66 Le altre posizioni della classifica saranno assegnate in base aipunteggi.2.67 Nel caso in cui 2 o più rider abbiano lo stesso punteggio, la decisionefinale si baserà sul numero di sezioni effettuate con zeropenalità.2.68 Se permane parità si considerano le sezioni con 1 solo punto dipenalità e così via.2.69 In caso in cui tutte le discriminanti di punteggio saranno ugualile posizioni verranno determinate dal tempo totale di gara.12 BRIEFING DEI RIDER2.70 Tutti i rider devono partecipare al briefing che si terrà primadell’inizio della gara


F.C.I. NORME MTB 20102.71 Il metodo di inizio e il tempo, il numero e l’ordine delle sezioni,il numero dei giri , e la durata totale e qualsiasi altro cambiamentosaranno comunicati durante il briefing.13 RICORSI2.72 La procedura per i ricorsi è regolata dalla F.C.I2.73 Solo i rider e i loro rappresentanti legali possono effettuare ricorso.2.74 Il tempo max per presentare un ricorso è di 30 minuti dopo lafine della competizione dell’ultimo rider della categoria corrispondente.2.75 Ricorsi collettivi o ricorsi contro il cronometrista non sono ammessi.2.76 Il delegato tecnico in accordo con la giuria deciderà l’accettazioneo meno di un ricorso.1 CATEGORIE BIKETRIAL3° CAPITOLOETA’ E CATEGORIE DI GARA3.01 Le categorie nel Biketrial 20” e MTB trial 26”sono in base all’età,anno solare.3.02 CATEGORIEGIOVANISSIMI/E 7/12 ( G1-G6 )al primo anno sezione bianca 20” (solo promozionali)GIOVANISSIMI/E 7/12 (G1-G6)al secondo anno sezione verde 20” (solo promozionali)ESORDIENTI M. e F. 13/14 sezione Blu 20” e 26”ALLIEVI 15/16 sezione Rossa 20” e 26”DONNE Over 15 unica sezione Verde 20” e 26”MASTER sezione Rossa 20” e 26”JUNIOR 17/18 sezione Gialla 20” e 26”ELITE 19 E OLTRE sezione gialla 20” e 26”3.03 Le frecce nelle sezioni possono essere numerate per facilitare lacomprensione.3.04 Le ragazze al di sotto dei 15 anni, possono essere accettate nellacategoria inferiore.3.05 PARTECIPAZIONEGare regionali e regionali a carattere nazionaleElite m/f Juniores m/fEsordienti m/f – Allievi m/fGiovanissimi G1>6Master Ju-Ms-Mt e oltre + altri enti della consultaGare nazionaliElite m/f Juniores m/fEsordienti m/f – Allievi m/fGiovanissimi G1>G6Master Ju-Ms-Mt e oltre4° CAPITOLO EQUIPAGGIAMENTO1 LA BIKE IN GENERALE4.01 Le bike trial devono avere 2 freni funzionanti, fronte e retro.4.02 Il telaio, il manubrio e la forca non devono essere incrinati.4.03 Pedali e ruote non devono avere troppo gioco.4.04 Pedali con agganci e scarpette con agganci non sonoconsentiti.4.05 Le bike non devono avere spigoli appuntiti che possano provocareferite.4.06 Le ruote non devono essere montate con catene, corde o altricongegni.2 BIKE 26” (MTB)4.07 Sono permesse le normali ruote da MTB da 26” con trasmissionelibera.4.08 Sul lato della trasmissione è permesso un solo paracorona. Nonè ammessa una copertura aggiuntiva sotto la catena. (paracolpi)3 NUMERI PER LA COMPETIZIONE4.09 Il pettorale e la placca devono mostrare chiaramente il numerodi gara, il colore della categoria e i loghi degli sponsor. Devonoessere idrorepellenti. Il colore della placca deve richiamare ilcolore della categoria. (ex. placca gialla per la categoria elite,)Le placche vengono definite nelle specifiche tecniche.4.10 Due dovranno essere i numeri di riconoscimento, tabella biciposto sulla parte frontale della bike ed il dorsale sulla schienadel rider.4.11 Le placche e i dorsali non devono essere assolutamente modificatio rimossi, pena sanzioni aggiuntive.4.12 L’assegnazione della numerazione sarà fatta in base al rankingFCI.4.13 Per le gare regionali e regionali di interesse nazionale,l’uso dellapettorina è facoltativo.4 ABBIGLIAMENTO4.14 In tutte le competizioni Biketrial, deve essere sempre indossatoil casco protettivo omologato, anche durante gli spostamentitra le sezioni e durante gli allenamenti.4.15 Sono richiesti abbigliamento e scarpe adatte alla competizione.4.16 E’ raccomandato l’uso dei guanti.4.17 Per le condizioni sull’esposizione degli sponsor sul vestiario sifa riferimento alle normative FCI/UCI4.18 Ogni rider durante la competizione deve indossare la maglia digara con i colori della propria società ad eccezione dei CampioniItaliani di categoria e dei leader di Circuito. La maglia di garadeve essere indossata durante le competizioni, durante le cerimonie,le conferenze stampa, le interviste, le sessioni di autografie ogni altra occasione degli eventi che richieda una certavisibilità per i media.TASSE DI ISCRIZIONE5° CAPITOLOLa tassa d’iscrizione massima per ciascuna manifestazione vienecosì stabilita:Gare regionaliGiovanissimi 5 €.Esordienti e Allievi 10 €.Juniores,Elite e Master 15 €.Gare regionali di interesse nazionale e nazionali.Giovanissimi 5 €.Esordienti e Allievi 10 €.Juniores,Elite e Master 15 €.il Mondo del Ciclismo n.40XXVII


CRONACHE DELLE GARETrial - 5 a prova Circuito italiano, Top Class regionaleCARAVAGGIO (BS) (20/9)- Si è svolta a Caravaggio (Bs)la quinta e penultima prova delCircuito Italiano Trial. Buonala partecipazione complessivae successi di Marco Selva(esordienti), Alessandro Bertola(allievi), Nicolò Di Ronco(Juniores), Roberto previstali(Elite 20”), Paolo Patrizi (Elite26”) e Matteo Pasquali (Master).Quando manca soltantola prova di Malè (domenica27, troppo tardi per darne comunicazionein queste pagine),in molte categorie la lottaper il successo finale è ancoraaperta. Soltanto tra gli Elite26” i 28 punti di vantaggio diPatrizi rispetto a AlessandroDelfino appaiono un gap incolmabile.Ordini d’arrivoESORDIENTI - 1. Selva Marco(Motoclub Lazzate Asd Sez.Biketrial); 2. Pozzoni GiovanniPatrizi ancora a bersaglioVincono anche Selva, Bertola, Di Ronco, Previtali e Pasquali(Caravaggio Offroad); 3. PovoloAlessio (Gs Bmx Vigevano - LaSgommata A.S.D); 4. SantomasoMatteo (Asd Acroland Team); 5.Bani Diego (Caravaggio Offroad);6. Igor Muellez (Vc Bellinzona);7. Peaquin Maicol (Vtt Arnad);8. Gasparetti Mirko (CaravaggioOffroad). ALLIEVI - 1. BertolaAlessandro (Asd Alpin BikeEdilbi Team); 2. Caretta Davide(Asd Acroland Team); 3. VicarioAndrea (Caravaggio Offroad);4. Sciardi Emanuele (A.S.D.V.C.Courmayeur M.B.). JUNIORES- 1. Di Ronco Nicolo (100-OneKona); 2. Monaci Luca (MotoclubLazzate Asd Sez.Biketrial); 3.Tome Alex (Asd Alpin BikeEdilbi Team); 4. Orsello Simone(Asd Acroland Team); 5. AbbonaAlessandro (Motoclub LazzateAsd Sez.Biketrial). ELITE 20”- 1. Previtali Roberto (MotoclubLazzate Asd Sez.Biketrial. ELITE26” - 1. Patrizi Paolo (MotoclubLazzate Asd Sez.Biketrial); 2.Delfino Alessandro (A.S.D.V.C.Courmayeur M.B.); 3. MentesanaAndrea (Caravaggio Offroad);4. Cogo Samuele (Asd AcrolandTeam). MASTER - 1. PasqualiMatteo (Asd Acroland Team);2. Della Rodolfa Gionata (M.C.Valtellina Asd Sez.Bike Trial);3. Pavan Walter (Asd AcrolandTeam); 4. Carradore Marco (AsdAcroland Team); 5. Gai Matteo(Cicli Gai Chieri).il Mondo del Ciclismo n.4074Marathon - Gran fondo del CarsoDOBERDO’ (GO) (20/9)- La giornata estiva e i 60chilometri dell’itinerariodisegnato lungo i saliscendicarsici, nei quali eranoinserite anche due salite di2 e 8 chilometri, sono statii maggiori avversari deglioltre 170 bikers che hannodato vita alla Gran fondo delCarso.Competizione valida anchequale prova conclusivadel Trofeo di Marathon.Ad imporsi in modo assolutoè stato l’under 23 AndreaBravin del Team Granzonche ha messo in bacheca laquinta vittoria stagionale,dopo quelle realizzate a VillaLagarina, Torre Canavese,Invillino e Medea. Bravinquest’oggi è stato il verodominatore della gara, poichésin dalla partenza primaha allungato il serpentone,poi ha sempre fatto la puntaCinquina di BravinHa dominato la contesa fin dalle prime battutedella corsa, percorrendo i 60chilometri in 2 ore 34’.Per quanto concerne, invece,i vincitori di categoria,trai mastersport si è affermatoDenis Vogrig della medesimasocietà di Bravin, tra gliM1 Marco De Polo ha firmatoil terzo successo stagionale,mentre tra i M2 lavittoria l’ha messa a segnoSergio Giuseppin, protagonistadi tante competizioni.Anche la prova riservata aiM3 ha visto primeggiare unportacolori del Team Granzon,Vinicio Cabbai a spesedi Severino Scala.Nella categoria superiorevittoria di Loris Zuliani,mentre tra i M5 ancora unavolta si e imposto GiobattaCristofoli. Nel settore rosa,infine, la più veloce è statala campionessa regionale dipoint to point Samira Todone.G.C.Ordini di arrivoOPEN: 1) Andrea Bravin (Team Granzon); 2) Giuseppe Vian (Gs.Roveredo in Piano); 3) Luka Vodopoech (Slovenia). MS: 1) DenisVogris (Team Granzon); 2) Valerio Lutman (Slovenia); 3) GialunaQuaia (Tem Gorgazzo). M1: 1) Denis Vogrig (GranciclismoSalvador); 2) Marco Costantini (Team Granzon); 3) EmmanueleDiana (Kikosys-Cussigh bike). M2: 1) Sergio Giuseppin (Deliziabike); 2) Cristian Poberai (Bike team Carso); 3) Luca Snidero(Ciclismo Buttrio). M3: 1) Vinicio Cabbai (Team Granzon); 2)Severino Scala (Punto bike); 3) Roberto Campagna (GranciclismoSalvador). M4: 1) Loris Zuliani (Forum rangig team); 2) MarioMinunel (Gs. Chiarcosso); 3) Maurizio Inguscio (CiclismoButtrio). M5: 1) Giobatta Cristofoli (Kikosys-Cussigh bike); 2)Giorgio Del Fabbro (Bike team 53.3); 3) Fabio Recchia (Cbr biketeam). DONNE: 1) Samira Todone (Uc. Caprivesi); 2) GiovannaFlaiban (Free spirit team); 3) Elisabetta Tadina (Vc. Cottur).


CRONACHE DELLE GARETrentino MTB - Bilancio della prima edizione del challengeJanes e Incristila forza dell’esperienzaDopo cinque impegnative prove la spuntano i due veteranidelle ruote grosse. Successo per un circuitoche il prossimo anno conta di fare ancora meglioJANES E INCRISTIALL’OMBRA di maestosecime dolomitiche e lungo vallatedal fascino unico: la naturaincontaminata del Trentinoha fatto da sfondo alla primaedizione di Trentino MTB,cinque gare in cinque localitàin provincia di Trento, per uncircuito che da maggio a settembreha calamitato l’attenzionedegli appassionati delleruote grasse. E non poteva cheessere un successo, decretatoda quasi 5.000 partecipazioni.La Val di Fassa Bike dello scor-VINCITORI ASSOLUTIUOMINI - Janes Silvano (Bergner Brau)DONNE - Incristi Antonella (Ki.Co.Sys. ErmeticSerramenti)CATEGORIA MS - M1 - 1. Zulian Ivo (Asd ValDi Fassa Sport Events) 7130; 2. Zamboni Andrea(Bergner Brau) 6820; 3. Vaia Francesco (RacingTeam Fiemme E Fassa) 5750CATEGORIA M2 - M3 - 1. Ludwig Stefan (BrenTeam Trento) 6230; 2. Ballardini Emiliano (S.C.Ala) 5285; 3. Michelotti Marco (Team AndreisCicli) 5022,5CATEGORIA M4 - M5 - 1. Janes SilvanoClassifiche finali di categoria(Bergner Brau) 7135; 2. Linardi Tarcisio (BergnerBrau) 5290; 3. Rosin Giovanni (Dragon BikeStrigno) 3095CATEGORIA M6 - 1. Righi Giorgio (TeamCarpentari) 2925; 2. Briosi Sergio (GiulianiCicli Arco) 1228; 3. Fietta Antonio (PolisportivaEurosport) 805CATEGORIA MW - 1. Incristi Antonella (Ki.Co.Sys. Ermetic Serramenti) 982; 2. Zocca Lorena(L’arcobaleno Carraro Team) 128; 3. BeltramolliMargherita (Sc Storo Grafiche Zorzi) 56SOCIETA’ - 1. Sc Storo Grafiche Zorzi 78; 2.Bren Team Trento 66; 3. Mtb Isera 66so 13 settembre, con la spettacolaresalita dell’Alpe di Lusiaa fare da giudice supremo, haassegnato i titoli di vincitoriassoluti ai due “bikers dell’anno”,ovvero il trentino SilvanoJanes e la friulana AntonellaIncristi, bravi alla fine a mettersialle spalle tutti i quotatiavversari presenti nelle cinquecompetizioni di un challengeinaugurato il 17 maggioa Cavareno con la ValdiNonBike, e poi proseguito durantel’estate con la 1000GrobbeBike-100 Km dei Forti suglialtipiani di Folgaria, Lavaronee Luserna (31 maggio - 02giugno), la Lessinia Bike sull’altopianodei Monti Lessini(26 luglio), la Vecia Feroviadela Val de Fiemme in Val diFiemme (02 agosto) e infinel’ultima Val di Fassa Bike del13 settembre, appunto.Se il cammino della Incristi èstato a dir poco “a senso unico”,con due vittorie (in Val diNon e in Val di Fassa), un secondoposto (alla 100 km deiForti), un terzo posto (in Lessinia)e una sesta piazza, poiscartata, in Val di Fiemme,che le hanno fatto concludereil circuito con quasi 900 puntidi vantaggio su Lorena Zocca,il cinquantaquattrenne Janesha battagliato fino all’ultimagara con il fassano Ivo Zulian,ed è riuscito a spuntarla “al fotofinish”per soli 5 punti.Trentino MTB assegnava2.000 punti alla vittoria assolutadi ogni gara, eccezionfatta per la Val di Fassa Bikee la 100 km dei Forti a cui venivaapplicato un coefficientedi 1,25 sui punteggi. Ai finidel computo finale, inoltre, lagara “peggiore”, o quella a cuinon si era preso parte, potevaessere scartata. Regole, queste,che per il tre volte campionedel mondo master Silvano Janeshanno davvero valso “oro”,visto che proprio grazie al giocodegli scarti l’esperto bikerè riuscito alla fine a strapparela maglia di vincitore a Zulian,nonostante il corridorefassano avesse collezionatocomplessivamente un maggiornumero di punti. Vittoriache rimane comunque più chemeritata per l’atleta della BergnerBrau, il quale ha dimostratostraordinaria tenacia egrandi abilità nell’off-road inognuna delle prove disputate,a cominciare dalla Val di NonBike, vinta con una prestazionecon la “P” maiuscola.Il circuito trentino ha messoin palio, per il solo montepremifinale, ben 12.000 Eurosuddivisi per le sei categorie,quattro maschili e una femminile,a cui si aggiungeva unaspeciale classifica a squadre. Asalire sul gradino più alto deipodi delle singole categoriesono stati Ivo Zulian (cat. MS-M1), Stefan Ludwig (M2-M3),Silvano Janes (M4-M5), GiorgioRighi (M6), Antonella Incristi(MW) e la SC Storo GraficheZorzi.La scommessa di questa primaedizione di Trentino MTBsi può dichiarare vinta dagliorganizzatori dell’Asd TrentinoMountain Bike, i quali, guidatidal presidente AlessandroBertagnolli, si sono già messial lavoro per confezionare unevento che il prossimo annopossa riscuotere un successoancora maggiore. A questoproposito, alle cinque provegià confermate anche per il2010, se ne aggiungerà una sesta,la “Rampinada” di Daone,in Valle di Daone. Un altro angolodi Trentino da cavalcarein sella alla propria mountainbike, per un’estate 2010 ancorauna volta all’insegna dellospettacolo sulle ruote grasse.Info: www.trentinomtb.comil Mondo del Ciclismo n.4075


CRONACHE DELLE GAREMarathon - Seconda tappa del 10° Giro Ciclistico del Lazio, 1° Memorial ZannoniGROTTE DI CASTRO (VT)- Bella manifestazione ciclisticaa Grotte di Castro deliziosaed ospitale cittadinadell’alta tuscia viterbese, protagonisticirca 140 ciclo biker.In programma la seconda tappadel giro ciclistico del Lazioa tappe del Lazio in MountainBike, alla scoperta delleAbbazie, Santuari e Castellidel Lazio, 1° Memorial MarioZannoni. Ad organizzarelo storico Team Grotte di CastroScuola Giovanile di MTBDario Cioni. Dopo il tratto dilancio, la corsa entra nel vivoaffrontando l’impegnativopercorso agonistico. A dominaree vincere la gara è il campioneDario Cioni (ASD NeriCycling Team). Nelle donnebrilla la classe della campionessaSabrina Di Lorenzo(AS Roma Ciclismo), alle suespalle bene Elena Spadaccia(ASD Grotte di Castro), LauraSopranzi (ASD Ruota Libe-Cioni senza avversariBene anche Papini (allievi), Benetton (juniores) e Di Lorenzo (donne)1) Cioni Dario David (ASD Neri Cycling Team); 2)Crisi Roberto (Hard Rock FRW Team); 3) CelliniMarco (ASD Tean Eurobici Orvieto).VINCITORI DI CATEGORIAESORDIENTI: Capati Eros (ASD Grotte diCastro Scuola MTB Dario Cioni).DONNE ESORDIENTI: Emanuela Di Lorenzo(ASD Roma Ciclismo).ALLIEVI: Papini Mattia (ASD Grotte di CastroScuola MTB Dario Cioni)..JUNIORES: Benetton Lorenzo (Pro Bike RidingTeam).DONNE: Di Lorenzo Sabrina (ASD RomaCiclismo).OPEN: Cioni Dario David (ASD Neri Cyclingra), Alice Galloppa (SD ColliAlbani MTB Ariccia). Nellecategorie giovanili si affermanoEros Capati (Esordienti),Mattia Papini (Allievi) eLorenzo Benetton (Juniores).Ordini di arrivoSocietà prima classificata laASD Grotte di Castro ScuolaMTB Dario Cioni. G.M.Team).M/SPORT: Prati Stefano (Pro Bike Riding Team).MASTER 1: Giovannelli Roberto (MTB ClubRieti).MASTER 2: Capati Cabbirio (MTBMontefiascone).MASTER 3: Grassi Zefferino (Pro Bike RidingTeam).MASTER 4: Crisi Tommaso (Centro Italia BikeCicli Montanini).MASTER 5: Quattrocchi Fabio (U.C Anagni CicliNereggi).MASTER 6: Capoccia Mario (Atletico UISPMonterotondo).SOCIETÀ: Grotte di Castro Scuola MTB DarioCioni).il Mondo del Ciclismo n.4076Hand Bike - Settima prova Campionato ItalianoALBA (CN) - La settima provadel Campionato Italiano diHandbike, indetta e organizzatadalla Federciclismo conla collaborazione dell’AssociazioneSportabili Alba Onlusad Alba si è svolta con successosul percorso da Alba aGrinzane Cavour. La squadradi casa ha collezionato duesuccessi con Francesca Fenocchioe Raffaella Congiu. Sonosaliti sul gradino più alto delpodio Vittorio Podestà, campioneparalimpico e leaderai “tricolori” di Fossano, RolandRuepp e Davide Giazet.Gli iscritti erano 64. La società“Basket e non solo Udine”prevaleva nella graduatoria asquadre.La Passo di Cuneo (PromozioneAttività Sportiva SenzaOstacoli) terminava al quintoposto su 26 società) nonostantele assenze pesanti diGianfranco Pigozzo, Massi-“Basket e non solo” okmo Giacoma. Diego Ferrero,Alessandro Borlino (in precariecondizioni atletiche) e SilvanaTaravelli, fermata da ungrave lutto familiare. I piazzamentimigliori erano realizzatidal solito Sergio Anfossi (5°di categoria) a conferma dellasua annata positiva e ClaudioMirabile (11° di categoria):.Il risultato di squadra è il migliorerisultato di sempre nellasua storia: dopo l’ottimobilancio del Campionato Italianodi Fossano a luglio i cuneesi,commentano con soddisfazionei dirigenti, hannosfoderato una prestazionemaiuscola. “La soddisfazione- spiegano ancora - aumentaper la prova del debuttanteMaurizio Tallone, un giovanedi Cuneo al debutto agonistico.Si è classificato al 15° postodi categoria e 30° assolutosu 64 iscritti. Aveva manifestatol’intenzione di cimentarsinell’Handbike dopo averseguito proprio il campionatoOrdine di arrivodi Fossano ed ha dimostratodi trovarsi subito a proprioagio, calandosi perfettamentenel clima agonistico. Il suorisultato fa ben sperare per ilfuturo”. G.C.Cat. A1: 1) Davide Giozet (Uni Sport ); 2) FabrizioCornegliani (Team Pulinet). Cat. A2: 1) Federico Villa(Piccolidiavoli3ruote). Cat. B: 1) Vittorio Podestà (Pgs DonBosco Genova); 3) Paolo Cecchetto (Team Pulinet); 3) RobertoBrigo (Gsc Giambenini). Cat. C: 1) Roland Ruepp (DisabiliAlto Adige); 2) Athos Libanore (Team Bee And Bike; 3)Giovanni Achenza (La Strana Officina Squadra Corse). Cat.D: 1) Martino Trolese (Basket e Non Solo Udine); 2) DanieleGrandelis (Basket e Non Solo Udine); 3) Giovanni Angeli(Basket e Non Solo Udine). Cat. A Fem.: 1) Graziella Calimero/Cus Verona). Cat. B Fem.: 1) Francesca Fenocchio Francesca(Sportabili Alba). Cat. C Fem.: 1) Raffaella Congiu (SportabiliAlba); 2) Valeria Corrazzin (Basket e Non Solo Udine); 3)Grazia Turco (Utopia Sport).


CRONACHE DELLE GAREPista Toscana - Ultima riunione a San Vincenzo con il Trofeo Saverio SavelliSAN VINCENZO (LI) - Alvelodromo “E. Solvay” di S.Carlo si è chiusa la stagione toscana2009 su pista con l’ultimariunione che tenuto contodel periodo ha fatto registrareuna buona partecipazione.Poco meno di una cinquantinadi partecipanti e provaconclusiva del Trofeo SaverioSavelli istituito e messo in paliodai dirigenti che si occupandodell’attività al velodromolivornese. La premiazionedi questa challenge avrà luogoBene Susanna e BecagliA segno anche Capati (esordienti), Fuccini(donne esordienti), Randazzo (Allievi) e Romanelli (Allieve)il prossimo 8 dicembre in occasionedella festa delle societàlivornese indetta dal ComitatoProvinciale della Federciclismopresieduto da Luca Casini.In quell’occasione riconoscimentoalla prima società cheha ottenuto complessivamenteil miglior risultato oltre ai riconoscimentiper i primi tre diogni singola categoria. Un ringraziamentova indubbiamentea Luca Becagli del Centro Specializzazionesu pista di Firenzee Alessandro Milianti perquello di San Carlo, per la collaborazioneverso la stampa, eper quello che hanno fatto assiemeai (purtroppo) pochi collaboratoriin questa stagione2009, sperando che la situazionedal punto di vista della partecipazionegenerale migliori ilprossimo anno. Queste le classifichedella riunione di chiusuradella stagione toscana supista. A.M.Ordini di arrivoESORDIENTI OMNIUM (velocità +corsa a punti): 1) Michael Capati (TeamChiesanuova Rieti); 2) Francesco Bettini(Rosignano Colognole); 3) LorenzoVallarino (Dell’Amico Cinquale); 4) LorenzoZanobini (Rosignano Colognole); 5)Leonardo Becagli (Campi Bisenzio).DONNE ESORDIENTI (velocità +eliminazione): 1) Alessandra Fuccini(Olimpia Vald.); 2) Giada Del Ghianda(Costa Etrusca); 3) Beatrice Dainelli (Pol.Milleluci).ALLIEVI (velocità + corsa a punti):1) Marco Randazzo Di Stefano(Castelfiorentino BCC); 2) Alberto Bettiol(id.); 3) Diego Mantellassi (Rosignano); 4)Lorenzo Friscia (Castelfiorentino BCC); 5)Davide Tani (Rosignano).ALLIEVE (velocità + eliminatoria):1) Valentina Romanelli (Club CicloAppenninico 1907); 2) Giulia Fontini(Olimpia Vald.).JUNIORES (velocità + crosa a punti):1) Luigi Becagli (Campi Bisenzio); 2)Cristopher Machelutti (Rimor); 3) JacopoBetti (Big Hunter Senese); 4) MarcoMigliorino (Campi Bisenzio Dieffe); 5)Emanuele Pascale (idem).OPEN (velocità + corsa a punti): 1) GabrieleSusanna (Cicl.Sestese); 2) Emanuele Capati(Lazio); 3) Tracz Krzystof (Cicl. Sestese); 4)Simone Bartolini (La Serra Cargo Compass);5) David Catani Ligato (Team Valdelsano).Pista Emilia Romagna - Titoli romagnoli Esordienti, Allievi e JunioresFORLI’ - Chiusura “allagrande” al velodromo “GlaucoServadei” dove si sono disputatele gare per l’assegnazionedei titoli romagnoli perle categorie Esordienti, Allievie Juniores maschili e donneesordienti e allieve, riunitenel GP “Gruppo AvicoloMasetti”.Catellini in luceVince l’ominum juniores, mentre Senni (3°) conquista il titolo provincialeNelle singole prove per la categoriaesordienti e per quellafemminile, le vittorie sonoandate a corridori “ospiti”mentre nella categoria junioresil successo ha arriso uncorridore romagnolo che difendei colori di una societàemiliana. Nella categoria allievisuccesso dei portacoloridella Pol. Fiumicinese FaitAdriatica. V.B.ESORDIENTI - VELOCITÀ: 1. MichaelCapati (Team Bike Nuova Rieti); 2.Nicola Raccagni .1 (Uc Scat, campioneromagnolo); 3.Matteo Buono (Vc Cattolica);4. Francesco Bartolini (Vc Cattolica);5. Alessio Zama (Sc Faentina). CORSAA PUNTI: bis di Capati, 2. FrancescoBartolini (Vc Cattolica, camp. romagnolo),3. Nicolas Bertozzi (F. Coppi); 4. FrancescoRagazzini (Sc faentina), 5. AlexandruOnica (Team Lamborghini). DONNEESORDIENTI E ALLIEVE - OMNIUM(velocità e corsa a punti): 1. Natasha Grillo(Team Lamborghini); 2. Eleonora Morelli(Pedale Azzurro Rinascita, campionessaOrdini di arrivoromagnola); 3. Benedetta Rossini (PedaleAzzurro Rinascita); 4. Giorgia Nanni(Viner Terranova Pedale Riminese);5. Sara Geminiani (Pedale AzzurroRinascita). ALLIEVI - CORSA A PUNTI:1. Mattia Zennaro (Fiumicinese, camp.romagnolo); 2. Luca Pacioni (Fiumicinese);3. Michelangelo Riciputi (Fiumicinese); 4.Enrico Filippi (Uc Scat); 5. Michele Senni(Fiumicinese). VELOCITA A SQUADRE:1. Fiumicinese (Luca Pacioni, MichelangeloRiciputi, Michele Senni), campioneromagnolo; 2. Scat (Enrico Filippi, SimoneArmuzzi, Mauro Catellini); 3. Fiumicinese(Alessandro Carloni, Glauco Castellani,Mattia Terenzi). INSEGUIMENTO ASQUADRE: 1. Fiumicinese (Luca Pacioni,Michelangelo Riciputi, Michele Senni,Mattia Terenzi), campioni romagnoli; 2.Faentina (Filippo Ranzi, Lorenzo Maldera,Michele Tassinari, Gabriele Bonetti); 3.Fiumicinese (Glauco Castellani, LorenzoPaganelli, Enrico Valdinosi, MattiaZennaro). JUNIORES - OMNIUM (corsaa punti e scratch): 1. Valerio Catellini(Up Calderara); 2. Carmelo Cannistraro(Forlivese affil. Sicilia); 3. Manuel Senni(Sidermec F.lli Vitali, camp. romagnolo); 4.Lorenzo Chiusi (Sc Forlivese); 5. EmanueleCapati (Team Bike Nuova Rieti).il Mondo del Ciclismo n.4077


CRONACHE DELLE GAREJuniores - 1° Giro della Versilia Storica-28° G.P. Città di Pietrasantadi Antonio MannoriPIETRASANTA (LU) (20/9)- Nella frazione di Ponterosso,dove nel 1953 fu fondata la societàche si occupa di ciclismo,si è svolta la 28^ edizionedel Gran PremioCittà di Pietrasanta,denominata quest’annoanche Giro dellaVersilia Storica, inquanto erano coinvoltiin questa iniziativa icomuni di Pietrasanta,Forte dei Marmi,Stazzema e Seravezza.Ha dominato l’AmbraCavallini Vangi condue atleti, Trosino eManfredi, che si sonopresentati assieme sultraguardo dove è statol’ex tricolore allievi supista ad imporsi. Unagara pianeggiante peruna settantina di chilometri,ma nel finalegli oltre 100 corridoridovevano affrontare la salitadi Retignano che ha frazionatonon poco le forze in campo,portando gli atleti a quota360 metri di altitudine. E qui ilteam pisano-fiorentino direttoTrosino e Manfredi bigL’Ambra Cavallini Vangi domina la gara coni suoi alfieri che tagliano nell’ordine il traguardoTROSINO (AL CENTRO) SUL PODIO DI OFFIDAda Emilio Puccetti ha gettato lebasi per il successo, costruito epoi realizzato da due atleti delprimo anno Trosino e Manfredi.Hanno preso con decisionel’iniziativa ed hanno incrementatoil marginedi vantaggio con unfinale splendido tantoche al traguardodi Ponterosso illoro vantaggio era diquasi un minuto. Havinto Trosino, atletapisano dallo stileperfetto, recentevincitore della cronometrointernazionaledi Offida, chepossiede indubbiequalità e mezzi. PerTrosino si tratta dellaseconda vittoriada junior. Lo stesso,quanto a doti, si puòdire del massese AndreaManfredi; entrambihanno ricevutomeritati applausi da partedegli sportivi presenti a questacorsa che la società Ponterossodel presidente Alfiero Tosi haallestito con bravura. Vogliamoricordare anche l’opera diGiuseppe Domenici, responsabileorganizzativo, mentre lacorsa ha ricordato anche CesareGiannotti, personaggio conosciutonella zona ed appassionatodi ciclismo. Il maggioresponsor, la Banca Credito Cooperativodella Versilia Lunigianae Garfagnana ha messo inpalio il Trofeo Mario PaoliniMarmi. Oltre ai primi, buoneprestazioni di Bonifazio, unodei corridori più attesi, Poli eD’Alessio.Ordine di arrivo1. Mirko Trosino (AmbraCavallini Vangi) km 102 in2h26’, media 43,404; 2. AndreaManfredi (idem); 3. LeonardoBonifazio (Casano Sana ) a 57”;4. Andrea Poli (Berti MobiliBenassi Nari); 5. GiovanniD’Alessio (Atella ‘91 FoscoBessi); 6. Bernardini a 1’43”; 7.Bacci a 1’55”; 8. Bonistalli; 9.Buzzi; 10. Canzonieri.il Mondo del Ciclismo n.4078Juniores - 6° Trofeo Don BoscoTizza, rush felinoIl giovane monzese della Massì Supermercatiha evidenziato tutto il suo talento nella volata di SciolzeSCIOLZE (TO) (20/9) - Quattro corridoridi altrettante regioni ai primi quattroposti, la dicono lunga circa la straordinariapartecipazione numerica e diqualità, di atleti al “6° Trofeo Don Bosco”per juniores. Alla fine a passare perprimo sotto il traguardo sullo strappodi Colle Don Bosco, nei pressi di Castelnuovo,proprio davanti al Santuario delSanto, non poteva che essere un corridoredi talento. Così è stato. Il fulmineoguizzo con cui Marco Tizza, fratello delprofessionista Francesco, si è aggiudicatola corsa, ha evidenziato la classe delgiovane monzese, un primo anno chenella scorsa stagione ha conquistato seisuccessi e nel 2009 aveva già ottenuto importantipiazzamenti. Alle sue spalle undrappello di una trentina di avversari frazionati,a cominciare dal cuneese MatteoDraperi e dal vicentino Luca Matteazziche hanno incassato i posti d’onore. Lamanifestazione scattata da Sciolze, allestitadal gruppo sportivo di casa, ha registratoal via ben 151 atleti provenientida Lombardia, Emilia, Liguria, Marche,Toscana, Veneto e ovviamente Piemonte.Una lunga fuga a otto ha caratterizzatola prova: Bovio, Conte Bonin, Mancini,Marafante, Marcassoli, Nibali, Stacchiottie Ulivieri, sono rimasti al comando conun vantaggio massimo di 1’12” prima delricongiungimento avvenuto a 4 km dall’arrivo.Poi spazio al lampo vincente diTizza, la giovane promessa di Nova Milanese.Paolo BuranelloOrdine di arrivo1. Marco Tizza (Massì Supermercati)km 98 in 2h24’, media 40,833; 2.Matteo Draperi (Esperia Rolfo); 3. LucaMatteazzi (Sandrigo Sport); 4. MirkoUlivieri (Stabbia Pratese Grassi); 5.Mauro Marcassoli (Trissa Team); 6.Daniele Dall’Oste (Pedale Castanese);7. Mattia Bottelli (Prealpino); 8. PaoloMorbiato (Sandrigo); 9. LorenzoMonighetti (VC Bellinzona); 10.Andrea Magni (Prealpino).


CRONACHE DELLE GAREJuniores - 7° G.P. Medri Casalinghidi Valerio BenelliPONTE ABBADESSE DICESENA (FC) (20/9) - Il fortecesenate Manuel Senni (Sc SidermecF.lli Vitali) ha appostoil proprio sigillo sull’albo d’orodel GP Medri Casalinghi-MemorialGianluca Domeniconie Memorial Marzio Lucchi,giunto alla 7^ edizione e organizzatodalla PolisportivaCesuola con la collaborazionedel Gs Terranova-Teddy PedaleRiminese. La gara è statacombattuta fin dai primi chilometrinonostante il numerodei corridori partenti fosseappena di 61 su 81 iscritti. Lamedia dei primi 60 chilometriè stata di oltre 40 Km/h, grazieai ripetuti tentativi di fuga chehanno caratterizzato il trattopianeggiante del percorsoad opera anche di ManuelSenni che, in un gruppetto di8 corridori, aveva cercato dimuovere le acque nonostanteil temporale che si è abbattutosul gruppo prima di metàSenni e Gaiaa braccettoIl tandem della Sidermec F.lli Vitali domina la garae conquista nell’ordine le prime due piazze. Terzo, a 3”, CalzuolaSENNI IN AZIONE. IN ALTO L’ARRIVOOrdine di arrivo1. Manuel Senni (SidermecF.lli Vitali) km.109,500in 2h45’, media 39,818; 2.Giovanni Gaia (idem); 3.Lorenzo Calzuola (AsdGubbio Mocaiana) a 3”;4. Alberto Petitto (ItaliaNuova Centroborgo) a18”; 5. Gian Luca Remondi(Cycling Team Nial Nizzoli);6. Christian Marzoli (ItaliaNuova Centroborgo); 7.Omar Pavan (Banca dellaMarca Orogildo V. Veneto);8. Mirco Martelli (ScFaentina); 9. Luca Cingi(Cycling Team Nial Nizzoli)a 38”; 10. Emanuele Poli (ScForlivese) a 1’10”.Juniores - 3° Memorial Silvestro La CioppaGiampaolo di forzaIl forte corridore del GS Cepagatti-Euro 90 ha fatto il vuotoalle sue spalle. Di Luca completa il successo di squadraPESCARA (30/8) - Vittoria solitaria di Moreno Giampaolo nel “3° Memorial SilvestroLa Cioppa”, in ricordo dell’ex professionista scomparso qualche anno fa e sempre vissutoin questo panoramico luogo che affaccia sulla citta adriatica. Il forte corridore del GSCepagatti-Euro 90 ha impresso subito un forte ritmo alla gara tanto da riuscire a staccaretutti, concludendo con circa 4 minuti di vantaggio sul bravo Di Luca, su Giustinoe tutti gli altri superstiti di questa selettiva manifestazione con arrivo posto in salita. Lagara è stata organizzata dallo stesso GS Silvestro La Cioppa, che ha dato forza al memorialin collaborazione con il Comitato Festa e sportivi locali. A.P.ORDINE DI ARRIVO1. Giampaolo Moreno (Cepagatti-Euro90) km. 104 media 34,286; 2. Di Luca Graziano (idem); 3.Giustino Gennaro (U.S. Picardi C. Sorrentina); 4. Fino Pietro (Farnese Vini Cicli Protek); 5. OrtenziFabio (Cepagatti-Euro90); 6. Staniscia Ivan (G.S. Guarenna 2000); 7. Armanini Davide (GS Artena);8. Pantoni Manuel (GS Artena); 9. Poli Roberto (Cicli Falgiani A.P.); 10. Pettinella Loris (G.S.Sambuceto).corsa.La gara ha però preso formadurante i 5 passaggi sull’impegnativocircuito “dei Gessi”che ha creato la selezione.Qui, infatti, durante il 2° passaggio,è nata una fuga importantead opera dell’instancabileManuel Senni e di altri 4compagni di fuga, che in breveha acquisito un discretovantaggio sul gruppo. Senni,ben protetto dai compagni disquadra Casale e Gaia, che sierano riportati sul gruppo ditesta, ha proseguito di comuneaccordo con i compagni difuga fino al GPM. All’ultimogiro, dal gruppo che si era avvicinatoprepotentemente èuscito Giovanni Gaia, prontamenteinseguito dai compagnidi avventura. Intorno all’ultimokm, Senni si trova assiemea Gaia in prima linea ed entrambitagliano il traguardo abraccia alzate.il Mondo del Ciclismo n.4079


CRONACHE DELLE GAREJuniores - 14° Trofeo San FrancescoGUARENNA DI CASOLI(CH) (20/9) - Circa 100 atletidi 20 società, in rappresentanzadi 6 regioni, hanno datovita al “14° Trofeo San Francesco”,organizzato dal localeGruppo Sportivo Guarenna2000 presieduto da SeverinoRossetti. Gara molto vivace ecombattuta e bella vittoria involata del potentino MicheleViola, con tessera toscanadella Ambra Cavallini Vangi,davanti all’azzurro GiuseppeFonzi, della Bevilacqua Sport,e al sorprendente GianlucaCeli, della F.N. Mengoni Campocavallo.Con i tre sopra citatihanno preso parte allavolata conclusiva altri diciottocomponenti di una selezionatapattuglia comprendentetutti i migliori in gara. Trai vari tentativi citiamo quelloportato avanti in pianura dalmarchigiano Piangerelli dellaViola, primo acutoIl lucano piazza la sua ruota davanti a Fonzi e Celi.Staniscia, sesto, è campione provinciale di ChietiMengoni e dal campano Berardidella U.C. Atellana, e poiun giro in avanscoperta dell’azzurroGiglio del Club Corridonia.Tra i più attivi ancheil rumeno Chiritou e il generosoMattiacci, al quale però ilgruppo degli inseguitori nonconcedeva mai troppo spazio.Sul GPM scollinavano in testagli agguerriti abruzzesiGiampaolo e Fonzi, raggiuntiin discesa da Di Remigio esuccessivamente da altri 18concorrenti, così che a giocarsiil successo in volata eranoin 21. La lotta allo sprintera molto serrata e alla finela spuntava il lucano MicheleViola. L’idolo locale IvanStaniscia, del G.S. Guarenna2000, si aggiudicava il titolodi Campione Provinciale diChieti.Il vincitore, Michele Viola, èalla prima vittoria stagionale,ma nel 2008, tra gli Allievi,aveva centrato 9 affermazioni.C.C.Ordine di arrivo1. Viola Michele (Team Ambra Cavallini Vangi) km. 115,200 in2h55’, media 39,4972. Fonzi Giuseppe (Pol. Bevilacqua Sport)3. Celi Gianluca (F.N. Mengoni Campocavallo)4. Aran Salvatore (Club Corridonia Campania)5. Giglio Antonio Ivan (idem)6. Staniscia Ivan (G.S. Guarenna 2000)7. Vernetti Roberto (U.C. Atellana)8. Totò Paolo (Club Corridonia Marche)9. Di Remigio Lorenzo (VC Notaresco 999)10. Telari Francesco (F.N. Mengoni Campocavallo)il Mondo del Ciclismo n.4080Juniores - 51° Trofeo Comune di Arcoredi Vito BernardiARCORE (MI) (20/9) - Il titolodi campione brianteova meritatamente a SamueleConti (Ciclisti Monzesi), mentreil 51° Trofeo Comune diArcore, “Ricordo E. Zappala”,è preda del bergamasco DavideVillella (Almenno San Bartolomeo).La gara, organizzata dal PedaleArcorese ed imperniatasull’impegnativo circuitodel Gerno, è stata assai combattutafin dalle prime pedalateche hanno evidenziatoil talento del milanese LucaFerrario (Biringhello-Rho),il quale ha tentato in tutti imodi di lanciare una fuga ristrettariuscendoci solo nelfinale, quando si è formataal comando una pattuglia diuna ventina di corridori daiquali hanno poi preso il largoSimone Besana, SamueleConti e Davide Villella. Que-Villella sugli scudiConti, giunto secondo, si laurea campione brianteoOrdine di arrivo1. Davide Villella (AlmennoSan Bartolomeo) km. 124 in3h06’, media 40; 2. SamueleConti (Ciclisti Monzesi);3. Giorgio Verduci (SCRomanese); 4. Manuel Carrà(Brugherio Sportiva); 5.Stefano Roncalli (BrugherioSportiva); 6. EmanueleCacciamali (For 3); 7. LucaFerrario (Biringhello Rho);8. Giacomo Mossali (SCRomanese); 9. GabrieleD’Incertopadre (CCCanturino 1902); 10. MattiaViganò (US Biassono).st’ultimo, con un’azione diforza, supera nettamente SamueleConti, che si consolacol titolo brianteo.FOTO RODELLA


ATTIVITÀ GIOVANILEAllievi Trentino - 42 a Coppa d’Oro, GP Direttori Sportivi d’Italia, 10 a Coppa Rosa e 3 a Coppa di Seradi Luca FranchiniBORGO (TN) (13/09) - RossellaRatto e Alberto Bettiol:quando il pronostico su cartatrova conferma nella classifica.E’ stato così a Borgo inoccasione della classicissimatrentina di fine estate, organizzatadal locale Veloce ClubBorgo di patron Stefano Casagranda.Un lungo weekend di gare, conla decima edizione della CoppaRosa a precedere il 42° episodiodella Coppa d’Oro, laMilano-Sanremo del ciclismogiovanile. Al femminile, comeanticipato, c’è stato il successodella bergamasca Rossella Ratto(brava a bissare il successoconquistato un anno fa), mentrenella classica maschile havinto il toscano Alberto Bettiol,protagonista della fuga atre che ha caratterizzato il finaledi gara e bravo a batterenello sprint finale a ranghiristretti il romano Sterbini eil campione italiano StefanoNardelli.Tra le due gare, spazio ancheagli Esordienti della Coppa diSera, con vittorie per la figliad’arte Arianna Fidanza nellacategoria femminile e dei venetiFederico Manzan (primoanno) e Seid Lizde (secondoanno) nelle due categorie maschili.COPPA D’ORO - I pronosticidella vigilia parlavano in favoredel campione italiano StefanoNardelli, trentino doc. Ilportacolori dell’Us Montecoronanon ha tradito le attese,assoluto protagonista del finaledi gara (al via, quasi 400atleti). Proprio Nardelli hadato il via all’azione decisivaquando all’arrivo mancavanocirca 20 chilometri. Il trentino,sfruttando il terreno a luipiù congeniale (la salita, nellospecifico quella di Telve, da affrontaredue volte nel finale), èevaso dal gruppo, seguito daltoscano di CastelfiorentinoBettiol sprint, Ratto solitariae il pronostico è rispettatoALBERTO BETTIOL SUL PODIO DELLA COPPA D’OROAlberto Bettiol e dal romanoSimone Sterbini. Il terzetto, tiratoin salita del campione italiano,ha preso subito il largo,transitando per la prima voltasul traguardo di Borgo con 30”di vantaggio. Margine che èandato ad aumentare nei chilometrisuccessivi, tanto daraggiungere il 1’30”, con Nardellia forzare il ritmo ancheal secondo passaggio sulla salitadi Telve, prima di perderequalche metro proprio in prossimitàdel Gpm. Il campioneitaliano è poi bravo a rientrarein discesa, ma nulla può in volatacontro Bettiol che, sfruttandoil traino di Sterbini nei500 metri finali, esce a velocitàdoppia e conquista la classicavittoria che vale una stagione.Sul podio assieme a Bettiol,all’ottavo successo stagionale,il direttore sportivo Velio Bigazzi(Castelfiorentino BancaCambia), premiato come daregolamento della corsa, cheprende il nome di GP dei direttorisportivi d’Italia.COPPA ROSA - Il copione,già alla vigilia, sembrava esserescritto. E così è stato. Solamenteun imprevisto, e non dapoco, poteva fermare la corsadella bergamasca RossellaRatto, nell’occasione sorrettadalle compagne del PedaleSenaghese, brave a scortarlafino all’imbocco della salitadi Strigno, confermatasi comeda pronostico giudice supremodella corsa (circa 100 leatlete al via).Nei primi chilometri, dunque,grande lavoro per le ragazzeguidate in ammiraglia daldiesse Monica Lo Verso. Al restoci ha pensato Rossella che,scattata non appena la stradaha accennato a salire, non halasciato diritto di replica alleavversarie (l’unica a tenerela sua ruota, per qualche chilometro,è stata l’altoatesinaAlessandra Tomasini). Sul traguardo,il vantaggio della Ratto(che segue nell’albo d’oro lacampionessa del mondo juniorRossella Callovi, presente sulrettilineo d’arrivo) è di 1’26”sul gruppetto delle immediateinseguitrici.COPPA DI SERA - In gara anchegli Esordienti, impegnatinella 3^ Coppa di Sera, perla prima volta disputata in linea.Incampo femminile, successoallo sprint per AriannaFidanza (Eurotarget Tx Active),figlia dell’apprezzato exprofessionista Giovanni. Incampo maschile gara tiratissima,con gli Esordienti deidue anni a lottare, gomito agomito, alla ricerca della migliorposizione in vista di unosprint annunciato. A sorpresa,proprio all’ultimo chilometro,l’azione decisiva del trevigianodel secondo anno Seid Lidze(Team Bosco di Orsago),che guadagna un centinaio dimetri e chiude a braccia alzate.Nel volatone a seguire, secondapiazza e vittoria tra iprimo anno per il campioneitaliano Federico Manzan (GSMosole).ORDINI DI ARRIVOCOPPA D’ORO: 1. Alberto Bettiol(Castelfiorentino Banca Cambia,Ds Velio Bigazzi) km. 81,200 in2h01’15” media 40,330 km/h; 2.Simone Sterbini (Borgonuovo,Ds Aldo Delle Case); 3. StefanoNardelli (Montecorona, DsAdriano Girardi); 4. FedericoZurlo (Postumia 73 Dino Liviero,Ds Tiziano Pastro) a 1’10”; 5.Pietro Maria Piccaluga (Rostese,Ds Rodolfo Bet).COPPA ROSA: 1. Rossella Ratto(Pedale Senaghese, Ds MonicaLo Verso); 2. Alice Tagliapietra(Young Team Arcade, Ds IgorBaldasso) a 1’26”; 3. Alice Alvisi(Bornato Franciacorta, DsPaolo Zanga); 4. Asja Paladin(Moro Scott Bicycle Line TeamSpercenigo, Ds Manuel Bacchin);5. Alessandra Tomasini (A.A.).COPPA DI SERA - ESORDIENTIFEMMINILE: 1. Arianna Fidanza(Eurotarget); 2. Sara Coffinardi(Team Gauss); 3. Giulia Moro(Giorgione). II ANNO: 1. SeidLizde (Team Bosco di Orsago);Riccardo Minali (Vc Isolano) a2’; 3. Yuri Pessotto (Team Boscodi Orsago). I ANNO: 1. FedericoManzan (Gs Mosole); 2. ManuelMasiero (Fiumicello); 3. AlbertoTurchetti (Uc Coltano).il Mondo del Ciclismo n.4081


ATTIVITÀ GIOVANILEAllievi Lazio - Gare a Frosinone e Canale Monterano11° Giro della CiociariaFROSINONE - Spettacolaremanifestazione a Frosinonein occasione della 11^ edizionedel Giro della Ciociaria.Ad organizzare il tradizionaleevento ciclistico il Team GSCapogna Premiazioni. Dopoun avvio tranquillo, la corsasi anima al ventesimo chilometroin occasione del primot.v.. Dopo una serie di attacchie risposte, il gruppo si assottiglianotevolmente. A 5chilometri dalla conclusioneiniziano le prime scaramucce,in testa è bagarre. Ci provanoStefanile e Colarossi manulla da fare. Un finale entusiasmante,una volata al cardiopalmae il successo al ciociaroAntonio Zullo “profetain patria”. Alle piazze d’onoresi classificano nell’ordine gliottimi Lorenzo Di Girolamoe Michele Stefanile, bene tuttigli altri classificati. G.M.ORDINE DI ARRIVO: 1.Zullo Antonio (BorgonuovoMilior Fiuggi) Km 84,00 in2h12’06” media 38,153; 2. DiGirolamo Lorenzo (La CioppaAcqua&Sapone) s.t.; 3. StefanileMichele (Treccificio Castrocielo)s.t.; 4. Andreozzi Alessandro(Guazzolini Coratti) s.t; 5.Bene Zullo e SterbiniColarossi Andrea (BorgonuovoMilior Fiuggi) s.t.; 6. Crociara;7. Cervoni; 8. Frezza a 2’; 9.Pietravalle a 3’; 10. Zacchia.2° GP S. Bartolomeoe S. CalepodiaT. Mem. F. AnsuinelliCamp. Prov. di RomaCANALE MONTERA-NO (RM) (23/8) - A CanaleMonteranno in programmail tradizionale Gran Premiodedicato ai Santi Patroni Bartolomeoe Calepodia e allamemoria dell’indimenticabileFloriano Ansuinelli storicopersonaggio locale. Ad organizzarel’evento il Team ASDVelo Club Villa Pamphili diRoma, il Patrocinio del Comunedi Canale Monteranocon il prezioso supporto dellaPro Loco e Associazione nati1969 (Mariano Virgili). Ospitid’Onore Il Presidente OnorarioFCI Lazio Bruno Valloranie il Patron Eugenio Bombonistorico Presidente del V.C.Primavera Ciclistica.La svolta della corsa avvienelungo la discesa di Manziana:scatto perentorio del campionelaziale Simone Sterbini(Borgonuovo Milior Fiuggi)in breve accumula un discretovantaggio sul gruppo. Il finaledi gara, dominato da unoscatenato Sterbini, si concludecon arrivo solitario salutatodal numeroso pubblicopresente. A 1’23” conclude ilgruppo. Alessandro Andreozzisi conferma Campione Provincialedi Roma. G.M.ORDINE DI ARRIVO: 1.Sterbini Simone (BorgonuovoMilior Fiuggi ) Km 72,00 in 1h49’17” media 39,548; 2. ZeppieriIgor (id.) a 1’23”; 3. MizzoniAlessandro (U.C.Anagni CicliNereggi) s.t.; 4. Caiola Emanuele(SC Sezze Ortopedia Salati) s.t.;5. Pietravalle Giovanni (G.S.Imperiale Grumese) s.t.; 6.Masciotti; 7. Frezza; 8. Andreozzi;9. Taschin; 10. Zangrilli.il Mondo del Ciclismo n.4082Allievi Trentino - Trofeo “Nino Forenza”Rosa cala il pokerissimoPERGINE (TN) (6/09) - Cinquevittorie al primo annonella categoria allievi nonsono certo briciole. Il portacoloridell’Us Aurora PetrolvillaFrancesco Rosa meritadunque gli applausi del caso,bravo a calare il pokerissimostagionale sul traguardodel Trofeo “Nino Forenza” diPergine, gara per Allievi organizzatadal Cc Forti e Velocicon ben 85 atleti al via.Non appena la strada ha accennatoa salire ecco l’attesoscatto di Nardelli, seguitoda altri sette corridori, ovveroil campione provincialetrentino Comparetto (LiquigasLago Rosso), Moscon(Uc Valle di Non), Caresia eBorgogno della Forti e Veloci,Giopp e Polla della Foen el’aurorino Rosa.La fuga sembra essere quellabuona, ma il gruppo, favoritoda un tratto in falsopiano,rientra sui fuggitivi. Aquel punto, in prossimità delGpm, ci riprova Nardelli, tallonatoda Rosa, mentre dietrotentano il ricongiungimento(riuscito) Moscon, Polla e Visintainer.Il traguardo è ormaiin vista e, ai 1000 metridall’arrivo, Visintainer guadagnala testa del gruppettodei fuggitivi, traghettandoil compagno di squadraRosa fino a 250 metri dal traguardo:al resto ci pensa proprioRosa che, nonostante unprincipio di crampi, riesce achiudere a braccia alzate, precedendodi circa tre lunghezzePolla. Terzo, a completareil podio, il portacolori dell’UcValle di Non Gianni Moscon,che precede il campione italianoStefano Nardelli, quarto.L.F.ORDINE DI ARRIVO: 1.Francesco Rosa (Us AuroraPetrolvilla) km 78 in 2h03’35”media 37,869; 2. AlessandroPolla (Uc Foen Wienerberger);3. Gianni Moscon (Uc Valle diNon); 4. Stefano Nardelli (UsMontecorona); 5. FedericoVisintainer (Us AuroraPetrolvilla); 6. Ceolan a 6”; 7.Viero; 8. Borgogno a 8”; 9. Giopp;10. Borso.


ATTIVITÀ GIOVANILEAllievi Lombardia - Nelle gare di settembre36° GP Pino CozziLEGNANO (7/9) - E’ AndreaZanzi, varesino di VengonoSuperiore il vincitore della36° edizione del Gran PremioPino Cozzi, classica garariservata alla categoria allievied organizzata dall’US Legnanese.Andrea Zanzi ha iniziatoa gareggiare da G3 conl’US Abbiate Guazzone, haproseguito la carriera con laSolbiatese prima di approdareal GP Racer Team, squadrache nella prossima stagione loavrà come validissimo atletaanche nella categoria juniores.Quando mancavanouna ventina di chilometri altraguardo, Lentisco lanciaval’ennesima sfida nell’abitato diVilla Cortese e riusciva a promuoverela fuga decisiva con7 uomini al comando fino all’ultimochilometro dove, conun colpo di mano da perfettofinisseur, Zanzi si liberava deicompagni di fuga che non riuscivanoa prendergli la ruotae il corridore di Claudia Marsiliotagliava il traguardo connetto margine sugli ex compagnidi fuga. V.B.ORDINE D’ARRIVO: 1. AndreaZanzi (GP Racer Team) km.79,1 in 1h52’ media 42,375; 2.Luca Aspesani (GS Solbiatese)a 1”; 3. Leonardo Pastorino (GSBareggese); 4. Nicolò Monti (UCPuginatese); 5. Simone Tadiello(SC Busto Garolfo); 6. Lentisco;7. Bondesan; 8. Cattaneo a 15”; 9.Mercuri; 10. Fazzolari.31° Memorial S. Peri15° S. Re a.m.7° Tr. U. Tagliabue a.mBAREGGIO (MI) (13/9) -Conclusione con uno affollatissimosprint per il “31° MemorialPeri - 15° Re Silvio - 7°Trofeo U. Tagliabue”, gara riservataalla categoria allievi evinta dal comasco GiuseppeMercuri (UC Puginatese), davantiall’alfiere della BrugherioSportiva Niccolò Anzani eall’enfant du pays, Nicolò Ba-Per Marini tredicesimo centrosciu, da tempo alla ricerca delrisultato che conta.La gara, organizzata con laprofessionalità riconosciutaleda tutti, dal GS Bareggesedella presidente Maria Tunesicoadiuvata dai soci della Bareggesee da Andrea Leoni havisto al via 101 corridori chehanno e si è decisa in volata.ORDINE D’ARRIVO: 1. GiuseppeMercuri (UC Puginatese) km.75 in 1h50’ media 40,909; 2.Niccolò Anzani (BrugherioSportiva); 3. Nicolò Basciu(Bareggese); 4. Stefano Cattaneo(Costamasnaga); 5. DavideLocatelli (Sangiulianese); 6.Battista; 7. Trevisi; 8. Pastorino; 9.Genovese; 10. Barbieri.61° Giro Provincia di Como3a prova 65a Coppa 5Laghi, 30° G. Canali, 6°Hypo GroupERBA (CO) (13/9) - AntoninoAnalfino, corridore sicilianodella Ciclistica “Normanna”,sbarca in Padania esbanca l’ordine d’arrivo dellaterza prova del 61° Giro dellaProvincia di Como, la prestigiosa“65° Coppa 5 Laghi - 30°G. Canali - 6° Hypo Group”,gara riservata alla categoriaallievi ed organizzata ad Erbadalla Ciclistica Erbese su di unpercorso molto impegnativoper gli 81 corridori che hannopreso il via. Il culmine dellagara quando il gruppo si èspezzato e si è formato davantiun plotone di 12 corridoriche ben presto vantava oltre1’ di vantaggio. Sull’ultima salitaAnalfino si alzava sui pedaliper lasciare la compagniae involarsi solitario verso iltraguardo che conquistava amani alzate. V.B.ORDINE D’ARRIVO: 1. AntoninoAnalfino (Asd Normanna) km.79,800 in 2h05’ media 38,300;2. Lorenzo Marelli (TeamCappelletti) a 15”; 3. DanieleMossini (Calzolari-Ambrosoli); 4.Matteo Pozzoli (Team Aurora); 5.Roberto Cattaneo (US Paladina);6. Spreafico; 7. Ferrari; 8. Zanzi; 9.Vaghi a 40”; 10. Petilli a 1’05”.MARINI A GALLARATE (FOTO RODELLA)31° Tr. Città di GallarateGALLARATE (VA) (20/9) - E’andata in scena la 31^ edizionedel Trofeo Città di Gallarate,manifestazione nata pervolontà dell’indimenticabileSisto Baccin. Hanno presoil via ben ottantuno corridori.La fase decisiva della garaquando sono evasi NicolasMarini (Ronco/Elettronave) eLeonardo Pastorino (Bareggese)che guadagnavano unamanciata di secondi e nonostanteun veemente ritorno diOttavio Borsato e Davide Locatelli,non venivano più raggiunti.Marini sul traguardocoglie la sua tredicesima vittoriastagionale.ORDINE D’ARRIVO: 1. NicolasMarini (Ronco Eletronave)km. 83.700, 2h10’ media38,631, 2. Leoardo Pastorino(Bareggese), 3. Davide Locatelli(Sangiulianese) a 20”, 4. OttavioBorsato (Prealpino), 5. Luca Usan(Prealpino) a 40”, 6. Gadda a 50”,7. Scerbo, 8. Maggi, 9. Basciu, 10.Pesenti.il Mondo del Ciclismo n.4083


ATTIVITÀ GIOVANILEAllievi Marche - A Senni a Fiuminata e PieveboviglianaCorsa Alta Valledel PotenzaSENNI A FIUMINATA (MC)(15/8) - Una incerta e tiratissimavolata a due ha deciso la“Corsa Alta Valle del Potenza”,la classica per allievi che sisvolge ogni anno nel giorno diFerragosto a Fiuminata, centropedemontano di più frazioni abreve distanza dai confini delleMarche con l’Umbria.Ha vinto il romagnolo ManuelSenni, della Pol. FiumicineseFAIT, che negli ultimi metriè riuscito a rimontare, siapure di stretta misura, il lazialeAdriano Lenti, della A.S.D.Guazzolini Coratti Borgonuovo,il quale era partito da lontanoai 300 metri. Per ManuelSenni si tratta di uno squillantebis sullo stesso traguardo,dopo la vittoria del 2008,mentre per la Pol. Fiumicinesela serie dei successi a Fiuminataè ancora più lunga. Questavolta peraltro ben sei ragazzidel d.s. Oscar Zamagni hannoconcluso entro i dieci. P.P.ORDINE DI ARRIVO: 1. SenniManuel (Pol. Fiumicinese FAIT)km. 80,400 media 39,540; 2.Lenti Adriano (A.S.D. GuazzoliniCoratti Borgonuovo); 3. ValdinosiEnrico (Pol. Fiumicines FAIT) a1’20”; 4. Paganelli Lorenzi (idem);Senni e Lenti sugli scudi5. Marini Nicolas (G.S. RoncoElettronave) a 2’; 6. Pacioni; 7.Zennaro; 8. Mancarelli; 9. Riciputia 2’15”; 10. Nuti.4° Mare e MontiRecanati - PieveboviglianaPIEVEBOVIGLIANA (16/8)- Dopo la beffa di Ferragostonella gara di Fiuminata, l’irriducibileAdriano Lenti, portacoloridella laziale A.S.D.LENTI A PIEVEBOVIGLIANAGuazzolini Coratti Borgonuovo,si è preso prontamente unabella e gratificante rivincita,imponendosi appena un giornodopo nella difficile corsa inlinea “4° Mare e Monti - Recanati- Pievebovigliana”.L’organizzazione è stata curatain maniera meticolosa dallaA.S.D. Recanati MarinelliCantarini in collaborazionecon il Comune di Pievebovigliana.Il via, nella centralePiazza Leopardi di Recanati,veniva dato dal nuovo e giovaneSindaco, Francesco Fiordomo,uno sportivo che vive nelmondo del ciclismo. Ai nastridi partenza si sono schierati78 Allievi in rappresentanzadi più regioni. La salita finalefungeva praticamente dagiudice della gara, setacciavail lotto dei concorrenti e lanciavanel tentativo vincentei tenaci Adriano Lenti, dellaGuazzolini Coratti, e TommasoCesaretti, alfiere umbrodella A.S.D. Nestor SEA Marsciano.Sul rettilineo d’arrivoil corridore laziale distanziavapoi chiaramente il pur bravocompagno di fuga. P.P.ORDINE DI ARRIVO: 1. LentiAdriano (A.S.D. GuazzoliniCoratti Borgonuovo) km 80 in2h14’ media 35,821; 2. CesarettiTommaso (A.S.D. Nestor SEAMarsciano); 3. Marini Nicolas(G.S. Ronco Elettronave) a 2’; 4.Andreozzi Alessandro (A.S.D.Guazzolini Coratti Borgonuovo);5. Taschin Luca (idem); 6.Cardinali a 2’50”; 7. Cenci; 8.Pelucca a 3’05”; 9. Lippi; 10.Sepioni.il Mondo del Ciclismo n.4084Allievi Emilia Romagna - 3° Bike Tourultima tappa del Piccolo Tour del DucatoCappelli signoredella pioggiaFIDENZA-BORE (PR) (30/08) - Pioggia, nebbia, una giornataautunnale ha accompagnato i 73 allievi partenti al 3°Trofeo Bike Tour, manifestazione per allievi, ultima tappadel Piccolo Tour del Ducato, con l’organizzazione del CampingArizona, la direzione di corsa affidata a Pierluigi DeVitis e Olimpio Eugeniani. Il successo va a Luca Cappelli(Bottegone) in fuga sin dai primi chilometri, dodicesimavittoria stagionale, davanti al suo compagno GianmarcoPausani e al piacentino Michele Maggi (Pontenure) il qualeconquista il primo giro del Ducato. Subito al quarto chilometrosi portano al comando in otto con Luca Cappelli(Bottegone) i quali viaggiano con un vantaggio che sfiorai 30’’. A Pellegrino Parmense, in vista dell’ascesa conclusivache porterà a Bore, dai battistrada escono allo scopertoDino Battaglia e Luca Cappelli entrambi del Bottegone.Dopo qualche chilometro di pura salita avvolta nella nebbiapiù totale, il forte Cappelli, già campione regionale sia sustrada che cronometro, argento italiano a cronometro staccail suo compagno e tutto solo va alla conquista di Bore.Vince sotto la pioggia battente con 2’30” sul secondo, poi infila tutti gli altri. Le condizioni atmosferiche hanno fatto sìche si siano registrati molti ritiri. E.M.ORDINE D’ARRIVO: 1. Luca Cappelli (Veloclub Bottegone) km.60 in 1h40’ media 36,00; 2. Gianmarco Pausani (Idem) a 2’30”;3. Michele Maggi (Veloclub Pontenure); 4. Matteo Calcagni(Creronese Arvedi); 5. Simone Maraffi (Biking Noceto); 6. Ferri; 7.Marchi; 8. Merli; 9. Verschoore; 10. Rubini.


ATTIVITÀ GIOVANILEEsordienti Lombardia - Nelle gare di settembreTrofeo della BoschessaBUSTO ARSIZIO (VA) - Discena il Trofeo della Boschessa,organizzato dalla BusteseOlonia , ed era anche validacome terza prova della ChallangeRenato Martignoni. Trai secondo anno epilogo in volatacon il successo di FedericoToia della Saronni di Parabiagomentre tra i primi annola spunta Luca Sculco (Comerio)protagonista di una spettacolarerimonta. A.P.ORDINE DI ARRIVO - 1.Federico Toia (Saronni /Parabiago) 1h4’ km. 39,00, media36,563; 2. Davide Debenedetti(Orinese); 3. Niccolò Mariani(Puginatese); 4. AntonioSparanero (Marcoli Turbigo); 5.Riccardo Bennati (Solbiatese);6. Sannino; 7. Ressa; 8. Pipoli; 9.Krajni; 10. Ruggeri.Trofeo FraciscoBUSTO ARSIZIO (VA) (6/9)- La gara era valida come Trofeodedicato alla memoria diFrancesco Fracisco. Le dueprove sono state le identichefotocopie, con arrivi solitari.Edoardo Vanzulli se ne andavaall’inizio dell’ultimo giro eper gli altri calava il sipario.Più pimpante la prova dei secondoanno. Un attacco a dueanimava la stessa e alla fineprevaleva Daniele Sannino(Orinese), davanti al solbiateseRiccardo Bennati, mentrela volata per il terzo posto,sempre a ranghi compatti, sela aggiudicava il CaravateseMargheritis.ORDINI D’ARRIVI - I ANNO: 1.Edoardo Vanzulli (Rescaldinese)km. 33, 1h, media 33; 2. LucaSculco (Comerio) a 20”; 3.Davide Canziani (LavenaCoop); 4. Andrea Baggio (SanPietro Cassano Magnago);5. Simone Saibene (BustoGarolfo). II ANNO: 1. DanieleSannino (Orinese), km. 44, in1h8’, media 38,824; 2. RiccardoBennati (Solbiatese); 3. GabrieleMargheritis (Caravatese/Inda);Ultimi acuti della stagioneUNO DEI SUCCESSI STAGIONALI DI FEDERICO TOIA4. Federico Toia (SaronniParabiago); 5. Davide Debenedetti(Orinese).41° Trofeo V. SangalliTr. Credito CooperativoCARUGATE (6/9) - Con la disputadel “41° Trofeo Sangalli -Trofeo BCC di Carugate”, e delTrofeo Banca di Credito Cooperativodi Carugate, è calatoil sipario sulla 23° ChallengeB.C.C. di Carugate, organizzazionedella SC Carugateseguidata da Ernesto Maggiori.Le due gare hanno avuto entrambeuno svolgimento senzasussulti, a parte il ritiro diRiccardo Terruzzi, (US CassinaDe Bracchi), per i postumidella caduta subita ai recentiTricolori della Pista a Marcianise,e con conclusione allosprint. V.B.ORDINI D’ARRIVO - II ANNO:1) Alessio Brugna (Sco Cavenago)km. 47,8 in 1h10’41” media40,575; 2) Alessandro Terraneo(VS Abbiategrasso); 3) EdoardoCereda (SCO Cavenago); 4)Alberto Coltro (VC Muggiò-Fiscal Office); 5) Fabio Maimone(Aspiratori Otelli-CaseificioZani). I ANNO: 1) GianmarcoBegnoni (GS Sprint Ghedi) km. 41in 1h05’ media 37,846; 2) PaoloBernasconi (Remo Calzolari-Ambrosoli); 3) Matteo Moschetti(VS Abbiategrasso); 4) GabrieleMinardi (UC Sangiulianese); 5)Nicolò Fornoni (Costamasnaga-La Piastrella-Spini & Zoia).2° Tr. Guffanti CostruzioniTr. C. Antuono - Olivi CletoGUANZATE (13/9) - Doppiagara per gli esordienti comaschiche in 149 rispondonoall’invito dell’Oratorio SanGabriele per disputare il 2°Trofeo Guffanti Costruzioni,riservato ai ragazzi del 1996e il Trofeo C. Antuono, riservatoai corridori classe 1995,con la partecipazione di unabuona componente femminilee che ha salutato il successodi Gabriele Minardi davantial varesino Fumi (Lavena).Tra i più grandicelli bellissimosuccesso per il varesino diCaravate, Gabriele Margheritis,che precede le ruote velocidi Taormina e Terruzzi. V.B.ORDINI D’ARRIVO - IIANNO: 1. Gabriele Margheritis(Caravatese-Inda) km. 50 in1h18’ media 38,460; 2. AlbertoTaormina (Molinello Ciclismo);3. Riccardo Terruzzi (CassinaDe Bracchi); 4. Alessio Fornoni(Costamasnaga); 5. RiccardoBennati (GS Solbiatese). IANNO: 1. Gabriele Minardi(Sangiulianese) km. 36 in1h00’ media 36,00; 2. AndreaFumi (Lavena Coop PonteTresa); 3. Marco Molteni(Costamasnaga); 4. NicolòFornoni (Costamasnaga); 5. LucaLochtmans (Genoa Bike).15° Trofeo A. Genellini a.m.SAN GIORGIO SU LEGNA-NO (13/9) - Duplice successoper il Velo Sport Abbiategrassoche si aggiudica il 15° TrofeoGenellini, gara riservataalla categoria degli esordientie disputata a San Giorgiosu Legnano, con l’organizzazionedella ciclistica cittadinaper i 64 corridori che hannopreso il via alla gara con i ragazzidelle classi 1995 e 1996classificati in un unico ordined’arrivo che vede sul gradinopiù alto del podio l’abbiatenseAlessandro Terraneo, esordiente2° anno mentre il suocompagno di squadra MatteoMoschetti è primo tra i primoanno (3° all’arrivo). V.B.ORDINE D’ARRIVO - 1.Alessandro Terraneo (VSAbbiategrasso) km. 38 in 1h02’media 36,774; 2. Federico Toia(SC Saronni); 3. Matteo Moschetti(VS Abbiategrasso); 4. MattiaColò (SC Galliatese); 5. DavideDonesana (UC Cremasca).il Mondo del Ciclismo n.4085


ATTIVITÀ GIOVANILEil Mondo del Ciclismo n.4086Esordienti Toscana - Gare a Casenuove, Massa, Vada e Casale di Prato2° Trofeo Circolo ArciCASENUOVE DI EMPO-LI (FI) - Il valdarnese JacopoMenchetti ed il pistoiese MirkoMeini hanno vinto nella frazioneempolese di Casenuove il 2°Trofeo Circolo Arci che ha vistoimpegnati 150 corridori. Ungrande successo per la manifestazionedel Velo Club BCC Signa.Entrambe le gare si sonoconcluse in volata esaltando ledoti dei due vincitori. A.M.ORDINI DI ARRIVO - I ANNO:1. Jacopo Menchetti (OlimpiaValdarnese) Km 33 in 1h06’media 30; 2. Gennaro Minutolo(Imperiale Grumese); 3. AlbertoTurchetti (Coltano Grube); 4.Yuri Colonna (Iperfinish); 5.Massimiliano Susini (Butese). IIANNO: 1. Mirko Meini (TeamValdinievole) Km 42 in 1h18’media 32,308; 2. Gianluca Esposito(Imperiale Grumese); 3. FrancescoMancini (Velo Club BCC Signa);4. Francesco Consigli (Città diCastello); 5. Niccolò Zulfanelli(Campi Bisenzio).Trofeo Circolo Euro 2000Trofeo Renato MontaresiMASSA - In circuito il TrofeoCircolo Euro 2000 ed il TrofeoRenato Montaresi, con unanuova vittoria del masseseGiannelli ed il ritorno al successodopo due mesi, del campionetoscano Pacinotti. A.M.ORDINI DI ARRIVO - I ANNO:1. Gabriele Giannelli (StrabellaMaggi) Km 33 in 52’ media Km38,077; 2. Alessandro Brunetti(Seano One); 3. Lorenzo Vallarino(DellíAmico Cinquale); 4. MatteoGibertini (Levante Eurothermo;5. Claudio Nicolai (MontecarloCiclismo. II ANNO: 1. NiccolòPacinotti (Seano One) Km 39 in 54”media 43,333; 2. Giovanni Mirisola(Liquigas); 3. Andrea Montagnani(Rosignano Colognole) a 45”; 4.Gabriele Bonechi (Seano One); 5.Nicola Remedi (Us Luni).3° Trofeo Bar SportVADA (LI) - Il campione toscanoNiccolò Pacinotti, haBis di Pacinotti e GiannelliNICOLO’ PACINOTTI TORNA AL SUCCESSO IN QUESTO FINE STAGIONEvinto ancora questa volta inprovincia di Livorno nellasplendida 3^ edizione del TrofeoBar Sport organizzata dall’Arenadel Popolo. Sono statiben 97 i corridori in gara (partenzaunica). Protagonista dellacorsa oltre al pistoiese Pacinottiil bravo Tacchi suo compagnodi fuga poi superato nellosprint finale, mentre tra gli inseguitoripiù tenaci meritanodi essere ricordati lo spezzinoRemedi ed il massese Tardelli.Quanto agli atleti di 13 anniche hanno gareggiato assiemea quelli con un anno in più, siè affermato Gabriele Giannelli,uno dei migliori esponenti dellacategoria. A.M.ORDINI DI ARRIVO - II ANNO:1. Niccolò Pacinotti (Seano One)Km 40 in 1h03’ media Km 38,095; 2.Mirco Tacchi (Iperfinish); 3. NicolaRemedi (Luni) a 1’38”; 4. AlessandroTardelli (Strabella); 5. Luca Zullo(Iperfinish) a 2’07”. I ANNO: 1.Gabriele Giannelli (Stradella); 2.Alessandro Brunetti (Seano One);3. Yuri Colonna (Iperfinish); 4.Emanuele Scarmigli (idem); 5.Massimiliano Susini (Butese).Memorial Pietro TargettiS. IPPOLITO DI VERNIO(PO) - Dopo la gara di fine lugliotornano gli esordienti inVal di Bisenzio con il MemorialPietro Targetti ed ancorauna volta l’arrivo in salita aSant’Ippolito di Vernio, imponeuna fatica particolare a questiatleti abituati a gareggiaresu percorsi prevalentementepianeggianti. In Piazza dellaPieve dove la gara si conclude(la partenza è stata unica)è stato il campano GiuseppeSannino a tagliare per primo iltraguardo. Tra gli atleti del primoanno il migliore è risultatoAlberto Turchetti della ColtanoGrube. A.M.ORDINE D’ARRIVO - II ANNO: 1.Giuseppe Sannino (Pianura Oboe);2. Emanuele Murtas (ColtanoGrube Sardegna); 3. FedericoCavallini (T. Valdinievole); 4. CarloAmato (Montecarlo); 5. FerdinandoGiunta (Castelfiorentino BCC).I ANNO: 1. Alberto Turchetti(Coltano Grube); 2. LorenzoFortunato (San Lazzaro); 3. Alessioventuri (Team Valdinievole); 4.Lorenzo Martino (id.); 5. DavidMigliaccio (Pianura Oboe).Tr. Circolo Giuseppe VerdiCASALE DI PRATO - NelTrofeo Circolo Giuseppe Verdic’è gloria, soddisfazione evittoria meritata anche per LorenzoCalugi autore di una lungafuga che gli ha permesso distaccare di oltre tre minuti ilgruppo inseguitore. La prodezzadel giovane della Iperfinishdi Stabbia (ottima prestazionecollettiva per il team) nella secondagara, mentre in quelladel primo anno è stato il bravolucchese Claudio Nicolai dellaMontecarlo ad imporsi in volataal campione toscano dellacategoria Brunetti. Buonala partecipazione alle due garepratesi svoltesi al mattino. Peri due vincitori si è trattato delsecondo successo stagionale.A.M.ORDINI DI ARRIVO - I ANNO:1) Claudio Nicolai (Montecarlo)km. 30,640, in 49’56”, media36,817; 2) Alessandro Brunetti(Seano One); 3) VincenzoAlbanese) (Figlinese); 4) YuriColonna (Iperfinish); 5) AlexCampioni (idem). II ANNO:1) Lorenzo Calugi (Iperfinish)km. 39,240, in 1h01’47”, media38,107; 2) Nicola Remedi (Luni) a3’03”; 3) Luca Zullo (Iperfinish);4) Giovanni Mirisola (LiquigasBottagna); 5) Mattia Andreoli(idem).


ATTIVITÀ GIOVANILEEsordienti Emilia Romagna - A Serramazzoni e BomportoSERRAMAZZONI - Sul durissimocircuito di Serramazzonisono stati gli esordientidel 1° anno ad aprire il pomeriggiodel ciclismo giovanileorganizzato dall’A.C. Serramazzonicon 43 atleti chesi sono selezionati giro dopogiro con arrivo allo sprint delgruppo compatto. Ennesimosuccesso dello spilambertesedell’U.S. Calcara, SimoneManfredi nella gara riservataagli esordienti del 2° anno.Manfredi ha preceduto allosprint il compagno di fuga DiRenzo, mentre il felsineo Robbaha regolato gli inseguitori.E.G.ORDINI D’ARRIVO - I ANNO:1. Lorenzo Fortunato (S.C.S.Lazzaro Bo) media km30,857; 2. Tommaso Guarniero(U.S. Calcara); 3. Matteo Vida(S.C.Torrile Pr); 4. FrancescoMessieri (Sport Reno Bo); 5.Mattia Rossi (S.C.Torrile Pr).II ANNO: 1. Simone Manfredi(U.S.Calcara) media 33,304; 2.Andrea Di Renzo (Sangro bike);3. Jacopo Robba (S.C.Bonzagni)a 30”; 4. Matteo Bazzani (Pol.Manfredi non perde un colpoSIMONE MANFREDI A BOMPORTO (FOTO ITALIACICLISMO.NET)Pavullese); 5. Marco Pellegrino (S.Agostino).5° Trofeo Cittàdi BomportoBOMPORTO (MO) - Quartosuccesso stagionale tra gliesordienti del 1° anno per RiccardoLugli, mentre tra quellidel secondo anno ha colto latredicesima vittoria su stradaSimone Manfredi nel 5° TrofeoCittà di Bomporto.Sono stati un centinaio coloroche si sono presentati ai nastridi partenza della corsa organizzatadalla U.C.SozzigalliCem con la regia del tandemLugli-Marchetti.La gara condotta sul filo dei 40km/h non ha permesso nessunafuga di una certa consistenzacon la conclusione allosprint del gruppo compattocon lo spilambertese Manfrediche s’imponeva con autorità.E.G.ORDINI D’ARRIVO - I ANNO: 1.Riccardo Lugli (Cicl. Novese) km.41,400 media 39,312; 2. JoussefNamli (S.C. Cavriago OMG);3. Thomas Guarniero (U.S.Calcara); 4. Sara Geminiani (Ped.Azzurro Ravenna); 5. MatteoQuaqquarello (U.S. Calcara). IIANNO: 1. Simone Manfredi (U.S.Calcara); 2. Francesco Bertolini(V.C. Cattolica); 3. Daniele Cintori(A.C. Serramazzoni); 4. MatteoTano (S.C. Santerno); 5. MattiaAndreoli (S.C. Bottagna SP).Esordienti Trentino - A Dro e Roverè della LunaLa Cantinotae Supermarketdella calzaturaDRO (TN) (9/8) - Doppiotrionfo extraregionale sullestrade trentine di Dro, teatrodel trofeo “La Cantinota eSupermarket della calzatura”.Sul gradino più alto del podiosono saliti Riccardo Minali(Vc Isolano) e Marco Savoldelli(San Marco Vertova), alsuccesso rispettivamente trai secondo ed i primo anno, altermine di due corse dal differentesviluppo. L.F.ORDINI D’ARRIVO - II ANNO:1. Riccardo Minali (Vc IsolanoStella 81); 2. Amos Mosaner (UcValle di Cembra); 3. NicholasRavanelli (Uc Valle di Cembra);4. Fabio Tiefenthaler (Us AuroraBegnoni a quota 24 successiPetrolvilla); 5. Daniel Rupiani(Asd Goretex B Gaiga). I ANNO:1. Marco Salvoldelli (San MarcoVertova); 2. Leonardo Fedrigo(Vc Isolano Stella 81); 3. OmarLeardini (Vc Isolano); 4. LucaLazzeri (Uc Valle di Cembra);5. Matteo Benedetti (CiclisticaDro).ROVERE’ DELLA LUNA(TN) (20/09) - Grande partecipazioneed emozionante finaledi gara per il decimo TrofeoColli Sant’Anna, gara perEsordienti organizzata dall’UsVelo Sport Mezzocoronae vinta in passato da corridoricome Daniel Oss e MorenoMoser, ora più che semplicipromesse del ciclismo trentino.Anche quest’anno, comeimposto dal severo finale dicorsa (una salita di 500 metripiuttosto impegnativa), nonhanno vinto due corridori acaso, tant’è che ad imporsisono stati il primo anno GianmarcoBegnoni (al 24° successostagionale) ed il campioneitaliano Yuri Pessotto, bravo aprecedere al fotofinish FedericoSartor (La Vallata) nella volatache ha deciso la corsa.Per quanto riguarda la categoriafemminile, infine, successoper Michela Taverini (TeamFemminile Trentino). SecondaTiziana Brugnara, terzaArianna Bortolotti (Cembra).L.F.ORDINI D’ARRIVO - I ANNO -1. Gianmarco Begnoni (Gs SPrintGhedi), km. 32 in 55’10”, media34,804; 2. Federico Manzan (GsMosole) a 2”; 3. Manuel Masiero(Gs Fiumicello) a 7”; 4. LucaLazzeri (Uc Valle di Cembra)a 9”; 5. Leonardo Fedrigo (VcIsolano) a 16”. II ANNO: 1.Yuri Pessotto (Team Bosco diOrsago), km. 37 in 55’25”, media40,060; 2. Federico Sartor (LaVallata) st; 3. Fabio Tiefenthaler(Us Aurora Petrolvilla); 4. MarcoRigon (Vc Marostica); 5. EdoardoMaffei (Us Aurora).il Mondo del Ciclismo n.4087


ATTIVITÀ GIOVANILEil Mondo del Ciclismo n.4088Giovanissimi Lombardia - Nelle gare di agosto e settembre3° TrofeoComune di AgnadelloAGNADELLO (CR) (15/8)- Buon momento dei virgultidella S.C. Pagnoncelli NgcPerrel e della Sc. Imbalplast diSoncino che collezionano unaltro importante successo aggiudicandosi,la prima il trofeoa punti, l’altra quello peril maggior numero di partecipantial 3° Trofeo Comune diAgnadello, patrocinato dallaU.C. Cremasca, in collaborazionecon le sezioni locali Avise Aido.Invasione pacifica di giovanissimicon oltre 200 iscrittiin rappresentanza di 23 società,un ferragosto con tantiprotagonisti, una vera e propriafesta del ciclismo giovanile.F.C.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Andrea Piras (Sco. Cavenago); 2.Davide Distasio (Imbalplast); 3.Gabriele Coloberti (Imbalplast).G2: 1. Riccardo Locatelli(Ossanesga); 2. Chistian Marchesi(Pagnoncelli); 3. Nicolas Sorrenti(Inzago). G3: 1. Simona Paganelli(Pagnoncelli); 2. Gabrile Rota(Pol. Marco Ravasio); 3. MarcoPrevitali (id). G4: 1. Paolo Castelli(Pagnoncelli); 2. Lorenzo Davini(Pol. Albano); 3. Giovanni Ruggeri(Pol. Marco Ravasi). G5: 1. NicolasDemicheli (Pagnoncelli); 2. LisaMorzenti (Gi- Effe- Fulgor); 3.Stefano Baffi (Uc.Cremasca).G6: 1. Rocco Venturelli(Costamasnaga); 2. ThomasValota (Pol. Marco Ravasio); 3.Sofia Castelli (Pagnoncelli).5° TrofeoComune di ChieveCHIEVE (CR) (23/8) - Massicciaadesione di giovanissimial 5° Trofeo Comune diChieve organizzato dalla PolisportivaMadignanese, a testimonianzadell’importanzadel meeting, decretato al fotofinishtra la U.C. Cremascae il Club Ciclistico CremoneseGruppo Arvedi, società chelavorando sulla promozioneFestival di giovani talentie propaganda dello sport giovanile,divise da un solo punto,nel torneo a punti, mentrela prima si garantiva pure iltrofeo per maggior numero dipartenti. F.C.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Giorgio Cometti (Romanese);2. Andrea Morandi (Cremasca);3. Luca Stanga (Imbalplast). G2:Filippo Bertesago (Uc. Cremasca);2. El Haddad Shaaban (CorbelliniOrtofrutta); 3. Kevin Dodici (Gs.Zeppi Piacenza). G3: 1. AnselmoFrancesconi (Uc. Cremasca); 2.Diego Bosini (CC CremoneseArvedi); 3. Lorenzo Apostoli(Nuvolera)3° Tr. Ditta D. Paganini10° Tr. D. e M. MereghettiOSSONA (30/8) - Fabiola Giraldo,presidente del “GruppoCiclistico Ossona” e RobertaGornati, sua validissima spalla,sono le donne del ciclismorossonero in livrea GC Ossonache hanno organizzato il 3°Trofeo Ditta D. Paganini, 10°Trofeo D. e M. Mereghetti. Inun centinaio hanno rispostoal loro appello e la parte delleone l’hanno fatta la Saronnie la Busto Garolfo. V.B.ORDINI DI ARRIVO - G1: 1)Andrea Montoli (SC Saronni-Parabiago); 2) Sonia Rossetti(Polisportiva Besanese); 3)Giada Geroli (SC Busto Garolfo).G2: 1) Lorenzo Cucchetti (GSSan Macario-Valerio Biolo); 2)Marco Caruso (GS Bareggese);3) Roberto Ortolani DellaNave (Pedale Senaghese). G3:1) Emanuele Magistrelli (USCVittuonese); 2) Erika Bonati(SC Biringhello-Rho); 3) JesusTorres (Pedale Senaghese). G4:1) Luca Calcaterra (SC Saronni-Parabiago); 2) Fabio Baggio(SC Busto Garolfo); 3) ManuelFiore (Pedale Senaghese). G5: 1)Manuel Belloni (SC Rescaldinese);2) Valeria Simoncini (SC Saronni-Parabiago); 3) Andrea Daolio (SCBusto Garolfo). G6: 1) MartinaAlzini (SC Busto Garolfo); 2)Matteo Bonati (SC Biringhello-Rho); 3) Alessandro Corea (SCBiringhello-Rho).5° Tr. Cereda ImpiantiElettrici, Prova delCampionato BrianteoCONCORREZZO (30/8) -Con la partecipazione di 143corridori e ben 37 girls, il PedaleAgratese del PresidenteMacchini ha organizzatoa Concorrezzo nella Brianzamonzese, il 5° Trofeo Cereda,prova valida anche per ilCampionato Brianteo categoriaGiovanissimi. Successocollettivo per la MolinelloCiclismo di Cesano Madernoche conquista 18 punti e precedela Sco Cavenago ferma a15. V.B.ORDINI D’ARRIVO - MASCHI- G1: 1) Andrea Piras (ScoCavenago); 2) Luca Buttini(Salus Seregno); 3) LorenzoGobbo (Molinello Ciclismo).G2: 1) Tommaso Motta (VCSovico); 2) Andrea Colombo(Axevo-Alba orobica Bike); 3)Diego Mastrogiovanni (SportClub Mobili Lissone). G3: 1)Samuel Nova (Pedale Arcorese);2) Davide Gobbo (MolinelloCiclismo); 3) Gianluca Cerri(Giovani Giussanesi). G4: 1)Andrea Cicinato (SC BrugherioSportiva); 2) Juri Zanotti (Axevo-Alba Orobica Bike); 3) LorenzoBarbato (Salus Seregno). G5: 1)Stefano Frigerio (Sco Cavenago);2) Luca Spanò (MolinelloCiclismo); 3) Narayana AndreaMolinari (UC Pessano). G6:1) Avelyan Dutka (MolinelloCiclismo); 2) Alessio Giuffrida(Sco Cavenago); 3) FedericoViganò (UC Costamasnaga-La Piastrella-Spini & Zoia).FEMMINE - G1: 1) LetiziaPerego (VC Sovico); 2) SoniaMusina (UC Pessano); 3) MartinaColombo (Giovani Giussanesi).G2: 1) Chiara Sottocorna (UCPessano); 2) Francesca Ferravante(UC Pessano); 3) Gaia Spinelli(VC Sovico). G3: 1) BeatriceGiunzioni (GS Cicli FiorinDespar); 2) Emma Ferravante(UC Pessano); 3) Noemi Toffanin(Giovani Giussanesi). G4: 1) LauraVecchio (GS Cicli Fiorin-Despar);2) Aurora Perego (VC Sovico);3) Lara Migliavacca (MolinelloCiclismo). G5: 1) Greta Maturano(GS Cicli Fiorin Despar); 2)Silvia Valtorta (GS Cicli Fiorin-Despar); 3) Martina Marra(SC Bettolino Freddo). G6: 1)Chiara Casalinuovo (SC CesanoMaderno); 2) Beatrice Bassani(Pedale Agratese).Trofeo Città di TradateTRADATE (VA) - Un centinaiodi giovanissimi hannopreso il via alla gara, organizzatain maniera impeccabiledall’Unione Sportiva Abbiatee valevole per il Trofeo Cittàdi Tradate. Il Trofeo Finale èandato al Prealpino, che hapreceduto la Busto Garolfo, eil Pedale Senaghese. A.P.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Alberto Bottesin (Dal ZovoBolladello), 2. Davide Loprete (Lavena Coop), 3. GiadaGeroli (Busto Garolfo). G2: 1.Roberto Della Nave Ortolani(Ped. Senaghese), 2. RiccardoSavoldi (Prealpino), 3. SaulFormenti (Prealpino); 1F. VanessaMusso (Lavena Coop PonteTresa). G3: 1. Davide Gobbo(Molinello Ciclismo), 2. JesusTorres (Molinello/Ciclismo),3. Noel Guzon (Ju Sport GorlaMinore), 1F. Silvia Magri(Busto Garolfo). G4: 1. SaraMargheritis (Caravatese/Inda),2. Davide Ielmini(Prealpino), 3.Erik Skora (Cassano 92). G5: 1.Manuel Belloni (Rescaldinese),2. Andrea Dorio (Cassano 92),3. Fabio Mereghetti (BustoGarolfo). G6: 1. Simone Baggio(San Pietro Cassano Magnago),


ATTIVITÀ GIOVANILE2. Avelyan Dutka (Molinello), 3.Martina Alzini (Busto Garolfo).SOCIETA’: 1. Prealpino p. 12,2. Busto Garolfo p. 10, 3. PedaleSenaghese p. 9.31° Trofeo A. GrottaR. Baiocchini a.m.VIGEVANO (PV) (6/9) - Lasocietà lomellina del DS Canevariconquista anche Vigevanocon i suoi splendidi giovani.Occorre notare come inmolte località oggi vi erano diversegare e quindi il numerodi 74 partenti è più che giustificato.M.P.ORDINI DI ARRIVO - G1: 1.Francesco Vighi (Dornese), 2.Lorenzo Vassalli (Abbiategrasso),3. Omar Besenval (Lomello).G2: 1. Andrea Piccolo(Abbiategrasso), 2. AndreaMoschetti (Abbiategrasso), 3.Federico Parolo (Upol PedaleLungavilla). G3: 1. Vasco DePasquale (Dornese), 2. AlessioMotta (Dornese), 3. LirioManitta (Dornese). G4: 1.Nicolò Madini (Dornese), 2.Matteo Sacchi (Dornese), 3.Francesco Sturini (Dornese).G5: 1. Samuele Arena (Dornese),2. Marco Bordin (Dornese), 3.Michele Cerri (Lomello). G6: 1.Cristian Casalinuovo (CesanoMaderno), 2. Simone Piccolo(Abbiategrasso), 3. MuhamedMyftari (Upol Pedale Lungavilla).CLASSIFICA SOCIETA’: 1.Dornese, 2. Abbiategrasso, 3.Lomello.5° Tr. Tresoldi e MisaniRIVOLTA D’ADDA (CR)(6/9) - Centoquindici Giovanissimitra 7 e 12 anni hannoravvivato il 5° Trofeo Tresoldie Misani promosso dalla PolisportivaMadignanese, con ivirgulti della Unione CiclisticaCremasca, del presidenteAlbino Ferla protagonisti dellakermesse, saliti sul trononel torneo a punti e in quellocon il maggior numero dipartecipanti, ceduto sportivamentealla ciclistica Imbalplastdi Soncino. F.C.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Epis Giosue’ (Gs. Sprint Ghedi);2. Matteo Bomtempi (ProgettoCiclismo Rodengo Saiano);3. Andrea Rocco Morandi(Cremasca). G2: 1. AlessandroFerrari (Sc. Pagnoncelli); 2.Filippo Bonfadelli (ProgettoRodengo Saiano); 3. LucreziaFrancolino (Sc Muzza ‘75).G3: 1. Anselmo Francesconi(Uc. Cremasca); 2. Luca Volpi(Progetto Ciclismo RodengoSaiano), 3. Paolo Rocco (Gs.Corbellini Ortofrutta). G4: 1.Mattia Vitali (Imbalplast); 2.Andrea Manini (CC Cremonese1891 Gruppo Arvedi); 3. ErmesGarioni (Pedale Orceano). G5: 1.Aurora Spoldi (Sc. Imbalplast); 2.Nicolas Samaciccia (Imbalplast);3. Matteo Meli (Imbalplast). G6:1. Miriam Vece (Sc. Imbalplast);2. Luca Bontempi (ProgettoCiclismo Rodengo Saiano),3. Gratian Timis (Sc. Muzza ‘75). CORSA A PUNTI - G6: 1.Miriam Vece (Sc. Imbalplast);2. Cesare Rovetta (ProgettoCiclismo Rodengo Saiano); 3.Luca Bontempi (idem); 3. DarioGiustacchini (idem). G5: 1. YuriAndrea Pedroni (CC Cremonese1891 Gruppo Arvedi), 2. AuroraSpoldi (Imbalplast); 3. PaoloSartori (CC Cremonese 1891Gruppo Arvedi).3° Trofeo ImbalplastSONCINO (CR) (3/9) - Sullapista dello Stadio Comunaledi Soncino, i Giovanissimiha vivacizzato il 3° Trofeo Imbalplast,che ha visto schierati130 virgulti in notturna, impegnatinel torneo di velocitàe i più grandicelli anche nellacorsa a punti. Divertente kermessesettembrina, onoratadalla presenza dal sindaco diSoncino Pedretti, dalla campionessaazzurra di èlite EleonoraSoldo, e dal vicepresidenteprovinciale Fci,EnricoGuadrini. F.C.ORDINI D’ARRIVO - G1: AndreaPiras (Cavenago); 2. AndreaRocco Morandi (Cremasca); 3.Gabriele Coloberti (Imbalplast).G2: 1. Tommaso Motta (Vc.Sovico); 2. Riccardo Aziani (id); 3.Nicolas Sorrenti (Inzago). G3: 1.Anselmo Francesconi (Cremasca);2. Michela Giuliani (Ossanesga);3. Roberto Pasta (id). G4: 1.Martina Fidanza (Eurotarget);2. Mattia Redaelli (Vc Sovico); 3.Mattia Vitali (Imbalplast). G5: 1.Francesco Cornolti (Ossanesga);2. Tommaso Bramati (Inzago);3. Stefano Baffi (Cremasca). G6:1. Miriam Vece (Imbalplast); 2.Stefano Moro (Romanese); 3.Simone Sanvito (Vc Sovico).Michele ed EnricoMara ed EdeaBUSTO ARSIZIO (VA) (6/9)- La splendida giornata di verociclismo in quel di Busto Arsiziocon in palio i Trofei Michelee Enrico Mara e Edeache ha messo in evidenza moltigiovani promesse del ciclismoregionale. A.P.ORDINI DI ARRIVI- FEMMINILI - G1: 1.Sonia Rossetti (Besanese/Acqua&Sapone), 2. Pia FrancescaPuppio(San Macario). G2:1. Carlotta Fasolo (Dal ZovoBolladello), 2. Vanessa Musso(Lavena Coop), 3. Sonia Viggiano(Vertematese Co). G3: 1. ElisaStevenazzi (Dal Zovo Bolladello),2. Cassandra Bianchessi (LavenaCoop), 3. Arianna Rossetti(Besanese Acqua& Sapone). G4:1 Sara Margheritis (Caravatese/Inda), 2. Matilde Vallari (LavenaCoop), 3. Elisa Bertola (idem).G5: 1. Gaia Saporiti (Prealpino),2. Silvia Pollicini (Orinese), 3.Marcella Colombo (San Macario/Biolo). G6: 1. Giulia Menotti(Besanese), 2. Aliche Cucchetti(San Macario), 3. Gaia Amesz(Orinese). MASCHILI - G1: 1.Christian Bagatin (Orinese), 2.Alberto Bottesin (Dal Zovo), 3.Federico Tosetto (Prealpino).G2: 1. Lorenzo Cucchetti (SanMacario), 2. Federico Arioli(Orinese), 3. Lorenzo Pollicini(Orinese). G3: 1. Marco Braggion(Cassano 92), 2. Federico Mazza(Cassano 92); 3. DomenicoD’Amore (Lavena). G4: 1.Antonio Puppio (San Macario),2. Massimo Muraro (Prealpino),3. Matteo Cappai (Orinese). G5:1. Alessandro Covi (Orinese), 2.Lorenzo Gumiero (Prealpino),3. Andrea Dorio (Cassano 92).G6: 1. Simone Baggio (San PietroCassano Magnago), 2. AlessandroGiani (Cassano 92), 3. MatteoStocco (Cassano 92). SOCIETA’FEMMINILE 1. PolisportivaBesanese/Acqua& Sapone, p.17, 2. Dal Zovo p. 12. SOCIETA’MASCHILE 1. Cassano 1992, p.21, 2. Orinese p. 20, 3. Prealpinop. 16.32° Gran Premio AvisBUSCATE (6/9) - Domenicail calendario agonistico lombardoprevedeva l’effettuazionedi ben 10 gare e, il vicinoPiemonte, un’altra a Verunonel novarese. Era perciò prevedibileavere delle difficoltànel numero dei partecipantialla gara di Buscate, 32° GranPremio Avis, organizzato dallaSC Buscatese.Comunque, all’insegna deipochi ma buoni, gli organizzatoridi Buscate sono stati all’altezzadella loro professionalitàe passione. V.B.ORDINI D’ARRIVO - G1:1) Andrea Montoli (SCSaronni); 2) Marco Ceriani(Pedale Uboldese); 3) LorenzoFiasca (Pedale Uboldese).G2: 1) Guglielmo Cattaneo(Biringhello); 2) Nicholas Tirloni(VC Raffaele Marcoli-Turbigo);3) Alessio Cattaneo (Ossona).1. F: Francesca Ceriani (PedaleUboldese). G3: 1) Erika Bonati(Biringhello); 2) Silvia Magri (SCBusto Garolfo); 3) Matteo Rossi(Ossona). G4: 1) Luca Calcaterra(SC Saronni-Parabiago); 2) FabioBaggio (SC Busto Garolfo); 3)Nicolò Lucchini (SC Saronni-Parabiago). 1.F.: Silvia Lorenzin(Biringhello). G5: 1) ManuelBelloni (Rescaldinese); 2) FabioMereghetti (Busto Garolfo);3) Christopher Bastillo (VCRaffaele Marcoli-Turbigo). 1.F.: Valeria Simoncini (Saronni).G6: 1) Martina Alzini (SC BustoGarolfo); 2) Matteo Bonati(Biringhello-Rho); 3) AlessandroCorea (Biringhello-Rho).il Mondo del Ciclismo n.4089


ATTIVITÀ GIOVANILEil Mondo del Ciclismo n.4090Giovanissimi Umbria - Gare di luglio e agostoTrofeo della BattituraCITTA’ DI CASTELLO (PG)(18/7)- Al Trofeo della Battitura,la Gubbio ciclismo Mocaianaconquista sia la classificaa punteggio sia quella peril maggior numero di partecipanti.La prova era valide peril Trofeo Procacci Edilizia.ORDINI DI ARRIVO - G1M:1. Nicola Stocchi (Gubbiociclismo Mocaiana); 2, FrancescoLumia (Sgl Carbon Ciclismo);3. Stefano Nicoloso (idem);G1F: 1. Melania Righetti (UcFoligno); 2. Sara Becchetti(Gubbio ciclismo Mocaiana);3. Letizia Brufani (Uc Foligno);G2M: 1. Roberto Marcheggiani(Gubbio ciclismo Mocaiana); 2.Alessio Pantalla (Us Bovara); 3.Alessandro Pantosti (Uc Foligno);G2F: 1. Alessia Radu (Uc Cittàdi Castello); 2) Marina Laezza(Ciclo e Trekking); 3) ElisaNicoloso (Sgl Carbon Ciclismo);G3M: 1. Nicola Proietti Valeri (UcFoligno); 2. Nicolò Pencedano(Amici del pedale Gubbio); 3.Cristian Cirilli (Team EurobiciOrvieto); G3F: 1. AlessandraFavetta (Us Bovara); 2. AlessiaFavetta (idem); 3. Alice Calderini(Uc Città di Castello); G4M: 1.Nicola Cocchioni (Uc Nestor SeaMarsciano); 2. Leonardo Mosca(idem); 3. Lorenzo Quartucci(Uc Città di Castello); G4F:1. Anastasia Carbonari (FreePhotobike Team); 2. MartinaCozzari (Testi Cicli); 3. AliceFortuni (Uc Città di Castello);G5M: 1. Giordano Burocchi(Amici del pedale Gubbio);2. Matteo Damiani (Gubbiociclismo Mocaiana); 3. MircoBecchetti (idem); G5F: 1. MonicaVerdenelli (Free PhotobikeTeam); 2. Chiara Rinalducci (UsBovara); 3. Naomi Nucciarelli(Uc Nestor Sea Marsciano);G6M: 1. Michele Lupini (Gubbiociclismo Mocaiana); 2. MicheleBiondi (idem); 3. FedericoLumia (Sgl Carbon ciclismo);G6F: 1. Annamaria Bigi (Ciclo eTrekking); 2. Maria Peluso (UcFoligno).UC Foligno irresistibile5° Trofeo Sant’AnnaORVIETO (TR) (25/7) - Aconquistare la classifica apunteggio è stata l’UC NestorSea Marsciano insieme all’UCFoligno. La competizione eravalida per il Trofeo ProcacciEdilizia.ORDINI DI ARRIVO - G1M: 1.Francesco Lumia (Sgl CarbonCiclismo); 2. Stefano Nicoloso(idem); 3. Andrea Randello(Pedale Mancianese); G1F: 1.Melania Righetti (Uc Foligno);G2M: 1. Niccolò Minutolo (GsImperiale); 2. Alessio Pantalla (UsBovara); 3. Roberto Lachheb (UcNestor Sea Marsciano); G2F: 1.Gaia Cocchioni (Uc Nestor SeaMarsciano); 2. Marina Laezza(Ciclo e Trekking); 3. ElisaNicoloso (Sgl Carbon Ciclismo);G3M: 1. Cristian Cirilli (TeamEurobici Orvieto); 2. NicolaProietti Valeri (Uc Foligno);3. Giacomo Gargaglia (Testicicli); G3F: 1. Alessia Favetta (UsBovara); 2. Alessandra Favetta(idem); 3. Alice Calderini (UcCittà di Castello); G4M: 1.Nicola Cocchioni (Uc NestorSea Marsciano); 2. AlessioMambrini (Ss Grosseto); 3.Lorenzo Berti (idem); G4F: 1.Martina Cozzari (Testi Cicli); 2)Caris Cosentino (idem); G5M:1. Pasquale Abenante (TeamAbenante); 2. Armando Capasso(Gs Imperiale); 3. Federico Rosati(Uc Nestor Sea Marsciano); G5F:1. Alessandra Cecchini (Ct MassaMartana); 2. Chiara Rinalducci(Us Bovara); 3. Naomi Nucciarelli(Uc Nestor Sea Marsciano); G6M:1. David Pecorari (Ct MassaMartana); 2. Federico Lumia (SglCarbon Ciclismo); 3. MassimoCostanzo (Gs Imperiale); G6F:1. Annamaria Bigi (Ciclo etrekking); 2. Maria Peluso (UcFoligno); 3. Martina Mangoni (CtMassa Martana).Trofeo UmbraniaPERUGIA (1/8) - Un primoposto da dividere per la Gubbiociclismo Mocaiana e l’UCFoligno al Trofeo Umbrania.Ma a salire sul podio, come daregolamento, per quella a punteggiosarà ancora una volta laGubbio ciclismo Mocaiana.ORDINI DI ARRIVO - G1M: 1.Nicola Stocchi (Gubbio ciclismoMocaiana); 2. Francesco Lumia(Sgl Carbon ciclismo); 3. StefanoNicoloso (idem); G1F: 1. MelaniaRighetti (Uc Foligno); 2. SaraBecchetti (Gubbio ciclismoMocaiana); 3. Letizia Brufani (UcFoligno); G2M: 1. AlessandroPantosti (Uc Foligno); 2. SimoneTomassini (idem); 3. RobertoPedini (Amici del pedale Gubbio);G2F: 1. Alessia Radu (Uc Cittàdi Castello); 2. Elisa Nicoloso(Sgl Carbon ciclismo); 3. TonyaDrammis (Gs Avis Gualdo); G3M:1. Nicolò Pencedano (Amici delpedale Gubbio); 2. Nicola ProiettiValeri (Uc Foligno); 3. CristianCirilli; G3F: 1. AlessandraFavetta (Us Bovara); 2. AliceCalderini (Uc Città di Castello);3. Alessia Favetta (Us Bovara);G4M: 1. Leonardo Galardini(Uc Foligno); 2. Bruno Asllani(Amici del pedale Gubbio); 3.Giosuè Pannacci (idem); G4F:1. Martina Cozzari (Testi cicli);2. Sofia Pannacci (Amici delpedale Gubbio); 3. Alice Fortuni(Uc Città di Castello); G5M: 1.Giordano Burocchi (Amici delpedale Gubbio); 2. Nicola Stirati(Gubbio ciclismo Mocaiana); 3.Eddy Damiani (idem); G5F: 1.Alessandra Cecchini (Ct MassaMartana); 2. Chiara Rinalducci


ATTIVITÀ GIOVANILE(Us Bovara); 3. Naomi Nucciarelli(Nestor Sea Marsciano); G6M: 1.Michele Lupini (Gubbio ciclismoMocaiana); 2. Diego Verducci(Testi cicli); 3. Michele Biondi(Gubbio ciclismo Mocaiana);G6F: 1. Maria Peluso (Uc Foligno);2. Lucia Cavargini (Uc Città diCastello).3° Trofeo DLFMem. Aldo, Armando, FulvioCORVIA (PG) (8/8) - Il 3°Trofeo DLF - Memorial Aldo,Armando, Fulvio organizzatopresso il ciclodromo comunaleGiuseppe Casini ha visto l’UCFoligno conquistare in solitariasia la classifica a punteggiosia quella per numero di partecipanti.In entrambe le gare,valide per il Trofeo ProcacciEdilizia, sono stati oltre centoi giovani ciclisti al via.ORDINI DI ARRIVO - G1M: 1.Valentino Zucchini (Gs ArezzoBike); 2. Nicola Stocchi (Gubbiociclismo Mocaiana); 3. FrancescoLumia (Sgl Carbon ciclismo);G1F: 1. Melania Righetti (UcFoligno); 2. Sara Becchetti(Gubbio ciclismo Mocaiana);3. Letizia Brufani (Uc Foligno);G2M: 1. Simonluca Zucchini(Gs Arezzo Bike); 2. AlessandroPantosti (Uc Foligno); 3. AlessioPantalla (Us Bovara); G2F: 1.Gaia Cocchioni (Uc Nestor SeaMarsciano); 2. Marina Laezza(Ciclo e Trekking); 3. AlessiaRadu (Uc Città di Castello); G3M:1. Nicola Proietti Valeri (UcFoligno); 2. Cristian Cirilli (TeamEurobici Orvieto); 3. GiorgioRaffaele (Ciclo e Trekking); G3F:1. Alessandra Favetta (Us Bovara);2. Alessia Favetta (idem); 3. AliceCalderini (Uc Città di Castello);G4M: 1. Nicola Cocchioni (UcNestor Sea Marsciano); 2. MatteoRighetti (Uc Foligno); 3. LeonardoGalardini (idem); G4F: 1. MartinaCozzari (Testi Cicli); 2. CarisCosentino (idem); 3. Alice Fortuni(Uc Città di Castello); G5M:1.Federico Rosati (Uc NestorSea Marsciano); 2. Nicola Stirati(Gubbio ciclismo Mocaiana); 3.Mirco becchetti (idem); G5F: 1.Giulia Marchesini (Gs ArezzoBike); 2. Chiara Rinalducci (UsBovara); 3. Naomi Nucciarelli(Uc Nestor Sea Marsciano);G6M: 1. Michele Lupini (Gubbiociclismo Mocaiana); 2. MicheleBiondi (idem); 3. David Pecorari(Ct Massa Martana); G6F:1. Annamaria Bigi (Ciclo eTrekking); 2. Maria Peluso (UcFoligno); 3. Lucia Cavargini (UcCittà di Castello).Trofeo Giorgio TarpanelliSAN LORENZO DI BA-STIA UMBRA (PG) (15/8) -L’Uc Foligno si è imposta nellaclassifica a punti mentre laGubbio ciclismo Mocaiana inquella per partecipanti.ORDINI DI ARRIVO - G1M: 1.Nicola Stocchi (Gubbio ciclismoMocaiana); 2. AlessandroPastorelli (Amici del PedaleGubbio); G1F: 1. Melania Righetti(Uc Foligno); 2. Letizia Brufani(idem); 3. Sara Becchetti (GubbioMocaiana); G2M: 1. RobertoMarcheggiani (Gubbio ciclismoMocaiana); 2. Alessandro Pantosti(Uc Foligno); 3. Matteo Regnanti(Valdarnese); G2F: 1. AlessiaRadu (Uc Città di Castello); 2.Erica Maccarelli (Us Bovara);G3M: 1. Gabriele Tesi (GcVecchianese); 2. Mirco Castelli(idem); 3. Nicola Proietti Valeri(Uc Foligno); G3F: 1. LindaCastelli (Gc Vecchianese); 2.Valentina Premoli (Molinello); 3.Alessia Favetta (Us Bovara); G4M:1. Leonardo Mosca (Nestor SeaMarsciano); 2. Giosuè Pannacci(Amici del Pedale Gubbio); 3.Leonardo Galardini (Uc Foligno);G4F: 1. Anna Bertuccioli (ScPesarese); 2. Martina Cozzari(Gs Testi Cicli); 3. Sofia Pannacci(Amici del Pedale Gubbio);G5M: 1. Piergiorgio Cardarilli(Uc Anagni Cicli Nereggi); 2.Francesco Fontini (OlimpiaValdarnese); 3. Angelo Monticelli(Vc Mosciano); G5F: 1. AngelicaBrogi (Olimpia Valdarnese); 2.Alessandra Cecchini (Ct MassaMartana); 3. Naomi Nucciarelli(Nestor Sea Marsciano); G6M: 1.Michele Lupini (Gubbio ciclismoMocaiana); 2. Ilio Cacaj (ScPesarese); 3. Loris Gentile (VcMosciano); G6F: 1. AnnamariaBigi (Ciclo e Trekking); 2. MariaPeluso (Uc Foligno); 3. LuciaCavargini (Uc Città di Castello).Trofeo Massa MartanaMASSA MARTANA (PG)(22/8) - È ancora l’Uc Folignoa mettersi in evidenza al ciclodromodi Massa Martana,imponedosi sia nella classificaa punteggio sia in quella perpartecipanti.ORDINI DI ARRIVO - G1M:1. Valentino Zucchini (ArezzoBike); 2. Francesco Lumia(Sgl Carbon ciclismo); 3. LucaFalasca (Scuola di ciclismoSral); G1F: 1. Melania Righetti(Uc Foligno); 2. Sara Becchetti(Gubbio ciclismo Mocaiana);3. Letizia Brufani (Uc Foligno);G2M: 1. Simonluca Zucchina(Arezzo Bike); 2. RobertoMarcheggiani (Gubbio ciclismoMocaiana); 3. Alessio Pantalla(Us Bovara); G2F: 1. GaiaCocchioni (Uc Nestor SeaMarsciano); 2. Elisa Nicoloso(Sgl Carbon Ciclismo); 3. TonyaDrammis (Gs Avis GualdoTadino); G3M: 1. GiorgioRaffaele (Ciclo & Trekking);2. Nicola Proietti Valeri (UcFoligno); 3. Cristian Cirilli(Team Eurobici Orvieto);G3F: 1. Alessandra Favetta(Us Bovara); 2. Alessia Favetta(idem); 3. Alice Calderini (UcCittà di Castello); G4M: 1.Nicola Cocchioni (Uc NestorSea Marsciano); 2. LeonardoGalardini (Uc Foligno); 3.Hicham Mchaouri (Uc NestorSea Marsciano); G4F: 1. MartinaCozzari (Testi Cicli); 2. SofiaPannacci (Amici del pedaleGubbio); 3. Francesca Varziil Mondo del Ciclismo n.4091


ATTIVITÀ GIOVANILE(Uc Città di Castello); G5M:1. Federico Rosati (Uc NestorSea Marsciano); 2. GianlucaSfascia (Scuola di ciclismoSral); 3. Giulio Gubbiotti(Ct Massa Martana); G5F: 1.Alessandra Cecchini (Ct MassaMartana); 2. Giulia Marchesini(Arezzo Bike); 3. Silvia Casalini(Uc Foligno); G6M: 1. DavidPecorari (Ct Massa Martana);2. Federico Lumia (Sgl Carbonciclismo); 3. Tiziano Lanzano(Uc Foligno); G6F: 1. AnnamariaBigi (Ciclo & Trekking); 2.Claudia Minandri (Scuola diciclismo Sral); 3. Maria Peluso(Uc Foligno).il Mondo del Ciclismo n.40924° Trofeo EnelPIETRAFITTA (PG) (20/8)- Con l’organizzazione curatadalla Nestor Sea Marsciano,la nuova prova dell’UmbriaSpeed Skill, 4° Tr. Enel, è andata,come punteggio, alla PolisportivaAlbergo Del Tongo,mentre per numero di partecipantia trionfare sono stati igiovanissimi della Nestor SeaMarsciano.ORDINI DI ARRIVO - G1M: 1.Nicola Stocchi (Gubbio ciclismoMocaiana); 2. AlessandroPastorelli (Amici del PedaleGubbio); 3. Francesco Casalini(Pol. Albergo Del Tongo); G1F:1. Letizia Brufani (Uc Foligno);2. Melania Righetti (idem);G2M: 1. Roberto Lachheb(Nestor Sea Marsciano); 2.Alessio Pantalla (Us Bovara); 3.Roberto Marcheggiani (Gubbiociclismo Mocaiana); G2F: 1.Gaia Cocchioni (Nestor SeaMarsciano); 2. Sara Maggi (Pol.Albergo Del Tongo); 3. LauraFabbri (idem); G3M: 1. NicolaProietti Valeri (Uc Foligno);2. Daniele Petrocchi (Ciclo &Trekking); 3. Stefano Ceccarelli(idem); G3F: 1. Alessandra Favetta(Us Bovara); 2. Simona Batistini(Pol. Albergo Del Tongo); 3.Alessia Favetta (Us Bovara);G4M: 1. Nicola Cocchioni(Nestor Sea Marsciano); 2.Matteo Righetti (Uc Foligno); 3.Leonardo Galardini (idem); G4F:1. Martina Cozzari (Testi Cicli);2. Sofia Pannacci (Amici delPedale Gubbio); 3. Sara Umbri (ScPesarese).4° Trofeo Pietro VannucciBASTARDO (PG) (27/8) -Nuovamente sugli scudi i giovanissimidella Nestor SeaMarsciano che hanno conquistatola classifica a punteggionel 4° Tr. Centrale Enel PietroVannucci. Nella classifica perpartecipanti la vittoria è andataall’Uc Foligno. La garaorganizzata dalla Nestor SeaMarsciano era valida come ultimaprova dell’Umbria SpeedSkill 2009.ORDINI DI ARRIVO - G1M: 1.Nicola Stocchi (Gubbio ciclismoMocaiana); 2. Giulio Tomassini(Uc Foligno); 3. Luca Rolli (CtMassa Martana); G1F: 1. MelaniaRighetti (Uc Foligno); 2. LetiziaBrufani (idem); 3. Chiara Pecorari(Ct Massa Martana); G2M: 1.Roberto Marcheggiani (Gubbiociclismo Mocaiana); 2. RobertoLachheb (Nestor Sea Marsciano);3. Alessandro Pantosti (UcFoligno); G2F: 1. Gaia Cocchioni(Nestor Sea Marsciano); 2. EricaMaccarelli (Us Bovara); 3. TonyaDrammis (Avig Gualdo Tadino);G3M: 1. Giacomo Gargaglia(Testi Cicli); 2. Nicola ProiettiValeri (Uc Foligno); 3. DanielePetrocchi (Ciclo & Trekking);G3F: 1. Alessia Favetta (UsBovara); 2. Alina Nagorskaja(Pedale Spoletino); 3. AlessandraFavetta (Us Bovara); G4M: 1.Hicham Mchaouri (NestorSea Marsciano); 2. NicolaCocchioni (idem); 3. LeonardoMosca (idem); G4F: 1. MartinaCozzari (Testi Cicli); 2. SofiaPannacci (Amici del pedaleGubbio); G5M: 1. FedericoRosati (Nestor Sea Marsciano);2. Giulio Gubbiotti (Ct MassaMartana); 3. Giordano Burocchi(Amici del pedale Gubbio); G5F:1. Naomi Nucciarelli (NestorSea Marsciano); 2. AlessandraCecchini (Ct Massa Martana);3. Caroline Bartolomei (UcFoligno); G6M: 1. David Pecorari(Ct Massa Martana); 2. FedericoCasoni (Uc Foligno); 3. LorenzoBettelli (Gubbio Mocaiana);G6F: 1. Annamaria Bigi (Ciclo &Trekking).CLASSIFICA FINALE UMBRIASPEED SKILL 2009 - G1M: 1. JuriDoko (Us Bovara), punti 62; 2.Nicola Stocchi (Gubbio ciclismoMocaiana), 53; 3. FrancescoLumia (Sgl Carbon ciclismo),35; G1F: 1. Melania Righetti (UcFoligno), punti 95; 2. LetiziaBrufani (idem), 85; 3. ChiaraPecorari (Ct Massa Martana),28; G2M: 1. Alessio Pantalla (UsBovara), punti 94; 2. RobertoLachheb (Nestor Sea Marsciano),82; 3. Roberto Marcheggiani(Gubbio ciclismo Mocaiana), 61;G2F: 1. Gaia Cocchioni (NestorSea Marsciano), punti 115; 2.Erica Maccarelli (Us Bovara), 72;3. Tonya Drammis (Avis GualdoTadino), 59; G3M: 1. NicolaProietti Valeri (Uc Foligno), punti103; 2. Daniele Petrocchi (Cicloe Trekking), 75; 3. Matteo Grilli(Pedale Spoletino), 66; G3F: 1.Alessandra Favetta (Us Bovara),punti 96; 2. Alessia Favetta(idem), 88; 3. Alina Nagorskaja(Pedale Spoletino), 76; G4M:1. Nicola Cocchioni (NestorSea Marsciano), punti 106; 2.Matteo Righetti (Uc Foligno),81; 3. Leonardo Mosca (NestorSea Marsciano), 73; G4F: 1. CarisCosentino (Testi Cicli), punti 60;2. Martina Cozzari (idem), 40; 3.Sofia Pannacci (Amici del pedaleGubbio), 30; G5M: 1. FedericoRosati (Nestor Sea Marsciano),punti 83; 2. Giulio Gubbiotti (CtMassa Martana), 75; 3. JacopoTommasi (Us Bovara), 39; G5F:1. Naomi Nucciarelli (NestorSea Marsciano), punti 95; 2.Alessandra Cecchini (Ct MassaMartana), 78; 3. Silvia Casalini(Uc Foligno), 59; G6M: 1. DavidPecorari (Ct Massa Martana),punti 95; 2. Lorenzo Bettelli(Gubbio ciclismo Mocaiana), 57;3. Tiziano Lanzano (Uc Foligno),43; G6F: 1. Annamaria Bigi (Cicloe Trekking), punti 40; 2. MartinaMangoni (Ct Massa Martana), 20;3. Maria Peluso (Uc Foligno), 20.


ATTIVITÀ GIOVANILEGiovanissimi Toscana - Manifestazioni di agosto e settembreCop. Pieraccioni Tr.PultrisPONTASSIEVE (FI) - Buonsuccesso per la Coppa GiusvaPieraccioni-Trofeo Pultris. Trale vittorie più applaudite dellamanifestazione quella del corridorelocale Galli.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Riccardo Vivoli (Aquila); 2.Paolo Bonciani (Figlinese);3. Tommaso Becattini (id).G2: 1. Gianluca Di Monte(Figlinese); 2. Matteo Regnanti(Olimpia Vald.); 3. Giulio Tatini(Pontassieve Valdisieve). G3: 1.Fausto Galli (Pontassieve); 2.Lorenzo Viviani (G. Nencini); 3.Arlind Jahaj (Abitare Cornici).G4: 1. Daniele Lucherini (G.Nencini); 2. Alessandro Iacchi(Pontassieve Valdisieve); 3. ErosRugi (G. Nencini). G5: 1. GiacomoBaldacci (Seano One); 2. LorenzoRomanelli (Club Appenninico);3. Pietro Sarti (G. Nencini). G6:1. Tommaso Fiaschi (AbitareCornici); 2. Matteo Cantini(Sancascianese); 3. Gian MarcoBellucci (Abitare Cornici).FEMMINE: vittorie di VeronicaBandini (Club Appenninico),Giorgia Catarzi (Aquila), ElenaCantini (Sancascianese), DeboraTestini e Lucrezia Betti (SeanoOne), Veronica Arzilli (G.Nencini).6° Tr. Circolo RossiPRATO - La Pol. Millelucidi Casalguidi ed il Velo ClubSeano One, protagoniste nel6° Trofeo Circolo RicreativoRossi, organizzato dalla Cicl.Pratese 1927. In pratica solonella G1 le due società nonhanno vinto, per cui segnalazionea Veronica Bandini eFilippo Rio che hanno saputoimporsi in quella batteria.ORDINI D’ARRIVO - G1:1. Filippo Rio (BorgonuovoSuprafil); 2. Alessio Squilloni(Seano One); 3. Alessio Biagini(Milleuci). G2: 1. Samuele Petri(Milleluci); 2. Cristiano Dainelli(id); 3. Guido Cini (Appenninico).G3: 1. Alessandro Alduini(Milleluci); 2. Leonardo BrunettiVince la partecipazione(Borgonuovo); 3. Simone Sforzi(Sfinge). G4: 1. Andrea Innocenti(Seano One); 2. Niccolò Canton(Sfinge); 3. Mattia Russillo (id).G5: 1. Lorenzo Gistri (SeanoOne); 2. Diego Chiofalo (Sfinge);3. Alberto Mati (id). G6: 1.Giulio Pacini (Milleluci); 2.Andrea Batisti (id); 3. MattiaPacinotti (Borgonuovo Suprafil).FEMMINE: Successi di VeronicaBandini (Appenninico), AsiaNesti, Alessia Picariello, NicoleNesti (Milleluci), Chiara Gori,Lavinia Goti (Seano One).Trofeo ComitatoS. MAURO A SIGNA (FI) -Seconda edizione ed ancoraun ottimo successo per il Trofeo“Comitato per S. Mauroa Signa”, un gruppo di volontaripresieduto dall’appassionatoBiagio Laudisio e le cuiiniziative benfiche si svolgononella frazione signese. Aquesta riservata ai giovanissimidel pedale 120 partenticon la presenza degli assessoridel comune di Signa, MarinellaFossi e Adriano Paoli. Tra lesocietà presenti ha prevalso laGastone Nencini.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Tommaso Corsini (G. Nencini);2. Bianco (Empolese); 3. Bonciani(Figlinese). G2: 1. Gianluca DiMonte (Figlinese); 2. Crescioli(Stabbia); 3. Scacciaferro(Abitare). G3: 1. MarcelloMazzoleni (Ossanesga); 2.Nencini (F. Bessi); 3. Viviani(G. Nencini). G4: 1. GiuseppeBollecchino (Stabbia); 2.Lucherini (G. Nencini); 3.Cristofaro (id). G5: 1. LorenzoRomanelli (Appenninico); 2. Sarti(G. Nencini); 3. Sensi (F. Bessi).G6: 1. Tommaso Fiaschi (AbitareCornici); 2. Terri (CastelfiorentinoBCC); 3. Bettiol (id). FEMMINE:Vittorie di Giorgia Catarzi(Aquila), Gemma Sernissi (CampiBisenzio), Azzurra Aiello eValeria Arzilli (G. Nencini).XV Trofeo Caffè Mokarico,Coppa Vittorio PiniRABATTA (FI) - Un bel successoa Rabatta nel Mugellocon il XV Trofeo Caffè Mokarico-CoppaVittorio Pini, organizzatodal Club Ciclo Appenninico1907. A.M.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Tommaso Corsini (G. Nencini); 2.Armonio; 3. Soldi F. G2: 1. LucaEsposto (Borgonuovo Suprafil);2. Cugnach; 3. D’Ercole. G3:1. Ettore Mugnaini (Aquila);2. Nencini; 3. Viviani. G4: 1.Alessandro Iacchi (PontassieveValdisieve); 2. Lucherini; 3.Partenzi. G5: 1. Pietro Sarti (G.Nencini); 2. Ferri; 3. Allori. G6:1. Daniele Gocaj (BorgonuovoSuprafil); 2. Gatti; 3. Morotti.FEMMINE: vittorie di VeronicaBandini (Club Appenninico1907), Emma Gardi (SanternoFabbi Imola), Azzurra Aiello eValeria Arzilli (Nencini).Coppa dell’UnitàGRACCIANO (SI) - La localitàsenese ha ospitato grazieall’U.C. 2000 Brf di AlvenioBacci la Coppa dell’Unità. Unottimo successo per la rassegnain Valdelsa. A.M.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Bernardo Angiolini (PedaleSenese); 2. Bianchi; 3. Barba.G2: 1. Niccolò Cecionesi(Sancascianese); 2. Moroni; 3.Tanushi. G3: 1. Gianni Franchi(Abitare Cornici); 2. Terri; 3.Stampachiacchiere. G4: 1. MatteoBorsi (Seano One); 2. Innocenti;3. Giachi. G5: 1. GiacomoBaldacci (Seano One); 2. Barba; 3.Squilloni. G6: 1. Tommaso Fiaschi(Abitare Cornici); 2. Bettiol; 3.Terri.FEMMINE: Hanno vinto JasmineMori (Uc 2000 BRF), AdrianaPatogu (Castelfiorentino BCC),Vittoria Guazzini, DeboraTestini, Lavinia Goti (Velo ClubSeano One), Matilde Russo(Sancascianese Polimeccanica).Trofeo Taverna del GrilloCOLTANO (PI) - Sulla magnificapista ciclabile di 1300metri si è svolto a Coltanoil Trofeo Taverna del Grillo.Un’altra festa per i miniciclisti;in 140 al via, e prima societàla Coltano Grube Costruzioni.A.M.ORDINI D’ARRIVO - G1: 1.Gregorio Butteroni (MarinaCecina); 2. Moriconi; 3. Argelati.G2: 1. Tommaso Pozzolini(Mamma&Papà Fanini Livorno);2. Perazzolo; 3. Bettacchi. G3:1. Alessandro Del Ry (Butese);2. Mannari; 3. Taddei. G4: 1.Michael Cerri (Monte Pisano);2. Mansani; 3. Susco. G5: 1.Edoardo Sali (Team Valdinievole);2. Bevilacqua; 3. Bagnoli. G6: 1.Gabriele Puma (Coltano Grube);2. Santerini; 3. Luppicchini.FEMMINE: Vittorie di LetiziaFoggi e Sofia Turchetti (ColtanoGrube), Gaia Bevilacqua e EmmaBarsotti (Mamma&Pap‡ Fanini),Giulia Lorenzini (Marina Cecina),Lisa De Ranieri (Butese).8° G.P. PubblicaAssistenza Croce d’OroLIMITE SULL’ARNO (FI)- Immenso successo per l’8°G.P. Pubblica Assistenza Croced’Oro con 365 iscritti epoco meno di 300 partenti.ORDINI DI ARRIVO - G1:1) Elia Bianchi (Centro Avv.Sport); 2) Tommaso Corsini(G.Nencini); 3) Filippo Soldi(Borgonuovo). G2: 1) Gianluca DiMonte (Figlinese); 2) VincenzoFabbrica (Coltano Grube); 3)Giulio Tatini (Pontassieve).G3 (1^ b.): 1) Lorenzo Viviani(G. Nencini); 2) TommasoNencini (F. Bessi); 3) EttoreMugnaini (Aquila). G3 (2^ b.): 1)Tommaso Dalla Valle (Cassola2000); 2) Gabriele Matteucci(Amore&Vita); 3) Alex Giannini(id.). G4 (1^ b.): 1) AlessandroIacchi (Pontassieve); 2) DanieleLucherini (G. Nencini); 3)Andreail Mondo del Ciclismo n.4093


ATTIVITÀ GIOVANILEil Mondo del Ciclismo n.4094Innocenti (Seano One). G4 (2^ b.):1) Rocco Imbruglia (Pozzarello2000); 2) Filippo Magli (VeloClub BCC Signa); 3) LorenzoCataldo (Borgonuovo). G5 (1^b.): 1) Giacomo Baldacci (SeanoOne); 2) Guido Bagnoli (VeloClub BCC Signa); 3) LorenzoRomanelli (Appenninico). G5(2^ b.): 1) Edoardo Sali (TeamValdinievole); 2) Alessio Barba(Seano One); 3) Pietro Sarti(G.Nencini). G6 (1^ b.): 1) GabrielPuma (Coltano Grube); 2) RobertTrofin (Empolese); 3) DavidePegoraro (Cassola 2000). G6 (2^b.): 1) Nicolas Nesi (Amore&Vita);2) Alessio Santerini (ColtanoGrube); 3) Samuele Luppichini(id.). FEMMINE: vittorie diScarselli (Centro Avv. Sport),Asia e Nicole Nesti (Milleluci),Guazzini, Vezzosi e Betti (SeanoOne).Trofeo Due CircoliSETTIMELLO DI CALEN-ZANO (FI) - Grande successoper il Trofeo Due Circoli con200 concorrenti alla partenza.Tra le società presenti hannoparticolarmente brillato laNencini ed il Seano One.ORDINI DI ARRIVO - G1: 1)Tommaso Corsini (GastoneNencini); 2) Magli (Bcc Signa);3) Vivoli (Aquila). G2: 1)Andrea DíErcole (G. Nencini);2) Venturella (id.); 3) Esposto(Borgonuovo). G3: 1) MaicolSodini (Toscogas); 2) Viviani (G.Nencini); 3) Sforzi (Sfinge). G4(1^ b.): 1) Filippo Magli (BCCSigna); 2) Lucherini (G. Nencini);3) Canton (Sfinge). G4 (2^ b.): 1)Alessandro Iacchi (PontassieveValdisieve); 2) Cataldo(Borgonuovo); 3) Partenzi(G.Nencini). G5 (1^ b.): 1) PietroSarti (G. Nencini); 2) Negrotti(Empolese); 3) Prizzi (Itala). G5(2^ b.): 1) Edoardo Sali (TeamValdinievole); 2) Barba (SeanoOne); 3) Baldacci (id.). G6: 1)Cosimo Bettiol (CastelfiorentinoBCC); 2) Trofin (Empolese);3) Terri (Castelfiorentino).FEMMINE: Hanno vinto Betti,Guazzini, Vezzosi, Lucrezia Betti,Catarzi e Arzilli.Giovanissimi Lazio - Nelle gare di agosto e settembrePiccoli ciclisti cresconoCamp. regionale Gimkana1° Mini Trofeo BastianelliATINA (FR) - Spettacolarecarosello colorato di baby ciclistiimpegnati nelle provedi regolarità della Gimkana.La manifestazione era validacome prova del campionatoregionale ed alla fine sonostate assegnate le maglie dicampione regionale Lazio.Entusiasmo e applausi perpiccoli protagonisti. La manifestazioneorganizzata dalTeam Sabina di Atina è statavalida quale quarta provaChallenge E...state in Bici. Alraduno giovanile 150 miniciclisti del Lazio e dintorni.G.M.I CAMPIONI REGIONALIGIMKANA - GM1 - MarzialeLuca (ASACI); GF1 - LiveraniChiara (Vigili del Fuoco Cinelli);GM2 - Santangeli Danilo (U.C.Anagni Cicli Nereggi); GF2- Cellini Irene (GS FontanaAnagni); GM3 - Magon Flavio(Vigili del Fuoco Cinelli); GF3- Capobianchi Giada (ASD CicliCapobianchi); GM4 - PassaYuri (GS Fontana Anagni); GF4- Baglione Francesca Maria(GS Fontana Anagni); GM5- Altobelli Gioele (Vigili delFuoco Cinelli); GF5 - RecchiaFrancesca (U.C. Alatri TotiTrans); GM6 - Galeno Fabrizio(ASD Lido Bike); GF6 -Capobianchi Giorgia (ASD CicliCapobianchi).Trofeo Lazio MtbNAZZANO (30/8) - Si èsvolto a Nazzano, localitàMeana, ospiti del bellissimohabitat della Riserva NaturaleTevereFarfa, il Baby CrossCountry Trofeo Lazio MTBJunior - riservato alla categoriagiovanissimi Under 12.Al raduno giovanile, 45 miniatleti tra agonisti e principianti.Ad organizzare ilbaby fuoristrada il Team PedalaPiano di Castelnuovo diFarfa (RI). G.M.ORDINI DI ARRIVO - GM1- 1. Di Vito Andrea (GSFontana Anagni); GM2 - 1.Baldestein Raul (Emporio delCiclo); 2. Sabatini Daniele(ASD Soriano Ciclismo); GM3- 1. Menicacci Michael (ASDSoriano Ciclismo); 2. MorganiAndrea (idem); 3. TirabassiGabriele (Emporio del Ciclo).GF3 - 1. Sciuto Sara (PuntoBici Aprilia); 2. Mercuri Sophie(ASD Soriano Ciclismo);3. Mazzetta Claudia (VIII^Legione Romana); GM4 - 1.Morini Antony (GS FontanaAnagni); 2. Maracci Riccardo(Asd Soriano Ciclismo); 3.Andolfi Lorenzo (Punto BiciAprilia). GF4 - 1. NasoniNaima (Punto Bici Aprilia).GM5 - 1. Filippi Cristian(ASSD Soriano Ciclismo); 2.Cillo Alessandro (Emporio delCiclo); 3. Capagni Leonardo(ASD Soriano Ciclismo). GF4- 1. Tufi Maria Laura (GSFontana Anagni). GM6 - 1.Proietti Federico (ASD SorianoCiclismo); 2. Dandolo Pierluca(MTB Mntefiascone); 3. CapatiDaniele (ASD Grotte di Castro).Gran Premio G.S. FontanaAnagni - PantanelloANAGNI (FR) - Si è svolta adAnagni (Fr) località Pantanellola tradizionale gara in notturnaabbinata a “E...state inBici “ promossa dal ComitatoProvinciale di Frosinone.Al raduno è convenuta unapresenza festosa giovanilemaschile e femminile. Ad organizzareè stato chiamatolo storico Team GS FontanaAnagni. G.M.ORDINI DI ARRIVO - GM1- 1. Marziale Luca (ASACI); 2.Margiotti Cristia (UC AnagniCicli Nereggi); 3. Di MauroMattia (idem). GF1 - 1. FioriniFrancesca (UC Anagni CicliNereggi); 2. Liverani Chiara(Vigili del Fuoco Cinelli). GM2-1. Spaziani Andrea (FontanaAnagni); 2. Retarvi Giampaolo(idem); 3. Santangeli Danilo (UCAnagni Cicli Nereggi). GF1 - 1.Cellini Irene (Fontana Anagni).GM3 - 1. Passa Jodi (FontanaAnagni); 2. Magon Flavio (Vigilidel Fuoco Cinelli); 3. ParravanoFrancesco (UC Alatri TotiTrans). GF3 - 1. Bellotti Asia(UC Alatri Toti Trans); 2. RinnaFrancesca (ASACI). GM4 - 1.Passa Juri (Fontana Anagni);2. Gratissi Valerio (idem); 3.Rotondi Mattia (UC AnagniCicli Nereggi). GF4 - 1. BaglioneFrancesca Maria (FontanaAnagni). GM5 - 1. CaradrilliPiergiorgio (UC Anagni CicliNereggi); 2. Ciorlano Raffaele(Auriemma); 3. Altobelli Gioele(Vigili del Fuoco Cinelli). GF5-1. Recchia Francesca (UC AlatriToti Trans). GM6 - 1. RetarviFrancesco (Fontana Anagni);2. Romano Andrea (ASACI); 3.Caradarilli Marco (UC AnagniCicli Netreggi).1° Trofeo Città di MoroloMOROLO (FR) - Applauditaesibizione dei mini bikersregionali - Assegnati i titoliprovinciali di Mountain Bikenella bella e divertente riunioneciclistica a Morolo (FR) inoccasione della 1^ EdizioneTrofeo Città di Morolo MTB).La manifestazione ben organizzatadal Team GS FontanaAnagni ha visto al via 55 piccoliatleti in rappresentanza di10 società.Giovanni MaialettiCAMPIONI PROVINCIALI- GM1: Di Vito Andrea; GF1:Scarchilli Cecilia; GM2: SpazianiAndrea; GF2: Cellini Irene; GM3:Passa Jodi; GM4: Morini Antony;GF4: Baglione Maria Francesca;GM5: Guglielmetti Diego; GF5:Tufi Maria Laura.


Acacia Edizioni presenta:NAUTILUSdi Maurizio DecollanzMistero, cultura, storia e spiritualità in teatroIn collaborazione con le riviste:Hera, Cronos, Notiziario Ufo, Area di Confine,Misteri di Hera e RockstarLe serate Nautilus saranno condotte da Maurizio DecollanzLunedì 12 ottobreHera e Cronos presentano:Il mistero dei Templari. Una vicenda storicaonnipresente nelle epoche successive.Intervengono Giovanni Francesco Carpeoro, Vittorio DiCesare, Vincenzo Dell’Aere, Pierluigi Tombetti.Altri ospiti in via di defi nizione.Lunedì 19 ottobreArea di Confi ne presenta:Misteri sulle civiltà sepolte: forse provenientida un Altrove lontano?Intervengono Ennio Piccaluga, Giorgio Pastore.Altri ospiti in via di defi nizione.Lunedì 9 novembreCronos presenta:Effetto Qumran. Il contributo della scoperta dei Rotolidel Mar Morto fino alla nascita di una “new religion”Interviene Vittorio Di Cesare.Altri ospiti in via di defi nizione.Domenica 15 novembreArea di Confi ne presenta:Ossimoro MarteInterviene Ennio Piccaluga.Altri ospiti in via di defi nizione.Lunedì 30 novembreNotiziario Ufo presenta:Ufo e IntelligenceInterviene Roberto Pinotti.Altri ospiti in via di defi nizione.Domenica 6 dicembreHera e Rock Star presentano:Simboli esoterici nella musicagiovanile.Ospiti in via di defi nizione.Lunedì 18 gennaio 2010Notiziario Ufo presenta:Ufo: da Caronia alle risposte.Interviene Roberto Pinotti.Altri ospiti in via di defi nizione.Domenica 24 gennaio 2010Area di Confi ne presenta:Ricordando L’Aquila:il terremoto nove mesi dopo.Interviene Ennio Piccaluga.Altri ospiti in via di defi nizione.Lunedì 15 febbraio 2010Cronos presenta:Conspiracy. Cospiratori e cospirazioni,esiste davvero una lobby che controllai controllori del mondo?Interviene Vittorio Di Cesare.Altri ospiti in via di defi nizione.Domenica 21 febbraio 2010Notiziario Ufo presenta:Alieni: dal caso Amiciziaad un incontro annunciato.Interviene Roberto Pinotti.Altri ospiti in via di defi nizione.Lunedì 15 marzo 2010Cronos presenta:Codice Cronos.Archeologia e storia possono essere usateper fini politici?Interviene Vittorio Di Cesare.Altri ospiti in via di defi nizione.Domenica 21 marzo 2010Hera e Cronos presentano:Misteri del Cristianesimo.Ospiti in via di defi nizione.Gli incontri si terranno presso il Teatro San Babila, ingresso Corso Venezia 2/A - MI - alle ore 20,30 Per informazioni telefonare allo 02.795469oppure allo 02.76002985. I biglietti si acquistano direttamente in biglietteria il giorno dell’incontro Ingresso € 15

More magazines by this user
Similar magazines