Acta Ordinis Fratrum Minorum - OFM

ofm.org

Acta Ordinis Fratrum Minorum - OFM

E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS 269– «constatato che:• la Ratio Formationis Franciscanae è ilfrutto di un processo di riflessione e diapprofondimento avvenuto nell’Ordinea vari livelli;• è l’orientamento fondamentale per laformazione sia iniziale che permanentedel Frate Minore oggi;• le nostre leggi richiedono la redazione diuna Ratio Formationis a livello provinciale,– si propone che il Ministro generale, con ilsuo Definitorio, approvi quanto prima laRatio Formationis Franciscanae per tuttol’Ordine, e stimoli le Province a redigere alpiù presto la loro Ratio Formationis» 47 .L’11 marzo 1991, con decreto del Ministrogenerale, viene promulgata la Ratio FormationisFranciscanae 48 . Nello stesso decreto sistabilisce che ogni Entità deve avere la propriaRatio Formationis.La Ratio promulgata non vuole essere tantoun documento giuridico, ma una propostaall’Ordine dei principi che devono animaree orientare l’azione formativa francescana alivello dell’Ordine, proponendo ispirazione,principi, linee programmatiche e metodi pedagogicicosì che il Frate Minore di oggi abbiala possibilità di formarsi nella sua realtà concretae venga, nello stesso tempo, assicuratala necessaria unità e coerenza al programmadi formazione permanente e iniziale che ogniEntità è chiamata ad elaborare.La Ratio Formationis Franciscanæ, nell’affrontarei diversi aspetti della formazione, siprefigge di presentare gli elementi fondamentalicon i quali i Frati e ogni candidato possanovivere la sequela di Cristo come compitofondamentale della formazione francescana eavere Gesù Cristo povero, umile e crocifissocome unico Maestro sull’esempio di san Francesco.La Ratio Formationis Franciscanae è divisain tre parti: 491. Vocazione evangelica del Frate Minore. Hacome punto di partenza l’art. 1 delle Costituzionigenerali, i principi e i valori tipicamentefrancescani dei primi cinque capitolidelle stesse Costituzioni. Fondandosi principalmentesugli Scritti di san Francesco esulle Costituzioni si sottolineano le principalicaratteristiche della vita del Frate Minoreoggi, fondamentali per la formazionesia permanente che iniziale.2. La formazione francescana. Comincia conuna breve esposizione del modello che deveessere sempre presente, cioè san Francesco,esempio di vita e di formazione francescana.Continua, quindi, con l’esposizione deitemi principali, seguendo sempre la stessastruttura del capitolo VI delle Costituzioni.3. Formazione generale, teologica, professionalee ministeriale nello spirito francescano.Si fa riferimento al titolo VI del Cap.VI delle Costituzioni: «altri aspetti dellaformazione». Dopo un’introduzione dovesi espongono le motivazioni di fondo diun’adeguata e solida formazione per giungeread essere testimoni ed annunciatori efficacidella Parola di Dio e collaboratori nelservizio della Chiesa, vengono sviluppatiquattro aspetti principali:1. la formazione generale;2. la formazione teologica;3. la formazione professionale;4. la formazione ai ministeri.La RatioFormationis Franciscanae del 2003Dopo la pubblicazione nel 1991 della RatioFormationis Franciscanæ è iniziata la fasedell’applicazione delle sue indicazioni nellaformazione permanente e nella formazioneiniziale, e viene avviata nelle Entità l’elaborazionedelle proprie Ratio Formationis comerichiesto dalla stessa Ratio per la Fraternitàuniversale.Nel frattempo vengono pubblicati dalla Curiagenerale due documenti che riguardano siala formazione che gli studi. Sono i frutti dellariflessione, sull’ampia area di formazione, checontinua nei Convegni Internazionali di Formazione.Dopo il Congresso dei Moderatori per laFormazione permanente (1993), il 2 agosto1995 viene pubblicato il documento: Laformazione permanente nell’Ordine dei FratiMinori 50 . «Il presente documento si prefigge– si legge all’inizio del testo – di approfondirelo spirito, i contenuti e la necessità della formazionepermanente del nostro Ordine, giàesposti nella Ratio Formationis Franciscanæ;di incoraggiare i frati a rispondere ad essa congenerosità, offrendo inoltre alcuni mezzi eproposte concrete per poter organizzare adeguatamentela formazione permanente a tutti ilivelli delle Fraternità» 51 .Il 25 marzo del 2001 viene promulgata, condecreto del Ministro generale, Fr. GiacomoBini, la Ratio Studiorum dell’Ordine dei Frati

More magazines by this user
Similar magazines