Acta Ordinis Fratrum Minorum - OFM

ofm.org

Acta Ordinis Fratrum Minorum - OFM

E SECRETARIATU PRO FORMATIONE ET STUDIIS 271Questa è la struttura della nuova RFF, secondola sintesi fatta nella presentazione: 66– mantiene e arricchisce i contenuti dellaRFF del 1991;– inerisce tre capitoli nuovi:• la pedagogia francescana;• la formazione alla vita evangelica delFrate Minore;• l’accompagnamento vocazionale.Dà una nuova struttura a quattro capitoli eaggiunge tre appendici:– vocazione evangelica del Frate Minore (nn.3-35);– formazione francescana ( nn. 36-106);– tappe formative (nn.107-216);– formazione teologica, ministeriale e tecnica(nn. 217-240);– Appendici:• Segretariato provinciale per la Formazionee gli Studi.• Segretario provinciale per la Formazionee gli Studi.• Moderatore per la formazione permanente.I tratti generali che definiscono la RFF del2003 sono:– Globalità: considera la FP come l’humusdella FI, come dicono le Costituzioni.– Specificità: è una Ratio fatta dai Francescaniper i Francescani.– Flessibilità: ogni Entità deve adattarla allapropria realtà con una propria Ratio Formationis.– Personalismo: al centro sta la persona. Laformazione è un processo di unificazione.La Ratio opta chiaramente per la personalizzazionecome modalità formativa.– Ecclesialità: la formazione si realizza inpiena comunione con la Chiesa.– Aperta al mondo attuale: la formazione esigedi essere inculturata nel suo contesto.ConclusioneDopo questo lungo e laborioso excursus delcammino verso la Ratio Formationis Franciscanae,mi sia permesso di accennare ad alcunipunti che sono stati ritenuti importanti in questoitinerario.– È stato un cammino di comunione con laChiesa. Il decreto Perfectae Caritatis è statoil punto di partenza per la riforma dellavita religiosa, mentre l’Esortazione apostolicaVita Consecrata è stato la conferma ecclesialedell’orientamento già intrapreso.– È stato un cammino parallelo a quello cheha portato al rinnovamento delle Costituzioni.Queste sono le Costituzioni della sequelaChristi, asse trasversale del rinnovamentodella formazione.– L’identificazione della sequela Christi comel’obiettivo sia delle Costituzioni chedella formazione è un’intuizione che ha influitosu tutto il cammino verso la Ratio.– La Ratio è una Ratio per la formazione permanente.Questo è ben chiaro fin dall’inizio,anche se non sempre riconosciuto. Sì, non èuna Ratio per la formazione iniziale e poi perla formazione permanente. Il superamentodi questo fraintendimento, forse, costituisceuna sfida per il futuro: capire che la formazioneè per tutti e per sempre, perché possaessere offerta come accompagnamento vocazionalealle nuove generazioni.– È stato un cammino partecipato con un dinamismoche rispecchia la vitalità dell’Ordine,evidenzia la tensione dinamica su comeformare al proprio carisma.– La partecipazione e la comunione, l’unificazionee la chiarificazione, la formazionedella stessa formazione, sono elementi dellastessa formazione permanente che, pertutto l’Ordine, è stato il processo di elaborazionedella Ratio.– Il punto di partenza è stato sempre l’esperienza,“luogo” della formazione nell’Ordine.Forse questo ha evitato che si facesseuna Ratio troppo teorica.– È stato un processo ingente: si trattava, infatti,di chiarificare e di crescere nella nostraidentità francescana, di riuscire ad indicarecome inserirla in ogni tappa formativa.– Si deve riconoscere, particolarmente nellaRFF del 2003, lo sforzo fatto per articolareuna pedagogia francescana propria, perassumere l’accompagnamento come l’artedella formazione, per indicare la modalitàdella formazione alla vocazione evangelicadel Frate Minore, per rendere più pratica eversatile la RFF.– La RFF è una realtà dinamica: anzitutto,perché la vita e il Vangelo lo sono; poi, perchéla nostra vocazione è di Dio e solo diDio; inoltre, perché la RFF è fatta per essereincarnata in ogni Entità che vive situazionidel tutto particolari; infine, essendo unostrumento per la vita, la Ratio è soggetta arielaborazioni continue, perché il mondocambia e noi non possiamo rimanere fermi.– Molto spesso si parla della nostra improvvisazione…e mancanza di organizzazione!

More magazines by this user
Similar magazines