Quaderno inviato da Italia Nostra, Legambiente e WWF - Urban Center

comune.genova.it
  • No tags were found...

Quaderno inviato da Italia Nostra, Legambiente e WWF - Urban Center

La Grondadi GenovaDIBATTITO PUBBLICO1 febbraio - 30 aprile 2009Quadernodegli attoriPresentato da ITALIA NOSTRA ONLUS, LEGAMBIENTE LIGURIAONLUS, WWF SEZIONE REGIONALE LIGURIA7 MARZO 2009


Quaderno degli attoriITALIA NOSTRA, LEGAMBIENTE, WWFLA GRONDA E GLI SCENARI DI TRAFFICO E DELLA MOBILITÀStudiare il movimento sul territoriodi persone e cose implica strategiedi ricerca che riguardano economia,urbanistica, sociologia, logistica,salute dei cittadini, ecc.È necessario dunque parlare nonsolo di viabilità e di traffico limitandosia considerare la singola infrastruttura,ma collocare il problemain un’ottica complessiva che studitutte le forme di mobilità ed usodel territorio.Partendo da questo concetto-base,le osservazioni fino ad ora espostedalle scriventi associazioni ambientaliste,pur realizzate con il contributodi esperti e professionisti delsettore a livello europeo, si basanoin larga parte su dati per lo più nonaccessibili al pubblico o, altrimenti,solo mediante formale richiestaagli enti pubblici.Oggi, mediante il Dibattito Pubblico,cosa mai avvenuta prima, tuttiquesti soggetti siedono allo stessotavolo pubblicamente.Dunque, da questo incontro, per ilbene collettivo le Associazioni si attendonoda questi l’impegno di unafattiva, costruttiva e continuativacollaborazione tra essi e la pienatrasparenza nei confronti dei cittadini.In primo luogo mettendo in comunestudi e dati aggiornati alla situazionereale (quindi più puntuali e terzirispetto a quelli messi a disposizioneda ASPI) che consentano diapprofondire e rendere meno settorialii propri elaborati.A tale scopo le Associazioni rimarcanola necessità, come condizioneessenziale per una corretta impostazioneed un’efficace gestione deldibattito, che studi e dati venganoresi di pubblico dominio in un climadi effettiva trasparenza e partecipazione.A questa prima giornata di approfondimento,per la correttezza delDibattito dovrà seguire un incontropubblico in cui le Associazioni ambientaliste(portatrici di interessidiffusi), comitati e cittadini possanoreplicare con proprie osservazioni eproposte utilizzando anche gli studied i dati emersi in questa giornata,quelli che le amministrazioni ei soggetti interessati avrebbero dovutomettere a disposizione primadi iniziare il confronto.Si segnala che, essendo la documentazionedi ASPI ampiamentelacunosa nei suoi aspetti trasportisticidi dettaglio e totalmenteelusiva sugli aspetti economici-finanziari,come rilevato anche nella“Dichiarazione di apertura delDibattito Pubblico” redatta dalla1


Quaderno degli attoriITALIA NOSTRA, LEGAMBIENTE, WWFstessa Commissione, tutto il Dibattitopossa risultarne viziato a menoche non si acquisiscano per tempotutti gli elementi come più avantiindicato.Le Associazioni chiedono con forzal’apertura di tavoli di lavoro tematici(non puramente territoriali) dovepoter esprimere, argomentando, leproprie posizioni, chiarire ed approfondiregli aspetti ignoti o controversi.In tal modo il Dibattito pubblico potrà,considerando tutti gli elementi,proseguire nel modo migliore.Su questa linea si coglie l’occasionedi formulare ad enti e tecnicipresenti, così come ha fatto e faràla Commissione, le seguenti richieste:• agli uffici tecnici di mobilità etraffico del Comune di Genova:rendere disponibili i dati acquisititramite gli studi effettuati perl’elaborazione del PUM (PianoUrbano della Mobilità) per unavalutazione oggettiva della mobilitàurbana;• all’Autorità Portuale: a) esplicitarein modo chiaro e definitivoquali sviluppi del porto prefiguranei prossimi anni, anche considerandole possibili variazioniapportate dall’attuale condizioneeconomica internazionale; b)fornire finalmente ad ASPI dati estime aggiornate;• a RFI (Rete Ferroviaria Italiana):chiarire definitivamente il propriopiano di potenziamento dellarete, tempi e capacità di trasferiredomanda di trasporto dagomma a ferro considerando lostato attuale e di previsione;• ad ASPI: a) fornire finalmentedati aggiornati e scorporati suorigine-destinazione dei flussiautostradali integrandoli conquelli cittadini; b) fornire unostudio costi-benefici dell’opera.• Regione, Provincia e Comune:basare su dati e studi oggettivi econdivisi, anche grazie all’attualeDibattito Pubblico, le decisionipolitiche di propria competenzarelative alla costruzione dellaGronda o alle possibili alternativeche, rispetto a questa, dovesserorisultare più efficaci alraggiungimento dello scopo.2


Quaderno degli attoriITALIA NOSTRA, LEGAMBIENTE, WWFCommissione per il Dibattito Pubblico sulla Gronda di Genovac/o Ufficio Città Partecipata – Comune di Genova – Via di Mascherona, 19 – 16123 – GenovaTel. 010/20976208 – Sito web: http://urbancenter.comune.genova.itMail: commissionedibattitopubblico@comune.genova.it3

More magazines by this user
Similar magazines