METODOLOGIA DELLA RICERCA PSICOLOGICA Organizzazione ...

dfpp.univr.it
  • No tags were found...

METODOLOGIA DELLA RICERCA PSICOLOGICA Organizzazione ...

06/10/2013METODOLOGIA DELLARICERCA PSICOLOGICACorso di laurea inScienze della formazione nelle organizzazionia.a. 2013/14INTRODUZIONE ALLA METODOOGIA DELLARICERCA IN PSICOLOGIAOrganizzazione del corsoObiettivi formativi:• sviluppare una serie di concetti fondamentali econoscenze critiche sul processo di ricerca inpsicologia;• sviluppare delle abilità che permettano diesaminare e valutare criticamente le ricerche inambito psicologico;• mettere in grado di impostare un lavoro di ricercapersonale.Organizzazione del corsoLezioni frontali sul programma, a partire daidue libri consigliati, per affrontare i contenutidel corsoEsercitazioni pratiche in aula informaticaattraverso le quali i/le partecipanti sarannomessi/e in grado di impostare un lavoro diricerca personale, di costruire delle basi dati,e di fare elaborazioni di caratterequantitativo sui dati.1


06/10/2013Lezioni frontaliSi darà spazio alla disciplina inmodo sistematico, seguendo ladisposizione dei contenuti comeè presentata nei testi diriferimentoLaboratorioSi faranno esercitazioni praticheper l’acquisizione di competenzerispetto ad alcuni contenutipresentati durante le lezionifrontaliModalità dell’esameVerifica scritta:• 32 domande a scelta multiplaColloquio orale:• Analisi di un report scientifico di ricerca in psicologia, dalpunto di vista del metodo e dell’analisi dei datiLa parte orale determina la valutazione finale con un peso inferiorerispetto alla parte scritta:peso dello scritto = 4peso dell'orale = 12


06/10/2013Testi per la parte scrittaDi Nuovo S., Hichy Z. (2007) Metodologiadella ricerca psicosociale, Il Mulino,Bologna.Lucidi, F., Alivernini, F., Pedon, A. (2008)Metodologia della ricerca qualitativa, IlMulino, Bologna.Report di ricerca utili per lapreparazione della parte orale• Proposta 1. Possibili distorsioni nelleindagini a risposte aperte• Proposta 2. Un programma basato sul teatroper gli adolescenti immigrati• Proposta 3. Clima organizzativo di sicurezzae insicurezza lavorativa• Proposta 4. Giustizia organizzativaCome nasce una ricercaQuando si conduce una ricerca bisogna seguire delleregole precise.Le fasi della ricerca sono:• Identificazione del problema di ricerca;• Studio delle teorie;• Definizione delle variabili;• Pianificazione del disegno di ricerca;• Osservazione;• Analisi dei dati;• Interpretazione dei dati;• Comunicazione dei risultati.93


06/10/2013La scelta dell’argomentoe l’analisi della letteratura• Studio delle teorie che si sono occupate diun argomento di cui sono “curioso”• Verifica degli studi già condotti:• Concordanze (superfluo insistere, a meno dinon modificare condizioni e contesti)• Discordanze (più interessanti per approfondirela teoria)La scelta dell’argomentoe l’analisi della letteratura• Consultazione delle banche dation-line: PsychInfo, Medline…• Motori di ricerca: GoogleScholar…• Sistema bibliotecario di ateneoDalla teoria al modello• Teoria: caratteristiche ideali• Modello: Verificabile,operazionalizzazione delleipotesi di ricerca4


06/10/2013Dalla teoria al modelloTeoriaModelloModelloModelloIpotesiIpotesiIpotesiIpotesiIpotesiOgni teoria può generare più modelli, ognuno dei qualipuò dare vita a più ipotesi.13Le variabiliUna variabile è qualsiasi caratteristica (fisica opsichica) che può assumere valori diversi in undato intervallo. Una variabile, quindi, è qualsiasicaratteristica che, almeno teoricamente, può esseremisurata.Le variabili possono essere distinte in base a:• il livello di misurabilità;• l’oggetto a cui sono associate;• il ruolo che assumono nella ricerca.14Definizione delle variabiliPer quanto riguarda il livello di misurabilità, levariabili si distinguono in continue e discrete.• Si dice continua una variabile che, in teoria, puòassumere qualsiasi valore della serie numericacompresa tra due punteggi. L’altezza di unapersona, ad esempio, può essere di 160 cm, 161cm, ma anche di 161,23 cm.• Una variabile è discreta, invece, quando non puòassumere qualunque valore tra due punteggi. Adesempio, il numero di figli di una famiglia puòessere 3 o 4, ma non 3,25.155


06/10/2013Definizione delle variabili• Variabili:– Indipendenti– Dipendenti– Intervenienti o di disturboDefinizione delle variabiliLe variabili indipendenti e dipendenti vengono anchedefinite rispettivamente variabile stimolo e variabilerisposta.• Le variabili stimolo sono gli eventi che causano uneffetto su un organismo (ad es., cibo)• Le variabili risposta sono le reazioni che unorganismo ha in seguito alla stimolazione (ad es.,salivazione)17Formulazione del piano della ricercaIn questa fase il ricercatore compie una serie di scelteche portano a delineare il disegno di ricerca. Esseriguardano:• i partecipanti da sottoporre alle prove,• le condizioni in cui condurre le osservazioni,• gli strumenti di misura più affidabili,• i metodi più appropriati per codificare i dati,• i test statistici per analizzare i dati.186


06/10/2013Piani di ricerca• Sperimentali (manipolazione della v.i.e controllo delle v. intervenienti o didisturbo)• Quasi-sperimentali (non è possibilemanipolare le v.i., oppure il controllodelle v. intervenienti è limitato)• Non sperimentali7

More magazines by this user
Similar magazines