Leggi - Parrocchia di Ascona

parrocchiaascona.ch
  • No tags were found...

Leggi - Parrocchia di Ascona

Anno XIII n. 3Autunno 2008Bollettino Parrocchiale di AsconaNNO PAOLINO2008-2009


Parrocchia dei Santi ApostoliPietro e Paolo - AsconaMesse domenicali e festiveS. Messa prefestiva ore 16.15 Casa BelsoggiornoS. Messa prefestiva ore 17.30 S. PietroS. Messa festiva ore 08.00 S. Maria (Collegio Papio)S. Messa Comunità Croata ore 09.30 S. MariaS. Messa della Comunità ore 10.00 S. PietroS. Messa delle famiglie,giovani, ragazzi e bambini ore 11.15S. PietroS. Messa in lingua tedesca,(da giugno ad agosto) ore 11.15 S. PietroS. Messa festiva ore 20.30 S. MariaMesse FERIALILunedì ore 07.00 S. Maria (Collegio Papio)Martedì ore 07.00 S. Mariaore 18.30 Centro S. MicheleMercoledì ore 07.00 S. Mariaore 16.15 Casa BelsoggiornoGiovedì ore 07.00 S. Mariaore 18.30 Centro S. MicheleVenerdì ore 07.00 S. MariaSabato ore 08.00 S. MariaHeilige Messen auf Deutsch in LOCARNOSamstag 18.00 Uhr S. FrancescoSonntag 10.00 Uhr S. FrancescoSonntag 11.00 Uhr Madonna del SassoRecapiti telefoniciDon Massimo Gaiavia Collegio 5tel. 091 791 21 51Natel 079 659 15 91Centro parrocchialeS. Michelevia Muraccio 21tel. 091 791 47 37Casa Belsoggiornovia Medere 18tel. 091 786 97 97SagrestiaChiesa di S. Pietrotel. 091 791 06 76Chiesa di S. Mariae Collegio Papiotel. 091 785 11 65Possibilità di confessioniIn S. Maria sempre, specialmente prima e dopole celebrazioni eucaristiche d’orarioIn copertinaSan Pietro e San Paolo


Paolo rompe le catene che rischiavano dirinchiudere la prima comunità nell’ambitoangusto di una piccola setta ebraica eapre al cristianesimo un orizzonte universale?Sì, rompe le catene di un cristianesimosolo giudaico. Però non rinunciamai all’eredità ebraica, laconsidera una delle componenti insostituibili.Certo, non teme il confrontocon la laicità, che allora volevadire il paganesimo. E mette inconto il rischio dello scacco. E’ ilcaso emblematico dell’Areopago diAtene: un tentativo di dialogo ed’incontro con un mondo del tutto“altro”, usando lo stesso linguaggioe la stessa strumentazione culturaledell’“altro”. Poi però Paolo si accorgedell’“eccedenza” del messaggiocristiano, si accorge che non è possibilegiungere a un accordo sullabase del semplice sincretismo. Senon è accettabile il fanatismo che“nega” l’altro, non è neppure sufficienteil sincretismo. E questo è unaltro problema fondamentale deldialogo con il mondo laico: il confrontodeve essere sempre civile,però alla fine c’è una “eccedenza”della fede che non posso non riconoscere.Paolo è stato un grandissimo comunicatore.Oggi che viviamo nella società dellecomunicazioni, perché la Chiesa fa cosìfatica a parlare al mondo?Un tempo il mondo era mosso dallaChiesa. A partire dall’Ottocento,ha preso a muoversi da solo, è diventato“adulto”, come dice Bonhöffer.E la Chiesa si è trovata a inseguirlo.Il problema centrale è quello dellinguaggio: in passato i linguaggierano coniati all’interno dellaChiesa. Pensiamo al linguaggio artistico,musicale, alla stessa letteratura.Oggi non è più così. E laChiesa, per tutelare la sua identità,si è aggrappata alle formulazioniche già conosceva. Eppure le ha rielaborate,cercando di restare al passo:è il caso, ad esempio, dei catechismi.Ma nel frattempo il mondoera già andato avanti, era passato oltre.Il punto è che, quando si mutail linguaggio, si muta la strutturadel pensiero. In questo caso, dunque,la soluzione non sta nel rincorrereil “medium”, con un sempliceaggiornamento tecnico: “l’homotelematicus” non è solo colui che ècapace di usare il computer, è proprioun fenotipo antropologico differente.E la comunicazione telematicanon è soltanto un fenomenotecnico, è un fenomeno esistenzia-


le. Questa realtà non si può soltantodeprecarla, rimanendo aggrappatial passato. Il punto è riuscire a “comunicare”in questo mondo, riuscirea parlare a questo uomo contemporaneo,senza però rassegnarsiall’esito che l’uomo contemporaneoha raggiunto.Qual è il segreto di un evangelizzatorecosì grande come Paolo?Il segreto mi sembra questo: per annunciarein maniera autentica bisognasaper coniugare l’intelligenza el’amore. Non basta solo l’intellettualismo,come non basta solo lapartecipazione passionale. Le duecose si devono sposare. E Paolo, inquesto senso, è stato un maestro.Bisogna quindi recuperare l’idea diuna Chiesa “calda”, ma al tempostesso non perdere il rigore intellettuale.Talvolta oggi, invece, la teologiase ne va per suo conto, la catechesiè affidata alla buona volontà,mentre certa pastorale – in particolarenei movimenti – esalta solo ladimensione spiritualistica. Un’ultimacosa che ci insegna Paolo è lanecessità di porsi sulle frontiere, anchele più difficili: non accontentarsidei propri orti, ma affrontareanche il mare aperto, gli spazi apparentementepiù ostili. E, in questoapostolato di frontiera, non temeredi adottare tutti i mezzi e gli stili adisposizione, anche i più moderni e“alieni”. Però, senza perdere l’anima,cioè il radicamento indiscutibilenella grandezza di un messaggio.Cosa di cui non sono consapevoli,tante volte, i cristiani.E dove è oggi Paolo, nella Chiesa? Inquale luogo ecclesiale è più vicino il suospirito? Nei movimenti? Nei monasteri?Nelle piccole parrocchie?Ci sono due frasi di Paolo significativea questo proposito. Una è:“Esaminate tutto, tenete ciò che èbuono”. E l’altra: “Io mi sono fattotutto per tutti”. Voglio dire: la concezionedi Chiesa propria di Paolo– una Chiesa non monolitica e nonanarchica, ma vivente, “somatica”– ci fa capire che il modello cristianoè quello della molteplicità, delladiversità nell’unità. Nessuno puòdire: “Questo è l’unico, vero cristiano”.Il cristianesimo nasce nellasua ecclesialità, nel suo essere tuttipartecipi, pronti a prendere dall’altrogli aspetti positivi. Per questonon bisogna avere mai disprezzo diqualsiasi tipo di esperienza ecclesiale.Però bisogna condannarla quandodiventa integralista, arrogante,autosufficiente e pretende di affer-


mare di essere l’unica: l’unità vitaledel Corpo di Cristo è decisiva, mapuò esistere solo nell’efficacia e nell’armoniadei suoi membri, dal capoai piedi, come ricorda Paolo aiCorinzi.(Dal mensile JESUS, gennaio 2008)“Purché Cristo sia annunciato”Tutta la vita di Paolo può essereriassunta in una semplice frase:“Purché Cristo sia annunciato” (Filippesi1,18). Molte le vicende dellasua vita, ma tutte orientate in unasola direzione e sostenute da un’unicatensione. Paolo è sempre in viaggio,sempre sulle strade: l’orizzontedella sua missione è il mondo. Unamissione oltremodo faticosa, comeegli stesso per rapidi cenni ebbe aconfessare: gli interminabili viaggiper terra e per mare, in regionimontuose e deserte, i naufragi, lepersecuzioni, i disagi di ogni genere.Il suo programma è di evangelizzarel’oriente e l’occidente, finoalla Spagna. E’ sorprendente constatare,da una parte, la brevità deltempo impiegato e, dall’altra, le distanzepercorse e il numero dellecomunità fondate. Paolo cerca icentri importanti, le grandi città e inodi commerciali, da cui è più facilel’irradiazione nell’intera regione.Perché è appunto questo il suo metodo:costruire basi missionarie,isole nel mare dell’impero, affidandoloro la responsabilità dell’interaregione. Così egli poteva mirare anuovi traguardi e mettersi di nuovoper strada, convinto che il Vangeloè come il fuoco che spontaneamentesi espande da ogni lato. Questonon significa, naturalmente, cheegli fosse indifferente verso le comunitàche fondava: le sue letteredimostrano quanto fosse ad esse affezionatoe come sentisse la responsabilitàdella loro maturazione. Epiù di una volta ha cambiato i suoiprogrammi per visitare una comunitàche aveva bisogno del suo intervento.Nel suo lavoro missionarioc’è come una tensione fra dueesigenze contrapposte: da un lato,la vastità del campo e quindi la frettaper raggiungere il maggior numerodi regioni; dall’altro, la responsabilitàverso le comunità chenascevano e, quindi, la necessità difermarsi e di ritornare. La sua fretta,però, non fu mai superficialità,perché accanto all’universalità urgevain lui un’altra passione altrettantoforte, e cioè l’esigenza di comunione.Bruno Maggioni


Chiesa e mediaLa presenza dei media nella nostra vita e nella nostra attività, personale e sociale,si fa sempre più massiccia ed invasiva. Anche la Chiesa è chiamata a confrontarsicon questo mondo dei media e ad usarli per la comunicazione della Buona Notizia.Una presenza, quella della Chiesa, che non è sempre all’altezza della professionalitàrichiesta e necessaria. La Conferenza dei vescovi svizzeri ha richiamato sull’importanzadi occuparsi con professionalità della presenza ecclesiale nei media.Recentemente anche la nostra Diocesi ha rinnovato la propria presenza nei media(vedi sito internet e la trasmissione “Strada Regina”). Anche in parrocchia il nostrosito è più attivo che mai.Dichiarazione della Conferenza dei vescovi svizzeri sull’importanza dellavoro della Chiesa nei mediaLa Conferenza dei vescovi svizzeri(CVS) considera il lavorodella Chiesa nei media come unadelle sue più grandi priorità pastorali.Viviamo oggi in un ambienteampiamente segnato dai media. Lavisione del mondo e la concezioneesistenziale dei nostri contemporaneisono determinate in gran parte,se non per la maggior parte, daimedia. Ma per la maggioranza dellepersone la percezione del messaggiocristiano e della vita ecclesiale,nonché i giudizi che essiportano, sono trasmessi quasi esclusivamentedai media.La Chiesa ed il suo messaggio deveessere presente in questa cultura,almeno in parte creata dai mediaed in parte trasmessa ed interpretatada essi. E’ per questo motivo cheil lavoro della Chiesa nei mediadeve essere sviluppato e deve risponderead un’alta qualità professionale.Il raggiungimento di unatrasparenza e di una qualità è fondamentale.Questo esige da tutti iresponsabili ecclesiali una buonacomprensione del mondo mediaticoe del suo funzionamento, nonchéla capacità di esprimersi in unlinguaggio adatto ai media.La comunicazione interna ed esternaSul piano locale, la comunicazioneavviene con molto impegno attraversoi bollettini parrocchiali e lepagine internet. Insieme, con altrimedia specificatamente cattolici,essi costituiscono una fonte ben auspicatadi informazioni, alternativarispetto ai media dominanti. Graziead una collaborazione più stretta,ad una messa in rete o ad unafusione delle risorse, questa comunicazionedi e verso la base può ancoraessere migliorata.Ma il gran numero di persone lon-


tane dalla fede cristiana è raggiuntoin modo insufficiente o addiritturanon è affatto raggiunto daquesta comunicazione essenzialmenteinterna. E’ per questo motivoche occorre ricercare prioritariamentel’accesso ai media profanie sviluppare una relazione di fiduciacon le persone che vi lavorano.Il senso del messaggio evangelico edei valori cristiani deve esser lorotrasmesso in un linguaggio comprensibileda tutti. I sussidi per unacomprensione degli avvenimentiecclesiali o degli insegnamenti delmagistero devono essere dati, sepossibile, in una forma adatta peruna comunicazione immediata.Questo vale pure per la collaborazionecon le emittenti private aforte diffusione.Si tratta, al contempo, di mantenerel’attenzione verso gli sviluppitecnici ed economici dei media, affinchési possano elaborare tempestivamentedelle strategie di comunicazioneefficaci.Che fare?Per raggiungere gli scopi così fissati,queste sono le misure concreteda prevedere:• Una buona formazione professionaledi un numero sufficientedi giovani cattolici per il lavoronei media come responsabilidell’informazione, redattori eprotagonisti dei media, ma anchenel campo dello studio edell’etica dei media. Questa formazioneprocede man mano conla loro conoscenza della fede edella loro comprensione dellavita ecclesiale.• L’incoraggiamento dei talenti,se possibile per mezzo di borsedi studio.• Una formazione di base per tuttii responsabili nel campo dellaconoscenza, della tecnica e dellinguaggio adatto ai media.• Contatti continui con le personalitàchiave dei media profani ela preoccupazione di una presentazionecompetente dei temicristiani ed ecclesiali in questimedia.• Una buona collaborazione ecumenicain questi ambiti.• L’ampliamento e la creazione dicentri dei media cattolici secondole regioni linguistiche, specialmenteper il sostegno allacollaborazione ed alle fusioni.• Relazioni regolari della Commissionedei media alla CVS sullosviluppo del mondo dei mediae sulle misure da prendere.La CVS è cosciente che le prioritàpresentate e le misure proposte richiedonocorrispondenti mezzi finanziari.Ringrazia le istanze difinanziamento per tutto ciò chehanno fatto in questa direzione eper tutto ciò che ancora faranno infuturo. Ringrazia anche la Commissionedei media e tutti i cattoliciattivi nei media per il loro lavoroprofessionale e per i loro suggerimenti.Friborgo, 4 giugno 2008Conferenza dei vescovi svizzeri


10Il sito internet della Diocesi si rinnova e diventa più attrattivoAuspicata la collaborazione di tutti, fedeli e sacerdotiBella notizia per i cattolici della ti oggi sempre più persone sonoSvizzera italiana – ma naturalmentenon solo per loro – avvezzi a vuole sapere tutto subito. A livellocollegate ad internet e la gentenavigare in internet: il sito ufficiale diocesano non siamo ancora attrezzatiper essere presenti in tem-della Diocesi di Lugano (www.catt.ch oppure www.diocesilugano.ch) po reale in rete, ma bisognerà lavorarein questo senso con lasi presenta dallo scorso mese di giugnocon una nuova veste grafica, collaborazione di tutti: dal Vescovoai parroci, dai catechisti ai fede-contenuti accresciuti e migliorefruibilità. Coordinato dal Centro li. Si tratta veramente di acquisirecattolico radio tv di Lugano e ideatodal creatore di siti Michele Faul, perché il futuro della comunica-una filosofia comune in tal senso,www.catt.ch fornisce informazioni zione passa dalla rete: oggigiornopratiche sulle strutture della Diocesi,la sua storia, le attività eccletualmente,si catechizza, si legge lain internet si prega, si assiste spirisialiin Ticino e in parte nel Grigioniitaliano. Dà inoltre accesso deve sostituire il contatto direttoBibbia. Questo, naturalmente, nonall’informazione cattolica (stampa, tra le persone, ma resta il fatto chetv, radio) e rinvia ai principali siti la rete riveste una grande importanza».Tornando al nuovo sito, iecclesiali svizzeri ed esteri. Offrepure materiale pastorale pratico per coordinatori auspicano dunquela liturgia e per la musica sacra. che sacerdoti, religiosi e fedeli segnalinoeventi e iniziative, in ma-«È un sito istituzionale, non informativo,che fornisce però una panoramicadella Diocesi di Lugano agenda a servizio dei navigatori,niera da poter disporre di una riccanei vari suoi aspetti», ci comunica così come sono fin d’ora molto utilii tanti indirizzi presenti (delledon Italo Molinaro, direttore delCentro cattolico radio tv. «La decisionedi sostituire il precedente se, degli eremi, delle scuole, deiparrocchie, delle comunità religio-sito risalente al 2000, divenuto pocoattrattivo per il navigatore, si toliche, ecc.), gli orari delle Messe,movimenti e delle associazioni cat-inserisce nella profonda riflessione i formulari scaricabili, i documentiin corso nell’ambito della Chiesa diocesani e le indicazioni liturgiche.«Siamo rimasti meravigliatisvizzera sull’uso dei mass media edopo che i vescovi hanno sottolineatola centralità della rete inter-scaricano documenti, altri cercanodall’alto numero di visitatori. Moltinet come veicolo informativo». indirizzi o orari delle Messe.Aggiunge don Molinaro: «In effet-Naturalmente l’estate è un periodo


morto, ed è stato una sorta di bancodi prova. In autunno si dovrebbepoter iniziare con lo scambio diinformazioni auspicato». Un invitoa tutti, dunque, affinché si contribuiscaad arricchire il sito.Ilaria Sargentiwww.diocesilugano.choppure www.catt.chLa home page del nuovo sitodella Diocesi. Ai navigatori sonoofferte maggiori informazioni,indirizzi, notizie sulla Diocesi ealtri documenti utiliwww.stradaregina.chIl sito della nuova trasmissioneRTSI “Strada Regina” (sabato18.35 – domenica 07.20)11Correntemente attualizzato:il sito della parrocchia di Ascona:www.parrocchiaascona.ch


coinvolgimento e la loro concretaformazione. I giovani, come ha confermatoil successo della Gmg australiana,questo lo hanno afferratoappieno. Ogni Papa ha la sua personalità.Ma vista l’esperienza di Colonia,prima, e di Sydney, adesso, e,ripensando alle Gmg di GiovanniPaolo II, viene spontaneo dire cheentrambi hanno impresso il megliodi sé proprio nelle Giornate mondialidella gioventù. Il che non devestupire se si pensa alla capacità‘maieutica’ propria dei giovani, ruoloche riescono a svolgere anche rispettoai successori del Pescatore diGalilea. Ed è in forza di questo impegnosenza riserve che tali giornateormai non appartengono più ad unsolo Pontefice, ma, come sottolineavaieri l’arcivescovo di Sydney GeorgePell, «sono diventate un punto diriferimento nella storia della Chiesa».Benedetto XVI ne ha offerto inmaniera palpabile la dimostrazione,affrontando nonostante i suoi 80 annie più un volo così lungo e faticoso,tanto da confidare esplicitamenteai giovani la sua umanissima «apprensione»nel compierlo. Egli si èspeso completamente e si è spinto ilpiù lontano possibile, nel cuore di unPaese profondamente secolarizzato.Specialista anche lui delle missionipiù difficili. L’ha fatto per offrire aquanti lo seguivano fino a lì la premuradi una presenza paterna – donogià di per sé prezioso – insieme aun magistero di grande consistenzateologica e spirituale.Il risultato è stato straordinario. Intermini numerici (i 350mila di Sydney,viste le distanze e i costi, valgonosicuramente i numeri a sette cifredi altre edizioni), ma anche e soprattuttosotto il profilo programmatico.C’è una persistenza, in questo,straordinaria da parte dei due ultimiPapi. Chi non ricorda le ardue omelieche Giovanni Paolo II puntualmenteoffriva in occasioni comequeste, a cominciare dal primo radunogiovanile da lui promosso perla domenica delle Palme 1984? Oggi,il Papa teologo e pastore, nelviaggio più lungo del suo pontificato,ha offerto ai giovani le chiavi dilettura aggiornate e dunque più penetrantiin ordine ad un confrontonon soccombente con la post-modernità,all’interno di società secolarizzatecome quella australiana, nellequali è decisivo non lasciarsi inghiottireda quella che lui stesso hachiamato «l’ideologia relativista». Edè proprio qui il tratto di maggioreoriginalità di questa Gmg «degli antipodi».Una pista di lavoro che già siproietta su Madrid 2011, e indica ladirezione di marcia dei prossimi treanni.[Da Avvenire, 22 luglio 2008]Mimmo Muolo13


Calendario d’autunnoSettembre14Lunedì 1°Giovedì 4ore 20.00Venerdì 5ore 17.30ore 18.30Domenica 7Domenica 14Domenica 21Riprendono le scuole, entra in vigore l’orario invernaleSerata della Novena per la Madonna del Sasso:invitati sono i parrocchiani di Locarno e delle Isole.Orselina, Santuario della Madonna del SassoPrimo venerdì del meseAdorazione e Rosario al Centro S. MicheleEucaristia al Centro S. MicheleDomenica XXIII ordinariaDomenica XXIV ordinariaDomenica XXV ordinaria:domenica del ringraziamento federaleDomenica 28 Domenica XXVI ordinariaore 11.15 Eucaristia celebrata a S. Michele, in caso di bel tempo;Partenza ore 11.00 in processione dalla Chiesa di S. PietroDomenica 28 Festa della famigliaEventoProgramma:ore 09:30ore 10:00ore 12:00ore 13:30ore 16:00ore 16:30Rotonda di Piazza Castello a LocarnoIn caso di brutto tempo al collegio Papio di AsconaAccoglienzaIncontro formativo(animazione per bambini separata)Pranzo in comune (maccheronata)Alla scoperta delle tende (attività per tutti)Momento di svagoS. Messa (presieduta da Mons. Vescovo)


Ottobremese delle missioni e della devozione marianaVenerdì 3ore 17.30ore 18.30Domenica 5ore 15.00Martedì 7ore 19.30ore 20.00Sabato 11Domenica 12ore 15.00Domenica 19ore 15.00Primo venerdì del meseAdorazione e Rosario al Centro S. MicheleEucaristia al Centro S. MicheleDomenica XXVII ordinariaRosario alla Madonna della FontanaMemoria della Beata Vergine Maria del Rosarioinizio in S. Pietro con recita del Rosario e processione;Eucaristia festiva in S. MariaGiornata dei chierichetti e dei ragazzi dell’Oratorioall’abbazia di Einsiedeln ed all’Alpamare (Pfäffikon/SZ)Domenica XXVIII ordinariaRosario alla Madonna della FontanaDomenica XXIX ordinaria:Giornata missionaria mondialeNel pomeriggio possibilità di partecipare allaGiornata missionaria diocesana che si svolgeràa Sant’AntoninoRosario alla Madonna della Fontana15Domenica 19EventoGiornata missionariaA Sant’AntoninoCon qualsiasi tempoProgramma:Ritrovo a Sant’AntoninoAnimazione a gruppiEucaristia presieduta daMons. Vescovo Pier Giacomo GrampaDomenica 26 Domenica XXX ordinariaore 15.00 Rosario alla Madonna della FontanaVenerdì 31ore 16.15Eucaristia festiva (Ognissanti) alla Casa Belsoggiorno


Novembre16Sabato 1ore 14.30ore 16.15Domenica 2ore 08.00ore 10.00ore 11.15ore 20.30Venerdì 7ore 17.30ore 18.30Domenica 9Domenica 16Solennità di tutti i SantiOrario festivoCelebrazione per tutti i defunti al CimiteroEucaristia festiva (Commemorazione defunti)alla Casa BelsoggiornoCommemorazione di tutti i fedeli defuntiEucaristia in S. MariaEucaristia festiva in S. PietroEucaristia celebrata al Cimitero di Ascona, in caso di beltempo; partenza in processione dalla Chiesa di S. Pietroalle ore 11.00Eucaristia in S. MariaPrimo venerdì del meseAdorazione e Rosario al Centro S. MicheleEucaristia al Centro S. MicheleDedicazione della Basilica LateranenseDomenica XXXIII ordinariaDomenica 23 Domenica XXXIV ordinaria:solennità di Cristo Re e fine dell’anno liturgicoDomenica 30 Domenica I di Avvento:inizia il nuovo anno liturgico (Anno B)DicembreVenerdì 5ore 17.30ore 18.30Domenica 7Lunedì 8ore 16.15Primo venerdì del meseAdorazione e Rosario al Centro S. MicheleEucaristia al Centro S. MicheleDomenica II di AvventoSolennità dell’Immacolata ConcezioneOrario festivoEucaristia alla Casa Belsoggiorno


Altri EventiCiclo di cinemaEducando – 2a stagioneQuattro lunedì sera alla Sala del GattoTipologie del rapporto di coppia:22 settembreL’ULTIMO BACIO (2000)Educare, accompagnare, formare:20 ottobreBILLY ELLIOT (2000)Esperienze educative:10 novembreRHYTHM IS IT! (2005)Spiritualità in famiglia:15 dicembreIN AMERICA (2003)17Ciclo di cinemaMini-cinema per Maxi-filmQuattro domeniche pomeriggio alla Sala del GattoAffronta le tue paure!14 settembreUNA NOTTE AL MUSEO (2006)L’amicizia: grande dono12 ottobreL’ULTIMA ESTATERICORDI DI UN’AMICIZIA (2003)Collaborare: un guadagno9 novembreHIGH SCHOOL MUSICAL (2006)Il Natale: festa della gioia14 dicembreSCROOGE (1970)


Sotto il Campanile di S. Pietro18Prima Messa di don Samuele TamagniGiornata di grande festa lo scorso A nome di don Massimo e del Consiglioparrocchiale, vada un ringrazia-18 maggio 2008 per la comunitàdi Ascona: don Samuele ha celebrato mento sincero e caloroso a tutti coloronella sua parrocchia la sua Prima Messaquale novello prete. E’ stato ordina-della festa, in particolare tutta la co-che hanno contribuito alla riuscitato sacerdote dalle mani di mons. VescovoPier Giacomo Grampa il sabato devota partecipazione, l’AMA ed imunità asconese per la sua sentita eprecedente in Cattedrale a Lugano; ha suoi collaboratori, le suore Ravasco ecelebrato ad Ascona l’Eucaristia solenneper la SS.ma Trinità per noi. me, i bambini, i ragazzi, i chierichetti,le suore del Collegio Papio, le mam-Purtroppo le bizze del tempo ci hannoimpedito di effettuare la processioti.Un ringraziamento pure al Colle-il Coro parrocchiale ed i concelebrannecon il SS.mo Sacramento per le vie gio Papio, che ci ha ospitati, ed al Municipiodi Ascona per il supportodel borgo.Giove pluvio, però, non ci ha impeditodi festeggiare degnamente don Sa-In occasione della celebrazione sonotecnico.muele con una partecipata e riuscita stati rivolti a don Samuele i seguentifesta popolare.saluti di benvenuto.Caro don Samuele,con grande gioia la nostra comunità parrocchiale ti accoglie oggi,non più come cresimando, non più come parrocchiano, non più comestudente del Collegio Papio, non più come seminarista, non più comediacono, bensì come novello presbitero. Portiamo ancora nel cuore lagioiosa partecipazione alla tua ordinazione presbiterale ieri mattina inCattedrale, per le mani di mons. Vescovo Pier Giacomo Grampa.Dopo tanti anni, più di cinquant’anni, la Comunità di Ascona può festeggiareun nuovo sacerdote uscito dalle fila dei propri fedeli. Benvenuto,dunque, novello presbitero: caro don Samuele concelebriamo con gioia epartecipiamo nella preghiera e nel ringraziamento a questa tua prima celebrazioneeucaristica.Don Massimo


Onorevoli autorità civili e religiose,arciprete don Gaia,cari parrocchiani e caro don Samuele!A nome del Consiglio Parrocchiale ho il piacere di porgerti le nostre più vivefelicitazioni in questa giornata di festa per la nostra Comunità. L’occasione dicondividere con te questo passo così importante e significativo non è solo unmotivo di festa ma anche di riflessione verso l’importante traguardo raggiuntoe per l’impegno che ti attende in seno alla Diocesi ticinese.Ti sei sempre preparato per quest’obiettivo con determinazione e fede, qualitàche ti auguriamo di mantenere sempre forti anche in futuro. Da parte nostraesprimiamo le più vive felicitazioni e ogni migliore augurio di proficuamissione sacerdotale.Tanti auguri e buona festa.Claudio Crivelli, presidente del Consiglio parrocchialeOnorevoli autorità civili e religiose,reverendo arciprete don Gaia,care concittadine e cari concittadini,caro don Samuele!Ho il piacere di porgerti il saluto ufficiale dell’autorità comunale in occasionedei festeggiamenti della tua ordinazione sacerdotale. La nostra Comunità sistringe attorno a te, con i tuoi famigliari, in questo giorno di festa per quest’occasionecosì importante e significativa esprimendo la propria gioia. IlBorgo di Ascona ti ha visto crescere e maturare la convinzione di una sceltadi sacrificio verso il prossimo e di servizio per la Diocesi ticinese e ti porgeogni migliore auspicio per il futuro e ti sarà sempre vicino nel tuo cammino.Un pensiero e un saluto anche daparte dei colleghi di Municipio assenti,Sindaco e Vicesindaco, in particolareda parte del collega MaurizioChecchi, purtroppo assente permotivi professionali all’estero ma cheti è vicino con il pensiero e l’amicizia.Tanti auguri di tutto cuore da partenostra e buona festa a tutti.Raffaello Duca, municipale


20 20CampoScuola e Colonia 2008 a Rodi–FiessoUna quarantina di adolescenti, giovani animatori (grazie Alessio,per la maggior parte di Ascona Giada, Laura, Maria Teresa, Reggy!)ma alcuni pure di Locarno e dintorni,si sono ritrovati a Rodi–Fiesso Samuele ed Elisa!) di Ascona.ed aiuto–animatori (grazie Mattia,presso la Colonia climatica della parrocchiadi Ascona per il loro annuale trascorrere la loro vacanza fino al 26Dal 6 luglio sono arrivati a Rodi perCamposcuola di due settimane (dal luglio altri numerosi ragazzi delle22 giugno al 5 luglio). Le attività sonostate molto variate, interessanti e una media di presenze di 45 bambiniscuole elementari e dell’infanzia, perdivertenti: era pure prevista una megauscitaa Gardaland. La conduzione parte parrocchiani di Ascona.a settimana. Erano per la maggiororganizzativa e di animazione è comesempre stata affidata a Gabriella tense, per certi versi indimenticabili!Sono settimane molto belle ed in-Argentino ed alle Suore Ravasco Appena arrivi a casa ne senti già la(grazie sr. Ginetta e sr. Sonia!), l’assistenzaa don Massimo. L’animazione con ansia gli appuntamenti dell’annonostalgia. Ci si consola, aspettandoè stata coadiuvata anche da alcuni prossimo.


Le date per il 2009:CampoScuola:dal 21 giugnoal 4 luglioColonia:dal 5 al 25 luglio21Prima Comunione 2008Lo scorso 4 maggio abbiamo celebrato in parrocchia la Festa della PrimaComunione. I 33 ragazzi e ragazze sono stati preparati per mezzo dellapreziosa collaborazione delle signore Silvia Bianchetti, Emanuela Bianda,Ana Paula Fontana, nonché di sr. Carmen, di sr. Sonia e di don Massimo.Grande festa per l’accoglienza di Gesù Eucaristia!I ragazzi che hanno ricevuto Gesù–Eucaristia per la prima volta sono:Albertini AzzurraDomenighetti EneaBerta LisiaFernades Costa DianaBloise MartinaFontana YuriBoncaldo ValentinaGhiggi NicolòBrasnjic IvanGiannoni LeaCilenti RoccoIgnazitto TillaCominotti MarikaJotti MichelaCuranz ChantalLazzaro Dana


Molinari DanieleMorandi GiottoOssola EmmaPires Gomes Sandro BatistaPisoni KevinRavnjak JosipRondi SofiaRoux CharlotteSchnarwiler MelissaSoldati AlessiaStaubli ZoeSteiner AriannaStrkalj MarinaTajana RaffaelaTreves ValentinaVacchini ValentinoWaldvogel AdrienCresima 2008In corrispondenza con la vigilia di Pentecoste (10 maggio) è stata conferitala Cresima a 35 ragazzi e ragazze. La celebrazione è stata presiedutada mons. Vescovo Pier Giacomo Grampa presso la Chiesa del CollegioPapio. Momento molto solenne e partecipato per accogliere in pienezza idoni dello Spirito Santo.I ragazzi che hanno ricevuto la Cresima sono:Agatic MarinaCarraro PamelaBaehler EliaCocconi CécileBai MelindaConti Rossini FlaviaBarizzi DavideCossi BelénBedola CélineD’Ambrosio FortunataBerta LucaDuca JonathanBrasnjic AntoDucic KristianBrnic FrançFoiada ValerioCalastri MaverickFraling LudwigCardoso Pinto JenniferGianoli Alexia


Hofstetter MaraIngold SimonaKoovely SamuelLucic IvanMaino AlessandroMazza LauraMuschietti AndrinePerucchini NicoPiffero ElisaRavaglia LucaRavnjak KatarinaRima AlessioTotaro PietroVicedomini GiorgiaWidmer JaelGospel ad AsconaGrande successo hanno riscossoanche quest’anno le due MesseGospel organizzate dal Jazz Festival diAscona: due gli appuntamenti con padreJerome LeDoux e con il LeonVaughn’s Gospel Trio nella chiesa delCollegio Papio (domenica 29 giugnoe giovedì 3 luglio). Grande successoha riscosso pure la celebrazione euca-ristica della Solennità dei SS. Pietro ePaolo, in chiesa parrocchiale in occasionedella festa patronale: la partemusicale è stata sostenuta dal CoroInControCanto di Milano, che ha allietatola celebrazione con appositicanti liturigici in stile gospel, ed hapoi intrattenuto l’assemblea dopo lamessa con un breve concerto. Grandeil successo: gli artisti sono già scritturatiper il prossimo anno!23


Verbale dell’Assemblea ordinaria 2007dell’Associazione per la Gioventùe per le Beneficenze parrocchialiL’assemblea generale ordinaria per l’anno 2007 ha avuto luogo il giorno19 maggio 2008, alle ore 20.15, nella sala conferenze San Michelepresso il Centro parrocchiale San Michele, via Muraccio 21, Ascona.All’ordine del giorno figuravano le seguenti trattande:241. Introduzione all’assembleaIl saluto di benvenuto viene datodal signor Cotti, segretario e membrodell’Associazione per la Gioventùe le Beneficenze parrocchialidi Ascona. Il signor Cotti proponedon Massimo Gaia quale presidentedel giorno, che viene accettato all’unanimitàdai presenti. Don MassimoGaia propone il signor GiancarloCotti quale protocollista, cheviene accettato all’unanimità daipresenti. Vengono proposti e accettatiquali revisori all’unanimità i signoriDuca Graziano e Vaerini Eli.Il signor Cotti esegue il controllodelle presenze: sono presenti 23 dei49 membri iscritti all’Associazione;tutti gli assenti si sono scusati. Ilsignor Cotti legge il messaggio delvescovo mons. Pier GiacomoGrampa, che si scusa in quanto nonpuò presenziare all’incontro.L’Assemblea è validamente costituitae può deliberare come da statuti,visto che il minimo di 3 membripresenti è stato raggiunto.Tutte le trattande proposte dalla direzionedell’Associazione sono accettateall’unanimità dai membripresenti.2. Verbale 2007È prevista la lettura del verbale dell’assembleagenerale ordinaria delloscorso 21 maggio 2007 (entro iltermine di legge – cfr. Codice civilesvizzero, art. 712m cpv. 2 – non èstata inoltrata alcuna contestazionescritta relativa al verbale). Il signorDuca Graziano chiede l’esonerodalla lettura del verbale dello scorsoanno. Don Massimo Gaia chiede seci sono domande specifiche in meritoal verbale dello scorso anno,che era stato pubblicato anche sul“Bollettino Parrocchiale”. Vieneapprovato all’unanimità il verbaledell’assemblea del 21 maggio 2007.3. Conteggio 2007Il signor Cotti legge il Bilancio e ilConto economico consolidato dell’Associazioneper la Gioventù e delCentro Parrocchiale San Michele.


Vengono messi ai voti i conteggi eall’unanimità vengono approvati ilBilancio ed il Conto Economico.Per quanto riguarda l’approvazionedella perdita della gestione del Teatrodel Gatto per l’anno 2007 (cheammonta a Fr. -16’426.30), il signorCotti comunica che vi è unadiatriba in corso tra l’Assofide SA(la quale gestisce il Centro ParrocchialeS. Michele) e la signora Oberholzer(ex inquilina del Teatro delGatto). La pratica è stata consegnataall’avv. Allidi Luca, il quale sioccuperà di verificare sia i contiche la signora Oberholzer ha presentato,sia naturalmente il rimborsodella perdita che la signora Oberholzerchiede all’Associazione. Ipresenti sono d’accordo per questasoluzione, quindi per il momentola perdita dell’attività del Teatro ela richiesta della signora Oberholzernon vengono approvate.A nome dei revisori, il signor Gianiinnanzitutto ringrazia per avermodificato il metodo di presentazionedel conto economico, vale adire farlo apparire con almeno dueanni appaiati. Il signor Giani dà inseguito lettura del rapporto di revisionee mette in evidenza alcunipunti che secondo i revisori necessitanodi alcuni chiarimenti.La signora Pandiscia fa notare che lacifra spesa mensilmente per il serviziogenerale di gestione di portineriaè alquanto onerosa (ca. Fr. 5’000.–):la struttura è quindi disponibile edaccogliente ma per l’Associazionerappresenta un impegno e un onerealquanto importante.I revisori vogliono delucidazioni inmerito alla fattura della ditta Ackermann,pari a Fr. 15’262.95, perla posa delle pareti nella Sala DonPura, ed in merito all’acquisto dellamacchina caffè per l’Asilo Nido. Ilsignor Cotti spiega che le pareti chesono state posate presso la Sala DonPura sono delle pareti speciali (dittaForbo), per attutire il rumore quandosono presenti tanti allievi nell’aula.Tale spesa era già stata discussal’anno scorso e approvata daipresenti. Per quanto riguarda lamacchina caffè, siccome Suor Ginettaasserisce che le mamme nonne sono contente e nel frattempo èstata acquistata un’altra macchina, ilsignor Cotti comunica che farà ritirarela macchina: la differenza dellaspesa, nel caso in cui la ditta nonfosse d’accordo sul ritiro, l’assumeràil signor Cotti, onde non far perderesoldi all’Associazione. Vienemesso ai voti il rapporto di revisioneed all’unanimità viene approvato.Si astengono dal voto i revisori.All’unanimità viene, infine, datodiscarico all’amministrazione e airevisori. Si astengono i revisori eil signor Cotti e la signora Ferraridell’amministrazione Assofide SA.4. Rapporto della direzionedell’associazioneUso delle sale. Il signor Cotti spiegache l’occupazione e l’affitto dellesale è diventato molto regolare ed èda tutti apprezzato. Anche il signorGiani si è accorto di questa entrata,25


26cresciuta negli anni. L’introito perl’anno 2007 è stato di Fr. 11’146.–.Ad ogni modo, il signor Cotti precisache ci sono diversi abusi, sia peril pagamento (anche se solo di Fr.20.– all’ora), sia per la pulizia dellesale alla fine della locazione. I presentipropongono una caparra dapagare anticipatamente e da liberarealla fine della locazione.Siccome vi è una grande richiestadi gruppi, il signor Cotti deve verificarecon il gruppo Samaritani inmerito alla chiusura della Sala SuorAnnalina, in quanto deve poter essereusata anche da altri gruppi.Attività del ristorante. Tutti i presentierano al corrente del cambio deigestori del Bar. Il signor Cotti comunicache gli attuali gestori adempionoa tutti i doveri riportati nelcontratto di locazione.Attività del teatro (da gennaio a dicembre2007). Al 31 dicembre 2007è cessata l’attività della signora Oberholzerpresso il Teatro, come dadisdetta da lei stessa inoltrata nelmese di giugno 2007. Attualmenteil signor Cotti sta seguendo da vicino,con il nuovo gruppo di lavoro,la creazione di qualcosa che avvicininuovamente al Centro i giovani,come pure gli anziani, rispettandoil messaggio dell’Associazione e gliscopi per i quali era stato creato inorigine.Abuso dei parcheggi del Centro Parrocchialee multe. Dal 1° gennaio 2007al 31 dicembre 2007 non sono stateassegnate multe. Il signor Cotti fanotare che le multe (da Fr. 30.– aFr. 80.–, ma che potrebbero arrivarefino ad un massimo di Fr. 500.–)vengono incassate direttamentedalla Polizia Cantonale di Camorino.A tutt’oggi c’è gente che abusadei posteggi del Centro ParrocchialeS. Michele per i seguentimotivi: si recano in farmacia; si recanoalla Migros; usufruiscono delWC del Centro Parrocchiale; alcunidichiarano di essere stati pressoSuor Ginetta; altri affermano motividiversi e inverosimili.Viene ribadita, su richiesta del nuovogerente del Bar, la proposta diinstallare una barriera all’entrata euna all’uscita del parcheggio, conun sistema a gettoni, da ritirarepresso suor Ginetta o presso il ristorante.Il signor Cotti fa notare chequesta soluzione è stata già discussapiù volte e analizzata da vicino dalladirezione della Associazione.Purtroppo, visti i costi che ne deriverebbero(ca. Fr. 25’000.–) e gliinconvenienti (danneggiamenti allabarriera, ecc) che potrebbero seguirnesi è deciso di soprassedere aquesta soluzione.Problematica tapparelle. Durante loscorso anno abbiamo deliberatounicamente la sostituzione delletapparelle della sala S. Michele,trattandosi della sala che viene usatamaggiormente. In collaborazionecon l’Ufficio Tecnico di Ascona sista comunque procedendo alla posadi una rete (come quella esistentesul lato verso la via Muraccio) perproteggere la parete e le finestretapparelledello stabile dalle pallonate;in seguito si procederà allariparazione e sostituzione delle


tapparelle danneggiate delle altresale.Problematica dell’ acustica delle Sale al1° piano. Nella sala Don AlfonsoPura, adibita al catechismo, è stataapplicata alle due pareti da partedella ditta Ackermann Locarno SAuna particolare isolazione della dittaForbo per migliorare l’acustica dellasala stessa, poiché ogni qualvolta siteneva un incontro con più di 10 ragazzile voci si confondevano e rimbombavanoin modo tale che riuscivadifficile capirsi, soprattuttoquando si insegnava il catechismo.Tale spesa era già stata discussa l’annoscorso (assemblea maggio 2007)e approvata dai presenti.Progetto Colonia di Dalpe. Si sonosvolti incontri con diversi uffici perl’ottenimento dei sussidi (Dalpe).Durante gli ultimi 12 mesi DonMassimo, Adriano Duca e GiancarloCotti, accompagnati dall’avv.Luca Allidi, si sono incontrati con iresponsabili degli uffici preposti delCantone per ottenere i sussidi, mafinora non sono riusciti ad ottenerli.Lo sviluppo del progetto da partedegli arch. Guscetti G.+G. è rimasto“congelato” alla situazione comunicatavidurante l’Assemblea delmese di maggio 2007. I costi durantel’anno sono stati unicamentequelli conseguenti il ricorso portatoavanti dall’avv. Luca Allidi.5. Preventivo 2008Il signor Cotti presenta in pocheparole il preventivo per l’anno 2008che si dovrebbe prospettare nel seguentemodo:Totale costi Fr. 430’000.–Totale ricavi Fr. 430’000.–Perdita Fr. 0.–Viene messo ai voti il preventivo edall’unanimità viene approvato.Chiaramente, vista la disdetta dellasignora Oberholzer, per il momentonon c’è un preventivo per il Teatrodel Gatto per l’anno 2008, masicuramente anche con la nuova soluzionedi gestione si vorrà evitarela perdita avuta negli scorsi anni.6. Nomine – nuovi membri(vedi statuti approvati il9.5.2005)Nuovi membri. Quest’anno non sonostati proposti nuovi membri.Consiglio di direzione (2008– 2010).Si ricorda che il vescovo mons. PierGiacomo Grampa è eletto membrod’onore vita natural durante. Si ricordache il presidente dell’Associazioneè sempre il parroco o l’arcipretedi Ascona, quindi rimanepresidente anche in futuro DonMassimo Gaia. Quali candidati perla Direzione dell’Associazione si ripresentanoil signor Adriano Ducae il signor Giancarlo Cotti. Nessunosi oppone ai tre candidati.Si ricorda che come dagli statutiiscritti all’Ufficio Registri il 5 maggio2005 dall’avv. Rachele Allidi,la direzione dell’Associazione èeletta quindi fino al 31.12.2010, co-27


me segue: Don Massimo Gaia, presidente;Giancarlo Cotti, membro esegretario; Adriano Duca, membro.Nomina dei revisori (2008 – 2010).Nessuno degli attuali membri hainoltrato disdetta, ragione per laquale vengono riproposti. Si ricordache sono nominati, fino al31.12.2010, la signora MariannePandiscia, il signor Edy Giani, il signorAngelo Meni e quale supplentela signora Mirta Vacchini.nell’anno 2007 dell’avv. Beltrami siè venuti poi a conoscenza del fattoche il Comune di Ascona deve versareca. Fr. 100’000.– quale contributoannuo al fondo comune per ilsostegno agli asili nido del Cantone.Per ottenere il contributo, l’Ufficiodel sostegno a enti e attività per famigliee giovani di Bellinzona richiedela creazione di un secondoWC e l’ampliamento dell’Asilo graziea una porta comunicante con laSala S. Michele.287. Eventuali proposte dei membripresentiNessuna.8. Difficoltà nell’ottenimento diun contributo sostanziale dalComune a favore dell’asilonido – suor GinettaContributo comunale. Il Municipio,con l’aiuto del signor MaurizioChecchi, ha potuto aumentare ilcontributo annuo da Fr. 3’000.– aFr. 3’500.– a favore dell’asilo diSuor Ginetta. Si spera in futuro diottenere un contributo di Fr.8’000.–, poiché Fr. 3’500.– sonoappena sufficienti a coprire il costodel riscaldamento del locale adibitoad Asilo per tutto l’anno, mentreFr. 5’000.– sarebbero correttiquale sostegno anche per le piccolespese (frutta, ecc.) che acquistaSuor Ginetta.Contributo Comunale e Cantonale perl’Asilo Nido. Grazie all’intervento9. Serata di beneficenzaLa signora Duca Carla comunica aipresenti che il 6 giugno 2008 alle ore20.15 si terrà nella Sala del Gatto unaserata di raccolta di fondi a scopo beneficoorganizzata tramite la signoraAnita Poncini del Gruppo LavoroAfrica. E’ stato fatto un investimentoper la manutenzione e ammodernamentodella “Sala del Gatto” e ditutta l’impiantistica, ormai vetusta(20 anni). Il Consiglio Parrocchialedi Ascona ha confermato un prestitoall’Associazione Gioventù di circaFr. 160’000.– per la rimessa a puntodella Sala del Teatro (apparecchiature)e per la messa a punto di certemisure di sicurezza nei corridoi delTeatro. I lavori verranno eseguiti inparte durante i mesi di maggio, giugnoe luglio 2008.


10. Prossima assemblea generaleordinaria dell’associazione perla gioventùDon Massimo Gaia propone il giornolunedì 18 maggio 2009 presso ilCentro Parrocchiale S. Michele invia Muraccio 21 ad Ascona e la propostaviene accettata all’unanimità.Sperando di potervi salutare numerosialla prossima assemblea ordinaria,porgiamo i nostri migliori saluti.Associazione per la Gioventùe Beneficenze Parrocchiali di AsconaDon Massimo Gaia, PresidenteGiancarlo Cotti, SegretarioIl sassolino nella scarpaMi permetto anche in questo numero di sottoporvi un paio di sassolini… Il primomi si è infilato nella scarpa durante la scorsa estate. Durante le cinque settimane delCampoScuola e della Colonia, in diversi vi siete informati sullo svolgimento deicampi estivi a Rodi Fiesso, ed in molti mi avete anche augurato “Buona vacanza!”.Beh, certamente è un’aria molto diversa, quella che si respira in questo periodoestivo; la vacanza, però, la fanno i ragazzi ed i bambini, certamente né io, né lesuore, né gli animatori, né il personale… Se non ci credete, vi invito l’anno prossimoa… fare una settimana di vacanza con noi!don Massimo29“Ho suonato al campanello da lei, stamattina, e non l’ho trovata!”. Troppa grazia…Mi sembra però evidente che se sono a Rodi non posso essere ad Ascona; sesono in vacanza (pochi giorni, invero) non posso essere in casa parrocchiale; se stocelebrando la Messa non posso aprirvi la porta; se sono a scuola non posso ricevervi;se ho catechismo, non posso darvi retta; se sto visitando malatied anziani… Di norma, tranne pochi momenti, sono peròsempre raggiungibile al telefono. Se non posso rispondere, e semi lasciate il numero, vi richiamo. Grazie per la pazienza!don Massimo


Memorie nostreAnna Broggi(23 luglio 1923 – 2 maggio 2008)30Il tempo pasquale che stiamo vivendoin queste settimane che seguonole festività pasquali ci riconduconoal centro della nostra fede.Questo centro è Gesù Cristo, cheha patito, è morto ed infine è risortoper noi. È l’esperienza che laChiesa sta ricordando e su cui stariflettendo in questo tempo pasquale,e cioè sul fatto che vi sonodue aspetti della Pasqua del Signore,ossia quello del “morire” equello del “risorgere”, e questi dueaspetti sono le due facce della stessamedaglia, due aspetti della stessarealtà: Cristo Gesù, morto e risortoper noi.In questo senso “pasqua” è compresoproprio nel suo significatopiù profondo, nel senso di “passaggio”(in ebr. “pashah”): passaggiotra il Venerdì Santo, attraverso ilSabato Santo verso la Domenicadella Risurrezione; passaggio tra lamorte a questo mondo verso la risurrezionegloriosa nell’altro mondo;passaggio dalla vita terrena allavita eterna; passaggio da questarealtà segnata dalla contingenzaall’altra realtà, quella definitiva,segnata dall’eternità.Ebbene, affidiamo alla terra le spogliedella nostra sorella Anna proprioin questo tempo in cui dominacome caratteristica quella dellagioia: gioia perché ricordiamo lavittoria di Cristo sul male, sul peccato,sulla morte. “Sembrava”, diper sé, che l’esperienza di Gesù fosseun fallimento nella morte di croce;invece il Signore ha preparatoattraverso quest’apparente sconfittala propria vittoria finale e definitivasul male, sulla sofferenza, sul dolore,sul peccato, sulla morte. Unavittoria che si compie il mattino delgiorno del Signore, la domenica diRisurrezione, e che è segnata comevittoria anche per tutti coloro chesono in comunione con il SignoreGesù, morto e risorto per noi.È questa la speranza che nasce pernoi, per i nostri cari, per ogni uomoe donna amati da Dio: quando siesauriscono le nostre forze umane,ecco che non andiamo incontro allamorte, al nulla, bensì ci avviamoincontro ad una liberazione dallamorte, incontro ad una risurrezione,incontro ad una vita eterna, nel-


la quale, come dice la liturgia,“asciugata ogni lacrima, i nostri occhivedranno il tuo volto e noi saremosimili a te, o Padre, e canteremoper sempre la tua lode”. Una speranza,questa, che si radica in noifino a divenire certezza, al didiogni dubbio o esitazione.È con questi pensieri e sentimentiche ci apprestiamo a congedarcidalla nostra sorella Anna e ci accingiamoa consegnare la sua animanelle mani del Signore morto e risortoper noi. Ad Anna, che ha affrontatoil passo attraverso l’ultimasoglia della nostra vita terrena, vogliamoaugurare di incontrare finalmente– faccia a faccia – quel Signorerisorto e glorioso e quel voltoamoroso del Padre celeste, che eglicon tanta passione e tanta fede haricercato in tutta la sua esistenza.Rodolfo Gerstel(21 aprile 1923 – 17 maggio 2008)Margrith Hurzeler(1922 – 8 agosto 2008)Savina Bölt(31 gennaio 1914 – 5 giugno 2008)Lilly Hauser-Bärtschi(29 dicembre 1934 – 11 agosto 2008)31Ursula Roelli(8 agosto 1922 – 25 giugno 2008)Walter Ambord(12 gennaio 1938 – 23 agosto 2008)Il sassolino nella scarpaInizio a settembre il mio 5° anno di attività pastorale ad Ascona. Molte cose sonostate realizzate, altre sono in fase di progettazione, ad altre stiamo pensando. Iltutto in un continuo processo di verifica. Ma voi, parrocchiani, che cosane pensate? Mi verrebbe voglia, quasi, di mettermi sulle mie labbra unritornello costante da sottoporvi, incontrandovi: “Non ce l’avrebbe, lei,una critica costruttiva da darmi?”.don Massimo


G.A.B. 6612 ASCONAVisitate il sito ufficiale della parrocchiawww.parrocchiaascona.chTipografia Bassi LocarnoPro opere parrocchialiPer le vostre offerte(Bollettino; Chiesa Madonna della Fontana; Opere parrocchiali)6612 Ascona CCP 65-1378-8Per la Conferenza di S. Vincenzo (Corner Banca S.A.)6901 Lugano CCP 69-5872-0Conto no.: 211654-01 (8490)Conferenza S. Vincenzo del Beato Pietro Berno6612 AsconaPer la Missione Uganda (Corner Banca S.A.)6901 Lugano CCP 69-5872-0Conto no.: 230001-20 (8490)Michiel Demets Missione Uganda6612 AsconaBollettini di versamento in Chiesa parrocchiale!

More magazines by this user
Similar magazines