Lettera Ministro Generale Ofm.pdf - Sorelle Povere di Santa Chiara

ofm.org

Lettera Ministro Generale Ofm.pdf - Sorelle Povere di Santa Chiara

2T Una luce per il nostro tempo UtGrafica e impaginazione:JA, Ufficio Comunicazioni OFM - Roma


3Carissimi Fratelli e Sorelle,il Signore vi dia Pace!Il 19 febbraio 2010 Benedetto XVI, nelConcistoro pubblico, ha iscritto nel Catalogodei Santi una nostra sorella, la Clarissa CamillaBattista da Varano. La canonizzazioneavverrà in S. Pietro il 17 ottobre 2010.Con vera gioia, dal monastero in cui havissuto la Varano e dove riposa il suo corpo,dove mi trovo con i confratelli del Definitorioper frequentare per alcuni giorni lascuola della Varano, desidero comunicarviquesta “buona notizia”, che renderà felicitutte le Clarisse: il carisma clariano è capacedi produrre frutti di santità in ogni epoca!E ciò avviene nell’anno 2010, anno che, nelcammino di preparazione alla celebrazionedell’VIII centenario degli inizi di vita di santaChiara in San Damiano, è dedicato allacontemplazione. Una “buona notizia” cherende orgogliose le Clarisse di Camerino,fedeli custodi del corpo della nuova Santa edella sua memoria.U Una luce per il nostro tempo TMa è un avvenimento che coinvolge anchenoi Frati Minori. La canonizzazionedella Beata Camilla Battista da Varano è ladimostrazione che la “pianticella” del padresan Francesco continua a rallegrare il suocuore con nuovi vigorosi germogli. Inoltre,ogni tappa dell’itinerario spirituale della Be-t


4ata è stata accompagnata dai Frati Minori- Domenico da Leonessa, Pacifico da Urbinoe Pietro da Mogliano - figure eccellentidell’«Osservanza francescana», portavoci diquel fervore di rinnovamento che contrassegnòl’Ordine francescano e che finì percontagiare anche Camilla Battista nella suaazione di rinnovamento spirituale reintroducendo,nei Monasteri da lei fondati, la Regoladi santa Chiara.T Una luce per il nostro tempo UInfine, la canonizzazione di Camilla Battistada Varano, a conclusione delle celebrazionidell’VIII centenario della fondazionedell’Ordine dei Frati Minori, ci ricorda chela santità costituisce la fondamentale via perdare significatività alla nostra vocazione emissione.Non è il caso ora di mettere a fuoco lasua vita, la sua esperienza umana e spirituale,anche perché esiste a tal propositoun’abbondante letteratura. Questa mia lettera-comunicazionevuole solo stimolare unamaggiore conoscenza di questa straordinariamistica, soprattutto attraverso la lettura deisuoi scritti, almeno i più importanti comela Vita spirituale (Autobiografia) e I dolorimentali di Gesù nella sua Passione.t


5Brevi note biograficheCamilla da Varano nacque a Camerinonel 1458 da Giulio Cesare da Varano. È figliaillegittima ma prediletta dal padre e dallamoglie Giovanna Malatesta che le fu piùche madre. Dai suoi numerosi scritti, in particolare,si deduce che Camilla ha ricevutouna solida formazione umanistica, suffragatada una spiccata intelligenza, da un carattereforte e tenace e dalla voglia di vivere edivertirsi.Dopo aver resistito per vari anni alla chiamatadel Signore, il 4 novembre 1481 Camillafece il suo ingresso nel Monastero delleSorelle Povere di santa Chiara di Urbino,assumendo il nome di Battista. Il 14 gennaio1484 diede vita ad un nuovo Monastero aCamerino, dove introdusse la Regola di santaChiara. Nel 1502, per sfuggire all’assediodella sua città da parte di Cesare Borgia, Sr.Battista si rifugiò ad Atri, facendo poi ritornoa Camerino agli inizi del 1504. Dopo averfondato i Monasteri delle Clarisse a Fermo(1505-1506) e a S. Severino Marche (1521-1522), morì a Camerino il 31 maggio 1524.U Una luce per il nostro tempo TII 7 aprile 1843 Papa Gregorio XVI riconobbeil culto pubblico, attribuitole da antichissimotempo, e la dichiarò Beata. L’8aprile 1891 Leone XIII approvò gli atti delProcesso, in vista della canonizzazione, e il4 febbraio 1893 i suoi scritti. Il 17 ottobre2010 Benedetto XVI la proclamerà Santa.t


7ce memoria della Passione di Cristo, comel’apostolo Paolo che portava continuamentele stigmate della Passione nel suo corpo».Tutto ebbe inizio nel lontano 1466 (o1468), quando Fr. Domenico da Leonessaesortò i fedeli, nella predica del Venerdì santo,a far memoria della Passione di Cristo.Tra i tanti che l’ascoltarono, una bambina di8/10 anni, Camilla da Varano, lo prese sulserio, fino ad aggrapparsi a Cristo povero ecrocifisso con tutta se stessa, lasciando trasfigurareda questa presenza la vita, i dolori,le gioie, le aspirazioni e le profonde contraddizionidella sua epoca e del suo Ordine.La santità di Camilla Battista ci coinvolge,come Sorelle Povere di Santa Chiara,come Frati Minori e come donne e uominidel nostro tempo, perché rende visibile latensione del cuore umano, il suo difficilecammino di conversione e, nello stesso tempo,la fecondità della conformazione allacroce di Cristo: nella santità di questa donnasingolare la luce della risurrezione, dellapienezza dell’uomo in Cristo, risplende attraversoi secoli.U Una luce per il nostro tempo Tt


8Attualità diCamilla Battista da VaranoT Una luce per il nostro tempo UCamilla Battista si rivela, innanzitutto,come una donna capace di accettare la sfidadell’esistenza, incarnando una “passioneper la vita”, vissuta come ricerca incessantedi verità e libertà. Non è stata passiva, nonha subito semplicemente i condizionamentifamiliari o politici, che avrebbero potutoimprigionare la sua esistenza. Ha saputoessere protagonista originale della sua vita,costruendo la sua umanità in un dinamismodi libertà proteso alla ricerca genuina dei valori.In un’epoca caratterizzata da relativismomorale e superficialità intellettuale, incui i modelli sociali e mediatici sono cosìpossessivi e dominanti, abbiamo bisognodell’esempio di uno spirito libero e fiero chesappia vivere con coraggio la sua originalità.Camilla Battista si presenta ai nostri occhicome una figura straordinariamente attuale.Ella vive in un’epoca solo apparentementediversa dalla nostra, fatta di lotte e di guerre,di drammi e di odio, ma anche di grandislanci umani, artistici e spirituali.Attraverso la canonizzazione della BeataCamilla Battista, la Chiesa compie un gestoprofetico attraverso il quale addita all’umanitàintera, a tutti i battezzati e alla famigliafrancescana questa figura di donna veramentet


11suto, lo stile e la categoria predominante delsuo scrivere e della sua esperienza mistica.In una società liquida, scettica circa l’idealedella fedeltà, capace di assumere soloimpegni temporanei e condizionati, CamillaBattista ci provoca con la sua capacità dioperare scelte definitive e radicali nella forzadell’amore e del perdono incondizionato. Èuna clarissa autentica, che ha saputo credereall’Amore (1Gv 4,16).Questa genuina figlia di santa Chiara si èlasciata ferire dall’amore di Cristo al qualesi è donata totalmente con slancio appassionatoed esclusivo, fedele ed incondizionato,capace di amare i nemici e di affrontare constraordinaria fortezza le durissime prove chehanno segnato la sua vita.Una luce per la ChiesaCamilla Battista – seguendo l’esempio el’insegnamento di Chiara e Francesco havissuto una fedeltà eroica verso la Chiesaanche quando ha dovuto, per essa, affrontaresofferenze amarissime. Questa sua tenaceobbedienza si radica nella consapevolezzache la Chiesa è l’immagine stessa di Cristo,suo corpo vivente e sua concreta presenzanella storia dentro la quale si compie efficacementel’opera della nostra salvezza. Nonci fu compromesso o umana fragilità che riuscìa distoglierla dal proposito di vivere questatotale appartenenza alla Chiesa: la sofferenzanon la rese ribelle, ma ancor più fedelenell’offrire preghiere e suppliche accorate aDio per la «renovatione della chiesa».U Una luce per il nostro tempo Tt


12Abbiamo bisogno anche noi, soprattuttonel nostro tempo, di riscoprire il gusto di questaappartenenza ecclesiale che genera una fecondae universale comunione in Cristo.T Una luce per il nostro tempo UAnche per questo motivo la canonizzazioneoffre Camilla Battista come modello atutti i battezzati e come esempio di vita cristiana:la sua è la luce della relazione perseverantee appassionata con Cristo crocifisso,di una martyria resa credibile dalla povertà,di una koinonia concretizzata nella fraternità,di una diakonia radicata nella contemplazione;una luce autorevole, capace di orientareogni cammino ecclesiale.• Scegliendo di professare la Regola diChiara d’Assisi, infatti, Camilla Battistaindica a ogni cristiano la via della povertàcome via di testimonianza radicale, comeautentica martyria: «Questa serva di Diocomprò cara per sé e per gli altri la povertàe a lei sola toccò pagarne il prezzo;di modo che costa a lei più cara la povertà,che non le ricchezze ai ricchi, e piùl’ha desiderata e cercata, che non cerchi ilmondo li denari».• Vivendo pienamente il carisma francescano,Ella mostra alla Chiesa la viadella fraternità come attuazione dellakoinonia: una fraternità che chiede la rinunciaal potere e all’individualismo echiama a un amore gratuito, evangelico,generoso, a una carità crocifissa, simile aquella della Perfetta letizia di Francesco:«O mio clementissimo Iddio, se Tu mi rivelassitutti i segreti del tuo sacratissimoCuore e ogni giorno mi mostrassi tuttet


13le gerarchie angeliche, se ogni giorno iorisuscitassi i morti, non crederò per questoche Tu mi ami di infinito amore. Maquando sentirò di avere ottenuto la graziadi un perfetto amore, cioè di far bene achi mi fa male, di dir bene e lodare chi soche dice male di me e a torto mi biasima,allora soltanto, per questo segno infallibile,Padre mio clementissimo, crederòdi esserti vera figlia. Soltanto allora saròconforme al tuo dilettissimo Figlio GesùCristo Crocifisso, che è l’unico benedell’anima mia, conforme a Lui, o Padre,che essendo in croce ti pregò per i suoicrocifissori».• Erede esemplare di Chiara d’Assisi, Camillaci consegna la via della contemplazionecome reale e specifica diakonia. LaChiesa intera e ogni battezzato, tramite lacontemplazione, risale alla sua fonte vitalee svolge un ministero di intercessione:è questo il servizio che Chiara e CamillaBattista hanno svolto ricordandoci il primatodi Dio e la misteriosa fecondità apostolicadella contemplazione, destinata aincidere profondamente nella vita dellachiesa.U Una luce per il nostro tempo TUna luceper la Famiglia FrancescanaCamilla Battista appare come una cristianacapace di vivere con serietà e intensità laricerca di Dio, radicandosi nell’esperienzabiblica. Pur dotata di una raffinata ed elevataformazione culturale, il suo modo di leggerela Scrittura non ha mai assunto lo stile dit


14un’arida erudizione. Alla luce della Parolarilegge il suo itinerario vocazionale e tuttala sua vita servendosi del modello biblico: igrandi eventi della storia della salvezza stannoalla base della sua spiritualità quasi comeprofezie che vi si adempiono.Accostandoci ai suoi scritti ci accorgiamoche è la liturgia il luogo privilegiato in cuiella ascolta la Parola attingendovi la luce ela forza per compiere le sue scelte.T Una luce per il nostro tempo U«Tu, Signore, per grazia sei nato nell’animamia e mi hai mostrato la via e luce e lumedella verità per arrivare a te, vero paradiso.Nelle tenebre e oscurità del mondo tu mi haidato la vista, l’udire e il parlare e il camminare– che veramente a tutte le cose spiritualiio ero cieca, sorda e muta – e mi hai risuscitatain te, vera vita, che dai vita a ogni cosache ha vita».Camilla Battista ci mostra la via concretaper osservare il santo Vangelo, per metterloin pratica e tradurlo nell’esistenza quotidiana.Il voto di versare ogni venerdì una lacrimain memoria della Passione di Cristo, alquale rimase tenacemente fedele pur immersanella vita di corte, ci testimonia quel coinvolgimento,quella partecipazione “fisica” etotale al mistero di Cristo che diventa relazioneviva e feconda, secondo la più genuinaspiritualità francescana.Nella società di oggi che favorisce unareligiosità intimistica e fragile, riducendo lafede a una pulsione emotiva e disincarnata,Camilla Battista suggerisce a tutta la FamigliaFrancescana una via sicura: vivere ilt


15Vangelo con passione e radicalità e restituire«amore per amore, sangue per sangue, vitaper vita».Solo così potremo essere una presenza significativanella chiesa e nella storia.ConclusioneCon l’annuncio di questa “buona notizia”non intendo semplicemente notificare cheuna nuova Santa si aggiunge all’albero giàrigoglioso del carisma francescano-clariano,ma desidero segnalare soprattutto la fecondidi una vita vissuta secondo il Vangelo dinostro Signore Gesù Cristo. Nell’evolversidella storia e nel costante impegno per rinnovarla,infatti, sono proprio «i santi, guidatidalla luce di Dio - diceva Benedetto XVInell’Udienza del 13 gennaio 2010 - gli autenticiriformatori della vita della Chiesa edella società. Maestri con la parola e testimonicon l’esempio, essi sanno promuovere unrinnovamento ecclesiale stabile e profondo,perché essi stessi sono profondamente rinnovati,sono in contatto con la vera novità: lapresenza di Dio nel mondo. Tale consolanterealtà, che in ogni generazione cioè nasconosanti e portano la creatività del rinnovamento,accompagna costantemente la storia dellaChiesa in mezzo alle tristezze e agli aspettinegativi del suo cammino. Vediamo, infatti,secolo per secolo, nascere anche le forzedella riforma e del rinnovamento, perché lanovità di Dio è inesorabile e da sempre nuovaforza per andare avanti».U Una luce per il nostro tempo Tt


16T Una luce per il nostro tempo UCari Fratelli e Sorelle, vorrei lasciarvicon due pensieri di Camilla Battista che mihanno particolarmente colpito. Commentandole grande tentazioni vissute, avrebbe poiscritto con convinzione: «Beata quella creaturache per nessuna tentazione tralascia ilbene incominciato!» . D’altra parte, cresciutanella spiritualità della restituzione cosìcara a Francesco, Camilla pregava: «Fa cheio ti restituisca amore per amore, sangue persangue, vita per vita». Tutto un esempio difedeltà e perseveranza nel bene, e del viverenella logica del dono totale di se stessa a Coluiche l’ha amata per primo.Fratelli e Sorelle, siamo santi come Lui èsanto! La santità è la vocazione più alta allaquale può tendere un uomo, una donna. Lasantità è la nostra vocazione.Vostro fratello, Ministro e servoFr. José Rodríguez Carballo, ofmMinistro generale OFMCamerino, 5 luglio 2010Prot. ?????????t

More magazines by this user
Similar magazines