Leggi - Cooperativa Edificatrice Bollatese

edificatricebollatese.it

Leggi - Cooperativa Edificatrice Bollatese

12uturof speciale bilancio 2007Nota Integrativaal bilancio di esercizio al 31/12/2007PREMESSAIl bilancio dell’esercizio chiuso il 31/12/2007 di cui la presente Nota integrativa costituisce parte integrante ai sensi dell’art. 2423c.1 C.C., corrisponde alle risultanze delle scritture contabili regolarmente tenute ed è redatto nel rispetto del principio dellachiarezza e con l’obiettivo di rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e ilrisultato economico dell’esercizio.La presente nota integrativa è redatta in forma estesa non riccorrendo le condizioni dell’art. 2435 bis del C.C.; la numerazionedei capitoli fa riferimento a quanto previsto dall’art. 2427 del C.C.CRITERI GENERALINella redazione del bilancio d’esercizio sono stati osservati i seguenti principi generali:- La valutazione delle singole voci è stata fatta secondo i consueti criteri di prudenza e nella prospettiva della continuità dellaCooperativa per il conseguimento degli scopi sociali e quindi per il soddisfacimento dei bisogni dei soci e delle loro famiglie,anche attraverso il rafforzamento patrimoniale della stessa Cooperativa;In particolare nella redazione del bilancio, così come nella gestione sociale, si è tenuto conto del carattere non speculativodella Cooperativa, delle sue finalità mutualistiche e del caratteristico rapporto Socio-Cooperativa che la contraddistingue.A tal fine sono stati applicati i principi contabili predisposti dai Consigli nazionali dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri,nonché quelli emanati dall’organismo italiano di contabilità;- sono indicati esclusivamente gli utili realizzati alla data di chiusura dell’esercizio;- si è tenuto conto dei proventi e degli oneri di competenza dell’esercizio, indipendentemente dalla data dell’incasso o delpagamento;- si è tenuto conto dei rischi e delle perdite di competenza dell’esercizio anche se conosciuti dopo la chiusura di questo;- non vi sono elementi eterogenei ricompresi nelle singole voci;- nel corso dell’esercizio non si sono verificati casi eccezionali che abbiano reso necessario il ricorso alle deroghe di cui alquarto comma dell’art. 2423, e al secondo comma dell’art. 2423 bis del Codice Civile. In particolare, i criteri di valutazionenon sono stati modificati rispetto a quelli adottati nel precedente esercizio.1) CRITERI APPLICATI NELLA VALUTAZIONE DEI VALORI DI BILANCIO• Immobilizzazioni materiali e immaterialiLe immobilizzazioni, suddivise per categorie omogenee nelle attività dello stato patrimoniale, sono iscritte in bilancio al costostorico, ad eccezione degli immobili, il cui valore è stato rivalutato in base alle leggi 2.12.75 n. 576 e 19.03.83 n. 72 per €2.324.065.I costi di manutenzione aventi natura ordinaria sono addebitati integralmente a conto economico. I costi di manutenzione aventinatura incrementativa sono attribuiti ai cespiti cui si riferiscono. Le immobilizzazioni in corso sono iscritte al costo di acquisto odi produzione sostenuto fino alla data di chiusura dell’esercizio.Le immobilizzazioni immateriali sono iscritte in bilancio sulla base dei costi di acquisto, ed ammortizzate in funzione della loroutilità pluriennale in quote costanti.• Immobilizzazioni finanziarieLa società non ha partecipazioni in imprese collegate o controllate; mentre le partecipazioni iscritte in bilancio, e valutate al costoeventualmente rettificato in relazione al patrimonio netto delle società partecipate, quale risulta dall’ultimo bilancio approvato,sono relative a società del movimento cooperativo.• Crediti e debitiI debiti sono assunti in carico al loro valore nominale. Il valore nominale dei crediti è stato invece ridotto mediante un appositofondo rettificativo determinato sulla base di una valutazione del rischio di insolvenze future.• RimanenzeNel presente bilancio non vi sono iscritte rimanenze di immobili destinati alla vendita. La Cooperativa, allo stato attuale, non hain corso la realizzazione di immobili destinanti all’assegnazione in proprietà.• Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioniI titoli e le attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni, sono iscritti nell’attivo circolante e sono valutati al minoretra il costo di acquisto, comprensivo degli oneri accessori, ed il valore di realizzo desumibile dall’andamento del mercato o delprezzo di rimborso nei casi in cui sia previsto il mantenimento dei titoli in portafoglio fino alla data di scadenza.• Disponibilità liquideLe disponibilità liquide alla chiusura dell’esercizio sono valutate al valore nominale.

More magazines by this user
Similar magazines