12.07.2015 Views

un mondo più morbido - Pigotta - Unicef

un mondo più morbido - Pigotta - Unicef

un mondo più morbido - Pigotta - Unicef

SHOW MORE
SHOW LESS
  • No tags were found...

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Adottare <strong>un</strong>apigotta onlineÈpossibile adottarele Pigotte tutto l’anno.Basta collegarsi al sitodell’<strong>Unicef</strong>www.prodotti<strong>un</strong>icef.ite ordinarla on line.lum vitae, gli interessi e le ambizioni per il futuro. Unagrande vetrina, molto interessante per chi cerca o offrelavoro.Il social network più famoso è Facebook: nato permettere in contatto gli studenti di Harvard, è diventatoil più grande e popolato della rete. Il suo successodipende probabilmente dal fatto che non ha caratteristicheparticolari, se non quella di mettere in contattogli amici. Persone che si sono perse di vista con il passaredegli anni, magari trasferite in <strong>un</strong>'altra città o <strong>un</strong>altro Stato, si possono ritrovare facilmente, semplicementeregistrandosi col proprio nome e cognome.I numeri di <strong>un</strong> successoMa perché le persone che naviganoin rete si collegano inmassa ai social network?Semplice: sono più completidei blog (i diari personalion-line), sono piùinterattivi delle e-mail, esono anche più voyeuristicidi qualsiasi altra tipologia disito – e niente attira più dellacuriosità. Nel 2008 si sonocollegati a <strong>un</strong> social network il67% dei navigatori!Ogni 10 persone che sicollegano in rete, 3 visitanoFacebook: <strong>un</strong>’enormità.Senza considerare lepossibilità di sviluppo deisocial network, legate alladiffusione della tecnologia mobile: molti social networkinfatti si possono seguire sul proprio cellulare. In Inghilterrail 23% degli utenti di Facebook accede al sitoattraverso questa modalità.Alc<strong>un</strong>e regole da seguireSui social network si inseriscono <strong>un</strong>a valanga di dati einformazioni personali: dalle nostre relazioni sentimentalia quelle di lavoro, dalle foto del compleannoai commenti su conoscenti o personaggi pubblici.Ma proprio perché quello che facciamo è visibile atutti – o com<strong>un</strong>que a tutti quelli che abbiamo decisopossano vederlo – è buona norma non scrivere nulladi offensivo verso gli altri o che potrebbe, <strong>un</strong>giorno, ritorcersi contro di noi. Scripta manent,e così commenti acidi sui nostri colleghidi lavoro, foto molto personali, frasicompromettenti potrebbero ritornarciaddosso anche quando ce lisiamo dimenticati.Scrivere su <strong>un</strong> social networkpuò dare enormi possibilitàdi contatto, ma app<strong>un</strong>toper questo serve <strong>un</strong> grandesenso di responsabilità.Myspace:www.myspace.comLinkedIn:www.linkedin.comFacebook:www.facebook.com22 paginaventidue

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!