Expo 2015 nel futuro di Starhotels - Porto & diporto

portoediporto.it
  • No tags were found...

Expo 2015 nel futuro di Starhotels - Porto & diporto

icettività / porto&diportoExpo 2015nel futurodi StarhotelsDopo aver rinnovato la struttura newyorkesee restaurato il Savoia Excelsior Palace, l’albergotriestino che nel 1912 era stato definitoil più lussuoso hotel dell’impero austro-ungarico,entrato a far parte della catena Starhotels nel 1985,Elisabetta Fabri, amministratrice del gruppo alberghierofiorentino, punta su Milano. Lo fa volgendolo sguardo sull’Expò del 2015 che porterà all’ombradella Madonnina centinaia di migliaia di visitatori ditutto il mondo.E qui Starhotels si prepara ad offrire un’ospitalitàd’eccellenza. Lo fa con l’ampliamento di StarhotelsRosa, diventato Grand. Grande anche nei numeri:327 stanze, dove il simbolo stilizzato della rosa è unfil rouge, sette sale meeting, tre ristoranti aperti ancheai clienti esterni. Una struttura nuova, nel centrodella città, che ridà linfa ad una piazza, Piazza Fontana,da diversi anni degradata.Ingenti le risorse finanziarie investite nell’operazionedi ampliamento, circa 57 milioni di euro. Al disopra della cifra che ogni anno il gruppo destina peril restyling delle proprie strutture, pari a circa 30 milionidi euro. Ma l’occasione milanese dell’Expò eraghiotta per un investimento così significativo.“Ogni anno investiamo cospicue risorse finanziarieper restaurare e riposizionare verso l’alto l’offertadelle nostre strutture, tutte di proprietà - spiegaElisabetta Fabri - E’ un piano aziendale varato neglianni scorsi condotto all’insegna di un valore, comel’eco- sostenibilità, che si aggiunge a quanto già oggirappresenta il marchio”.Per questo piano sono passate già diverse strutture:dal Terminus di Napoli, dove il restyling ha accresciutoil fascino e l’offerta puntando sull’estrositàpartenopea e il gusto mediterraneo rappresentatocon i colori del sole e della sabbia, al romano Metropoleche ha rivisitato spazi ed ambienti in manierasoft, ma decisa per creare un’immagine nuova senzastravolgere l’architettura, dal Venice che ha recuperatolo stile della tradizione veneziana, riletta anchein chiave contemporanea, sia nelle 165 camere sianelle parti comuni, alle strutture milanesi.Ciascun hotel mira, dunque, a cogliere lo spiritodella città che lo ospita e a testimoniare i moltepliciaspetti della cultura italiana, esprimendo nel progetto50 - marzo 2010


marzo 2010 -51


stilistico e nella scelta del concept un’accoglienzaparticolare e fornendo un prezioso punto di riferimentonel cuore dei principali luoghi.Uno stile, dunque, tutto italiano fondato sull’amoreper l’arte, la cultura, la tradizione gastronomica eil benessere. Una costante ricerca di armonia chesi fonda con il gusto per le cose belle che ha percomune denominatore la vocazione per l’ospitalità.Ventidue alberghi sparsi tra Italia ed estero, il gruppoha fatturato nel 2008 circa 150 milioni di euro.La strategia del gruppo, che non è intenzionatoalla quotazione in Borsa, mira ad una crescita inEuropa, nelle grandi capitali, con un ampliamentodella presenza nell’alto di gamma.E adesso guarda con interesse anche alla piazzalondinese.Eduardo CagnazziADV AM EDITORI SRL52 - marzo 2010Via Piana, Ponte (Benevento) – Tel. e Fax : 0824 876494 - mobile 3476604446mail - pietreionne@gmail.com - info@pietreionne.eu – www.pietreionne.eu

More magazines by this user
Similar magazines