Non smetterai mai di stupirti

campaign.visitestonia.com

Non smetterai mai di stupirti

Vacanze natura in EstoniaNon smetteraimai di stupirtiwww.visitestonia.comVacanze natura in Estonia 1


Estonia,la patria della naturaPer gli amanti della natura l’Estonia è un paradiso.Per essere una nazione piccola, è sorprendenteche questo Paese del Nord Europa abbiauna natura così diversa e incontaminata.È il luogo in cui la terra incontra il mare, le torbieresono inframmezzate con la foresta vergine,campi e fiumi e laghi ricchi di pesci. Aggiungetea questo quattro stagioni di immensa varietà:una primavera frizzante, un’estate calda di nottibianche, un autunno ricco di colori e un invernodi neve alta e soffice.Nelle aree boscose che coprono metà dell’Estonia,si trovano lupi e orsi, tra le altre rarità. Neipaesi a sud dell’Estonia, questi animali non si trovanofacilmente.Uno degli elementi che maggiormente colpiscedella natura dell’Estonia è che un quarto delpaese è una riserva naturale. Complessivamente,sono stati realizzati cinque parchi nazionali ecentinaia di altre aree protette per salvaguardareil valore unico della natura. Tutte queste areetentano gli amanti della natura con numerosipercorsi per passeggiate, così come la possibilitàdi fare dei picnic o trascorrere la notte in incantevolicapanne.L’Estonia è considerata una delle migliori destinazionidel mondo per l’osservazione degli uccelliquale rotta principale delle migrazioni. Ogniprimavera, milioni di uccelli acquatici che nidificanonell’Artico passano per l’Estonia occiden-tale. Centinaia di migliaia di questi uccelli fannouna breve tappa sulle ricche praterie dell’Estoniache riescono a competere con le aree tropicali. ALaelatu, nell’Estonia occidentale, ad esempio, inun solo metro quadrato sono state scoperte 70specie diverse di piante, rendendolo il secondoterreno più abbondante d’Europa.Va anche notato che la bassa densità di popolazionedell’Estonia offre ampio spazio agli avventurieriamanti della natura. La diffusione deltelefono cellulare e di internet in tutto il paesegarantisce la comunicazione con il resto delmondo anche nelle aree più remote: sulle spiaggeisolate o nel bel mezzo della foresta.Un incontro ai bordi della forestaUna veduta notturna della torbieraIl regno delle foreste edelle torbiereQuando si viaggia attraverso le foreste dell’Estonia,che coprono oltre la metà delle terre emersedi questo paese, è sempre possibile vedere abetiscuri, meravigliosi pini o betulle piene di uccelli infesta. Vi sono altri paesi europei che possiedonomolte foreste, ma non possono competere conla quantità di foreste vergini dell’Estonia.Ci sono circa 90 specie diverse di alberi nelle forestedell’Estonia. Oltre a conigli, volpi, caprioli,alci e cinghiali troviamo anche lupi, linci, cervi evisoni europei. Quando si visitano le foreste verginidi Alutaguse, è facile incontrare il rarissimoscoiattolo volante o addirittura un orso. La forestadi Alutaguse è considerata dai locali come ilrifugio degli orsi dell’Estonia. Oltre 100 di questiamanti del miele dimorano in quest’area.Specie locali di rettili sono avvistati di frequentementre prendono il sole sulle strade della foresta;vipere che procedono a zigzag, serpenti deiprati e scintillanti vermi color metallo. La viperaè il solo serpente velenoso dell’Estonia, e quindinon è certo una buona idea toccarla.Le foreste sono completamente silenziose durantei mesi invernali, ma ad aprile e maggio sialza un coro di uccelli. Questo avviene quandofringuelli, merli, cuculi e molti altri con canti meravigliosiritornano dal sud. Durante le notti diprimavera, la foresta è ravvivata dallo schiamazzodei gufi e dai versi della pernice che dà vitaad un ballo nuziale.Una mamma orso nella foresta vergine di Alutaguse2 Vacanze natura in EstoniaVacanze natura in Estonia 3


Se l’Estonia è davvero il regno delle torbiere, ilsuo sovrano è sicuramente Soomaa con le suecinque torbiere, di cui quella più vasta e prominentecomprende i 10.000 ettari del Kuresoo.Il Parco Nazionale di Soomaa non è solo consideratoa livello mondiale come un’importantezona umida, ma è ora anche candidato perl’inserimento tra i siti patrimonio dell’umanitàdell’UNESCO.Le aquile dorate e le pernici bianche protettecon rigore si mostrano di tanto in tanto agliescursionisti.Miracoli geologiciAmanti della natura nella torbiera di NigulaGli uccelli simbolo delle antiche foreste estonisono il gallo cedrone e le aquile: le aquile d’oro,i falchi pescatori e le aquile maculate.L’Estonia può essere anche chiamata il regnodelle torbiere in quanto circa un quarto del territorioè coperto di paludi. Da qualsiasi puntodell’Estonia continentale, la palude più vicina sitrova a non più di 10 km.vitamine - a volte conosciuti anche come limonidel nord - crescono nelle torbiere lungo i sentieripaludosi. Ai bordi delle torbiere, diverse varietàdi mirtilli non aspettano altro che essere raccolti.La sete può essere placata con l’acqua delle torbiereleggermente amara. È impossibile trovareuna bevanda più pura.Il simbolo dell’Estonia settentrionale e forse anchedi tutta la natura estone sono le alture calcareecostiere con le loro meravigliose cascate.L’altura si estende dall’isola svedese di Ölandper più di mille km fino al Lago Ladoga in Russia.Anche questo miracolo è candidato all’inserimentonella lista del patrimonio dell’umanitàdell’UNESCO.Mentre l’altezza del picco artesiano a Ölandmisura solo 10 m, l’altura di Ontika sulla costasettentrionale dell’Estonia raggiunge i 56 m. LeUn’aquila dalla coda bianca a cacciacascate più alte le troviamo a Valaste. Qui dallapiattaforma di osservazione, sono anche visibilitutti i meravigliosi livelli di stratificazione. L’alturaartesiana è una finestra aperta su centinaia dimilioni di anni di storia geologica del mondo.In particolar modo durante la primavera e l’autunno,nei periodi di acqua alta, ma anche in altrestagioni, la cascata di Jägala con i suoi ottometri di altezza offre una vista spettacolare.Più di 10.000 anni fa, le torbiere hanno iniziatoa formarsi dopo l’ultima era glaciale, diventandooggi capsule in cui viene preservata una naturapura e incontaminata. Le torbiere sono luogo dipace e tranquillità, una fuga piacevole dal caosdella vita quotidiana.Foreste vergini, circondate da aree umide prevalentementeincontaminate, ospitano moltespecie in pericolo. Ad ogni passo è possibile vedereuna meravigliosa orchidea. Con un po’ difortuna vedrete persino passare un’aquila sullavostra testa.Poiché un pino di una torbiera può arrivare anchead avere un secolo, non è cosa saggia spezzarei rami di questi alberi. I mirtilli rossi ricchi diUna manciata di mirtilli e moreScogliera calcarea del Nord dell’Estonia4 Vacanze natura in EstoniaVacanze natura in Estonia 5


sotto i letti dei fiumi. Durante i periodi di acquaalta primaverili e autunnali, i fiumi sotterranei sialzano e fanno “bollire” l’acqua fuori dal Pozzodella Strega. In alcuni giorni, dal pozzo esconofino a 100 litri di acqua al secondo. Secondo laleggenda, questo è causato dalle streghe chemuovono le loro braccia coperte da foglie in unasauna profonda nel pozzo. In realtà, questo rarospettacolo è causato dall’allineamento del pozzocon un fiume sotterraneo e l’acqua esce attraversocrepe presenti nell’ardesia.La costa dell’Estonia settentrionale è anche conosciutaper i suoi massi giganti lasciati lì più di10.000 anni fa dallo scioglimento dello strato dighiaccio dall’Arcipelago scandinavo.Il Pozzo della Strega di TuhalaLa superficie dell’ardesia del nord dell’Estonia èstata erosa per formare un carso che somiglia aformaggio svizzero. L’area più estesa di questocarso si trova nella Riserva Geologica di Tuhala.Tuhala è diventata famosa per il suo Pozzo dellaStrega e i suoi fiumi che hanno scavato gallerieIl masso più grande in quello che una volta erauno dei campi ghiacciati dell’Europa settentrionaleè il masso di Ehalkivi in Estonia. Esso puòessere visto in prossimità della città di Kunda sulcapo di Letipea. La circonferenza di questa pietranel mare poco profondo è di quasi 50 m: occorrerebbero40 persone per circondare la rocciaabbracciandola. Il masso che si è corroso nel corsodel tempo pesa oltre 2.400 tonnellate.Il cratere meteoritico di Kaali sull’Isola di SaaremaaL’era glaciale ha portato i massi in Estonia, maè anche servita a modificare il terreno in baseal suo gusto. Un altro capolavoro del ghiaccioè uno dei posti più alti e belli del Baltico: l’areacollinare dell’Estonia meridionale. Qui si susseguonocolline di forma rotonda, alcune coperteda campi e altre con foresta o prati, laghi blu evalli spettacolari nel mezzo. Questo paesaggioidilliaco è il Parco Nazionale di Karula.teoritici. È l’elemento naturale più importantedell’Estornia, il più imponente gruppo di crateridi tutto il continente euroasiatico. Il suo craterepiù vasto misura 110 m di diametro e 16 m diprofondità.La vetta più alta dei paesi baltici è Suur Munamägi(lett. “Grande collina dell’uovo”), con isuoi 318 m sul livello del mare negli altipiani diHaanja. Diversamente dall’Estonia settentrionale,lo strato roccioso in questa parte del paese ècaratterizzato da arenaria rossa. Essa può esserevista negli alti promontori nelle valli dei fiumi locali;il più imponente si trova vicino alle rive delfiume Ahja in Taevaskoja e il muro di Härma sulfiume Piusa.Paesaggio collinare dell’Estonia meridionaleLa piccola Estonia è il paese maggiormentecoperto da crateri meteoritici di qualsiasi altroposto al mondo. Si ritiene infatti che siano cadutesei rocce dallo spazio sui 45.227 chilometriquadrati del paese. Uno di essi, formatosi circa7.500 anni fa, è il campo Kaali dei crateri me-Cave di arenaria di Piusa nell’Estonia meridionale6 Vacanze natura in EstoniaVacanze natura in Estonia 7


Parco Nazionale di Vilsandi, dove crescono moltespecie di piante rare e ci sono le torri di osservazionedegli uccelli più vecchie d’Europa.Senza il mare, l’Estonia occidentale non avrebbeil primato dei gioielli naturali del paese, le spiaggee le distese verdi ricche di specie, che non sitrovano in nessun altro posto in Europa. Questedistese verdi sono il risultato di secoli di mietiturae pastorizia. Oltre alle rare orchidee, questicampi ospitano grandi beccaccini, piovanelli balticie il raro rospo calamita.La linea costiera dell’Isola di SaaremaaIl mondo acquatico –Mare, isole, fiumi, laghiL’Estonia confina con il Mar Baltico a nord e adovest. Il Paese è circondato da circa 1.500 isolegrandi e piccole. Pochi paesi al mondo possonovantare un numero di isole così alto. Le isoleprincipali sono quelle di Saaremaa, Hiiumaa,Muhu e Vormsi.Le isole estoni sono caratterizzate da linee costierefrastagliate e un’abbondanza di penisole.Gli scienziati hanno registrato oltre 600 diversespecie di piante in queste terre estremamentericche; tra gli esemplari più rari abbiamo i geranilucidi, le orchidee volanti e l’orchidea maschio.Quando si passa tra gli isolotti in barca o kayak,non è raro vedere specie protette come le fochegrigie o dagli anelli che spuntano con la testadall’acqua per controllare la situazione.Oltre alle isolette di Hiiumaa nella riserva nazionale,sulla costa occidentale di Saaremaa c’è ilNell’Estonia settentrionale, c’è un altro luogola cui natura diversa è legata al mare: il ParcoNazionale di Lahemaa. Non è possibile lasciareLahemaa senza provare l’esperienza di questemeravigliose spiagge sabbiose, villaggi costiericircondanti da foreste di pini, penisole e isole.L’Estonia è un paese ricco di fiumi e laghi. I laghidi almeno un ettaro di estensione ammontano acirca 1.200. Ci sono oltre 7.000 fiumi e ruscelli.Sul confine orientale dell’Estonia si trova il quintolago più esteso d’Europa, il Peipsi-Pihkva. Maquello che è considerato il più bello specchiod’acqua dell’Estonia, il Pühajärv (lett. “Lago sacro”),con le sue isole coperte da foreste e costefrastagliate, si trova nell’area collinare dell’Estoniameridionale. La maggior parte dei laghiEscursione in barca sul fiume Suur-Emajõgidell’Estonia è ricca di pesci e i pescatori pescanosoprattutto lucci, branzini, pesce persico e abramidi.D’estate, i laghi attirano un gran numero dibagnanti. D’inverno, i laghi ghiacciati sono unagrande attrattiva per i pattinatori. Il Lago Peipsiè per tradizione sede di una maratona annualedi pattinaggio. I fiumi con uno scorrimento regolaresono molto popolari tra i canoisti; a talproposito quello più famoso è il fiume Võhandudell’Estonia meridionale che con i suoi 162 km èil più lungo d’Estonia.La penisola che indubbiamente offre le più bellevedute del mare è quella di Sääretirp, la lunga estretta striscia rocciosa di terra che si spinge finoal mare nella Hiiumaa meridionale. È un rilievoduramente lavorato dal mare, che nei punti piùalti è ricco di vegetazione. Ginepri, viburni, coronopie ravizzoni di mare si susseguono, lottandotenacemente contro le tempeste.Una serie di isolette si trova nel mare circostanteSääretirp e consiste di dieci paradisiache isolenordiche. Gli isolotti più vasti che contengonoforeste decidue e impenetrabili boschetti di gineprosono quelle di Saarnaki, Hanikatsi, Vareslaid,Kõrgelaid e Ahelaid.Un saluto amichevolePescatori sul Lago Peipsi8 Vacanze natura in EstoniaVacanze natura in Estonia 9


Un cignoIl paradiso degli uccelliSebbene l’Estonia sia uno dei paesi più piccolid’Europa, habitat ricchi di uccelli e aree per l’annidamentosi trovano in foreste, paludi, acquitrini,laghi, fiumi, prati, campi, spiagge rocciose,isolette e pascoli costieri. Le basse acque costiereattirano centinaia di migliaia di uccelli acquaticiche nidificano nell’Artico.In totale, in Estonia sono state registrate oltre370 specie di uccelli. Duecento di questi sonouccelli che nidificano nell’area e gli altri sonomigratori, vengono a svernare o sono solo visitatoridi passaggio. L’uccello nazionale estone èla rondine.Ci sono specie molto interessanti da vedere tuttol’anno. Da novembre a marzo, decine di migliaiadi uccelli acquatici svernano nelle acquecostiere prive di ghiaccio dell’Estonia occidentale.Da marzo fino all’ultima settimana di maggio,le porte del cielo si aprono e milioni di uccelliarrivano dal sud per nidificare in Estonia. Partedi essi resta e parte vola poi verso le costedell’Oceano Artico. La migrazione autunnalecomincia agli inizi di agosto e il cielo si riempienuovamente di uccelli.Poiché l’Estonia è piena di aree in cui si registrala presenza di uccelli importanti a livello internazionale,non c’è da meravigliarsi che osservatoridi uccelli locali e stranieri si organizzino per affollarele coste dell’Estonia.Per l’avvistamento degli uccelli oltre a delle areeprestabilite, vi sono numerose torri di osservazionemolto confortevoli per vedere sia gli uccelliche il loro habitat, altrimenti impossibile da vederead occhio nudo.L’uccello nazionale estone: la rondine.La mecca dell’Estonia, così come degli appassionatidi uccelli a livello mondiale, è il Parco Nazionaledi Matsalu. La baia poco profonda, gliinnumerevoli pascoli costieri, i boschetti di cannee le torbiere costiere offrono riparo sia a uccelliche si apprestano a nidificare sia a uccelli migratori.In primavera e autunno i campi locali siriempiono di decine di migliaia di oche e stormidi bernacle che rendono l’aria vibrante quandovolano da un campo all’altro. In autunno i campidi Matsalu servono come punto di ristoro per ungran numero di gru del nord.Nelle tranquille notti d’estate le pianure europeesi riempiono dei versi di quaglie, canne, uccellicanterini in pericolo di estinzione in Europa.Paragonabile a Matsalu è la Riserva Naturale diSilma ricca di specie: non c’è posto migliore perascoltare i suoni degli uccelli delle paludi. Cosìcome le oche, gli svassi e le quaglie, l’aquila dallatesta bianca e il falco pescatore possono essereavvistati nel cielo.Il punto più a nord-ovest dell’Estonia continentale,il capo Põõsaspea, è uno dei posti miglioridi tutta l’Europa settentrionale per osservare lamigrazione artica degli uccelli acquatici.Una torre di osservazione per uccelli nella Riserva Naturale di EndlaUn curioso gufo dalle orecchie lungheUn’area molto famosa per gli uccelli è l’isola diSõrve Säär a Saaremaa. Questa penisola che sisporge nel mare attrae un numero enorme diuccelli durante la stagione migratoria. Essa rappresentaun importante punto di riferimento pergli uccelli d’acqua, rapaci e milioni di passeri.Nel corso degli anni, oltre 270 specie di uccellisono stati avvistati nell’area e nei giorni miglioriè possibile vederne almeno la metà. È questaesperienza migratoria che attira appassionati diuccelli da tutto il mondo ogni autunno a Sõrve.10 Vacanze natura in EstoniaVacanze natura in Estonia 11


ITSperiamo di vederti presto!www.visitestonia.com12INFORMAZIONI DI VIAGGIOwww.visitestonia.comwww.eesti.eewww.vm.eewww.rmk.eewww.turismiweb.eewww.regio.eewww.baltikuminfo.dewww.balticsworldwide.comwww.inyourpocket.com/estoniawww.tallinn-airport.eewww.bussireisid.eeVacanze natura in Estoniawww.envir.eewww.elfond.eewww.elks.eewww.maaturism.eewww.ecotourism.eewww.matkaliit.eewww.looduseomnibuss.eewww.soomaa.eewww.lahemaa.eewww.karularahvuspark.eewww.matsalu.eeEnterprise Estonia, Estonian Tourist Board © 2010Testo di Ulvar Käärt. Informazioni aggiornate a gennaio 2010.

More magazines by this user
Similar magazines