UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE - OFM

ofm.org
  • No tags were found...

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAE - OFM

UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAEX ASSEMBLEA DELL’UFMELisbona / Fatima (Portogallo) - 17-22 ottobre 2011“Europa, una missione e una sfida”PROGETTO OFM PER L’EUROPAInstrumentum LaborisINTRODUZIONEIl testo del “Progetto Europa” che viene presentato raccoglie i mandati del Capitolo generale 2009, ed è ilfrutto delle decisioni dell’ultima Assemblea della UFME avuta a Bruxelles nel febbraio 2010, che sono staterielaborate dalla commissione mista formata dal Consiglio permanente della UFME e dai Definitori generalidell’Europa, con la partecipazione del Segretariato generale per le Missioni e l’Evangelizzazione. Sono statiaccolti anche alcuni suggerimenti delle Conferenze, è stato inoltre recepito il “Messaggio finale” del IIISeminario sulle nuove forme di presenza evangelizzatrice in Europa (2-6 maggio 2011).Il documento si articola nelle seguenti parti:- i Mandati del Capitolo generale- gli obiettivi, generali e particolari- gli impegni decisi a Bruxelles e riordinati- alcuni nuovi cammini e proposte emerse dalla riflessione della Commissione mista.Con questo testo offriamo un “Progetto in costruzione”. Il documento è infatti aperto e soggetto arevisione, aggiornamento, adeguamento. È uno strumento che vuole aiutarci a camminare insieme, adaprirci ad una visione europea del nostro Ordine, in vista di un futuro sempre da attualizzare e rinnovare. Inquesta flessibilità crediamo stia la forza del Progetto che si propone.Questo “Progetto Europa” viene inteso anche come il documento di lavoro che potrà guidare il camminodella UFME di volta in volta nelle prossime assemblee, dove se ne farà la verifica, l’aggiornamento e losviluppo per il futuro.I MANDATI DEL CAPITOLO GENERALE 2009«Nel contesto di forte secolarizzazione, tipica dell’Europa, si elabori un Progetto Europa, caratterizzatodall’internazionalità e interprovincialità, con l’obiettivo di dar vita a nuove forme di evangelizzazione»(Mandato 26).«Si rafforzi un progetto per i Paesi sul territorio dell’Europa dell’Est, in particolare la presenza francescananella Chiesa greco-cattolica in Ucraina» (Mandato 27).Página 1 de 5________________________________________________________________________________________________X ASSEMBLEA DELL'UFME - Portogallo - Lisbona - 17-22 ottobre 2011


UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAEGLI OBIETTIVIObiettivo generale1. Rivitalizzare le nostre Fraternità per rilanciare una nuova missione evangelizzatrice, secondo iMandati 13 e 20 del Capitolo generale 2009, concentrando l’impegno su:- la vita interiore ben coltivata (spiritualità),- la cura di Fraternità evangeliche che vivono concretamente la Regola e le CCGG, in minorità,- un nuovo slancio a vivere lo spirito missionario nelle attività apostoliche e «dar vita a nuove -forme di evangelizzazione» (Mandato 2).2. Partecipare attivamente alla costruzione dell’Europa secondo i valori cristiani e francescani dellacultura europea.Obiettivi particolari:1. Sostenere il processo di ridimensionamento e ristrutturazione delle presenze e delle Entità, «pertentare di ridarci significato» (Portatori del dono del Vangelo 31).2. Favorire la nascita di “Fraternità nuove” per nuove forme di evangelizzazione, e coltivare i luoghi dispiritualità (santuari, fraternità di preghiera e/o di ascolto…).3. Costituire presenze “profetiche” in alcuni luoghi cruciali e di frontiera nella società europea.4. Sviluppare la collaborazione interprovinciale e internazionale tre le nostre Entità.5. Rafforzare la presenza francescana nella Chiesa greco-cattolica in Ucraina (Mandato 27).6. Approfondire i valori dell’Europa e quelli della cultura francescana, entrambi al servizio diun’Europa “Domus Pacis”.7. Appoggiare e collaborare alle iniziative dell’Unione Europea in favore dei Paesi dell’area delMediterraneo.GLI IMPEGNIPer mettere in atto le proposte approvate nell’Assemblea UFME del febbraio 2010A) Animazione nelle Province e Conferenze1. Sensibilizzare tutti i Frati sul “Progetto Europa”: «Proponiamo che i Ministri e le Conferenze informino ifrati di Europa sui progetti dell’UFME, sensibilizzandoli in modo particolare sui progetti che coinvolgono laloro Conferenza» (Proposta 12); «Sosteniamo la pubblicazione di una breve riflessione sul tema “L’Europa,nostra casa comune» (Proposta 3d).Come far circolare le informazioni alle Province e ai Frati? Istituire un Segretariato dell’UFMEattrezzato ed efficiente? Aprire una “News Letter” europea nella pagina Web dell’UFME(www.ufme.eu)? Rinnovare l’impegno di ogni Conferenza a tradurre nella propria lingua idocumenti e le informazioni? Altre proposte?2. Promuovere le “nuove Fraternità” in Europa, sviluppando una «rete di fraternità» (Proposta 1e) eaffidando «il servizio di coordinamento e di animazione delle nuove forme di presenza alla Fraternitàmissionaria per l’Europa di Palestrina, in collaborazione con il Segretariato generale per le Missioni ePágina 2 de 5________________________________________________________________________________________________X ASSEMBLEA DELL'UFME - Portogallo - Lisbona - 17-22 ottobre 2011


UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAEl’Evangelizzazione» (III Seminario sulle nuove forme di presenza evangelizzatrice in Europa, 2-6 maggio2011, Messaggio finale, 10). (Allegato 1)3. Formazione missionaria dei Frati e dei laici. «Siamo favorevoli a continuare la formazione missionaria deifrati nella Fraternità Nostra Signora delle Nazioni a Bruxelles» (Proposta 6a).- «In prospettiva vocazionale, proponiamo che questa fraternità sviluppi programmi di formazionemissionaria anche per giovani laici, proponendo esperienze missionarie presso luoghi francescaniall’estero» (Proposta 6b).Come realizzare queste proposte? Avviare un collaborazione delle Conferente o Province con ilSegretariato generale per le Missioni e con i Frati responsabili della formazione a Bruxelles?4. Sviluppare una riflessione e delle proposte per una presenza francescana tra i Migranti: « I Delegatiprovinciali delle Conferenze di GPIC elaborino delle linee per la Pastorale dei Migranti, tenendo conto delladimensione sociale e dei diritti dell’uomo» (Proposta 1d).Presentare il documento dell’Ufficio generale GPIC le “LINEE GUIDA PER IL LAVORO PASTORALEOFM CON GLI IMMIGRATI IN EUROPA” all’Assemblea UFME e diffonderlo nelle Conferenze e nelleProvince. (Allegato 2)5. Sviluppare la conoscenza delle lingue per favorire l’internazionalità: « Riaffermiamo le decisioni diLourdes per quello che concerne lo Studio delle lingue» (Proposta 9).Che percezione si ha dell’interesse per la conoscenza delle lingue?Ogni Provincia sia disponibile ad inviare e ad accogliere i Frati che studiano lingue diverse dallapropria.B) Attività con le Conferenze6. Assumere e celebrare “lo Spirito di Assisi”: « L’Assemblea assuma iniziative adatte allo “Spirito di Assisi”secondo il mandato 29 del Capitolo Generale 2009, legandolo alla X Assemblea dell’UFME del 2011.- In vista del 25mo anniversario dello “Spirito di Assisi”, ogni Conferenza promuova eventi in luoghisignificativi di frattura e di riconciliazione.- Siamo favorevoli all’organizzazione di una giornata di preghiera nello “Spirito di Assisi”, preparandodel materiale opportuno» (Proposta 3).Ci sono iniziative di alcune Conferenze o Province? Si possono comunicare agli altri? Come si puòcontinuare a coltivare lo “Spirito di Assisi” nelle Province?7. Sostenere e organizzare periodicamente il “Franciscan European Meeting”: « L’Assemblea sostenga il IIIIncontro Euroframe, in Polonia, e le altre iniziative della Commissione dei Giovani dell’ UFME» (Proposta 2).Il III° Franciscan European Meeting si terrà in Polonia, nel santuario di Sant’Anna (Montagna disant’Anna), dal 27 al 31 agosto 2012.Página 3 de 5________________________________________________________________________________________________X ASSEMBLEA DELL'UFME - Portogallo - Lisbona - 17-22 ottobre 2011


UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAEContinuare con una periodicità di due anni oppure cambiare in tre anni? Come coinvolgere il piùpossibile i giovani nelle Conferenze?8.Collaborare con la Fraternità lungo il Cammino di Santiago di Compostela: «L’UFME collabori allacostituzione di una fraternità ‘temporanea’ lungo il Cammino di Santiago di Compostela, come unostrumento di Evangelizzazione francescana in Europa» (Proposta 1b).Progetto “CAMMINO DI SANTIAGO”Finalità:Dove:Con:Come:: Accoglienza dei Pellegrini (Animazione , Ascolto, liturgie …)O Cebreiro (diocesi di Lugo) – Galizia - dove tutti i Pellegrini si fermano in una struttura(“albergo”) della diocesi- Fraternità stabile (3 frati della Provincia di Santiago- 3/4frati “europei” durante il periodo estivo (giugno –settembre) costituiscono unaFraternità internazionale “temporanea” secondo le “5 Priorità” con la “missione” diaccogliere i PellegriniNel pomeriggio arrivo dei Pellegrini (accoglienza, celebrazioni, veglie, incontri personali)- Dare “materiale” (dépliants) informativo sulle presenze dei Frati nei diversi paesid’Europa.Fraternità nel “Camino de Santiago” (già stabilita e operante)Indirizzo:Guardiano:PARROQUIA SANTA MARIA LA REAL DO CEBREIRO27671 PIEDRAFITA DO CEBREIRO (LUGO)Fr. José Manuel Castiñeira / Móvil +34 699755829 / ofmsancas@hotmail.comPotranno accogliere in futuro non più di 4 frati contemporaneamente.9. Iniziare una presenza francescana presso le Istituzioni Europee a Bruxelles: « Chiediamo che si continuinell’impegno di costruire relazioni con le Istituzioni Europee in vista di una cooperazione ed eventualepartecipazione diretta con entità o iniziative degli organismi della Unione europea.- A tal fine, chiediamo che si continui nella ricerca di un frate o di un laico competente al quale saràdomandato di essere rappresentante permanente dell’UFME presso le istituzioni europee diBruxelles.- L’eventuale frate rappresentante dell’UFME presso le istituzioni europee potrebbe far parte dellaFraternità Nostra Signora delle Nazioni» (Proposta 4).- La presenza francescana presso la Comunità europea può essere:a) All’interno della Fraternità internazionale di Bruxelles, si potrebbe concretizzare la presenza dialcuni frati «capaci» ad assumere eventualmente alcuni ruoli all’interno delle istituzionieuropee.b) Questa presenza potrebbe essere effettiva (uno o più frati), oppure in forma «temporanea»oppure «ad hoc» (in funzione delle attività da realizzare)c) Questa «presenza» deve essere capace di lavorare «in rete» con le diverse istituzionidell’Ordine.Página 4 de 5________________________________________________________________________________________________X ASSEMBLEA DELL'UFME - Portogallo - Lisbona - 17-22 ottobre 2011


UNIO FRATRUM MINORUM EUROPAENelle Istituzioni europee è presente fra Vítor Melícias come membro effettivo del Comitatoeconomico e sociale europeo. Comme delegato dell'UFME presso le medesime Istituzioni é statonominato un Frate della Provincia romana.10. Studiare la possibilità di istituire un pellegrinaggio francescano periodico a Lourdes: « Siamo favorevolialla proposta di invitare tutti i membri della Famiglia Francescana ad un Pellegrinaggio Francescano aLourdes. L’Assemblea affida al Consiglio Permanente di studiare le possibilità e modalità per realizzare ilprogetto» (Proposta 7).L’iniziativa si svolge ogni anno durante la settimana dell’Ascensione come Pellegrinaggio nazionaledella famiglia francescana ed è affidata alle Province francofone.L’UFME accoglie questa iniziativa e la propone a tutte le Conferenze.Come è stata accolta nel 2011? Com’è stata la partecipazione “europea” della famigliafrancescana? Come si può migliorare in futuro?11. Sostenere la presenza francescana in Ucraina: « Proponiamo che nell’ambito del progettod’Evangelizzazione dell’Europa si porga attenzione ai bisogni delle giovani presenze della Fondazionebizantina e della Provincia di Ucraina. Oltre all’aiuto personale proponiamo che si crei un fondo economicoper aiutare lo sviluppo delle Entità francescane in Ucraina» (Proposta 10).Il Fondo previsto non è stato costituito. Chi e come può istituirlo? È più realistico aprire un fondofinalizzato per le Entità dell’Ucraina presso il Segretariato generale per le Missioni el’Evangelizzazione? Come proporre la richiesta dei bisogni? (Allegato 3)ALTRE PROPOSTETemi di riflessione proposti all’Assemblea per nuovi cammini francescani in Europa.1. Abbiamo la responsabilità di assicurare che il carisma francescano resti presente nei vari Paesid’Europa.2. Come e con quali criteri possiamo individuare i luoghi strategici significativi per l’Ordine in Europadove i Frati non possono non essere presenti. Quale contributo di discernimento ogni Conferenzapuò offrire? Come individuare due/tre luoghi più significativi e irrinunciabili per ogni Paese? Quantifrati le Conferenze possono a mettere a disposizione?3. Creare rete solidali per aiutare a cooperare le Fraternità che lavorano nel medesimo settore.4. In una Europa sempre più multiculturale e multireligiosa, promuovere l’impegno a favoredell’interculturalità, l’ecumenismo e il dialogo interreligioso.ALLEGATIAllegato 1: Messaggio finale del III seminario sulle nuove forme di presenze evangelizzatrici.Allegato 2: Linee guida per il lavoro pastorale OFM con gli immigrati in Europa.Allegato 3: Progetto Ucraina.Página 5 de 5________________________________________________________________________________________________X ASSEMBLEA DELL'UFME - Portogallo - Lisbona - 17-22 ottobre 2011

More magazines by this user
Similar magazines