I LUOGHI DI ODORICO A UDINE - STRINGHER

stringher.it

I LUOGHI DI ODORICO A UDINE - STRINGHER

SULLE TRACCE DI ODORICO DA PORDENONENel cuore del centro storico di Udine,tra l’antico Ospedale di Santa Maria dei Battuti (XIII sec., sede degli ufficicomunali) e l’Ospedale Vecchio (XVIII sec, sede del Tribunale) si trova la viaintitolata a Odorico da Pordenone.All’angolo tra via Odorico daPordenone e Largo Ospedale Vecchiosorge la Chiesa di San Francesco(XIII sec.) ora sconsacrata.In questa chiesa, agli inizi del 1300,appena quindicenne, entra a far partedella congregazione dei frati minorifrancescani Odorico da Pordenone. E’in questo convento che il giovanesacerdote originario di Villanova diPordenone trascorre i primi anni delsuo sacerdozio primadi recarsi come missionario in Cinaed è proprio qui che morirà il 14gennaio 1331, (fonte:www.comuneudine.it)stremato dalle fatiche della suamissione in terra d’Oriente.All’interno della chiesa, in unacappella a lui dedicata, si puòammirare un ciclo di affreschi del XV secolo sulla vita delbeato. Gli affreschi raffigurano l’episodio della morte deimartiri francescani di Thana, località prossima a Bombay,l’arrivo di Odorico a Thana e il recupero delle spoglie deiconfratelli, l’incendio a cuiOdorico scampòmiracolosamente, il viaggio per mare verso laCina (Odorico supera un momento di difficoltàdella navigazione, gettando in acqua una reliquiadei frati martiri), l’arrivo a Canton e il miracolo,avvenuto per intercessione del Beato, dellaguarigione del dito del mugnaio Giovanni daCordovado.


Lasciando la Chiesa di SanFrancesco sulla destra eproseguendo dritti si giungeal Duomo di Udine, che perqualche tempo conservò lespoglie del Beato; lasciato ilDuomo sulla sinistra sipercorre tutta via VittorioVeneto e via Aquileia pergiungere, poco prima di PortaAquileia, alla Chesa dellaMadonna del Carmine.(fonte: www.comuneudine.it)


La Chiesa faceva untempo parte delconvento dei fratiCarmelitani costruitoagli inizi del 1500, dicui resta ora solo ilpiccolo chiostro interno. Nel1771 vi si trasferirono iFrancescani, portando con sé lereliquie in loro possesso, tra cuianche le spoglie del beatoOdorico da Pordenone. Il corpodel francescano era custoditodal 1331, anno della morte del frate, nel convento di San Francesco e dall’anno successivo era stato riposto entro l’arca marmorea che il Comune diUdine, per volere del gastaldo Corrado Bernadiggi, aveva commissionato alloscultore veneziano Filippo De Sanctis. L’arca è posta nella cappella sinistradella chiesa sorretta daquattro colonne lisce.Sul lato frontale èrappresentata la morte diOdorico: il Beato giacesopra un sudario retto dadue angeli ed è vegliato dalpatriarca Pagano dellaTorre, dal gastaldo diUdine, da tre frati e dalcameraro. Al di sotto èraffigurato Odorico cheporta due bandiere chesimboleggiano i duecontinenti in cui si è svoltala predicazione delmissionario. Nel lato posteriore è raffigurato Odoricoche predica ad una folla di fedeli.Il corpo del Beato non riposò sempre all’internodell’arca: infatti quando nel 1806 i francescanilasciarono il convento, le spoglie vennero trasferite nelDuomo di Udine e lì restarono fino al 1931, quando inoccasione del sesto centenario della morte del Beatovennero riportate alla chiesa del Carmine.Sulla parete sinistra della chiesa si può ammirare ildipinto “Odorico da Pordenone benedice la folla”, operadi Francesco Grillo (sec. XVIII), mentre nelle vetrate diArrigo Poz (2000-2001) sono raffigurati tre episodi dellavita del beato:


nel tondo centrale è raffigurato il Beato, in quello a sinistra la predicazione inCina e in quello a destra la processione con cui venne trasferita l’arca dallachiesa di san Francesco a quella del Carmine.

More magazines by this user
Similar magazines