Scarica il POF in PDF - Liceo Artistico Statale Catalano

artisticocatalano.it

Scarica il POF in PDF - Liceo Artistico Statale Catalano

LICEOARTISTICOCATALANOLiceo Artistico StataleE. CATALANOPalermoPIANODELL’OFFERTAFORMATIVAPOF20112012


LICEOARTISTICOCATALANOLiceo Artistico StataleE. CATALANOPalermoPIANODELL’OFFERTAFORMATIVAPOF20112 0 1 2


Indice1. Premessa ........................................................................................................................ 9 Che cos’è il P.O.F.? ........................................................................................................................... 9 2. Informazioni generali ................................................................................................... 10 Il Liceo Artistico “E. Catalano” ......................................................................................................... 10 Dove si trova? .................................................................................................................................. 10 3. Il contesto culturale, sociale ed economico .............................................................. 10 Le risorse del territorio ..................................................................................................................... 11 L’Integrazione con il territorio ........................................................................................................... 11 4. La Scuola ...................................................................................................................... 12 Dove ci troviamo .............................................................................................................................. 12 Dove lavoriamo ................................................................................................................................ 12 Disposizione delle aule e dei laboratori ........................................................................................... 12 Organizzazione interna, risorse, servizi ........................................................................................... 14 Svolgono le seguenti funzioni: ......................................................................................................... 14 Personale uffici amministrativi: ........................................................................................................ 15 Il personale ATA .............................................................................................................................. 15 Gli orari di ricevimento ..................................................................................................................... 15 Le risorse finanziarie ........................................................................................................................ 16 Utilizzo del fondo d’Istituto ............................................................................................................... 17 Tempo scuola .................................................................................................................................. 17 Calendario scolastico ....................................................................................................................... 17 Frequenza minima ........................................................................................................................... 18 Orario lezioni .................................................................................................................................... 19 Criteri per la sostituzione dei docenti assenti .................................................................................. 19 Criteri per la formazione delle classi ................................................................................................ 20 Rapporti con le famiglie e ricevimenti genitori ................................................................................. 20 5. FIGURE, ORGANI, FUNZIONI E COMPITI ................................................................... 20 Gli organi collegiali ........................................................................................................................... 20 Il Dirigente Scolastico e il suo staff .................................................................................................. 21 Le funzioni strumentali al P.O.F. ...................................................................................................... 22 Docenti con funzione di supporto al P.O.F. ..................................................................................... 25 Referenti dei dipartimenti disciplinari ............................................................................................... 25 Coordinatori e segretari ................................................................................................................... 26 Incarichi e Referenti ......................................................................................................................... 27 Responsabili dei Laboratori ............................................................................................................. 28 Il comitato di valutazione ................................................................................................................. 29 Altre figure previste dalla normativa ................................................................................................ 29 Il Dirigente Scolastico e l’applicazione del D. L. 81/08: la sicurezza a scuola ................................. 29 6. La Struttura e l’offerta formativa ................................................................................ 30 Il Liceo ArtisticoCatalano” attiva tre diversi ordinamenti: ............................................................... 30 A. Il nuovo ordinamento. .................................................................................................................. 30 Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei ................................................................................................. 31 I risultati di apprendimento comuni a tutti i percorsi liceali ..................................................................................... 31 I risultati di apprendimento del Liceo Artistico ................................................................................................................ 32 Il Liceo artistico “Catalano” attiva i seguenti quattro indirizzi: ............................................................................... 33 I risultati di apprendimento e i piani di studio dei quattro indirizzi .................................................... 34 1. Indirizzo Arti figurative .......................................................................................................................................................... 34 Piano degli Studi Arti Figurative ........................................................................................................................................................ 34 5


2. Indirizzo Architettura e ambiente ..................................................................................................................................... 35 Piano degli Studi Indirizzo Architettura e Ambiente ................................................................................................................ 36 3. Indirizzo Design ......................................................................................................................................................................... 37 Piano degli Studi Design ........................................................................................................................................................................ 37 4. Indirizzo Scenografia ............................................................................................................................................................... 38 Piano degli Studi Scenografia .............................................................................................................................................................. 39 B. Ordinamento tradizionale ............................................................................................................ 40 I Sezione (Accademia) .................................................................................................................................................................. 40 II Sezione (Architettura) ............................................................................................................................................................. 40 Piano degli studi Ordinamento tradizionale ................................................................................................................................ 41 Anno Integrativo ............................................................................................................................................................................. 41 C. Corsi sperimentazione assistita “Progetto Michelangelo” ........................................................... 42 Pittura e decorazione pittorica ................................................................................................................................................ 42 Scultura e decorazione plastica ............................................................................................................................................... 42 Rilievo e catalogazione ................................................................................................................................................................ 43 Autonomia e Flessibilità ................................................................................................................... 43 7. Gli obiettivi .................................................................................................................... 43 Relazionali ....................................................................................................................................... 43 Cognitivi ........................................................................................................................................... 44 8. La valutazione .............................................................................................................. 44 La certificazione delle competenze .................................................................................................. 46 La valutazione del comportamento .................................................................................................. 46 Sospensione del giudizio ................................................................................................................. 48 Ammissione all'esame di Stato ........................................................................................................ 49 9. Criteri e griglie di valutazione delle singole discipline ............................................. 49 Italiano biennio ............................................................................................................................................................................... 49 Italiano e storia triennio ............................................................................................................................................................. 50 Storia e geografia biennio .......................................................................................................................................................... 51 Italiano, Prova scritta .................................................................................................................................................................. 52 Storia dell’arte ................................................................................................................................................................................. 53 Catalogazione (prove orali) ...................................................................................................................................................... 58 Matematica ....................................................................................................................................................................................... 59 Scienze e Chimica ........................................................................................................................................................................... 61 Inglese orale biennio ..................................................................................................................................................................... 62 Inglese prove scritte biennio ..................................................................................................................................................... 63 Inglese orale triennio .................................................................................................................................................................... 64 Inglese scritto triennio ................................................................................................................................................................. 65 Educazione fisica e sportiva ...................................................................................................................................................... 66 Discipline pittoriche ...................................................................................................................................................................... 68 Ordinamento tradizionale. Ornato e Figura disegnata secondo biennio ......................................................................... 68 Sperimentazione “Michelangelo” Progettazione pittorica ..................................................................................................... 69 Laboratorio pittorico (triennio) ........................................................................................................................................................ 70 Anatomia artistica .................................................................................................................................................................................... 71 Discipline grafiche e pittoriche (Nuovo ordinamento) ............................................................................................................ 72 Laboratorio artistico (Nuovo ordinamento – Pittoriche-­‐Scultoree-­‐Geometriche) ...................................................... 73 Rilievo (plastico) pittorico ................................................................................................................................................................... 74 Discipline scultoree ........................................................................................................................................................................ 75 6


Sperimentazione “Michelangelo” Progettazione Scultura ...................................................................................................... 75 Modellato / Laboratorio Scultura / Discipline Plastiche e Scultoree (biennio) ............................................................ 76 Discipline geometriche ................................................................................................................................................................. 77 Disegno geometrico – Prospettiva – Geometria descrittiva .................................................................................................. 77 Elementi di architettura ........................................................................................................................................................................ 78 Filosofia .............................................................................................................................................................................................. 79 Insegnamento Religione Cattolica .......................................................................................................................................... 80 10. LA CONTINUITÀ EDUCATIVA E L’ORIENTAMENTO .............................................. 80 11. L’INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI .................................... 81 I COMPONENTI DEL GLIS ............................................................................................................. 81 I Compiti del GLIS ........................................................................................................................................................................... 82 Alunni con DSA ................................................................................................................................ 82 12. I LABORATORI E LE AULE SPECIALI ...................................................................... 82 Laboratorio di incisione ........................................................................................................................................................................ 83 Laboratorio per la terracotta .............................................................................................................................................................. 83 Laboratorio di modellistica .................................................................................................................................................................. 83 Laboratorio audiovisivo/grafica digitale ....................................................................................................................................... 83 Laboratorio multifunzionale ............................................................................................................................................................... 83 Laboratorio di scienze e anatomia .................................................................................................................................................... 83 Laboratorio di affresco a classi aperte ............................................................................................................................................ 83 Laboratorio di formatura e gipsoteca ............................................................................................................................................. 83 Laboratorio di Batik ................................................................................................................................................................................ 83 Laboratorio di petrografia .................................................................................................................................................................... 84 Laboratori di restauro ............................................................................................................................................................................ 84 Laboratorio di lavorazione della pietra .......................................................................................................................................... 84 Laboratorio linguistico e di informatica ......................................................................................................................................... 84 13. L’AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA .................................................... 84 Interventi e compensazione disciplinare .......................................................................................... 84 Progetti di innovazione disciplinare e progetti interdisciplinari ......................................................... 84 I progetti ............................................................................................................................................................................................ 84 Progetto cinema ........................................................................................................................................................................................ 84 Educazione alla legalità. Progetto educativo antimafia ........................................................................................................... 84 Laboratorio teatrale ................................................................................................................................................................................ 85 Scenografia per laboratorio teatrale ................................................................................................................................................ 85 Attività culturali e spazi espositivi ................................................................................................................................................... 85 Progetto “Incontri con la musica” ..................................................................................................................................................... 85 Allestimenti scenografici ....................................................................................................................................................................... 85 Corso di Fumetto ...................................................................................................................................................................................... 85 Progetto Arcobaleno dei popoli ......................................................................................................................................................... 85 La classe diventa redazione ................................................................................................................................................................. 85 La scuola incontra il teatro ................................................................................................................................................................... 86 Corso di restauro pittorico ................................................................................................................................................................... 86 Fotografia di base ..................................................................................................................................................................................... 86 Fare-­‐pensare-­‐scultura ............................................................................................................................................................................ 86 Avviamento alla pratica sportiva ...................................................................................................................................................... 86 7


Nessun uomo è clandestino ................................................................................................................................................................. 86 Progetti europei ............................................................................................................................... 86 14. Verifica e valutazione del P.O.F. ............................................................................... 87 15. Patto educativo di corresponsabilità ....................................................................... 87 La scuola s’impegna a: ............................................................................................................................................................................ 87 Lo studente s’impegna a: ...................................................................................................................................................................... 87 La famiglia s’impegna a: ........................................................................................................................................................................ 87 16. Regolamento d’istituto .............................................................................................. 88 17. REGOLAMENTO ASSENZE E VALIDITA’ DELL’ANNO SCOLASTICO AI FINIDELLA VALUTAZIONE FINALE ....................................................................................... 88 8


Liceo Artistico StataleCatalano – PalermoPIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA1. PremessaChe cos’è il P.O.F.?Il Piano dell’Offerta Formativa (POF) è il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturalee progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare,educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia… ècoerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi e indirizzi di studi determinati a livellonazionale…. e riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale,tenendo conto della programmazione territoriale dell'offerta formativa. Esso comprende ericonosce le diverse opzioni metodologiche, anche di gruppi minoritari, e valorizza le corrispondentiprofessionalità. (Dall’art.3 DPR 275/99).Il POF è consegnato alle famiglie all’atto dell’iscrizione: è quindi un documento che orienta einforma gli studenti nuovi iscritti e le loro famiglie.Il POF è un documento esplicativo e dichiarativo della didattica e del suo ordinamento all’internodella scuola; per ciò è elaborato dal Collegio dei Docenti e adottato dal Consiglio di Istituto; èpubblicato nel sito d’Istituto; è, quindi, riferimento normativo per tutti coloro i quali operano al suointerno.9


2. Informazioni generaliIl Liceo Artistico “E. Catalano”Il Liceo Artistico è stato istituito nel 1923 come scuola secondaria di primo grado annessaall’Accademia di Belle Arti, con la quale condivideva sia la Direzione che il Corpo Docenti. Il titoloacquisito dai liceali, alla fine degli studi, abilitava, sino al 1978, all’insegnamento delle materieartistiche. Allora, come ai giorni nostri, l’Accademia, definita dallo Stato Istituto di Alta Cultura(insieme al Conservatorio di Musica), rappresentava il completamento del percorso di formazioneartistica. Nel 1974 il Liceo acquisisce una propria autonomia rimanendo il primo istituto artisticosiciliano della scuola media superiore. Da esso nasceranno, per gemmazione, il Liceo Artistico diCatania, il Secondo Liceo Artistico di Palermo ed il liceo Artistico di Trapani. L’incidenza nelterritorio è stata dunque sempre forte essendo, il nostro liceo, una delle istituzioni pubbliche piùprestigiose di Palermo. Vi hanno prestato la loro opera i più rappresentativi nomi della nostracultura artistica, da Ernesto Basile, che lo ha diretto sin dalla sua costituzione, a Pippo Rizzo; daEustachio Catalano, al quale viene intitolata la scuola nel 1990, a Filippo Sgarlata e altri nomiprestigiosi tuttora attivi che, per esigenze di sintesi, omettiamo in questa sede. Il nostro Liceo èquindi carico di esperienza acquisita negli anni, vitale, all’avanguardia e protagonista sulla scenacontemporanea della città di Palermo.Dove si trova?Il nostro Liceo è sito in via A. La Marmora (traversa di via Libertà) n. 66, CAP 90143 Palermo,Tel.091342074. E’ ben servito dalle linee di trasporto pubblico cittadine e provinciali. Il terminaldella metropolitana si trova a poche centinaia di metri dall’istituto.Il sito web è www.artisticocatalano.it, la mail principale è contatti@artisticocatalano.it, quelladella segreteria è segreteria.catalano@libero.it e la pagina Facebookwww.facebook.com/artisticocatalano.3. Il contesto culturale, sociale ed economicoIl Liceo ArtisticoCatalano” è sito in via A. La Marmora, n. 66, quartiere Libertà, Palermo (VIIICircoscrizione).La realtà territoriale in cui si trova ad operare è costituita dalle seguenti caratteristiche:- attività economiche prevalenti: commerciali, di servizio, finanziarie e amministrative- tessuto produttivo misto ed eterogeneo- presenza sempre più evidente di popolazione multirazziale- presidi culturali: cinema, teatro, musei, librerie- basso tasso di devianza10


Gli alunni provengono sia dal quartiere e dalla città, che dai paesi, vicini e non, della provincia.Appartengono sia al ceto medio-borghese, sia a famiglie di operai, artigiani e piccoli commercianti,sia ad un ceto meno abbiente.Tale variegata composizione caratterizza il clima culturale della scuola, dentro la quale non siimpongono modelli prevalenti di comportamenti sociali, se non quelli indotti dalla vita socialeesterna (mass-media, nuove tecnologie della comunicazione, ecc.)Nella scuola è presente un nutrito numero di alunni disabili, i quali trovano all’interno dell’Istituto unottimo ambiente di socializzazione, di integrazione attiva, soprattutto per le esperienze laboratorialiche possono compiere.I casi di dispersione scolastica sono stati piuttosto numerosi, soprattutto nell’abbandono dopol’iscrizione. Per arginare tale fenomeno negativo la scuola attiva progetti e iniziative di seguitospecificati.Le esigenze del territorio, ampiamente inteso considerato il vasto bacino d’utenza della scuola,costituiscono criterio-guida per l’elaborazione dell’azione formativa della scuola.Le risorse del territorio§§§§§§§I servizi di neuropsichiatria infantile di via Velasquez e via Fattori (referenti ufficiali per lagestione dell'integrazione degli alunni disabili e con vari disagi).Il Servizio di Ed. alla salute ASPL’Università degli Studi di Palermo, la Facoltà di Architettura, la Facoltà di Lettere,L’Accademia di Belle Arti, Le scuole Medie del quartiere, della città e della provincia.Le sale cinema del quartiere (in particolare Arlecchino, Rouge et noir…), i teatri (Teatrotre,Politeama Garibaldi, Massimo, ecc)I Musei (Riso, Abatellis, Archeologico, Civica Galleria d’Arte Moderna) Gli spazi espositivi dellaProvincia, del Comune, dei privati.I centri culturali privati e le istituzioni culturali pubblicheLe stazioni della Metropolitana “Imp. Federico” e “Giachery” e il sistema dei trasporti urbani edextraurbaniL’Integrazione con il territorioLa scuola svolge forme di integrazione con enti e scuole per potenziare:- La continuità educativa con alcune scuole medie del quartiere, della città e della provincia- L’orientamento con Università degli Studi di Palermo, in particolare con le Facoltà diArchitettura e Lettere, L’Accademia delle Belle Arti, l’I.R.A.P.S. ONLUS, Istituto di Ricerchee Applicazioni Psicologiche e Sociologiche, altri Istituti11


- L’educazione alla salute con l’ASP (Azienda Sanitaria Provinciale), il Servizio diNeuropsichiatria, il servizio sociale territoriale, ecc- L’integrazione degli alunni diversamente abili con l’ASP, la Provincia Regionale,Associazioni di volontariato.- L’offerta formativa attraverso progetti con Musei (Riso, Galleria regionale di palazzoAbatellis, Civica Galleria d’Arte Moderna, Museo Archeologico, ecc.), Istituzioni e centriculturali ( Associazione Amici della Musica, Teatro Politeama Garibaldi, Teatro Massimo,Centro “Pio La Torre”, ecc), Istituzioni culturali pubbliche (Centro Regionale per il Restauro,Centro Regionale per la Catalogazione, Spazi culturali ed espositivi della Provincia e delComune), Centri sportivi (Palestre pubbliche e private, campi comunali, ecc), Intellettuali edartisti di chiara fama, Associazioni di volontariato.4. La ScuolaDove ci troviamoIl nostro Liceo è sito in via A. La Marmora (traversa di via Libertà) n. 66, CAP 90143 Palermo,Tel.091342074. E’ ben servito dalle linee di trasporto pubblico cittadine e provinciali. Il terminaldella metropolitana si trova a poche centinaia di metri dall’istituto.Il sito web è www.artisticocatalano.it, la mail principale è contatti@artisticocatalano.it, quelladella segreteria è segreteria.catalano@libero.it e la pagina Facebookwww.facebook.com/artisticocatalano.Dove lavoriamoL’edificio sede del Liceo si sviluppa su dieci piani fuori terra e due scantinati e originariamente nonè stato pensato per ospitare una scuola. Dopo alterne vicende, nell’anno 2000 sono stati eseguitilavori di adattamento alle esigenze didattiche specifiche, ampliando le aule e razionalizzando glispazi e conformando l’edificio alle nuove normative in materia di edilizia scolastica. L’interoedificio, dai piani scantinati alle mansarde, è oggi occupato dalla scuola. Informazioni ulteriori sipossono trovare nel piano di sicurezza da consultare a Scuola o nel sito web.Disposizione delle aule e dei laboratoriSecondo piano scantinato:Aule e laboratori per discipline d’indirizzo. Laboratorio per la terracotta - Gipsoteca - Laboratoriodella lavorazione della pietraPrimo piano scantinato:Spazi per attività ginniche12


Piano terra:Ingresso - Sala esposizioni - Aula docenti - WCDal primo al quinto piano:Aule attrezzate per le materie di indirizzo (discipline plastiche, discipline pittoriche, disciplinegeometriche, anatomia) e aule per le materie dell’area di baseSesto Piano:Biblioteca - Aula laboratorio di Scienze - Laboratorio di incisione - Aule attrezzate di disciplinepittoricheSettimo piano:Aula magna - Aula C.I.C - Laboratorio di informatica - Aule proiezioni - Spazi per attività diorganizzazione scolastica, funzioni strumentali e collaboratori del Dirigente – Laboratoriomultimediale e linguistico - Laboratorio audiovisivo/grafica digitale.Ottavo piano:Presidenza - Uffici di segreteriaNono piano:Magazzino - Laboratorio di modellistica – Laboratorio MultifunzionaleGli alunni cambiano aula o laboratorio in base all’orario giornaliero, formulato in modo da evitarefrequenti spostamenti concentrando le ore delle materie di indirizzo, mentre le materie dell’area dibase, quando è possibile, si svolgono sempre nella stessa aula.I laboratori e le Aule speciali. Durante l’arco della settimana molte ore sono dedicate alle materieartistiche, per questo motivo i ragazzi che frequentano questo liceo hanno un tempo scuolaprolungato. le lezioni delle materie d’indirizzo artistico si svolgono in aule adeguatamenteattrezzate dove i ragazzi realizzano elaborati che vengono completati nell’arco di più lezioni ( ognilezione è costituita da un blocco orario di due o tre ore). Pertanto in ogni aula vi sono, non solo ipiani adeguati per poggiare ogni tipo di lavoro, ma anche i materiali per realizzarli e gli spazi perconservarli. Le aule di discipline plastiche, infatti , sono dotate , di trespoli e cavalletti, vasche perla creta e ripiani per conservare le piccole scultura ; le aule di architettura sono dotate di tavoli dadisegno e cassettiere per conservare i disegni così come le aule di pittura che sono inoltre dotatedi cavalletti o di scannetti e di calchi in gesso di importanti opere antiche. Nell’aula di anatomiaartistica vi sono modelli scheletrici e muscolari e tavole anatomiche. La scuola è dotata inoltre dinumerose aule attrezzate dove è possibile svolgere attività di ampliamento dell’offerta formativa. Ilaboratori nascono anche dall’esigenza di fornire agli alunni un bagaglio sempre più ricco diconoscenze e competenze nell’ambito delle tecniche espressivo-visive. Le attività comprendonouna fase informativa, una fase progettuale e una fase esecutiva.L’Atrio d’ingresso è dotato di monitor a circuito chiuso per intrattenere e promuovere l’attivitàdella scuola. Al suo interno è collocata la portineria, con telefono e citofono collegato con i diversipiani, per una facile ed efficace vigilanza-accoglienza-informazione.13


La Biblioteca, al sesto piano, è dotata di pc, stampante, scanner. Conserva e consente diconsultare agli alunni e a tutto il personale della scuola, pubblicazioni, riviste specializzate, DVD,VHS.L’Aula Magna è dotata di pc, proiettore e schermo, impianto audio e video.Il Laboratorio di informatica è dotato di 15 pc collegati con un pc centrale, scanner, stampantilaser.La Sala proiezione è dotata di pc, videoproiettore.L’aula multiuso è dotata di 3 pc e 2 fotocopiatrici ad uso didattico.I locali per i collaboratori del Dirigente e per le Funzioni strumentali sono dotati di pc, stampanti escannerIl Laboratorio linguistico e multimediale è dotato di postazioni pc con cuffie, di una LIM conproiettore e di una stampante laser.Il Laboratorio audiovisivo/grafica digitale è dotato di n. 2 PC, 10 IMAC*, tavolette graficheprofessionali* stampanti laser (di cui una A3+), plotter, scanner A3, scanner a trascinamento A0*,videocamere*, fotocamere digitali compatte e reflex*, obiettivi, etc. * in fase di completamento.Tutti gli Uffici di segreteria sono dotati di pc, stampanti, scanner.Tutto l’ambiente scolastico fruisce del collegamento Internet WiFi.Tutti i Laboratori sono attrezzati per fornire un supporto didattico di grande qualità, in relazionealla specifica natura della scuola.Organizzazione interna, risorse, serviziAttualmente sono in servizio presso la scuola:- il Dirigente Scolastico- il Direttore dei servizi amministrativi- n. 98 docenti, di cui n. 23 docenti di sostegno- n. 6 assistenti amministrativi- n. 10 collaboratori scolastici statali- n. 1 assistente tecnicoSvolgono le seguenti funzioni:Prof. Giuseppe TomaselliCollaboratore Vicario del Dirigente Scolastico con delega firma14


Prof.ssa Giusi MaisanoII° collaboratore del Dirigente ScolasticoPersonale uffici amministrativi:Direttore dei Servizi Amministrativi:Gestione personaleProtocolloUfficio allieviUfficio contabileAssistente tecnicoRag. Alessio MaggioS. Oliva e C. VellaFrancesca ValentiFrancesca PolizziG. De Lisi e E. MerendinoE. BaroneIl personale ATAeffettua i seguenti servizi previsti dal POF:1. Funzionalità uffici di segreteria (informatizzazione, rilascio di certificazione e coordinamentoservizi).2. Riordino archivio alunni e personale.3. Inventario beni: riordino inventario beni statali, regionali, provinciali.4. Supporto al personale docente nella realizzazione dei vari progetti e all’ufficio di presidenza.5. Organizzazione, sistemazione e catalogazione dei beni di laboratorio.6. Personale collaboratore scolastico: collaborazione con il personale docente nella realizzazionedei vari progetti (fotocopie, turni di servizio, etc.).7. Collaborazione con la presidenza e la segreteria.8. Assistenza agli alunni in situazione di handicap come previsto dal profilo professionale delC.C.N.L. del 28/05/1999.Il Direttore amministrativo e gli assistenti amministrativi rispondono dal punto 1 al punto 4; il punto5 è competenza degli assistenti tecnici; i collaboratori scolastici rispondono dal punto 6 al punto 8.Gli orari di ricevimentoDIRIGENTE SCOLASTICO – Prof. Maurizio Cusumano15


Giorno Martedì e Venerdì - ore 9,00 alle 10,30In giorni diversi, riceve previo appuntamento.UFFICIO DI SEGRETERIADirettore SS. GG. AA.: Giorno Martedì e Venerdì - ore 9,00 alle 10,30In giorni diversi, riceve previo appuntamento.Ufficio allievi: Lunedi e Venerdì dalle 10,00 alle 12,00 - Mercoledì dalle 15,00 alle 16,00.DOCENTII docenti incontrano le famiglie durante i ricevimenti previsti nei mesi di dicembre, febbraio(consegna pagelle 1° quadrimestre) e aprile.Previo appuntamento e a cadenza bisettimanale, incontrano i genitori nell’ora e nel giorno indicatidal singolo docente.In questo caso la permanenza in istituto del personale docente sarà dovuta solo in caso diappuntamento concordato con le famiglie.Il quadro delle ore e dei giorni indicati da ciascun docente è visionabile presso l’Albo della Scuola.I ricevimenti bisettimanali sono sospesi in coincidenza dei ricevimenti pomeridiani di dicembre,febbraio e aprile.Le risorse finanziariePer la realizzazione del Piano dell’Offerta Formativa la Scuola si avvale delle seguenti risorsefinanziarie:§§§§§§Fondo dell’Istituzione Scolastica e fondi Legge 440/97 (utilizzati per l’arricchimento el’ampliamento dell’offerta formativa anche mediante il reperimento di esperti esterni)Fondi finanziamenti Europei (P.O.N.);Fondi finanziamenti Regionali (P.O.R.);Contributi EE.LL. per l’acquisto di materiale di pulizia, materiale di cancelleria per l’ufficio disegreteria e per gli alunni;Contributi Regionali per il funzionamento amministrativo e didattico;Contributi versati dalle famiglie per copertura assicurativa alunni e attività connesse allarealizzazione del Piano dell’Offerta Formativa che prevedono la libera adesione a: visiteguidate, viaggi d’istruzione, attività sportive, attività teatrali, altre attività / proposted'arricchimento del curricolo ( musei, cinema, concerti,…).16


In ogni caso, le quote a carico delle famiglie saranno di importo modesto e tali da non costituiremotivo di esclusione dalle attività programmate.La scuola s’impegna a reperire ulteriori risorse mediante la presentazione di specifici progetti aEnti Locali afferenti, allo scopo di integrare le dotazioni di sussidi delle scuole o per iniziative eprogetti che coinvolgono altre scuole del territorio o in rete;Ulteriori risorse possono essere reperite mediante la stipula di appositi accordi e / o convenzionicon soggetti pubblici e privati che prevedono l’erogazione di servizi da parte dell’IstituzioneScolastica sempre per il miglioramento dell’offerta formativa e in coerenza con il POF.Utilizzo del fondo d’IstitutoIl Fondo d’Istituto e ogni altro stanziamento destinato alla retribuzione di prestazioni straordinariedel personale sono finalizzati a:§§§§§Valorizzare e sviluppare le molteplici risorse umane esistenti nelle scuole; Migliorarel’organizzazione dell’Istituzione scolasticaSviluppare le attività delle commissioni e dei gruppi di lavoroRiconoscere i maggiori impegni individuali dei docenti referenti e/o responsabili dispecifiche attività e iniziative d’interesse generalePromuovere e sostenere l’aggiornamento professionale del personaleRiconoscere il maggior impegno (quantitativo e qualitativo) del personale amministrativo eausiliario in relazione all’articolazione delle diverse attività didattiche promosse dallascuola.Tempo scuolaL’Istituzione scolastica ha deliberato di attivare, per l’anno scolastico 2011-2012, un tempo scuolaarticolato su sei giorni alla settimana, dal lunedì al sabato, con il calendario e gli orari di seguitospecificati.Calendario scolasticoLe lezioni e le attività previste per l’anno scolastico 2011-2012 saranno scandite secondo ilseguente calendario scolastico:INIZIO DELL’ANNO SCOLASTICO 15 settembre 2011I Quadrimestre 15 settembre 2011 – 31 gennaio 2012II Quadrimestre 1 febbraio 2012 – 12 giugno 2011CHIUSURA DELL’ANNO SCOLASTICO 12 giugno 201217


L'esame di Stato conclusivo dei corso di studio per l'anno scolastico 2011/2012 ha inizio, con laprima prova scritta, il giorno 20 giugno 2012 alle ore 8.30.VACANZE E SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA’ DIDATTICHE- tutte le domeniche;- 31 Ottobre 2011 (Delibera C. di I.)- il 1° novembre, festa di tutti i Santi;- 2 novembre 2011 Commemorazione dei Defunti (Delibera C. di I.)- l'8 dicembre, Immacolata Concezione;- Vacanze natalizie dal 23 dicembre 2011 a sabato 8 gennaio 2012;- vacanze di Pasqua dal 5 aprile al 10 aprile 2012 compreso.- il 25 aprile 2012, Anniversario della Liberazione;- 30 aprile 2012 (Delibera C. di I.)- il 1° maggio 2012, festa del Lavoro;- 14 maggio 2012 (Delibera C. di I.)- 15 Maggio 2012 Festa della Regione Siciliana- il 2 giugno 2012, festa nazionale della Repubblica;I giorni di lezione sono 204 al netto delle sospensioni deliberate dal C. di I.Frequenza minimaPer l’ammissione alla valutazione finale di ogni studente è richiesta la frequenza di almeno trequarti dell’orario annuale personalizzato. Il limite massimo di ore di assenza consentito, nel quadrodell’orario annuale personalizzato, ai fini della validità dell’A.S., è fissato, per ogni classe, secondola seguente tabella, tenendo conto che le ore settimanali vengono svolte in 6 giorni:ClassiOre settimanaliOre annuali(x 33 settimane)Presenze ore richieste(75% totale)Max. ore assenze(25%totale)1e e 2eN. Ordinamento3a e 4aArchitettura34 1122 841 28141 1353 1015 3383e Accademia 43 1419 1064 3554e Accademia 44 1452 1089 3633e, 4e e 5eSperimentali40 1320 990 33018


Per gli alunni che non si avvalgono dell’insegnamento della Religione Cattolica, il monte oreannuale è decurtato di n. 33 ore.Per gli alunni disabili con percorsi individualizzati si farà riferimento a quanto stabilito dal rispettivoPiano educativo personalizzato.La definizione del computo delle giornate di assenza e relative deroghe sono illustrate da appositoRegolamento allegato al presente documentoARTICOLAZIONE INIZIO ATTIVITA’ DIDATTICHE A.S. 2011-201215 SETTEMBRE 2011 Classi Prime16 SETTEMBRE 2011 Tutte le classiOrario lezioniL’orario di svolgimento delle lezioni è scandito dal suono della campana ad ogni cambio di ora.1^ ora: 8,15 - 9,152^ ora: 9,15 - 10,153^ ora: 10,15 – 11,15 con intervallo di 10 minuti in classe4^ ora: 11,15 - 12,105^ ora: 12,10 - 13,05Intervallo: 13,05 - 13,30 sospensione delle attività6^ ora: 13,30 - 14,307^ ora: 14,30 - 15,208^ ora: 15,20 - 16,10Criteri per la sostituzione dei docenti assentiI docenti assenti sono sostituiti dai docenti che hanno dato la loro disponibilità, con disposizionedel Dirigente scolastico o dei suoi collaboratori delegati, incaricando i docenti:1. della stessa classe, e in mancanza2. della stessa disciplina e in mancanza3. il primo disponibile19


Criteri per la formazione delle classiSono quelli della eteromogeneità. Le classi (prime) sono tutte formate con alunni provenienti dadiverse realtà scolastiche e con diverse valutazioni conseguite alla fine del primo ciclo di studi. Sicercherà il più possibile di non concentrare molti pendolari e molti ripetenti in una stessa classe(Collegio Docenti 1-9-2011, del. N. 8).Rapporti con le famiglie e ricevimenti genitoriI docenti incontrano i genitori degli alunni durante i ricevimenti previsti nei mesi di dicembre,febbraio e aprile.Previo appuntamento nelle ore indicate dai singoli docenti (un’ora a cadenza bisettimanale perciascun docente, come indicato dalla tabella affissa all’albo dei docenti).5. FIGURE, ORGANI, FUNZIONI E COMPITIGli organi collegialiLa Scuola Secondaria di II grado, in ottemperanza alle vigenti normative, si avvale, degli OO.CC.,ciascuno dei quali ha competenze specifiche di tipo istituzionale:§§§§§Il Collegio dei Docenti, formato da tutti i Docenti della scuola, è presieduto dal DirigenteScolastico ed ha poteri decisionali in materia didattico – pedagogica.Il Consiglio di Istituto è l’organo elettivo che prevede nel suo interno rappresentanti delCollegio dei docenti, dei genitori, degli studenti e del personale ATA. Il D.S. ne fa parte didiritto. È presieduto da un genitore ed ha poteri decisionali in materia organizzativa efinanziaria.La Giunta Esecutiva è costituita dal Dirigente Scolastico, dal Direttore dei ServiziAmministrativi e da quattro componenti eletti dal Consiglio di Istituto: due genitori, undocente e un rappresentante del personale ATA. La Giunta Esecutiva predispone i lavoridel Consiglio di Istituto.I Consigli di classe sono formati dai docenti della classe, da due rappresentanti dei genitorie due rappresentanti degli studenti. È presieduto dal Dirigente Scolastico o da un docentesuo delegato. Con la sola componente docente, hanno funzione progettuale e divalutazione dell’andamento educativo/didattico. Allargati alla componente genitori e alunnihanno funzione propositiva rispetto alle scelte della scuola.§ Il Comitato di valutazione è costituito dal Dirigente Scolastico, che lo presiede e da 4docenti eletti dal Collegio che elegge anche due membri supplenti. È chiamato a valutare ilservizio dei docenti neoassunti o di chi ne avanzi richiesta.20


Il Dirigente Scolastico e il suo staff- Assicura il funzionamento generale dell’unità scolastica, nella sua autonomia funzionaleentro il sistema d’istruzione e formazione.- Promuove e sviluppa l’autonomia sul piano gestionale e didatticoPromuove l’esercizio dei diritti costituzionalmente tutelati, quali il diritto all’apprendimentodegli alunni, la libertà d’insegnamento dei docenti, la libertà di scelta educativa da partedelle famiglie.- Assicura la gestione unitaria dell’istituzione scolastica, ne ha la legale rappresentanza, èresponsabile delle risorse finanziarie e strumentali e di risultati del servizio- Nel rispetto delle competenze degli organi collegiali, ha autonomi poteri di direzione, dicoordinamento e di valorizzazione delle risorse umane- Organizza l’attività scolastica secondo criteri d’efficienza e d’efficacia formative- É titolare delle relazioni sindacali É responsabile dei rapporti con i soggetti che operano sul territorioIn attuazione del D.L. n° 81/08, è legalmente responsabile della sicurezza all’interno dellascuola - Incontra i genitori in assemblea o individualmente, tiene rapporti con le istituzioni territorialiscolastiche ed extrascolastiche.Al Dirigente Scolastico spettano funzioni di “governo” ed è, pertanto, responsabile del buonfunzionamento della scuola.Nell’elaborazione del Piano dell’offerta formativa ha il compito di stimolare un forte coinvolgimentoe una significativa responsabilità di tutte le componenti scolastiche. Il contributo dell’interacomunità scolastica è infatti decisivo per rendere il Piano dell’Offerta Formativa un effettivostrumento di sviluppo e crescita qualitativa della scuola.Nella fase organizzativa e di coordinamento dell’istituto risulta fondamentale l’apporto di tutto lostaff del dirigente.Lo staff di Direzione svolge, infatti, funzioni di:- promozione, coordinamento, monitoraggio e valutazione di tutte le attività del Pianodell’Offerta Formativa;- rilevazione delle percezioni degli utenti del servizio scolastico.Fanno parte dello staff:- il Dirigente Scolastico, PRF. Maurizio Cusumano- il Vicario del D.S. (con delega alla firma), Prof. G. Tomaselli- il secondo Collaboratore del D.S., Prof.ssa G. Maisano21


- le Funzioni Strumentali- i Referenti ( delle commissioni di lavoro, dei dipartimenti disciplinari, dei progetti)- i Coordinatori di classeLe funzioni strumentali al P.O.F.Per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola e per il miglioramento della qualitàdell’offerta formativa in regime di Autonomia, ogni Istituzione Scolastica individua ambiti diintervento e attribuisce “compiti” alle funzioni strumentali.Tali figure sono così chiamate perché, funzionali allo sviluppo, al monitoraggio e alla valutazione ditutte le attività del POF a favore degli alunni.Il Collegio dei Docenti, ai sensi dell’art. 28 del C.C.L. del 26.5.1999 e dell’art.7 del contrattointegrativo della scuola 1998/2001, nella seduta del 13-09-11 ha individuato per l’anno scolastico2011/2012, le seguenti funzioni strumentali:FUNZIONE STRUMENTALE - 1 -Prof. Burgio GiuseppeAMBITO: Area 1) COORDINAMENTO DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA:• Coordinamento e valutazione delle attività del POF:üüüüüüüAdeguare il POFMonitorare e valutare l’andamento delle attività del POFRaccogliere, socializzare e documentare i progettiFornire una documentazione sull’attività valutativaStendere il POF sintetico da consegnare all’atto dell’iscrizionePromuovere attività di diffusione in ambito scolastico ed extrascolasticoRaccogliere, gestire e presentare graficamente i datiFUNZIONE STRUMENTALE - 2 -FUNZIONE STRUMENTALE - 10 -Prof.ssa Gueli AgataAMBITO: Area 1) COORDINAMENTO DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA:• Autoanalisi e valutazione di sistema:üCoordinare e coadiuvare l’attività di somministrazione delle prove INVALSIAMBITO: Area 2) SOSTEGNO AL LAVORO DEL DOCENTE:• Coordinamento della formazione:üüüüüüRilevare i bisogni formativi dei docentiAnalizzare i dati emersiPredisporre e gestire il piano della formazioneCoordinare la realizzazione dei percorsi formativiValutare la formazioneDocumentare e diffondere i percorsi formativi prodotti22


FUNZIONE STRUMENTALE - 3 -Prof.ssa Cuccia GaetanaProf. Reina FrancoAMBITO: Area 2) SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTIArea 3) INTERVENTI E SERVIZI PER STUDENTI• Grafica WEB e gestione del sito:üAggiornare, documentare e curare il sito della scuolaFUNZIONE STRUMENTALE - 4 -Prof. Catalano MaurizioAMBITO: Area 2) SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTIArea 3) INTERVENTI E SERVIZI PER STUDENTI• Tecnologia e multimedialità:üGestione della postazione graficaProf.ssa Montano PatriziaFUNZIONE STRUMENTALE - 5 -Prof.ssa Giacalone RossanaProf.ssa Geraci PatriziaAMBITO: Area 3) INTERVENTI E SERVIZI PER STUDENTI• Integrazione allievi diversabili:üüüüüüProgettare l'accoglienzaRilevare dati relativi all'insuccessoCoordinare esperienze d''integrazioneFornire materiali e strumenti di supportoCoordinare il gruppo HRaccordare le azioni con altri enti prepostiFUNZIONE STRUMENTALE - 6 -Prof. Raia GioacchinoAMBITO: Area 3) INTERVENTI E SERVIZI PER STUDENTI• Coordinamento delle attività curricolari ed extracurricolari:üüüOrganizzare e coordinare le attività utili all’innalzamento del successo scolastico- attività e progetti curricolari:a. visite didattiche, teatro, cinema, …;- attività e progetti extracurricolari:a. viaggi di integrazione culturale;- attività e progetti realizzati d’intesa con Enti e AssociazioniRaccogliere la documentazione relativa agli eventiMonitorare e valutare l’efficacia delle esperienze realizzate23


FUNZIONE STRUMENTALE - 7 -FUNZIONE STRUMENTALE - 8 -Prof. Messina SalvatoreProf. Porcaro GregorioAMBITO: Area 3) INTERVENTI E SERVIZI PER STUDENTI:• ORIO:üüüüüüüSeguire i casi problematiciRilevare i bisogni psico-socialiCoordinare la progettazione specificaCoordinare le strutture di aiuto psico-affettivoOrganizzare e coordinare le attività utili all’innalzamento del successo scolastico.Raccogliere la documentazione relativa agli eventiMonitorare e valutare l’efficacia delle esperienze realizzateAMBITO: Area 3) INTERVENTI E SERVIZI PER STUDENTI:Area 2) SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI• Organizzazione dello sportello didattico, dei corsi di recupero e sostegno, della verificafinale:üüüüüüüüSeguire i casi problematiciCoordinare la progettazione di percorsiProdurre modelli e strumenti di lavoroDocumentare e diffondere "buone esperienze"Favorire scelte, azioni collegiali e in sinergiaOrganizzare e coordinare le attività utili all’innalzamento del successo scolasticoRaccogliere la documentazione relativa agli eventiMonitorare e valutare l’efficacia delle esperienze realizzateFUNZIONE STRUMENTALE - 9 -Prof.ssa Montalbano MariaProf. Carmicio PietroAMBITO: Area 2) SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTIArea 3) INTERVENTI E SERVIZI PER STUDENTI• Progetto biblioteca:üüüüCreare sistemi per la ricognizione delle risorse e del materiale esistente per la diffusione el'informazione.Aggiornare il patrimonio librario e i softwareCostruire progetti didatticiPromuovere l'utilizzo didatticoEd ha poi assegnato le funzioni ai seguenti docenti:FUNZIONE STRUMENTALE - 1 -FUNZIONE STRUMENTALE - 2 -Prof. Burgio GiuseppeProf.ssa Gueli Agata24


FUNZIONE STRUMENTALE - 10 -FUNZIONE STRUMENTALE - 3 -FUNZIONE STRUMENTALE - 4 -Prof.ssa Cuccia GaetanaProf. Reina FrancoProf. Catalano MaurizioProf.ssa Montano PatriziaFUNZIONE STRUMENTALE - 5 -Prof.ssa Giacalone RossanaProf.ssa Geraci PatriziaFUNZIONE STRUMENTALE - 6 -Prof. Raia GioacchinoFUNZIONE STRUMENTALE - 7 -FUNZIONE STRUMENTALE - 8 -Prof. Messina SalvatoreProf. Porcaro GregorioFUNZIONE STRUMENTALE - 9 -Prof.ssa Montalbano MariaProf. Carmicio PietroDocenti con funzione di supporto al P.O.F.Per potere realizzare in modo adeguato la propria proposta formativa, la nostra scuola costituisce,al suo interno, dei gruppi di lavoro o nomina dei referenti con il compito di formulare proposte,elaborare progetti didattici e verificarne l’efficacia, realizzare momenti di coordinamento con ilterritorio. Tali figure vengono a costituire il corpo dei docenti con funzione di supporto al POF. Perogni tipologia di funzione c’è un referente o una commissione qui di seguito riportati.TIPOLOGIA FUNZIONI / REFERENTI / COMMISSIONIReferenti dei dipartimenti disciplinaricome di seguito specificato:Discipline Pittoriche Prof.ssa Cuccia G.Discipline Scultoree Prof. Reina F.Discipline Geometriche Prof. Fanale G.Storia dell’Arte Prof. Pasinati M.Italiano Prof. Sambito G.25


Filosofia Prof. Albeggiani E.Inglese Prof. Marino C.Matematica e Fisica Prof. Bognanni M.Scienze Prof. Rubino F.Chimica Prof. Miserendino G.Educazione Fisica Prof. Spataro P.Sostegno Prof. Giacalone R.Religione Prof. Di Pietra S.Coordinatori e segretariClassi di NUOVO ORDINAMENTOCLASSE PRESIDENTI/COORCDINATORI SEGRETARI VERBALIZZANTI1 A MASCOLINO Loredana CATALANO Maurizio2 A RUBINO Fabio LI GRECI Elvira1 B PASINATI Maria RACCUGLIA Antonio2 B BADAMI Giacomo ASARO Rita1 C SAMBITO Giovanna DE CARO Irene2 C DI PIAZZA Renata LO RE Maria Letizia1 D DI FILIPPO Giuseppe RIZZO Lucia Rita2 D COSTAGLIOLA Leonarda MANCINO Giulia1 E CASSONE Margherita BONANNO Antonella2 E MESSINA Salvatore PURPURA Angela1 F VASI Giuseppe PRATICO’ Caterina2 F TINAGLIA Antonino SPATARO Maria1 G CARMICIO Pietro MESSINA Francesca2 G PERCONTI Ettore GENNARO Lina Maria Lucia1 H LA PORTA Clemente AUFIERO Ferdinando2 H MARTINO Silvana ARCARA Anna Maria26


Classi VECCHIO ORDINAMENTOCLASSE PRESIDENTI/COORDINATORI SEGRETARI VERBALIZZANTI3 A - Architetura TOMASELLI Giuseppe SATARIANO Ivan4 A - Architettura FANALE Giacomo PERCONTE Anna3 B - Accademia GUELI Agata MODICA Marcella4 B - Accademia MANNINO Pasquale BUTERA Sandra3 D -­‐ Accademia RAIA Gioacchino BARBERA Rosa4 D -­‐ Accademia MARRONE Anna CASSATARO AmeliaCLASSI TRIENNIO SPERIMENTALE (Michelangelo)CLASSE PRESIDENTI/COORDINATORI SEGRETARI VERBALIZZANTI3 G - Pittura/Catal ALBEGGIANI Edoardo RAGUSA Antonella4 G - Pittura/Catal MISERENDINO Giuseppina BOGNANNI Maria5 G - Pittura MENDOLA Giovanni SCICCHIGNO Maria3 H - Pittura CUCCIA Gaetana MAGLIA Gabriella3 I - Scultura VENTURA Gesualdo GERACI Patrizia4 I - Scultura BURGIO Giuseppe MESSINA Maria Gabriella5 I - Scult/Catalog GUIDARA Caterina CARDELLA Maria Gabriella3 L - Pittur/Catalog SPITALIERI Salvatore MONTANO Patrizia4 L - Pittur/Scult MONTALBANO Maria DOMINO Teresa5 L - Scultura REINA Franco MONTANO NadiaIncarichi e ReferentiSito della scuolaSportello CICF. Reina, G. CucciaS. Messina, G. Porcaro27


Educazione alla saluteEducazione alla legalitàEducazione stradale (Patentino)GLISCommissione elettoraleCommissione collaudoPromozione scolasticaOrientamento (entrata, interm., uscita)S. Di PietraE. PercontiM. CatalanoR. GiacaloneP. Mannino, E. PercontiG. Tomaselli, M. CatalanoG. TomaselliE. Albeggiani, G. Fanale.Spazi espositivi e attività culturali S. Messina, G. Raia, A. Buglisi, G.Tomaselli, P. Mannino, G. Cuccia.Coordinamento anno integrativoProve Valutazione nazionale apprendimenti INValSIEducazione all’ambienteCommissione “Orario”Commissione “Regolamento d’Istituto”Docenti addetti alla vigilanza del divieto di fumoE. PercontiA. GueliF. RubinoG. Maisano, G. MendolaS. Messina, E. AlbeggianiG. Tomaselli, G. MaisanoReferenti alunni Disabili R. Giacalone, P. Montano, P.GeraciCentro Sportivo ScolasticoP. SpataroResponsabili dei LaboratoriModellistica: P. ManninoIncisione e stampa: G. CucciaRestauro: P. Mannino e M. CalcaterraLinguistico Informatico/Multimediale: A. Arcara28


Della terracotta: L. Lo ReDel marmo: F. ReinaDi Chimica e Scienze: G. MiserendinoPetrografia: F. RubinoIl comitato di valutazioneMEMBRI TITOLARI: Proff. Mendola, Martino, Messina S., Ventura.MEMBRI SUPPLENTI: Proff.: Li Greci e CardellaAltre figure previste dalla normativaRSU: prof. E. Perconti, G. Mendola, Sig.ra OlivaResponsabile Servizi Prevenzione e ProtezioneResponsabile per la Sicurezza Dirigente Scolastico: Prof. M. CusumanoRappresentante dei Lavoratori per la SicurezzaAddetti al Pronto SoccorsoAddetti alla Prevenzione IncendiIl Dirigente Scolastico e l’applicazione del D. L. 81/08: la sicurezza a scuola- Il Dirigente Scolastico è il responsabile della sicurezza all’interno della scuola, egli:- IDENTIFICA E VALUTA i rischi per la sicurezza e la salute del personale e degli alunnidella scuola ed elabora il documento di valutazione dei rischi;- DESIGNA LE FIGURE SENSIBILI- COSTITUISCE ED AGGIORNA il registro degli infortuni;- PREDISPONE IL PIANO DI EMERGENZA da attuare in caso d’incendi e pericolo grave edimmediato;- AGGIORNA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, quando è necessario;Il Servizio di Prevenzione e Protezione dovrà effettuare periodicamente:- l’individuazione dei rischi;- la valutazione dei rischi;29


- l’individuazione delle misure per la sicurezza;- l’elaborazione delle procedure di sicurezza per le varie attività;- la proposta di programmi di formazione ed informazione dei lavoratori.- Il Dirigente Scolastico in ottemperanza alle disposizioni del Piano di Emergenza e diEvacuazione di questa Istituzione Scolastica ha attivato tutte le procedure previste dal D.L.81/08 (sulla sicurezza) e successive modificazioni e integrazioni e affisso all’Albo Sicurezzadella scuola:- la designazione, con tabelle e nomine, degli addetti ad attuare le misure di prevenzioneincendi e lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave edimmediato, di salvataggio, di pronto soccorso e di gestione dell’emergenza.Gli alunni saranno informati e formati dai loro insegnanti mediante lo svolgimento d’apposite unitàdidattiche ed eventuali incontri con esperti.In caso di rischio specifico presente in un ambiente verrà utilizzata apposita segnaletica.In caso d’emergenza le persone disabili dovranno essere seguite nelle operazioni di sgombero daicollaboratori scolastici designati, dai rispettivi insegnanti di sostegno e assistenti personali inservizio.Il Dirigente Scolastico si avvale di un consulente esterno in qualità di R.S.P.P.6. La Struttura e l’offerta formativaIl Liceo ArtisticoCatalano” attiva tre diversi ordinamenti:1 - I corsi previsti dal nuovo ordinamento quinquennale introdotto dalla recente riforma che è stataavviata nell’a.s. 2010-2011 con le prime classi, che nel corrente a.s. prosegue con le seconde eprocederà, nei prossimi anni, fino a sostituire i due ordinamenti precedenti.2 - I corsi di ordinamento quadriennali (Vecchio ordinamento) che quest’anno riguardano solo leclassi terze e quarte, il prossimo a.s. solo le quarte, e quindi si estinguerà.3 - I corsi di sperimentazione assistita quinquennali (Progetto Michelangelo) attivi quest’anno per leterze, quarte e quinte e destinati anch’essi a scomparire per fare posto al nuovo ordinamento.A. Il nuovo ordinamento.Per questo anno scolastico riguarda tutte le prime e le seconde classi, dal prossimo anno le prime,le seconde e le terze, e così via fino a diventare, entro il quinto anno dalla sua istituzione, l’unicoordinamento del Liceo.30


Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei“I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per unacomprensione approfondita della realtà, affinché egli si ponga, con atteggiamento razionale,creativo, progettuale e critico, di fronte alle situazioni, ai fenomeni e ai problemi, ed acquisiscaconoscenze, abilità e competenze sia adeguate al proseguimento degli studi di ordine superiore,all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro, sia coerenti con le capacità e le sceltepersonali”.Per raggiungere questi risultati occorre il concorso e la piena valorizzazione di tutti gli aspetti dellavoro scolastico:§§§§§§§lo studio delle discipline in una prospettiva sistematica, storica e critica;la pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari;l’esercizio di lettura, analisi, traduzione di testi letterari, filosofici, storici, scientifici, saggistici edi interpretazione di opere d’arte;l’uso costante del laboratorio per l’insegnamento delle discipline scientifiche;la pratica dell’argomentazione e del confronto;la cura di una modalità espositiva scritta ed orale corretta, pertinente, efficace e personale;l‘uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca.I risultati di apprendimento comuni a tutti i percorsi licealisono articolati in cinque aree:1. Area metodologica§ Aver acquisito un metodo di studio autonomo e flessibile, che consenta di condurre ricerchee approfondimenti personali e di continuare in modo efficace i successivi studi superiori,naturale prosecuzione dei percorsi liceali, e di potersi aggiornare lungo l’intero arco dellapropria vita.§ Essere consapevoli della diversità dei metodi utilizzati dai vari ambiti disciplinari ed essere ingrado valutare i criteri di affidabilità dei risultati in essi raggiunti.§ Saper compiere le necessarie interconnessioni tra i metodi e i contenuti delle singolediscipline.2. Area logico-argomentativa§ Saper sostenere una propria tesi e saper ascoltare e valutare criticamente leargomentazioni altrui.§ Acquisire l’abitudine a ragionare con rigore logico, ad identificare i problemi e a individuarepossibili soluzioni.§ Essere in grado di leggere e interpretare criticamente i contenuti delle diverse forme dicomunicazione.3. Area linguistica e comunicativa§ Padroneggiare pienamente la lingua italiana e in particolare:• dominare la scrittura in tutti i suoi aspetti, da quelli elementari (ortografia e morfologia)a quelli più avanzati (sintassi complessa, precisione e ricchezza del lessico, ancheletterario e specialistico), modulando tali competenze a seconda dei diversi contesti escopi comunicativi;31


§§§• saper leggere e comprendere testi complessi di diversa natura, cogliendo leimplicazioni e le sfumature di significato proprie di ciascuno di essi, in rapporto con latipologia e il relativo contesto storico e culturale;• curare l’esposizione orale e saperla adeguare ai diversi contesti.Aver acquisito, in una lingua straniera moderna, strutture, modalità e competenzecomunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo diRiferimento.Saper riconoscere i molteplici rapporti e stabilire raffronti tra la lingua italiana e altre linguemoderne e antiche.Saper utilizzare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione per studiare, farericerca, comunicare.4. Area storico-umanistica§ Conoscere i presupposti culturali e la natura delle istituzioni politiche, giuridiche, sociali edeconomiche, con riferimento particolare all’Italia e all’Europa, e comprendere i diritti e i doveriche caratterizzano l’essere cittadini.§ Conoscere, con riferimento agli avvenimenti, ai contesti geografici e ai personaggi piùimportanti, la storia d’Italia inserita nel contesto europeo e internazionale, dall’antichità sino aigiorni nostri.§ Utilizzare metodi (prospettiva spaziale, relazioni uomo-ambiente, sintesi regionale), concetti(territorio, regione, localizzazione, scala, diffusione spaziale, mobilità, relazione, senso delluogo...) e strumenti (carte geografiche, sistemi informativi geografici, immagini, dati statistici,fonti soggettive) della geografia per la lettura dei processi storici e per l’analisi della societàcontemporanea.§ Conoscere gli aspetti fondamentali della cultura e della tradizione letteraria, artistica,filosofica, religiosa italiana ed europea attraverso lo studio delle opere, degli autori e dellecorrenti di pensiero più significativi e acquisire gli strumenti necessari per confrontarli conaltre tradizioni e culture.§ Essere consapevoli del significato culturale del patrimonio archeologico, architettonico eartistico italiano, della sua importanza come fondamentale risorsa economica, della necessitàdi preservarlo attraverso gli strumenti della tutela e della conservazione.§ Collocare il pensiero scientifico, la storia delle sue scoperte e lo sviluppo delle invenzionitecnologiche nell’ambito più vasto della storia delle idee.§ Saper fruire delle espressioni creative delle arti e dei mezzi espressivi, compresi lospettacolo, la musica, le arti visive.§ Conoscere gli elementi essenziali e distintivi della cultura e della civiltà dei paesi di cui sistudiano le lingue.5. Area scientifica, matematica e tecnologica§ Comprendere il linguaggio formale specifico della matematica, saper utilizzare le proceduretipiche del pensiero matematico, conoscere i contenuti fondamentali delle teorie che sonoalla base della descrizione matematica della realtà.§ Possedere i contenuti fondamentali delle scienze fisiche e delle scienze naturali (chimica,biologia, scienze della terra, astronomia), padroneggiandone le procedure e i metodi diindagine propri, anche per potersi orientare nel campo delle scienze applicate.Essere in grado di utilizzare criticamente strumenti informatici e telematici nelle attività di studio e diapprofondimento; comprendere la valenza metodologica dell’informatica nella formalizzazione emodellizzazione dei processi complessi e nell’individuazione di procedimenti risolutivi.I risultati di apprendimento del Liceo Artistico“Il percorso del liceo artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici e alla pratica artistica.Favorisce l’acquisizione dei metodi specifici della ricerca e della produzione artistica e la padronanzadei linguaggi e delle tecniche relative. Fornisce allo studente gli strumenti necessari per conoscere il32


patrimonio artistico nel suo contesto storico e culturale e per coglierne appieno la presenza e ilvalore nella società odierna. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e leabilità e a maturare le competenze necessarie per dare espressione alla propria creatività e capacitàprogettuale nell’ambito delle arti” (art. 4 comma 1 del DPR 89/10).Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimentocomuni, dovranno:§ conoscere la storia della produzione artistica e architettonica e il significato delle opere d’artenei diversi contesti storici e culturali anche in relazione agli indirizzi di studio prescelti;§ cogliere i valori estetici, concettuali e funzionali nelle opere artistiche;§ conoscere e applicare le tecniche grafiche, pittoriche, plastico-scultoree, architettoniche emultimediali e saper collegare tra di loro i diversi linguaggi artistici;§ conoscere e padroneggiare i processi progettuali e operativi e utilizzare in modo appropriatotecniche e materiali in relazione agli indirizzi prescelti;§ conoscere e applicare i codici dei linguaggi artistici, i principi della percezione visiva e dellacomposizione della forma in tutte le sue configurazioni e funzioni;§ conoscere le problematiche relative alla tutela, alla conservazione e al restauro delpatrimonio artistico e architettonico.Il Liceo Artistico si articola in un primo biennio comune e un triennio di indirizzo (secondo biennioe quinto anno).Prevede l’istituzione di 6 indirizzi diversi a partire dal terzo anno:1. Arti Figurative2. Architettura e Ambiente3. Design4. Audiovisivo e Multimediale5. Grafica6. Scenografia.Pur affrontando per tutto il quinquennio lo studio delle materie comuni, lo studente avrà la facoltàdi decidere quale ambito artistico approfondire.La scelta dell’indirizzo si effettua durante il secondo anno.Il Liceo artistico “Catalano” attiva i seguenti quattro indirizzi:1. Arti figurative (grafica, pittura e scultura)2. Architettura e ambiente,3. Design (arredamento e arte del legno)4. Scenografia.Gli altri indirizzi saranno attivi in futuro.33


I risultati di apprendimento e i piani di studio dei quattro indirizzi1. Indirizzo Arti figurativeGli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno:§ aver approfondito la conoscenza degli elementi costitutivi della forma grafica, pittorica e/oscultorea nei suoi aspetti espressivi e comunicativi e acquisito la consapevolezza dei relativifondamenti storici e concettuali; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva;§ saper individuare le interazioni delle forme pittoriche e/o scultoree con il contestoarchitettonico, urbano e paesaggistico;§ conoscere e applicare i processi progettuali e operativi e utilizzare in modo appropriato lediverse tecniche della figurazione bidimensionale e/o tridimensionale, anche in funzionedella necessaria contaminazione tra le tradizionali specificazioni disciplinari (comprese lenuove tecnologie);§ conoscere le principali linee di sviluppo tecniche e concettuali dell’arte moderna econtemporanea e le intersezioni con le altre forme di espressione e comunicazione artistica;§ conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione dellaforma grafica, pittorica e scultorea.Piano degli Studi Arti Figurative1° biennio 2° biennio1°2°3°4°5° annoannoannoannoannoAttività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario annualeLingua e letteratura italiana 132 132 132 132 132Lingua e cultura straniera 99 99 99 99 99Storia e geografia 99 99Storia 66 66 66Filosofia 66 66 66Matematica* 99 99 66 66 66Fisica 66 66 66Scienze naturali** 66 66Chimica*** 66 66Storia dell’arte 99 99 99 99 99Discipline grafiche e pittoriche 132 132Discipline geometriche 99 9934


Discipline plastiche e scultoree 99 99Laboratorio artistico**** 99 99Scienze motorie e sportive 66 66 66 66 66Religione cattolica o Attività alternative 33 33 33 33 33Totale ore 1122 1122 759 759 693Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzoLaboratorio della figurazione 198 198 264Discipline pittoriche e / o disciplineplastiche e scultoree198 198 198* con informatica al primo biennio** Biologia, Chimica e Scienze della Terra*** Chimica dei materialiTotale ore 396 396 462Totale complessivo ore 1122 1122 1155 1155 1155**** Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno econsiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale oannuale nell’arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimedialiN.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell’areadelle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalleistituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.2. Indirizzo Architettura e ambiente§§§§§§§§Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno:conoscere gli elementi costitutivi dell’architettura a partire dagli aspetti funzionali, estetici edalle logiche costruttive fondamentali;avere acquisito una chiara metodologia progettuale applicata alle diverse fasi da sviluppare(dalle ipotesi iniziali al disegno esecutivo) e una appropriata conoscenza dei codicigeometrici come metodo di rappresentazione;conoscere la storia dell’architettura, con particolare riferimento all’architettura moderna e alleproblematiche urbanistiche connesse, come fondamento della progettazione;avere acquisito la consapevolezza della relazione esistente tra il progetto e il contestostorico, sociale, ambientale e la specificità del territorio nel quale si colloca;acquisire la conoscenza e l’esperienza del rilievo e della restituzione grafica e tridimensionaledegli elementi dell’architettura;saper usare le tecnologie informatiche in funzione della visualizzazione e della definizionegrafico-tridimensionale del progetto;conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione dellaforma architettonica. 35


Piano degli Studi Indirizzo Architettura e Ambiente1° biennio 2° biennio1°2°3°4°5° annoannoannoannoannoAttività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario annualeLingua e letteratura italiana 132 132 132 132 132Lingua e cultura straniera 99 99 99 99 99Storia e geografia 99 99Storia 66 66 66Filosofia 66 66 66Matematica* 99 99 66 66 66Fisica 66 66 66Scienze naturali** 66 66Chimica*** 66 66Storia dell’arte 99 99 99 99 99Discipline grafiche e pittoriche 132 132Discipline geometriche 99 99Discipline plastiche e scultoree 99 99Laboratorio artistico**** 99 99Scienze motorie e sportive 66 66 66 66 66Religione cattolica o Attività alternative 33 33 33 33 33Totale ore 1122 1122 759 759 693Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzoLaboratorio di architettura 198 198 264Discipline progettualiArchitettura e ambiente198 198 19836


* con Informatica al primo biennio** Biologia, Chimica e Scienze della Terra*** Chimica dei materialiTotale ore 396 396 462Totale complessivo ore 1122 1122 1155 1155 1155*** Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno econsiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale oannuale nell’arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimedialiN.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresanell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degliinsegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esseannualmente assegnato.3. Indirizzo Design§§§§§§§Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno:conoscere gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi grafici, progettuali e della forma;avere consapevolezza delle radici storiche, delle linee di sviluppo e delle diverse strategieespressive proprie dei vari ambiti del design e delle arti applicate tradizionali;saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto progetto-funzionalitàcontesto,nelle diverse finalità relative a beni, servizi e produzione;saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla definizione del progetto grafico,del prototipo e del modello tridimensionale;conoscere il patrimonio culturale e tecnico delle arti applicate;conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione dellaforma.Piano degli Studi Design1° biennio 2° biennio1°2°3°4°5° annoannoannoannoannoAttività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario annualeLingua e letteratura italiana 132 132 132 132 132Lingua e cultura straniera 99 99 99 99 99Storia e geografia 99 99Storia 66 66 66Filosofia 66 66 66Matematica* 99 99 66 66 6637


Fisica 66 66 66Scienze naturali** 66 66Chimica*** 66 66Storia dell’arte 99 99 99 99 99Discipline grafiche e pittoriche 132 132Discipline geometriche 99 99Discipline plastiche e scultoree 99 99Laboratorio artistico**** 99 99Scienze motorie e sportive 66 66 66 66 66Religione cattolica o Attività alternative 33 33 33 33 33Totale ore 1122 1122 759 759 693Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzoLaboratorio del Design 198 198 264Discipline progettuali Design 198 198 198* con Informatica al primo biennio** Biologia, Chimica, Scienze della Terra*** Chimica dei materialiTotale ore 396 396 462Totale complessivo ore 1122 1122 1155 1155 1155**** Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno econsiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale oannuale nell’arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimedialiN.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL)compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degliinsegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esseannualmente assegnato.4. Indirizzo Scenografia§§§§Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno:conoscere gli elementi costitutivi dell’allestimento scenico, dello spettacolo, del teatro e delcinema;avere consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti dellaprogettazione e della realizzazione scenografica;saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto spazio scenico-testo-regia,nelle diverse funzioni relative a beni, servizi e produzione;38


§§§saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla definizione del progetto e allarealizzazione degli elementi scenici;saper individuare le interazioni tra la scenografia e l’allestimento di spazi finalizzatiall’esposizione (culturali, museali, etc);conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione dellospazio scenico.Piano degli Studi Scenografia1° biennio 2° biennio1°2°3°4°5° annoannoannoAnnoannoAttività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario annualeLingua e letteratura italiana 132 132 132 132 132Lingua e cultura straniera 99 99 99 99 99Storia e geografia 99 99Storia 66 66 66Filosofia 66 66 66Matematica* 99 99 66 66 66Fisica 66 66 66Scienze naturali** 66 66Chimica*** 66 66Storia dell’arte 99 99 99 99 99Discipline grafiche e pittoriche 132 132Discipline geometriche 99 99Discipline plastiche e scultoree 99 99Laboratorio artistico**** 99 99Scienze motorie e sportive 66 66 66 66 66Religione cattolica o Attività alternative 33 33 33 33 33Totale ore 1122 1122 759 759 693Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzoLaboratorio di scenografia 165 165 23139


Discipline geometriche e scenotecniche 66 66 66Discipline progettuali scenografiche 165 165 165* con Informatica al primo biennio** Biologia, Chimica e Scienze della Terra*** Chimica dei MaterialiTotale ore 396 396 462Totale complessivo ore 1122 1122 1155 1155 1155**** Il laboratorio ha prevalentemente una funzione orientativa verso gli indirizzi attivi dal terzo anno econsiste nella pratica delle tecniche operative specifiche, svolte con criterio modulare quadrimestrale oannuale nell’arco del biennio, fra cui le tecniche audiovisive e multimedialiN.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresanell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degliinsegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esseannualmente assegnato.B. Ordinamento tradizionaleSono attivate solo le classi del secondo biennio, in quanto, dopo la riforma, questo ordinamento èdestinato ad estinguersi. L’ordinamento si articola in due sezioni.I Sezione (Accademia)Prepara allo studio specializzato della pittura, della scultura, della decorazione e della scenografia,per l’accesso alle varie e numerose scuole di specializzazione superiore ma in particolar modoall’Accademia di Belle Arti che dall’ordinamento vigente è vista come la naturale prosecuzione delcorso di studi. I corsi B e D della nostra scuola seguono questo indirizzo che mira ad unaformazione specifica in ambito artistico.II Sezione (Architettura)Il corso A è orientato a fornire allo studente una specifica preparazione di base per il prosieguodegli studi nella facoltà di architettura, presente in molti Atenei italiani. I diplomati di tale sezionepossono accedervi direttamente ed in modo privilegiato (senza dover frequentare l’annointegrativo). Tutti i corsi dell’ordinamento tradizionale saranno via via sostituiti dal nuovoordinamento previsto dalla recente riforma.40


Piano degli studi Ordinamento tradizionaleMaterie Artistiche Terza I sez. Terza I sez. Quarta II sez. Quarta II Sez.Figura disegnata 8 8 4 4Ornato disegnato 8 8 4 4Figura modellata 4 4 4 4Ornato modellato 4 4 4 4Anatomia 2 2 2 2Disegno geometrico - - - -Architettura 4 4 4 4Prospettiva 4 4 4 4Totale ore materieartistiche34 34 26 26Materie dell’Area di BaseLetteratura e storia 3 4 3 4Storia dell’arte 2 3 2 3Matematica e fisica - - 4 5Biologia - - - -Chimica - - - -Geografia astronomica - - 2 -Educazione fisica 2 2 2 2Religione o materiaalternativa1 1 1 1Totale Monte ore 42 44 40 41Anno IntegrativoIl D.M. 30/12/69 ne ha stabilito le discipline e i programmi di studio che integrano le esperienzedidattiche del corso di ordinamento. L’anno integrativo si conclude con il conseguimento di unattestato per l’iscrizione a tutte le facoltà universitarie. Esso è attivato nella stessa sede del Liceo.MATERIEORE SETTIMANALIITALIANO 341


MATEMATICA 3SCIENZE NATURALI 3FILOSOFIA 3INGLESE 3Sono iscritti 33 alunni e saranno attivati 2 corsi. Non è fissato un monte ore annuale per le singolematerie del corso, le lezioni iniziano in genere nel mese di Ottobre per concludersi con gli esamifinali a Giugno. Coordinatore del corso è il prof. E. Perconti.C. Corsi sperimentazione assistita “Progetto Michelangelo”E’ attivo da oltre venti anni il progetto ministeriale assistito denominato “Progetto Michelangelo” didurata quinquennale, nel quale è previsto lo studio di quattro nuove discipline rispettoall’ordinamento tradizionale: Lingua straniera, Filosofia, Informatica e Diritto ed Economia. Ilprogetto nasce dall’esigenza di ridefinire, in termini didatticamente e culturalmente innovativi,l’intera esperienza formativa degli Istituti Secondari d’Istruzione Artistica in Italia.Il Progetto Michelangelo prevede tre aree di studi artistici e all’interno di ciascuna area più indirizzi.Nel nostro Liceo sono attualmente attivi i seguenti tre indirizzi:Pittura e decorazione pittoricaAppartenente all’area compositiva, finalizzato al conseguimento di una formazione di carattereteorico-pratico nel settore della pittura e della decorazione pittorica e al proseguimento degli studimedesimi negli istituti di alta cultura. I piani di studio sono orientati a fornire allo studente un’ampiabase culturale, con particolare approfondimento delle arti visive, come adeguato e coerentepresupposto per consentirgli di esprimere e sviluppare compiutamente la propria creatività.Scultura e decorazione plasticaAppartenente all’area compositiva, finalizzato al conseguimento di una formazione di carattereteorico-pratico nel settore della scultura e della decorazione plastica e al proseguimento degli studimedesimi negli istituti di alta cultura. I piani di studio sono orientati a fornire allo studente un’ampiabase culturale, con particolare approfondimento delle arti visive, come adeguato e coerentepresupposto per consentirgli di esprimere e sviluppare compiutamente la propria creatività con unaspecifica acquisizione delle tecniche operative della scultura e della decorazione plastica.42


Rilievo e catalogazioneAppartenente all’area dei beni culturali orientato a fornire allo studente uno studio approfondito deibeni culturali, come adeguato e coerente presupposto per consentirgli una specifica acquisizioneprofessionale nelle tecniche relative al rilievo e alla catalogazione dei beni culturali medesimi; nelcontempo, quest’indirizzo fornisce una specifica preparazione di base per il prosieguo degli studi alivello di istituti di alta cultura.Rimangono attivate solo le classi del triennio perché anche i corsi relativi al Progetto Michelangelosaranno via via sostituiti dal nuovo ordinamento previsto dalla recente riforma.Autonomia e FlessibilitàLa quota dei piani di studio rimessa alla scuola (autonomia) nell'ambito degli indirizzi definiti dalleregioni non puo' essere superiore al 20 per cento del monte ore complessivo nel primo biennio, al30 per cento nel secondo biennio e al 20 per cento nel quinto anno, fermo restando che l'orarioprevisto dal piano di studio di ciascuna disciplina non puo' essere ridotto in misura superiore a unterzo nell'arco dei cinque anni e che non possono essere soppresse le discipline previste nell'ultimoanno di corso nei piani di studio.7. Gli obiettiviRelazionaliLo studente dovrà essere capace di:Primo biennio1. Prendere coscienza di sé e consolidare il proprio ruolo all’interno del gruppo classe traendosoddisfazione dal progresso compiuto in attività scolastiche ed extrascolastiche.2. Essere capace di interloquire rispettando le opinioni altrui e prendendo coscienza delleopinioni diverse.3. Rivedere e correggere i propri comportamenti inadeguati e i propri insuccessi, ricercandonele cause.4. Individuare le proprie attitudini anche con l’aiuto dei docenti.5. Sapere accettare la presenza del disabile nella comunità scolastica collaborando per la suaintegrazione nella scuola, nella società, nel mondo del lavoro.Secondo biennio e triennio1. Potenziare e consolidare le proprie competenze e capacità autonomamente.2. Essere consapevole delle proprie scelte e de i propri comportamenti.3. Sostenere le proprie opinioni ed il proprio punto di vista nelle scelte operate e neicomportamenti assunti.4. Potenziare la capacità d’apertura alla diversità (sociale, culturale, fisica).43


CognitiviLo studente dovrà essere capace di:Primo biennio1. Prendere coscienza delle diverse forme di comunicazione verbale e non verbale.2. Rappresentare la realtà attraverso il disegno .3. Acquisire le capacità disegnative, pittoriche e plastiche basilari.4. Riconoscere e utilizzare il linguaggio specifico di ogni disciplina.5. Interpretare e spiegare i concetti, espressi in forma diversa da quella data, stabilendorelazioni e dimostrando teorie, con il ricorso a linguaggi convenzionali e/o viceversa.6. Distinguere gli elementi che caratterizzano un fenomeno e/o un problema analizzandonerelazioni e rapporti causa effetto.7. Essere capace di produrre lavori autonomamente.Secondo biennio e triennio1. Riconoscere i vari linguaggi della comunicazione verbale e non, applicarli in situazioniadeguate.2. Verificare il proprio processo formativo ed individuarne le finalità.3. Leggere ed interpretare i fenomeni della cultura contemporanea.4. Conoscere il “territorio” sotto l’aspetto culturale sociale ed artistico ed individuarne ipossibili interventi.5. Acquisire la consapevolezza dei meccanismi del proprio apprendimento.6. Consolidare competenze nelle discipline di “indirizzo”, per rafforzare capacità creative eprogettuali.7. Apprendere le teorie della percezione visiva ed i linguaggi della comunicazione visiva.8. Sviluppare la capacità di lettura di una opera a vari livelli : iconico-strutturale, contestuale,tecnico, simbolico.9. Approfondire, rielaborare, correlare, sintetizzare le conoscenze in base ad un obiettivodato.10. Sviluppare le competenze necessarie allo studio specializzato della pittura, scultura,decorazione.I metodi didattici e le strategie finalizzate al raggiungimento degli obiettivi sono esaminati econcordati dai docenti in seno ai consigli di classe che operano scelte sulla base delle esigenzedegli alunni e della loro libertà di insegnamento.Le problematiche e i contenuti di studio sono affrontati in modo progettuale e sono messi a temaattraverso una programmazione flessibile.Il consiglio di classe analizza la situazione di partenza degli studenti e si prende cura di colmare lecarenze linguistico–espressive, logico–matematiche ed artistiche e adegua la programmazione alraggiungimento dello standard di base, per avviare il processo formativo e l’arricchimento culturaleproposto dall’indirizzo di studi.Pertanto, ogni docente, fin dall’inizio dell’anno scolastico, si attiva per fare in modo che nessunodegli alunni si disperda e per questo utilizza tutti i canali necessari, perché ciascun alunno,riscoprendo il proprio “io”, possa, in azione far emergere tutte le sue capacità, le sue doti, attivandole sue potenzialità, per diventare protagonista del suo apprendimento e della sua crescita.8. La valutazioneLe dimensioni della valutazione44


La valutazione è espressione dell'autonomia professionale propria della funzione docente, nellasua dimensione sia individuale che collegiale, nonché dell'autonomia didattica delle istituzioniscolastiche.Il processo di valutazione scolastica si esprime attraverso una ricerca di informazioni sututte le componenti dell’educazione, guidata dalla necessità di assumere decisioni educativefinalizzate a ben calibrare le ulteriori esperienze educative degli alunni e a promuovereconoscenze, abilità e atteggiamenti (= competenze) indicati dai curriculiLa valutazione ha dunque per oggetto non solo il processo di insegnamento/apprendimento, maanche l’atteggiamento dell’alunno nei confronti delle discipline, cosa che spesso concorre adefinire anche il comportamento dell’alunno stesso in classe.Le finalità della valutazione sono pertanto:- fornire agli studenti un feedback dei progressi- misurare gli apprendimenti- fornire indicatori di efficacia dell’insegnamento- regolare e adeguare i processi didatticiLe sue dimensioni sono riferibili così all’allievo, ma anche al docente, che attraverso la trasparenzadella valutazione formativa aiuta l’allievo stesso ad autovalutarsi e riceve informazioni allo scopodi prendere decisioni riguardanti il processo educativo, in modo da garantire equità per tutti glialunni. Lo scopo ultimo è quello di fare in modo che tutti gli allievi raggiungano almeno i livelliminimi di ogni competenza disciplinare.La valutazione si articola in tre momenti:§ iniziale: serve al docente per conoscere i livelli di conoscenze ed abilità in ordine allediverse competenze disciplinari possedute dall’allievo;§ formativa o di processo: serve a documentare in itinere le eventuali difficoltà diapprendimento e i punti di forza e di debolezza dell’ intervento didattico. Essa svolge unafunzione regolativa su tutte le variabili che incidono sui processi di apprendimento interni alcurriculo disciplinare, che consta di saperi, metodi e relazioni;§sommativa: interviene alla fine di un percorso didattico e ha il compito di offrire un bilancioconsuntivo del processo di insegnamento/apprendimento.La valutazione formativa si fonda sull’osservazione della situazione di apprendimento dell’alunnoin classe; sulle attività svolte in classe a livello individuale o di gruppo; su prove di verifica scritte –di varia tipologia - orali, grafiche e pratiche, purché tutte coerenti con il relativo percorso didatticodel quale costituiscono un momento di misurazione di risultato, in termini di efficacia, dentro ilprocesso di insegnamento/apprendimento.Essa si traduce in fase sommativa con un voto numerico nella scala da 1 a 10, voto checorrisponde ad un livello di competenza (o incompetenza), i cui descrittori spiegano i risultati diapprendimento del singolo allievo a partire da criteri predefiniti (valutazione criteriale) e condivisiprima dai Dipartimenti disciplinari e poi dal Collegio dei Docenti, al fine di assicurare omogeneità,equità e trasparenza, nel rispetto comunque del principio della discrezionalità del singolo docentee del singolo consiglio di classe.45


Detti criteri sono stati individuati dal Collegio nella seduta del 10-10-2011, delibera N. 25, e fannoparte integrante del piano dell'offerta formativa.La Scuola assicura alle famiglie una informazione tempestiva circa il processo di apprendimento ela valutazione degli alunni. A tale scopo si utilizzerà ogni forma possibile di comunicazione oltrequella che si realizza di norma durante i ricevimenti dei genitori programmati e gli eventuali colloquiquindicinali con ciascun docente.La certificazione delle competenzeAl termine dell'adempimento dell'obbligo di istruzione e al termine del secondo ciclo dell'istruzione,la scuola certifica i livelli di competenza (o di incompetenza) raggiunti da ciascun alunno, al fine difavorire l'orientamento per la prosecuzione degli studi, di consentire gli eventuali passaggi tra idiversi percorsi e sistemi formativi, nonché l'inserimento nel mondo del lavoro.A tale scopo il compito precipuo dei Consigli di classe consiste nel procedere alla verifica e allavalutazione degli obiettivi previsti dalle progettazioni didattiche di ogni singolo docente nonché diquella del Consiglio di classe stesso, a partire dalla specifica realtà del gruppo classe, che puòpresentare profili complessi per la presenza di alunni diversabili e con DSA..I docenti di sostegno, contitolari della classe, partecipano alla valutazione di tutti gli alunni.Il consiglio di classe in sede di valutazione sommativa (o finale) del singolo alunno terrà conto deiseguenti indicatori di risultato per ogni singola disciplina:1. il livello di conoscenze, abilità e atteggiamenti (= competenza)2. il confronto tra situazione iniziale e situazione finale3. l’impegno4. i livelli partecipativi dimostrati nelle attività in classe5. il possesso di un adeguato metodo di lavoro6. il confronto tra risultato di apprendimento e criteri predefiniti.Non saranno trascurate dal Consiglio di Classe, che opera in modalità collegiale, le variabili dicontesto, che potranno riferirsi all’ambiente familiare e/o territoriale di appartenenza dell’allievo, e/oa problematiche personali.La valutazione dell'insegnamento della Religione cattolica e' espressa senza attribuzione di votonumericoLa valutazione del comportamentoLa valutazione periodica e finale del comportamento degli alunni è espressa in decimi e concorre,secondo la normativa vigente, alla determinazione dei crediti scolastici e dei punteggi utili perbeneficiare delle provvidenze in materia di diritto allo studio. Essa sarà operata dai Consigli diClasse in sede di scrutinio finale secondo la seguente griglia di valutazione.Voto Comportamento Partecipazione Frequenza epuntualitàSanzionidisciplinariUso delmateriale edelle strutturedella scuola10 Sempre corretto attiva e costruttiva Assidua con Nessuna Responsabile46


ispetto degliorari9 Corretto Attiva Assidua conqualche ritardoNessunaGeneralmenteresponsabile8 SostanzialmentecorrettoAdeguataAssidua conritardiSporadicirichiamiverbaliAdeguato7 Poco corretto Passiva emarginaleDiscontinuacon ritardi e/ofrequentiusciteanticipateFrequentirichiamiverbali e/orichiami scrittiNon accurate6 Scorretto Passiva Discontinuacon ripetutiritardi efrequentiusciteanticipateFrequentirichiamiverbali e/oscritti consospensioneper un periodnon superiora 15 giorniIrresponsabilecondanneggiamenti volontari5 DecisamentescorrettoNullaSporadica concontinui ritardie frequentiusciteanticipateFrequentirichiamiverbali e /oscritti consospensioneper unperiodosuperiore a15 giorni (Art.4 D.M.5/09)Irresponsabilecondanneggiamenti volontari graviL’attribuzione del voto in relazione agi relativi indicatori avverrà secondo i criteri seguenti:VOTOCONDIZIONIDI CONDOTTA10 devono essere soddisfatte tutte le condizioni indicate9 devono essere soddisfatte tutte le condizioni indicate8 devono essere soddisfatte almeno 4 delle 5 condizioni indicate7 devono essere soddisfatte almeno 3 delle 5 condizioni indicate6 devono essere soddisfatte almeno 3 delle 5 condizioni indicate47


5 devono essere soddisfatte tutte le condizioni indicateSono ammessi alla classe successiva gli alunni che in sede di scrutinio finale conseguono un votodi comportamento non inferiore a sei decimi e una votazione non inferiore a sei decimi in ciascunadisciplina.Sospensione del giudizioNello scrutinio finale il consiglio di classe sospende il giudizio degli alunni che non hannoconseguito la sufficienza in una o piu' discipline, senza riportare immediatamente un giudizio dinon promozione. A conclusione dello scrutinio, l'esito relativo a tutte le discipline e' comunicato allefamiglie.A conclusione degli interventi didattici programmati per il recupero delle carenze rilevate, ilconsiglio di classe, in sede di integrazione dello scrutinio finale, previo accertamento del recuperodelle carenze formative da effettuarsi entro la fine del medesimo anno scolastico e comunque nonoltre la data di inizio delle lezioni dell'anno scolastico successivo, procede alla verifica dei risultaticonseguiti dall'alunno e alla formulazione del giudizio finale che, in caso di esito positivo, comportal'ammissione alla frequenza della classe successiva e l'attribuzione del credito scolastico.La tabella che segue illustra le indicazioni del Collegio dei Docenti per definire le carenze nonsanabili in sede di scrutinio finale, quelle sanabili con uno studio ulteriore e con giudizio rinviato asettembre e quelle non sanabili dopo la verifica di settembre.4 4 3 Preparazione complessiva carente. Non sanabile4 4 4 Giudizio rinviato a settembreCarenze non colmate a seguito di giudiziorinviato e di verifica effettuata primadell’inizio dell’a.s. successivoPreparazione complessiva carente. Non sanabileI corsi di recupero tesi a colmare le insufficienze che hanno causato la sospensione del giudizio insede di scrutinio finale, si svolgono tra la fine di giugno e il mese di luglio dell’a.s. in corso. Quellirelativi alle carenze riscontrate durante l’a.s. si svolgono durante l’a.s.. Essi sono rivolti a queglialunni che, secondo il Consiglio di Classe, ne hanno necessità. Il Collegio dei Docenti stabilisce lemodalità e gli ambiti di intervento.I docenti progettano l’azione didattica specifica definendo le conoscenze e le abilità nelle quali siregistrano le difficoltà degli alunni, gli obiettivi da raggiungere, la strategia didattica da utilizzare.Quando in una classe nel corso dell’anno scolastico il numero degli allievi che necessitino diinterventi di recupero in una stessa materia è superiore al 40%, il docente ricalibra laprogettazione didattica al fine di riallineare l’intera classe entro parametri accettabili.48


Ammissione all'esame di StatoGli alunni che, nello scrutinio finale (V anno), conseguono una votazione non inferiore a sei decimiin ciascuna disciplina e un voto di comportamento non inferiore a sei decimi sono ammessiall'esame di Stato.In sede di scrutinio finale dal terzo anno in poi, il consiglio di classe attribuisce il punteggio per ilcredito scolastico secondo la seguente tabella:Media dei votiCredito scolastico(Punti)1° anno 2° anno 3° annoM = 6 3 - 4 3 - 4 4 - 56 < M


iconoscere le diversità tipologiche. Sa scrivere testi semplici non sempre coesi e coerenti.Conosce e padroneggia del tutto il livello formale della lingua, ma non i legamifunzionali/sintattici. Interagisce a livello verbale, ma con evidenti difficoltà di focalizzazionedei temi trattati .5 Nella lettura e comprensione dei testi padroneggia i livelli di accesso di superficie, ma nonprocede ad una corretta interpretazione delle informazioni. Sa scrivere testi tipologicamentediversi rispettandone però solo in parte la struttura e i livelli di coesione e coerenza tematica.Sa individuare i legami sintattici fra gli elementi base della frase e in parte sa ragionare sullapredicazione verbale. Interagisce verbalmente in maniera quasi sempre congrua e correttasul piano linguistico.6 Nella lettura e comprensione dei testi riesce ad interpretare le informazioni, connettendoleadeguatamente, seppure con difficoltà in alcune tipologie testuali. Sa scrivere testitipologicamente diversi con un controllo sufficiente della coesione e della coerenza tematica.Sa individuare i legami sintattici nella frase semplice in ordine ai significati, dati anche dalcontesto (o cotesto d’uso) Interagisce verbalmente in maniera adeguata.7 Nella lettura e comprensione di testi riesce ad interpretare e a riflettere adeguatamente sulcontenuto, in quasi tutte le tipologie testuali. Sa scrivere testi tipologicamente diversi ma noncomplessi, padroneggiando la coesione e la coerenza tematica, ma con limitata competenzaideativa. Sa gestire la frase complessa sul piano dei legami sintattici, della coordinazione edei connettori subordinanti intrafrasali. Interagisce verbalmente in maniera partecipata ecoerente.8 Sa interpretare e valutare itesti tipologicamente diversi sul piano del contenuto, su cui saanche riflettere. Sa scrivere testi tipologicamente diversi articolandoli bene sul piano dellaprogressione tematica e con competenza grammaticale e lessicale-semantica. Padroneggiala morfosintassi anche di frasi multiple complesse. Interagisce verbalmente in manieracongrua e molto partecipata .9 Sa interpretare e valutare testi diversi, nonché riflettere su di essi sia sul piano del contenutoche della forma. Sa scrivere testi tipologicamente diversi con un buon livello di competenzatestuale, grammaticale, lessicale-semantica e ideativa. Gestisce bene la morfosintassi e latestualità, sapendo anche riconoscere e utilizzare il valore delle scelte testuali. Interagisceverbalmente in maniera molto partecipata e propositiva.10 Sa leggere e comprendere qualsiasi tipo di testo per i propri scopi. Sa scrivere testitipologicamente diversi padroneggiando tutti i livelli della competenza di scrittura. Sariflettere sul funzionamento della lingua a livello di regole e scelte funzionali allacomunicazione.Interagisce verbalmente in maniera corretta, propositiva e molto costruttiva.Italiano e storia triennioCONOSCENZE CAPACITA’ COMPORTAMENTI VOTONessuna Nessuna Partecipazione: di disturboImpegno: nullo1-2Metodo: disorganizzatoFrammentarie egravementelacunoseComunica in modo molto stentatoed improprio; ha difficoltà a coglierei concetti e le relazioni essenzialiche legano tra loro i fatti anche piùelementariPartecipazione: molto sporadicaImpegno: scarsoMetodo: ripetitivo3-450


Incerte edincompleteComunica in modo non semprecoerente; ha difficoltà a cogliere inessi logici e ad analizzare temi,questioni, ecc.Partecipazione: dispersivaImpegno: discontinuoMetodo: mnemonico5EssenzialiComunica in modo semplice, anchese non sempre adeguato; coglie gliaspetti fondamentaliPartecipazione: solo sollecitataImpegno: accettabile6Metodo: non sempre organizzatoSignificativeComunica in modo adeguato, anchese semplice; coglie gli aspettifondamentali, ma incontra qualchedifficoltà nei collegamentiinterdisciplinariPartecipazione: recettivaImpegno: soddisfacenteMetodo: organizzato 7CompleteComunica in modo chiaro edappropriato; ha una propriaautonomia di lavoro; analizza inmaniera complessivamente corretta,rielaborando abbastanzaautonomamente e compiendo alcunicollegamentiPartecipazione: attivaImpegno: notevoleMetodo: organizzato 8/9Complete conapprofondimentiautonomiComunica in modo efficace edarticolato; collega autonomamenteconoscenze attinte da ambitipluridisciplinari; analizza in modocritico, argomentando conprecisione; cerca soluzioniadeguate per situazioni nuovePartecipazione: costruttivaImpegno: notevoleMetodo: elaborativo10Storia e geografia biennioCONOSCENZE CAPACITA’ COMPORTAMENTI VOTONessuna Nessuna Partecipazione: di disturboImpegno: nullo1-2Metodo: disorganizzatoFrammentarie egravementelacunoseEspone in modo molto stentato edimproprio; ha difficoltà a cogliere iconcetti e le relazioni essenzialiche legano tra loro i fatti ed ifenomeni anche più elementariPartecipazione: molto sporadicaImpegno: scarsoMetodo: ripetitivo3-451


Incerte edincompleteEspone in modo non semprecoerente; ha difficoltà a cogliere inessi logici e ad analizzare temi,questioni, ecc.Partecipazione: dispersivaImpegno: discontinuoMetodo: mnemonico5EssenzialiEspone in modo semplice, anchese non sempre adeguato; coglie gliaspetti fondamentali dei fatti e deifenomeni storico/geograficiPartecipazione: solo sollecitataImpegno: accettabileMetodo: non sempre organizzato6SignificativeCompleteEspone in modo adeguato, anchese semplice; coglie gli aspettifondamentali, ma incontra qualchedifficoltà nei collegamentiinterdisciplinariEspone in modo chiaro edappropriato; ha una propriaautonomia di lavoro; analizza inmaniera complessivamentecorretta, rielaborando abbastanzaautonomamente e compiendoalcuni collegamentiPartecipazione: recettivaImpegno: soddisfacenteMetodo: organizzato 7Partecipazione: attivaImpegno: notevoleMetodo: organizzato 8/9Complete conapprofondimentiautonomiEspone in modo efficace edarticolato; collega autonomamenteconoscenze attinte da ambitipluridisciplinari; analizza in modocritico, argomentando conprecisione; cerca soluzioniadeguate per situazioni nuovePartecipazione costruttivaImpegno: notevoleMetodo: elaborativo10Italiano, Prova scrittaCOMPETENZE DESCRITTORI PUNTEGGIO:0/2,5*1. Competenza§ Rispetto delle consegne (secondo il tipo ditestualeprova)§ Coerenza e coesione nello svolgimento deldiscorso§ Ordine nell’impaginazione e partizioni del testo(in capoversi ed eventuali paragrafi)2. Competenza§ Padronanza delle strutture morfosintattiche egrammaticaledella loro flessibilità e varietৠUso consapevole della punteggiatura inrelazione al tipo di testo§ Correttezza ortografica3. Competenza§ Consistenza del repertorio lessicalelessicale -§ Appropriatezza semantica e coerenza specificasemanticadel registro lessicale§ Uso adeguato dei linguaggi settoriali4. Competenza § Scelta di argomenti pertinenti52


ideativa § Organizzazione degli argomenti intorno aun’idea di fondoü Consistenza e precisione di informazioni e datiü Rielaborazione delle informazioni attraversocommenti adeguati e valutazioni personali nonestemporaneePUNTEGGIO/VOTO*0= livello molto scarso0,5= livello scarso1= livello mediocre1.5 = livello sufficiente2= livello discreto2,5= livello ottimoStoria dell’arteLa valutazione è espressa in decimi con un unico voto orale nelle schede di valutazionequadrimestrale per le classi del vecchio LICEO ORDINAMENTALE, mentre per il CORSOSPERIMENTALE MICHELANGELO e per quello di NUOVO ORDINAMENTO è previsto, solo nelprimo quadrimestre, il doppio voto scritto e orale.Criteri e indici di valutazione (prove orali)I criteri di valutazione tengono conto della conoscenza dei contenuti, della acquisizione di un metododi lavoro, del possesso del linguaggio specifico della disciplina, della capacità di leggere edesprimere valutazioni sull'opera d'arte; sono concepiti in stretta relazione con gli obiettivi didattici.CriteriConoscenza ditermini, concetti,contenutiIndicatori (voti in decimi)1. mancante (1)2. carente (2)3. lacunosa e approssimativa (3)4. frammentaria (4)5. superficiale e parziale (5)6. essenziale (6)7. corretta e appropriata (7)53


8. completa (8)9. ampia e completa (9)10.ampia, completa ed approfondita (10)Uso del linguaggiospecifico1. carente (1)2. incerto (2)3. inadeguato (3)4. limitato (4)5. essenziale (5)6. corretto (6)7. corretto e appropriato (7)8. appropriato e sicuro (8)9. ampio e sicuro (9)10. ampio, sicuro e articolato (10)Lettura dell’opera 1. mancante (1)2. non applica le informazioni e sollecitazioni che vengono dal/la docente (2)3. applica in maniera incoerente le informazioni e sollecitazioni che vengonodal/la docente (3)4. opera in maniera imprecisa (4)5. opera in maniera parziale (5)6. sa applicare le conoscenze acquisite ma necessita di guida (6)7. è autonoma/o (7)8. sa applicare in modo autonomo le conoscenze acquisite (8)9. sa applicare in modo autonomo, preciso e completo le conoscenzeacquisite (910. sa applicare in modo autonomo, preciso e completo le conoscenze e leprocedure acquisite (10)Capacità dieffettuarecollegamenti1. non sa effettuare collegamenti (1)2. è carente nell’effettuare collegamenti (2)3. i collegamenti effettuati sono inadeguati (3)54


4. opera in maniera parziale (4)5. opera in maniera imprecisa e superficiale (5)6. opera correttamente ma necessita di guida (6)7. sa effettuare analisi e confronti fra opere (7)8. sa effettuare analisi e confronti fra opere e autori (8)9. sa effettuare analisi e confronti fra opere e autori anche di periodi storicidistanti (9)10. sa effettuare collegamenti e trasposizioni interdisciplinari (10)Valutazione e critica 1. comprensione e spiegazione nulle (1)2. comprensione e spiegazione carenti (2)3. comprensione e spiegazione lacunose e approssimative (3)4. comprensione e spiegazione imprecise (4)5. riproposizione meccanica dei contenuti (5)6. esposizione essenziale e coerente (6)7. esposizione essenziale, coerente e motivata (7)8. sa esprimere giudizi critici su quanto espone (8)9. sa mettere in relazione giudizi storico-critici con le valutazioni personali suquanto studiato (9)10. sa esprimere valutazioni autonome, fondate ed originali su quanto studiato(9/10)Criteri e indici di valutazione prove scritteCriteriConoscenza di termini,concetti, contenutiIndicatori (voti in decimi)mancante (1)carente (2)lacunosa e approssimativa (3)frammentaria (4)superficiale e parziale (5)55


essenziale (6)corretta e appropriata (7)completa (8)ampia e completa (9)ampia, completa ed approfondita (10)Uso del linguaggio specificocarente (1)incerto (2)inadeguato (3)limitato (4)essenziale (5)corretto (6)corretto e appropriato (7)appropriato e sicuro (8)ampio e sicuro (9)ampio, sicuro e articolato (10)Capacità di effettuarecollegamentinon sa effettuare collegamenti (1)è carente nell’effettuare collegamenti (2)i collegamenti effettuati sono inadeguati (3)opera in maniera parziale (4)opera in maniera imprecisa e superficiale (5)opera correttamente ma necessita di guida (6)sa effettuare analisi e confronti fra opere (7)sa effettuare analisi e confronti fra opere e autori (8)sa effettuare analisi e confronti fra opere e autori anche di periodi storicidistanti (9)sa effettuare collegamenti e trasposizioni interdisciplinari (10)Ricordando che la valutazione non si esaurisce con la misurazione e tiene in considerazioneanche:§§l'interesse, la serietà, l'impegno e la partecipazionele intuizioni, li interventi, i contributi56


§§i progressi compiuti fra il livello di partenza e il livello di arrivoil vissuto ambientale, personale e scolastico.Ecco per esteso i:Criteri per la formulazione delle valutazioni di fine anno(1): non conosce i contenuti basilari della disciplina. Le capacità elaborative ed espositive sonomolto carenti. Non ha raccolto le sollecitazioni del/la docente.(2): non conosce i contenuti basilari della disciplina. Le capacità elaborative ed espositive sonomolto approssimative. Non raccoglie o fraintende le sollecitazioni che vengono dal/la docente (3): la conoscenza degli argomenti è lacunosa, l'esposizione carente sotto il profilo dellacorrettezza grammaticale e del linguaggio specifico. Non raccoglie le sollecitazioni delle/i docenti.(4): la conoscenza degli argomenti è frammentaria. L'esposizione carente sotto il profilo dellacorrettezza grammaticale e del linguaggio specifico.(5): la conoscenza degli argomenti è superficiale e le informazioni non sono organizzate in unquadro d'insieme chiaro e organico. L'esposizione, anche se corretta grammaticalmente, èimprecisa dal punto di vista del linguaggio specifico. Nella lettura del testo visivo, sollecitato/a dagliinsegnanti, riesce con qualche difficoltà ad applicare le conoscenze e le procedure proposte.(6): la conoscenza degli argomenti è essenziale e così la capacità di contestualizzare.L'esposizione è abbastanza chiara e corretta dal punto di vista grammaticale e del linguaggiospecifico. L'analisi testuale non è molto puntuale poiché l'alunno/a necessita di guida per applicarele conoscenze acquisite.(7): la conoscenza degli argomenti è discreta, le nozioni sono ordinate in un quadro concettualepreciso. L'esposizione è chiara e apprezzabile per la correttezza terminologica. La lettura del testoevidenzia la capacità di operare in autonomia. L'alunno/a riesce a collocare e spiegare le operestudiate nell'ambito della produzione dell'autore/trice e questa nel contesto culturale dell'epoca. Siorienta nel percorso analitico proposto con una certa capacità di elaborazione personale.(8): la conoscenza degli argomenti è completa e l’alunna/o mostra di essere capace di rielaborarein modo personale. Evidenzia una buona attitudine a collegare gli argomenti trattati in una visioneche utilizza gli apporti delle diverse discipline. L'esposizione è chiara, organica e precisa nell'usodel linguaggio specifico. Sa effettuare una lettura sicura ed autonoma del testo visivo che sacontestualizzare nell'ambito dell’opera dell'autore/trice e della produzione culturale complessivadell'epoca. Sa stabilire collegamenti con tendenze ed espressioni culturali di epoche diverse.(9): l'alunna/o mostra un approccio critico e la capacità di approfondire gli argomenti studiati; sacollegare i contenuti e le metodologie delle diverse discipline, sa adoperare in modo appropriatoed ampio il linguaggio disciplinare. L'analisi del testo è sicura, l'alunna/o ne sa elaborareun'interpretazione personale ed è capace di ricondurlo all’opera dell'autore/trice e della produzioneculturale dell'epoca.(10): l'alunna/o mostra un approccio critico e una buona capacità di approfondire gli argomentistudiati; sa collegare e integrare i contenuti e le metodologie delle diverse discipline; sa adoperarein modo appropriato, ampio e personale il linguaggio disciplinare. L'analisi del testo è sicura,l'alunna/o ne sa elaborare un'interpretazione personale ed è capace di ricondurlo con sicurezza57


all’opera dell'autore/trice e della produzione culturale dell'epoca. E’ capace di orientare il discorsoin modo sicuro e di proporre ulteriori approfondimenti.Catalogazione (prove orali)CriteriIndicatoriConoscenza di termini, concetti,contenutimancante (1)carente (2)lacunosa e approssimativa (3)frammentaria (4)superficiale e parziale (5)essenziale (6)corretta e appropriata (7)completa (8)ampia e completa (9)ampia, completa ed approfondita (10)Uso del linguaggio specificocarente (1)incerto (2)inadeguato (3)limitato (4)essenziale (5)corretto (6)corretto e appropriato (7)appropriato e sicuro (8)ampio e sicuro (9)ampio, sicuro e articolato (10)58


Criteri di valutazione delprogetto catalograficoCoerenza e organicità nella costruzione della scheda dicatalogo cartacea -individuazione delle voci essenzialiCorrettezza e pertinenza nella compilazione delle vociessenzialiChiarezza descrittiva ed efficacia espositivanell’elaborazione delle parti descrittive della scheda enei riferimenti alle fontiCorrettezza dei riferimenti storico-artisticiRispondenza degli allegati grafici elaborati, in relazioneal tema svoltoCorrettezza metodologica nell’impostazione dei disegnie degli schemi grafici complementari alla schedaFino ap. 2Fino ap.1Fino ap.2Fino ap. 1Fino ap. 2Fino ap. 2MatematicaVerifica e valutazione:A) Strumenti per la verifica formativa e sommativa :Colloqui individuali e aperti all’interno del gruppo classeA discrezione del docente potranno essere effettuate : Verifiche scritte con esercizi di tipoapplicativo e test di diversa tipologia (domande a risposta chiusa e/o aperta, domande del tipovero/falso, completamento di frasi mediante scelta di termini proposti).Le verifiche sommative per quadrimestre saranno almeno duePer la valutazione finale si terrà conto anche:§§§§dei progressi compiuti dagli studenti rispetto alla situazione di partenzadell’interesse, partecipazione, socializzazione, impegno e costanza nello studiodella capacità di collaborazione mettendo a disposizione del gruppo classe le proprie abilitàdi particolari situazioni problematiche e di disagioB) Definizione dei criteri di valutazione :La misurazione dell’apprendimento si esprimerà con un voto che va da 1 a 10 tenendo conto deilivelli relativi all’acquisizione delle competenze:59


Livelli relativi all’acquisizione delle competenzeVoto Livello Descrittori del livello di apprendimento10 eccellenteLo studente conosce e comprende i contenuti in modo organico, ampio eapprofondito. Opera con padronanza e sicurezza, instaurando relazioni tra i varicampi della conoscenza; sa formulare ipotesi operative creative e personali;rielabora in modo personale esprimendo giudizi complessi ed argomentati9 ottimoLo studente conosce e comprende in modo esauriente e approfondito i contenuti;applica autonomamente le conoscenze anche ad esercizi complessi; sa dedurreconseguenze e implicazioni; effettua collegamenti corretti; sa gestire situazioninuove; rielabora in modo organico e personale ed esprime giudizi pertinenti edarticolati8 buonoLo studente conosce e comprende in modo completo e ordinato i contenuti; applicaautonomamente le conoscenze anche ad esercizi complessi, con imperfezioni;rielabora in modo organico dimostrando buone capacità di analisi e di sintesi;esprime giudizi pertinenti e chiari7 discretoLo studente conosce i contenuti in modo completo ma poco approfondito; applicaautonomamente le conoscenze anche ad esercizi di media difficoltà conimperfezioni; rielabora in modo corretto dimostrando capacità di analisi e di sintesisoddisfacenti6 sufficienteLo studente conosce i contenuti in modo completo ma non approfondito; applicaautonomamente le conoscenze a semplici esercizi con qualche errore; rielabora consemplicità; effettua qualche collegamento essenziale5 insufficienteLo studente conosce in modo superficiale i contenuti; applica le conoscenze asemplici esercizi solo se guidato ma con errori; rielabora in modo approssimativo;limitata capacità di collegamento4gravementeinsufficienteLa conoscenza dei contenuti è carente, sa risolvere semplici esercizi solo se guidatoma con errori gravi;rielabora con difficoltà; effettua collegamenti non pertinenti3 scarsoLo studente conosce i contenuti in modo frammentario con errori e lacune. Nonriesce ad applicare le conoscenze, non effettua collegamenti. Non riesce arielaborare anche se guidato2moltoscarsoLo studente rivela conoscenze frammentarie gravemente lacunose con errori gravio risponde altro1 nullo Nessuna conoscenza60


Scienze e ChimicaVoto livello Descrittori del livello di apprendimento1 Nullo Nessuna conoscenza dei contenuti2 Molto scarsoLo studente rivela conoscenze frammentarie gravementelacunose con errori gravi . Non conosce la terminologia o lautilizza in modo improprio3 ScarsoLo studente ha una conoscenza dei contenuti frammentariacon errori e lacune. Lo studente non riesce ad applicare leconoscenze, non effettua collegamenti. Non riesce arielaborare anche se guidato4 Gravemente insufficienteLa conoscenza dei contenuti è carente. Rielabora condifficoltà e solo se guidato. Non sa individuare i concettichiave. Effettua collegamenti non pertinenti5 InsufficienteConosce in modo superficiale i contenuti.Si esprime con linguaggio specifico non sempre corretto edappropriato.Solo se opportunamente guidato utilizza i contenuti appresi inun contesto nuovo.Non ha autonomia adeguata nella rielaborazione deicontenuti.Sa individuare alcuni concetti chiave ma incontra difficoltà nelcollegarli.6 SufficienteConosce in modo corretto ma non approfondito i contenuti.Conosce la terminologia specifica.Utilizza i contenuti appresi in un contesto ma non sempre inmodo autonomo.Rielabora in modo semplice i contenuti.Sa individuare i concetti chiave e stabilire semplicicollegamenti.7 DiscretoConosce in modo corretto ed adeguato i contenuti proposti.Si esprime con linguaggio specifico corretto.Utilizza autonomamente i contenuti appresi in un contestonuovo.Rielabora personalmente i contenuti.Sa analizzare alcuni aspetti significativi, individuare i concettichiave e stabilire relazioni.8 BuonoConosce in modo corretto e completo i contenuti proposti. Siesprime con linguaggio specifico, corretto ed appropriato.Utilizza autonomamente i contenuti appresi in contesti nuovisenza commettere errori. Rielabora criticamente ed inautonomia le conoscenze acquisite.Sa analizzare i vari aspetti significativi e sa individuare iconcetti chiave stabilendo efficaci collegamenti.9 OttimoLo studente conosce e comprende in modo esauriente eapprofondito i contenuti; applica autonomamente leconoscenze. Sa dedurre conseguenze e implicazioni; effettuacollegamenti corretti; sa gestire situazioni nuove; rielabora inmodo organico e personale ed esprime giudizi pertinenti edarticolati10 EccellenteLo studente conosce e comprende i contenuti in modoorganico, ampio e approfondito. Opera con padronanza esicurezza, instaurando relazioni tra i vari campi dellaconoscenza; sa formulare ipotesi operative creative epersonali; rielabora in modo personale esprimendo giudizi edoperando scelte motivate.61


Inglese orale biennioVotoComprensioneProduzione1-2 Scarsissimacomprensione eproduzione dimessaggi einformazioniContenutiScarsissimaconoscenzadei contenutiMorfosintassiLessicoScarsissimaconoscenzadellamorfosintassie del lessicoFluencyPronunciaEsposizione moltostentata con numerosie gravi errori dipronuncia3 Gravi difficoltànellacomprensione eproduzione dimessaggi einformazioni4 Frammentaria ecarente lacomprensione eproduzione dimessaggi einformazioni5 Incompleta eparziale lacomprensione eproduzione dimessaggi einformazioni6 Essenziale maaccettabile lacomprensione eproduzione dimessaggi einformazioni7 Abbastanzacompleta lacomprensione eproduzione dimessaggi einformazioni8 Completa lacompr./prod. dimessaggi einformazioni9 Completa eprecisa lacompr./prod. dimessaggi einformazioni10 Notevole lacapacità dicompr./prod. dimessaggi einformazioniMolto frammentaria elimitata conoscenzadei contenutiContenuti moltolimitati e decisamenteinadeguatiLacunosi e modesti icontenutiAdeguata ma nonapprofondita laconoscenza deicontenutiAppropriata laconoscenzadei contenutiSicura laconoscenza deicontenutiApprofondita laconoscenzadei contenutiApprofondita, ampia epersonale laconoscenza deicontenutiUso dellamorfosintassicon gravi errorie lessico moltoinadeguatoUso scorrettodellamorfosintassie del lessicoIncerta laconoscenza dellestrutturelinguistiche e dellessicoConoscenzaglobale ma nonapprofonditadellamorfosintassi edel lessicoCorretto l’usodelle strutturelinguistiche e dellessicoUso sicuro epreciso dellamorfosintassi edel lessicoAmpia laconoscenzadellamorfosintassi edel lessicoEstremamenteappropriato l’usodellamorfosintassi edel lessicoEsposizione moltoimpacciata e contortacon pronunciascorrettaEsposizionedifficoltosa e pocochiara; scorretta lapronunciaPoco scorrevolel’esposizione conerrori di pronunciaEsposizione semplice,ma abbastanzascorrevole conqualche errore nellapronunciaSicura l’esposizionepur se con qualcheinesattezza nellapronunciaFluente e chiaral’esposizione conqualche imprecisioneSicura e personalel’esposizioneEsposizione moltofluente e articolata;eventuali imprecisioniirrilevanti62


Inglese prove scritte biennioVotoComprensione/produzione1-2 Scarsissimacomprensione eproduzione dimessaggi/informazioni3 Gravi difficoltànellacomprensione/produzione dimessaggi/informazioni4 Frammentaria elacunosalacomprensione/produzione dimessaggi/informazioni5 Incompleta lacomprensione/produzione dimessaggi/informazioni6 Comprensione/produzione dimessaggi/informazioni essenziale esemplice7 Abbastanza sicura epertinente lacomprensione/produzionedimessaggi/informazioni8 Completa lacomprensione/produzione dimessaggi/informazioni9 Approfondita eampia lacomprensione/produzione dimessaggi/informazioni10 Spiccata padronanzanella comprensionee produzione moltoapprofondita earticolataContenutiConoscenza deicontenutiscarsissimaScarsa conoscenza deicontenutiConoscenza deicontenutidecisamenteinadeguataFrammentariaconoscenza deicontenutiConoscenza dei contenutiadeguata, ma nonapprofonditaAppropriata laconoscenza deicontenutiSicura la conoscenza deicontenutiConoscenza deicontenutiapprofondita eprecisaMolto approfondita e sicurala conoscenza dei contenuticon spunti personali edoriginali63Uso della lingua(morfosintassi, lessico,spelling)Scarsissima conoscenza dellestrutture morfosintattiche, dellessico e spellingConoscenza dellamorfosintassi scarsa, congravi e diffusi errori; moltoinadeguati lessico espellingConoscenza dellestrutture morfosintatticheframmentaria, lessico espelling inadeguatiUso incerto e non sempreadeguato della morfosintassie del lessicoConoscenza adeguata, manon approfondita dellamorfosintassi e del lessico.Spelling accettabileUso sostanzialmente correttodelle strutture morfosintattiche,del lessico e dello spellingCorretto l’uso dellamorfosintassi pur se conqualche lieve imperfezione;lessico e spelling precisiAccurato l’uso delle strutturelinguistiche; precisi lessico espelling.Uso della morfosintassi e dellessico molto appropriato


Inglese orale triennioA) CONOSCENZA (di artisti, opere e contesto)1 ) conosce in modo serio e approfondito i temi. 8 – 102) conosce in modo corretto e con qualche approfondimento gli argomenti. 7 – 83) conosce in modo corretto gli argomenti essenziali, limitatamente alla spiegazione6 – 7fatta.4) conosce in modo parziale e non sempre corretto gli argomenti. 4 – 55) non conosce gli elementi fondamentali degli argomenti. 2 – 4B) COMPRENSIONE (di artisti, opere e contesto)1) comprende in modo puntuale gli argomenti, focalizzandoli subito in ampiezza e8 – 10profondità.2) comprende nella corretta articolazione gli argomenti. 7 – 83) comprende in modo corretto gli argomenti essenziali, limitatamente alla6 – 7spiegazione fatta.4) comprende in modo parziale e non sempre corretto gli argomenti. 4 – 55) non comprende gli elementi fondamentali delle questioni. 2 – 4C) APPLICAZIONE (competenza nell’uso operativo delle conoscenze acquisite;sviluppo di leggi e principi teorici)1) applica appieno le conoscenze anche in situazioni complesse. 8 – 102) applica correttamente le conoscenze acquisite talora anche in situazioni7 – 8complesse.3) applica correttamente le conoscenze acquisite in compiti standard, con qualche6 – 7difficoltà in situazioni più complesse.4) applica le conoscenze ma in ambiti limitati e con vari errori. 4 – 55) non sa applicare i dati acquisiti sotto forma di conoscenza. 2 – 4D) ANALISI (sistematicità ed organicità nell'indagare il contesto ed il testo visivo)1) analizza con sistematicità ed articolazione ricca e organica. 8 – 102) analizza in modo coerente e con articolazione adeguata. 7 – 83) analizza in modo semplice ma coerente. 6 – 74) analizza in modo non sempre coerente ed appropriato. 4 – 55) analizza con notevole difficoltà ed in modo contraddittorio e frammentario. 2 – 4E) SINTESI (selezione e connessione dei concetti basilari)1) sa individuare i concetti chiave e stabilire efficaci collegamenti. 8 – 102) sa individuare i concetti chiave e collegarli adeguatamente. 7 – 83) sa individuare gli elementi essenziali e collegarli sufficientemente. 6 – 74) sa individuare i concetti chiave ma non sa collegarli. 4 – 55) non sa individuare i concetti chiave e collegarli. 2 – 464


F) VALUTAZIONE (apporti critici e personali)1) rielabora criticamente e creativamente, con frequenti vantazioni personali. 8 – 102) rielabora con qualche considerazione personale. 7 – 83) rielabora senza particolari apporti personali. 6 – 74) ripete in modo passivo e lacunoso quanto studiato. 4 – 55) assenza più o meno diffusa di rielaborazione e di valutazione. 2 – 4Inglese scritto triennioVotoContenuto (quantità,qualitàdell’informazione,pertinenza)1-2 Scarsissimaconoscenza deicontenuti e dipertinenza al temaproposto3 Scarsa conoscenza deicontenuti; pocapertinenza al temaproposto4 Carente e frammentariala conoscenza deicontenuti e lapertinenza al temaproposto5 Lacunosi emodesti icontenuti; parzialela pertinenza altema proposto6 Adeguata ma nonapprofondita laconoscenza deicontenuti; accettabilela pertinenza al temaproposto7 Appropriata laconoscenza deicontenuti e abbastanzacorretta la pertinenza altema proposto8 Sicura la conoscenzadei contenuti ecorretta la pertinenzaal tema proposto9 Completa eapprofondita laconoscenza deiCapacità di analisi esintesi capacitàargomentativecontestualizzazioneCapacità di analisi esintesi molto scarse;inconsistenti lacontestualizzazione el’argomentazioneScarsa abilità di analisi esintesi; contestualizzazione eargomentazione molto carentiInadeguate le capacità dianalisi e sintesi,argomentazioni econtestualizzazione pocochiareModeste le capacità dianalisi e di sintesi; nonsempre chiare e corrette leargomentazioni e lacontestualizzazioneNon sempre consistenti lecapacità di analisi e sintesi;generiche le argomentazioni ela contestualizzazioneAccettabili le capacità dianalisi e di sintesi, abbastanzaprecise le argomentazioni e lacontestualizzazionePiù che adeguate lecapacità di analisi e disintesi; precise e puntuali leargomentazioni e lacontestualizzazioneAlquanto elevate le capacitàdi analisi e di sintesi; originalie personali le argomentazioni65Uso della lingua(morfosintassi lessicospelling)Esposizione molto moltoconfusa e contorta congravi e numerosi erroriEsposizione frammentaria, edisorganica con diffusi egravi erroriEsposizione difficoltosa, pocochiara e ripetitiva; scorretta laformaPoco sicura l’esposizionecon errori vari errori formaliEsposizione semplice, maabbastanza chiara conalcuni erroriScorrevole e chiaral’esposizione pur secon qualche incertezzagrammaticale elessicaleFluente e chiaral’esposizione pur se conqualche lieve imprecisioneEsposizione fluente,articolata e personaleseppure con qualche


contenuti; pienapertinenza al temaproposto10 Molto approfondita eampia la conoscenzadei contenuti; pienapertinenza al temapropostoe la contestualizzazioneElevate e spiccate le capacitàdi analisi e di sintesi; originali,personali e moltoappropriate le argomentazionie la contestualizzazioneimprecisioneEsposizione moltoscorrevole, articolata epersonale.Educazione fisica e sportivaVoto Giudizio Aspetti educativoformativiLivelli diapprendimentoConoscenze e competenzemotorie1 Nullo Totale disinteresse perl’attività svolta.Livello degliapprendimenti pressochéirrelevabile.Livello delle competenze econoscenze motorieprofondamente inadeguato.2-3 GravementeinsufficienteForte disinteresse perla disciplina.Scarsi apprendimenti.Inadeguato livello dellecompetenze motorie e delleconoscenze relative, grossedifficoltà di comprensionedelle richieste, realizzazionepratica molto lenta,scoordinata e scorretta.4-5 Insufficiente Parziale disinteresseper la disciplina.L’apprendimento avvienecon difficoltà, il livello disviluppo è rilevabile macarente.Conoscenze e competenzemotorie sono lacunose oframmentarie.6 Sufficiente Raggiunge gli obiettiviminimi impegnandosi epartecipando in modoparziale o settoriale.L’apprendimento avvienecon poche difficoltà.Competenze e conoscenzemotorie sono nel complessoaccettabili.7 Discreto Partecipa e si impegnain modo soddisfacente.L’apprendimento risultaabbastanza veloce e conrare difficoltà.Le conoscenze e lecompetenze motorie appaionoabbastanza sicure ed inevoluzione. Raggiungesempre un livello accettabilenelle prove proposte.66


8 Buono Positivo il grado diimpegno epartecipazione,nonché l’interesse perla disciplina.L’apprendimento appareveloce e abbastanzasicuro.Il livello delle competenzemotorie è di qualità, sia sulpiano coordinativo, sia suquello condizionale, sia suquello tattico e della rapidità dirisposta motoria.9 Ottimo Fortemente motivato einteressato.Velocità diapprendimento,comprensione,elaborazione e rispostamotoria.Elevato livello delle abilitàmotorie, livello coordinativoraffinato e livello condizionalemolto elevato.10 Eccellente Impegno, motivazione,partecipazione, sensodi responsabilità ematurità caratterizzanolo studente.Velocità di risposta,fantasia tattica, grado dirielaborazione e livelli diapprendimento sono adun livello massimo.Il livello delle conoscenze,delle competenze e delleprestazioni è sempreeccellente.67


Discipline pittoricheOrdinamento tradizionale. Ornato e Figura disegnata secondo biennioIndicatorevoto 1-3voto 4 Voto 4-5 Voto 6 Voto 7-8 Voto 9-10Capacità divedere -osservare erielaborareuso deilinguaggivisiviNon osservaNon partecipaalle attivitàdidatticheNon hasuperato lostereotipo.È disorientatonella codificae nellaproduzione dimessaggivisivi Non èautonomonellaproduzione orielaborazionedi immaginiProducemessaggisemplici.Rappresentadal verosenzarispettareproporzioni emassevolumetricheSi rilevanomodestecapacità dirielaborazionee creazione diimmaginiProducemessaggivisivi che pursemplicirispondonoalla lorofunzionecomunicativa .Riesce aprodurre erielaborareimmagini inmodoautonomo.Possiedeottimecapacità dirielaborazionegrafico/pittoriche eutilizza unpropriolinguaggioespressivovisivoPossiedecapacità dirielaborazioneeccellenti.Produceimmaginioriginali,prospettandodiversesoluzioniConoscenzaed uso delletecnichegrafiche epittoricheNon producealcunelaboratoUtilizza inmodo moltoincerto letecnichecommettendoerrori nellaimpostazionedel disegno enella stesuradella materiagrafica e/opittoricaUtilizza inmodo incertole tecnichecommettendoqualcheerrore sianell’uso dellamateriapittorica chenell’uso delsegno graficoUtilizza inmodo correttole tecnichegrafiche e/opittoricheUtilizza inmodoautonomo ecorretto letecnichegrafiche e/opittoricheraggiungendonel segno enella stesurapittorica egradevolezzavisivaUtilizza conpadronanza letecnichegrafiche e/opittoricheesprimendosiin modopersonale,adeguando latecnica alleproprieesigenzeespressivo/visiveConoscenzeDi presuppostiteorici e temispecificiaffrontatinon ha alcunaconoscenzadegliargomentipropostiHaconoscenzeframmentateche nonriesce acorrelare conil suo operareartisticoConosceparzialmentele tematicheaffrontate ,guidato trovarelazioni traqueste ed ilsuo operareConosce letematicheaffrontate equalche voltale finalizza alsuo operareartisticoConosce eapprofondiscele tematiche,sia sul pianoteorico cheutilizzandolenella praticaartisticaHa fattoproprie letematicheaffrontate e viapportapersonalicontributi checondivide conaltri68


Sperimentazione “Michelangelo” Progettazione pittoricaIndicatori Voti 1-3 Voti 4 Voti 5 Voto 6 Voti 7-8 Voti 9-10Conoscenzaed uso delletecnichegrafiche epittoricheCapacità dieseguire uniter progettualemirato persettore diinterventoNon producealcunelaborato nonhacompetenzetecnicheUtilizza inmodo moltoincerto letecnichecommettendogravi errorinellaimpostazionedel disegno enella stesuradella materiagrafica e/opittoricaEsegue inmodoframmentario econfusionale lefasi progettuali,produceelaboratisporchi,mancanti diosservazioniscritte cheesplichino lescelteeffettuateUtilizza inmodo incertole tecnichecommettendoqualche erroresia nell’usodella materiapittorica chenell’uso delsegno graficoEsegue inmodo incertole fasi diprogetto nonsviluppando inmodo organicoe completo glischizzi, gliabbozzi ed ibozzettiUtilizza inmodo correttole tecnichegrafiche e/opittoricheEsegue inmodocorrettole fasidi progetto :schizzo,abbozzo,bozzetto, manon neapprofondiscelo studio.Presentazioneformaletesti/verbali :semplicidescrizioni avolte mancantidi valutazionipersonaliUtilizza inmodoautonomo ecorretto letecnichegrafiche e/opittoricheraggiungendopulizia nelsegno, nellastesurapittorica egradevolezzavisivaEsegue inmodo correttoe approfonditole fasi diprogetto.Ottima lapresentazioneformale,esaurienti sia itesti visivi cheverbaliUtilizza conpadronanza letecnichegrafiche e/opittoricheesprimendosi inmodopersonale,adeguando latecnica alleproprieesigenzeespressivo/visive eraggiungendooriginalitàgrafico/pittoricaEsegue inmodo organicoe completo lefasi di progetto.Eccellente lapresentazioneformale,pienamenteesaustivi sia itesti visivi cheverbaliCapacitàDirielaborazionee creativeNon producealcunelaboratoNon èautonomonellaproduzione orielaborazionedi immaginiSi rilevanomodestecapacità dirielaborazionee creazione diimmaginiRiesce aprodurre erielaborareimmagini inmodoautonomo,prospettandosemplicisoluzioni perrisolvereproblemi datiPossiedeottime capacitàdirielaborazionegrafico/pittoriche eutilizza unpropriolinguaggioespressivovisivoPossiedecapacità dirielaborazioneeccellenti.Riesce aprodurreimmaginioriginali,svincolandosida stereotipirappresentativie prospettandoin modoautonomosoluzionidiverse69


Laboratorio pittorico (triennio)Indicatorevoto 1-3Voto 4 Voto 5 Voto 6 Voto 7-8 Voto 9-10Competenze tecnicheCompetenzeoperativeNon producealcunelaborato- nonhacompetenzetecnicheUtilizza in modomolto incerto letecnichecommettendogravi errori nellaimpostazionedel disegno enella stesuradella materiagrafica e/opittoricaLavorasaltuariamente.Con difficoltàorganizza glispazi e nonrispetta mai itempi diconsegnaUtilizza inmodo incertole tecnichecommettendoqualcheerrore sianell’uso dellamateriapittorica chenell’uso delsegno graficoNecessita diuna guidanell’organizzazione deitempi e deglispazi dilavoro. Nonsempre è ingrado diattivareprocessioperativi cheè in grado diriconoscere edi ripetereUtilizza inmodo correttole tecnichegrafiche e/opittoricherisolve iproblemitecnico-graficipartendo daun’analisiapprofonditadi essiOrganizza glispazi dilaboratorio infunzione delpropriolavoro,rispetta itempi diconsegna, èin grado diattivare eripetereprocessioperativiaffrontandoproblemi giànoti.Utilizza inmodoautonomo ecorretto letecnichegrafiche e/opittoricheraggiungendopulizia nelsegno e nellastesurapittoricaOrganizza ilproprio lavoroautonomamente è in gradodi lavorare inun gruppocooperandoedassumendosiresponsabilitàdi tutoraggio.Affrontandoprobleminuovi è ingrado dimodificare iprocessioperativiUtilizza conpadronanza letecnichegrafiche e/opittoricheesprimendosiin modopersonale,adeguando latecnica alleproprieesigenzeespressivo/visiveHa un metododi lavoropersonale econsolidato.Attraverso ilsuo operare siproponeall’esterno edè in grado diconfrontarsicon essoConoscenzeDipresupposti teorici etemispecificiaffrontatiNon ha alcunaconoscenzadegliargomentitrattatiHa conoscenzeframmentateche non riesce acorrelare con ilsuo operareartisticoConosceparzialmentele tematicheaffrontate ,guidato trovarelazioni traqueste ed ilsuo operareConosce letematicheaffrontate equalche voltale finalizza alsuo operareartisticoConosce eapprofondiscele tematiche,sia sul pianoteorico cheutilizzandolenella praticaartisticaHa fattoproprie letematicheaffrontate eviapportapersonalicontributi e licondivide conaltri70


Anatomia artisticaIndicatorevoto 1-3voto 4 Voto 5 Voto 6 Voto 7-8 Voto 9-10ConoscenzeanatomicheNon conoscealcunargomentoHa conoscenzeframmentariedella struttura edelle funzionidell’apparatolocomotore.Non riesce acorrelare taliminimeconoscenzecon il suooperare artisticoConosceparzialmente lastruttura e lefunzionidell’apparatolocomotore .nonsempre trovarelazioni tra lesueconoscenze ilsuo operareConosce letematicheaffrontate ,relaziona inmanieraautonoma esintetica. Quasisemprefinalizza leconoscenzeacquisite al suooperare artisticoConosce eapprofondiscele tematiche,sia sul pianoteorico cheutilizzandolenella praticaartistica.Padroneggia illinguaggiospecificoConosce,descrive ecollega conpadronanza dilinguaggio icontenuti e lefunzionidell’apparatolocomotore .Ricerca edocumentaancheutilizzandomezzi fotograficie digitali.Lettura eProduzione ditestianatomici(tavole,modelli),nonproduce alcunelaboratoHa difficoltànella codificae nellaproduzione ditesti visivirelatividell’apparatolocomotore.Con difficoltàriconosce nelmodelloelementischeletrici emuscolariNonindividua nelmodello i varielementischeletrici emuscolari.Rappresenta i segmentischeletromuscolarinonrispettandonein manieracompletaproporzioni eformeRiconoscenel modello iprincipalielementischeletrici emuscolari e lirappresentarispettandoneproporzioni eforme,realizzandoelaboratipuliti nelsegno e nellastesurapittoricaRiconoscenel modelloanche iminimielementischeletrici emuscolari .Realizzaelaboraticorretti perproporzioni eforme e pulitinel segno enella stesurapittoricaRiconosce eriesce acomparare invari modellianche i minimielementischeletrici emuscolari .Realizzaelaboratiapportandovielementi dioriginalità71


Discipline grafiche e pittoriche (Nuovo ordinamento)Indicatorevoto 1-3Voto 4 Voto 5 Voto 6 Voto 7-8 Voto 9-10Osservare erestituiregraficamente epittoricamente.Non osserva –non partecipaalle attivitàdidatticheproposteOsserva consuperficialitàsenza coglierene’ la visioned’insieme ne’ iparticolari di ciòche vede.traspone larealtàtridimensionalenellarappresentazionebidimensionalesenza regole esenza alcunmetodooperativoPur avviatosiallaosservazioneattenta noncomprende edutilizza ancora iprincipi cheregolano lacostruzionedella formaattraverso ildisegno e ilcolore.Disegnavero:dalrispettandoproporzioni ecolori, creandoeffettichiaroscurali erisolvendoproblemicompositivisemplici.Traspone nellarappresentazionebidimensionaleidee e realtàcon unlinguaggiografico pittoricogrammaticalmente corretto.Risolveproblemicompositivi cherichiedonol’avvio di unapraticaprogettualeosservarel’ambientecircostante conmetodo analiticoe si avvia allapratica delracconto graficopittorico.utilizza ildisegno siacome linguaggioa sé stante siacome strumentoprogettuale.Competenze dibase nell'uso distrumenti etecnichepittograficheNon producealcunelaboratoUtilizza in modomolto incerto glistrumenti letecnichecommettendogravi errorinella stesuradella materiagrafica e/opittoricaUtilizza in modoincerto glistrumenti e letecnichecommettendoqualche erroresia nell’usodella materiapittorica chenell’uso delsegno graficoUtilizza glistrumenti graficie pittoricicontrollandonequasi sempre irisultatiUtilizza glistrumenti graficie pittoricicontrollandone irisultatiUtilizza in modoautonomo ecorretto glistrumenti e letecnichegrafiche e/opittoricheraggiungendopulizia nel segnoe nella stesurapittoricaConoscenzeE capacità diraccolta erielaborazionidelleinformazioniIn ambitopercettivoartisticocontemporaneoBeni culturaliNon ha alcunaconoscenzadegliargomentipropostiHa conoscenzeframmentarieche non riescea correlare conil suo operareartisticoConosceparzialmente letematicheaffrontate ,guidato trovarelazioni traqueste ed il suooperare.Conosce letematicheaffrontate equasi sempre lefinalizza al suooperareartistico.Ricerca edocumentaancheutilizzandomezzifotografici edigitaliConosce eapprofondiscele tematiche,sia sul pianoteorico cheutilizzandolenella praticaartistica.Ricerca edocumentaancheutilizzandomezzifotografici edigitaliHa fatto propriele tematicheaffrontate , leapprofondisce lecondivide conaltri. Ricerca edocumentaancheutilizzandomezzi fotograficie digitali72


Laboratorio artistico (Nuovo ordinamento – Pittoriche-Scultoree-Geometriche)Indicatore voto 1-3Voto 4 Voto 5 Voto 6 Voto 7-8 Voto 9-10CompetenzetecnicheUtilizza in modomolto incerto letecnicheaffrontatecommettendogravi errorinellaimpostazioneUtilizza in modoincerto letecnichecommettendoqualche erroresia nell’uso deglistrumenti, chedei materiale enelle procedureUtilizza inmodo correttole tecnicheaffrontaterisolve iproblemitecnicooperativipartendo daun’analisiapprofondita diessiUtilizza in modoautonomo ecorretto letecniche cheapprofondisceed esperimentaUtilizza conpadronanza letecnicheesprimendosi inmodo personale,adeguando latecnica alleproprie esigenzeespressivo/visiveCompetenzeoperativeNon producealcun elaboratoe non dimostracompetenzeoperativeLavorasaltuariamente.Con difficoltàorganizza glispazi e nonrispetta mai itempi diconsegnaNecessita di unaguidanell’organizzazione dei tempi edegli spazi dilavoro. Nonsempre è ingrado di attivareprocessioperativi che èin grado diriconoscere e diripetereOrganizza glispazi dilaboratorio infunzione delproprio lavoro,rispetta i tempidi consegna, èin grado diattivare eripetereprocessioperativiOrganizza ilproprio lavoroautonomamente è in grado dilavorare in ungruppocooperando edAssumendoresponsabilitàOrganizza ilproprio lavoroautonomamenteè in grado dilavorare in ungruppocooperando edassumendosiresponsabilità ditutoraggio.Affrontandoproblemi nuovi èin grado diattivare processioperativi nuoviConoscenzedi presuppostiteorici e temispecificiaffrontatiNon ha alcunaconoscenzadegli argomentipropostiHa conoscenzeframmentateche non riescea correlare conil suo operareartisticoConosceparzialmente letematicheaffrontate ,guidato trovarelazioni traqueste ed il suooperareConosce letematicheaffrontate equalche voltale finalizza alsuo operareartisticoConosce eapprofondiscele tematiche,sia sul pianoteorico cheutilizzandolenella praticaartisticaHa fatto propriele tematicheaffrontate e viapportapersonalicontributi e licondivide conaltri73


Rilievo (plastico) pittoricoIndicatorevoto 1-3 Voto 4 Voto 5 Voto 6 Voto 7-8 Voto 9-10capacitàesecutiveoperativenellarappresentazionebidimensionale etridimensionale finalizzate alrilievoNon lavoraOsserva consuperficialitàsenza coglierene’ la visioned’insieme ne’ iparticolari di ciòche vede.traspone larealtàtridimensionalenellarappresentazionebidimensionalesenza regole esenza alcunmetodooperativo.Producemessaggisemplici .Rappresentadal vero nonsemprerispettandoproporzioni,massevolumetriche ecolore. Sirilevanomodestecapacità dirielaborazioneai fini del rilievoRiesce arappresentaresia a manolibera che conl’ausilio distrumentimanufatti invisionebidimensionale(a semplicecontornolineare) etridimensionale(conrestituzione deivalori plastici),utilizzando inmodo correttoma nonapprofondito letecnichegraficopittoriche,cheapplica nelrilievo dimanufattiartisticiUtilizza in modocorretto edapprofondito letecniche dirappresentazione visiva attealla restituzionebidimensionaleetridimensionaledi unmanufatto. Infunzionedell’oggetto dacatalogaresceglie latecnica dirappresentazione più idoneaed efficace .Utilizza conpadronanza glistrumenti ed iprocedimentioperativo visiviatti allarappresentazionebidimensionaleetridimensionaledel manufatto.Possiedeconoscenze ecompetenzetecniche cheutilizza ai fini delrilievoscegliendo latecnica dirappresentazione più idonea edefficace.Lettura deglielementimorfologici ,strutturali etecnici deimanufattiNon osservaNon saanalizzare eleggere glielementimorfologici,estrutturalemanufatto. Nonpossiedeconoscenze ecompetenzesintatticotestuali,semantiche, etecnicheAnalizza soloparzialmente glielementimorfologici,estrutturali di unmanufatto.Possiedeconoscenze ecompetenzesintatticotestuali,semantiche etecnichealquantoincerte.Analizza inmodo correttogli elementimorfologici estrutturali di unmanufatto.Sufficienti sirivelano leconoscenze e lecompetenzesintatticotestualisemantiche etecniche cheapplica.Analizza inmodo correttoed approfonditogli elementimorfologici estrutturali di unmanufatto.Palesa buoneconoscenze ecompetenzesintatticotestualisemantiche etecniche cheapplica allalettura di unmanufatto.Individua semplicirelazioni traambientestoricosociologico eprodottoartistico.An in modocompleto edapprofondito glielementimorfologici estrutturali di unmanufatto.Evidenzia ottimeconoscenze ecompetenzesintatticotestualisemantiche etecniche cheapplica allalettura di unmanufatto.Coglie stabiliscerelazioni traambientestoricosociologicoeprodottoartistico.74


Discipline scultoreeSperimentazione “Michelangelo” Progettazione SculturaVOTO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA’1-2 Inesistenti; rifiuto della prova. Non espresse. Assenti.3 Conoscenze lacunose, nonpertinenti.4 Conoscenze frammentarie emolto lacunose.5 Conoscenze parziali e nonsempre corrette.6 Conoscenze essenziali deicontenuti.Espone semplici conoscenze con gravissimi errori Non sa operare semplici analisi graficoprogettualianche se guidato;nelle tecniche di restituzione grafica e nellametodologia progettuale; utilizza lessico specificonon appropriato.opera semplici analisi grafico-progettualicon gravi errori nella restituzione graficaEspone semplici conoscenze con errori nellarestituzione grafica e scarsa coerenza neiprocessi progettuali; utilizza il lessico specifico inmodo errato.Espone le conoscenze in modo incompleto e conqualche errore nella restituzione grafica conriferimento a contesti semplici; applicaprocedimenti progettuali non sempre coerenti erazionali; utilizza il lessico specifico in modoparzialmente errato e/o impreciso.Opera analisi e sintesi grafico-progettualiscorrette.Opera analisi grafico-progettuali parziali esintesi imprecise.Espone correttamente le conoscenze riferite a Opera analisi e sintesi grafico-progettualicontesti semplici, applica procedimenti progettuali semplici, ma complessivamente fondate.in analisi complessivamente coerenti; utilizzacorrettamente il lessico specifico in situazionisemplici.7 Conoscenze dei contenuticomplete, anche con lieviincertezzeEspone correttamente le conoscenze riferite acontesti di media complessità; applicaprocedimenti progettuali razionali in analisicoerenti pur con lievi incertezze; utilizzacorrettamente il lessico specifico in situazionianche mediamente complesse; identifica leconoscenze in semplici situazioni precostituite.Opera analisi e sintesi grafico-progettualifondate e, guidato, sa argomentare.8 Conoscenze dei contenuticomplete e sicure.Espone correttamente le conoscenze riferite a Opera autonomamente analisi e sintesicontesti di media complessità; applicagrafico-progettuali fondate e corrette ancheprocedimenti grafico-progettuali razionali in analisi in situazioni mediamente complesse; secoerenti; utilizza correttamente il lessico specifico guidato, sceglie percorsi di lettura e analisiin situazioni anche mediamente complesse; alternativi.identifica le conoscenze in contesti precostituiti.9 Conoscenze complete, sicure earticolate dei contenuti.Espone in modo corretto e articolato leconoscenze grafico-progettuali riferite a contesticomplessi; applica procedimenti razionali e ricchidi elementi in analisi coerenti; utilizza conproprietà il lessico specifico in situazionicomplesse; identifica le conoscenze in contestiprecostituiti e di non immediata lettura.Opera autonomamente analisi e sintesigrafico-progettuali fondate e corrette insituazioni complesse; sceglie percorsi diricerca, lettura e analisi alternativi.10 Conoscenze complete, sicure,ampliate e approfondite deicontenuti.Espone in modo corretto, fluido e articolato leconoscenze grafico-progettuali riferite a contesticomplessi anche non noti; applica procedimentirazionali e ricchi di elementi in analisi coerenti;utilizza con proprietà il lessico specifico insituazioni complesse; identifica le conoscenze incontesti precostituiti complessi e/o non noti.Opera autonomamente analisi e sintesigrafico-progettuali fondate, corrette ericche di elementi critici in situazionicomplesse; sceglie percorsi di ricercaautonoma, lettura e analisi alternativi eoriginali.75


Modellato / Laboratorio Scultura / Discipline Plastiche e Scultoree (biennio)VOTO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA’1-2 Inesistenti; rifiuto della prova. Non espresse. Assenti.3 Conoscenze lacunose, nonpertinenti.4 Conoscenze frammentarie emolto lacunose.5 Conoscenze parziali e nonsempre corrette.6 Conoscenze essenziali deicontenuti.7 Conoscenze dei contenuticomplete, anche con lieviincertezzeEspone semplici conoscenze con gravissimi errori nellarestituzione plastico-scultorea e nella metodologiatecnico-laboratoriale; utilizza un lessico specifico nonappropriato.Espone semplici conoscenze con errori nellarestituzione plastico-scultorea e scarsa coerenza neiprocessi tecnico-laboratoriali; utilizza il lessico specificoin modo errato.Espone le conoscenze in modo incompleto e conqualche errore nella restituzione plastico-scultorea conriferimento a contesti semplici; applica procedimentitecnico-laboratoriali non sempre coerenti e razionali;utilizza il lessico specifico in modo parzialmente erratoe/o impreciso.Non sa operare semplici analisiplastico-scultoree anche se guidato;opera semplici analisi con gravierrori nella restituzione plasticoscultoreaOpera analisi e sintesi plasticoscultoreescorrette.Opera analisi plastico-scultoreeparziali e sintesi imprecise.Espone correttamente le conoscenze riferite a contesti Opera analisi e sintesi plasticoscultoreesemplici, masemplici, effettua restituzioni plastico-scultoree in analisicomplessivamente coerenti e applica procedimenti complessivamente fondate.tecnico-laboratoriali in maniera sufficientementerazionale; utilizza correttamente il lessico specifico insituazioni semplici.Espone correttamente le conoscenze riferite a contesti Opera analisi e sintesi plasticoscultoreefondate e, guidato, sadi media complessità; effettua restituzioni plasticoscultoreee applica procedimenti tecnico-laboratoriali argomentare.razionali in analisi coerenti pur con lievi incertezze;utilizza correttamente il lessico specifico in situazionianche mediamente complesse; identifica le conoscenzein semplici situazioni precostituite.8 Conoscenze dei contenuticomplete e sicure.Espone correttamente le conoscenze riferite a contestidi media complessità; effettua restituzioni plasticoscultoreee applica procedimenti tecnico-laboratorialirazionali in analisi coerenti; utilizza correttamente illessico specifico in situazioni anche mediamentecomplesse; identifica le conoscenze in contestiprecostituiti.Opera autonomamente analisi esintesi plastico-scultoree fondate ecorrette anche in situazionimediamente complesse; se guidato,sceglie percorsi di lettura e analisialternativi.9 Conoscenze complete, sicure e Espone in modo corretto e articolato le conoscenzearticolate dei contenuti. plastico-scultoree riferite a contesti complessi; applicaprocedimenti tecnico-laboratoriali razionali e ricchi dielementi in analisi coerenti; utilizza con proprietà illessico specifico in situazioni complesse; identifica leconoscenze in contesti precostituiti e di non immediatalettura.Opera autonomamente analisi esintesi plastico-scultoree fondate ecorrette in situazioni complesse;sceglie percorsi di ricerca, lettura eanalisi alternativi.10 Conoscenze complete, sicure,ampliate e approfondite deicontenuti.Espone in modo corretto, sicuro e articolato le Opera autonomamente analisi econoscenze plastico-scultoree riferite a contesti sintesi plastico-scultoree fondate,complessi anche non noti; applica procedimenti tecnicolaboratorialirazionali e ricchi di elementi in analisi situazioni complesse; scegliecorrette e ricche di elementi critici incoerenti; utilizza con proprietà il lessico specifico in percorsi di ricerca autonoma, letturasituazioni complesse; identifica le conoscenze in e analisi alternativi e originali.contesti precostituiti complessi e/o non noti.76


Discipline geometricheDisegno geometrico – Prospettiva – Geometria descrittivaVOTO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA’1/2 Inesistenti; rifiuto dellaprova.3 Conoscenze lacunose,non pertinenti.4 Conoscenzeframmentarie e moltolacunose.5 Conoscenze parziali enon sempre corrette.6 Conoscenze essenzialidei contenuti.7 Conoscenze deicontenuti complete,anche con lieviincertezzeNon espresse.Rappresenta semplici conoscenze congravissimi errori nelle tecniche grafica,evidenziando carenze grafiche e sullaconoscenze teoriche; utilizza lessico specifico non appropriato.Rappresenta semplici conoscenze dei metodidi rappresentazione con errori nellarestituzione grafica ;utilizza il lessico specificoin modo errato.Espone le conoscenze in modo incompleto econ qualche errore nella restituzione graficacon riferimento a contesti semplici; utilizza illessico specifico in modo parzialmente erratoe/o impreciso.Espone correttamente le conoscenzegeometriche e grafiche a contesti semplici,;utilizza correttamente il lessico specifico insituazioni semplici.Espone correttamente le conoscenze nell’usodei metodi di rappresentazione grafica dimedia complessità; applica procedimenticorretti; utilizza correttamente il lessicospecifico.Assenti.Non sa operare con lastrumentazione tecn- graficoanchese guidato;carente operatività graficogeometrichecon gravi errorinella rappresentazione graficaOpera analisi e sintesi tecnograficoscorrette.Opera applicando tecnichegrafico-rappresentative parzialie sintesi imprecise.Opera applicando sintesigrafico-rappresentativesemplici, con autonomia.Esprime competenze tecnicograficocorrette ed autonome8 Conoscenze deicontenuti complete esicure.9 Conoscenze complete,sicure e articolate deicontenuti.Espone correttamente le proprie conoscenzedei metodi di rappresentazione grafica conautonomia ; applicando procedimenti grafico insituazioni più complesse ed articolateEspone in modo corretto e articolato leconoscenze tecnico-grafico riferite a contesticomplessi; applica i metodi di rappresentazionicon grande autonomia e competenzaOpera autonomamente analisie sintesi nella applicazione deimetodi tecnico-grafici correttianche in situazioni mediamentecomplesseOpera autonomamente analisie sintesi nelle applicazionitecnico-grafici con autonomiain situazioni complesse;10 Conoscenze complete,sicure, ampliate eapprofondite deicontenuti.Espone in modo corretto, fluido e articolato leconoscenze tecno-grafico; applicaprocedimenti teorici razionali; utilizza conproprietà il lessico specifico in situazionicomplesse;Opera autonomamente analisie sintesi nelle applicazionitecno-grafici, corrette insituazioni complesse; conampia competenza77


Elementi di architetturaVOTO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA’1/2 Inesistenti; rifiuto dellaprova.3 Conoscenze lacunose, nonpertinenti.Non espresse.Espone semplici conoscenze con gravissimi errorinelle tecniche di restituzione grafica e nellametodologia progettuale; utilizza lessico specificonon appropriato.Assenti.Non sa operare semplici analisigrafico-progettuali anche seguidato;opera semplici analisi graficoprogettualicon gravi errori nellarestituzione grafica4 Conoscenze frammentariee molto lacunose.5 Conoscenze parziali e nonsempre corrette.Espone semplici conoscenze con errori nellarestituzione grafica e scarsa coerenza nei processiprogettuali; utilizza il lessico specifico in modoerrato.Espone le conoscenze in modo incompleto e conqualche errore nella restituzione grafica conriferimento a contesti semplici; applica procedimentiprogettuali non sempre coerenti e razionali; utilizza illessico specifico in modo parzialmente errato e/oimpreciso.Opera analisi e sintesi graficoprogettualiscorrette.Opera analisi grafico-progettualiparziali e sintesi imprecise.6 Conoscenze essenziali deicontenuti.7 Conoscenze dei contenuticomplete, anche con lieviincertezzeEspone correttamente le conoscenze riferite acontesti semplici, applica procedimenti progettuali inanalisi complessivamente coerenti; utilizzacorrettamente il lessico specifico in situazionisemplici.Espone correttamente le conoscenze riferite acontesti di media complessità; applica procedimentiprogettuali razionali in analisi coerenti pur con lieviincertezze; utilizza correttamente il lessico specificoin situazioni anche mediamente complesse;identifica le conoscenze in semplici situazioniprecostituite.Opera analisi e sintesi graficoprogettualisemplici, macomplessivamente fondate.Opera analisi e sintesi graficoprogettualifondate e, guidato, saargomentare.8 Conoscenze dei contenuticomplete e sicure.Espone correttamente le conoscenze riferite acontesti di media complessità; applica procedimentigrafico-progettuali razionali in analisi coerenti;utilizza correttamente il lessico specifico in situazionianche mediamente complesse; identifica leconoscenze in contesti precostituiti.Opera autonomamente analisi esintesi grafico-progettuali fondate ecorrette anche in situazionimediamente complesse; seguidato, sceglie percorsi di lettura eanalisi alternativi.9 Conoscenze complete,sicure e articolate deicontenuti.10 Conoscenze complete,sicure, ampliate eapprofondite dei contenuti.Espone in modo corretto e articolato le conoscenzegrafico-progettuali riferite a contesti complessi;applica procedimenti razionali e ricchi di elementi inanalisi coerenti; utilizza con proprietà il lessicospecifico in situazioni complesse; identifica leconoscenze in contesti precostituiti e di nonimmediata lettura.Espone in modo corretto, fluido e articolato leconoscenze grafico-progettuali riferite a contesticomplessi anche non noti; applica procedimentirazionali e ricchi di elementi in analisi coerenti;utilizza con proprietà il lessico specifico in situazionicomplesse; identifica le conoscenze in contestiprecostituiti complessi e/o non noti.Opera autonomamente analisi esintesi grafico-progettuali fondate ecorrette in situazioni complesse;sceglie percorsi di ricerca, lettura eanalisi alternativi.Opera autonomamente analisi esintesi grafico-progettuali fondate,corrette e ricche di elementi critici insituazioni complesse; scegliepercorsi di ricerca autonoma, letturae analisi alternativi e originali.78


FilosofiaLa valutazione , in relazione ai livelli di partenza delle classi, si atterrà ai seguenti criteri:- conseguimento degli obiettivi- progressi rispetto alla situazione di partenza nella acquisizione delle competenze richieste- partecipazione, assiduità nella frequenza delle lezioni, costanza nell’impegnoLa tabella seguente riporta i criteri di attribuzione dei voti in decimi sulla base degli obiettiviraggiunti.VOTOOBIETTIVI RAGGIUNTI1-2 Non conosce alcun argomento. Non ha sviluppato alcuna competenza.3 Ha conoscenze confuse e lacunose. Non ha sviluppato alcuna competenza.4 Ha conoscenze lacunose e molto superficiali. Nell’esposizione commette errori e usa con difficoltà illessico. Non contestualizza o commette gravi errori. Non sa argomentare le tesi esposte. Non sasintetizzare le proprie conoscenze e non possiede autonomia di giudizio. Non è autonomo nellaapplicazione delle abilità conseguite, anche in compiti semplici.5 Ha conoscenze superficiali e incomplete. Espone in modo non sempre coerente e appropriato. Non semprecontestualizza in modo corretto. Non sempre è in grado di argomentare le tesi esposte. Non sa sintetizzarele proprie conoscenze e non possiede autonomia di giudizio. Non è autonomo nella applicazione delleabilità conseguite.6 Conosce i contenuti minimi, ma in modo non approfondito. Espone in modo generalmente chiaro, coerentee appropriato. Contestualizza in modo corretto. Sa argomentare le tesi esposte. Sa applicare le sueconoscenze ed è in grado di effettuare semplici analisi e correlazioni.7 Conosce e comprende i contenuti. Espone in modo chiaro, coerente e appropriato. Contestualizza eargomenta in modo corretto. Sa applicare le sue conoscenze ed è in grado di effettuare analisi ecorrelazioni. Sa effettuare semplici sintesi in modo corretto e autonomo.8 Ha conoscenze complete e approfondite. Espone in modo organico e appropriato. Contestualizza eargomenta in modo corretto e completo. Applica le sue conoscenze in modo autonomo ed sa effettuareanalisi abbastanza approfondite e sintesi corrette. Effettua valutazioni personali ed autonome.9 Ha conoscenze ampie, approfondite e coordinate. Usa la lingua in modo autonomo ed espone in manieraorganica e argomentata. Organizza in modo autonomo le conoscenze e le procedure acquisite ed effettuaautonomamente analisi e sintesi. Sa valutare criticamente contenuti e procedure.10 Ha conoscenze ampie, approfondite e coordinate. Usa la lingua in modo autonomo, con stile personale edespone in maniera organica e argomentata, con aperture pluridisciplinari . Organizza in modo autonomo leconoscenze e le procedure acquisite in situazioni nuove ed effettua autonomamente analisi e sintesicomplete e approfondite. Sa valutare criticamente contenuti e procedure.79


Insegnamento Religione CattolicaValutazione Conoscenze Capacità CompetenzaSCARSO2/4ScarseonessunaScarso interesse – nessunacapacità organizzativa,di raccolta dati,di analisi, di sintesiNon riescead applicarele sue conoscenzeINSUFFICIENTE5FrammentarieeincompleteComunicazione inefficace –sporadica individuazionedell’essenziale – analisi e sintesiapprossimativeHa difficoltà ricorrentinell’utilizzarele sue conoscenzeSUFFICIENTE6Generichee nonsempre esaurientiComunicazione pococonvincente – analisi pocoesauriente – valutazionesemplice – sintesi sologuidata – individuazionesolo sporadicadi nessi e problemiUtilizza le sue conoscenzein ambiti ristrettie mostra difficoltànon gravinell’esecuzionedi compiti assegnatiBUONO7Completema nonapprofonditeComunicazione appropriata –analisie sintesi corrette – valutazionesemplice – individuazioneessenziale di problemi e nessiApplica le conoscenzesenza presentaredifficoltà di rilievoDISTINTO8CompleteeapprofonditeComunicazione efficace – analisie sintesi curate – valutazionipertinenti – individuazionecorretta e significativadi nessi e problemiEsegue correttamentecompiti assegnatiapplicandoin ambiti non ristrettii contenuti appresiOTTIMO9/10ApprofonditeepersonaliComunicazione efficace – analisie sintesi accuratee personali – valutazioniampie e articolate – individuazionepropositiva e originaledi nessi e problemiUtilizza quanto appresoin maniera consapevolee in ambiti complessisenza incorrerein errori di sorta10. LA CONTINUITÀ EDUCATIVA E L’ORIENTAMENTOLa scuola organizza incontri con le scuole medie della città e della provincia al fine dipromuovere la continuità in entrata; Durante tali incontri, i docenti della scuola incontranogli alunni e i docenti della scuola media per illustrare i corsi di studio del Liceo Artistico, efornire ogni chiarimento richiesto. Gli alunni delle scuole medie, insieme ai loro insegnanti eai loro genitori effettuano visite presso il nostro Istituto (OPEN DAY), accolti e guidati daidocenti e dagli studenti del Liceo i quali presentano la Scuola in tutti i suoi aspetti: logistici(aule, laboratori, altri spazi), didattici (presentazione di elaborati, manufatti), ecc.La scuola promuove altresì l’orientamento in uscita attraverso incontri con le istituzionidell’istruzione superiore (Accademia, Università) e del mondo della lavoro e delle attivitàproduttive.80


11. L’INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILILa scuola accoglie alunni diversabili all’interno delle proprie classi, secondo quantostabilisce la normativa vigente.La disabilità è un problema sociale complesso che può essere correttamente edefficacemente affrontato solo con interventi contestuali da parte delle istituzioni che se neoccupano a vario titolo: gli enti locali (Comune, Provincia, Regione) per l’aspettoassistenziale, l’USL per l’aspetto diagnostico e terapeutico, la scuola per l’aspetto formativoe didattico, le famiglie per l’aspetto socio-affettivo.E’ necessaria un’azione organica che coinvolga in maniera sistematica le famiglie, gli Enti,gli operatori per far si che l’integrazione del disabile passi per l’interazione dei servizi. Oggi,l’inserimento scolastico dei disabili è una realtà capillarmente diffusa nella scuola italiana.Ma bisogna assicurare un’esperienza quantitativamente significativa e un’integrazionequalitativamente forte. E’ indispensabile una effettiva partecipazione del ragazzo disabilealla vita scolastica in senso lato per un reale apprendimento. Egli deve essere indotto apercepire che i “compiti” della classe non sono a lui totalmente estranei e che hannoqueste caratteristiche: esistono, sono risolvibili, possono essere appresi a diversi livelli,possono essere partecipati.Mentre la classe lavora ad un compito specifico l’allievo disabile non deve essereestraniato, ma partecipare per quanto possibile allo stesso compito, in forme adattate e/oridotte, che rientrano nella cultura caratterizzante di ogni compito specifico.L’intervento dell’insegnante di sostegno non deve ridursi ad una relazione biunivoca traalunno disabile e docente di sostegno, come se l’insegnante di sostegno fosse solo diquell’alunno. Il sostegno è dato alla classe perché insegnanti curricolari e di sostegnoinsieme, consapevoli di essere in egual misura responsabili e contitolari della classe,sommando le competenze e le prestazioni, riescano meglio ad affrontare e a risolvere iproblemi che le esigenze dell’alunno disabile aggiunge al monte delle richieste che gli altrialunni esprimono.I COMPONENTI DEL GLISPer l’Anno Scolastico 2011/2012 il gruppo di studio e di lavoro d’Istituto (GLIS) ai sensidell’art. 15, comma 2, della legge Quadro n. 104/92 a favore dell’integrazione scolasticadei soggetti diversamente abili è costituito da:§§§§§Coordinatore: D. S. prof. Cusumano MaurizioComponenti docenti Specializzati: Per ogni alunno, il componente docentespecializzato assegnato alla classe per quel determinato alunno.Componente Docente delegato dal Collegio : Rossana GiacaloneRappresentanti delle famiglie: I genitori di ciascun alunno disabileOperatori dei servizi DPTA (Direttore dott. Porrello) Neuropsichiatria infantile- PA 1 (Dott.ssa Bonaccorso) ex distretti 10, 11, 14.- PA 2 (Dott. Costanza) ex distretti 12, 13.Il LiceoCatalano” fa riferimento alla dott.ssa La Vecchia, Neuropsichiatra infantile la quale81


certifica tutte le condizioni amministrative (diagnosi, IC 10 art. 3 comma 1 /3).Il Gruppo misto composto dai rappresentanti della scuola, dei genitori, dei referenti dellaProvincia si occupa dei problemi relativi a:§§§TrasportoAssistenza igienicaAssistenza all’autonomia I Compiti del GLIS§§§§§§Elaborare, a partire dalla diagnosi funzionale, il PDF (profilo dinamico funzionale) eil PEI (Progetto Educativo Individualizzato) per ciascun alunno in situazione dihandicap.Individuare strategie individualizzate che tengano conto delle reali potenzialità diciascun alunno.Fornire criteri per la programmazione didattica individualizzata da elaborare inassetto di team.Verificare periodicamente i progressi effettuati dagli alunni in rapporto agli obiettiviprogrammati.Valutare i risultati ottenuti.Elaborare progetti educativi.Alunni con DSALa scuola segnala la presenza di alunni con disturbi nell’apprendimento che ancora non fosserostati segnalati. Organizza la didattica speciale prevista dall’attuale ordinamento nel caso sianopresenti nelle classi alunni con disturbi specifici di apprendimento e promuove a tal fine laformazione dei docenti con seminari e corsi di formazione.12. I LABORATORI E LE AULE SPECIALIDurante l’arco della settimana molte ore sono dedicate alle materie artistiche, per questo motivo iragazzi che frequentano questo liceo hanno un tempo scuola prolungato. Le lezioni delle materied’indirizzo artistico si svolgono in aule adeguatamente attrezzate dove i ragazzi realizzanoelaborati che vengono completati nell’arco di più lezioni ( ogni lezione è costituita da un bloccoorario di due o tre ore). Pertanto in ogni aula vi sono, non solo i piani adeguati per poggiare ognitipo di lavoro, ma anche i materiali per realizzarli e gli spazi per conservarli. Le aule di disciplineplastiche, infatti, sono dotate, di trespoli e cavalletti, vasche per la creta e ripiani per conservare lepiccole scultura ; le aule di architettura sono dotate di tavoli da disegno e cassettiere perconservare i disegni così come le aule di pittura che sono inoltre dotate di cavalletti o di scannetti edi calchi in gesso di importanti opere antiche. Nell’aula di anatomia artistica vi sono modellischeletrici e muscolari e tavole anatomiche.La scuola è dotata inoltre di numerose aule attrezzate dove è possibile svolgere attività diampliamento dell’offerta formativa.I laboratori nascono anche dall’esigenza di fornire agli alunni un bagaglio sempre più ricco diconoscenze e competenze nell’ambito delle tecniche espressivo-visive. Le attività comprendonouna fase informativa, una fase progettuale ed una fase esecutiva.82


Laboratorio di incisioneL’aula è attrezzata per la realizzazione di calcografie. E’ dotata di due torchi a stella per la stampadi incisioni, sia su lastra, sia su linoleum e di attrezzi per la preparazione delle matrici. Il laboratorioè a disposizione dei docenti di discipline pittoriche che programmano tale attività generalmente perle classi terze e quarte di ordinamento o per le classi quarte e quinte sperimentali.Laboratorio per la terracottaE’ dotato di un forno elettrico per ceramica e di piccoli torni. In esso avviene la cottura delle opererealizzate dagli alunni nelle ore di discipline plastiche e di modellato, pertanto è a disposizione deidocenti di tale materia.Laboratorio di modellisticaNell’aula si realizzano plastici, sotto forma di modelli in scala, di elaborati architettonici o dielaborati progettuali in genere. E’ ampiamente dotata di attrezzi per il taglio e la lavorazione dellegno e della balsa. Gli ampi spazi dell’aula consentono ai docenti di discipline geometriche earchitettura di lavorare con l’intera classe.Laboratorio audiovisivo/grafica digitaleE’ costituito da due postazioni PC in grado di elaborare video e immagini ad alta risoluzione,completa di strumentazione per l’acquisizioni (scanner A3, macchine fotografiche digitali,videocamera digitale) e stampa di esse (stampanti laser a colori e plotter).La postazione è gestita da un docente esperto il quale collabora con gli insegnanti che intendonoavvalersi di tale strumentazione.Laboratorio multifunzionaleSi tratta di uno spazio non specificamente attrezzato ma disponibile ad attività laboratoriali di variogenere ( es. sala posa, laboratorio teatrale, ecc.).Laboratorio di scienze e anatomiaIl laboratorio contiene la strumentazione necessaria per svolgere esperimenti ed osservazionifisiche, chimiche e biologiche; viene utilizzato dagli insegnanti di Scienze, Chimica e Fisica.Laboratorio di affresco a classi aperteCurriculare, per realizzare piccoli affreschi. In aula laboratorio di pitturaLaboratorio di formatura e gipsotecaPer potenziare la Gipsoteca e facilitare l’uso dei calchiLaboratorio di BatikCurriculare (Quarta A), per conoscere la tecnica e i procedimenti operativi del Batik83


Laboratorio di petrografiaLaboratori di restauroLaboratorio di lavorazione della pietraLaboratorio linguistico e di informatica13. L’AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVAInterventi e compensazione disciplinarePuò essere prevista la compensazione tra discipline utilizzando la quota del 20% del monte oreannuale per il primo biennio e il quinto anno, del 30% per il secondo biennio.Definizione del curriculumI programmi delle singole discipline possono essere consultati presso la scuola o sul sito web.Progetti di innovazione disciplinare e progetti interdisciplinariSono numerosi i progetti che si attuano nell’ambito della comunicazione e produzione artistica oche sono proiettati verso l’esterno. Essi sono la struttura flessibile del curriculum, sia dei corsi diordinamento che sperimentali. Hanno valenze interdisciplinari o si presentano come moduli diinnovazione disciplinare.Corsi di recupero e sostegnoLa necessità di attivare uno sportello didattico nella nostra Scuola è emersa già da qualche anno.Oggi però tale attività oltre a rientrare tra quelle di un più ampio progetto di recupero, è parteintegrante del progetto “orientamento” e dei progetti atti ad arginare la dispersione scolastica. Vistala priorità che lo stesso MIUR attribuisce a tali interventi e vista la richiesta dell’utenza,consideriamo realistiche le attese positive verso tale particolare intervento didattico.I progettiProgetto cinemaIl Liceo artistico vuole fornire ai propri studenti la possibilità di conoscere le basi grammaticali dellinguaggio cinematografico, in modo da favorire la corretta decodifica di quei messaggi che nonsono soltanto verbali né soltanto visivi, la conoscenza critica dei contenuti e degli aspetti formalidei film e l’acquisizione di un repertorio iconico differente sul cui impiantare le proprie capacitàcreative. Le attività si svolgono in orario scolastico e prevedono la visione di film, dibattito,interventi di esperti e l’elaborazione di schede. Il progetto propone una riflessione sul valore deivari linguaggi artistici e sulle relazioni che intercorrono tra essi.Educazione alla legalità. Progetto educativo antimafiaSi propone di sviluppare nei giovani la consapevolezza che la vita civile e democratica si fondasulle leggi, prima fra tutte sulla Costituzione e che non ci può essere vera libertà senza legalità.Vuole inoltre favorire la loro futura partecipazione attiva e responsabile alla vita politica edeconomica dello Stato e di stimolare comportamenti improntati alla solidarietà, alla tolleranza ed al84


ispetto per l’altro. E’ destinato ad un massimo di 20 alunni delle classi quarte ad indirizzoordinamentale. Si svolge secondo unità didattiche modulari sequenziali, prediligendo lametodologia della problematizzazione.Laboratorio teatralePropone di coinvolgere gli alunni della scuola per favorirne l’integrazione, per introdurli all’uso dellinguaggio teatrale, per far esprimere le potenzialità nascoste. Avrà luogo presso i localidell’Istituto, ma prevede una rappresentazione finale in un teatro della città. Il progetto, già attivatodurante i due anni scolastici scorsi, intende proseguire l’esperienza per rafforzare i risultatiraggiunti. Si avvale di un esperto esterno regista e di docenti interni. Prevede, per i primi mesi, dueincontri settimanali, mentre in prossimità della rappresentazione, ne prevede mediamente cinquedi tre ore, fino al mese di maggio quando verrà realizzata la rappresentazione finale.Scenografia per laboratorio teatraleFinalizzato alle scenografie dello spettacolo teatrale allestito dal Laboratorio teatrale e ad essocollegato nelle motivazioni, finalità ed obiettivi.Attività culturali e spazi espositiviIl progetto prevede: l’organizzazione di una rubrica culturale interna, l’ organizzazione di mostre dielaborati degli allievi all’interno ed all’esterno dell’istituto su invito di Istituzioni pubbliche o private;incontri con operatori di vari settori di indirizzo artistico; la realizzazione e la cura del sito internetdella scuola; la realizzazione di murales nel territorio sul tema dei beni culturali ed ambientali; lacreazione di un archivio di opere degli studenti.Progetto “Incontri con la musica”Il progetto, proposto dall’associazione “Amici della Musica”ha la scopo di avvicinare gli studenti allamusica “classica”e ai luoghi preposti all’ascolto di essa. Si tratta di incontri mattutini in cui glistudenti vengono guidati all’ascolto di brani dei concerti in cartellone nel teatro PoliteamaGaribaldi, seguiti da un momento di dibattito o chiarificazione con gli artisti che si esibiscono.Allestimenti scenograficiVuole far acquisire gli elementi fondamentali delle tecniche scenografiche per contribuire allescelte scolastiche future.Corso di FumettoAffronta l’aspetto teorico e pratico per la realizzazione di un vero e proprio fumetto secondo leregole professionali. Il corso è seguito da un disegnatore professionista di fumetti.Progetto Arcobaleno dei popoliExtracurriculare, per educare alla cultura dell’integrazione, ai diritti umani, alla giustizia e lasolidarietà, attraverso ricerche, studio e realizzazione di manufatti.La classe diventa redazioneCurriculare/extracurriculare, per far conoscere la struttura della scrittura giornalistica, elaborarearticoli e progettare un giornalino di classe.85


La scuola incontra il teatroExtracurriculare, per stimolare alla partecipazione alle rappresentazioni teatrali nei vari teatri dellacittà e alle rappresentazioni classiche di Siracusa.Corso di restauro pittoricoVuole stimolare nei giovani la sensibilità verso il patrimonio culturale e fornire loro i mezzi per lasua salvaguardia, attraverso lostudio della Carta del Restauro, lezioni teoriche sulla conservazionee recupero di un dipinto, prove pratiche di pulitura, consolidamento del film pittorico, foderatura,ecc.Fotografia di baseExtracurriculare, per far conoscere le svariate possibilità di utilizzo della macchina fotografica, siacome media artistico, sia come strumento tecnico complementare.Fare-pensare-sculturaSi propone di organizzare il primo seminario/workshop sulla scultura contemporanea, in particolaresull'opera di Aron Demetz; progettare manifesti, pieghevoli, ecc per incrementare la qualità e lavisibilità dell'Istituto.Avviamento alla pratica sportivaHa lo scopo di favorire la partecipazione e la diffusione dei valori di lealtà, collaborazione,autocontrollo e la formazione di una vera cultura sportiva. Prevede allenamenti individuali e disquadra.Nessun uomo è clandestinoIn ore antimeridiane e pomeridiane. Intellettuali, operatori sociali, attivisti dei diritti umanipromuoveranno un atteggiamento responsabile e partecipativo per una sempre maggioreaffermazione dei diritti dell'uomo. Si prevedono cinque incontri pomeridiani nei mesi di novembre emarzo, preparati dai docenti partecipanti. Seguirà una traslazione degli elementi acquisiti in operedi pittura e scultura. L'esperienza si concluderà con una mostra.Progetti europeiElenco progetti PON autorizzati per il biennio scolastico 2011-2012 e 2012-2013§§§§§§La comunicazione grafica in CAD 2D (AUTOCAD)La costa orientale di Palermo, una risorsa storico ambientale da recuperare (Scienze)Giochiamo con i numeri (Matematica)Matematica e scacchiConosci e racconta la tua città (Italiano e Storia dell'arte)Letteratura disegnata (Italiano-Fumetto)86


§ Moving up (Inglese, livello B1)§ Let’s Start (Inglese, livello A2)§ Go ahead ! (Inglese per docenti, livello B14. Verifica e valutazione del P.O.F.La verifica del P.O.F. sarà attuata attraverso indagini rivolte a tutti i componenti dell’Istituto. Laverifica della programmazione educativa e didattica d’Istituto è affidata al collegio dei docenti, chepotrà modificarla e/o integrarla in itinere.15. Patto educativo di corresponsabilitàLa scuola s’impegna a:- fornire una formazione culturale e professionale qualificata, aperta alla pluralità delle idee,nel rispetto dell’identità di ciascuno studente;- offrire un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona, garantendo un serviziodidattico di qualità in un ambiente educativo sereno, favorendo il processo di formazione diciascuno studente, nel rispetto dei suoi ritmi e tempi di apprendimento;- offrire iniziative concrete per il recupero di situazioni di ritardo e di svantaggio, al fine difavorire il successo formativo e combattere la dispersione scolastica oltre a promuovere ilmerito e incentivare le situazioni di eccellenza;- favorire la piena integrazione degli studenti diversamente abili, promuovere iniziative diaccoglienza e integrazione degli studenti stranieri, tutelandone la lingua e la cultura, ancheattraverso la realizzazione di iniziative interculturali, stimolare riflessioni e attivare percorsivolti al benessere e alla tutela della salute degli studenti;- garantire la massima trasparenza nelle valutazioni e nelle comunicazioni mantenendo uncostante rapporto con le famiglie, anche attraverso strumenti tecnologicamente avanzati,nel rispetto della privacy.Lo studente s’impegna a:- prendere coscienza dei propri diritti-doveri rispettando la scuola intesa come insieme dipersone, ambienti e attrezzature;- rispettare i tempi programmati e concordati con i docenti per il raggiungimento del propriocurricolo, impegnandosi in modo responsabile nell’esecuzione dei compiti richiesti;- accettare, rispettare e aiutare gli altri e i diversi da sé, impegnandosi a comprendere leragioni dei loro comportamenti.La famiglia s’impegna a:- valorizzare l’istituzione scolastica, instaurando un positivo clima di dialogo, nel rispetto dellescelte educative e didattiche condivise, oltre ad un atteggiamento di reciprocacollaborazione con i docenti;- rispettare l’istituzione scolastica, favorendo una assidua frequenza dei propri figli allelezioni, partecipando attivamente agli organismi collegiali e controllando quotidianamente lecomunicazioni provenienti dalla scuola;- discutere, presentare e condividere con i propri figli il patto educativo sottoscritto conl’Istituzione scolastica.87


16. Regolamento d’istitutoSi rimanda all’allegato “A” Regolamento d’Istituto.17. REGOLAMENTO ASSENZE E VALIDITA’ DELL’ANNO SCOLASTICOAI FINI DELLA VALUTAZIONE FINALEIL COLLEGIO DOCENTIVisto l’Art. 14 comma 7 del DPR 122/09, il quale dispone:7. A decorrere dall’anno scolastico di entrata in vigore della riforma della scuola secondaria disecondo grado, ai fini della validità dell’anno scolastico, compreso quello relativo all’ultimo anno dicorso, per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, è richiesta la frequenza dialmeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato. Le istituzioni scolastiche possono stabilire, percasi eccezionali, analogamente a quanto previsto per il primo ciclo, motivate e straordinariederoghe al suddetto limite. Tale deroga è prevista per assenze documentate e continuative, acondizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, lapossibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati. Il mancato conseguimento dellimite minimo di frequenza, comprensivo delle deroghe riconosciute, comporta l’esclusione dalloscrutinio finale e la non ammissione alla classe successiva o all’esame finale di ciclo;Vista la CM n° 20, Prot. n. 1483, del 04/03/2011;Ritenuto necessario fissare criteri generali per dare trasparenza all’operato dei Consigli di Classenella valutazione degli studenti in sede di scrutinio finale .Nella seduta del 14 novembre 2011, all’unanimitàDELIBERA (n. 37)il seguente REGOLAMENTO relativo alla validità dell’anno scolastico per la valutazione deglialunni.Art. 1Validità dell’anno scolasticoPer l’ammissione alla valutazione finale di ogni studente è richiesta la frequenza di almeno trequarti dell’orario annuale personalizzato. Il limite massimo di ore di assenza consentito, nel quadrodell’orario annuale personalizzato, ai fini della validità dell’A.S., è fissato, per ogni classe, secondola seguente tabella, tenendo conto che le ore settimanali vengono svolte in 6 giorni:ClassiOresettimanaliOre annuali( x 33 settimane)Presenze orerichieste (75% totale)Max ore assenze(25% totale)1e e 2eN. Ordinamento34 1122 841 28188


3a e 4a Architettura 41 1353 1015 3383e Accademia 43 1419 1064 3554e Accademia 44 1452 1089 3633e, 4e e 5e Sperimentali 40 1320 990 330Per gli alunni che non si avvalgono dell’insegnamento della Religione Cattolica, il monte oreannuale è decurtato di n. 33 ore.Per gli alunni disabili con percorsi individualizzati si farà riferimento a quanto stabilito dal rispettivoPiano educativo personalizzato.Sono computati come giorni e/o ore di assenza:Art. 2- entrate posticipate ed uscite anticipate dovute a motivi personali non documentabili;- assenze saltuarie inferiori a cinque giorni consecutivi;- assenze per motivi familiari non documentate;- assenze di ore e/o dei giorni di comunicazione di sciopero non effettuato dal personaledocente e non docente;- interruzione, a qualsiasi titolo, dell’erogazione del servizio scolastico da parte degli alunnio gruppi di alunni.Art. 3DerogheNon sono computati come giorni e/o ore di assenza:- entrate posticipate ed uscite anticipate disposte dalla Scuola per motivi organizzativi;- ore o giorni di lezione non effettuati per sciopero del personale;- ore di lezione non effettuate per assemblee sindacali del personale;- assenze per ricovero ospedaliero o in casa di cura, documentato con certificato di ricoveroe di dimissione e successivo periodo di convalescenza prescritto dal medico curante;- assenze, per motivi di salute che impediscono la frequenza, certificate dal medico curante;- assenze per terapie e/o cure programmate documentabili;- assenze documentabili dovute a eccezionali motivi familiari (certificazione formale daparte di strutture o autorità giudiziaria che attestino specificamente temporanei allontanamentiresi necessari da eccezionali esigenze familiari, lutti in ambito familiare);- tardiva iscrizione di minori in stato di abbandono affidati dall’autorità giudiziaria;- assenze per partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da federazioni89


iconosciute dal C.O.N.I;- adesione a confessioni religiose per le quali esistono specifiche intese che considerano ilsabato come giorno di riposo (cfr. Legge n. 516/1988 che recepisce l’intesa con la ChiesaCristiana Avventista del Settimo Giorno; Legge n. 101/1989 sulla regolazione dei rapportitra lo Stato e l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, sulla base dell’intesa stipulatail 27 febbraio 1987);- ingressi posticipati e uscite anticipate per gli alunni pendolari. Tale deroga potrà essereautorizzata dal Dirigente scolastico solo su richiesta delle famiglie, previa presentazionedi documentazione attestante quanto richiesto;- partecipazione a tutte le iniziative e/o progetti inseriti nel P.O.F.Tali deroghe sono possibili a condizione, comunque, che le assenze non pregiudichino, a giudiziodel Consiglio di Classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati. IlConsiglio di Classe determina nel merito con specifica delibera motivata.Art. 4Mancata validità dell’anno scolasticoTenuto conto delle deroghe previste all’art. 3, la mancata frequenza di almeno tre quarti dell’orarioannuale personalizzato, comporta la non validità dell’anno scolastico, la conseguente esclusionedallo scrutinio finale e la non ammissione alla classe successiva o all’esame finale.Art. 5PubblicazioneIl presente Regolamento viene pubblicato agli Albi dell’Istituzione scolastica, nel sito Istituzionaledella scuola e portato a conoscenza di tutte le famiglie tramite l’organo di informazione della scuola“Informascuola”.90


ContattiTel. 091 342074Fax 091 6257148Info: contatti@artisticocatalano.itSegreteria: artcatalano@libero.itWebwww.artisticocatalano.itwww.facebook.com/artisticocatalanoGrafica copertina: Franco Reina1/12

More magazines by this user
Similar magazines