Il sentiero delle Fiabe - Banca Carige

gruppocarige.it

Il sentiero delle Fiabe - Banca Carige

Nel 1400 nacquero i moderni BANCHIERI, che iniziarono a prestare le somme di denaro a persone chesi impegnavano a restituirle.


“Avevo passato da poco il Bosco delle Nebbie, da cui si entra nel Mondo delleFiabe, e subito mi viene incontro Pinocchio. Vi ricordate di lui, Maestà? Quelloche da burattino di legno è diventato un ragazzino? Bene, come mi vede, mi fa:“Oh, formica, che ci fai qui?”“Sono venuto a vedere il vostro mondo” gli ho risposto.“Oh, brava, brava davvero! E cosa hai visto finora?”“Finora nulla”.“Allora guarda, se per caso incontri il Gatto e la Volpe non ti fidare! Una volta gliho dato dei soldi e me li hanno portati via tutti! Quanto abbiamo pianto io e il miobabbo!”“Grazie del consiglio, Pinocchio” gli risposi “ma questo lo sapevo già! Guai a darei soldi al primo venuto, i denari vanno messi in Banca, al sicuro!”“Spero che Pinocchio abbia imparato la lezione” lo interruppe la Regina, “ma vaiavanti, Rige, sono curiosa”.


“Ero lì che stavo facendo il bagno in una goccia d’acquafresca, quando mi sento sollevare da una gigantessa!”“Per il Grande Formichiere! E chi era costei?”“Sbiancaneve, maestà! Così ho subito approfittato per farlequalche domanda: “Sbiancaneve, che piacere vederti!Come sta il Principe tuo marito?”“Ah formica non me ne parlare! Mio marito è un granspendaccione e la reggia dove viviamo è così grande cheha bisogno continuamente di riparazioni! I soldi purtropponon bastano mai. Come possiamo fare?”“Veramente ero io a voler sapere qualcosa sul vostromondo…; ma se ci tieni al mio parere perché non chiedeteun prestito al tesoriere del Re? Tu e il Principe siete personeserie e oneste. Sicuramente ve lo concederà”.“E’ vero formica, è un ottimo consiglio!Ci andremo subito! Tornami a trovare quando vuoi!”


Il PRESTITO è una somma di denaro che la Banca presta a una persona o ad una azienda per un certoperiodo di tempo.


“Bravo Rige” disse la Regina, “sei saggio oltre ad esserecoraggioso”.“Ti ringrazio Regina, ma sapessi che spavento ho provatoil giorno dopo! Mi tremano ancora le zampe...”La Regina sgranò gli occhi.“Che cosa è successo? Racconta!”“Avevo da poco salutato il gruppo dei Bussolotti;purtroppo andavano di fretta perché avevano dei sacchi didenaro da portare in Banca. Così mi hanno detto ma ionon ci ho creduto molto. Quand’ecco venirmi incontro unOrco orripilante!”Per lo spavento, le formiche che reggevano la pancia dellaRegina, si portarono le mani agli occhi e la Sovranaruzzolò per terra. “Ahi!” fece la Regina.Rige provò a sollevarla, ma era troppo pesante.“Non ti preoccupare” gli disse lei, ”forse devo un po’dimagrire…”


La parola “BANCA” deriva dall’italiano medioevale “Banco”. Infatti le operazioni di prestito venivanoeffettuate su un banco di legno.


“Questo orco era tutto verde, con una pancia enorme e dueorecchie a sventola. Mi guarda e apre la bocca come permangiarmi…”“Oooooooooooh!” fecero tutte le formiche in coro, terrorizzate.“Invece si mette a parlarmi”“Aaaaaaaaaaaah” fecero tutte le formiche in coro, sollevate.“Ke kosa fai tu, pikkolo formiko in mezzo a bosko?”“Mi chiamo Rige” dissi “e cerco notizie sul vostro mondo”.“Io zerco invece mio Kucino e suo azino, defo komprare dalui grande palude. Mio nome Shruk, piacere!”“Piacere mio, Shruk, e complimenti, devi essere molto rikko!Voglio dire, ricco…”“Oh, no! Io kiesto soldi a mio amiko, Krande Papero, lui sìmolto rikko. Ekko ke viene!”


La BANCA non solo conserva il tuo denaro in cassaforte, ma si impegna ad aumentarlo e a restituirloquando ne hai necessità, con tutti gli interessi dovuti.


“Avresti dovuto vedere l’orco Shruk”, continuò Rige,“quando è arrivato il Grande Papero: lui, così grande egrosso, gli ha fatto un inchino…!”“Davvero?”“Beh, il Grande Papero è un banchiere importante eanche molto serio: senti che cosa gli ha detto”.“Squek! Caro Shruk! Eccomi qua qua qua! Queste sono lecento monete d’oro che mi avevi detto di custodire. Equeste sono altre venti monete d’oro, il tuo guadagno”.“Krande Papero! - disse abbracciandolo e saltando comeun matto - tu hai fatto mia fortuna!”“Mettimi giù Shruk, mi stai stritolando qui qui e qua qua!Ah, le mie povere penne!”“Oh, skusa! Kuindi ora ho tutte monete per komprarepalude… ma io - aggiunse con aria triste - non ho asino!Defo komprare asino per portare a spasso mia bellaOrka… o è meglio automobile?”“No, nella foresta è meglio un asino” gli suggerìsaggiamente il Grande Papero “e vuol dire che i soldi percomprarlo te li presterò io…”


La BANCA può prestarti i soldi per acquistare i libri o un computer per i tuoi studi, l’automobile o lacasa per i tuoi genitori o per qualsiasi altra esigenza.


“Sai Regina” continuò Rige “sembrava che tutto andasseper il meglio, quando all’improvviso è apparso una speciedi grosso topo, tutto rosso, che si è messo a spararefulmini e lampi dalla coda! Un Kokolòn!” ha urlato ilGrande Papero “Attenti, è una rapina!”“Ma che topo volgare!” disse la Regina “E come è andataa finire?”“Per fortuna è arrivato il Commissario Biscottoni, mamentre stava per arrestare il Kokolòn, sono stato colpitoda un fulmine!”“Oooooooooooh!” fecero tutte le formiche in coro piùterrorizzate di prima.“La forza di quel fulmine fu spaventosa: fui lanciato in ariae volai, volai, volai…”Si fece un grande silenzio: tutti gli occhi delle formicheerano puntati su Rige.“Dove volasti, insomma?” disse la Regina spazientita.“Un momento, mia Regina…Volai, volai, volai…,fino a chenon caddi in mare!”


“Svenni, e quando mi svegliai mi ritrovai dentro una bollad’aria, circondato da un branco di pesci che miguardavano con curiosità come fossi in un acquario. Perfortuna sembravano amichevoli, soprattutto i due che sipresentarono subito, uno rosa e l’altro azzurro”Salve” mi disse quello rosa “io sono Demo, e questa èKori. Tu chi sei? Che ci fai nell’acqua? Non mi sembri unpesce”.“Io sono Rige, la formica, e mi trovo in questa situazioneun po’ strana…”“Hai proprio ragione” lo interruppe Kori “pensa che io nonsono sposata, e lo sai perché? Perché spesso dormo e chidorme non piglia pesci. Ah, ah, hai capito la battuta?Buonanotte” disse, e si addormentò.“Non badarle” disse Demo “sembra matta, ma è buona ebrava. E adesso, dimmi, come ti possiamo aiutare? Seianche tu alla ricerca del tuo babbo?”“No, no” risposi “sono venuto nel Mondo delle Fiabe inmissione per conto della mia Regina ma se qui miscoppia la bolla sono guai seri…“


L'ASSEGNO BANCARIO sembra un pezzo di carta. In realtà è una forma di pagamento che ti permette,attraverso il tuo conto corrente, di pagare una somma ad un’altra persona o a te stesso.


“Io ti posso aiutare! Ho un amico, un grosso Pescecane. E’specializzato in azioni, in buone azioni. Se glielo chiedo ioti porterà fino a riva senza nemmeno farsi pagare!”“E tu hai accettato?” chiese la Regina a Rige “Non haiavuto paura?”“Beh, Regina, paura ne avevo. Soprattutto quando èarrivato il pescecane e mi ha sorriso mostrandomi la suabocca gigantesca piena di denti affilatissimi. Però hodeciso di fidarmi e di accettare il rischio”.“Hai fatto molto bene: infatti sei qui, sano e salvo!”“Non solo, ho anche qualcosa per te mia Regina!”esclamò Rige soddisfatto.


“Mi hai portato un regalo?” chiese la Regina incuriosita.“Sì, un ricordo del Mondo delle Fiabe: questa preziosamoneta d’oro, dono del Grande Papero. Me l’ha dataprima che il fulmine del Kokolòn mi facesse volare in aria.E’ magica, e permette di realizzare tutti i desideri, ma soloquelli buoni. Vorrei che la custodissi tu, che sei la più bravae la più giusta delle regine”.“No Rige, grazie, è tua e te la meriti, so che ne farai buonuso. Anzi, a proposito di giustizia…, visto che haidimostrato coraggio e saggezza, e hai girato il mondo piùdi tutti noi, vorrei il tuo parere su un grave problema. Fateentrare la cicala!” ordinò ai servitori.Dal 1° gennaio 2002, Italia, Francia, Spagna, Finlandia, Grecia, Paesi Bassi, Irlanda, Lussemburgo,Portogallo, Austria, Germania e Belgio hanno sostituito la propria moneta locale con una monetacomune: l’Euro, il cui simbolo è €.


Da un ingresso laterale Rige vide arrivare una Cicala dalla faccia triste chesi trascinava sulle lunghe zampe. Fece pochi passi e poi si accasciò a terra.“Dopo aver ballato e cantato tutta l’estate e aver scialacquato tutti i suoibeni, è venuta da noi chiedendo ospitalità - disse la Regina con aria severa-. Secondo te, Rige, noi che abbiamo risparmiato le nostre forze eaccumulato le riserve per l’inverno che si avvicina, che cosa dobbiamofare di lei? Cacciarla o darle da mangiare? Rifiutarle il nostro aiuto oaccoglierla tra di noi?Che cosa è più giusto?”Rige rifletté a lungo, lisciandosi le antenne. E alla fine dette la sua risposta.“Il comportamento della cicala è da condannare: non ha pensato che agodersi la vita, ha gettato via la sua fortuna e ora che ha bisogno, non hanemmeno un filo d’erba cui attaccarsi. Mentre noi, che abbiamo fattoqualche sacrificio, ora possiamo affrontare il futuro con serenità, e non ègiusto dividere con lei i nostri beni. Tuttavia c’è qualcosa di più giusto dellagiustizia: è l’amore verso il nostro prossimo. Diamole rifugio, ma solo perquest’inverno: la cicala ci ripagherà lavorando insieme a noi. Se laprossima estate si comporterà nello stesso modo, allora dovrà andarsenevia, e nemmeno nel Mondo delle Fiabe riuscirà a trovare quell’aiuto cheoggi noi le doneremo”.La cicala gli rivolse uno sguardo pieno di gratitudine e, quando laRegina sorrise, tutto il popolo delle formiche esplose in grida festose,acclamando a gran voce Rige, il grande esploratore.Nel 1846, con il Decreto di Re Carlo Alberto, nasce la Cassa di Risparmio di Genova. Nel 1967 prende ilnome di Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, nel 1991 diventa Banca Carige e si trasforma in S.p.A.


RigeE’ una formica esploratore, forte egeneroso, ha attraversato il bosco dellenebbie e si è avventurato nel mondo dellefavole, dove ha incontrato personaggi eluoghi fantastici raccontati nel suo libro,“Il sentiero delle fiabe”.Libretto di risparmioIl libretto di risparmio è un libricino dove èscritto quanto denaro abbiamo risparmiato.Sul libretto vengono annotate tutte leoperazioni (versamenti e prelievi). Ognianno la Banca calcola quanto abbiamoguadagnato in interessi e li versa sul libretto.AgenziaL’agenzia è il posto dove possiamo aprireun conto corrente o un libretto di risparmioe fare le operazioni di versamento eprelievo. Ogni agenzia ha una cassaforterobusta dove poter mettere al sicuro ildenaro che versiamo.MutuoIl mutuo è un accordo che facciamo con laBanca quando vogliamo comprare unacasa. La Banca ci presta il denaronecessario e noi ci impegnamo a restituirlocon gli interessi, in tempi più o meno lunghi.BettiE’ la formica libretti. Accompagna leformiche fin da piccole e le segue giornodopo giorno; è molto disponibile, einsieme a Tito le aiuta a realizzare i loropiccoli e grandi desideri, come comprareun computer o i libri per la scuola.ZiaE’ la formica agenzia, sempre pronta edisponibile ad offrire consigli edinformazioni agli abitanti del formicaio.Zia ha molte sorelle, sparse un po’dappertutto nel formicaio, vicine alletane, alle scuole e alle formiche.MuttyE’ la formica mutuo, la sua funzione nelformicaio è quella di aiutare le formicheche vogliono comprare una nuova tana,prestando loro del denaro che dovrannorestituire a poco a poco nel tempo.© 2007 Edicolors e Gruppo Banca Carige S.p.A.

More magazines by this user
Similar magazines