rapporto ambientale - Comune di Orta di Atella

comune.ortadiatella.ce.it

rapporto ambientale - Comune di Orta di Atella

Comune di Orta di AtellaINDICE DEL RAPPORTO AMBIENTALE1. Introduzione ................................................................................................................................................................................ 21.1. Quadro Normativo di riferimento per la VAS e la formazione del PUC del Comune di Orta di Atella ..... 21.2 La metodologia utilizzata per la redazione della VAS ............................................................................................... 72. Iter procedurale della VAS applicata al PUC................................................................................................................ 102.1 I soggetti coinvolti nel processo di VAS ......................................................................................................................... 102.2 Descrizione della procedura di VAS ................................................................................................................................ 122.3 Consultazioni .......................................................................................................................................................................... 133. Struttura, contenuti ed obiettivi del PUC di Orta di Atella .................................................................................... 163.1 Il contesto territoriale e socio – economico ................................................................................................................. 163.2 Contenuti ed obiettivi del PUC di Orta di Atella ......................................................................................................... 193.3. Il disegno del PUC di Orta di Atella ................................................................................................................................ 203.4 Rapporto con altri Piani e Programmi pertinenti ..................................................................................................... 224. Il contesto ambientale e territoriale di riferimento ................................................................................................. 274.1. Acqua ........................................................................................................................................................................................ 274.2. Ambiente urbano .................................................................................................................................................................. 314.3. Atmosfera, Energia e cambiamenti climatici ............................................................................................................. 344.4. Biodiversità e aree naturali protette ............................................................................................................................ 364.5. Risorse culturali e paesaggio ........................................................................................................................................... 374.6. Rifiuti e bonifiche ................................................................................................................................................................. 394.7. Suolo ......................................................................................................................................................................................... 395. Identificazione degli obiettivi di sostenibilità e verifica di coerenza del PUC ............................................... 445.1 Documenti e normative di riferimento per lo sviluppo sostenibile e l’ambiente ............................................ 445.2 Individuazione dei Piani e dei Programmi pertinenti ............................................................................................. 565.3 Schede di sintesi degli obiettivi di sostenibilità ambientale, generali e specifici ........................................... 565.4 Verifica di Coerenza Esterna ............................................................................................................................................. 595.5 Verifica di Coerenza Interna ............................................................................................................................................. 656. Valutazione degli effetti del PUC ...................................................................................................................................... 736.1 Metodologia e criteri adottati per la determinazione e la valutazione degli impatti ................................. 736.2 Impatti derivanti dalle aree di trasformazione ......................................................................................................... 736.3 Quadro dei potenziali impatti attesi .............................................................................................................................. 736.4 Valutazione delle alternative del PUC ........................................................................................................................... 777. Misure criteri ed indirizzi per la mitigazione degli effetti attesi ........................................................................ 797.1 Quadro delle criticità, degli indirizzi e dei criteri per annullare, ridurre, compensare gli eventualiimpatti negativi del Piano .................................................................................................................................................. 798. Il monitoraggio ........................................................................................................................................................................ 808.1. Modalità e periodicità del monitoraggio .................................................................................................................... 808.2. Definizione degli indicatori necessari alla valutazione degli impatti .............................................................. 818.3. Risorse per il monitoraggio e soggetto preposto alla redazione dei report periodici ................................ 87Allegato 1 – Parere della Provincia di Napoli – Tutela dell’ambiente ................................................................... 88Allegato 2 – Parere della Soprintendenza BB.AA.PP. per le Province di Benevento e Caserta ................... 89Allegato 3 – Parere dell’ASL di Caserta .............................................................................................................................. 90Allegato 4 – Parere della Provincia di Caserta settore tutela dell’ambiente ...................................................... 91Allegato 5 – Parere dell’ A.d.B. Regionale della Campania Centrale ....................................................................... 93Allegato 6 – Parere dell’ ARPAC ............................................................................................................................................ 95VAS – Rapporto Ambientale Pagina 1


Comune di Orta di Atella1. INTRODUZIONEIl presente Rapporto Ambientale costituisce parte integrante del processo di ValutazioneAmbientale Strategica del Piano Urbanistico Comunale (di seguito PUC) del Comune di Orta diAtella, ed è finalizzata all’attività di “consultazione” tra “Autorità Procedente”, “AutoritàCompetente” e “Soggetti Competenti in materia Ambientale” secondo quanto previsto dallanormativa vigente.Il PUC, come tutti i piani elaborati per la pianificazione territoriale o la destinazione dei suoli,e che definiscono il quadro di riferimento per l’approvazione, l’autorizzazione, l’area dilocalizzazione o comunque la realizzazione dei progetti elencati negli allegati II, III e IV delD.Lgs. 152/2006 e s.m.i., deve essere sottoposto al processo di Valutazione AmbientaleStrategica secondo le disposizioni della Direttiva 2001/42/CE e del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.,così come recepito dalla D.G.R. del 4/8/2008, n. 535 e s.m.i.La Valutazione Ambientale Strategica è uno strumento di valutazione delle scelte diprogrammazione e pianificazione; sua finalità è quella di perseguire obiettivi di salvaguardia,tutela e miglioramento della qualità dell’ambiente, di protezione della salute umana e diutilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali; obiettivi questi da raggiungere mediantedecisioni ed azioni ispirate al principio di precauzione, in una prospettiva di sviluppo durevolee sostenibile.1.1 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO PER LA VAS E LA FORMAZIONE DEL PUC DELCOMUNE DI ORTA DI ATELLALa norma di riferimento a livello comunitario per la Valutazione Ambientale Strategica è laDirettiva 2001/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27/06/2001 (GU L.197 del21/07/2001), concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmisull’ambiente. Essa si propone “di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente e dicontribuire all’integrazione di considerazioni ambientali all’atto dell’elaborazione e dell’adozionedi piani e programmi, al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile, assicurando che vengaeffettuata la valutazione ambientale di determinati piani e programmi che possono avere effettisignificativi sull’ambiente”.L’Italia, ha recepito la Direttiva comunitaria, con il D.Lgs. 152/2006, recante "Norme inMateria Ambientale" e precisamente nella Parte II – Titolo I “Principi Generali per le Proceduredi VIA, di VAS e per la Valutazione d’Incidenza e l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)” eTitolo II “La Valutazione Ambientale Strategica”. Successivamente il D.Lgs. n. 128 del29/06/2010 (GURI n. 186 del 11/08/2010), modifica ulteriormente il D.Lgs. n. 152/2006, lacui disciplina si applica ai piani e programmi con procedure di VAS, VIA ed AIA avviate dopo il26/08/2010. In particolare, il D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., per i piani o programmi da assoggettarea VAS, identifica le diverse fasi di cui si compone il processo di VAS (artt. 13‐18):a) Scoping: predisposizione del Rapporto Ambientale Preliminare e consultazione dei soggetticompetenti in materia ambientale. Al fine di definire la portata ed il livello di dettaglio delleinformazioni da includere nel Rapporto Ambientale dovranno essere consultati l’AutoritàCompetente e i Soggetti Competenti in materia Ambientale (SCA). Ai fini dello svolgimentodi questa fase preliminare di definizione dei contenuti del Rapporto Ambientale èVAS – Rapporto Ambientale Pagina 2


Comune di Orta di Atellanecessario, pertanto, che sia predisposto un Rapporto Ambientale Preliminare (o discoping) che illustri il contesto programmatico, indichi i principali contenuti del piano oprogramma e definisca il suo ambito di influenza. In relazione alle questioni ambientaliindividuate come rilevanti ed ai potenziali effetti ambientali identificati in prima istanza,tale documento dovrà riportare il quadro e il livello di dettaglio delle informazioniambientali da includere nel Rapporto Ambientale. I SCA dovranno far pervenire le proprieosservazioni all’Autorità Competente e all’Autorità Procedente. La copia del/dei verbalidegli incontri dovrà essere allegata al Rapporto Ambientale e ne costituirà parteintegrante. Dei pareri e dei contributi forniti in questa fase si dovrà tener conto sia ai finidell’elaborazione del Rapporto Ambientale che della sua valutazione; anche i successivipareri espressi in sede di valutazione dovranno, infatti, essere coerenti con quantochiarito nella fase preliminare dello scoping, fatti salvi gli ulteriori approfondimentiacquisiti e la conseguente riconsiderazione degli interessi pubblici coinvolti.b) Individuazione dei soggetti competenti in materia ambientale (SCA). L’AutoritàCompetente, in collaborazione con l’Autorità Procedente, individua i SCA da consultareper la fase di scoping nonché in fase di consultazione pubblica. Il verbale dell’incontrodovrà essere allegato al rapporto di scoping ai fini della consultazione dei SCA. Inoltre lostesso verbale andrà allegato al successivo Rapporto Ambientale. Con riferimento alla VASin sede di incontro l’Autorità Procedente potrà anche richiedere delucidazioni oinformazioni inerenti la strutturazione ed i contenuti del Rapporto Ambientale nonché laforma e le modalità di consultazione. Il verbale dell’incontro dovrà comunque dare atto ditutti i quesiti posti dall’Autorità Procedente e delle risposte fornite dall’AutoritàCompetente. L’Autorità Procedente, dopo l’identificazione dei soggetti competenti inmateria ambientale e prima della stesura definitiva del Rapporto Ambientale, potrà ancherichiedere incontri unicamente mirati a consultare l’Autorità Competente in merito aicontenuti del Rapporto Ambientale e alla consultazione con il pubblico. I verbali di taliincontri dovranno essere allegati al redigendo Rapporto Ambientale.c) Predisposizione del Rapporto Ambientale e della sua Sintesi Non Tecnica. Nel RapportoAmbientale, redatto a cura dell’Autorità Procedente sin dalle fasi iniziali di elaborazionedel piano, devono essere individuati, descritti e valutati gli effetti significativi chel’attuazione del piano o del programma proposto potrebbe avere sull’ambiente, nonché leragionevoli alternative che possono adottarsi in considerazione degli obiettivi individuatie dell’ambito territoriale interessato. Ai fini della VAS deve quindi essere redatto, primaed ai fini della approvazione del piano, un Rapporto Ambientale che costituisce parteintegrante della documentazione del piano o programma stesso. Tale rapporto dovràessere elaborato secondo le indicazioni dell’allegato VI alla parte seconda del D.Lgs.152/2006. Nella redazione del Rapporto Ambientale si deve tener conto dei contenuti edel livello di dettaglio del piano o programma, dello stato delle conoscenze e delleinformazioni disponibili nei sistemi informativi della Pubblica Amministrazione, nonchédei metodi di valutazione ambientale correnti. Si richiama, infine, la disposizione delD.Lgs. 152/2006 che prevede che al Rapporto Ambientale debba essere allegata unaSintesi Non Tecnica, che illustri in linguaggio non specialistico i contenuti del piano e delRapporto Ambientale onde agevolare la partecipazione del pubblico.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 3


Comune di Orta di Atellad) Consultazione dei soggetti competenti in materia ambientale e del pubblico. La proposta dipiano è comunicata all’Autorità Competente. La comunicazione, comprende, oltre allaproposta di piano, anche il Rapporto Ambientale e una Sintesi non Tecnica dello stesso.Oltre che presso gli uffici dell’Autorità Competente, la documentazione è depositata anchepresso gli uffici delle regioni e delle province il cui territorio risulti anche soloparzialmente interessato dal piano o programma o dagli impatti della sua attuazione epresso gli uffici dell’Autorità Procedente. L’Autorità Procedente cura la pubblicazione nelBollettino Ufficiale della Regione Campania, e contestualmente nel proprio Albo Pretorio,di un avviso inerente l’avvenuto deposito e la messa a disposizione della documentazione.Dell’inizio della fase di consultazione dovrà essere data comunicazione diretta ai SCA e alpubblico interessato. L’Autorità Competente e l’Autorità Procedente mettono adisposizione del pubblico la proposta di piano, il Rapporto Ambientale e la sintesi nontecnica depositati presso i propri uffici e altresì mediante la pubblicazione sul proprio sitoweb. Dalla data pubblicazione dell’avviso sul BURC decorrono i tempi dell’esameistruttorio e della consultazione: entro il termine di sessanta giorni dalla pubblicazionedel precitato avviso, chiunque può prendere visione della proposta di piano o programmae del relativo Rapporto Ambientale e presentare proprie osservazioni, anche fornendonuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi. Per quanto riguarda le modalità ed itempi della consultazione si specifica quanto segue: i pareri dei SCA possono essereacquisiti anche attraverso il ricorso ad una conferenza di servizi di cui all’articolo 14 esegg. della legge 241/1990 indetta allo scopo, ovvero nell’ambito della conferenza dipianificazione/programmazione già indetta ai fini della formazione ed approvazione delpiano ed in cui è necessariamente presente anche l’autorità preposta alla VAS. Gli esitidelle predette conferenze ed i pareri acquisiti dovranno essere trasmessi all’AutoritàCompetente.e) Istruttoria e parere motivato dell’Autorità Competente. È essenziale che il RapportoAmbientale e gli esiti della consultazione vengano esaminati in modo integrato al fine dipervenire alla valutazione complessiva degli effetti ambientali del piano, valutazione checostituisce, presupposto essenziale per l’approvazione. L’Autorità Competente, incollaborazione con l’Autorità Procedente, svolge le attività tecnico – istruttorie, acquisiscee valuta tutta la documentazione presentata, nonché le osservazioni, obiezioni esuggerimenti inoltrati ed esprime il proprio parere motivato entro il termine di novantagiorni a decorrere dalla scadenza dei 60 giorni previsti per la consultazione. In faseistruttoria può essere formulata una sola volta richiesta di integrazione documentale, chedetermina l’interruzione dei termini procedimentali. E’ opportuno precisare che lavalutazione deve costituire oggetto di uno specifico parere motivato circa la compatibilitàambientale del piano esaminato, parere che deve incidere in modo efficace sulla stessadefinizione del piano o programma in vista della sua approvazione finale. Tale parere può,infatti, contenere condizioni e richieste di modifiche o integrazioni della proposta delpiano o programma; in tale ipotesi il soggetto o l’autorità proponente deve provvederealla revisione del piano prima della sua presentazione per l’approvazione. In tal modol’atto di adozione definitiva, preordinato alla successiva approvazione del piano, potràrecepire le eventuali prescrizioni contenute nel parere emesso.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 4


Comune di Orta di Atellaf) Informazione sulla decisione. Coerentemente con la direttiva 42/2001/CE e il D.Lgs.152/2006 nel corso dell’iter decisionale, prima dell’approvazione di un piano, si devonoprendere in considerazione il Rapporto Ambientale, che costituisce parte integrante delladocumentazione di piano, i pareri espressi in fase di consultazione nonché le eventualiprescrizioni contenute nel parere motivato. La citata normativa di riferimento dispone,tuttavia, che le modalità di integrazione delle considerazioni e valutazioni ambientalinonché le ragioni delle scelte effettuate alla luce delle alternative esaminate e degli esitidelle consultazioni svolte, siano rese esplicite e divulgate al momento dell’approvazionedel piano o programma attraverso la formulazione e la pubblicazione di appositadichiarazione di sintesi. Alla luce delle richiamate disposizioni, il provvedimento diapprovazione di un piano o programma, che sia stato sottoposto a Valutazione AmbientaleStrategica, deve essere accompagnato da una dichiarazione di sintesi nella quale si illustri: In che modo le considerazioni ambientali sono state integrate nel piano o programma; Come si è tenuto conto del Rapporto Ambientale, delle risultanze delle consultazioni edel parere motivato; Quali sono le ragioni delle scelte di piano o programma, anche alla luce delle possibilialternative individuate.Tale dichiarazione di sintesi deve essere resa nota ai soggetti competenti in materiaambientale che sono stati consultati ed al pubblico che ha partecipato all’iter decisionale.L’informazione già prevista per i provvedimenti finali di approvazione dei piani oprogrammi deve riguardare anche gli esiti del procedimento di valutazione ambientale;in particolare si richiede che la dichiarazione di sintesi, unitamente al parere dicompatibilità ambientale ed alle misure per il monitoraggio, sia pubblicata nelle formeordinarie previste e che sia data indicazione delle sedi dove si può prendere visione ditutta la documentazione tecnica oggetto di istruttoria anche tramite pubblicazione sulBURC, a cura dell’Autorità Procedente, di un avviso con l’indicazione della sede ove sipossa prendere visione del piano adottato e di tutta la documentazione oggettodell’istruttoria.g) Monitoraggio ambientale. Per i piani sottoposti a procedimento di valutazione ambientaledovrà essere assicurato il controllo degli effetti ambientali significativi, da effettuarsiattraverso un monitoraggio che ne accompagni il percorso di attuazione. Tale controllo èfinalizzato alla verifica del raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale, allatempestiva individuazione di eventuali effetti negativi imprevisti ed alla conseguenteadozione di opportune misure correttive. In relazione al monitoraggio, è necessariofornire al riguardo alcune indicazioni operative, in considerazione della rilevanza che iltema del monitoraggio ha assunto sia nella prassi amministrativa attuale che nel dibattitotecnico‐scientifico in materia di valutazione delle politiche e degli interventi. Ladescrizione delle misure previste in merito al monitoraggio ambientale, precisate inrelazione alla tipologia del piano e alla natura degli effetti ambientali significativi previsti,deve essere contenuta nel Rapporto Ambientale. Sulla base di quanto proposto nelRapporto Ambientale e delle indicazioni eventualmente contenute nel parere dicompatibilità ambientale, contestualmente all’approvazione del piano, deve, quindi,essere approvato, come parte integrante del piano, un programma di misure dimonitoraggio ambientale, nel quale siano specificate le modalità di controllo degli effettiVAS – Rapporto Ambientale Pagina 5


Comune di Orta di Atellaambientali e di verifica del raggiungimento degli obiettivi ambientali stabiliti dal piano oprogramma, anche attraverso l’utilizzo di specifici indicatori opportunamente selezionatiallo scopo, nonché adeguati alla scala di dettaglio e al livello attuale delle conoscenze. E’necessario che nel programma di monitoraggio ambientale siano individuate le risorse, leresponsabilità ed i ruoli e che siano definiti tempi e modalità per l’attuazione di quantoprevisto nonché le modalità di pubblicazione dei risultati. Nelle attività di monitoraggioambientale, al fine di evitare duplicazioni, devono essere utilizzati in via prioritaria,qualora ritenuti adeguati, i meccanismi di controllo già esistenti nell’ambito della PubblicaAmministrazione ovvero già predisposti per il monitoraggio di altri piani e programmi. Atal proposito si richiama la necessità che i dati e le informazioni raccolti ai fini delmonitoraggio ambientale siano a loro volta organizzati, gestiti e messi a disposizione inmodo da garantirne il riutilizzo (preferibilmente attraverso la loro pubblicazione sul sitoweb dell’autorità responsabile dell’attuazione del piano). E’ opportuno che degli esiti delmonitoraggio ambientale e delle eventuali misure correttive, adottate a seguito dellarilevazione di effetti negativi imprevisti, sia data adeguata informazione al pubblicoattraverso i siti web dell’Autorità Procedente dell’attuazione del piano e dell’AutoritàCompetente.La Regione Campania, nelle more dell’emanazione della disciplina statale, ha normato ilprocedimento di VAS per i piani territoriali di settore ed i piani urbanistici nell’ambito della L.R.16/2004 “Norme sul Governo del Territorio”.Con D.P.G.R. è stato emanato il Regolamento n. 17 del 18/12/2009 “Attuazione dellaValutazione Ambientale Strategica (VAS) in Regione Campania (Parte seconda del D.Lgs.152/2006)” (di seguito Regolamento VAS) che all’articolo 5, comma 3 prevede che “Al fine difornire i necessari indirizzi operativi in merito allo svolgimento del procedimento di VAS,all’integrazione della VAS con la Valutazione di Incidenza e/o con la VIA nonché al coordinamentocon i procedimenti autorizzatori relativi alla pianificazione e programmazione territoriale, aisensi della Legge Regionale n. 16/2004, e altri procedimenti autorizzatori di piani e programmispecificatamente normati, con apposito atto deliberativo di Giunta, su proposta degli assessoricompetenti per quanto riguarda i piani e programmi afferenti alla Legge Regionale n. 16/2004nonché altri piani di competenza della stessa area, sono approvati gli indirizzi operativi eprocedurali per lo svolgimento della VAS in regione Campania”.L’8 agosto 2011 veniva pubblicato sul Bollettino Ufficiale n. 53 il Regolamento n. 5 del 4agosto 2011, di Attuazione per il Governo del Territorio. Il Regolamento, emanato ai sensidell’art.43 bis della L.R. 16/2004, come introdotto dalla L.R. 1/2011, disciplina i procedimentiamministrativi di formazione dei piani, territoriali, urbanistici e di settore, previsti dalla L.R.16/2004. Il Regolamento sostituisce le disposizioni relative ai procedimenti di formazione edapprovazione dei piani previsti dalla L.R. 16/2004, promuove la concertazione e lapartecipazione, quali strumenti necessari per la formazione dei piani. In esso emerge conchiarezza l’integrazione obbligatoria tra la VAS ed il processo di pianificazione urbanistica eterritoriale laddove si prevede che il preliminare di piano elaborato ai fini della VAS confluiscanel piano da adottare in Giunta.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 6


Comune di Orta di Atella1.2 LA METODOLOGIA UTILIZZATA PER LA REDAZIONE DELLA VASIl Piano Urbanistico Comunale è normato dall’art. 23 della L.R. 16/04 ed è definito “lostrumento urbanistico generale del Comune e disciplina la tutela ambientale, le trasformazioniurbanistiche ed edilizie dell’intero territorio comunale, anche mediante disposizioni a contenutoconformativo del diritto di proprietà”. La VAS è una procedura finalizzata a garantire un elevatolivello di protezione dell’ambiente e a contribuire all’integrazione di considerazioni ambientaliall’atto di elaborazione, adozione e approvazione del PUC assicurando che lo stesso sia coerentee contribuisca alle condizioni di sviluppo sostenibile.Il Rapporto Ambientale rappresenta il documento del PUC redatto in conformità alleprevisioni di cui all’articolo 13 e all’Allegato VI del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. in cui sono statiindividuati, descritti e valutati gli impatti significativi che l’attuazione del PUC propostopotrebbe avere sull’ambiente e sul patrimonio culturale, nonché le ragionevoli alternative chepossono adottarsi in considerazione degli obiettivi e dell’ambito territoriale del PUC stesso. IlRapporto Ambientale comprende le “informazioni che possono essere ragionevolmente richieste,tenuto conto del livello delle conoscenze e dei metodi di valutazione attuali, dei contenuti e dellivello di dettaglio del piano o del programma e, per evitare duplicazioni della valutazione, dellafase in cui si trova nell’iter decisionale e della misura in cui taluni aspetti sono più adeguatamentevalutati in altre fasi di detto iter”.Il processo diValutazioneAmbientale del PUC èstato condottodurante il periodo diformazione evalutazione del Piano.La metodologiaadoperata per la suastesura è, comeprevisto dalla Legge,la migliore “tenutoconto del livello delleconoscenze e deimetodi di valutazioneattuali, dei contenuti edel livello di dettagliodel piano o delprogramma”.Le informazioni fornite in esso (ai sensi del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.) sono: Illustrazione dei contenuti, degli obiettivi principali del piano o programma e del rapportocon altri pertinenti piani o programmi;VAS – Rapporto Ambientale Pagina 7


Comune di Orta di Atella Aspetti pertinenti dello stato attuale dell’ambiente e sua evoluzione probabile senzal’attuazione del piano o del programma; Caratteristiche ambientali delle aree che potrebbero essere significativamenteinteressate; Qualsiasi problema ambientale esistente, pertinente al piano o programma, ivi compresiin particolare quelli relativi ad aree di particolare rilevanza ambientale, quali le zonedesignate ai sensi delle direttive 79/409/CEE e 92/43/CEE; Obiettivi di protezione ambientale stabiliti a livello internazionale, comunitario o degliStati membri, pertinenti al piano o al programma, e il modo in cui, durante la suapreparazione, si è tenuto conto di detti obiettivi e di ogni considerazione ambientale; Possibili effetti significativi sull’ambiente, compresi aspetti quali la biodiversità, lapopolazione, la salute umana, la flora e la fauna, il suolo, l’acqua, l’aria, i fattori climatici, ibeni materiali, il patrimonio culturale, anche architettonico e archeologico, il paesaggio el’interrelazione tra i suddetti fattori; Misure previste per impedire, ridurre e compensare nel modo più completo possibile glieventuali effetti negativi significativi sull’ambiente dell’attuazione del piano o delprogramma; Sintesi delle ragioni della scelta delle alternative individuate e una descrizione di come èstata effettuata la valutazione, nonché le eventuali difficoltà incontrate (ad esempiocarenze tecniche o mancanza di know‐how) nella raccolta delle informazioni richieste; Descrizione delle misure previste in merito al monitoraggio; Sintesi non tecnica delle informazioni precedenti.Per quel che concerne la valutazione degli impatti sull’ambiente, si procederà medianteovermapping di informazioni territoriali ambientali esistenti, ed overlay di cartografie basatesu criteri quantitativi specifici. I tematismi adoperati saranno ricavati dagli studi di settoriprodotti dai componenti il gruppo di progetto incaricato per la redazione del PUC.Per la scelta e la valutazione degli indicatori è stato utilizzato il modello DPSIR(Determinanti, Pressioni, Stato, Impatti, Risposte), proposto dall’EEA nel 1995, che trovaorigine dal precedente modello PSR, ideato dall’Organizzazione per la Cooperazione e loSviluppo Economico (OCSE). Secondo tale modello, gli sviluppi di natura economica e sociale(Determinanti) esercitano Pressioni, che producono alterazioni sulla qualità e quantità (Stato)dell’ambiente e delle risorse naturali. L’alterazione delle condizioni ambientali determina degliImpatti sulla salute umana, sugli ecosistemi e sull’economia, che richiedono Risposte da parteVAS – Rapporto Ambientale Pagina 8


Comune di Orta di Atelladella società. Le azioni di risposta possono avere una ricaduta diretta su qualsiasi elemento delsistema: Sulle determinanti, attraverso interventi strutturali; Sulle pressioni, attraverso interventi prescrittivi/tecnologici; Sullo stato, attraverso azioni di bonifica; Sugli impatti, attraverso la compensazione economica del danno.In senso più generale, i vari elementidel modello costituiscono i nodi di unpercorso circolare di politica ambientaleche comprende la percezione deiproblemi, la formulazione deiprovvedimenti politici, il monitoraggiodell’ambiente e la valutazionedell’efficacia dei provvedimenti adottati.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 9


Comune di Orta di Atella2. ITER PROCEDURALE DELLA VAS APPLICATA AL PUC2.1 I SOGGETTI COINVOLTI NEL PROCESSO DI VASTra i soggetti coinvolti nel processo di VAS vi è innanzitutto la figura dell’AutoritàCompetente, che il D.Lgs. 152/2006, all’art. 5, definisce: “la Pubblica Amministrazione cuicompete l’adozione del provvedimento di verifica di assoggettabilità, l’elaborazione del pareremotivato, nel caso di valutazione di piani e programmi, e l’adozione dei provvedimenti conclusiviin materia di VIA, nel caso di progetti ovvero il rilascio dell’autorizzazione integrata ambientale,nel caso di impianti”. Con il Regolamento di Attuazione per il Governo del Territorio n.5 del 4agosto 2011, la Giunta Regionale Campania, ha individuato i Comuni quali Autorità Competentiin materia di VAS per i piano di livello locale; lo stesso regolamento stabilisce che l’ufficioambientale competente in materia VAS dovrà essere obbligatoriamente diverso da quelloavente funzioni in materia urbanistica ed edilizia. Con Delibera di Giunta Comunale n. 93 del28/06/2012 e successiva rettifica con Delibera di Giunta Comunale n. 146 del 22/09/2012 èstato individuato il Settore Politiche del Territorio – Servizio Igiene quale Autorità Competentein materia VAS e nominato quale RUP l’ing. Domenico Raimo.Altro soggetto interessato nel processo di VAS è la figura dell’Autorità Procedente, che ilD.Lgs. 152/2006, all’art. 5, definisce: “la Pubblica Amministrazione che elabora il piano,programma soggetto alle disposizioni del presente decreto, ovvero nel caso in cui il soggetto chepredispone il piano, programma sia un diverso soggetto pubblico o privato, la PubblicaAmministrazione che recepisce, adotta o approva il piano, programma”. Tale Autorità è quellache avvia, adotta ed approva il piano. Poiché in questa sede si farà riferimento esclusivamenteal caso del PUC, l’Autorità Procedente è individuata nel Settore Politiche del Territorio –Servizio Urbanistica del Comune di Orta di Atella.Nella tabella seguente si riportano le informazioni di riferimento:STRUTTURAINDIRIZZOAUTORITÀ PROCEDENTEComune di Orta di Atella– Settore Politiche del Territorio,Servizio Urbanistica–Via Francesco Petrarca, 2CAP 81030 – Orta di Atella (CE)AUTORITÀ COMPETENTEComune di Orta di Atella– Settore Politiche del Territorio,Servizio Igiene –Via Francesco Petrarca, 2CAP 81030 – Orta di Atella (CE)TELEFONO 081/5023722 081/5023722FAX 081/5023777 081/5023777POSTAELETTRONICAsegreteria@comune.ortadiatella.ce.itsegreteria@comune.ortadiatella.ce.itSITO WEB www.comune.ortadiatella.ce.it www.comune.ortadiatella.ce.itTra i soggetti deputati ad esprimere osservazioni vi sono i Soggetti Competenti in MateriaAmbientale (SCA), definiti dal D.Lgs. 152/2006, all’art. 5 “soggetti competenti in materiaambientale: le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici che, per le loro specifiche competenzeo responsabilità in campo ambientale, possono essere interessate agli impatti sull’ambiente dovutiall’attuazione dei piani, programmi o progetti”. Di seguito si riporta l’elenco degli SCAindividuati per il PUC di Orta di Atella, e che saranno coinvolti nell’ambito del procedimentoVAS:VAS – Rapporto Ambientale Pagina 10


Comune di Orta di AtellaRIFERIMENTOSOGGETTI DI LIVELLOREGIONALESOGGETTI DI LIVELLOPROVINCIALE –PROVINCIA DICASERTASOGGETTI PER AREEPROTETTESOGGETTI DI LIVELLOPROVINCIALE –PROVINCIA DI NAPOLISOGGETTI COMPETENTI IN MATERIA AMBIENTALE Regione Campania – A.G.C. 5 “Ecologia, tutela dell’ambiente,disinquinamento, protezione Civile” Regione Campania – A.G.C. 12 “Sviluppo Economico” Regione Campania – A.G.C. 13 “Turismo e Beni Culturali” Regione Campania – A.G.C. 14 “Trasporti e Viabilità” Regione Campania – A.G.C. 15 “Lavori pubblici, Opere pubbliche, Attuazione,Espropriazione” – Settore 08 Genio Civile Caserta Regione Campania – A.G.C. 16 “Governo del Territorio, Beni CulturaliAmbientali e Paesistici” Regione Campania – A.G.C. 21 “Programmazione e gestione dei rifiuti” Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania Provincia di Caserta – Settore Ambiente, Ecologia e Gestione Rifiuti Provincia di Caserta –Settore Pianificazione Territoriale ATO 2 Campania – Provincia di Caserta Azienda Sanitaria Locale di Caserta Consorzio di Bonifica del Bacino Inferiore del Volturno Comune di Marcianise Comune di Succivo Comune di Sant’Antimo Consorzio ASI di Caserta Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le province diBenevento e Caserta Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento eCaserta Provincia di Napoli – Settore Assetto del Territorio Comune di Caivano Comune di Crispano Comune di FrattaminoreOltre ai soggetti competenti in materia ambientale è chiamato ad esprimere osservazioni ilPubblico Interessato, che il D.Lgs. 152/2006, all’art. 5, definisce: “il pubblico che subisce o puòsubire gli effetti delle procedure decisionali in materia ambientale o che ha un interesse in taliprocedure; ai fini della presente definizione le organizzazioni non governative che promuovono laprotezione dell’ambiente e che soddisfano i requisiti previsti dalla normativa statale vigente,nonché le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, sono considerate come aventiinteresse”. Di seguito si riporta l’elenco degli attori del Pubblico Interessato, SCA individuati peril PUC di Orta di Atella, e che saranno coinvolti nell’ambito del procedimento VAS:RIFERIMENTOORGANIZZAZIONI MAGGIORMENTERAPPRESENTATIVE, CONSIDERATE INTERESSATEAL PROCESSO DI PIANIFICAZIONEPUBBLICO INTERESSATO WWF Italia Italia Nostra Unione Nazionale Comunità Montane U.N.C.E.M. Associazione Nazionale Comuni Italiani A.N.C.I. Associazione Nazionale Piccoli ComuniVAS – Rapporto Ambientale Pagina 11


Comune di Orta di AtellaRIFERIMENTOPUBBLICO INTERESSATO Associazione Nazionale Costruttori Edili ANCE Ordine degli Ingegneri di Caserta Ordine degli Architetti di Caserta Ordine dei Geologi della Campania Ordine dei Dottori agronomi e forestali dellaProvincia di Caserta Collegio dei Geometri di Caserta Organizzazioni Sindacali (CIGL, CISL, UIL) Confederazione Italiana Agricoltori Confindustria Confartigianato2.2 DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA DI VASDa un punto di vista procedurale, il Regolamento 5/2011 individua le seguenti fasi daespletare nell’ambito della procedura di VAS:1. L’Autorità Procedente avvia la VAS contestualmente al procedimento di pianificazione.2. L’Autorità Procedente predispone il Rapporto Preliminare contestualmente alPreliminare di Piano (composto dalle indicazioni strutturali del Piano) e ad un Documentostrategico, e lo trasmette ai SCA da essa individuati. Il D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. stabilisceche la consultazione, salvo quanto diversamente concordato, si conclude entro 90 giornidall’invio del Rapporto Preliminare ai SCA.3. L’Autorità Procedente garantisce la partecipazione e la pubblicità nei processi dipianificazione attraverso il coinvolgimento di tutti i soggetti pubblici e privati nelprocedimento del Piano, per cui prima dell’adozione del PUC sono previste specificheconsultazioni, al fine della condivisione del Preliminare di Piano.4. Sulla base del Rapporto Preliminare e degli esiti delle consultazioni con i SCA, l’AutoritàProcedente redige il Rapporto Ambientale, che costituisce parte integrante del PUC daadottare in Giunta comunale.5. L’Autorità Procedente accerta, prima dell’adozione del Piano, la conformità alle leggi edai regolamenti vigenti, ed agli eventuali strumenti urbanistici e territoriali sovraordinatie di settore. Il PUC, redatto sulla base del Preliminare di Piano, è adottato dalla Giuntacomunale, salvo diversa previsione dello Statuto. Dall’adozione scattano le norme disalvaguardia previste dall’art. 10 della L.R. 16/2004.6. Il Rapporto Ambientale, contestualmente al Piano adottato in Giunta, è pubblicato nelBollettino Ufficiale della Regione Campania (BURC) e sul sito web dell’AutoritàProcedente, ed è depositato presso l’ufficio competente e la segreteria dell’AutoritàProcedente, nonché pubblicato all’albo dell’ente.7. Entro 60 giorni dalla pubblicazione del PUC è consentito a soggetti pubblici e privati,anche costituiti in associazioni e comitati, proporre osservazioni contenenti modifiche edintegrazioni alla proposta di Piano. L’Autorità Procedente, per approfondire lavalutazione delle osservazioni formulate ed elaborare le relative modifiche edintegrazioni al Piano, entro e non oltre il termine dei 60 giorni dalla pubblicazione delPUC, può invitare a partecipare tutti i soggetti pubblici e privati interessati ad unaconferenza di pianificazione per un’ulteriore fase di confronto. Inoltre, l’AutoritàVAS – Rapporto Ambientale Pagina 12


Comune di Orta di AtellaProcedente può invitare a partecipare ad una conferenza di pianificazione, sotto forma diconferenza di servizi, tutti gli enti che esprimono i pareri, i nulla osta e le autorizzazioni.La fase di confronto si conclude entro il termine perentorio di 30 giorni dalla primariunione. Il verbale conclusivo costituisce parte integrante della proposta di Piano.8. La Giunta comunale, entro 90 giorni dalla pubblicazione del PUC per i comuni al di sottodei 15.000 abitanti, entro 120 giorni per quelli al di sopra di detta soglia, a pena didecadenza, valuta e recepisce le osservazioni al Piano.9. Il PUC, integrato con le osservazioni ed il Rapporto Ambientale, è trasmesso alleamministrazioni competenti per l’acquisizione dei pareri, nulla osta, autorizzazioni edogni altro atto endoprocedimentale obbligatorio.10. L’Amministrazione provinciale, al fine di coordinare l’attività pianificatoria nel proprioterritorio di competenza, dichiara, entro 60 giorni dalla trasmissione del Piano completodi tutti gli elaborati, la coerenza alle strategie a scala sovracomunale da essa individuateanche in riferimento al proprio Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP).11. Sulla base dell’istruttoria svolta dall’Autorità Procedente e della documentazionepresentata, nonché delle osservazioni, delle obiezioni e dei suggerimenti inoltrati,l’Autorità Competente esprime il proprio parere motivato di VAS, così come previstodall’art. 15 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.12. Acquisito il parere motivato il procedimento prosegue e si conclude, per quanto riguardala VAS, secondo le disposizioni degli art. 16, 17 e 18 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., che fannoriferimento alle fasi della “decisione”, dell’“informazione sulla decisione” ed al“monitoraggio”.13. Il PUC adottato, acquisiti i pareri obbligatori ed il parere motivato di VAS, è trasmesso alcompetente organo consiliare che lo approva, tenendo conto di eventuali osservazioniaccoglibili, comprese quelle dell’amministrazione provinciale, e di tutti i pareri e gli atti, olo restituisce alla Giunta per la rielaborazione, nel termine perentorio di 60 giorni dalricevimento degli atti al Consiglio Comunale a pena di decadenza del Piano adottato.14. Il PUC approvato in Consiglio Comunale è pubblicato (comprensivo di tutti i documentidi VAS) contestualmente nel BURC e sul sito web dell’Autorità Procedente. Il PUC èefficace dal giorno successivo alla sua pubblicazione nel BURC.Il Regolamento chiarisce, infine, che per quanto non espressamente disciplinato nel suoarticolato, si applicano le disposizioni del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.2.3 CONSULTAZIONILa Direttiva 2001/42/CE prevede che, nell’ambito del processo di VAS, si attivino specificheforme di consultazione delle “autorità” e del “pubblico” (art. 6, comma 5). In particolare, leautorità devono essere consultate al momento della decisione sulla portata delle informazionida includere nel Rapporto Ambientale e sul loro livello di dettaglio (art. 5, comma 4); si precisaanche che devono essere consultate quelle autorità che, per le loro specifiche competenzeambientali, possono essere interessate agli effetti sull’ambiente dovuti all’applicazione deipiani e dei programmi (art. 6, comma 3).VAS – Rapporto Ambientale Pagina 13


Comune di Orta di AtellaNella stesura del PUC di Orta di Atella, coerentemente con quanto previsto dagli artt. 24 c.1,e 47 della L.R. 16/04, nonché con gli aspetti culturali derivanti dal paradigma dello SviluppoSostenibile, sono state effettuate attività ed incontri volti ad assicurare la partecipazione deicittadini, delle istituzioni e del mondo dell’associazionismo alla redazione del PUC.In particolare l’Amministrazione si è fatta promotrice di tre incontri pubblici (svoltisi il22/06/2012, il 10/09/2012, il 24/01/2013), con lo scopo di invogliare la partecipazione dellacittadinanza nel processo di pianificazione al fine di: Trasmettere l’idea che il piano è di tutti, ossia, che non esiste uno sviluppo per il territorioavulso da coloro i quali risiederanno nel territorio in questione; Integrare fra gli obiettivi del piano le considerazioni e le proposte di sviluppo dei cittadiniche, in quanto protagonisti delle trasformazioni e delle azioni che determinano l’assettodi un territorio, saranno gli effettivi fautori dei cambiamenti previsti dal piano.All’atto di approvazione da parte della Giunta Comunale (con D.G.C. 140/2012) delPreliminare del PUC e del Rapporto Ambientale Preliminare, l’Autorità Procedente ha datoavvio alla fase di scoping, inviando agli SCA, il Rapporto Ambientale Preliminare con in allegatoil “Questionario Guida per la Consultazione Preliminare alla stesura del Rapporto Ambientaledel PUC di Orta di Atella”.A seguito dell’invio del Questionario e del Rapporto Ambientale preliminare, sono statiindetti due tavoli di consultazione con gli SCA (il 24/10/2012 ed il 07/12/2012), e sonopervenute le seguenti osservazioni (che si allegano al presente Rapporto Ambientale):SOGGETTO COMPETENTE INMATERIA AMBIENTALEProvincia di Napoli – Areastrategica Ecologia, Tuteladell’Ambiente e TerritorioSoprintendenza per i BeniArchitettonici e per ilPaesaggio per le provincedi Benevento e CasertaNOTAPROTOCOLLO15189 del16/10/201217370 del05/12/2012CONTENUTO DELLA NOTANon rientrando Orta di Atella nel territorio dellaProvincia di Napoli, l’Ente non rileva la propriacompetenza nel processo di VASa) Nel Piano deve essere inclusa una tavola diindividuazione planimetrica degli immobilisottoposti a regime di tutela monumentale ope legisai sensi dell’art. 12 del D.Lgs. 42/2004, e nellenorme di attuazione deve essere richiamatol’obbligo di sottoporre qualsiasi intervento ditrasformazione dello stato esteriore dei luoghiall’autorizzazione prescritta dall’art. 21 del citatodecretob) Nel Piano deve essere inclusa una tavola diindividuazione planimetrica dettagliata delle areesottoposte a vincolo paesaggistico ope legis ai sensidell’art. 142 del D.Lgs. 42/2004 e nelle norme diattuazione deve essere richiamato l’obbligo disottoporre qualsiasi intervento di trasformazionedello stato esteriore dei luoghi all’autorizzazioneprescritta dall’art. 146 del citato decretoc) Deve essere individuata una fascia di rispetto dellearee di cui sopra da sistemare a verded) La perimetrazione della zona A – centro storicodeve essere estesa agli interi isolati senza limitarlaai fabbricati prospicienti sugli assi viari storiciVAS – Rapporto Ambientale Pagina 14


Comune di Orta di AtellaAzienda Sanitaria Locale diCasertaProvincia di Caserta –SettoreTuteladell’AmbienteAutorità di BacinoRegionale della CampaniaCentraleAutorità per la ProtezioneAmbientale della Campania17394 del06/12/201217495 del07/12/201216954 del26/11/201217680 del13/12/2012e) Il tessuto edilizio storico della frazione diCasapuzzano deve essere perimetrato come zona A– Centro storico, includendo nel perimetro gliisolati documentati nella pianta del Catasto di fineOttocento – inizio Novecentof) Devono essere individuati e sottoposti a misure diprotezione i viali alberati e gli alberi monumentaliesistentia) Parere favorevole nel rispetto delle normativeindicate nella pag. 21 del apporto AmbientalePreliminareb) Integrazione del PUC con il Piano di ZonizzazioneAcustica, come previsto dal D.M. 14/11/1997a) E’ necessario che il PUC rispetti le indicazioni e gliindirizzi del PTCP di Casertab) E’ necessario che siano rispettate le prescrizioni delparere della Commissione VIA – VAS e I ellaRegione Campania relativo al PTCP della Provinciadi Casertac) Si suggerisce che al PUC sia allegata una tabellasintetica riportante la dimostrazione del rispettodel PTCP e delle NTANell’atto di redazione del PUC dovrà essere riscontratala piena conformità del piano agli indirizzi e aicontenuti prescrittivi del PUCI e del Piano per la Tuteladel Suolo e delle Risorse IdricheL’ARPAC in riferimento alla definizione del contestoambientale allega relazione tecnica contenenteinformazioni di carattere ambientale relative alComune di Orta di Atella da integrare nel RapportoAmbientale.A seguito del ricevimento delle osservazioni, l’Autorità Procedente trasmetteva all’AutoritàCompetente comunicazione in merito all’esito della fase di scoping.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 15


Comune di Orta di Atella3. STRUTTURA, CONTENUTI ED OBIETTIVI DEL PUC DI ORTA DI ATELLAIl Piano Urbanistico Comunale è lo strumento attraverso il quale l’AmministrazioneComunale di Orta di Atella vuole operare un intervento incisivo volto non solo allarifunzionalizzazione del territorio ed alla dotazione degli standard previsti dalle norme, matendente soprattutto al recupero di spazi vivibili e alla riqualificazione ambientale.In particolare, a seguito a numerosi convegni e dibattiti pubblici, l’AmministrazioneComunale, con Delibera di Consiglio Comunale n°25 del 28/09/2012 avente ad oggetto: “Lineedi indirizzo PUC: Discussione e provvedimenti”, ha elaborato il proprio documento politico diindirizzo. Il documento evidenzia come attraverso il PUC si voglia dare una forte scossa allasistemazione ed al risanamento del territorio, con il recupero di aspetti che lo sviluppourbanistico disordinato innescatosi dall’entrata in vigore della variante al PRG ad oggi hacompletamente ignorato, impedendo la creazione di un equilibrato rapporto tra residenze,servizi sociali ed infrastrutture.3.1 IL CONTESTO TERRITORIALE E SOCIO – ECONOMICOOrta di Atella è un comune della provincia di Caserta di24.961 abitanti. Il territorio comunale di Orta di Atellaoccupa una superficie di 10,7 Kmq ed è posto sul limiteamministrativo tra le Provincie di Napoli e Caserta; confinaa nord con il comune di Marcianise (CE), ad ovest con icomuni di Succivo (CE) e di Sant’Arpino (CE), ad est con icomuni di Caivano (NA) e Crispano (NA), a sud con ilcomune di Frattaminore (NA). Orta di Atella fa parte delcosiddetto “Agro – Aversano”, che interessa 19 comuni delsettore meridionale della Provincia di Caserta, confinantecon la provincia di Napoli.Figura 1: Ortofoto di Orta di AtellaFisicamente, il territorio comunale di Orta di Atella si presenta con una forma allungatasecondo l’asse nord‐sud; il comune rientra nella vasta conurbazione che ha come centroprincipale Napoli e che si estende senza soluzione di continuità da Formia – Gaeta alla piana delSele lungo la costa e da Cassino a Benevento nell'entroterra. La struttura urbana di Orta occupaquasi tutta la porzione a sud del territorio comunale e il centro urbano non presenta alcunasoluzione di continuità con i comuni limitrofi costituenti la Antica Atella. La parte più anticadell’abitato è il risultato di un processo evolutivo iniziato all’incirca alla fine del ‘700 e che haconosciuto un notevole sviluppo nell’800. All’interno di questo tessuto esistevano piccoliagglomerati urbani, che con il trascorrere del tempo si sono saldati fra loro e hanno dato vitaad un continuum edilizio. Il centro antico e le zone residenziali sono caratterizzate da tessuticompatti, privi di qualsiasi area verde, e addirittura carenti di luoghi di aggregazione sociale.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 16


Comune di Orta di AtellaIl territorio è completamente pianeggiante e vi troviamo terreni coltivati a frutteti, ad ortaggie seminativi vari, è situata nella Pianura Campana (l'antico Ager Campanus), attraversata dalVolturno e, poco a sud, dal piccolo corso d'acqua noto come Clanio, mentre a nord, al confinecon le zona industriali di Caivano Pascarola e Marcianise, passano i Regi Lagni. Questasituazione orografica, e la vicinanza con altri centri storicamente consolidati ha influenzato,insieme ad altri fattori, lo sviluppo urbanistico facendo sì che un’ampia zona del territoriocomunale, quella a sud, sia densamente costruita ed abitata.La viabilità, nelle zone urbanizzate, è costituita da direttrici di carattere locale (sulle quali siriversa tutto il traffico urbano), che consentono i collegamenti interni e da assi viari di mediaimportanza che collegano Orta di Atella ai comuni limitrofi. Nella parte centrale del territorio,secondo l’asse est‐ovest, troviamo la strada ad alto scorrimento Nola – Villa Literno (conun’uscita nel comune di Succivo, ed un’altra dalla bretella di Caivano) che consente ad est, icollegamenti con l’autostrada A1 e l’area di Nola, mentre nella direttrice verso ovest si collegacon il litorale Domizio. Nella parte più a nord del territorio troviamo la Gricignano – Marcianise,altro asse viario di notevole importanza. Altro elemento del sistema trasporti è costituito dallaferrovia Napoli – Aversa – Caserta, che attraversa il comune nella parte nord del suo territorio,che segna il confine tra Orta di Atella e Marcianise.Per quel che riguarda il territorio del Comune di Orta di Atella, al 31/12/2011 risultano24.961 residenti (circa il 2,7% della popolazione a livello provinciale), con una variazione del+95% rispetto ai 12.800 del 2001.30.000Popolazione Residente25.00020.00015.00010.00010.04411.535 12.800 13.654 14.497 15.703 16.930 18.47320.15421.80223.31924.547 24.9615.00001981 1991 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011AnnoFigura 2: Andamento della popolazione dal 1981 ad oggi. Fonte Dati ISTAT (2012)Analizzando la dinamica naturale è bene osservare che dal 2002 al 2011 le nascite hannosempre superato il numero dei morti, provocando un saldo naturale sempre positivo (in media+248,60) negli ultimi dieci anni. La crescita della popolazione ortese è influenzatapositivamente anche dal saldo migratorio positivo dal 2002 al 2010 (in media +912,70).VAS – Rapporto Ambientale Pagina 17


Comune di Orta di Atella18001500120090060030002002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011SAL_TOT 555 843 1206 1227 1543 1681 1648 1517 1228 165Figura 3: Saldo totale della popolazione nell’ultimo decennio. Fonte Dati ISTAT (2012)Per quel che attiene la struttura della popolazione residente, essa è evidenziabile dallapiramide delle età:FEMMINEMASCHI75 e più65‐7455‐64Classe di età45‐5435‐4425‐3415‐2410‐145‐9Meno di 53.000 2.000 1.000 1.000 2.000 3.000Figura 4: Struttura della popolazione. Fonte Dati ISTAT (2012)Negli ultimi anni tende a crescere sensibilmente la popolazione residente con età compresatra i 35 ed i 44 anni, ma c’è un forte ricambio generazionale che determina un basso indice divecchiaia (pari a 30,74).L’analisi di lungo periodo rivela come nel periodo compreso dal 2001 ad oggi, con l’aumentodegli abitanti si è avuto anche un aumento delle famiglie (raddoppiate al 31/12/2011 ce nesono 8303) il cui nucleo è composto in media da 3 componenti.Per quel che riguarda lo stock abitativo al 2001 sono censite 4.216 abitazioni, costruiteprincipalmente dopo il 1962. Delle 4.216 abitazioni presenti 157 risultano essere non occupate.Le 4.059 abitazioni occupate hanno una superficie totale di 315.259 mq che significa circa 77mq/abitazione, e la maggior parte sono abitazioni con 3 stanze.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 18


Comune di Orta di AtellaNel Comune di Orta di Atella al 2001 sono presenti 402 imprese, e la popolazione residenteoccupata è pari a 3.611 unità così suddivise: Agricoltura: 118 unità; Industria: 2.282 unità; Altre attività: 1.211 unità.3.2 CONTENUTI ED OBIETTIVI DEL PUC DI ORTA DI ATELLAIl PUC, in coerenza con quanto disposto dalla L.R. 16/04, individua gli obiettivi da perseguirenel governo del territorio comunale e le azioni strategiche per l’attuazione degli stessi;coerentemente con gli strumenti sovraordinati, il PUC di Orta di Atella intende perseguire uninsieme di obiettivi integrati tra loro, volti, nel loro complesso, a promuovere una nuovaimmagine del territorio basata sulla qualità dell’ambiente e del paesaggio, sulla ricchezza delpatrimonio culturale ed identitario, e su uno sviluppo sostenibile del territorio. Gli obiettiviindividuati da perseguire con il PUC sono:a) Conservazione, tutela e valorizzazione dell’identità ambientale, storica, culturale einsediativa.b) Riequilibrio della avvenuta espansione del centro abitato e controllo del consumo delterritorio.c) Riqualificazione e riorganizzazione degli elementi deboli della struttura insediativa.d) Integrazione, connessione fisica e funzionale tra le parti, accessibilità e fruibilità di unterritorio di cerniera come Orta di Atella.e) Potenziamento della rete e delle strutture commerciali e produttive esistenti.f) Riorganizzazione e razionalizzazione della potenzialità ricettiva – turismo sostenibile edelle potenzialità storico‐culturali del territorio.g) Salvaguardia e governo delle aree naturali con potenzialità agricole.Fissate gli obiettivi della pianificazione comunale, si sono definite le azioni strategichenecessarie al raggiungimento degli stessi. Le azioni strategiche sono state definite in funzionedegli ambiti e dei sistemi territoriali nei quali è suddivisa la zonizzazione del PUC:AMBITOUrbanoSISTEMATERRITORIALESistemainsediativoAZIONI STRATEGICHE1) Favorire la riqualificazione degli insediamenti consolidati e di interessestorico – culturale attraverso il ricorso a strumenti di pianificazioneattuativa e negoziata.2) Completare i tessuti urbani recenti che manifestano debolezze strutturalianche attraverso il ricorso a Piani Urbanistici Attuativi che aumentino ladotazione di urbanizzazioni primarie.3) Riqualificare il sistema insediativo esistente (edificato in manieralegittima o meno) anche attraverso il ricorso a Piani Urbanistici Attuativie Piani di Recupero degli Insediamenti Abusivi.4) Corretto dimensionamento e localizzazione delle aree residenziali dinuovo impianto.5) Rilancio delle attività localizzate all’interno del centro urbano.6) Incentivare il completamento e la nascita di Aree Produttive.7) Aumentare la dotazione di attrezzature di carattere locale, al fine dimigliorare la dotazione di standard e la qualità della vita.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 19


Comune di Orta di AtellaAMBITOExtraurbanoSISTEMATERRITORIALESistema dellamobilitàSistemaambientaleAZIONI STRATEGICHE1) Rafforzamento e miglioramento delle connessioni tra il territorio e le retiinfrastrutturali di tipo sovracomunale (Marcianise‐Casapuzzano e Aversa‐Caivano) e di tipo comunale (viabilità nel centro storico e area adiacente).2) Realizzazione di infrastrutture in grado di facilitare e garantire la fruibilitàdel territorio.1) Tutela dell’integrità ambientale.2) Tutela della diversità delle produzioni agricole.3) Tutela delle aree sorgenti di rischio ambientale.3.3 IL DISEGNO DEL PUC DI ORTA DI ATELLAIl PUC suddivide il territorio comunale in due macro ambiti: l’Ambito Urbano, che è la parte del territorio caratterizzato dalla presenza delle areedestinate agli usi urbani (residenziali e/o produttivi).L’ambito urbano è costituito da sistemi di aree, tra loro interrelate con caratteristiche edotazioni diverse in relazione all’uso cui sono destinate; in funzione dell’uso delle aree, sidistinguono:a) Il Sistema della mobilità, che comprende il complesso delle aree destinate alla mobilitàcostituenti la rete viaria principale e secondaria, i percorsi pedonali o ciclabili, leinfrastrutture ferroviarie, le grandi superfici e gli invasi volti all’organizzazione deiservizi di trasporto.b) Il Sistema insediativo, che racchiude:• Le aree destinate all’utilizzazione residenziale del territorio ed ingloba tanto lesuperfici interessate dalle abitazioni quanto le aree più direttamente a servizio dellestesse e del vivere sociale. Queste ultime comprendono le aree utilizzate per attivitàed attrezzature collettive, nonché le aree destinate a verde;• Le aree utilizzate per le attività produttive, manifatturiere e/o commerciali,comunque diverse da quelle naturali ed agricole;• Le aree utilizzate per funzioni amministrative e di interesse generale; per funzionie/o attività di interesse comune, di carattere sociale o culturale, tra questecomprendendo le attività per il tempo libero e lo sport.c) Il Sistema ambientale, che ingloba i suoli dell’ambito extraurbano, riservati agli usiagricoli e pascolavi, e quelli oggetto di particolari limitazioni nell’utilizzazione. l’Ambito Extraurbano, che è la parte del territorio che comprende le aree diverse dalleprecedenti e quelle destinate alla produzione agricola, forestale e/o pascoliva.L’ambito extraurbano, ai fini della individuazione delle limitazioni cui è assoggettato, èsuddiviso nella zona agricola “E” e nella zona “SRA”, che ‐ trovandosi, nell’interessecomune, ad essere sede di funzioni, di attività e/o deposito di materiali potenzialmenteinquinanti ‐ risulta essere sorgente di rischio ambientale.Nell’ambito urbano, il Sistema insediativo del PUC è suddiviso in:DESTINAZIONE ZONA OMOGENEA DEFINIZIONEZONE PERE’ il Nucleo Antico di Orta centro e della frazione Casapuzzano cheL’INSEDIAMENTODELLE RESIDENZEA – Centro storico rappresentano gli impianti urbanistici che sono stati centri dicultura locale o di produzione artistica, e che conservano l’aspettoVAS – Rapporto Ambientale Pagina 20


Comune di Orta di AtellaDESTINAZIONE ZONA OMOGENEA DEFINIZIONEo i connotati d’insieme della città storica o di una consistente partedi essa.ZONAPERL’INSEDIAMENTODI EDIFICI DI TIPOMISTOZONEPERL’INSEDIAMENTODIPRODUTTIVEZONAATTIVITÀPERL’INSEDIAMENTODI FUNZIONI E/ODI ATTIVITÀ DIINTERESSEGENERALE E DIALTRO TIPOBs – Centro urbanoedificata saturaB – Centro urbano dicompletamentoB 1 2 – Edificata direcupero urbanoCa – Di espansione everifica dell’esistenteCb – Di espansioneCc – Di riqualificazioneurbanistica edambientaleD1 – Insediamenti ditipo manifatturiero acarattere artigianalee/o industrialeD2 – Insediamenti ditipo commercialedirezionale‐turisticoD3 – Insediamenti conprobabile rischiorilevante (DirettivaSeveso III)F – Attrezzature einfrastrutture diinteresse collettivoVPR – Verde privato dirispettoComprende la parte di territorio comunale della prima espansionedi Orta e della frazione Casapuzzano, nonché le aree a ridosso diqueste di più recente espansione, completamente edificate.Comprende la parte di territorio comunale del centro urbanopreesistente, abbastanza ben dotata di infrastrutture primarie,con aree libere, aree parzialmente edificate di recente ointeressate da costruzioni in corso di esecuzione.Comprende la parte di territorio comunale di connettivo tral’antica zona di completamento del PRG e la prima zona diespansione residenziale. Tale fascia del territorio (contrariamentealle indicazioni del PRG) non è mai stata oggetto di pianificazioneattuativa, ma risulta edificata per interventi di tipo diretto, sullabase del comma 2 dell’art.12 del DPR 380/2001.Comprende il tessuto urbano che attualmente risulta in buonaparte edificato per interventi di tipo diretto (sulla base del comma2 dell’art.12 del DPR 380/2001), senza mai aver ricevuto(contrariamente alle indicazioni del PRG) una pianificazioneattuativa.Comprende le aree non ancora interessate da fenomeni diedificazione, ma posizionate sul territorio, in maniera tale dacostituire la naturale futura zona di espansione residenziale delpaese.Le ZTO “Cc” rappresentano un ambito in cui sono presentiedificazioni di vario tipo e specie, in genere incompatibili con ledestinazioni d’uso previste dal PRG, ovvero con inidonee opere diurbanizzazione primaria. Le ZTO “Cc” risultano fortementeconnotate da edifici eseguiti in base a Permessi di Costruire oggiquasi tutti annullati.La ZTO è destinata ad ospitare esclusivamente edifici edattrezzature per attività, artigianali e/o industriali,razionalizzando e completando il tessuto produttivo già esistente.In tale ZTO sono vietati gli insediamenti per attività nocive diqualsiasi genere e natura.La ZTO è destinata ad ospitare edifici ed attrezzature per attivitàcommerciali, direzionali e turistiche, razionalizzando ecompletando il tessuto urbanistico esistente e di progetto. TaleZTO è attualmente già occupata per quasi il 51% da lotti edificati,mai oggetto di pianificazione attuativa. In tale ZTO sono vietati gliinsediamenti per attività nocive di qualsiasi genere e natura.La ZTO è destinata ad ospitare edifici ed attrezzature per attivitàproduttive in genere, nocive di qualsiasi genere e natura (pertrattamento di materiali potenzialmente pericolosi ai sensi della“Direttiva Seveso III”, per emissioni di inquinanti, di fumi, perattività particolarmente rumorose, ecc.). Comprende un’area benlontana dal centro abitato e da altri tipi di infrastrutture (siaesistenti che di progetto) con presenza e permanenza anchelimitata nel tempo di popolazione.La ZTO è riservata all’insediamento di attrezzature perl’istruzione, per la sanità, per funzioni ed attrezzature di interessesociale e/o religioso, per lo sport ed il tempo libero, per iparcheggi, verde pubblico attrezzato e tutto quanto altro elencatoall’articolo 4 punti 32) e 33) delle NTA del PUC.La ZTO è riservata a fasce verdi che assolvono a funzione di filtrorispetto all’edificato urbano e tra ambiti a diversa specializzazionefunzionale.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 21


Comune di Orta di AtellaL’ambito extraurbano è suddiviso in:DESTINAZIONE ZONA OMOGENEA DEFINIZIONEZONA AGRICOLA E ‐ Agricola La ZTO è sede delle attività agricole e della coltivazione dei campiLa ZTO racchiude le aree sulle quali è localizzato l’impianto diZONA SORGENTEdepurazione delle acque dei Regi Lagni. Tale utilizzazioneSRA – Sorgente diDI RISCHIOrappresenta per il territorio e per l’ambiente un rischio elevato,rischio ambientaleAMBIENTALErispetto al quale è opportuno assumere provvedimenti cautelativi,a tutela della salute.Dagli indici territoriali assegnati dalle NTA alle zone urbanistiche trasformabili (B e C) èpossibile desumere l’edificazione massima teorica in termici di volume (espresso in mc) ed intermini di appartamenti. Di seguito si riporta la capacità insediativa teorica del PUC.ZONATERRITORIALEOMOGENEAIT(MC/MQ)IF(MC/MQ)AREA LIBERATOTALE (MQ)VOLUMETOTALE (MC)APPARTAMENTI(NR.)B ‐‐ 3,50 16.403,00 28.705,25 71,8B 1‐2 ‐‐ 2,30 35.652,00 40.999,80 102,5CA 0,90 1,40 13.670,00 12.303,00 30,8CB 0,90 ‐‐ 107.505,00 96.754,50 241,9CC 1,10 ‐‐ 118.643,00 130.507,30 326,3TOTALE ‐‐ ‐‐ 291.873,00 309.269,85 773,23.4 RAPPORTO CON ALTRI PIANI E PROGRAMMI PERTINENTILa costruzione del quadro normativo del PUC è propedeutica alla verifica di coerenza esternatra gli obiettivi del Piano e gli obiettivi degli altri programmi territoriali di livello regionale,interprovinciale e provinciale già adottati e/o approvati durante la stesura del RapportoAmbientale.I piani ed i programmi di livello regionale sono i seguenti: Piano Territoriale Regionale (PTR), approvato con la Legge Regionale n. 13 del 13 ottobre2008; Piano Regionale delle Attività Estrattive (P.R.A.E.), approvato dal Commissario ad Actacon Ordinanza n. 11 del 7 giugno 2006; Programma degli Interventi Infrastrutturali per il Sistema Integrato Regionale deiTrasporti, approvato dalla Giunta Regionale della Campania con Deliberazione n 1228 del5 aprile 2002; Piano Regionale di Bonifica dei Siti Inquinati, approvato dalla Giunta Regionale dellaCampania con Deliberazione n. 711 del 13 giugno 2005; Piano Regionale di Risanamento e Mantenimento della Qualità dell’Aria, approvato dallaGiunta Regionale della Campania con Deliberazione n. 167 del 14 febbraio 2006; Piano Regionale di Tutela delle Acque, adottato dalla Giunta Regionale della Campania conDeliberazione n. 1220 del 6 luglio 2007; Piano Regionale dei Rifiuti, approvato dalla Giunta Regionale della Campania conDeliberazione n. 8 del 23 gennaio 2012.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 22


Comune di Orta di AtellaI piani ed i programmi di livello interprovinciale e provinciali sono i seguenti: Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico (PUCI) dell’Autorità di Bacino Nord Occidentaledella Campania, approvato con attestato del Consiglio Regionale n. 200/2 del 24/11/2011di approvazione della D.G.C.R. n. 506 del 04/10/2011, e pubblicato sul BURC n. 74 del05/12/2011; Piano per la tutela del suolo e delle risorse idriche dell’Autorità di Bacino NordOccidentale della Campania, approvato con Delibera del Comitato Istituzionale n. 611 del31/05/2012, e pubblicato sul BURC n. 35 del 04/06/2012; Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) della Provincia di Casertaapprovato con D.C.P. n. 26 del 26/04/2012.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 23


Comune di Orta di AtellaPIANO/PROGRAMMAP.T.R.P.R.A.E.PROGRAMMA DEGLIINTERVENTIINFRASTRUTTURALI PERIL SISTEMA INTEGRATOREGIONALE DEITRASPORTIPIANO DI BONIFICA DEISITI INQUINATISTRUMENTI DI PIANIFICAZIONE/PROGRAMMAZIONE DI LIVELLO PROVINCIALEOBIETTIVI QUALITATIVI/QUANTITATIVI Superare i problemi di compatibilità delle opere di grande infrastrutturazione mediante la qualità delle soluzioni previste per ogni ipotesi di nuova operao di modifica di quelle esistenti. Costruzione un progetto di connessione tra i residui ambienti a naturalità diffusa, tutelando la permanenza di territori ad uso agricolo di alto valoreeconomico, paesaggistico ed ecologico e di ampi tratti liberi da edificazione sulla costa favorendo la promozione economica del territorio sulla base delletradizioni e delle specificità esistenti e compatibili con la risorsa ambiente. Perseguire il recupero delle condizioni ottimali di qualità dell’ambiente marino e costiero, l’armonizzazione delle varie attività antropiche e degli usi delterritorio costiero limitandone gli impatti, il mantenimento e la valorizzazione delle risorse paesistiche e culturali, la riduzione o l’eliminazione delleattività a rischio di inquinamento attraverso il miglioramento della gestione degli insediamenti umani soprattutto nei riguardi dell’acqua potabile, deireflui e dei rifiuti solidi e scarichi industriali e la revisione e il completamento della rete depurativa. Costruzione di un modello che trasformi la conurbazione della piana in sistema policentrico fondato su una pluralità di città, di ruoli complementari, didiversificate funzioni prevalenti, ricercando le tracce di identità residue e utilizzando numerose aree in dismissione. Costruzione della rete ecologica e difesa della biodiversità Valorizzazione e sviluppo dei territori marginali Valorizzazione delle identità locali attraverso le caratterizzazioni del paesaggio colturale e insediato Qualificazione della leggibilità dei beni paesaggistici di rilevanza storico‐culturale Valorizzazione dei sistemi di beni archeologici e delle testimonianze della storia locale Recupero delle aree dismesse e in via di dismissione Rischio attività estrattive Attività produttive per lo sviluppo agricolo Attività per lo sviluppo turistico Regolare l’attività estrattiva in funzione del soddisfacimento anche solo parziale del fabbisogno regionale, calcolato per province Promuovere il recupero e l’eventuale riutilizzo del territorio con cessazione di ogni attività estrattiva, in un tempo determinato, in zone ad alto rischioambientale ed in aree in crisi Ridurre il consumo di risorse non rinnovabili anche attraverso l’incentivazione ed il riutilizzo degli inerti Sviluppare le attività estrattive in aree specificatamente individuate Promuovere, ove possibile, la ricomposizione e la riqualificazione delle cave abbandonate Incentivare la qualità dell’attività estrattiva e prevedere nuovi e più efficienti sistemi di controllo Promuovere la prevenzione e la repressione del fenomeno dell’abusivismo nel settore estrattivo Garantire l’accessibilità per le persone e le merci all’intero territorio regionale, con livelli di servizio differenziati in relazione alle esigenze socioeconomichedelle singole aree al fine di conseguire obiettivi territoriali (decongestionare le aree costiere, collegare le aree interne) e produttivi Assicurare elevate potenzialità ed affidabilità al sistema dei trasporti, ed al contempo bassa vulnerabilità, in maniera particolare nelle aree a rischio Garantire la qualità dei servizi di trasporto collettivi, il loro accesso alle fasce sociali deboli e/o marginali, ed idonee condizioni di mobilità alle personecon ridotte capacità motorie Assicurare lo sviluppo sostenibile del trasporto riducendo i consumi energetici, le emissioni inquinanti e gli impatti sul territorio Assicurare la sicurezza riducendo l’incidentalità, in particolare per la rete stradale Minimizzare il costo generalizzato della mobilità (costo risultante dalla somma dei costi di produzione del trasporto privato e del trasporto pubblico) edil valore di tutte le risorse che gli utenti del sistema debbono consumare per muoversi (tempo, rischio incidenti, carenza comfort) Raccogliere e sistematizzare i dati esistenti sulle diverse matrici ambientali Valutare il rischio di inquinamento per l’ambiente naturale, il territorio urbanizzato ed il danno per la salute pubblicaVAS – Rapporto Ambientale Pagina 24


Comune di Orta di AtellaPIANO DI RISANAMENTOE MANTENIMENTO DELLAQUALITÀ DELL’ARIAPIANO REGIONALE DIGESTIONE DEI RIFIUTIURBANI Attuare la bonifica ed il ripristino ambientale dei siti per i quali si registra il superamento o il pericolo concreto ed attuale di superamento dei valori diconcentrazione limite accettabile di sostanze inquinanti Attuare la messa in sicurezza dei siti contaminati laddove i valori di concentrazione limite accettabile di sostanze inquinanti non possono essere raggiunti,nonostante l’applicazione delle migliori tecnologie disponibili Conseguire, entro il 2010, nelle zone definite di risanamento, il rispetto degli obiettivi di qualità dell’aria, stabiliti dalle più recenti normative europee, conriferimento ai seguenti inquinanti: ossidi di zolfo, ossidi di azoto, monossido di carbonio, particelle sospese con diametro inferiore a 10μm, benzene Evitare, entro il 2010, nelle zone definite di mantenimento, il peggioramento della qualità dell’aria con riferimento ai seguenti inquinanti: ossidi di zolfo,ossidi di azoto, monossido di carbonio, particelle sospese con diametro inferiore a 10μm, benzene Contribuire al rispetto dei limiti nazionali di emissione di ossidi di zolfo, ossidi di azoto, composti organici volatili ed ammoniaca Conseguire il rispetto dei limiti di emissione, con riferimento agli ossidi di zolfo, ossidi di azoto e polveri, per i grandi impianti di combustione Conseguire una considerevole riduzione delle emissioni dei precursori dell’ozono e porre le basi per il rispetto degli standard di qualità dell’aria per taleinquinante Contribuire con le iniziative di risparmio energetico, di sviluppo di produzione di energia elettrica con fonti rinnovabili e tramite la produzione di energiaelettrica da impianti con maggiore efficienza energetica a conseguire, entro il 2010, la percentuale di riduzione delle emissioni prevista per l’Italia inapplicazione del protocollo di Kyoto Minimizzazione dell’impatto del ciclo dei rifiuti, a protezione della salute umana e dell’ambiente Conservazione di risorse, quali materiali, energia e spazi Gestione dei rifiuti “after‐care‐free”, cioè tale che né la messa a discarica né la termovalorizzazione, il riciclo o qualsiasi altro trattamento comportinoproblemi da risolvere per le future generazioni Raggiungimento dell’autosufficienza regionale nella gestione dei rifiuti urbani Raggiungimento della sostenibilità economica del ciclo dei rifiuti Trattamento in sicurezza ed in tempi ragionevoli dei rifiuti stoccati da anni sul territorio regionaleVAS – Rapporto Ambientale Pagina 25


Comune di Orta di AtellaSTRUMENTI DI PIANIFICAZIONE/PROGRAMMAZIONE DI LIVELLO PROVINCIALE E INTERPROVINCIALEPIANO/PROGRAMMAOBIETTIVI QUALITATIVI/QUANTITATIVIPUCI DELL’AUTORITÀ DI Ripristino degli equilibri idrogeologici e ambientaliBACINO NORD Recupero degli ambiti idraulici e del sistema delle acqueOCCIDENTALE DELLA Programmazione degli usi del suolo ai fini della difesa, della stabilizzazione e del consolidamento dei terreni.CAMPANIAPIANO PER LA TUTELADEL SUOLO E DELLERISORSE IDRICHEPTCP DELLA PROVINCIADI CASERTA Protezione dei suoli e delle acque come risorse limitate e non rinnovabili e come ecosistema per gli altri organismi viventi; Protezione dei suoli di elevata capacità d’uso agro‐silvo‐pastorale; Salvaguardia dei valori naturalistici ed ambientali del territorio; Difesa del territorio dai processi erosivi, alluvionali e di inquinamento; Conservazione dell’indice di permeabilità dei suoli; Salvaguardia dai fenomeni di allagamento per insufficienza del reticolo urbano e compatibilità dei deflussi nei ricettori finali derivanti da nuoveimpermeabilizzazioni. Riequilibrio dei pesi insediativi; Mitigazione del rischio ambientale e antropico; Minimizzazione del consumo di suolo; Formazione della rete ecologica provinciale; Tutela dei valori paesaggistici e naturali; Recupero dei centri storici; Soddisfacimento della pressione insediativa; Riqualificazione degli insediamenti; Potenziamento della rete su ferro e della mobilità debole; Modernizzazione della rete stradale; Mitigazione dell’impatto delle grandi infrastrutture (aeroporto di Grazzanise e interporto di Marcianise).VAS – Rapporto Ambientale Pagina 26


Comune di Orta di Atella4. IL CONTESTO AMBIENTALE E TERRITORIALE DI RIFERIMENTONel presente capitolo si riporta l’illustrazione dei contenuti delle lett. b), c) e d) dell’AllegatoVI del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. pertinenti il PUC, che, nello specifico, riguardano: Gli aspetti pertinenti lo stato attuale dell’ambiente e probabile evoluzione dello statodell’ambiente senza l’attuazione del Piano; Le caratteristiche ambientali, culturali e paesaggistiche delle aree che potrebbero esseresignificativamente interessate; Qualsiasi problema ambientale esistente pertinente al Piano, ivi compresi in particolarequelli relativi ad aree di particolare rilevanza ambientale, culturale e paesaggistica,nonché, i territori con produzioni agricole di particolare qualità e tipicità, di cui all’articolo21 del D.Lgs. 228/2001.I dati relativi alla conoscenza ed alla descrizione dello stato dell’ambiente sono prodottiseguendo due step procedurali distinti: Lettura ed analisi della documentazione di settore disponibile (macrodati); Conoscenza puntuale dell’ecosistema territoriale di riferimento mediante gli elaboratiprodotti nella stesura del PUC.Le due fasi sono complementari tra loro in quanto i dati a disposizione pubblicati sullo statodell’ambiente sono scarsi e spesso frutto di interpolazione di dati rilevati a grande distanza dalcomune stesso. Per ciascuna delle tematiche ambientali, sono descritti in maniera dettagliata leinformazioni e i dati che consentono di costruire in maniera soddisfacente lo stato attualedell’ambiente per il territorio di Orta di Atella.4.1 ACQUAL’acqua, come le altre risorse naturali, è ovviamente indispensabile per lo sviluppo. Non puòessere considerata solo una risorsa da utilizzare, ma anche un patrimonio ambientale edeconomico da tutelare. Per questo la tutela della risorsa idrica costituisce un obiettivostrategico mondiale, le cui principali problematiche si possono ricondurre a due grandi temi: L’inquinamento dei corpi idrici superficiali e delle falde sotterranee; Il consumo dell’acqua, al di fuori di una gestione razionale e sostenibile.Attualmente i problemi di inquinamento dovuti all’attività dell’uomo possono suddividersiin due grandi aree: Fonti puntuali o concentrate, ovvero gli scarichi civili (provenienti da insediamentiabitativi e/o commerciali) e quelli industriali più facilmente identificabili e controllabili; Fonti diffuse, legate soprattutto alle attività agricole e agli spandimenti zootecnici, in cuile acque di dilavamento dei terreni trasferiscono sostanze inquinanti in parte nei corsid’acqua e in parte, infiltrandosi nel sottosuolo, nella falda sottostante; l’inquinamentodiffuso è quindi di più difficile individuazione.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 27


Comune di Orta di AtellaIl territorio di Orta di Atella ricade nel bacino idrografico dei Regi Lagni, che è delimitato anord dall’argine sinistro del fiume Volturno e dai monti Tifatini, a sud dai Campi Flegrei e dalmassiccio Somma‐Vesuvio e ad est dalle pendici dei monti Avella; tale bacino sottende unasuperficie di circa 1300 kmq che, dal punto di vista morfologico, può essere suddivisa in un’areamontana e pedemontana, dell’estensione di circa 550 kmq, caratterizzata da pendici piuttostoacclivi (i sottobacini di maggiore interesse sono quelli del torrente Boscofangone, del Gaudo,del Quindici, del lagno di Somma, di Spirito Santo, di Avella), e da una zona di pianura, estesacirca 750 kmq, caratterizzata dalla presenza del canale dei Regi Lagni, di lunghezza di circa 55km, che costituisce in pratica l’unico recapito delle acque meteoriche provenienti dallecampagne attraversate e dalla maggior parte dei comuni presenti nell’area. L’intero bacino hasubito nel corso dei secoli diversi interventi di bonifica e artificializzazione che hanno condottoalla ramificata canalizzazione esistente. L'idrografia superficiale è pertanto rappresentata,lungo il limite comunale settentrionale, dalla asta principale dei Regi Lagni, realizzati a partiredal XVI secolo dal vicereame spagnolo con lo scopo di regolarizzare e drenare le acque deltortuoso corso del Fiume Clanio, che scaturiva alle pendici dei Monti di Avella, alimentato danumerosi tributari minori e sfociava nel lago Patria. Inoltre si rileva l’esistenza di un canale aregime torrentizio che defluisce da sud‐sudovest verso nordest confluendo nei Regi Lagni, cheattraversa tutto il territorio comunale, attualmente interamente tombato. I corpi idricisotterranei sono, invece, rappresentati dalle falde acquifere rinvenibili all’interno delcomplesso piroclastico di piana o al contatto tra la facies giallastra e grigia della dell’IgnimbriteCampana.Per quanto concerne le acque superficiali loStato Ambientale dei Corsi d’Acqua (SACA) è unindice di qualità degli ambienti fluviali,introdotto dal D.Lgs. 152/1999. Esso è definitodal confronto tra i valori dello Stato Ecologicodei Corsi d’Acqua (SECA – classi variabili da 5 a1 al crescere della qualità delle acque) e leconcentrazioni di microinquinanti (sia organiciche metalli pesanti) eventualmente presentinelle acque fluviali. Se la concentrazione anchedi un solo microinquinante è superiore alvalore soglia come indicato nell’allegato 1 delD.Lgs. 152/1999 il giudizio dell’indice SACAdiventa automaticamente scadente (pessimonel caso di V classe SECA). La scala dei valori diqualità ambientale è compresa tra pessimo edelevato (pessimo, scadente, sufficiente, buono,elevato).Figura 5: Carta del SECA anni 2006‐2007. Fonte dati Rapportosullo Stato dell’ambiente in Campania 2009.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 28


Comune di Orta di AtellaPer il territorio ortese, si è estratto il valore del SACA relativo al Corso d’acqua dei Regi Lagnipari a 5 (pessimo); questo a causa delle elevate concentrazioni di cromo e nichel.Per quanto riguarda le acque sotterranee, larete ad oggi implementata da ARPAC consenteil monitoraggio dei principali acquifericarbonatici, vulcanici ed alluvionali dellaregione, che costituiscono i maggiori settori diapprovvigionamento idropotabile. Perun’indicazione qualitativa delle acquesotterranee il D.Lgs. 152/1999 prescrive l’usodello Stato Chimico delle Acque Sotterranee(SCAS). Lo SCAS si basa sui valori dei parametrichimico‐fisici di base e addizionali, utilizzabiliper la caratterizzazione delle acque e perl’impatto prodotto dagli inquinanti organici einorganici, d’origine antropica o naturalepresenti in falda.Figura 6: Carta dello SCAS anni 2006‐2007. Fonte datiRapporto sullo Stato dell’ambiente in Campania 2009.Per la definizione della classe chimica si utilizza il valore medio rilevato per ciascunparametro di base o addizionale nel periodo di riferimento, attribuendo le classi di qualità sullabase del valore peggiore riscontrato, secondo quanto indicato nel D.Lgs. 152/1999 (allegato 1).Lo SCAS è la rappresentazione sintetica dell’entità degli impatti di origine antropica sullecaratteristiche chimico‐fisiche delle acque sotterranee. L’indicatore evidenzia il livello dialterazione qualitativa della falda ed eventualmente la presenza di particolari faciesidrochimiche con elevate concentrazioni di sostanze inquinanti di origine naturale. Per ilterritorio ortese, si è estratto il valore dello SCAS relativo ai Regi Lagni, pari a 0‐3 che indicaacque di qualità mediamente sufficiente caratterizzate dalla presenza di inquinanti di originenaturale accanto ad una presenza di nitrati di origine antropica.Altro fattore di importante da tenere in considerazione è la concentrazione di nitratiderivanti da fonti civili, industriali ed agricole, uno tra i fattori di inquinamento delle acquesuperficiali e sotterranee che assumono maggiore rilievo. Orta di Atella rientra tra i Comuniindividuati dalla D.G.R. n. 700/2003 come zona vulnerabile all’inquinamento da nitrati diorigine agricola.Per quel che concerne le principali caratteristiche dei servizi idrici presenti nel territorioortese, queste sono state desunte dal Piano d’Ambito dell’ATO 2, e sono riportati nelle tabelleseguenti.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 29


Comune di Orta di AtellaTabella 1: Grado di copertura dei servizi idrici. Fonte dati Piano d’ambito ATO 2GRADO DI ACQUEDOTTO FOGNATURACOPERTURA 100% 90%Tabella 2: Stato di efficienza delle adduttrici. Fonte dati Piano d’ambito ATO 2COD.CONSERVAZICOD. DENOMINAZIO FUNZION LUNG. ANNO FINEGESTOONE OPEREOPERA NE OPERA AMENTO (KM) COSTRUZIONERECIVILIG2007AD195Adduzione perOrta di AtellaCONSERVAZIONEOPEREELETTROMECCANICHELIVELLO DIFUNZIONALITÀGravità 1,25 1958 Sufficiente Sufficiente SufficienteTabella 3: Stato di efficienza della rete di distribuzione. Fonte dati Piano d’ambito ATO 2CODICEGESTOREG0081CODICEOPERAD0001DENOMINAZIONEOPERARete didistribuzionecomunaleANNO DIENTRATA INESERCIZIOCONSERVAZIONEOPERE CIVILICONSERVAZIONE OPEREELETTROMECCANICHELIVELLO DIFUNZIONALITÀLUNG.1901 Sufficiente Sufficiente Sufficiente 32(KM)Tabella 4: Stato di efficienza dei collettori. Fonte dati Piano d’ambito ATO 2CODICEGESTOREG3000CODICEOPERACL066DENOMINAZIONEOPERACollettore Orta diAtellaANNO DIENTRATA INESERCIZIOCONSERVAZIONEOPERE CIVILILIVELLO DIFUNZIONALITÀCONSERVAZIONEOPERALUNG.(KM)1980 Sufficiente Sufficiente Sufficiente 3,063Tabella 5: Stato di efficienza rete fognaria. Fonte dati Piano d’ambito ATO 2CONSERVAZIONE CONSERVAZIONE OPERECODICE GESTORE CODICE OPERA DENOMINAZIONE OPERAOPERE CIVILI ELETTROMECCANICHEG0081 FM001 Rete fognaria comunale Sufficiente SufficienteTabella 6: Stato di efficienza degli impianti di sollevamento. Fonte dati Piano d’ambito ATO 2CONSERVAZIONE CONSERVAZIONE OPERECODICE GESTORE CODICE OPERA DENOMINAZIONE OPERAOPERE CIVILI ELETTROMECCANICHEG0081 FM001 Rete fognaria comunale Sufficiente SufficienteTabella 7: Depurazione dati tecnici. Fonte dati Piano d’ambito ATO 2CODICE GESTORE CODICE OPERAPOTENZIALITÀABITANTI EQUIVALENTIN° ABITANTI SERVITI VOLUME SCARICATO MC.G0081 FM001 838.000 220.806 13.148.815Nel Comune di Orta di Atella è ubicato il Depuratore Comprensoriale “Napoli Nord” – S.P.Succivo – Marcianise, impianto del tipo biologico a fanghi attivi con trattamenti preliminari digrigliatura, dissabbiatura, microgrigliatura e disoleazione, sedimentazione primaria,ossidazione biologica, sedimentazione secondaria e disinfezione finale mediante impiantoipoclorito di sodio. Il ricettore finale è rappresentato dal Canale dei Regi Lagni. L’impianto trattale acque reflue provenienti dal collettore di Secondigliano e di Orta di Atella, nonché, dalcollettore proveniente dalla zona dei nuovi insediamenti di Orta di Atella. Lo scarico èautorizzato con provvedimento rilasciato dalla Provincia di Caserta in data 23/06/2008, ed èin corso il procedimento per il rinnovo dello stesso da parte del Comune di Orta di Atella.L’ARPAC esegue mediamente presso l’impianto due controlli mensili, consistenti in attività disopralluogo con prelievo delle acque reflue scaricate, mediante campionamenti effettuati sulleVAS – Rapporto Ambientale Pagina 30


Comune di Orta di Atella24 ore (utilizzando il campionatore automatico installato presso l’impianto) e sulle 3 ore,finalizzati alla verifica della conformità dello scarico ai limiti previsti dalle Tabelle 1 e 3 delD.Lgs. 152/2006 e s.m.i. Per quanto attiene agli esisti analitici sui campioni prelevati negliultimi tre anni si riporta una sintesi nella seguente tabella.Tabella 8: Depurazione dati tecnici. Fonte dati ARPACANNO NR. PRELIEVI REG NON REG. SST NH4 COD BOD E. COLI TENS. NO2 ZINCO ALLUM.2010 17 0 17 12 14 12 15 13 13 3 0 02011 28 5 23 13 11 9 14 15 11 8 1 02012 * 21 5 16 9 6 10 11 10 8 3 0 1* dati aggiornati al 31/12/2012 (esiti parziali per il mese di ottobre)L’impianto è gestito dal Commissario Delegato della Regione Campania, ed è statointeressato dal 2010 ad oggi da lavori di rifunzionalizzazione relativamente alla grigliatura,dissabbiatura/disoleatura, nonché, ad alcune componenti della sedimentazione primaria esecondaria, parte dei quali tuttora in corso. Tali lavori hanno attenuato le criticitàimpiantistiche sebbene gli stessi non siano ancora in grado di incidere significativamente sulcarico organico in uscita: di conseguenza i parametri SST, COD, e BOD5 risultano quasi semprefuori limite. Il perdurare di tale situazione è da attribuire, stante i miglioramenti impiantisticiapportati, anche al frequente ingresso di “reflui anomali”, ad elevato carico organico e con valoridi SST che raggiungono punte di 890 mg/l, presumibilmente di origine industriale, checompromettono ulteriormente il processo biologico. Tali anomalie contribuiscono acomprometterne il processo di depurazione biologica, generando maleodoranze incorrispondenza di alcune sezioni impiantistiche che, in determinate condizioni meteorologiche,giungono anche presso il centro abitato, con segnalazione da parte della cittadinanza deiconseguenti disagi.Non risultano scarichi industriali con immissione in corpo idrico superficiale ovvero susuolo.4.2 AMBIENTE URBANOIl Comune di Orta di Atella è dotato di Piano Regolatore Generale, approvato con Decreto delPresidente dell’Amministrazione Provinciale n°18 del 11/11/1998, la cui variante venneapprovata con Decreto del Presidente dell’Amministrazione Provinciale n°33 del 04/05/2001.Il PRG vigente oggi risulta superato per diverse motivazioni, tra le quali assumono rilievo da unlato il notevole e progressivo avanzare dell’edificato, che, in taluni casi, ha provocato lasottrazione di aree destinate a standard, dall’altro la mancata attuazione degli interventiinerenti le opere pubbliche con il conseguente decadimento del vincolo preordinatoall’esproprio.A partire dal 2000 la zona edificata ha conosciuto una notevole espansione a nord del centropiù antico, espansione che, non sempre realizzata in conformità ai dettati della normativaurbanistica, ha determinato notevole incremento della popolazione, incremento di gran lungasuperiore alle previsioni del piano stesso, tale da indurre l’amministrazione a fornire quale“indirizzo primario” per le previsioni di PUC il riequilibrio del territorio mediante interventivolti alla tutela ambientale e al riassetto urbanistico senza prevedere ulteriori espansioniabitative, al didi una contenuta previsione di naturale crescita demografica. Al suddettoVAS – Rapporto Ambientale Pagina 31


Comune di Orta di Atellasviluppo sono peraltro spesso collegate problematiche di legittimità degli interventi,problematiche che non possono essere risolte nell’ambito delle previsioni del PUC ma cheandranno affrontate nell’ambito della normativa specifica sia di carattere edilizio che dicarattere urbanistico avente livello di dettaglio quali i piani attuativi.All’insediamento di abitanti e alla crescita di vani non è parallelamente corrisposta larealizzazione di infrastrutture pubbliche, e, pertanto, gli standard attualmente esistenti sono digran lunga inferiori a quanto previsto dalla legislazione vigente. Secondo il D.M. 1444/1968 ladotazione minima delle aree per servizi sociali è pari a 18 mq per abitante; tale dotazionesecondo la L.R. 14/1982 è elevata 20 mq per abitante nei Comuni con tasso medio di incrementodemografico nell'ultimo decennio superiore al 5%, come nel caso di Orta di Atella. Nella tabellaseguente vengono evidenziati gli spazi pubblici presenti, il fabbisogno previsto dalla L.R.14/1982, ed il grado di carenza degli stessi in funzione della popolazione presente all’anno2011 (25.394 abitanti).Tabella 9: Dotazione di aree a standard al 2011ATTREZZATUREAREE PER ATTREZZATURE DIINTERESSE COMUNEPRESENTIFABBISOGNODA L.R. 14/1982GRADO DI CARENZAmq mq/ab mq mq/ab mq mq/ab40.505,00 1,60 63.485,00 2,50 ‐22.980,00 ‐0,90AREE PER L'ISTRUZIONE 32.850,00 1,29 126.970,00 5,00 ‐94.120,00 ‐3,71AREE PER SPAZI PUBBLICIATTREZZATI58.975,00 2,32 253.940,00 10,00 ‐194.965,00 ‐7,68AREE PER PARCHEGGI 1.960,00 0,08 63.485,00 2,50 ‐61.525,00 ‐2,42TOTALE 134.290,00 5,29 507.880,00 20,00 ‐373.590,00 ‐14,71Dalla tabella si evidenzia che a fronte di uno standard pari a 20,00 mq, nel territorio di Ortadi Atella vi sono appena 5,29 mq per abitante. La situazione appare molto deficitaria, con lacarenza maggiore rappresentata nella presenza di aree per parcheggi (appena 0,08 mq/ab afronte di 2,50 mq/ab).L’inquinamento elettromagnetico è prodotto da radiazioni che si distinguono in duecategorie: quelle a bassa frequenza, generate da elettrodotti, cabine di trasformazione ed altreapparecchiature elettriche (campi ELF) e quelle ad alta frequenza (campi RF) generate dastazioni radiobase per la telefonia mobile e stazioni radio‐televisive. L’attenzione al fenomenodell’elettromagnetismo (o elettrosmog) ha assunto rilievo negli ultimi anni soprattutto perchéconnesso al forte sviluppo delle telecomunicazione i cui impianti, distribuiti diffusamente inambito urbano, destano non poche preoccupazioni circa la loro pericolosità. Il D.P.C.M. del08/07/2003 “Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi diqualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni ai campi elettrici e magnetici allafrequenza di rete (50 Hz) generati dagli elettrodotti” stabilisce che nella progettazione di nuoviinsediamenti abitativi sia rispettato un obiettivo di qualità di esposizione ai campi elettrici emagnetici a 50 Hz. Questo determina il calcolo di una fascia di rispetto tra gli insediamentiabitativi in progetto e gli impianti elettrici, che dipende dalle caratteristiche tecniche degliimpianti stessi. Il Decreto del Ministero dell’Ambiente del 29/05/2008 "ApprovazioneVAS – Rapporto Ambientale Pagina 32


Comune di Orta di Atellametodologia di calcolo per la determinazione delle fasce di rispetto per gli elettrodotti"introduce la definizione di “Distanza di Prima Approssimazione (DPA)” come proiezione alsuolo della fascia di rispetto. La DPA fornisce un indicazione di massima a cui possono riferirsigli enti territoriali e i progettisti per definire l'edificabilità dei siti in presenza di impiantielettrici. Il territorio di Orta di Atella risulta attraversata da sei elettrodotti, per i quali vieneriportata nella seguente tabella la Distanza di Prima Approssimazione:Tabella 10: Elettrodotti presenti nel territorio comunaleLIVELLOTENSIONEDENOMINAZIONE LINEADPAPROPRIETÀ(AUTORITÀ COMPETENTE)60 kV Astroni ‐ Fratta e Derivazione * 25 mt TRI S.r.l.150 kV Fratta ‐ Gricignano * 25 mt TRI S.r.l.220 kV Fratta ‐ S. Giuseppe II 18 mt Terna S.p.A.220 kV Fratta ‐ S. Maria C.V. 27 mt Terna S.p.A.220 kV Fratta ‐ Aversa 30 mt Terna S.p.A.220 kV Acerra ‐ Fratta 25 mt Terna S.p.A.* Linee in Doppia Terna che condividono lo stesso sostegnoNel territorio comunale risultano quattro stazioni base per telefonia mobile (SRB),monitorate dall’ARPAC, e sono ubicate nelle seguenti località: Via San Salvatore (nei pressi della chiesa di San Salvatore); Via San Donato nr. 61 (Palazzo Migliaccio); Via Silvio Pellico (adiacenza cimitero); Traversa Via Silvio Pellico.La normativa nazionale sull’inquinamento acustico si basa sulla Legge n. 447/1995 chedefinisce i principi fondamentali per la tutela dell’ambiente esterno e dell’ambiente abitativodall’inquinamento acustico, e stabilisce l’obbligatorietà per i Comuni di utilizzare due strumentitecnici di particolare importanza: la zonizzazione acustica per classificare il territorio comunalein base al relativo livello di rumore, e il piano di risanamento acustico comunale per la gestionee la riduzione dell’inquinamento acustico ambientale. Il Comune di Orta di Atellacontestualmente alla redazione del PUC, ha dato avvio alla redazione del Piano Comunale diClassificazione Acustica, il cui scopo è quello di differenziare il territorio in sei classiacusticamente omogenee sulla base dei principali usi consentiti (realizzati o in previsione). IlD.P.C.M. 14 Novembre 1997 ha determinato, in attuazione dell’art.3 comma 1 lettera A dellalegge del 26 Ottobre 1995 n° 447, i valori limite di emissione, i valori limite di immissione, ivalori di attenzione e i valori di qualità, riferiti alle classi di destinazione d’uso del territorio,riportati nelle successive tabelle.Tabella 11: valori limite di emissione – Leq in dBCLASSI DI DESTINAZIONED’USO DEL TERRITORIOTEMPI DI RIFERIMENTODIURNO (06:00 – 22:00) NOTTURNO (22:00 – 06:00)I – Aree particolarmente protette 45 35II – Aree prevalentemente residenziali 50 40III – Aree di tipo misto 55 45VAS – Rapporto Ambientale Pagina 33


Comune di Orta di AtellaCLASSI DI DESTINAZIONETEMPI DI RIFERIMENTOD’USO DEL TERRITORIO DIURNO (06:00 – 22:00) NOTTURNO (22:00 – 06:00)IV – Aree di intensa attività umana 60 50V – Aree prevalentemente industriali 65 55VI – Aree esclusivamente industriali 65 65Tabella 12: valori limite di immissione – Leq in dBCLASSI DI DESTINAZIONED’USO DEL TERRITORIOTEMPI DI RIFERIMENTODIURNO (06:00 – 22:00) NOTTURNO (22:00 – 06:00)I – Aree particolarmente protette 50 40II – Aree prevalentemente residenziali 55 45III – Aree di tipo misto 60 50IV – Aree di intensa attività umana 65 55V – Aree prevalentemente industriali 70 60VI – Aree esclusivamente industriali 70 70Tabella 13: valori di qualità – Leq in dBCLASSI DI DESTINAZIONED’USO DEL TERRITORIOTEMPI DI RIFERIMENTODIURNO (06:00 – 22:00) NOTTURNO (22:00 – 06:00)I – Aree particolarmente protette 47 37II – Aree prevalentemente residenziali 52 42III – Aree di tipo misto 57 47IV – Aree di intensa attività umana 62 52V – Aree prevalentemente industriali 67 57VI – Aree esclusivamente industriali 70 70La principale funzione del piano è quella di assicurare un’adeguata pianificazione chesalvaguardi la salute della popolazione e la qualità della vita. A seguito delle operazioni diclassificazione, la stima della percentuale di territorio appartenente a ciascuna classe acusticarisulta essere:Tabella 14: Distribuzione percentuale delle classi acustiche. Fonte dati Piano Comunale di Classificazione Acustica allegato al PUCCLASSI DI DESTINAZIONE SUPERFICIE LIMITI ASSOLUTI DI ZONAD’USO DEL TERRITORIO ETTARI % DIURNO NOTTURNOI – Aree particolarmente protette 11,1 1,01 47 37II – Aree prevalentemente residenziali 10,6 0,96 52 42III – Aree di tipo misto 801,5 72,86 57 47IV – Aree di intensa attività umana 269 24,45 62 52V – Aree prevalentemente industriali 7,9 0,71 67 57VI – Aree esclusivamente industriali 0 0 70 70Si nota che il territorio di Orta di Atella è sostanzialmente caratterizzato da tessutoresidenziale misto al tessuto terziario ed artigianale.Il sistema della mobilità comunale, si fonda sulle strade di collegamento territorialeprincipali quali la Strada Statale n.87 (Asse Mediano), arteria di comunicazione a scorrimentoveloce, e, l’arteria a scorrimento veloce che taglia il territorio da est a ovest.4.3 ATMOSFERA, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICILe problematiche afferenti l’aria sono connesse alle emissioni in atmosfera di origineantropica o naturale di inquinanti, cioè di sostanze che, modificando la composizioneVAS – Rapporto Ambientale Pagina 34


Comune di Orta di Atelladell’atmosfera, ne alterano i delicati e complessi equilibri. Sono problematiche aventi scalespaziali molto diverse: vi sono aspetti della qualità dell’aria che coinvolgono preminentementela scala locale, fenomeni di trasporto e diffusione di inquinanti che possono avvenire a scalatransfrontaliera, o addirittura problemi che necessitano di un approccio a scala mondiale. Lostesso dicasi per ciò che riguarda la scala temporale: se alcuni processi diffusivi chedeterminano la qualità dell’aria a livello locale hanno un ordine di grandezza di alcune ore ogiorni, i processi che riguardano i cambiamenti climatici coinvolgono necessariamente legenerazioni future.La qualità dell’ambiente atmosferico e le pressioni che su di esso gravano devono esserevalutate con strumenti conoscitivi consolidati, affidabili e immediatamente interpretabili, perconsentire l’adozione di opportune politiche di controllo, gestione e risanamento. L’Analisisullo Stato dell’Ambiente nella tematica Aria in Campania è stata effettuata tramitel’elaborazione di un set di indicatori che fossero in grado di fornire informazioni in merito allaqualità dell’aria, siano esse di origine naturale che di origine antropica. Nell’Analisi vengonopresi in esame i dati relativi alle emissioni di origine antropica dei principali compostiinquinanti correlandoli, laddove il dato è disponibile, alle fonti di origine e studiandonel’andamento e/o l’evoluzione negli anni. Le emissioni in atmosfera considerate riguardano,nello specifico, tre microcategorie: Le emissioni puntuali, riconducibili a “sorgenti puntuali” come, ad esempio, impianti diproduzione; Le emissioni diffuse, derivanti da sorgenti distribuite sul territorio come, ad esempio ilsettore domestico e terziario; Le emissioni da traffico.La qualità dell’aria viene generalmente determinata eseguendo il monitoraggio degliinquinanti previsti dalla normativa in vigore mediante opportune reti di rilevamento, cheeffettuano i campionamenti ad intervalli prefissati e consentono di tenere sotto controllol’andamento nel tempo della concentrazione degli inquinanti stessi dando la possibilità diintervenire qualora vengano raggiunti i livelli di attenzione o di allarme. Un’altra via perottenere informazioni sullo stato dell’ambiente atmosferico consiste nell’eseguire campagne dirilevamento mediante delle unità mobili attrezzate per le misure suddette. Di seguito sonoriportati i risultati di alcune campagne di monitoraggio della qualità dell’aria svolte dall’ARPAC(Fonte Dati Relazione sullo stato dell’Ambiente in Campania 2009). A causa dell’estremaesiguità dei dati non è possibile rilevare alcun dato significativo; il livello di conoscenza ècomplessivamente deficitario per quantità e qualità dei dati. I dati sulla qualità dell’aria presiin considerazione sono quelli delle stazioni di monitoraggio presenti sul territorio Casertanocostituita da 4 stazioni di rilevamento, distribuite su 2 comuni: Caserta (3 stazioni) e Maddaloni(1 stazione). Le centraline misurano ad intervalli di un ora la concentrazione dei principaliinquinanti atmosferici ed i parametri meteo‐climatici; le rilevazioni sono le seguenti:VAS – Rapporto Ambientale Pagina 35


Comune di Orta di AtellaFigura 7: Andamento della concentrazione media del Biossido di Azoto nell’anno 2007. Fonte dati Rapporto sullo Statodell’ambiente in Campania 2009.Figura 8: Andamento della concentrazione media delmonossido di carbonio nell’anno 2007. Fonte dati Rapportosullo Stato dell’ambiente in Campania 2009.Figura 9: Andamento della concentrazione media PM10nell’anno 2007. Fonte dati Rapporto sullo Stato dell’ambientein Campania 2009.Figura 10: Andamento della concentrazione mediadell’ozono nell’anno 2007. Fonte dati Rapporto sullo Statodell’ambiente in Campania 2009.Figura 11: Andamento della concentrazione media delbenzene nell’anno 2007. Fonte dati Rapporto sullo Statodell’ambiente in Campania 2009.Dai dati contenuti nel Piano Regionale di Risanamento e Mantenimento della Qualitàdell’Aria si evince che Orta di Atella fa parte dei Comuni inclusi nell’area di risanamento Napoli‐Caserta a causa del superamento del valore limite di biossido di azoto.4.4 BIODIVERSITÀ E AREE NATURALI PROTETTENel territorio di Orta di Atella non si riscontra la presenza di aree naturali protetti o di areeche si distinguono per una elevata biodiversità.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 36


Comune di Orta di Atella4.5 RISORSE CULTURALI E PAESAGGIONel Comune di Orta di Atella risultano esservi due beni immobili il cui interesse culturale èstato dichiarato dal competente ministero, a norma dell’articolo 13, D.Lgs. 42/2004; essi sono: Il Castello di Casapozzano: vincolato con D.M. del 12/02/1987.L'odierna struttura nacque come torre diguardia, in epoca longobarda e si sviluppònella successiva epoca normanna. Ilprimo nucleo del futuro castello fu erettonel secolo XI dai fratelli Mosca,nell'ambito del sistema difensivo dellaBaronia, posto a guardia dei possedimentiterrieri.Figura 12: Castello di CasapozzanoIn epoca Angioina il feudo di Casapuzzano fu di proprietà di Isabella Filangieri dellaBerlingeria de Sangro e, successivamente, vide avvicendarsi, quali Signori di Casapuzzano,i Capece Minutolo, i Magliulo e la famiglia Bozzuti. Nel 1378 il sito, ritornato in eredità aiCapece Minutolo, fu restaurato a cura del Cardinale Enrico Capece Minutolo, Arcivescovodi Napoli. La memoria di tale evento è preservata da una lapide marmorea che neriproduce le fattezze, posta dopo il ponte levatoio che permette di oltrepassare il fossato.Alla fine del secolo XVIII, Vincenzo Capece Minutolo sposò una discendente di un nobilecasato irlandese, Alicia Higgins; questa modificò l'antico maniero medioevaletrasformandolo nell'attuale palazzo, arricchendolo con cornici, stemmi e con i comignoli,tipici dell'architettura inglese del '700. Alicia Higgins, pur contaminando lo stile delCastello con il gusto artistico della sua terra, non eliminò i segni caratteristici di originemedioevale, quali il fossato e la cinta muraria. Ferdinando Capece Minutolo, figlio dellacoppia che ha reso il Castello così come oggi lo ammiriamo, completò definitivamente ilcomplesso nobiliare e, per dare ordine al feudo, urbanizzò l'ambiente circostante. Ilcomplesso nobiliare è stato acquistato dagli eredi della famiglia Del Balzo, i quali nedivennero proprietari a seguito del matrimonio fra Clotilde Capece Minutolo di Bugnanodei Duchi di Miranda e Giovanni Battista Del Balzo, Duca di Caprigliano. Nel cortile inprossimità di piazza Virgilio è stato costruito nel 1960 tutto un nuovo corpo di fabbrica;in quel periodo è stata alterata l’originaria fattura di alcuni vani della cortina delSettecento prospicienti via Bugnano e l’attuale piazza Virgilio. Le parti del Castello suimappali 121, 122, 123 e 132 sono ormai irrecuperabili e di scarso interesse monumentaleper le radicali trasformazioni subite. Le costruzioni sui mappali 73 e 132 hannodefinitivamente alterato l’aspetto originario di due dei tre cortili della cortinasettecentesca del Castello. Di particolare interesse storico è la lapide che tuttora si trovanell'ingresso principale, che ricorda il pedaggio imposto ai passanti in epoca longobarda. La Chiesa di San Donato e Convento annesso, vincolata con D.M. nr. 29 del 30/04/2002.Il convento nasce intorno alla metà del ‘600 e la sua costruzione fu affidata alla cura deifrati minori Osservanti, inglobando in esso la chiesa omonima.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 37


Comune di Orta di AtellaLa chiesa ha dipinti e stucchi del ‘700,mentre il chiostro è stato affrescato nelXVII secolo. Nel 2000 all’interno dellaChiesa di San Donato è stato istituito ilSantuario di San Salvatore.Figura 13: La chiesa di San Donato Palazzo Bugnano, vincolato con D.M. nr. 649 del 11/11/2009. La costruzione delcomplesso edilizio risale, secondo le fonti bibliografiche, ai secoli XVII–XVIII, è situato nelcentro del borgo di Casapuzzano, nelle immediate adiacenze del Castello.La struttura, sorta presumibilmente comemasseria rurale, viene adibita fino adepoca recente alla lavorazione dellacanapa. La casa a corte ospitava al pianosuperiore le abitazioni dei contadini; ilpiano terra all’interno era adibito adeposito, mentre all’esterno c’erano lebotteghe in cui si vendevano i prodotti delgiardino retrostante.Figura 14: Palazzo BugnanoIl processo di industrializzazione, verificatosi in zona nell’ultimo cinquantennio, haapportato sostanziali modifiche dell’assetto socio‐economico con il passaggio daun’economia prevalentemente agricola a quella industriale, tale da non rendere piùremunerativa la produzione di canapa, coltivata comunque fino agli anni 60 più pertradizione che per una reale economia. L’organismo storico, sopravvissuto alledemolizioni già attuate dei manufatti più recenti, costituisce residua testimonianza dellatrasformazione della cultura materiale locale. La struttura attualmente conservainalterata l’articolazione planimetrica documentata dalla pianta del catasto di fineOttocento, composto da corpo di fabbrica a due livelli disposto lungo l’asse di via Bugnanoe di un blocco edilizio a tre livelli situato all’angolo fra quest’ultima e via Vanvitelli. Ilblocco edilizio angolare, presumibilmente destinato originariamente all’abitazione deiproprietari risulta trasformato da interventi di ristrutturazione di epoca recente che,sopraelevando l’elevato originario ed introducendo solai piani, hanno adibito i due livelliVAS – Rapporto Ambientale Pagina 38


Comune di Orta di Atellainferiori ad uso produttivo e trasformato quello superiore ad appartamento. Il corpoedilizio a due livelli conserva invece inalterati gli orizzontamenti intermedi in strutturevoltate, mentre la composizione originaria del prospetto su via Bugnano risulta obliteratadal tamponamento dell’arcone di accesso e dei vani porta e delle finestre leggibiliall’interno. In occasione delle aperture che affacciavano sulla strada vennero realizzatinuovi vani porta ed aperture ad oculo riquadrante con masselli di pietra vesuviana, che siaffiancano al varco arcuato dell’androne preesistente.4.6 RIFIUTI E BONIFICHENell’anno 2003, per far fronte all’emergenza legata all’emergenza legata allo smaltimento deirifiuti in Regione Campania il Comune di Orta di Atella ha realizzato un sito di stoccaggioprovvisorio di RSU in località San Pancrazio. Nel corso dei sopralluoghi effettuati nel 2003 èstata verificata la gestione del percolato, l’assenza di maleodoranze e fumarole.Tra gli impianti autorizzati o in via di autorizzazione nel territorio comunale si annoveranole seguenti ditte:a) Marodi Sud s.r.l. con impianto operante alla via Provinciale Orta – Marcianise;b) Pezzamificio G&B sito in via Bugnano in località Paparano;c) CO.MI. s.a.s. – via Bugnano s.n.c. – Impianto trattamento recupero rifiuti tessili.Dal Sistema Informativo Osservatorio Regionale sui Rifiuti della Regione Campania èdeducibile la Produzione annuale di rifiuti nel Comune di Orta di Atella, e la percentuale diraccolta differenziata, riportata nella seguente tabella:TOTALE RIFIUTIRACCOLTI (KG)Tabella 15: Produzione di rifiuti. Sistema Informativo Osservatorio Regionale Rifiuti (2011)RIFIUTIDIFFERENZIATI (KG)PRODUZIONE PRO – CAPITER.U. ANNUA (KG)RACCOLTADIFFERENZIATA (%)9.725.521 3.720.079 379,64 38,264.7 SUOLOIl territorio di Orta di Atella si presenta morfologicamente da pianeggiante a subpianeggiante con un gradiente medio inferiore al 1% e leggero declivio verso nord – nordest.La ricostruzione stratigrafica effettuata all’interno dello studio geologico ha evidenziato unasostanziale omogeneità dei materiali presenti nell’immediato sottosuolo e dei relativi spessori.In particolare, la successione stratigrafica tipica del sottosuolo del territorio comunale puòessere divisa in due unità:1. Piroclastiti sciolte rimaneggiate ed in giacitura primaria: si rinvengono sino a profonditàvariabili tra i 9 e i 18,50 m sovrapposti alla facies gialla del Tufo Grigio Campano. Talimateriali sono costituiti in prevalenza da limi sabbiosi e sabbie limose, a luoghidebolmente argillificate, contenenti granuli di sostanza vetrosa più o meno vacuolare e/osoffiata (pomici) associati a cristalli e schegge minutissime di rocce diverse (liticivulcanici).2. Tufo Grigio Campano: Si rinviene a profondità variabile dai 9,00 ai 18,50 m circa dal pianocampagna con spessori molto variabili da zona a zona.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 39


Comune di Orta di AtellaIl territorio comunale è stato quindi diviso dallo studio geologico in zone con un differentegrado di stabilità rispetto alla presenza o meno di problematiche di tipo idrogeologico –geomorfologico. In particolare sono state identificate: Aree stabili: Rientra in questa area la quasi totalità del territorio comunale caratterizzatada una morfologia superficiale pianeggiante con leggero declivio verso nord edall’affioramento di terreni piroclastici parzialmente rimaneggiati, con spessori inferioriai 3,50÷4,00 m, sovrapposti a terreni piroclastici in giacitura primaria. Aree potenzialmente instabili: Rientrano tra queste il centro storico di Orta di Atella e diCasapuzzano dove molti edifici sono stati realizzati attraverso il prelievo di tufo dalsottosuolo (cavatura a rapina); le cavità sono state successivamente in parte abbandonateovvero utilizzate come cisterne o depositi. Aree caratterizzate da rischio idraulico moderato (R1): Rientrano tra queste le areeagricole prospicienti il canale dei Regi Lagni caratterizzate da una probabilità diesondazione di moderata intensità, così perimetrate nel P.S.A.I. Rischio Idraulico daesondazione dell’Autorità di Bacino Nord Occidentale.Dal punto di vista sismico il comune di Orta di Atella (CE) è stato classificato ai sensi della L.219/1981 s.m.i. con D.M. 07/03/1981 in seconda categoria con un coefficiente di intensitàsismico pari a 0.07g; con l’OPCM 3274/2003 alle varie zone è stato attribuito un differentelivello energetico corrispondente ad un valore dell’accelerazione orizzontale di ancoraggiodello spettro di risposta elastico Ag pari a 0,25g.Dallo studio agropedologico allegato al PUC emerge che, per la sua origine vulcanica, ilterritorio è particolarmente fertile e adatto ad ospitare anche colture particolarmente pregiate.Il clima favorevole e il suolo altamente produttivo non pongono limitazioni particolari nellascelta degli ordinamenti produttivi da praticare. All’interno dello studio sono state individuate,con la carta dell’uso del suolo, le diverse tipologie di uso del suolo presenti nel territoriocomunale. L’uso del suolo è stato classificato secondo la legenda del progetto Corine Land Coverespressa al III livello. La situazione riscontrata è la seguente:La carta dell’uso del suolo delcomune di Orta di Atella evidenzia: La presenza di SAU investita aseminativi in aree non irrigue èpari al 8,27%; La presenza di SAU investita aseminativi in aree irrigue è pari al75,55%; Un’esigua diffusione di superficiea vigneto pari allo 0,58%; Frutteti (2,16%).Figura 15: Classi di copertura del suolo espresse in ettari (ha). Fonte datistudio agropedologico allegato al PUCVAS – Rapporto Ambientale Pagina 40


Comune di Orta di AtellaQuanto evidenziato sopra mostra un’agricoltura incentrata in maniera dominante su coltureirrigue grazie alla presenza di falde acquifere che assicurano a ciascun imprenditore la gestioneautonoma di tale risorsa, con possibilità di irrigare il proprio raccolto al momento opportunosenza vincoli ed imposizione di turni di irrigazione. La quasi totalità della SAU del territoriocomunale è superficie irrigabile, quest’ultima è pari a 636,7 ha (91,73% della SAU) mentrequella non irrigua è pari a 57,4 ha (8,27% della SAU). Il tessuto urbano, le aree industriali ecommerciali insieme alla rete stradale e gli altri territori modellati artificialmente costruisconoil 34,61% del territorio comunale.L’intero territorio comunale di Orta di Atella rientra nell’ambito del Sito di InteresseNazionale “Litorale Domitio Flegreo Agro Aversano”.Il SIN è stato individuato tra i primiinterventi di bonifica di Interesse Nazionaledalla legge 426/98. La perimetrazioneprovvisoria è stata effettuata dal Ministerodell’Ambiente con il D.M. del 10 gennaio 2000e comprendeva il territorio di 59 Comuni delleProvince di Napoli e Caserta, compresa la fasciamarina antistante per 3 km. Successivamente laperimetrazione è stata ampliata, prima con ilD.M. 8 marzo 2001, che ha esteso gli ambitiinteressati ad altri 2 comuni, Pomigliano d’Arcoe Castello di Cisterna, e da ultimo con il D.M. 31gennaio 2006 che ha disposto l’inserimento diulteriori 16 comuni dell’area nolana.Figura 16: Perimetrazione del SIN “Litorale Domitio FlegreoAgro Aversano” e sua evoluzione. Fonte Piano Regionale diBonifica Regione Campania.Le aree potenzialmente inquinate sono state raggruppate nelle seguenti tipologie: Aree interessate da attività produttive con cicli di produzione che generano rifiutipericolosi o che utilizzano materie prime pericolose, di cui all’ Allegato 1 al D.M. 16maggio 1989 e s.m.i., comprese quelle indicate dall’articolo 16 del D.M. 471/1999 come“aree interne ai luoghi di produzione dei rifiuti”; Aree interessate da attività produttive dismesse: comprendono sia quelle areeattualmente non più utilizzate, che spesso versano in condizioni di estremo degrado, siaquelle aree che sono state già in parte o in toto riconvertite ad altri usi, diversi da quelliindustriali, ma sulle quali non risultano essere stati eseguiti interventi dicaratterizzazione e risanamento; Aree interessate dalla presenza di aziende a rischio di incidente rilevante; Aree interessate da operazioni di adduzione e stoccaggio di idrocarburi, così come dagassificazione di combustibili solidi; Aree interessate da attività di trattamento/recupero rifiuti; Aree oggetto di sversamenti accidentali;VAS – Rapporto Ambientale Pagina 41


Comune di Orta di Atella Aree interessate da attività minerarie dismesse: comprendono cave abbandonate per lequali vi è il sospetto o la certezza che nel tempo si siano verificati riempimenti illeciti dirifiuti; Aree interessate da presenza di rifiuti: discariche comunali esercite precedentementeall’entrata in vigore del DPR 915/1982, discariche comunali adeguate strutturalmente egestite ai sensi del DPR 915/1982, discariche consortili, discariche private e siti distoccaggio provvisorio di RR.SS.UU. ai sensi dell’articolo 191 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.; Aree interessate da spandimento non autorizzato di fanghi e residui speciali pericolosi; Aree oggetto di contaminazione passiva causata da ricaduta atmosferica di inquinanti eda ruscellamento di acque contaminate.Il censimento relativo agli ambiti territoriali ricadenti in tale sito ha condottoall’individuazione di 1.117 “Aree potenzialmente inquinate” di cui 822 “Aree potenzialmenteinquinate per smaltimento rifiuti” e 295 “Aree potenzialmente inquinate connesse ad attivitàproduttive”. A fronte di ciò si riporta la carta dei siti contaminati.Figura 17: Censimento dei Siti Potenzialmente Inquinati del SIN “Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano”. Fonte PianoRegionale di Bonifica Regione Campania.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 42


Comune di Orta di AtellaAll’interno del Comune di Orta di Atella sono stati censiti tredici siti potenzialmenteinquinati, riportati nella seguente tabella:Tabella 16: Censimento dei Siti Potenzialmente Contaminati nel Comune di Orta di Atella. Fonte dati Allegato 4 del Piano Regionaledi Bonifica Regione Campania.CODICE DENOMINAZIONE PROPRIETÀ1053A0061053A5001053A5011053A502DiscaricaLoc. San GiorgioParcuoioRecupero RifiutiDipiùdi AmbienteS.p.A.P.V.C. Zeta GasS.p.A.PubblicaPrivataPubblicaPrivata1053A503 Eurocompost S.r.l. Privata1053A504 Ce.Tex. s.a.s. Privata1053A505 Celax Privata1053A506 Ex Leanza Privata1053A507CicatielloLegnamiPrivata1053A508 Color it Privata1053A509 P.V.C. Agip Privata1053A510 P.V.C. Total Fina Privata1053A511 P.V.C. Total Fina PrivataTIPOLOGIAATTIVITÀDiscaricaComunaleImpiantoTrattamentoRifiutiImpiantoTrattamentoRifiutiPunto VenditaCarburantiImpiantoTrattamentoRifiutiImpiantoTrattamentoRifiutiAttivitàProduttivaAttivitàDismessaAttivitàProduttivaAttivitàProduttivaPunto VenditaCarburantiPunto VenditaCarburantiPunto VenditaCarburantiITERPROCEDURALEPiano diCaratterizzazioneEseguitoMATRICICONTAMINATESuolo/AcquesotterraneeCONTAMINANTIMetalliAll’interno del territorio comunale non sono segnalate attività a rischio di incidenti rilevanti.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 43


Comune di Orta di Atella5. IDENTIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ E VERIFICA DICOERENZA DEL PUC5.1 DOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE E L’AMBIENTEPer la definizione del contesto programmatico del PUC del Comune di Orta di Atella sonostati individuati i riferimenti normativi, le strategie, i programmi ambientali ritenutisignificativi; tali documenti si riferiscono all’ambito internazionale, nazionale e regionale.L’obiettivo è quello di disporre di un quadro normativo e programmatico il più esaustivopossibile che consenta di utilizzare documenti e normative di riferimento per le tematicheambientali rilevanti ai fini dell’integrazione e della definizione di strategie ed obiettiviambientali per i piani e programmi da sottoporre a VAS.Ciò ha permesso di procedere in base alla tipologia ed alla dimensione territoriale del pianoalle opportune estrapolazioni, con l’obiettivo di pervenire alla definizione di un quadroricognitivo per la specificazione della dimensione ambientale utile a costituire il contesto su cuiindividuare gli obiettivi e gli indicatori necessari alla verifica ed alla misurazione degli impattidel piano stesso.I riferimenti generali per lo sviluppo ambientale e la normativa in materia ambientalevengono di seguito elencati: Conclusioni della presidenza consiglio europeo di Göteborg 15 e 16 giugno 2001; Sesto Programma d’azione ambientale comunitario – Decisione n. 1600/2002/CE delParlamento europeo e del Consiglio, 22 luglio 2002; Decisione 2002/358/CE del Consiglio, del 25 aprile 2002, relativa all’ approvazione, innome della Comunità europea, del Protocollo di Kyoto alla Convenzione quadro delleNazioni Unite sui cambiamenti climatici e l’esecuzione congiunta degli impegni che nederivano; Strategia di Lisbona e Göteborg (2005); Riesame della strategia dell’UE in materia di sviluppo sostenibile (SSS dell’UE) – Nuovastrategia – adottata dal Consiglio europeo il 15/16 giugno 2006; Strategia d’azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia – Gazzetta Ufficiale n.255 del 30 ottobre 2002, supplemento ordinario n. 205; Strategia tematica per l’uso sostenibile delle risorse naturali, COM(2005) 670; D.Lgs. n.152/2006 e s.m.i. “Norme in materia ambientale”.I documenti e le normative settoriali per ciascuna tematica di riferimento sono riportati nelletabelle che seguono (rispettivamente per il livello internazionale, nazionale e regionale), dovesono definite anche le tematiche ambientali di cui il Rapporto Ambientale terrà conto.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 44


Comune di Orta di AtellaDocumenti e normative per ciascuna tematica di riferimento a livello internazionaleTEMATICA AMBIENTALEACQUAAMBIENTEURBANOATMOSFERAENERGIA EINQUINAMENTOACUSTICOINQUINAMENTOELETTROMAGNETICOPIANIFICAZIONETERRITORIALEAMIANTOINQUINAMENTOATMOSFERICODOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO INTERNAZIONALE Convenzione di Ramsar sulle zone umide, Convenzione di Ramsar sulle zone umide di importanza internazionale, soprattutto comehabitat degli uccelli acquatici del 1972 Convenzione di Barcellona per la Protezione del Mar Mediterraneo, Decisione 77/585/EEC che conclude la convenzione per laprotezione del Mar Mediterraneo contro l’inquinamento e per la prevenzione dell’inquinamento del Mar Mediterraneo dagli scarichiderivanti da navi e flotte aree Convenzione sul diritto del mare, Convenzione di Montego Bay sul diritto del mare del 1982 Direttiva 91/271/CEE, Concernente il trattamento delle acque reflue urbane Direttiva 96/61/CEE, sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento (Ippc) Direttiva 98/83/CE, concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano Direttiva 2000/60/CE, che istituisce un quadro per l’azione comunitaria in materia di acque Direttiva 2006/11/CE, concernente l’inquinamento provocato da certe sostanze pericolose scaricate nell’ambiente idrico della comunità Direttiva 2006/7/CE, relativa alla gestione della qualità delle acque di balneazione e che abroga la direttiva 76/160/CEE Direttiva 2006/118/CE, sulla protezione delle acque sotterranee dall’inquinamento e dal deterioramento Direttive 70/157/CEE del 06/02/70 e 99/101/CE del 12/12/99, Concernenti il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membricirca il livello sonoro ammissibile e al dispositivo di scappamento dei veicoli a motore Direttiva 80/51/CEE del 20/12/79 modificata dalla Direttiva 83/206/CEE del 21/04/83 e Direttiva 89/629/CEE del 4/12/89,Concernenti la limitazione delle emissioni sonore degli aeromobili subsonici civili e a reazione Direttiva 2000/14/CE dell’8/05/00, Emissione acustica ambientale delle macchine ed attrezzature destinate a funzionare all’aperto Direttiva 2002/30/CE del 26/03/02, Norme e procedure per l’introduzione di restrizioni operative ai fini del contenimento del rumorenegli aeroporti della Comunità Direttiva 2002/49/CE del 25/06/02, Determinazione e gestione del rumore ambientale Direttiva 2003/10/CE del 06/02/03, Sulle prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischiderivanti dagli agenti fisici (rumore) Direttiva 96/2/CEE del 16/01/96, Comunicazioni mobili e personali Direttiva 2001/77/CE del 27/09/01, Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell’energia elettrica prodottada fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell’elettricità Comunicazione COM(2001) 31 del 24 01/01, Sesto programma di azione per l’ambiente della Comunità europea “Ambiente 2010: ilnostro futuro, la nostra scelta” Decisione 1600/2002/CE del 22 luglio 2002, che istituisce il sesto programma comunitario di a‐ zione in materia di ambiente Comunicazione della commissione COM(2004) 60 dell’11/02/04, Verso una strategia tematica sull’ambiente urbano Comunicazione della commissione COM(2005) 0718 del 11/01/2006, Relativa alla strategia tematica sull’ambiente urbano Direttiva 87/217/CEE del 19/03/87, Concernente la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento dell’ambiente causato dall’amianto Direttiva 2003/18/CE n. 18 del 27/03/2003, Sulla protezione dei lavoratori contro i rischi con‐ nessi con un’esposizione all’amiantodurante il lavoro Direttiva 96/62/CE del 27/09/96, In materia di valutazione e di gestione della qualità dell’aria ambiente Direttiva 1999/30/CE del 22/04/99, Concernente i valori limite di qualità dell’aria ambiente per il biossido di zolfo, il biossido di azoto,gli ossidi di azoto, le particelle e il piomboVAS – Rapporto Ambientale Pagina 45


Comune di Orta di AtellaTEMATICA AMBIENTALECAMBIAMENTICLIMATICIBIODIVERSITA’ EAREE NATURALIPROTETTERISORSECULTURALI EPAESAGGIORIFIUTI EBONIFICHEENERGIA ERISPARMIOENERGETICODOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO INTERNAZIONALE Direttiva 2001/80/CE del 23/11/01, Concernente la limitazione delle emissioni nell’atmosfera di taluni inquinanti originati dai grandiimpianti di combustione Direttiva 2001/81/CE: del 23/11/01, Relativa ai limiti nazionali di emissione di alcuni inquinanti atmosferici Direttiva 2002/3/CE del 12/02/02, Relativa all’ozono nell’aria Direttiva 2003/76/CE dell’11/08/03, Relativa alle misure da adottare contro l’inquinamento atmosferico con le emissioni dei veicoli amotore Direttiva 2001/77/CE, Sulla promozione delle fonti energetiche rinnovabili Direttiva 2002/91/CE, Sull’uso razionale dell’energia negli edifici Direttiva 2003/30/CE, Sui biocarburanti Direttiva 2003/87/EC, Sull’Emission Trading Direttiva 2004/8/CE, Sulla cogenerazione Direttiva 2005/32/CE, Relativa all’istituzione di un quadro per l’elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile deiprodotti che consumano energia Direttiva 2006/32/CE, Sull’efficienza degli usi finali dell’energia e i servizi energetici Convenzione sulla diversità biologica, Conferenza delle Nazioni Unite su ambiente e sviluppo, Rio de Janeiro 1992 Global Strategy for the Management of Farm, Animal Genetic Resources Global Action Plan for the conservation and better use of plant genetic resources for food and agriculture, Fao inizio anni ‘90 International Treaty On Plant Genetic Resources For Food And Agriculture, Leipzig Germania 1996 Direttiva 79/409/CEE “Uccelli”, Concernente la conservazione degli uccelli selvatici 2 aprile 1979 Direttiva 92/43/CEE “Habitat”, Conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche Bruxelles 21maggio 1992 Convenzione Europea per la protezione del patrimonio archeologico, Londra 6 maggio 1969 revisionata a La Valletta il 16 gennaio1992 Convenzione sulla protezione del patrimonio naturale e culturale mondiale (Unesco), Parigi 16 novembre 1972 Convenzione per la salvaguardia del patrimonio architettonico d’Europa, Granada 3 ottobre 1985 Carta del paesaggio Mediterraneo, St. Malò ottobre 1993 Strategia paneuropea della diversità biologica e paesaggistica, Sofia 25 novembre 1995 Schema di Sviluppo dello Spazio Europeo, Postdam 10/11 maggio 1999 Convenzione Europea del Paesaggio, Firenze 20 ottobre 2000 Direttiva 75/439/CEE del Consiglio del 16 giugno 1975, Concernente l’eliminazione degli oli usati Direttiva 91/689/CEE del Consiglio del 12 dicembre 1991, Relativa ai rifiuti pericolosi Direttiva 94/67/CE del Consiglio del 16 dicembre 1994, Sull’incenerimento dei rifiuti pericolosi Direttiva 96/59/CE del Consiglio del 16 settembre 1996, Concernente lo smaltimento dei policlorodifenili e dei policlorotrifenili(PCB/PCT) Direttiva 1999/31/CE del Consiglio del 26 aprile 1999, Relativa alle discariche di rifiuti Direttiva 2000/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 settembre 2000, Relativa ai veicoli fuori uso Direttiva 2000/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 novembre 2000, Relativa agli impianti portuali di raccolta peri rifiuti prodotti dalle navi e i residui del carico Direttiva 2000/76/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 4 dicembre 2000, Sull’incenerimento dei rifiutiVAS – Rapporto Ambientale Pagina 46


Comune di Orta di AtellaTEMATICA AMBIENTALESUOLODOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO INTERNAZIONALE Direttiva 2002/95/CE del Parla mento europeo e del Consiglio del 27 gennaio 2003, Sulla restrizione dell’uso di determinatesostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche Direttiva 2002/96/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 gennaio 2003, Sui rifiuti di apparecchiature elettriche edelettroniche (Raee) Direttiva 2006/12/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 aprile 2006, Relativa ai rifiuti Direttiva 2006/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 marzo 2006, Relativa alla gestione dei rifiuti delle industrieestrattive e che modifica la direttiva 2004/35/CE Direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 6 settembre 2006, Relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pilee accumulatori e che abroga la direttiva 91/157/CEE Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione, Parigi 17 giugno 1994 Decisione 1600/2002/CE del 22 luglio 2002, Sesto programma comunitario di azione in materia di ambiente 2002‐2010 Comunicazione COM(2002) 179 del 16 aprile 2002, Costituzione della commissione nazionale per la previsione e la prevenzione deigrandi rischiVAS – Rapporto Ambientale Pagina 47


Comune di Orta di AtellaDocumenti e normative per ciascuna tematica di riferimento a livello nazionaleTEMATICA AMBIENTALEACQUAAMBIENTEURBANOPOPOLAZIONE ESALUTE UMANAINQUINAMENTOACUSTICOINQUINAMENTOELETTROMAGNETICODOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO NAZIONALE R.D. 1775/33, Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e gli impianti elettrici R.D. 215/33, Testo delle norme sulla bonifica integrate Legge 183/89, Norme per il riassetto funzionale ed organizzativo della difesa suolo D.Lgs. 275/93, Riordino in materia di concessione di acque pubbliche Legge n. 36/94, Disposizioni in materia di risorse idriche D.Lgs. 372/99, Attuazione della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento D.Lgs. 152/99 come modificato dalla L. 258/00, Testo unico in materia di tutela delle acque D.M. n.185 del 12 giugno 2003, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, Regolamento recante norme tecniche per il riutilizzodelle acque reflue in attuazione dell’articolo 26, comma 2, del D.Lgs. 11 maggio 1999, n.152 D.Lgs. 152/2006, Norme in materia ambientale, Parte III D.Lgs. 8 novembre 2006, Disposizioni correttive e integrative del D.Lgs. 3 aprile 2006, n.152, recante norme in materia ambientale Legge n.615/66, Provvedimenti contro l’inquinamento atmosferico D.M. 18 settembre 2002, Modalità di attuazione sullo stato di qualità delle acque, ai sensi dell’art. 3, comma 7, del D.Lgs. 11 maggio 1999,n.152 DPCM del 01/03/91, Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell’ambiente esterno Legge n. 447 del 26/10/95, Legge quadro sull’inquinamento acustico DPR n. 496 del 11/12/97, Regolamento recante norme per la riduzione dell’inquinamento acustico prodotto dagli aeromobili civili DPR n. 459 del 18/11/98, Regolamento recante norme di esecuzione dell’articolo 11 della legge 26 ottobre 1995, n.447, in materia diinquinamento acustico derivante da traffico ferroviario D.M. del 03/12/99, Procedure antirumore e zone di rispetto negli aeroporti DPR n. 476 del 09/11/99, Regolamento recante modificazioni al DPR 11 dicembre 1997, n.496, concernente il divieto di volinotturni D.M. del 13/04/00, Dispositivi di scappamento delle autovetture D.Lgs. 262 del 04/09/02, Attuazione della direttiva 2000/14/CE concernente l’emissione acustica ambientale delle macchine edattrezzature destinate a funzionare all’aperto DPR n. 142 del 30/03/04, Disposizioni per il contenimento e la prevenzione dell’inquinamento acustico derivante dal traffico veicolare,a norma dell’articolo 11 della legge 26 ottobre 1995, n. 447 D.Lgs. n. 13 del 17/01/05, Attuazione della direttiva 2002/30/CE relativa all’introduzione di restrizioni operative ai fini delcontenimento del rumore negli aeroporti comunitari D.Lgs. n. 194 del 19/08/05, Attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientaleTesto coordinato del Decreto Legge n. 194 del 19 agosto 2005 Legge n. 36 del 22/02/01, Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni ai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici DPCM del 8/07/03, Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione dellapopolazione dalle esposizioni ai campi elettrici e magnetici alla frequenza di rete (50Hz) generati dagli elettrodotti DPCM del 8/07/03, Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione dellapopolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz. D.Lgs. 1 agosto 2003, n. 259, Codice delle comunicazioni elettroniche Decreto 27 novembre 2003, Ministero delle Comunicazioni. Proroga dei termini di cui al decreto 22 luglio 2003, recante: "Modalità perl’acquisizione dei dati necessari per la tenuta del catasto delle infrastrutture delle reti radiomobili di comunicazione pubblica"VAS – Rapporto Ambientale Pagina 48


Comune di Orta di AtellaTEMATICA AMBIENTALEATMOSFERAENERGIA ECAMBIAMENTICLIMATICIINQUINAMENTOLUMINOSOPIANIFICAZIONETERRITORIALEMOBILITÀVERDE URBANOAMIANTOINQUINAMENTOATMOSFERICOENERGIA ERISPARMIOENERGETICODOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO NAZIONALE D.Lgs. n. 387 del 29/12/03, Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell’energia elettrica prodotta da fontienergetiche rinnovabili nel mercato interno dell’elettricità D.Lgs. n. 112 del 31 marzo 1998, Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazionedel capo I della l. 15 marzo 1997, n. 59. Legge n.1150 del 17 agosto 1942, Legge urbanistica D.Lgs. n. 267 del 18 agosto 2000, Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali a norma dell’articolo 31 della legge 3 agosto1999, n. 265 Legge n. 122 del 24/03/89, Disposizioni in materia di parcheggi, programma triennale per le aree urbane maggiormente popolate Legge n. 208 del 28/06/91, Interventi per la realizzazione di itinerari ciclabili e pedonali nelle aree urbane Legge n. 211 del 26/03/92, Interventi nel settore dei sistemi del trasporto di massa D.Lgs. n. 285 del 30/04/92, Nuovo codice della strada D.M. del 27/03/98, Mobilità sostenibile nelle aree urbane Decreto interministeriale n.1444 del 02/04/68, Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapportimassimi tra gli spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attività colletti‐ ve, al verdepubblico o a parcheggi, da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensidell’art. 17 della legge 6 agosto 1967, n.765. Legge n. 257 del 27/03/92, Norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto D.Lgs. n. 114 del 17/03/95, Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione dell’inquinamentodell’ambiente causato dall’amianto D.Lgs. n. 257 del 25/07/06, Attuazione della direttiva 2003/18/CE relativa alla protezione dei lavoratori dai rischi derivantidall’esposizione all’amianto durante il lavoro DPR del 10/01/92, Atto di indirizzo e coordinamento in materia di rilevazioni dell’inquinamento urbano D.M. del 12/11/92, Criteri generali per la prevenzione dell’inquinamento atmosferico nelle grandi zone urbane e disposizioni per ilmiglioramento della qualità dell’aria D.M. del 15/04/94, Norme tecniche in materia di livelli e di stati di attenzione e di allarme per gli inquinanti atmosferici nelle aree urbane D.M. n. 163 del 21/04/99, Regolamento recante norme per l’individuazione dei criteri ambientali e sanitari in base ai quali i sindaciadottano le misure di limitazione della circolazione D.Lgs. n. 351 del 4/08/99, Attuazione della direttiva 96/62/CE in materia di va‐ lutazione e di gestione della qualità dell’aria ambiente D.M. n. 60 del 2/04/02, Recepimento della direttiva 1999/30/CE del consiglio del 22 aprile 1999 concernente i valori limite di qualitàdell’aria ambiente per il biossido di zolfo, il biossido di azoto, gli ossidi di azoto, le particelle e il piombo e della direttiva 2000/69/CErelativa ai valori limite di qualità dell’aria ambiente per il benzene ed il monossido di carbonio D.M. n. 261 del 11/10/02, Regolamento recante le direttive tecniche per la va‐ lutazione preliminare della qualità dell’aria ambiente,criteri per l’elaborazione del piano e dei pro‐ grammi di cui agli articoli 8 e 9 del D.Lgs. 4 agosto 1999, n. 351 D.Lgs. n. 216 del 4/04/06, Attuazione delle direttive 2003/87 e 2004/101/CE in materia di scambio di quote di emissioni dei gas a effettoserra nella Comunità, con riferimento ai meccanismi di progetto del Protocollo di Kyoto Delibera CIPE del 19/11/98 n.137, Linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione delle emissioni di gas serra Delibera CIPE del 19/12/02, n.123, Revisione delle linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione delle emissioni dei gasserra Legge 10/91, Norme per l’attuazione del Pen in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fontirinnovabiliVAS – Rapporto Ambientale Pagina 49


Comune di Orta di AtellaTEMATICA AMBIENTALEDOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO NAZIONALE DPR n.412 del 26 agosto 1993, Regolamento recante norme per la progettazione, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione degliimpianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell’articolo 4, comma 4, della Legge 9 gennaio1991, n.10 DPR n.660 del 15 novembre 1996, Regolamento per l’attuazione della direttiva 92/42/CEE concernente i requisiti di rendimento dellenuove caldaie ad acqua calda, alimentate con combustibili liquidi o gassosi. DPR 9 marzo 1998, n.107, Regolamento recante norme per l’attuazione della direttiva 92/75/CEE concernente le informazioni sulconsumo di energia degli apparecchi domestici D.Lgs. 31 marzo 1998, n.112, Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli enti locali, in attuazionedel Capo I della legge 15 marzo 1997, n.59 D.Lgs. 16 marzo 1999, n.79, Attuazione della direttiva 96/92/CE recante norme comuni per il mercato interno dell’energia elettrica D.M. 11 novembre 1999, Direttive per l’attuazione delle norme in materia di energia elettrica da fonti rinnovabili di cui ai commi 1,2,3dell’articolo 11 del D.Lgs. 16 marzo 1999, n.79 D.Lgs. 23 maggio 2000, n.164, D.Lgs. di attuazione della direttiva 98/30/CE relativa a norme comuni per il mercato interno del gas Deliberazione autorità per l’energia elettrica e il gas n.224/00, In materia di scambio sul posto dell’energia elettrica prodotta daimpianti fotovoltaici con potenza nominale non superiore a 20 kW D.M. 18 marzo 2002, Modifiche e integrazioni al decreto del ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato, di concerto con ilministro dell’ambiente, 11 novembre 1999, concernente “direttive per l’attuazione delle norme in materia di energia elettrica da fontirinnovabili di cui ai commi 1, 2 e 3 dell’art. 11 del D.Lgs. 16 marzo 1999, n. 79 Legge 120/2002, Ratifica ed esecuzione del protocollo di Kyoto alla convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici,fatto a Kyoto l’11 dicembre 1997 D.Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387, Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell’energia elettrica prodotta da fontienergetiche rinnovabili nel mercato interno dell’elettricità Decreti del Ministero delle Attività produttive del 04 luglio 2004, Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l’incrementodell’efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell’art. 9, comma 1, del D.Lgs. 16 marzo 1999, n.79.” e “Nuova individuazionedegli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili, di cui all’art.16, comma 4, del D.Lgs. 23maggio 2000, n.164. D.L. 12 novembre 2004, n.273, Disposizioni urgenti per l’applicazione della direttiva 2003/87/CE in materia di scambio di quote diemissione dei gas ad effetto serra nella Comunità europea Legge 239/04, Riordino del settore energetico, nonché delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di energia Legge n.316 del 30/12/2004, Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 12 novembre 2004, n. 273, recante disposizioni urgentiper l’applicazione della direttiva 2003/87/CE in materia di scambio di quote di emissione dei gas ad effetto serra nella Comunità europea. D.Lgs. n.128 del 30/05/2005, Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla promozione dell’uso dei biocarburanti o di altricarburanti rinnovabili nei trasporti D.Lgs. 19 agosto 2005, n.192, Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell’edilizia Decreto del Ministero delle Attività produttive del 24 agosto 2005, Aggiornamento delle direttive per l’incentivazione dell’energiaelettrica prodotta da fonti rinnovabili ai sensi dell’articolo 11, comma 5, del D.Lgs. 16 marzo 1999, n. 79 Decreto del Ministero delle Attività produttive del 24 ottobre 2005, Direttive per la regolamentazione dell’emissione dei certificativerdi alle produzioni di energia di cui all’articolo 1, comma 71, della legge 23 agosto D.L. 10 gennaio 2006 n. 2, Interventi urgenti sui settori dell’agricoltura, dell’agroindustria, della pesca, nonché in materia di fiscalitàd’impresaVAS – Rapporto Ambientale Pagina 50


Comune di Orta di AtellaTEMATICA AMBIENTALEBIODIVERSITA’ EAREE NATURALIPROTETTERISORSECULTURALI EPAESAGGIODOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO NAZIONALE D.Lgs. 29 dicembre 2006, n.311, Disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 192, recante attuazione della direttiva2002/91/CE, relativa al rendimento energetico nell’edilizia D.Lgs. 8 febbraio 2007, n.20, Attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata sulla domanda di caloreutile nel mercato interno dell’energia, nonché modifica alla direttiva 92/42/CEE Decreto del Ministero dello Sviluppo economico di concerto con il Ministero dell’Economia e delle finanze del 19 febbraio 2007,Disposizioni in materia di detrazioni per le spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di motori ad elevata efficienza e variatori divelocità (inverter), di cui all’articolo 1, commi 358 e 359, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 Contratto quadro sui biocarburanti (181206), Stipulato ai sensi degli articoli 10 e 11 del D.Lgs. 27 Maggio 2005 n. 102, per prodotto dautilizzare ai sensi dell’articolo 2 quater della Legge 11 marzo 2006 n. 81‐ presentato il 10/01/2007 Decreto del Ministero dello Sviluppo economico di concerto con il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del maredel 19 febbraio 2007, Criteri e modalità per incentivare la produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fontesolare in attuazione dell’articolo 7 del D.Lgs. 29 dicembre 2003 n.387 Decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze di concerto con il Ministero dello Sviluppo economico del 19 febbraio 2007,Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente ai sensi dell’articolo 1,comma 349, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 Legge n. 394 del 6 dicembre 1991, Legge quadro sulle aree protette Legge n. 157 dell’11 febbraio 1992, Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio Legge n.124 del 14 febbraio 1994, Ratifica ed esecuzione della convenzione sulla bio‐ diversità, con annessi, fatta a Rio de Janeiro il 5giugno 1992 DPR n. 357 dell’8 settembre 1997 e s.m.i., Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione deglihabitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche Decreto del Ministero dell’Ambiente 3/09/2002, Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000 Legge 6 aprile 2004 n. 101, Ratifica ed esecuzione del trattato internazionale sulle risorse fitogenetiche per l’alimentazione e l’agricoltura,con appendici, adottato dalla trentunesima riunione della conferenza della Fao a Roma il 3 novembre 2001 Legge n. 1089 del 1 giugno 1939, Tutela delle cose di interesse storico artistico Legge n. 1497 del 29 giugno 1939, Protezione delle bellezze naturali R.D.n.1357 del 3 giugno 1940, Regolamento relativo alla Legge n.1497/39 Costituzione della Repubblica Italiana, Roma, 27 dicembre 1947 Legge n. 184 del 6 aprile 1977, Applicazione della convenzione sulla protezione del patrimonio culturale e naturale mondiale del23/11/197 Legge n. 378 del 24 dicembre 2003, Disposizioni per la tutela e la valorizzazione dell’architettura rurale D.Lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004, Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’Articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137 Decreto del Ministero per i Beni e le attività culturali 6 ottobre 2005, Individuazione delle diverse tipologie di architettura ruralepresenti sul territorio nazionale e definizione dei criteri tecnico‐scientifici per la realizzazione de‐ gli interventi, ai sensi della legge 24dicembre 2003, n.378, recante disposizioni per la tutela e la valorizzazione della architettura rurale D.Lgs. n. 156 del 24 marzo 2006, Disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione ai beni culturali D.Lgs. n. 157 del 24 marzo 2006, Disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 22 gennaio 2004, n.42, in relazione al paesaggio DPCM del 12 dicembre 2005, Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degliinterventi proposti, ai sensi dell’articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 Legge n. 14 del 9 gennaio 2006, Ratifica ed esecuzione della convenzione europea sul paesaggioVAS – Rapporto Ambientale Pagina 51


Comune di Orta di AtellaTEMATICA AMBIENTALERIFIUTI EBONIFICHEDOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO NAZIONALE Legge n. 77 del 20 febbraio 2006, Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale,inseriti nella «lista del patrimonio mondiale», posti sotto la tutela dell’Unesco D.Lgs. n. 62 del 24 marzo 2008, Ulteriori disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione ai beniculturali D.Lgs. n. 63 del 24 marzo 2008, Ulteriori disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, in relazione al paesaggio D.Lgs. 5 febbraio 1997, n.22, Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugliimballaggi e sui rifiuti di imballaggio. (Decreto Ronchi) ‐ abrogato dall’art. 264, c. 1, lett. i) del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 D.M. 5 febbraio 1998 Decreto 25 ottobre 1999, n. 471, Ministero dell’Ambiente ‐ Regolamento recante criteri, procedure e modalità per la messa in sicurezza,la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati, ai sensi dell’articolo 17 del D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, e successive modificazionie integrazioni. Decreto 25 febbraio 2000, n. 124, Ministero Ambiente – Regolamento recante i valori limite di emissione e le norme tecniche riguardantile caratteristiche e le condizioni di esercizio degli impianti di incenerimento e di coincenerimento dei rifiuti pericolosi, in attuazione delladirettiva 94/67/CE del Consiglio del 16 dicembre 1994, e ai sensi dell’articolo 3, comma 2, del DPR 24 maggio 1988, n. 203, e dell’articolo18, comma 2, lettera a), del D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22. D.M. 18 settembre 2001, n. 468, Regolamento recante: “Programma nazionale di bonifica e ripristino ambientale” Decreto interministeriale, "Norme per l’esecuzione della decisione 2000/532/CE come modificata dalle decisioni 2001/118/CE,2001/119/CE e rettifica alla decisione 2001/118/CE nuova rettifica alla decisione 2001/118/CE”: Con Allegati C.E.R. (Catalogo Europeodei Rifiuti) Elenco dei rifiuti istituito conformemente all’articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all’articolo 1,paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti pericolosi Decreto 12 giugno 2002, n. 161, Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio. Regolamento attuativo degli articoli 31 e 33 delD.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, relativo all’individuazione dei rifiuti pericolosi che è possibile ammettere alle procedure semplificate D.Lgs. 36/2003, “Attuazione della Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti” D.Lgs. 24 giugno 2003, n. 182, Attuazione della direttiva 2000/59/CE relativa agli impianti portuali di raccolta per i rifiuti prodotti dallenavi ed i residui del carico D.Lgs. 24 giugno 2003, n. 209, Attuazione della direttiva 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso. Testo coordinato alle modificheapportate dal D.Lgs.149/2006, "Disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 24 giugno 2003, n.209, recante attuazione della direttiva2000/53/CE in materia di veicoli fuori uso" Decreto 3 luglio 2003, n. 194, Ministero delle Attività produttive. Regolamento concernente l’attuazione della direttiva 98/101/CE dellacommissione del 22 dicembre 1998, che adegua al progresso tecnico la direttiva del Consiglio 91/157/CEE relativa alle pile ed agliaccumulatori contenenti sostanze pericolose. D.Lgs. 11 maggio 2005, n. 133, Attuazione della direttiva 2000/76/CE, in materia di incenerimento dei rifiuti D.Lgs. 25 luglio 2005, n.151, Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell’uso disostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonché allo smaltimento dei rifiuti Decreto 3 agosto 2005, Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio. Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in di‐ scarica D.Lgs. 23 febbraio 2006, n. 149, Disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 24 giugno 2003, n.209, recante attuazione della direttiva2000/53/CE in materia di veicoli fuori uso D.Lgs. 3 aprile 2006, n.152, Norme in materia ambientale. ‐ Testo vigente ‐ aggiornato, da ultimo, al D.L. 28 dicembre 2006 n.300 ‐ cd."Decreto mille proroghe" e alla finanziaria 2007 D.Lgs. 8 novembre 2006, n. 284, Disposizioni correttive e integrative del D.Lgs. 3 aprile 2006, n.152, recante norme in materia ambientale Legge 27 dicembre 2006, n. 296, Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007)VAS – Rapporto Ambientale Pagina 52


Comune di Orta di AtellaDocumenti e normative per ciascuna tematica di riferimento a livello regionaleTEMATICA AMBIENTALEACQUAAMBIENTEURBANOPOPOLAZIONE ESALUTE UMANAINQUINAMENTOACUSTICOINQUINAMENTOELETTROMAGNETICOINQUINAMENTOLUMINOSOPIANIFICAZIONETERRITORIALEMOBILITÀVERDE URBANOAMIANTODOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO REGIONALE Legge 7 febbraio 1994 n. 8, norme in materia di difesa del suolo – attuazione della Legge 18 maggio 1989, n.183 e s.m.i. L.R. 21 maggio 1997 n.14, Direttive per l’attuazione del servizio idrico integrato ai sensi della legge 5 gennaio 1994 n.36 Decreto di Giunta regionale 700/2003, Individuazione delle zone vulnerabili da nitrati di origine agricola ai sensi dell’art.19 edell’allegato VII del Decreto legislativo 152/99 e s.m.i. (con allegati) L.R. n. 1 del 19 gennaio 2007, Disposizioni per la formazione del bilancio annuale pluriennale della regione Campania – legge finanziariaregionale 2007 L.R. n.17/1988, Disciplina delle competenze, della composizione e del funzionamento del comitato regionale contro l’inquinamentoatmosferico della Campania (Criac) in attuazione dell’art. 101 del Dpr 24 luglio 1977, n. 616 L.R. n.10/2002, Norme per il piano regionale sanitario per il triennio 2002‐2004 D.G.R. n. 8758 del 29/12/95, Linee guida per la zonizzazione acustica del territo‐ rio in attuazione dell’art. 2 del D.P.C.M. 1 marzo 1991 Deliberazione n. 1537 del 24/04/03, Procedure regionali per il riconoscimento della figura di tecnico competente in acustica ambientaleai sensi dall’art. 2, commi 6 e 7, della Legge 447/95 e D.P.C.M. 31/3/98 Decreto 13/02/06, Riconoscimento di organismi competenti in materia di compatibilità elettromagnetica L.R. n. 13 del 24/11/01, Prevenzione dei danni derivanti dai campi elettromagnetici generati da elettrodotti L.R. n. 14 del 24/11/01, Tutela igienico‐sanitaria della popolazione dalla esposizione a radiazioni non ionizzanti generate da impiantiper le tele–radiocomunicazioni D.G.R. n. 3202: Approvazione del documento, Linee Guida per l’applicazione della L.R. n.14/2001 L.R. 25 luglio 2002 n. 12, Norme per il contenimento dell’inquinamento luminoso e del consumo energetico da illuminazione esternapubblica e privata a tutela dell’ambiente, per la tutela dell’attività svolta dagli osservatori astronomici professionali e non professionali eper la corretta valorizzazione dei centri storici L.R. n. 16 del 13 agosto 1998, Assetto dei consorzi per le aree di sviluppo industriale L.R. n. 16 del 22 dicembre 2004, Norme sul governo del territorio D.G.R. n.834 dell’11 maggio 2007, Norme tecniche e direttive riguardanti gli elaborati da allegare agli strumenti di pianificazioneterritoriale ed urbanistica, generale ed attuativa, come previsto dagli artt. 6 e 30 della L.R. n. 16 del 22 dicembre 2004 "Norme sul governodel territorio” D.G.R. n.1956 del 30/11/06, L.R. 22 dicembre 2004 n. 16 ‐ Art 15: Piano territoriale regionale ‐ adozione L.R. n. 3 del 28/03/02, Riforma del trasporto pubblico locale e sistemi di mobilita della Regione Campania D.G.R. n.1282 del 05/04/02, Primo programma degli interventi infrastrutturali L.R. n. 14 del 20/03/82, Indirizzi programmatici e direttive fondamentali relative all’ esercizio delle funzioni delegate in materia diurbanistica D.G.R. n.1078 del 14/03/97, Linee guida per la redazione del piano regionale di protezione dell’ambiente, di decontaminazione, dismaltimento e di bonifica ai fini della difesa dei peri‐ coli derivanti dall’amianto D.G.R. n.7875 del 29/10/98, Adempimenti previsti dalla D.G.R. n. 1078 del 14 marzo 1997 – Costituzione Uora (Unità OperativaRegionale Amianto) D.G.R. n. 64 del 10/10/01, Piano regionale di protezione dell’ambiente, di decontaminazione, smaltimento e di bonifica ai fini della difesadal pericoli derivanti dall’amianto (adozione)VAS – Rapporto Ambientale Pagina 54


Comune di Orta di AtellaTEMATICA AMBIENTALEBIODIVERSITA’ EAREE NATURALIPROTETTERISORSECULTURALI EPAESAGGIORIFIUTI EBONIFICHESUOLODIFESA DEL SUOLORISCHIO SISMICORISCHIO VULCANICOATTIVITÀESTRATTIVEDOCUMENTI E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DI LIVELLO REGIONALE L.R. n. 33 dell’1 settembre 1993, Istituzione di parchi e riserve naturali in Campania L.R. n. 17 del 7 ottobre 2003, Istituzione del sistema parchi urbani di interesse regionale L.R. n. 24 del 18 novembre 1995, Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali L.R. n. 26 del 18 ottobre 2002, Norme ed incentivi per la valorizzazione dei centri storici della Campania e per la catalogazione dei beniambientali di qualità paesistica. Modifiche alla L.R. 19 febbraio 1996, n.3 L.R. n. 16 del 22 dicembre 2004, Norme sul governo del territorio D.G.R. n. 1956 del 30 novembre 2006, L.R. 22 Dicembre 2004, n. 16 ‐ Art15: Piano Territoriale Regionale – Adozione L.R. n. 22 del 12 dicembre 2006, Norme in materia di tutela, salvaguardia e valorizzazione dell’architettura rurale L.R. n. 10 del 10/02/93, Norme e procedure per lo smaltimento dei rifiuti Delibera 525/2006, Disegno di legge ad oggetto: “L.R. in materia di gestione, trasformazione e riutilizzo dei rifiuti”. Con allegato Decreto Legge 9 ottobre 2006 n.263, Misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dei rifiuti nella regione Campania(convertito, con modificazioni, in L. n. 290/2006) Testo coordinato del Decreto Legge 9 ottobre 2006 n.263, Testo del Decreto Legge 9 ottobre 2006, n. 263, coordinato con la legge diconversione 6 dicembre 2006, n.290 recante: “Misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dei rifiuti nella regioneCampania. (Misure per la raccolta differenziata)” Ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri 12 ottobre 2006, Ulteriori disposizioni per fronteggiare l’emergenza nel settoredei rifiuti della regione Campania. (Ordinanza n. 3546) Ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri 25 gennaio 2007 n. 3561, Ulteriori disposizioni per fronteggiare l’emergenza nelsettore dei rifiuti della regione Campania D.P.C.M. 25 gennaio 2007, Proroga dello stato di emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti della regione Campania L.R. n. 8 del 7 febbraio 1994, Norme in materia di difesa del suolo Decreto di Giunta regionale n. 5447 del 7 novembre 2002, Aggiornamento della classificazione sismica dei Comuni della RegioneCampania L.R. n. 21 del 10 dicembre 2003, Norme urbanistiche per i comuni rientranti nelle zone a rischio vulcanico dell’area vesuviana L.R. n. 54 del 13 dicembre 1985 L.R. n. 17 del 16 aprile 1995, Norme per la coltivazione di cave e torbiere Delibere di Giunta regionale n.7235 del 27 dicembre 2001, n.3093 del 31 ottobre 2003 e n.1544 del 6 agosto 2004VAS – Rapporto Ambientale Pagina 55


Comune di Orta di Atella5.2 INDIVIDUAZIONE DEI PIANI E DEI PROGRAMMI PERTINENTINel precedente § 3.4 sono stati definiti i Piani/Programmi che hanno un’interazione con ilPUC, mentre, nel presente paragrafo viene schematizzata l’associazione di ciascunpiano/programma con i temi relativi alla conoscenza del contesto ambientale e territoriale, siaa livello regionale che locale. Questi sono scelti in maniera organica e completa al fine diorientare le scelte di pianificazione verso un corretto e razionale utilizzo del territorio,unitamente alla salvaguardia e alla tutela dell’ambiente.L’ambiente e il territorio, sistemi assai complessi le cui proprietà derivano da una sinergiadi fattori endogeni ed esogeni, saranno analizzati, nel loro stato in relazione alle tematicheambientali, evidenziando la loro correlazione con Piani e Programmi di Livello Regionale eProvinciale.TEMATICA/COMPONENTEAMBIENTALEACQUAAMBIENTE URBANOATMOSFERA ECAMBIAMENTI CLIMATICIBIODIVERSITA’ E AREENATURALI PROTETTEPAESAGGIO E BENICULTURALIRIFIUTI E BONIFICHESUOLOPIANO/PROGRAMMADI LIVELLO REGIONALE PTR Piano Regionale di Tutela delleAcque PTR Programma degli InterventiInfrastrutturali per il SistemaIntegrato Regionale dei Trasporti PTR Piano Regionale di Risanamento eMantenimento della Qualitàdell’Aria PTR PTR PTR Piano Regionale dei Rifiuti Piano Regionale delle AttivitàEstrattive PTRPIANO/PROGRAMMADI LIVELLO PROVINCIALE EDINTERPROVINCIALE Piano per la tutela del suolo e dellerisorse idriche PTCP della Provincia di Caserta PTCP della Provincia di Caserta PTCP della Provincia di Caserta PUCI Autorità di Bacino NordOccidentale della Campania Piano per la tutela del suolo e dellerisorse idriche5.3 SCHEDE DI SINTESI DEGLI OBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE, GENERALI E SPECIFICIGli obiettivi di sostenibilità ambientale generali sono definiti a partire da: L’esame degli strumenti di programmazione e pianificazione regionale vigenti, nonché didocumenti preliminari relativi a piani e programmi in corso di aggiornamento, ovedisponibili; L’esame delle strategie nazionali ed internazionali; L’analisi di contesto ambientale, che permette di evidenziare criticità e potenzialità,sinteticamente individuate, per ciascuna tematica.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 56


Comune di Orta di AtellaTali obiettivi generali sono specificati in parallelo con la definizione degli obiettivi specificidel piano/programma ed eventualmente per specifiche aree geografiche‐territoriali, laddoveper la tipologia di piano se ne ravvisi la possibilità. Ulteriori specificazioni geografiche, cheemergono dalla valutazione del contesto e da tenere presenti per la definizione di obiettivispecifici sono costituite da: Le aree protette e le aree Natura 2000; Le aree di pregio paesistico e quelle degradate; Le aree a rischio idrogeologico, sismico e antropogenico elevato.Gli obiettivi di sostenibilità sono individuati sia per i fattori primari e le tematiche ambientali(aria e fattori climatici, acqua, suolo, flora, fauna e biodiversità, beni materiali e culturali,paesaggio, popolazione e salute umana), che per i fattori di interrelazione (mobilità, energia,rifiuti, rischi naturali e antropogenici).Gli obiettivi di sostenibilità ambientale derivano dall’interazione tra gli obiettivi ambientaliindividuati dagli strumenti di programmazione e pianificazione a vari livelli e le criticità epotenzialità emerse dall’analisi di contesto; essi sono utilizzati come criteri di riferimento percondurre la valutazione ambientale, a livello qualitativo, dei potenziali impatti del Piano sulletematiche ambientali e sui fattori di interrelazione.Gli obiettivi possono essere articolati in: Obiettivi di sostenibilità di primo livello: tutelano o valorizzano i fattori e le tematicheambientali nel loro complesso; Obiettivi di sostenibilità di secondo livello: in genere tutelano o valorizzano specificielementi/aspetti delle tematiche ambientali in relazione alle pressioni antropiche.Nella tabella che segue vengono elencati gli obiettivi di sostenibilità in relazione a ciascunatematica ambientale ed a ciascun fattore di interrelazione.TEMATICAAMBIENTALEACQUAAMBIENTEURBANOOBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ GENERALIOBIETTIVI DIOBIETTIVI DIPRIMO LIVELLOSECONDO LIVELLO Promuovere l’uso sostenibile del sistemadelle acque, tutelando la risorsa idrica egli ambienti acquatici e valorizzandoli dalpunto di vista socioeconomico Promuovere un uso sostenibile del suolo,con particolare attenzione allaprevenzione dei fenomeni di erosione,deterioramento e contaminazione. (VIEAP) Tutelare la popolazione, le infrastrutturee i sistemi insediativi dai rischi naturalied antropici Sviluppare un sistema dei trasportisecondo modalità economicamente, Migliorare la qualità delle acque superficiali esotterranee: raggiungere per i corpi idricisignificativi superficiali e sotterranei il livello diqualità ambientale “buono” (Obiettivo 2016 –D.Lgs. 152/99) Promuovere l’uso razionale e sostenibile dellerisorse idriche, con priorità per quelle potabili Recuperare e tutelare le caratteristicheambientali delle fasce fluviali e degli ecosistemiacquatici, anche al fine di sviluppare gli usi nonconvenzionali delle acque (ad es. usi ricreativi ) Limitare il consumo di suolo, contenere ifenomeni di sprawling urbano e favorire ilrecupero e la rifunzionalizzazione delle areedismesse Orientare la domanda di trasporto passeggeriverso forme di mobilità sostenibile (Strategia diGöteborg – 2005) Promuovere un’offerta di trasporto efficiente,integrata e ambientalmente sostenibile,soprattutto in ambito urbano, e finalizzata adVAS – Rapporto Ambientale Pagina 57


Comune di Orta di AtellaTEMATICAAMBIENTALEATMOSFERAENERGIA ECAMBIAMENTICLIMATICIBIODIVERSITÀ EAREE NATURALIPROTETTERISORSECULTURALI EPAESAGGIORIFIUTI EBONIFICHEOBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ GENERALIOBIETTIVI DIOBIETTIVI DIPRIMO LIVELLOSECONDO LIVELLOsocialmente ed ambientalmentesostenibili (Strategia di Göteborg ‐ 2005) Raggiungere livelli di qualità dell’aria chenon comportino rischi o impatti negativisignificativi per la salute umana e perl’ambiente (VI EAP) Stabilizzare le concentrazioni dei gas aeffetto serra ad un livello tale daescludere pericolose interferenze delleattività antropiche sul sistema climatico(VI EAP) Ridurre il costo economico e ambientaledell’energia per il sistema (imprese,cittadini) Migliorare la gestione e prevenire ilsovrasfruttamento delle risorse naturali,riconoscendo i molteplici valori degliecosistemi (Strategia di Göteborg – 2005) Conservare e migliorare la qualità dellerisorse storiche, culturali e paesaggistichedel territorio regionale nel suo complesso(Convenzione europea del Paesaggio ‐CEP) Garantire che il consumo di risorserinnovabili e non rinnovabili e l’impattoche esso comporta non superi la capacitàdi carico dell’ambiente e dissociarel’utilizzo delle risorse dalla crescitaeconomica (VI EAP – Strategia risorsenaturali)incentivare il riequilibrio modale e a garantire“parità di accesso” a funzioni e servizi insediati Promuovere un utilizzo più efficiente esostenibile del trasporto merci Assicurare e migliorare la qualità della vitacome precondizione per un benessereindividuale durevole (St. Göteborg) Favorire l’inclusione sociale (St. Göteborg) Ridurre le emissioni di inquinanti atmosferici(con particolare riferimento alle sostanzeacidificanti, ai precursori dell’Ozonotroposferico, alle Polveri sottili) Ridurre le emissioni di gas climalteranti (CO2,CH4 e N2O), contribuendo alla riduzione del6,5% delle emissioni rispetto ai valori del 1990(Obiettivo nazionale 2012) Promuovere l’impiego e la diffusione capillaresul territorio delle fonti energetiche rinnovabili,potenziando l’industria legata alle FER (Target12% dell’energia consumata entro 2010 ‐eventuale aumento al 15% entro 2015‐ 25%dell’energia elettrica prodotta) (Dir.2001/77/CE) Ridurre i consumi specifici di energiamigliorando l’efficienza energetica epromuovendo interventi per l’uso razionaledell’energia (Target: Diminuzione del 9% negliusi finali di energia rispetto allo scenario BAUin 9 anni: dal 2008 al 2017). (Dir. 2006/32/CE) Completare la rete ecologica regionale,attraverso l’individuazione delle aree dicorridoio ecologico, la conservazione ed ilmiglioramento naturalistico – ambientale di taliaree; Ridurre la perdita di biodiversità, tutelando lespecie minacciate e i relativi habitat (dimezzarela perdita di biodiversità entro il 2010 –Strategia di Göteborg – 2005) Promuovere il consolidamento e la gestionesostenibile del sistema delle aree protetteregionali Conservare i caratteri che definiscono l’identitàe la leggibilità dei paesaggi attraverso ilcontrollo dei processi di trasformazione,finalizzato alla tutela delle preesistenzesignificative e dei relativi contesti; Promuovere la gestione sostenibile e creativadei paesaggi considerati eccezionali così comedei paesaggi della vita quotidiana del territorioregionale (SSE – CEP) Promuovere il ripristino della qualitàpaesaggistica ed architettonica delle areedegradate (SSE) Bonificare le aree contaminate e proteggere ilsuolo da fenomeni di inquinamento puntuale ediffuso; Ridurre la produzione di rifiuti; Sostenere il riutilizzo, il recupero di materia e ilrelativo mercato; Contenere l’utilizzo delle risorse naturali emigliorare l’efficienza delle risorse.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 58


Comune di Orta di AtellaTEMATICAAMBIENTALESUOLOOBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ GENERALIOBIETTIVI DIOBIETTIVI DIPRIMO LIVELLOSECONDO LIVELLO Promuovere un uso sostenibile del suolo,con particolare attenzione allaprevenzione dei fenomeni di erosione,deterioramento e contaminazione. (VIEAP) Tutelare la popolazione, le infrastrutturee i sistemi insediativi dai rischi naturalied antropici Mantenere la funzionalità idrogeologica delterritorio (manutenzione dei versanti ‐ areemontane e collinari, mantenimento dellanaturalità degli alvei, aree di espansione) Non incrementare il livello di rischio industriale5.4 VERIFICA DI COERENZA ESTERNAAl fine di verificare la coerenza esterna delle linee strategiche del PUC con i principaliriferimenti programmatici regionali e provinciali sono state utilizzate delle matrici checonsentiranno di mettere in evidenza in quale misura il complesso degli obiettivi del PUC sianocoerenti con gli obiettivi strategici assunti nella programmazione regionale e provinciale.Nelle righe delle matrici saranno riportati gli obiettivi generali dei principali piani eprogrammi a livello regionale e provinciale e nelle colonne gli obiettivi del PUC. Nelle caselle diincrocio fra le righe e le colonne saranno riportati dei simboli che esprimono la relazione diciascun obiettivo con tutti gli altri.La simbologia ed il punteggio definita per l’analisi di coerenza esterna sarà la seguente:COERENZA DIRETTA: gli obiettivi sono analoghi o comunque presentano fortielementi di integrazione;INDIFFERENZA: non c’è una correlazione significativa tra gli obiettivi;INCOERENZA: gli obiettivi non convergono.La coerenza diretta esprime la perfetta comunanza tra gli obiettivi del PUC con quelli deglialtri piani e programmi analizzati. Può verificarsi il caso in cui vi siano obiettivi diversi nonfunzionali fra loro e quindi senza alcuna correlazione significativa. Infine si può riscontrarel’incoerenza tra gli obiettivi. Si evidenzia inoltre che il tipo di coerenza esprime solo se lestrategie del PUC e quelli contenuti negli altri Piani e Programmi vanno nella stessa o in unadiversa direzione senza entrare nel merito dell’attuazione o meno dell’obiettivo.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 59


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVI DI PIANI/PROGRAMMI DI LIVELLO REGIONALEOBIETTIVI DEL PUCSuperare i problemi di compatibilità delle opere di grandeinfrastrutturazione mediante la qualità delle soluzioni previste per ogniipotesi di nuova opera o di modifica di quelle esistenti.Costruzione un progetto di connessione tra i residui ambienti a naturalitàdiffusa, tutelando la permanenza di territori ad uso agricolo di alto valoreeconomico, paesaggistico ed ecologico e di ampi tratti liberi da edificazionesulla costa favorendo la promozione economica del territorio sulla basedelle tradizioni e delle specificità esistenti e compatibili con la risorsaambiente.Perseguire il recupero delle condizioni ottimali di qualità dell’ambientemarino e costiero, l’armonizzazione delle varie attività antropiche e degliusi del territorio costiero limitandone gli impatti, il mantenimento e lavalorizzazione delle risorse paesistiche e culturali, la riduzione ol’eliminazione delle attività a rischio di inquinamento attraverso ilmiglioramento della gestione degli insediamenti umani soprattutto neiriguardi dell’acqua potabile, dei reflui e dei rifiuti solidi e scarichiindustriali e la revisione e il completamento della rete depurativa.Costruzione di un modello che trasformi la conurbazione della piana insistema policentrico fondato su una pluralità di città, di ruolicomplementari, di diversificate funzioni prevalenti, ricercando le tracce diidentità residue e utilizzando numerose aree in dismissione.Costruzione della rete ecologica e difesa della biodiversitàCONSERVAZIONE, TUTELAE VALORIZZAZIONEDELL’IDENTITÀAMBIENTALE, STORICA,CULTURALE E INSEDIATIVARIEQUILIBRIO DELLAAVVENUTA ESPANSIONEDEL CENTRO ABITATO ECONTROLLO DELCONSUMO DELTERRITORIORIQUALIFICAZIONE ERIORGANIZZAZIONEDEGLI ELEMENTIDEBOLI DELLASTRUTTURAINSEDIATIVAPIANO TERRITORIALE REGIONALEINTEGRAZIONE, CONNESSIONEFISICA E FUNZIONALE TRA LEPARTI, ACCESSIBILITÀ EFRUIBILITÀ DI UN TERRITORIO DICERNIERA COME ORTA DIATELLAPOTENZIAMENTO DELLARETE E DELLESTRUTTURECOMMERCIALI EPRODUTTIVE ESISTENTIRIORGANIZZAZIONE ERAZIONALIZZAZIONE DELLAPOTENZIALITÀ RICETTIVA –TURISMO SOSTENIBILE E DELLEPOTENZIALITÀ STORICO‐CULTURALI DEL TERRITORIOSALVAGUARDIA EGOVERNO DELLE AREENATURALI CONPOTENZIALITÀAGRICOLEValorizzazione e sviluppo dei territori marginaliValorizzazione delle identità locali attraverso le caratterizzazioni delpaesaggio colturale e insediatoQualificazione della leggibilità dei beni paesaggistici di rilevanza storicoculturaleValorizzazione dei sistemi di beni archeologici e delle testimonianze dellastoria localeRecupero delle aree dismesse e in via di dismissioneRischio attività estrattiveAttività produttive per lo sviluppo agricoloAttività per lo sviluppo turisticoRegolare l’attività estrattiva in funzione del soddisfacimento anche soloparziale del fabbisogno regionale, calcolato per provincePIANO REGIONALE ATTIVITÀ ESTRATTIVEPromuovere il recupero e l’eventuale riutilizzo del territorio concessazione di ogni attività estrattiva, in un tempo determinato, in zone adalto rischio ambientale ed in aree in crisiRidurre il consumo di risorse non rinnovabili anche attraversol’incentivazione ed il riutilizzo degli inertiSviluppare le attività estrattive in aree specificatamente individuateVAS – Rapporto Ambientale Pagina 60


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVI DI PIANI/PROGRAMMI DI LIVELLO REGIONALEPromuovere, ove possibile, la ricomposizione e la riqualificazione dellecave abbandonateOBIETTIVI DEL PUCCONSERVAZIONE, TUTELAE VALORIZZAZIONEDELL’IDENTITÀAMBIENTALE, STORICA,CULTURALE E INSEDIATIVARIEQUILIBRIO DELLAAVVENUTA ESPANSIONEDEL CENTRO ABITATO ECONTROLLO DELCONSUMO DELTERRITORIORIQUALIFICAZIONE ERIORGANIZZAZIONEDEGLI ELEMENTIDEBOLI DELLASTRUTTURAINSEDIATIVAINTEGRAZIONE, CONNESSIONEFISICA E FUNZIONALE TRA LEPARTI, ACCESSIBILITÀ EFRUIBILITÀ DI UN TERRITORIO DICERNIERA COME ORTA DIATELLAPOTENZIAMENTO DELLARETE E DELLESTRUTTURECOMMERCIALI EPRODUTTIVE ESISTENTIRIORGANIZZAZIONE ERAZIONALIZZAZIONE DELLAPOTENZIALITÀ RICETTIVA –TURISMO SOSTENIBILE E DELLEPOTENZIALITÀ STORICO‐CULTURALI DEL TERRITORIOSALVAGUARDIA EGOVERNO DELLE AREENATURALI CONPOTENZIALITÀAGRICOLEIncentivare la qualità dell’attività estrattiva e prevedere nuovi e piùefficienti sistemi di controlloPromuovere la prevenzione e la repressione del fenomeno dell’abusivismonel settore estrattivoPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER IL SISTEMA INTEGRATO REGIONALE DEI TRASPORTIGarantire l’accessibilità per le persone e le merci all’intero territorioregionale, con livelli di servizio differenziati in relazione alle esigenzesocio‐economiche delle singole aree al fine di conseguire obiettiviterritoriali (decongestionare le aree costiere, collegare le aree interne) eproduttiviAssicurare elevate potenzialità ed affidabilità al sistema dei trasporti, ed alcontempo bassa vulnerabilità, in maniera particolare nelle aree a rischioGarantire la qualità dei servizi di trasporto collettivi, il loro accesso allefasce sociali deboli e/o marginali, ed idonee condizioni di mobilità allepersone con ridotte capacità motorieAssicurare lo sviluppo sostenibile del trasporto riducendo i consumienergetici, le emissioni inquinanti e gli impatti sul territorioAssicurare la sicurezza riducendo l’incidentalità, in particolare per la retestradaleMinimizzare il costo generalizzato della mobilità (costo risultante dallasomma dei costi di produzione del trasporto privato e del trasportopubblico) ed il valore di tutte le risorse che gli utenti del sistema debbonoconsumare per muoversi (tempo, rischio incidenti, carenza comfort)Raccogliere e sistematizzare i dati esistenti sulle diverse matrici ambientaliPIANO DI BONIFICA DEI SITI INQUINATIValutare il rischio di inquinamento per l’ambiente naturale, il territoriourbanizzato ed il danno per la salute pubblicaAttuare la bonifica ed il ripristino ambientale dei siti per i quali si registrail superamento o il pericolo concreto ed attuale di superamento dei valoridi concentrazione limite accettabile di sostanze inquinantiAttuare la messa in sicurezza dei siti contaminati laddove i valori diconcentrazione limite accettabile di sostanze inquinanti non possonoessere raggiunti, nonostante l’applicazione delle migliori tecnologiedisponibiliConseguire, entro il 2010, nelle zone definite di risanamento, il rispettodegli obiettivi di qualità dell’aria, stabiliti dalle più recenti normativeeuropee, con riferimento ai seguenti inquinanti: ossidi di zolfo, ossidi diazoto, monossido di carbonio, particelle sospese con diametro inferiore a10μm, benzeneEvitare, entro il 2010, nelle zone definite di mantenimento, ilpeggioramento della qualità dell’aria con riferimento ai seguentiinquinanti: ossidi di zolfo, ossidi di azoto, monossido di carbonio, particellesospese con diametro inferiore a 10μm, benzeneContribuire al rispetto dei limiti nazionali di emissione di ossidi di zolfo,ossidi di azoto, composti organici volatili ed ammoniacaPIANO DI RISANAMENTO E MANTENIMENTO DELLA QUALITÀ DELL’ARIAConseguire il rispetto dei limiti di emissione, con riferimento agli ossidi dizolfo, ossidi di azoto e polveri, per i grandi impianti di combustioneVAS – Rapporto Ambientale Pagina 61


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVI DI PIANI/PROGRAMMI DI LIVELLO REGIONALEConseguire una considerevole riduzione delle emissioni dei precursoridell’ozono e porre le basi per il rispetto degli standard di qualità dell’ariaper tale inquinanteContribuire con le iniziative di risparmio energetico, di sviluppo diproduzione di energia elettrica con fonti rinnovabili e tramite laproduzione di energia elettrica da impianti con maggiore efficienzaenergetica a conseguire, entro il 2010, la percentuale di riduzione delleemissioni prevista per l’Italia in applicazione del protocollo di KyotoOBIETTIVI DEL PUCCONSERVAZIONE, TUTELAE VALORIZZAZIONEDELL’IDENTITÀAMBIENTALE, STORICA,CULTURALE E INSEDIATIVARIEQUILIBRIO DELLAAVVENUTA ESPANSIONEDEL CENTRO ABITATO ECONTROLLO DELCONSUMO DELTERRITORIORIQUALIFICAZIONE ERIORGANIZZAZIONEDEGLI ELEMENTIDEBOLI DELLASTRUTTURAINSEDIATIVAINTEGRAZIONE, CONNESSIONEFISICA E FUNZIONALE TRA LEPARTI, ACCESSIBILITÀ EFRUIBILITÀ DI UN TERRITORIO DICERNIERA COME ORTA DIATELLAPOTENZIAMENTO DELLARETE E DELLESTRUTTURECOMMERCIALI EPRODUTTIVE ESISTENTIRIORGANIZZAZIONE ERAZIONALIZZAZIONE DELLAPOTENZIALITÀ RICETTIVA –TURISMO SOSTENIBILE E DELLEPOTENZIALITÀ STORICO‐CULTURALI DEL TERRITORIOSALVAGUARDIA EGOVERNO DELLE AREENATURALI CONPOTENZIALITÀAGRICOLEPIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANIMinimizzazione dell’impatto del ciclo dei rifiuti, a protezione della saluteumana e dell’ambienteConservazione di risorse, quali materiali, energia e spaziGestione dei rifiuti “after‐care‐free”, cioè tale che né la messa a discarica néla termovalorizzazione, il riciclo o qualsiasi altro trattamento comportinoproblemi da risolvere per le future generazioniRaggiungimento dell’autosufficienza regionale nella gestione dei rifiutiurbaniRaggiungimento della sostenibilità economica del ciclo dei rifiutiTrattamento in sicurezza ed in tempi ragionevoli dei rifiuti stoccati da annisul territorio regionaleVAS – Rapporto Ambientale Pagina 62


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVI DI PIANI/PROGRAMMI DI LIVELLOPROVINCIALE ED INTERPROVINCIALERipristino degli equilibri idrogeologici e ambientaliOBIETTIVI DEL PUCCONSERVAZIONE, TUTELA EVALORIZZAZIONEDELL’IDENTITÀAMBIENTALE, STORICA,CULTURALE E INSEDIATIVARIEQUILIBRIO DELLAAVVENUTA RIQUALIFICAZIONE EESPANSIONE DEL RIORGANIZZAZIONECENTRO ABITATO E DEGLI ELEMENTI DEBOLICONTROLLO DELDELLA STRUTTURACONSUMO DELINSEDIATIVATERRITORIOPUCI DELL’AUTORITÀ DI BACINO NORD OCCIDENTALE DELLA CAMPANIAINTEGRAZIONE, CONNESSIONEFISICA E FUNZIONALE TRA LEPARTI, ACCESSIBILITÀ EFRUIBILITÀ DI UN TERRITORIO DICERNIERA COME ORTA DI ATELLAPOTENZIAMENTODELLA RETE E DELLESTRUTTURECOMMERCIALI EPRODUTTIVEESISTENTIRIORGANIZZAZIONE ERAZIONALIZZAZIONE DELLAPOTENZIALITÀ RICETTIVA – TURISMOSOSTENIBILE E DELLE POTENZIALITÀSTORICO‐CULTURALI DELTERRITORIOSALVAGUARDIA EGOVERNO DELLEAREE NATURALI CONPOTENZIALITÀAGRICOLERecupero degli ambiti idraulici e del sistema delle acqueProgrammazione degli usi del suolo ai fini della difesa, dellastabilizzazione e del consolidamento dei terreniProtezione dei suoli e delle acque come risorse limitate e non rinnovabilie come ecosistema per gli altri organismi viventiProtezione dei suoli di elevata capacità d’uso agro‐silvo‐pastoralePIANO PER LA TUTELA DEL SUOLO E DELLE RISORSE IDRICHESalvaguardia dei valori naturalistici ed ambientali del territorioDifesa del territorio dai processi erosivi, alluvionali e di inquinamentoConservazione dell’indice di permeabilità dei suoliSalvaguardia dai fenomeni di allagamento per insufficienza del reticolourbano e compatibilità dei deflussi nei ricettori finali derivanti da nuoveimpermeabilizzazioniRiequilibrio dei pesi insediativi;PTCP DELLA PROVINCIA DI CASERTAMitigazione del rischio ambientale e antropicoMinimizzazione del consumo di suoloFormazione della rete ecologica provincialeTutela dei valori paesaggistici e naturaliRecupero dei centri storiciSoddisfacimento della pressione insediativaRiqualificazione degli insediamentiPotenziamento della rete su ferro e della mobilità deboleModernizzazione della rete stradaleMitigazione dell’impatto delle grandi infrastrutture (aeroporto diGrazzanise e interporto di Marcianise)VAS – Rapporto Ambientale Pagina 63


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVI DEL PUC COERENZA INCOERENZAConservazione, tutela e valorizzazione dell’identità ambientale, storica, culturale e insediativa 4 0Riequilibrio della avvenuta espansione del centro abitato e controllo del consumo del territorio 7 0Riqualificazione e riorganizzazione degli elementi deboli della struttura insediativa 5 0Integrazione, connessione fisica e funzionale tra le parti, accessibilità e fruibilità di un territorio di cerniera come Orta di Atella 5 0Potenziamento della rete e delle strutture commerciali e produttive esistenti 2 0Riorganizzazione e razionalizzazione della potenzialità ricettiva – turismo sostenibile e delle potenzialità storico‐culturali del territorio 4 0Salvaguardia e governo delle aree naturali con potenzialità agricole 3 0VAS – Rapporto Ambientale Pagina 64


Comune di Orta di Atella5.5 VERIFICA DI COERENZA INTERNAAnalogamente al metodo applicato per la “Verifica di Coerenza Esterna”, viene valutata la“Coerenza Interna” del Piano, analizzando la corrispondenza e la consequenzialità tra l’analisidelle criticità, l’individuazione degli obiettivi e delle relative strategie e gli interventi in gradodi raggiungerli.Nel caso in esame l’analisi della coerenza interna è stata condotta sulla scomposizione dellastruttura del PUC in Obiettivi e Azioni Strategiche ed è stata svolta attraverso matrici cheindicano l’esistenza di una connessione tra obiettivi e azioni strategiche suddivise per sistemadi riferimento.Nelle caselle di incrocio fra le righe e le colonne sono riportati dei simboli che esprimono larelazione di ciascun azione strategica del PUC con ciascun obiettivo. La simbologia definita perl’analisi di coerenza esterna è la seguente:COERENZA DIRETTA: le azioni concorrono direttamente al perseguimento degliobiettivi;COERENZA INDIRETTA: le azioni concorrono indirettamente al perseguimento degliobiettivi; ‐ : le azioni non concorrono al perseguimento degli obiettivi;INCOERENZA: le azioni pregiudicano il perseguimento degli obiettivi.L’analisi della coerenza interna è stata condotta anche tra le azioni strategiche del PUC e gliobiettivi di sostenibilità ambientale precedentemente individuati (§ 5.3).VAS – Rapporto Ambientale Pagina 65


Comune di Orta di AtellaAZIONI STRATEGICHEOBIETTIVIDEL PUCCONSERVAZIONE, TUTELA EVALORIZZAZIONEDELL’IDENTITÀ AMBIENTALE,STORICA, CULTURALE EINSEDIATIVARIEQUILIBRIO DELLAAVVENUTA ESPANSIONE DELCENTRO ABITATO ECONTROLLO DEL CONSUMODEL TERRITORIORIQUALIFICAZIONE ERIORGANIZZAZIONE DEGLIELEMENTI DEBOLI DELLASTRUTTURA INSEDIATIVASISTEMA INSEDIATIVOINTEGRAZIONE, CONNESSIONEFISICA E FUNZIONALE TRA LEPARTI, ACCESSIBILITÀ EFRUIBILITÀ DI UN TERRITORIO DICERNIERA COME ORTA DI ATELLAPOTENZIAMENTO DELLARETE E DELLE STRUTTURECOMMERCIALI EPRODUTTIVE ESISTENTIRIORGANIZZAZIONE ERAZIONALIZZAZIONE DELLAPOTENZIALITÀ RICETTIVA – TURISMOSOSTENIBILE E DELLE POTENZIALITÀSTORICO‐CULTURALI DEL TERRITORIOSALVAGUARDIA EGOVERNO DELLE AREENATURALI CONPOTENZIALITÀAGRICOLE‐ ‐ ‐Favorire la riqualificazione degli insediamenticonsolidati e di interesse storico – culturaleattraverso il ricorso a strumenti dipianificazione attuativa e negoziata‐ ‐ ‐Completare i tessuti urbani recenti chemanifestano debolezze strutturali ancheattraverso il ricorso a Piani Urbanistici Attuativiche aumentino la dotazione di urbanizzazioni‐primarieRiqualificare il sistema insediativo esistente(edificato in maniera legittima o meno) ancheattraverso il ricorso a Piani Urbanistici Attuativie Piani di Recupero degli Insediamenti Abusivi‐ ‐ ‐ ‐Corretto dimensionamento e localizzazionedelle aree residenziali di nuovo impianto‐ ‐ ‐ ‐ ‐Rilancio delle attività localizzate all’interno delcentro urbano‐ ‐ ‐Incentivare il completamento e la nascita diAree Produttive‐ ‐ ‐ ‐ ‐Aumentare la dotazione di attrezzature dicarattere locale, al fine di migliorare ladotazione di standard e la qualità della vita ‐ ‐ ‐ ‐Rafforzamento e miglioramento delleconnessioni tra il territorio e le retiinfrastrutturali di tipo sovracomunale(Marcianise‐Casapuzzano e Aversa‐Caivano) edi tipo comunale (viabilità nel centro storico earea adiacente)Realizzazione di infrastrutture in grado diSISTEMA DELLA MOBILITÀ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐facilitare e garantire la fruibilità del territorio‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Tutela dell’integrità ambientaleTutela della diversità delle produzioni agricoleTutela delle aree sorgenti di rischio ambientaleSISTEMA AMBIENTALE‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐VAS – Rapporto Ambientale Pagina 66


Comune di Orta di AtellaCOERENZA TRA LE AZIONI E GLI OBIETTIVI DEL PUCCOERENZADIRETTACOERENZAINDIRETTASISTEMA INSEDIATIVOFavorire la riqualificazione degli insediamenti consolidati e di interesse storico – culturale attraverso il ricorso a strumenti dipianificazione attuativa e negoziata1 3 0Completare i tessuti urbani recenti che manifestano debolezze strutturali anche attraverso il ricorso a Piani UrbanisticiAttuativi che aumentino la dotazione di urbanizzazioni primarie2 1 0Riqualificare il sistema insediativo esistente (edificato in maniera legittima o meno) anche attraverso il ricorso a PianiUrbanistici Attuativi e Piani di Recupero degli Insediamenti Abusivi2 1 0Corretto dimensionamento e localizzazione delle aree residenziali di nuovo impianto 1 1 0Rilancio delle attività localizzate all’interno del centro urbano 1 3 0Incentivare il completamento e la nascita di Aree Produttive 1 1 0Aumentare la dotazione di attrezzature di carattere locale, al fine di migliorare la dotazione di standard e la qualità della vita 0 3 0SISTEMA DELLA MOBILITÀRafforzamento e miglioramento delle connessioni tra il territorio e le reti infrastrutturali di tipo sovracomunale (Marcianise‐Casapuzzano e Aversa‐Caivano) e di tipo comunale (viabilità nel centro storico e area adiacente)1 0 0Realizzazione di infrastrutture in grado di facilitare e garantire la fruibilità del territorio 1 0 0SISTEMA AMBIENTALETutela dell’integrità ambientale 1 0 0Tutela della diversità delle produzioni agricole 1 0 0Tutela delle aree sorgenti di rischio ambientale 0 0 0INCOERENZAVAS – Rapporto Ambientale Pagina 67


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVIDI SOSTENIBILITÀAMBIENTALEAZIONI DEL PUCFavorire lariqualificazione degliinsediamenti consolidatie di interesse storico –culturale attraverso ilricorso a strumenti dipianificazione attuativa enegoziataCompletare i tessutiurbani recenti chemanifestano debolezzestrutturali ancheattraverso il ricorso aPiani Urbanistici Attuativiche aumentino ladotazione diurbanizzazioni primarieRiqualificare il sistemainsediativo esistente(edificato in manieralegittima o meno) ancheattraverso il ricorso aPiani Urbanistici Attuativie Piani di Recupero degliInsediamenti AbusiviMIGLIORARE LAQUALITÀ DELLEACQUE SUPERFICIALIE SOTTERRANEE:RAGGIUNGERE PER ICORPI IDRICISIGNIFICATIVISUPERFICIALI ESOTTERRANEI ILLIVELLO DI QUALITÀAMBIENTALE“BUONO”ACQUA AMBIENTE URBANO ATMOSFERA ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICIPROMUOVEREL’USO RAZIONALEE SOSTENIBILEDELLE RISORSEIDRICHE, CONPRIORITÀ PERQUELLE POTABILIRECUPERARE ETUTELARE LECARATTERISTICHEAMBIENTALI DELLEFASCE FLUVIALI E DEGLIECOSISTEMI ACQUATICI,ANCHE AL FINE DISVILUPPARE GLI USI NONCONVENZIONALI DELLEACQUELIMITARE IL CONSUMO DISUOLO, CONTENERE IFENOMENI DI SPRAWLINGURBANO E FAVORIRE ILRECUPERO E LARIFUNZIONALIZZAZIONEDELLE AREE DISMESSEORIENTARE LADOMANDA DITRASPORTOPASSEGGERIVERSO FORMEDI MOBILITÀSOSTENIBILEPROMUOVERE UN’OFFERTADI TRASPORTO EFFICIENTE,INTEGRATA EAMBIENTALMENTESOSTENIBILE,SOPRATTUTTO IN AMBITOURBANO, E FINALIZZATA ADINCENTIVARE ILRIEQUILIBRIO MODALE E AGARANTIRE “PARITÀ DIACCESSO” A FUNZIONI ESERVIZI INSEDIATISISTEMA INSEDIATIVOPROMUOVEREUN UTILIZZO PIÙEFFICIENTE ESOSTENIBILEDEL TRASPORTOMERCIASSICURARE EMIGLIORARE LAQUALITÀ DELLAVITA COMEPRECONDIZIONEPER UN BENESSEREINDIVIDUALEDUREVOLEFAVORIREL’INCLUSIONESOCIALERIDURRE LEEMISSIONI DIINQUINANTIATMOSFERICIRIDURRE LEEMISSIONI DI GASCLIMALTERANTI(CO2, CH4 E N2O),CONTRIBUENDO ALLARIDUZIONE DEL6,5% DELLEEMISSIONI RISPETTOAI VALORI DEL 1990PROMUOVEREL’IMPIEGO E LADIFFUSIONECAPILLARE SULTERRITORIO DELLEFONTIENERGETICHERINNOVABILI,POTENZIANDOL’INDUSTRIALEGATA ALLE FER‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Correttodimensionamento elocalizzazione delle areeresidenziali di nuovo ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐impiantoRilancio delle attivitàlocalizzate all’interno delcentro urbano ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Incentivare ilcompletamento e lanascita di AreeProduttive‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Aumentare la dotazionedi attrezzature dicarattere locale, al fine dimigliorare la dotazione distandard e la qualità dellavitaRafforzamento emiglioramento delleconnessioni tra ilterritorio e le retiinfrastrutturali di tiposovracomunale‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐SISTEMA DELLA MOBILITÀ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐RIDURRE I CONSUMISPECIFICI DIENERGIAMIGLIORANDOL’EFFICIENZAENERGETICA EPROMUOVENDOINTERVENTI PERL’USO RAZIONALEDELL’ENERGIAVAS – Rapporto Ambientale Pagina 68


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVIDI SOSTENIBILITÀAMBIENTALEAZIONI DEL PUC(Marcianise‐Casapuzzanoe Aversa‐Caivano) e ditipo comunale (viabilitànel centro storico e areaadiacente)Realizzazione diinfrastrutture in grado difacilitare e garantire laMIGLIORARE LAQUALITÀ DELLEACQUE SUPERFICIALIE SOTTERRANEE:RAGGIUNGERE PER ICORPI IDRICISIGNIFICATIVISUPERFICIALI ESOTTERRANEI ILLIVELLO DI QUALITÀAMBIENTALE“BUONO”ACQUA AMBIENTE URBANO ATMOSFERA ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICIPROMUOVEREL’USO RAZIONALEE SOSTENIBILEDELLE RISORSEIDRICHE, CONPRIORITÀ PERQUELLE POTABILIRECUPERARE ETUTELARE LECARATTERISTICHEAMBIENTALI DELLEFASCE FLUVIALI E DEGLIECOSISTEMI ACQUATICI,ANCHE AL FINE DISVILUPPARE GLI USI NONCONVENZIONALI DELLEACQUELIMITARE IL CONSUMO DISUOLO, CONTENERE IFENOMENI DI SPRAWLINGURBANO E FAVORIRE ILRECUPERO E LARIFUNZIONALIZZAZIONEDELLE AREE DISMESSEORIENTARE LADOMANDA DITRASPORTOPASSEGGERIVERSO FORMEDI MOBILITÀSOSTENIBILEPROMUOVERE UN’OFFERTADI TRASPORTO EFFICIENTE,INTEGRATA EAMBIENTALMENTESOSTENIBILE,SOPRATTUTTO IN AMBITOURBANO, E FINALIZZATA ADINCENTIVARE ILRIEQUILIBRIO MODALE E AGARANTIRE “PARITÀ DIACCESSO” A FUNZIONI ESERVIZI INSEDIATIPROMUOVEREUN UTILIZZO PIÙEFFICIENTE ESOSTENIBILEDEL TRASPORTOMERCIASSICURARE EMIGLIORARE LAQUALITÀ DELLAVITA COMEPRECONDIZIONEPER UN BENESSEREINDIVIDUALEDUREVOLEFAVORIREL’INCLUSIONESOCIALERIDURRE LEEMISSIONI DIINQUINANTIATMOSFERICIRIDURRE LEEMISSIONI DI GASCLIMALTERANTI(CO2, CH4 E N2O),CONTRIBUENDO ALLARIDUZIONE DEL6,5% DELLEEMISSIONI RISPETTOAI VALORI DEL 1990PROMUOVEREL’IMPIEGO E LADIFFUSIONECAPILLARE SULTERRITORIO DELLEFONTIENERGETICHERINNOVABILI,POTENZIANDOL’INDUSTRIALEGATA ALLE FERfruibilità del territorio‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐SISTEMA AMBIENTALETutela dell’integritàambientale‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Tutela della diversitàdelle produzioni agricole‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Tutela delle aree sorgentidi rischio ambientale‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐RIDURRE I CONSUMISPECIFICI DIENERGIAMIGLIORANDOL’EFFICIENZAENERGETICA EPROMUOVENDOINTERVENTI PERL’USO RAZIONALEDELL’ENERGIAVAS – Rapporto Ambientale Pagina 69


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVIDI SOSTENIBILITÀAMBIENTALEAZIONI DEL PUCFavorire la riqualificazionedegli insediamenti consolidatie di interesse storico –culturale attraverso il ricorso astrumenti di pianificazioneattuativa e negoziataCompletare i tessuti urbanirecenti che manifestanodebolezze strutturali ancheattraverso il ricorso a PianiUrbanistici Attuativi cheaumentino la dotazione diurbanizzazioni primarieRiqualificare il sistemainsediativo esistente (edificatoin maniera legittima o meno)anche attraverso il ricorso aPiani Urbanistici Attuativi ePiani di Recupero degliInsediamenti AbusiviCorretto dimensionamento elocalizzazione delle areeBIODIVERSITÀ E AREE NATURALI PROTETTE RISORSE CULTURALI E PAESAGGIO RIFIUTI E BONIFICHE SUOLOCOMPLETARE LA RETEECOLOGICA REGIONALE,ATTRAVERSOL’INDIVIDUAZIONE DELLEAREE DI CORRIDOIOECOLOGICO, LACONSERVAZIONE ED ILMIGLIORAMENTONATURALISTICO –AMBIENTALE DI TALI AREERIDURRE LAPERDITA DIBIODIVERSITÀ,TUTELANDO LESPECIE MINACCIATEE I RELATIVIHABITATPROMUOVERE ILCONSOLIDAMENTO E LAGESTIONE SOSTENIBILEDEL SISTEMA DELLEAREE PROTETTEREGIONALICONSERVARE I CARATTERI CHEDEFINISCONO L’IDENTITÀ E LALEGGIBILITÀ DEI PAESAGGIATTRAVERSO IL CONTROLLO DEIPROCESSI DI TRASFORMAZIONE,FINALIZZATO ALLA TUTELADELLE PREESISTENZESIGNIFICATIVE E DEI RELATIVICONTESTIPROMUOVERE LAGESTIONE SOSTENIBILEE CREATIVA DEIPAESAGGI CONSIDERATIECCEZIONALI COSÌ COMEDEI PAESAGGI DELLAVITA QUOTIDIANA DELTERRITORIO REGIONALESISTEMA INSEDIATIVOPROMUOVERE ILRIPRISTINO DELLAQUALITÀPAESAGGISTICA EDARCHITETTONICADELLE AREEDEGRADATEBONIFICARE LE AREECONTAMINATE EPROTEGGERE ILSUOLO DA FENOMENIDI INQUINAMENTOPUNTUALE E DIFFUSORIDURRE LAPRODUZIONEDI RIFIUTISOSTENERE ILRIUTILIZZO, ILRECUPERO DIMATERIA E ILRELATIVOMERCATOCONTENEREL’UTILIZZO DELLERISORSENATURALI EMIGLIORAREL’EFFICIENZADELLE RISORSEMANTENERE LAFUNZIONALITÀIDROGEOLOGICADEL TERRITORIO‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐residenziali di nuovo impianto ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Rilancio delle attivitàlocalizzate all’interno delcentro urbano ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Incentivare il completamento ela nascita di Aree Produttive‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Aumentare la dotazione diattrezzature di caratterelocale, al fine di migliorare ladotazione di standard e la ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐qualità della vitaRafforzamentoemiglioramento delleconnessioni tra il territorio e lereti infrastrutturali di tiposovracomunale (Marcianise‐Casapuzzano e Aversa‐Caivano) e di tipo comunale(viabilità nel centro storico earea adiacente)Realizzazione di infrastrutturein grado di facilitare e garantireSISTEMA DELLA MOBILITÀ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐la fruibilità del territorio ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐SISTEMA AMBIENTALENONINCREMENTARE ILLIVELLO DIRISCHIOINDUSTRIALEVAS – Rapporto Ambientale Pagina 70


Comune di Orta di AtellaOBIETTIVIDI SOSTENIBILITÀAMBIENTALEAZIONI DEL PUCBIODIVERSITÀ E AREE NATURALI PROTETTE RISORSE CULTURALI E PAESAGGIO RIFIUTI E BONIFICHE SUOLOCOMPLETARE LA RETEECOLOGICA REGIONALE,ATTRAVERSOL’INDIVIDUAZIONE DELLEAREE DI CORRIDOIOECOLOGICO, LACONSERVAZIONE ED ILMIGLIORAMENTONATURALISTICO –AMBIENTALE DI TALI AREERIDURRE LAPERDITA DIBIODIVERSITÀ,TUTELANDO LESPECIE MINACCIATEE I RELATIVIHABITATPROMUOVERE ILCONSOLIDAMENTO E LAGESTIONE SOSTENIBILEDEL SISTEMA DELLEAREE PROTETTEREGIONALICONSERVARE I CARATTERI CHEDEFINISCONO L’IDENTITÀ E LALEGGIBILITÀ DEI PAESAGGIATTRAVERSO IL CONTROLLO DEIPROCESSI DI TRASFORMAZIONE,FINALIZZATO ALLA TUTELADELLE PREESISTENZESIGNIFICATIVE E DEI RELATIVICONTESTIPROMUOVERE LAGESTIONE SOSTENIBILEE CREATIVA DEIPAESAGGI CONSIDERATIECCEZIONALI COSÌ COMEDEI PAESAGGI DELLAVITA QUOTIDIANA DELTERRITORIO REGIONALEPROMUOVERE ILRIPRISTINO DELLAQUALITÀPAESAGGISTICA EDARCHITETTONICADELLE AREEDEGRADATEBONIFICARE LE AREECONTAMINATE EPROTEGGERE ILSUOLO DA FENOMENIDI INQUINAMENTOPUNTUALE E DIFFUSORIDURRE LAPRODUZIONEDI RIFIUTISOSTENERE ILRIUTILIZZO, ILRECUPERO DIMATERIA E ILRELATIVOMERCATOCONTENEREL’UTILIZZO DELLERISORSENATURALI EMIGLIORAREL’EFFICIENZADELLE RISORSEMANTENERE LAFUNZIONALITÀIDROGEOLOGICADEL TERRITORIOTutela dell’integrità ambientale‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Tutela della diversità delleproduzioni agricole‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐Tutela delle aree sorgenti dirischio ambientale‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐ ‐NONINCREMENTARE ILLIVELLO DIRISCHIOINDUSTRIALEVAS – Rapporto Ambientale Pagina 71


Comune di Orta di AtellaCOERENZA TRA LE AZIONI DEL PUC E GLI OBIETTIVI DI SOSTENIBILITÀ AMBIENTALECOERENZADIRETTACOERENZAINDIRETTAINCOERENZASISTEMA INSEDIATIVOFavorire la riqualificazione degli insediamenti consolidati e di interesse storico – culturale attraverso il ricorso a strumenti dipianificazione attuativa e negoziata3 2 0Completare i tessuti urbani recenti che manifestano debolezze strutturali anche attraverso il ricorso a Piani UrbanisticiAttuativi che aumentino la dotazione di urbanizzazioni primarie1 1 0Riqualificare il sistema insediativo esistente (edificato in maniera legittima o meno) anche attraverso il ricorso a PianiUrbanistici Attuativi e Piani di Recupero degli Insediamenti Abusivi1 1 0Corretto dimensionamento e localizzazione delle aree residenziali di nuovo impianto 1 0 0Rilancio delle attività localizzate all’interno del centro urbano 0 0 0Incentivare il completamento e la nascita di Aree Produttive 0 0 02Aumentare la dotazione di attrezzature di carattere locale, al fine di migliorare la dotazione di standard e la qualità della vita 2 0 0SISTEMA DELLA MOBILITÀRafforzamento e miglioramento delle connessioni tra il territorio e le reti infrastrutturali di tipo sovracomunale (Marcianise‐Casapuzzano e Aversa‐Caivano) e di tipo comunale (viabilità nel centro storico e area adiacente)0 0 0Realizzazione di infrastrutture in grado di facilitare e garantire la fruibilità del territorio 0 1 0SISTEMA AMBIENTALETutela dell’integrità ambientale 0 2 0Tutela della diversità delle produzioni agricole 0 1 0Tutela delle aree sorgenti di rischio ambientale 0 0 0VAS – Rapporto Ambientale Pagina 72


Comune di Orta di Atella6. VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DEL PUC6.1 METODOLOGIA E CRITERI ADOTTATI PER LA DETERMINAZIONE E LA VALUTAZIONE DEGLIIMPATTIIl D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., nonché l’art. 5 par. 1 della Direttiva 2001/42/CE stabiliscono che,nel Rapporto Ambientale, vengano “individuati, descritti e valutati gli effetti significativi chel’attuazione del piano o del programma potrebbe avere sull’ambiente”. Nel caso del PUC di Ortadi Atella sono schematizzati le azioni strategiche contenute nel Piano e valutati i possibili effettisulle componenti ambientali.La valutazione degli effetti ambientali tiene conto delle strategie, degli interventi, quandodefiniti, e ancor più della regolamentazione prevista per il Piano, nonché della durata delletrasformazioni che derivano dalla sua attuazione.6.2 IMPATTI DERIVANTI DALLE AREE DI TRASFORMAZIONEPer la stima degli effetti del piano sull’ambiente si è proceduto tramite overmapping diinformazioni territoriali ambientali esistenti, ed overlay di cartografie basate su criteriquantitativi specifici.Per il processo di overmapping sono state utilizzate le seguenti informazioni: Rischio idraulico; Fasce di rispetto da vincoli infrastrutturali (cimitero, depuratore, elettrodotti, ecc.) Vincoli paesaggistici ai sensi del D.Lgs. 42/2004.Successivamente, tramite un processo di overlay si è verificata l’idoneità del territorio adessere trasformato per come previsto dal PUC, quando con il termine “trasformato” si intendenon solo edificato, ma anche attrezzato ad usi antropici. Questo processo è finalizzato a coglierein modo sintetico le interazioni tra i vari sistemi e fattori che connotano i territori comunali. Ilimiti all’idoneità alla trasformazione del territorio sono dati dalle caratteristiche morfologichee geologiche dei terreni, dalla presenza di fattori di rischio ambientale connessi con lavulnerabilità delle risorse naturali, alla sicurezza idraulica e alla tutela dei valori paesaggistici,culturali e naturalistici.La compatibilità del territorio alle trasformazioni è evidenziata nell’elaborato “02– VAS –Carta delle criticità ambientali”6.3 QUADRO DEI POTENZIALI IMPATTI ATTESIDi seguito vengono schematizzati i potenziali impatti attesi pertinenti al piano; gli impattiindividuati sono espressi in termini di interferenze per ogni componente ambientale.Nelle caselle di incrocio fra le righe e le colonne sono riportati dei simboli che esprimono larelazione di ciascuna azione del PUC con le tematiche ambientali. Gli impatti sono schematizzaticome segue:IMPATTI POSITIVI: l’azione strategica genererà una miglioria per la tematicaambientale;NESSUN IMPATTO: l’azione strategica non interagisce con la tematica ambientale;VAS – Rapporto Ambientale Pagina 73


Comune di Orta di AtellaIMPATTI NEGATIVI: l’azione strategica determinerà effetti negativi sulla tematicaambientale.Nel caso di impatti negativi, si procederà ad approfondire i casi di interazione negativa opotenzialmente tale, per evidenziare le misure di mitigazione e/o compensazione (§ 7.1) degliimpatti, in modo da ridurre al minimo o sopprimere del tutto l’impatto negativo.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 74


Comune di Orta di AtellaTEMATICHE AMBIENTALIAZIONI DEL PUCACQUAAMBIENTEURBANOATMOSFERA ENERGIAE CAMBIAMENTICLIMATICISISTEMA INSEDIATIVOBIODIVERSITA’ EAREE NATURALIPROTETTERISORSE CULTURALI EPAESAGGISTICHERIFIUTI EBONIFICHESUOLOFavorire la riqualificazione degli insediamenti consolidati e diinteresse storico – culturale attraverso il ricorso a strumentidi pianificazione attuativa e negoziataCompletare i tessuti urbani recenti che manifestano debolezzestrutturali anche attraverso il ricorso a Piani UrbanisticiAttuativi che aumentino la dotazione di urbanizzazioniprimarieRiqualificare il sistema insediativo esistente (edificato inmaniera legittima o meno) anche attraverso il ricorso a PianiUrbanistici Attuativi e Piani di Recupero degli InsediamentiAbusiviCorretto dimensionamento e localizzazione delle areeresidenziali di nuovo impiantoRilancio delle attività localizzate all’interno del centro urbanoIncentivare il completamento e la nascita di Aree ProduttiveAumentare la dotazione di attrezzature di carattere locale, alfine di migliorare la dotazione di standard e la qualità dellavitaRafforzamento e miglioramento delle connessioni tra ilterritorio e le reti infrastrutturali di tipo sovracomunale(Marcianise‐Casapuzzano e Aversa‐Caivano) e di tipocomunale (viabilità nel centro storico e area adiacente)SISTEMA DELLA MOBILITÀRealizzazione di infrastrutture in grado di facilitare e garantirela fruibilità del territorioSISTEMA AMBIENTALETutela dell’integrità ambientaleVAS – Rapporto Ambientale Pagina 75


Comune di Orta di AtellaTEMATICHE AMBIENTALIAZIONI DEL PUCACQUAAMBIENTEURBANOATMOSFERA ENERGIAE CAMBIAMENTICLIMATICIBIODIVERSITA’ EAREE NATURALIPROTETTERISORSE CULTURALI EPAESAGGISTICHERIFIUTI EBONIFICHESUOLOTutela della diversità delle produzioni agricoleTutela delle aree sorgenti di rischio ambientaleVAS – Rapporto Ambientale Pagina 76


Comune di Orta di Atella6.4 VALUTAZIONE DELLE ALTERNATIVE DEL PUCL’art. 5 della Direttiva 42/2001/CE stabilisce che il Rapporto Ambientale deve riportare,oltre all’individuazione, descrizione e valutazione, degli effetti significativi che l’attuazione delprogramma potrebbe avere sull’ambiente, anche le ragionevoli alternative alla luce degliobiettivi e dell’ambito territoriale di riferimento. L’obbligo di individuare e descrivere lealternative al PUC mira a verificare ed a mettere a confronto le possibili evoluzioni dello statodell’ambiente in relazione alle scelte messe in atto. L’obiettivo del prefigurare possibili scenari,non è quello di indicare con precisione eventi futuri ma mettere in evidenza le forze di largascala che spingono il futuro in direzioni diverse.Tenendo in debita considerazione il contesto ambientale di riferimento, sono stateindividuate due ipotesi di scenario: Alternativa 0 (assenza del PUC) – possibile evoluzione del contesto ambientale nel caso dimancata attivazione delle azioni strategiche proposte dal Piano; Alternativa 1 (attuazione del PUC) – possibile evoluzione del contesto ambientale diriferimento a seguito dell’attuazione del Piano.I risultati sono:TEMATICAAMBIENTALEAcquaAmbiente urbanoAtmosferaenergia ecambiamenticlimaticiBiodiversità eAree naturaliprotetteRisorse culturalie paesaggioALTERNATIVA 0 ALTERNATIVA 1In assenza di Piano lo scenario attualeporterebbe ad un maggiore degrado intermini quantitativi e qualitativi dellacomponente ambientale.In assenza di interventi nel lungo e medioperiodo si confermerà l’attualemarginalità delle aree urbane interne, lascarsa qualità urbana, le dinamiche diespansione diffusa, e la scarsa presenza distrutture e spazi pubblici.In assenza di interventi strutturali e dipolitiche dedicate nei settori chemaggiormente incidono sulle emissioni inatmosfera, nel medio periodo si confermal’attuale tendenza all’aumento delconsumo energetico e delle conseguentiemissioni in atmosfera.Non si registrano criticità in tal senso.Il paesaggio naturale e quello costruitorappresentano una delle più importantirisorse del territorio. Nondimeno unaparte consistente di tale patrimonio èsoggetta a fenomeni di deterioramento,causato da fattori quali l’incuria,l’abusivismo edilizio, l’insufficienteintegrazione del paesaggio nelle politichedi sviluppo. L’attuale tendenza porterà,Il PUC con misure specifiche legate alrisparmio e riciclo delle acque,all’implementazione della rete fognaria, e perla raccolta ed il trattamento delle acque diprima pioggia, potrà favorire un miglioreutilizzo della risorsa e ridurre il degrado dellarisorsa.Il PUC favorisce il recupero dell’esistente,puntando fortemente sulla qualità urbana, edefinisce nuove zone destinate a servizi localie aree di recupero dell’esistente, in modo dacontrastare l’espansione diffusa sul territorio,dando continuità al territorio urbanizzato.Inoltre il Piano punta molto sullo sviluppo diattività industriali/artigianali e direzionali.L’utilizzo di fonti energetiche alternative conl’attuazione del Piano potrà contribuire aridurre il consumo di elettricità e diconseguenza le emissioni nocive nell’aria.Non si registrano criticità in tal senso.Il PUC pone grande importanza al paesaggio eal patrimonio culturale presente all’internodel territorio comunale. A tal fine è stata datagrande importanza al recupero dei centristorici, i luoghi della memoria, e al recuperodegli edifici storici (vincolati) presenti sulterritorio comunale.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 77


Comune di Orta di AtellaTEMATICAAMBIENTALERifiuti e bonificheSuoloALTERNATIVA 0 ALTERNATIVA 1quindi, in assenza di interventi, allatrasformazione e compromissione delpatrimonio ambientale e culturale.Le criticità sulla tematica sono legateprincipalmente alla carenza di unacorretta gestione del sistema rifiuti, el’utilizzo di risorse naturali.In assenza di Piano nel lungo e medioperiodo tenderà ad aumentare ilfenomeno dello sprawl urbano, e non sieffettueranno interventi di bonifica per isiti contaminati.Il PUC con misure specifiche legate allaraccolta e gestione dei rifiuti potrà inciderepositivamente sulla riduzione dellaproduzione di rifiuti indifferenziati.Il PUC nel definire le nuove zone destinate adaree trasformabili (per residenze e perstandard) tenderà a contrastare l’espansionediffusa sul territorio. Inoltre potrà esserevolano per la bonifica dei suoli contaminati.Tra i due scenari si è valutato quello che nel bilancio tra vantaggi e criticità, avrebbe condottoad un migliore utilizzo del territorio con il minor impatto ambientale possibile (Alternativa 1),valutando da un lato la possibilità di confermare il vecchio assetto urbanistico‐territoriale e, daun altro, di trasformarlo attraverso interventi mirati a criteri di sostenibilità, ed alsoddisfacimento di esigenze reali del territorio oltre che al rispetto di norme sovraordinate,intervenute successivamente all’attuale quadro normativo urbanistico comunale del vigenteP.R.G. La valutazione è stata comunque effettuata alla fine di un processo razionale epartecipativo, facendo un preciso bilancio globale costi/benefici, che ha messo in conto sia gliimpatti ambientali sia le ricadute positive sulla comunità insediata e sull’assetto del territorio.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 78


Comune di Orta di Atella7. MISURE CRITERI ED INDIRIZZI PER LA MITIGAZIONE DEGLI EFFETTI ATTESI7.1 QUADRO DELLE CRITICITÀ, DEGLI INDIRIZZI E DEI CRITERI PER ANNULLARE, RIDURRE,COMPENSARE GLI EVENTUALI IMPATTI NEGATIVI DEL PIANODi seguito vengono sintetizzate le possibili criticità che potrebbero nascere sulle tematicheambientali a seguito dell’applicazione del PUC. Per ogni criticità sono stati individuati degliinterventi di mitigazione per ridurre al minimo o sopprimere del tutto l’impatto negativo.Le misure di mitigazione sono state scelte sulla base dei seguenti principi di mitigazione: Evitare impatti alla fonte; Ridurre impatti alla fonte; Minimizzare impatti sull’area; Minimizzare impatti su chi li subisce.TEMATICA AMBIENTALEAcquaAmbiente urbanoAtmosfera energia ecambiamenti climaticiRifiuti e bonificheSuoloMISURE DI MITIGAZIONE Dovranno essere previste misure di risparmio e riciclo delle acque a livello diedificio e di lotto pertinenziale, nonché, l’implementazione della rete fognaria,oltre a misure specifiche per la raccolta ed il trattamento delle acque di primapioggia. Dovrà essere promosso l’utilizzo di materiali fonoassorbenti per l’abbattimentodell’inquinamento acustico. Dovranno essere promossi criteri volti al risparmio energetico con uso ditecnologie a basso consumo energetico ed alta efficienza, e utilizzo di fontealternative. Dovranno essere promossi sistemi innovativi di raccolta e gestione dei rifiuti. In fase di attuazione di piano eventuali insediamenti a rischio di incidenterilevante all’interno delle zone D del PUC dovranno essere valutata attraverso laredazione dell’elaborato tecnico RIR previsto dal PTCP, e, secondo le proceduredettate dal D.Lgs. 334/1999 e s.m.i.; in particolare dovrà essere valutata lacompatibilità dell’impianto con le aree di danno sottese alla sua realizzazione,affinché gli organi competenti possano valutare la compatibilità territoriale edambientale dell’intervento. Gli strumenti urbanistici, i progetti di opere pubbliche e gli interventi darealizzare nei siti potenzialmente inquinati censiti nel territorio comunaledovranno essere corredati dagli elaborati tecnici di caratterizzazione ambientaledell’area di intervento che dovranno attestare/assicurare (sulla base diun’analisi storica delle potenziali fonti di inquinamento correlate alla pregressaattività):a) La non sussistenza di valori di contaminazione del suolo tali da determinarerischi per l’ambiente;b) L’individuazione di possibili interventi di confinamento e/o bonifica delterreno considerato e la valutazione dei relativi effetti;c) Il progetto delle eventuali operazioni di confinamento e/o bonifica da attuareper rendere la qualità del suolo idonea a consentire gli interventi previsti;VAS – Rapporto Ambientale Pagina 79


Comune di Orta di Atella8. IL MONITORAGGIOSi ritiene utile ricordare che il processo di VAS non si esaurisce con l’approvazione del PUCe della VAS correlata, ma prosegue per tutta la durata del piano attraverso la fase dimonitoraggio.Tale fase è volta a verificare l’effettivoraggiungimento degli obiettivi del Pianomediante l’uso di appositi indicatori(strumenti di misura che valutanol’effettivo successo delle scelte operate),anche al fine di apportare le eventualinecessarie correzioni al piano ed allenorme e prescrizioni in esso contenute.Il monitoraggio ambientale del PUC, in attuazione di quanto previsto dall’art.10 dellaDirettiva 42/2001/CE, serve a controllare gli effetti ambientali significativi derivantidall’attuazione del piano stesso al fine, tra l’altro, di individuare tempestivamente gli effettinegativi imprevisti e essere in grado di adottare le misure correttive opportune.Gli obiettivi del Piano di Monitoraggio sono:1. Verifica ambientale dell’attuazione del Piano, condotta rispetto sia alle modifiche dellostato dell’ambiente (indicatori di contesto) che all’efficienza ed all’efficacia degliinterventi del Piano (indicatori prestazionali);2. Verifica del grado di conseguimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale individuatinel Rapporto Ambientale;3. Individuazione tempestiva degli effetti ambientali imprevisti;4. Adozione di opportune misure correttive in grado di fornire indicazioni per una eventualerimodulazione dei contenuti e degli interventi previsti nel piano;5. Informazione delle autorità con competenza ambientale e del pubblico sui risultatiperiodici del monitoraggio e del piano attraverso l’attività di reporting (art.9, comma 1lett. c) della Direttiva).8.1 MODALITÀ E PERIODICITÀ DEL MONITORAGGIOIl Piano di Monitoraggio deve necessariamente integrarsi nel sistema di monitoraggiocomplessivo del PUC, evitando sovrapposizioni tra strumenti analoghi, al fine di ottimizzare lediverse risorse coinvolte ed assicurare una maggiore efficienza dell’intero processo. In tal sensosi esprime anche la direttiva 42/2001/CE che, al fine di evitare una duplicazione delmonitoraggio, richiede di utilizzare i meccanismi di controllo esistenti.Attraverso la redazione di report di monitoraggio, attraverso l’analisi delle informazioni edei dati ed il confronto con gli obiettivi di sostenibilità individuati, saranno evidenziate leeventuali problematiche, identificate le cause che possono averle indotte e proposte eventualiazioni correttive per le successive fasi di attuazione. Questo fa sì che l’attività di restituzione deirisultati costituisca un momento centrale dell’intero processo valutativo. I report dimonitoraggio, prodotti annualmente, saranno documenti snelli in grado di fornire unaVAS – Rapporto Ambientale Pagina 80


Comune di Orta di Atellafotografia dell’attuazione del Piano dal punto di vista della sua ricaduta sull’ambiente ancheattraverso l’uso di tabelle, grafici, allegati cartografici capaci di sintetizzare le informazionipertinenti allo scopo. I report potranno contenere, tra l’altro: L’aggiornamento degli indicatori di contesto utilizzati per l’analisi dello statodell’ambiente, compatibilmente con la disponibilità e le frequenze di aggiornamento dellefonti; La definizione degli indicatori di programma; Una valutazione su eventuali effetti ambientali negativi non previsti fornendo, sepossibile, una analisi delle cause e indicando le misure correttive da porre in essere.Tutte le fasi del monitoraggio saranno effettuate di concerto con l’ARPAC, soprattutto perquanto riguarda le attività legate al popolamento degli indicatori.8.2 DEFINIZIONE DEGLI INDICATORI NECESSARI ALLA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTIIl monitoraggio ambientale prevede che gli effetti del programma siano controllati inrelazione al contesto ambientale in cui il programma stesso opera e che, per sua stessa natura,è soggetto a variazioni. Il monitoraggio di contesto tiene sotto osservazione la situazioneambientale ed eventuali scostamenti, sia positivi che negativi, rispetto allo scenario diriferimento descritto nel Rapporto Ambientale. Il monitoraggio degli effetti, invece, verifica laprestazione ambientale del programma.Al fine di rispondere adeguatamente alle esigenze delle politiche di sviluppo sostenibile,caratterizzate da una equilibrata integrazione di fattori ambientali, sociali ed economici, gliindicatori devono necessariamente essere inseriti in una logica di sistema. In tal modol’indicatore diviene lo strumento che aiuta a capire dove siamo, in che direzione andiamo equanto si è lontani dagli obiettivi fissati.Per il Piano di Monitoraggio del PUC di Orta di Atella si sono quindi scelte due diversetipologie di indicatori: Indicatori di contesto: espressi come grandezze assolute o relative, usati per lacaratterizzazione della situazione ambientale. Con riferimento al modello DPSIRdell’Agenzia, gli indicatori descrittivi possono quantificare: Determinanti; Pressionisull’ambiente; Stato; Impatti sulla salute e sulla qualità della vita; Risposte; Indicatori prestazionali: indicatori che permettono di verificare il raggiungimento degliobiettivi in termini di efficacia, anche in rapporto alle risorse impiegate (efficienza).Entrambi gli indicatori sono utili è necessari per prevedere, a seguiti di discostamenti o delsuperamento dei valori di soglia/limite, delle correzioni: questo al fine di non mettere a rischiola salute umana, la qualità dell’ecosistema territoriale ma anche per non vanificare il sistema discelte e obiettivi messi in campo per produrre uno sviluppo sostenibile del territorio comunale.Gli indicatori di contesto, da utilizzare per l’aggiornamento del contesto ambientale, sarannoessenzialmente quelli già usati nel Rapporto Ambientale. Potranno, però, essere ulteriormenteintegrati nel momento in cui, ai fini del monitoraggio ambientale, si presenti la necessità diridefinire le tematiche connesse ad ambiti territoriali di particolare interesse per il PUC.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 81


Comune di Orta di AtellaGli indicatori prestazionali, invece, vengono individuati alla luce della valutazione deglieffetti ambientali delle azioni del PUC descritti nel Rapporto AmbientaleNella tabella seguente è illustrato il Piano di Monitoraggio (suddiviso per gli indicatori dicontesto e prestazionali), che è così strutturato: Codice: indica il codice della tematica ambientale (C1 – Acqua, C2 – Ambiente urbano, C3– Aria, C4 – Energia e cambiamenti climatici, C5 – Paesaggio e Beni culturali, C6 –Biodiversità e aree naturali protette, C7 – Rifiuti e bonifiche, C8 – Suolo e rischi) Nome indicatore: indica il nome dell’indicatore. Descrizione: specifica la funzione dell’indicatore. Unità di misura: specifica l’unità di misura dell’indicatore. DPSIR: specifica l’indicatore a che elemento del modello DPSIR appartiene (D –Determinanti, P – Pressioni, S – Stato, I – Impatti, R – Risposte). Copertura spaziale: specifica il territorio di riferimento dell’indicatore (Puntuale – unospecifico punto, Zonale – una zona di riferimento, Comune – il territorio comunale). Anno: indica l’anno di rilevamento dell’indicatore. Valore attuale (quando presente): indica il valore dell’indicatore al momento del rilievo. Valore limite (quando presente): indica il valore massimo raggiungibile dall’indicatore,superato il quale il piano ha bisogno di azioni correttive. Trend: rappresenta l’evoluzione dell’indicatore; è schematizzato attraverso un indicatorequalitativo come segue:‣ trend positivo;‣ trend stazionario;‣ trend negativo. Fonte dati indicatore: indica la fonte dati che viene utilizzata per il reperimento di dati peril calcolo dell’indicatore.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 82


Comune di Orta di AtellaCODICE NOME INDICATORE DESCRIZIONEC1MONITORAGGIO DEGLI INDICATORI DI CONTESTOUNITÀMISURADPSIRCOPERTURASPAZIALEANNOVALORE ATTUALEVALORELIMITETRENDFONTE DATICONSUMI IDRICI Consumo idrico Mc/anno P Comunale 2012 ND ATO2/ComuneQUALITÀ DELLE ACQUESUPERFICIALIQUALITÀ DELLE ACQUESOTTERRANEEACQUE REFLUE SCARICATE –SOLIDI SOSPESI TOTALIACQUE REFLUE SCARICATE –AZOTO AMMONIACALEACQUE REFLUE SCARICATE –DOMANDA CHIMICA DIOSSIGENOACQUE REFLUE SCARICATE –DOMANDA BIOCHIMICA DIOSSIGENOACQUE REFLUE SCARICATE –ESCHERICHIA COLIACQUE REFLUE SCARICATE –TENSIOATTIVI TOTALIACQUE REFLUE SCARICATE –AZOTO NITROSOACQUE REFLUE SCARICATE –ZINCOACQUE REFLUE SCARICATE –ALLUMINIOValuta la Qualità delle acquesuperficialiValuta la Qualità delle acquesotterraneeValuta la quantità di solidisospesi nelle acque refluescaricate nel depuratoreValuta la quantità di NH4 nelleacque reflue scaricate neldepuratoreValuta la quantità di COD nelleacque reflue scaricate neldepuratoreValuta la quantità di BOD5 nelleacque reflue scaricate neldepuratoreValuta la quantità di EscherichiaColi nelle acque reflue scaricatenel depuratoreValuta la quantità di Tensioattivinelle acque reflue scaricate neldepuratoreValuta la quantità di NO2 nelleacque reflue scaricate neldepuratoreValuta la quantità di Zinco nelleacque reflue scaricate neldepuratoreValuta la quantità di Alluminionelle acque reflue scaricate neldepuratoreSECA S Puntuale 2012 5 5 ARPACSCAS S Puntuale 2012 0‐3 4 ARPACmg/L S Puntuale 2012 9 80 ARPACmg/L S Puntuale 2012 9 15 ARPACmg/L S Puntuale 2012 10 160 ARPACmg/L S Puntuale 2012 11 40 ARPACUFC/100mLS Puntuale 2012 10 5.000 ARPACmg/L S Puntuale 2012 8 2 ARPACmg/L S Puntuale 2012 3 0,6 ARPACmg/L S Puntuale 2012 0 0,5 ARPACmg/L S Puntuale 2012 1 1 ARPACPOPOLAZIONE Popolazione Residente Nr D Comunale 2011 24.961 ComuneTASSO DI ATTIVITÀ Numero di occupati Nr D Comunale 2001 3.611 ISTATC2SUPERAMENTO VALORI LIMITERUMOREINQUINAMENTO DA CAMPIELETTROMAGNETICINumero di volte in cui è statasuperata la soglia di decibelammessa% I Comunale 2012 ND ComuneNumero di impianti SRB/TV Nr I Comunale 2012 0 ComuneVAS – Rapporto Ambientale Pagina 83


Comune di Orta di AtellaMONITORAGGIO DEGLI INDICATORI DI CONTESTOCODICE NOME INDICATORE DESCRIZIONEC3CONCENTRAZIONI DI SO2CONCENTRAZIONI DI NO2CONCENTRAZIONI DI PM10CONCENTRAZIONI DI CORappresenta la misura diBiossido di ZolfoRappresenta la misura di Ossididi AzotoRappresenta la misura diMateriale Particolato con Φmedio inferiore a 10 micronRappresenta la misura diMonossido di CarbonioUNITÀMISURADPSIRCOPERTURASPAZIALEANNOVALORE ATTUALEVALORELIMITETRENDFONTE DATIµg/mc S Zonale 2012 ND 500 ARPACµg/mc S Zonale 2012 ND 400 ARPACµg/mc S Zonale 2012 ND 40 ARPACµg/mc S Zonale 2012 ND 10 ARPACC7C6 C5 C4CONCENTRAZIONI DI O3 Rappresenta la misura di Ozono µg/mc S Zonale 2012 ND 240 ARPACCONSUMI ENERGETICINATURA 2000AREE PROTETTE NAZIONALIIMMOBILI DI NOTEVOLEINTERESSE PUBBLICOZONE DI INTERESSEARCHEOLOGICOPRODUZIONE DI RIFIUTIPERICOLOSITÀ FRANARISCHIO FRANAPERICOLOSITÀ IDRAULICAUSO DEL SUOLOConsumo di energia elettrica perabitanteEstensione della Rete Natura2000 nel territorio comunaleEstensione delle aree nazionaliprotette nel territorio comunaleImmobili di notevole interessepubblico ex D. Lgs 42/04Zone di interesse archeologicoex D. Lgs 42/04Produzione di rifiuti urbaniannuaAree classificate a pericolositàfrana in funzione del livello dipericolositàAree classificate a rischio franain funzione del livello di rischioAree classificate a pericolositàIdraulica in funzione del livellodi pericolositàUso del suolo per classe diutilizzazione (III Livello CorineLand Cover)KWh/ab P Comunale 2012 ND ComuneHa S Comunale 2012 0 ComuneHa S Comunale 2012 0 ComuneNr. S Comunale 2012 3 ComuneNr. S Comunale 2012 0 ComuneKg P Comunale 2011 9.725.521Ha S Comunale 2012 ‐‐Ha S Comunale 2012 ‐‐Ha S Comunale 2012 R1 – Rischio Moderato: 74,58Ha S Comunale 2012Tessuto urbano continuo:184,00Tessuto urbano discontinuo:1,45Aree industriali ocommerciali: 115,00Reti stradali e spaziaccessori: 56,50Discariche: 0,61Cantieri: 6,90Aree verdi urbane: 1,38Osservatorio RegionaleRifiutiAdB Nord Occidentaledella CampaniaAdB Nord Occidentaledella CampaniaAdB Nord Occidentaledella CampaniaComuneVAS – Rapporto Ambientale Pagina 84


Comune di Orta di AtellaCODICE NOME INDICATORE DESCRIZIONERISCHIO INCENDISITI DA BONIFICAREAZIENDE CON RISCHIO DIINCIDENTE RILEVANTEAree boscate iscritte al catastoincendiAree da sottoporre a proceduradi bonificaMONITORAGGIO DEGLI INDICATORI DI CONTESTOUNITÀMISURADPSIRCOPERTURASPAZIALEANNOVALORE ATTUALEAree sportive e ricreative:4,15Seminativi in aree nonirrigue: 57,40Seminativi in aree nonirrigue: 524,40Vigneti: 4,00Frutteti e frutti minori: 15,00Prati stabili: 34,80Colture annuali associate acolture permanenti: 57,00Sistemi colturali eparticellari complessi: 1,50Corsi d’acqua: 4,90VALORELIMITETRENDFONTE DATIHa I Comunale 2012 0 ComuneNr I Comunale 2012 13 ARPAC/ComuneNumero di impianti a RIR Nr I Comunale 2012 0Ministerodell’Ambiente/ComuneVAS – Rapporto Ambientale Pagina 85


Comune di Orta di AtellaCODICE NOME INDICATORE DESCRIZIONEC1C2C3C4C5C6C7UTENTI ALLACCIATI AL PUBBLICOACQUEDOTTOUTENTI ALLACCIATI ALLA PUBBLICAFOGNATURAUTENTI SERVITI DA IMPIANTO DIDEPURAZIONEAREE PER PARCHEGGIAREE PER L’ISTRUZIONEAREE PER SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI APARCO E PER IL GIOCO E LO SPORTAREE PER ATTREZZATURE DI INTERESSECOMUNESUPERFICIE URBANIZZATAATTRATTIVITÀECONOMICA – SOCIALEATTRATTIVITÀ TURISTICAIMPIANTI DI ENERGIA ALTERNATIVAENERGIA RINNOVABILE E NONINTERVENTI DI TUTELAMONITORAGGIO DEGLI INDICATORI PRESTAZIONALIRappresenta la percentuale di utenti allacciatiall’acquedottoRappresenta la percentuale di utenti allacciati allafognaturaRappresenta la percentuale di utenti serviti dadepurazioneSuperficie destinata a Standard Urbanistici per aree aparcheggioSuperficie destinata a Standard Urbanistici per areeper l’istruzioneSuperficie destinata a Standard Urbanistici per spazipubblici attrezzati a parco e per il gioco e lo sportSuperficie destinata a Standard Urbanistici perattrezzature di interesse comuneRappresenta la superficie urbanizzata all’interno delterritorio comunaleUNITÀMISURACOPERTURASPAZIALEANNOVALOREATTUALETRENDFONTE DATI% Comunale 2003 100 ATO2/Comune% Comunale 2003 90 ATO2/Comune% Comunale 2003 100 ATO2/ComuneMq Comunale 2012 1.960,00 ComuneMq Comunale 2012 32.850,00 ComuneMq Comunale 2012 58.975,00 ComuneMq Comunale 2012 40.505,00 ComuneMq Comunale 2012 ND ComuneNumero di imprese presenti Nr Comunale 2001 402Numero di esercizi ricettivi di tipo alberghiero edextralberghiero presenti con posti lettoNumero degli impianti di energia alternativainstallatiRapporto tra energia prodotta da fonti alternative edenergia consumataNumero di interventi di tutela del paesaggio in areevincolateNr Comunale 2012 NDISTAT/Camera diCommercio/ComuneISTAT/Camera diCommercio/ComuneNr Comunale 2012 ND Comune% Comunale 2012 ND ComuneNr Comunale 2012 ND ComuneINTERVENTI DI RESTAURO Numero di interventi di restauro su edifici vincolate Nr Comunale 2012 ND ComuneRACCOLTA DIFFERENZIATA Percentuale di rifiuti differenziati % Comunale 2011 38,26Osservatorio RegionaleRifiuti/ComuneTRATTAMENTO DEI RIFIUTINumero e tipologia degli impianti di trattamentopresentiNr Comunale 2012 ND ComuneSITI BONIFICATI Numero degli interventi di bonifica attuati Nr Comunale 2012 ND ComuneCONSUMO DI SUOLOE’ il rapporto tra la superficie urbanizzata e lasuperficie totale% Comunale 2012 ND ComuneVAS – Rapporto Ambientale Pagina 86


Comune di Orta di Atella8.3 RISORSE PER IL MONITORAGGIO E SOGGETTO PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI REPORTPERIODICIDurante l’attuazione del Piano l’Ufficio Tecnico del Comune di Orta di Atella, avvalendosieventualmente anche del supporto di consulenti esterni, sovrintenderà all’attuazione del Pianodi Monitoraggio. Per quanto riguarda le risorse economiche per l’attuazione del monitoraggio,saranno individuate nella programmazione finanziaria annuale dell’Ente.I report saranno pubblicati sul siti web dell’Amministrazione Comunale di Orta di Atella; leconclusioni saranno divulgate anche in forma di sintesi non tecnica in modo da renderle fruibilidal vasto pubblico. L’Autorità Competente renderà disponibili le informazioni contenute nelreport di monitoraggio all’Autorità Regionale di Protezione Ambientale, attivando un percorsodi raccordo fra questa e l’Autorità Competente.L’Autorità Competente è responsabile delle decisioni assunte in merito ad eventualivariazioni del programma e/o degli aspetti gestionali dello stesso, che dovessero essereproposti all’interno del report di monitoraggio.VAS – Rapporto Ambientale Pagina 87


Comune di Orta di AtellaALLEGATO 1 – PARERE DELLA PROVINCIA DI NAPOLI – TUTELA DELL’AMBIENTEVAS – Rapporto Ambientale Pagina 88


Comune di Orta di AtellaALLEGATO 2 – PARERE DELLA SOPRINTENDENZA BB.AA.PP. PER LE PROVINCE DIBENEVENTO E CASERTAVAS – Rapporto Ambientale Pagina 89


Comune di Orta di AtellaALLEGATO 3 – PARERE DELL’ASL DI CASERTAVAS – Rapporto Ambientale Pagina 90


Comune di Orta di AtellaALLEGATO 4 – PARERE DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TUTELA DELL’AMBIENTEVAS – Rapporto Ambientale Pagina 91


Comune di Orta di AtellaVAS – Rapporto Ambientale Pagina 92


Comune di Orta di AtellaALLEGATO 5 – PARERE DELL’ A.D.B. REGIONALE DELLA CAMPANIA CENTRALEVAS – Rapporto Ambientale Pagina 93


Comune di Orta di AtellaVAS – Rapporto Ambientale Pagina 94


Comune di Orta di AtellaALLEGATO 6 – PARERE DELL’ ARPACVAS – Rapporto Ambientale Pagina 95


Comune di Orta di AtellaVAS – Rapporto Ambientale Pagina 96


Comune di Orta di AtellaVAS – Rapporto Ambientale Pagina 97


Comune di Orta di AtellaVAS – Rapporto Ambientale Pagina 98

More magazines by this user
Similar magazines