sfogliabile In Motion 21-febbraio

codddate

n otion

MTecnologie per la trasmissione di potenza e l’automazione

21 febbraio 2016

Ricerca di mercato

PubliTec - Via Passo Pordoi 10 - 20139 Milano

PNEUMAX, un’azienda italiana ed i suoi valori.

Il valore del made in Italy

www.pneumaxspa.com


what is

power?

www.sampspa.com

Our answer is very simple. Power means satisfaction of our customers’

needs through high professional skills, production capacity and quick actions

driven by our will to constantly improve.

At SAMP we have been developing and producing gear manufacturing

solutions for over 60 years.

Our Division Sampingranaggi, in particular, is a world-famous manufacturer

of high-quality spur and bevel gears, as well as customized gearboxes.

Contact us today to have more information.

• Ground bevel sets

• Lapped bevel sets

• Ground cylindrical gears

Internal gear grinding

• Timing gears

• Customized gearboxes

SAMP S.p.A. • Via Saliceto, 15 • 40010 Bentivoglio (Bologna), Italy • Tel. +39 051 6319 411 • Fax +39 051 370 860 • E-mail: info@sampspa.com


È possibile fermare un elefante in caduta libera?

Certamente.

La tecnologia avanzata DTC degli industrial drive ACS880 consente di controllare con

accuratezza la velocità e la coppia di tutte le applicazioni. Ma affermarlo non basta. Per

testarne la precisione nei movimenti abbiamo scelto il più severo dei test: un elefante da

6 tonnellate in caduta su un vaso di porcellana e solo qualche microsecondo per frenarlo.

Il risultato è stato sorprendente. Scopritelo voi stessi su www.abb.it/ACS880-challenge


We’ll make

alive

your dreams

liberaadv.com

New gripping systems Octopus realized in ABS with 3D Printing

Technology.

A combination of lightness and mechanical resistance, together

with a unique design customized to satisfy your specific

applicative need.

Your vacuum solutions catalogue


I

n otion

MTecnologie per la trasmissione di potenza e l’automazione

Cronaca

news article

11 Una nuova unità produttiva per

i cuscinetti di Super Precisione

A New Production Facility for Super

Precision Bearings

di Alma Castiglioni

Incontri

special report

24 All’avanguardia nell’automazione

pneumatica

At the Forefront of Pneumatic

Automation

di Fabrizio Dalle Nogare

febbraio 2016

Sommario

Contents

21

81 Tomaso Carraro

A un passo dalla

terra promessa

Close to the Promised Land

15 Catene portacavi sempre in linea

con la guida in plastica

A Plastic Guide Trough Keeps Cable

Carriers Easily on Track

di Elena Magistretti

30 Aspettando l’appuntamento

sull’automazione

Gearing up for the

Big Automation Event

di Silvia Crespi

85 Domenico Di Monte

Digitalizzazione aziendale:

sfida o necessità?

Company Digitalization:

Challenge or Necessity?

18 Reale e virtuale

Real and Virtual

di Sergio Soriano

Economia

economy

46 Più ombre che luci per gli

ingranaggi made in USA

More Shadows than Light for

Made-in-USA Gears

di Andrea Scanavini e Alessandro Somaschini

93 Simone Bassani

Il potere innovativo

della Meccatronica

The Innovative Power

of Mechatronics

82 Notizie Associazioni

news from the associations

InMotion

february 2016 l 3


Sommario

Contents

Applicazioni

applications

Soluzioni

focus on

Tecnologia

technology

34 L’oleodinamica migliora

le prestazioni del laminatoio

per tubi

Hydraulics Improve the

Performance of the Tube Mill

di Elena Magistretti

58 Soddisfare le esigenze

delle macchine utensili con

la velocità e la sostenibilità

Meeting Machine Tool

Industry’s Demands with Speed

and Sustainability

di Silvia Crespi

72 La meccatronica come

fattore competitivo per OEM

e utilizzatori

Mechatronics as a Competitive

Factor for OEMs and Users

di Marco Bertoldi

38 Una soluzione meccatronica

per la produzione del gelato

A Mechatronic Solution for

Ice-Cream Production

di Silvia Crespi

62 Resistenza e tracciabilità:

cuscinetti verso nuovi orizzonti

Resistance and Traceability:

the New Trends for Bearings

di Cesare Pizzorno

22 Notizie imprese & mercati

businesses & markets news

52 Notizie prodotti

product news

54

42 Incrementata l’efficienza

energetica del processo

di estrusione

A Higher Energy Efficiency in

the Extrusion Process

di Alma Castiglioni

66 Macchine utensili connesse

al mondo IT

Machine Tools Networked with

the IT World

di Elena Magistretti

56

52

57

4 l febbraio 2016

PubliTec


MARCHIO DI FABBRICA

La produzione ISB al tuo servizio

Affidabilità, qualità e prestazioni sono i

requisiti fondamentali dei componenti

industriali. ISB ha scelto di creare una

gamma completa per offrire soluzioni

avanzate e un servizio tecnico di eccellenza.

Scegliere ISB è affidarsi ad un brand che

produce direttamente e che ti offre la

garanzia di controllare interamente la filiera

produttiva assicurando la tracciabilità

del prodotto.

www.isb-bearing.com

PRESSO I MIGLIORI DISTRIBUTORI CHE ESPONGONO IL MARCHIO ISB


Il valore del made in Italy

I N COPERTINA

cover

Fondata nel 1976 Pneumax ha conquistato nel tempo

una posizione di primo piano nel panorama mondiale della

componentistica per l’automazione pneumatica. Negli

stabilimenti di Lurano (BG) sono operative macchine di

ultima generazione, che consentono di costruire ogni

particolare necessario alla sua produzione. Oltre 330 addetti

operano in un ambiente moderno e confortevole. La

loro attività è integrata con le procedure dei sistemi ISO

9001-14001-18001.

La gamma prodotti Pneumax, ampia e tecnologicamente

avanzata, progettata e realizzata con i migliori software e

attrezzature disponibili sul mercato, è in grado di soddisfare

le applicazioni più impegnative. Comprende valvole

ed elettrovalvole, cilindri normalizzati e non, FRL e raccordi,

elettronica e sistemi seriali, attuatori elettrici, componenti

per la manipolazione, accessori, oltre all’attività didattica.

La varietà della produzione risponde alle necessità

di ogni settore industriale, che richiede versatilità,

affidabilità e ampie possibilità di scelta per ottimizzare

costi e prestazioni.

In

febbraio

otion

MTecnologie per la trasmissione di potenza e l’automazione

Ricerca di mercato

PNEUMAX, un’azienda italiana ed i suoi valori.

www.pneumaxspa.com

Pneumax S.p.A.

Via Cascina Barbellina, 10

24050 Lurano (BG) Italy

Tel. +39 035 4192777

Fax +39 035 4192740-41

info@pneumaxspa.com

www.pneumaxspa.com

21

2016

PubliTec - Via Passo Pordoi 10 - 20139 Milano

Established in 1976 Pneumax has achieved a role of

primary importance in the pneumatic and automation

world over the years. In the factory situated in Lurano

(BG) the machining departments are equipped with the

latest design machine tools, which enable to produce

all components needed for production processes. Pneumax

employees, now more than 330, operate in a modern

and comfortable environment. All processes are

operating in accordance with ISO 9001 – 14001 -

18001.

The extensive production range includes mechanical

and electrically operated valves, standard and non-standard

cylinders, FRL’s, electronic and serial systems,

electrical actuators, handling components, accessories,

as well as didactics. The wide variety of products are developed

to meet the needs of every industrial sector, with

versatility and reliability in order to optimise costs

and performance.

n otion

per la trasmissione di potenza e l’automazione

I

MTecnologie

Anno Quarto - Febbraio 2016 - N. 21

Pubblicazione iscritta al numero 252 del

registro di cancelleria del Tribunale di

Milano, in data 19/07/2013.

Direttore responsabile: Fernanda Vicenzi.

PubliTec S.r.l. è iscritta al Registro degli

Operatori di Comunicazione al numero

2181 (28 settembre 2001). Questa rivista

le è stata inviata tramite abbonamento. Le

comunichiamo, ai sensi del Dlgs 196/2003,

articolo 13, che i suoi dati sono da noi

custoditi con la massima cura e trattati al

fine di inviare questa rivista o altre riviste

da noi edite o per l’inoltro di proposte di

abbonamento.

Ai sensi dell’art. 7 della stessa Legge, lei

potrà rivolgersi al titolare del trattameto,

al numero 02 53578.1 chiedendo

dell’ufficio abbonamenti e diffusione, per

la consultazione dei dati, per la cessazione

dell’invio o per l’aggiornamento dei dati.

Titolare del trattamento è PubliTec S.r.l. -

Via Passo Pordoi 10 - 20139 Milano.

Il responsabile del trattamento dei dati

raccolti in banche dati ad uso redazionale

è il direttore responsabile a cui ci si potrà

rivolgere per i diritti previsti dal D. Lgs.

196/03.

La riproduzione totale o parziale degli articoli

e delle illustrazioni pubblicati su questa

rivista è permessa previa autorizzazione,

PubliTec non assume responsabilità per le

opinioni espresse dagli Autori degli articoli

e per i contenuti dei messaggi pubblicitari.

In Motion è di proprietà di PubliTec e di

Assiot. I contenuti che rappresentano la

linea politica, sindacale e informativa di

Assiot sono appositamente evidenziati.

© PubliTec

Via Passo Pordoi 10 - 20139 Milano

tel. +39 02 535781 - fax +39 02 56814579

inmotion@publitec.it - www.publiteconline.it

TrasMec

Direzione Editoriale

Fabrizio Garnero - tel. +39 02 53578309

f.garnero@publitec.it

Redazione

Silvia Crespi - tel. +39 02 53578208

s.crespi@publitec.it

Fabrizio Dalle Nogare - tel. +39 02 53578305

f.dallenogare@publitec.it

Hanno collaborato a questo fascicolo:

Valerio Alessandroni, Michael May,

Mariagiulia Spettoli

Produzione, impaginazione e pubblicità

Rosangela Polli - tel. +39 02 53578202

r.polli@publitec.it

Ufficio Abbonamenti

Irene Barozzi - tel. +39 02 53578204

abbonamenti@publitec.it

Il costo dell’abbonamento annuale è di

Euro 62,00 per l’Italia e di Euro 120,00 per

l’estero. Prezzo copia Euro 2,60.

Arretrati Euro 5,20

Segreteria vendite

Giusi Quartino - tel. +39 02 53578205

g.quartino@publitec.it

Agenti di vendita

Marino Barozzi, Patrizia Bulian,

Enrico Di Amario, Marina Gallotti,

Gianpietro Scanagatti

Comitato Tecnico

Tomaso Carraro

Alessandro Bagni

Loris Chierici

Andrea Carluccio

Fabrizio Cattaneo

Marco Ferrara

Roberto Maietti

Marco Vecchio

Stampa

Grafica FBM (Gorgonzola - MI)

A.N.E.S

ASSOCIAZIONE NAZIONALE

EDITORIA PERIODICA SPECIALIZZATA

CONFINDUSTRIA

PER LA SOSTENIBILITA'

6 l febbraio 2016

PubliTec


E20001-F430-P900-X-7200

Il top player

per i massimi campionati

Metti in campo i riduttori universali FLENDER SIP: avrai performance al

top garantite in qualsiasi tipo di uso, soprattutto nel drive train Siemens.

Non importa in quale ambito siano utilizzati:

le capacità di questi riduttori universali sono

fondamentali per il successo di ogni applicazione

a bassa velocità. Affidabilità, flessibilità,

modularità e facilità d’integrazione con i motori

Siemens sono i particolari punti di forza dei

riduttori FLENDER SIP®, veri top player nella

categoria.

Offriamo una notevole varietà di riduttori progettati

per elevata affidabilità ed alta resistenza

allo sforzo, disponibili in diverse taglie e

corredati di numerose opzioni. Con cinque

interfacce di uscita, la gamma di prodotti propone

molteplici tipi di connessione, necessari

alle differenti applicazioni. In forma coassiale

e ortogonale, i FLENDER SIP sono realizzati

con un elevato numero di rapporti di riduzione

per soddisfare tutte le esigenze.

L’ampia gamma di accessori rende questi

riduttori ancor più semplici da usare e mette al

sicuro rispetto ad eventuali fermo macchina,

persino in condizioni avverse: ambienti polverosi,

alte e basse temperature, design Atex,

elevati carichi dinamici.

I riduttori universali SIP si integrano perfettamente

in tutto il drive train Siemens: riduttore,

motore, azionamento (anche a bordo motore)

e controllo sono perfettamente compatibili tra

loro, con conseguenti vantaggi in termini di

efficienza energetica, bassi costi di manutenzione,

facilità nella progettazione e innovazione

tecnologica.

La serie FLENDER SIP offre alta qualità e potenza

con uno straordinario rapporto qualità/prezzo.

Non vi resta che fare centro con le vostre

prestazioni!

Protagonista e team-player

FLENDER SIP, vero fuoriclasse

siemens.com/flendersip


C RONACA

meccanica

NNTN-SNR sta investendo importanti risorse nel proprio stabilimento di Mettmann

(Germania) per produrre, a partire dal 2017, i cuscinetti di “Super Precisione”

ULTAGE rivolti al mercato europeo. Utilizzati dai maggiori costruttori mondiali di

macchine utensili, i cuscinetti ULTAGE presentano design ottimizzato e qualità

elevata in termini sia dell’acciaio impiegato, sia del trattamento termico.

di Alma Castiglioni

Una nuova unità produttiva per i

cuscinetti

di Super Precisione

Durante la scorsa EMO di Milano, NTN-

SNR ha annunciato l’aumento della

sua capacità produttiva industriale in

Europa, in linea con l’ambiziosa strategia di

sviluppo che prevede, per il 2017, l’apertura

di una nuova unità produttiva nello stabilimento

di Mettmann, nei pressi di Düsseldorf,

in Germania.

La nuova linea sarà dedicata alla produzione

di cuscinetti di “Super Precisione” ULTAGE

per mandrini di macchine utensili. Grazie a

questo investimento, che ammonta a 7,5 milioni

di euro, NTN-SNR garantirà una reattività

ottimale ai propri clienti OEM e Aftermarket

in Europa.

l Il nuovo stabilimento produrrà cuscinetti a sfera a contatto

obliquo della gamma di “Super Precisione” ULTAGE.

l The new facility will produce angular contact ball bearings

for the ULTAGE “Super Precision” range.

InMotion february 2016 l 11


C RONACA

meccanica

l La gabbia in resina poliammidica è stata una delle

novità presentate alla EMO Milano.

l The moulded polyamide cage was among the

novelties presented by NTN-SNR during the exhibition

Tecnologia giapponese “made in

Germany” vicina ai clienti europei

La nuova unità produrrà i cuscinetti a sfera

a contatto obliquo della gamma di “Super

Precisione” ULTAGE, con progettazione e

marchio NTN, attualmente prodotti in Giappone.

L’eccellenza giapponese, che ha fatto di

NTN il numero 1 nel mercato giapponese

delle macchine utensili, sarà disponibile

per tutti i clienti europei, con tempi di consegna

estremamente ridotti e un servizio

di assistenza di altissimo livello.

Progettati e prodotti in Giappone, e impiegati

dai maggiori costruttori mondiali di

macchine utensili, i cuscinetti per macchine

utensili NTN ULTAGE si basano su 5 pilastri:

design ottimizzato, qualità dell’acciaio,

qualità del trattamento termico, rigido

controllo dei fornitori e impianti di produzione

dedicati di elevata precisione. L’investimento

nella nuova unità tedesca di

NTN-SNR rispetterà tutti questi requisiti.

Due innovazioni per l’industria

delle macchine utensili

Progettato per cuscinetti per mandrini, l’Air

Cooling Spacer, presentato alla EMO, integra

una presa d’aria nel distanziale sull’anello

interno per migliorare il raffreddamento

ed equilibrare quindi la temperatura tra

l’anello interno ed esterno. Anche il distanziale

è frutto di un lavoro di progettazione

specifico, in particolare per l’angolo di ingresso

dell’aria, che consente una diffusione

quanto più fluida e unidirezionale. Questo

sistema aiuta a ridurre le deformazioni

geometriche interne, ad aumentare la velocità

massima del 20% e a incrementare il

precarico applicabile, per una maggiore rigidità

(x3) e precisione. Inoltre, il design garantisce

bassi livelli di rumorosità.

l Progettato per cuscinetti per mandrini, l’Air Cooling Spacer

integra una presa d’aria nel distanziale sull’anello interno

per migliorare il raffreddamento ed equilibrare quindi la

temperatura tra l’anello interno ed esterno.

l Designed for spindle bearings, the air cooling spacer

integrates an air inlet in the spacer on the inner ring to lower

its temperature and thus balance the temperatures between

the inner and outer rings.

NEWS ARTICLE - mechanics

A New Production Facility for

Super Precision Bearings

NTN-SNR is investing in its Mettmann (Germany) plant to produce “high-precision” ULTAGE

machine tool bearings for the European market starting in 2017. Used by the major machine tool

manufacturers worldwide, ULTAGE bearings feature optimized design and high quality of the steel

used and the heat treatment.

by Alma Castiglioni

At the EMO trade show 2015 in Milan,

NTN-SNR announced its plan to increase

its industrial capacity in Europe, thus continuing

its ambitious development strategy.

Starting in 2017, NTN-SNR will open a new

production facility at its Mettmann plant

(near Düsseldorf, Germany), dedicated to the

production of “high-precision” ULTAGE spindle

bearings for machine tools. With its € 7.5M

investment, NTN-SNR will be able to offer its

OEM and Aftermarket customers in Europe

optimum responsiveness.

Japanese technology made in Germany

now closer to European customers

The new facility will produce angular contact

ball bearings for the ULTAGE “Super Precision”

range. These bearings, designed by NTN and

which bear the NTN brand name, are currently

manufactured in Japan. Japanese excellence,

which has made NTN No.1 on the machine-tool

bearing market in Japan, will be available to all

European customers with very short lead times

and optimum service.

Designed and produced in Japan, the bearing

ranges for NTN ULTAGE machine tools,

are recognized by all major machine tool

manufacturers worldwide.

Their technological excellence is based on

five pillars: optimized design, quality of the

12 l febbraio 2016

PubliTec


steel, quality of the heat treatment, reinforced

monitoring of suppliers and a dedicated

high-precision production facility.

The investment in the new German

NTN-SNR unit will comply with all these

requirements.

Two innovations for the

machine tool industry

At EMO Milan NTN-SNR presented the air

cooling spacer for spindle bearings. The

design principle is to integrate an air inlet

in the spacer on the inner ring to lower

its temperature and thus balance the

temperatures between the inner and outer

rings. The air inlet angle on the nozzle was

specially designed for optimal, smooth and

uni-directional diffusion.

This system helps to reduce internal geometric

distortions, increase maximum speed by 20%

and raise the applicable preload for greater

InMotion

l Il sito produttivo di

NTN-SNR a Mettmann,

in Germania.

l NTN-SNR production

site in Mettmann,

Germany.

Gabbia in resina poliammidica

peraltevelocitàdilavorazione

Un’altra novità presentata in fiera è la gabbia

in resina poliammidica. La gabbia è realizzata

con un materiale più resistente e un

design ottimizzato con alveoli quadrati, che

permettono di passare da una superficie di

contatto curvo a un unico punto di contatto,

diminuendo l’attrito e riducendo l’incremento

di temperatura. Questo design permette inoltre

di aumentare l’area di passaggio del lubrificante,

di migliorare la lubrificazione e, di

conseguenza, incrementare le velocità di rotazione

del 50% fino a raggiungere 1,6 milioni

di Dm*N.

Questa gabbia costituirà una valida soluzione

di NTN-SNR per applicazioni fino a velocità

di 1,6 milioni di Dm*N, garantendo le

stesse prestazioni della gabbia in resina fenolica

a un costo inferiore. l

rigidity (x3) and more accuracy. Furthermore,

the design ensures low noise levels.

A moulded polyamide cage

suitable for high speeds

A moulded polyamide cage was among the

novelties presented by NTN-SNR during the

exhibition. The new cage features an improved

stronger material and an original design with

square cells.

This offers a single contact point instead of a

curved contact surface, which generates less

friction and less temperature rise. This design

also provides more space for lubricant to pass

through thereby improving lubrication. The

speed of rotation thus increases by 50% up to

1.6 million N.Dm.

This cage will become the NTN-SNR standard,

ensuring the same performance as the

machined phenol cage with a higher level of

competitiveness. l

T

The new low noise and low pulsation gear pump.

ELIKA ® is the new low noise,

low pulsation, high efficiency gear pump.

ELIKA ® reduces the noise level

by an average of 15 db(A)

compared with a conventional gear pump.

0033 aale e la al

a 63 aa le 15

Tel +39 051 6137511 • Fax +39 051 592083

www.marzocchipompe.com

pompe@marzocchigroup.com


BELLI FUORI,

MIGLIORI DENTRO

trova la sincronia

perfetta tra

inverter, motori

eriduttoricol

configuratore motive

motive.it


C RONACA

meccanica

Catene portacavi sempre in linea con la guida in

plastica

Si chiama guidelite plus, ed è prodotto da igus, il nuovo sistema modulare di guida in plastica

tribo-ottimizzata che mantiene le catene portacavi sempre in linea. I singoli elementi possono

essere collegati velocemente e senza bisogno di utensili. Leggero e facile da installare, il

sistema è adatto agli ambienti difficili, anche in presenza di agenti chimici.

di Elena Magistretti

no solitamente realizzati in alluminio o acciaio.

guidelite plus di igus è invece una

guida interamente realizzata in plastica,

che assicura il corretto funzionamento del

sistema portacavi e la durata utile nelle

applicazioni con corse lunghe.

I singoli elementi realizzati in plastica resi-

Lo specialista in “motion plastics”

igus ha lanciato un sistema di guida

modulare interamente realizzato in

plastica tribo-ottimizzata. guidelite plus è

molto leggero, facile da installare, economico

e adatto agli ambienti difficili.

I canali di guida delle catene portacavi sostente

all’abrasione e dalle elevate prestazioni

possono essere collegati molto velocemente

e senza l’ausilio di utensili, grazie

a un meccanismo di chiusura progettato

ad hoc.

Il peso leggero della plastica non solo aiuta

in fase di installazione, ma è anche un

InMotion february 2016 l 15


C RONACA

meccanica

l Gli elementi in

plastica possono essere

collegati velocemente

grazie un meccanismo

di chiusura progettato

ad hoc.

l The plastic elements

can be quickly

connected thanks to

a specially designed

locking mechanism.

vantaggio laddove siano necessarie soluzioni

più leggere.

Uno speciale giunto di espansione per i collegamenti

della guida garantisce la flessibilità

e l’adattabilità, soprattutto in caso di

elevate variazioni di temperatura. Per questo,

il prodotto può essere utilizzato all’esterno

senza alcuna restrizione.

Plastica per aree di applicazione

difficili, inclusa l’industria chimica

La guida in plastica guidelite plus è anche

ideale per le applicazioni nelle quali le alternative

in metallo risultano molto costose o

non possono essere utilizzate a causa della

presenza di agenti chimici aggressivi o per il

rischio di corrosione. Per tali applicazioni,

guidelite plus è realizzata in una speciale

plastica resistente agli agenti chimici. Per

questo, sono possibili nuove applicazioni

nel settore della galvanica o della produzione

di fertilizzante, dove tradizionalmente si

ricorreva all’acciaio inossidabile. Ma anche

in altri usi dinamici, nei quali è necessario

coprire lunghe corse senza che il sistema si

blocchi e senza la necessità di manutenzione,

a velocità fino a 1 m/s, guideline plus è

un’alternativa che consente un risparmio

siaditempochedicosti.Giànell’acquisto

questo tipo di guida risulta molto più conveniente

rispetto a quelle in alluminio o acciaio

inossidabile.

La guida in plastica è disponibile per catene

portacavi alte 35, 50 e 64 millimetri. L’uso di

guideline plus è economicamente conveniente

sia nelle nuove installazioni, che nei sistemi

già esistenti. l

NEWS ARTICLE - mechanics

A Plastic Guide Trough Keeps Cable Carriers

Easily on Track

Guidelite plus, from igus, is a new modular guide trough system made of tribo-optimized plastic that keeps cable carriers always on track. Individual

elements can be connected quickly and without tools. Light and easy to install, the system is suitable for use in harsh environments, including the

chemical industry.

by Elena Magistretti

The “motion plastics” specialist igus has

launched a new modular guide trough

system, which is entirely made of tribooptimised

plastic: guidelite plus. The system is

very light, easy to install, cost effective and is

also suitable for use in harsh environments.

Guide troughs are usually made from

aluminium or steel. The new guidelite plus

from igus is made entirely of plastic; the

system can ensure correct operation and a

long service life for energy chains in gliding

applications with long travels.

Individual elements made of abrasion-resistant

high-performance plastic can be connected

together very quickly and without tools by

hand due to a locking mechanism specially

designed for this system. The low weight of

the plastic parts helps with installation, but is

also advantageous where lightweight solutions

are needed. A special expansion joint, which

is provided in every second link of the trough

elements, guarantees flexibility and adaptability

especially in case of large temperature

variations. Thus, the product can also be used

without restrictions in outdoor applications.

Plastic for harsh application areas,

including the chemical industry

The plastic guidelite plus guide trough is

also suitable for applications where metallic

alternatives are very expensive or cannot be

used due to aggressive chemicals or risk of

corrosion. For these applications, the guidelite

plus can be manufactured from a special

plastic that is more resistant to chemicals.

Thereby new applications are possible in the

galvanising sector or fertilizer production,

where expensive stainless steel solutions were

previously required. But even in other dynamic

uses, in which long travels have to operate

reliably without failure or maintenance at a

low speed of up to 1 m/s, the guidelite plus

is an alternative that saves time and costs.

In purchasing alone, double digit percentage

savings are possible compared to aluminium

or stainless steel troughs. The plastic guide

trough is available for energy chains with

outer heights of 35, 50 and 64 millimetres.

The use of guidelite plus is economical in both

new installations and retrofitting of existing

plants. l

16 l febbraio 2016

PubliTec


LA PARTNERSHIP SI BASA SULLA FIDUCIA –

E LA FIDUCIA SULLA QUALITÀ

Cuscinetti per l’industria siderurgica: resistenti all’usura anche nelle condizioni più estreme

Forti sbalzi di temperatura, contaminazione, linee di movimentazione e produzione veloci e soggette a forti vibrazioni.

I cuscinetti NSK sono stati sviluppati per sopportare sollecitazioni e condizioni di questo tipo, presenti in tutti i processi di produzione dell’industria

siderurgica. Ad esempio, per i cuscinetti a rulli conici e i cuscinetti radiali orientabili a rulli a quattro corone in acciaio Super-TF, NSK garantisce livelli

di resistenza all‘usura elevatissimi grazie all’utilizzo dei migliori materiali e dei più accurati sistemi di trattamento termico, che rappresentano lo

stato dell’arte per questo tipo di applicazioni. Per questi motivi la loro durata può essere fino a dieci volte superiore rispetto ai cuscinetti standard.

NSK è uno dei più importanti produttori mondiali di cuscinetti volventi e sistemi lineari. Un marchio di eccellenza dal 1916.

Per maggiori informazioni, visitate il sito NSK www.nskeurope.it o telefonateci al numero +39 02 99 51 91

NSK Italia S.p.A. · Via Garibaldi, 215 · 20024 Garbagnate Milanese (MI) · Italia · info-it@nsk.com


C RONACA

automazione

EElevata efficienza e gioco torsionale ridotto per sequenze di movimento precise

significativamente il time-to-market.

virtuale

Reale e

e dinamiche sono tra le principali caratteristiche del nuovo motoriduttore

Simotics S-1FG1, disponibile in diverse versioni e con un massimo di 25

rapporti di riduzione. Nell’ambito della simulazione virtuale, inoltre, Siemens ha

illustrato l’applicazione dei concetti meccatronici e di virtual commissioning,

che consentono una rapida e ottimale progettazione delle macchine, riducendo

di Sergio Soriano

All’ultima edizione della fiera SPS IPC

Drives, lo scorso novembre a Norimberga,

Siemens ha presentato il motoriduttore

Simotics S-1FG1, che amplia il

portfolio di azionamenti per applicazioni servo,

e perfettamente compatibile con il sistema

di convertitori Sinamics S120.

L’integrazione completa di questo sistema

di azionamento in Totally Integrated

Automation (TIA) semplifica la configurazione

e la messa in servizio. I cavi confezionati

Motion Connect offrono un metodo di collegamento

dei componenti semplice e affidabile,

mentre i componenti dispongono di

targhetta elettronica, e i motori sono collegati

tramite l’interfaccia di sistema Drive-Cliq

che facilita la messa in servizio del

sistema stesso.

Il servo azionamento Siemens può essere

utilizzato in svariate applicazioni, nel settore

della stampa e delle macchine per l’imballaggio,

macchine di stoccaggio e recupero di

materiali, sistemi di trasporto e di dosaggio

pompe.

Il motoriduttore è disponibile

in più di una versione

Elevata efficienza e gioco torsionale ridotto

per sequenze di movimento precise e dinamiche

sono tra le principali caratteristiche

del nuovo motoriduttore Simotics S-1FG1, disponibile

nelle versioni elicoidale, ad alberi

paralleli, ortogonali, con vite elicoidale, e con

un massimo di 25 rapporti di riduzione, a seconda

del tipo e della taglia del riduttore.

La dentatura elicoidale degli ingranaggi facilita

il movimento dei riduttori, riducendo anche

il livello del rumore. Inoltre, il diametro ridotto

del pignone di accoppiamento inserito

nell’albero del motore consente un elevato

rapporto di riduzione al primo stadio. Ciò significa

che in alcuni casi un riduttore a due

stadi può essere utilizzato al posto di uno a

tre stadi.

Grazie all’elevato grado d’integrazione delle

funzionalità e alla modularità del numero di

assi, il sistema di convertitori Sinamics

S120 è adatto per essere utilizzato in svariate

applicazioni di motion control. Gli azionamenti

in versione monoasse o multi asse a

elevate prestazioni con regolazione vettoriale

e servo permettono di realizzare soluzioni su

misura in grado di aumentare la produttività

e la flessibilità. Il convertitore è disponibile in

quattro diverse versioni: blocksize, booksize,

chassis e unità in armadio.

Simulazione virtuale grazie

all’approccio meccatronico

Siemens Italia ha partecipato attivamente alla

seconda edizione del “Forum Meccatronica

- L’innovazione tecnologica motore della

crescita in Italia”, l’appuntamento italiano incentrato

sulle soluzioni di automazione meccatronica

che si è svolto a Pacengo di Lazise,

in provincia di Verona, lo scorso 29 ottobre.

Nel corso di un convegno dedicato alla “Simulazione

e Controllo”, Siemens ha illustrato

il proprio approccio multidisciplinare alla

meccatronica, presentando i metodi di sviluppo

che facilitano la concettualizzazione di

un sistema nelle prime fasi del processo di

progettazione e ne tracciano i requisiti fun-

18 febbraio 2016 PubliTec


l Il nuovo motoriduttore Simotics S-1FG1

di Siemens, perfettamente compatibile con il

sistema di convertitori Sinamics S120.

l The new Simotics S-1FG1 servo geared motor,

optimally harmonized with the Sinamics S120

converter system.

NEWS ARTICLE - automation

Real and Virtual

High efficiency and low torsional backlash for precise, dynamic motion sequences are among the

highlights of the compact Simotics S-1FG1 servo geared motor, available in manifold versions and

with up to 25 transmission ratios. Besides, in the field of virtual simulation models, Siemens showed

the application of mechatronic concepts and virtual commissioning, which allow for a faster and

optimal machine design, thus lowering significantly time-to-market.

by Sergio Soriano

At the last edition of the trade fair SPS

IPC Drives, held last November in

Nurnberg, Siemens presented the product that

expands its extensive drive portfolio for servo

applications. The Simotics S-1FG1 is a servo

geared motor that is optimally harmonized with

the Sinamics S120 converter system.

The complete integration of this drive system

into Totally Integrated Automation (TIA) makes

configuration and commissioning easy.

InMotion

Prefabricated Motion Connect signal and power

cables offer an easy and reliable method

of connecting the components. These have

electronic rating plates, and the motors are

connected via the Drive-Cliq system interface so

that the system can be brought into operation

quickly.

This servo drive system from Siemens is

suitable for use in a multitude of applications,

such as printing and packaging machines,

storage and retrieval machines, conveyor

systems and dosing pumps.

The servo geared motor is

available in manifold versions

High efficiency and low torsional backlash

for precise, dynamic motion sequences are

among the highlights of the compact Simotics

S-1FG1 servo geared motor, available in the

following versions: helical, parallel shaft, bevel

and helical worm gearboxes, and with up to 25

transmission ratios, depending on the type of

gear and size.

The helical gearing of the gear wheels makes

the gearboxes run very quietly, thereby reducing

the generation of noise. The small diameter of

the plug-on pinion inserted into the motor shaft

february 2016 l 19


C RONACA

automazione

Una partnership di successo nel settore automotive

Digitalizzare la produzione per abbattere il time-to-market e massimizzare la

flessibilità era la necessità di Maserati, casa automobilistica italiana specializzata

nella realizzazione di vetture d’alta gamma, soddisfatta grazie all’introduzione

delle soluzioni software sviluppate da Siemens per la gestione dei

processi produttivi, dalla progettazione ai test finali.

Gli effetti positivi della partnership hanno interessato lo stabilimento AGAP

di Grugliasco (TO), dove si trovano i reparti di lastratura e assemblaggio dei

modelli Ghibli e Quattroporte (nella foto): qui si è svolto un press tour organizzato

lo scorso dicembre a beneficio della stampa specializzata.

In particolare, l’utilizzo del software PLM Teamcenter di Siemens ha consentito

di realizzare una vettura “gemella” virtuale che riporta in tutto e per

tutto le caratteristiche della vettura reale. È stato così possibile ottimizzare

i processi produttivi, svolgendo test e prove sulla base dei dati forniti dalla

“gemella” digitale: alcuni esempi sono

le prove aerodinamiche nella galleria

del vento, i test acustici o i test-drive,

necessari prima di immettere il prodotto

sul mercato.

L’utilizzo di una riproduzione virtuale

della vettura riduce la necessità di realizzare

costosi prototipi: oltre al contenimento

dei costi, il risparmio di tempo

è stato calcolato nell’ordine del 30%.

A successful partnership in the automotive field

Making production digitalized to cut down time-to-market as well as

increase flexibility was the requirement of Maserati, an Italian car

manufacturer of high-end models. The introduction of software solutions

developed by Siemens for managing production processes, from design

to final tests, was the key to meet such a requirement.

The positive effects of this partnership have involved the AGAP

production site in Grugliasco (TO), where the bodyshell and the

assembly shop for the Ghibli and Quattroporte models (photo) are

located: here, last December, Siemens organized a press tour in behalf

of specialized journalists. In particular, the use of the Siemens PLM

Teamcenter software allowed the car manufacturer to rely on a “digital

twin” concept, that is to say a virtual twin car with all the features of the

real one. The possibility to have a virtual copy during a car production

process allows for process optimization, thus

performing tests according to the data provided by

the “digital twin”. Some examples can be found in

aerodynamic testing in wind tunnels, acoustic tests

or rather test-drives, which are mandatory before

launching the product on the market.

The use of a digital version lowers the need to

manufacture quite expensive prototypes: in

addition to cost reduction, a time saving by 30% is

estimated.

enables the first gear stage to have a high

transmission ratio. This in turn means that in

some cases a two-stage gearbox can be used

instead of a three-stage one.

On account of its highly integrated functionality

and scalable number of axes, the Sinamics

S120 converter system is suitable for use

in a multitude of demanding motion control

applications. The high-performance single

and coordinated multi-axis drives with vector

or servo control enable tailor-made solutions

to be implemented that increase productivity

and flexibility. The converter is available in four

different versions: blocksize, booksize, chassis

and cabinet units.

Virtual simulation due to

a mechatronic approach

Siemens Italia took part effectively in the

second edition of “Forum Meccatronica -

Technology innovation as driver for growth

in Italy”, the Italian focus on mechatronic

automation solutions held last October 29th in

Pacengo di Lazise, in the province of Verona.

During a conference focused on the issue of

“Simulation and Control”, Siemens described

its multidisciplinary approach to mechatronics,

introducing the development methods that

make the first stages of a system design

process easier and outlining the operational

requisites: these are indeed crucial to reduce

time-to-market and guarantee that the system

meets the requirements of the customers.

The starting point is always the machine 3D

reconstruction, which is possible in two ways:

based on mechatronic concepts or virtual

commissioning, or rather based on the CAM

modeling performed by the machine.

Thanks to the integration between the

software platforms and the automation

components from Siemens, the virtual

commissioning allows the customer to

move up mechanical and electronic design,

in addition to simulation and testing, thus

obtaining the final positive feedback by the

customer more rapidly and safely as for

the result. The solution named Mechatronic

Concept Designer from Siemens PLM

Software, in particular, allows for a faster and

optimal machine design, also enabling

multi-discipline collaboration between

mechanics, electronics and automation, with

the following reduction of the issues related

to integration. Therefore, this solution allows

users to lower time-to-market, simulate and

interact with the machine all the way through

the design process, besides re-using existing

knowledge for a better decision-making

process.

The validation process of CAM modelling, in

machine tools simulation, for instance, allows

users to validate the tool path in an NX CAM

environment, by checking minimum safety

distances, machine strokes and possible

collisions. Therefore, it is possible to test in

a single environment the CAM-generated

pathways without having to export the models

to a different software, thus performing any

possible change quickly. l

20 l febbraio 2016

PubliTec


l La soluzione Mechatronic Concept

Designer di Siemens PLM Software

consente una rapida e ottimale

progettazione delle macchine, oltre a

rendere possibile una collaborazione

multidisciplinare tra meccanica, elettronica

e automazione con la conseguente

diminuzione delle problematiche legate

all’integrazione.

l Mechatronic Concept Designer from

Siemens PLM Software allows for a

faster and optimal machine design, also

enabling multi-discipline collaboration

between mechanics, electronics and

automation, with the following reduction

of the issues related to integration.

l Siemens Italia ha

partecipato attivamente

alla seconda edizione del

“Forum Meccatronica -

L’innovazione tecnologica

motore della crescita in

Italia” a Pacengo di Lazise.

l Siemens Italia took

part effectively in the

second edition of “Forum

Meccatronica - Technology

innovation as driver for

growth in Italy” in Pacengo

di Lazise.

zionali: questi sono essenziali per ridurre il

time-to-market e garantire che il sistema poi

prodotto soddisfi le aspettative dei clienti.

Punto di partenza è sempre la ricostruzione

3D della macchina, possibile in due modalità:

basata su concetti meccatronici e di virtual

commissioning, oppure sulla validazione

della lavorazione CAM che la macchina eseguirà.

Con il virtual commissioning, grazie all’integrazione

tra le piattaforme software e tutti i

componenti di automazione Siemens, il cliente

ha la possibilità di anticipare

le fasi di progettazione meccanica

ed elettronica, oltre che

quelle di simulazione e test, ottenendo

l’accettazione da parte

del cliente finale in tempi più rapidi

e con una maggiore sicurezza

sul risultato.

La soluzione Mechatronic Concept

Designer di Siemens PLM Software, in

particolare, consente una rapida e ottimale

progettazione delle macchine, oltre a rendere

possibile una collaborazione multidisciplinare

tra meccanica, elettronica e automazione

con la conseguente diminuzione delle problematiche

legate all’integrazione. La soluzione

permette quindi di ridurre il time-to-market,

di simulare e interagire con la macchina

in qualsiasi punto del processo di progettazione

e di riutilizzare le conoscenze pregresse

per un migliore processo decisionale.

Con il processo di validazione della lavorazione

CAM, nella simulazione della macchina

utensile, ad esempio, è possibile validare il

percorso utensile in ambiente NX CAM, attraverso

la verifica delle distanze minime di sicurezza,

delle corse macchina e di eventuali

collisioni. In un unico ambiente si possono

quindi testare i percorsi generati dal CAM

senza bisogno di esportare le lavorazioni verso

altri software, rendendo estremamente

rapide le eventuali modifiche. l

InMotion february 2016 l 21


I

MPRESE & MERCATI

businesses & markets

news

Un volume dedicato all’automazione pneumatica

Lo scorso Dicembre nel corso di una conferenza stampa sul tema “Energy Efficiency &

Safety: l’evoluzione della pneumatica nella nuova fabbrica 4.0”, Festo ha presentato il

libro Automazione Pneumatica - componenti, soluzioni e applicazioni.

Rivolta a tutti i professionisti dell’automazione, inclusi i progettisti, i manutentori nonché

gli insegnanti, la pubblicazione si inserisce all’interno delle celebrazioni per il 60°

anniversario dell’azienda. Un’occasione per sottolineare come l’utilizzo di una pneumatica

intelligente, con una veste meccatronica, può risolvere i problemi di automazione in

termini di trattamento e qualità dell’aria, efficienza energetica e sicurezza, anche alla

luce dei nuovi trend dell’Industria 4.0. Il libro, versione rivisitata dell’edizione precedente,

aggiorna sulle più recenti evoluzioni nel campo dell’automazione industriale, frutto

dell’interazione fra tre differenti discipline: meccanica, elettronica e informatica, al fine l Giampiero Bighiani, Direttore Generale Festo Italia,

di automatizzare i sistemi di produzione e semplificare il lavoro umano. I tecnici, infatti, durante la conferenza di presentazione del volume.

sono sempre più chiamati a diventare esperti del “sistema macchina”, ampliando le loro

competenze a tutte le tecnologie, per rendere gli impianti più performanti e affidabili. during the press conference.

l Giampiero Bighiani, Festo Italia General Manager

Il testo guida gradualmente il lettore verso la moderna pneumatica applicata, partendo

dai principi e passando ai componenti, alla simbologia e agli schemi funzionali, per accompagnare

i progettisti nell’evoluzione della loro professione. Il ruolo della pneumatica è fondamentale anche in termini di efficienza energetica e di

sicurezza degli impianti e degli operatori. In un’ottica di sicurezza integrata, l’obiettivo è garantire funzioni diagnostiche e di Condition-Monitoring attraverso

la reciproca connessione in rete dei componenti di un sistema di produzione, quali sensori e attuatori, nello scambio permanente di informazioni

unitamente a valutazioni combinate di diversi sensori. In termini di energy saving, Festo punta su prodotti e soluzioni intelligenti, sull’analisi dei consumi

e su una cultura orientata alla sensibilizzazione di tutte le funzioni aziendali.

l La copertina del nuovo volume.

l The cover of the new book.

A book devoted to pneumatic automation

Last December during the press conference on “Energy Efficiency and Safety: the evolution of pneumatics

in the new factory 4.0”, Festo presented the book Automazione Pneumatica - componenti, soluzioni e

applicazioni (Pneumatic automation - components, solutions and applications).

Addressed to all professionals of the automation world, including designers, maintenance technicians, as

well as teachers, the publication is part of the celebrations for the 60 th anniversary of the company. This

provided an opportunity to highlight that the use of pneumatics favorably solves automation problems

in terms of air treatment and quality, energy efficiency and safety, especially in light of the new trends of

Industry 4.0. The book is a revised version of the previous edition, updated with the latest developments

in the field of industrial automation, resulting from the interaction between three different disciplines -

mechanics, electronics and computer science - whose objective is to automate production systems and

simplify human labor. In the current competitive environment, engineers are increasingly called to become

experts in the “machine system”, expanding their knowledge to all technologies, and making the systems

more performing and reliable. In this sense, the book gradually guides the reader towards modern

applied pneumatics, starting with the principles and going on to the components, symbols and functional

schemes, to accompany designers in the evolution of their profession.

The role of pneumatics is crucial also in terms of energy efficiency and safety of both machines and

operators. From the standpoint of integrated safety, the goal is to ensure diagnostic and conditionmonitoring

functions through the mutual connection of the components of a production system to a network, with sensors and actuators, in a

permanent exchange of information together with the combined assessment of various sensors.

On the other hand, speaking about energy saving, Festo focuses on smart products and solutions, on the analysis of consumption and a culture

oriented to engaging and raising the awareness of all business functions.

22 l febbraio 2016 PubliTec


Sono aperte le iscrizioni

all’Hermes Award 2016

Con l’Hermes Award la Deutsche Messe

assegna ogni anno uno tra i più importanti

premi mondiali all’industria. L’ambìto riconoscimento

viene conferito a un prodotto

caratterizzato dall’innovazione tecnologica

che venga presentato in anteprima alla Hannover Messe, in programma

dal 25 al 29 aprile. I prodotti iscritti devono essere già testati in ambito

industriale e/o già in uso nell’industria e devono essere riconosciuti particolarmente

innovativi dal punto di vista della tecnologia e sul piano economico.

Possono registrarsi tutte le aziende e le istituzioni che presentano

le loro innovazioni di prodotto alla Hannover Messe 2016 in veste di

espositori. Il termine ultimo di iscrizione è il 24 febbraio 2016. Tutti i prodotti

che avranno ottenuto la nomination saranno esposti alla Hannover

Messe nella cornice di Research & Technology nel Padiglione 2.

Registration for the Hermes

Award 2016 is now open

The Hermes Award by Deutsche

Messe is one of the most important

global annual industrial awards.

The much sought after prize rewards

one of the technologically innovative

products presented at the Hanover fair, which, this year, will run

from the 25 th to the 29 th of April.

All registered products must have been previously tested

and/or already in use in an industrial context and must be

considered particularly innovative in terms of technology and cost.

All companies showing at the Hannover fair 2016 can enter their

products. Registration closes on the 24 th February 2016.

All nominated products will be on show at the Hannover fair in the

Research & Technology area of pavilion 2.

Importanti contratti nel settore del gas naturale liquefatto

IMI Critical Engineering, specialista nelle soluzioni critiche di controllo del flusso, si è aggiudicata diversi importanti contratti per uno dei maggiori progetti

del mondo del LNG (Liquefied Natural Gas). Il complesso di Yamal LNG è situato sull’estuario del fiume Ob nella Siberia settentrionale in una zona coperta

dal ghiaccio per nove mesi l’anno. Ciò crea un ambiente molto impegnativo per la produzione di LNG. Ciononostante, è prevista la perforazione di

oltre 200 pozzi per sviluppare l’enorme bacino di gas naturale di South Tambey, le cui riserve sono state stimate in oltre 1 trilione di metri cubi.

Uno dei fattori fondamentali nell’aggiudicazione dei contratti è stata sicuramente la lunga esperienza di IMI Orton, la Divisione specializzata nella costruzione

di valvole triplo eccentrico con sede metallica e valvole a farfalla con sede in gomma, nel fornire valvole adatte a operare in

condizioni estreme e altrettanto cruciale è stato il coinvolgimento con CB&I sin dall’inizio, non appena l’azienda ha vinto il contratto

di progettazione ingegneristica di front-end. Esperti di IMI Orton si sono recati a Londra per incontrare CB&I ed evidenziare i vantaggi

tecnici della soluzione TRI-X Orton, come la sua sede e il suo anello di tenuta sostituibili rispettivamente sul corpo della valvola

e sul disco. Queste caratteristiche permettono, infatti, nel caso sia richiesta una manutenzione, di poter sostituire localmente gli

elementi di tenuta, un fattore importante nei siti così remoti. Anche un’altra azienda di IMI Critical Engineering, IMI CCI, sta fornendo

valvole per il progetto Yamal LNG.

Major contracts in the LNG field

IMI Critical Engineering, a critical flow control solutions specialist, has clinched several major contracts for one of the world’s

largest LNG projects. Yamal LNG is based in the estuary of the Ob River in Northern Siberia, and is ice-bound for nine months

of the year. This makes for a highly challenging environment for LNG production. Nevertheless, more than 200 wells are

expected to be drilled to develop the huge South Tambey natural gas field, where reserves are estimated at more than 1

trillion cubic metres. The long experience of operating in hostile environment of IMI Orton business, an international leader in

the manufacture of triple eccentric metal seated valves and rubber sealed butterfly valves, was a major factor for securing the contracts. The early

engagement with CB&I, after the company was awarded the front-end engineering design contract, was also key.

IMI Orton experts travelled to London to meet CB&I to highlight the technical advantages of the Orton TRI-X solution, with its replaceable seat and

seal ring on the valve’s body and disc respectively. These features mean that, should maintenance be required, the sealing elements could be

replaced locally - an important factor when the site is so remote.

Another IMI Critical Engineering company, IMI CCI, is also supplying valves to the Yamal LNG project.

InMotion february 2016 l 23


I NCONTRI

pneumatica

All’avanguardia nell’automazione

IIl nuovo centro tecnologico Festo di Scharnhausen, alle porte di Stoccarda, non

è solo il luogo nel quale vengono prodotti e assemblati componenti elettronici,

valvole e unità di valvole, ma anche uno stabilimento progettato per esaltare

concetti quali sostenibilità ambientale ed efficienza energetica. La tradizionale

conferenza stampa internazionale, giunta alla sua 14 ma edizione, ci ha permesso

di vedere come le conoscenze acquisite in tema di Industry 4.0 siano state

incanalate nello sviluppo del centro e nell’organizzazione della produzione.

di Fabrizio Dalle Nogare

Pianificare l’organizzazione del nuovo centro tecnologico

Festo di Scharnhausen, sito ad appena 8 chilometri

dal quartier generale di Festo a Esslingen, nei

pressi di Stoccarda, è stata un’attività che ha coinvolto diversi

comparti dell’azienda tedesca: dagli acquisti allo sviluppo;

dall’IT alla logistica, fino alla produzione e alle risorse

umane. Un confronto interdisciplinare, dunque, con l’intento

di progettare uno spazio, destinato alla produzione e

alla ricerca, che consentisse di rendere il più possibile fluidi

ed efficienti non solo i processi, ma anche la comunicazione

e la condivisione di informazioni tra i dipendenti.

“Il nuovo centro tecnologico ci ha permesso di creare lo

spazio necessario per la tecnologia cooperativa e gli sviluppi

di prodotto”, ha detto il direttore del nuovo impianto,

Stefan Schwerdtle. “Siamo anche riusciti a migliorare notevolmente

il time-to-market attraverso l’ottimizzazione

delle procedure e il ripensamento di processi fondamentali.

Anche le conoscenze acquisite dalla nostra ricerca sul

tema di Industry 4.0 sono state incanalate nello sviluppo

del centro. Ecco come siamo riusciti a promuovere cambiamenti

anche complessi in modo sostenibile”.

Proprio il sito produttivo di Scharnhausen ha ospitato, lo

scorso dicembre, la 14 ma edizione della conferenza stampa

internazionale organizzata da Festo, alla quale hanno

partecipato decine di giornalisti provenienti da tutto il mondo.

L’evento ha consentito, tra l’altro, di visitare in anteprima

le diverse aree dell’impianto, inaugurato nel 2015, che

si estende per 66.000 m 2 , ospita una forza lavoro di 1.200

persone ed è valso un investimento di circa 70 milioni di

euro.

Soluzioni e prodotti integrati,

intuitivi e intelligenti

A dare il benvenuto ai giornalisti presenti è stato Eberhard

Veit, presidente del Consiglio di Amministrazione di Festo,

che si è concentrato sulla sfida principale che l’azienda

sta affrontando pensando al suo futuro: la promozione di

un sistema produttivo in linea con i dettami di Industry

4.0, “un treno che non può essere perso”, per usare le parole

di Veit. Anche, e soprattutto, grazie alla straordinaria

opportunità offerta dal nuovo stabilimento, la catena del

valore che regola il flusso di produzione deve essere ripensata

in modo da garantire flessibilità e adattabilità, un alto

livello di networking, velocità e innovazione. Più nel concre-

24 l febbraio 2016 PubliTec


l Giornalisti da tutto il

mondo sono intervenuti

alla 14 ma edizione

della conferenza

internazionale

organizzata da Festo lo

scorso dicembre.

l Journalists from all

over the world took part

in the 14th edition of

the International press

conference organized

by Festo last December.

SPECIAL REPORT

At the Forefront of Pneumatic Automation

The new Festo technology plant, nearby Stuttgart, is not only the place in which electronic

components, valves and valve terminals are manufactured and assembled, but also a production

site designed to bring out concepts like environmental sustainability and energy efficiency. The 14 th

edition of the traditional international press conference allowed us to experience how the knowledge

gained as for Industry 4.0 have been channelled into the development of the centre and into the

organization of the production flow.

by Fabrizio Dalle Nogare

When it came to planning and organizing

the new Festo technology plant,

located only 8 km away from the company’s

headquarters in Esslingen, nearby Stuttgart,

experts from several departments were

involved: from purchasing to development,

IT, logistics, up to production and human

resources. Therefore, an interdisciplinary

InMotion

work, aimed at planning an area, addressed

to manufacturing and research, which could

make smoother and more efficient not only

processes, but also communication and

sharing of information among the workers.

“The new technology plant allowed us to create

the space necessary for cooperative technology

and product development”, said the plant

manager Stefan Schwerdtle. “We also managed

to improve considerably the time to market

to optimized procedures and realigned core

processes.

Also the knowledge gained from our research

into Industry 4.0 is channelled into the further

development of the plant. This is how we were

able to implement even complex changes in a

sustainable manner”.

Last December, the production site in

Scharnhausen was the location of the

14 th edition of the international press

conference organized by Festo, which saw the

participation of dozens of journalists from all

over the world.

The event was also the occasion to visit the

several areas of the plant, inaugurated in 2015,

february 2016 l 25


I NCONTRI

to, realizzare prodotti e soluzioni che si integrino tra loro,

oltre a essere intuitivi e intelligenti; senza tralasciare il fattore

più importante, quello umano, inteso come competenze,

formazione e attenzione alle persone.

Ai lavoratori del futuro saranno richieste non solo competenze

tecniche, ma anche capacità di risolvere i problemi,

mentalità aperta, voglia di imparare continuamente. Anche

per queste ragioni, Festo mostra particolare attenzione al

reclutamento della migliore forza lavoro: “Nel prossimo futuro

prevediamo di aumentare la cooperazione con scuole

e università sia accogliendo suggerimenti da parte di queste

istituzioni, che mostrando loro la nostra idea di produzione

del futuro, per condividere le conoscenze necessarie

a formare i giovani. Siamo convinti che le generazioni che

entreranno prossimamente nel mondo del lavoro avranno

gli strumenti per essere protagonisti”, ha detto Claus Jessen,

membro del Consiglio di Amministrazione di Festo.

“Non possiamo pensare oggi a una fabbrica che non sia

digitalizzata”, ha proseguito Jessen, ponendo l’accento su

un altro concetto fondamentale introdotto dai paradigmi di

Industry 4.0 e dell’Internet of Things. Specialmente per

un’azienda come Festo, che mostra di vedere nel suo futuro

una produzione organizzata in lotti sempre più piccoli,

piuttosto che una produzione di massa, flessibilità e capacità

di automatizzare anche la realizzazione di piccoli lotti

sono elementi su cui puntare con decisione.

l Eberhard Veit

(al centro), presidente

del Consiglio di

Amministrazione

di Festo.

l Eberhard Veit

(centre, in the photo),

Chairman of Festo

Management Board.

which occupies a total area of 66,000 square

metres, employs 1,200 workers and was worth

an around 70 million euro investment.

Integrated, intuitive and intelligent

solutions and products

Eberhard Veit, Festo CEO, welcomed the

journalists, focusing his speech on the main

challenge for the company’s future: the

promotion of a production system compliant

with Industry 4.0, “a boat that cannot be

missed”, as Mr Veit said. Also, and mainly,

due to the extraordinary opportunity given

L’applicazione di Industry 4.0

nel flusso della produzione

Cosa significa, dunque, adattare il flusso della produzione

secondo la logica di Industry 4.0? Entrare nei vari reparti

dello stabilimento di Scharnhausen aiuta a trovare la risposta,

o le risposte: significa sostituire progressivamente

le informazioni sugli ordini, ancora scritti su carta, con

chip contenenti un codice univoco in grado di identificare

le caratteristiche dell’ordine stesso, calcolando la succesby

the new production site, the value chain

that oversees the production flow should

be reorganized to guarantee flexibility and

adaptability, a high degree of networking,

speed, and innovation. More into the detail,

manufacturing products and solutions with a

high level of mutual integration, besides being

intuitive and smart; all this without disregarding

the most important factor, the human one,

in terms of skills, training, and care towards

people.

The workers of the future are supposed

to have not only technical skills, but also

problem solving abilities, an open mind, will to

learn. This is also why Festo shows a special

attention to recruiting the best labour force.

In the near future, we wish to increase our

cooperation with schools and universities

either welcoming suggestions coming from

these institutions or showing them our idea

of future production, in order to share the

knowledge required to train young people. We

believe that the young workers who will soon

enter the work world will have all the skills

they need to be successful”, said Claus Jessen,

member of Festo management board.

26 l febbraio 2016 PubliTec


di valvole VTUG, plug-in. La prima è particolarmente adatta

all’assemblaggio di piccole parti e di componenti elettronici

e trova applicazione specialmente nell’industria alimentare

e dell’imballaggio. Disponibile come valvola ad azionamento

elettrico o pneumatico, può essere ampliata in

un’unità di valvole con connessione singola.

La nuova unità di valvole VTUG, con plug-in per funzioni di

sicurezza, è adatta per l’uso in un armadio di comando. Disponibile

come unità di valvola multipolare o fieldbus, garantisce

una conversione rapida e semplice per tutti i fieldbus

standard, così come Ethernet e IO-Link. I fieldbus, in

particolare, sono semplici e veloci da rimpiazzare perché

sono avvitati nell’unità della valvola.

A Scharnhausen si trova anche il dipartimento che si occusione

dei diversi passaggi di lavorazione tramite algoritmi.

L’operatore deve, quindi, semplicemente seguire il flusso

dei passaggi che trova sul suo device.

Significa anche affidare l’automazione del magazzino a un

sistema informatico in grado di regolare il “traffico” dei

muletti che approvvigionano le postazioni dei materiali da

processare o trasportano i prodotti verso il reparto successivo.

Significa, inoltre, connettere tutte le macchine dello stabilimento

a un sistema di controllo che consenta agli addetti

alla manutenzione di conoscere in tempo reale lo stato

di salute dei macchinari, anticipando gli interventi e riducendo

i fermi macchina.

Significa, infine, contare su robot in grado di affiancare l’operatore

nello svolgimento di attività ripetitive, in particolare

attività di pre-assemblaggio per la realizzazione delle

valvole, lasciando ai tecnici la responsabilità delle fasi di

assemblaggio e test. I robot in questione sono dotati di

sensori che rilevano la vicinanza o il contatto con l’essere

umano, rallentando o arrestando il movimento e rispettando,

dunque, gli standard di sicurezza.

Valvole e componenti elettronici

realizzati nel nuovo impianto

Tra i prodotti realizzati presso il nuovo stabilimento Festo

di Scharnhausen ci sono le valvole della serie VG, la cui

gamma spazia dall’elettrovalvola compatta VUVG all’unità

l Claus Jessen

(a destra), membro

del Consiglio di

Amministrazione

di Festo, e Stefan

Schwerdtle (a sinistra),

direttore del nuovo

impianto.

l Claus Jessen (right),

member of Festo

management board,

and Stefan Schwerdtle

(left), plant manager.

“Nowadays, it is not possible to think of a

factory that is not digitalized”, continued Mr

Jessen, highlighting another key concept

introduced by Industry 4.0 and Internet of

Things. Especially for a company like Festo,

which in the future is supposed to be featured

by smaller and smaller production batches,

rather than mass production, flexibility and

capacity to automate also the manufacturing

of small batches are increasingly important

factors.

The application of Industry 4.0

in the production flow

Then, what does it mean to adjust the

production flow according to the requirements

of Industry 4.0? Entering the several

departments of the Scharnhausen plant could

help finding the answer, or the answers, to such

a question: it means gradually replacing the

information on orders, still written on papers,

with microchips having a univocal code capable

to identify the characteristics of the same order

by calculating the sequence of processing steps

by means of algorithms. Therefore, the operator

has to follow the flow of the steps showed on

his device only.

It also means relying on an IT system capable

to automate the warehouse by ordering the

flow of forklifts that feed the stations with the

materials to be processed or move the products

to the following area.

Furthermore, it also means to connect all the

machines in the factory to a control system

that may allow the operators to be informed in

real time about the machine conditions, thus

carrying out any intervention in advance so to

reduce downtimes.

Finally, it means to rely on robots capable to

side the operators and perform quite repetitive

tasks, such as some pre-assembly activities

for valve manufacturing, thus allowing the

technicians to focus their attention on the

assembly and testing stages. These robots

are equipped with sensors that detect human

beings’ position and avoid any contact, thus

slowing down or stopping their motion, and so

fully meeting the safety standards.

Valves and electronic components

manufactured in the new plant

Among the products manufactured at the

new Festo production site in Scharnhausen

are the valves of the VG family, whose range

includes the compact solenoid valve VUVG

and the valve terminal VTUG plug-in. The first

is particularly suited for small parts assembly

and electronics, as well as for the food and

packaging industries. It is available as an

electrically or pneumatically actuated valve and

can be expanded to form a valve terminal with

an individual connection.

The new VTUG valve terminal, with plug-in

for safety functions, is suitable for the use

in a control cabinet. Available as multi-pin or

fieldbus valve terminal, it allows for quick and

InMotion

february 2016 l 27


I NCONTRI

l La nuova unità di valvole VTUG, con plug-in per funzioni di sicurezza, garantisce

una conversione rapida e semplice per tutti i fieldbus standard.

l The new VTUG valve terminal, with plug-in for safety functions, allows for quick

and easy conversion for all the standard fieldbuses.

pa della produzione dei componenti elettronici,

sempre più cruciali per i sistemi di automazione

in un’epoca dominata dal concetto di meccatronica.

Oltre 4 milioni di PCB vengono realizzati ogni anno, insieme

ai componenti elettronici che fanno parte sia delle

piattaforme di automazione (come la piattaforma CPX per

l’automazione decentralizzata) che degli azionamenti elettrici

sviluppati da Festo (come quelli della serie EMCA con

motori a commutazione elettronica integrati).

Dalla creatività alla formazione:

a ciascuno i suoi spazi

Nel concepire il centro tecnologico Festo di Scharnhausen

ben poco è stato lasciato al caso. A linee di assemblaggio

e macchine utensili si alternano, infatti, spazi pensati per

lo sviluppo professionale dei dipendenti, che siano aree

dedicate al confronto o ambienti dove svolgere sessioni di

formazione.

Le “Think tank lounge” sono quattro stanze, dipinte con

quattro diversi colori, a disposizione di gruppi di lavoro, o

singoli lavoratori, alla ricerca di una soluzione creativa a un

problema produttivo. Le stanze sono equipaggiate sia con

lavagne creative che hanno il compito di stimolare il brainstorming

e la condivisione di informazioni, sia con postazioni

individuali di ricerca. Chi utilizza questi spazi, che si

propongono di essere incubatori di progetti di successo,

ha anche la possibilità di creare prototipi in lego o cartone,

così da dare una forma fisica alle idee.

All’interno del centro tecnologico ci sono anche aree, le

“learning room”, attrezzate con strumenti di lavoro realmente

funzionanti per la formazione del personale su un

particolare processo o uno specifico ambito. Una forma

realmente innovativa di training-on-the-job modulare, da effettuare

secondo le necessità specifiche di un lavoratore,

o di un determinato gruppo di lavoratori: su queste, infatti,

vengono modulate le sessioni formative. Le learning room

possono essere prenotate dai manager, che si incaricano

direttamente della formazione dei dipendenti o la affidano

a specialisti esterni. l

l Il nuovo centro tecnologico di Scharnhausen, alle porte

di Stoccarda, completato e inaugurato nel 2015.

l The new technology plant in Scharnhausen, nearby

Stuttgart, finished and inaugurated in 2015.

easy conversion for all the standard fieldbuses,

such as Ethernet or IO-Link. In particular, the

fieldbuses are quick and easy to replace, as

they are screwed onto the valve terminal.

The Scharnhausen plant also hosts the

electronic components manufacturing

department. These components are indeed

more and more crucial for the automation

systems, as machatronics has in turn a growing

importance in the current industry. More than

4 million PCB are manufactured every year,

along with electronic components used either

in automation platforms (such as CPX platform

for decentralised automation) or in the electric

drives developed by Festo (such as the EMCA

series with integrates EC motors).

From creativity to training

there’s room for everybody

In designing the new Festo technology plant

in Scharnhausen, almost anything was left to

chance. In fact, assembly lines and machine

tools are sided by areas addressed to the

professional growth and development of

employees, either rooms dedicated to debate

and confrontation or rooms where training

sessions are provided.

The so-called “Think-tank lounges” are four

rooms, each painted with a different colour,

available for work teams or individual workers

looking for a creative solution to a production

issue. These areas are equipped with either

creative dashboards, which help to stimulate

brainstorming and share information, or

individual research stations. Whoever uses

the rooms, designed to favour the creation

of successful projects, has the opportunity to

make prototypes by using LEGO or carton, as to

give a physical shape to their ideas.

The technology plant also hosts some areas,

called “learning rooms”, equipped with

operating working tools or stations. These are

supposed to train the employees on specific

processes or fields. Quite an innovating method

of modular on-the-job training, to be carried out

according to the specific needs of every single

worker or work team. The learning rooms can

be booked by the managers, who can take care

themselves of the employees’ training or rather

entrust it to external professionals. l

28 l febbraio 2016

PubliTec


www.atlantideweb.it

Il filo diretto

per tutte le tue esigenze in

materia di giunti

Oltre i giunti: tecnici e

specialisti analizzano in

profondità il tuo settore e le

sue caratteristiche

Sul nostro sito

trovi casi applicativi

relativi a tutti i settori:

anche il tuo

Il mondo dei giunti in

144 caratteri

Chi sono i protagonisti

nel mercato dei giunti?

Seguici e fatti notare

Iscriviti per approfondire

le tue conoscenze sulle

trasmissioni di potenza

Le notizie che ti

interessano?

Non cercarle,

te le inviamo noi!

Un video vale più

di mille parole:

iscriviti al canale e

scopri le

nostre soluzioni

#RESTACONNESSO

TUTTO RUOTA INTORNO AL GIUNTO:

SCOPRI I SISTEMI DI CONNESSIONE R+W, DALLE ALLUNGHE... AI SOCIAL

WWW.RW-GIUNTI.IT

visita il sito, clicca su queste icone e scopri il mondo R+W


I NCONTRI

Aspettando l’appuntamento

sull'automa

l SPS Italia 2016 si

svolgerà a Parma dal

24 al 26 maggio.

l SPS Italia 2016 will

be in Parma from the

24 th to the 26 th of May.

L’impatto della digitalizzazione sul

manufacturing sarà il tema dominante

dell’edizione 2016 della fiera SPS Italia,

organizzata da Messe Frankfurt Italia e

presentata ufficialmente lo scorso dicembre

presso il Samsung District di Milano. In

primo piano sarà l’aspetto formativo, con

l’illustrazione delle tecnologie e strategie

legate a Industry 4.0.

di Silvia Crespi

Il futuro della fabbrica intelligente a SPS Italia 2016:

questo il tema dell’evento organizzato lo scorso 16

dicembre presso il Samsung District di Milano. È stato

Donald Winch, Amministatore Delegato di Messe Frankfurt

Italia ad aprire l’incontro con la presentazione della

sesta edizione di SPS Italia, che avrà luogo, sempre a Parma,

dal 24 al 26 maggio 2016. “Oggi, perché una fiera abbia

successo - ha esordito Winch - è fondamentale legarsi

ai giusti partner. E la scelta più logica non poteva che essere

ANIE Automazione, l’associazione che ha supportato

la fiera fin dalla prima edizione, nel 2011”. L’edizione

2016 vedrà il coinvolgimento di un’altra Associazione di

categoria, Assofluid; saranno presenti diverse aziende del

comparto della pneumatica.

Winch si è soffermato anche sui risultati di Messe Frankfurt.

Con 2.300 collaboratori a livello mondiale, l’Ente fieristico

fattura oggi 645 milioni di euro. Si può parlare di una

vera multinazionale, poiché l’attività supera ormai i confini

della Germania per operare in altri Paesi e continenti, la Cina

in primo luogo, oltre all’Italia e all’India. La seconda edi-

30 l febbraio 2016 PubliTec


zione

SPECIAL REPORT

Gearing up for the Big Automation Event

The impact of digital on manufacturing will be the dominating theme of the 2016 edition of the SPS

Italy trade fair, organized by Messe Frankfurt Italy and officially presented last December at the Milan

Samsung District. Training will be at the centre of the event with many examples of technologies and

strategies strictly linked to Industry 4.0.

by Silvia Crespi

The future of the smart factory at SPS

Italia 2016: this was the theme of the

event held at the Milan Samsung district held

on December 16 th . Donald Winch, Messe

Frankfurt CEO, opened the meeting with the

presentation of the sixth SPS Italia which will

take place in Parma, as usual, from May 24 th to

26 th 2016. “For a fair to be successful today”

opened Winch, “It needs the right partners -

and the logical choice is ANIE Automazione,

the association that has nurtured the fair since

its inception in 2011. The 2016 edition will

InMotion

see the involvement of another association,

Assofluid: several companies of the pneumatics

industry have already signed up.

Winch also took time to reflect on Messe

Frankfurt results. With 2,300 global employees

worldwide, the annual turnover reaches 645

million euro. Messe Frankfurt has grown to

be a real multinational, with operations now

going beyond the confines of Germany to other

countries and indeed continents, China being

the most important together with Italy and India.

The second edition of SPS Automation India

will see the presence of an important Italian

consortium organized by ICE. While the areas

in which the German company is active are

diverse, there is nonetheless, a single common

denominator, technology and automation.

Industry 4.0 strategies will be

the fair leading theme

The theme of SPS Italia 2016 will be the

impact of digital on manufacturing or, in other

words, the strategies connected to Industry 4.0.

Francesca Selva, Vice President of Marketing

& Events at Messe Frankfurt Italy, officially

presented the sixth edition of the fair. Forecasts

are indeed optimistic: fifty new companies

already registered and partners of the calibre

of Cisco. At the 2016 edition, all eyes will be

on training: Know how 4.0 is not only about

february 2016 l 31


I NCONTRI

zione di SPS Automation India vedrà la partecipazione di

un’importante collettiva italiana organizzata da ICE. Se i

settori in cui opera l’ente tedesco sono molto diversi, il comune

denominatore è la tecnologia di automazione.

Le strategie legate a Industry 4.0

saranno il tema trasversale della fiera

Tema dell’edizione 2016 di SPS Italia sarà l’impatto della

digitalizzazione sul manufacturing o, in altre parole, le strategie

legate a Industry 4.0.

Francesca Selva, Vice Presidente Marketing & Events di

Messe Frankfurt Italia, ha presentato ufficialmente la sesta

edizione della fiera. Le previsioni sono certamente ottimistiche:

cinquanta nuove aziende iscritte e partner d’eccezione

come Cisco.

In primo piano, nell’edizione 2016, sarà l’aspetto formativo:

con Know-how 4.0, si parlerà non solo di come utilizzare

le nuove tecnologie legate a Industry 4.0 per creare valore

aggiunto, ma anche di come scoprire nuovi modi d’uso

delle tecnologie stesse, e di come condividere il patrimonio

delle esperienze industriali di smart factory.

Verrà allestita un‘area dimostrativa, all’ingresso del padiglione

4, all'interno della quale i visitatori potranno seguire

un percorso tematico - Industria intelligente, Robotica, Informatica

e Industria digitale, Internet of Things - e toccare

con mano isole di lavoro reali o virtuali con i temi di Indu-

stry 4.0 coniugati in modo chiaro ed efficace.

Nella stessa area saranno presenti anche gli espositori

del settore Industrial software, i giovani ingegneri del mondo

universitario e le startup.

L’aspetto formazione sarà in primo piano anche nelle tavole

rotonde “Food&Beverage”, “Pharma&Beauty” e “Automotive”

e nei convegni scientifici che verteranno su Progettazione

meccatronica e robotica e Big Data.

Come già accennato, partner d’eccezione dell’edizione

2016 sarà Cisco. Agostino Santoni, Amministratore Delegato

di Cisco Italia, ha offerto il “punto di vista” Cisco sulla

fabbrica digitale. Con la sua piattaforma di comunicazione

IoE Talks (Internet of Everything), la presenza Cisco in fiera

sarà focalizzata sull’importanza della tecnologia digitale come

opportunità di crescita per le imprese del settore.

Il 2015: un anno importante

per l’automazione industriale

Marco Vecchio, Segretario di ANIE-Automazione, si è soffermato

sull’andamento del comparto. “Il 2015 - ha esordito

- è stato un anno importante per l’automazione industriale.

La crescita è proseguita senza soluzione di continuità e

possiamo finalmente affermare che oggi il mercato è finalmente

tornato sui valori ante 2009. Per il 60% il fatturato

dell’Associazione è rappresentato dai costruttori di macchine.

Si tratta di aziende “smart” che si rivolgono a clienti

l I fabbisogni più sentiti

dalle aziende, secondo

l’Osservatorio “Mappatura

delle competenze

meccatroniche in Italia”.

l Company needs

according to the survey

“Mapping of mechatronic

skills in Italy”.

using new technology connected to Industry

4.0 thereby creating added value, but also how

to discover and manage new ways of using

that very technology, sharing the heritage of

industrial experience in the smart factory.

A demo area will be set up at the entrance

to pavilion 4 where visitors can follow

thematic pathways - smart industry, robotics,

informatics and digital industry, the Internet

of things - and get into contact with real

and virtual themes concerning Industry 4.0

explained in a clear and effective way.

In the same area, industrial software

producers will be on display, many young

university engineers and plenty of startups.

The training question will also be at

the forefront at the “Food&Beverage”,

“Pharma&Beauty” and “Automotive” round

table discussions and in the scientific

conventions, which will converge on

mechatronic design, robotics and Big Data.

As previously mentioned there will be an

exceptional partner present at the 2016

edition, Cisco. Agostino Santoni, CEO of

Cisco Italy, gave the “Cisco” point of view

regarding the digital factory. With its own

communications platform, IoE Talks (Internet

of Everything), Cisco’s presence at the event

will put the importance of digital technology

as a growth tool for this sector’s companies

clearly into focus.

2015: a big year for

industrial automation

Marco Vecchio, ANIE-Automazione General

Secretary, went into performance for the sector

over the year. “2015 has been an important

year for industrial automation. Growth has

continued, and while lacking a pattern of

regularity, we can finally declare that the

market has returned to pre-2009 levels. 60%

of Association revenue now comes through

machine construction. These are “smart”

companies doing business with “smart” clients,

and are therefore able to enjoy a flourishing

domestic market. The automation sector should

close 2015 with growth of around 7.5%”.

32 l febbraio 2016

PubliTec


“smart”, e che godono quindi di un mercato domestico

molto attivo. Secondo le previsioni il comparto automazione

dovrebbe chiudere il 2015 con una crescita del 7,5%”.

merciale e marketing, la R&S, il controllo qualità e la gestione

aziendale.

In termini di fabbisogni più sentiti da parte dei costruttori,

le aziende richiedono soprattutto interfacce e linguaggi di

programmazione più evoluti per PLC e HMI; in campo progettazione

la simulazione virtuale del macchinario sta diventando

un’esigenza sempre sentita, così come lo è il livello

di automazione sempre più spinto, le soluzioni per

incrementare la flessibilità e l’intelligenza degli impianti;

quindi le tecniche di robotizzazione, meccatronica e visione

artificiale. L’obiettivo finale è quello di pensare l’impianto

industriale come produttore di dati oltre che di pezzi

lavorati; un obiettivo che può essere perseguito anche

grazie ai nuovi software di controllo che facilitano la produzione

di dati. Ultimo fabbisogno, ma non meno importante

degli altri, il risparmio sui consumi energetici e l’incremento

dell’efficienza dell’impianto. l

Osservatorio sulla mappatura delle

competenze meccatroniche in Italia

Giambattista Gruosso, Professore presso il Politecnico di

Milano, insieme a Marco Vecchio, hanno infine presentato

il progetto “Mappatura delle competenze meccatroniche in

Italia”, curato dal dipartimento di Elettronica Informazione

e Bioingegnaria del Politecnico di Milano, in collaborazione

con Messe Frankfurt Italia e ANIE Automazione.

Il volume, già disponibile on-line, presenta i risultati di uno

studio di un’analisi condotta tra le aziende del comparto,

ubicate nei territori di Brescia, Verona e Mantova, tre province

vicine in termini geografici, ma con una vocazione industriale

diversificata. Sono state intervistate 570 aziende,

catalogate come PMI, la cui attività spaziava dal packaging,

ai componenti di elettrodomestici, ai robot.

Dallo studio è emerso che oggi sono ancora poche le

aziende che hanno già intrapreso un percorso in direzione

di Industry 4.0. Ma la nota positiva è che gli imprenditori

sono consapevoli della necessità di farlo. Se la necessità

di nuove tecnologie è particolarmente sentita in

aree come la produzione, la progettazione e l’ufficio tecnico,

lo è meno in aree quali la logistica, i reparti coml

Donald Winch,

Amministatore Delegato

di Messe Frankfurt

Italia, ha aperto

l’incontro, organizzato

a Milano, per la

presentazione di SPS

Italia 2016.

l Donald Winch,

Messe Frankfurt Italy

CEO, opened the

meeting in Milan with

the presentation of SPS

Italy 2016.

l Un’istantanea dell’edizione dello scorso anno.

l A shot of last year’s event.

The mapping of Italian

mechatronics skills

Giambattista Gruosso, Professor at the

Politecnico University in Milan, together with

Marco Vecchio, presented the “Mapping of

mechatronic skills in Italy” project, managed

by the department for electronic data and bioengineering

at the Politecnico, in collaboration

with Messe Frankfurt Italy and ANIE

Automazione.

The study, which is already available on-line,

gathers the results from an analysis carried

out among companies operating in the Brescia,

Verona and Mantua areas, three provinces that

are geographically close while having a highly

diversified industrial vocation. 570 companies

were interviewed, catalogues as SMEs, whose

operations ranged from packaging to household

electrical appliance components to robotics.

From the study, it emerges that few companies

have, as yet, taken steps down the Industry

4.0 road. The positive note being, however, that

entrepreneurs are well aware of the necessity

of doing so. While the need for cutting-edge

technology is well appreciated in areas like

production, design and the technical office, it

is less felt in contexts like logistics, sales and

marketing, R&S, quality control and business

management.

In terms of manufacturers’ needs, companies

are looking for greater evolution in PLC and

HMI interfaces and programming languages;

in the design field, virtual simulation for

machinery is an ever-greater necessity,

along with an increasing level of automation,

solutions that improve flexibility and plant

intelligence, followed by robotics, mechatronics

and computer vision. The final objective is to

see the industrial plant as a creator of data as

well as manufactured objects.

This is a goal that can be attained through

the new software control systems now

available and which ease the production of

the data itself. The last, but certainly not

least requirement is that of energy saving

and increasing plant efficiency. l

InMotion

february 2016 l 33


A PPLICAZIONI

laminazione tubi

di Elena Magistretti

LLa società Oleodinamica Geco ha fornito i propri motori oleodinamici

alla OLIMPIA 80 Tube Mills, per un laminatoio per la produzione di tubi

completamente automatico. I motori sono utilizzati, in sinergia con martinetti

oleodinamici ed encoder, per il posizionamento degli assi dei rulli

di lavoro, cuore dell’impianto.

L'oleodinamica

migliora le prestazioni del laminatoio per tubi

l Linea tubi con tecnologia di formatura lineare

per sezioni quadrate e rettangolari (vista laterale).

l Tube mill with linear forming technology

for square and rectangular sections (side view).

34 l febbraio 2016

PubliTec


Con sede a Borgonovo Val Tidone, nel piacentino, la

società OLIMPIA 80 opera con successo da oltre

quarant’anni nel settore della progettazione e realizzazione

di impianti e attrezzature per la produzione di tubi

tondi, quadri e rettangoli di alta qualità.

Nell’autunno 2014 la società ha completato la messa in

servizio di un laminatoio completamente automatico per la

produzione di tubi in acciaio al carbonio (T.S. fino a 1.400

N/mm²) e in acciaio inox ferritico.

L’impianto produce sia tubi tondi (OD da 30 a 88,9 mm e

spessore da 0,8 e 4 mm) a una velocità massima di 130

m/min, sia tubi con altre sezioni, come vedremo più avanti.

La linea è composta dai seguenti elementi: aspo singolo,

con carro per il carico automatico del nastro; dispositivo

apri-nastro e raddrizzatrice; giunta nastri automatico; accumulatore

orizzontale completo di una cesoia volante per il

taglio del nastro all’uscita; unità prepara bordi ad utensili;

gruppo completo di formatura automatico Linear Cage Forming

per tubi tondi; box di saldatura con generatore HF

350 kW stato solido; gruppo per scordonatura esterna con

chopper roll e gruppo per scordonatura interna; tunnel di

raffreddamento; calibratura e teste di turco tradizionali; teste

di turco universali; taglio volante con disco (HSS-TCT).

L’impianto presenta diverse peculiarità, quali un sistema

di cambio rapido di bancali mobili su rotaie, per le sezioni

di saldatura, calibratura e teste di turco tradizionali, che

consente di ridurre drasticamente il tempo di attesa nei

cambi formato.

L’elemento sicuramente più innovativo dell’intero impianto

è il gruppo di teste di turco universali, posizionato dopo l'unità

di calibratura e le teste di turco tradizionali. Il gruppo

è composto da tre passi di squadratura, motorizzati; una

unità di raddrizzatura per tubi quadri e rettangolari e un

passo di calibratura motorizzato.

La macchina installata è in grado di produrre soprattutto

sezioni quadrate e rettangolari in una gamma di spessori

compresa tra 0,8 e 4 mm, e in diverse dimensioni, il tutto

senza bisogno di cambiare i rulli nelle teste di turco e nella

calibratura.

Il gruppo di raddrizzatura non è motorizzato ed è posto tra

le ultime due teste. Grazie al software, il sistema autocentrante

permette di posizionare le teste in posizione 0 (zero)

a seconda delle dimensioni del tubo. L'impostazione

della raddrizzatura avviene tramite un pannello di controllo

l I motori a pistoni assiali forniti da

Oleodinamica Geco.

l Axial piston motors from Oleodinamica Geco.

APPLICATIONS - tube rolling

Hydraulics Improve

the Performance of the Tube Mill

Oleodinamica Geco supplied its hydraulic motors to OLIMPIA 80 Tube Mills for a fully

automated tube rolling mill. Geco’s motors are used, in combination with hydraulic jacks

and encoders, for the positioning of the rolls, which are the heart of the system. by Elena Magistretti

With headquarters in Borgonovo Val Tidone,

in the province of Piacenza, OLIMPIA 80 has

been designing and manufacturing plants and

equipment for the production of high quality

tubes for over 40 years.

Last year the company completed the

commissioning of a fully automatic tube mill, to

produce carbon steel (max T.S. up to 1,400

N/mm²) as well as ferritic and austenic

stainless steel tubes.

InMotion

The tube mill can produce round tube from OD

30 mm up to OD 88.9 mm in a thickness range

from 0.8 mm up to 4 mm, as well as other tube

sections, as explained below.

The tube mill consists of the following sections:

single decoiler and automatic coil car for

strip loading, coil opener with strip flattener,

automatic strip end welder, horizontal strip

accumulator complete at the exit side of a

flying shear for strip cutting. The equipment

also includes a strip edge preparation unit, a

complete Linear Cage Forming group for round

tubes (patented by OLIMPIA 80), weld box with

HF Welder 350 kW solid state, outside scarfing

+ chopper roll and inside scarfing, cooling

section. A traditional sizing and straightening

unit (for round tubes), Universal Driven Turk’s

Heads and flying cut-off device by cold disk saw

(HSS-TCT) is also available.

The line features a number of peculiarities

such as a set of cassette for quick roll change

on rails, for welding, sizing and straightening

(traditional) units; this system drastically

reduces idle times when changing formats.

february 2016 l 35


A PPLICAZIONI

laminazione tubi

l I motori orbitali di

Oleodinamica Geco.

l Orbital motors from

Oleodinamica Geco.

posto davanti alla testa. Questo sistema prevede la possibilità

di essere installato anche in linee esistenti.

Motori robusti, performanti e affidabili

per un’applicazione di precisione

I motori oleodinamici della Oleodinamica Geco, fornitore

storico della società piacentina, sono utilizzati in sinergia

con martinetti oleodinamici ed encoder per il posizionamento

degli assi dei rulli di lavoro (cuore dell’impianto) tramite

una gestione affidata a valvole proporzionali che, con

un software dedicato, riescono a ottenere regolazioni con

precisione centesimale. A seconda delle linee di prodotto,

si arriva a controllare fino a novanta assi simultaneamente.

Il vantaggio principale derivante dall’impiego di un motore

oleodinamico per impianti di questo tipo è connesso

all’ambiente gravoso in cui operano, in genere caratterizzato

dalla presenza di liquidi refrigeranti e di residui di lavorazione

che mettono a dura prova il componente.

I motori forniti dalla Oleodinamica Geco sono stati ritenuti

robusti, performanti e affidabili, tanto da risultare la miglior

scelta per questa applicazione.

Per questa applicazione di successo le due aziende, il costruttore

dell’impianto e il fornitore dei motori, hanno messo

in atto una vera e propria partnership in modo da condividere

le competenze tecniche nei rispettivi settori di riferimento,

ottenendo così il miglior dimensionamento del

componente in un’applicazione “delicata” dalla cui precisione

dipende il livello qualitativo del prodotto finito.

Una ricca offerta nel campo

della motorizzazione oleodinamica

Oleodinamica Geco ha proposto un’offerta tra le più ricche

nell’ambito della motorizzazione oleodinamica, offrendo al

cliente due famiglie di prodotto: i motori orbitali e i motori

a pistoni assiali per un totale di oltre 2.000 modelli da 8

cm 3 /giro a 6.200 cm 3 /giro. Quanto sopra unitamente

all’efficace servizio pre- e post-vendita, che culmina nella

tracciabilità con numero di matricola per ogni prodotto, e

alla presenza capillare in tutti i mercati mondiali grazie a

una rete di distributori che garantisce la vicinanza al cliente

nel corso dell’intera vita utile del macchinario. l

The most innovative section is the group of

Universal Driven Turk’s Heads, positioned after

the traditional sizing unit. This group consists

of three motorized pre-forming stands, one

straightening unit for square and rectangular

tube and one motorized finishing stand.

The main goal of the installed machine is

the production of square tubes (and related

rectangles) in the 0.8 ÷ 12.7 mm range of

thicknesses, without the need to replace the

rolls of the Turk’s heads and in the finishing

stand.

The straightening group is not motor-driven and

is positioned between the last two heads. With

the contribution of a software, the self-centering

system allows heads to be set in 0 (zero)

position according to tube sizes.

Straightening parameters are set via a control

board positioned in front of the heads, thus

offering the possibility to be installed also in

existing lines.

Reliable, performing and sturdy

motors for a precision application

Oleodinamica Geco is a long lasting supplier

of OLIMPIA 80. Geco’s hydraulic motors are

used in combination with hydraulic jacks and

encoders for the positioning of the axes of the

rolls, which are the heart of the plant. They are

controlled by proportional valves which, thanks

to a customized software, allow for centesimal

accuracy adjustments. According to product

lines, up to ninety axes can be simultaneously

controlled.

The main advantage resulting from the use of

hydraulic motors for an application of this kind is

linked to the severe working conditions, generally

featuring cooling lubricants and machining

scraps than can seriously affect the life of the

components. The sturdy, performing and reliable

hydraulic motors supplied by Oleodinamica

Geco were considered the best choice for

this application. For this success story, plant

manufacturer and motor supplier entered into a

true partnership: the two companies shared their

own skills, thus obtaining the best dimensioning

of the component in a “critical” application. The

quality of the finished product strictly depends on

precision.

An exhaustive offer in the

field of hydraulic motors

Oleodinamica Geco was able to offer one of the

richest product ranges in the field of hydraulic

motors. Customer was offered two product

families: orbital and axial piston motors in

over two thousand models from 8 cm 3 /rev to

6,200 cm 3 /rev. Such a rich offer is completed

by an efficient pre- and after-sales service,

including the full traceability assured by the

code number of every single motor and a

world-wide presence guaranteed by a network

of distributors: the company is close to its

customers all along machine life. l

36 l febbraio 2016

PubliTec


DOC.I_CONIQUE +40_AP1.Ia - Conception et réalisation Service Publicité NTN-SNR - © NTN-SNR 04/2015 - Crédit photo : Pedro Studio Photo / Shutterstock

+40%DI DURATA

OPERATIVA

Approfittate di tecnologie all’avanguardia per il Vostro business, sviluppate per le applicazioni più

esigenti. I cuscinetti a rulli conici NTN-SNR in acciaio di cementazione consentono un incremento del

40% della durata operativa, rispetto ai cuscinetti in acciaio tutta tempra. Traete vantaggio dalla qualità

NTN-SNR per le Vostre applicazioni, anche le più severe (urti, vibrazioni, contaminazione).

www.ntn-snr.com

With You


A PPLICAZIONI

alimentare

meccatro

Una soluzione

per la produzione del gelato

I“IdeaTre”, prodotta dalla Carpigiani, rappresenta un nuovo concetto di macchina per fare il gelato: è in grado

di produrlo, conservarlo e presentarlo. Il sistema meccatronico Movigear® fornito da Sew-Eurodrive, che

integra un motore IE4, un riduttore e un drive ad alta efficienza, ha un ruolo importante: le sue caratteristiche

di comunicazione in rete riducono i tempi di start up della machina, ne agevolano la diagnostica e la

manutenzione, oltre a ridurne il consumo energetico.

di Silvia Crespi

38 l febbraio 2016 PubliTec


La Carpigiani, azienda specializzata in macchine per

la produzione di gelato, è ormai associata al concetto

di gelato “Italian style”. La continua innovazione è

ciò che ha reso la società un leader tecnologico, che reinveste

una notevole percentuale del suo fatturato in ricerca,

progettazione, selezione dei componenti di alta qualità,

sicurezza delle proprie attrezzature, oltre alla promozione

di una dieta equilibrata.

Obiettivo dell’azienda è quello di fornire ai propri clienti apparecchiature

semplici da utilizzare, robuste e igieniche,

garantendo nel corso del tempo un risparmio sui costi

operativi e un elevato ritorno sugli investimenti.

Recentemente la Carpigiani ha puntato sulla produzione di

una macchina innovativa in grado di rivoluzionare il mondo

del retail alimentare. L’obiettivo era quello di fornire una

soluzione unica per la produzione, la conservazione e la

presentazione del gelato o di altri prodotti da pasticceria.

La macchina è stata battezzata IdeaTre. Con un design lineare

può essere posizionata in bella vista nei punti vennica

dita, permettendo ai clienti di assistere alla preparazione

artigianale del gelato, laddove viene anche servito. Il prodotto

viene, infatti, conservato nello stesso contenitore in

cui viene preparato.

Una soluzione meccatronica:

motore, riduttore e drive integrati

La collaborazione con SEW Eurodrive è nata dall’esigenza

di rispondere ai requisiti di funzionalità della macchina. In

particolare occorreva fornire una soluzione in grado di azionare

il movimento delle palette, modularne la velocità in

base alla ricetta, e fornire un feedback di corrente di coppia,

che segnalasse lo stato di consistenza del gelato. In

APPLICATIONS - food industry

A Mechatronic Solution

for Ice-Cream Production

“IdeaTre”, manufactured by Carpigiani, represents a brand new concept of ice-cream machines:

it is capable to make, store and serve ice-cream. The mechatronic system Movigear® provided by

Sew-Eurodrive, which integrates an IE4 motor, a gear unit and a high-efficiency drive, plays an

important role: its networked communication features reduce the time needed for start-up, make

diagnostics and maintenance easier and reduce energy consumption.

by Silvia Crespi

l La macchina IdeaTre, ideata e

realizzata dall’azienda Carpigiani.

l The IdeaTre machine, designed and

manufactured by Carpigiani.

Carpigiani, a company specialized in the

manufacturing of ice-cream machines, is

now associated with the idea of “Italian style”

ice-cream. The continuous innovation has

made the company a technological leader that

invests a remarkable amount of its turnover in

research, design and selection of high-quality

components, equipment safety, as well as

promotion of a healthy diet.

The company aims to provide customers

with machines that are easy to use, robust

and hygienic, thus allowing them to save on

operational costs and to achieve a high return

on investments in the course of time.

Lately, Carpigiani focused its attention on

the manufacturing of quite an innovative

machine capable to revolutionize the field

of food retail. The aim was to provide a

InMotion

february 2016 l 39


A PPLICAZIONI

alimentare

Motore, riduttore e azionamento elettronico integrati

nell’unità meccatronica

Il sistema di azionamento meccatronico Movigear® è costruito in modo tale da

poter essere utilizzato in maniera flessibile nelle infrastrutture di comunicazione,

rappresentando la soluzione ideale per applicazioni decentralizzate. Grazie alla

struttura compatta e alla massima integrazione dei componenti (motore sincrono

a eccitazione permanente, azionamento ed elettronica integrata), Movigear® trova

impiego ideale nella tecnica di trasporto.

Agli utenti viene offerto un notevole potenziale di risparmio, grazie all’efficienza

del sistema di azionamento che permette di ridurre i consumi del 50% rispetto a

sistemi convenzionali.

Altri vantaggi sono: la riduzione delle varianti, dato che il campo di velocità con

coppia continua costante e coppia

di sovraccarico permette una

variante per molte funzioni; l’infrastruttura

semplificata grazie

all’abbinamento di energia e

comunicazione in un cavo che riduce

il processo di installazione

e il rischio di anomalie; la riduzione

dello spazio di montaggio,

rispetto a dispositivi con potenze

simili, grazie alla completa integrazione

dei componenti e alla

forma costruttiva compatta.

All-in-one mechatronic system comprising

motor, gear unit and drive electronics

The Movigear® mechatronic drive system is designed for flexible

use across various communication infrastructures.

This makes it ideal for decentralized applications. With its

compact design and optimal integration of components with

permanent-field synchronous motor, gear unit, and integrated

electronics, Movigear® is especially tailored for efficient use in

the handling sector.

With Movigear®, users can achieve energy savings up to 50%

compared to conventional drive systems.

Here are the other benefits: a lower number of variants

(thanks to the speed setting

range with constant, continuous

torque and high overload torque,

one variant can be used for

multiple tasks); a simplified

infrastructure (combining power

and communication in one cable

minimizes installation costs

andriskoferror);reductionof

the installation space thanks

to the integration of all the

components and the compact

design.

single solution for production, storage and

presentation of ice-cream as well as other

pastry products. The machine was named

IdeaTre. Featured by a linear design, it can

be placed inside the shops in plain view, thus

allowing customers to watch the ice-cream

making process in the same place in which

it is served. In fact, the product is stored in

the same container in which the ice-cream is

made.

A mechatronic proposal integrating

motor, gear unit and drive

The collaboration with Sew Eurodrive

comes from the need to meet the machine

operational requirements.

In particular, it was important to provide a

solution capable to activate the motion of

palettes, adjust their speed according to

the recipes and provide a torque current

feedback, which would report the ice-cream

consistency.

A motor, a gear unit and a drive were

supposed to be integrated in a single

component. The big challenge was to meet

these requirements taking into account not

only low energy consumption options, but

also the reduced amount of space available

on the machine (the smallest solution had

overall dimensions of a one square meter).

The Movigear® DSC drive system is a

decentralized mechatronic unit with a

unique design of the control part, which

integrates an IE4 motor, a gear unit and a

high-efficiency drive. Its peculiar networked

communication features reduce startup

time and make diagnostics as well as

maintenance easier.

The machine also features low noise

emission, making it usable everywhere.

Connectivity, ease of wiring

and energy saving

According to the end user’s requirements,

from 4 to 16 Movigear® DSC systems can be

installed on IdeaTre. These are handled by a

single MOVI-PLC® Advanced controller, which

detects the number of devices connected and

sets them up automatically. Through a Modbus

TCP communication protocol, the MOVI-PLC®

communicates with the operator panel for

managing the recipes and machine control.

A further advantage of the machine

commissioning lies in its extreme ease of

wiring, due to the daisy chain technology that

minimizes the amount of space required by

electric wiring and fieldbus devices. Thanks to

the IE4 high-efficiency technology and to the

high-performance gear unit, it is also possible

to produce ice-creams sustainably, with a

potential 20% energy saving. l

40 l febbraio 2016

PubliTec


l Il layout dell’impianto IdeaTre.

l The IdeaTre plant layout.

un solo componente dovevano quindi essere integrati un

motore, un riduttore e un drive.

La grande sfida è stata quella di rispondere a queste richieste

tenendo conto non solo di opzioni a basso impatto

energetico, ma anche del poco spazio disponibile sulla

macchina (la soluzione più piccola prevedeva un ingombro

massimo di un metro quadrato).

Il sistema drive Movigear®DSC è una unità meccatronica

decentralizzata con un’originale concezione della parte di

controllo che integra un motore IE4, un riduttore e un drive

ad alta efficienza. Le sue caratteristiche particolari di comunicazione

in rete riducono i tempi di start up, agevolano

la diagnostica e la manutenzione. La sua ridotta rumorosità

consente inoltre di utilizzare la macchina ovunque.

Connettività, facilità di cablaggio

e risparmio energetico

In base alle esigenze degli end-user, su IdeaTre sono stati

installati dai 4 ai 16 Movigear®DSC, gestiti da un unico

controllore, MOVI-PLC®Advanced, che riconosce il numero

di dispositivi connessi alla rete e li configura automaticamente.

Attraverso un protocollo di comunicazione in

Modbus TCP, il MOVI-PLC®si interfaccia con il pannello operatore

per la gestione delle ricette e i comandi macchina.

Un ulteriore vantaggio nel commissioning della macchina

è l’estrema facilità di cablaggio grazie alla tecnologia daisy

chain che riduce al minimo gli ingombri di cavi elettrici e

bus di campo.

Grazie alla tecnologia ad alta efficienza IE4 e al riduttore

ad alto rendimento è inoltre possibile produrre gelati in

maniera sostenibile, con un potenziale risparmio energetico

fino al 20%. l

InMotion

Movimenti

lineari

da 0,1 – 100 t

✔ Nr.1 per movimentazione

dei carichi pesanti

✔ Economici ed innovativi

✔ Robusti, di semplice impiego

✔ Disponibili da magazzino

Piastra di fissaggio per

lubrificazione laterale

Cuscinetti

combinati

VULKOLLAN+POLYAMID

Informazioni e

3D CAD online

WINKEL

Cuscinetti combinati

e Profili

Raschiatori WINKEL

per cuscinetti combinati

NOVITA’

NOVITA’

RICHIEDI

Heavy e Duty cuscinetti

combinati Nuova Serie 3

Unità combinata

registrabile JT

Unità registrabile WINKEL

serie JT-V/JT-PA

VULKOLLAN+POLYAMID

Tel. 0322/831583

info@winkel-srl.it

- srl.it

il catalogo

WINKEL


A PPLICAZIONI

estrusione plastica

Incrementata l’efficienza energetica del processo di

estrusi

UI motori e gli azionamenti di

Emerson Industrial Automation

hanno contribuito a ridurre

del 9% il consumo energetico

degli estrusori dell’azienda

danese Stål & Plast. I motori

elettrici in corrente continua

sono stati sostituiti con motori

a magneti permanenti più

efficienti della serie Dyneo,

pilotati dagli azionamenti a

velocità variabile Unidrive M.

di Alma Castiglioni

APPLICATIONS - plastic extrusion

The prospect of improved energy efficiency,

increased operational reliability and lower

maintenance costs appeals to any business.

It was these three factors which ensured

l Presso l’azienda danese Stål & Plast i vassoi vengono prodotti

in moderne macchine di formatura a vuoto, gestite tramite robot.

l At the Danish company Stål & Plast the tray systems are

produced on modern fully automated vacuum forming machines,

operated by robots.

A Higher Energy Efficiency

in the Extrusion Process

Drives and motors from Emerson Industrial Automation have succeeded in cutting extruder energy

usage by 9%. The electric motors used by Stål & Plast, a Danish company, for its extruders, have

been replaced with energy friendly PM motors of the Dyneo series, controlled by Unidrive variable

speed drives.

by Alma Castiglioni

Emerson was able to help Stål & Plast, a

Danish extrusion specialist, improve its

production processes by replacing three wornout

DC electric motors with energy-friendly

42 l febbraio 2016 PubliTec


one

La prospettiva di migliorare l’efficienza, aumentare

l’affidabilità operativa e diminuire i costi di manutenzione

è una priorità per ogni azienda.

Emerson si è concentrata su questi tre fattori per aiutare

Stål & Plast, azienda danese specializzata in prodotti

estrusi, a migliorare i suoi processi produttivi.

Nello specifico, gli usurati motori elettrici in corrente continua

installati sugli estrusori dei suoi impianti sono stati

sostituiti con i più efficienti motori a magneti permanenti

della serie Dyneo, pilotati dagli azionamenti a velocità variabile

della serie Unidrive M.

Il risparmio energetico annuale calcolato è mediamente

pari al 9%, equivalente a 90.000 kWh, un valore estremamente

interessante sul lungo termine, tenendo presente

che nell’arco di 10 anni il 95% dei costi relativi a un motore

elettrico sono direttamente collegati al consumo energetico.

l I motori a magneti permanenti Dyneo® e l’azionamento Unidrive M700 utilizzati nell’applicazione.

l The Dyneo® PM motors and Unidrive M700 drive were chosen for the application.

I vantaggi della nuova soluzione

implementata rispetto alla precedente

Situata nel cuore della Danimarca, la società Stål & Plast

A/S produce sistemi di irrigazione idroponici utilizzati nella

serre e nei vivai di tutto il mondo. I vassoi per l’irrigazione

Dyneo PM motors and a Unidrive M variable

speed drive at the company’s extruder plant.

The annual energy savings have been

calculated at an average of 9% or 90,000 kWh,

which is particularly interesting in the long

term, keeping in mind that over 10 years, 95%

of the total costs of an electric motor is directly

related to the energy consumption.

The benefits of the new solution

with respect to the previous one

A company located right in the heart of

Denmark, Stål & Plast A/S manufactures bench

tray systems which are used in greenhouses

and nurseries worldwide. The raw plates are

manufactured at a modern co-extrusion plant

operated by three extruder motors, one 175 kW

InMotion

motor and two 71 kW motors.

The extruder plant’s three worn-out DC motors

were due for extensive reconditioning or

alternatively an expensive and time-consuming

replacement, as new DC motors would have to

be made to order.

As the DC technology is expensive and

outdated in terms of energy consumption and

moreover associated with high operation and

maintenance costs, the company decided to

upgrade the extruder plant by purchasing highly

efficient Dyneo PM motors from Leroy Somer,

which are controlled by a Control Techniques

Unidrive M700 variable speed drive.

One of the aspects that mattered most to Stål

& Plast A/S was that Emerson was the only

supplier that could offer to replace the motors

and the controls as a total project for which

they would assume full responsibility.

The replacement took place in collaboration

with the service partners Lindpro as the

professional installer and automation provider

for the project, and Ølgod Elektro, which

routinely handled commissioning and

running-in.

Energy saving was the main reason

for choosing the new technology

For Stål & Plast A/S, the main reason for

choosing a motor technology with permanent

magnets was, first of all, the long-term energy

savings on power consumption but also the

higher operating torque, the operational

reliability of PM technology and the very

february 2016 l 43


A PPLICAZIONI

estrusione plastica

glia Unidrive M700 di Control Techniques.

Uno degli aspetti più importanti nella decisione presa da

Stål & Plast A/S è stato il fatto che Emerson era l’unico

fornitore disposto a sostituire il motore e il sistema di controllo

come parte di un progetto integrato di cui si sarebbe

assunta la completa responsabilità.

La sostituzione è stata eseguita con la collaborazione

dell’azienda partner Lindpro e del fornitore di servizi di installazione

professionali e di automazione per questo progetto,

Ølgod Elektro, che regolarmente si occupa di messa

in servizio e conduzione di impianti.

Il risparmio energetico in primo piano

nella scelta della nuova tecnologia

Per Stål & Plast A/S, la prima ragione che ha condotto alla

scelta della tecnologia dei motori a magneti permanenti è

stata la possibilità di risparmio energetico sul lungo periodo,

ma anche la coppia motrice disponibile più elevata,

l’affidabilità di funzionamento e i costi di manutenzione

decisamente minori rispetto a quelli dei motori a corrente

continua.

I calcoli hanno dimostrato come Stål & Plast può ridurre i

consumi energetici annuali dei tre motori in media del 9%.

Il consumo degli estrusori costituisce il 75% del costo totale

dell’energia utilizzata dall’impianto, la maggior parte

della quale viene assorbita dai motori degli estrusori.

Su un periodo di 10 anni, il 95% del costo di un motore

elettrico è direttamente attribuibile al consumo energetico,

mentre il costo di acquisto e di manutenzione conta solamente

per il 5% del costo totale dell’investimento quando

si sceglie la tecnologia dei motori a magneti permanenti

Dyneo PM di Emerson.

a flusso e riflusso sono realizzati in un moderno impianto

di coestrusione che utilizza tre motori di estrusione, uno

da 175 kW e due da 71 kW.

I tre motori in corrente continua dell’impianto, ormai usurati,

avrebbero dovuto essere ricondizionati, oppure del tutto

sostituiti, con notevole impegno di tempo e denaro, poiché

sarebbero stati da realizzare su commessa.

Poiché la tecnologia della corrente continua è costosa

e superata in termini di efficienza energetica, oltre ad

essere svantaggiosa a causa di costi operativi e di manutenzione

assai elevati, è stato deciso di aggiornare

la linea di estrusione acquistando i motori a magneti

permanenti a elevata efficienza della serie Dyneo di

Leroy Somer, che vengono controllati tramite un azionamento

a velocità variabile appartenente alla familow

maintenance costs compared with DC

technology.

Calculations showed that Stål & Plast could

reduce the annual energy consumption of

the three motors by an average of 9%. The

extruder accounts for 75% of the plant’s total

energy costs, of which most is consumed by the

extruder motors.

Over a period of 10 years, 95% of the

total costs of an electric motor are directly

l I vassoi per la produzione dei sistemi

di irrigazione a flusso e riflusso.

l The tray systems for the production

of Ebb/Flow irrigation systems.

attributable to the energy consumption,

whereas the purchase price and the

maintenance costs represent as little as 5% of

the total costs of the investment when choosing

the Dyneo PM motor technology from Emerson.

Solutions for variable speed

applications with motors and drives

Dyneo® series motors and drives are Emerson’s

response to major challenges such as energy

efficiency, ergonomy and modular design.

Dyneo® solutions combine the technology

permanent magnet solutions and that of

Unidrive M variable speed drives.

Dyneo® motor with robust mechanical design

uses the same components as the induction

motor, however, unlike the latter, the former

magnetic flux is not caused by the stator but

is directly created from a set of permanent

magnets inserted in the rotor. With an AC

induction motor, the speed of rotation of the

rotor is slower than the stator frequency. With

the Dyneo® motor, the magnetic flux remains

44 l febbraio 2016

PubliTec


to delle prestazioni o necessità di ventilazione forzata e

può raggiungere velocità di circa 5.500 giri/min, nettamente

superiori rispetto alle tecnologie tradizionali. Questa

soluzione è particolarmente efficace per applicazioni

che richiedono una coppia elevata ad alte velocità.

I motori della serie Dyneo®sono progettati per girare più

velocemente rispetto ai motori asincroni, il che consente

di adattare la velocità del motore a quella della macchina

pilotata, eliminando così la presenza di elementi di trasmissione

come i riduttori. l

l Il motore a

magneti permanenti

nell’ambiente

produttivo.

l The PM motor

in the production

environment.

l L’azionamento Unidrive M700 all’interno

dell’armadio di controllo.

l The Unidrive M700 installed inside the

control cabinet.

Soluzioni per applicazioni a velocità

variabile con motori e azionamenti

I motori e azionamenti della serie Dyneo®rappresentano

la soluzione proposta da Emerson per rispondere alle sfide

non solo di efficienza energetica, ma anche di ergonomia

e modularità.

Le soluzioni Dyneo®combinano le tecnologie dei motori a

magneti permanenti con quelle degli azionamenti a velocità

variabile Unidrive M.

Nello specifico, il motore Dyneo, caratterizzato dal design

meccanico robusto, usa gli stessi componenti del motore

asincrono; tuttavia, diversamente da quest’ultimo, il flusso

magnetico del motore Dyneo®non è prodotto dallo statore,

ma è creato direttamente da un insieme di magneti

permanenti inseriti nel rotore. Con un motore asincrono in

AC, la velocità di rotazione del rotore è inferiore rispetto alla

frequenza dello statore. Con il motore Dyneo®, il flusso

magnetico rimane sincronizzato con la frequenza indotta

dallo statore. Le perdite al rotore rappresentano circa un

terzo delle perdite totali in un motore asincrono, mentre le

perdite al rotore del motore Dyneo®sono trascurabili. Alla

velocità nominale, i motori della serie Dyneo®raggiungono

livelli di efficienza equivalenti a IE4 o NEMA Super Premium,

che sono quindi ben oltre quelli dei motori asincroni

ad alta efficienza. Questo divario di efficienza diventa ancora

più evidente quando si opera a velocità inferiori rispetto

ai valori nominali, come nel caso delle applicazioni

a velocità variabile. Il tempo di ritorno dell’investimento è

in genere molto breve rispetto a quello di una soluzione

convenzionale.

La soluzione Dyneo® garantisce una coppia ottimale rispetto

all’intero intervallo di velocità, senza declassamensynchronised

with the frequency induced by

the stator. Rotor losses for the induction motor

represent almost one third of total losses,

whereas the rotor losses for the Dyneo®

motor are negligible. At rated speed, motors

in the Dyneo® range achieve efficiency levels

equivalent to IE4 or NEMA Super Premium,

which are therefore well above high-efficiency

induction motors. This efficiency gap becomes

even more significant when operating at

less than rated speed, which is the case in

variable speed applications. The payback time

compared to a conventional solution is usually

very short.

By maintaining the position of the stator at

90° to the magnetic flux at all times, the

Dyneo® solution guarantees optimal torque

over the whole speed range, with no de-rating

or forced ventilation, and can achieve speeds

of around 5,500 rpm, demonstrably higher

than traditional technologies. This solution is

particularly effective for applications requiring

high torque at high speeds.

Motors in the Dyneo® range are designed to

rotate faster than induction motors, which

allows the motor speed to be adapted to

that of the driven machine, thus eliminating

transmission devices such as gearboxes. l

InMotion

february 2016 l 45


E CONOMIA

ingra

Più ombre che luci per gli

Made in USA

di Andrea Scanavini e

Alessandro Somaschini

SSecondo le previsioni AGMA (American Gear Manufacturing Association) nel

2016 il comparto manifatturiero USA subirà una perdita di competitività e un

rallentamento dell’export, con un impatto negativo sulla domanda di ingranaggi

e organi di trasmissione. Nel settore meccanico, in particolare, nell’anno

appena concluso gli ordini di macchinari hanno subito un calo del 9%, il che fa

prevedere uno scenario non positivo per il 2016.

46 l febbraio 2016 PubliTec


naggi

Durante la “giornata economica” di fine anno organizzata

da AGMA (American Gear Manufacturers

Association) è stata individuata una serie di fattori

di difficoltà esogeni che hanno, e avranno, un impatto rilevante

sul settore, determinando un indebolimento del manifatturiero

in generale, in particolare per quanto riguarda

macchinari e investimenti.

Per il 2016 si prevede infatti una perdita di competitività

del sistema USA e un rallentamento dell’export, con impatto

negativo sulla domanda di ingranaggi.

I fattori esogeni enunciati dai relatori sono principalmente

i seguenti:

3dollaro forte: citato a più riprese come il principale fattore

destabilizzante, con un outlook che prevede ulteriori

rafforzamenti e relative perdite di competitività dei produttori

USA, ma con una probabile inversione di tendenza

a partire dal 2017 (vedi Figura 1);

3diminuzione degli investimenti nei settori Energy e Oil &

Gas: il calo del prezzo del petrolio e del gas naturale ha

avuto, e si prevede avrà, un significativo impatto negativo

sul settore, causandone un ridimensionamento che si

può considerare strutturale in assenza di significativi rialzi

delle quotazioni (vedi Figura 2);

3crescita non brillante dei tradizionali partner economici

ECONOMY

More Shadows than Light

for Made-in-USA Gears

According to the forecasts of AGMA (American Gear Manufacturing Association)

US manufacturing will lose competitiveness and experience a slowing of exports

in 2016 with a specific negative impact on demand for gears and transmission

components. In the mechanical sector in particular, in the year just closed,

machinery orders fell by 9%.

by Andrea Scanavini and Alessandro Somaschini

During the Marketing & Forecasting

Conference organized by AGMA

(American Gear Manufacturers Association)

last October, a series of negative and

InMotion

heterogeneous factors were

identified which will have a

noticeable impact on the sector. US

manufacturing is expected to weaken

l Figura 1. Lo “storico” delle quotazioni del Dollaro USA in Euro.

l Figure 1. The historical record US Dollar quotations in Euro.

february 2016 l 47


E CONOMIA

L’andamento economico generale

degli USA è all’insegna dell’ottimismo

Per quanto riguarda l’economia statunitense, si prevede

una crescita del PIL pari al 2,9% rispetto a un valore di

2,4% del 2015. Ci si attende inoltre una maggiore crescita,

in termini relativi, del settore servizi (finanza, sanità, all

Figura 2.

La diminuzione degli

investimenti nei settori

Energy e Oil & Gas.

l Figure 2.

The reduction in

investment in the

Oil & Gas sector.

esterni, che generano un contributo modesto alla domanda

di beni statunitensi indebolendo ulteriormente

l’export a stelle e strisce: per quanto riguarda la Cina si

registra un rallentamento della crescita del PIL (6,5%), e

il possibile scoppio di bolle di assets (reali e finanziari),

oltre che un ormai ben noto eccesso di capacità produttiva,

mentre in Europa prosegue la traiettoria di bassa

crescita accompagnata da un alto indebitamento complessivo.

tri servizi) rispetto al manufacturing, che oggi fornisce un

contributo (12%) molto più basso del passato al PIL totale

(sicuramente inferiore a quello europeo).

La performance dell’economia americana verrà sostenuta

nel 2016 principalmente dai consumi privati; in particolare

sono attesi risultati positivi dai settori delle costruzioni immobiliari

e dall’automotive soprattutto grazie ai bassi costi

energetici, alla crescita occupazionale, alla crescita dei

redditi individuali e, infine, alla maggiore disponibilità al

credito.

Un altro aspetto importante sarà quello della politica monetaria:

un primo rialzo dei tassi è già avvenuto nel dicembre

2015 cui dovrebbero seguire altri rialzi graduali nel corso

del primo semestre 2016 fino a una previsione del 3%

nel 2018.

Maggiore è il rialzo dei tassi, maggiore sarà l’impatto negativo

sull’economia, anche per via dell’ulteriore apprezzamento

del dollaro, oltre che per una contrazione del credito

disponibile.

Contrazione per il settore meccanico:

in calo gli ordini di macchinari

La produzione industriale è giudicata in stallo pur con una

previsione di crescita del 2,2% nel 2016.

L’indice dei direttori acquisti (PMI: vedi grafico di Figura 3),

un indicatore previsionale molto importante negli USA, è

sceso da 55,1 (dic. 2014) a 48,2 (dic. 2015) e sotto 50

punti significa “contrazione”.

Nel settore meccanico gli ordini di macchinari sono scesi

especially in areas like machinery and

investment.

The US system will experience a loss of

competitiveness, a slowing of exports and a

drop in demand for gears.

The main reasons are the following:

3 The strong Dollar: often cited as the main

destabilizing factor. The forecast is for

further strengthening in the currency and the

consequent further weakening of American

product competitiveness, while the trend

should then invert at the beginning of 2017

(see Fig. 1);

3 A reduction in investment in the Oil & Gas

sector: the drop in price of oil and natural

gas has had, and is expected to continue

having, a heavily negative impact that will

most likely be structural causing a shrinking

of capacity for as long as prices stay low

(see Fig. 2);

3 Weak growth of external trading partners,

meaning demand for American goods will

obviously be weak in turn. China’s growth

is slowing dramatically (GDP +6,5%), with a

possible bubble about to blow in assets (real

and financial), as well as the already well

documented excessive production capacity,

while Europe is experiencing continued low

growth with high levels of debt.

Overall optimism regarding

US economic performance

The growth forecasts for the US economy as

a whole are +2.9% compared to the +2.4%

of 2015. Even greater growth is expected

in service areas (finance, health and other

services) compared to manufacturing, which

today accounts for a much smaller percentage

of overall GDP (12%) compared to its

contribution to European countries’ GDP.

The US economy will be mainly propped up by

consumer consumption in 2016; strong results

are expected in residential construction and

automotive, especially thanks to low energy

costs, employment growth, increased individual

income and greater access to credit.

Monetary policy will also be a key driver: the first

rate rise came about in December 2015 with

further rises expected during the first semester

of 2016 arriving at a forecasted 3% by 2018.

The further rates rise, the greater is the

negative impact on the economy, both as a

result of the strength of the Dollar and the

contraction in credit that rate rise spur.

A shrinking of the mechanical

sector: machinery orders are down

Industrial production is stalling albeit with

growth of 2.2% forecast in 2016.

The Purchasing managers index (SME: see

48 l febbraio 2016

PubliTec


del 9% nel corso del 2015, il che significa un outlook non

positivo per il 2016, come si può evincere dall’analisi dei

vari settori in cui sono coinvolti ingranaggi e organi di trasmissione.

Vediamoli nel dettaglio.

Macchinari industriali (incluso meccanotessile)

È attesa una performance negativa per via dell’apprezzamento

del dollaro e della svalutazione dello yuan cinese

(che favorisce le importazioni dall’Asia).

L’export rispetto a settembre 2014 è, infatti, diminuito del

96%. Si prevede per il 2016 una crescita potenziale del

settore dell’1%.

Macchine movimento terra (incluso truck off-highway)

Contributo positivo dalla ripresa dell’immobiliare (sia residenziale,

che commerciale e governativo), tuttavia la competizione

internazionale è particolarmente forte (Giappone,

Germania, Canada, Svezia). Si prevedono invece performance

molto negative per le applicazioni strettamente

legate all’Oil & Gas, soprattutto per il calo dei relativi investimenti

conseguenti al calo del prezzo del petrolio (con

questi prezzi, un gran numero di progetti non ha più redditività,

compresi soprattutto quelli relativi allo shale-gas).

L’export rispetto all’anno scorso è calato del 18%. Anche

il 2016 si prevede quindi difficile, con una decrescita attesa

del settore del 4%.

Macchine agricole

Nel 2015 ci si attende una diminuzione del reddito complessivo

generato dagli agricoltori del 25% dopo una riduzione

simile nel 2014, con le conseguenti ricadute sugli

investimenti. Rispetto all’anno scorso l’export è calato del

16%. È considerato un altro mercato difficile per i prossimi

anni: dopo il -22% nel 2015 è atteso un altro -10% nel

2016, mentre le macchine per giardinaggio registrano un

andamento opposto.

Oil and Gas Machinery

Come già riportato, il basso livello dei prezzi mette sotto

pressione i margini e gli investimenti del settore. Ci si attende

un innalzamento dei prezzi a partire dal 2017, anche

in allineamento con una politica accomodante dell’O-

PEC. In questo caso, del tutto ipotetico, si potrebbe intravedere

un miglioramento della situazione.

Engine, Transmissions e power equipment

Performance positiva per la crescita delle costruzioni immobiliari;

le applicazioni legate all’Oil & Gas soffrono del

l Figura 3.

L’indice dei direttori

acquisti (PMI) USA.

l Figure 3.

PMI-USA index.

diagram - Fig. 3), a very important forecaster in

the USA, has dropped from 55.1 (Dec. 2014)

to 48.2 (Dec. 2015) with a value below 50

signifying “contraction”.

In the mechanical sector, machinery orders

have dropped 9% during 2015, meaning a

bleak outlook for 2016, as can be confirmed

by analyses of the sectors in which gearing and

transmission components are used. Here are

the details.

Industrial machinery

(including textile machinery)

Negative expectations due to the strength of

the Dollar and the low Chinese Yuan (making

Asian imports more attractive). Compared to

September 2014, exports are, in fact, down

by 96%. For 2016 a potential 1% growth is

forecast.

Earth moving machinery

(including off-highway trucking)

A positive boost has come from the

construction recovery (residential, commercial

and governmental), the competition is, however,

particularly strong (Japan, Germany, Canada

and Sweden). Very negative performance is

expected for Oil & Gas applications, mainly due

to the drop in investment following the fall in

the price of oil (at current prices many projects

are unprofitable, especially those in the

shale-gas sector). Exports have dropped 18%

year on year. 2016 looks like being equally

difficult, with further contraction of around 4%

expected.

Agricultural machinery

2015 is expected to show a 25% drop in

farmers’ income following a similar result in

2014. This will have an inevitable effect on

investment. Exports are down by 16% year on

year. Further difficulties are in the wings over

coming years: after the -22% of 2015 a further

-10% in 2016, gardening machinery is showing

the opposite trend, however.

Oil and Gas Machinery

As we have heard, low prices put pressure on

margins and deflate investment. Price rises

should be arriving starting from 2017, in line

with future OPEC policy. Should this be the

case, and this is currently mere hypothesis, the

overall situation will also improve.

Engine, transmission and power equipment

Good news is coming from the growing

construction sector; applications connected

to Oil & Gas are suffering from the sector’s

difficult time, and improvement can only really

be foreseen as prices finally start to rise again

in the years following 2016. Export is down 3%

on last year and a further contraction of 3% is

probable for 2016.

Automotive

A positive performance here, with sales

InMotion

february 2016 l 49


E CONOMIA

l Figura 4.

I dati consuntivi e

previsionali in miliardi

di USD.

l Figure 4.

Consolidated and

forecast data in USD

billions.

difficile momento di questo settore, per cui si prevede un

miglioramento della situazione con l’ipotizzato aumento

dei prezzi del petrolio solo a partire dagli anni successivi

al 2016. Cala l’export rispetto all’anno scorso del 3%, ci si

aspetta inoltre una contrazione del settore del 3% per il

2016.

Automotive

Performance positiva, numeri rivisti al rialzo (oltre 17,8 milioni

di veicoli venduti previsti per il 2016 rispetto ai 17,4

milioni del 2015). Domanda sia di sostituzione che di crescita

dovuta alla disponibilità di credito dei consumatori,

alla produzione di veicoli più efficienti nei consumi, oltre

che a un maggior reddito disponibile per il basso costo

dell’energia. L’automotive è considerato uno dei migliori

mercati per il 2016 con ulteriori possibilità di crescita fino

a 18,2 milioni di veicoli nel 2018, per poi ridiscendere a

17 milioni nel 2019.

Truck

Per quanto riguarda il settore Truck classi 4-8, si prevede

per il 2016 una crescita rispetto al 2015, ma con un mix

molto diverso in cui la classe 8 (heavy duty) subirà una

contrazione valutabile fra il 15% e il 20%, a causa di un calo

improvviso degli ordinativi nell’ultimo autunno e di un

contemporaneo aumento delle scorte dopo un’annata che

ha toccato un nuovo massimo dopo quello record del

2006.

Aerospace

Outlook positivo sia per il settore civile che per quello militare,

ci si attende un +3% nel 2016 per il settore nel suo

complesso. È considerato un buon mercato per il 2016 e

anche per gli anni a seguire grazie a un elevato portafoglio

ordini attuale: per il settore commerciale ciò è legato soprattutto

alla sostituzione di vecchi aerei con quelli moderni

a più elevata efficienza.

volumes increasing (forecasts say over 17.8

million vehicles sold in 2016 compared

to 17.4 million in 2015). Demand is for

substitution and growth is due to greater

levels of consumer credit, the production of

fuel efficient vehicles and higher levels of

disposable income thanks to reduced energy

bills. Automotive is considered one of the most

vivacious markets in 2016 with further growth

up to 18.2 million vehicles in 2018, to then

fall back to 17 million in 2019.

Truck

The Truck class 4-8 sector foresees growth

in 2016 on 2015’s numbers, but with a very

different mix of vehicles. Class 8 (heavy duty)

will contract by up to 15% or even 20%,

following a drop in orders over the last Autumn

and an increase in supply after record sales

during this year which beat even those of the

previous record in 2006.

Aerospace

The outlook is positive for both civil and military

with a growth of 3% in 2016 for the sector

as a whole. The market is buoyant for 2016

and for the years to come thanks to a high

number of current orders yet to be delivered:

for the commercial sector, this is thanks to the

substitution of older planes with more efficient

modern models.

Not an easy year

for gearing demand

As above, 2015 will have experienced

another drop in overall gearing demand:

2016 will again be a difficult year, especially

in consideration of competition coming

from abroad (Europe, China) along with the

favourable exchange rate.

The table in figure 4 shows consolidated and

forecast data in USD billions.

Forecast to 2018 per application sector

(excluding on-highway), are shown in the table

in Figure 5, with percentages concerning

demand for each sector also shown.

Excess supply should keep

the price of steel down

The market is favourable to consumers, with

supply in excess meaning prices staying low,

even if there should be a small increase in cost

over 2016. The down side of this situation is

increasingly competitive Chinese gearing which

still enjoys a structural excess of cheap raw

material supply. l

(Andrea Scanavini is Head of Business Development

at Somaschini S.p.A and CEO of Somaschini North

America. Alessandro Somaschini is Executive Vice

President of Somaschini North America).

50 l febbraio 2016

PubliTec


Un anno non facile anche

per la domanda di ingranaggi

Per quanto sopra, si prevede per il 2015 un nuovo calo della

domanda complessiva di ingranaggi: anche il 2016 si

preannuncia come un anno difficile, soprattutto in considerazione

della concorrenza dei prodotti che arrivano da oltreoceano

(Europa, Cina) supportata da un tasso di cambio

favorevole.

La tabella di Figura 4 riporta i dati consuntivi e previsionali

in miliardi di USD.

Per quanto riguarda i settori di applicazione (escluso on-high-way),

le previsioni fino al 2018 sono indicate nella tabella

di Figura 5, ove sono riportate anche le percentuali

della domanda di ciascun settore.

L’eccesso di offerta dovrebbe

contenere il prezzo dell’acciaio

Il mercato viene descritto sostanzialmente a favore del

consumatore, con il permanere di un eccesso di offerta

che dovrebbe consentire il mantenimento di un livello di

prezzi contenuto, anche qualora vi sia un piccolo incremento

dei valori nel 2016. Il lato negativo di questa dinamica

è da ricercarsi nell’incremento di competitività dell’ingranaggeria

cinese, che potrà contare su un eccesso strutturale

di offerta di materia prima a buon mercato. l

(Andrea Scanavini è Head of Business Development presso Somachini

S.p.A e CEO di Somaschini North America. Alessandro Somaschini è Executive

Vice President di Somaschini North America).

l Figura 5.

Le previsioni fino al

2018 per settore di

applicazione.

l Figure 5.

Forecast to 2018 per

application sector.

»

NUOVE FUNZIONALITÀ!

Analisi Termica dei Riduttori

● Calcolo dell’efficienza secondo la ISO/TR 14179

Influenza della micro geometria, mediante l’analisi

del contatto

● Determinazione delle perdite di potenza per ogni

singolo elemento di macchine

● Dimensionamento della potenza di raffreddamento

Ing. Ivan Saltini

Tel: +39 335 34 14 36

saltini_kisssoft@hotmail.it

KISSsoft AG

www.KISSsoft.AG

● Elenco della dissipazione del calore, temperatura

dell’olio e tanti altri parametri

● E molto altro ...

Richiedete oggi stesso una versione gratuita di prova:

www.KISSsoft.AG


P RODOTTI

products

news

Nuovo e completo strumento CAD

R+W presenta un rinnovato configuratore per generare disegni CAD dei propri

prodotti. Completamente gratuito e già disponibile on line, lo strumento consente

di visualizzare i giunti di precisione e di trasmissione in ogni dettaglio.

Permette all’utente di scegliere fra diversi formati disponibili e di generare automaticamente

disegni dei giunti di proprio interesse in 2D o 3D. Schede tecniche e modelli

3D in diversi formati possono essere autoconfigurati con il software utente e

sono scaricabili dalla sezione dedicata del sito, cad.rw-kupplungen.de.

Lo strumento, con interfaccia anche in italiano, è semplice da utilizzare. In primo luogo

occorre selezionare il gruppo di prodotti fra i sei proposti (limitatori di coppia - SK;

giunti a soffietto metallico - BK; giunti con allunga - ZA; giunti a soffietto in miniatura

- MK; giunti a elastomero - EK; giunti lamellari -

LP). Tramite menu a tendina si potrà affinare la

ricerca e identificare il giunto richiesto fra quelli

proposti dal sistema oppure, conoscendo il codice,

trovarlo direttamente usando il motore di

ricerca interno allo strumento). A questo punto

sarà possibile selezionare il formato CAD richiesto

(2D o 3D) e creare il modello CAD desiderato,

salvandolo nel proprio computer, oppure importare

direttamente il modello nel sistema

CAD in uso. La gamma completa di funzionalità offerte da questo strumento permette

a ingegneri e progettisti di ottenere informazioni e dati importanti in modo semplice

e veloce e costituisce quindi un valido supporto nel lavoro quotidiano.

A new and complete CAD tool

R+W offers an improved version of its CAD generator. Totally

free of charge and readily available on line, this tool enables a

fully detailed view of the company’s precision couplings.

The CAD tool allows users to choose among different formats,

automatically generating drawings of the desired coupling in

2D or 3D. Technical data sheets and 3D models in different

formats may be configured with the user’s software and

downloaded from the specific section of the website created

purposely by R+W (cad.rw-kupplungen.de).

This tool has an interface available in various languages,

including Italian, and is very easy to use. To begin with, users

can select the group of products among six options (safety

couplings - SK; metal bellows couplings - BK; line shafts - ZA;

miniature bellows couplings - MK; elastomer couplings - EK;

disc pack couplings - LP). A drop-down menu allows a more

refined search among the couplings suggested by the

system (alternatively if the product code is known, it

may be used to find the coupling directly using the

search engine provided).

The CAD format requested may then be selected (2D

or 3D) and the desired CAD model may be created and

saved on the users’ computers. The model may also be

imported directly into the CAD system being used.

The complete range of functions provided by this tool

allows designers and engineers to obtain information

and relevant data fast and easily, thereby providing a valid

support in daily activities.

Ingranaggi di grandi dimensioni

Ct Meca propone una nuova gamma di ingranaggi dritti di grandi dimensioni

fino al modulo 8 in acciaio 20NCD2 con possibilità di trattamenti termici

e modifiche di dimensioni e materiale. L'azienda porpone inoltre una

serie economica in acciaio C45 fino al modulo 6 modificabile a cura del

cliente.

Accanto agli ingranaggi di grandi dimensioni la gamma CT MECA comprende:

Ingranaggi a dentatura dritta o ingranaggi elicoidali da modulo 0.25 a modulo

6; Ø max 600 mm

Ingranaggi interni da modulo 0.25 a modulo 4; Ø max 300 mm

• Ruote per vite senza fine da modulo 0.4 a modulo 4; Ø max 140 mm

Ingranaggi conici da modulo 0.8 a modulo 6; Ø max 300 mm

•PuleggepassoTeATda2.5mma20mmeHTDda3mma14mm;Ø

max 400 mm

• Pignoni a catena passo 4 mm a 19.05 mm; Ø max 400 mm

• Cremagliere da modulo 0.25 a modulo 8 per una lunghezza max 3.000 mm

Gli ingranaggi possono essere realizzati in Delrin, Nylon, Celeron, alluminio,

bronzo, ghisa, ottone, acciaio 20NCD2, 60C40, 35NCD6, 30CD12 per nitrurazione,

acciaio inossidabile 303, 316L e 304L.

Diverse le lavorazioni possibili: realizzazione di modifiche dei nostri standard

(alesaggio, sede chiavetta, foro coppiglia, foro maschiato) o realizzazioni su

misura a partire da disegno.

Large gears

Ct Meca offers a new range of large gears up to

steel 20NCD2 module 8 with possible thermal

treatments as well as modifications of size and

materials. The company also offers a low-cost steel

C45 series up to module 6, which can be modified

by the customer. In addition to large gears, the Ct Meca range includes:

• Straight or helical gears from module 0.25 to module 6; Ø max 600 mm

Internal gears from module 0.25 to module 4; Ø max 300 mm

• Worm gears from module 0.4 to module 4; Ø max 140 mm

• Bevel gears from module 0.8 to module 6; Ø max 300 mm

• T and AT pulleys from 2.5 mm to 20 mm and HTD pulleys from 3 mm to 14

mm; Ø max 400 mm

• Chain pinions from 4 mm to 19.05 mm; Ø max 400 mm

• Racks from module 0.25 to module 8 for a maximum length of 3,000 mm.

The gears can be made of Delrin, Nylon, Celeron, aluminium, bronze, cast

iron, brass, steel 20NCD2, 60C40, 35NCD6, 30CD12 for nitriding, stainless

steel 303, 316L, and 304L. Several machining operations are available:

modifications to standards (bore, keyway, pinhole, tapped hole) or designbased

custom-cut products.

52 l febbraio 2016 PubliTec


Selettore a 4 posizioni

Il selettore a 4 posizioni della linea EROUND di Pizzato

Elettrica, abbinato con le due unità di contatto

doppie dedicate, consente di chiudere un singolo

contatto in ognuna delle 4 posizioni di scatto. La

corsa angolare di scatto della leva rimane la medesima

per le versioni a 2, 3 e 4 posizioni, agevolando

così la manovra del dispositivo. Disponibile

nelle varianti a 3 posizioni stabili più 1 impulso e a

4 posizioni stabili, i selettori a 4 posizioni possono

essere acquistati nelle versioni standard o luminose.

Quest’ultima versione rappresenta una novità

nel mercato e amplia le possibilità di applicazione

del prodotto. I selettori possono essere forniti

con azionatori di forma diversa: a manopola, a leva

corta oppure a leva lunga. Sono inoltre dotati

di grado di protezione IP67 e IP69K, garantendo

così la massima protezione anche in situazioni

ambientali gravose. I selettori a 4 posizioni della

linea EROUND possono essere abbinati solamente

alle unità di contatto in dotazione.

4 positions selector

The 4 positions selector of the EROUND

line from Pizzato Elettrica, combined with

the dedicated double contact blocks, allows

users to close a single contact in each of

the four positions. The angular rotation of

the lever remains the same for versions

with 2, 3 and 4 positions, thus facilitating

the handling of the device.

Available with 3 stay-put positions and one

spring-return or 4 stay-put positions, it is also

possible to purchase the standard or the

illuminated version of the selector.

This latest version represents an innovation

in the market, increasing the range of

application of the product.

The selectors can be supplied with

actuators of different shape: a knob, short

handle or long handle.

Furthermore, they all have protection

degree IP67 and IP69K, this way

guaranteeing maximum protection also

in hard environmental conditions. The 4

positions selectors can be combined only

with the contact blocks provided.

Coppie ruote/vite senza fine

Trevi by Sir ha presentato la sua nuova serie di

coppie ruote/vite: una gamma completa di ruote

per molteplici possibilità di impiego.

Grazie all’esperienza maturata in decenni di progettazione,

l’azienda lombarda è in grado di realizzare

prodotti che soddisfino l’esigenza di produttori sia

nazionali che esteri, trovando applicazione in praticamente

tutti i settori di produzione di macchinari.

Trevi by Sir ha nella vastità della gamma il punto di

forza della produzione. Le coppie sono già pronte

per la vendita con caratteristiche testate e adatte a

soddisfare clienti che hanno bisogno di qualità, affidabilità

e velocità nelle consegne. L’ultima produzione

di coppia ruota/vite senza fine con albero interasse

30-40 è realizzata con una configurazione

standard con ruota in bronzo, trattamento termico

di induzione e tempra sul profilo della vite che viene

poi rettificato, mentre per quanto riguarda gli alberi,

l’utilizzatore finale è libero di tornirli secondo

le proprie esigenze perché, non essendo stati sottoposti

a trattamento termico, sono facilmente lavorabili.

Sia sulla vite senza fine che sulla ruota, è

notevole la possibilità di personalizzazione, scegliendo

tra differenti leghe di bronzo, il bronzo alluminio,

il Delrin o altri materiali sintetici.

Worm-wheel gears

Trevi by Sir introduced its new series of worm-wheel gears: a complete

range of wheels for manifold applications. Thanks to the experience gained

in decades of design, the Lombard company is capable to manufacture

products that meet the need of Italian or foreign producers and can be

used in nearly all the machinery production sectors. The strong point of

Trevi by Sir production lies in the company’s broad range. The worm-wheel

gears can be already sold with proven features, also capable to meet

the requirements of customers in search of quality, reliability and quick

deliveries. The last production of worm-wheel gears with 30-40 inter-axle

shafts is manufactured with a standard bronze wheel configuration,

induction hardening heat treatment on the thread grinding of worms.

As for the shafts, the end user can easily turn them according to its

requirements: as these were not subjected to any thermal treatment, they

are quite easy to process. Either the worms or the wheels have a high

degree of customization. It is possible to choose between several bronze

alloys, aluminium bronze, Delrin and more synthetic materials.

InMotion february 2016 l 53


P RODOTTI

products

news

Viti a sfere conformi alle norme DIN

NSK ha sviluppato una nuova serie di viti a sfere standard

pienamente conformi alle norme DIN internazionali.

La gamma di viti a sfere sarà disponibile a magazzino

a partire da febbraio 2016, minimizzando i tempi di consegna per

molti clienti OEM. Progettate in funzione di compattezza e compatibilità

dimensionale, le dimensioni della chiocciola della nuova gamma

sono prodotte in conformità alla norma DIN69051-5. Le applicazioni

potenziali di queste viti a sfere sono molto ampie e comprendono

macchine utensili, apparecchiature di produzione automotive e apparecchiature

di produzione nel campo dei semiconduttori.

Complessivamente, NSK offrirà 11 modelli e 33 tipi differenti di viti

a sfere a norme DIN disponibili a magazzino, con diametri dell’albero

compresi fra 20 e 50 mm, passi compresi tra 5 e 20 mm e lunghezze

totali comprese fra 700 e 2800 mm. Rispetto alle specifiche,

le viti a sfere a norme DIN di NSK offrono un valore DN massimo

di 150.000 e 160.000, una classe di precisione JIS Cp5

(migliore della ISO P5), un tipo a precarico P (oversize ball) e metodi

di ricircolo con deflettore di estremità o deflettore a ponte.

DIN standard ball screws

NSK has developed a new series of standard

ball screws fully conform to the DIN international

standard. This range of ball screws will be available from stock from February

2016, thus minimising lead-times for many OEM customers.

Designed for compactness and dimensional compatibility, the ball nut

dimensions of the new range are manufactured in accordance with

DIN69051-5. Potential applications for these ball screws are wide ranging

and include applications such as machine tools, automotive manufacturing

equipment and semiconductor manufacturing equipment.

In total, NSK will offer 11 different models and 33 types of DIN standard ball

screws from stock, having shaft diameters ranging from 20 to 50 mm, leads

from 5 to 20 mm and total lengths ranging from 700 up to 2800 mm. With

regard to specification, NSK DIN standard ball screws offer a DN maximum

value of 150,000 and 160,000, a precision class of JIS Cp5 (better than ISO

P5), P (oversize ball) preload type, and either end deflector type or bridge

deflector type circulation methods.

Tecnologia di azionamento per la produzione

automatizzata nell’era IIoT

I progetti di macchine e impianti che si basano su Industrie 4.0 e sull’analogo concetto

dell’Industrial Internet of Things richiedono una tecnologia di azionamento intelligente

con elevata flessibilità e funzionalità. Gli azionamenti devono integrarsi

senza soluzione di continuità nelle reti di comunicazione, assicurare un’efficiente

elaborazione dei dati e supportare concetti di controllo modulare e decentralizzato.

Con l’etichetta “NORD 4.0 READY”, Nord Drivesystems offre sistemi di azionamento

elettrico scalabili e software per coprire la gamma completa delle applicazioni,

dai semplici attuatori ai sistemi complessi in rete.

Sono disponibili controllori di azionamento distribuiti versatili, a bassa manutenzione,

fino a 22 kW per motori sincroni e a induzione, che coprono una grande percentuale

delle applicazioni industriali. Dotati di potenti processori e di un PLC a bordo, gli inverter

possono gestire processi di controllo complessi, rispondere autonomamente alle

condizioni di processo e anche risolvere i malfunzionamenti. Il PLC dell’inverter elabora

i dati dai sensori e attuatori collegati e fornisce dati di elevata qualità relativi all’azionamento

e all’applicazione alla sala controllo e ad altri nodi della rete. Per alcuni

compiti, le unità di azionamento possono formare gruppi, per esempio per sincronizzare

velocità o posizioni. Set di parametri

predefiniti per centinaia di funzioni

normalmente richieste, inclusi i

moduli di motion control PLCopen, facilitano

lo sviluppo delle applicazioni.

Fornitore di una gamma completa di

sistemi di azionamento, NORD produce

sia inverter che motori e riduttori.

Drive technology for automated production

in the age of IIoT

Machine and plant designs that live up to the German “Industrie

4.0” framework and the similar concept of the “Industrial

Internet of Things” require smart drive technology with high

flexibility and functionality. The drives must be seamlessly

integrated into communication networks, ensure efficient data

processing, and support modular, decentralized control concepts.

Launching the label “NORD 4.0 READY”, Nord Drivesystems

provides scalable electrical drive systems and software to cover

the full spectrum of tasks, from simple actuators to complex

networked systems. Low-maintenance, versatile distributed drive

controllers ranging up to 22 kW are available for synchronous

and induction motors, covering a large percentage of industrial

applications. Featuring powerful processors plus an onboard

PLC, the frequency inverters can handle complex control

processes, autonomously respond to process conditions and

even resolve malfunctions. The inverter PLC processes data

from connected sensors and actuators and supplies high-quality

drive and application-related data to the control room and other

network nodes. Drive units can form groups for certain tasks,

for instance to synchronize speed or positions. Pre-defined

parameter sets for hundreds of commonly required functions

including the PLCopen motion control modules facilitate

application development. As a full-scale drive systems provider,

NORD manufactures inverters as well as motors and gear units.

54 l febbraio 2016 PubliTec


Viti a ricircolo di sfere dalle

alte prestazioni

La società A. Mannesmann produce viti

a ricircolo di sfere, mandrini portapunta,

mandrini portafresa, fusi portamola,

gruppi mandrino completi, cannotti, alberi

motore, alberi scanalati, mandrini filettati,

viti elicoidali, avvolgitori, alberi

portacoltello, aste per stantuffi, alberi

per compressori e molti altro ancora.

In particolare, le viti a ricircolo di sfere AM dalle alte prestazioni raggiungono una

velocità di 150 m/min nel corso della traslazione rapida, accelerazioni fino a 20

m/s² e valori caratteristici del numero di giri (n x d) superiori a 200.000.

Grazie alla struttura costruttiva, alla selezione dei migliori materiali in circolazione

e all’estrema precisione produttiva, queste viti raggiungono massime rigidità assiali

e massime precisioni di avanzamento in presenza di momenti torcenti di corsa a

vuoto estremamente ridotti e di basse temperature d’esercizio.

Le superfici di madreviti e mandrini, dalla durezza e precisione di lavorazione elevate,

consentono di ottenere un’elevata resistenza all’usura, garantendo una lunga

vita utile e un esercizio privo di disfunzioni per molti anni.

High performance ball screws

Mannesmann manufactures ball screws, boring and milling

spindles, grinding spindles as well complete spindle assemblies,

quills, drive shafts, spline shafts, threaded spinale, reel axles,

cutting rollers, piston rods, compressor shafts and much more.

AM high performance ball screws, in particular, achieve speeds

up to 150 m/min, accelerations of 20 m/s 2 and characteristic

values (n x d) of more than 200,000.

Thanks to the design, the best possible selection of materials and

the extremely high production precision, AM high performance

ball screws achieve maximum axial stiffness and position

accuracy at lowest torque and minimum operation temperatures.

The very hard and high-precision ground surfaces of the nut and

spindle result in a very strong resistance to wear and guarantee

long years of trouble free operation.


P RODOTTI

products

news

Valvola per il controllo di pressione

ASCO Numatics, azienda appartenente al Gruppo Emerson, lancia la

valvola proporzionale “Low Power” per un controllo di pressione

semplice ed efficiente.

Con un assorbimento elettrico minore di 4 Watt, Sentronic LP è una

soluzione efficiente sul piano energetico per un’ampia gamma di applicazioni

in vari settori, tra cui food & beverage, packaging, imbottigliamento,

prove di tenuta e produzione nel settore automotive.

Il nuovo prodotto presenta un ingombro modulare e compatto ed è

molto facile da predisporre, configurandosi come logica alternativa

alle valvole di controllo più complesse

attualmente sul mercato.

Anche l’isteresi è bassa, inferiore al

2%. Parallelamente sono mantenuti

eccellenti livelli di linearità e ripetibilità.

È possibile installare fino a 10 valvole

su una singola piastra di montaggio

a flangia (opzionale), tutte con

la stessa pressione di alimentazione.

Il prodotto offre anche avanzate capacità

grazie al software DAS intelligente

e alla possibilità di controllare i parametri,

proteggendoli con password

da parte dell’utente.

Prodotti per la sicurezza delle macchine

Pensando alla sicurezza e alla protezione degli operatori sul luogo di lavoro,

Aventics fornisce ai costruttori di macchine, oltre a soluzioni pneumatiche efficienti,

performanti e sicure, la propria consulenza ed esperienza nel settore, corredate

da un ampio servizio di assistenza durante la progettazione.

Aventics supporta il cliente offrendo i prodotti più adatti alle specifiche esigenze, come

il sistema di valvole AV03 e AV05 con sistema di comando seriale AES. La connettività

dei nuovi bus di campo AES assicura la perfetta comunicazione tra gli attuatori,

le periferiche della macchina e i controlli attraverso i protocolli fieldbus più

comuni. L’isolamento galvanico dell’elettronica permette, inoltre, di separare l’alimentazione

elettrica tra la parte di comando e la parte di logica, rispondendo così

a uno dei requisiti di sicurezza richiesti dall’European Machine Directive.

Infine, Aventics mette a disposizione dei propri interlocutori il software SISTEMA,

uno strumento che fornisce assistenza nella valutazione della sicurezza dei comandi

nell’ambito della norma ISO 13849-1. Il software simula la struttura delle parti di

un sistema di comando legate alla sicurezza sulla base delle cosiddette “architetture

previste” e calcola i valori di affidabilità su diversi livelli di dettaglio, includendo il

Performance Level raggiungibile.

Pressure control valve

ASCO Numatics, a company belonging to the Emerson

Group, launched the “Low Power” (LP) for a simple and

efficient pressure control.

With a low power consumption (less than 4 Watt), Sentronic

LP is an energy-efficient solution for a broad range of

applications in several fields, including food & beverage,

packaging, bottling, sealing and production tests in the

automotive sector.

The new product is modular and compact, also easy to set

up. It is an alternative option to the most complex valves

available on the market.

Also the product hysteresis is quite low (lower than 2%). At

the same time, excellent levels of linearity and repeatability

are ensured. It is possible to install up to 10 valves on a

single flange mounting plate (optional), all with the same

feeding pressure.

The product also offers advanced capacities, thanks to

the DAS smart software and the possibility to control the

parameters, thus allowing the user to protect them with a

password.

Products for machine safety

Giving top priority to workers safety and protection, Aventics provides

machine builders its expertise in the sector accompanied by a large

service during design, as well as efficient and safe pneumatic solutions.

Aventics supports customers by offering the most suitable products for

specific needs, such as the AV03 and AV05 System Series with AES. The

connectivity of the new fieldbus AES ensures perfect communication

between the actuators, the machine devices and controls through the

most common fieldbus protocols. The galvanic isolation of the electronics

allows users to separate the power supply between the control part and

the logic part, thus responding to one of the security requirements of the

European Machine Directive.

Finally, Aventics also provides for its partners the SISTEMA software, a tool

that gives assistance in the evaluation of the safety controls according to

the rule ISO 13849-1. The software simulates the control system structure

relating to security on the basis of so-called “designated architectures”

and calculates the reliability at different levels of detail, including the

performance level reached.

56 l febbraio 2016 PubliTec


Controllori per la Connected Enterprise

Rockwell Automation ha ampliato la famiglia di controllori

Allen-Bradley ControlLogix per migliorare la velocità di prestazione

del sistema e supportare l’uso crescente di dispositivi

intelligenti nelle attività produttive e industriali. Il nuovo

ControlLogix 5580 offre fino al 45 per cento in più di capacità

applicative e include una porta Ethernet integrata da

1-gigabit a supporto di comunicazioni a elevate prestazioni,

I/O e applicazioni di movimento fino a 256 assi. Inoltre, il

controllore ControlLogix 5580 facilita il processo di selezione del prodotto

poiché gli utenti possono ora scegliere il modello appropriato in funzione

del numero totale di nodi Ethernet richiesti.

Un unico controllore ControlLogix 5580 può supportare fino a 300 nodi Ethernet,

offrendo una maggiore sicurezza come parte integrante di un approccio

globale a tutela di strutture, beni e proprietà intellettuale e integrando tecnologie

di sicurezza e funzionalità software avanzate, come ad esempio, firmware

criptato e a firma digitale, rilevamento del cambio e registrazione di controllo.

Come per gli altri controllori Logix, anche nel caso di ControlLogix 5580 i tecnici

possono utilizzare il software di progettazione Rockwell Software Studio

5000 design software per configurare il controllore e sviluppare tutti gli elementi

del proprio sistema di controllo. I dati, una volta definiti, possono essere

facilmente accessibili e riutilizzabili in tutto l’ambiente di Studio 5000 accelerando

così lo sviluppo del sistema e la messa in servizio.

Controllers for the Connected Enterprise

Rockwell Automation has expanded its Allen-Bradley ControlLogix

family of controllers to enable faster system performance and

support the growing use of smart devices in manufacturing

and industrial operations. The new ControlLogix 5580 controller

provides up to 45 percent more application capacity and

includes an embedded 1-gigabit Ethernet port to support highperformance

communications, I/O and applications with up to

256 axes of motion. In addition, the product selection process is easier

with the ControlLogix 5580 controller because users can now select the

appropriate model using the total number of Ethernet nodes required. A

single ControlLogix 5580 controller can support up to 300 Ethernet nodes.

The controller also supports enhanced security as part of a defense-indepth

approach to help protect facilities, assets and intellectual property.

The controller incorporates advanced security technologies and software

features, such as digitally signed and encrypted firmware, change detection

and audit logging. As with other Logix controllers, engineers can use the

Rockwell Software Studio 5000 design software to configure the ControlLogix

5580 controller and develop all elements of their control system. Once

data are defined, they can be easily accessed and re-used across the entire

Studio 5000 environment to speed system development and commissioning.


S OLUZIONI

cuscinetti

macchine

Soddisfare le esigenze delle

VVelocità, precisione, durata e sostenibilità ambientale: sono questi i pilastri della

proposta SKF alla scorsa EMO di Milano. La multinazionale svedese si è presentata in

fiera con un approccio integrato: piattaforme di componenti interfacciati che integrano

anche il sistema di lubrificazione, le tenute e così via. Le novità di spicco sono state le

ultime serie di cuscinetti a rulli cilindrici di super precisione a una e due corone.

di Silvia Crespi

58 l febbraio 2016 PubliTec


utensili

con la velocità e la sostenibilità

Il comparto delle macchine utensili, ad alta tecnologia,

sta facendo registrare ottime performance. Le

prospettive sono rosee; si prevede una crescita sostenuta,

a livello mondiale, nei prossimi anni. L’Italia è in

prima linea, grazie alla flessibilità e alla capacità di customizzazione

dei nostri costruttori.

Anche per SKF è attesa una crescita in questo comparto,

dove la multinazionale svedese è presente con la propria

gamma di cuscinetti di precisione e soluzioni integrate. Ad

affermarlo, in occasione della EMO di Milano, è Ezio Miglietta,

nominato Amministratore Delegato di SKF Italia nel

mese di maggio.

l I cuscinetti a rulli cilindrici Super-precision di SKF a una e due corone (sezione).

l One and double row Super-precision bearings from SKF (section view).

FOCUS ON - bearings

Meeting Machine Tool Industry’s Demands

with Speed and Sustainability

Higher speed, accuracy, longer life and sustainability are the highlights of SKF presence at EMO

Milan, last October. The Swedish company presented its integrated approach to the machine tool

industry: platforms of interfaced components including lubrications systems, seals and so on.

The new one or double row Super Precision roller bearings were among the highlights.

by Silvia Crespi

The high-technology machine tool sector

is performing very well. A considerable

growth is expected in the coming years at world

level. Italy is in the front row in this scenario,

thanks to the flexibility and customization

skills of Italian manufacturers. Growth in the

machine tool segment is expected for SKF too.

The Swedish company offers several ranges

of super-precision bearings and integrated

solutions, as stated by Ezio Miglietta, SKF Italy

CEO since last May, at EMO in Milan.

Approaching the machine tool

sector with all-in-one platforms

The machine tool segment poses major

challenges. These include speed, connectivity,

energy efficiency as well as the development

of lighter and more performing materials,

offering an important contribution.

Being a great user of machine tools, SKF is

perfectly aware of these challenges. With a

worldwide presence, dedicated manufacturing

plants and highly skilled human resources,

SKF approaches the market with all-in-one

platforms integrating transmission components,

lubrication system, seals and so on. Davide

Giordana, Global Machine Tool Segment

Manager at SKF, presented these solutions to

the trade press at EMO Milan.

Single and double row Superprecision

roller bearings

Among the novelties on show, the new Superprecision

single row cylindrical roller bearing

series represents the optimal solution for

applications like milling machines, high speed

machining centres and lathe electro-spindles.

The single row cylindrical roller bearings series

is equipped with an outer ring centered cage,

window-type, made of carbon fibre reinforced

InMotion february 2016 l 59


S OLUZIONI

cuscinetti

l I nuovi cuscinetti,

presentati in anteprima

alla EMO, sono la scelta

ottimale per gli OEM

che richiedono oltre

all’alta velocità, una

capacità di carico più

elevata.

l The new bearings,

launched at EMO, are

the best choice for

users requiring high

speed and a higher

load capacity.

L’approccio all’industria delle MU

con piattaforme di componenti integrati

Il settore delle macchine utensili pone sfide importanti. In

primo piano vi sono sicuramente la velocità, la connettività

e il risparmio energetico, ottenuto anche con lo sviluppo di

materiali più leggeri e performanti.

Grande utilizzatore di macchine utensili, SKF è ben consapevole

delle sfide da affrontare. Tra queste, oltre a quelle

già citate, vi è sicuramente quella della connettività.

Con una presenza capillare in termini geografici, stabilimenti

dedicati e personale specializzato, SKF si pone sul

mercato come fornitore di piattaforme di componenti che

integrano anche il sistema di lubrificazione, le tenute e

così via. Davide Giordana, Global Machine Tool Segment

Manager di SKF, le ha illustrate alla stampa di settore in

occasione della EMO di Milano.

Cuscinetti a rulli cilindrici

di precisione a una e due corone

La novità principale è rappresentata dai cuscinetti a rulli

cilindrici Super Precision a una corona, particolarmente

idonei per impiego su fresatrici e centri di lavorazione ad

alta velocità, ed elettromandrini per torni. Questi cuscinetti,

presentati in anteprima proprio in EMO, sono la scelta

ottimale per gli OEM che richiedono, oltre all’alta velocità,

una capacità di carico più elevata. Presentano una gabbia

realizzata in PEEK rinforzato con fibra di carbonio. Il ridotto

numero di rulli, abbinato alla gabbia ottimizzata, consente

al cuscinetto di raggiungere velocità elevate, con temperature

di esercizio e attrito ridotti. La gamma è adatta per alberi

con diametro compreso tra 40 e 80 mm.

Nuovi sono anche i cuscinetti a rulli cilindrici Super-precision,

a due corone, idonei per le tradizionali applicazioni a

polyetheretherketone (PEEK).

A lower number of rollers, together with

the optimized cage, enable bearings to

accommodate higher speed, attain lower

operating temperature and lower friction.

The range is suited for use where shaft

diameters range from 40 to 80 mm.

The new double row Super-precision cylindrical

roller bearings series is another new entry.

These bearings provide a unique balance

between load carrying capacity, rigidity and

speed. This series allows higher speed

capability in conventional high stiffness

belt-driven CNC lathe spindle. It features

three integral flanges on the inner ring and

no flanges on the outer ring. In addition,

bearings feature an optimized internal

geometry and a new glass fibre reinforced,

prong-type, roller centered PEEK cage, which

enables the bearings to accommodate higher

speeds and minimize the amount of frictional

heat generated. The range is ideal for shaft

diameters from 25 to 130 mm.

Speed and sustainability

were other key factors at EMO

For machine tools, spindles speed and

lubrication are key factors.

High running accuracy at extremely high

speeds can be obtained with the latest range

of cost-effective Super-precision angular

contact ball bearings in the S70..W series,

featuring high-speed together with silent

running and lower vibration levels.

The typical applications are medium-high

volume machines such as woodworking

machines, transfer machines, small machining

centres and tool grinding machines.

SKF solutions for swivelling tables that

combine a full range of SKF competencies

were also on show at EMO Milan: SKF

Super-precision axial-radial cylindrical roller

bearings NRT series for high accuracy, high

loads and reduced noise levels, together with

advanced sealing solutions in order to prevent

contamination.

Visitors were also offered the possibility to

see lubrication systems such as the

SKF Compact Greaser ETP, which

automatically supplies lubricant to up to

five lube points.

We remind that sustainability is the key factor

of SKF BeyondZero portfolio, comprising only

environmentally friendly products.

Just as examples, we mention the SKF

LubriLean Minimal Quantity Lubrication

(MQL) System, which significantly reduces oil

consumption and CO 2

emissions while

increasing productivity and enabling energy

savings to be made, and SKF Super-precision

hybrid bearings for extended service life.

In addition, SKF displayed a selection of its

solutions for effectively managing assets

throughout their lifecycle. Among these was

the SKF Microlog Analyzer GX CMXA 75 with

spindle assessment kit for faster and more

comprehensive data collection and a variety

of sealing solutions that provide outstanding

chemical and hydrolysis resistance and high

wear and abrasion resistance. l

60 l febbraio 2016

PubliTec


Un “Osservatore speciale” per le macchine utensili

L’SKF Machine Tool Observer MTx e un sistema autonomo di registrazione dati e

rilevamento guasti, destinato in modo particolare alla sorveglianza delle macchine

utensili e dei relativi mandrini. Il sistema può essere facilmente integrato sia

nelle macchine di nuova costruzione, sia in quelle già in uso.

Le misurazioni sulle macchine utensili sono ottenute tramite un’ampia gamma

di sensori, acquisendo dati di vibrazione, velocità, temperatura e umidità, di movimenti

radio-assiali dell’albero e di continuità del flusso d’olio nei sistemi di

lubrificazione. Se i valori rilevati superano i limiti impostati, il sistema di controllo

della macchina, e quindi l’utilizzatore, ricevono un segnale d’allarme. Il

momento in cui si verifica il superamento dei limiti o un guasto al mandrino viene

registrato con precisione unitamente al valore riscontrato, mentre il tutto viene

memorizzato in modo permanente su una memoria flash.

MTx può registrare dati per un periodo superiore ai dieci anni. In caso di anomalia,

i sensori ad alta velocità arrestano la macchina entro pochi millisecondi,

mentre un sistema di e-mail invia immediatamente un segnale all’operatore

affinché intervenga. Un sistema di accesso su più livelli assicura ai dati registrati

un grado elevato di attendibilità e comprende un pacchetto di software

client-server per la visualizzazione, la distribuzione e l’amministrazione dei dati.

Ecco, i sintesi, i vantaggi offerti sia alle aziende OEM sia agli utilizzatori finali:

q aiuta a evitare fermi macchina imprevisti e costosi

q consente la piena tracciabilità degli eventuali incidenti

q è facile da installare sia sulle macchine nuove sia su

quelle esistenti

q migliora l’affidabilità e prolunga il periodo

di utilizzo del macchinario

q favorisce il miglioramento della

manutenzione predittiva, della qualità e dei

processi

q fornisce un feedback sulle prestazioni complessive

del macchinario.

A “Special Observer” for machine tools

SKF Machine Tool Observer MTx is a stand-alone data logger system

and crash detection system, especially for surveillance of machine

tools and machine tool spindles. It can easily be integrated into

new machines or retrofitted as an upgrade for existing machines.

The SKF MTx can log measurements from critical machine tools and

is capable of collecting data from a wide range of sensors, such as

vibration levels, speed, temperature, humidity, eddy probes and oil

streak. The user and the machine control system are alerted if a

value is detected that is outside the predefined boundaries.

All events that exceed thresholds, or spindle crashes, are logged

with an accurate time stamp and sensor values and are stored in a

permanent flash memory.

MTx can continuously log data for a period of more than 10 years.

High-speed relay outputs can stop the machine in milliseconds, and

the email warning system can immediately send a warning to the

supervisor for a corrective action.

A multilevel access system provides a high level of recorded data

security, and the system also includes a server and client software

package for live data display, data distribution and administration.

Here are the substantial benefits offered to to both machine tool

OEMs and end users:

q helps avoid unexpected and costly machine downtime

q provides full traceability of incidents

q is easy to install into new or existing machines

q improves reliability and extends the life cycle of

machinery

q supports preventive maintenance, quality and

process improvements

q provides feedback about overall usage of

machinery.

elevata rigidezza di mandrini per torni CNC con trasmissione

a cinghia. Questi cuscinetti presentano tre flange sulle

corona interna e nessuna sulla corona esterna. Inoltre la

serie presenta una geometria interna ottimizzata e una

gabbia in PEEK rinforzata con fibra di vetro. La gamma è

ideale per alberi con diametro compreso tra 25 e 130 mm.

Velocità e sostenibilità in primo piano

nelle soluzioni proposte alla EMO

I mandrini per le macchine utensili rappresentano un campo

d’impiego dove velocità e lubrificazione sono requisiti

imprescindibili.

L’alta precisione rotazionale a velocità anche molto elevate

è ottenuta anche con i cuscinetti SKF obliqui a sfere Super-precision

della serie S70..W che offrono silenziosità e

bassi livelli di vibrazione. Le macchine con volume medio-alto,

come quelle per la lavorazione del legno, le macchine

transfer, i piccoli centri di lavorazione e le rettificatrici,

figurano tra le applicazioni tipiche.

InMotion

Passiamo alle soluzioni per tavole orientabili, che uniscono

una gamma completa di competenze SKF: i cuscinetti

SKF a rulli cilindrici assiali-radiali Super-precision, serie

NRT, che offrono elevata precisione e capacità di carico,

così come bassi livelli di rumorosità, insieme alle soluzioni

avanzate di tenuta, che prevengono la contaminazione.

Anche i sistemi di lubrificazione hanno avuto una visibilità

importante in fiera: un esempio è l’ingrassatore compatto

SKF ETP in grado di erogare automaticamente il lubrificante

fino a cinque punti di lubrificazione.

All’insegna della sostenibilità, lo ricordiamo, è la gamma

SKF BeyondZero, marchio che contraddistingue i prodotti

SKF in grado di offrire significativi benefici ambientali. In

particolare, il sistema di lubrificazione minimale SKF Lubri-

Lean (Minimal Quantity Lubrication, MQL), che riduce notevolmente

il consumo di olio e le emissioni di CO 2

aumentando,

nel contempo, la produttività e il risparmio energetico,

nonché i cuscinetti ibridi SKF Super-precision, con maggiore

durata di esercizio. l

february 2016 l 61


S OLUZIONI

cuscinetti

I prodotti presentati da Schaeffler nel corso della EMO 2015 di Milano hanno

permesso al gruppo tedesco di incrementare la gamma dei cuscinetti e degli

azionamenti, con l’intento di fornire la soluzione più adatta alle esigenze

applicative di ogni cliente. Alcune tra le principali novità riguardano i cuscinetti

per mandrini, i cuscinetti per tavole girevoli e i motori torque ad azionamento

diretto, ottimizzati dal punto di vista termico per garantire performance più

elevate ed efficienza energetica.

di Cesare Pizzorno

cuscinetti

Resistenza e tracciabilità:

verso nuovi orizzonti

l In combinazione

con i motori torque

RKI, i cuscinetti a

sfere assiali a contatto

obliquo ZKLDF di

Schaeffler consentono

di aumentare i limiti di

velocità di rotazione per

le tavole girevoli.

l Combined with RKI

torque motors, the

flange-mounted axial

angular contact ball

bearings ZKLDF from

Schaeffler make it

possible to increase

limiting speeds for

rotary tables.

62 l febbraio 2016

L’offerta di cuscinetti e azionamenti per assi di rotazione,

realizzati e distribuiti dal Gruppo Schaeffler e

adatti per una vasta gamma di applicazioni, si è ampliata

con l’aggiunta delle innovative soluzioni presentate

nel corso della EMO 2015.

I cuscinetti a rulli cilindrici radio-assiali YRTC sono tecnologicamente

all’avanguardia in termini di rigidezza al ribaltamento:

precisione di lavorazione e capacità di asportazione

di truciolo raggiungono livelli elevati. I cuscinetti a rulli

cilindrici radio-assiali della serie YRTS, invece, sono in grado

di raggiungere - grazie alla geometria della pista di rotolamento

brevettata - il più basso livello di attrito nei cuscinetti

a rulli precaricati. Gli utilizzatori beneficiano della

qualità di produzione più elevata dovuta alla minore dilatazione

termica, risparmiando inoltre sui costi di esercizio.

I cuscinetti a sfere assiali a contatto obliquo ZKLDF..B, anch’essi

direttamente flangiabili, sono particolarmente

adatti per le tavole girevoli con requisiti di massima velocità

di rotazione. Insieme ai motori torque RKI è quindi possibile

aumentare nettamente i limiti di velocità di rotazione

PubliTec


per le tavole girevoli: anche quando non viene raggiunta la

velocità di rotazione limite, l’utilizzatore trae vantaggio

dall’attrito del cuscinetto estremamente basso e, di conseguenza,

dal basso apporto di calore nella struttura della

macchina, con effetti positivi in termini di precisione di lavorazione.

Sistema di misurazione angolare

per la produzione in serie

Per ottenere la massima precisione di posizionamento

possibile con le tavole girevoli, è necessario integrare una

scala graduata di misura nel supporto: proprio qui si trova

il “cuore del sistema”, cioè il punto in cui le deformazioni

e gli spostamenti dovuti alle forze di lavorazione sono minimi,

in cui il diametro per la scala graduata è grande e

può essere associato alla precisione della pista di rotolamento.

Integrando un sistema di misurazione insensibile

nel cuscinetto, proporzionalmente grande in termini di diametro,

si utilizza nel modo migliore possibile il frazionamento

del sistema di misura.

Nella sua gamma di prodotti, Schaeffler ha sia sistemi di

misurazione magnetoresistivi con marcature di riferimento

a distanza codificata, sia sistemi induttivi assoluti.

Nei primi, l’interfaccia elettronica 1Vpp risulta compatibile

con quasi tutte le unità di controllo utilizzate di norma nelle

macchine utensili. Con i sistemi di misurazione assoluti

viene meno la corsa di riferimento dopo l’accensione della

macchina. In questo modo l’unità di comando conosce subito

anche la posizione dei poli dei motori torque. In caso

di interruzione della corrente elettrica, è anche possibile

liberare, in modo controllato, gli utensili che si trovano nel

pezzo in lavorazione.

La chiave dell’efficienza

è nella gestione termica ottimizzata

Nati nel reparto di R&S di INA - Drives & Mechatronics,

specialista della tecnologia “direct drive” all’interno del

FOCUS ON - bearings

Resistance and Traceability:

the New Trends for Bearings

The latest products introduced by Schaeffler at EMO 2015 in Milan allowed the German Group

to increase the range of bearings and drives, with the aim to provide the best solution for the

production needs of every customer. Some of the novelties deal with spindle bearings, rotary table

bearings and direct drive torque motors, with optimized heat management to guarantee higher

performances and energy efficiency.

by Cesare Pizzorno

l I cuscinetti a rulli cilindrici radio-assiali YRTC sono

tecnologicamente all’avanguardia in termini di rigidezza

al ribaltamento.

l The axial/radial cylindrical roller bearings YRTC lead

the technical field in terms of tilting rigidity.

The offer of bearings and drives for rotary

axes, manufactured and distributed by

the Schaeffler Group and suitable for a broad

range of applications, has been extended by

the innovative solutions introduced at EMO

2015.

The axial/radial cylindrical roller bearing YRTC

leads the technical field in terms of tilting

rigidity: the result is extremely high machining

accuracy and cutting capacity. Axial/radial

cylindrical roller bearings YRTS have a patented

raceway geometry which allows them to attain

a previously unachievable low bearing friction

for preloaded roller bearings. Users benefit

from increased production quality due to lower

thermal expansion and reduced operating

costs.

The flange-mounted axial angular contact ball

bearings ZKLDF..B are particularly suited for

rotary tables with extremely high demands

in terms of speed. Limiting speeds for rotary

tables can be considerably increased if these

bearings are combined with RKI torque motors.

If the limiting speeds are not exploited to the

full, the user still benefits from the extremely

low bearing friction and the associated lower

build-up of heat in the structure of the machine.

This has a positive influence on the machining

accuracy.

Angular measuring system

for serial production

If the aim is to achieve the greatest possible

positioning accuracy with rotary tables,

an integrated dimensional scale must be

included in the bearing arrangement. The

InMotion

february 2016 l 63


S OLUZIONI

cuscinetti

l I nuovi motori

torque serie RIB ad

azionamento diretto

sono ottimizzati dal

punto di vista termico.

l The new, RIB series

torque motors, are

thermally optimized.

Gruppo Schaeffler, i nuovi motori torque della serie RIB ad

azionamento diretto sono ottimizzati dal punto di vista termico

per garantire maggiore produttività e minore consumo

di energia delle macchine utensili.

Grazie alla trasmissione di calore migliorata, i motori torque

IDAM della serie RIB funzionano, rispetto alla serie RI,

con il 12% di coppia massima in più o con il 30% in meno

di potenza termica dissipata, in base al tipo di utilizzo.

Due strategie di funzionamento dei motori elettrici, vale a

dire “ad azionamento a freddo” o “a caldo”, sono particolarmente

interessanti per la progettazione e l’impiego in

una macchina utensile. La variante “azionamento a caldo”

si presenta nella produzione di grandi serie in cui l’asse da

progettare costituisce il limite della produzione.

Nel processo di produzione gli azionamenti vengono concepiti

in modo da sfruttare al massimo lo spazio costruttivo

e da installare la massima potenza motrice utile per il

processo. Nel successivo funzionamento continuo il motore

si avvicina al suo limite di potenza e quindi anche al limite

termico. In condizioni di “azionamento a freddo”, invece,

il motore è volutamente sovradimensionato di poco.

Di conseguenza, la potenza termica dissipata del motore,

è nettamente inferiore, aumenta la precisione del sistema

e, grazie alle coppie più elevate, è possibile, ad esempio,

seguire meglio un profilo in una lavorazione a 5 assi.

Cuscinetti per mandrini alla

ricerca delle massime prestazioni

Con la nuova generazione X-life, svelata alla EMO 2015,

Schaeffler ha incrementato ulteriormente del 18% il coefficiente

di carico dinamico dei suoi già comprovati cuscinet-

torque motors’ pole position. In the event of

a loss of power, tools that have been left in

the workpiece can therefore be released in a

controlled manner.

l Lo stand Schaeffler

alla EMO 2015

di Milano.

l Schaeffler booth at

EMO 2015 in Milan.

“zero point” is vital here, i.e. the point at which

the deformations and deflections from the

machining forces are at their smallest, the

diameter for the dimensional scale is large and

the dimensional scale can be achieved with

raceway accuracy. Best use is made of the

scale on the measuring system by integrating

a non-sensitive measuring system into a

large bearing in terms of its diameter. The

Schaeffler range now includes magnetoresistive

measuring systems with pitch-coded reference

marks as well as absolute inductive systems.

Te first ones have the advantage that the 1Vss

electrical interface is compatible with nearly

all standard machine tool controls. In absolute

measuring systems, there is no reference travel

after switching the machine on. The control

system therefore immediately recognizes the

Optimized heat management

is the key for efficiency

Coming from the R&D department of INA -

Drives & Mechatronics, the Schaeffler Group

direct drive specialists, the new torque motors,

series RIB, are thermally optimized direct drives

for increased productivity and lower energy

consumption in machine tools.

Due to improvements in heat transfer, the

recently developed Series RIB IDAM torque

motors can be operated with a 12% increase

in maximum torque or at 30% less heat loss

compared to the RI Series, dependent on how

they are used.

The two different ways of operating electric

motors, i.e. “running hot” or “running cold”

are of particular interest when designing and

operating machine tools. “Running hot” is used

in large volume production, when the relevant

axis represents a bottleneck in production. As

far as the manufacturing process is concerned,

64 l febbraio 2016

PubliTec


tazione, il gruppo tedesco propone una serie di cuscinetti

con precisione di rotazione P4, che corrisponde alla precisione

meccanica dei noti cuscinetti per mandrini P4S della

serie B70. Questi ultimi, in particolare, sono già dotati di

un Data Matrix Code che, insieme all’App PrecisionDesk,

consente di verificare l’autenticità del cuscinetto e, in futuro,

offrirà ulteriori funzionalità come, per esempio, la possibilità

di richiamare informazioni sull’efficienza e l’installazione.

l

l Un cuscinetto

della serie P4S di FAG

(Gruppo Schaeffler) con

Data Matrix Code.

l FAG (Schaeffler

Group) P4S spindle

bearing with Data

Matrix Code.

l I cuscinetti a rulli cilindrici in qualità X-Life hanno

una gabbia in plastica.

l X-Life cylindrical roller bearings with plastic cage.

ti a rulli cilindrici di precisione delle serie N10 e NN30, con

diametro del foro da 30 fino a 120 e dotati di una gabbia

in materiale plastico per elevate prestazioni PPA (poliftalammide).

Questi risultano più idonei alla velocità di rotazione e si distinguono,

nel confronto con i cuscinetti con gabbia in ottone,

per una temperatura fino a 12 K più bassa, che consente

di raggiungere velocità di rotazione maggiori fino al

25%, soprattutto per le velocità di rotazione limite.

Una possibilità per aumentare la capacità di carico dei cuscinetti

in condizioni di velocità di rotazione massima è

quella di impiegare materiali superiori per gli anelli. Il nuovo

acciaio ad alte prestazioni Vacrodur offre una capacità

di carico statica e dinamica persino maggiore rispetto agli

anelli in Cronidur utilizzati da Schaeffler nei suoi cuscinetti

volventi, insieme a un migliore comportamento all’usura.

Questo è possibile poiché il materiale è più duro rispetto

alla maggior parte delle particelle inquinanti. Schaeffler offre

cuscinetti per mandrini in Vacrodur come soluzione

speciale per cuscinetti soggetti a sollecitazioni elevate.

Infine, per i mandrini portafresa semplici con trasmissione

a cinghia o anche con motori elettrici ad alta velocità di rothe

drive is designed to ensure that maximum

use is made of available space and to provide

the maximum power appropriate for the process.

In subsequent continuous operation, the motor

runs close to its performance limit and therefore

close to its thermal limit. When “running cold”,

however, the motor is deliberately over-specified.

The benefits are clear: motor temperatures or

heat losses in the motor are demonstrably lower,

system accuracy increases and outlines can be

followed more precisely due to the increased

torques, e.g. in 5-axis machining.

Spindle bearings in search of

the highest performances

With the new generation of X-life products,

unveiled at EMO 2015, Schaeffler achieved a

18% increase in basic dynamic load ratings

thanks to the proven high accuracy cylindrical

roller bearings of series N10 and NN30, with

inside diameters from 30 to 120 mm. The

bearings are fitted with a window cage made

from high performance polyphthalamide (PPA)

plastic. In tests, these bearings, particularly

the double-row bearings, have demonstrated

significant improvements in their suitability for

high speeds compared to bearings with brass

cages. In this comparison, bearings with the

new polyamide cage also feature a reduction

in temperature of up to 12 K. This reduced

heating also allows up to 25% increase in

speeds in limiting speed tests.

One way of increasing the load carrying capacity

of bearings while retaining their suitability for

high speeds is by using superior materials

for the inner and outer rings. The new high

performance steel Vacrodur offers even greater

static and dynamic load ratings together with

superior wear behaviour compared to rings

made from Cronidur used by Schaeffler in

its rolling bearings. As a matter of fact, the

material is harder than most of the contaminant

particles. Schaeffler is offering spindle bearings

made from Vacrodur as special solutions for

bearing positions with very high demands.

Finally, as for simple milling spindles with

belt drives or fast-running electric motors,

the German Group is now offering a range of

spindle bearings in P4 running accuracy, which

correspond, at least in terms of their mechanical

accuracy, to the well-know P4S spindle bearings,

series B70. These already have a Data Matrix

Code which allows the bearing’s authenticity to

be checked using the PrecisionDesk app and, in

the future, will also provide further functionality

such as retrieving information on performance

capability and mounting. l

InMotion

february 2016 l 65


S OLUZIONI

controllori

l Il CNC IndraMotion MTX advanced

per la lavorazione di palette turbina.

l The IndraMotion MTX advanced

CNC for turbine blades machining.

mondo

Macchine utensili connesse al

IT

LLa connessione tra macchine utensili e mondo IT è sempre più stretta. Per Bosch Rexroth EMO 2015 è stata

l’occasione per presentare le soluzioni che rientrano nel concetto di Industry 4.0. Tra queste figurano la

rinnovata piattaforma CNC IndraMotion MTX, scalabile e in grado di controllare 250 assi, e IndraMotion MTX

micro, un CNC compatto per cinque assi interpolati.

di Elena Magistretti

66 l febbraio 2016 PubliTec


Costruttori e utenti finali di macchine utensili hanno

già iniziato a implementare gradualmente i concetti

di Industry 4.0.

Un esempio di questo approccio è la piattaforma CNC

IndraMotion MTX di Bosch Rexroth, collegabile in una rete

IT. Ma non è tutto: la multinazionale tedesca mette a disposizione

una gamma che spazia dai nuovi pannelli operatore

wireless con APP personalizzate, alla connessione

di intere linee di produzione per incrementare la disponibilità,

la produttività e l’efficienza energetica.

Bosch Rexroth ha ampliato l’accesso al Kernel di Indra-

Motion MTX, permettendo ai costruttori di macchine di

creare autonomamente funzioni individuali in linguaggi

ad alto livello. Inoltre, il web server integrato accessibile

con OPC UA e le ulteriori tecnologie web aprono nuove

possibilità per la connessione orizzontale e verticale delle

macchine utensili.

Un caso di successo: la collaborazione

con il costruttore C.B. Ferrari

Con la nuova versione della fresatrice A156, il produttore

italiano C.B. Ferrari ha presentato alla EMO 2015, presso

lo stand Bosch Rexroth, un centro di lavorazione a 5 assi

per la lavorazione di palette di turbina. Il comando e la programmazione

della macchina A156 avvengono esclusivamente

in remoto tramite smart device. Il concetto di coman-

do si basa su APP multitouch e una simulazione 3D della

lavorazione in esecuzione. Con la piattaforma di Open Core

Engineering, C.B. ha sviluppato APP specifiche per il controllo.

La soluzione di sistema IndraMotion MTX Advanced garantisce

una precisione di 0,1 μm, elaborazione del PLC inferiore

al millisecondo e tempi di ciclo CNC fino a 0,25 ms.

Gli smart data aumentano

la produttività delle macchine

Bosch Rexroth compie un altro passo verso l’Industry 4.0

con il service package Generic Data Server. Tramite connessioni

affidabili, il service package connette le macchine

utensili al mondo IT e analizza per gli utenti i dati della

macchina per incrementare la disponibilità, la produttività

e l’efficienza energetica delle linee di produzione.

Il Generic Data Server rileva e monitora tutti i dati rilevanti

dal controllo numerico, dagli azionamenti e dei sensori utilizzando

protocolli di comunicazione aperti come OPC UA o

Sercos e li salva in un cloud privato. Tramite metodi predefiniti

per l’analisi dei dati, garantisce inoltre un efficace

Remote Condition Monitoring di tutte le macchine connesse,

aumentando così la disponibilità delle stesse.

Gli strumenti di analisi integrati nel Remote Process

Monitoring per l’ottimizzazione dei tempi di ciclo e del

consumo energetico sono caratterizzati da relazioni tra i dati

NC e i segnali del PLC e tra gli azionamenti intelligenti. Su

FOCUS ON - controllers

Machines Tools Networked with the IT World

Machine tools and the IT world are increasingly networked. For Bosch Rexroth EMO 2015 was a good

opportunity to present the solutions developed within the Industry 4.0 concept. The latest versions of

the IndraMotion MTX CNC system family, now scalable and capable of controlling up to 250 axes, and

IndraMotion MTX micro, a compact CNC for 5-axes machining, are among these.

by Elena Magistretti

Industry 4.0 concepts are gradually finding

their way into everyday operation among

machine manufacturers and industrial end

users. An example of this approach is the IT

networkable CNC system solution IndraMotion

MTX from Rexroth. In order to link machine

tools more closely with the IT world, the

German company offers a portfolio of solutions

ranging from new, wireless operating devices

with tailored apps to the networking of entire

InMotion

production lines, resulting in increased

availability, productivity and energy efficiency.

To enable networking, Rexroth has opened

the core of the IndraMotion MTX to wider

access. Machine manufacturers can thereby

independently create individual functions in

high-level languages. In addition, the integrated

OPC UA Webserver and other web technologies

provide further opportunities to network

machine tools horizontally and vertically.

A success story: the synergy

with OEM C.B. Ferrari

The Italian manufacturer C.B. Ferrari introduced

a 5-axis machining center with the new A156

machine for machining of turbine blades at

EMO 2015. Operation and programming of the

A156 machine is done completely wirelessly

via smart devices. The operating concept is

based on multi-touch applications and an

integrated 3D simulation function. With the

Open Core Engineering platform, C.B. Ferrari

developed specific apps for the control system.

The IndraMotion MTX Advanced system solution

guarantees an accuracy of 0.1µm, processing

speeds in the PLC of less than 0.5 milliseconds

and CNC cycle times of up to 0.25 ms.

february 2016 l 67


S OLUZIONI

controllori

questa base, gli utenti finali possono migliorare i loro tempi

e costi di processo, assicurare che la qualità di processo

sia documentata e incrementare l’efficienza energetica.

Il Generic Data Server memorizza tutti i messaggi di errore

in un registro e consente la rintracciabilità delle cause e

della frequenza dei blocchi per l’intero ciclo di vita della

macchina utensile. In questo modo gli utenti possono riconoscere

sistematicamente le cause di errore e ridurre i

tempi di inattività nel lungo termine. Il pacchetto modulare

di servizi comprende l’installazione di tutto l’hardware e

della sensoristica, la preparazione dell’analisi degli smart

data nonché il Remote Condition Monitoring e il Remote

Process Monitoring da parte degli specialisti Rexroth.

l Connessione tra macchine utensili e mondo IT: nell’ultima versione del centro di fresatura A 156, C.B. Ferrari

utilizza APP realizzate autonomamente per il comando e la programmazione wireless del CNC IndraMotion MTX

advanced.

l Networking of machine tools with the IT world: with the latest A 156 machining center, C.B. Ferrari uses

self-produced apps for wireless operation and programming of the CNC system solution IndraMotion MTX.

Dai sistemi CNC compatti

fino al controllo di 250 assi

Con l’ultima generazione del CNC IndraMotion MTX, Bosch

Rexroth riesce a soddisfare le esigenze di due tipologie di

utenti: i costruttori di impianti complessi con un numero di

assi elevato e i costruttori di macchine utensili compatte,

ma comunque precise, che stanno guadagnando importanti

quote di mercato soprattutto nei paesi emergenti.

Nel più elevato livello di espansione IndraMotion MTX

advanced, un solo hardware di controllo gestisce fino a

250 assi in 60 canali NC indipendenti.

Tramite l’impiego di un processore multicore, la soluzione

Smart data increase

machine tool productivity

Rexroth takes Industry 4.0 one step further

with the Generic Data Server service package.

It connects machine tools with the IT world via

secure networks, and analyses the machine

data for the users to improve the availability,

productivity and energy efficiency of production

lines. To do this, the Generic Data Server

detects and monitors all relevant control, drive

and sensor data using open communication

interfaces such as OPC UA or Sercos interface,

and saves it in a Private Cloud. Using predefined

methods for data analysis, the

Generic Data Server guarantees conclusive

Remote Condition Monitoring of the networked

machines and thereby increases machine

availability.

Analytical tools for the optimization of cycle

times and energy consumption that are

integrated into the Remote Process Monitoring

indicate relationships between the NC line

data and PLC signals, as well as the intelligent

drives. On this basis, end users can improve

processing times and costs, ensure that the

processing quality is documented and increase

energy efficiency.

The Generic Data Server saves all fault

messages in a logbook and allows causes and

rates of faults to be traced for the entire life

cycle of the machine tool. Users can thereby

systematically recognize the causes of faults

and reduce downtimes in the long-term. The

modular service package includes installation

of the entire hardware and sensor technology,

the preparation of the Smart Data analysis

as well as the Remote Condition Monitoring

and Remote Process Monitoring by Rexroth

specialists.

From a compact CNC

up to 250 axes controls

With the latest generations of the IndraMotion

MTX CNC family, Bosch Rexroth offers suitable

solutions to users with different needs: the

manufacturers of complex production plants

featuring a high number of axes for largeseries

productions and the manufacturers of

compact, but nevertheless precise machine

tools, that are winning market shares above all

in emerging countries.

In the highest configuration the IndraMotion

MTX advanced controls up to 250 axes in 60

independent NC channels with only one control

hardware. By means of a multicore processor,

the system solution achieves minimal cycle

times even with a maximum number of

axes and replaces additional controls that

were previously necessary in complex rotary

transfer machines. Thanks to this, machine

manufacturers can also economically automate

complicated systems, especially since a PLC

in accordance with IEC 61131-3 is integrated

for automation in all variants. With pre-defined

technology functions for turning, milling, drilling,

grinding, punching and jet cutting, the system

68 l febbraio 2016

PubliTec


cifica per la singola applicazione. Gli assi lineari e gli attuatori

garantiscono un elevato livello di rigidezza del sistema

e precisione di funzionamento offrendo al contempo la migliore

protezione possibile contro trucioli, lubrorefrigeranti

e altre impurità.

Bosch Rexroth copre un’ampia gamma di applicazioni per

i più svariati pesi e dimensioni dei pezzi su lunghezze che

vanno da pochi millimetri sino a 10 metri.

I linearmoduli compatti CKK/CKR e i linearmoduli MKK/

MKR si sono dimostrati versatili per il caricamento di utendi

sistema raggiunge, anche in caso di numero massimo

di assi, tempi di ciclo minimi e sostituisce nelle macchine

rotative complesse i controlli aggiuntivi finora necessari.

In questo modo, i produttori di macchine possono automatizzare

in modo economico anche gli impianti complessi,

soprattutto perché in tutte le varianti è integrato un PLC

conforme alla norma IEC 61131-3 per l’automazione. Con

funzioni tecnologiche predefinite per tornire, fresare, rettificare,

punzonare e taglio a getto, la soluzione di sistema

si adatta a un impiego universale.

All’altro estremo della scala di prestazioni, la soluzione

CNC compatta IndraMotion MTX micro esegue ora anche

la lavorazione di macchine a 5 assi. In questo modo, gli

utenti finali possono soddisfare i requisiti di precisione, ad

esempio, dell’industria automotive a fronte di costi di investimento

minimi.

Sistemi lineari per l’automazione

personalizzata delle macchine utensili

Le macchine utensili impongono requisiti particolarmente

elevati in termini di precisione e robustezza dei sistemi lineari

impiegati. Questo vale sia per gli assi principali che

per quelli ausiliari per le operazioni di carico e scarico pezzi,

per il cambio utensili e per tutte le movimentazioni di

supporto. Con un portafoglio ampliato di sistemi lineari,

Bosch Rexroth è in grado di supportare l’automazione spel

Per ogni lavorazione, tempi di ciclo minimi: aumento delle prestazioni in tutte le

versioni della soluzione di sistema IndraMotion MTX.

l The shortest cycle times for every task: increase in performance in all variants

of the IndraMotion MTX system solution.

solution is suitable for universal use.

On the other end of the performance scale, the

compact IndraMotion MTX micro CNC solution

also takes on the job of 5-axis machining of

components. Therefore, end users can fulfil

precision requirements, for example those

of the automobile industry, with minimal

investment costs.

Linear motion systems for customized

automation of machine tools

Machine tools place particularly high

requirements with regard to the precision

and robustness of the linear motion systems

used. This is true for both the main axes and

the auxiliary axes for loading and unloading

workpieces, the tool change and support.

With an upgraded linear motion systems

portfolio, Rexroth supports application-oriented

automation. The linear motion axes and

actuators guarantee a high system rigidity and

precision with the best possible protection

against chips, coolant and other contaminants.

Rexroth covers a large spectrum of applications

for the most diverse workpiece sizes and

weights with travel distances from just a few

millimeters to up to 10,000 millimeters.

The Compactmodule CKK/CKR and

Linearmodule MKK/MKR have proved versatile

as handling axes for tool or workpiece changes.

If the dimensions are identical, the user

can choose between ball screw assembly

and toothed belt drive to reflect different

requirements of dynamics and accuracy. The

one-point lubrication feature on two sides

facilitates easy maintenance.

Manufacturers of machine tools can also use

the EMC electromechanical cylinder by Rexroth

for feeding and swivelling movements. They

combine the flexibility and energy efficiency of

electric drive technology and free positioning with

the advantages of compact cylinders. Users can

freely parameterize force, position and speed and

flexibly adapt the values to new tasks at any time.

With the newly designed lubrication points, users

can integrate the electromechanical cylinders

with central lubrication concepts.

Rexroth delivers entire linear motion systems as

a mechanical assembly or as a complete axis

with different motors and drive controllers. l

InMotion

february 2016 l 69


S OLUZIONI

controllori

l Rexroth è in grado di offrire un portafoglio ampliato di sistemi lineari per

macchine utensili pronti per l’installazione: cilindri elettromeccanici e assi lineari.

l Upgraded portfolio of ready-to-install linear motion systems for machine tools.

Electromechanical cylinders and linear motion axes from Rexroth.

sili e pezzi. Grazie alle dimensioni di montaggio intercambiabili

l’utente può scegliere tra l’azionamento a vite a ricircolazione

di sfere e l’azionamento a cinghia dentata e

soddisfare così diversi requisiti di dinamismo e precisione.

La possibilità di rilubrificazione centralizzata da entrambi

i lati semplifica gli interventi di manutenzione.

Per i movimenti di avanzamento e sistemi rototraslanti e

leveraggi i produttori di macchine utensili possono impiegare

anche i cilindri elettromeccanici EMC. Gli utenti parametrizzano

liberamente forza, posizione e velocità e possono

adeguare in modo flessibile i valori in qualsiasi momento

in base alle diverse esigenze. Con i connettori per

la lubrificazione di nuova concezione gli utenti possono integrare

i cilindri elettromeccanici nei sistemi di lubrificazione

centralizzati. Bosch Rexroth fornisce tutti i sistemi lineari

sia come gruppo meccanico, sia come asse completo

con diversi motori e azionamenti. l


Cattini &Figlio S.r.l.

Since 1954 Gears & Geared Elements

6 PLANETARY RING GEAR

FEATURING PRESS QUENCHING & HARD GEAR FINISHING

We make available one

of the widest production capability for custom gears

for heavy duty vehicles of the entire industry to enable our O.E.M. Customers

to focus more on their projects.

We operate under the highest professional standards by means of our volountary

decision to adopt a management model complying with the Italian

legal offense prevention act 231/2001.

We have achieved Partner-level status with many of our Customers thanks to

our outstanding performance.

How can we help you?

Contact us at www.cattini.com

Cattini &Figlio S.r.l.

Pedetemptim sed incessanter ®

ISO-TS 16949 and ISO 14001 certified - Member of ASSIOT


T ECNOLOGIA

competi

La meccatronica come fattore

per OEM e utilizzatori

72 l febbraio 2016 PubliTec


tivo

La Meccatronica ha centinaia di differenti

definizioni e interpretazioni: la più efficace

in termini competitivi è quella di approccio

meccatronico all’applicazione. Questo

tipo di approccio, infatti, permette di

ottimizzare le aree di maggior peso in termini

di miglioramento delle prestazioni e di

efficacia economica generando immediata

competitività per il costruttore di macchinari

(OEM) che si confronta con un mercato

sempre più aggressivo e per l’utente finale

manifatturiero (end user) che deve ottimizzare

la produttività e la flessibilità dei macchinari.

di Marco Bertoldi

Cosa spinge OEM e utilizzatori finali a investire in

Meccatronica? Un OEM percepisce che è il momento

di introdurre miglioramenti nelle sue soluzioni

quando un concorrente propone una soluzione più innovativa

rispetto alle sue, un cliente richiede flessibilità di produzione

e la parcellizzazione dei lotti minimi di produzione

o ancora quando un utente intende lavorare con la stessa

macchina, materiali differenti, un obiettivo che al momento

non è in grado di raggiungere. Questi segnali solitamen-

te convincono l’OEM a rivolgersi a un partner, che può essere

un’azienda che propone soluzioni di automazione con

la quale attivare una fase di co-engineering, oppure uno

studio di consulenza/progettazione in grado di supportarlo

con gli stessi obiettivi.

Identificare le aree di applicazione

più sensibili ai miglioramenti

La prima fase si concretizza con l’identificazione delle

aree dell’applicazione “più sensibili” a potenziali interventi

e che, pertanto, generino il risultato “piu’ significativo”

rapportato agli sforzi economici richiesti. In questa fase

l’OEM visualizza i benefici e i vantaggi competitivi che potrà

ottenere. Tutto questo genera aspettative nell’OEM e

nell’investitore.

Le tre aspettative principali sono: l’incremento prestazionale,

ovvero la possibilità di lavorare materiali più duri con

la stessa macchina o di produrre formati e pesi superiori,

o ancora l’aumento del numero di pezzi prodotti. La seconda

aspettativa riguarda l’incremento delle funzionalità, per

esempio un rapido cambio formato, un lotto minimo di produzione

ridotto o la gestione di differenti formati attraverso

un controllo semplice e intuitivo. In terzo luogo l’OEM o il

costruttore si aspettano un risparmio energetico per realizzare

le stesse lavorazioni attuali.

La riduzione dei consumi energetici opera anche come propulsore

per i nuovi investimenti degli utenti finali riducendo

i tempi di recupero dell’investimento e pertanto rendendo

disponibili fondi che possono essere reinvestiti in tempi

minori.

Tre casi di successo confermano

i benefici dell’approccio meccatronico

Bonfiglioli è in grado di proporre alcuni casi di successo

che confermano i benefici promessi dall’approccio mecca-

InMotion february 2016 l 73

Fonte/Source: http://catalogue.pearsoned.co.uk


T ECNOLOGIA

l L’approccio meccatronico ha consentito di incrementare la funzionalità di una bordatrice per legno.

l The mechatronic approach made it possible to increase the functionalities of a machine for wood

processing.

tronico. In possesso delle competenze, dei prodotti e delle

soluzioni in tutte e tre le aree coinvolte nell’automazione,

come l’attuazione o la trasmissione del moto (riduttori), la

parte di azionamento elettromeccanico (motori) e l’area

dell’azionamento elettrico e del controllo del moto (inverter),

fino al Motion Control e ai servo drive.

Il primo caso di successo si riferisce a una macchina bordatrice

per pannelli di legno. Il cliente realizzava questa

macchina con molti particolari meccanici complessi; il

sincronismo dei due trasporti era realizzato con un albero

meccanico dotato di boccole per permettere l’attrezzaggio

in base alla larghezza della lastra. Questo albero

è stato rimosso e sostituito con due motoriduttori con

servomotore (della serie BMD con coppie fino a 45 Nm)

controllati dai servo drive Bonfiglioli (serie ACU Active Cube

che si estende fino a 400 KW) che li sincronizzano in

velocità senza alcun vincolo meccanico. Il movimento di

una parte della macchina, coerentemente alla larghezza

della lastra, era pilotato da un unico motore che agiva su

tre riduttori e relativi alberi per ottenere un movimento

uniforme. Anche questa soluzione è stata sostituita da 3

motoriduttori pilotati in sincronismo di posizione tramite

tre servo drive. Infine la testa che lavora il bordo, in precedenza

posizionata manualmente all’altezza dovuta, ora

TECHNOLOGY

Mechatronics as a Competitive

Factor for OEMs and Users

Mechatronics has hundreds of different definitions and interpretations, but the most effective one in

competitive terms is that of a mechatronic approach to application. This type of approach permits

optimisation of the most significant areas in terms of improving performance and cost-effectiveness,

immediately resulting in competitiveness for the machinery manufacturer (OEM), who is dealing

with an increasingly aggressive market, and for the end-user operative, who needs to optimise the

productivity and flexibility of machines.

by Marco Bertoldi

What drives OEMs and end users to

invest in Mechatronics? An OEM knows

that the time has come to add improvements

to their solutions when a competitor offers a

more innovative solution than theirs, a client

requests flexible production and parcelling of

minimal production batches, or when a user

wants to process different materials using the

same machine, something that they can’t do

currently. These signals generally convince

74 l febbraio 2016

OEMs to turn to a partner, which can be a

company that offers automation solutions,

initiating a co-engineering phase or consulting/

design project able to support them with the

same objectives.

Identifying the most critical

application areas

The initial phase takes the form of identifying

the application areas that are more

“susceptible” to potential interventions and

which consequently generate the “most

significant” results in relation to the financial

resources required. In this phase, the OEM sees

the benefits and competitive advantages that

they can obtain. All this generates expectations

in the OEM and the investor.

The three main expectations are the following:

increased performance, that is the possibility

of processing harder materials with the same

machine or producing in larger formats or

greater weights, or increasing the number of

items produced.

The second expectation concerns increased

functionalities, for example a quick change of

format, a smaller minimum production batch or

the management of different formats through

simple, intuitive controls.

Thirdly, the OEM or the manufacturer expects

PubliTec


è servoregolata per mezzo di un motore brushless.

La macchina è ora controllabile completamente tramite

un’interfaccia operatore che consente di salvare le ricette

di lavorazione e semplicemente richiamarle per ottenere la

nuova impostazione della macchina. L’attrezzaggio della

macchina oggi richiede pochi minuti (contro i 15’ della soluzione

pre-esistente. Non avendo “tempi morti” per l’attrezzaggio,

l’utente finale può produrre anche lotti molto

piccoli di lastre. L’aspettativa di incremento delle funzionalità

è stata così pienamente soddisfatta.

Il secondo caso riguarda una macchina per il trattamento

di superfici. In questo caso il cliente si era trovato in difficoltà

nel trattare i nuovi materiali richiesti per i piani lavoro

delle cucine. La macchina non aveva sufficiente potenza

per lucidare i piani, ma una revisione della stessa, con aumento

delle dimensioni di carterizzazione per installare un

motore più potente, era complessa e avrebbe portato un

incremento di costo significativo, facendo quindi perdere

competitività. Bonfiglioli ha quindi proposto di installare un

motore con dimensioni simili, ma con tecnologia a magneti

permanenti sensorless. L’inverter è in grado di pilotare il

motore senza richiedere il cambio di serie e quindi senza

costi aggiuntivi rispetto al pilotaggio di un motore a induzione

standard. Il motore a magneti permanenti ha garan-

tito al costruttore un’area di coppia costante tre volte più

estesa in termini di velocità di rotazione e quindi lavorazioni

a basse velocità ma coppia alta. Inoltre, quando sono

richiesti picchi di coppia per materiali particolarmente duri,

il motore brushless garantisce tre volte la coppia nominale.

L’aspettativa di incremento delle prestazioni è stata

così soddisfatta.

Il terzo caso riguarda una pressa per la formatura di lastre

metalliche per il settore automotive. L’applicazione ha due

movimentazioni principali: la pressatura e il ribaltamento

della lastra lavorata per essere espulsa.

La centralina idraulica per la pressatura era l’utilizzo energivoro

principale, pilotata da un motore asincrono dimensionato

sul picco di pressata anche se richiesto per pochi

secondi. L’intervento di Bonfiglioli ha previsto l’utilizzo di

un motore brushless sulla centralina che è stata ridotta e

dimensionata per il carico medio richiesto, avendo la possibilità

di ottenere picchi di lavoro grazie all’esteso campo

di velocità del motore brushless e ai picchi di coppia disponibili.

Questa soluzione ha consentito di ridurre significativamente

i consumi per il mantenimento in pressione

continua della centralina.

Il ribaltamento della lastra era in precedenza realizzato

con un motore idraulico che veniva mantenuto in pressio-

energy savings in carrying out the same work

that they carry out now.

The reduced energy consumption also drives

end users to make new investments, reducing

the time frame for recouping the investment

and thus making funds available for further

investment sooner.

Three success stories confirm

the benefits of the mechatronic

approach

Bonfiglioli can present certain success

stories that confirm the benefits promised

by the mechatronic approach. It has the

competence, products and solutions for all

three areas covered by automation: actuation

or power transmission (gearboxes), the

electromechanical drive component (motors),

the electric drive and motion control area

(inverters), as well as servo drives.

The first success story is a machine for

processing the edges of wood panels.

The client created this machine with many

complex mechanical characteristics. The two

conveyor systems were synchronised using

InMotion

a mechanical shaft with sockets, allowing it

to be equipped according to the width of the

panel. This shaft was eliminated and replaced

with two gear motors with servo motor (from

the BMD series with torques up to 45 Nm)

controlled by Bonfiglioli servo drives (ACU

Active Cube series, extending up to 400 KW)

that synchronise them at speed without any

mechanical connection.

The motion of a single part of the machine, in

line with the width of the panel, was driven by

a single motor that operated three gear motors

and their respective shafts to achieve uniform

motion. This solution too was replaced with 3

gear motors, driven with position synchronised

via three servo drives.

Finally, the head that processed the edge,

previously set to the right height by hand, is

now controlled by a servo via brushless motor.

The machine can now be controlled entirely

through a user interface that allows the

processing configurations to be saved and

simply recalled to obtain the new machine

set-up.

Equipping the machine now takes a few

minutes (compared to the 15 minutes of the

previous solution). Since time isn’t “wasted” on

the equipment, the end user can produce even

very small batches of panels. The expectation

of increased functionality was completely

satisfied this way.

The second example concerns a surface

treatment machine. In this case the client had

issues with treating the new materials required

for kitchen worktops. The machine didn’t

have enough power to polish the tops, but

overhauling it, increasing the dimensions

of the protective casing to install a more

powerful motor, was complex and would have

resulted in significantly increased cost, thus

losing competitiveness. Consequently, Bonfiglioli

proposed the installation of a motor of similar

size, but featuring sensorless permanentmagnet

technology.

The inverter is capable of controlling without

requiring a change of series and therefore

without additional costs with respect to a

standard induction motor.

The permanent-magnet motor guaranteed the

manufacturer a constant torque area of three

february 2016 l 75


T ECNOLOGIA

l La tecnologia a magneti permanenti sensorless ha contribuito ad aumentare del 15% le prestazioni di una macchina per il trattamento delle superfici.

l The sensorless permanent-magnet technology made it possible to increase by 15% the performances of a surface treatment machines.

times the size in terms of rotation speed and

consequently high-torque processing even

at low speeds. Moreover, when peak torque

is required for particularly hard materials,

the brushless motor ensures three times the

nominal torque. The expectation of increased

performance was met this way.

The third case is a press for forming sheet

metal in the automotive sector. The application

has two main movements: pressing and

overturning the formed sheet for ejection.

The hydraulic power unit for pressing was the

main energy-intensive component, controlled by

an asynchronous motor with the right size for

peak pressing, even when required for just a

few seconds.

Bonfiglioli’s contribution included a brushless

motor on the power unit, reduced and resized

for the medium load required, with the potential

for operation at peak thanks to the broad

speed range of the brushless motor and to the

peak torque available. This solution permitted

a significant reduction in consumption to

maintain a constant pressure in the unit.

The sheet was previously turned over by a

hydraulic motor, which was always pressurised,

even though the work cycle was very irregular.

Replacing the transmission with a gear motor

with brushless motor optimised consumption,

limiting it to operating time. Replacing all the

other hydraulic mechanisms with brushless

gear motors completed the intervention.

Today, the machine consumes a third of the

energy that it did previously, resulting in a

more than 66% saving and the manufacturer is

selling kits for retrofitting the existing machines

to produce the new solution. The expectation of

energy saving was completely satisfied.

Three expectations met

in a single application

Bonfiglioli also works out “full optional”

applications that meet all the three

expectations.

One success story is a beading machine for

profile work on sheet metal used as covers

for silos or large tanks. For this machine, very

complex and of considerable size, completely

hydraulic solutions were conventionally

adopted, both for rotating the sheet and

for managing the dies. The client wanted to

build the biggest machine ever made by their

company.

The greatest challenge was managing the

increased performance for working the

sheets. The first step was to replace the rotary

mechanism with a heavy-duty gear motor and

a 355 kW electric motor to match. This gained

enough power for working the material and

flexibility in the management of the rotation

speed at the same time. The operator uses a

joystick to move the dies, always relying on the

feedback from the inverter, installed to regulate

the rotation speed, on the power consumed by

the motor. This way, the operator can always

work at the “maximum sustainable” capacity

of the motor, reducing working time and thus

increasing performance.

The new machine can process a cover in 15

minutes instead of the 20 envisaged during

the design phase. Then, exploiting the rotating

mass and its inertia, Bonfiglioli installed a

regenerative inverter (from the AEC Active

Energy Controller series), which, during the

deceleration of the finished part, returns the

76 l febbraio 2016

PubliTec


ne continuamente, anche se il ciclo di lavoro era molto

sporadico. La sostituzione della trasmissione con un motoriduttore

con motore brushless ha ottimizzato i consumi

limitandoli ai momenti di funzionamento. Il completamento

dell’intervento si è realizzato sostituendo tutte le altre

movimentazioni idrauliche con motoriduttori brushless.

Oggi la macchina consuma un terzo dell’energia consumata

in precedenza ottenendo un risparmio di oltre il 66% e il

costruttore sta vendendo kit per il retrofitting delle macchine

esistenti verso la nuova soluzione. L’aspettativa di un

risparmio energetico è stata pienamente soddisfatta.

Tre aspettative soddisfatte

in una sola applicazione

Bonfiglioli risolve anche applicazioni “full optional” che

soddisfano tutte e tre le aspettative. Un caso di successo

riguarda una bordatrice per profilare lastre metalliche utilizzate

come coperchi per silos o grandi serbatoi. Per questa

macchina, molto complessa e di dimensioni ragguardevoli,

venivano tradizionalmente adottate soluzioni completamente

idrauliche, sia per la rotazione della lastra, che

per la gestione dei tamponi profilatori. Il cliente intendeva

costruire la macchina più grande mai realizzata dalla sua

azienda. La sfida maggiore era quella di gestire l’increl

Nel caso di una pressa per la formatura di lastre metalliche per il settore

automotive, l’approccio meccatronico ha portato a ridurre il consumo energetico

del 60%.

l In the case of a press for forming sheet metal in the automotive sector, the

mechatronic approach allowed users to reduce energy consumption by 60%.

energy to the company’s network instead

of allowing it to dissipate through a braking

resistor.

This energy is thus made available for other

work within the factory, obtaining an energy

saving over and above the one resulting from

converting hydraulic to electric transmission.

All the three expectations were met.

Co-design between OEM and

automation partner is essential

to the mechatronic approach

Crucial to a mechatronic approach such as the

one described is the co-design between OEM

and automation solution partner.

Only thanks to the experience and competence

of both of them, it is possible to identify the

areas of greatest benefit and the following

sustainable result. The products are only the

means to implement the ideas developed.

Bonfiglioli also adopts the mechatronic

approach in the new solution design phase,

christening it “Mechatronic by Design”.

If you consider an actuation and power

transmission comprising a gearbox, a motor

and an electric drive, the critical elements to

focus on are: the mechanical interface between

motor and gearbox, which increases size and

introduces elements that dissipate energy; the

electrical connection between the drive and the

motor, which implies costs; an electrical system

that is sometimes difficult to manufacture if

the environment is demanding and, finally,

the aspect of turning to several partners to

complete the package, which often generates a

selection of excessively sized components with

respect to the real requirements.

In the Rovereto centre of excellence, Bonfiglioli

Mechatronic Research, Bonfiglioli pursues

the aim of maximising results in relation to

the expectations stated. The integration of

motor and gearbox with a compact solution

can eliminate the weakness of the mechanical

interface with evident improvements in energy

efficiency and space amount required.

The knowledge of both the motor’s operating

range and the mechanical stresses that it

can generate leads to the optimisation of

all the mechanical interface components.

The integration of the drive on the motor

eliminates the need for an electrical

connection, also leading to a drastic reduction

in electromagnetic disturbance conducted and

radiated.

The creation of a compact solution also

dictates a single partner, optimising the

technical/application interface of the client,

who dialogues with a single contact to develop

its application.

The in-depth knowledge of all the components

of the integrated solution avoids precautionary

over sizing, which normally occurs when the

motor that the client will team with the gearbox

or drive that controls the motor is unknown.

The same applies to the mechanical

tolerances, the electrical specifications and

control software for the drive: a combination

of factors that satisfies the client with a

specific solution for their application, able to

maximise performance, flexibility and energy

saving. l

(Marco Bertoldi is Industrial Mechatronic

Drive Solutions Sales Manager at Bonfiglioli

Riduttori)

InMotion

february 2016 l 77


T ECNOLOGIA

l In una bordatrice per lastre metalliche utilizzate come coperchi per silos o grandi serbatoi, si è riusciti a

soddisfare tutte e tre le aspettative: incremento delle funzionalità, incremento prestazionale e riduzione dei

consumi energetici.

l In a beading machine for profile work on sheet metal used as covers for silos or large tanks it was possible

to meet the following three expectations: increase in functionality, increase in performances and reduction of

energy consumption.

mento di prestazioni per lavorare le lastre. Il primo intervento

è stato quello di sostituire l’azionamento della rotazione

con un riduttore “heavy duty” e relativo motore elettrico

da 355 kW. Ciò ha permesso di avere sufficiente potenza

per la lavorazione e, nello stesso tempo, flessibilità

nella gestione della velocità di rotazione. Tramite joystick

l’operatore muove i tamponi contando sempre sul feedback

dall’inverter, installato per regolare la velocità di rotazione,

sulla corrente consumata dal motore. L’operatore

può così lavorare sempre al “limite sostenibile” dal motore

riducendo i tempi di lavorazione e quindi incrementando

le prestazioni.

La nuova macchina è in grado di lavorare un coperchio in

15’ invece dei 20’ previsti in fase di progetto. Sfruttando

poi la massa rotante e la sua inerzia, Bonfiglioli ha installato

una unità rigenerativa (della serie AEC Active Energy

Controller) che, durante la decelerazione del pezzo finito,

rigenera l’energia nella rete aziendale invece che dissiparla

su una resistenza di frenatura. Questa energia è così

resa disponibile per altre lavorazioni all’interno della fabbrica,

ottenendo così anche un risparmio energetico aggiuntivo

a quello dato dalla conversione della trasmissione

da idraulica a elettrica. Tutte e tre le aspettative sono state

quindi soddisfatte.

Il Co-design tra OEM e partner di automazione

è fondamentale nell’approccio meccatronico

Un approccio meccatronico come quello descritto deve

avere come punto chiave fondamentale il Co-Design tra

l’OEM e il partner della soluzione di automazione. Solo

grazie all’esperienza e competenza di entrambi si ottiene

l’identificazione delle aree di maggior beneficio e, quindi,

un risultato sostenibile. I prodotti sono solo lo strumento

per realizzare le idee sviluppate.

Bonfiglioli utilizza l’approccio meccatronico anche in fase

di progettazione definendolo “Mechatronic by Design”.

Se si considera un sistema di attuazione e controllo del

moto composto da un riduttore, un motore e un azionamento

elettrico, gli elementi critici sono l’interfaccia meccanica

tra motore e riduttore, che ne aumenta gli ingombri

e introduce elementi dissipanti energia; la connessione

elettrica tra il drive e il motore che comporta costi; un impianto

elettrico talvolta difficile da realizzare se l’ambiente

è aggressivo e, infine, il fatto di rivolgersi a più partner per

il completamento del pacchetto, il che spesso genera una

selezione sovradimensionata dei componenti rispetto alle

reali necessità.

Nel suo centro di eccellenza di Rovereto, il Bonfiglioli Mechatronic

Research, Bonfiglioli persegue l’obiettivo di massimizzare

i risultati relativi alle aspettative citate. L’integrazione

tra motore e riduttore con una soluzione compatta

può eliminare la debolezza dell’interfaccia meccanica con

evidenti miglioramenti in termini di efficienza energetica e

di riduzione degli ingombri. La conoscenza del campo di

funzionamento del motore e degli stress meccanici che

può generare porta a ottimizzare tutte le componenti meccaniche

di interfaccia. L’integrazione del drive a bordo motore

annulla la necessità di connessione elettrica portando

anche una drastica riduzione dei disturbi elettromagnetici

condotti e irraggiati.

La generazione di una soluzione compatta impone inoltre

un unico partner, ottimizzando l’interfaccia tecnico/applicativa

del cliente che dialoga con un solo referente per lo

sviluppo dell'applicazione. La conoscenza approfondita di

tutte le componenti della soluzione integrata evita il sovradimensionamento

che normalmente viene previsto laddove

non si conosce quale sarà il motore che il cliente accoppierà

al riduttore o l’azionamento che piloterà il motore. Lo

stesso vale per le tolleranze meccaniche, le caratteristiche

elettriche e il software di controllo del drive: un insieme

di fattori che soddisfa il cliente con una soluzione specifica

per la sua applicazione, in grado di massimizzare

prestazioni, flessibilità e risparmio energetico. l

(Marco Bertoldi è Sales Manager Industrial Mechatronic

Drive Solutions presso Bonfiglioli Riduttori)

78 l febbraio 2016 PubliTec


HANNOVER EXPRESS

L’unico volo DIRETTO

dall’Italia ad Hannover.

L’UNICA POSSIBILITÀ di visitare

la fiera per 8 ore in un solo giorno

la soluzione ideale

per risparmiare

tempo e denaro

Volo speciale

in esclusiva

Martedì 26 aprile

da Bergamo Orio al Serio

Il pacchetto Hannover Express prevede

tutto quanto necessario per arrivare in fiera

rapidamente e senza pensieri. La partenza è prevista

alle ore 7.30 da Bergamo e, all’arrivo ad Hannover, pullman

privati conducono direttamente in Fiera: l’ingresso

ai padiglioni è immediato grazie alla tessera precedentemente

fornita. Alle ore 18 circa nuovo trasferimento all’aeroporto ed imbarco

sul volo per Bergamo. L’arrivo è previsto alle ore 22 circa.

Il pacchetto Hannover Express è apprezzato da molti anni

dai visitatori e dagli espositori per invitare in fiera clienti e rivenditori.

Quote di partecipazione per persona:

fino al 31 gennaio 600 € + IVA - dal 1 febbraio 730 € +IVA

Per informazioni e prenotazioni:

Hannover Express - Tel. 02 53578213

E-mail: hannoverexpress@publitec.it - Prenotazioni on line: http://www.hannoverexpress.it


Associazione Italiana Costruttori Organi di Trasmissione e Ingranaggi

Italian Transmission Elements and Gears Manufacturers Association

assofluid

Galbiati Group

Engineering ing & Machining

assiot.it


L

A PAROLA A...

we invite to speak...

A un passo dalla terra promessa

Tomaso Carraro,

Presidente Assiot

Tomaso Carraro,

President of Assiot

Viale Fulvio Testi 128, Cinisello Balsamo. Questo è il nuovo indirizzo, nella zona

nord di Milano, dove ASSIOT, dopo alcuni anni di permanenza nella sede di

Federazione ANIE in Viale Lancetti, ha traslocato i propri uffici.

Con la dovuta ipocrisia istituzionale potrei facilmente raccontarvi che la scelta

è stata dettata da fattori tecnico-logistici, per esempio che la nuova sede è

molto più facilmente accessibile da chi arriva da fuori il capoluogo lombardo.

In realtà, esistono ragioni più articolate che hanno suggerito questo cambiamento,

tra queste, fondamentale, il fatto che ASSIOT non sia più associata a

ANIE.

Molti ricorderanno che la scelta di aderire al raggruppamento delle aziende

del settore elettrotecnico ed elettronico, idea che creò un acceso dibattito tra

i soci ASSIOT, puntava ad avvicinare il mondo della meccanica a quello dell’elettronica

e informatica allo scopo di creare la casa comune per le tecnologie

della meccatronica. In particolare si prefiguravano sinergie molto forti con

ANIE Automazione in quanto i comparti che rappresentiamo sono quelli in cui

la meccatronica trova la propria naturale applicazione: automazione e trasmissione

di potenza. Inoltre, l’obiettivo era quello di coinvolgere anche la terza

“gamba” fondamentale di questa tecnologia, la fluidodinamica, e rappresentare

così l’intera filiera del settore.

Non a caso i promotori di questa rivista, nonché gli organizzatori di TECO, sono

ASSIOT, ASSOFLUID e ANIE AUTOMAZIONE.

A questo punto potrebbe essere logico dedurre che la nostra uscita da Federazione

ANIE certifichi il fallimento della strategia che abbiamo perseguito negli

ultimi anni, vero e proprio cavallo di battaglia della mia presidenza.

Personalmente non lo considero tale, anche se sicuramente le prospettive

erano ben differenti e c’è un po’ di delusione, ma credo che si tratti di un incidente

di percorso, ovvero, ritengo che non si siano create le condizioni che

ci aspettavamo ma, anche, che la strada iniziata sia quella giusta e che sia

necessario percorrere altre vie per raggiungerla.

ANIE in questi anni ha lavorato per mantenere e accrescere la propria leadership

nei settori core di elettronica e elettrotecnica. Per questa ragione ha puntato

a settori come l’energia e a comparti spesso legati al mondo degli appalti

nazionali e internazionali piuttosto che aprirsi a settori innovativi del manifatturiero

che, invece, riteniamo siano la vera spina dorsale della nostra

industria e che quindi andrebbero meglio valorizzati. Con questo non intendo

criticare le posizioni di ANIE, che anzi ritengo sensate perché coerenti agli scopi

dei propri associati e perché comunque indirizzate a settori strategici per

il nostro paese; purtroppo però non le ritengo compatibili con le strategie di

ASSIOT.

Personalmente penso che la meccatronica non sia un “di cui” dell’elettronica,

ma che si tratti di una disciplina di base, che trova applicazione in settori sempre

più vasti della nostra industria, in cui le diverse conoscenze si integrano

fino a fondersi.

Chi produce trasmissioni per trattori non è più un “meccanico” ma un “meccatronico”,

tanto più chi i trattori stessi li progetta e costruisce. In fondo lo dice

la parola stessa: “meccatronica” non “meccanica per l’elettronica” o viceversa

“elettronica per la meccanica”. E, in quanto tale, ritengo abbia bisogno

di una rappresentanza trasversale che vada al di la delle applicazioni sui vari

prodotti: una sorta di ASSOMECCATRONICA.

Uscire da Federazione ANIE, però, non significa che aziende come Comer e

Siemens (cito due esempi a caso) non abbiano nulla da dirsi, anzi; partendo

da questa convinzione, e reputando che l’Italia possa diventare protagonista

assoluta nello sviluppo della meccatronica e quindi di Industria 4.0, siamo ripartiti

consolidando sempre di più il legame con ASSOFLUID (le due associazioni

risiederanno nello stesso stabile) ma anche con la forte intenzione di

continuare il cammino intrapreso con ANIE Automazione con cui, mi auguro,

proseguirà la collaborazione che potrà e dovrà andare oltre alle già positive

esperienze di InMotion e TECO.

Da queste basi partirà il lavoro del nuovo Presidente e Consiglio Direttivo

ASSIOT che verrà eletto nel corso del 2016.

A Mosè Dio non permise di entrare nella terra promessa, ma lo stato di

Israele nacque comunque…

Close to the Promised Land

Viale Fulvio Testi 128, Cinisello Balsamo. This

is the new address, in northern Milan, where

ASSIOT, after a few years in the Federazione

ANIE headquarters on Viale Lancetti, moved its

premises.

With the due institutional hypocrisy, I could

easily tell you that this choice was dictated by

InMotion

technical-logistical factors, that the new site is

much more easily accessible for those arriving

from outside Milan, for instance.

Actually, the reasons that inspired this change

are more articulated. Among these, one

essential factor is that ASSIOT is no longer a

member of ANIE.

Many might recall that the choice to join the

federation of the electrical engineering and

electronics companies, which provoked a lively

debate among ASSIOT members, aimed to

bring the world of mechanics closer to the one

of electronics and computer science, with the

(continues)

february 2016 l 81


we invite to speak...

continues from previous page

purpose of creating a common home for mechatronics technologies. In

particular, very strong synergies with ANIE Automazione were expected, as

the industries that we represent are those where mechatronics naturally

applies: automation and power transmission. Moreover, the aim was

also involving the third essential “leg” of this technology, fluid dynamics,

and thus representing the entire sector. It is no coincidence that the

promoters of this magazine, as well as the organizers of TECO, are ASSIOT,

ASSOFLUID, and ANIE AUTOMAZIONE. At this point, It could be logical to

infer that leaving Federazione ANIE declares the failure of the strategy that

we pursued over the years, which has been a veritable strong point of my

presidency. Personally, I do not consider it as such, although the prospects

were very different and we are a little disappointed. However, I believe that

this is just a speed bump; I think that we did not create the conditions that

we expected, but I also think that the road we have taken is the right one

and that it is necessary to follow other paths to achieve it.

In these years, ANIE has worked to retain and increase its leadership in the

core sectors linked to electronics and electrical engineering. This is why

it aimed at sectors such as energy and industries, which are often linked

to the world of national and international contracts, rather than aiming at

innovative sectors of the manufacturing industry, which we consider as the

true backbone of our industry and should therefore be better promoted.

By stating what above, my intention is not to criticize ANIE positions; on

the contrary I think they are logical, consistent with the mission of its

associates and involved with core sectors of our economy. Unfortunately,

however, I don’t consider these positions to be in line with ASSIOT

strategies. Personally, I don’t consider mechatronics as a part of

electronics, but rather as a basic discipline, with industrial applications

constantly growing in number and where different technologies are

integrated with each other, and finally merge.

Those who make tractor transmissions are no longer “mechanicals” but

“mechatronics”, especially those who design and manufacture these same

tractors. In the end, the name says it all: “mechatronics”, not “mechanics

for electronics” or, vice versa, “electronics for mechanics”.

However, the decision to leave Federazione ANIE doesn’t mean that

companies like Comer and Siemens have nothing in common; on the

contrary, they have common interests indeed. Based on this conviction,

and considering that Italy may become a protagonist in the development

of mechatronics, and then of Industry 4.0, we started afresh consolidating

more and more our relation with ASSOFLUID (the two associations will

reside in the same building), but also with a strong will to continue the path

taken with ANIE Automation, with which we will continue to collaborate, in a

partnership that can and must go beyond the already positive experiences

of InMotion and TECO. These are the starting points for the work of the new

ASSIOT President and Board of Directors, which will be elected in 2016.

God did not allow Moses to enter the promised land, but the state of Israel

was established anyway...

Cambio sede e iniziative

congiunte

Dallo scorso mese di gennaio,

ASSIOT - Sistemi di Trasmissione

e Potenza, ha trasferito la sede

in viale Fulvio Testi 129 -

20092 Cinisello Balsamo.

Tel. 02 2441 2930.

I nuovi uffici ASSIOT si trovano

nello stesso edificio dell’Associazione

di categoria Assofluid, il

che favorirà ulteriormente le sinergie

tra due Associazioni che

fin d’ora stanno programmando

una serie di iniziative congiunte.

New headquarters

and joint events

Assiot Motion & Power

Transmission Systems, has

been in its new headquarters

since January. The new

address and telephone

number are: viale Fulvio

Testi 129 - 20092 Cinisello

Balsamo; tel. 02 2441 2930.

The new ASSIOT headquarters

are located in the same

building of the trade

association Assofluid. This

will favour further synergies

between the two associations

that have already started

planning joint events.

Evento TECONETWORK

Il 23 febbraio 2016 a Milano, presso

l’Istituto Piero Pirelli, WEB@LIVE,

in collaborazione con ASSIOT e

ASSOFLUID, organizza la prima

edizione del learning event sul web

marketing indispensabile “TECO-

NETWORK: Chi sale si salva”.

L’evento, prendendo spunto da testimonianze

e case history di successo,

darà adito al confronto tra le

associate ASSIOT, ASSOFLUID e

ANIE Automazione che animano

quotidianamente TECONETWORK,

la community dedicata ai protagonisti

del mondo della meccatronica

per l’automazione e la trasmissione

di potenza.

Per info: ASSIOT: 02 24412930 -

ASSOFLUID: 02 29010411.

TECONETWORK event

The 23 rd February 2016 at the

Piero Pirelli institute in Milan,

ASSIOT and ASSOFLUID, in

collaboration with Libera adv, will

hold the first event on essential

web marketing: “TECONETWORK:

The He who rises, prospers”. The

event, based on successful real

life stories and case studies, will

help to stoke the relationship

between the ASSIOT, ASSOFLUID

and ANIE Automazione members

who are the lifeblood of

TECONETWORK, the community

dedicated to all working in

automation mechatronics and

power transmission.

82 l febbraio 2016 PubliTec


N OTIZIE DALL'ASSOCIAZIONE

news from the association

Corso di formazione “Acquistare le lavorazioni a prezzo target”

Il 9 e 10 marzo 2016 si terrà il corso “Acquistare le lavorazioni a prezzo target”.

La determinazione dei prezzi d’acquisto di parti meccaniche si basa sulla conoscenza

di fattori quantitativi, quali tempi di lavorazione, quantità di materiali e trattamenti

utilizzati, e di parametri di costo, quali tassi orari e costo unitario dei materiali impiegati.

Entrambi sono funzione delle tecnologie, processi utilizzati e caratteristiche

dei mercati di fornitura. La capacità di analizzare questi fattori costituisce una componente

essenziale della professionalità del compratore. Il percorso formativo proposto,

ricco di esempi applicativi e di interazioni tra docente e partecipanti, metterà

questi ultimi in condizione di verificare la congruità delle quotazioni dei fornitori.

Gli obiettivi del corso sono: conoscere i fattori quantitativi e i parametri di costo che

concorrono alla determinazione del prezzo di acquisto delle lavorazioni meccaniche;

utilizzare le tecniche più avanzate di analisi dei driver di costo delle forniture di lavorazioni

meccaniche, per poterle gestire al meglio; familiarizzare con le tecniche di

analisi dei cost driver delle forniture.

Per info: ASSIOT: 02 24412930 - ASSOFLUID: 02 29010411.

Percorsi info-formativi

Il 15 e 16 marzo 2016 si terrà il corso “I trattamenti termici degli ingranaggi”.

Il corso, che si rivolge prevalentemente a tecnici e progettisti, nonché

al personale di produzione del settore meccanico, ha carattere di base

e si propone di approfondire le tematiche relative alla scelta dei

materiali per ingranaggi e al loro trattamento termico sia di tipo massivo

che superficiale; particolare attenzione viene data alle trasformazioni

strutturali subite dalle varie tipologie di materiali utilizzati durante

tali trattamenti e agli importanti fenomeni, ad essi collegati, di

deformazione e/o distorsione delle ruote dentate.

Il corso è prettamente pratico-applicativo; i vari argomenti saranno

presentati con un gran numero di esempi, limitando invece gli aspetti

teorici a quanto è strettamente indispensabile.

La formazione ASSIOT propone i corsi secondo il calendario suggerito

ma viene offerta la possibilità di organizzarli presso la sede aziendale,

venendo incontro alle esigenze logistiche e di calendario delle

singole Aziende.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni è possibile visitare il sito

www.assiot.it alla pagina “Corsi” o contattare la segreteria organizzativa

Assist MP Srl alla mail assistmp@assiot.it o tel. 02 2441

2930.

“Purchasing at target price” training course

The 9 th and 10 th March 2016 are the dates for the “Purchasing at target price”

training course.

Determining prices for mechanical components is based on quantitative factors

like volume, treatments used and cost parameters like hourly production rates

and unit costs of the materials. These points are guided by technology, processes

used and the characteristics of supply.

The ability to analyze these factors is a crucial aspect of a purchaser’s

professional profile. This course, featuring a wealth of real life examples and

plenty of interaction between teachers and participants, will put the latter in the

condition of ably checking the correctness of any supplier quote.

The goals of the training course are: get to know and understand quantitative

cost parameters which can be a determining factor in final purchasing price;

using the most advanced techniques to analyze cost drivers in mechanical

component supply, to then manage them in the best way possible; become

familiar with supply cost driver technical analysis.

For information call: ASSIOT: 02 24412930 - ASSOFLUID: 02 29010411.

InMotion

Info-training courses

The 15 th and 16 th March 2016 will see the arrival of the

“Thermal treatments for gearing” course.

The course, which is ideal for technicians and designers,

but also mechanical sector production personnel, is an

introductive experience and will go into the details of choosing

gearing materials and their successive heat treatment, both

case hardening and surface level only. Particular attention will

be given to the structural transformations undergone by the

different materials in question and the importance, connected

to this, of deformation and/or distortion of toothed gearing.

The approach to the course will be highly practical with all

issues featuring a number of genuine examples, limiting the

theoretical aspect to that which is strictly necessary.

Remember that while ASSIOT has a scheduled training program,

it is also possible to organize training at your company HQ,

meaning all logistic and timing questions are entirely catered for.

For further information and registration go to www.assiot.it on

the page “Courses” or contact the secretary’s office of Assist MP

Srl at the address assistmp@assiot.it or call 02 2441 2930.

february 2016 l 83


Assofluid, per la tutela e la promozione del settore oleoidraulico e pneumatico

A.I.R. PNEUMATIC CENTER

A.N.I.P.L.A. Associazione Nazionale

Italiana per l'Automazione

A.P.I.

A.R. ELLE COMPONENTI

OLEODINAMICI

A.V.I.

AEGI CLAMPS

AIDAM - Associazione Italiana

di Automazione Meccatronica

AIDRO

AIRON

AIRWORK PNEUMATIC EQUIPMENT

ALFAMATIC

ARGO-HYTOS

ARTEC

AS ASTON SEALS

ASSIOT - Associazione Italiana

Costruttori Organi di Trasmissione

e Ingranaggi

ATC (ITALIA)

ATOS

AVENTICS

AZ PNEUMATICA

BENTELER DISTRIBUZIONE ITALIA

BERARMA

BONDIOLI & PAVESI

BONESI PNEUMATIK

BOSCH REXROTH OIL CONTROL

BOSCH REXROTH

BREVINI FLUID POWER

BSG KUHNKE SOLUTIONS

BUCHER HYDRAULICS

BÜRKERT CONTROMATIC ITALIANA

C.M.C. ITALIA

C.MATIC

C.O.P.E. COMPONENTI

OLEODINAMICA PNEUMATICA

ELETTRONICA

CAMOZZI

CASAPPA

CBF

CLUB MECCATRONICA

COFLUID

CONFORTI OLEODINAMICA

CONNESSIONI E TENUTE

CORCOS INDUSTRIALE

COSAPPO

CY.PAG.

D.N.P. INDUSTRIALE

D.R.A.

DALMAR

DICEM - UNIVERSITA’ DEGLI STUDI

DI CASSINO E

DEL LAZIO MERIDIONALE

DIEF - UNIVERSITA' DEGLI STUDI

DI MODENA E REGGIO EMILIA

DIMEAS - POLITECNICO DI TORINO

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

INDUSTRIALE - UNIVERSITA'

DEGLI STUDI DI PARMA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

INDUSTRIALE - UNIVERSITA’

DI BOLOGNA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

INDUSTRIALE

E DELL’INFORMAZIONE

E DI ECONOMIA - UNIVERSITA’

DEGLI STUDI DI L’AQUILA

DIPARTIMENTO DI MECCANICA -

POLITECNICO DI MILANO

DITEN - UNIVERSITA' DEGLI STUDI

DI GENOVA

DMMM - POLITECNICO DI BARI

DUPLOMATIC OLEODINAMICA

E.P.P. EURO PRESS PACK

EATON FLUID POWER

EFFEGI SYSTEMS

ELETTROTEC

ELLECI

EMMEGI

ENERPAC

EPE ITALIANA

EUROMAT

F.LLI GIACOMELLO DI GIACOMELLO

ORLANDO BRUNO & C.

F.LLI TOGNELLA

FAI FILTRI

FARBO

FARO OLEODINAMICA

FESTO

FIERA MILANO MEDIA

FIERA MILANO

FLUCOM

FLUID-PRESS

FLUIDMEC

FRIDLE GROUP

GRADITO OLEODINAMICA

GRICES HYDRAULIC CYLINDERS

GTA LOMBARDIA

GUARNITEC

H.P.S. CENTRO OLEODINAMICO

DIVISIONE MOBILE

H.T.I. GROUP

HAWE ITALIANA

HI-FLEX ITALIA

HV HYDRAULIC

HYDRECO HYDRAULICS ITALIA

HYDROCONTROL

HYDRONIT

HYDROTECHNIK ITALIA

HYDROVEN

I.M.M. HYDRAULICS

IMI PRECISION ENGINEERING -

NORGREN

INTERMOT

INTERTRACO (ITALIA)

ISTITUTO PER LE MACCHINE

AGRICOLE E MOVIMENTO

TERRA (IMAMOTER - CNR)

ITALIA FLEX

KONFIT ITALIA

LARGA

LINDE HYDRAULICS ITALIA

M.B. ITALIA

M.C.S. HYDRAULICS

MAC TUBI

MARCEGAGLIA - Divisione Tubi Trafilati

MARZOCCHI POMPE

MATRIX

METAL WORK

METAU ENGINEERING

MINI PRESS

MITA OLEODINAMICA

MOOG ITALIANA

MP FILTRI

NEM

NET.FLUID

NORD FLUID

NR di NISOLI

O.M. OLEODINAMICA

O.M.F.B. HYDRAULIC COMPONENTS

ODE

OFFICINE MECCANICHE CIOCCA

OILCOMP

OILGEAR TOWLER

OLEO MECCANICA INDUSTRIALE

COMPONENTI

OLEOBI

OLEODINAMICA 2MP

OLEODINAMICA GECO

OLEODINAMICA GIANNINI

OLEODINAMICA MARTINALLI

OLEODINAMICA SEGUINI

OLEOTEC

OLEOWEB

OMT

OP

P SYSTEM

PARKER HANNIFIN ITALY

PARKER HANNIFIN MANUFACTURING

PNEUMAX

PRECISION FLUID CONTROLS

PROCOM CONTROL FLUID

PROMATEC

PUBLITEC

RACCORDTUBI

RIMA

RONZIO OLEODINAMICA

RP SANTINI

RUBINETTERIA PARMENSE

RUDIFLEX

SAE FLEX

SAF

SAI

SALAMI

SERTO ITALIANA

SESINO COSTANTE

SETTIMA MECCANICA

SISTEM PNEUMATICA

SLANZI OLEODINAMICA

SMART PROTECTIONS

SMC ITALIA

SOGEAC

SOMI

STAMPOTECNICA

STAUFF ITALIA

STIMA

STUCCHI

SYSTEM FLUID

TD MOUNTINGS

TECNICHE NUOVE

TESEO

TIERRE GROUP

TITAN ENGINEERING

TOR-MEC

TOSONI FLUIDODINAMICA

UFI HYDRAULIC DIVISION

UNI GASKET

VERZOLLA

VESTA AUTOMATION

VIVOIL OLEODINAMICA VIVOLO

VUOTOTECNICA

WAIRCOM MBS

WALVOIL

ZEC

www.assofluid.it


L A PAROLA A...

we invite to speak...

Digitalizzazione aziendale:

sfida o necessità?

Domenico Di Monte,

Presidente Assofluid

Domenico Di Monte,

President of Assofluid

Partiamo dal presupposto che l’industria 4.0 in Europa, o Smart Manufacturing, non è

più solo una scommessa o un timido trend, ma una realtà che sta cambiando lo scenario

industriale mondiale e l’organizzazione delle aziende a prescindere dal settore. La digitalizzazione

delle aziende rappresenta una necessità imprescindibile per allineare la

propria proposta di “valore” alle richieste del mercato e la propria organizzazione produttiva

e gestionale in modo che possa supportare tale proposta. Il quesito da porsi non è

se siamo pronti per questo tipo di innovazione, ma se abbiamo realmente compreso su

cosa verte l’innovazione stessa. La parola “digitalizzare” non è più legata solo a progetti

abitualmente gestiti dall’IT, ma a un cambio di paradigma che coinvolge il prodotto e l’intera

catena del valore aziendale e tutte le funzioni in essa rappresentate più o meno direttamente.

Digitalizzare significa dunque riconsiderare l’operatività aziendale valorizzando

la gestione del “dato” come uno degli elementi centrali su cui strutturare i processi e

le attività. Focalizzando l’attenzione più sul prodotto che sul processo produttivo (la fabbrica

intelligente) è evidente come la natura dei prodotti stia di fatto cambiando radicalmente

e sempre più spesso le industrie stiano iniziando ad offrire i loro prodotti come

veri e propri “servizi”. L’obiettivo dei produttori non è più unicamente legato alla massimizzazione

della singola vendita, ma alla generazione di collaborazioni durature con il

cliente in ottica “win-win”.

I dati, la connettività e le analisi disponibili attraverso prodotti intelligenti e interconnessi

stanno espandendo il ruolo tradizionale delle funzioni di servizio e portano alla creazione

di nuove offerte. La gestione del prodotto as a service e l’importanza assunta da veri e

propri servizi a valore aggiunto è diventata una delle principali fonti di innovazione aziendale

anche nel settore manifatturiero, generando ricavi e profitti sempre maggiori.

Un esempio concreto (ripreso anche da Porter in un trattato sulla trasformazione digitale

delle aziende) viene da Caterpillar, che ha sviluppato una gamma di soluzioni per aiutare

i clienti a gestire il proprio processo di costruzione ed estrazione mineraria. Dopo

aver raccolto e analizzato i dati per ogni macchina utilizzata in un determinato sito, squadre

del “service” di Caterpillar consigliano i clienti su dove localizzare attrezzature, come

ottimizzare il numero di macchine, riducendole ove in eccesso, o aggiungendo nuove apparecchiature

per ridurre i colli di bottiglia, e come aumentare l’efficienza del carburante

nel corso della vita utile di un’intera flotta di macchinari. Tutto questo ridefinisce sostanzialmente

la natura del lavoro di quasi tutte le funzioni all’interno dell’impresa di produzione:

ricerca e sviluppo, IT, produzione, logistica, marketing, vendite e servizio post-vendita

e l’intensità di coordinamento tra loro è costantemente in aumento. La possibilità di gestire

dati provenienti dal prodotto integrandoli con quelli provenienti dal sistema aziendale

e da fonti esterne consente di monitorare, controllare ed elaborare algoritmi e soluzioni

che ottimizzino il funzionamento in relazione al risultato applicativo che si vuole ottenere.

La ridefinizione del lavoro in tutta la catena del valore in funzione della gestione del dato

rappresenta una storica trasformazione organizzativa dell’impresa di produzione, che deve

integrare competenze digitali in maniera trasversale. In una dichiarazione Jeff Immelt,

CEO di General Electric, ha provocatoriamente detto che ogni azienda industriale dovrebbe

diventare una società di software. Questa affermazione riflette il fatto che il software

sta diventando una parte essenziale dei prodotti e dei sistemi per produrli. Lo scenario

brevemente presentato comporta numerose sfide, non ultima la gestione contemporanea

per un lasso di tempo dei prodotti “4.0” e dei vecchi prodotti, che mal si adattano

(continua)

Company Digitalization: Challenge or Necessity?

Let’s kick off with the concept that Industry 4.0 in

Europe or Smart Manufacturing, as it is known in

the US, is no longer a gamble or emerging trend,

but rather a solid reality that is changing the global

industrial scenario and how companies across many

sectors are being organized. Bringing a firm into

the digital era is an indispensable fact in aligning

the “value” proposition with market requests and

your own production and management organization

in order to best support the overall proposal. The

question being asked right now is not whether we are

ready for this innovation but whether we have fully

understood what innovation depends on. The word

”Digitalization” is certainly no longer strictly linked

to IT projects, but has undergone a whole change of

paradigm that involves the product and the complete

value chain of a company including the direct and

indirect functions represented within it. Digitalization

means reconsidering a company’s operations, valuing

“data management” as one of the central pillars

around which the company functions. Concentrating

attention on the product rather than the production

process (intelligent factory), it becomes clear that

the product is radically changing how companies

do business as the very product itself is being

transformed into a genuine “service”. The producer’s

goal is no longer solely to sell as much as possible,

but to create long term collaborations with clients

in a “win-win” vision. Data, connectivity, and analysis

through intelligent, interconnected products expands

the traditional role and function of the service thereby

creating new channels. Product management “as a

service” and the importance of added value services

have become a chief source of business innovation

in manufacturing too, creating ever greater revenues

and profits. A concrete example of this (mentioned

by Porter in an interesting essay on digital company

transformation) comes from Caterpillar, who have

developed a range of solutions that help clients

manage their own mining construction and extraction

processes. After collecting and analyzing data coming

from each piece of machinery used in a particular

site, Caterpillar “service” teams deliver a document to

the clients detailing where to find equipment, how

(continues)

february 2016 l 85


L

A PAROLA A...

we invite to speak...

N

OTIZIE DALL'ASSOCIAZIONE

news from the association

continua dalla pagina precedente

alle nuove strutture gestionali e, sopratutto, la sicurezza. Fino a poco tempo fa, i reparti IT in aziende

di produzione sono stati in gran parte responsabili della salvaguardia dei data center delle imprese,

piattaforme gestionali, computer e reti. La gestione di dispositivi intelligenti e connessi,

cambia radicalmente il lavoro per garantire la sicurezza informatica e coinvolge tutte le funzioni.

Ogni dispositivo collegato intelligente può essere un punto di accesso alla rete, un bersaglio di

hacker, o di una piattaforma di lancio per attacchi informatici. I clienti si aspettano che prodotti e

relativi dati siano al sicuro. Quindi la capacità di un’azienda di garantire la sicurezza sta diventando

una fonte di differenziazione rispetto alla concorrenza e di valore aggiunto recepito dal cliente

stesso. Quelli citati in questo breve articolo sono solo spunti di riflessione sul tema dello sviluppo

aziendale, di cui la digitalizzazione è un elemento fondante, ma che di fatto a mio avviso si

può sintetizzare con una parola sola: “coerenza”. La coerenza che vede l’azienda muoversi in

una direzione definita come un’unica entità in cui struttura organizzativa, competenze, strumenti

e strategie sono coerenti con gli obiettivi prefissati.

we invite to speak...

continues from previous page

to optimize the number of machines in use, reducing them where necessary or adding

further equipment should bottle necks be occurring. They go further, with data on

increasing fuel efficiency over the entire lifespan of a fleet of vehicles. This is redefining

the very nature of how vital functions within a production company work, whether

that be R&D, IT, production, logistics, marketing, sales and post sales. The intensity of

communication and co-ordination between these areas is constantly increasing. The

chance to integrate data coming from products with the data from the company system

and external sources means that it is possible to monitor and then check and create

algorithms and solutions that will optimize functionality in relation with the applicable

results being sought. The redefinition of work along the entire value chain, in function of

data management, represents a historical organizational transformation in production

companies, where digital skills must be integrated in a transversal manner. Jeff Immelt,

CEO of General Electric made a provocative statement in saying that every industrial

company should become a software company. This reflects that fact that software is

becoming an essential part of every product and system.

The overall scenario is still, however, fraught with challenges, the management of the

arrival of “4.0” products and the obsolescence of previous ones that no longer fit the new

management systems, and possibly even more pressing, security requirements.

Until recently, IT departments in production companies were chiefly responsible

for protecting data centers, management platforms, computers and networks. The

management of smart and connected devices changes this radically with IT security now

crossing all functions and components. Every connected device can be an access point

for a network, a target for a hacker or a platform from which to launch an electronic

attack. Clients require products and their data to be safe. Clearly, a company’s ability to

guarantee security will be a differentiation point from the competition and added value

well appreciated by the client. Here just a few points around company development, within

which digitalization will be crucial, are mentioned. These can be boiled down to just a single

word “coherence”. It means a company is moving in a defined way, whose structure, skills,

instruments and strategy are all coherent with the goals that have been set.

Il Fluid Power a SPS Italia 2016

ASSOFLUID e Messe Frankfurt Italia hanno sottoscritto un accordo di

collaborazione per la promozione del settore Potenza Fluida nell’ambito

della fiera SPS IPC Drives Italia 2016 (www.spsitalia.it), in programma a

Parma dal 24 al 26 maggio 2016. SPS IPC Drives Italia è la manifestazione

dedicata alle “Tecnologie per l’Automazione Elettrica, Sistemi e

Componenti", che nella passata edizione (2015) ha registrato la presenza

di 608 espositori, 23.454 visitatori e una superficie espositiva di

51.800 m 2 . Lo stato dell’arte impone oggi una sempre maggiore integrazione

tra le tecnologie industriali di controllo e trasmissione. In particolare

la sinergia tra il comparto della potenza fluida e quello elettrico/elettronico,

dunque il concetto di “meccatronica”, è alla base dello sviluppo

di soluzioni innovative e di successo.

La collaborazione tra ASSOFLUID e Messe Frankfurt Italia nasce dalla

volontà di utilizzare uno scenario particolare e consolidato, come SPS

IPC Drives Italia, per diffondere e amplificare l’importanza e il valore di

un settore fondamentale della filiera industriale. Questo accordo fa parte

della strategia di promozione del Fluid Power nell’ambito dei settori in

cui le nostre tecnologie trovano applicazione. Per le aziende associate

ASSOFLUID che parteciperanno in qualità di espositori alla manifestazione

sono previste particolari agevolazioni.

Fluid Power at SPS Italia 2016

ASSOFLUID and Messe Frankfurt Italia signed a collaboration

agreement for promoting the Fluid Power sector in the context

of SPS IPC Drives Italia 2016 (www.spsitalia.it), scheduled in

Parma from May 24 th to 26 th of 2016. SPS IPC Drives Italia is

the event dedicated to “Technologies for Electrical Automation,

Systems and Components”, which in the past edition (2015)

recorded 608 exhibitors, 23,454 visitors and an exhibition

area of 51,800 square meters. Nowadays, the state of the art

dictates a growing integration between all industrial control

and transmission technologies. In particular, the synergy

between the fluid power sector and the electric/electronic

sector, then the concept of “mechatronics”, is at the basis of

the development of innovative and successful solutions. The

collaboration between ASSOFLUID and Messe Frankfurt Italia

stems from the will to use a particular and well-established

scenario such as SPS IPC Drives Italia to spread and increase

the importance and value of a crucial sector for the industrial

chain. This agreement is part of the promotion of Fluid Power

in sectors where our technologies shall apply. Special terms are

available to ASSOFLUID member companies that will attend the

event as exhibitors.

86 l febbraio 2016

PubliTec


N

OTIZIE DALL'ASSOCIAZIONE

news from the association

Bando di concorso per tesi di laurea

Aggiornamento pubblicazioni

Nel mese di febbraio scadono i termini per la consegna

delle Tesi del ventiduesimo concorso, promosso e organizzato

da Assofluid, per l’assegnazione di premi per Tesi

di Laurea riguardanti il settore dell’Oleoidraulica e

della Pneumatica. Destinatari di questo concorso sono

tutti i neolaureati e laureandi in discipline sia tecniche

che economico/commerciali, la cui tesi riguardi il settore

della Potenza Fluida (oleoidraulica e/o pneumatica).

Particolare attenzione sarà rivolta alle tesi che tratteranno

le seguenti tematiche:

q efficienza/risparmio energetico applicato alle macchine;

q innovazione tecnologica di materiali e/o componenti

mirata alla ottimizzazione/semplificazione dei sistemi;

q azionamenti meccatronici integrati.

Tra tutte le tesi ricevute, un’apposita Commissione

formata da esperti di aziende associate, dopo attenta

analisi e valutazione, sceglierà e premierà le quattro

ritenute più meritevoli, assegnando un premio di

2.000 Euro ciascuno.

Le domande di ammissione al concorso devono essere:

q relative agli anni accademici 2013/2014 -

2014/2015;

q nella versione ufficiale (una copia in formato cartaceo

e informatico), accompagnata da un breve riassunto

(massimo 100 righe);

q corredate dei dati anagrafici (comprensivi di indirizzo,

telefono ed e-mail) e di certificato di laurea o di

iscrizione all’università, in carta semplice;

q accompagnate dall’informativa e dal consenso per il

trattamento dei dati personali, d. lgs. 196/03, e presentate

ad ASSOFLUID entro il 29 febbraio 2016.

La premiazione, come di consueto, avverrà durante

l’Assemblea Ordinaria dei Soci, prevista nella prossima

primavera.

La locandina ufficiale del bando di concorso, inviata a

circa 70 destinatari (università, associazioni, centri di

ricerca) è scaricabile in formato PDF anche dal sito internet

associativo (www.assofluid.it) nella sezione

“Pubblicazioni-Formazione”.

ASSOFLUID ha pubblicato l’aggiornamento

della "Rilevazione statistica degli

oneri per prestazioni di personale fuori

sede", rilevazione che elabora una media

degli oneri orari dei servizi resi presso

i clienti. Il documento, in versione bilingue

(italiano e inglese), è presente sul

sito di ASSOFLUID (www.assofluid.it) e

scaricabile gratuitamente per tutti gli associati

all’interno della sezione “Pubblicazioni-Statistica”.

Le aziende non associate possono invece

acquistare la suddetta pubblicazione,

in pacchetti da 50 copie, facendone richiesta

direttamente in segreteria attraverso

il modulo presente nella sezione

“Pubblicazioni”.

Degree thesis competition

Publication update

February 2016 is the deadline for the 22 nd

competition, promoted and organized by

ASSOFLUID, that will award the best degree thesis

relating to the Hydraulic and Pneumatic sector.

This contest is addressed to all newly graduates

and near-graduates in both technical and

economic/commercial disciplines, whose thesis

concerns the Fluid Power sector (hydraulics and/or

pneumatics).

Particular attention will be paid to thesis about the

following topics:

q energy efficiency/saving applied to machinery;

q technological innovation of materials and/

or components aimed at system optimization/

simplification;

q integrated mechatronic drives.

A specific Commission formed by experts from

member associations, after a careful analysis and

consideration, will choose and award the four most

meritorious thesis, awarding a € 2,000 prize to

each of them.

InMotion

Applications for admission to the competition must be:

q relating to the academic years 2013/2014 -

2014/2015;

q in their official version (one paper copy and one

digital copy), along with a short summary (max.

100 lines);

q accompanied by personal data (including

address, telephone number and e-mail) and degree

or university enrolment certificates, on plain paper;

q accompanied by the informed consent to the

processing of personal data, d. lgs. 196/03, and

submitted to ASSOFLUID not later than February

29 th 2016.

The award-giving ceremony, as usual, will take

place during the ASSOFLUID General Assembly,

which will be held next Spring.

The official poster of the competition announcement,

sent to about 70 addresses (universities,

associations, research centres), is also available

in PDF format at the association website (www.

assofluid.it) in the “Publications-Education” section.

ASSOFLUID published the update of

the "Statistical cost survey for field

services", a survey that reports the

hourly costs of services rendered

to the customers. All ASSOFLUID

members can download the paper,

written both in Italian and English,

for free from the association website

(www.assofluid.it) in the “Publications-

Statistics” section.

Non-member companies, instead, may

buy this publication in packages of 50

copies each, requiring it directly to the

administrative office using the form

available in the “Publications” section.

february 2016 l 87


N OTIZIE DALL'ASSOCIAZIONE

news from the association

PubliTec

Norme ISO pubblicate nel 2015 / ISO Standards issued in 2015

ISO 3601/5 Oleoidraulica - Guarnizioni toroidali (O-Ring) - Parte 5: Idoneità

dei materiali elastomerici per le applicazioni industriali.

Fluid power systems - O-rings - Part 5: Suitability of elastomeric materials for

industrial applications.

ISO 3723 Oleoidraulica - Elementi filtranti - Verifica della resistenza alla deformazione

assiale.

Hydraulic fluid power - Filter elements - Method for end load test.

ISO 4393 Oleoidraulica e pneumatica - Cilindri - Serie fondamentale delle

corse del pistone.

Fluid power systems and components - Cylinders - Basic series of piston

strokes.

ISO 6020/2 Oleoidraulica - Dimensioni di fissaggio per cilindri 16 MPa

(160 bar) a stelo semplice - Parte 2: Serie compatta.

Hydraulic fluid power - Mounting dimensions for single rod cylinders, 16 MPa

(160 bar) series - Part 2: Compact series.

ISO 6020/3 Oleoidraulica - Dimensioni di fissaggio per cilindri 16 MPa

(160 bar) a stelo semplice - Parte 3: Serie compatta con alesaggi da 250

mm a 500 mm.

Hydraulic fluid power - Mounting dimensions for single rod cylinders, 16

MPa (160 bar) series - Part 3: Compact series with bores from 250 mm to

500 mm.

ISO 6432 Pneumatica - Cilindri a semplice stelo - Serie 1.000 kPa (10 bar)

- Alesaggi da 8 a 25 mm - Dimensioni di base e di fissaggio.

Pneumatic fluid power - Single rod cylinders, 1 000 kPa (10 bar) series, bores

from 8 mm to 25 mm - Basic and mounting dimensions.

ISO 6953/1 Pneumatica - Riduttori di pressione e filtro-riduttori per aria

compressa - Parte 1: Caratteristiche principali da includere nella documentazione

del fornitore e requisiti di marcatura del prodotto.

Pneumatic fluid power - Compressed air pressure regulators and filter-regulators

- Part 1: Main characteristics to be included in literature from suppliers

and product-marking requirements.

ISO 6953/2 Pneumatica - Riduttori di pressione e filtro-riduttori per aria

compressa - Parte 2: Metodi di prova per determinare le caratteristiche

principali da includere nella documentazione del fornitore.

Pneumatic fluid power - Compressed air pressure regulators and filter-regulators

- Part 2: Test methods to determine the main characteristics to be included

in literature from suppliers.

UNI ISO 8132 Oleoidraulica - Dimensioni di montaggio degli accessori di

cilindri a singolo stelo, serie 16 MPa (160 bar) media e 25 MPa (250

bar).

Hydraulic fluid power - Mounting dimensions for accessories for single rod

cylinders, 16 MPa (160 bar) medium and 25 MPa (250 bar) series.

UNI ISO 8133 Oleoidraulica - Dimensioni di montaggio degli accessori di

cilindri a singolo stelo, serie 16 MPa (160 bar) compatta.

Hydraulic fluid power - Mounting dimensions for accessories for single rod

cylinders, 16 MPa (160 bar) compact series.

ISO 10762 Oleoidraulica - Dimensioni di fissaggio dei cilindri - Serie 10

MPa (100 bar).

Hydraulic fluid power - Mounting dimensions for cylinders, 10 MPa (100

bar) series.

ISO 10767/1 Oleoidraulica - Determinazione dei livelli di oscillazione di

pressione generati in sistemi e componenti - Parte 1: Metodo per la determinazione

della sorgente di oscillazione della portata e dell’impedenza

delle pompe.

Hydraulic fluid power - Determination of pressure ripple levels generated in

systems and components - Part 1: Method for determining source flow ripple

and source impedance of pumps.

ISO 10771/1 Oleoidraulica – Prove di fatica degli involucri metallici in

pressione - Parte 1: Metodo di prova.

Hydraulic fluid power - Fatigue pressure testing of metal pressure-containing

envelopes - Part 1: Test method.

ISO 18413 Oleoidraulica - Pulizia di parti e componenti - Documenti di

controllo e principi di raccolta, analisi e risultati della contaminazione.

Hydraulic fluid power - Cleanliness of components - Inspection document

and principles related to contaminant extraction and analysis, and data reporting.

ISO 19973/1 Pneumatica - Valutazione dell’affidabilità dei componenti

mediante prove - Parte 1: Procedure generali.

Pneumatic fluid power - Assessment of component reliability by testing -

Part 1: General procedures.

ISO 19973/2 Pneumatica - Valutazione dell’affidabilità dei componenti

mediante prove - Parte 2: Valvole di controllo della direzione.

Pneumatic fluid power - Assessment of component reliability by testing -

Part 2: Directional control valves.

ISO 19973/3 Pneumatica - Valutazione dell’affidabilità dei componenti

mediante prove - Parte 3: Cilindri con stelo.

Pneumatic fluid power - Assessment of component reliability by testing -

Part 3: Cylinders with piston rod.

ISO 19973/5 Pneumatica - Valutazione dell’affidabilità dei componenti

mediante prove - Parte 5: Valvole di non ritorno, valvole selettrici, elementi

logici a doppia pressione (funzione AND), valvole di controllo di flusso

unidirezionale regolabili, valvole di scarico rapido.

Pneumatic fluid power - Assessment of component reliability by testing

- Part 5: Non return valves, shuttle valves, dual pressure valves (AND

function), one-way adjustable flow control valves, quick-exhaust valves.

88 l febbraio 2016


B ENVENUTI IN

WELCOME!

www.tdmountings.it

contatto/contact:

info@tdmountings.it

TD Mountings S.r.l. nasce dall’esperienza

ultraventennale dei suoi fondatori nel

settore dei fissaggi per cilindri

pneumatici.

Professionalità e conoscenza dei prodotti sono i

punti di forza della società che rappresenta una

valida alternativa sul mercato. TD Mountings sviluppa

un prodotto di alta qualità, sia dal punto di

vista dei materiali utilizzati, che della precisione

delle lavorazioni e delle soluzioni tecnologiche

applicate.

Investire nella soddisfazione del cliente significa,

infatti, fornire un prodotto affidabile a un costo

competitivo.

L’azienda persegue l’obiettivo di porsi come valido

fornitore di questa tipologia di prodotto, normalizzato

e standardizzato, offrendo la possibilità

di personalizzazioni e produzione di articoli

speciali su richiesta, a prezzi molto competitivi.

Ecco i punti di forza:

• Prodotti di alta qualità

• Pronta disponibilità a magazzino

• Consegne veloci

• Packaging personalizzati

• Ottimo rapporto qualità/prezzo

• Esaudire richieste speciali del Cliente con prodotti

e specifiche on-demand.

TD Mountings è un’azienda certificata UNI EN

ISO 9001:2008. l

TD Mountings S.r.l. was born from

the over twenty year of experience

of its founders in the production

of mounting parts for pneumatic

cylinders.

Professionalism and know-how are the

strong points of a company representing a

valid alternative in the pneumatic market.

Experience allows the company to develop

high quality products, in terms of materials,

machining precision and technology.

The company invests in customers’

satisfaction and supplies reliable products at

competitive prices.

Customers can benefit from prompt stock

availability, standardized and normalized

products as well as special products upon

request.

Main strong points as follows:

• Availability in stock

• Prompt deliveries

• Customized packaging

• Excellent value for money

• Customer’ satistaction by providing products

with specifications on demand

TD Mountings is a UNI EN ISO 9001:2008

certified company. l

l Sede/Headquarters:

Caravaggio (BG)

l Anno di fondazione/

Year of foundation:

2014

l Certificazione/Certification:

ISO 9001:2008

InMotion february 2016 l 89


B ENVENUTI IN

WELCOME!

www.elleci-rappresentanze.it

contatto/contact:

info@elleci-rappresentanze.it

Fondata nel 2001 da Luigi Chiodi, Elleci

Rappresentanze opera in Emilia Romagna

e nelle Marche rappresentando primarie

aziende di elevato livello tecnologico in ambito

oleodinamico, spaziando dal settore

industriale al petrolchimico, dal mobile

all’agricolo.

Il programma di produzione spazia dalla filtrazione

all’automazione industriale, offrendo ai clienti

finali un’ampia scelta di soluzioni attraverso le

14 aziende rappresentate.

Grazie alla competenza maturata in oltre 27 anni

di esperienza nel settore, Elleci Rappresentanze

fornisce anche un servizio di consulenza:

dalla progettazione di sistemi e impianti oleodinamici

alla filtrazione industriale, unitamente a

consulenze commerciali su analisi di mercato,

gestione clientela italiana e internazionale, gestione

nuove reti commerciali di vendita e assistenza.

Con l’aiuto di tre collaboratori operanti nelle due

sedi di Mantova e Cervia, Elleci Rappresentanze

dimostra di essere non una semplice organizzazione

intermediaria di vendita, ma soprattutto un

partner affidabile e indispensabile per tutta la

sua clientela. l

Founded in 2001 by Luigi Chiodi and

operating in the Italian regions of

Emilia Romagna and Marche,

Elleci Rappresentanze represents high

technology leading companies in the

hydraulic field, from the industrial

to the petrochemical sector, from

the mobile sector to agriculture.

Production ranges from filtration to industrial

automation, offering final customers a

wide choice of solutions through the 14

represented companies.

Thanks to the expertise acquired in over

27 years of activity, Elleci Rappresentanze

provides also an advisory services: from the

design of systems and equipment to industrial

filtration as well as business consultancy

on market analysis, Italian and international

customers management, new commercial

sales and service networks.

With the help of three employees working

in Mantua and Cervia offices, Elleci

Rappresentanze proves to be not only a

sales intermediary organization, but an

essential and reliable partner for all its

customers. l

l Sede/Headquarters:

Sustinente (MN)

l Anno di fondazione/

Year of foundation:

2001

l Filiali/Branches:

Cervia (RA)

90 l febbraio 2016 PubliTec


Il riferimento italiano

per l’automazione industriale

e di processo

3W POWER

A.T.I.

ABB - POWER SYSTEMS DIVISION

ABB - ABB SACE DIVISION

ANSALDO ENERGIA

AUTEC

B&R AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

BONFIGLIOLI RIDUTTORI

BORRI

BOSCH REXROTH

C.E.A.I. ELETTRONICA

CALVI SISTEMI

DANFOSS

DELTA ENERGY SYSTEMS (ITALY)

DKC EUROPE

DUCATI ENERGIA

E.T.A.

E.T.G.

EATON INDUSTRIES (ITALY)

ELETTRONICA SANTERNO

ELETTROPIEMME

EMERSON NETWORK POWER ITALIA

EMERSON PROCESS MANAGEMENT

ENDRESS+HAUSER ITALIA

EPLAN SOFTWARE & SERVICE

ESA ELETTRONICA

FAMAS SYSTEM

FESTO

FINCANTIERI SI

FRIEM

GEFRAN

GEOCART

GEWISS

GTEC EUROPE

HEIDENHAIN ITALIANA

HONEYWELL

I.D.&A.

INTESIS

KEB ITALIA

LACROIX SOFREL

LAPP ITALIA

LENZE ITALIA

LEVER

M.D. MICRO DETECTORS

META SYSTEM

MITSUBISHI ELECTRIC EUROPE

MOTOVARIO

NATIONAL INSTRUMENTS ITALY

NIDEC ASI

NISE

OLTREBASE

OMNICON

OMRON ELECTRONICS

PANASONIC ELECTRIC

WORKS ITALIA

PARKER HANNIFIN ITALY

PCVUE

PHOENIX CONTACT

PHOENIX MECANO

PILZ ITALIA

POWERTRONIX

PRISMA IMPIANTI

PROFACE ITALIA

PROJECT AUTOMATION

REEL

REER

RITTAL

ROCKWELL AUTOMATION

RPS - RIELLO UPS

S.D.I. AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

SAIA BURGESS CONTROLS ITALIA

SAIRA ELECTRONICS

SCHNEIDER ELECTRIC

SELEX ES

SELTA

SEW EURODRIVE

SICK

SICON

SIECAB

SIEL

SIEMENS

SODI SCIENTIFICA

SP ELECTRIC

STI

TDE MACNO

TECNOWARE

TELESTAR

TELETECNICA

TEX COMPUTER

TURCK BANNER

VIPA ITALIA

WEIDMÜLLER

WIT ITALIA

WITTENSTEIN

WONDERWARE ITALIA

YOKOGAWA ITALIA

www.anieautomazione.it


L

A PAROLA A...

we invite to speak...

Il potere innovativo della

Meccatronica

Simone Bassani,

Membro del

Comitato Direttivo

ANIE Automazione

Simone Bassani,

ANIE Automazione

Managing Board

Su queste pagine parliamo spesso di innovazione tecnologica come chiave

del successo delle aziende che riescono ad essere competitive e vincenti a

lungo termine. Ma qual è il reale contributo che può portare l’automazione,

non solo industriale, a tale processo di innovazione? La rottura degli schemi

consolidati, possibile grazie alla creazione dei prerequisiti tecnologici ma soprattutto

concettuali che derivano dalla molteplicità delle soluzioni meccatroniche

che le aziende del nostro settore propongono, può essere un buon

punto di partenza.

Sicuramente la meccatronica si sta facendo conoscere dal grande pubblico

grazie alla diffusione di beni di largo consumo a elevato contenuto tecnologico,

dai droni agli oggetti smart collegati in rete. La meccatronica racchiude

però potenzialità infinitamente più elevate poiché sarà il substrato su cui

molte discipline, non solo tecniche, ma anche economiche e sociali, cresceranno

innovandosi.

Consideriamo la possibilità di creare nuovi concetti di marketing e quindi di

consumo grazie, ad esempio, a tecnologie di packaging che renderanno

sempre più individuali i prodotti: sarà possibile realizzare macchine a configurabilità

crescente, dove con elevata flessibilità si realizzeranno, con la

massima produttività, prodotti uno diverso dall’altro. Ciò fornirà alle aziende

italiane, che già eccellono in molti campi, gli strumenti per produrre farmaci,

alimenti, pneumatici, moda, oggetti tecnologici e di design in versioni speciali,

limitate o totalmente personalizzate. Così facendo, sia gli imprenditori,

sia i ruoli che si sentono più lontani dalla razionalità delle discipline meccatroniche,

potranno operare in piena libertà creativa. Un altro esempio sono

le tecniche di imballaggio, le quali proporranno una moltitudine di forme e

soluzioni che consentiranno ai responsabili marketing di agire con strategie

sempre più focalizzate sul singolo e contemporaneamente la corsa all’individualizzazione

offrirà anche più efficacia e sicurezza ai farmaci, ai trasporti

e alla maggior parte delle attività quotidiane.

Le aziende che oggi operano nell’automazione investono in risorse e ricerca

per creare protocolli di comunicazione sempre più veloci, flessibilità nella

configurazione dei componenti di trasmissione quali motori, attuatori, riduttori,

ma anche potenza di calcolo crescente e disponibilità di intelligenza distribuita

sulle macchine. Il numero di assi controllati sarà sempre maggiore

e ogni registro, ogni regolazione, sarà controllata e renderà la macchina

completamente riconfigurabile.

Con i nuovi progetti logistici, dove veicoli autoguidati si muovono in totale integrazione

con gli operatori nel rispetto delle ultime normative di sicurezza,

si potranno movimentare mix di prodotti ad hoc, destinati a raggiungere rapidamente

quote sempre maggiori della popolazione mondiale. Anche per

far questo è necessaria una capacità di calcolo flessibile e aperta all’ambiente

circostante tramite sensori di massima precisione, integrati laddove

la misura è realmente necessaria, con elaborazione dei dati acquisiti in tempo

reale: tutto ciò fornisce indicazioni chiare su quali sono le direzioni per

la ricerca e sviluppo.

È fondamentale rendere fruibile tutte queste tecnologie alle aziende che

sviluppano idee in cerca di soluzioni realizzative oggi non ancora praticabili.

L’interdisciplinarità della meccatronica non si deve limitare alle discipline

proprie, cioè meccanica, elettronica e informatica, ma può coinvolgere

molte altre competenze, con l’intento di non mirare solo allo sviluppo dei

consumi quanto a un incremento della qualità di vita, ce lo auguriamo, per

tutti.

The Innovative Power of Mechatronics

You often talk about technological innovation

as key to the companies’ success in the long

term. But how automation can really contribute

to this process of innovation? The break of

established patterns, made possible by the

creation of technological and conceptual

prerequisites arising from the multiplicity of

available mechatronic solutions, can be a good

starting point.

Mechatronics is becoming known by the

general public thanks to the spread of high-tech

InMotion

consumer goods, from the drones to networked

smart objects. However, its potential is infinitely

high, because it will be the substrate on which

many disciplines, not only technical but also

economic and social, will grow by innovating.

Let’s consider, for example, the opportunity

to create new marketing and consumption

concepts thanks to packaging technologies that

will make products more and more customized:

it will be possible to have highly configurable

machines, where different products will be

manufactured with maximum flexibility and

productivity. This will provide Italian companies

with the tools to produce medicines, food,

tires, fashion, technology and design objects

in special variations, limited or totally

customized. So, both entrepreneurs and those

who feel more distant from the rationality of

mechatronic disciplines, will be able to operate

in full creative freedom. A further example are

the packaging techniques, which will offer a

(continues)

february 2016 l 93


we invite to speak...

continues from previous page

N

OTIZIE DALL'ASSOCIAZIONE

news from the association

multitude of shapes and solutions

that enable the marketing managers

to act with strategies increasingly

focused on the individual, and

at the same time the race to the

customization will assure more

effectiveness and safeness to

medicines, transports and most of

the daily activities.

Today, companies operating in

automation invest in resources

and research to create faster

communication protocols, flexibility

in the configuration of transmission’s

components (such as motors,

actuators, gearboxes), growing

power computing and availability of

distributed intelligence on machines.

The number of controlled axes

will be greater and every register

and controller will be checked and

will make the machine completely

reconfigurable.

With the new logistic projects, where

self-guided vehicles move in total

integration with the operators in

compliance with the latest safety

regulations, it will possible to move

mix of specific products towards ever

larger shares of world population.

Even to this, the computing capacity

needs to be flexible and open

to the surrounding environment

through high precision sensors,

integrated where the measure is

really necessary, with a real time

data processing: all this indicates

clear directions for the research and

development.

These technologies should be

accessible to all companies that

develop ideas and are in search of

constructive solutions today not yet

practicable. The interdisciplinary

nature of mechatronics should not

be limited to its own disciplines

(mechanical, electronics and IT), but

can involve many other fields, with the

aim to develop the consumptions and

increase in quality of everyone life.

Segnali di ripresa per l’industria manifatturiera italiana

Nonostante uno scenario internazionale in rallentamento, negli ultimi mesi l’industria manifatturiera italiana ha

mantenuto un profilo di lento recupero. Per la prima volta alcuni segnali di ripresa hanno caratterizzato anche il

mercato interno, grazie all’inversione di tendenza mostrata dall’economia italiana nel corso del 2015. Dopo un

triennio molto difficile, secondo le più recenti previsioni contenute nell’Analisi dei settori industriali realizzata da

Prometeia e Intesa Sanpaolo, nel periodo 2016 e 2017 si preannuncia per l’industria manifatturiera italiana un

percorso di graduale recupero con un andamento positivo del fatturato totale (+1,9% la variazione su base annua

a prezzi costanti nel 2016 e +2,3% nel 2017). Nello scenario previsionale si attende un moderato contributo

positivo offerto anche dalla domanda interna, che negli ultimi anni aveva espresso una sostanziale debolezza.

Nonostante il rallentamento del contesto internazionale, un importante sostegno al recupero del manifatturiero

italiano continuerà a originare dalle esportazioni (+3,0% e +3,7% le variazioni attese rispettivamente nel

2016 e nel 2017). Nelle previsioni la domanda estera continuerà a sostenere in prevalenza la crescita della filiera

metalmeccanica e della farmaceutica. Fra i settori più dinamici si segnala anche l’automotive. Più deboli,

al contrario, le attese per i settori fornitori di beni di consumo non durevoli e di beni intermedi.

Indice 2010=100, ciclo trend / Index 2010=100 value data, cyclo trend.

l Evoluzione del fatturato nell’industria

manifatturiera italiana.

l Italian Manufacturing Industry Turnover.

Fonte:

elaborazioni Servizio Studi ANIE su dati ISTAT

Source:

ANIE processing on ISTAT data.

Signs of recovery for the Italian manufacturing industry

Despite the instability of the international scenario, during the last months the Italian manufacturing

industry maintained a trend of slow recovery. For the first time some signs of recovery characterized

domestic market too, thanks to reversal trend shown by Italian economy in 2015. After a critical

three-year period, according to the most recent forecasts published in the report “Analisi dei settori

industriali” by Prometeia and Intesa Sanpaolo, in the two-year period of 2016 and 2017 a gradual

recovery is forecast for the Italian manufacturing industry, with a positive trend in total turnover over

the next two years (+1.9% annual change in constant prices in 2016 and +2.3% in 2017). In the

forecast scenario, a positive support for the recovery of the Italian manufacturing industry will be also

provided by the internal demand, characterized by a substantial weakness in last years. Despite the

slowdown of international scenario, a strong support for the Italian manufacturing industry recovery is

expected by exports (+3.0% annual change in constant prices in 2016 and +3.7% in 2017). According

to the forecast, in particular the demand on foreign markets will continue to favour the growth of

the Metalworking and Machinery Industry and Pharmaceuticals. Among the most dynamic sectors,

the automotive sector will be also included. On the contrary, the expectations for the providers of

intermediate and not durable goods remain weak.

94 l febbraio 2016

PubliTec


Tariffa pagata

DCB CENTRALE/PT MAGAZINE/AUT. 32/2004

valida dal 01/03/2004

CRONACA I motoriduttori epicicloidali uniscono precisione a rigidezza e dinamica spinta

TECNICA Migliorare l’efficienza energetica nei sistemi di trasmissione elettromeccanici

MATERIE PRIME Percorsi formativi e di aggiornamento per una scelta oculata

PER APPLICAZIONI INDUSTRIALI

Distributore in esclusiva per l’Italia

Supplemento a Componenti Industriali n.129 aprile 2009

AZIENDA CERTIFICATA

UNI EN ISO 9001:2000

Tecniche di produzione e lavorazione

del tubo e dei profilati metallici

PubliTec

Via Passo Pordoi 10 - 20139 Milano

N.1 - FEBBRAIO MARZO 2009

DCOOS2923

NAZ/039/2008

ISSN 2035-1798

DCOOS2922

NAZ/039/2008

www.publiteconline.it

1991 1993 1995 1997 1999

INFORMAZIONI DA E PER IL MONDO DELLA MECCANICA

NEWSMEC

Febbraio 2006 numero uno

Publitec

NEWSMEC

TrasMec

Tecnologie per la trasmissione meccanica

ALLUNGHE CARDANICHE

EGIUNTIADENTI

1

aprile 2009

Organo ufficiale assiot - Associazione Italiana Costruttori Organi di Trasmissione e Ingranaggi

PubliTec Via Passo Pordoi 10 - 20139 Milano

ELEMENTO

tubo

Supplemento a Deformazione n.154 febbraio 2009

CMM centro servizi

taglio laser tubi e lamiere

I

MTecnologie

n

otion

per la trasmissione di potenza e l’automazione

aprile 2013

PubliTec - Via Passo Pordoi 10 - 20139 Milano

Supplemento al numero 151 marzo-aprile 2013 di Componenti Industriali

2004

2006

2009

2009

2013


A

ZIENDE CITATE

company index

A

ABB ...............................................................................1

AGMA...........................................................................46

A. Mannesmann............................................................55

Anie Automazione..................................................92 - 93

Asco Numatics (Gr. Emerson Industrial Automation).........56

Assiot ...................................................................80 - 81

Assofluid...............................................................84 - 85

Aventics .......................................................................56

B

BIMU 2016 ..................................................................70

Bonesi Pneumatik ..........................................................8

Bonfiglioli Riduttori ........................................................72

Bosch Rexroth ..............................................................66

C

Cattini & Figlio.............................................................71

CT Meca.......................................................................52

D

DT Mountings ...............................................................89

E

Elleci............................................................................90

Emerson Industrial Automation.......................................42

F

Festo......................................................................22, 24

H

Hannover Express.........................................................79

Hannover Messe ...........................................................23

I

igus ................................................................15 - 4 a cop.

IMI Critical Enegineering ................................................23

Interfluid ......................................................................55

Italcuscinetti..................................................................5

M

Marzocchi Pompe .........................................................13

Messe Frankfurt............................................................30

Microingranaggi ...........................................................10

Motive .........................................................................14

N

Nord Motoriduttori .........................................................54

NSK Italia..............................................................17 - 54

NTN-SNR ...............................................................11 - 37

O

Oleodinamica Geco .......................................................34

P

Pizzato Elettrica.............................................................53

Pneumax............................................................... 1 a cop.

R

R+W Italia.............................................................29 - 52

Rockwell Automation .....................................................57

S

Samp .................................................................... 2 a cop.

Schaeffler Italia.............................................................62

Sew-Eurodrive ...............................................................38

Siemens.................................................................. 7 - 18

SIT.................................................................................9

SKF Italia......................................................................58

SPS IPC Drives Italia ....................................................91

T

Trevi by Sir ............................................................ 53 - 57

V

Vuototecnica..................................................................2

W

Winkel .........................................................................41

K

KISSsoft.......................................................................51

96 l febbraio 2016

PubliTec


PubliTec...

...una realtà sempre in movimento

I

n otion

In n Motionon

M tio

MTMTe Mecnologie Mper la

oasmissione

tr ione di potenza e l’automazione

20 dicembre 2015

MTecnologie per la trasmissione di potenza e l’automazione

15

PubliTec - Via Passo Pordoi 10 - 20139 Milano

oltre 15.000 indirizzi e-mail

personalizzati ricevono

la newsletter

con informazioni

dalle aziende

e anticipazioni

sugli argomenti trattati.

Volete ricevere la newsletter?

Volete inserire un annuncio pubblicitario

e raggiungere mensilmente oltre 15.000 nominativi?

Inviate un messaggio all’indirizzo community@publitec.it

PubliTec S.r.l

Via Passo Pordoi,10 20139 MILANO

Tel: +39 0253578.1 Fax: +39 0256814579

www.publiteconline.it e-mail: info@publitec.it

Abbonatevi a

Abbonamento annuale: per l’Italia è di € 62,00 per l’estero di € 120,00

numero fascicoli: 9 (FEBBRAIO, MARZO, APRILE, MAGGIO, GIUGNO, SETTEMBRE, OTTOBRE, NOVEMBRE, DICEMBRE).

Modalità di Pagamento:

1) Carta di credito

Online, sul sito web: www.publiteconline.it nella sezione Acquisti on-Line.

2) Bonifico Bancario

Banca: BANCA POPOLARE DI SONDRIO IBAN IT31 G056 9601 6050 0000 3946 X41 SWIFTCODE POSOIT22

intestato a PubliTec s.r.l. - Via Passo Pordoi, 10 - c.a.p. 20139 MILANO.


Energia in movimento

Web:

QuickPin

Calcolo durata

Ricerca prodotti

20 standard in 24 ore

readycable ® : ampia gamma di cavi cablati per l’impiego in catena portacavi, secondo

lo standard di 20 produttori. Configurabili e ordinabili direttamente online, spedibili

anche in 24 ore o in giornata. igus.it/readycable-finder

igus ® srl, via delle Rovedine, 4

23899 – Robbiate (LC)

Tel. 039 59061

igusitalia@igus.it

More magazines by this user