Views
2 years ago

Marche 2016, viaggi musicali e culturali nel cuore dell'Italia

Il nuovo catalogo 2016 con tutti gli appuntamenti e le opportunità per scoprire le Marche e la sua ricchezza musicale, artistica e storica. Da Rossini Opera Festival ai tour nei 100 Teatri, dal Fano Jazz by the Sea ai pacchetti Terre di Piero, le Marche ti aspettano!

Teatro Rossini Pesaro

Teatro Rossini Pesaro Teatro Tiberini San Lorenzo in Campo Tipico esempio del “teatro all’italiana”, con forma a ferro di cavallo su 4 ordini e un loggione. Fu inaugurato come “teatro nuovo” nel 1818 da Gioachino Rossini che diresse “La Gazza Ladra”, e a cui fu intitolato nel 1855. Di ampie dimensioni e dotato di ottima acustica, il teatro ospita nel corso dell’anno produzioni liriche e concerti del Rossini Opera Festival, la Stagione Teatrale, la Stagione Concertistica, il Festival Nazionale d’Arte Drammatica. Riaperto al pubblico nel 1983 dopo un accurato restauro, conserva l’aspetto originario, risalente al 1816. Inizialmente denominato ‘Teatro Trionfo’, nel 1880 fu intestato al celebre tenore laurentino Mario Tiberini. È un teatro di ‘sala’ all’interno del cinquecentesco Palazzo della Rovere, che fino al 1812 ospitava un teatrino ‘alla francese’ montato e smontato ogni volta. Tutto in legno, ha una platea a U e due ordini di palchi con sovrastante loggione. Marche, terra dei cento teatri Teatro della Rocca Sassocorvaro È un teatro di sala ricavato all’interno della famosa Rocca Ubaldinesca su commissione di Federico da Montefeltro. Presenta una struttura priva di palchi, con un solo palchettone ligneo proteso sui due lati della sala con una balconata. La volta è a tutto sesto, interamente dipinta con soggetti liberamente tratti dal repertorio tardo neoclassico, in un indaco acceso che domina fra svolazzanti putti alati. Unico nel suo genere tuttora ospita spettacoli ed eventi. Teatro Apollo Mondavio Posto di fronte alla Rocca roveresca risalente al XV secolo, l’incantevole Teatro Apollo di Mondavio fu costruito alla fine del Settecento e rinnovato nel 1887. È formato da una pianta a U con tre ordini di palchi. Nella volta del soffitto si trova una raffigurazione di Apollo al cui nome è intitolato il teatro. Molto attivo nell’800, dopo una lunga chiusura, è stato riaperto al pubblico nel 2010 e ospita una vivace stagione teatrale. Marche, terra dei cento teatri Teatro Bramante Urbania Arena Sferisterio Macerata Non distante da Palazzo Ducale sorge il Teatro intitolato, nel 1864, all’architetto Donato Bramante, originario di Urbania. Quarantaquattro palchi disposti in tre ordini e uno spazioso loggione si affacciano sulla platea. Al soffitto sono raffigurati i quattro elementi naturali (aria, terra, acqua, fuoco), mentre medaglioni con i ritratti di Raffaello, Bramante, Rossini e Girolamo Crescentini si alternano sotto i palchi. Chiuso per restauro nel 1984, è stato riaperto al pubblico nel 2001. Costruito tra il 1820 e il 1829 per volere di maceratesi benestanti, i Cento Consorti, nacque per il gioco della palla col bracciale e per spettacoli pubblici. Solo nel 1921 debuttò la prima opera lirica, Aida di Verdi. Interrotte durante la 2a Guerra Mondiale, le attività ripresero nel 1967. Ambito palcoscenico internazionale, è dotato di un’ottima visibilità e acustica naturale. Con circa 2500 posti, 104 palchi e un notevole palcoscenico, ospita grandi allestimenti. Teatro Sanzio Urbino Teatro Pergolesi Jesi Fu eretto nel 1853 sulla parte superiore del bastione della Rampa elicoidale a Urbino. È organizzato su tre ordini e un loggione che si affacciano sulla platea. L’atrio è ornato da due busti marmorei, uno raffigurante Donato Bramante e l’altro Raffaello (a cui il teatro è dedicato). L’edificio fu sottoposto a una radicale ristrutturazione tra il 1977 e il 1982, che l’ha riportato all’antica bellezza. Il Teatro della Concordia, questo il nome originale, fu inaugurato nel carnevale del 1798, non alla presenza dei nobili finanziatori ma del popolo e dei giacobini. Dotato di platea e tre ordini di palchi, dopo vari miglioramenti, nel 1883 fu intitolato a Giovanni Battista Pergolesi, celebre compositore jesino. Nel 1929 i Condomini proprietari lo vendettero al Comune. Riaperto nel 1947, dal 2005 è affidato alla Fondazione Pergolesi Spontini. Teatro della Fortuna Fano Teatro Persiani Recanati Il Teatro della Fortuna di Fano fu progettato dall’architetto Luigi Poletti mantenendo l’antica facciata del Palazzo del Podestà. Dopo la conclusione dei lavori nel 1863, la struttura venne gravemente danneggiata durante la Seconda Guerra Mondiale e fu riaperta al pubblico solamente nel 1988. La sala Poletti, con struttura a ferro di cavallo, è dotata di platea e tre ordini di palchi, loggione e balconata per un totale di circa 595 posti. Il Teatro Persiani fu voluto da Monaldo Leopardi, padre del celebre Giacomo, nel 1823 e da lui realizzato nel 1840 assieme a un gruppo di “condomini”. Con una forma a ferro di cavallo e quattro ordini di palchi, ha ospitato concerti e opere. Beniamino Gigli qui si è esibibito in varie occasioni. Dedicato dal 1898 al musicista recanatese Giuseppe Persiani, nel 2003 è stato restaurato dopo un periodo di inattività, riportandolo all’antico splendore. 6 7

In the Footsteps of Michelangelo
In the footsteps of Raffaello
2019: Year of Leonardo Da Vinci
Enjoylive Travel: enjoy the CulTOUR
Marche, land of a hundred theaters
Enjoylive Travel - Enjoy the Live!
CultourPlus by Enjoylive Travel
Marche 2016: music and culture travel in the heart of Italy