03.11.2016 Views

Maglieria Italiana n° 184 - 2° semestre 2016

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

ENGLISH TEXT<br />

ISSN: 1127-0470<br />

www.maglieriaitaliana.com<br />

Moda<br />

P-E 2017<br />

Natural glamour<br />

STILISTA<br />

Emily Diamandis<br />

Appunti di Stile<br />

Lalo Cardigans<br />

STRATEGIE<br />

Boutique creative<br />

ALL’INTERNO/INSIDE<br />

Knitwear On Stage<br />

MEN’S AND WOMEN’S<br />

FASHION SHOWS<br />

dossier<br />

Pitti Immagine<br />

Filati<br />

Première<br />

Vision<br />

Trends<br />

LE PROPOSTE PER<br />

L’A-I 2017/18<br />

ANNA SUI<br />

9 771127 047001<br />

60<strong>184</strong>


AD: PFACTORY.IT


www.un-namable.it


www.kosmika.fr


ottobre <strong>2016</strong> n. <strong>184</strong><br />

sommario<br />

Attualità<br />

8 Strategie - Boutique creative<br />

16 Stilista - Emily Diamandis<br />

56 Appunti di stile - Lalo Cardigans<br />

60 Stilista emergente - Gretel Zanotti<br />

62 Nuovi talenti - Simone Missano<br />

64 Incontri - Maria Laura Wandavi<br />

118 Business news<br />

250 Incontri - Moneo by Neo Modena<br />

276 Brand to watch<br />

320 Dossier - Première Vision<br />

342 Fibre&filati - Cariaggi<br />

343 Spot & Testimonial - Filmar<br />

344 Company profile - Fashion For Breakfast<br />

346 Saloni<br />

Moda<br />

20 Un-namable - Coal steel chalk<br />

26 Catherine André - Art of Messico<br />

32 M.Patmos - Modern vintage<br />

38 Antonio Marras - Nostalgic allure<br />

44 Ultrachic - Six modern stories<br />

48 LFDL laFABBRICAdelLINO - Fashion loft<br />

52 Rag & Bone - American heritage<br />

70 Close up donna - Zoom fashion per la<br />

p-e 2017<br />

244 Close up uomo - Dettagli knitwear p-e 2017<br />

16<br />

325<br />

69<br />

38<br />

Speciale sfilate<br />

69 Knitwear On Stage<br />

le collezioni degli stilisti<br />

per la primavera-estate 2017<br />

56<br />

DONNA<br />

79 Milano • Milano Moda Donna<br />

119 Parigi • Collections de Pret-à-Porter Paris<br />

149 New York • New York Fashion Week<br />

181 Londra • London Fashion Week<br />

206 Berlino • Mercedes-Benz<br />

Fashion Week Berlin<br />

212 Copenaghen • Copenhagen Fashion Week<br />

220 Barcellona • 080 Barcelona Fashion<br />

228 Madrid • Mercedes-Benz<br />

Fashion Week Madrid<br />

236 San Paolo • São Paulo Fashion Week<br />

UOMO<br />

251 Milano • Milano Moda Uomo<br />

277 Parigi • Paris Mode Masculine<br />

298 New York • New York Fashion Week: Men’s<br />

306 Londra • London Collections: Men<br />

314 Barcellona • 080 Barcelona Fashion<br />

Dossier filati<br />

325 da Pitti Immagine Filati<br />

le novità delle filature per l’a-i 2017/18<br />

Knitwear On Stage: tutte le sfilate degli stilisti!


C O L L E Z I O N I A U T U N N O I N V E R N O 2017/2018 F A L L W I N T E R C O L L E C T I O N S<br />

www.pecci1884.it


strategie<br />

di Mariacristina Righi<br />

BOUTIQUE<br />

CREATIVE<br />

Per vincere la sfida con il web<br />

e le catene, i punti vendita<br />

si devono trasformare. E le<br />

opportunità sono veramente<br />

tantissime<br />

Per fronteggiare la concorrenza del web e delle catene, le boutique<br />

devono diventare sempre più interessanti e proporre uno shopping<br />

creativo ai consumatori. L’incontro Retail Now a Milano Il punto<br />

vendita come media: opportunità e strategie di field marketing,<br />

organizzato da Paola Gallas Networking, ha presentato una nuova<br />

interpretazione della boutique che diventa prima di tutto uno<br />

strumento di comunicazione in grado di parlare al consumatore<br />

e attirare la sua attenzione, non solo per la merce in vendita, ma<br />

per l’esperienza di shopping da sperimentare al suo interno. Fabrizio<br />

Valente, partner fondatore di Kiki Lab-Ebeltoft Italy, società<br />

di consulenza per il retail, ha parlato di punto vendita addirittura<br />

come ipermedia.<br />

“Ogni anno Kiki Lab presenta una relazione sul retail - ha spiegato<br />

Fabrizio Valente - Per quella di quest’anno sono stati selezionati<br />

oltre 200 casi (punti vendita) da 30 paesi con una selezione finale<br />

di 45 da 21 paesi. Analizzando i diversi casi abbiamo riscontrato<br />

un’esplosione di potenzialità comunicative sia in senso positivo<br />

che negativo. In questo mondo di iperscelta e ipercomunicazione<br />

less is more”.<br />

Secondo Valente, il mercato di ieri si poteva paragonare al canottaggio<br />

che richiede coordinamento individuale e di team.<br />

“I canottieri non guardano dove vanno quindi navigano solo in acque<br />

calme. Oggi tutto è cambiato. Le regole di ieri valgono ancora ma il<br />

contesto è molto più difficile. Il mercato di oggi assomiglia molto di<br />

più al rafting in acque agitate. Oggi la selezione è molto più forte,<br />

Rogo’s (Abu Dhabi)<br />

molti negozi hanno chiuso, il mercato premia chi riesce a navigare<br />

in questo contesto. Chi non chiude quindi può andare più veloce<br />

e seguire la corrente. Chi chiude lascia clienti che possono essere<br />

attirati da chi resta”.<br />

TREND & MACROAREE<br />

La relazione di Kiki Lab ha messo a punto 5 macroaree, 17 tendenze<br />

per 45 casi. Dai casi analizzati sono uscite le macroaree<br />

divise nelle diverse tendenze.<br />

Tech e Digital si divide in Human tech, Cross-canalità, Nativo Digitale.<br />

L’area dei Valori comprende Greentailing e Negozio Etico.<br />

Experience si divide in Efficienza per i clienti, Coinvolgimento<br />

attivo, Servizio 360°, Multi-sensor, Sogni accessibili, Socialtailing,<br />

Retail Liquido.<br />

L’area dell’Aassortimento ha come trend Scelta2, Personalizzazione,<br />

Glocalism.<br />

Nell’area della Comunicazione troviamo Identità Visiva, Storytelling.<br />

“In un mondo sempre più digitale, la multisensorialita acquisterà<br />

sempre più importanza - ha spiegato Valente - Un ottimo esempio<br />

per l’area Experience e la tendenza Multi-sensor è Starbucks che<br />

continua a innovare e a creare nuovi format. Il più recente è Starbucks<br />

Reserve Roastery che torna a mettere al centro del business<br />

il caffè in punti vendita con la torrefazione di miscele top, aree<br />

degustazione, ambienti raffinati e caldi. La torrefazione con il suo<br />

profumo aiuta moltissimo la multisensorialita e il coinvolgimento<br />

del cliente nel processo del caffè. Altro esempio interessante per<br />

l’area Experience e la tendenza Sogni accessibili è La fabrique<br />

de lunettes, una boutique di ottica che vende (e noleggia) solo<br />

montature vintage in un ambiente rétro con noleggio anche in<br />

abbonamento per un giorno o un mese. Il 13% del fatturato è<br />

realizzato con il noleggio”.<br />

Ancora per la macroarea Experience e la tendenza Servizio 360°<br />

abbiamo come esempio EchoPark, concessionario di vendita,<br />

riparazione e manutenzione solo di auto usate.


Qui sotto e a fianco, Grillo’s pop-up store di Modena,<br />

un esempio di boutique temporanea e creativa.<br />

RETAIL CREATIVO<br />

Internet è morto. Lunga vita al retail creativo. Questa è la provocatoria<br />

teoria di Greg T.Spielberg, AD di We Are Pop-Up, “il<br />

modo più semplice per trovare spazi unici per pop-up e negozi<br />

condivisi a Londra e NYC, prendere contatti con brand innovativi<br />

e collaborare per incentivare il retail creativo”.<br />

“Vent’anni fa l’Harvard Business Review ha invitato leader del<br />

“Il meccanico è a vista e questo produce una forte rassicurazione<br />

nei clienti - ha spiegato Valente - I punti di forza sono trasparenza,<br />

semplicità e velocità di tutte le fasi. Anche la personalizzazione è<br />

un altro tema molto forte, un tempo prerogativa solo del lusso.<br />

Nell’area dell’Assortimento troviamo infatti la tendenza della Personalizzazione.<br />

Muji nel suo flagship di Tokyo ha un servizio di<br />

personalizzazione con workshop e laboratori per adulti e bambini”.<br />

Nell’area Valori abbiamo la tendenza Negozio Etico.<br />

“Treehouse è un negozio d bricolage degli Stati Uniti che si propone<br />

come un brico sostenibile - ha aggiunto Valente - Unisce eticità e<br />

ambiente con articoli che hanno un’etichetta di valutazione rispetto<br />

alle funzioni, ai lavoratori e all’ambiente. Le 4 chiavi di criterio per<br />

la selezione dell’assortimento sono la salute, la performance, la<br />

sostenibilità e la responsabilità sociale del brand”.<br />

Il tema dell’ecologia si declina in diversi aspetti e l’innovazione si<br />

può trovare in tutti i mercati.<br />

Per l’area Tech e Digital, un ottimo esempio della tendenza Human<br />

Tech è il concept store rumeno di Orange, la compagnia di<br />

telecomunicazione leader in Romania.<br />

“Orange ha creato smart shop per la telecomunicazione - ha<br />

spiegato Valente - Punti vendita ambientati come fossero case e<br />

un concept paperless, cioè dove non gira carta. La compagnia ha<br />

aperto 4 di questi smart shop nel 2015. Sempre per Human Tech<br />

un bell’esempio è la boutique di lusso Rebecca Minkoff, retailer<br />

online che comincia ad aprire negozi fisici. Una boutique crosscanale,<br />

dove si accoglie il cliente con l’offerta di qualcosa da bere, i<br />

camerini hanno digital mirror e pagamenti in loco, fuori dalla cassa”.<br />

Nell’area Tech e Digital, per la tendenza Nativo Digitale ci sono<br />

i punti vendita che nascono in contemporanea già on e offline.<br />

“L’australiano Sneakerboy è un punto vendita parallelo all’ecommerce<br />

- ha spiegato Valente - Uno show-room digitale, un<br />

digi-show e shop di sneaker, con una referenza per modello e per<br />

numero con acquisto solo online. In show-room si prova tutto ma<br />

non si compra niente e poi si ordina sul sito”.<br />

La cross-carnalità sarà un tema strategico nel futuro. Per l’area Tech<br />

e Digital, l’esempio più significativo della tendenza Cross-canalità<br />

è Made.com, digi-show di arredo e design a prezzi accessibili<br />

perché di designer non ancora molto noti.<br />

“I prodotti esposti sono una parte limitata (con la possibilità quindi<br />

di ridurre lo spazio d’esposizione) - ha detto Fabrizio Valente - Poi a<br />

parete ci sono le cartoline dei prodotti non esposti con le principali<br />

caratteristiche. Interessante la scelta di un evento temporary che<br />

ha dato la possibilità di stampare in 3D il modellino di un prodotto<br />

visionato”.<br />

ESPLO! MOVING MALL<br />

Esplo! è un progetto unico in Italia, dedicato a chi vuole<br />

fare attività di pubblicità per la propria azienda, attraverso<br />

l’esposizione e la promozione temporanea. All’interno dei<br />

box innovativi, in vetro e acciaio, è possibile personalizzare<br />

e allestire lo spazio, secondo le proprie esigenze, con una<br />

vetrina a 360 gradi. Esplo! Moving Mall si trova all’interno di<br />

Centro*Sesto, centro commerciale con esperienza decennale,<br />

con un ottimo merchandising mix dato dai 50 negozi presenti,<br />

e posizionato in una zona che ha un bacino d’utenza di oltre 2<br />

milioni di residenti. Premiato come vincitore per la categoria<br />

B2B al CNCC e come Best of the Best 2013, il progetto ha<br />

ricevuto anche un riconoscimento internazionale, guadagnando<br />

il Silver all’ICSC Solal Marketing Award per i progetti del 2013.


strategie<br />

WP Store (Seul)<br />

One Nation (Parigi)<br />

business e docenti a un tavolo di discussione sul futuro del marketing<br />

interattivo - ha spiegato Spielberg nella sua analisi - Il tema?<br />

L’improvviso grande sviluppo della rete. John Deighton, professor<br />

a Harvard, ha scritto l’introduzione: la promessa del paradigma<br />

interattivo sta nella sua capacità di inserire più aspetti umani negli<br />

scambi sulle piattaforme online senza perdere l’economia di scala<br />

del marketing di massa. Deighton naturalmente aveva visto giusto e<br />

avanti. I siti web ci hanno portato la possibilità di personalizzazione<br />

e di raggiungere i consumatori in un modo totalmente differente<br />

rispetto ai consueti strumenti. Ma ora, nel <strong>2016</strong>, il retail creativo sta<br />

prendendo il posto di Internet come forma interattiva più avanzata<br />

di brand marketing”.<br />

Il retail creativo è la fusione di marketing esperienziale, retail tradizionale<br />

e il modello dello storytelling scritto. I brand sono già molto<br />

capaci nell’utilizzo di questi tre elementi, ma ora è il momento di<br />

andare ancora più avanti.<br />

“Il marketing esperienziale coinvolge direttamente i consumatori<br />

per creare esperienze (di shopping, ma non solo) originali, positive<br />

e memorabili - ha detto Spielberg - Il retail tradizionale mette in<br />

vendita un’accurata selezione di prodotti o servizi per creare reddito.<br />

Chi scrive le storie per lo storytelling crea narrazioni in grado<br />

di esplorare e illuminare relazioni dinamiche, allo stesso tempo<br />

reali e immaginate”.<br />

Le strategie che definiscono il retail creativo architettano esperienze<br />

memorabili che aiutano i consumatori a comprendere il mondo<br />

che li circonda ma allo stesso tempo a incentivare le vendite.<br />

Creano storie nella vita reale che permettono ai consumatori di<br />

partecipare come protagonisti e non solo come utilizzatori di un<br />

prodotto, spettatori o ascoltatori. Spielberg definisce due principali<br />

tipologie di retail creativo: Nonfiction, basato su una community<br />

e Fiction, basato sull’immaginazione.<br />

RETAIL CREATIVO NONFICTION<br />

Kiva Microfunds (conosciuta anche come Kiva.org o più semplicemente<br />

Kiva) è un’organizzazione non governativa statunitense<br />

che promuove azioni di microcredito in paesi disagiati attraverso<br />

raccolta di fondi via Internet, ispirandosi all’esperienza della Grameen<br />

Bank del premio Nobel per la pace Muhammad Yunus. È<br />

stata fondata nell’ottobre 2005 a San Francisco dai coniugi Matt<br />

Flannery e Jessica Jackley. Nel dicembre 2015 Greg T.Spielberg<br />

ha festeggiato il lancio di Kiva NYC nello IAC Building a Chelsea.<br />

“Nonostante il design di Frank Gehry per lo spazio esterno e il più<br />

grande schermo del mondo posizionato al piano terra, l’elemento<br />

più coinvolgente dell’evento è stata la gente - ha spiegato Spielberg<br />

- Kiva ha ospitato per l’evento decine di piccole imprese che hanno<br />

presentato i loro prodotti e raccontato le loro storie. Dog Parker<br />

10 Corso Como (Shanghai)<br />

per esempio ha presentato la sua innovativa formula di ospitalità<br />

per cani, Especially Puglia il suo olio d’oliva, dall’albero alla tavola,<br />

regalando anche campioni gratuiti ai presenti. Chi si occupa delle<br />

forme di microcredito e di raccolta fondi per Kiva ha allestito dei<br />

corner dove i nuovi potenziali clienti hanno potuto avere informazioni<br />

e accedere ai servizi. Un gruppo di sostenitori di Kiva, capitanati<br />

dall’ex presidente Bill Clinton, ha poi raccontato al pubblico le<br />

proprie esperienze in ambito crediti e fondi. La regola numero uno<br />

dello storytelling è quella di mostrare, non solo raccontare. Infatti<br />

l’evento di Kiva è riuscito in pieno nel suo intento. Il lancio ha<br />

permesso di mostrare la community newyorkese di Kiva nei suoi<br />

due aspetti: chi ha bisogno di denaro per il suo business e chi<br />

può invece investirlo in un’attività. Ho potuto interagire direttamente<br />

con i responsabili delle piccole imprese e vedere con i miei occhi i<br />

diversi risultati degli investimenti e le relative iniziative. Non ho dovuto<br />

prendere opuscoli, parlare con i responsabili di Kiva, collegarmi<br />

al sito o controllare l’arrivo di un’eventuale mail sul mio cellulare.<br />

Kiva mi ha immerso in un’esperienza fatta di storie vere e in un’ora<br />

e mezza sono passato da un livello di conoscenza zero a quello<br />

più profondo. In più ho ascoltato il racconto di un presidente, ho<br />

fatto nuove conoscenze e un’esperienza che inciderà sulla mia<br />

memoria lungo tutto l’arco della mia vita, trasformandomi così in<br />

un sostenitore di Kiva”.<br />

RETAIL CREATIVO FICTION<br />

Un altro interessante esempio newyorkese. In questo caso per la<br />

seconda tipologia di retail creativo, il modello Fiction. Se l’evento<br />

di Kiva è durato solo una sera, il Museum of Feelings (museo dei


strategie<br />

DIECI BUONE RAGIONI PER SCEGLIERE IL<br />

TEMPORARY SHOP<br />

Boutek<br />

1. CREARE L’EVENTO<br />

2. TRASMETTERE EMOZIONI CORRELATE AL BRAND<br />

3. FARE TENDENZA<br />

4. REALIZZARE I PRESUPPORTI PER VENDITE<br />

ESCLUSIVE<br />

5. METTERE A FUOCO IL PROFILO DEL PROPRIO<br />

CONSUMATORE<br />

6. SPERIMENTARE UN MONOMARCA A COSTI LIMITATI<br />

7. APPARIRE FISICAMENTE (PER LE AZIENDE CHE<br />

OPERANO SOLO ONLINE)<br />

8. GIOCARE LA CARTA DELLA MOBILITÀ<br />

9. VENDERE IN PARTICOLARI PERIODI DELL’ANNO<br />

10. GIOCARE LA CARTA DELL’ACQUISTO D’IMPULSO<br />

sentimenti) di Glade (brand di fragranze per la casa) è riuscito<br />

letteralmente a ipnotizzare New York City per ben tre settimane.<br />

“In questo caso non c’erano community da coinvolgere, né prodotti<br />

da spingere in senso stretto - ha detto Spielberg - La società<br />

S.C. Johnson ha puntato solo sul realismo che ha avuto un effetto<br />

magico. Ognuna delle cinque stanze profumate del museo ha<br />

ispirato l’originale design appositamente creato per generare specifici<br />

sentimenti ed emozioni. Per esempio, Glade ha tradotto il suo<br />

Lavanda & Vaniglia nella stanza della calma con nuvole morbide.<br />

Peonia & Ciliegia è diventata un caleidoscopio di immagini floreali”.<br />

L’esposizione interattiva ha prodotto ore di fila all’ingresso e 22mila<br />

coloratissimi post su Instagram, aiutando così il marchio Glade a<br />

rendere più forte la sua posizione di category leader anche sui<br />

social media.<br />

IL SUCCESSO DEL RETAIL CREATIVO<br />

I due esempi di retail creativo (Kiva e Glade) sono la minima parte<br />

dell’industria americana del pop-up che vale da sola 50 miliardi di<br />

dollari. L’esplosione vera e propria è abbastanza recente (2015)<br />

e da questo momento in poi tutti i brand che si indirizzano ai<br />

consumatori penseranno solo a investire in campagne ed eventi<br />

IRL (ispirati alla vita reale). Il 79% dei brand interpellati da Greg<br />

T.Spielberg per la sua ricerca ha detto di aver messo in cantiere<br />

più eventi e programmi esperienziali nel 2015 con un aumento di<br />

investimenti in quell’area del 12% rispetto al 2013.<br />

“E i risultati sono proprio quelli che tutti possiamo aspettarci da<br />

brand che investono in esperienze reali - ha commentato Spielberg<br />

- Prima di tutto performance migliori nelle vendite e nel marketing.<br />

il 65% dei brand ha collegato il marketing esperienziale all’incremento<br />

delle vendite mentre l’84% delle società con budget per il<br />

marketing superiori a 10 milioni di dollari sta incentivando il focus<br />

sulle esperienze reali. Il punto focale che trasforma il retail creativo<br />

in un’industria è uno solo: spazio a buon mercato. La topografia di<br />

tutte le nostre città è cambiata passando da chiusa a aperta. I brand<br />

non hanno bisogno di firmare contratti di locazione di cinque o dieci<br />

anni per essere presenti con punti vendita sul territorio. Ogni città,<br />

piccola p grande che sia, ha spazi temporanei sempre disponibili<br />

per pop-up da aprire in periodi che vanno dal weekend al mese<br />

fino all’intera stagione. Un pop-up può essere anche solo un box<br />

così come uno stabile intero, uno shopping mall o un capannone<br />

industriale dismesso in una zona emergente. Trovare uno spazio<br />

oggi non è mai stato così facile. Stanno anche proliferando startup<br />

pensate per proporre spazi o creare nuovi negozi modulari (per<br />

esempio ShopWithMe). I concept store del retail creativo utilizzano<br />

anche collegamenti con la cultura per promuovere zone emergenti<br />

o da riqualificare”.<br />

L’interazione online ha un tetto ben distinto. Smartphone, computer,<br />

tablet e tv sono tutte esperienze solitarie. Stare davanti a uno<br />

schermo è divertente, utile e coinvolgente, ma è anche asociale e<br />

il surrogato dell’interazione reale tra esseri umani.<br />

“I brand alla ricerca della maggiore forma interattiva di marketing<br />

stanno spostandsi offline - ha aggiunto Spielberg - Per esempio,<br />

nomi nati solo per l’e-commerce come Fancy, Food52, TicTail e Kit<br />

Gadames 57<br />

& Ace hanno tutti creato meravigliosi negozi. Amazon sta testando<br />

il retail fisico nei campus dei college ma anche una lounge a New<br />

York e San Francisco, dopo aver aperto la sua prima libreria reale<br />

a Seattle. Microsoft ha già il suo spazio su Fifth Avenue, Drake<br />

ha aperto a Los Angeles. Refinery29 ha creato un’enorme casa<br />

della cultura mentre il tech shop di ultima generazione di Wired è<br />

diventato una sede per le vacanze”.<br />

In definitiva il nuovo strumento di comunicazione sarà lo spazio<br />

urbano. Non bisogna dimenticare che i diversi brand possono<br />

collaborare attivamente con i punti vendita multimarca per realizzare<br />

eventi, presentazioni, anteprime, workshop in un’ottica di<br />

fidelizzazione del consumatore. In questo caso non è nemmeno<br />

necessario trovare uno spazio pop-up.<br />

TEMPORARY SHOP<br />

Esiste già da tempo anche in Italia (dove forse non è ancora stato<br />

utilizzato al massimo delle sue potenzialità) uno strumento multitasking:<br />

il temporary shop. Massimo Costa, segretario generale di<br />

Assotemporary all’incontro Retail Now a Milano (Il punto vendita<br />

come media: opportunità e strategie di field marketing, organizzato<br />

da Paola Gallas Networking) ha presentato le molte opportunità<br />

del temporary.<br />

“Il temporary shop è un fenomeno tipico della società liquida, in<br />

particolare nella versione pop-up o in quella moving store - ha detto<br />

Costa - Gioca infatti sui tre tasti della liquidità: velocità, mutevolezza,<br />

interattività. Incardinato nella logica di intrattenimento, esperienza,<br />

Officina Slowear (Beirut)


Hollywood Living (Milano)<br />

sorpresa, il temporary shop, standard o nella variante del pop-up<br />

store, è un negozio dalla lunghezza di vita predeterminata e molto<br />

limitata nel tempo (un giorno, sei mesi come è successo per Expo,<br />

ma mediamente per 30-40 giorni). Anche il moving shop è una<br />

forma itinerante di temporary shop”.<br />

Secondo le stime di Assotemporary in Italia ci sono 22mila i moving<br />

shop, negozi a tre o quattro ruote.<br />

“Il negozio insegue i clienti - ha commentato Costa - Non perché<br />

è una moda passeggera ma perché è un’opportunità di business.<br />

Come le altre forme di temporary shop consente di testare nuovi<br />

prodotti, di fare promozione, di incrementare il fatturato, di comunicare<br />

l’immagine aziendale. Il moving shop di origine milanese della<br />

stilista Valeria Ferlini (Ape Malandra) vende capi di alta sartoria in<br />

24 città e conta affiliati in franchising in tutta Italia”.<br />

Sta nascendo una filiera di carrozzerie specializzate in allestimenti e<br />

design. Peugeot ha presentato un prototipo di veicolo commerciale<br />

per lo street food. Street food è un progetto nato a La Spezia che<br />

oggi realizza 50 allestimenti ogni giorno, mentre Veicoli Speciali è<br />

una PMI piemontese che vende anche all’estero i propri allestimenti.<br />

Per quanto riguarda le città italiane a Milano si trova la massima<br />

concentrazione di temporary shop (70%). Il 30% che resta è<br />

diviso tra Roma e Napoli (10%), Firenze, Torino, Venezia, Bologna<br />

e altre città del centro nord (10%), Catania, Palermo, Bari e altre<br />

città del sud (10%).<br />

“Milano è la capitale del temporary shop perché è la città del business<br />

per eccellenza - ha spiegato Costa - È la città con la maggiore<br />

vocazione internazionale, la città della moda e del design, fiore<br />

all’occhiello dell’industria italiana, una città di transito e dello shopping<br />

(quadrilatero e oltre). Qualche numero: circa 150 temporary<br />

space (solo in via Tortona si contano 30 location) e di questi 100<br />

temporary store, oltre 50 temporary showroom ed event space”.<br />

Il contratto è costituito da quattro parti: la richiesta di prestazione di<br />

servizio compilata e sottoscritta dall’azienda-cliente, la descrizione<br />

dei servizi e le condizioni di utilizzo della location, le condizioni<br />

generali contenenti le norme fondamentali del contratto, che devono<br />

essere recepite e adottate integralmente, la conferma d’ordine<br />

redatta e sottoscritta dal gestore del temporary store.<br />

“La natura face to face del temporary shop lo pone tra i migliori<br />

strumenti di field marketing perché è coinvolgente nell’attività di<br />

brand engagement e permette alle aziende di rivolgersi in modo<br />

personalizzato ai consumatori - ha spiegato Costa - Parlando di<br />

scenario, possiamo considerare 4 temi: piccole imprese, armonizzazione,<br />

extra moenia, professionalità. Sono state finora le imprese<br />

medio/grandi a utilizzare il temporary shop, in virtù di maggiore<br />

conoscenza e capacità organizzative nonché finanziarie. Poiché il<br />

tessuto produttivo italiano è costituito da piccole imprese, lo sviluppo<br />

del temporary shop è fortemente legato all’appeal che potrà avere<br />

nei loro riguardi. Il temporary shop è un fenomeno utile allo sviluppo<br />

del commercio locale, se si integra armoniosamente con il contesto<br />

cittadino. I temporary store sono elementi in grado di valorizzare le<br />

strade in cui si inseriscono ex novo o per effetto di trasformazioni<br />

commerciali. Può coinvolgere realtà diverse dalla classica location<br />

metropolitana e cittadina come stazioni ferroviarie, aeroporti, musei,<br />

hotel, centri commerciali. Last but not least il tema della professionalità.<br />

Si tratta di costruire una nuova figura professionale, che<br />

potremmo denominare temporary retailer e che ha la competenza<br />

Sofitel&Bensimon (Parigi)<br />

WP Store (Roma)<br />

Replay Ritual Café<br />

(conoscenza ed esperienza) per coordinare processi organizzativi<br />

complessi, in cui si definiscono le operazioni di comunicazione e<br />

di vendita richieste dalle aziende clienti. Per l’attività di vendita il<br />

temporary retailer si impegna a osservare le norme statali, regionali e<br />

comunali che disciplinano gli orari degli esercizi commerciali. Nello<br />

svolgimento dell’attività di vendita il temporary retailer si attiene<br />

quindi scrupolosamente alla normativa concernente le vendite<br />

straordinarie, nelle diverse fattispecie di vendite promozionali e<br />

di liquidazione. Per quanto concerne l’attività relativa ai saldi di<br />

fine stagione, i temporary retailer ne osservano i limiti temporali<br />

e le prescrizioni inerenti la corretta effettuazione delle operazioni<br />

connesse. Riguardo alle attività svolte direttamente dalle aziende<br />

clienti, il temporary retailer esercita gli opportuni controlli, intervenendo,<br />

se necessario, per evitare azioni e iniziative non corrette<br />

e/o inopportune. Le attività svolte nell’ambito dei temporary shop si<br />

armonizzano con le altre attività commerciali, senza creare disagio<br />

o situazioni di concorrenza sleale nei confronti degli altri operatori<br />

commerciali. Concorrono inoltre, in una logica di retailtainment, a<br />

vitalizzare l’attività delle vie cittadine e dei luoghi in cui sono attivi”.


Prodotto e Distribuito da PICIEMME S.r.l. - Via Palmiro Foresi, 268 - 51100 Pistoia - ITALY - Ph: +39 0573 705254 - Fax: +39 0573 717489 - clienti@piciemmesrl.it - www.piciemmesrl.it


stilista<br />

di Andrea Lattanzi Barceló<br />

In queste pagine,<br />

la stilista Emily<br />

Diamandis e<br />

alcune proposte<br />

della collezione<br />

Resort 2017 di<br />

Tabula Rasa.<br />

EMILY DIAMANDIS<br />

AT HOME EVERYWHERE<br />

In Tabula Rasa Emily riesce a coniugare le sue grandi<br />

passioni: il viaggio, la decorazione di interni e il knitwear<br />

Nel 2013, e dopo 15 anni di esperienza<br />

nel mondo della moda e del knitwear, Emily<br />

Diamandis lanciò Tabula Rasa, un brand di<br />

lifestyle che riesce ad abbinare un design<br />

moderno e giocoso con sofisticate lavorazioni<br />

handmade.<br />

Cresciuta nel Regno Unito, Emily Diamandis<br />

porta l’Europa e l’Asia nel suo DNA.<br />

Durante gli anni all’Università di Brighton<br />

ebbe il suo primo lavoro nel mondo della<br />

moda come assistente dello stilista Matthew<br />

Williamson e, dopo la laurea a pieni voti<br />

in Fashion Textiles e Business Studies, si<br />

trasferì a Hong Kong, uno dei centri più<br />

importanti al mondo per la produzione di<br />

knitwear. Qui ottenne un posto di prestigio<br />

nell’ufficio stile incaricato delle collezioni di<br />

Cacharel e Paul & Joe. Successivamente,<br />

lasciò questo incarico per cimentarsi nella<br />

direzione della collezione donna del brand di<br />

jeanswear premium Evisu, con la possibilità<br />

di approfondire i più innovativi processi di<br />

lavaggio. In seguito, fu chiamata a rinnovare<br />

e rilanciare la maglieria del brand cinese<br />

Shanghai Tang. Durante questi quattro<br />

anni in Asia, Emily riuscì a rafforzare le sue<br />

competenze tecniche e a creare legami<br />

professionali importanti con produttori di<br />

spicco e artigiani, dai fabbricanti di denim<br />

in Giappone alle cooperative di tessitori<br />

del Rajasthan. I suoi numerosi viaggi, oltre<br />

a consentirle la scoperta di innumerevoli<br />

tecniche e lavorazioni tradizionali, condizionarono<br />

le sue creazioni e a tutt’oggi<br />

sono una fonte di ispirazione importante<br />

per il suo lavoro.<br />

Nel 2007, Emily si trasferì a New York dove<br />

creò un’agenzia di consulenza in fashion<br />

design. Poco dopo fu chiamata da Rag &<br />

Bone a sovrintendere al lancio della prima<br />

collezione di maglieria, da uomo e da donna,<br />

del brand.<br />

Emily curò ogni aspetto del progetto, dalla<br />

produzione al prezzo finale e riuscì a dare<br />

vita a una delle categorie di maggiore<br />

successo del brand, con oltre 35 milioni<br />

di dollari generati nei primi cinque anni.<br />

Da allora, Emily ha fatto da consulente a<br />

marchi di massa e a brand di nicchia, da<br />

Uniqlo a Joseph Altuzarra.<br />

Nel 2013, arriva Tabula Rasa basato sulla<br />

filosofia che ogni spazio che abitiamo è un<br />

luogo di comfort e creatività che rispecchia<br />

il nostro stile. Il brand offre dei capi prêt-àporter<br />

e accessori per la casa che evocano<br />

la passione per il viaggio e le competenze<br />

tecniche della stilista. Il knitwear sceglie<br />

texture complesse e trame intricate, ottenute<br />

con l’impiego in contemporanea di<br />

tecniche diverse.<br />

Ogni capo è disegnato in due fasi distinte.<br />

La prima prevede la creazione del tessuto,<br />

a partire dai filati e da altri materiali che<br />

si abbinano in modalità sempre nuove. Il<br />

secondo step è la creazione della silhouette<br />

finale, che va dai maglioni over agli abiti che<br />

aderiscono alle linee del corpo.<br />

La linea di arredamento tessile include<br />

cuscini, copriletti e asciugamani in grado<br />

di dare a qualsiasi ambiente un tocco<br />

internazionale e bohémien.<br />

Tabula Rasa<br />

info@tabularasa-ny.com<br />

www.tabularasa-ny.com


Nella collezione di Tabula Rasa<br />

non mancano i riferimenti<br />

all’underwear, con morbidi capi<br />

in maglia pensati per essere<br />

mostrati.


stilista EMILY DIAMANDIS<br />

Sono frequenti le incursioni nel<br />

mondo del beachwear, con bikini<br />

crochet coloratissimi e con un<br />

tocco etnico. Le frange sono un<br />

motivo ricorrente, che movimenta<br />

e alleggerisce i capi.


UN-NAMABLE<br />

COAL, STEEL, CHALK<br />

Metalli e minerali ispirano la collezione<br />

worker style per la primavera-estate 2017<br />

Ph. Luciano Pergreffi


Abito reversibile in<br />

cotone double, formato<br />

da patch di tessuto<br />

sottoposti a tinture<br />

diverse per creare giochi<br />

di contrasto. Pantaloni<br />

baggy dal volume over<br />

in pile di viscosa con<br />

tintura Soft Fade nella<br />

parte posteriore. Nella<br />

pagina accanto. Abito<br />

asimmetrico in jersey di<br />

cotone fiammato con tre<br />

tagli di linea ondulata<br />

sul davanti.


UN-NAMABLE<br />

Giacca in lino con collo<br />

a cratere e passanti<br />

applicati, con tasche<br />

patch sul davanti e<br />

tasca a filetto sul retro;<br />

il tessuto è “grattato”<br />

in modo che risultino<br />

visibili i fili più naturali<br />

e imperfetti. Pantaloni<br />

in mussola di cotone,<br />

doppiati sul fondo per<br />

essere indossati in due<br />

diverse lunghezze.<br />

A destra. Cappotto<br />

in spugna di cotone,<br />

double-face e<br />

asimmetrico, su abito<br />

in maglia di lino-seta<br />

tinto in capo a freddo<br />

con trattamento white<br />

lamina, per un effetto<br />

“spruzzato”.


UN-NAMABLE<br />

Worker overcoat in tela<br />

paracadute di cotone<br />

dyed black con tasche,<br />

spacco posteriore e<br />

taglio vivo su polsi,<br />

collo e fondo. Miniabito<br />

in mussola di cotone<br />

e filo metallico effetto<br />

wrinkled. Abito in tessuto<br />

double di lino e cotone,<br />

reversibile, tinto softfade,<br />

assume un colore<br />

diveso a seconda del lato<br />

in cui è indossato.


UN-NAMABLE - via Don Giovanni Minzoni 3 - 41012 Carpi (MO) - Italy - tel. +39 059695548 - fax +39 059 8672282 - info@un-namable.it - www.un-namable.it<br />

Worker overcoat in<br />

tela paracadute di<br />

cotone bianco gesso<br />

Maglia con over tasche, in bouclé spacco<br />

di lana/cotone posteriore tagliato e taglio<br />

a vivo vivo sui su fianchi. polsi, La collo e<br />

maxi fondo. gonna Pantaloni portafoglio in<br />

in garza tela di paracadute lana infeltrita di<br />

e goffrata cotone in con modo inserti in<br />

irregolare jersey si di chiude cotone in nella vari<br />

modi fascia con una ribassabile fusciacca in<br />

ed è vita, indossabile trattato anche Dyed<br />

come Chalk abito. Fade.


CATHERINE ANDRÉ<br />

ART OF<br />

MEXICO<br />

Il surrealismo messicano<br />

di Leonora Carrington<br />

e Nahui Olin ispirano<br />

colori e pattern della<br />

primavera-estate 2017


In questa pagina. Giacca double<br />

face in viscosa e lurex jacquard,<br />

gonna plissé e stola in cotone con<br />

motivo righe e nappine.<br />

Nella pagina accanto. Blusa in<br />

jersey di cotone con decori applicati<br />

a mano, gonna plissé in maglia di<br />

viscosa e lurex, borsa con pattern<br />

etnico e ciabattine ricamate.


CATHERINE ANDRÉ<br />

Il labirinto azteco è il motivo<br />

sulla T-shirt con profilo a<br />

contrasto, indossata sul maxi<br />

cardigan jacquard, le bermuda<br />

in cotone-lino con stampa<br />

cravatta e la stola tartan.


Una giungla naïf è il pattern<br />

sulla maglia bicolore in<br />

viscosa jacquard tubolare,<br />

indossata sulla gonna in<br />

voile di cotone stampato e<br />

con le ciabattine ricamate.


CATHERINE ANDRÉ<br />

In questa pagina. Applicazioni<br />

di animali tipici della pittura<br />

naïf messicana sulla camicia<br />

in voile di cotone, indossata<br />

sui pantaloni slim in viscosa<br />

stretch a motivi tartan.<br />

Nella pagina accanto. Macro<br />

pattern di foglie di palma sulla<br />

maglia in viscosa jacquard<br />

abbinata alla gonna in cotone<br />

e lino con stampa cravatta.


CATHERINE ANDRÉ – 20 rue du Rajol – BP 60252 – 12100 Millau (Francia) – tel. +33 (0)5 65 60 99 00 - ca@catherineandre.com - www. catherineandre.com


M.PATMOS<br />

MODERN<br />

VINTAGE<br />

Marcia Patmos firma<br />

una maglieria fresca,<br />

ricca di trafori e<br />

lavorazioni estrose per<br />

look primaverili ultra<br />

sofisticati.<br />

Resort 2017


In questa pagina e in<br />

quella a fianco.<br />

La trama della maglia<br />

consente di intrecciare<br />

dei cordoni a mano, sia<br />

in contrasto cromatico<br />

che ton-sur-ton.


M.PATMOS


In questa pagina.<br />

La maglia ama le<br />

stratificazioni e si<br />

arricchisce di lavorazioni<br />

che movimentano le<br />

superfici, con un risultato<br />

sofisticato e senza tempo.<br />

Nella pagina accanto.<br />

Cardigan in cashmere<br />

lavorato a costine con<br />

cristalli applicati.


M.PATMOS<br />

In questa pagina e in<br />

quella a fianco.<br />

Strisce di tessuto<br />

vengono annodate a mano<br />

nella trama delle maglie,<br />

a creare dei volumi e<br />

delle texture inedite.


M.PATMOS STUDIO - 425 W 13TH STREET, SUITE 2F - NEW YORK, NY 10014 - tel. +1 646.736.0207 - INFO@MPATMOS.COM - SALES@MPATMOS.COM - WWW.MPATMOS.COM


ANTONIO MARRAS<br />

Le foto di Lartigue a<br />

Biarritz, le atmosfere<br />

della Shanghai anni<br />

Trenta e la ceramica<br />

di Delft ispirano la<br />

collezione Resort 2017<br />

dello stilista sardo<br />

NOSTALGIC<br />

ALLURE<br />

Righe multicolor per il<br />

vestito lungo in maglia senza<br />

maniche, con coulisse e<br />

profondo scollo a V.


Abito midi in maglia, con pannelli millerighe e cintura a enfatizzare il punto vita.


ANTONIO MARRAS<br />

Pullover in cotone, poliestere e cashmere con un’originale lavorazione duale a movimentare la superficie.<br />

Romantica gonna midi plissettata con stampa floreale


Giacca lunga a righe<br />

multicolori con ruche<br />

sulle maniche e<br />

applicazione floreale<br />

di macramé, su abito<br />

con stampa floreale.


ANTONIO MARRAS<br />

Maglione over con collo alto di ispirazione marinara e un motivo floreale ricamato. Gonna pantalone asimmetrica con motivo gessato.<br />

Nella pagina accanto. Maglia girocollo con applicazione floreale in macramé e gonna jeans asimmetrica a balze.


ANTONIO MARRAS - Via Cola di Rienzo 8 - 20144 Milano - tel. +39 0289075002 - +39 0289075909 - info@antoniomarras.it - www.antoniomarras.it


ULTRACHIC<br />

SIX MODERN<br />

STORIES<br />

Colori, pattern, ampiezze: l’autunno-inverno <strong>2016</strong>/17<br />

si veste di una nuova Art Déco


PULL IN LANA BICOLORE<br />

A TRAMA INTRECCIATA,<br />

CAMICIA IN COTONE<br />

ELASTICIZZATO CON POLSINI<br />

RICAMATI E GONNA A<br />

RUOTA IN VISCOSA E SETA<br />

STAMPATA CON FRANGE<br />

ABAT-JOUR.<br />

NELLA PAGINA ACCANTO.<br />

ABITO CON GONNA A RUOTA<br />

IN JACQUARD LUREX CON<br />

STAMPA DÉCO.


ULTRACHIC<br />

CAMICIA IN COTONE CON<br />

COLLO AMPIO, PULL<br />

IN LANA-CACHEMIRE<br />

STAMPATO E TUTA PIED-<br />

DE-POULE IN LANA.<br />

NELLA PAGINA ACCANTO.<br />

SULL’ABITO CON GONNA<br />

AMPIA CON PRINT<br />

A TEMA CUCINA, LA<br />

CAMICIA AZZURRA IN<br />

COTONE E IL MAGLIONE<br />

IN LANA CACHEMIRE<br />

CON STAMPA SEVENTIES.


ULTRACHIC - Milano - Italia - tel. +39 02 87382590 - info@ultrachic.it - www.ultrachic.it


LFDL laFABBRICAdelLINO<br />

Cappa in mohair con<br />

applicazione di fiore in<br />

tessuto e gonna a tubo<br />

in viscosa stretch.<br />

Abito e cardigan in<br />

misto cachemire<br />

profilati da un prezioso<br />

ricamo.


Scollatura a barchetta per la maglia in mohair con spille in pizzo macramé indossata sul top in viscosa fluida.<br />

FASHION LOFT<br />

Total look dallo stile metropolitano che gioca con<br />

le linee e le sovrapposizioni.<br />

Autunno-inverno <strong>2016</strong>/17.


LFDL laFABBRICAdelLINO<br />

Poncho in mohair<br />

su abito in misto<br />

lana con stampa<br />

floreale.<br />

Lana per la lunga<br />

tunica senza<br />

maniche e con<br />

profondi spacchi,<br />

indossata sulla<br />

maglia in jersey<br />

e sulla gonna in<br />

viscosa fluida.<br />

Un ramage di fiori<br />

ricamati in lana<br />

impreziosisce il top<br />

in crêpe di viscosa.<br />

Top in viscosa con<br />

bordo in pizzo<br />

dipinto a mano,<br />

pantaloni crop in<br />

flanella e cardigan<br />

in mohair con<br />

spille in macramé.


Miniponcho in lana lavorata<br />

a punto canestro sulla blusa<br />

in viscosa fluida e la gonna<br />

a tubo in viscosa stretch.<br />

Prodotto interamente da Bergianti & Pagliani S.r.l. - Carpi (MO) - Italy - tel. + 39 059686818 - info@lafabbricadellino.com - www.lafabbricadellino.com - #lafabbricadellino


RAG & BONE<br />

AMERICAN<br />

HERITAGE<br />

Il brand newyorchese coniuga lo stile<br />

sportivo dei college americani con la<br />

sartorialità britannica. Resort 2017


Morbido cardigan over<br />

in stile preppy con<br />

pantaloni di ispirazione<br />

sportiva e ampi spacchi.<br />

Nella pagina accanto.<br />

Pullover in cashmere<br />

a coste con un motivo<br />

di trecce in contrasto<br />

cromatico e pantaloni<br />

easy fit in tinta.


RAG & BONE<br />

Look sporty per la<br />

maglia lunga con<br />

spacco laterale, per<br />

uno streetwear ricco di<br />

sovrapposizioni.


L’abito longuette in<br />

maglia combina il motivo<br />

a coste con uno di<br />

piccole onde luminose,<br />

per outfit a strati che<br />

amano la praticità.<br />

RAG & BONE - 425 West 13th Street, 3rd Floor, New York 10014 (USA) - info@rag-bone.com - sales@rag-bone.com - www.rag-bone.com


appuntidistile<br />

di Andrea Lattanzi Barceló<br />

LALO CARDIGANS<br />

FROM GIORGIA WITH LOVE<br />

Un brand del Caucaso sta conquistando il mondo del<br />

knitwear con materie prime pregiate e lavorazioni estrose<br />

LaloCardigans è un brand di knitwear fondato<br />

nel 2012 dalle gemelle georgiane Lalo<br />

e Nina Dolidze. Ogni capo della collezione<br />

è un pezzo unico, fabbricato a mano nel<br />

cuore del Caucaso, in Georgia, da dove proviene<br />

la maggior parte della materia prima<br />

impiegata. Lalo è la direttrice creativa del<br />

brand, nonostante un percorso formativo e<br />

professionale che sembrava portarla in una<br />

direzione molto diversa. Infatti, durante gli<br />

anni universitari, mentre frequentava una<br />

facoltà che non aveva niente a che fare con<br />

la moda, Lalo accarezzava in segreto il sogno<br />

di lanciare il suo marchio di abbigliamento<br />

e dare finalmente sfogo alla sua passione<br />

per il mondo della moda.<br />

Iniziò così a portare dei cardigan in maglia<br />

realizzati a mano da lei stessa. Grazie all’intervento<br />

di Nina, la sua gemella, ciò che era<br />

soltanto un sogno nel cassetto si convertì in<br />

un progetto concreto per condividere i suoi<br />

bellissimi cardigan con il resto del mondo.<br />

Nacque così LaloCardigans, un brand<br />

specializzato in maglieria che si convertì<br />

in un successo istantaneo.<br />

Lalo si ispira alla natura, ai suoi aspetti più<br />

sorprendenti e meno esplorati. Spesso le<br />

sue collezioni prendono in prestito silhouette<br />

e texture dal mondo dei fiori e delle<br />

piante. Nel <strong>2016</strong> il brand ha lanciato una<br />

nuova linea di lusso battezzata LALO, con<br />

una prima collezione - Mysterious Garden<br />

- ispirata all’opera del pittore francese<br />

Claude Monet, in particolare alle cromie<br />

alle atmosfere misteriose dei suoi giardini<br />

acquatici. La nuova linea couture, che con<br />

la collezione per l’autunno-inverno <strong>2016</strong>/17<br />

ha conquistato la passerella della Mercedes-<br />

Benz Kiev Fashion Days, ha nel suo DNA<br />

gli stessi concetti chiave di LaloCardigans:<br />

maglieria handmade realizzata con l’impiego<br />

di filati pregiati provenienti dal Caucaso,<br />

tinti a mano e rielaborati in intarsi squisiti<br />

e combinazioni estrose e fashion forward,<br />

come ricami sofisticati e applicazioni in<br />

mohair o di piume di pavone.<br />

Le collezioni del brand hanno varcato i<br />

confini della Georgia e attualmente sono<br />

apprezzate in Russia, Kazakistan, Azerbaijan,<br />

Ucraina, Italia, Portogallo, Germania e<br />

USA. Il suo knitwear coloratissimo è stato<br />

protagonista nelle pubblicazioni più prestigiose<br />

del mondo fashion ed è diventato un<br />

vero trend in quello delle fashion blogger.<br />

LaloCardigans HQ<br />

46 b Gogebashvili Street<br />

Tbilisi, 0179, Georgia<br />

tel. +995 579 725 511<br />

info@lalocardigans.com<br />

www.lalocardigans.com


In queste pagine,<br />

capi di Mysterious<br />

Garden, la prima<br />

collezione della<br />

linea Lalo, di<br />

LaloCardigans.


appuntidistile<br />

Pieni e vuoti si<br />

alternano sulla<br />

superficie dei capi, che<br />

in altri casi cedono al<br />

horror vacui con mix<br />

barocchi di materiali,<br />

colori e lavorazioni.


I volumi over<br />

ridisegnano la<br />

silhouette ed evocano<br />

un inverno rigido,<br />

con effetti pelliccia e<br />

sovrapposizioni.


stilistaemergente<br />

di Monica Lugli<br />

La designer Gretel<br />

Zanotti (qui sotto) e<br />

alcune proposte della<br />

sua collezione autunnoinverno<br />

<strong>2016</strong>/17.<br />

GRETEL<br />

ZANOTTI<br />

THE SARTORIALIST<br />

La giovane designer accosta la sua<br />

formazione artistica alla passione<br />

per la moda, fondendole in creazioni<br />

dall’esprit haute couture<br />

A soli 21 anni Gretel Zanotti ha già le idee<br />

molto chiare sul suo futuro professionale:<br />

decide di unire i due grandi interessi della<br />

sua vita, l’arte e la moda, per realizzare il<br />

suo sogno. Gretel vuole creare vestiti che<br />

rappresentino la sua personale visione<br />

dell’arte, capi ricercati, dal gusto sartoriale.<br />

La sua personalità, forte e fragile a un tempo,<br />

forgia la collezione conferendole uno stile<br />

unico. L’attenzione si focalizza sul bello<br />

oggettivo, sui dettagli di un quadro, di una<br />

fotografia, di una scultura, che diventano<br />

fonti di ispirazione. Il processo creativo<br />

di Gretel Zanotti parte dall’interesse nei<br />

confronti di un particolare artista, di un<br />

deigner, di una corrente artistica da cui<br />

trae gli elementi distintivi per interpretarli<br />

con la sua cultura e la sua creatività. La sua<br />

donna ha carattere, spirito, femminilità, è<br />

elegante, seduce senza scoprirsi, è attenta<br />

alla cura del dettaglio e alla purezza delle<br />

forme. La pittura di Toulouse-Lautrec e gli<br />

influssi della cultura orientale in Occidente<br />

nel XIX secolo sono i cardini attorno a cui si<br />

sviluppa la collezione per l’autunno-inverno<br />

<strong>2016</strong>/17. La figura della geisha, simbolo<br />

di femminilità e seduzione nella cultura<br />

giapponese, diventa la musa ispiratrice per<br />

capi che esaltano il mistero di ogni donna.<br />

Gretel con i suoi capi interpreta una geisha<br />

moderna, con i leimotiv della cultura asiatica<br />

dell’Ottocento: tagli netti, colori contrastanti<br />

e linee di contorno senza sfumature. Richiamano<br />

la natura i materiali pregiati come<br />

il cady di seta, il cachemire misto seta,<br />

l’angora, il cachemire zibellinato, la lana<br />

vergine stretch con cui Gretel costruisce abiti<br />

a trapezio, gonne longuette da indossare su<br />

crop top in colore contrastante, leggings<br />

monocolore da abbinare a bluse fantasia,<br />

pantaloni palazzo, cappotti over. Non manca<br />

la tuta, capo di punta della stagione, la<br />

gonna con applicazioni di vere piume e<br />

l’abito-kimono, perfetto per suggestivi giochi<br />

di sovrapposizioni.<br />

Nero, rosso e bianco le tinte unite d’elezione,<br />

movimentate dall’intervento di un disegno<br />

ispirato alla natura, realizzato a mano da<br />

Gretel su capi proposti in edizione limitata.<br />

Gretel Zanotti è già presente con le sue<br />

collezioni in diverse boutique di alto livello<br />

in Italia. Recentemente ha aperto il suo<br />

primo monomarca a Porto Cervo, all’interno<br />

dell’hotel 5 stelle Colonna Pevero, un atelier<br />

a Desenzano per il made-to-measure e un<br />

corner nel concept store beHouse di via<br />

della Spiga 34 a Milano.<br />

Gretel Zanotti<br />

info@gretelzanotti.it<br />

www.gretelzanotti.com


Prodotto e distribuito da Gianni Cappelli S.r.l. Viale Europa, 198/B - 51039 Quarrata (PT) ITALY<br />

Tel. 0573 738590 - Fax 0573 774363 - info@giannicappelli.com - www.giodamare.it


nuovitalenti<br />

di Andrea Lattanzi Barceló<br />

SIMONE<br />

MISSANO<br />

CONCEPTUAL LANDSCAPES<br />

I concetti di pieno e di vuoto ispirano<br />

uno stilista ossessionato da ciò che<br />

collega gli elementi di un tutto<br />

Lo stilista Simone<br />

Missano e alcune<br />

delle sue creazioni<br />

per la p-e 2017.<br />

Il progetto di tesi di Simone Missano, classe<br />

1993, è ispirato da un’ossessione amorosa<br />

di cui l’asola o occhiello, solitamente usata<br />

come sistema di abbottonatura, diventa il<br />

simbolo. Infatti, il giovane stilista di Correggio<br />

(RE) si è laureato con 110 e lode allo<br />

IED Moda Milano con un progetto dall’approccio<br />

concettuale, quasi enigmistico,<br />

in cui il collegamento fra le piccole parti<br />

che formano il tutto è fondamentale. Le<br />

caratteristiche dell’asola, un taglio bordato,<br />

un foro, che può consentire l’entrata di<br />

altri elementi o rimanere vuoto, le danno<br />

una profonda carica sessuale. Ricordano<br />

inoltre una serratura in cui si può sbirciare<br />

o degli occhi che fissano il vuoto. Tutte<br />

queste suggestioni sono alla base della<br />

collezione firmata dal giovane stilista: “Nel<br />

progetto ho ideato un sistema di cucitura<br />

che permette di assemblare i tessuti con<br />

un’asola che si trova all’interno del capo,<br />

ma che lascia ripercussioni all’esterno. In<br />

tutti i punti di congiunzione c’è un effetto<br />

nella cucitura di pieno e di vuoto, che è la<br />

rappresentazione di uno stato d‘animo, di<br />

una fase amorosa confusa, dove spiare,<br />

controllare e sembrano essere le uniche<br />

azioni della giornata.”<br />

I capi, sagomati e tagliati a strisce, sono stati<br />

assemblati con effetti persiana, elemento<br />

di grande ispirazione in questa collezione.<br />

Il sistema di cucitura è una manipolazione<br />

del tessuto e si accosta ai ricami, che sono<br />

anch’essi creati da asole ribaltate per creare<br />

pieghe o tasche.<br />

Il sistema di cuciture tramite asole richiede<br />

tessuti che non si sfi laccino al taglio,<br />

per questo lo stilista ha scelto di lavorare<br />

prevalentemente con lane cotte, maglie<br />

infeltrite e tulle; mentre gli altri tessuti sono<br />

stati doppiati e poi assemblati.<br />

“Sono molto attento alla parte accessori e mi<br />

piace pensare a diversi sistemi di chiusura<br />

per i capi. In questa collezione i bottoni<br />

sono caratterizzati da una fascetta in pelle<br />

con diverse lavorazioni, questo avviene per<br />

rafforzare l’idea dell’asola e per far sì che il<br />

bottone si possa staccare attraverso sistema<br />

alternativo di chiusura. In qualche caso i<br />

bottoni perdono la loro funzione e diventano<br />

applicazioni”, spiega Missano.<br />

SIMONE MISSANO<br />

simonemissano@ied.edu<br />

tel. +39 3208576991


The platform for creative knitwear<br />

7-9 Feb. 2017<br />

premierevision.com<br />

Ph. Shutterstock


incontri<br />

In questa pagina, la stilista Maria<br />

Laura Wandavi e alcuni capi<br />

della collezione The Kool Dudes.<br />

Una maglieria<br />

unisex<br />

dall’allure<br />

nordeuropeo,<br />

fatta di capi<br />

lussuosi ma<br />

etici, con<br />

un impatto<br />

positivo<br />

sull’ambiente<br />

e sulle persone<br />

MARIA LAURA<br />

WANDAVI<br />

FASHION&<br />

ETHICS<br />

Maria Laura Wandavi, mamma italiana e papà svedese, nasce nel<br />

1980 a Stoccolma, cresce in Italia, a Padova, e dal 1999 abita in<br />

Inghilterra. Dopo una laurea breve in Fashion Design al London<br />

College of Fashion, si laurea alla prestigiosa Central Saint Martins di<br />

Londra con specializzazione in maglieria. Attualmente, sta finendo<br />

un master in knitwear fashion alla Nottingham Trent University.<br />

Nel 2006, Maria Laura lavora per Alexander McQueen, dove fa<br />

parte del team di stilisti di moda uomo. Fra le altre collaborazioni<br />

prestigiose abbiamo quelle con Alex Gore Browne e Rebecca Cella.<br />

Alla fine del 2009, Maria Laura decide di lanciare il suo brand di<br />

maglieria femminile su misura: Lalla Wandavi. Le sue creazioni<br />

sono state molto apprezzate sia in Europa che in Australia,<br />

Giappone e Stati Uniti. Attualmente, la stilista vuole concentrarsi<br />

sulla maglieria da uomo, oppure unisex. Dopo le sue diverse<br />

esperienze lavorative, Maria Laura ha capito come vuole che sia<br />

il suo fashion business, soprattutto da un punto di vista etico: un<br />

brand interamente made in UK e zero waste. Il suo obbiettivo a<br />

lungo termine è quello di dare vita a un’impresa sociale che dia<br />

lavoro agli adolescenti fra i 16 e i 18 anni. Vorrebbe insegnare<br />

loro a lavorare la maglia e tutto ciò che occorre per portare avanti<br />

un brand di successo.<br />

Il suo lavoro più recente si chiama The Kool Dudes ed è una<br />

collezione elegante di knitwear maschile pensato per il pubblico<br />

scandinavo e nordeuropeo in generale. Fra le suggestioni<br />

che prendono forma nella proposta, abbiamo il concetto di<br />

understatement svedese, il romanzo On the Road, di Jack<br />

Kerouac, i paesaggi dell’artista norvegese Peder Balke, lo stile<br />

di David Bowie e i colori e le texture della natura. Maria Laura<br />

ha impiegato per ognuno dei suoi pezzi i migliori filati, come una<br />

mischia di seta, cashmere e lana di Loro Piana e una di seta e<br />

mohair firmata Manifattura Sesia. Le sue proposte si rivolgono a<br />

una nicchia in cerca di una maglieria di lusso, che spicchi per<br />

la sua altissima qualità, per l’eleganza e per la discrezione dei<br />

dettagli.<br />

Maria Laura Wandavi<br />

tel. +44 7748875621 - lallawandavi@gmail.com<br />

blog: theknitwearrevolution.wordpress.com<br />

www.lallawandavi.com


The meeting<br />

point of<br />

Textile Chain<br />

BUSINESS<br />

prodv<br />

25 • 28<br />

April 2017<br />

Anhembi<br />

São Paulo - SP - Brasil<br />

FINTT<br />

FebraTêxtil<br />

Tecnotêxtil Brasil<br />

Textile technology • Fabrics • Laundry • Nonwovens • Technical Textiles<br />

feirafintt.com.br febratextil.com.br tecnotextilbrasil.com.br<br />

INFORMATION:<br />

Co-realization<br />

FINTT:<br />

Co-realization<br />

Febratêxtil:<br />

Organizer<br />

FCEM SÃO PAULO:<br />

+55 11 5589.2880<br />

saopaulo@fcem.com.br<br />

FCEM PORTO ALEGRE:<br />

+55 11 3382.0700<br />

fcem@fcem.com.br


Prodotto e distribuito da LISANZA Spa - via Angera, 60 - 21018 Sesto Calende (VA) - Italy - tel. +39 0331977221 - fax +39 0331977348 - info1@lisanza.it - www.lisanza.it


filpucci.it


Da Milano,<br />

Parigi, Londra,<br />

New York,<br />

Berlino,<br />

Copenaghen<br />

Barcellona,<br />

Madrid,<br />

San Paolo<br />

le proposte in<br />

maglia degli stilisti<br />

per la P-E 2017<br />

From Milan,<br />

Paris, London<br />

New York, Berlin,<br />

Barcelona,<br />

Copenhagen<br />

Madrid,<br />

Sao Paulo<br />

the designers’ knits<br />

for S-S 2017<br />

BOTTEGA VENETA<br />

BALMAIN


close up<br />

PATCHWORKS<br />

Alexander McQueen<br />

Augustin Teboul<br />

Henrik Vibskov<br />

Augustin Teboul


Prabal Gurung<br />

Designers Nest<br />

Off-White<br />

Koché


close up<br />

CRISPY KNITS<br />

Lala Berlin<br />

Ronaldo Fraga<br />

Balmain<br />

María Ke Fisherman


Christopher Kane<br />

Alexander McQueen<br />

IN CHAINS<br />

Julien McDonald<br />

Christopher Kane


close up<br />

SCULPTURAL<br />

Burberry Prorsum<br />

Salvatore Ferragamo<br />

Designers Nest<br />

Jacquemus


Laura Biagiotti<br />

Anteprima<br />

SURFACES<br />

Toga<br />

Salvatore Ferragamo


close up<br />

UNCINETTO<br />

Roberto Cavalli<br />

Desigual<br />

Ulla Johnson<br />

Missoni


Francis Montesinos<br />

Daks<br />

Michael Kors Collection<br />

Adam Selman


#filoscoziaforever<br />

®<br />

the original<br />

Da sempre, un filo rosso unisce anime e cose tra loro affini.<br />

#affinity #beauty #cotton<br />

filoscozia.it<br />

produttori autorizzati Filmar Spa e Olcese Spa


MILANO<br />

moda donna<br />

>ANTONIO MARRAS<br />

>BLUGIRL<br />

>BOTTEGA VENETA<br />

>CIVIDINI<br />

>CRISTIANO BURANI<br />

>DOLCE & GABBANA<br />

>DSQUARED 2<br />

>EMILIO PUCCI<br />

>ETRO<br />

>FAY<br />

>FENDI<br />

>FRANCESCO SCOGNAMIGLIO<br />

>KRIZIA<br />

>LAURA BIAGIOTTI<br />

>LES COPAINS<br />

>LUCIO VANOTTI<br />

>MARCO DE VINCENZO<br />

>MAX MARA<br />

>MISSONI<br />

>MOSCHINO<br />

>MSGM<br />

>Nº21<br />

>PORTS 1961<br />

>PRADA<br />

>ROBERTO CAVALLI<br />

>SALVATORE FERRAGAMO<br />

>SPORTMAX<br />

>STELLA JEAN<br />

>TRUSSARDI<br />

>VERSACE<br />

Foto Ugo Camera


ANTONIO<br />

MARRAS<br />

FESTA AFRICANA PER LA COLLEZIONE DELLO STILISTA<br />

SARDO, CHE PUNTA SULLA CURA DEL DETTAGLIO E SUL MIX<br />

DI DIVERSI COLORI E TESSUTI , CON UNA PREDILEZIONE<br />

PER LE NUANCE TENUI E I RIFLESSI DEI METALLI<br />

AN AFRICAN CELEBRATION IS SERVED UP IN THE<br />

COLLECTION BY THE SARDINIAN DESIGNER, WHO FOCUSES<br />

OF CRAFTED DETAILING AND THE MIX OF DIFFERENT<br />

COLORS AND FABRICS, DISPLAYING A PREDILECTION FOR<br />

SUBTLE NUANCES AND METALLIC HIGHLIGHTS


BLUGIRL<br />

SEMPLICITÀ E SENSUALITÀ CONTRADDISTINGUONO LE RAGAZZE<br />

DI ANNA MOLINARI, CHE SI ISPIRA AL SUDAMERICA PER OFFRIRE<br />

UNA MAGLIERIA LEGGERA E COLORATA IN STILE BOHO, O UNA<br />

PIÙ SOBRIA E SARTORIALE IN VERSIONE BLACK & WHITE<br />

SIMPLICITY AND SENSUALITY DISTINGUISH THE YOUNG WOMEN<br />

CATERED TO BY ANNA MOLINARI, WHO HAS DRAWN INSPIRATION<br />

FROM SOUTH AMERICA, TO OFFER LIGHTWEIGHT, COLORFUL KNITS<br />

WITH A BOHO LOOK OR A MORE UNDERSTATED, SARTORIAL ONE<br />

IN A BLACK & WHITE VERSION


BOTTEGA<br />

VENETA<br />

TOMAS MAIER RENDE OMAGGIO AL SAVOIR FAIRE<br />

ARTIGIANALE DELLA MAISON IN UNA COLLEZIONE<br />

DALL’ELEGANZA INTRAMONTABILE, CON SILHOUETTE<br />

ANNI QUARANTA E UNA PALETTE AUTUNNALE<br />

TOMAS MAIER IS PAYING HOMAGE TO THE CRAFT-<br />

BASED SAVOIR FAIRE OF THE MAISON, SHOWING A<br />

COLLECTION BRIMMING WITH TIMELESS ELEGANCE,<br />

FEATURING FORTIES SILHOUETTES AND A AUTUMNAL<br />

CHROMATIC PALETTE


CIVIDINI<br />

PIERO E MIRIAM CIVIDINI SI ISPIRANO<br />

ALLO STILE DI MARGOT TENENBAUM, DEL<br />

FILM ‘I TENENBAUM’ DI WES ANDERSON,<br />

PER POLO E ABITI IN MAGLIA DAI MOTIVI<br />

GRAFICI INTARSIATI<br />

PIERO AND MIRIAM CIVIDINI HAVE<br />

DRAWN INSPIRATION FROM MARGOT<br />

TENENBAUM, IN THE FILM, THE<br />

TENENBAUMS, DIRECTED BY WES<br />

ANDERSON, RESULTING IN KNIT POLO<br />

SHIRTS AND DRESSES, BOASTING GRAPHIC<br />

INTARSIA MOTIFS


CRISTIANO<br />

BURANI<br />

UNA COLLEZIONE SPORTIVA E<br />

METROPOLITANA ALL’INSEGNA DEL COLORE,<br />

CHE ESPLORA MATERIALI DIVERSI ARRICCHITI<br />

DA FRANGE, RICAMI E PAILLETTE<br />

A HIGHLY SPORTY, METROPOLITAN<br />

COLLECTION MARKED BY LOTS OF COLOR,<br />

EAGER TO EXPLORE VARIOUS DIFFERENT<br />

MATERIALS ADORNED WITH FRINGE,<br />

EMBROIDERY WORK AND SEQUINS


DOLCE &<br />

GABBANA<br />

IL DUO CREATIVO PORTA I TROPICI<br />

IN ITALIA, CON RIFERIMENTI AL CIBO,<br />

ALLA NATURA E ALLA RELIGIONE IN UN<br />

TRIPUDIO DI APPLICAZIONI E RICAMI DAL<br />

SAPORE KITSCH<br />

THE CREATIVE DUO IS BRINGING THE<br />

TROPICS TO ITALY, WITH REFERENCE TO<br />

THE FOOD, THE WILDERNESS AND THE<br />

RELIGION IN A BLAST OF APPLICATION<br />

AND EMBROIDERY WITH A KITSCH SPIRIT


DSQUARED 2<br />

I GEMELLI CATEN PORTANO GLI ANNI OTTANTA<br />

IN PASSERELLA: T-SHIRT E POLO DALLE MANICHE<br />

A PALLONCINO ESIBISCONO RICAMI SCINTILLANTI<br />

E DETTAGLI RUBATI ALLE UNIFORMI MILITARI DI<br />

FINE OTTOCENTO<br />

THE CATEN TWINS ARE BRINGING THE EIGHTIES<br />

TO THEIR CATWALK. T-SHIRT AND POLO MODELS,<br />

BOASTING PUFFY SLEEVES, DISPLAY SCINTILLATING<br />

EMBROIDERY AND DETAILING BORROWED FROM<br />

LATE NINETEEN-CENTURY MILITARY UNIFORMS


EMILIO<br />

PUCCI<br />

MASSIMO GIORGETTI PROPONE UNA COLLEZIONE SPORTIVA<br />

E DALL’ALLURE CONTEMPORANEA. LE FANTASIE GRAFICHE SI<br />

RIVERSANO SU ABITI LUNGHI E T-SHIRT, MENTRE LE TUTINE<br />

IN JERSEY SCELGONO MOTIVI COLOR BLOCK<br />

MASSIMO GIORGETTI IS SHOWING A SPORTY COLLECTION WITH<br />

A VERY CONTEMPORARY ALLURE. THE GRAPHIC PATTERNS ADORN<br />

LONG DRESSES AND T-SHIRTS, WHILE THE LITTLE JERSEY<br />

JUMPSUITS FLOURISH DRAMATIC COLOR-BLOCK MOTIFS


ETRO<br />

VERONICA ETRO NON RINUNCIA ALLO STILE<br />

BOHÉMIEN-DELUXE E OFFRE MANTELLE E CAFTANI,<br />

MORBIDI E OPULENTI, PRONTI PER ESSERE<br />

INDOSSATI DA UN’AVVENTURIERA METROPOLITANA<br />

E COSMOPOLITA<br />

VERONICA ETRO HAS NOT ABANDONED THAT DE-<br />

LUXE BOHEMIAN STYLE, SHOWING FLOWING CAPES<br />

AND CAFTANS THAT ARE AS SOFT AS THEY ARE<br />

OPULENT, READY TO BE WORN BY ACOSMOPOLITAN,<br />

METROPOLITAN ADVENTURESS


FAY<br />

TOMMASO AQUILANO E ROBERTO RIMONDI<br />

PRESENTANO UNA COLLEZIONE PRATICA E URBANA,<br />

CON DETTAGLI DI ISPIRAZIONE SAFARI E MILITARE<br />

DECLINATI SU BODY, MINIGONNE E CROP TOP, PER<br />

VESTIRE UNA DONNA GIOVANE E SICURA DI SÉ<br />

TOMMASO AQUILANO AND ROBERTO RIMONDI ARE<br />

SHOWING A PRACTICAL, URBAN COLLECTION,<br />

FEATURING DETAILS WITH A SAFARI AND<br />

MILITARY FLAIR, ADORNING BODYSUITS, MINISKIRTS<br />

AND CROPPED TOPS, DESIGNED TO DRESS A<br />

SELF-CONFIDENT YOUNG WOMAN


FENDI<br />

KARL LAGERFELD IMMAGINA UNA MARIA<br />

ANTONIETTA MODERNA E SPORTIVA, E LA VESTE<br />

CON CAPI FUNZIONALI E DALLE SILHOUETTE<br />

ESSENZIALI MA ANIMATE DA MATERIALI PREZIOSI<br />

E DETTAGLI ROCOCÒ<br />

KARL LAGERFELD CONJURES UP A MODERN,<br />

SPORTY VERSION OF MARIE ANTOINETTE,<br />

DRESSING HER IN FUNCTIONAL GARMENTS WITH<br />

ESSENTIAL SILHOUETTES, BUT ANIMATED BY<br />

LUXURIOUS MATERIALS AND ROCOCO DETAILING


FRANCESCO<br />

SCOGNAMIGLIO<br />

CAPI DALL’ALLURE MASCHILE SI IMPREZIOSISCONO DI<br />

RICAMI LUMINOSI PER ACCOSTARSI AL TULLE,<br />

AL PIZZO E ALLE STAMPE FLOREALI PIÙ DELICATE<br />

GARMENTS WITH A MASCULINE ALLURE HAVE BEEN<br />

EMBELLISHED BY LUMINOUS EMBROIDERY WORK<br />

AND COMBINED WITH TULLE, LACE AND MORE<br />

DELICATEFLORAL PRINTS


GUCCI<br />

ALESSANDRO MICHELE PRENDE SPUNTO<br />

DA EPOCHE, PAESI E CONTESTI DIVERSI, IN<br />

UN MIX DI MASCHILE E FEMMINILE RICCO,<br />

COLORATO E A TRATTI DIVERTENTE<br />

ALESSANDRO MICHELE DRAWS INSPIRATION<br />

FROM DIFFERENT PERIODS, COUNTRIES AND<br />

CONTEXTS, FOR A RICH MIX OF MASCULINE<br />

AND FEMININE ELEMENTS THAT IS BOTH<br />

COLORFUL AND OFTEN A LOT OF FUN


KRIZIA<br />

LA MAGLIA SI PRESTA A GIOCHI DI<br />

SOVRAPPOSIZIONI PER BILANCIARE LE<br />

TRASPARENZE, SCEGLIENDO UNA PALETTE<br />

NOTTURNA CON QUALCHE TOCCO METALLICO<br />

HERE THE KNITS LEND THEMSELVES TO<br />

A PLAY OF LAYERING IN ORDER TO BALANCE<br />

THE TRANSPARENCIES, FEATURING A NOCTURNAL<br />

CHROMATIC PALETTE WITH A FEW SHIMMERING<br />

METALLIC TOUCHES


LUCIO<br />

VANOTTI<br />

IN ‘UNTITLED N.1’ LO STILISTA GUARDA AL<br />

GIAPPONE PER CREARE CAPI ESSENZIALI<br />

E DAI TAGLI ASIMMETRICI CHE AVVOLGONO<br />

IL CORPO CON ELEGANZA RILASSATA<br />

IN ‘UNTITLED N.1’ THE DESIGNER LOOKS<br />

TO JAPAN, CREATING ESSENTIAL GARMENTS<br />

DISPLAYING ASYMMETRICAL STYLING, THAT<br />

CONTOUR THE BODY WITH AN ELEGANTLY<br />

LAIDBACK APPEAL


LAURA<br />

BIAGIOTTI<br />

LAURA E LAVINIA BIAGIOTTI PRENDONO<br />

SPUNTO DALL’ICONOGRAFIA DEL MONDO<br />

DEL GOLF, COME POLO E MOTIVI LOSANGHE,<br />

DECLINATI IN UNA PALETTE FRESCA<br />

E PRIMAVERILE<br />

LAURA AND LAVINIA BIAGIOTTI HAVE DRAWN<br />

INSPIRATION FROM THE ICONOGRAPHY OF<br />

THE WORLD OF GOLF, FEATURING POLO<br />

SHIRTS AND LOZENGE MOTIFS, IN A FRESH,<br />

SPRINGLIKE CHROMATIC PALETTE


LES COPAINS<br />

STEFANIA BANDIERA FIRMA UNA COLLEZIONE<br />

ISPIRATA A MARRAKESH, CON UNA MAGLIERIA IN<br />

COTONE DALL’ASPETTO HANDMADE CHE ABBRACCIA<br />

I COLORI DEL DESERTO<br />

STEFANIA BANDIERA HAS COME UP WITH A<br />

COLLECTION INSPIRED BY MARRAKESH, COMPOSED<br />

OF COTTON KNITS WITH A HANDMADE LOOK AND<br />

SPORTING THE SOFT COLORS OF THE DESERT


MARCO<br />

DE VINCENZO<br />

LO STILISTA PRESENTA SUPERFICI COMPLESSE<br />

E OUTFIT DALLE SOVRAPPOSIZIONI INEDITE,<br />

IL TUTTO IN UNA PALETTE RICCA DI<br />

CROMIE VINTAGE<br />

THIS DESIGNER IS SHOWING COMPLEX SURFACES<br />

AND OUTFITS FLOURISHING UNORTHODOX<br />

LAYERED EFFECT, ALL IN A CHROMATIC PALETTE<br />

RICH IN VINTAGE HUES


MAX MARA<br />

LA GRIFFE EMILIANA PROPONE COLORATISSIME MAGLIE<br />

GIROCOLLO, CON MOTIVI DI ANIMALI ESOTICI E TEXTURE<br />

PELUCHE: PERFETTE PER LA GIUNGLA METROPOLITANA<br />

THIS DESIGNER LABEL FROM THE EMILIA REGION IS<br />

SHOWING BRIGHTLY COLORED ROUND-NECKED SWEATER,<br />

SPORTING MOTIFS OF EXOTIC ANIMALS AND PLUSH<br />

TEXTURES: PERFECT FOR THE METROPOLITAN JUNGLE


MOSCHINO<br />

JEREMY SCOTT RISPOLVERA LE PAPER DOLL<br />

E PRESENTA ABITI E ACCESSORI 2D STAMPATI<br />

SU QUELLI REALI, CON DIVERTENTI RISULTATI<br />

TROMPE-L’ŒIL<br />

JEREMY SCOTT DUSTS OF PAPER DOLLS<br />

IN ORDER TO PRESENT 2D DRESSES AND<br />

ACCESSORIES PRINTED ONTO REAL ONES,<br />

GENERATING PLAYFUL TROMPE-L’ŒIL EFFECTS


Nº21<br />

ALESSANDRO DELL’ACQUA SCEGLIE UN LOOK<br />

SPORTIVO E AL CONTEMPO ROMANTICO<br />

PER LA SUA PROPOSTA, CON LINEE EASY<br />

E FUNZIONALI ABBINATE A MATERIALI E<br />

DETTAGLI PIÙ DECORATIVI<br />

ALESSANDRO DELL’ACQUA IS SHOWING A<br />

LOOK THAT IS BOTH SPORTY AND ROMANTIC<br />

FOR HIS CREATIONS, BOASTING EASY,<br />

FUNCTIONAL STYLING, COMBINEDWITH MORE<br />

DECORATIVE MATERIALS AND DETAILS


MISSONI<br />

UNA PROPOSTA SPENSIERATA ED<br />

ELEGANTE, IN CERCA DELLA COMODITÀ<br />

CON OUTFIT FLUIDI CHE ACCOSTANO IN<br />

MANIERA ARMONIOSA TEXTURE, CROMIE E<br />

LAVORAZIONI DIVERSE<br />

A COLLECTION THAT IS BOTH CAREFREE<br />

AND ELEGANT, IN QUEST OF COMFORT WITH<br />

FLUID OUTFITS THAT CONTOUR THE BODY<br />

IN A HARMONIOUS PLAY OF TEXTURES,<br />

COLORS AND DIFFERENT KNIT STITCHES


MISSONI


MSGM<br />

PREPPY STYLE E SPORTSWEAR SI FONDONO<br />

NELLA COLLEZIONE DI MASSIMO GIORGETTI, CHE<br />

IMPIEGA LAVORAZIONI A RETE E PATTERN ARGYLE<br />

ARRICCHITI DA RUCHE<br />

PREPPY STYLE AND SPORTSWEAR MERGE IN<br />

THE COLLECTION BY MASSIMO GIORGETTI, WHO<br />

EXPLORES NETTING EFFECTS AND ARGYLE<br />

PATTERNS EMBELLISHED BY RUFFLES


PORTS 1961<br />

NATASA CAGALJ PRESENTA LUNGHI VESTITI<br />

IN MAGLIA CON PATTERN DI RGHE<br />

MULTICOLOR E SILHOUETTE RILASSATE. IL<br />

RISULTATO È GIOCOSO MA SOFISTICATO<br />

NATASA CAGALJ IS SHOWING LONG KNIT<br />

DRESSES, FLOURISHING PATTERNS OF<br />

MULTICOLORED STRIPES AND RELAXED<br />

SILHOUETTES. THE RESULT IF PLAYFUL, YET<br />

QUITE SOPHISTICATED


PRADA<br />

MIUCCIA PRADA PROPONE UN’ELEGANZA<br />

SEMPLICE, MODERNA E NON CONVENZIONALE,<br />

IN CUI LA MAGLIA, SOBRIA E BON TON, SI<br />

PRESTA AD ACCOSTAMENTI ARDITI<br />

MIUCCIA PRADA BRINGS US A SIMPLE,<br />

MODERN AND UNCONVENTIONAL VISION<br />

OF ELEGANCE, ONE IN WHICH THE KNITS,<br />

UNDERSTATED AND LADYLIKE, LEND<br />

THEMSELVES TO BOLD COMBINATIONS


ROBERTO<br />

CAVALLI<br />

PETER DUNDAS MIXA IN UN’UNICA<br />

COLLEZIONE CULTURE, PERIODI STORICI,<br />

MATERIALI, PATTERN E LAVORAZIONI FINO A<br />

CREARE UN CALEIDOSCOPIO VERTIGINOSO<br />

PETER DUNDAS MIXES IN A SINGLE<br />

COLLECTION DIFFERENT CULTURES, HISTORIC<br />

PERIODS, MATERIALS, PATTERNS AND<br />

KNIT STITCHES GENERATING A DIZZYING<br />

KALEIDOSCOPE


SALVATORE<br />

FERRAGAMO<br />

LA PRIMA COLLEZIONE DEL DOPO<br />

MASSIMILIANO GIORNETTI HA UN CERTO<br />

ALLURE MODERNISTA, LINEE CHE EVOCANO I<br />

CORSETTI E DETTAGLI MOLTO FEMMINILI<br />

THE FIRST COLLECTION SINCE MASSIMILIANO<br />

GIORNETTI REVEALS A CERTAIN MODERNIST<br />

ALLURE, FEATURING LINES THAT EVOKE<br />

CORSETS AND VERY FEMININE DETAILS


SPORTMAX<br />

LE PESCATRICI DI PERLE GIAPPONESI<br />

NELLE FOTOGRAFIE DI KASUKAZU URAGUCHI<br />

INFLUENZANO UNA COLLEZIONE DALLE<br />

LINEE PULITE E RICCA DI MOTIVI OPTICAL<br />

THE JAPANESE PEARL DIVERS IN THE<br />

PHOTOS BY KASUKAZU URAGUCHI SERVED<br />

AS THE INSPIRATION FOR A COLLECTION,<br />

FEATURING CLEAN STYLING AND RICH<br />

OPTICAL MOTIFS


STELLA<br />

JEAN<br />

IL CALCIO È LA BIRMANIA SONO LA SCUSA<br />

PER ESPLORARE ULTERIORMENTE IL TEMA DEL<br />

MELTING-POT CULTURALE, QUESTA VOLTA CON<br />

UN LEGGERO TWIST VINTAGE<br />

EUROPEAN FOOTBALL AND BURMA SERVE AS<br />

AN EXCUSE FOR FURTHER EXPLORING THE<br />

CULTURAL MELTING-POT THEME, THIS TIME<br />

AROUND WITH A SLIGHTLY VINTAGE TWIST


TRUSSARDI<br />

NELLA COLLEZIONE ‘ELEGANTLY POP’ GAIA<br />

TRUSSARDI CONIUGA LA MAGLIA CON<br />

MATERIALI COME LA PELLE E LA SETA,<br />

IN UN PATCHWORK SOFISTICATO E<br />

DI TENDENZA<br />

IN THE ‘ELEGANTLY POP’ COLLECTION GAIA<br />

TRUSSARDI COMBINES KNITS WITH OTHER<br />

MATERIALS, SUCH AS LEATHER<br />

AND SILK, IN A SOPHISTICATED,<br />

HIGHLY TRENDY PATCHWORK


VERSACE<br />

L’ACTIVEWEAR CONQUISTA LA PASSERELLA DI<br />

DONATELLA VERSACE, CHE RIVISITA I PEZZI CLASSICI<br />

DEL GUARDAROBA SPORTIVO IN CHIAVE SEXY, CHIC<br />

E LUSSUOSA<br />

ACTIVEWEAR INSPIRES THE COLLECTION DESIGNED<br />

BY DONATELLA VERSACE, REVAMPING THE CLASSIC<br />

COMPONENTS OF THE SPORTY WARDROBE WITH A<br />

SEXY, CHIC AND LUXURIOUS PANACHE


usinessnews<br />

In questa pagina,<br />

alcune immagini degli<br />

stabilimenti produttivi di<br />

Manifattura Pecci 1884.<br />

MANIFATTURA<br />

PECCI 1884<br />

SINERGIE<br />

VINCENTI<br />

Due anni dopo l’arrivo di<br />

Filati Naturali, il bilancio<br />

si conferma positivo<br />

per entrambi i brand<br />

dell’azienda pratese<br />

Pecci Filati e Filati Naturali confermano il loro trend positivo dopo<br />

l’operazione che circa due anni fa li unì sotto un unico marchio<br />

istituzionale: MANIFATTURA PECCI 1884. Lo scopo dell’operazione<br />

era quello di beneficiare della grande esperienza di Filati Naturali<br />

in materia di fibre naturali nobili, come yak e cashmere, e della<br />

tecnologia e del know how di Pecci Filati.<br />

“L’arrivo di Filati Naturali ci ha portato le professionalità di uno<br />

staff che conosce bene il cashmere e le fonti di approvvigionamento<br />

delle fibre nobili”, spiega Pierluigi Marrani, amministratore<br />

delegato di Manifattura Pecci 1884, “Mentre la creatività e i mezzi<br />

tecnici di Pecci Filati hanno dato alle fibre nobili un sapore di<br />

innovazione e un carattere forte che prima non avevano. Così,<br />

la nuova collezione ha una connotazione fantasia inedita, che in<br />

precedenza si limitava alla cartella colori, mentre ora è presente<br />

anche nella costruzione. Il risultato è un filato, magari più classico<br />

nelle cromie, ma voluminoso, con una struttura complessa che<br />

andrà a connotare fortemente il capo finito.”<br />

La sinergia con Filati Naturali ha portato dei vantaggi importanti<br />

anche a Pecci Filati: “Pecci ha ora la possibilità di confrontarsi<br />

anche con i clienti delle fasce più alte del mercato e di intercettare<br />

una richiesta di fibre meno nobili, ma che si prestano a lavorazioni<br />

più estrose”, spiega Marrani.<br />

Il fatturato annuo di Filati Naturali è passato dai 1,8 milioni di euro<br />

di due anni fa agli attuali 4 milioni, con l’obbiettivo di raggiungere<br />

nel 2017 i 5,5 milioni di euro, mentre il fatturato di Pecci Filati si<br />

aggira attorno ai 20 milioni di euro.<br />

Pecci Filati spa - via Pantano, 16/e - Capalle Firenze<br />

tel. +39 055 89890 - info@pecci.it - www.peccifilati.com


PARIGI<br />

collections de prêt-à-porter Paris<br />

PARIGI<br />

>ACNE<br />

>ALEXANDER MACQUEEN<br />

>ANN DEMEULEMEESTER<br />

>BALMAIN<br />

>CHANEL<br />

>CHLOÉ<br />

>CHRISTIAN WIJNANTS<br />

>CHRISTIAN DIOR<br />

>ESTEBAN CORTAZAR<br />

>GAUCHÈRE<br />

>HERMÈS<br />

>JACQUEMUS<br />

>KENZO<br />

>KOCHÉ<br />

>LEMAIRE<br />

>MANISH ARORA<br />

>MAISON MARGIELA<br />

>MIU MIU<br />

>OFF-WHITE<br />

>SONIA RYKIEL<br />

>STELLA MCCARTNEY<br />

>UNDERCOVER<br />

>VALENTINO<br />

>VANESSA SEWARD<br />

>VÉRONIQUE LEROY<br />

>Y/PROJECT<br />

Foto Ugo Camera


ACNE<br />

STUDIOS<br />

JONNY JOHANSSON SCEGLIE PER IL BRAND<br />

SVEDESE SILHOUETTE AMPIE E RILASSATE, CON<br />

PATCHWORK DI MOTIVI GEOMETRICI ISPIRATI AL<br />

MEDIORIENTE E UN CERTO SPIRITO BOHÉMIEN<br />

JONNY JOHANSSON IS FOCUSING ON FULL-CUT,<br />

RELAXED SILHOUETTES FOR THIS SWEDISH BRAND,<br />

SHOWING PATCHWORK PATTERNS BASED ON<br />

GEOMETRIC MOTIFS INSPIRED BY THE MIDDLE<br />

EAST, BUT WITH A CERTAIN BOHEMIAN SPIRIT


ALEXANDER<br />

MCQUEEN<br />

SARAH BURTON SI LASCIA SEDURRE DALLE ISOLE<br />

SHETLAND: PULLOVER PATCHWORK E LUNGHI ABITI<br />

IMPALPABILI IN PIZZO DI LANA ESIBISCONO PATTERN<br />

FAIR ISLE E DETTAGLI PUNK<br />

SARAH BURTON HAS GIVEN IN TO THE SHETLAND<br />

ISLANDS: PATCHWORK SWEATERS AND LONG,<br />

IMPALPABLE DRESSES IN WOOL LACE DISPLAY FAIR<br />

ISLE PATTERNS, ENLIVENED WITH PUNK DETAILING


ANN<br />

DEMEULEMEESTER<br />

UN EQUILIBRIO PRECARIO FRA CAOS E<br />

CONTROLLO, CON CAPI DECOSTRUITI E UNA<br />

PALETTE BLACK & WHITE, CARATTERIZZA LA<br />

COLLEZIONE FIRMATA SÉBASTIEN MEUNIER<br />

A PRECARIOUS BALANCE BETWEEN CHAOS AND<br />

CONTROL IN THIS COLLECTION, BY SÉBASTIEN<br />

MEUNIER, FEATURING DECONSTRUCTED GARMENTS<br />

AND A BLACK & WHITE CHROMATIC PALETTE


BALMAIN<br />

OLIVIER ROUSTEING ESALTA LE CURVE FEMMINILI<br />

CON APERTURE SENSUALI E TRAME SEE-THROUGH,<br />

IL TUTTO IN UNA PALETTE CROMATICA OPULENTA<br />

ILLUMINATA DAL LUREX<br />

OLIVIER ROUSTEING SHOWCASES A WOMAN’S<br />

CURVES BY MEANS OF SENSUAL OPENINGS AND<br />

SEE-THROUGH WEAVES, ALL PRESENTED IN AN<br />

OPULENT CHROMATIC PALETTE ILLUMINATED BY<br />

SHIMMERING LUREX


CHANEL<br />

KARL LAGERFELD GUARDA AL MONDO DELL’HI-TECH<br />

E DELLA GRAFICA DIGITALE: MOTIVI CYBER-CHIC SI<br />

CONIUGANO ARMONIOSI CON I CLASSICI DELLA MAISON,<br />

COME IL TWEED E I TAILLEUR<br />

KARL LAGERFELD IS LOOKING TO THE WORLD OF<br />

HIGH-TECH AND DIGITAL GRAPHICS: CYBER-CHIC MOTIFS<br />

HAVE BEEN HARMONIOUSLY BLENDED WITH THE<br />

CLASSICS OF THE MAISON, SUCH AS TWEED AND SUITS


CHLOÉ<br />

SUGGESTIONI MARINARE PER CLARE WAIGHT<br />

KELLER, IN UNA COLLEZIONE SARTORIALE<br />

CHE NON RINUNCIA AGLI ABITI LUNGHI E<br />

ROMANTICI DALL’ALLURE BOHÉMIENNE<br />

NAUTICAL THEMES HAVE INSPIRED THE<br />

CREATIVE WORK OF CLARE WAIGHT<br />

KELLER, RESULTING IN A COLLECTION THAT<br />

INCLUDES LONG, ROMANTIC DRESSES WITH A<br />

BOHEMIENNE ALLURE


CHRISTIAN<br />

WIJNANTS<br />

UNA PROPOSTA ROMANTICA ED ENERGICA AL<br />

CONTEMPO, CON MOTIVI FLOREALI CHE SPICCANO SU<br />

TINTE UNITE VITAMINICHE O ESPLODONO IN FRANGE<br />

TON-SUR-TON O IN CONTRASTO CROMATICO<br />

A COLLECTION BOTH ROMANTIC AND CHARGED WITH<br />

ENERGY, FEATURING FLORAL MOTIFS THAT STAND<br />

OUT BOLDLY AGAINST THE VITAMIN-CHARGED HUES<br />

OF THE FABRICS, OR EXPLODE IN EITHER TONE-ON-<br />

TONE FRINGE OR IN CONTRASTING COLORS


CHRISTIAN<br />

DIOR<br />

MARIA GRAZIA CHIURI DEBUTTA PER LA<br />

MAISON PARIGINA ESPLORANDO DIVERSI TIPI DI<br />

FEMMINILITÀ: SPORTIVA, URBANA, ROMANTICA E<br />

LADY LIKE, MA SEMPRE SPONTANEA E MOLTO CHIC<br />

MARIA GRAZIA CHIURI MAKES HER DEBUT FOR<br />

THE PARISIAN MAISON BY EXPLORING A WIDE<br />

RANGE OF FEMININE EXPRESSIONS: SPORTY,<br />

URBAN, ROMANTIC AND LADYLIKE, BUT ALWAYS<br />

SPONTANEOUS AND EXQUISITELY CHIC


ESTEBAN<br />

CORTAZAR<br />

SILHOUETTE ASIMMETRICHE, SOVRAPPOSIZIONI<br />

E CROMIE VIVACI PER OUTFIT CHE RIESCONO<br />

A MIXARE SPIRITO SPORTIVO E BOHÉMIEN<br />

SENZA RINUNCIARE ALLA SENSUALITÀ<br />

ASYMMETRICAL SILHOUETTES, SHIFTING<br />

LAYERED EFFECTS AND VIVACIOUS COLORS<br />

DISTINGUISH THESE OUTFITS WHICH MANAGE<br />

TO MIX A SPORTY AND BOHEMIENNE SPIRIT,<br />

WITHOUT SACRIFICING THE SENSUALITY


GAUCHÈRE<br />

MARIE-CHRISTINE STATZ PROPONE CAPI URBANI E<br />

MOLTO ESTIVI, CON MOTIVI TROPICALI E CROMIE<br />

FRESCHE E SOLARI. LA MAGLIA DIVENTA LEGGERA,<br />

QUASI IMPALPABILE<br />

MARIE-CHRISTINE STATZ IS SHOWING VERY SUMMERY<br />

URBAN GARMENTS, FLOURISHING TROPICAL MOTIFS AND<br />

FRESH, SOLAR COLORS. THE KNITS TAKE ON AN ALMOST<br />

IMPALPABLE LIGHTNESS


HERMÈS<br />

NADÈGE VANHEE-CYBULSKI DÀ UN TWIST SPORTIVO<br />

A UNA MAGLIERIA ESSENZIALE, DALL’ELEGANZA<br />

SENZA TEMPO. IL LUSSO È NEI MATERIALI E<br />

NELLA PALETTE SOBRIA DAI TONI SABBIOSI<br />

NADÈGE VANHEE-CYBULSKI IMBUES HER ESSENTIAL<br />

KNITS WITH A SPORTY FLAIR, EVOKING A TIMELESS<br />

ELEGANCE. THE LUXURIOUS APPEAL RESIDES IN<br />

THE MATERIALS AND THE CHROMATIC PALETTE OF<br />

SUBTLE DESERT TONES


JACQUEMUS<br />

LE FIGURINE IN ARGILLA DEI PRESEPI PROVENZALI<br />

ISPIRANO GEOMETRIE DALLE PROPORZIONI<br />

ESAGERATE, CHE SI APPIATTISCONO E SI<br />

IRRIGIDISCONO CON STRAVAGANTI EFFETTI 2D<br />

THOSE LITTLE CLAY FIGURINES FOUND IN THE<br />

NATIVITY SCENES IN PROVENCE HAVE INSPIRED THESE<br />

GEOMETRIC PATTERNS WITH THEIR EXAGGERATED<br />

PROPORTIONS, STRETCH FLAT AND STIFFENED TO<br />

GENERATE EXTRAVAGANT 2D EFFECTS


KENZO<br />

CAROL LIM E HUMBERTO LEON SI ISPIRANO ALLA MITICA<br />

DISCOTECA NEWYORCHESE STUDIO 54, CON CITAZIONI ANNI<br />

SETTANTA E OTTANTA E SCINTILLANTI RICAMI E APPLICAZIONI<br />

CAROL LIM AND HUMBERTO LEON HAVE DRAWN INSPIRATION<br />

FROM THE NEW YORK DISCOTHEQUE, STUDIO 54, FEATURING<br />

LOTS OF REFERENCES FROM THE SEVENTIES AND EIGHTIES,<br />

ALONG WITH SPARKLING EMBROIDERY WORK AND APPLICATIONS


KOCHÉ<br />

CHRISTELLE KOCHER PROPONE UNO<br />

STREETWEAR DALLE PENNELLATE COUTURE, CHE<br />

AMA I VOLUMI IMPORTANTI, IL PATCHWORK DI<br />

MATERIALI E I DECORI 3D<br />

CHRISTELLE KOCHER IS PRESENTING A<br />

STREETWEAR FEATURING LOTS OF COUTURE<br />

FLAIR. THESE ITEMS ALSO BOAST IMPORTANT<br />

VOLUMES, PATCHWORK PATTERNS OF DIFFERENT<br />

MATERIALS AND 3D DECORATIONS


LEMAIRE<br />

CHRISTOPHE LEMAIRE E SARAH-LINH TRAN<br />

SCELGONO LINEE AMPIE E RILASSATE, PER UN<br />

KNITWEAR DALL’ASPETTO HANDMADE DECLINATO<br />

IN TONALITÀ PASTELLO<br />

CHRISTOPHE LEMAIRE AND SARAH-LINH TRAN<br />

ARE SHOWING ROOMY, RELAXED STYLES, FOR<br />

COMFORTABLE KNITWEAR WITH A HANDMADE<br />

APPEAL, ALL SHOWCASED BY A SOFT PALETTE<br />

OF PASTEL TONES


MANISH<br />

ARORA<br />

MOTIVI MY LITTLE PONY E ARCOBALENO SI<br />

RIVERSANO SU FELPE E CARDIGAN DAL GUSTO<br />

RÉTRO IMPREZIOSITI DA STAMPE<br />

E RICAMI, IN UNA COLLEZIONE ALL’INSEGNA<br />

DEL COLORE<br />

MY LITTLE PONY AND RAINBOW MOTIFS<br />

ADORN SOFT SWEATSHIRTS AND CARDIGAN<br />

WITH A RETRO PANACHE, EMBELLISHED WITH<br />

PRINTS AND EMBROIDERY WORK, FOR A FUN<br />

COLLECTION CELEBRATING COLOR


MAISON<br />

MARGIELA<br />

LO SPORTWEAR SI INSINUA IN OGNI OUTFIT E OGNI CAPO<br />

DIVENTA QUALCOSA D’ALTRO: STRAVAGANZA, FANTASCIENZA<br />

E ANTICONFORMISMO ALLA MANIERA DI JOHN GALLIANO<br />

SPORTSWEAR INSINUATES ITSELF INTO EVERY OUTFIT,<br />

CAUSING EVERY GARMENT TO BECOME SOMETHING ELSE:<br />

EXTRAVAGANCE, SCIENCE-FICTION FLAIR AND REBELLIOUS<br />

NONCONFORMITY WORTHY OF JOHN GALLIANO


MIU MIU<br />

MOOD ESTIVO E RIFERIMENTI ALL’ITALIA DEGLI<br />

ANNI CINQUANTA E SESSANTA SI RIVERSANO SULLA<br />

PROPOSTA DI MIUCCIA PRADA, CON PRINT OPTICAL<br />

E SILHOUETTE CHE ENFATIZZANO IL PUNTO VITA<br />

A SUMMERY MOOD AND REFERENCES TO THE ITALY<br />

OF THE FIFTIES AND SIXTIES HAVE BEEN LAVISHED<br />

ON THE COLLECTION BY MIUCCIA PRADA,<br />

FEATURING OPTICAL PRINTS AND SILHOUETTES<br />

THAT HIGHLIGHT THE WAIST


OFF-WHITE<br />

COLORATI PATCHWORK DI PUNTI E PULLOVER<br />

SFILACCIATI SONO ALCUNE DELLE PROPOSTE IN<br />

MAGLIA DELLA COLLEZIONE ‘BUSINESS WOMAN’<br />

FIRMATA VIRGIL ABLOH<br />

COLORFUL PATCHWORK PATTERNS OF DIFFERENT<br />

STITCHES AND FRAYED SWEATERS ARE SOME OF<br />

THE KNIT ELEMENTS IN THE ‘BUSINESS WOMAN’<br />

COLLECTION BY VIRGIL ABLOH


SONIA<br />

RYKIEL<br />

VOLUMI OVER, MANICHE A CAMPANA E MOTIVI RIGATI<br />

CONFERISCONO RILASSATEZZA E SPIRITO ESTIVO ALLA<br />

PROPOSTA DI JULIE DE LIBRAN, CHE SI ISPIRA ALLE<br />

UNIFORMI DEI MARINAI E AGLI ABITI DA LAVORO<br />

OVERSIZE VOLUMES, PAGODA SLEEVES AND STRIPED<br />

MOTIFS IMBUE THE CREATIONS OF JULIE DE LIBRAN,<br />

INSPIRED BY SAILOR UNIFORMS AND WORK GEAR,<br />

WITH A RELAXED, SUMMERY SPIRIT


STELLA<br />

MCCARTNEY<br />

LA STILISTA BRITANNICA SCEGLIE UNA MAGLIERIA<br />

AMPIA E COMODA, CON DÉCOLLETÉ ARRICCIATI,<br />

FRANGE, EFFETTI SEE-THROUGH E UNA CERTA<br />

ALLURE TRIBALE<br />

THIS BRITISH DESIGNER IS SHOWING ROOMY,<br />

COMFORTABLE KNITS, BOASTING GATHERED<br />

NECKLINES, FRINGE, DEMURE SEE-THROUGH<br />

EFFECTS AND A CERTAIN TRIBAL ALLURE


UNDERCOVER<br />

JUN TAKAHASHI RENDE OMAGGIO ALLA MUSICA JAZZ<br />

CON PATTERN CHE EVOCANO NOTE E STRUMENTI<br />

MUSICALI E STAMPE CHE RIPRODUCONO LE COVER<br />

DI ALCUNI DISCHI ICONICI<br />

JUN TAKAHASHI IS PAYING HOMAGE TO JAZZ MUSIC<br />

WITH PATTERNS THAT EVOKE NOTES AND MUSICAL<br />

INSTRUMENTS, AS WELL AS PRINTS THAT REPRODUCE<br />

THE COVERS OF SEVERAL ICONIC RECORD ALBUMS


VALENTINO<br />

AL SUO DEBUTTO COME SOLISTA, PIERPAOLO<br />

PICCIOLI CUSTODISCE IL ROMANTICISMO-CHIC<br />

DELLA MAISON, CON UN APPROCCIO COUTURE<br />

E RIFERIMENTI ALL’ESTETICA RINASCIMENTALE<br />

MAKING HIS SOLO DEBUT AS A DESIGNER,<br />

PIERPAOLO PICCIOLI CONTINUES TO HONOR THE<br />

ROMANTIC-CHIC TRADITION OF THIS FASHION<br />

HOUSE, BUT WITH A COUTURE APPROACH AND<br />

REFERENCES TO THE RENAISSANCE AESTHETIC


VANESSA<br />

SEWARD<br />

LA STILISTA ARGENTINA PROPONE LUNGHI<br />

CAFTANI IN CROCHET CHE ASSECONDANO LE<br />

LINEE DEL CORPO E ABITI IN MAGLIA, EASY<br />

E FEMMINILI, ILLUMINATI DAL LUREX<br />

THIS ARGENTINE DESIGNER IS SHOWING LONG<br />

CROCHET-WORK CAFTANS THAT SOFTLY CONTOUR<br />

THE LINES OF THE BODY AND EASYGOING YET<br />

FEMININE KNIT DRESSES, ILLUMINATED<br />

BY SHIMMERING LUREX


VÉRONIQUE<br />

LEROY<br />

LA STILISTA PORTA SULLA PASSERELLA LO STILE<br />

FRANCESE DEGLI ANNI OTTANTA, CON BAGLIORI<br />

METALLICI, TRASPARENZE E INTRECCI SENSUALI,<br />

DECLINATI IN TINTE ROMANTICHE E FEMMINILI<br />

THIS DESIGNER HAS BROUGHT TO THE<br />

CATWALKS THE FRENCH LOOK OF THE<br />

EIGHTIES, FEATURING METALLIC HIGHLIGHTS,<br />

TRANSPARENCY AND SENSUAL INTERTWINED<br />

EFFECTS, IN ROMANTIC, FEMININE HUES


Y/PROJECT<br />

GLENN MARTENS PRESENTA UNO STREETWEAR<br />

SPORTIVO E DISINIBITO DALLA VOCAZIONE<br />

UNISEX, CON CAPI COMPONIBILI E LINEE CHE<br />

EVOCANO I CORSETTI<br />

GLENN MARTENS IS SHOWING A SPORTY,<br />

UNINHIBITED SORT OF STREETWEAR WITH<br />

A LIBERATED UNISEX VERSATILITY, FEATURING<br />

MODULAR GARMENTS AND SEXY STYLING<br />

INTENDED TO EVOKE CORSETS


usinessnews<br />

GUCCI<br />

SVELA IL<br />

NUOVO HUB<br />

Si chiama Gucci Hub ed<br />

è la nuova sede milanese<br />

della celebre griffe.<br />

Presentata il 20 settembre<br />

scorso, la struttura è un<br />

capolavoro di recupero<br />

di un edificio ricco di<br />

memorie per la città: si<br />

tratta dell’ex fabbrica<br />

aeronautica Caproni di via<br />

Mecenate, costruita nel<br />

1915. Gucci ha individuato<br />

l’area nel 2013, e ha<br />

affidato al noto studio di<br />

architettura milanese<br />

Piuarch l’incarico di<br />

recuperare il patrimonio<br />

architettonico esistente,<br />

adattandolo alle esigenze di<br />

un moderno headquarter.<br />

Il complesso, 35.000 metri<br />

quadrati, raggruppa tutti<br />

gli uffici di Milano della<br />

griffe, gli showroom, lo<br />

spazio sfilate, le attività<br />

grafiche e il foto studio, e<br />

ospita 250 addetti. La sede<br />

nasce come progetto 100%<br />

sostenibile: sono infatti stati<br />

realizzati un bosco, una<br />

piazzetta alberata, giardini,<br />

patio e pareti verdi.<br />

PICIEMME<br />

PRESENTA SUGGEST<br />

E SFY-SoloForYou<br />

Piciemme srl di Pistoia è attiva da anni nella distribuzione di<br />

brand stranieri sul mercato italiano. Da sempre attiva nei settori<br />

beachwear, lingerie e corsetteria, Piciemme si affaccia ora al<br />

mondo dell’outerwear con due nuove proposte. SFY-SoloForYou<br />

è il brand di proprietà di Piciemme, una linea di abbigliamento<br />

donna che per l’estate è incentrata sui fuori-acqua, mentre per<br />

l’inverno propone capi leisurewear perfetti per la città e per il<br />

viaggio. Interamente made in Tuscany, si rivolge alla signora<br />

che ama look décontracté ma raffinati, e a dispetto del prezzo<br />

competitivo è realizzata con materiali di qualità. Suggest è<br />

la linea leisure- e outerwear dell’azienda francese Création<br />

Méditerranée, attiva nei settori swimwear, lingerie e leisurewear,<br />

di cui Piciemme cura la distribuzione in Italia, dove l’azienda è<br />

tornata ad essere presente dopo anni di assenza.<br />

Info: Piciemme - tel. 0573705254<br />

Fabio Leoncini, nuovo a.d. di Malo.<br />

Qui sopra, una proposta SFY-SoloForYou e,<br />

a sinistra, una proposta outerwear di Suggest.<br />

MALO<br />

FABIO LEONCINI NUOVO A.D.<br />

Malo, uno dei nomi di spicco della maglieria di lusso in<br />

Italia, ha un nuovo amministratore delegato. Si tratta di<br />

Fabio Leoncini, che assume il compito di guidare il gruppo<br />

verso uno sviluppo globale, grazie alla lunga tradizione del<br />

brand (fondato a Firenze da Giacomo e Alfredo Canessa<br />

negli anni Settanta) e al suo posizionamento haute de<br />

gamme. Giacomo Canessa, che dall’inizio del 2015 è<br />

nuovamente alla guida di Malo, si occuperà di prodotto e<br />

controllo qualità. In precedenza Leoncini è stato in forza a<br />

Loro Piana per ben 17 anni.<br />

MIPAP<br />

DIVENTA<br />

THEONEMILANO<br />

CON MIFUR<br />

MIPAP, il salone internazionale<br />

del prêt-àporter<br />

organizzato da<br />

Fiera Milano e MIFUR,<br />

salone internazionale<br />

della pellicceria organizzato<br />

dall’omonimo ente<br />

fieristico, hanno deciso di<br />

allearsi dando vita a un<br />

nuovo polo per il prêt-àporter<br />

femminile di alta<br />

gamma. Il nuovo progetto<br />

si chiama TheOneMilano<br />

e debutterà nel 2017,<br />

con l’edizione invernale,<br />

dal 24 al 27 febbraio ai<br />

padiglioni 3 e 4 di Fiera-<br />

MilanoCity, sede storica<br />

di MIPAP. Saltata l’edizione<br />

di settembre <strong>2016</strong>,<br />

il salone nella sua nuova<br />

formula ospiterà circa<br />

300 collezioni.<br />

Due vedute del nuovo hub milanese di Gucci.


NEW YORK<br />

new york fashion week<br />

>A DÉTACHER<br />

>ADAM SELMAN<br />

>ADEAM<br />

>ALTUZARRA<br />

>ANNA SUI<br />

>CUSTO BARCELONA<br />

>DELPOZO<br />

>DESIGUAL<br />

>DKNY<br />

>JEREMY SCOTT<br />

>JONATHAN SIMKHAI<br />

>LACOSTE<br />

>LIBERTINE<br />

>MARC JACOBS<br />

>MICHAEL KORS COLLECTION<br />

>MONSE<br />

>NICHOLAS K<br />

>OSCAR DE LA RENTA<br />

>PARSONS MFA<br />

>3.1 PHILLIP LIM<br />

>PRABAL GURUNG<br />

>PROENZA SCHOULER<br />

>RAG & BONE<br />

>RALPH LAUREN<br />

>THAKOON<br />

>TOMMY HILFIGER<br />

>ULLA JOHNSON<br />

>VICTORIA BECKHAM<br />

Foto Ugo Camera


A DÉTACHER<br />

PEZZI PRATICI E VERSATILI SI PRESTANO A UN<br />

GIOCO DI PROPORZIONI E DI ACCOSTAMENTI<br />

ARDITI NELLA PROPOSTA FIRMATA MONA<br />

KOWALSKA<br />

THESE PRACTICAL, VERSATILE PIECES LEND<br />

THEMSELVES TO ENGAGING PLAYS OF<br />

PROPORTIONS AND BOLD COMBINATIONS,<br />

REVEALING THE TALENT OF MONA KOWALSKA


ADAM<br />

SELMAN<br />

LO STILISTA VESTE UNA LOLITA URBAN E<br />

DINAMICA CON CAPI LAVORATI A CROCHET<br />

RESI MODERNI DALLE LINEE E DA<br />

DETTAGLI COME LA ZIP<br />

THE DESIGNER IS CATERING TO AN<br />

URBAN LOLITA, A DYNAMIC LITTLE VIXEN,<br />

DRESSING HER IN GARMENTS BOASTING<br />

CROCHET WORK, RENDERED MODERN BY<br />

THE STYLING AND DETAILS LIKE ZIPPERS


ADEAM<br />

HANAKO MAEDA DÀ UN TWIST RIBELLE ALLO<br />

STILE BON TON CON CARDIGAN DALL’ASPETTO<br />

SGUALCITO E MAGLIE DECOSTRUITE E POI<br />

RICOMPOSTE CON LACCI E APERTURE INATTESE<br />

HANAKO MAEDA IMBUES THE LADYLIKE<br />

LOOK WITH A REBELLIOUS TWIST, GIVING<br />

A WRINKLED LOOK TO CARDIGANS AND<br />

DECONSTRUCTING SWEATERS, ONLY TO<br />

REASSEMBLE THEM WITH LACES AND<br />

UNEXPECTED OPENINGS


ALTUZARRA<br />

IL FILM ‘CUORE SELVAGGIO’ DI DAVID LYNCH<br />

ISPIRA UNA COLLEZIONE FOLLE, ALLEGRA E SEXY,<br />

CARICA DI CROMIE VIVACI, ARRICCIATURE E VOLANT<br />

DAVID LYNCH’S FILM, ‘WILD AT HEART’ HAS<br />

SERVED TO INSPIRE A WACKY, PLAYFUL AND SEXY<br />

COLLECTION, BRIMMING WITH LIVELY COLORS,<br />

GATHERED EFFECTS AND RUFFLES


ANNA SUI<br />

LA COLLEZIONE ‘AMERICAN PIE’ È UN MIX DI<br />

RIFERIMENTI ALLA CULTURA POP STATUNITENSE,<br />

DALLE UNIFORMI DELLE CHEERLEADER AGLI<br />

OUTFIT COWBOY, IN UNA PALETTE DI BIANCO,<br />

ROSSO E BLU<br />

THE ‘AMERICAN PIE’ COLLECTION REFLECTS A<br />

MIX OF REFERENCES INSPIRED BY AMERICAN<br />

POPULAR CULTURE, FROM THE OUTFITS SPORTED<br />

BY CHEERLEADERS TO COWBOY DUDS, ALL IN A<br />

PATRIOTIC PALETTE OF RED, WHITE AND BLUE


CUSTO<br />

BARCELONA<br />

IN ‘MORE IS MORE’ LO STILISTA CATALANO<br />

PRESENTA PEZZI ULTRA ELABORATI, RICCHI<br />

DI SENSUALI TRASPARENZE, LUMINOSI<br />

RICAMI, APPLICAZIONI IN CONTRASTO<br />

E PATCHWORK DI MATERIALI<br />

IN ‘MORE IS MORE’ THIS CATALAN DESIGNER<br />

SHOWS ULTRA-ELABORATE ITEMS, WITH SENSUAL<br />

TRANSPARENT AREAS, LUMINOUS EMBROIDERY<br />

WORK, CONTRASTING APPLICATIONS AND<br />

PATCHWORKS OF DIFFERENT MATERIALS


DELPOZO<br />

JOSEP FONT SPERIMENTA CON LA LUCE E SI<br />

LASCIA SEDURRE DA TRASPARENZE, TEXTURE<br />

IMPALPABILI E PROPORZIONI INATTESE, CON<br />

UN RISULTATO ONIRICO E MOLTO FEMMINILE<br />

JOSEP FONT EXPERIMENTS WITH LIGHT,<br />

GENERATING SEDUCTIVE EFFECTS BY MEANS<br />

OF DIAPHANOUS TEXTURES AND UNEXPECTED<br />

PROPORTIONS, FOR A DREAMY EFFECT THAT<br />

IS HIGHLY FEMININE


DESIGUAL<br />

ABITI A RIGHE, PULLOVER EFFETTO RETE, CAPI<br />

DAGLI INTRICATI MOTIVI ALL’UNCINETTO E<br />

UN CERTO ALLURE BOHO CARATTERIZZANO IL<br />

KNITWEAR DEL BRAND<br />

STRIPED DRESSES, NET-LIKE SWEATERS, GARMENTS<br />

WITH INTRICATE CROCHETED MOTIFS AND A<br />

CERTAIN BOHO ALLURE CHARACTERIZE THE<br />

KNITWEAR OF THIS BRAND


DKNY<br />

DAO-YI CHOW E MAXWELL OSBORNE<br />

VOGLIONO VESTIRE LA DONNA NEWYORCHESE<br />

DEL FUTURO. IL RISULTATO È UNA GUERRIERA<br />

METROPOLITANA, SPORTIVA E AVVENTUROSA<br />

DAO-YI CHOW AND MAXWELL OSBORNE CATER<br />

TO A FUTURISTIC NEW YORK WOMAN. THE<br />

RESULT IS A METROPOLITAN WARRIOR, SPORTY<br />

AND ADVENTUROUS


JEREMY<br />

SCOTT<br />

UN OMAGGIO ALLA NEW YORK DEGLI ANNI<br />

OTTANTA, PERICOLOSA E DISINIBITA, CON<br />

SCRITTE ESPLICITE SUI CAPI, INSERTI DI PELLE<br />

VERNICIATA E APPLICAZIONI METALLICHE<br />

AN HOMAGE TO THE NEW YORK OF THE GLAM<br />

EIGHTIES, DANGEROUS AND UNINHIBITED,<br />

WITH EXPLICIT WRITING ON THE GARMENTS,<br />

INSETS OF PATENT LEATHER AND METALLIC<br />

APPLICATIONS


JONATHAN<br />

SIMKHAI<br />

SUPERFICI DALLE LAVORAZIONI COMPLESSE E<br />

MATERIALI INEDITI RENDONO PREZIOSO OGNI<br />

CAPO, MENTRE EFFETTI SEE-TROUGH E<br />

RICHIAMI ALLA LINGERIE REGALANO<br />

SENSUALITÀ ALLA PROPOSTA<br />

SURFACES FEATURING COMPLEX KNIT WORK AND<br />

UNPRECEDENTED MATERIALS RENDER EVERY ITEM<br />

LUXURIOUS, WHILE EVOCATIVE SEE-THROUGH<br />

EFFECTS AND REFERENCES TO LINGERIE IMBUE<br />

THE COLLECTION WITH AN ALLURING SENSUALITY


LACOSTE<br />

FELIPE OLIVEIRA BAPTISTA PRESENTA UNA<br />

COLLEZIONE ATLETICA E CHIC, RICCA DI<br />

ALLUSIONI AL MONDO DEL TENNIS. SENSUALI<br />

VESTAGLIE OVER DANNO UN TOCCO DI<br />

RILASSATEZZA ALL’INSIEME<br />

FELIPE OLIVEIRA BAPTISTA IS SHOWING A<br />

COLLECTION THAT IS BOTH ATHLETIC AND<br />

CHIC, WITH REFERENCES TO THE WORLD OF<br />

TENNIS. SENSUAL OVERSIZE HOUSECOATS IMBUE<br />

THE SELECTION WITH A RELAXING TOUCH


LIBERTINE<br />

JOHNSON HARTIG RIPORTA SULLA<br />

PASSERELLA L’INGHILTERRA DEGLI<br />

ANNI SETTANTA IN UN TRIPUDIO DI<br />

UNION JACK E MOTIVI KITSCH<br />

THE CATWALK OF JOHNSON HARTIG TAKES<br />

US BACK TO THE ENGLAND OF THE<br />

SEVENTIES IN AN EXPLOSION OF UNION<br />

JACK PATTERNS AND KITSCH MOTIFS


MARC<br />

JACOBS<br />

LO STILISTA VESTE LE RAGAZZE PER ANDARE A UN<br />

RAVE PARTY, CON FELPE A RIGHE IMPREZIOSITE<br />

DA RICAMI COMPLESSI E MAGLIE MOVIMENTATE DA<br />

LUREX, PIUME O PAILLETTES<br />

THIS DESIGNER IS DRESSING YOUNG WOMEN<br />

FOR GOING TO RAVE PARTIES, WITH STRIPED<br />

SWEATSHIRTS EMBELLISHED WITH COMPLEX<br />

EMBROIDERY AND SWEATERS ENLIVENED WITH<br />

LUREX, FEATHERS AND SEQUINS


MICHAEL<br />

KORS<br />

COLLECTION<br />

L’ELEGANZA AUSTERA DEGLI ANNI<br />

QUARANTA E LO SPORTY GLAM<br />

DEGLI OTTANTA SI FONDONO IN UNA<br />

PROPOSTA FEMMINILE E RILASSATA<br />

THE AUSTERE ELEGANCE OF THE<br />

FORTIES AND THE SPORTY GLAM OF<br />

THE EIGHTIES GENERATE A COLLECTION<br />

THAT IS BOTH FEMININE AND LAIDBACK


MONSE<br />

IL DUO CREATIVO FORMATO DA LAURA KIM<br />

E FERNANDO GARCIA DECOSTRUISCE I CAPI<br />

CLASSICI DEL GUARDAROBA PER DARGLI UN<br />

TOCCO PIÙ CONTEMPORANEO E SENSUALE<br />

THE DUO OF CREATIVE TALENTS FORMED<br />

BY LAURA KIM AND FERNANDO GARCIA<br />

DECONSTRUCT THE CLASSIC GARMENTS OF<br />

THE WARDROBE TO IMBUE THEM WITH A<br />

CONTEMPORARY, HIGHLY SENSUAL FLAIR


NICHOLAS K<br />

I BEDUINI DEL SUD DELLA GIORDANIA ISPIRANO<br />

A NICHOLAS E CHRISTOPHER KUNZ SILHOUETTE<br />

SVOLAZZANTI E GIOCHI DI SOVRAPPOSIZIONI IN<br />

UNA PALETTE DI TONI SABBIOSI<br />

THE BEDOUINS OF SOUTHERN JORDAN HAVE<br />

SERVED AS THE INSPIRATION FOR NICHOLAS AND<br />

CHRISTOPHER KUNZ, RESULTING IN BILLOWING<br />

SILHOUETTES AND LAYERED EFFECTS IN A<br />

PALETTE OF DUSTY DESERT TONES


OSCAR DE<br />

LA RENTA<br />

RUCHE E LAVORAZIONI PLISSÉ ANIMANO<br />

SILHOUETTE TRADIZIONALI, DISCRETE E MOLTO<br />

FEMMINILI. IL KNITWEAR AMA I PATTERN<br />

DELICATI CON EFFETTO TRAFORATO<br />

RUFFLES AND PLEATED WORK ANIMATE<br />

TRADITIONAL SILHOUETTES THAT MANAGE<br />

TO BE DISCREET BUT STILL VERY FEMININE.<br />

THE KNITWEAR BOASTS DELICATE PATTERNS,<br />

GENERATING OPENWORK EFFECTS


PARSONS<br />

MFA<br />

LE NUOVE PROMESSE DEL FASHION DESIGN<br />

MOSTRANO LE LORO CREAZIONI IN UNA SFILATA<br />

COLLETTIVA PIENA DI SORPRESE INTERESSANTI<br />

IN MATERIA DI KNITWEAR<br />

THE PROMISING NEW TALENTS OF FASHION<br />

DESIGN SHOW THEIR CREATIONS IN A GROUPS<br />

SHOW, BRIMMING WITH INTRIGUING SURPRISES<br />

WHEN IT COMES TO THE CATEGORY OF KNITWEAR


3.1 PHILLIP<br />

LIM<br />

I CAPI IN MAGLIA ADERISCONO AL CORPO<br />

ASSECONDANDO LE SUE CURVE, MENTRE<br />

ZIP E VOLANT DANNO UN TOCCO URBAN E<br />

CONTEMPORANEO ALLA COLLEZIONE<br />

THE KNIT GARMENTS CLING SENSUALLY TO THE<br />

BODY, SHOWCASES A WOMAN’S CURVES, WHILE<br />

STRATEGICALLY PLACED ZIPPERS AND RUFFLES<br />

ADD AN URBAN, CONTEMPORARY TOUCH TO<br />

THE COLLECTION


PRABAL<br />

GURUNG<br />

MAGLIE QUASI IMPALPABILI ESIBISCONO<br />

MOTIVI INTARSIATI, EFFETTI DÉGRADÉ O<br />

LEGGERISSIME PIUME, SCIVOLANDO SENSUALI<br />

A SCOPRIRE IL COLLO E LE SPALLE<br />

SWEATERS THAT ARE PRACTICALLY<br />

IMPALPABLE DISPLAY INTARSIA MOTIFS,<br />

DÉGRADÉ EFFECTS AND WEIGHTLESS<br />

FEATHERS, MOVING SENSUALLY TO REVEAL<br />

THE NECK AND SHOULDERS


PROENZA<br />

SCHOULER<br />

UNA GRAFICA IMPATTANTE DI ISPIRAZIONE<br />

MODERNISTA, INSINUANTI OBLÒ E TEXTURE<br />

RICERCATE CARATTERIZZANO LE CREAZIONI<br />

DI JACK MCCOLLOUGH E LAZARO HERNANDEZ<br />

HIGH-IMPACT GRAPHICS RECALLING THE<br />

MODERNIST MOVEMENT, SUBTLE PORTHOLE<br />

OPENINGS AND SOPHISTICATED TEXTURES<br />

CHARACTERIZE THE CREATIONS BY JACK<br />

MCCOLLOUGH AND LAZARO HERNANDEZ


RAG & BONE<br />

NELLA COLLEZIONE DISEGNATA DA MARCUS<br />

WAINWRIGHT LO STILE PREPPY SI REINVENTA<br />

ANCORA UNA VOLTA CON MAGLIE OVER DAL<br />

SAPORE MASCOLINO<br />

IN THE COLLECTION DESIGNED BY MARCUS<br />

WAINWRIGHT THE CLASSIC PREPPY LOOK<br />

HAS ONCE AGAIN BEEN REVAMPED IN IMBUED<br />

WITH A TOMBOYISH ALLURE THANKS<br />

TO OVERSIZE SWEATERS


RALPH<br />

LAUREN<br />

LA FANTASIA COWBOY SI RIVERSA NELLA<br />

PROPOSTA DEL BRAND, CON FRANGE, INSERTI<br />

IN PELLE E MOTIVI TRADIZIONALI DELLE<br />

TRIBÙ DEL SUD-OVEST AMERICANO<br />

LOTS OF PLAYFUL COWBOY PATTERNS ADORN<br />

THE ITEMS IN THIS BRAND’S COLLECTION,<br />

BOASTING WESTERN FRINGE, LEATHER INSETS<br />

AND TRIBAL MOTIFS EVOCATIVE OF AMERICA’S<br />

SOUTHWESTERN INDIANS


THAKOON<br />

UN KNITWEAR ELABORATO E DALLE LINEE<br />

INNOVATIVE SCEGLIE UNA PALETTE SOBRIA, CHE<br />

ESALTA LA PARTICOLARITÀ DELLE LAVORAZIONI<br />

SENZA RINUNCIARE A UN CERTO MOOD GRUNGE<br />

THIS ELABORATE KNITWEAR BOASTING INNOVATIVE<br />

STYLING TENDS TO FEATURE AN UNDERSTATED<br />

CHROMATIC PALETTE, SHOWCASING THE<br />

UNIQUENESS OF THE WORKMANSHIP, WHILE<br />

GENERATING A CERTAIN GRUNGE MOOD


TOMMY<br />

HILFIGER<br />

LO STILISTA PRESENTA LA COLLEZIONE<br />

DISEGNATA ASSIEME A GIGI HADID: UN INNO<br />

ALL’AMERICA DEI COLLEGE E DEI LUNA PARK,<br />

PER UN KNITWEAR CALDO E AVVOLGENTE<br />

THE DESIGNER IS PRESENTING A COLLECTION<br />

CREATED IN TANDEM WITH THE TALENTED<br />

GIGI HADID: A HYMN TO THE AMERICA’S<br />

COLLEGIATE LOOK AND AMUSEMENT PARKS,<br />

FOR KNITWEAR THAT IS WARM AND CUDDLY


ULLA<br />

JOHNSON<br />

LO STILE BOHO E LE PRATERIE<br />

SUDAMERICANE ISPIRANO LAVORAZIONI<br />

CROCHET HAND MADE, ARRICCHITE DA<br />

RICAMI ROMANTICI E DELICATI<br />

THE BOHO STYLE AND PAMPAS LANDS OF<br />

SOUTH AMERICA HAVE INSPIRED HANDMADE<br />

CROCHET WORK, ADORNED WITH ROMANTIC<br />

AND DELICATE EMBROIDERY WORK


VICTORIA<br />

BECKHAM<br />

UNA COLLEZIONE FEMMINILE, ELEGANTE<br />

E RILASSATA, CHE SI CONCENTRA SULLA<br />

COSTRUZIONE DEI CAPI INTRODUCENDO<br />

TAGLI, APERTURE E PIEGHE INATTESE<br />

A COLLECTION HIGHLY FEMININE AND<br />

ELEGANT, BUT IN A CASUAL SORT OF WAY,<br />

FOCUSING ON THE CONSTRUCTION OF<br />

THE GARMENTS, WITH UNEXPECTED CUTS,<br />

OPENINGS AND FOLDS


usinessnews<br />

MATTEO MARZOTTO<br />

PRESIDENTE DI DONDUP<br />

L’imprenditore Matteo Marzotto torna ad occuparsi<br />

di abbigliamento -dopo importanti esperienze tra cui<br />

Valentino e Vionnet-, con l’ingresso in DONDUP, di<br />

cui acquisisce una quota e diventa Presidente. Il brand<br />

italiano, fondato nel 1999 da Massimo Berloni e Manuela<br />

Mariotti all’insegna di un nuovo concetto di denim, in<br />

breve tempo si è sviluppato fino a proporre total look<br />

per uomo e donna. Nel 2010 in DONDUP è entrato il<br />

fondo di investimento L Catterton, che ha contribuito<br />

al rafforzamento del brand e alla messa a punto di un<br />

piano di espansione a livello internazionale. Le priorità<br />

di Matteo Marzotto sono l’apertura del flagship store a<br />

Milano e l’ingresso in nuovi mercati strategici.<br />

IN BREVE<br />

La sede di Fashion Box ad Asolo (TV).<br />

Matteo Marzotto con i dirigenti di DONDUP.<br />

Gian Giacomo<br />

Ferraris,<br />

nuovo CEO di<br />

Roberto Cavalli.<br />

ROBERTO CAVALLI<br />

GIAN GIACOMO<br />

FERRARIS NUOVO CEO<br />

Il gruppo Roberto Cavalli ha un nuovo CEO.<br />

Gian Giacomo Ferraris, che da sette anni<br />

ricopriva lo stesso ruolo da Versace -dove è<br />

stato sostituito da Jonathan Akeroyd, in arrivo<br />

da Alexander McQueen- è entrato nel gruppo<br />

fiorentino al posto di Renato Semerari, che<br />

aveva assunto l’incarico ad aprile 2015,<br />

quando la maison era passata sotto il<br />

controllo del fondo di private equity Clessidra.<br />

Ferraris, laureato al Politecnico di Torino in<br />

ingegneria chimica con specializzazione in<br />

chimica tessile, è un manager di comprovata<br />

esperienza: dopo la laurea, ha lavorato per<br />

realtà del calibro di Zegna, Prada, Gucci e Jil<br />

Sander. A lui il compito di riportare la maison<br />

Cavalli ai livelli degli anni passati.<br />

ICEBERG<br />

JAMES LONG<br />

DIRETTORE<br />

CREATIVO UNICO<br />

Il Gruppo Gilmar ha nominato il<br />

britannico James Long direttore artistico<br />

del brand Iceberg per entrambe le<br />

linee, maschile e femminile. Già alla<br />

guida della linea uomo, Long diventa, a<br />

partire dalla stagione autunno-inverno<br />

2017/18, responsabile anche della<br />

collezione donna al posto di Arthur<br />

Arbesser. Il designer, che ha studiato<br />

al Royal College of Art, ha fondato il<br />

brand che porta il suo nome nel 2008.<br />

James Long,<br />

nuovo direttore<br />

creativo unico<br />

di Iceberg.<br />

Fashion Box Spa, gruppo a cui<br />

fanno capo i marchi Replay,<br />

Replay&Sons e We Are Replay<br />

ha comunicato che Aldo Palmieri<br />

è entrato a far parte del consiglio<br />

di amministrazione dell’azienda.<br />

Palmieri è una figura di grande<br />

esperienza, avendo ricoperto<br />

ruoli di primo piano in realtà<br />

come Benetton, Banca d’Italia,<br />

City Bank e Ferrero. In qualità<br />

di consigliere delegato, Palmieri<br />

avrà delega per le attività<br />

amministrative, finanziarie e di<br />

controllo gestione, nonché per<br />

la gestione di risorse umane,<br />

organizzazione e servizi.<br />

Il nuovo logo che identifica le collezioni di<br />

abbigliamento di Bergianti & Pagliani srl.<br />

Bergianti & Pagliani srl di<br />

Carpi, l’azienda proprietaria del<br />

brand laFABBRICAdelLINO,<br />

introduce un nuovo logo a partire<br />

dall’autunno-inverno <strong>2016</strong>/<br />

17: LFDL laFABBRICAdelLINO<br />

identificherà le collezioni per<br />

uomo, donna e bambina,<br />

mentre tutto il tessile per la<br />

casa mantiene il logo solito,<br />

laFABBRICAdelLINO. Dicono<br />

Monica Bergianti e Luca<br />

Pagliani, titolari dell’azienda:<br />

“Non era possibile operare una<br />

distinzione troppo netta tra i<br />

due brand. Il nostro mondo è<br />

ormai una realtà conosciuta e<br />

affermata, e lo stesso spirito,<br />

quello del ‘naturalmente chic’,<br />

anima tutte le nostre creazioni.<br />

Questa piccola aggiunta alle linee<br />

abbigliamento ha tante funzioni,<br />

anche quella di permetterci di<br />

lavorare con più materiali e non<br />

solamente con il lino, come<br />

avviene con la linea casa”.


LONDRA<br />

london fashion week<br />

>BURBERRY PRORSUM<br />

>CHRISTOPHER KANE<br />

>DAKS<br />

>DAVID KOMA<br />

>EDUN CHOI<br />

>HOUSE OF HOLLAND<br />

>JASPER CONRAN<br />

>JOSEPH<br />

>JULIEN MCDONALD<br />

>J.W. ANDERSON<br />

>MARGARET HOWELL<br />

>MATTY BOVAN<br />

>MULBERRY<br />

>PETER JENSEN<br />

>PETER PILOTTO<br />

>PREEN BY THORNTON<br />

BREGAZZI<br />

>PRINGLE OF SCOTLAND<br />

>RYAN LO<br />

>TOGA<br />

>VERSUS<br />

Foto Ugo Camera


BURBERRY<br />

PRORSUM<br />

LA PRIMA COLLEZIONE SEE-NOW-BUY-NOW DEL<br />

BRAND SI ISPIRA AL ROMANZO ‘ORLANDO’ DI<br />

VIRGINIA WOLF, CON RIFERIMENTI ELISABETTIANI<br />

COME LE MANICHE A PALLONCINO E LE RUCHE<br />

THE BRAND’S FIRST SEE-NOW-BUY-NOW<br />

COLLECTION HAS BEEN INSPIRED BY THE<br />

ORLANDO NOVEL, WRITTEN BY VIRGINIA WOLF,<br />

FEATURING ELIZABETHAN REFERENCES, LIKE<br />

BALLOON SLEEVES AND RUFFLES


CHRISTOPHER<br />

KANE<br />

CARDIGAN E T-SHIRT VENGONO SCOMPOSTI E<br />

RICOMPOSTI CON ANELLI METALLICI, STAMPE DAL<br />

SAPORE KITSCH E UNA PROFUSIONE DI LUREX E<br />

APPLICAZIONI COLORATE DANNO UNA NOTA ROCK<br />

THE CARDIGANS AND T-SHIRTS HAVE BEEN<br />

DECONSTRUCTED AND REASSEMBLED BY MEANS OF<br />

METAL RINGS, WHILE KITSCHY PRINTS, A PROFUSION<br />

OF LUREX AND COLORFUL APPLICATIONS REINFORCE<br />

THE EDGY ROCK MOOD


DAKS<br />

FILIPPO SCUFFI COMPIE UN VIAGGIO IN INDIA E<br />

PORTA CON SÉ INTRICATE LAVORAZIONI CROCHET<br />

DAI MOTIVI FLOREALI E LUNGHI ABITI IN MAGLIA<br />

EFFETTO RETE<br />

FILIPPO SCUFFI IS TAKING A JOURNEY THROUGH<br />

INDIA, TAKING WITH HIM INTRICATE CROCHET<br />

WORK FLOURISHING FLORAL MOTIFS AND<br />

LONG NETTING-EFFECT KNIT DRESSES


DAVID<br />

KOMA<br />

LO STILISTA GEORGIANO SPERIMENTA CON<br />

SILHOUETTE E CROMIE CONTEMPORANEE<br />

IMPREZIOSITE DA DECORAZIONI GIOIELLO<br />

ISPIRATE ALL’ARTE DELLE UOVA FABERGÉ<br />

THIS GEORGIAN DESIGNER EXPERIMENTS<br />

WITH DIFFERENT SILHOUETTES AND<br />

CONTEMPORARY CHROMATIC ARRAYS,<br />

EMBELLISHED BY JEWEL DECORATIONS<br />

INSPIRED BY THE ART OF FABERGÉ EGGS


EUDON<br />

CHOI<br />

UNA COLLEZIONE POETICA E RICCA DI<br />

MOVIMENTO, CON ASIMMETRIE E DETTAGLI PROPRI<br />

DEL GUARDAROBA MASCHILE, ISPIRATA ALLA<br />

FOTOGRAFIA DI FRANCESCA WOODMAN<br />

A POETIC COLLECTION, RICH IN LIVELY SURFACE<br />

EFFECTS, ASYMMETRY AND DETAILS BORROWED<br />

FROM THE MASCULINE WARDROBE, INSPIRED BY<br />

THE PHOTOGRAPHY OF FRANCESCA WOODMAN


HOUSE OF<br />

HOLLAND<br />

HENRY HOLLAND VESTE UNA GIPSY<br />

ALLEGRA, SENSUALE E COLORATISSIMA,<br />

CON MOTIVI FLOREALI DAL GUSTO FOLK<br />

ANIMATI DA PIZZI E RUCHE<br />

HENRY HOLLAND IS CATERING TO A<br />

CAREFREE, SENSUAL AND COLORFUL GYPSY<br />

WOMAN, PROVIDING HER WITH FLORAL<br />

MOTIFS IMBUED WITH A FOLK FLAIL AND<br />

ANIMATED BY LACE AND RUFFLES


JASPER<br />

CONRAN<br />

LO STILISTA BRITANNICO SI RIVOLGE A UNA<br />

DONNA DALL’ELEGANZA BON TON, CON CAPI<br />

PRATICI E MOLTO FEMMINILI DALL’ALLURE<br />

ANNI CINQUANTA<br />

THIS BRITISH DESIGNER DOTES ON AN ELEGANTLY<br />

LADYLIKE SORT OF WOMAN, PROVIDING HER WITH<br />

PRACTICAL YET EXTREMELY FEMININE GARMENTS,<br />

BOASTING A CLASSIC FIFTIES ALLURE


JOSEPH<br />

LOUISE TROTTER PROPONE OUTFIT STRATIFICATI<br />

DALL’ESTETICA SPORTIVA, CON MAGLIE DAI VOLUMI<br />

OVER MOVIMENTATI DA FRANGE E MANICHE XXL<br />

LOUISE TROTTER IS SHOWING LAYERED OUTFITS<br />

INSPIRED BY A SPORTY AESTHETIC, INCLUDING<br />

OVERSIZE SWEATERS ANIMATED BY FRINGE AND<br />

EXTREMELY LARGE SLEEVES


JULIEN<br />

MCDONALD<br />

LO STILISTA GALLESE REINTERPRETA L’ESTETICA<br />

AFRICANA IN CHIAVE GLAM E ROCK&ROLL, CON<br />

LINEE SEXY, BAGLIORI METALLICI E TRAME<br />

ELABORATE DAL SAPORE COUTURE<br />

THIS WELSH DESIGNER IS REINTERPRETING THE<br />

AFRICAN AESTHETIC, IMBUING WITH A GLAM,<br />

ROCK&ROLL PANACHE, FEATURING SEXY STYLING,<br />

METALLIC HIGHLIGHTS AND ELABORATE WOVEN<br />

EFFECTS EVOKING A COUTURE ELEGANCE


J.W. ANDERSON<br />

LA CREATIVITÀ DELLO STILISTA SI ESPRIME IN<br />

MAGLIE OVER DALL’ASPETTO RUVIDO, CON GLI<br />

ORLI ARROTOLATI A EVOCARE LO STILE ENRICO VIII<br />

THE CREATIVITY OF THIS DESIGNER IS EXPRESSED<br />

IN OVERSIZE SWEATERS WITH A ROUGH<br />

APPEARANCE, FEATURING ROUNDED HEMS,<br />

EVOKING THE LOOK OF HENRY THE EIGHTH


MARGARET<br />

HOWELL<br />

UNA COLLEZIONE SEMPLICE E CHIC, CON<br />

MAGLIE CORTE E LEGGERE, E SILHOUETTE<br />

VAGAMENTE ANNI CINQUANTA CHE<br />

EVIDENZIANO IL PUNTO VITA<br />

A SIMPLE, VERY CHIC COLLECTION,<br />

INCLUDING SHORT, LIGHTWEIGHT<br />

SWEATERS AND SLIGHTLY FIFTIES-STYLE<br />

SILHOUETTES, SHOWING<br />

OFF THE WAISTLINE


MATTY<br />

BOVAN<br />

IL GIOVANE TALENTO BRITANNICO PRESENTA<br />

UNA COLLEZIONE SCULTOREA, COLORATA<br />

E STRAVAGANTE, CHE GIOCA CON LE<br />

SOVRAPPOSIZIONI E IL MIX DI TEXTURE<br />

THIS YOUNG BRITISH DESIGNER IS SHOWING A<br />

SCULPTURAL COLLECTION THAT IS AS COLORFUL<br />

AS IT IS EXTRAVAGANT, FEATURING LOTS OF<br />

LAYERED EFFECTS AND MIXES OF TEXTURE


MULBERRY<br />

JOHNNY COCA OFFRE SILHOUETTE CLASSICHE E<br />

FLUIDE, PER MAGLIE SOTTILI DALLE SUPERFICI<br />

QUASI SERICHE, RAVVIVATE A TRATTI DA RICAMI<br />

ORIENTALEGGIANTI<br />

JOHNNY COCA IS SHOWING CLASSIC, FLUID<br />

SILHOUETTES, FOR FINE SWEATERS WITH ALMOST<br />

SILKY SURFACES, ENLIVENED IN PLACES BY<br />

EMBROIDERY WORK EVOKING THE ORIENT


PETER<br />

JENSEN<br />

LO STILISTA IMMAGINA UNA BRITISH WOMAN<br />

AMANTE DEL GIARDINAGGIO, EMANCIPATA<br />

E UN PO’ ECCENTRICA, E LA VESTE<br />

CON CARDIGAN E PULLOVER COLORATI<br />

DAI MOTIVI BUCOLICI<br />

THIS DESIGNER IS IMAGINING A BRITISH<br />

WOMAN, EMANCIPATED, FOND OF GARDENING,<br />

YET SLIGHTLY ECCENTRIC. AND HE WANTS TO<br />

DRESS HER IN COLORFUL CARDIGANS AND<br />

SWEATERS SPORTING BUCOLIC MOTIFS


PETER<br />

PILOTTO<br />

PETER PILOTTO E CHRISTOPHER DE VOS SI<br />

ISPIRANO AL REALISMO MAGICO E AL SUDAMERICA,<br />

CON DELICATI INSERTI CROCHET E APPLICAZIONI<br />

NAÏF A RENDERE UNICO OGNI CAPO<br />

PETER PILOTTO AND CHRISTOPHER DE VOS HAVE<br />

DRAWN INSPIRATION FROM MAGICAL REALISM<br />

AND SOUTH AMERICA, FOCUSING ON DELICATE<br />

CROCHETED INSETS AND NAÏF APPLICATIONS IN<br />

ORDER TO RENDER EACH GARMENT UNIQUE


PREEN BY<br />

THORNTON<br />

BREGAZZI<br />

THEA BREGAZZI E JUSTIN THORNTON GUARDANO AL<br />

MONDO DELLA STREGONERIA E DELLE SOTTOCULTURE<br />

PIÙ FREAK, ARRICCHENDO I LORO CAPI CON SIMBOLI<br />

MAGICI E DETTAGLI IN STILE DARK<br />

THEA BREGAZZI AND JUSTIN THORNTON ARE LOOKING<br />

TO THE WORLD OF WITCHCRAFT AND THE FREAKIEST<br />

OF SUBCULTURES, EMBELLISHING THEIR GARMENTS<br />

WITH MAGICAL SYMBOLS AND DETAILS EVOKING<br />

THE DARK GOTHIC STYLE


PRINGLE<br />

OF SCOTLAND<br />

FRA LE PROPOSTE, TWINSET DECOSTRUITI RICCHI<br />

DI ASIMMETRIE E SOVRAPPOSIZIONI, PATCHWORK<br />

DI PUNTI ANIMATI DA FRANGE E ABITI LUNGHI<br />

A COSTINE DALL’ALLURE ANNI SETTANTA<br />

AMONG THE ITEMS, ONE FINDS DECONSTRUCTED<br />

TWIN SETS, RICH IN ASYMMETRIC HIGH JINKS AND<br />

LAYERED EFFECTS, PATCHWORKS OF STITCHES<br />

ANIMATED BY FRINGE AND LONG KNIT DRESSES<br />

BOASTING SLINKY RIBBING WITH A SIXTIES ALLURE


RYAN LO<br />

UN KNITWEAR DALLE SILHOUETTE ESAGERATE<br />

ESIBISCE MOTIVI INTARSIATI, COME FIORI E<br />

LOSANGHE, ARRICCHITI CON DECORAZIONI DAL<br />

GUSTO BAROCCO<br />

THIS KNITWEAR WITH ITS EXAGGERATED<br />

SILHOUETTES EXHIBITS LOTS OF INTARSIA MOTIFS,<br />

LIKE FLOWERS AND LOZENGES, ADORNED WITH<br />

DECORATIONS WITH A BAROQUE FLAIR


VERSUS<br />

UNA BAD GIRL, SPORTIVA E RIBELLE,<br />

CALCA LA PASSERELLA INDOSSANDO CAPI<br />

COMODI, SEXY E VERSATILI, PIENI DI<br />

DETTAGLI RUBATI AL MONDO MILITARE<br />

A BAD GIRL, SPORTY AND WICKEDLY<br />

REBELLIOUS, SASHAYS DOWN THE CATWALK<br />

SPORTING COMFORTABLE GARMENTS THAT<br />

ARE SEXY AND VERSATILE, WITH DETALS<br />

BORROWED FROM THE MILITARY SPHERE


TOGA<br />

YASUKO FURUTA ACCOSTA ALLA MAGLIA MATERIALI<br />

LUMINOSI, COME LA SETA O LA PELLE VERNICIATA,<br />

E L’ALLEGGERISCE CON APERTURE AUDACI E<br />

FEMMINILI RUCHE<br />

YASUKO FURUTA COMBINES HIS KNITS WITH<br />

SHINY MATERIALS, LIKE SILK OR PATENT LEATHER,<br />

LIGHTENING EVERYTHING UP WITH AUDACIOUS<br />

OPENINGS AND FEMININE RUFFLES


Foto Ugo Camera<br />

>AUGUSTIN TEBOUL<br />

>LENA HOSCHEK<br />

>MARC CAIN<br />

>MARCEL OSTERTAG<br />

>RIANI<br />

BERLINO<br />

mercedes-benz fashion week berlin<br />

AUGUSTIN<br />

TEBOUL<br />

IL DUO CREATIVO FORMATO DA ANNELIE<br />

AUGUSTIN E ODÉLY TEBOUL PRESENTA UNA<br />

COLLEZIONE ALL’INSEGNA DEL GLITTER E<br />

DELLE GEOMETRIE, RICCA DI TRAFORI E<br />

INSERTI A CONTRASTO<br />

THE CREATIVE DUO COMPOSED OF ANNELIE<br />

AUGUSTIN AND ODÉLY TEBOUL IS SHOWING<br />

A COLLECTION FLOURISHING GLITTER AND<br />

GEOMETRIC SHAPES, FASHIONS BRIMMING<br />

WITH OPENWORK AND CONTRASTING INSETS


LENA<br />

HOSCHEK<br />

LA STILISTA TEDESCA, NOTA PER LA SUA<br />

ESTETICA VINTAGE, SI LASCIA SEDURRE DALLE<br />

ATMOSFERE NAUTICHE CON RIGHE MARINARE<br />

ABBINATE A MOTIVI ULTRA FEMMINILI<br />

THIS GERMAN DESIGNER, NOTED FOR AN<br />

EAGERNESS TO EMBRACE THE VINTAGE<br />

AESTHETIC, HAS BEEN SEDUCED BY NAUTICAL<br />

ATMOSPHERES, INCLUDING LOTS OF STRIPES<br />

AND ULTRA-FEMININE MOTIFS


MARC<br />

CAIN<br />

LE RIGHE NAUTICHE SI MESCOLANO AI<br />

MOTIVI TUTTI FRUTTI IN UNA PROPOSTA<br />

DALLO SPIRITO LADY LIKE MA CON DETTAGLI<br />

E COLORI POP<br />

HERE THE NAUTICAL STRIPES HAVE BEEN<br />

MIXED WITH TUTTI-FRUTTI MOTIFS FOR A<br />

SELECTION OF GARMENTS WITH A LADY-LIKE<br />

SPIRIT BUR RENDERED IN POP COLORS


MARCEL<br />

OSTERTAG<br />

UN OMAGGIO AI LOOK PIÙ FEMMINILI DEGLI<br />

ANNI SETTANTA E OTTANTA CON MAGLIE OVER<br />

DALL’ALLURE SPORTIVO O CON DETTAGLI<br />

TROMPE-L’ŒIL<br />

THIS COLLECTION IS AN HOMAGE TO THOSE<br />

FEMININE LOOKS OF THE SEVENTIES AND EIGHT-<br />

IES, FEATURING OVERSIZE SWEATERS WITH A<br />

SPORTY PANACHE AND TROMPE-L’ŒIL DETAILS


RIANI<br />

SCOLLI AMPI, EFFETTI METALLICI, RIGHE<br />

MARINARE, DIVERTENTI APPLICAZIONI ED<br />

EFFETTI RETE CARATTERIZZANO LA COLLEZIONE<br />

ESTIVA DEL BRAND TEDESCO<br />

LARGE, OPEN NECKLINES, METALLIC EFFECTS,<br />

NAUTICAL STRIPES, PLAYFUL APPLICATIONS<br />

AND SEDUCTIVE NETTING EFFECTS<br />

DISTINGUISHED THE SUMMER COLLECTION<br />

OF THIS GERMAN BRAND


BAUM UND<br />

PFERDGARTEN<br />

>BY MALENE BIRGER<br />

>DESIGNERS’ NEST<br />

>FONNESBECH<br />

>HENRIK VIBSKOV<br />

>HOUSE OF DAGMAR<br />

>LALA BERLIN<br />

COPENAGHEN<br />

copenahagen fashion week<br />

BAUM UND<br />

PFERDGARTEN<br />

RIKKE BAUMGARTEN ED HELLE HESTEHAVE<br />

CONIUGANO ELEGANZA ED ECCENTRICITÀ<br />

CON UN RISULTATO GIOCOSO E VERSATILE<br />

RIKKE BAUMGARTEN AND HELLE<br />

HESTEHAVE COMBINE ELEGANCE AND<br />

ECCENTRICITY WITH A RESULT THAT IS AS<br />

PLAYFUL AS IT IS VERSATILE


BY MALENE<br />

BIRGER<br />

CHRISTINA EXSTEEN SI ISPIRA A LOS<br />

ANGELES E FIRMA UNA COLLEZIONE CHE<br />

RIFLETTE LO STILE GLAMOUR MA RILASSATO<br />

DELLA METROPOLI AMERICANA<br />

CHRISTINA EXSTEEN DRAWS HER<br />

INSPIRATION FROM LOS ANGELES, IN A<br />

COLLECTION THAT CAPTURES THE RELAXED<br />

SORT OF GLAMOUR THAT DISTINGUISHES<br />

THIS AMERICAN METROPOLIS


DESIGNERS’<br />

NEST<br />

I NUOVI TALENTI DEL FASHION DESIGN<br />

SCANDINAVO SFILANO IN UN EVENTO COLLETTIVO,<br />

CON PROPOSTE IN MAGLIA CHE HANNO COME<br />

PROTAGONISTI IL COLORE E L’ESTRO CREATIVO<br />

THE NEW TALENTS OF THE SCANDINAVIAN FASH-<br />

ION DESIGN SCENE ARE SHOWING THEIR CRE-<br />

ATIONS IN A GROUP SHOW, FEATURING LOTS OF<br />

KNIT ITEMS FLOURISHING COLOR GALORE ALONG<br />

WITH WHIMSICAL CREATIVITY


HENRIK<br />

VIBSKOV<br />

FRANGE E GEOMETRIE INTARSIATE<br />

CARATTERIZZANO IL KNITWEAR DELLO<br />

STILISTA DANESE, IN UNA PROPOSTA<br />

COLORATA E RICCA DI RIFERIMENTI ALLA<br />

CULTURA NIPPONICA<br />

FRINGE AND GEOMETRIC INTARSIA WORK<br />

CHARACTERIZE THE KNITWEAR OF THIS<br />

DANISH DESIGNER, SHOWING COLORFUL<br />

ITEMS, BRIMMING WITH REFERENCES TO THE<br />

JAPANESE CULTURE


LALA<br />

BERLIN<br />

LEYLA PIEDAYESH SCEGLIE FIBRE NATURALI<br />

E PATTERN VIBRANTI PER CAPI IN MAGLIA<br />

DALL’ALLURE ESTIVO E SOFISTICATO<br />

LEYLA PIEDAYESH IS FOCUSING ON<br />

NATURAL FIBERS AND VIBRANT PATTERNS TO<br />

SHOWCASE HER KNIT GARMENTS, VAUNTING<br />

A SUMMERY, SOPHISTICATED ALLURE


HOUSE OF<br />

DAGMAR<br />

I MATERIALI NOBILI SI DECLINANO IN<br />

CAPI SARTORIALI ISPIRATI ALL’ART DECO:<br />

SENSUALITÀ E SOFISTICAZIONE CON UN<br />

TOCCO DECADENTE<br />

THE LUXURY MATERIALS ARE SHOWCASED<br />

IN SARTORIAL GARMENTS INSPIRED BY ART<br />

DECO: SENSUALITY AND SOPHISTICATION<br />

WITH A DECADENT TOUCH


Foto Ugo Camera<br />

>CUSTO BARCELONA<br />

>ELINE VAN REE<br />

>ESCORPION STUDIO<br />

BARCELONA<br />

>SAMUEL ALARCÓN<br />

>SITA MURT<br />

>SSIC AND PAUL<br />

>XAVI GRADOS<br />

>YERSE<br />

BARCELONA<br />

080 barcelona fashion<br />

CUSTO<br />

BARCELONA<br />

TEXTURE PARTICOLARI, TRASPARENZE E IL<br />

CONSUETO MIX DI MATERIALI E PATTERN<br />

CARATTERIZZANO LA COLLEZIONE FIRMATA<br />

DAL CATALANO CUSTO DALMAU<br />

SPECIAL TEXTURES, TRASPARENCIES GALORE<br />

AND THE USUAL MIX OF MATERIALS AND<br />

PATTERNS DISTINGUISH THIS COLLECTION<br />

DESIGNED BY THE CATALAN, CUSTO DALMAU


ELINE<br />

VAN REE<br />

LA STILISTA BELGA, DI CASA A BARCELLONA,<br />

SCEGLIE MOTIVI GRAFICI JACQUARD ISPIRATI<br />

AL CUBISMO E SILHOUETTE ANNI VENTI, IN UN<br />

PALETTE DOMINATA DA BLU, BIANCO E NERO<br />

THE BELGIAN DESIGNER, CURRENTLY RESID-<br />

ING IN BARCELONA, IS SHOWING GRAPHIC<br />

JACQUARD MOTIVES INSPIRED BY CUBISM AND<br />

TWENTIES SILHOUETTES IN A PALETTE DOMI-<br />

NATED BY BLACK, WHITE AND BLUE


ESCORPION<br />

STUDIO<br />

BARCELONA<br />

LE ODALISCHE DI INGRES E IL RITMO CADENZATO<br />

E SEDUCENTE DELLE DONNE ORIENTALI ISPIRA LA<br />

COLLEZIONE DEL BRAND CATALANO, CHE SCEGLIE<br />

PER LA SUA MAGLIERIA UNA PALETTE TENUE<br />

THE ODALISQUES OF INGRES AND THE CATCHY RHYTHM<br />

OF ORIENTAL WOMAN HAVE SERVED TO INSPIRE THE<br />

COLLECTION OF THIS CATALAN BRAND, SHOWING A<br />

SUBDUED CHROMATIC PALETTE FOR ITS KNITS


YERSE<br />

QUEL PUNTO SEMPRE CANGIANTE IN<br />

CUI IL MARE DIVENTA COSTA ISPIRA<br />

LE PROPOSTE DI LLUÍS GENERÓ, CHE<br />

SCEGLIE LINEE SCIVOLATE E UNA<br />

PALETTE FRA ACQUA E SABBIA<br />

THAT IRIDESCENT LINE AT WHICH THE<br />

SEA BECOMES THE BEACH HAS IN-<br />

SPIRED THE FASHIONS DESIGNED BY<br />

LLUÍS GENERÓ, SHOWING RELAXED,<br />

LOOSE SHAPES AND A CHROMATIC<br />

PALETTE BETWEEN SEA AND SAND


SAMUEL<br />

ALARCÓN<br />

‘ETIMOLOGIA DELL’IO’ È UNA COLLEZIONE<br />

CHE SCEGLIE CROMIE ROMANTICHE PER<br />

UN TRICOT ORIGINALE E SEDUCENTE,<br />

MOVIMENTATO DA LUNGHE FRANGE E<br />

MOTIVI FLOREALI<br />

‘ETYMOLOGY OF THE SELF’ IS THE NAME<br />

OF A COLLECTION FEATURING ROMANTIC<br />

COLORS, FOR AN APPROACH TO TRICOT<br />

ORIGINAL AND SEDUCTIVE, ANIMATED BY<br />

LONG FRINGE AND FLORAL MOTIFS


SITA<br />

MURT<br />

ISABEL ESTEVE CONIUGA LA MAGLIA CON<br />

ALTRI MATERIALI PER CREARE TEXTURE<br />

INEDITE E CONTRASTI FORTI. FRANGE,<br />

BOUCLÉ E JACQUARD MOVIMENTANO<br />

LE SUPERFICI<br />

ISABEL ESTEVE COMBINES KNITS WITH<br />

OTHER MATERIALS IN ORDER TO GENERATE<br />

UNPRECEDENTED TEXTURES AND STRIKING<br />

CONTRASTS. FRINGE, BOUCLÉ AND<br />

JACQUARD ANIMATE THE SURFACES


SSIC AND<br />

PAUL<br />

JESSICA RAYA E PAULA BOADAS<br />

PROPONGONO OUTFIT ASIMMETRICI, RICCHI<br />

DI SOVRAPPOSIZIONI E CON UN TOCCO<br />

ROMANTICO, ISPIRATI AL MAR MORTO<br />

JESSICA RAYA AND PAULA BOADAS<br />

ARE SHOWING ASYMMETRICAL OUTFITS,<br />

BRIMMING WITH LAYERED EFFECT AND<br />

IMBUED WITH A ROMANTIC FLAIR,<br />

INSPIRED BY THE DEAD SEA


XAVI<br />

GRADOS<br />

LA MAGLIA È PROTAGONISTA DELLA PASSERELLA IN UNA<br />

COLLEZIONE ISPIRATA ALLE COSTE DELLA CATALOGNA.<br />

MATERIALI 100% NATURALI, COME COTONE E BAMBÙ,<br />

DONANO FRESCHEZZA ESTIVA ALLE PROPOSTE<br />

KNITS ARE THE PROTAGONIST ON THE CATWALKS OF THIS<br />

COLLECTION INSPIRED BY THE COASTS OF CATALONIA.<br />

100% NATURAL MATERIALS, SUCH AS COTTON AND BAMBOO,<br />

IMBUE THE CREATIONS WITH A CRISP SUMMERY FRESHNESS.


ANGEL SCHLESSER<br />

>DEVOTA & LOMBA<br />

>FRANCIS MONTESINOS<br />

>ION FIZ<br />

>JORGE VÁZQUEZ<br />

>MARÍA ESCOTÉ<br />

>MARÍA KE FISHERMAN<br />

MADRID<br />

mercedes benz fashion week madrid<br />

ANGEL<br />

SCHLESSER<br />

SILHOUETTE AMPIE E LEGGERE<br />

GARANTISCONO COMODITÀ E LIBERTÀ<br />

DI MOVIMENTO SENZA PERDERE IN<br />

ELEGANZA, DECLINATE IN UNA PALETTE<br />

CROMATICA CHE EVOCA LE ALBE ESTIVE<br />

ROOMY, LIGHTWEIGHT SILHOUETTES<br />

GUARANTEE COMFORT AND FREEDOM OF<br />

MOVEMENT WITHOUT LOOSING ELEGANCE,<br />

WITH ITEMS BOASTING A CHROMATIC<br />

PALETTE EVOKING THE SUNRISE


DEVOTA &<br />

LOMBA<br />

ABITI IN MAGLIA, DALLE TONALITÀ SOFT E CON<br />

ASPETTO HANDMADE, SONO UN TRIBUTO ALLA<br />

BELLEZZA IMPERFETTA, CON LINEE SEMPLICI,<br />

ASIMMETRIE E UN TOCCO NAÏF<br />

KNIT DRESSES IN SOFT TONES, FEATURING<br />

A HANDMADE LOOK, CONSTITUTE A TRIBUTE<br />

TO IMPERFECT BEAUTY, WITH SIMPLE STYLING,<br />

ASYMMETRY AND A TOUCH OF NAÏF ARTLESSNESS


FRANCIS<br />

MONTESINOS<br />

IL KNITWEAR DELLO STILISTA SPAGNOLO<br />

ADOTTA FORME AVVOLGENTI E UNO STILE<br />

CASUAL, QUASI SPORTIVO, CHE SI PRESTA AD<br />

ACCOSTAMENTI ARDITI PER MATERIALI E STILI<br />

THE KNITWEAR BY THIS SPANISH DESIGNER<br />

ADOPTS ENFOLDING FORMS AND A CASUAL,<br />

ALMOST SPORTY STYLE THAT LENDS ITSELF<br />

TO BOLD COMBINATIONS IN TERMS OF BOTH<br />

MATERIALS AND STYLES


ION FIZ<br />

NELLA COLLEZIONE ‘YATCH CLUB’ LO STILISTA<br />

IMMAGINA UNA CROCIERA RÉTRO, RICCA DI<br />

CROMIE E MOTIVI NAUTICI, CON LINEE PURE<br />

ARRICCHITE DA ELEMENTI COME LE BALZE<br />

IN HIS ‘YATCH CLUB’ COLLECTION, THE DE-<br />

SIGNER IMAGINES A CRUISE OF YESTERYEAR,<br />

WITH NAUTICAL TONES AND MOTIFS, AND<br />

PURE LINES ENHANCED BY DECORATIVE<br />

ELEMENTS SUCH AS FLOUNCES


JORGE<br />

VÁZQUEZ<br />

UN SAFARI NELL’AFRICA ORIENTALE, CON<br />

T-SHIRT DAI GIOCOSI MOTIVI ESOTICO-<br />

TRIBALI O CAPI IN MAGLIA DALL’ASPETTO<br />

ARTIGIANALE, IN UNA PALETTE SPEZIATA<br />

A SAFARI THROUGH EAST AFRICA, WITH<br />

T-SHIRTS SPORTING PLAYFUL EXOTIC-TRIBAL<br />

MOTIFS AND KNIT GARMENTS WITH A CRAFT-<br />

BASED FEEL, IN A CHROMATIC PALETTE OF<br />

WARM SPICE TONES


MARÍA<br />

ESCOTÉ<br />

CARDIGAN E PULLOVER DAI VOLUMI ESAGERATI<br />

ACCOMPAGNANO CAPI LEGGERI IN SETA E COTONE,<br />

CHE ESIBISCONO MOTIVI DELLA TRADIZIONE<br />

CINESE COME I DRAGHI E I SERPENTI<br />

CARDIGANS AND SWEATERS WITH EXAGGERATED<br />

VOLUMES ARE INTENDED TO ACCOMPANY<br />

LIGHTWEIGHT GARMENTS IN SILK AND COTTON,<br />

WITH MOTIFS FROM THE CHINESE TRADITION,<br />

LIKE DRAGONS AND SERPENTS


MARÍA KE<br />

FISHERMAN<br />

MARÍA LEMUS E VÍCTOR ALONSO CI<br />

PORTANO A UN RAVE PARTY NEOGOTICO<br />

CON UNA COLLEZIONE DAI TAGLI AUDACI<br />

E DAL FORTE IMPATTO GRAFICO<br />

MARÍA LEMUS AND VÍCTOR ALONSO WHISK<br />

US OFF TO A NEO-GOTHIC RAVE PARTY<br />

WITH A COLLECTION FLOURISHING<br />

AUDACIOUS STYLING AND A POWERFUL<br />

GRAPHIC IMPACT


Foto Ugo Camera<br />

>À LA GARÇONNE<br />

>AMABILIS<br />

>GIG COUTURE<br />

>JULIANA JABOUR<br />

>LILLY SARTI<br />

>LOLITTA<br />

>RONALDO FRAGA<br />

SAN PAOLO<br />

são paulo fashion week<br />

À LA<br />

GARÇONNE<br />

ALEXANDRE HERCHCOVITCH E FABIO SOUZA<br />

USANO MATERIALI DI RICICLO E TESSUTI<br />

VINTAGE PER ILLUSTRARE IL CONCETTO<br />

DI UPCYCLING, IN UN MIX UNICO DI STILI<br />

E SUGGESTIONI<br />

ALEXANDRE HERCHCOVITCH AND FABIO<br />

SOUZA USE RECYCLED MATERIALS AND<br />

VINTAGE FABRICS TO ILLUSTRATE THE<br />

CONCEPT OF UPCYCLING, FEATURING A<br />

UNIQUE MIX OF STYLES AND INSPIRATIONS


AMABILIS<br />

IL GIOVANE BRAND BRASILIANO DEBUTTA<br />

SULLA PASSERELLA DI SAN PAOLO CON UNA<br />

COLLEZIONE RICCA DI MATERIALI INEDITI<br />

ED EFFETTI RETE<br />

THIS BRAZILIAN BRAND IS MAKING ITS DEBUT<br />

ON THE CATWALKS AT SAN PAOLO WITH A<br />

COLLECTION BRIMMING WITH UNORTHODOX<br />

MATERIALS AND NET EFFECTS


GIG<br />

COUTURE<br />

GINA GUERRA SI ISPIRA ALL’OPERA DI SONIA<br />

DELAUNAY PER CAPI IN MAGLIA FLUIDI,<br />

LUMINOSI E CON MOLTO MOVIMENTO GRAZIE<br />

AI PLISSÈ, AI VOLANT E ALLE SUPERFICI<br />

LAVORATE IN RILIEVO<br />

GINA GUERRA HAS DRAWN INSPIRATION FROM<br />

THE WORK OF SONIA DELAUNAY, WITH SLINKY<br />

AND LUMINOUS KNITS, FEATURING LOTS OF<br />

ANIMATION THANKS TO PLEATING, RUFFLES<br />

AND TEXTURED SURFACES


JULIANA<br />

JABOUR<br />

UN DOCUMENTARIO SULLA NASCITA DELLO<br />

SKATEBOARDING NEGLI ANNI ‘70 È IL PUNTO DI<br />

PARTENZA DI UNA COLLEZIONE CHE PARLA DI SPORT<br />

IN CHIAVE FEMMINILE E ALL’INSEGNA DEL COLORE<br />

A DOCUMENTARY ON THE BIRTH OF SKATEBOARDING IN<br />

THE 70’S HAS SERVED AS THE POINT OF DEPARTURE<br />

FOR A COLLECTION THAT APPROACHES ATHLETICS FROM<br />

A FEMININE PERSPECTIVE, WITH LOTS OF COLOR


LILLY<br />

SARTI<br />

LA STILISTA SI ISPIRA ALLE XILOGRAFIE<br />

DELL’ARTISTA GILVA SAMICO E ALLA<br />

NATURA DELL’ENTROTERRA BRASILIANO,<br />

PER UNA MAGLIERIA FRESCA ,MA DALLE<br />

TONALITÀ CALDE<br />

THIS DESIGNER HAS DRAWN INSPIRATION<br />

FROM THE XYLOGRAPHS OF GILVA SAMICO,<br />

AND THE WILDERNESS OF THE BRAZILIAN<br />

INTERIOR REGION, CREATING KNITS THAT<br />

ARE FRESH, BUT IN WARM TONALITIES


LOLITTA<br />

LOLITTA HANNUD ESPLORA LA LUCE E IL<br />

COLORE PER DARE ENERGIA AI SUOI PEZZI:<br />

UNA CROMOTERAPIA FASHIONISTA CON<br />

TANTE OPZIONI IN MAGLIA<br />

LOLITTA HANNUD IS EXPLORING LIGHT AND<br />

COLOR IN ORDER TO INFUSE HER PIECES<br />

WITH ENERGY: A FASHIONISTA CHROMO-<br />

THERAPY TREATMENT WITH ALL SORTS OF<br />

KNIT OPTIONS


RONALDO<br />

FRAGA<br />

LO STILISTA COMPIE UN VIAGGIO IN AFRICA E<br />

RIFLETTE SUL DRAMMA DEI PROFUGHI DI TUTTO<br />

IL MONDO. RICAMI, APPLICAZIONI E INTRECCI<br />

CORPOSI SONO I PROTAGONISTI<br />

THE DESIGNER TAKES A TRIP THROUGH AFRICA,<br />

FOCUSING ON THE PLIGHT OF REFUGEES<br />

IN THE WORLD. EMBROIDERY WORK,<br />

APPLICATIONS AND FULL-BODIED CABLE<br />

WORK ARE THE PROTAGONISTS


close up<br />

ROPPED<br />

Charles Jeffrey Loverboy<br />

Charles Jeffrey Loverboy<br />

Raf Simons<br />

Sibling


Boglioli<br />

Dolce & Gabbana<br />

PATTERNS<br />

Giorgio Armani<br />

MSGM


close up<br />

SPORTY RETRO<br />

David Hart<br />

Perry Ellis<br />

Neil Barrett<br />

MSGM


Charles Jeffrey Loverboy<br />

Ann Demeulemeester<br />

Vivienne Westwood<br />

Ovadia & Sons<br />

TEARED UP


close up<br />

UNEVEN KNITS<br />

Dries Van Noten<br />

Salvatore Ferragamo<br />

Charles Jeffrey Loverboy<br />

Études Studio


Prada<br />

Canali<br />

Perry Ellis<br />

Sacai<br />

WHITE NOISE


incontri<br />

Alcune proposte della collezione<br />

p-e 2017, Run Away, di Moneo by<br />

Neo Modena.<br />

MONEO<br />

BY NEO<br />

MODENA<br />

DYNAMIC<br />

DESIGN<br />

Creatività, irrequietezza,<br />

e voglia di esprimere<br />

la propria unicità<br />

convivono nel DNA del<br />

giovane brand emiliano<br />

MONEO by Neo Modena è un brand di abbigliamento nato nel<br />

2015 dal desiderio di tre giovani amici - Bruno Cavani, Mattia<br />

Goldoni e Luca Manfredi - di far sentire la propria voce e di<br />

esprimere la propria creatività. Attualmente, Bruno si occupa<br />

della parte creativa, mentre Mattia e Luca sono responsabili<br />

della produzione e della promozione. Le collezioni del brand si<br />

contraddistinguono per la loro qualità, che va oltre il tessuto<br />

coinvolgendo la rete di vendita e la presentazione dei capi.<br />

Quality not quantity è una regola fondamentale del trio, che<br />

predilige il pezzo unico, senza varianti di colori o di materiali,<br />

e mai prodotto in grandi quantità. Trattandosi di un lavoro<br />

realizzato artigianalmente, ogni capo è diverso dall’altro e<br />

Moneo rivendica con orgoglio l’unicità che scaturisce dalle<br />

piccole imperfezioni frutto della mano umana. Questi concetti di<br />

originalità e spontaneità si riflettono anche nella comunicazione<br />

del marchio, che non sceglie mai modelli professionisti, ma<br />

ritrae persone vere, che scelgono Moneo perché ritrovano nelle<br />

creazioni del brand la propria dimensione. Le collezioni seguono<br />

un’idea, frutto di una ricerca continua di ispirazione, e non la<br />

stagionalità, con un approccio all’atto creativo che gli avvicina al<br />

mondo del design. Tutti i pezzi vengono interamente progettati e<br />

realizzati in Italia, con materiali di ricerca e controlli di qualità<br />

severi. Per l’autunno-inverno <strong>2016</strong>/17 il brand ha creato una<br />

capsule collection maschile di felpe in 100% cotone, con ricami<br />

discreti frontali o sul retro. La proposta per la primavera-estate<br />

2017, sempre maschile ma dal fit unisex, è stata battezzata<br />

Run away e include T-shirt e felpe in cotone, short in felpa,<br />

gabardina o raso, pantaloni lunghi in felpa, camicie e bomber in<br />

raso o in nylon. La palette cromatica è dominata da bianco, blu,<br />

nero, grigio e cipria, e tutti i capi sono impreziositi da stampe,<br />

all over o piazzate, oppure da ricami che riproducono scritte<br />

come Run Away o Don’t worry for me I’m lost.<br />

NEO Modena<br />

tel. +39 3926844737 - info@neomodena.it - www. neomodena.it


MILANO<br />

moda uomo<br />

>ANTONIO MARRAS<br />

>CANALI<br />

>DAKS<br />

>DIRK BIKKEMBERGS<br />

>DOLCE & GABBANA<br />

>DSQUARED 2<br />

>EMPORIO ARMANI<br />

>ETRO<br />

>FENDI<br />

>GIORGIO ARMANI<br />

>JOHN RICHMOND<br />

>GUCCI<br />

>LES HOMMES<br />

>MARCELO BURLON<br />

>MISSONI<br />

>MSGM<br />

>NEIL BARRETT<br />

>PHILIPP PLEIN<br />

>PORTS 1961<br />

>PRADA<br />

>SALVATORE FERRAGAMO<br />

>VIVIENNE WESTWOOD<br />

Foto Ugo Camera


ANTONIO<br />

MARRAS<br />

L’UOMO DI MARRAS SPERIMENTA INEDITI<br />

ACCOSTAMENTI DI TRAME, COLORI ED<br />

ELEMENTI DECORATIVI PER OUTFIT<br />

TRASFORMISTI E RICCHI DI PERSONALITA’<br />

THE MARRAS GENTLEMAN IS FOND OF<br />

EXPERIMENTING WITH UNORTHODOX<br />

COMBINATIONS OF WEAVES, COLORS AND<br />

DECORATIVE ELEMENTS FOR TRANSFORMIST<br />

OUTFITS, BRIMMING WITH PERSONALITY.


CANALI<br />

IL TEAM CREATIVO DEL BRAND IMPIEGA<br />

MATERIE PRIME PREGIATE E LAVORAZIONI<br />

HANDMADE PER UNA PROPOSTA CHE<br />

RIESCE A ESSERE SPORTIVA ED ELEGANTE<br />

ALLO STESSO TEMPO<br />

THIS BRAND’S CREATIVE TEAM HAS<br />

UTILIZED LUXURIOUS PRIMARY MATERIALS<br />

AND HANDMADE STITCH EFFECTS FOR A<br />

SELECTION THAT MANAGES TO BE SPORTY<br />

AND ELEGANT AT THE SAME TIME


DAKS<br />

FILIPPO SCUFFI ABBRACCIA UN<br />

MOOD ANNI SESSANTA, BOHÉMIEN E<br />

RILASSATO, CON RICHIAMI ALL’INDIA<br />

NELLE LINEE E NEI DETTAGLI<br />

FILIPPO SCUFFI IS EMBRACING A<br />

SEVENTIES MOOD THAT IS BOTH<br />

BOHÉMIEN AND RELAXED, FEATURING<br />

EVOCATIONS OF INDIA IN THE LINES<br />

AND RICH DETAILING


DIRK<br />

BIKKEMBERGS<br />

PATTERN GRAFICI E RICAMI DISCRETI<br />

CARATTERIZZANO LE MAGLIE PRESENTATE<br />

DAL BRAND, PERFETTE DA PORTARE CON<br />

I LOOK PIÙ SPORTIVI E URBAN<br />

GRAPHIC PATTERNS AND DISCREET<br />

EMBROIDERY WORK DISTINGUISH THE<br />

KNITS BY THIS BRAND, PERFECT FOR<br />

BOTH HIGHLY URBAN AND SPORTY LOOKS


DOLCE &<br />

GABBANA<br />

UN OMAGGIO ALLA MUSICA IN TUTTE<br />

LE SUE FORME, CON MOTIVI JAZZ,<br />

MAMBO,-DANCE E HIP HOP CHE SI<br />

RIVERSANO SU FELPE, MAGLIE E POLO<br />

AN HOMAGE TO MUSIC IN ALL ITS<br />

CAPTIVATING MANIFESTATIONS, WITH<br />

JAZZ, MAMBO, DANCE AND HIP HOP<br />

MOTIFS ADORNING SWEATSHIRTS,<br />

SWEATERS AND POLO STYLES


DSQUARED 2<br />

I TIPI TOSTI DELLA STRADA SI FONDONO<br />

CON I GLAM ROCKER NELLA PROPOSTA<br />

DEI GEMELLI DEAN E DAN CATEN, CON<br />

LUREX E PAILLETTE A ILLUMINARE I CAPI<br />

THE TOUGH STREET TYPES MERGE WITH<br />

GLAM ROCKERS IN THE FASHION BY THE<br />

TWINS, DEAN AND DAN CATEN, WITH LOTS<br />

OF SHIMMERING LUREX AND SEQUINS TO<br />

BRIGHTEN UP THE GARMENTS


EMPORIO<br />

ARMANI<br />

UN INNO ALL’INDIVIDUALITÀ, IN UN<br />

TRIPUDIO DI SILHOUETTE E TEXTURE<br />

DA MIXARE IN LIBERTÀ E UN MOTIVO<br />

‘IMPRONTA DIGITALE’ RICORRENTE<br />

A VERITABLE HYMN TO INDIVIDUALITY,<br />

IN AN EXPLOSION OF SILHOUETTES<br />

AND TEXTURES TO BE FREELY MIXED<br />

AND MATCHED AND A RECURRING<br />

FINGERPRINT THEME


ETRO<br />

UNA COLLEZIONE RILASSATA, MA SARTORIALE<br />

E TRÈS CHIC, CON ORIGINALI MOTIVI IKAT<br />

E RIGHE MARINARE, IN UNA PALETTE<br />

ISPIRATA DAL MARE<br />

A RELAXED BUT SARTORIAL AND TRÈS CHIC<br />

COLLECTION, BOASTING HIGHLY ORIGINAL<br />

IKAT MOTIFS AND NAUTICAL STRIPES,<br />

PRESENTED IN A CHROMATIC PALETTE<br />

INSPIRED BY THE SEA


FENDI<br />

‘SUN AND FUN’ È IL LEITMOTIV DELLA COLLEZIONE<br />

FIRMATA SILVIA VENTURINI FENDI, CHE VESTE UN<br />

UOMO IN VACANZA CON CAPI CONFORTEVOLI E<br />

DALL’ALLURE ANNI CINQUANTA<br />

‘SUN AND FUN’ IS THE LEITMOTIV OF THIS<br />

COLLECTION, DESIGNED BY SILVIA VENTURINI FENDI,<br />

CATERING TO A GENTLEMAN ON HOLIDAY WITH<br />

COMFORTABLE GARMENTS BOASTING A FIFTIES ALLURE


GIORGIO<br />

ARMANI<br />

LO STILISTA PRIVILEGIA LE LINEE PULITE,<br />

LA FLUIDITÀ E IL MOVIMENTO, IN UNA<br />

COLLEZIONE CHE ESIBISCE MOTIVI<br />

PIASTRELLA E SUPERFICI CON EFFETTO 3D<br />

THE DESIGNER IS FOND OF CLEAN LINES,<br />

FLUIDITY AND MOVEMENT, AS EVIDENCED<br />

BY A COLLECTION DISPLAYING CERAMIC<br />

TILE MOTIFS AND SURFACES WITH<br />

3D EFFECTS


JOHN<br />

RICHMOND<br />

CROMIE VIBRANTI, STAMPE ROCK&ROLL, LINEE<br />

CHE ENFATIZZANO IL FISICO E UN CERTO<br />

ALLURE ANNI OTTANTA CARATTERIZZANO<br />

LE PROPOSTE DELLO STILISTA<br />

VIBRANT COLORS, EDGY ROCK&ROLL<br />

PRINTS AND STYLING THAT’S INTENDED TO<br />

HIGHLIGHT THE PHYSIQUE, PLUS A CERTAIN<br />

EIGHTIES ALLURE CHARACTERIZE THE<br />

CREATIONS OF THIS DESIGNER


GUCCI<br />

TORNA ALESSANDRO MICHELE E LA SUA<br />

PASSIONE PER LE DECORAZIONI E LO<br />

STILE GEEK, IN UNA PROPOSTA RICCA DI<br />

MOTIVI NAUTICI E SUGGESTIONI POP<br />

ALESSANDRO MICHELE IS BACK WITH<br />

HIS PASSION FOR DECORATIVE EFFECTS<br />

AND THE GEEK STYLE, CELEBRATED IN A<br />

COLLECTION BRIMMING WITH NAUTICAL<br />

MOTIFS AND FUN POP REFERENCES


LES HOMMES<br />

LA CONQUISTA SPAGNOLA DELL’AMERICA<br />

MERIDIONALE ISPIRA LA COLLEZIONE FIRMATA<br />

TOM NOTTE E BART VANDEBOSCH, CON MOTIVI<br />

TRIBALI RICAMATI E UN CERTO MOOD MILITARE<br />

THE SPANISH CONQUEST OF SOUTH AMERICA<br />

HAS SERVED AS THE INSPIRATION FOR THE<br />

COLLECTION DESIGNED BY TOM NOTTE AND BART<br />

VANDEBOSCH, FEATURING EMBROIDERED TRIBAL<br />

MOTIFS AND A CERTAIN MILITARY MOOD


MARCELO<br />

BURLON<br />

LO SPORTWEAR DELLO STILISTA<br />

SI DECLINA IN FELPE E T-SHIRT<br />

DALL’ESTETICA UNDERGROUND IN UNA<br />

PALETTE DI BIANCO, NERO E ROSSO<br />

THE SPORTSWEAR DESIGNED BY THIS<br />

DESIGNER IS COMPOSED OF SWEATSHIRTS<br />

AND T-SHIRTS WITH A SUBVERSIVE<br />

UNDERGROUND AESTHETIC IN A PALETTE<br />

OF BLACK, WHITE AND RED


MISSONI<br />

ANGELA MISSONI COMPIE UN VIAGGIO IN<br />

GUATEMALA, CON MOTIVI ISPIRATI ALLA<br />

TRADIZIONE DEL PAESE CENTROAMERICANO<br />

COME I QUETZAL RICAMATI O IN<br />

VERSIONE JACQUARD<br />

ANGELA MISSONI TAKES US ON A TRIP TO<br />

GUATEMALA, WITH MOTIFS INSPIRED BY<br />

THE TRADITIONS OF THIS CENTRAL<br />

AMERIAN LAND, SUCH AS THE<br />

EMBROIDERED QUETZALS AND OTHERS<br />

IN JACQUARD VERSIONS


NEIL<br />

BARRETT<br />

T-SHIRT, MAGLIE E POLO, IN UNA PALETTE<br />

DI MARRONI CON RIGHE CHEVRON A<br />

CONTRASTO, EVOCANO LA PROVINCIA<br />

AMERICANA DEGLI ANNI SETTANTA<br />

T-SHIRTS, SWEATERS AND POLO STYLES, IN<br />

A CHROMATIC PALETTE OF BROWNS,<br />

WITH CONTRASTING CHEVRON STRIPES,<br />

EVOKE THE SMALL-TOWN AMERICAN OF<br />

THE SEVENTIES


MSGM<br />

TRADIZIONALI MOTIVI A LOSANGHE CON UN<br />

TWIST PSICHEDELICO E MAGLIE CON RIGHE E<br />

ZIP DALL’ALLURE ATLETICO SONO ALCUNE DELLE<br />

PROPOSTE FIRMATE MASSIMO GIORGETTI<br />

TRADITIONAL LOZENGE MOTIFS WITH A<br />

PSYCHEDELIC TWIST AND SWEATERS WITH STRIPES<br />

AND ZIPPERS BOASTING AN ATHLETIC ALLURE ARE<br />

SOME OF THE ELEMENTS IN THE COLLECTION<br />

DESIGNED BY TMASSIMO GIORGETTI


PHILIPP<br />

PLEIN<br />

LO SPORTWEAR DI LUSSO DEL BRAND SI<br />

ISPIRA AL MONDO DEL BASKETBALL CON<br />

MAGLIE OVER IN MATERIALI PREZIOSI,<br />

ARRICCHITE DA RICAMI E APPLICAZIONI<br />

THIS BRAND’S LUXURIOUS SPORTSWEAR IS<br />

INSPIRED BY THE WORLD OF BASKETBALL,<br />

WITH OVERSIZED SWEATERS IN<br />

SUMPTUOUS MATERIALS, EMBELLISHED WITH<br />

EMBROIDERY WORK AND APPLICATIONS


PORTS<br />

1961<br />

MILAN VUKMIROVIC FLIRTA CON I SOCIAL<br />

NETWORK RICHIAMANDONE I SIMBOLI E<br />

MOVIMENTA LE SUE MAGLIE CON FRANGE,<br />

STELLINE E APPLICAZIONI<br />

MILAN VUKMIROVIC FLIRTS WITH THE<br />

REALM OF THE SOCIAL NETWORKS,<br />

EVOKING THEIR SYMBOLS AND ANIMATING<br />

HIM SWEATERS WITH FRINGE, LITTLE STARS<br />

AND APPLICATIONS


PRADA<br />

MIUCCIA PRADA PROPONE UN ACTIVEWEAR<br />

ECCENTRICO E COLORATISSIMO, RICCO<br />

DI RIFERIMENTI AD ALTRE CULTURE,<br />

COME I GILÈ MULTIRIGHE CON UN<br />

TOCCO PSICHEDELICO<br />

MIUCCIA PRADA IS SHOWING AN ARRAY OF<br />

ECCENTRIC, HIGHLY COLORFUL ACTIVEWEAR,<br />

BRIMMING WITH REFERENCES TO OTHER<br />

CULTURES, LIKE THE MULTI-STRIPES VESTS<br />

SPORTING A PSYCHEDELIC FLAIR


SALVATORE<br />

FERRAGAMO<br />

ISPIRAZIONE OUTERWEAR PER IL TEAM CREATIVO DELLA<br />

MAISON, CHE SCEGLIE MOTIVI DI ARTE PRIMITIVA E CROMIE<br />

ACCESE PER MAGLIE CHE EVIDENZIANO LO SCOLLO<br />

OUTERWEAR INSPIRATIONS FOR THE CREATIVE TEAM OF THIS<br />

FASHION HOUSE, DETERMINED TO FOCUS ON THE MOTIFS OF<br />

PRIMITIVE ART AND BRIGHT COLORS FOR SWEATERS THAT<br />

SHOWCASE THE NECKLINE


VIVIENNE<br />

WESTWOOD<br />

MAGLIE DAL LOOK DESTROYED O CON<br />

SOFISTICATE LAVORAZIONE A INTARSIO VESTONO<br />

UN UOMO PUNK-CHIC, DEL TUTTO INDIFFERENTE<br />

ALLE BARRIERE DI GENERE<br />

SWEATERS DISPLAYING DESTROYED LOOKS OR<br />

BOASTING SOPHISTICATED INTARSIA CATER TO A<br />

PUNK-CHIC SORT OF GENTLEMAN, INDIFFERENT<br />

TO THE USUAL GENDER BOUNDARIES


andtowatch<br />

Una creazione di Calzature Carlino.<br />

PAUL MÉMOIR<br />

CONTEMPORARY RETRO<br />

PAUL MÉMOIR è un fashion brand nato nel<br />

2014 per conquistare gli amanti dell'arte e<br />

del design con una maglieria innovativa, ma<br />

con uno sguardo sul passato. I migliori filati<br />

si declinano in cardigan e girocolli ispirati ai<br />

classici della maglieria, che rivisitano pattern<br />

geometrici inserendo elementi iconici dalla<br />

cultura pop, in un mix inedito di classicità e<br />

anticonformismo. C'è una certa allure anni<br />

Sessanta e Settanta nelle proposte per la<br />

primavera-estate 2017, grazie ai motivi che<br />

reinterpretano i classici delle geometrie optical,<br />

accostando pois, righe e cubi, e alcune<br />

fantasie prendono spunto dall’arte cinetica e<br />

dai progetti dello scultore statunitense Calder.<br />

La palette cromatica è dominata dal blue navy,<br />

il rosso, l’azzurro cielo e il bianco latte; mentre<br />

le texture sono un mix tra la freschezza del<br />

cotone e la morbidezza della lavorazione tricot.<br />

Weg srl - tel. +39 059 9120411<br />

info@paulmemoir.com<br />

www.paulmemoir.com<br />

CALZATURE CARLINO<br />

ARTE E MESTIERE<br />

CALZATURE CARLINO è un'impresa familiare nata nel<br />

1958. Attualmente è Riccardo Cianci, di 23 anni,<br />

nipote del fondatore, a portare avanti la tradizione di<br />

famiglia. Oltre a quello che ha imparato dal nonno,<br />

Riccardo fa tesoro di un bagaglio di conoscenze raccolto<br />

in giro per l'Italia, dove tanti maestri gli hanno<br />

insegnato l'arte di confezionare scarpe su misura.<br />

Ogni scarpa richiede dalle 20 alle 40 ore di lavoro,<br />

ma una volta terminata diventa un oggetto destinato<br />

a durare, anche una vita. Calzature Carlino impiega<br />

soltanto materiali di prima scelta: la pelle arriva dalla<br />

Francia e dalla Germania, gli scamosciati più pregiati<br />

dall'Inghilterra, i migliori alligatori dall'America,<br />

mentre il cuoio, rigorosamente a concia vegetale, è<br />

italiano e proviene dall'antica conceria della famiglia<br />

Presot a Pordenone. Ci sono inoltre borse e borsoni<br />

da viaggio, in quantità ridotta, ma di grande qualità,<br />

realizzate con le migliori pelli di vitello. Ogni dettaglio<br />

è curato e personalizzato secondo i desideri del<br />

cliente, per creare oggetti unici e di altissima qualità.<br />

Calzoleria Carlino - tel. +39 339 865 6367<br />

www.calzoleriacarlino.it<br />

Paul Mémoir p-e 2017.<br />

Tortona 21 p-e 2017.<br />

Terre Alte<br />

p-e 2017.<br />

TERRE ALTE<br />

GLAMOUR-ROCK APPEAL<br />

Da oltre vent’anni TERRE ALTE, il brand fondato da<br />

Vanda e Arianna Tentoni, esprime il suo amore per<br />

i fi lati pregiati e il desiderio di offrire alle donne capi<br />

raffi nati e pratici al tempo stesso. Il tutto rispettando<br />

e valorizzando la vocazione artigianale originaria attraverso<br />

il controllo diretto dell’intera filiera produttiva.<br />

Per la primavera-estate 2017 il brand presenta una<br />

collezione audace nei volumi e nelle linee, e sofisticata<br />

nei materiali e nei dettagli, con l'impiego di lurex,<br />

pizzi rielaborati e jabot. La sua femminilità è ribelle e<br />

determinata, con reminiscenze anni Settanta e Ottanta.<br />

Fra gli elementi più innovatori, spiccano l'impiego<br />

di cotone tecnico leather-like, le ricche lavorazioni<br />

del knitted-croquet, le stampe ricercate e i ricami<br />

handmade. L'impiego di materiali naturali in contesti<br />

nuovi da vita a capi freschi e confortevoli, dalle linee<br />

aderenti e sinuose, con cuciture che esaltano i tagli<br />

strutturali ed ergonomici della modellistica. Non<br />

mancano texture 3D d'avanguardia ad impreziosire<br />

le superfi ci.<br />

TerreAlte srl - tel. +39 0541 743658<br />

info@terrealte.net - www.terrealte.net<br />

TORTONA 21 - DAILY CHIC<br />

TORTONA 21 è la linea di maglieria Antonelli Firenze, prodotta dalla Gossip srl di<br />

Castelfi orentino (Firenze) e nata con la primavera-estate <strong>2016</strong> per vestire una donna<br />

che ama esprimere la sua eleganza ma con semplicità. In linea con l’impronta<br />

stilistica dell’azienda, Tortona 21 abbraccia quindi un concetto innovativo di gusto:<br />

“quotidiano chic”. Tutti i capi sono interamente made in Italy, e sono il risultato del<br />

lavoro di un team tecnico-stilistico con moltissimi anni di esperienza nel mondo della<br />

maglieria. Per quanto riguarda la proposta per la primavera-estate 2017, Tortona<br />

21 sceglie fi bre naturali e pregiate come il cotone, la seta, il cashmere, anche mixati<br />

tra di loro, e li declina in chiave sobria ma ultramoderna, con un risultato originale e<br />

sofi sticato.<br />

Gossip srl - tel. +39 0571 64859 - info@tortona21.com - www.tortona21.com


PARIGI<br />

paris mode masculine<br />

>ANN DEMEULEMEESTER<br />

>BALMAIN<br />

>CERRUTI 1881<br />

>CHRISTIAN DADA<br />

>DIOR HOMME<br />

>DRIES VAN NOTEN<br />

>ÉTUDES STUDIO<br />

>FACETASM<br />

>GIVENCHY<br />

>HERMÈS<br />

>JULIEN DAVID<br />

>JUUN.J<br />

>LANVIN<br />

>LOUIS VUITTON<br />

>MAISON MARGIELA<br />

>RICK OWENS<br />

>SACAI<br />

>VALENTINO<br />

>WALTER VAN BEIRENDONCK<br />

>Y/PROJECT<br />

Foto Ugo Camera


ANN<br />

DEMEULEMEESTER<br />

SÉBASTIEN MEUNIER RICORRE ALL’ESTETICA PUNK, PER MAGLIE<br />

DALLE TRAME INEDITE, STRAPPATE, SFILACCIATE E ARRICCHITE<br />

DA INSERTI IN CHIFFON, NASTRI, RICAMI O FRANGE, CON UN<br />

RISULTATO COUTURE<br />

SÉBASTIEN MEUNIER DRAWS FROM THE PUNK AESTHETIC,<br />

WITH SWEATERS FEATURING UNUSUAL WEAVES, TEARS AND<br />

FRAYING, BUT EMBELLISHED BY INSETS IN CHIFFON, RIBBONS,<br />

EMBROIDERY OR FRINGE, FOR COUTURE RESULT


BALMAIN<br />

OLIVIER ROUSTEING GIOCA CON LE RIGHE MULTICOLOR,<br />

LE TRAME A RETE, IL LUREX E LE SOVRAPPOSIZIONI<br />

PER VESTIRE UN UOMO FASHIONISTA E SICURO DI SÉ<br />

OLIVIER ROUSTEING HAS FUN PLAYING WITH<br />

MULTICOLOR STRIPES, NET-LIKE WEAVES, SHIMMERING<br />

LUREX AND LAYERING IN ORDER TO CLAD A<br />

SELF-CONFIDENT, FASHIONISTA GENTLEMAN


LOUIS<br />

VUITTON<br />

KIM JONES IMMAGINA L’AFRICA DEI<br />

MASAI E LA DECLINA IN COLORATISSIME<br />

MAGLIE DI MOHAIR SPETTINATO, CHE<br />

EVOCANO CON I LORO PATTERN LA<br />

PELLE DELLE ANTILOPI<br />

KIM JONES HAS DRAWN INSPIRATION<br />

FROM THE AFRICA OF THE MAASAI,<br />

PRESENTING IT IN COLORFUL SWEATERS<br />

OF SHAGGY MOHAIR, INTENDED TO<br />

EVOKE THE SUBTLY NUANCED PATTERNS<br />

OF ANTELOPE HIDES


CERRUTI<br />

1881<br />

LOOK SOBRIO E DÉCONTRACTÉ PER LA<br />

COLLEZIONE FIRMATA JASON BASMAJIAN,<br />

CHE SCEGLIE MATERIALI E LAVORAZIONI DI<br />

PREGIO DECLINATI IN CROMIE FREDDE<br />

UNDERSTATED, DECONSTRUCTED LOOKS<br />

DISTINGUISH THIS COLLECTION DESIGNED<br />

BY JASON BASMAJIAN, WHO HAS OPTED FOR<br />

LUXURIOUS MATERIALS AND KNIT WORK,<br />

FEATURING A COOL CHROMATIC PALETTE


CHRISTIAN<br />

DADA<br />

MASANORI MORIKAWA SI ISPIRA A YOKO<br />

ONO, A JOHN LENNON E AL CONCETTO DI<br />

PACE, PER UN URBANWEAR MODERNO E<br />

COSMOPOLITA CARICO DI RIFERIMENTI BELLICI<br />

MASANORI MORIKAWA HAS DRAWN<br />

INSPIRATION FROM YOKO ONO, JOHN LENNON<br />

AND THE PEACE MOVEMENT FOR MODERN,<br />

COSMOPOLITAN URBANWEAR, BOASTING LOTS<br />

OF MILITARY REFERENCES


DIOR<br />

HOMME<br />

MOOD MILITARE PER KRIS VAN ASSCHE, CHE<br />

SI MUOVE SUL FILO FRA SARTORIALITÀ E<br />

SPORTWEAR CON MAGLIE RICCHE DI TRAME<br />

A RETE, INSERTI E APPLICAZIONI<br />

A MILITARY MOOD FOR KRIS VAN ASSCHE, WHO<br />

MANAGES TO STRIKE A BALANCE BETWEEN<br />

SARTORIAL STYLING AND SPORTSWEAR, WITH<br />

SWEATERS BRIMMING WITH NETTING WEAVES,<br />

INSETS AND APPLICATIONS


DRIES<br />

VAN NOTEN<br />

LO STILISTA BELGA SI ISPIRA ALLE<br />

VILLE DI CAMPAGNA INGLESI, CON<br />

MOTIVI ARAZZO, RAFFINATE LAVORAZIONI<br />

PATCHWORK, FRANGE E SUGGESTIONI<br />

CAMOUFLAGE<br />

THIS BELGIAN DESIGNER HAS DRAWN<br />

INSPIRATION FROM THE ENGLISH<br />

COUNTRYSIDE, WITH TAPESTRY MOTIFS,<br />

SOPHISTICATED PATCHWORK EFFECTS,<br />

FRINGE AND CAMOUFLAGE MOTIFS


LANVIN<br />

LUCAS OSSENDRIJVER PRESENTA UNA COLLEZIONE<br />

DALLE LINEE CASUAL E MOLTO GRAFICA, RICCA DI<br />

PATTERN ALLOVER COME AD ESEMPIO LE FRECCE<br />

LUCAS OSSENDRIJVER IS SHOWING A COLLECTION<br />

BOASTING CASUAL STYLING BUT STILL EXTREMELY<br />

GRAPHIC, BRIMMING WITH ALLOVER PATTERNS,<br />

SUCH AS BOLD ARROW MOTIFS


ÉTUDES<br />

STUDIO<br />

IL COLLETTIVO NEWYORCHESE-PARIGINO<br />

IMPIEGA FILATI E COLORITURE NATURALI<br />

PER PORTARE LA CAMPAGNA IN CITTÀ. LE<br />

SILHOUETTE SONO AMPIE E RILASSATE<br />

THIS NEW YORK-PARIS COLLECTIVE SHOWS<br />

LOTS OF NATURAL YARNS AND COLORS<br />

TO BRING THE COUNTRYSIDE INTO<br />

THE CITY. THE SILHOUETTES ARE<br />

ROOMY AND RELAXED


FACETASM<br />

HIROMICHI OCHIAI DECOSTRUISCE CAPI<br />

SPORTIVI E URBANI PER MIXARLI CON<br />

ELEMENTI PREPPY, IN UN PATCHWORK DI<br />

STREET STYLE E ALTA MODA ISPIRATO A TOKYO<br />

HIROMICHI OCHIAI HAS DECONSTRUCTED<br />

SPORTY, URBAN GARMENTS IN ORDER TO<br />

MIX THEM WITH PREPPY ELEMENTS FOR A<br />

PATCHWORK OF STREET STYLE AND HAUTE<br />

COUTURE, INSPIRED BY TOKYO


GIVENCHY<br />

UNA RIFLESSIONE SUI SOLDI E LA SPIRITUALITÀ NELLA<br />

PROPOSTA FIRMATA RICCARDO TISCI, CHE NON DISDEGNA<br />

I RICHIAMI ALL’ESTETICA MILITARE CON APPLICAZIONI<br />

METALLICHE E MOTIVI CAMOUFLAGE<br />

ONE ENCOUNTERS A COMMENT OF MONEY AND SPIRITUALITY<br />

IN THE FASHIONS DESIGNED BY RICCARDO TISCI, A MAN WHO<br />

DOESN’T SHY AWAY FROM MILITARY REFERENCES, FLOURISHING<br />

METALLIC APPLICATIONS AND CAMOUFLAGE PATTERNS


HERMÈS<br />

I CARDIGAN E LE POLO DI VÉRONIQUE<br />

NICHANIAN ESIBISCONO MOTIVI CLASSICI<br />

COME LE LOSANGHE O ALTRI PIÙ AUDACI<br />

COME IL TIE-DYE, CON UN RISULTATO<br />

CASUAL MA ELEGANTE<br />

THE CARDIGANS AND POLO MODELS BY<br />

VÉRONIQUE NICHANIAN FLOURISH CLASSIC<br />

MOTIFS, LIKE LOZENGES, AS WELL AS BOLDER<br />

ONES, SUCH AS TIE-DYE, FOR A RESULT THAT<br />

IS CASUAL BUT ELEGANT


JULIEN<br />

DAVID<br />

LO STILISTA SI ISPIRA AL MOVIMENTO,<br />

ALLA FORMA E AI COLORI DELLE ONDE<br />

DELL’OCEANO PER CREARE I SUOI GIOCHI<br />

DI PATTERN E SUPERFICI<br />

THIS DESIGNER HAS DRAWN INSPIRATION<br />

FROM THE MOTION, SHAPES AND COLORS OF<br />

OCEAN WAVES IN ORDER TO CREATE ORIGINAL<br />

PLAYS OF PATTERN AND SURFACE INTEREST


JUUN.J<br />

LO STILISTA COREANO PRESENTA UNA COLLEZIONE URBANA,<br />

SPORTIVA E UNDERGROUND, CON FELPE E MAGLIONI CHE<br />

RICHIAMANO LE TUTE ANTI-G DEGLI ASTRONAUTI<br />

THE SOUTH KOREAN DESIGNER IS PRESENTING AN URBAN<br />

COLLECTION WITH A SPORTY, UNDERGROUND FLAIR,<br />

FEATURING SWEATSHIRTS AND BIG SWEATERS THAT RECALL<br />

THE ANTI-G SUITS OF ASTRONAUTS


MAISON<br />

MARGIELA<br />

PATCHWORK DI MATERIALI DANNO VITA A CAPI<br />

ORIGINALI E FASHION FORWARD. IMPERDIBILI<br />

IL TOP E IL SHORT IN MAGLIA ABBOTTONATI<br />

ASSIEME A FORMARE UNA TUTINA<br />

A PATCHWORK OF DIFFERENT MATERIALS<br />

GIVES RISE TO ORIGINAL, FASHION-FORWARD<br />

GARMENTS. OUTSTANDING EXAMPLE IS THE KNIT<br />

TOP AND SHORTS WHICH BUTTON TOGETHER<br />

TO FORM A LITTLE JUMPSUITS


RICK<br />

OWENS<br />

DRAPPEGGI, SOVRAPPOSIZIONI E TESSUTI<br />

ATTORCIGLIATI SI TRADUCONO IN<br />

SILHOUETTE INEDITE, VOLUMI ESAGERATI<br />

E ACCOSTAMENTI ARDITI<br />

GRACEFUL DRAPING, LAYERING<br />

AND TWISTED FABRICS GIVE LIFE<br />

TO UNPRECEDENTED SILHOUETTES,<br />

EXAGGERATED VOLUMES AND DARING<br />

COMBINATIONS


SACAI<br />

CHITOSE ABE RIPROPONE I PATTERN<br />

DEI PONCHO MESSICANI E ALTRI MOTIVI<br />

FOLCLORISTICI IN OUTFIT RICCHI DI<br />

SOVRAPPOSIZIONI E CROMIE INATTESE<br />

CHITOSE ABE IS REVIVING THE PATTERNS OF<br />

MEXICAN PONCHOS AND OTHER FOLK MOTIFS<br />

FOR OUTFITS BRIMMING WITH LAYERED<br />

EFFECTS AND UNEXPECTED USE OF COLOR


VALENTINO<br />

MARIA GRAZIA CHIURI E PIERPAOLO PICCIOLI<br />

TORNANO A PROPORRE LO STILE MILITARE,<br />

CON RICAMI DORATI E MOTIVI CAMOUFLAGE, IN<br />

UNA PALETTE DI TINTE SOBRIE<br />

MARIA GRAZIA CHIURI AND PIERPAOLO PICCIOLI<br />

ARE ONCE AGAIN SHOWING A TRIM MILITARY<br />

LOOK, COMPLETE WITH GOLD EMBROIDERY AND<br />

CAMOUFLAGE PATTERNS, ALL PRESENTED IN A<br />

PALETTE OF UNDERSTATED, SUBDUED TONES


WALTER VAN<br />

BEIRENDONCK<br />

LO STILISTA BELGA PRESENTA UNA<br />

COLLEZIONE ESTROSA E SARTORIALE, CON<br />

MAGLIE QUASI IMPALPABILI ARRICCHITE<br />

DA BAGLIORI METALLICI, RICAMI E<br />

APPLICAZIONI MULTICOLOR<br />

THE BELGIAN DESIGNER SHOWS A WHIMSICAL<br />

AND SARTORIAL COLLECTION, FEATURING<br />

ALMOST IMPALPABLE SWEATERS ADORNED<br />

WITH METALLIC HIGHLIGHTS, EMBROIDERY<br />

WORK AND MULTICOLOR APPLICATIONS


Y/PROJECT<br />

GLENN MARTENS PROPONE UNO STREETWEAR<br />

ANDROGINO E DALLE PROPORZIONI ALTERATE,<br />

DECLINATO IN UNA PALETTE ROMANTICA E FEMMINILE.<br />

INSERTI IN DENIM ARRICCHISCONO IL KNITWEAR<br />

GLENN MARTENS IS PRESENTING AN ANDROGYNOUS<br />

APPROACH TO STREETWEAR, DUDS WITH STAGGERED<br />

PROPORTIONS AND FEATURING A ROMANTIC, FEMININE<br />

CHROMATIC PALETTE. DENIM INSETS SERVE TO<br />

EMBELLISH THE KNITWEAR<br />

AND FLORAL THEME APPLICATIONS


Foto Ugo Camera<br />

>DAVID HART<br />

>DEVEAUX<br />

>GARCIAVELEZ<br />

>GYPSY SPORT<br />

>JOSEPH ABBOUD<br />

>N.HOOLYWOOD<br />

>OVADIA & SONS<br />

>PERRY ELLIS<br />

NEW YORK<br />

new york fashion week: men’s<br />

DAVID<br />

HART<br />

LA SOTTOCULTURA SURFER DI FINE<br />

ANNI SESSANTA, LA FOTOGRAFIA DI<br />

LEROY GRANNIS E IL JAZZ DI DICK<br />

GAIL ISPIRANO QUESTA COLLEZIONE<br />

CASUAL E SARTORIALE<br />

THE LATE SIXTIES SURFER SUBCULTURE,<br />

THE PHOTOGRAPHY OF LEROY<br />

GRANNIS AND DICK GAIL’S JAZZ HAVE<br />

SERVED AS THE INSPIRATION FOR THIS<br />

CASUAL YET SARTORIAL COLLECTION


DEVEAUX<br />

FUNZIONALITÀ, MINIMALISMO E RELAX<br />

CARATTERIZZANO LA PROPOSTA DI MATT<br />

BREEN, ANDREA TSAO E PATRICK DOSS,<br />

ISPIRATA ALLE VACANZE GRECHE DI JACKIE<br />

KENNEDY E AUDREY HEPBURN<br />

PERFORMANCE, MINIMALISM AND A<br />

LAIDBACK EASE DISTINGUISH THE<br />

COLLECTION DESIGNED BY MATT BREEN,<br />

ANDREA TSAO AND PATRICK DOSS,<br />

INSPIRED BY THE GREEK HOLIDAYS OF<br />

JACKIE KENNEDY AND AUDREY HEPBURN


GARCIAVELEZ<br />

L’ARCHITETTURA HA ISPIRATO A CARLOS<br />

GARCIAVELEZ CAPI DALLA COSTRUZIONE<br />

ARDITA, RICCHI DI SOVRAPPOSIZIONI E<br />

PATTERN GRAFICI ESCLUSIVI DEL BRAND<br />

ARCHITECTURE HAS SERVED AS THE<br />

INSPIRATION FOR CARLOS GARCIAVELEZ, FOR<br />

GARMENTS BOASTING BOLD CONSTRUCTION,<br />

LLAYERED EFFECTS AND THE EXCLUSIVE<br />

GRAPHIC PATTERNS OF THE BRAND


GYPSY<br />

SPORT<br />

CAPI SPORTIVI SI ANIMANO CON FRANGE E INSERTI<br />

IN PIZZO O ESIBISCONO STAMPE CARTOON IN STILE<br />

GIAPPONESE, PER UNA COLLEZIONE GIOCOSA E<br />

COLORATISSIMA FIRMATA RIO URIBE<br />

THESE SPORTY GARMENTS DESIGNED BY THE TALENTED<br />

RIO RUIBE HAVE BEEN ENLIVENED WITH FRINGE AND<br />

INSETS OF LACE, OR THEY VAUNT JAPANESE-STYLE CARTOON<br />

PRINTS, FOR A PLAYFUL, COLORFUL COLLECTION


JOSEPH<br />

ABBOUD<br />

IL LINO È IL PROTAGONISTA DI QUESTA<br />

PROPOSTA VIRILE, ELEGANTE E CON UN CERTO<br />

FLAIR CUBANO. BIANCO, AVORIO E MARRONE<br />

AVANA DOMINANO LA PALETTE CROMATICA<br />

CRISP, COOL LINEN IS THE PROTAGONIST<br />

OF THIS ELEGANTLY VIRILE COLLECTION,<br />

FLOURISHING A CERTAIN CUBAN PANACHE.<br />

WHITE, IVORY AND HAVANNA BROWN<br />

DOMINATE THE CHROMATIC PALETTE


N.HOOLYWOOD<br />

DAISUKE OBANA PROPONE UNA MAGLIERIA DALL’ALLURE<br />

RILASSATO, CON LAVORAZIONI A COSTINE, SCRITTE<br />

GRAFICHE O INSERTI CON EFFETTO COLOUR BLOCK<br />

DAISUKE OBANA IS SHOWING KNITS WITH A RELAXED<br />

ALLURE, FEATURING LOTS OF RIBBED STITCH WORK,<br />

GRAPHIC WRITING AND INSETS WHICH GENERATE A<br />

COLOR-BLOCK EFFECT


OVADIA<br />

& SONS<br />

SHIMON E ARIEL OVADIA MIXANO L’ESTETICA<br />

HIPPY E QUELLA RASTA CON SUGGESTIONI<br />

MILITARI E NEWYORCHESI, PER MAGLIE<br />

SFRANGIATE DALL’ASPETTO DESTROYED<br />

SHIMON AND ARIEL OVADIA HAVE MANAGED<br />

TO MIX THE HIPPIES AESTHETIC AND THE<br />

RASTA STYLE WITH MILITARY AND URBAN<br />

NEW YORK REFERENCES FOR FRAYED<br />

SWEATERS WITH A DESTROYED LOOK


PERRY<br />

ELLIS<br />

MICHAEL MACCARI PROPONE UN COLLAGE<br />

DI MATERIALI E STILI DI VITA, PER LOOK<br />

STRATIFICATI CHE UNISCONO OUTERWEAR<br />

TECNICO, PATTERN GRAFICI E FIBRE NATURALI<br />

MICHAEL MACCARI IS SHOWING A COLLAGE OF<br />

MATERIALS AND LIFESTYLES FOR STRATIFIED LOOKS<br />

THAT BRING TOGETHER HIGH-TECH OUTERWEAR,<br />

GRAPHIC PATTERNS AND NATURAL FIBERS


Foto Ugo Camera<br />

>CHARLES JEFFREY<br />

LOVERBOY<br />

>CHRISTOPHER<br />

SHANNON<br />

>FENG CHEN WANG<br />

>J.W. ANDERSON<br />

>MARGARET HOWELL<br />

>SIBLING<br />

>SONGZIO<br />

>XANDER ZHOU<br />

LONDRA<br />

london collections: men<br />

CHARLES<br />

JEFFREY<br />

LOVERBOY<br />

LO STILISTA SCOZZESE SI ISPIRA<br />

ANCORA UNA VOLTA AL MONDO DEL<br />

CLUBBING E ALLO STILE NAUTICO,<br />

CON UN’ESTETICA PUNK CHE SALTA<br />

OGNI BARRIERA DI GENERE<br />

THIS SCOTTISH DESIGNER IS ONCE<br />

AGAIN DRAWING INSPIRATION FROM<br />

THE WORLD OF CLUBBING AND<br />

THE NAUTICAL STYLE, WITH A PUNK<br />

AESTHETIC THAT BREAKS DOWN ALL<br />

BARRIERS IN TERMS OF GENDER


XANDER<br />

ZHOU<br />

LUNGHISSIME MAGLIE COL CAPPUCCIO<br />

ILLUMINATE DAL LUREX O CROP TOP<br />

DALL’ASPETTO DESTROYED DANNO UN<br />

MOOD PUNK ALLA PASSERELLA<br />

EXTREMELY LONG SWEATERS WITH<br />

HOODS ILLUMINATED BY LUREX OR<br />

CROPPED TOPS WITH A DESTROYED<br />

LOOK SERVE TO GENERATE A PUNK<br />

MOOD ON THE CATWALK


CHRISTOPHER<br />

SHANNON<br />

FUNZIONALITÀ E TESSUTI PERFORMANTI SONO IL MANTRA<br />

DELLA COLLEZIONE ‘PROVINCIAL HEARTBREAK’, CHE<br />

PRENDE SPUNTO DALL’ESTETICA SPORTIVA DEGLI ANNI<br />

OTTANTA E NOVANTA<br />

FUNCTIONALITY AND HIGH-PERFORMANCE FABRICS ARE THE<br />

MANTRA OF THE ‘PROVINCIAL HEARTBREAK’ COLLECTION,<br />

WHICH DRAWS INSPIRATION FROM TH SPORTY STYLES<br />

OF THE EIGHTIES AND NINETIES


FENG CHEN<br />

WANG<br />

CAPI DESTRUTTURATI E RIFERIMENTI AL PARACADUTISMO<br />

SI ALTERNANO NELLA PROPOSTA DI OUTERWEAR<br />

TECNICO DEL GIOVANE STILISTA CINESE<br />

DECONSTRUCTED GARMENTS AND REFERENCES TO<br />

PARACHUTING ALTERNATE IN THE SELECTION OF HIGH-<br />

TECH OUTERWEAR BY THIS YOUNG CHINESE DESIGNER


J.W.<br />

ANDERSON<br />

‘IL PICCOLO PRINCIPE’ DI ANTOINE DE<br />

SAINT-EXUPÉRY ISPIRA CAPI DALL’ALLURE<br />

INGENUO E FANTASIOSO, CON PROPORZIONI<br />

SFALSATE E UNA PALETTE VIVACE<br />

‘THE ENDEARING LITTLE PRINCE’ OF<br />

ANTOINE DE SAINT-EXUPÉRY HAS<br />

INSPIRED GARMENTS WITH AN INGENUOUS,<br />

WHIMSICAL ALLURE, BOASTING STAGGERED<br />

PROPORTIONS AND A LIVELY<br />

CHROMATIC PALETTE


MARGARET<br />

HOWELL<br />

LINEE PULITE, CROMIE SOBRIE<br />

E SILHOUETTE CHE EVOCANO LE<br />

DIVISE SCOLASTICHE ANNI CINQUANTA<br />

CARATTERIZZANO LA MAGLIERIA<br />

DELLA STILISTA<br />

UNDERSTATED STYLING, SOBER COLORS<br />

AND SILHOUETTES THAT EVOKE THE<br />

SCHOOL UNIFORMS OF THE FIFTIES<br />

CHARACTERIZE THE TIDY KNITS BY<br />

THIS ORIGINAL DESIGNER


SIBLING<br />

MAGLIE OVER O CON EFFETTO<br />

RISTRETTO SI CARATTERIZZANO PER LE<br />

COMPLESSE LAVORAZIONI FATTE A MANO,<br />

COME IL MAGNIFICO EFFETTO PIZZO<br />

OTTENUTO CON LA TECNICA<br />

DEL CROCHET<br />

OVER-SIZE SWEATERS OR WITH<br />

A CONSTRAINED EFFECT ARE<br />

DISTINGUISHED BY THE COMPLEXITY OF<br />

THE HAND-EXECUTED STITCHES, LIKE<br />

THE MAGNIFICENT EFFECT<br />

OF LACE FEATURING CROCHET WORK


SONGZIO<br />

LO STILISTA COREANO ZIO SONG SCEGLIE<br />

SILHOUETTE DALLE REMINISCENZE ORIENTALI,<br />

CON TUNICHE LUNGHE E LEGGERE IN UNA<br />

PALETTE FRESCA ED ESTIVA<br />

THE SOUTH KOREAN DESIGNER, ZIO SONG, IS<br />

SHOWING SILHOUETTES WITH AN ORIENTAL<br />

FLAIR, INCLUDING LONG, LIGHTWEIGHT TUNICS<br />

IN A FRESH AND SUMMERY PALETTE OF COLORS


Foto Ugo Camera<br />

>BLAME LABEL<br />

>CUSTO BARCELONA<br />

>KRIZIA ROBUSTELLA<br />

>LYLE & SCOTT<br />

>MIQUEL SUAY<br />

>SAMUEL ALARCÓN<br />

>XAVI GRADOS<br />

BARCELONA<br />

080 BARCELONA FASHION<br />

BLAME<br />

LABEL<br />

PABLO PUIG GOMAR FIRMA LA<br />

COLLEZIONE 'IN DECISION', DOMINATA<br />

DA SILHOUETTE AMPIE, RILASSATE E<br />

CONFORTEVOLI<br />

PABLO PUIG GOMAR HAS CREATED<br />

THE 'IN DECISION' COLLECTION,<br />

DOMINATED BY ROOMY SILHOUETTES<br />

THAT ARE RELAXED AND COMFORTABLE


SAMUEL<br />

ALARCÓN<br />

LA MAGLIA È IL MEZZO DI ESPRESSIONE<br />

PREFERITO DELLO STILISTA DELLE<br />

CANARIE, CHE SI PROPONE DI<br />

DISSOCIARE SESSO, GENERE E MODA<br />

KNITS ARE THE PREFERRED MEANS OF<br />

EXPRESSION OF THE DESIGNER FROM<br />

THE CANARY ISLANDS, AS AN EFFORT IS<br />

MADE TO DISASSOCIATE SEX, GENDER<br />

AND FASHION


CUSTO<br />

BARCELONA<br />

PER LA P-E 2017, CUSTO DALMAU SCEGLIE<br />

EFFETTI TRAFORATI E SEE-TROUGH,<br />

DECLINATI NELLA PALETTE VITAMINICA CHE<br />

CONTRADDISTINGUE IL SUO BRAND<br />

FOR THE S-S SEASON OF 2017, CUSTO DALMAU<br />

IS SHOWING OPENWORK AND SEE-THROUGH<br />

EFFECTS, FEATURING THE VITAMIN-CHARGED<br />

CHROMATIC PALETTE THAT HAS ALWAYS<br />

DISTINGUISHED HIS BRAND


KRIZIA<br />

ROBUSTELLA<br />

LO STILE SPORT DELUXE DEL BRAND<br />

TORNA CON LA COLLEZIONE 'HAPPY<br />

ENDING': UN FUNERALE IN CUI IL COLORE,<br />

I FIORI E LA IRONIA SONO PROTAGONISTI<br />

THE SPORT DELUXE STYLE OF THE BRAND<br />

IS BACK WITH THE 'HAPPY ENDING'<br />

COLLECTION: A FUNERAL IN WHICH THE<br />

COLORS, FLOWERS AND OODLES OF IRONY<br />

ARE THE PROTAGONISTS


MIQUEL<br />

SUAY<br />

LO STILISTA ESPLORA LE POSSIBILITÀ COSTRUTTIVE E<br />

PLASTICHE NELL'OPERA DI ZAHA HADID PER DARE<br />

VITA A UNA COLLEZIONE MASCHILE IN PERFETTO<br />

EQUILIBRIO FRA INNOVAZIONE ED ELEGANZA<br />

THIS DESIGNER IS EXPLORING THE CONSTRUCTIVE<br />

AND PLASTIC POTENTIAL IN THE WORKS OF ZAHA<br />

HADID, IN A MEN’S COLLECTION STRIKING A PERFECT<br />

BALANCE BETWEEN INNOVATION AND ELEGANCE


XAVI<br />

GRADOS<br />

UNA COLLEZIONE ISPIRATA AL PAESAGGIO<br />

COSTIERO CATALANO E AI SUOI PAESINI<br />

DI PESCATORI, IN CUI IL MARE<br />

DETTA LA PALETTE CROMATICA E LA<br />

MAGLIA È REGINA<br />

THIS COLLECTION HAS BEEN INSPIRED<br />

BY THE COASTAL LANDSCAPES OF<br />

CATALONIA WITH ITS PEASANTS AND<br />

FISHERMEN, BUT IT’S THE SEA THAT<br />

DICTATES THE CHROMATIC PALETTES<br />

AND KNITS REIGN SUPREME


UN PUNTO<br />

FERMO IN<br />

UN MERCATO<br />

CHE CAMBIA<br />

Il salone parigino esce<br />

rafforzato dall’edizione<br />

autunnale, confermando<br />

la sua leadership in un<br />

mercato in costante e rapida<br />

evoluzione<br />

Nel corso degli anni Première Vision ha assunto un ruolo chiave nel<br />

panorama dei saloni dei settori tessile e moda. La sua vocazione<br />

internazionale rivela un concept unico e altamente innovativo,<br />

con una serie di valori-guida che l’hanno portato, insieme alle<br />

manifestazioni collaterali, a diventare un punto di riferimento per<br />

i produttori di abbigliamento e gli stilisti: un’offerta multi-settore<br />

originale e aggiornata, scelta e garantita dalla commissione<br />

preposta alla selezione; servizi innovativi e di alta qualità pensati<br />

ad hoc per espositori e visitatori; un focus che promuove la creatività<br />

come perno attorno a cui ruota l’evoluzione della filiera;<br />

informazioni e analisi approfondite delle tendenze stagionali. Gli<br />

sforzi del pool organizzativo del salone francese -che raggruppa gli<br />

universi Première Vision Fabrics, Première Vision Leather, Première<br />

Vision Designs, Première Vision Accessories, Première Vision<br />

Yarns e Première Vision Manufacturing-Knitwear Solutions- non<br />

si sono fatti attendere: all’ultima edizione, che si è tenuta a Paris<br />

Nord-Villepinte dal 13 al 15 settembre scorso, hanno partecipato<br />

1.898 espositori (di cui 139 new entry) e 56.475 visitatori:<br />

numeri altissimi, che confermano Première Vision come l’evento<br />

leader fra quelli dedicati alla filiera moda. Il salone è in crescita,<br />

e ha registrato un buon risultato rispetto all’edizione di febbraio<br />

<strong>2016</strong> -con incrementi sia nel numero degli espositori (+2,7%)<br />

sia soprattutto dei visitatori (+10%)- a fronte di un debole calo<br />

rispetto all’edizione estiva dello scorso anno (-1,3% per quanto<br />

riguarda gli espositori e -8,8% per i visitatori). Risultati apprezzabili<br />

se si pensa che sono stati ottenuti in un momento critico per il<br />

settore, minacciato da crisi economica, tensioni sociali, atti di<br />

terrorismo, minore crescita o in certi casi vera e propria crisi dei<br />

Paesi emergenti, fattori che hanno contribuito al risultato nega-


In queste<br />

pagine, tre<br />

momenti<br />

dell’ultima<br />

edizione di<br />

Première<br />

Vision Paris.<br />

tivo registrato dai consumi di<br />

tessile-abbigliamento e articoli<br />

in pelle (-0,3% nel 2015). Première<br />

Vision ha da sempre una<br />

forte vocazione all’internazionalità:<br />

i suoi visitatori sono per<br />

il 73% stranieri, provenienti<br />

da oltre cento Paesi. Uno dei<br />

fiori all’occhiello del salone<br />

parigino è appunto il visitorato,<br />

composto da professionisti di<br />

alto livello, con un alto potere<br />

decisionale e interessati a fare<br />

ordini in fiera; tra loro, stilisti<br />

indipendenti e addetti degli<br />

uffici stile di grandi gruppi,<br />

così come di piccole e medie<br />

imprese. Anche la fascia di<br />

mercato in cui operano i visitatori è ampia, e va dalla grande<br />

distribuzione alle maison del lusso, passando per i brand di<br />

gamma media e alta. Tra i visitatori i più numerosi sono i francesi,<br />

ma nella top ten dei Paesi stabilmente presenti al salone ai primi<br />

posti ci sono l’Italia, il Regno Unito e la Spagna (un trio immutato<br />

da diverse stagioni), seguiti da Cina, Germania, Stati Uniti, Turchia,<br />

Belgio e Giappone. Anche sul fronte degli espositori questa<br />

edizione ha fatto registrare una generale soddisfazione, sia per gli<br />

habitué, sia per chi ha preso parte al salone per la prima volta.<br />

Così i responsabili di Rimafil, filatura spagnola che ha debuttato<br />

nella sezione Première Vision Yarns: “È la nostra prima volta al<br />

salone, e ci sembra il luogo perfetto per stabilire contatti: ci sono<br />

francesi, spagnoli, italiani, ma anche messicani e americani.<br />

Abbiamo esposto tre nostri campioni ai forum, che sono molto<br />

frequentati, e abbiamo notato che molti visitatori vengono allo<br />

stand dopo aver visto i nostri prodotti”. Anche i cinesi di Suzhou<br />

Lanbeir, al loro esordio in fiera nella sezione Knitwear Solutions,<br />

hanno commentato positivamente il salone: “Partecipiamo per<br />

la prima volta, ed è un’esperienza molto interessante. Abbiamo<br />

ricevuto allo stand francesi, inglesi, tedeschi, svedesi, ma anche<br />

extraeuropei come americani e canadesi”.<br />

Info: www.premierevision.com


La sezione del salone dedicata alla maglieria rettilinea creativa<br />

ha riunito 33 espositori nella parte nord del padiglione 6, accanto<br />

a Première Vision Yarns (56 espositori), che vi si è trasferito dal<br />

padiglione 5. Un trasloco pensato per raggruppare l’offerta di fibre<br />

e filati per tessitura con i maglifici che meglio interpretano questi<br />

materiali, in modo da offrire ai visitatori un “universo knitwear”<br />

più leggibile e completo. Parallelamente, Knitwear Solutions è<br />

stato strategicamente collocato vicino a Première Vision Manufacturing,<br />

in modo da attivare sinergie tra le visite legate allo<br />

sviluppo prodotto e quelle legate agli acquisti per la produzione.<br />

I forum di Première Vision Yarns e di Knitwear Solutions, finora<br />

separati, si fondono a formare un unico punto di informazione<br />

moda, dal nome Yarn & Knitwear Forum, da cui i visitatori hanno<br />

potuto prendere preziosi spunti circa l’utilizzo delle fibre e dei filati<br />

nella tessitura, nella maglieria circolare e rettilinea. I punti maglia<br />

sono stati realizzati in collaborazione con la filatura E. Miroglio<br />

e i maglifici Jean Ruiz e Ellynore. Per questa edizione, dedicata<br />

all’autunno-inverno 2017/18, Première Vision ha affidato a Xavier<br />

Brisoux l’ideazione e la realizzazione di una collezione, secondo<br />

il tema Twist & Turn, visibile al centro del forum.<br />

In questa pagina, il forum tendenze e gli spazi espositivi della sezione<br />

Knitwear Solutions, all’ultima edizione di Première Vision Paris.<br />

IL BAROMETRO IFM-PREMIÈRE<br />

VISION<br />

Questo nuovo strumento nasce da una sinergia<br />

di Première Vision con IFM -Institut Français<br />

de la Mode-. Il barometro analizza l’offerta del<br />

salone parigino nell’economia del settore tessile e<br />

pelletteria a livello mondiale. Lanciata nel gennaio<br />

<strong>2016</strong> e prevista per una durata di 3 anni, la<br />

cattedra IFM - Première Vision su «l’economia dei<br />

materiali creativi per la moda», vuole essere un<br />

polo comune di ricerca e trasmissione del sapere<br />

sull’economia dei tessile e dei pellami per la moda<br />

e l’abbigliamento con un forte valore aggiunto.<br />

Oltre all’indicatore economico internazionale<br />

dell’attività dei materiali -tessuti e pelli- per<br />

la moda creativa, implementato attraverso il<br />

barometro IFM / Première Vision, le ricerche e<br />

le riflessioni si basano sull’analisi dell’evoluzione<br />

congiunturale dell’industria; sulle mutazioni dei<br />

mercati - cambiamento dei comportamenti di<br />

consumo, evoluzione dei calendari di acquisto,<br />

o ancora sulla realizzazione di studi specifici.


TRENDS<br />

Il Dipartimento di Moda di Première Vision<br />

ha elaborato e presentato sei trend<br />

per l’autunno-inverno 2017/18. Una<br />

stagione fredda all’insegna dell’energia<br />

creativa, che offre ai designer un’ampia<br />

gamma di spunti e sviluppi.<br />

1 ASTOUNDING DARKS è il<br />

tema degli scuri teatrali, drammatici,<br />

che tuttavia lasciano spazio a interventi<br />

di colori più luminosi e intensi, come<br />

quelli delle gelatine, e altri delicati,<br />

come le nuance delle ciprie. Importanti<br />

in questo tema le finiture sofisticate che<br />

esaltano un sapiente uso del colore.<br />

2 JOYFUL COMFORT è il tema<br />

della fantasia e dell’eccentricità. Le superfici<br />

prendono vita grazie a irregolarità,<br />

motivi stampati e accessori applicati,<br />

in un’espressione di grande originalità<br />

e personalità. Un tema incentrato sui<br />

pattern e sulle applicazioni preziose, ad<br />

effetto specchio e metallizzato, per un<br />

lusso senza fine.<br />

3 TRULY LARGE è una visione<br />

macroscopica della materia: risaltano<br />

le trame e i motivi, perlopiù geometrici,<br />

come righe diagonali, spine di pesce, i<br />

pattern di ispirazione naturale e le microstampe,<br />

come sotto una lente di ingrandimento.<br />

Importanti anche gli effetti<br />

hand-made, come i trafori.<br />

4 NEW SKINS è il gusto per l’inedito;<br />

nuove mani, nuove superfici,<br />

nuovi colori per nuovi look. Sofisticate<br />

opalescenze, tatti setosi, luccichii metallici,<br />

effetti pelosi e squamosi: tessuti,<br />

pellami e accessori si rifanno il look.<br />

Supermoderno.<br />

5 MORE THAN PERFECT celebra<br />

la pulizia e la regolarità delle trame,<br />

la semplicità preziosa degli accessori, le<br />

geometrie rigorose delle stampe. Tutto<br />

in questo tema è ordinato, con un senso<br />

di eleganza e di comfort grazie alle materie<br />

morbide, leggere ed elastiche.<br />

6 SHINE è un inno al futuro e alla<br />

tecnologia: aspetti bagnati, colori ispirati<br />

alle nuance dei metalli liquidi, effetti<br />

cellophane per esplorare i nuovi confini<br />

della moda. I colori sono scuri con<br />

guizzi di tinte vive, gli accessori ricchi e<br />

luccicanti.<br />

Smart Yard - Be Mood, Première Vision Fabrics<br />

Lanificio Caverni, Première Vision Fabrics<br />

Lanificio Bisentino, Première Vision Fabrics<br />

4<br />

Ludia, Première Vision Fabrics<br />

Dinamo Contemporary Fabrics<br />

Première Vision Fabrics<br />

Gerardo Panini, Première Vision Fabrics<br />

1<br />

2<br />

3<br />

5<br />

6<br />

Riechers Marescot, Première Vision Fabrics<br />

Tessile, Première Vision Fabrics<br />

Pontetorto, Première Vision Fabrics<br />

AUTUNNO-<br />

INVERNO 2017/18<br />

TENDENZE E<br />

SEGNALI DI STILE<br />

Luxury Jersey, Première Vision Fabrics<br />

T.B.M. Group, Première Vision Fabrics


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

AUTUNNO/INVERNO2017/18<br />

KNITWEAR<br />

H24<br />

L’edizione 79 di Pitti Immagine Filati si chiude con un aumento dei<br />

buyer esteri e italiani. La qualità delle proposte presentate dalle filature<br />

resta altissima, mentre la creatività si esprime in uno spazio di ricerca<br />

che esplora le possibilità della maglieria H24<br />

Progetto grafico Fabrizio Venturi • Testi Andrea Lattanzi Barceló • Foto Roberto Degli Esposti


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

In questa pagina e in apertura. Alcuni momenti della 79ª edizione di Pitti<br />

Immagine Filati, dedicata alle proposte delle filature per l’autunno-inverno<br />

2017/2018.<br />

delegato di Pitti Immagine – che prosegue i risultati raccolti<br />

a Pitti Uomo e Pitti Bimbo, nonostante una congiuntura<br />

internazionale che si rivela piuttosto complessa. La filatura<br />

italiana dimostra ancora una volta la sua leadership assoluta<br />

sulla scena mondiale”.<br />

Il salone fiorentino Pitti Immagine Filati si conferma come<br />

un’occasione imperdibile di informazione, tendenza e business<br />

per il settore dei filati per la maglieria. L’edizione 79, tenutasi<br />

dal 29 giugno al 1º luglio negli spazi della Fortezza da Basso, si<br />

è chiusa con risultati straordinari, che vedono in crescita tanto i<br />

buyer esteri quanto gli italiani. Resta inoltre elevatissimo il livello<br />

di ricerca e di qualità delle collezioni presentate nell’ambito del<br />

salone dalle migliori filature italiane e internazionali.<br />

Il totale dei compratori ha superato le 5.400 presenze (5.200<br />

un anno fa), con una crescita del +5% per quanto riguarda i<br />

compratori italiani e +3% di presenze sul fronte dei buyer esteri,<br />

che rappresentano circa la metà del totale.<br />

Tra i mercati esteri crescono soprattutto la Francia (+14%), la<br />

Spagna (+10%), l’Olanda (+14%), la Cina (+26%) e la Russia<br />

(+18%); ma sono ottime pure le performance di Stati Uniti<br />

(+10% di ditte presenti), Giappone (+3%), Svezia e Corea<br />

del Sud; in leggero aumento anche i compratori provvenienti<br />

dal Regno Unito. Per quanto riguarda le presenze in termini<br />

assoluti, si conferma in testa la Germania (365 buyer tedeschi),<br />

seguita da Regno Unito (336), Francia (278), Stati Uniti (246),<br />

Giappone (173), Spagna (148), Turchia (103), Svizzera (91),<br />

Olanda (89), Cina (87), Hong Kong (78), Russia (65), Svezia<br />

(62), Belgio (46) e Corea del Sud (37).<br />

“C’è stata una grande attenzione da parte dei mercati<br />

internazionali – dice Raffaello Napoleone, amministratore<br />

L’EPICENTRO DELLE TENDENZE E DELLA CREATIVITÀ<br />

Lo Spazio Ricerca del salone, dedicato alla creatività in tutte<br />

le sue forme, esplorava con il tema H24 - twenty four hours<br />

in knit le mutazioni della materia in relazioni al contesto e al<br />

nostro corpo le 24 ore della giornata. Lo spazio è stato realizzato<br />

con la direzione artistica del fashion designer Angelo Figus e<br />

dell’esperta in maglieria Nicola Miller, mentre l’allestimento<br />

era di Alessandro Moradei. L’applicazione delle varie fibre si<br />

declinava in 24 momenti, 24 colori, 24 atmosfere, 24 sensazioni<br />

e 24 stati fisici, ciascuno dei quali necessita di un capo<br />

d’abbigliamento diverso per ogni ora della giornata. Le 24 ore<br />

erano erano suddivise in quattro macro temi ispirati alla luce nei<br />

quattro momenti diversi della giornata: Morning rise evocava i<br />

colori delle mattine invernali ed era il tema del risveglio, attento<br />

all’abbigliamento tecnico realizzato con fibre naturali per<br />

infondere energia e dinamismo; Executive afternoon richiama i<br />

colori di un pomeriggio invernale nebbioso: l’applicazione delle<br />

fibre tecniche nel segmento formale ed elegante è legata al<br />

momento della concentrazione e della performance sul lavoro;<br />

Evening convivium ci porta all’ora del tramonto invernale, il<br />

momento del rientro a casa, della gioia, della riflessione e<br />

dell’affetto, qui i tessili per l’arredamento sono protagonisti,<br />

ispirando maglie dal look casual e prezioso; infine, abbiamo<br />

Night journey a evocare una notte invernale stellata: il focus è<br />

sull’abbigliamdento da casa e l’intimo in maglia in tutte le sue<br />

varianti.<br />

“Lo Spazio Ricerca di questa edizione è una sorta di estensione<br />

della materia, applicata alle ventiquattro ore di vita dell’uomo”<br />

– dice Angelo Figus – “Con H24 volevamo cogliere una<br />

tendenza molto presente nelle aziende: la volontà di estendere<br />

l’applicabilità dei loro prodotti a nuovi segmenti di mercato dalle<br />

grandi potenzialità. Un esempio di questa tendenza e l’utilizzo<br />

di fibre tecniche per l’abbigliamento formale o di fibre naturali<br />

per l’abbigliamento tecnico.”


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Da sinistra in senso orario. Un’immagine dello spazio Fashion at work; i visitatori del<br />

salone ammirano le proposte di Feel the yarn; Wang Yanjun, vincitrice del concorso.<br />

UN PROGRAMMA RICCO DI EVENTI E DI PROGETTI<br />

Il tema dei saloni estivi di Pitti Immagine era Pitti Lucky<br />

Numbers, una scommessa sui numeri, considerati non tanto<br />

come indici di quantità, ma per le loro qualità estetiche,<br />

grafiche e simboliche nella moda e non solo. Così, gli spazi della<br />

Fortezza da Basso destinati ad accogliere il pubblico dei saloni<br />

Pitti Immagine si sono popolati di numeri, in un progetto curato<br />

dall’architetto e designer Oliviero Baldini diretto a valorizzare la<br />

bellezza grafica del loro segno.<br />

I migliori maglifici, italiani e giapponesi, hanno presentato il loro<br />

lavoro nel KnitClub, il progetto diretto a favorire l’integrazione<br />

della catena produttiva della maglieria, con un’opportunità<br />

di confronto commerciale tra i maglifici espositori, i buyer, i<br />

designer e gli uffici stile dei più famosi brand internazionali di<br />

moda che da sempre affollano i padiglioni di Pitti Filati.<br />

Linea Adani, Burns & Factory, Maglificio Capelli, Confezioni<br />

Chicca, Elsa Carlani Cashmere Lab, Elsamanda, Gli Angeli<br />

Tricot, Maglificio Adele, Maglificio Gottardi, Maglificio MGS,<br />

Maglificio Pini, Maglificio Pisani, Maglificio Venezia, Maison New<br />

Club, Ommy, SRL, Styling Marya, Teodori e Ventanni erano i<br />

maglifici protagonisti di questa edizione.<br />

Come in ogni edizione, al piano inferiore del padiglione centrale<br />

si trovava Fashion at Work, lo spazio che riunisce espositori<br />

italiani e stranieri specializzati in consulenze stilistiche,<br />

progettazione di punti e prototipi, stampa su maglia, macchine<br />

per maglieria, bottoni e minuterie, accessori e passamanerie,<br />

quaderni di tendenza e sistemi software.<br />

Il progetto a cura di Dyloan Studio, Moda Futuribile, sempre<br />

al piano inferiore del padiglione centrale, aveva come tema di<br />

questa edizione la realizzazione di accessori in maglia. I singoli<br />

manufatti, frutto del know-how e della sinergia tra manifattura e<br />

creatività, avevano come obbiettivo l’integrazione della maglieria<br />

nell’accessorio, grazie all’applicazione di tecnologie avanzate e<br />

specifiche.<br />

Per la prima volta in assoluto Vintage Selection, piattaforma di<br />

riferimento per la moda, la cultura e i nuovi trend del vintage,<br />

per operatori del settore e non solo, ha avuto come sede<br />

la Fortezza da Basso, all’interno del padiglione Medici e in<br />

contemporanea con Pitti Filati 79. Lo spostamento della sede<br />

riguarda esclusivamente l’edizione estiva e ha come scopo<br />

potenziare la sinergia con Pitti Filati, offrendo ai professionisti<br />

del settore che visitano il salone ulteriori spunti e suggestioni<br />

creative. Il tema guida di questa 28ª edizione era The right<br />

numbers, in linea con il tema delle manifestazioni estive di Pitti<br />

Immagine.<br />

FEEL THE YARN CRESCE E SI RAFFORZA<br />

Feel the Yarn, il concorso dedicato agli aspiranti stilisti scelti<br />

nelle migliori scuole di moda internazionali, quest’anno è<br />

arrivato alla sua settima edizione. In questa iniziativa di Pitti<br />

Immagine e Consorzio Promozione Filati, le filature italiane di<br />

eccellenza forniscono ai giovani talenti della moda la materia<br />

prima con cui plasmare le loro creazioni in maglia. Al concorso<br />

hanno partecipato 22 filature italiane e 26 studenti, che hanno<br />

presentato i loro capi durante i giorni del salone in un’area di<br />

grande visibilità, al piano inferiore del padiglione centrale.<br />

La vincitrice di questa edizione, scelta da una giuria di esperti e<br />

dal voto di 2.100 visitatori di Pitti Filati, è Wang Yanjun del BIFT-<br />

Beijing Institute of Fashion Technology, con un capo creativo<br />

e realizzato con perizia tecnica che valorizzava i materiali<br />

diToscano Filati. Il premio speciale, Splendour of Life, offerto da<br />

Salvatore Ferragamo, è stato assegnato a Yan Wen, del Polimoda<br />

di Firenze, che ha dato vita a capi complessi ispirati al tema<br />

della bellezza italiana con il materiale fornito da Pecci Filati.


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

In questa pagina. Alcuni momenti della sfilata-evento di Sansovino 6<br />

organizzata da Pitti Italics in collaborazione con Filmar.<br />

SANSOVINO 6 SBARCA A PITTI FILATI<br />

Per la prima volta Pitti Italics, il<br />

programma della Fondazione Pitti<br />

Immagine Discovery che promuove e<br />

supporta le nuove generazioni di fashion<br />

designer italiani, o basati in Italia,<br />

che hanno già una forte proiezione<br />

internazionale, ha organizzato in<br />

collaborazione con Filmar, un evento<br />

speciale che fa da fil rouge fra Pitti<br />

Uomo e Pitti Filati: lo scorso 30 giugno<br />

Sansovino 6, brand fondato dal designer<br />

americano, milanese d’adozione,<br />

Edward Buchanan, ha sfilato con le sue<br />

magnifiche creazioni in maglia nella<br />

suggestiva cornice del Teatro della<br />

Pergola di Firenze. Il giorno successivo,<br />

Edward Buchanan ha tenuto una lecture<br />

speciale rivolta ai finalisti di Feel the<br />

Yarn. “Da alcune stagioni seguiamo con<br />

attenzione l’affermazione del brand di<br />

Edward Buchanan, e l’evolvere delle sue<br />

collezioni donna - dice Lapo Cianchi<br />

direttore comunicazione & eventi di Pitti<br />

Immagine e responsabile della Fondazione<br />

Pitti Discovery - in particolare attraverso<br />

una maglieria declinata in nuove forme,<br />

grazie a una visione attualizzata e<br />

contemporanea. Siamo felici di offrirgli<br />

l’atmosfera unica di Pitti Filati e il suo<br />

pubblico iper specializzato di addetti<br />

ai lavori, per mettere in scena la sua<br />

creatività e portare al salone il suo stile<br />

inconfondibile”.


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Biella Yarn by Safil/Südwolle<br />

LE PROPOSTE DELLE<br />

FILATURE<br />

TOLLEGNO 1900<br />

Per l’autunno-inverno 2017/18, l’azienda<br />

piemontese presenta la nuova linea di<br />

filati Performance: 24 hour #work&leisure,<br />

un connubio fra lana merino (extrafine o<br />

superfine) e cashmere, in purezza o in<br />

mischia con fibre tecniche come Tencel,<br />

nylon siliconato e carbonio, all’insegna della<br />

funzionalità, il benessere e il comfort. La<br />

lana proviene dalla tenuta di Beaufront, in<br />

Tasmania, frutto di una filosofia di produzione<br />

sostenibile e certificata e totalmente<br />

tracciabile. I filati della linea Performance<br />

sono ideali per il guardaroba delle persone<br />

dinamiche, alla ricerca di un’abbigliamento<br />

da lavoro, sportivo, intimo o leisure easy care,<br />

con caratteristiche di naturalità, isolamento<br />

tecnico, elasticità, potere assorbente,<br />

leggerezza, morbidezza e con proprietà<br />

antibatteriche e ipoallergeniche.<br />

La lana merino extrafine resta la punta di<br />

diamante di Tollegno 1900, in purezza o<br />

abbinata ad altre fibre pregiate, come ad<br />

esempio la seta. Nel primo caso abbiamo New<br />

Royal e Charme, nel secondo abbiamo Sultano<br />

(70% merino extrafine e 30% seta), dalla<br />

mano dolce e sofisticata. Anche il cashmere è<br />

protagonista in versione pura (New Cashmere<br />

Lora & Festa), in mischia con la seta (Jasmine)<br />

o con la viscosa (Vicky). La linea Classica<br />

ripropone i filati 100% lana merino extrafine e<br />

i 100% lana merino che hanno fatto la storia<br />

dell’azienda. Troviamo così filati altamente<br />

funzionali e di ispirazione tech, come Racing e<br />

Wooltech, perfetti per capi active e sportwear.<br />

Infine, abbiamo i filati di tendenza Elatrendy<br />

2/40 (85% merino extrafine e 15% Elitè) con<br />

un mix di elasticità confortevole e aspetto<br />

“lana cotta”, ed Evolution 2/40 (95% merino<br />

extrafine e 5% Elitè), per una maglieria<br />

contemporanea e versatile.<br />

Olimpias<br />

Todd & Duncan<br />

DI.VÈ.<br />

Fra le novità di Di.Vè per l’autunno-inverno 2017/18 c’è il filato<br />

Spritz (26% lana merino supertec, 26% bambù, 22% F.Acrilica,<br />

26% poliammide), mista innovativa frutto di una tecnologia che<br />

trasforma dei top greggi in un filato bouclé: leggerissimo e dalla<br />

mano morbida, disponibile in colori tenui. Romantico (70%<br />

poliestere, 30% viscosa) è una fettuccia morbida, leggera, dalle<br />

coloriture mélange, che dà alla maglia un delicato effetto denim.<br />

Gobi (80% lana merino extrafine 20%, super baby camel) è<br />

un filato pettinato di alta gamma, completamente naturale,<br />

alternativo al misto cashmere. Terribile ( 51% fibra acrilica, 28%<br />

poliammide e 21% lana) si caratterizza per la sua leggerezza<br />

ed è un garzatino devorato, stampato in 5 colori, ottimo per le<br />

lavorazioni jacquard.<br />

LANA GATTO<br />

Per l’estate 2017, Lana Gatto, la collezione di filati per aguglieria<br />

di Tollegno 1900, abbraccia un mood Miami. Benvenute quindi<br />

le nuance bubble, i materiali naturali ed ecosostenibile e le<br />

suggestioni denim. Così, i filati classici come Cablé (100%<br />

cotone), Primula (cotone e viscosa) e Jaipur (cotone), dispongono<br />

ora di una palette di 7 tonalità jeans. Anche la fettuccia in cotone<br />

Florida e la catenella di cotone Miami, con il suo filo di poliestere<br />

lucido, ricreano il mood denim e sono perfette per la creazione<br />

di accessori estivi. Flamingo (90% cotone e 10% cashmere) è<br />

ideale per capi in maglia morbidi e dal tocco piacevole sulla pelle.<br />

La linea green propone articoli ecosostenibili come Sugar (100%<br />

canna da zucchero), Green Cotton (100% cotone organico<br />

certificato) e Perla, mix di 70% bambù e 30% fibra di perla,<br />

entrambi delle viscose. La fibra di perla si ricava da una tipologia<br />

di conchiglia chiamata cumingii hyriopsis, che viene trattata<br />

per eliminare il calcio, il calcare e i sali minerali, poi essicata,<br />

trasformata in polvere e trattata con emollienti che la rendono<br />

adatta alla filatura. Il risultato è 100% naturale e biodegradabile,<br />

ideale per la creazione di capi eterei e dall’aspetto setoso, che<br />

proteggono dai raggi UV.


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Filati BE.MI.VA<br />

IAFIL<br />

IAFIL, Industria Ambrosiana Filati, propone per l’autunno-inverno<br />

2017/18 articoli realizzati con l’impiego di fibre naturali pregiate,<br />

certifi cati Oeko-Tex ed etichettati per garantire la qualità e la<br />

provenienza del prodotto. La collezione per la stagione fredda<br />

ruota attorno all’alpaca, con moltissime proposte in stock service.<br />

I due fi lati di eccellenza Iafi l, l’alpaca e il Peruvian Pima Cotton,<br />

declinato in versione invernale per esaltare la fibra lunga,<br />

sono arricchiti dalle mischie e dai trattamenti di nobilitazione<br />

che creano sfumature inedite di colore, peso e struttura. Il<br />

Pima peruviano si unisce al cashmere e alla lana, l’alpaca si<br />

coniuga con la seta e con i filati man-made, alla ricerca di effetti<br />

voluminosi o di bouclé sottili, o lavorando sulla doppia tinta,<br />

mentre la lana si abbina all’alpaca e al mohair per proposte di<br />

estrema leggerezza, che assecondano i movimenti del corpo e<br />

sono piacevoli a contatto con la pelle. Fra i filati di punta abbiamo<br />

Seta bouclé, in 100% seta Mulberry, un prodotto esclusivo e<br />

molto particolare che ha suscitato l’attenzione dei visitatori di<br />

Pitti Filati; Carbon, 46% cotone Pima e 54% lana merino, che<br />

consente con la stampa ad acido dei giochi di trasparenze molto<br />

richiesti; Mimos, 76% viscosa, 24% poliammide, ma dalla mano<br />

“lanosa”; oppure i luminosi, Sparkling Wool (74% lana merino,<br />

26% poliammide) e Stardust - Spighy (100% poliammide).<br />

I a fi l<br />

Botto Giuseppe<br />

DI.VÈ<br />

Todd & Duncan<br />

Mister Joe Zegna Baruffa Lane Borgosesia I a fi l


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Pinori<br />

Filati Color<br />

E.Miroglio<br />

CARIAGGI FINE YARNS<br />

Cariaggi si concentra sui concetti di calore e comfort e impiega le fibre più preziose per<br />

arricchire di nuove atmosfere la stagione fredda, con un risultato che esalta il colore, la<br />

luminosità e la natura soffice e impalpabile delle fibre più pregiate. La leggerezza estiva<br />

si mantiene, ma guadagna in volume e in morbidezza a creare delle soffici nuvole che<br />

avvolgono e scaldano il corpo. Tra le novità della collezione Atelier spicca Storm, un filato<br />

cardato (73% cashmere e 27%PA) elegante, soffice e leggero al tatto. La sua struttura<br />

particolare, con il filo di poliammide a fare da supporto, consente una particolare tecnica<br />

di taglio che accentua la morbidezza della mano e un sorprendente effetto piumato.<br />

Un’altra novità è Igloo, esclusivo filato pettinato (93% cashmere, 7% seta), bouclè bicolore<br />

disponibile in due differenti colorazioni, con un effetto mélange molto raffinato. La cartella<br />

colori predilige le tonalità calde, che evocano la terra e il suolo minerale. Accanto a queste<br />

troviamo una palette dai colori più vivaci, dal verde brillante al misterioso grigio-azzurro.<br />

Non poteva mancare il classico blu, elegante e informale, declinato in diverse nuance.<br />

Cariaggi Fine Yarns<br />

Mister Joe<br />

Alpes<br />

Accademia<br />

Igea


MANIFATTURA PECCI 1884<br />

PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Sapienza artigianale e innovazione tecnologica si coniugano nella proposta<br />

di Pecci Filati per l’AI 2017/18, che esibisce aspetti nostalgici e performance<br />

elevate per comfort e durata. La facciata e sobria, ma uno sguardo più<br />

attento permette di scoprire composizioni sofisticate e concetti innovativi<br />

sviluppati fino in fondo. I fili di lana amano imitare i tessuti, mantenendo<br />

però la mano morbida propria della maglieria. Il focus è sulla struttura e<br />

sulle fantasie. L’ampia scelta cromatica consente gli abbinamenti con tutte le<br />

principale tendenze colore. Prosegue inoltre il percorso green dell’azienda,<br />

che aderisce alla campagna Detox di Greenpeace e alla campagna ‘Good<br />

ethics, good business’ assieme ad altre aziende del pratese.<br />

Filati classici, nobili e di qualità contraddistinguono come sempre la<br />

collezione di Filati Naturali, che si rinnova però ogni stagione in termini di<br />

tecnologia e sostenibilità della produzione. Tutto il lusso sensoriale delle fibre<br />

migliori, quindi, ma abbinato ad un concetto più ampio di benessere che<br />

cerca l’armonia con l’ambiente. Non mancano proposte che riciclano la fibra<br />

di cashmere presente nei capi usati e la ricombinano con cashmere vergine<br />

per ottenere un filo di qualità ed eco-sostenibile. Un’altra linea di filati<br />

aderisce invece al Global Organic Textile Standard (GOTS), che garantisce<br />

il carattere organico della fibra e la sua manipolazione secondo i più alti<br />

standard di sostenibilità ambientale, dalla semina fino all’etichettatura del<br />

prodotto finito.<br />

Lineapiù Italia<br />

Cariaggi Fine Yarns<br />

Pinori<br />

Filmar<br />

PINORI<br />

‘Evoluzione’ è la parola che racchiude lo spirito della collezione Pinori per l’AI 2017/18.<br />

I filati sottili fantasia, realizzati sui nuovi filatoi ring, esibiscono micro fantasie, originali<br />

effetti bouclé e core-spun stretch, che seguono le ultime tendenze della moda. Non<br />

mancano i tweed bottonati e i nuovi velluti pelliccia (Belleville e Paraty). Un nuovo<br />

logo, Fluffy, contraddistingue i filati realizzati con la nuova tecnologia di filatura ad<br />

aria, che abbina alla leggerezza la mano morbidissima, in composizioni che vanno dal<br />

100% merinos extrafine al fiocco di cotone, al lino, alla lana merino. Inoltre, la nuova<br />

composizione dei 100% merino extrafine 19 micron, ha permesso di elevare la qualità<br />

dei filati in una gamma colori rinnovata. Con la prossima stagione, arriva inoltre un nuovo<br />

Book di filati a stock service composto da filati basici e fantasia, disponibili tutto l’anno<br />

in una selezione di colori, per agevolare i clienti nella scelta e senza minimi di acquisto.<br />

Prosegue infine il percorso sostenibile dell’azienda pratese con i filati Denim recycled,<br />

certificati RCS e con il percorso Pinori Filati 4 sustainability.<br />

Pecci Filati Iafil Filpucci


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

E.MIROGLIO<br />

Pragmatismo, praticità e sostenibilità<br />

contraddistinguono la collezione più recente di<br />

E.Miroglio. I materiali prediligono la leggerezza e<br />

la morbidezza al tatto, garantendo protezione e<br />

comfort senza trascurare l’impegno per l’ambiente e<br />

la sostenibilità. La collezione porta con sé un’allure<br />

d’antan, opulenta e romantica. Troviamo così fili gonfi<br />

e ariosi, con effetti multicolor più o meno marcati. La<br />

palette cromatica è dominata dal rosso, che illumina e<br />

scalda. Violetto e blu indigo caratterizzano la gamma<br />

dei blu, mentre tonalità forti, che ricordano gli anni ‘60<br />

e ‘80, compaiono in una versione leggermente sbiadita.<br />

I marroni conservano un ruolo di primo piano, con<br />

tonalità che si prestano alle interpretazioni più diverse.<br />

Mister Joe<br />

Millefili<br />

Botto Giuseppe<br />

MILLEFILI<br />

Con l’autunno-inverno 2017/18 Millefili presenta una<br />

collezione atemporale, che divide e accomuna tutte<br />

le generazioni e tutte le mode, passate e future: allure<br />

vintage, ma con un piede nel domani. I filati in stock<br />

service offrono un’ampia gamma di prodotti con diverse<br />

composizioni in mista lana cashmere e viscosa. “Filati<br />

classici, arricchiti di fantasia”: i classici bouclé, mouliné,<br />

fiammati e infeltriti vengono reinterpretati con coloriture<br />

dai contrasti nuovi; mentre il mohair cashmere e le lane<br />

pregiate si presentano con strutture innovative che ne<br />

esaltano le qualità.<br />

Filpucci<br />

Lineapiù Italia<br />

E.Miroglio


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

SÜDWOLLE GROUP<br />

La prima collezione congiunta di Biella Yarn by Safil/Südwolle si ispira<br />

a un giardino di inverno, articolato in tre temi: Exclusive propone<br />

blend pregiati di cashmere, sete e lane finissime. Cashmere pettinati<br />

e miste cashmere-seta si adattano alle esigenze della maglieria di<br />

alta gamma con trattamenti comfort stretch; mentre filati leggeri,<br />

performanti e dalle strutture innovative, sono in grado di sostenere le<br />

geometrie contemporanee. La tecnologia X-compact® applicata alle<br />

lane merino superfini dà come risultato filati lisci, regolari e luminosi,<br />

con un effetto pilling ridotto. Le lane mercerizzate, total easy care<br />

e con trattamento Basolan®, permettono di impiegare i filati in un<br />

activewear ricercato che privilegia le fibre naturali performanti.<br />

Nella tendenza Essential troviamo Victoria, filato in merino<br />

extrafine in una cartella colore di 120 toni solidi, 120 mélange e 30<br />

mouliné. Le potenzialità di uso si ampliano grazie ai trattamenti di<br />

mercerizzazione, total easy care, Basolan® e plasma per produzioni<br />

organiche chlorine free. I filati sono disponibili anche in versione<br />

X-compact®, mentre i filati non trattati sono la base per le lane<br />

cotte. Organic è la linea di filati organici a zero impatto ambientale<br />

prodotti con lane certificate GOTS, BEST e con processi di lavorazione<br />

certificati Bluesign®.<br />

Le pure lane conservano le loro qualità naturali grazie al trattamento<br />

irrestringibile Naturetexx® e Plasma. Le lane high tech rappresentano<br />

il punto di contatto tra il mondo delle fibre naturali e quello<br />

dell’activewear, come WoolWarm, un blend di lana con la fibra acrilica<br />

corebrid, Coolwoolle (merino 20% e Coolmax® 80%) e Woolmax<br />

(merino 45% e Coolmax® 55%).<br />

Abbiamo inoltre i blend di lana e cotone, riconosciuti nel mondo della<br />

Filati BE.MI.VA<br />

Olimpias<br />

Accademia<br />

maglieria per le performance tecniche uniche e la texture leggerissima,<br />

peculiari nella maglieria invernale.<br />

Infine, nel tema Dynamic troviamo una linea ampia e versatile a stock<br />

service, con mischie in varie percentuali di lana e acrilico o poliestere.<br />

La nuova collezione di HF Filati by Südwolle dà un nuovo impulso<br />

stilistico a Loris e HF, storici brand italiani e punto di riferimento<br />

per i filati fantasia per la maglieria. Costruzioni particolari, miste<br />

uniche a base di viscosa e cotone e una ricerca sui volumi, sulla<br />

tridimensionalità e sul colore caratterizzano la proposta. Loris ispira le<br />

creazioni fashion di gamma medio-alta con fibre nobili come cashmere,<br />

seta, lana e alpaca. Abbiamo così il sofisticato bouclé garzato con<br />

l’anima in merino extrafine Colibrì, che offre morbidezza e leggerezza<br />

estreme. Nature sceglie la combinazione lana/lino, mentre Nature chic<br />

ci aggiunge la seta, oppure il voluminoso ma quasi impalpabile Dumbo.<br />

I blend di cashmere/seta con cotone o lino creano effetti mouliné<br />

per la maglieria di alta gamma; mentre lana e viscosa stretch sono i<br />

protagonisti di 4 filati di stagione, lisci o pelosi HF punta ancora sulla<br />

viscosa stretch, come nei filati Mirto e Mirtillo, ottimi per costruzione<br />

e performance. La collezione esplora il tema della tridimensionalità,<br />

con look spugnosi e bouclé sorprendenti, con un’anima in merino e<br />

garzatura in misto acrilico. Non mancano i blend in lana, acrilico e<br />

alpaca, dalla mano vellutata e anche in versione elasticizzata.<br />

Industria <strong>Italiana</strong> Filati<br />

Lanificio dell’Olivo


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

TODD & DUNCAN<br />

IGEA<br />

La filatura scozzese si ispira alle opere dei ceramisti Lucie Rie e<br />

Hans Coper, agli antichi coloranti naturali indiani, alla silhouette<br />

degli alberi in inverno, ai colori dei cieli cittadini al crepuscolo<br />

o dei paesaggi di campagna. Ecco i filati protagonisti. Ettrick<br />

(50% cashmere, 50% lana) è il nuovo malfilé a due fili,<br />

drammatico e audace, ideale a più fili. Può essere utilizzato in<br />

colore unico o nei 12 colori mouliné proposti in cartella. Il filato<br />

Cashmere (100% cashmere) di Todd & Duncan rinnova la sua<br />

cartella colore con tonalità neutre ma moderne, supportate<br />

da brillanti cromie pop, chiari delicati e scuri ricchi. Arran,<br />

in 100% cashmere, è ideale per mettere in mostra i nuovi<br />

colori di stagione, con una cartella di 36 nuove cromie. Da<br />

smacchinare sulla 8 aghi e ritorto a più fili per altre finezze.<br />

L’azienda pratese propone una collezione senza<br />

tempo, che innova senza rinnegare la tradizione. Le<br />

viscose e le garze di mohair si scambiano i ruoli e le<br />

stagioni, dando vita a filati densi, leggeri e compatti.<br />

Il mohair domina, strutturato o irregolare, per<br />

creare volumi grafici micro-macro, mentre l’alpaca<br />

ne accentua la morbidezza. Ma per entrambi il<br />

guizzo di luce è dato dal lurex, con suggestioni<br />

dorate ed eclettiche, e un risultato denso e leggero,<br />

perfetto per interpretare i nuovi infeltriti tecnologici.<br />

Abbiamo infine volumi importanti ed effetti pelliccia,<br />

in uno stile sauvage-deluxe. La palette cromatica è<br />

dominata dai blu alchemici, i verdi botanici e i grigi.<br />

Lineapiù Italia<br />

Pinori<br />

Pecci Filati<br />

Alpes<br />

Forza Giovane e Passamani<br />

Igea<br />

Lanificio dell’Olivo<br />

FILPUCCI<br />

La collezione invernale di Filpucci si articola in tre linee, Collection,<br />

Woollen selection, Tricot studio, e arriva carica di nuove proposte.<br />

Le lane si rinnovano anche a livello di struttura, come in Rebel, filo<br />

fettuccia binario in lana dry, levigato, pulito e in grado di conservare<br />

il calore; oppure Kaos, lana superfine di gusto neo-tecno-cult,<br />

con una struttura che alterna pieni e vuoti a imitare le architetture<br />

metropolitane; Curly, in lana sottile e arricciata dall’aspetto quasi<br />

microspuma; Nucleo è un filato di lana grosso, ma superleggero<br />

e levigato, grazie alla superficie senza torsioni e all’anima cava.<br />

La viscosa opaca si fa ipersottile con Hero, dall’anima fresca e il<br />

touch vaporoso. Hybrid è un innesto eccellente di esclusivo baby<br />

alpaca e Tencel®Lyocell performante e contemporaneo: prezioso e<br />

leggerissimo (titolo 5500). Per un profilo couture abbiamo Primitivo<br />

(titolo 1300), la pelliccia di prezioso mohair, scompigliato ad arte<br />

dal taglio artistico dei riccioli. Fra i filati di nicchia abbiamo Bowie,<br />

con riccioli soffici e folti di mohair e cashmere che affiorano<br />

dall’intreccio-trama in seta. Ninetyfive ci parla di cashmere<br />

eco-friendly e di concetto democratico, nato da azioni sia di<br />

recupero che di re-ingegnerizzazione del cashmere (Re.Verso).<br />

Infine, l’esperienza e l’innovazione si coniugano nella novità della<br />

stagione: i Baby Camel.


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Perino by Woolyarns<br />

Cariaggi Fine Yarns<br />

PERINO BY WOOLYARNS<br />

I filati Perino, dell’azienda neozelandese Woolyarns, sono i<br />

primi a unire fibre di cashmere, lana merino e seta con quelle<br />

di opossum (Trichosurus vulpecula). Il risultato è un filato dalla<br />

morbidezza e dalla leggerezza estrema, che consente la creazioni<br />

di capi minimal ma molto caldi. Infatti, le fibre di opossum sono<br />

cave, intrappolando più aria e diventando fino a un 50% più calde<br />

delle fibre di lana merino, a parità di peso e di struttura. Anche<br />

l’effetto pilling si riduce notevolmente con l’impiego di questa<br />

fibra. Ma la sua particolarità sta anche nella possibilità di creare<br />

interessanti giochi cromatici, grazie all’effetto ‘alone luminoso’ che<br />

si tende a creare sulla superficie del filato dopo il finissaggio.<br />

Filati Color<br />

BOTTO GIUSEPPE<br />

L’azienda biellese festeggia i suoi 140 anni con un nuovo<br />

e prezioso progetto: Naturalis Fibra. Si tratta di una<br />

collezione di filati che hanno in comune la naturalità, la<br />

salvaguardia dell’ambiente e la trasparenza dell’intero<br />

processo produttivo. La lana prodotta dall’azienda<br />

australiana Congi è protagonista con il marchio Slowool,<br />

a garantire che le pecore non sono state sottoposte al<br />

mulesing. L’intera lavorazione della materia prima avviene<br />

nello stabilimento dell’azienda a Tarcento, che impiega<br />

soltanto energia idroelettrica e solare, e dove i coloranti<br />

sono scelti con cura per una tintura certificata da Cradle<br />

to Cradle: tutto sostenibile, etico e rigorosamente naturale.<br />

Forza Giovane e Passamani<br />

Tollegno 1900<br />

Filatura di Pollone


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Accademia<br />

Igea<br />

DI.VÈ<br />

ACCADEMIA - INDUSTRIA ITALIANA FILATI<br />

Le proposte per l’AI 2017/18 di Accademia si dividono in cinque famiglie principali.<br />

Very Mohair propone garze sottili e leggere (Indiana, Indiana 20 e Texkid) a base di<br />

mohair, nei colori mélange o solidi, oppure in versione stretch (Violette). Very Alpaca<br />

racchiude alpache morbide e avvolgenti in versione garzata (Mythos e Aimer) o bouclé<br />

(Volver). Micro Bouclé offre Diane e Diane GT (versione garzata), perfetti per intarsi e<br />

jacquard, mini bouclé con cotone (Winnie) o con una stampa multicolore (Petra). Very<br />

Airy offre filati voluminosi ma leggeri: Flan Nm 10 e Anima Nm 2,7 hanno l’aspetto di<br />

feltri di lana e si prestano per i tagli al vivo, in Artico la lana si unisce a un filo di cotone<br />

fiammato, mentre in Babylon il tweed tradizionale bottonato è inglobato nelle miste. In<br />

Dynamic & Stretch maglie comode e minimali aderiscono al corpo con Fitness Nm 18,<br />

Pilates e Yoga Nm 2/50, mentre Fishing, in 100% poliestere, è un filo di inserimento<br />

per tasselli trasparente e tecnici. Infine, la famiglia In the evening offre gli effetti pelliccia<br />

di Siberia (stampato) ed Edwige (lurex) o le paillette di Oro e Lucille, su mohair e lana,<br />

rispettivamente.<br />

Industria <strong>Italiana</strong> Filati articola la sua collezione in temi diversi. Light Mohair offre<br />

Marzia, Marzia più, Mattina e Matri, filati che declinano il mohair in diverse versioni,<br />

come puro, overdyed e cangiante. Warm Wool riunisce filati versatili per la maglieria<br />

sportiva, i capispalla in maglia e i cappelli, come i garzati caldi e compatti Agata e Irina<br />

o Sporty, in mista con il cotone. Airy propone filati caldi e leggeri: Elio e Volare, lineari e<br />

basici, Nubes, con cotone, o Cloud, dall’aspetto metallico. Infine, in Fancy Jaspé, Fancy<br />

Mouliné e Crazy & Fun troviamo i filati più estrosi e ricchi di fantasia, con inserimenti di<br />

paillette, nodini multicolor o fili fiammati di cotone impiumati da alpaca e mohair, come<br />

in Sorridi, Guarda e Pensami. Sosia e Sosia Gt sono bouclé bicolor jaspé, poi garzati;<br />

mentre in Tundra troviamo il lino in versione invernale. Il lurex è protagonista in Frizzante<br />

e Lumia, mentre la pelliccia, unita o stampata, la troviamo in Sasha e Sasha printed.<br />

FORZA GIOVANE e PASSAMANI<br />

1.200 fra macchine da ricamo ‘truccate’ e macchinari storici,<br />

100.000 lavorazioni in archivio e uno staff di 80 collaboratori<br />

danno vita a decorazioni uniche firmate Forza Giovane: ricami,<br />

agugliato, passamanerie crochet, laser, smock, arricciature, orlo<br />

a giorno, punti coperta e uncinetto, pieghe, cardatura, casentino,<br />

stampa digitale e 3D, laminatura, embossing e termosaldature,<br />

borchie, strass e paillettes, plastron ricamati e lavorazioni su pelle.<br />

Passamani partecipa a questa festa della creatività con 40 telai<br />

jacquard di fine Ottocento, orditoi ideati da Leonardo da Vinci,<br />

60 trecciatrici e oltre 20.000 design jacquard in archivio. Fra<br />

le creazioni, passamanerie e nastri jacquard, trecce e torchon,<br />

cordoni, vigolino e molto altro ancora.<br />

Filpucci<br />

Forza Giovane e Passamani<br />

Igea


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Filmar<br />

ALPES<br />

La collezione Fatta ad Arte di Alpes si ispira alle avanguardie<br />

artistiche del Novecento che abbandonarono il realismo<br />

per esplorare nuove strade espressive. Così, la maglia si fa<br />

di volta in volta essenziale o eccessiva, con rilievi inattesi<br />

e cromie stravaganti o protettiva ma con leggerezza. I filati<br />

scelgono una leggerezza trasparente, con mischie pregiate<br />

di lane merino fine o alpaca superfine, appena felpati e<br />

cremosi, o mossi da delicate ondulazioni bouclé. L’armonia e<br />

l’ordine di forme e colori della pittura metafisica ispirano filati<br />

lineari, gonfi multifili con strutture fiammate, caratterizzati da<br />

ricche gamme di colori mélange, mouliné, screziati, sfumati.<br />

La forza espressiva del cubismo la ritroviamo nei caldissimi e<br />

compatti filati in mischia con alpaca superfine o più robusta,<br />

per filati corposi, perfetti per capi outdoor. L’Astrattismo si<br />

rispecchia in filati finissimi dalla mano quasi talcata, in mix<br />

fluidi, serici ed eleganti, con superfici vellutate. Spiccano<br />

infine i nuovi filati in 100% lana merino fine irrestringibile,<br />

pensati per una maglieria pratica, ideale per tutti i giorni.<br />

FILMAR<br />

Filmar presenta una serie di interessanti novità, tutte all’insegna<br />

delle materie prime pregiate e dell’ecosostenibilità. Ritroviamo<br />

il cotone più nobile in mischia con seta, lana e cashmere, per<br />

filati presentati in diverse titolazioni e in un’ampia gamma di<br />

colori. Nilo, primo filato organico, nato dall’unione delle varietà<br />

extra-long-staple di Giza 45 e 87 arriva in sei finezze, che offrono<br />

al tatto una trama più strutturata e una extrasoft, e con 36 colori<br />

disponibili in stock service in pronta consegna. Nella linea Silk<br />

flavored cotton abbiamo Trend e Life dove il cotone incontra un<br />

filo di seta per dare vita a un filo prezioso e morbido, disponibile<br />

in stock service in 42 differenti nuance.<br />

Dal connubio tra lana, cotone e seta nasce un filo Smart per una<br />

maglieria morbida al tatto, leggera e confortevole. Bacotone, filato<br />

in Supima cotton, in mischia con altre fibre naturali, rinnova il<br />

suo book; mentre nella linea Cashmere flavored cotton, cotone<br />

e cashmere creano Cashtouch, un filato amabile dalla mano<br />

cashmere, disponibile anche nella variante Rock, arricchito dalla<br />

fibra metallizzata. Nella stessa linea arrivano inoltre Brooklyn,<br />

soffice e leggero per una maglieria dall’aspetto vaporoso e<br />

Manhattan, come Brooklyn, ma arricchito dalla fibra metallizzata.<br />

Nella linea Wool flavored cotton, lana e cotone danno come<br />

risultato un filato dall’aspetto caldo ma leggero, adatto a tutte le<br />

stagioni, disponibile nella variante Thai e Allseasons.<br />

Wooly, nato dall’unione fra cotone makò e lana irrestringibile di<br />

altissima qualità, ora rinnova la sua cartella colore con 54 colori<br />

in stock service. Non manca un’ampia offerta di Cotoni caldi<br />

grossi e di Cotoni caldi fini, rigorosamente egiziani.<br />

Millefili<br />

Tollegno 1900<br />

ZEGNA BARUFFA LANE BORGOSESIA<br />

Tre linee di prodotto in un’unica collezione per l’azienda<br />

piemontese, con tante proposte mirate a stimolare la creatività.<br />

Baruffa punta su Cashwool, la linea di filati in merino extrafine<br />

nata da una selezione di lane australiane: lucenti come la seta<br />

e morbidi come il cashmere. Da quarant’anni, Cashwool è un<br />

punto di riferimento per la maglieria di alta gamma e di recente<br />

si è arricchita grazie al trattamento H2Dry, che conferisce ai<br />

filati caratteristiche e performance uniche. Botto Poala impiega<br />

le fibre di lana più fini per creare dei filati ultrasottili, leggeri<br />

e confortevoli. Nei filati fantasia abbracciano la seta, il lino, il<br />

cashmere e le fibre man made con un risultato di altissima<br />

qualità. Chiavazza è la linea di Babà, un filato che integra in<br />

maniera armoniosa lana e cashmere, ma anche di cardati come<br />

il classico Super Geelong. Grazie alla versatilità di questi filati,<br />

è stato possibile combinarli fra di loro per dare vita a versioni<br />

sempre più creative.


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Filati BE.MI.VA<br />

Filati BE.MI.VA<br />

MISTER JOE<br />

Mister Joe celebra i suoi primi 40 anni con una collezione<br />

che ripercorre in sei temi altrettanti stili che hanno fatto la sua<br />

storia. I filati di cotone/lana, lineari in titoli sottili o ritorti a più<br />

capi per finezze più grosse, in tonalità mélange o leggermente<br />

impiumati con un tocco di mohair, interpretano lo stile College,<br />

fatto di uniformi, cardigan, polo sottili e gonne plissettate. Il tema<br />

Bon Ton immagina camicette sartoriali in maglia realizzate con<br />

filati sottilissimi di viscosa/lana o golfini realizzati con catenelle<br />

soffici e leggere, in una palette di colori uniti e stampati dal<br />

sapore romantico. Il tema Country si declina in filati lineari di<br />

baby alpaca e lana merino, leggermente mossi in superficie<br />

da garzature discrete e con tonalità unite, mélange o stampate<br />

tono su tono. Lo stile Hippie lo ritroviamo in una serie di filati in<br />

finezze medio-grosse e dagli aspetti artigianali, per una maglieria<br />

fatta di filati mouliné, bouclé mélange e garzati elasticizzati<br />

dall’aspetto compatto. Il tema Bohemien rivive in una serie di<br />

filati ondé, jaspé e spiralati, per una maglieria dall’aspetto vissuto<br />

e finto usurato, con aspetti impolverati ottenuti tramite tinture<br />

particolari. L’ultimo tema, Dandy, gioca su un caos apparente di<br />

colori e materiali usati in strutture azzardate: fiammati di cotone<br />

multicolor si fondono con morbidi stoppini di lana, mentre<br />

nastrini di viscosa e filamenti di lamé si avvolgono con soffice<br />

mohair per una maglieria gioiello, luminosa e colorata.<br />

FILATI BE.MI.VA<br />

La collezione autunno-inverno 2017/18 di Be.Mi.Va si articola<br />

in quattro temi principali. Couture sceglie filati delicati e<br />

impalpabili, come morbidi nastri di cotone/cashmere, tinta unita<br />

o mélange, aspetti mossi simil bouclé, dalla mano più invernale,<br />

basici comfort in lana/cashmere, pura lana effetto mercerizzato<br />

e resinato mano pelle, oppure effetto pizzo con frange in lana<br />

lucida e ciuffi di pelliccia, ideali per accessori d’effetto. Alle<br />

cromie naturali si aggiunge un tocco di rosa antico e fango.<br />

Le Viscose scelgono i colori dei boschi per filati fluidi e setosi,<br />

opachi e lucidi, per finezze fino alla 18, da quelle soft, comfort<br />

calde invernali. Il tema Natural predilige i colori tenui per filati<br />

più grossi, ma soffici e leggeri per finezze 7, 5 e 3. La linea<br />

va dai basici morbidi, pelosi ed elasticizzati, con colori uniti,<br />

mélange e chanteclaire in lana/viscosa, a quelli elastici misto<br />

alpaca dalla mano infeltrita e voluminosa. Nuova tecnica per un<br />

filato tweed cardato in lana e cotone, pelliccetta in velluto di lana/<br />

viscosa, mélange e unita, e novità nella famiglia della lana con<br />

nuovi aspetti shetland, sportivi e comfort. Infine, il tema Techno<br />

propone riccioli di pelliccia per una viscosa ultrasoffice, velluti,<br />

ciniglie, nuovi effetti cangianti, anche ton su ton, nuove fantasie<br />

leggere effetto piume in viscosa lana, per effetti scenografici e di<br />

tendenza. Illuminano la collezione<br />

filati traslucidi, fantasie metallizzate, tweed lamé in oro argento e<br />

rame, mini paillettes in colori definiti di lana/viscosa per finezza<br />

7. Fili d’intervento e trasparenze danno vita a nuovi e inediti<br />

jacquard.<br />

Filati BE.MI.VA<br />

Perino by Woolyarns<br />

LANIFICIO DELL’OLIVO<br />

La filatura toscana si adegua al trend che vede le uscite delle<br />

collezioni moda più ravvicinate e il confine delle stagioni sempre<br />

più sfumato e rende disponibili tutto l’anno, con consegna in 24<br />

ore e in 95 colori, quattro dei suoi filati: Lunar, Galaxy, Parker<br />

e Quebec. La circolarità si manifesta anche nell’utilizzo dei<br />

capi d’abbigliamento, che devono essere in grado di soddisfare<br />

esigenze molto diverse nell’arco di una stessa giornata: è il<br />

trionfo dei filati performanti di ispirazione sportwear. L’alpaca,<br />

da sempre punta di diamante dell’azienda, si reinventa con<br />

mischie tecnologiche e trattamenti che riducono l’infeltrimento,<br />

aumentano la capacità di regolazione termica e il controllo<br />

dell’umidità. Abbiamo così Ivory, un filato leggermente<br />

impiumato in superficie nato dall’unione di Baby alpaca con un<br />

30% di fibra tecnologica, in grado di dare vita a maglie leggere,<br />

perfette da portare tutto il giorno in borsa; oppure Alpamayo e<br />

Piuma, un binomio di filati elasticizzati e garzati, leggeri e dalla<br />

superficie compatta, ideali per le nuove proposte del luxury<br />

sportwear.


PITTI IMMAGINE<br />

FILATI<br />

Accademia<br />

Filati Color<br />

LINEAPIÙ ITALIA<br />

Nuovi effetti e strutture<br />

all’avanguardia valorizzano le fibre<br />

più pregiate nella nuova collezione<br />

presentata da Lineapiù Italia. In<br />

Madras mohair e cashmere sono<br />

accolti dal tulle di seta, mentre<br />

Candido è un bouclé voluminoso<br />

in cashmere e lana con effetto<br />

astrakan. Fra le viscose e le lane<br />

elasticizzate troviamo i velluti<br />

cangianti di Naomi, con effetto<br />

millerighe, o Poker, un feltro<br />

fine e performante. Amleto è un<br />

voluminoso filo vuoto di yak e lana,<br />

mentre Vivaldi è un filato di seta<br />

impiumato con un mix soffice di<br />

yak, mohair e lana. In Whisper la<br />

seta lucida e il mohair giocano a<br />

creare trasparenze; Colibrì offre<br />

fiocchetti di tulle tagliato immerso<br />

nel lungo pelo di mohair, mentre<br />

l’effetto pelliccia si fa più wild con<br />

il mohair di Sauvage. Frozen è<br />

un velluto di lana dalla superficie<br />

spazzolata con effetto tartan,<br />

Watson è un grosso tweed di lana<br />

con bottoni eclatanti, il voile di<br />

viscosa lucida Mirror Cangiante<br />

crea bagliori e raffinate trasparenze;<br />

mentre il velluto di viscosa ricamato<br />

di lurex è stato battezzato Galaxy.<br />

Filati BE.MI.VA<br />

Cariaggi Fine Yarns<br />

Filpucci<br />

OLIMPIAS<br />

La collezione AI 2017/18 di Olimpias si articola in due linee,<br />

ciascuna suddivisa in temi. Nella linea Basic troviamo il tema<br />

Cashmere touch, che racchiude cashmere e lane fini, per capi<br />

leggeri e morbidi; New basic sono filati basici rinnovati da mischie<br />

inedite; British lab offre filati tweed dall’appeal britannico; le lane<br />

si rinnovano con titoli e aspetti differenti in Wool design; Fancy<br />

wawes e Fancy match sono i temi che racchiudono le proposte<br />

più fantasiose, con bouclé e filati mixed; l’alpaca è alla base dei<br />

filati Andean traditions; mentre in Cool wool troviamo filati in lana<br />

classici, lineari e molto performanti. La linea Excellence si sviluppa<br />

in tre temi: i filati più pregiati si trovano in Luxury of imagination,<br />

come cashmere puro, e cashmere e lana extrafini; Luxury of<br />

freedom propone filati classici e lineari in merino extrafine, mentre<br />

Unusual blends propone mischie particolari di fibre nobili e bio.<br />

FILATURA DI POLLONE<br />

Fra le novità della filatura biellese<br />

abbiamo il filato Cristal, 100% seta<br />

sviluppata in Nm 1/45 per il jersey e<br />

Nm. 2/45 per la maglieria rettilinea,<br />

calda e invernale; Mito, che coniuga<br />

baby alpaca e poliammide per<br />

ottenere un aspetto voluminoso<br />

e dolce declinato in colori moda;<br />

oppure Evolution, misto lana/<br />

cashmere per capi classici senza<br />

tempo. Non potevano mancare i<br />

filati classici dell’azienda, come il<br />

filato 100% Cashmere; Zenith e<br />

Superlamb, le lane cardate ultrafini,<br />

sviluppate anche in versione<br />

fiammata, jaspé o mouliné, oppure<br />

Silk fusion: cotone e seta per capi<br />

morbidi di mezza stagione. Fra i filati<br />

fantasia troviamo le onde bicolor con<br />

effetto maculato di Acqua, il leggero<br />

bouclé di merino/poliammide, Aria,<br />

il bouclé garzato bicolore Style<br />

(90% lana, 10% poliammide), Fur,<br />

la pelliccia di lana con punti luci<br />

dati dal mix di poliammide lucido<br />

e Charme, pelliccia a tre colori con<br />

effetto effervescente. Infine, per<br />

l’aguglieria troviamo i filati realizzati<br />

con la tecnologia Carded Ultrafine,<br />

che danno ai capi voluminosità,<br />

sofficità e leggerezza.


ANDREA GIANOLLA<br />

DAL MODELLISMO<br />

D’ABBIGLIAMENTO<br />

ALLA<br />

MAGLIERIA<br />

Consigli pratici per seguire sagomature difficili<br />

PRENOTA ORA<br />

LA TUA COPIA!<br />

Scrivi a<br />

abbonamenti@editorialemoda.com<br />

oppure chiama lo<br />

059/342001<br />

Da una conoscenza tacita ad una conoscenza esplicita:<br />

elementi per comprendere, organizzare e svolgere le attività di<br />

modellista di maglieria in trama sagomata (diminuita o calata)<br />

KNITWEAR MAGLIERIA TRICOT


fibre&filati<br />

Il nuovo filato<br />

Chrysalis di Cariaggi<br />

per l’AI 2017/18.<br />

Nel corso dell’ultima edizione del salone Fiorentino, Pitti<br />

Immagine Filati, Cariaggi ha presentato in anteprima<br />

un’interessante novità. Assieme alla collezione autunnoinverno<br />

2017/18 arriva infatti il nuovo filato Chrysalis, un<br />

articolo esclusivo impreziosito con cristalli Swarovski®.<br />

Chrysalis è il frutto di una prestigiosa collaborazione creativa<br />

fra Swarovski, l’azienda leader nella produzione di<br />

cristalli dalla qualità e brillantezza eccellenti, e Cariaggi,<br />

azienda marchigiana specializzata nella produzione di<br />

filati in cashmere top di gamma.<br />

La versatilità dei cristalli Swarovski® e l’investimento<br />

costante e innovazione e ricerca di Cariaggi hanno consentito<br />

la creazione di un filato prezioso, che stimola la<br />

creatività e si presta a interpretazioni poliedriche, dalle<br />

più classiche alle più inaspettate. Grazie alla purezza di<br />

tanti piccoli cristalli Swarovski® incorporati nel filato, e<br />

non applicati, Chrysalis acquista una luce straordinaria<br />

che illumina il cashmere Cariaggi.<br />

Chrysalis fa parte della collezione A-I 2017/18 di Cariaggi,<br />

e si trova all’interno del progetto Essentia dedicato<br />

alle fibre premium. Il filato impiega fibre pregiate come<br />

cashmere di 15,5 micron (60%) e seta Mulberry (40%),<br />

con un risultato estremamente raffinato e sofisticato.<br />

Grazie alla garzatura, Chrysalis presenta una mano<br />

particolarmente soffice, mentre i cristalli Swarovski®<br />

donano a entrambe le fibre una lucentezza delicata e<br />

ricercata. Il filato pettinato Chrysalis risulta così straordinariamente<br />

voluminoso, leggero e brillante e dona a<br />

chi lo indossa una sensazione di impalpabile leggerezza.<br />

In questa prima stagione, e per esprimere al meglio<br />

la ricercatezza del filato, Chrysalis sceglie l’eleganza<br />

senza tempo del bianco.<br />

Il frutto di questa collaborazione di eccellenza fra<br />

Cariaggi e Swarovski riesce quindi a esaltare i risultati<br />

straordinari, in termini di qualità e creatività, raggiunti<br />

dalle due aziende nei rispettivi settori.<br />

CARIAGGI<br />

UN’ALLEANZA<br />

SCINTILLANTE<br />

Cariaggi Lanificio spa<br />

via Flaminia Nord, 48 - 61043 Cagli (PU) - Italia<br />

tel. +39 0721784000 - fax +39 0721784002<br />

info@cariaggi.it - www.cariaggi.it


spot&testimonial<br />

L’azienda bresciana<br />

racconta con un<br />

cortometraggio<br />

d’autore il progetto<br />

Cottonforlife, nato cinque<br />

anni fa per sostenere e<br />

promuovere la moda<br />

responsabile<br />

In questa pagina, fotogrammi del cortometraggio Cottonforlife:<br />

lungo il filo Italia - Egitto e un’immagine dell’evento di<br />

presentazione a Firenze.<br />

FILMAR<br />

STORIE VERE<br />

Lo scorso 30 giugno, in occasione di Pitti<br />

Immagine Filati, FILMAR ha presentato<br />

presso l’Hotel Baglioni di Firenze il<br />

cortometraggio Cottonforlife: lungo il filo<br />

Italia – Egitto. Un racconto originale ed<br />

emotivo che ha per protagonisti Sami, figlio<br />

di coltivatori di cotone, nato e cresciuto in<br />

Egitto, che oggi fa il fotografo in Italia; nonna<br />

Anna che 70 anni fa si innamorò e sposò<br />

un agronomo egiziano e che ora scrive<br />

all’amato nipote lontano; Elena, chimica di<br />

laboratorio in Filmar, e Karim, che grazie<br />

all’iniziativa Cottonforlife rilancia l’antico<br />

mestiere di famiglia: la coltivazione dell’Oro<br />

Bianco. Vite, luoghi e relazioni si intrecciano<br />

fra l’Italia e l’Egitto lungo il filo del percorso<br />

virtuoso intrapreso da Filmar con il progetto<br />

Cottonforlife.<br />

Il film, ambientato tra la Franciacorta e il<br />

delta del Nilo, spazia dai vigneti bresciani<br />

alle distese di cotone a Damietta, dai segreti<br />

dell’antica cantina Berlucchi al mare di<br />

Alessandria. Percorre il Nilo raccontando, fra<br />

canti, feste popolari e villaggi sterrati, delle<br />

raccoglitrici di cotone e dei contadini egiziani<br />

che, grazie a Filmar, hanno avviato delle<br />

cooperative per la produzione del primo<br />

cotone organico egiziano a fibra extra lunga.<br />

Gli unici due attori professionisti del film<br />

(che indossavano capi in maglia firmati<br />

Falconeri, sponsor dell’iniziativa) erano<br />

accompagnati lungo il racconto da tante<br />

persone dell’organico aziendale, sia in Italia<br />

che in Egitto, in grado di raccontare meglio di<br />

chiunque altro la filiera e l’anima del cotone.<br />

Nel corso della serata di presentazione,<br />

Marco Marzoli, amministratore delegato<br />

Filmar: ha spiegato “Avevamo l’idea di<br />

realizzare un cortometraggio da tempo,<br />

ma aspettavamo l’occasione giusta per<br />

farne uno non troppo didattico né patinato.<br />

L’occasione è stata l’Iniziativa Cottonforlife<br />

ed è stata un’esperienza straordinaria che<br />

ci ha consentito di raccontare un certo<br />

modo di intendere e concepire il lavoro,<br />

l’essere umano, di rapportarsi alla natura e<br />

di fare comunità. Volevamo infatti presentare<br />

prodotti di eccellenza che parlano di sé con<br />

orgoglio, perché frutto di sapienti lavori, di<br />

tradizioni e di terre antiche”.<br />

Marina Spadafora, designer etica e<br />

ambasciatrice della moda sostenibile nel<br />

mondo e Neliana Tersigni, giornalista e<br />

corrispondente Sky dall’Egitto, erano le<br />

special guest della serata.<br />

Filmar s.p.a. - via A. De Gasperi 65<br />

25030 Zocco d’Erbusco (BS) - Italia<br />

tel. +39 030 776700<br />

filmar@filmar.it - www.filmar.it


company profile<br />

FASHION FOR BREAKFAST<br />

COOL TOOLS<br />

Fashion For Breakfast è nato nel 2015 come<br />

un portale online ad abbonamento che<br />

fornisce alle aziende operanti nel settore<br />

moda informazioni, analisi, ispirazioni e<br />

tendenze.<br />

La necessità di stare al passo con i tempi<br />

e la voglia di evolversi hanno ispirato le<br />

fondatrici la creazione di un team giovane e<br />

dinamico, in grado di dare vita a un portale<br />

di supporto al lavoro di stilisti e aziende<br />

produttrici.<br />

Durante i mesi antecedenti il lancio<br />

online, lo staff di Fashion For Breakfast<br />

ha lavorato costantemente sulle varie<br />

piattaforme social: Facebook, Twitter,<br />

Instagram, Pinterest, Linkedin e YouTube,<br />

con l’opportunità di far conoscere i propri<br />

servizi a un potenziale portafoglio di clienti<br />

ampio e ricco di aspettative.<br />

Su Fashion For Breakfast ogni professionista<br />

ha a disposizione tutto ciò che occorre per<br />

creare la propria linea di moda, grazie alle<br />

analisi dettagliate del team: sul portale sono<br />

disponibili moodboard, suggestioni, linee,<br />

grafiche, analisi sfilate, aggiornamenti su<br />

trend minute ed emergenti, analisi colori,<br />

Un progetto made<br />

in Italy offre ai<br />

professionisti della<br />

moda e del design<br />

strumenti di lavoro<br />

preziosi e una<br />

panoramica del<br />

settore altamente<br />

dinamica<br />

e a 360º<br />

foto vetrine dalle capitali della moda e report<br />

su eventi e fiere di settore, come Pitti, Gater,<br />

Premièr Vision, Premium, Panorama, Milano<br />

Unica e White.<br />

I clienti hanno inoltre la possibilità di<br />

commissionare servizi personalizzati con<br />

ricerche mirate in base alle diverse esigenze.<br />

Fashion For Breakfast è stato pensato e<br />

creato per tutte le imprese che producono<br />

moda in senso stretto: aziende tessili,<br />

aziende di produzione filati, aziende<br />

di abbigliamento, maglifici e uffici stile<br />

rientrano al 100% nel target dei clienti<br />

Fashion For Breakfast.<br />

Inoltre, per tutti gli interessati c’è la possibilità<br />

di provare il portale per sette giorni,<br />

gratuitamente e senza impegno, attraverso<br />

una demo scaricabile direttamente dal sito.<br />

La demo è disponibile da subito e non<br />

prevede nessun obbligo di acquisto.<br />

La mission del team Fashion For Breakfast<br />

è trasformare le informazioni provenienti<br />

dalle maggiori capitali internazionali della<br />

moda in un prodotto consultabile e fruibile<br />

in modo chiaro, facilmente leggibile ma al<br />

tempo stesso tecnico e professionale. Il<br />

tutto orchestrato da un’unica regola: offrire<br />

informazioni in continuo aggiornamento e<br />

a costi altamente competitivi.<br />

Nel mese di giugno Fashion For Breakfast<br />

ha partecipato come espositore a Pitti<br />

Immagine Filati. La prima volta come<br />

espositore è stata un successo e centinaia di<br />

visitatori hanno affollato il desk nel Padiglione


Centrale per provare il portale. In questo<br />

scenario carico di buoni propositi,<br />

Fashion For Breakfast ha chiuso la<br />

prima partecipazione come espositore<br />

con ottimi risultati che garantiscono la<br />

partecipazione dell’azienda anche alla<br />

prossima edizione di Pitti Immagine<br />

Filati, in programma dal 25 al 27 gennaio<br />

2017 nel Padiglione della Fortezza da<br />

Basso di Firenze.<br />

Il team di FFB è in continuo aggiornamento<br />

al fine di aiutare con largo anticipo gli<br />

utenti a pianificare le proprie collezioni<br />

di moda.<br />

Tra gli obiettivi futuri, la possibilità<br />

di inserire nel portale il mondo del<br />

Menswear; una sfida a medio-lungo<br />

termine ritenuta molto stimolante da<br />

tutto lo staff.<br />

Per seguire tutti gli aggiornamenti è<br />

possibile collegarsi ai canali social<br />

ufficiali Facebook, Instagram, Pinterest,<br />

Twitter e Linkedin.


saloni<br />

MILANO<br />

UNICA<br />

IL NUOVO<br />

CORSO<br />

Alcuni momenti dell’ultima edizione di Milano Unica,<br />

per la prima volta nella nuova sede di Fieramilano Rho.<br />

Ph. Erdna<br />

Il salone milanese<br />

cambia la sede e anticipa<br />

a luglio l’edizione estiva.<br />

Feedback positivo dal<br />

mercato per il new<br />

beginning a Fieramilano<br />

Rho<br />

Il nuovo corso di Milano Unica era iniziato<br />

con una lieve preoccupazione da parte degli<br />

organizzatori: il trasferimento dal Portello<br />

-sede storica della manifestazione dedicata<br />

ai tessuti e agli accessori per l’abbigliamento-<br />

alla nuova location Fieramilano<br />

Rho portava in sé diverse incognite. Dubbi<br />

fugati dai dati sull’affluenza, perfettamente<br />

in linea con quelli della scorsa edizione,<br />

ma qualitativamente più apprezzabili visti i<br />

rigidi criteri di selezione che S.I.TEX, organizzatore<br />

della manifestazione, ha adottato<br />

per stilare la “lista degli invitati”. Sono<br />

state 6.000 le aziende che hanno visitato<br />

le diverse sezioni del salone, con tante<br />

presenze internazionali, principalmente<br />

da Stati Uniti, Cina, Gran Bretagna, Giappone,<br />

Russia e Corea.Dal 6 all’8 settembre<br />

scorso gli spazi espositivi di Fieramilano<br />

Rho hanno ospitato la 23ª edizione di<br />

Milano Unica, per la presentazione delle<br />

collezioni autunno-inverno 2017/18. Con<br />

il sostegno del Ministero per lo Sviluppo<br />

economico e di Agenzia ICE, il salone ha<br />

ospitato 382 espositori di cui 79 europei,<br />

a cui si aggiungono le aziende presenti<br />

all’interno degli osservatori Giappone e<br />

Corea, per un totale di 442 espositori, di<br />

cui 139 stranieri. Diversi eventi si sono<br />

svoluti in concomitanza a Milano Unica,<br />

o con brevi “sovrapposizioni”: il primo<br />

giorno del salone ha coinciso con la giornata<br />

di chiusura di The Micam e Mipel,<br />

mentre all’interno del percorso espositivo<br />

di Milano Unica si è tenuto anche Origin<br />

Passion and Beliefs, salone dedicato ai<br />

fornitori di prodotti artigianali dal made in<br />

Italy di qualità, promosso da Fiera Vicenza.<br />

Intanto, il nuovo corso del salone milanese<br />

procede spedito, visto che a pochi giorni<br />

dalla chiusura è arrivata la conferma del<br />

cambio di date dell’edizione estiva, che fino<br />

ad ora si è tenuta all’inizio di settembre.<br />

A partire dal 2017, Milano Unica si terrà<br />

a luglio. Una decisione che era nell’aria,<br />

presa rispondendo alle numerose richieste<br />

provenienti dal mercato, e soprattutto dagli<br />

espositori, che ha spinto l’ente organizzatore<br />

a un riposizionamento temporale<br />

del salone. Il presidente di Milano Unica,<br />

Ercole Botto Poala, ha affermato che “la<br />

scelta di anticipare è una risposta rapida<br />

ai cambiamenti che il mondo della moda<br />

sta vivendo. Non sarà facile per le aziende<br />

essere presenti con le collezioni due mesi<br />

prima del tradizionale appuntamento, invito<br />

tutti quanti, però, a fare sì che la prima<br />

edizione di luglio sia preparata nel migliore<br />

dei modi per poter offrire al mercato le<br />

collezioni più complete possibili”.<br />

La prossima edizione di Milano Unica si<br />

terrà dal 1º al 3 febbraio 2017 a Fieramilano<br />

Rho.<br />

ML<br />

Info: S.I.TEX - tel. +39 02 66101105<br />

www.milanounica.it


WHO’S NEXT &<br />

PREMIÈRE CLASSE<br />

DIMENSIONI RIDOTTE<br />

Dopo le ottime performance dell’edizione 2015<br />

con il ritorno a settembre, un anno dopo il salone<br />

registra invece un leggero calo<br />

Alcuni momenti<br />

dall’ultima edizione<br />

di Who’s Next &<br />

Première Classe.<br />

Dopo la grande crescita dell’edizione di<br />

settembre 2015, con il ritorno nel gruppo<br />

di saloni legati alla moda, Who’s Next &<br />

Première Classe dell’inizio di settembre<br />

<strong>2016</strong> ha registrato un calo di espositori e di<br />

visitatori. Se in settembre 2015 sono arrivati<br />

nei padiglioni di Porte de Versailles 41.198<br />

visitatori con una crescita del 12% rispetto<br />

all’edizione di luglio 2014, un anno dopo le<br />

presenze sono scese a 38.258 con un calo<br />

del 7% (- 8,2% dei buyer francesi e - 5,4%<br />

degli internazionali). Un calo in qualche<br />

modo previsto, a causa della congiuntura<br />

economica e politica che rende Parigi una<br />

destinazione più problematica rispetto agli<br />

anni scorsi. La diminuzione del numero dei<br />

buyer internazionali riguarda soprattutto i<br />

rappresentanti di una stessa società: nelle<br />

ultime due edizioni la partecipazione è stata<br />

meno numerosa. Si conferma ancora una<br />

volta la forte presenza dei paesi dell’Europa<br />

del nord, in particolare dei buyer dalla Svezia<br />

(+ 11%) e dalla Danimarca (+16,9%). Al<br />

contrario invece, le presenze dall’Europa<br />

del sud sono in calo, in particolare l’Italia<br />

(- 8,3%) e la Spagna (- 5,7%). Resta<br />

stabile il numero dei buyer portoghesi e<br />

si segnala il ritorno della Grecia. Il salone<br />

ha attirato anche gli americani (+ 7,6%)<br />

con una crescita rilevante degli Stati Uniti<br />

(+ 13,3%). Nonostante il contesto ancora<br />

piuttosto delicato, il Medio Oriente resta<br />

stabile così come l’Asia, con una crescita<br />

della Cina (+ 8,1%), della Corea del sud (+<br />

1,2%) e del Giappone (- 3%).<br />

La prossima edizione di Who’s Next si terrà<br />

dal 20 al 23 gennaio 2017 sempre a Porte<br />

de Versailles.<br />

MCR<br />

Info: www.whosnext-tradeshow.com


saloni<br />

PROSSIMAMENTE<br />

> MODAPRIMA<br />

Dove: Firenze, Stazione Leopolda<br />

Quando: 18-20 novembre <strong>2016</strong><br />

Cosa c’è: maglieria e confezione donna<br />

Info: www.pittimmagine.com<br />

> PITTI IMMAGINE UOMO<br />

Dove: Firenze, Fortezza da Basso<br />

Quando: 10-13 gennaio 2017<br />

Cosa c’è: abbigliamento, accessori uomo<br />

Info: www.pittimmagine.org<br />

> WHITE MAN AND WOMAN<br />

Dove: Milano, via Tortona 27 e 54<br />

Quando: 14-16 gennaio 2017<br />

Cosa c’è: abbigliamento e accessori<br />

Info: www.whiteshow.it<br />

> HONG KONG<br />

FASHION WEEK<br />

Dove: Hong Kong Convention &<br />

Exhibition Centre<br />

Quando: 16-19 gennaio 2017<br />

Cosa c’è: abbigliamento e accessori<br />

Info: www.hktdc.com<br />

> PITTI IMMAGINE FILATI<br />

Dove: Firenze, Fortezza da Basso<br />

Quando: 25-27 gennaio 2017<br />

Cosa c’è: filati, studi stilistici, maglifici<br />

Info: www.pittimmagine.org<br />

> MILANO UNICA<br />

Dove: Milano, Fieramilano Rho<br />

Quando: 1º-3 febbraio 2017<br />

Cosa c’è: tessuti e accessori<br />

Info: www.milanounica.it<br />

> MOMAD METRÓPOLIS<br />

Dove: Madrid, Parque Ferial Juan Carlos 1<br />

Quando: 3-5 febbraio 2017<br />

Cosa c’è: abbigliamento, accessori donna<br />

Info: www.ifema.es<br />

> PREMIÈRE VISION PARIS<br />

Dove: Parigi, Paris Nord-Villepinte<br />

Quando: 7-9 febbraio 2017<br />

Cosa c’è: tessuti e componenti<br />

Info: www.premierevision.fr<br />

> CPM MOSCOW<br />

Dove: Mosca, Expocentre<br />

Quando: 20-23 febbraio 2017<br />

Cosa c’è: abbigliamento, accessori<br />

Info: www.cpm-moscow.com<br />

> THE ONE MILANO<br />

Dove: Milano, Fieramilanocity<br />

Quando: 24-27 febbraio 2017<br />

Cosa c’è: abbigliamento, pellicceria,<br />

abbiglaimento in pelle<br />

Info: www.theonemilano.com<br />

> SUPER<br />

Dove: Milano, The Mall, Porta Nuova<br />

Quando: 25-27 febbraio 2017<br />

Cosa c’è: abbigliamento e accessori<br />

Info: www.pittimmagine.com<br />

WHITE MILANO DONNA<br />

SI MOLTIPLICA<br />

Cinque nuove sezioni e buyer in crescita<br />

(soprattutto gli stranieri)<br />

Oltre 22mila presenze per l’ultima edizione<br />

di White Milano Donna che ha visto il<br />

lancio di cinque nuove sezioni. Sono infatti<br />

22.176 i visitatori totali (+10% rispetto a<br />

settembre 2015) con una presenza sempre<br />

più importante di buyer stranieri (+16%) ,<br />

grazie ai diversi progetti e alla collaborazione<br />

con ICE-Agenzia. I paesi più rappresentati<br />

sono Giappone, Cina e Nord Europa, ma<br />

cresce anche la presenza di compratori dagli<br />

Stati Uniti. Si conferma costante il numero<br />

dei buyer italiani con le migliori boutique<br />

multibrand. La superficie allestita di oltre<br />

20mila metri quadrati (+ 12% rispetto a<br />

settembre 2015) nelle tre location (Tortona<br />

27 Superstudio Più, Tortona 54 ex Ansaldo,<br />

Tortona 35 Hotel Nhow) ha ospitato oltre<br />

500 espositori (346 italiani e 164 stranieri,<br />

questi ultimi in crescita del 32%) con 200<br />

new entry. Forte attenzione dei buyer e<br />

addetti ai lavori per Whiteast introducing<br />

China, il nuovo padiglione dedicato al<br />

contemporary cinese. Partner di questo<br />

progetto è Luisaviaroma, che ha selezionato<br />

per il proprio catalogo online quattro brand<br />

emergenti tra i dieci della sezione dedicata<br />

ai giovani talenti cinesi. Sempre nel segno<br />

dell’internazionalità le aree speciali con<br />

designer dalla Georgia e dal Belgio, dal<br />

Portogallo e dall’Argentina che hanno<br />

scelto White per presentare le loro novità.<br />

Grande attenzione per il progetto Break Time<br />

che ha portato a Milano quattro designer<br />

da Estonia, Georgia, Belgio e Kazakistan.<br />

Per supportare i designer più promettenti<br />

del panorama è stato inoltre assegnato il<br />

premio Inside White a Giorgia Fiore, brand<br />

nato nel 2014 dall’omonima designer,<br />

nota per aver partecipato al talent sulla<br />

moda Project Runway Italia e alla scorsa<br />

edizione di It’s Time to South. Il progetto<br />

di espansione di White non si ferma con il<br />

salone. Grazie a una stretta collaborazione<br />

con ICE, White esporta all’estero il made<br />

in Italy con quattro eventi dedicati durante<br />

le fashion week di Shanghai (15 ottobre),<br />

Seul (20 ottobre), Dubai (23 ottobre) per<br />

approdare il 17 novembre a Berlino con<br />

un’ultima presentazione all’ambasciata<br />

italiana. Il road show It’s Time to White<br />

porterà all’estero un assaggio del brand<br />

mix del salone per promuovere le aziende<br />

italiane del panorama contemporary nel<br />

mondo tramite fashion event pensati per<br />

stampa e buyer dei mercati stranieri.<br />

MCR<br />

Info: M.Seventy<br />

tel. +39 02 34 59 - www.whiteshow.it<br />

Due immagini dell’ultima edizione<br />

di White Milano Donna.


ottobre <strong>2016</strong> (2º <strong>semestre</strong>) • <strong>n°</strong><strong>184</strong><br />

FILO<br />

BILANCIO<br />

POSITIVO<br />

Chiude in rialzo la 46º edizione del salone<br />

dedicato ai filati e alle fibre<br />

Numero di visitatori superiore alle attese, organizzatori ed espositori decisamente soddisfatti.<br />

L’ultima edizione di Filo, al Palazzo delle Stelline il 28 e 29 settembre scorso, ha confermato<br />

l’interesse dei buyer nei confronti delle collezioni proposte. Paolo Monfermoso, responsabile del<br />

salone milanese, ha posto l’accento sullo “sforzo di confermare e ampliare il ruolo di Filo quale<br />

fiera di riferimento per i filati per tessitura nel panorama internazionale, in cui ci accompagna<br />

ormai da anni ICE-Agenzia, che in questa edizione ha promosso l’arrivo in fiera di una delegazione<br />

di buyer esteri provenienti da Giappone, Francia, Gran Bretagna, Spagna, Turchia, Lituania,<br />

Portogallo, Stati Uniti e Belgio”. La fiera è stata anche l’opportunità per confrontarsi con gli<br />

espositori circa un possibile anticipo a luglio dell’edizione autunnale, sulla scia di Milano Unica.<br />

Per quanto riguarda lo stile, questa edizione ha celebrato la Luxury Revolution, e ha ospitato il<br />

convegno Il Filo del Design, organizzato da Filo in collaborazione con ICE-Agenzia e Sistema<br />

Moda Italia, in cui si è parlato di strategie di sviluppo e internazionalizzazione delle aziende.<br />

ML<br />

Info: Filo - tel. +39 015 8483 271/228/290 - www.filo.it<br />

SUPER<br />

TUTTO<br />

NUOVO<br />

Molto apprezzato<br />

dai visitatori il<br />

cambio di<br />

location e format<br />

The Mall a Porta Nuova è la<br />

nuova location di Super.<br />

La nuova location e il nuovo format di Super raccolgono i pareri positivi di buyer ed espositori.<br />

Oltre 5.100 compratori da quasi 50 paesi si sono registrati al salone dedicato ad accessori e<br />

prêt-à-porter donna organizzato da Pitti Immagine. The Mall in Porta Nuova, la nuova sede, si è<br />

dimostrata strategica, vicina alle stazioni ferroviarie di Garibaldi e Centrale e al Fashion Hub di<br />

piazza Gae Aulenti, e ha contribuito al successo dalla manifestazione. Un salone di dimensioni<br />

più ridotte, ma con una selezione molto accurata di brand (142, 50% italiani, 50% stranieri).<br />

“Con il nuovo Super abbiamo puntato in alto – dice Agostino Poletto, vicedirettore generale di<br />

Pitti Immagine – Abbiamo alzato l’asticella della qualità e della selezione delle collezioni. Un<br />

lavoro di brand mix più centrato sulle esigenze dei compratori, che è stato molto apprezzato e<br />

che ha fatto crescere di conseguenza anche la qualità dei buyer”.<br />

MCR<br />

Info: Pitti Immagine - tel. +39 0553693407 - www.pittimmagine.com<br />

semestrale di moda e tendenze<br />

per la maglieria, confezione in maglia<br />

uomo-donna-bambino e filati.<br />

redazione, amministrazione, pubblicità,<br />

abbonamenti<br />

publishing, administrative,<br />

advertising, subscriptions dept.<br />

41124 Modena (Italy) - via Giardini, 476/N<br />

tel. +39 059342001 - fax +39 059351290<br />

www.maglieriaitaliana.com<br />

info@editorialemoda.com<br />

Direttore Editoriale - Publisher<br />

ETTORE ZANFI<br />

Redazione - Editorial Staff<br />

MONICA LUGLI<br />

mlugli@editorialemoda.com<br />

MARIACRISTINA RIGHI<br />

mcrighi@editorialemoda.com<br />

Hanno collaborato - Contributors<br />

GERALD D. SIMMS<br />

(English text)<br />

ANDREA LATTANZI<br />

(redazione - editorial staff)<br />

MARCO ZENI<br />

(grafica - graphic)<br />

Pubblicità - Advertising Dept.<br />

MARIA PIA ARMILLI<br />

mparmilli@editorialemoda.com<br />

LUIGI FRATERRIGO GAROFALO<br />

lfraterrigo@editorialemoda.com<br />

Milano: redazione - pubblicità<br />

Editorial Staff - Advertising Dept.<br />

GISELLA CICOGNANI<br />

cicognani@fastwebnet.it<br />

Foreign adv. sales Spain, Portugal<br />

FERNANDO CID OSORO<br />

fernandocid@blint.es<br />

Grafica - Graphic<br />

MARCO MONZONI<br />

mmonzoni@editorialemoda.com<br />

FABRIZIO VENTURI<br />

fventuri@editorialemoda.com<br />

Diffusione e Abbonamenti<br />

Circulation and Subscription Dept.<br />

MELISSA BOSI<br />

mbosi@editorialemoda.com<br />

Amministrazione<br />

Administrative Dept.<br />

amministrazione@editorialemoda.com<br />

Reg. Trib. Civ. e Pen. Modena n. 492 del 17/12/1969<br />

Nr. Registro R.O.C. N. 158871<br />

Direttore Resp. - Editor in Chief<br />

ETTORE ZANFI<br />

Proprietà - Property of:<br />

EDITORIALE MODA srl - Modena<br />

Stampato da - Printed in Italy by:<br />

EDITORIALE MODA srl - Modena<br />

ISSN: 1127-0470<br />

La riproduzione degli articoli e delle fotografie è permessa solo<br />

su autorizzazione scritta citando la fonte. Il materiale fotografico<br />

pubblicitario o promozionale sarà restituito se richiesto entro 60 gg.<br />

Questa rivista Le è stata inviata tramite abbonamento: l’indirizzo in<br />

nostro possesso verrà utilizzato, oltre che per l’invio della rivista,<br />

anche per l’inoltro di altre riviste e di proposte di abbonamento.<br />

Ai sensi della legge 196/03 è Suo diritto richiedere la cessazione<br />

dell’invio e l’aggiornamento dei dati in nostro possesso.


60205<br />

9 771127 049005<br />

ENGLISH TEXT<br />

COPERTINA 205.indd 1 24/08/16 14:43<br />

9 772013 208001<br />

60077<br />

ENGLISH TEXT<br />

COVER 77.indd 1 27/06/16 16:49<br />

50013<br />

9 771127 049012<br />

COPERTINA 13.indd 1 16/10/15 14:49<br />

Po<br />

60<strong>184</strong><br />

9 771127 047001<br />

KOS cop <strong>184</strong>.indd 1 10/10/16 14:38<br />

ENGLISH TEXT<br />

ISSN: 1127-0470<br />

COPERTINA <strong>184</strong>.indd 1 10/10/16 14:56<br />

ANNO XXI - N.63 - € 14,00<br />

ITALIANO/ENGLISH<br />

abbonamenti subscriptions abbonamenti su<br />

STRATEGIE<br />

Boutique<br />

creative<br />

SCENARI<br />

Trend di<br />

consumo<br />

APPUNTI<br />

DI STILE<br />

Calarena<br />

AVANCE<br />

CORSETERÍA:<br />

Moda p-v 2017<br />

www.intimopiumare.com<br />

BEACH<br />

wear<br />

TREND 2017<br />

Army Chic,<br />

Surfing Girl,<br />

Golden Age,<br />

Butterfly Garden,<br />

Majolica<br />

Prezzo copia singola: d 20,00<br />

REPORTAJE<br />

Al hilo de...<br />

El arte y la ciencia<br />

de vender<br />

diseñadores:<br />

Luli Fama<br />

Sabor Caribe<br />

DESFILES<br />

GRAN CANARIA<br />

MODA CÁLIDA<br />

Intimo più Mare<br />

BAÑO<br />

LENCERÍA ÍNTIMA<br />

TENDENCIAS<br />

TENDENCIAS 2017<br />

beach<br />

WEAR<br />

Prezzo copia singola: d 20,00<br />

www.beachwearonstage.com<br />

Fashion<br />

close-up<br />

BONDAGE<br />

3D FLAIR<br />

CRAZY CURVES<br />

FRUIT SALAD<br />

LET IT SHINE<br />

LITTLE INDIANS<br />

NEEDLEWORK<br />

SEQUINS<br />

SHEER INSETS<br />

SUMMER<br />

2017<br />

FABRIC &<br />

BUREAUX<br />

DE STYLE<br />

TREND<br />

FORECAST<br />

STELLA JEAN<br />

Blint International<br />

1000<br />

<strong>2016</strong><br />

BEACHWEAR<br />

swimsuits<br />

MILAN<br />

PARIS<br />

NEW YORK<br />

LONDON<br />

BERLIN<br />

MADRID<br />

BARCELONA<br />

MIAMI<br />

SAO PAULO<br />

GRAN CANARIA<br />

Prezzo copia singola: d 30,00<br />

INTIMO PIÙ MARE<br />

La rivista leader del settore.<br />

Un indispensabile strumento di lavoro per i vostri<br />

acquisti e per individuare le tendenze più innovative<br />

e più commerciali del settore. Un panorama<br />

completo sulle collezioni di abbigliamento intimo,<br />

mare e calze per donna e uomo, degli stilisti e<br />

delle aziende. I reportage dai saloni e dalle passerelle<br />

internazionali. L’economia dei mercati. I<br />

trend che fanno moda.<br />

4 EDIZIONI ALL’ANNO<br />

GENNAIO, MARZO, LUGLIO, SETTEMBRE<br />

The leading trade magazine.<br />

An indispensable professional tool for purchase<br />

which helps you in recognizing the most innovative<br />

and commercial trends in the sector. Detailed<br />

information regarding intimate apparel, swimwear<br />

and hosiery collections for both women and<br />

men of designers and trade companies. Reportages<br />

from international fairs and fashion catwalks.<br />

Financial columns and the latest fashion trends.<br />

4 ISSUES PER YEAR<br />

JANUARY, MARCH, JULY, SEPTEMBER<br />

www.intimopiumare.com<br />

BLINT INTERNATIONAL<br />

La rivista leader del settore in Spagna.<br />

Strumento di lavoro indispensabile per i vostri<br />

acquisti, per conoscere il mercato spagnolo e<br />

le sue tendenze più innovative e commerciali.<br />

Panorama completo sulle collezioni di abbigliamento<br />

intimo, mare e calze per donna e uomo,<br />

degli stilisti e delle aziende con reportage dai saloni<br />

e dalle passarelle internazionali. L’economia<br />

del mercato.<br />

3 EDIZIONI ALL’ANNO<br />

GENNAIO, APRILE, LUGLIO<br />

The leading trade magazine in Spain.<br />

An indispensable professional tool for your purchase,<br />

which helps you to discover the<br />

spanish market and the most innovative and<br />

commercial trends. Detailed information regarding<br />

intimate apparel, swimwear and hosiery<br />

collections for both women and men of designers<br />

and trade companies.<br />

Reportages from international fairs and fashion<br />

catwalks.<br />

3 ISSUES PER YEAR<br />

JANUARY, APRIL, JULY<br />

www.blint.es<br />

BEACHWEAR ON STAGE<br />

Tutto il beachwear del mondo.<br />

Oltre 300 pagine di sfilate, per informare gli<br />

operatori professionali del settore.<br />

Dalle passerelle mondiali, le sfilate di moda<br />

mare dei più quotati stilisti internazionali e<br />

delle maggiori<br />

aziende produttrici.<br />

1 EDIZIONE ALL’ANNO<br />

NOVEMBRE<br />

All the beachwear in the world.<br />

More than 300 pages of fashion shows,<br />

providing information for industry members<br />

throughout the field.<br />

From all over the world, the most talkedabout<br />

beach- and swimwear fashion shows<br />

presented by the best-known designers<br />

and most important producers.<br />

1 ISSUE PER YEAR<br />

NOVEMBER<br />

www.beachwearonstage.com<br />

www.maglieriaitaliana.com<br />

Moda<br />

P-E 2017<br />

Natural glamour<br />

STILISTA<br />

Emily Diamandis<br />

Appunti di Stile<br />

Lalo Cardigans<br />

STRATEGIE<br />

Boutique creative<br />

ALL’INTERNO/INSIDE<br />

Knitwear On Stage<br />

MEN’S AND WOMEN’S<br />

FASHION SHOWS<br />

Da Milano,<br />

Parigi, Londra,<br />

New York,<br />

Berlino,<br />

Copenaghen<br />

Barcellona,<br />

Madrid,<br />

San Paolo<br />

le proposte in<br />

maglia degli stilisti<br />

per la P-E 2017<br />

From Milan,<br />

Paris, London<br />

New York, Berlin,<br />

Barcelona,<br />

Copenhagen<br />

Madrid,<br />

Sao Paulo<br />

the designers’ knits<br />

for S-S 2017<br />

ANNA SUI<br />

BOTTEGA VENETA<br />

BALMAIN<br />

dossier<br />

Pitti Immagine<br />

Filati<br />

Première<br />

Vision<br />

Trends<br />

LE PROPOSTE PER<br />

L’A-I 2017/18<br />

Prezzo copia singola: d 30,00<br />

MAGLIERIA ITALIANA<br />

L’unica rivista specializzata in maglieria e<br />

filati.<br />

1.000 capi di maglieria donna e uomo in<br />

oltre 300 pagine. Un panorama completo<br />

sulle collezioni, le sfilate degli stilisti, i filati e<br />

colori, le tendenze moda, le principali fiere<br />

italiane ed estere del settore.<br />

All’interno KNITWEAR ON STAGE, la sezione<br />

di <strong>Maglieria</strong> <strong>Italiana</strong> dedicata alle<br />

sfilate degli stilisti affermati ed emergenti.<br />

Dalle più importanti passerelle del mondo,<br />

le COLLEZIONI DONNA E UOMO per la<br />

stagione successiva.<br />

2 EDIZIONI ALL’ANNO<br />

(entrambe dedicate alle collezioni<br />

donna e uomo)<br />

MARZO, OTTOBRE<br />

The only magazine specialized in knitwear<br />

and yarns. 1.000 knitwear items for men’s<br />

and women’s in more than 300 pages.<br />

Complete and detailed information on knitwear<br />

collections for both women and men,<br />

on designer fashion shows, on yarns and<br />

colours, fashion trends, on main Italian and<br />

foreign fairs of the sector.<br />

Inside, the KNITWEAR ON STAGE section,<br />

dedicated to fashion shows of important<br />

and nascent designers. The COLLECTION<br />

OF BOTH WOMEN AND MEN of next season<br />

from the most important fashion shows<br />

of the world.<br />

2 ISSUES PER YEAR<br />

(both issues with women’s and men’s<br />

collections)<br />

MARCH, OCTOBER<br />

www.maglieriaitaliana.com<br />

La rivista per chi ama la fotografia<br />

Abbonati subito a<br />

Rivista trimestrale di<br />

cultura fotografica e<br />

immagini.<br />

130 pagine, oltre 200 fotografie,<br />

alta qualità di stampa. Dalle<br />

anticipazioni sulle tendenze<br />

creative a livello internazionale<br />

alle ricerche dei giovani autori.<br />

Tutte le declinazioni dell’arte fotografica contemporanea.<br />

Info: abbonamenti@gentedifotografia.com<br />

www.facebook.com/gentedifotografia<br />

www.gentedifotografia.it<br />

via Giardini 476, scala N - 41124 Modena - Italia<br />

tel. +39 059340533 - fax +39 059351290


scriptions abbonamenti subscriptions abbo<br />

ABBONAMENTO SOLO PER L’ITALIA:<br />

..................................................................................................................<br />

Società / Company name<br />

..................................................................................................................<br />

Nome e Cognome / Name and Surname<br />

..................................................................................................................<br />

Ruolo / Position<br />

..................................................................................................................<br />

Indirizzo / Address<br />

..................................................................................................................<br />

CAP / Zip Code<br />

Visita www.editorialemoda.com oppure compila il modulo,<br />

fotografalo e invialo a: abbonamenti@editorialemoda.com<br />

oppure spediscilo via posta a:<br />

EDITORIALE MODA SRL - via Giardini, 476/N - 41124 Modena - Italy<br />

tel. +39 059342001<br />

PAGAMENTO ANTICIPATO TRAMITE:<br />

Bonifico bancario IBAN: IT34 X 05034 12903 000000004952<br />

CCP n. 11238417 - EDITORIALE MODA srl (allegare ricevuta)<br />

Carta di credito: VISA Mastercard Scadenza<br />

..................................................................................................................<br />

Città / Town<br />

..................................................................................................................<br />

Provincia / Country<br />

N°<br />

Nome e cognome titolare della carta<br />

Security Code<br />

ULTIME 3 CIFRE SUL RETRO, A DESTRA<br />

..................................................................................................................<br />

Tel. / Phone<br />

..................................................................................................................<br />

Cell. / Mobile<br />

..................................................................................................................<br />

Fax<br />

Firma<br />

SUBSCRIPTION ONLY FOR ABROAD:<br />

Fill in the form and send it by mail or fax to:<br />

A.I.E. - AGENZIA ITALIANA DI ESPORTAZIONE SRL<br />

via A. Manzoni, 12 - 20089 Rozzano (MI) - Italy<br />

tel. +39 025753911 - fax +39 0257512606 - info@aie-mag.com<br />

..................................................................................................................<br />

E-mail<br />

..................................................................................................................<br />

Web<br />

..................................................................................................................<br />

P. IVA / Codice Fiscale / Company VAT<br />

PAYMENT IN ADVANCE BY:<br />

Cheque<br />

International money order<br />

American Express Card<br />

Diners Club International<br />

Carta Sì Visa-Access-Eurocard-Mastercard<br />

Bank Americard VISA<br />

Bank transfer IBAN:<br />

IBAN IT 25 X 05584 33580 000000006209<br />

..................................................................................................................<br />

Data / Date<br />

N°<br />

Expiry date<br />

Security Code<br />

Negozio / Indipendent Retailer<br />

Buyer<br />

Grande Magazzino / Dept. Store<br />

Grossista / Wholesaler<br />

Fabbricante / Manufacturer<br />

Rappresentante / Agent<br />

Designer<br />

Altro / Other ______________<br />

Name of card holder<br />

Signature<br />

I suoi dati fanno parte dell’archivio elettronico dell’Editoriale Moda S.r.l., nel rispetto della L. 196/03. Non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi. E’ nel suo diritto richiedere la<br />

cessazione dell’invio e/o l’aggiornamento dei dati in nostro possesso. Se non desidera ricevere ulteriori comunicazioni, barri la casella<br />

Your personal/company information is part of AIE Spa’s electronic data base and, as such, handled in full compliance with Italian Law 196/03 (the so-called privacy law). This information will not<br />

be the object of communications nor will be shared with third parties. You have the right to request that we stop sending communications and/or updating the data in our possession. If you do<br />

not wish to receive any further communications, please check the box<br />

MI <strong>184</strong><br />

DESIDERO SOTTOSCRIVERE UN ABBONAMENTO ANNUO A:<br />

I WOULD LIKE TO ORDER A YEARLY SUBSCRIPTION TO (PRIORITY MAIL ONLY):<br />

4 edizioni all’anno / 4 issues per year<br />

DAL N°<br />

STARTING<br />

FROM N°<br />

Italia<br />

Europe<br />

America<br />

Africa<br />

Asia<br />

Oceania<br />

E 60,00 E 130,00 E 140,00 E 170,00<br />

OUR MAGAZINE<br />

DISTRIBUTORS WORLDWIDE<br />

www.intimopiumare.com/our-magazinedistributors-worldwide<br />

SOLE AGENT FOR DISTRIBUTION AND<br />

SUBSCRIPTIONS ABROAD:<br />

1 edizione all’anno / 1 issue per year<br />

3 edizioni all’anno / 3 issues per year<br />

2 edizioni all’anno / 2 issues per year<br />

E 30,00 E 50,00 E 55,00 E 60,00<br />

E 50,00<br />

E 90,00<br />

E 50,00 (only Spain)<br />

E 100,00 E 105,00<br />

E 50,00 E 100,00 E 110,00 E 120,00<br />

A.I.E.<br />

AGENZIA ITALIANA DI ESPORTAZIONE SRL<br />

via A. Manzoni, 12<br />

20089 Rozzano (MI) Italy<br />

tel. +39 02 5753911<br />

fax +39 02 57512606<br />

info@aie-mag.com<br />

www.aie-mag.com


annuncieconomici<br />

Questa rubrica consente agli abbonati e agli inserzionisti di inserire un annuncio gratuito all'anno nella<br />

rivista. Ai sensi della Legge Biagi (d.lgs. n. 276 del 10/9/03) è vietata la pubblicazione di ricerche di personale<br />

anonime. Gli annunci che contengono riferimenti a persone fisiche devono obbligatoriamente riportare il nome<br />

dell’azienda o in alternativa un numero telefonico di rete fissa presente sugli elenchi, che renda riconoscibile<br />

l’azienda stessa. Gli annunci di diversa natura (acquisto/vendita attività, macchine, stock, ecc.) possono essere<br />

redatti anche in forma anomima; in questo caso, le risposte arriveranno al nostro Ufficio Annunci e Vi saranno<br />

inoltrate successivamente (questo servizio prevede un rimborso spese di Euro 93,60 IVA compresa da allegare<br />

all’annuncio). Non si accettano messaggi pubblicitari fra gli annunci. Per informazioni diverse su questa<br />

rubrica contattare 059 342001 o inviare e-mail a abbonamenti@editorialemoda.com<br />

Acquisto rimanenze di negozio o di fabbrica<br />

inerenti alla maglieria. Pagamento in contanti,<br />

massima serietà ed esperienza.<br />

Contattare: imercantideuropa@alice.it<br />

Cell. 3474536367 - Fax 069487427<br />

Factory store di maglieria pregiata cerca collaborazione<br />

con maglificio per produzione e campionario.<br />

Info: fax 0313520801<br />

SUPERMAGLIA S.R.L. è una produttrice di<br />

maglieria uomo/donna da oltre 70 anni che, oltre<br />

ad avere collezioni proprie, realizza collezioni per<br />

importanti Private Label partendo dal disegno, con<br />

la possibilità di lavorare filati estivi ed invernali in<br />

tutte le finezze.<br />

Info: info@supermaglia.it - tel. 0575745240<br />

MAGLIERIA MATI’S, realizziamo studio e progettazione<br />

di campionature e produzioni di maglieria<br />

conto terzi sia tradizionale che integrale.<br />

Info: info@maglieriamatis.com<br />

0187/495570 - 3338486411-3204662482<br />

Azienda attiva nel settore moda cerca programmatore<br />

S1 e/o M1 per macchine da maglieria STOLL.<br />

Il candidato dovrà essere in grado di realizzare lo<br />

studio del punto partendo dalle indicazioni dell’ufficio<br />

stile e di realizzare i prototipi in sinergia con<br />

la modellista di riferimento. Si richiede esperienza<br />

nella realizzazione di prototipi tagliati, calati, intarsio<br />

e strutturati. Sede di lavoro: Anzola d’Ossola (VB).<br />

Info: marco.gallazzi@matia.it - tel. 0323832069<br />

Azienda attiva nel settore moda cerca modellista<br />

per maglieria. La figura, che risponderà al<br />

responsabile prodotto, sarà inserita in un team<br />

di modellisti/e e si occuperà della realizzazione<br />

di prototipi di maglieria calata e tagliata di target<br />

medio-alto. Si richiede esperienza nella modellistica<br />

di maglieria calata e/o tagliata, buona manualità,<br />

conoscenza delle specifiche problematiche di<br />

confezione di capi in maglia, conoscenza CAD<br />

(preferibilmente Lectra). Sede di lavoro: Anzola<br />

d’Ossola (VB).<br />

Info: gianni.monti@matia.it - cell. 3358477277<br />

ART DESIGN SRL, stampe e decori a mano e<br />

digitale.<br />

Info: via Einaudi, 6 - 42048 Rubiera (RE)<br />

www.artde.it - info@artde.it<br />

Rossana <strong>Maglieria</strong> srl produce dal 1981 maglieria<br />

calata pregiata in conto terzi per grandi firme e<br />

in conto proprio. Realizza studio modelli, campionatura,<br />

prototipi, produzione di serie di tutte<br />

le finezze. Possibilità di applicare l’etichetta del<br />

cliente sui modelli dell’azienda.<br />

Info: tel. 0321960149 - info@rossanam.com<br />

ANGELA M - laboratorio di maglieria - schede<br />

tecniche - campionarista free lance - produzioni<br />

anche di piccole quantità - collaborazioni con<br />

Stilisti e Aziende.<br />

Realizzazioni di capi finiti pronti per la spedizione.<br />

Lavorazioni in finezza 16-12-10-7-5-3 HAND<br />

MADE UNCINETTO E MAGLIA<br />

Info: tel. 3281071353<br />

angela.emme.76@gmail.com<br />

Cercasi rappresentanti qualificati per maglieria<br />

uomo/donna medio fine ben introdotti nel mercato<br />

vendita al dettaglio. Toscana, Emilia Romagna,<br />

Friuli Venezia Giulia, Marche.<br />

Info: tel. 0445362133 - info@maglificiogittoria.it<br />

Vendiamo sciarpe, scialli e accessori moda.<br />

Tessil-Novex è presente da oltre 40 anni sul<br />

mercato della produzione di accessori tessili per<br />

uomo e donna, indirizzati a famosi marchi e a<br />

grosse catene d’acquisto in tutto il mondo.<br />

Info: tel. 031262515 - www.tessilnovex.it<br />

La Sagimar prende contatto e seleziona con<br />

serietà commerciale i vari negozi interessati alla<br />

vendita in esclusiva di zone, della produzione<br />

femminile “MODA POSITANO” made in Italy: camicie,<br />

camicioni, vestiti, caftani, spolverini, top,<br />

canotte, casacche, bermuda, pantaloni, gonne,<br />

maglie, completi, ecc...<br />

Inoltre produce camicie e bermuda “moda Positano”<br />

casual uomo.<br />

Info: tel. 0818011551 - info@sagimar.it<br />

Tricotars Kft. è un’azienda ungherese con attività<br />

di produzione, esportazione, importazione e<br />

consulenza di prodotti di maglieria.<br />

Info: Judit Gyulai - amm.re delegato (lingua<br />

italiana) tel. +36-1-251-8363<br />

juditg.tricotars@t-online.hu<br />

Distributore specializzato in abbigliamento per<br />

bambino da 0 a 16 anni (prodotto esclusivo e<br />

made in Italy) cerca agente mono/plurimandatario<br />

per l’Emilia-Romagna.<br />

Per la pubblicazione del proprio annuncio su MAGLIERIA ITALIANA compilare in<br />

stampatello il presente tagliando ed inviarlo a: abbonamenti@editorialemoda.com oppure<br />

spedirlo via posta a: EDITORIALEMODA - via Giardini, 476/N - 41124 Modena - tel. 059342001<br />

Nome dell’abbonato .....................................................................................................................<br />

abbonamento effettuato il ...........................................................................................................<br />

Indirizzo .........................................................................................................................................<br />

CAP ........................ Città ......................................................................................... Prov. (........)<br />

Tel. ........................................................................ Fax .................................................................<br />

Testo ..............................................................................................................................................<br />

........................................................................................................................................................<br />

........................................................................................................................................................<br />

........................................................................................................................................................<br />

........................................................................................................................................................<br />

........................................................................................................................................................<br />

........................................................................................................................................................<br />

Info: tel. 0516646922 - info@tiemmeexport.com<br />

Maglificio produttore di capi in cachemire di<br />

alta qualità cerca un’addetta alla rifinitura e al<br />

rammendo e una figura specializzata nella smacchiatura<br />

a mano.<br />

Info: tel. 0444 570033<br />

A Different Classic di Agnese Fatica, laboratorio<br />

artigianale di maglieria, realizza su richiesta capi<br />

su misura, la creazione di capi per donna, uomo<br />

e bambino in filati vari -lana, cachemire, cotone,<br />

seta- in finezze 12/8/5.<br />

Info: adifferentclassic@gmail.com<br />

Vendita maglie donna 100% cashmere.<br />

Pezzi unici.<br />

Info: Laura Mirè - tel. 340 2318669<br />

P.S. Se richiesto in lingua estera allegare la traduzione. Indicare se le risposte devono essere inviate a Editoriale Moda (in questo caso allegare assegno<br />

di Euro 93,60 IVA compresa quale rimborso spese; sarà rilasciata regolare fattura quietanziata).<br />

MI <strong>184</strong><br />

I suoi dati fanno parte dell’archivio elettronico dell’Editoriale Moda S.r.l., nel rispetto della L. 196/03. Non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi.<br />

È nel suo diritto richiedere la cessazione dell’invio e/o l’aggiornamento dei dati in nostro possesso. Se non desidera ricevere ulteriori comunicazioni, barri la casella


ENGLISH TRANSLATION<br />

STRATEGIES on page 8<br />

CREATIVE BOUTIQUES<br />

In order to prevail in the challenge posed by Internet sales and chain<br />

operations, traditional retail outlets are going to have to change.<br />

Thank goodness, there are plenty of viable options and opportunities<br />

In order to effectively deal with the competition from Internet sales<br />

and large chain operations, traditional boutiques are going to<br />

have to become more interesting and offer more exciting, creative<br />

shopping experiences to consumers. The Retail Now symposium<br />

in Milan – the store as a medium; marketing opportunities and<br />

strategies, organized by Paola Gallas Networking, presented a<br />

whole new interpretation of the boutique in which it emerges, first<br />

and foremost, as an instrument of communication, a tool that is<br />

capable speaking with shoppers, catching and holding their attention,<br />

and not only in regard to the goods being offered for sale,<br />

but also in terms of defining the sort of shopping experience to be<br />

experienced in the store. As a matter of fact, Fabrizio Valente, a<br />

founding partner of Kiki Lab-Ebeltoft Italy, a retail consulting firm,<br />

spoke of the store as a hyper-medium, a super-means.<br />

“Each year Kiki Lab presents a report on the retail situation”,<br />

explained Fabrizio Valente. “For this year’s report more than 200<br />

cases (retail outlets) drawn from 30 different countries were initially<br />

selected, with a final selection of 45 from 21 countries. Analyzing<br />

the various different cases we discovered a veritable explosion<br />

when it comes to communicative potential – in both the positive<br />

and negative sense of the word. In this world of hyper-selection<br />

and hyper-communication less is more”.<br />

According to Valente, navigating yesterday’s marketplace could be<br />

compared with rowing sports, requiring coordination and teamwork.<br />

“Rowers don’t look where they are going and so they only take to the<br />

water when it’s calm. Today, everything has changed. Yesterday’s<br />

rules still apply, but the context is much more difficult. Today’s<br />

marketplace is much more like rafting through treacherous white<br />

water. Today the process of natural selection is much more ruthless;<br />

many shops have been forced to close as the marketplace<br />

rewards only those capable of navigating their way through these<br />

turbulent waters. Those who manage to stay open are thus able to<br />

move more quickly and follow the current. Those forced to close<br />

leave customers who may be attracted by more skilled navigators”<br />

TRENDS & MACRO-AREAS<br />

The report presented by Kiki Lab pointed out 5 macro-areas, 17<br />

trends for 45 case histories. Based on the cases analyzed, the<br />

macro-areas emerged, broken down into various trends.<br />

Tech and Digital is composed of Human tech, Cross-channel and<br />

Native Digital.<br />

The areas of Values include Greentailing and Ethical Store.<br />

Experience breaks down into Efficiency for the customers, Active<br />

involvement, Comprehensive service, Multi-sensor, Accessible<br />

dreams, Socialtailing, Liquid retail.<br />

The area of the Assortment features the trends of Choice2,<br />

Customization and Glocalism.<br />

In the area of Communication we find Visual Identity and Storytelling.<br />

“In an increasingly digital world, the multisensorial phenomenon<br />

will continue to assume an ever greater importance”, explained<br />

Valente. “An excellent example when it comes to the Experience<br />

area and Multi-sensor trend would be Starbucks, which continues<br />

to innovate and create new formats. The most recent one is the<br />

so-called Starbucks Reserve Roastery, which puts the roasting of<br />

the coffee beans back into the spotlight, making this process the<br />

focus of the coffee store, featuring the roasting of the top blend,<br />

the tasting areas and congenial, sophisticated surroundings.<br />

The roasting process with its tantalizing fragrances contributes<br />

enormously to the multisensorial quality of the experience and<br />

the involvement of the customers in the coffee process. Another<br />

interesting example for the Experience area and the Accessible<br />

dreams trend is La fabrique de Lunettes, an eyewear boutique<br />

that sells (and rents) nothing but vintage frames, presented in a<br />

rétro setting and also featuring rental subscriptions for a day or a<br />

month. 13% of the sales volume is generated by the rental part<br />

of the business”.<br />

Staying with the Experience macro-area and the 360° Service trend<br />

we have the highly illustrative example of EchoPark, a dealership,<br />

as well as repair and maintenance garage specializing exclusively<br />

in used cars.<br />

“The mechanics are quite visible and this naturally tends to reassure<br />

the customers”, explained Valente. “The main selling features of<br />

this operation are transparency, simplicity and speed throughout<br />

the entire process, every phase of the business. Customization is<br />

another extremely crucial component of the successful formula,<br />

once the exclusive prerogative of luxury products. As a matter of<br />

fact, in the Assortment area we find the Customization trend. At<br />

its flagship store in Tokyo Muji boasts a customization service,<br />

featuring a workshop and laboratories for both adults and children”.<br />

In the Values are we find the Ethical Store trend.<br />

“Treehouse is the name of a do-it-yourself store in the United<br />

States, promoting sustainable values”, Valente was eager to add.<br />

They combine ethics and environmental concern with an evaluating<br />

label incuding assessments of function, workers and environmental<br />

impact issues. The four key guidelines when it comes to selecting<br />

the array of products are health, performance, sustainability and<br />

the social responsibility of the brand”.<br />

The ecology theme manifests itself in various aspects and innovation<br />

can be found right across the board in all the markets. In regard to<br />

the Tech and Digital area, an excellent example of the Human Tech<br />

trend is the Romanian concept store called Orange, the leading<br />

telecommunications company in Romania.<br />

“Orange has created a smart shop for the telecommunication sector”,<br />

Valente explained. “One finds retail outlets that have been<br />

designed and merchandised as if they were homes, plus an innovative<br />

paperless concept, i.e. transactions eschewing the use of paper.<br />

The company opened 4 of these smart shops in 2015. Remaining<br />

with the Human Tech trend, another outstanding illustration is the<br />

luxurious Rebecca Minkoff store, an online retailer that has begun<br />

opening brick and mortar stores. A cross-channel boutique, where<br />

customers are greeted by offering them something to drink and<br />

where the dressing room mirrors are digital and payments can be<br />

transacted on the spot rather than cueing up at the cash register”.<br />

In the Tech and Digital area, for the Native Digital trend one is finding<br />

more and more stores appearing both on- and offline simultaneously.<br />

“Australia’s Sneakerboy is a brick and mortar store which is accompanied<br />

in a parallel manner with an e-commerce operation”,<br />

explained Valente. “A digital showroom, a digi-show and sneaker<br />

shop, with a model and size reference, but featuring sales opportunities<br />

exclusively online. In the showroom one can find and try<br />

everything, but nothing is purchased in this venue; that is done<br />

subsequently over the Internet”.<br />

This cross-channel phenomenon will become increasingly common<br />

in the future. When it comes to the Tech and Digital area, the<br />

most significant example of the Cross-channel trend is Made.com,<br />

a furniture and design digi-show featuring affordable prices as the<br />

designers involved are not yet very well known.<br />

“The products on display constitute only a limited part (making


ENGLISH TRANSLATION<br />

it possible to significantly reduce the display area), explained<br />

Fabrizio Valente. “Then, on the walls there are postcards showing<br />

the products not actually on hand, including their main features<br />

and descriptive points. An extremely interesting and innovative<br />

idea involved holding a temporary event providing an opportunity<br />

to print a 3D model of a product one has seen and is especially<br />

interested in”.<br />

CREATIVE RETAIL<br />

The Internet is dead. Long live creative retail. This is the provocative<br />

theory of Greg T. Spielberg, the Chief Executive Officer of We Are<br />

Pop-Up, “the easiest way to find unique spaces for pop-up operations<br />

and shared stores in London and NYC is to get in touch with<br />

innovative brands and collaborate in order to motivate creative retail”.<br />

“Twenty years ago the Harvard Business Review invited business<br />

leaders and professors to a round-table discussion dealing with the<br />

future of interactive marketing, explained Spielberg in his analysis.<br />

“The topic focused on was the sudden enormous development<br />

of the Internet. John Deighton, a professor at Harvard, wrote the<br />

introduction: the main potential of the interactive paradigm lies in its<br />

capacity to include various different human aspects in exchanges<br />

carried out on online platforms without losing the advantages inherent<br />

in economies of scale provided by mass marketing. Naturally,<br />

Deighton’s vision of the future was clear and ahead of the curve.<br />

Wed sites have provided us with incredible opportunities in terms of<br />

customization and reaching consumers in a totally new and different<br />

manner compared with the usual tools. But now, in <strong>2016</strong>, the<br />

phenomenon of creative retail is actually overtaking and replacing<br />

the Internet as the most advanced and interactive manifestation<br />

of brand marketing”.<br />

Creative retail represents the fusion of experiential marketing, traditional<br />

retail and the model of written storytelling. The brands are<br />

already extremely skilled when it comes to effectively wielding these<br />

three key elements, but now it’s time to forge ahead even further.<br />

“Experiential marketing manages to directly involve consumers in<br />

a way that generates exciting experiences (of shopping, but other<br />

sorts as well), experiences that are original, positive and extremely<br />

memorable”, Spielberg was eager to explain. “Traditional retail<br />

features a carefully selected array of products or services offered to<br />

purchase in order generate income. The person writing the contents<br />

of storytelling creates narratives capable of exploring and illuminating<br />

dynamic relations that are simultaneously real and imaginary”.<br />

The strategies which define creative retail generate memorable<br />

experiences that help shoppers to better understand the world<br />

around them, while at the same time motivating sales. They create<br />

real-life stories that enable shoppers to participate as protagonists<br />

rather than merely as passive users of a product, making them more<br />

than just spectators or listeners. Spielberg defines to principal types<br />

of creative retail: Nonfiction, based on a community, and Fiction,<br />

based on the imagination.<br />

NONFICTION CREATIVE RETAIL<br />

Kiva Microfunds (also known as Kiva.org or, more simply, Kiva) is an<br />

American non-governmental organization with the goal of promoting<br />

micro-credit initiatives in disadvantaged countries by means<br />

of collecting funds over the Internet, drawing inspiration from the<br />

model of the Grameen Bank owned by Muhammad Yunus who<br />

was awarded the Nobel Peace Prize for his humanitarian efforts.<br />

Kiva was founded in October of 2005 in San Francisco by the<br />

married couple, Matt Flannery and Jessica Jackley. In December<br />

2015 Greg T.Spielberg celebrated the launching of Kiva NYC in<br />

the IAC Building in Chelsea.<br />

“Despite the design by Frank Gehry for the exterior space and the<br />

the largest screen in the entire world placed on the ground floor,<br />

the most engaging element of the whole event was the people”,<br />

explained Spielberg. “For the event Kiva invited as guests dozens<br />

of small businesses which presented their products and told their<br />

stories. Dog Parker, for example, his innovative formula for providing<br />

hotel-like services for dogs, Especially Puglia, his olive oil, from<br />

the tree to the table, presenting those present with complimentary<br />

samples. Those responsible for the forms of micro-credit and the<br />

collecting of funds for Kiva set up displays where potential new<br />

customers were able to obtain information and access services.<br />

A group of Kiva supporters, headed by former president, Bill<br />

Clinton, went on to tell the public about their own experiences in<br />

the area of similar loans and fund-raising. Rule number one when<br />

it comes to effective storytelling is to be sure and illustrate, to show<br />

rather than simply tell about something. As a matter of fact, the<br />

Kiva event managed to achieve all the goals it had set for itself.<br />

The launching made it possible to showcase the dual nature of<br />

the New York Kiva community: those who are in need of money to<br />

fund their business ideas and those capable and willing to invest<br />

in a promising, worthwhile enterprise. I was able to interact directly<br />

with the heads of the small businesses and see with my own eyes<br />

the various results of the investments and the related initiatives.<br />

I didn’t have to take any brochures, talk to the heads of Kiva, log<br />

onto their website or check for the arrival of some email on my<br />

mobile phone. Kiva enabled me to immerse myself directly in an<br />

experience composed of true stories and in the span of an hour<br />

and a half I went from absolutely no knowledge to the mastery of a<br />

profound understanding of the concepts being presented. In addition,<br />

I listened to the story of a president of the United States, made<br />

lots of new friends and established new contacts, experiencing an<br />

unforgettable episode that will remain engraved in my memory for<br />

as long as I live, transforming me into a devoted supporter of Kiva”.<br />

CREATIVE RETAIL FICTION<br />

Another interesting New York example. In this case of the second<br />

type of creative retail, namely, the Fiction model. If the abovementioned<br />

Kiva event lasted for no more than a single evening,<br />

the Museum of Feelings presented by Glade (a leading American<br />

brand of home fragrances) managed to literally mesmerize the Big<br />

Apple for fully three weeks.<br />

“In this case there were neither a community to get involved nor<br />

products to promote, at least not in the strictest sense of the term”,<br />

explained Spielberg. “The S.C. Johnson Company focused solely<br />

on realism which, paradoxically, had a magical effect. Each of the<br />

five scented rooms of the museum inspired the original design,<br />

deliberately created to arouse specific feelings and emotions. For<br />

example, Glade introduced its Lavender & Vanilla into the room of<br />

repose, featuring fluffy soft clouds. Peony & Cherry, on the other<br />

hand, was utilized for a kaleidoscopic floral image”.<br />

The interactive exhibit created multi-hour lines at the entrance<br />

and fully 22,000 colorful posts on Instagram, helping to reinforce<br />

the Glade brands position as category leader in the realm of the<br />

social media, as well.<br />

THE SUCCESS OF CREATIVE RETAIL<br />

These two examples of creative retail (Kiva and Glade) represent<br />

only a minimal part of the American pop-up industry, by itself worth<br />

some 50 billion dollars. The actual explosion of this phenomenon<br />

is a fairly recent occurrence (2015) and from now on all the<br />

brands intent of appealing to shoppers will be thinking of nothing<br />

but investing in IRL (inspired by real life) campaigns and events.<br />

Fully 79% of the brands interviewed by Greg T. Spielberg for his<br />

research stated that they implemented more experiential events<br />

and programs in 2015, with an increase of investments in this area<br />

to the tune of 12% over that was spent in 2013.<br />

“And the results are right in keeping with what one would expect<br />

of brands that invest in real experiences”, Spielberg commented.<br />

“First and foremost, they saw improved performance in terms of<br />

sales and marketing. 65% of the brands were able to associate<br />

experiential marketing efforts with an increase in sales, while fully<br />

84% of the companies with marketing budgets exceeding ten<br />

million dollars are promoting a focus on real experiences. The<br />

main factor when it comes to transforming creative retail into an


ENGLISH TRANSLATION<br />

industry is easy to understand: cheap space. The topography of all<br />

our cities has changed; they are no longer distinguished by closed<br />

spaces, but rather open ones. The brands don’t find it necessary<br />

to sign contracts for desirable leases of five to ten years in order<br />

to adequately cover national markets with retail outlets. All towns<br />

and cities, whether large or small, always have sufficient space<br />

available for pop-up operations which can be utilized from just a<br />

weekend to a month of for the entire season. A pop-up can even<br />

be little more than a tiny booth, or one may opt for occupying an<br />

entire building. They can be housed in a shopping mall or deserted<br />

industrial building located in an up-and-coming neighborhood. It’s<br />

never been as easy to find a retail space as it is these days. One<br />

is also witnessing the emergence of start-up businesses designed<br />

to provide temporary spaces or innovative new modular stores (for<br />

example, ShopWithMe). The concept stores of the creative retail<br />

category also take advantage of associations of a cultural nature<br />

in order to promote emerging neighborhoods or ones ready to be<br />

revitalized and rehabilitated”.<br />

The scope of online interaction has a very clear limit. Smartphones,<br />

computers, tablets and TVs are all solitary experiences. Sitting in front<br />

of a screen is fun, useful and engaging, but it is also anti-social, a<br />

poor surrogate for genuine interaction between real human beings.<br />

“The brands seeking a greater degree of interactive marketing are<br />

shifting to offline means”, added Spielberg. “For example, names<br />

associated exclusively with e-commerce, such as Fancy, Food52,<br />

TicTail and Kit & Ace have all created wonderful stores. Amazon<br />

is currently testing brick-and-mortar retail on the campuses of a<br />

number of colleges as well as by means of a lounge in New York<br />

and San Francisco, after opening its first real bookstore in Seattle.<br />

Microsoft has already opened a store on Fifth Avenue and Drake<br />

has opened in Los Angeles. Refinery29 has created and enormous<br />

house of culture, while the latest-generation tech shop operated<br />

by Wired has become a holiday location”.<br />

It is quite clear that the new communication tool will be the urban<br />

space. One must not forget that the various different brands can<br />

actively collaborate with the multi-brand stores when it comes to<br />

the organization of events, presentations, previews and workshops<br />

as part of an effort to develop customer loyalty. In this case, it’s not<br />

even necessary to find a pop-up space.<br />

TEMPORARY SHOPS<br />

In Italy (where it has probably not yet been taken advantage of to<br />

the full extent of its potential) a multitasking tool has already been<br />

around for quite a while: the temporary shop. Massimo Costa, the<br />

general secretary of Assotemporary at the meeting in Milan entitled,<br />

Retail Now (The store as a medium: opportunities and strategies of<br />

field marketing, organized by Paola Gallas Networking), presented<br />

the many opportunities of the temporary approach.<br />

“Temporary shops are a distinctive feature of liquid societies, in<br />

particular, pop-up versions or so-called moving stores”, explained<br />

Costa. As a matter of fact, they take advantage of the three basic<br />

characteristics of liquidity: speed, changeability and interactivity.<br />

Based on the rationale of entertainment, experience and surprise,<br />

the temporary shop, either the standard version or the pop-up store<br />

manifestation, is a store with a predetermined lifespan, generally<br />

a very short period of time (one day, six months as was the case<br />

for Expo, but on the average for 30-40 days). The moving shop is<br />

an itinerant form of the temporary shop”.<br />

According to estimates of Assotemporary, there are some 22,000<br />

moving shops in Italy, three- or four-wheel stores.<br />

“The way it works is that the stores follow the customers”, explained<br />

Costa. “And not because this is some sort of passing craze, but rather<br />

a genuine business opportunity. Like the other forms of temporary<br />

shops they make it possible to test new products, conduct promotions,<br />

to boost sales and, obviously, communicate the company<br />

image. The moving shop concept got started in Milan by designer,<br />

Valeria Ferlini, (Ape Malandra); it now sells haute couture garments<br />

in 24 cities and counts franchise affiliates throughout all of Italy”.<br />

One is witnessing the emergence of a new industry specializing in<br />

fitting out and designing food vending vehicles. Peugeot presented<br />

a commercial prototype for street food. Street food is a project created<br />

in La Spezia which currently achieves 50 fitting out operation<br />

every day, while Veicoli Speciali is a small business in Piedmont<br />

that also sells its revamped and suitably fitted out vehicles abroad.<br />

When it comes to the Italian cities, Milan boasts the greatest<br />

concentration of temporary shops (70%). The remaining 30%<br />

are found in Rome and Naples (10%), Florence, Turin, Venice,<br />

Bologna and other Northern Italian cities (10%), Catania, Palermo,<br />

Bari and other cities in the South of Italy (10%).<br />

“Milan is the capital of the temporary shop phenomenon because<br />

it’s the city of pioneering business enterprises and innovation par<br />

excellence”, explained Costa. “It also happens to be the most internationally<br />

oriented Italian city, the city of fashion and design, the<br />

pride and joy of Italian Industry, a hub for travelers and shoppers,<br />

alike (in the legendary Quadrilateral fashion quarter and elsewhere).<br />

Here’s a few indicative numbers: some 150 temporary spaces (on<br />

via Tortona alone there are some 30 locations) and of these, 100<br />

are temporary stores, in addition to 50 temporary showrooms and<br />

event spaces”.<br />

The standard contract is composed of four parts: the request to<br />

carry out a service, filled in a signed by the customer company; the<br />

description of the services and the conditions of use regarding the<br />

location, including the general conditions as set forth by a basic<br />

leasing contract which have to be strictly and fully adhered to, the<br />

confirmation of the order drawn up and signed by the owner of<br />

the temporary store. “The face to face nature of temporary shops<br />

renders them one of the best tools in the field of marketing because<br />

they get people actively involved with the brands, enabling<br />

the manufacturers to reach out to the shoppers in a customized<br />

manner”, explained Costa. “Speaking of scenarios, we would do<br />

well to consider four themes: small businesses, harmonization,<br />

extra moenia (Latin for ‘outside the walls of the city) and professionalism.<br />

Up until now it has been primarily the medium to large<br />

businesses that utilized the temporary shop model, in virtue of<br />

greater knowledge and organizational capacity, not to mention<br />

financial clout. Since the Italian industrial landscape is composed<br />

of small businesses, the development of the temporary shop model<br />

is intimately associated with the interest in such ventures on the<br />

part of these smaller enterprises with their smaller budgets. The<br />

temporary shop is a phenomenon that is useful when it comes to<br />

the development of local business if it is harmoniously integrated<br />

into the unique local urban context. Temporary stores are elements<br />

capable of adding value and verve to the streets where they open in<br />

spaces that were previously not used for commercial purposes or in<br />

former commercial spaces, but ones that failed to generate much<br />

interest of excitement. They can involve all sorts of unconventional<br />

urban facilities, such as train stations, airports, museums, hotels<br />

and, of course, shopping centers. Last but not least, there’s the<br />

crucial theme of professionalism. The challenge is to create a whole<br />

new sort of professional identity, one that we could refer to as a<br />

temporary retailer, a person who has the skills (knowledge and experience)<br />

required to coordinate complex organizational processes,<br />

including the sort of communication and selling abilities required<br />

by the customer companies. When it comes to sales activities the<br />

temporary retailer has to do his or her most to observe the pertinent<br />

regional and municipal laws and regulations regarding such matters<br />

as store hours. When it comes to carrying out sales activities a<br />

temporary retailer therefore scrupulously adheres to the laws and<br />

regulations concerning extraordinary sales, the various matters<br />

involved with sales and liquidation. When it comes to the activities<br />

and regulations regarding end-of-season sales, temporary retailers<br />

have to observe the time limits and prohibitions regarding proper<br />

execution of the connected activities and operations. Regarding


ENGLISH TRANSLATION<br />

the activities carried out directly by the customer companies, the<br />

temporary retailer is required to implement appropriate controls,<br />

intervening, if necessary, in order to avoid actions and initiatives<br />

that are not permissible and/or opportune. The activities carried<br />

out in connection with a temporary shop can be coordinated with<br />

all sorts of other commercial activities without creating problems<br />

or incidents of unfair competition vis a vis other business establishments.<br />

Temporary shops can fit very nicely into a rationale of<br />

retailtainment, serving to revitalize the life of the streets where they<br />

are opened, animating and providing new energy and excitement<br />

wherever they pop up”.<br />

TEN GOOD REASONS FOR SELECTING A TEMPORARY SHOP<br />

1. Creating an event<br />

2. Conveying emotions correlated with the brand<br />

3. Setting a trend<br />

4. Generating the condition for exclusive sales<br />

5. Getting a better handle of one’s target consumer<br />

6. An affordable way of trying out a single-label retail operation<br />

7. Appearing physically (for manufacturers who only operate online)<br />

8. Playing the mobility card<br />

9. Selling in particular periods of the year<br />

10. Taking advantage of impulse purchasing<br />

ESPLO! MOVING MALL<br />

Esplo! is the name of a unique Italian project, catering to people<br />

who want to conduct advertising initiative for their own company<br />

by means of display andtemporary promotion. Inside innovative<br />

boxes made from steel and glass it is possible to customize<br />

and set up a space in keeping with one’s own particular needs,<br />

a 360 degree showcase. Esplo! Moving Mall is located in the<br />

context of Centro*Sesto, a shopping center boasting decades of<br />

experience, featuring an optimal mix of stores, some 50 different<br />

retail outlets, and position in an area that has a pool of users in<br />

excess of 2 million people. Awarded as the winner in the B2B<br />

category at CNCC and as Best of the Best 2013, this project has<br />

also received international recognition, earning the Silver at the<br />

ICSC Solal Marketing Award for projects in 2013.<br />

FASHION DESIGNERS on page 16<br />

EMILY DIAMANDIS - AT HOME EVERYWHERE<br />

With Tabula Rasa Emily manages to bring together her major<br />

interests: travel, interior design and knitwear<br />

In 2013, after 15 years of experience in the realm of fashion and,<br />

more specifically, knitwear, Emily Diamandis launched Tabula<br />

Rasa, a lifestyle brand that combines a modern, playful approach<br />

to design with sophisticated handcrafted workmanship.<br />

Raised in the United Kingdom, Emily Diamandis seems to have<br />

Europe and Asia in her DNA. During her time at the University of<br />

Brighton she got her first job in the world of fashion as assistant<br />

to designer, Matthew Williamson, and then after graduating with<br />

honors in Fashion Textiles and Business Studies, she moved to<br />

Hong Kong, one of the most important hubs in the world for the<br />

production of. There she got a good job at the style office in charge<br />

of the Cacharel and Paul & Joe collection. Not long after she left<br />

that job in order to take over the creative direction of the women’s<br />

collection of premium jeanswear for Evisu, involving the opportunity<br />

to thoroughly learn about the most innovative washing processes.<br />

Following this she was called upon to renew and update the knits<br />

produced by the Chinese brand, Shanghai Tang. During these<br />

four years in Asia, Emily managed to reinforce her technical skills<br />

and establish important professional connections with outstanding<br />

manufacturers and craftspeople, from the producers of denim in<br />

Japan to the cooperatives of weavers in Rajasthan. Her numerous<br />

trips, in addition to enabling her to discover innumerable techniques<br />

and traditional craft-based ways of doing things, had an enormous<br />

influence on her creations, to this day serving as a major source<br />

of inspiration for her work.<br />

In 2007 Emily moved to New York where she set up a fashion<br />

design consulting firm. Soon thereafter she was contacted by Rag<br />

& Bone who wanted her to supervise the launching of the brand’s<br />

first collection of knits, intended for both men and women. Emily<br />

personally handled every aspect of the project, from the production<br />

to determining the retail price points, managing to give rise to one<br />

of the brand’s most successful categories of products, with over<br />

35 million dollars generated in just the first five years. Since then<br />

Emily has served as a consultant for both mass-market and niche<br />

brands, from Uniqlo to Joseph Altuzarra.<br />

In 2013 Tabula Rasa came into being, based of the philosophy<br />

that each space we inhabit is a place of comfort and creativity,<br />

a setting capable of reflecting our individual style and personality.<br />

The brand offers prêt-à-porter garments and accessories for<br />

the home which evoke the designer’s passion for travel and her<br />

unique set of skills. The knitwear features complex textures and<br />

intricate weaves, achieved by simultaneously employing a number<br />

of different techniques. Each garment is designed in two distinct<br />

phases. The first involves the creation of the fabric, beginning<br />

with the yarns involved and other materials which are eventually<br />

combined in ever new ways. The second step is the creation of the<br />

final silhouette, which ranges from oversize sweaters to dresses that<br />

closely contour the lines of the body. The line of soft furnishings<br />

for the home includes pillows, bedspreads and towels, capable of<br />

imbuing any interior setting with an international bohemian flair.<br />

STYLE NOTES on page 56<br />

LALO CARDIGANS - FROM GEORGIA WITH LOVE<br />

A brand from the Caucasus is taking the knit world by storm thanks<br />

to its luxurious primary materials and whimsical stitch creativity<br />

LaloCardigans is the name of a brand of knitwear founded in 2012<br />

by the Georgian twins, Lalo and Nina Dolidze. Each garment in their<br />

collection constitutes a unique creation, hand-fashioned in the heart<br />

of the Caucasus in Georgia, the area where most of the raw materials<br />

used also happens to come from. Lalo serves as the brand’s head<br />

designer, despite the fact that her formal training seemed to be<br />

taking her in a completely different direction. As a matter of fact,<br />

during the time she spent getting a university education, majoring<br />

in a field that had nothing to be with fashion. Lalo secretly harbored<br />

a cherished desire to launch her own brand of clothing and finally<br />

give expression to her deep love for the world of fashion.<br />

She thus began to wear the handmade knit cardigans she had made<br />

herself. Thanks to the assistance of Nina, her twin sister, what had<br />

up until then only been a sort of pipedream was transformed into<br />

concrete scheme whereby she found herself sharing her beautiful<br />

cardigans with the rest of the world. And this was how LaloCardigans<br />

came into being, a brand specializing in knits what was destined<br />

to become an instant success. Lalo draws her inspiration from the<br />

realm of nature, from its most surprising and less explored aspects.<br />

Quite frequently her creations borrow silhouettes and textures<br />

from the world of flowers and plants. In <strong>2016</strong> the innovative brand<br />

launched a new luxury line which they decided to call, LALO, in<br />

which the first collection - Mysterious Garden – took its inspiration<br />

from the works of the great French painter, Claude Monet, in<br />

particular, drawing from the colors and mysterious moods evoked<br />

by his aquatic gardens. The new couture line, which with the collection<br />

for autumn-winter <strong>2016</strong>/17 managed to capture the hearts<br />

of everyone gathered around the catwalks at the Mercedes-Benz


ENGLISH TRANSLATION<br />

Kiev Fashion Days; in its DNA one finds the same key concepts<br />

that distinguish LaloCardigans: handmade knits made with the use<br />

of luxury yarns sourced in the Caucasus region, hand-dyed and<br />

knitted into exquisite intarsia patterns and whimsical combinations<br />

that are always fashion forward, featuring such exciting signature<br />

elements as sophisticated embroidery work and applications in<br />

mohair or even the use of dramatic peacock features.<br />

The brand’s revolutionary collections have managed to reach<br />

eager shoppers well beyond the national confines of Georgia<br />

and are currently very popular in places like Russia, Kazakhstan,<br />

Azerbaijan, Ukraine, Italy, Portugal, Germany and the USA. Lalo’s<br />

brightly colored knitwear has been prominently featured in the most<br />

exclusive publications of the fashion world, establishing itself as a<br />

genuine trend in the exciting realm of fashion bloggers.<br />

EMERGING DESIGNERS on page 60<br />

GRETEL ZANOTTI - THE SARTORIALIST<br />

This young designer has combined the skills learned during her<br />

artistic training with a love of fashion, blending them in creations<br />

with a haute couture spirit<br />

Just 21 years old, Gretel Zanotti is already very clear about her<br />

future professional ambitions: she’s decided to bring together the<br />

two great interests of her life, art and fashion, in order to fulfill her<br />

dream. Gretel wants to create clothes that represent her personal<br />

vision of art, sophisticated items with a sartorial flair. Her personality,<br />

both strong and fragile at the same time, imbues her collection<br />

with an unmistakably unique style. Her attention is focused on an<br />

objective vision of beauty, the details of a painting, a photograph,<br />

a sculpture, which serve as the sources of inspiration.<br />

Gretel Zanotti’s creative process begins by examining and comparing<br />

a particular artist, a designer from whom she borrows the distinctive<br />

elements only to reinterpret them, guided by her own culture and<br />

creativity. The woman she caters to boasts plenty of character, spirit,<br />

femininity and elegance, managing to seduce without uncovering<br />

herself. She is concerned with finely crafted detailing and purity<br />

of form. The painting of Toulouse-Lautrec and the influences of<br />

the oriental culture during the course of the 19th century are the<br />

main points of reference around which this collection has been<br />

developed. The figure of the demure geisha, a consummate symbol<br />

of femininity and seduction in the Japanese culture, serves as<br />

the inspirational muse for garments that bring out the mystery of<br />

every woman. Through her distinctive garments Gretel manages<br />

to conjure up a modern geisha, yet still reflecting the leitmotifs of<br />

eighteenth-century Asian culture: clean cuts, contrasting colors<br />

and lines that embrace without blurring.<br />

The luxurious materials evoke nature, fabrics like silk cady, silk<br />

and cashmere blends, angora, ermine-like cashmere and the<br />

stretch virgin wool with which Gretel constructs trapeze dresses,<br />

longuette skirts to be worn with cropped tops in contrasting colors,<br />

monochromatic leggings to be combined with patterned bloused,<br />

palazzo pants and oversize overcoats. There are, of course, also<br />

jumpsuits, a featured garment this season, and a skirt with applications<br />

of genuine feathers, not to mention a kimono-dress, perfect<br />

for evocative plays of layered effects. Black, red and white are the<br />

featured colors, animated by the intervention of a design inspired<br />

by nature, handcrafted by Gretel and applied to the garments<br />

shown on a limited-edition basis.<br />

Gretel Zanotti is already to be found with her exceptional collections<br />

in various high-end boutiques in Italy. She recently also opened her<br />

own first single-label store in Porto Cervo, inside the very exclusive<br />

5-star Colonna Pevero Hotel, an atelier in Desenzano for madeto-measure<br />

items and a corner operation in the beHouse store at<br />

No. 34 via della Spiga in Milan.<br />

NEW TALENTS on page 62<br />

SIMONE MISSANO - CONCEPTUAL LANDSCAPES<br />

The concepts of full and empty serve to inspire a designer obsessed<br />

by that which connects the constituent elements of a whole<br />

The graduate thesis by Simone Missano, who received his degree in<br />

1993, was inspired by an amorous obsession in which the buttonhole<br />

or eyelet, generally used in a system of buttoning or fastening, was<br />

featured as a symbol. As it turned out, the young designer from<br />

Correggio (RE) graduated with top marks and honors from the<br />

IED Moda Milano School, presenting a project with a conceptual,<br />

almost enigmatographic (i.e. the art of solving puzzles) approach<br />

in which the connection between the constituent parts that form<br />

the whole plays a fundamental role. The characteristics of a buttonhole,<br />

a bordered cut, a hole which can permit the entrance of<br />

other elements or simply remain empty are imbued with a profound<br />

sexual charge. They also recall a keyhole through which one can<br />

peer or simply eyes that stare into empty space. All of these evocative<br />

concepts serve as the underpinning of the collection bearing<br />

the name of the young designer: “In my project I came up with<br />

a method of sewing that makes it possible to assemble different<br />

pieces of fabric by means of a buttonhole that is located on the<br />

inside of the garment, but allows repercussions on the outside. At<br />

all the points of conjunction the sewing technique generates an<br />

effect of fullness and emptiness which is the representation of a<br />

mood or state of mind, a state of frustrated love in which spying<br />

upon and monitoring seem like the only activities worth pursuing”.<br />

The garments, contoured and cut into strips, have been carefully<br />

assembled to create a sort of Venetian blind or shutter effect, the<br />

great inspiration in this collection. The sewing system involves<br />

painstaking maniulation of the fabric and has been enhanced by<br />

embroidery work, also composed of buttonholes fashioned in such<br />

a manner as to generate folds or pockets. This sewing technique<br />

based on buttonholes required fabrics that do not fray when cut,<br />

so the designer has decided to work primarily with boiled wool,<br />

felted knits and tulle, while the other fabrics have been bonded<br />

and then assembled. “I’m especially careful when it comes to the<br />

accessory part and I like to come up with innovative new ways of<br />

fastening garments. In this particular collection the buttons feature<br />

a little leather band with different sorts of workmanship; this is done<br />

in order to reinforce the idea of the buttonhole and see to it that<br />

the button may be detached by means of an alternative fastening<br />

system. In certain cases the buttons have lost their functional sense,<br />

serving instead as decorative applications”, explained Missano.<br />

PREMIÈRE VISION PARIS on page 320<br />

A SOLID BULWARK IN A CHANGING MARKET<br />

The French fair has emerged from the fall edition stronger than<br />

ever, confirming its leadership in a market distinguished by constant<br />

and rapid transformation<br />

Over the course of the years Première Vision has come to play a key<br />

role in the realm of trade fairs serving the textile and fashion sector.<br />

Its international scope is based on a unique and highly innovative<br />

conept, inspired by a series of guiding principles that have enabled<br />

it to establish itself, along with the collateral events, as a point of<br />

reference for clothing manufacturers and designers: a multi-sector<br />

selection of products that is both original and up-to-date, selected<br />

and guaranteed by the commission responsible for the selection;<br />

innovative, high-quality services specially designed to serve both<br />

exhibitors and buyers; a focus that fosters and promotes creativity<br />

as the lynchpin around which the evolution of the industry revolves;


ENGLISH TRANSLATION<br />

thorough information and in-depth analyses of the seasonal trends.<br />

The positive results of the efforts of the organizational pool of the<br />

French fair - which brings together the worlds of Première Vision<br />

Fabrics, Première Vision Leather, Première Vision Designs, Première<br />

Vision Accessories, Première Vision Yarns and Première Vision<br />

Manufacturing-Knitwear Solutions - were immediately apparent:<br />

the most recent edition, which was held at the Paris Nord-Villepinte<br />

facility from 13 to 15 September of this year, saw the participation of<br />

1,898 exhibitors (of which139 were new entries) and 56,475 buyers:<br />

very high numbers, confirming Première Vision as the leading trade<br />

fair serving the fashion sector. The fair is growing and it registered<br />

good attendance results compared with the February <strong>2016</strong> session<br />

- with increases both in the numbers of buyers (+2.7%) as well as<br />

the number of buyers, a key consideration, (+10%) - in the face of<br />

a slight drop regarding last year’s summer session (-1.3% when it<br />

comes to the exhibitors and -8.8% in terms of the buyers). Very<br />

significant results, especially if one stops to thing that they were<br />

achieved at such a critical juncture for the entire sector, menaced<br />

by the economic crisis,social tensions, acts of terrorism, less growth<br />

and, in certain cases, crises of a nature usually associated with<br />

emerging countries, factors which have contributed to the negative<br />

result registered by consumers of textile and apparel products and<br />

leather items (-0.3% in 2015). Première Vision has always had a<br />

conspicuous international scope: the foreign buyers in attendance<br />

amount to a whopping 73%, coming from more than 100 different<br />

nations. Indeed, one of the principal prides and joys of the big<br />

Parisian fair is precisely the composition of th buyers, made up of<br />

high-level professionals, industry members who are serious about<br />

their work and eager to make orders right at the fair. The ranks of<br />

the fairgoers are composed of independent designers and people<br />

working for the style offices of the large groups as well as the small<br />

and medium businesses. The range of the market in which these<br />

industry members operate is extensive, from the large wholesale<br />

operations to the luxury fashion houses, including the middle and<br />

high-end range of the market. The largest contingent of buyers is<br />

that of the French, but the list of the top ten countries represented<br />

at the fair also includes Italy, the United Kingdom and Spain (a<br />

triumvirate whose numbers have remain steady for a number of<br />

seasons), following by China, Germany, the United States, Turkey,<br />

Belgium and Japan. When it came to the exhibitors, this fair also<br />

managed to register general satisfaction, both on the part of the<br />

habitués, as well as that of those taking part in the fair for the very<br />

first time. This is what was said by the people at the helm of Rimafil,<br />

a Spanish yarn firm which made its debut in the Première Vision<br />

Yarns section: “This was our first time at the fair and it strikes us<br />

as the perfect place to make new business contacts: here one<br />

finds plenty of French, Spanish and Italian industry members,<br />

but there are also Mexicans and Americans. We presented three<br />

of our collections at the forums, areas that attracted a lot of traffic<br />

an interest, and we noticed how a lot of the buyers then went on<br />

to seek out and visit our stand after having been exposed to our<br />

products. The Chinese industry members with Suzhou Lanbeir,<br />

making their debut at the fair in the Knitwear Solutions section,<br />

also had a glowing opinion of the fair: “This is our first time to attend<br />

the fair and it has proven to be a very worthwhile experience.<br />

We had an opportunity to welcome to our stand contingents from<br />

France, England, Germany and Sweden, as well as buyers from<br />

much further afield, countries likethe United States and Canada”.<br />

THE IFM-PREMIÈRE VISION BAROMETER<br />

This new tool has come into being as a result of a synergistic relationship<br />

between Première Vision and IFM -Institut Français de la<br />

Mode-. The barometer analyses the selection of goods presented<br />

at the Parisian fair in the context of the economy of the textile and<br />

leather sectors on a worldwide scale. Launched in January of <strong>2016</strong><br />

and expected to continue for 3 years, this IFM - Première Vision<br />

initiative, this tool for measuring «the economy of the creative<br />

materials for the fashion industry», is intended as a shared center<br />

for research and transmitting knowledge regarding the economy of<br />

textiles and leathers for the fashion and clothing industries with a<br />

high degree of added value. In addition to serving as an international<br />

economic indicator of the activity of materials - fabrics and leathers<br />

- for the purpose of creative fashions, implemented by means<br />

of th IFM / Première Vision barometer, the research and reflections<br />

are based on the analysis of the business situation of the industry;<br />

regarding market changes and developments - changes in behaviors<br />

and consumption, evolutions in terms of shopping calendars; as<br />

well as the implementation of specific studies.<br />

KNITWEAR SOLUTIONS<br />

The section of the fair devoted to creative rectilinear knits brought<br />

together 33 exhibitors in the No. 6 North Pavilion, next to Première<br />

Vision Yarns (56 exhibitors), which had moved from Pavilion 5. A<br />

move intended to bring together the selection of fibers and yarns<br />

for weaving purposes with the knitting companies who are best<br />

equipped to interpret these materials, in order to offer the buyers a<br />

more legible and complete “knitwear universe”. In a parallel manner,<br />

Knitwear Solutions was strategically located near to Première<br />

Vision Manufacturing, in order to kindle synergies among the visits<br />

associated with product development and those associated with<br />

purchasing the products. The Forums of Première Vision Yarns and<br />

Knitwear Solutions, up untilnow separate, have been merged to<br />

creat a single source of fashion information and given the name of<br />

the Yarn & Knitwear Forum, from which buyers were able to obtain<br />

very worthwhile inspirations regarding the use of the fibers and<br />

yarns in the process of weaving and the process of making circular<br />

and rectilinear knits. The knit stitches were created in collaboration<br />

with the E. Miroglio yarn company and the Jean Ruiz and Ellynore<br />

knitting companies For this edition, devoted to the autumn-winter<br />

of 2017-18, Première Vision charged the talented Xavier Brisoux<br />

with the conception and creation of a collection, in keeping with<br />

the theme of Twist & Turn, visible in the center of the forum.<br />

AUTUMN-WINTER 2017/18 - TRANDS AND STYLE SIGNALS<br />

Première Vision has elaborated and presented six trends for autumnwinter<br />

2017/18. A cold season marked by creative energy, granting<br />

the designers a wide range of ideas and stimuli.<br />

Astounding Darks is the theme of theatrical dark tones that leave room<br />

for dashes of more luminous colors, like those of jellied sweets, or<br />

the nuances o ace powder. Another important aspect of this theme<br />

are the sophisticated finishes that showcase a masterful use of color.<br />

Joyful Comfort is the theme of fantasy and eccentricity. The surfaces<br />

boast irregular textured effects, printed motifs and applied accessories.<br />

A theme focused on patterns and luxurious applications,<br />

generating a mirror or metallic effect, for endless luxury.<br />

Truly Large provides a macroscopic vision of the material: bringing<br />

out the weaves and the motifs, for the most part geometric, like<br />

diagonal stripes, herringbone, the patterns with a natural inspiration<br />

and the micro-prints, as if viewed under a magnifying glass.<br />

The handmade effects, such as openwork, are also important.<br />

More than Perfect celebrates the cleanness and regularity of the<br />

weaves, the luxurious simplicity of the accessories, the rigorous<br />

geometry of the prints. Everything in this theme is orderly, with a<br />

sense of elegance and comfort, thanks to the soft, lightweight and<br />

elastic materials.<br />

New Skins represents a keen interest in the unorthodox and unusual;<br />

new textures, new surfaces and new colors for entirely new looks.<br />

Sophisticated opalescence, silken textures, metallic highlights, furry<br />

and scale-like effects: fabrics, leathers and accessories reinforce<br />

the look. Super-modern.<br />

Shine constitutes a hymn to the future and advanced technology:<br />

wet looks, colors inspired by the evanescent tones of liquid metals<br />

and cellophane effects in order to explore and expand the borders<br />

of fashion. The colors are dark, with dashes of vivacious hues, the<br />

accessories rich and shimmering.


ENGLISH TRANSLATION<br />

FIBERS & YARNS on page 342<br />

CARIAGGI - A SHIMMERING ALLIANCE<br />

Over the course of the last edition of Pitti Immagine Filati, Cariaggi<br />

previewed an interesting new product. Together with their autumnwinter<br />

collection for 2017/18 they are introducing the Chrysalis<br />

yarn, embellished with genuine Swarovski® crystals. Chrysalis is<br />

the fruit of a collaborative effort between Swarovski, the leading<br />

company in the production of high quality crystals, and Cariaggi,<br />

specializing in the production of top of the range cashmere yarns.<br />

The amazing versatility of the Swarovski® crystals and ongoing<br />

program of investment and research and development carried out<br />

by Cariaggi have led to the creation of a luxurious yarn, capable of<br />

stimulating creativity while lending itself to all sorts of applications<br />

and interpretations. Thanks to the extraordinary purity of the tiny<br />

Swarovski® crystals incorporated right into the yarn rather than<br />

just applied to the surface, Chrysalis takes on a breathtaking luster<br />

that illuminates the fine Cariaggi cashmere. Chrysalis is part of the<br />

autumn-winter 2017/18 collection and is proudly featured in the<br />

Essentia line containing the premium fibers. This remarkable new<br />

yarn is made from 15.5 micron cashmere (60%) and Mulberry silk<br />

(40%), achieving an extremely sophisticated result. Thanks to the<br />

teaseling, Chrysalis is distinguished by an especially soft texture,<br />

while the Swarovski® crystals imbue both the fibers with a delicate<br />

sheen. The worsted Chrysalis yarn is so fluffy, lightweight and brilliant<br />

that it provides the wearer with an opulent sense of lightness.<br />

For this initial season and in order to most effectively showcase<br />

the sophistication of the yarn, Chrysalis will be presented in the<br />

timeless elegance of a white tone.<br />

COMPANY PROFILE on page 344<br />

FASHION FOR BREAKFAST - COOL TOOLS<br />

A project proudly made in Italy if offering fashion and design professionals<br />

invaluable work tools as well as a dynamic, comprehensive<br />

overview of the sector<br />

Fashion For Breakfast was created in 2015 as a subscription online<br />

portal capable of providing companies working in the fashion sector<br />

with information, analysis, inspiration and vital trend updates.<br />

The necessity of keeping pace with the times and the desire to<br />

evolve inspired the founders to create a young and dynamic team,<br />

capable of giving rise to a portal that would support the efforts of<br />

designers and manufacturing companies.<br />

During the months preceding the online launching, the staff of<br />

Fashion For Breakfast kept busy working constantly on the various<br />

social platforms: Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, LinkedIn<br />

and YouTube, taking advantage of the opportunity to introduce their<br />

services to an extensive potential portfolio of customers, people<br />

with high expectations.<br />

On Fashion For Breakfast each professional finds available everything<br />

that is necessary for creating their own line of fashion products,<br />

thanks to the detailed analyses that have been conducted by the<br />

team: the portal features moodboards, suggestions, lines, graphics,<br />

analyses, fashion shows, updated information regarding emerging<br />

trends, color analyses, window photos from the fashion capitals of<br />

the world and reports on events and fairs pertaining to the sector,<br />

such as Pitti Immagine Filati, Gater Expo, Première Vision, Premium,<br />

Panorama, Milano Unica and White. Customers are also<br />

given an opportunity to commission customized services, featuring<br />

specifically targeted services based on their various wishes and<br />

requirements. Fashion For Breakfast was conceived and created<br />

for all the businesses involved in the production of fashion in the<br />

narrowest sense of the term: textile manufacturers, yarn producers,<br />

clothing manufacturers, knitting mills and style offices most<br />

fully and completely exemplify the type of target aimed at by the<br />

customers of Fashion For Breakfast. In addition, for all those who<br />

are interested there’s the possibility of trying out the portal for seven<br />

days, free and with no commitment, by means of a demo that can<br />

be downloaded directly from the site. The demo is already available<br />

and involves absolutely no obligation to purchase. The mission of<br />

the Fashion For Breakfast team is to transform the information<br />

coming in from the major fashion capitals into a product that is<br />

easy to consult and simple to use, a product that is both clear<br />

and easy to read, but at the same time technical and professional<br />

in orientation. All of this is based on and a single rule of thumb,<br />

an overarching guiding philosophy: to be able to offer constantly<br />

updated information for a competitive price. During the month of<br />

June Fashion For Breakfast participated as an exhibitor at Pitti<br />

Immagine Filati. This first experience as an exhibitor turned out<br />

be a great success and hundreds of fairgoers flocked to the desk<br />

of the Central Pavilion in order to try out the portal for themselves.<br />

In this particular scenario, brimming with promising products,<br />

Fashion For Breakfast concluded its first experience as exhibitor with<br />

excellent results, guaranteeing the participation of the company at<br />

the next edition of Pitti Immagine Filati as well, a session scheduled<br />

to take place from 25 to l27 January 2017 in the Pavilion of the<br />

Fortezza da Basso facility in Florence. The FFB team is constantly<br />

striving to stay on top of the fashion situation, doing its utmost to be<br />

updated on the latest developments in order to help the users plan<br />

their own fashion collections with as much lead time as possible.<br />

Among their future plans is the possibility of including the realm of<br />

menswear on their portal. This medium- to long-term challenge is<br />

regarded with enormous enthusiasm by the entire staff.<br />

To find out more and keep abreast of all the latest updates and new<br />

developments all you have to do is connect with the official social<br />

channels of Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter and LinkedIn.<br />

EXHIBITIONS on page 346<br />

MILANO UNICA - A SUCCESSUL NEW START<br />

The Milanese fair changes its location and moves the summer<br />

session up to July. Positive market feedback for the new beginning<br />

at Fieramilano Rho<br />

At first the new course undertaken by Milano Unica was accompanied<br />

by a slight case of the jitters on the part of the organizers.<br />

The move from the Portello facility, the traditional home of the trade<br />

fair featuring fabrics and accessories for the clothing industry, to<br />

the new Fieramilano Rho location, involved a number of rather<br />

daunting unknowns and misgivings. But these doubts were quickly<br />

dispelled by the attendance figures, perfectly in keeping with those<br />

of the previous edition, although qualitatively even more significant<br />

given the severe selection criteria applied when it came to the task<br />

of determining the “list of invitees” by S.I.TEX, the fair providing<br />

organization. No less than approximately 6,000 manufacturers were<br />

represented by the contingents that visited the various sections of<br />

the fair, with lots of industry members coming from distant foreign<br />

destinations, primarily the United States, China, Great Britain, Japan,<br />

Russia and South Korea. Since 6 to 8 September of this year<br />

the exhibition facilities of Fieramilano Rho have hosted the 23rd<br />

edition of Milano Unica, for the presentation of the autumn-winter<br />

collections for 2017/18. With the support of the Ministry of Economic<br />

Development and ICE, the fair hosted 382 exhibitors, of which 79<br />

came from Europe, to which must be added the companies of<br />

the Japanese and South Korean observatories, for a total of 442<br />

exhibitors. A number of different events were held in conjunction<br />

with Milano Unica, or involving short periods of “overlapping”: the<br />

first day of the fair coincided with the closing day of the Micam<br />

and Mipel trade fairs, while within the exhibition context of Milano<br />

Unica they also held Origin Passion and Beliefs, the fair catering


ENGLISH TRANSLATION<br />

to the suppliers of top quality, made-in-Italy products. The new<br />

arrangement concerning the fair is working out very well, given the<br />

fact that just a few days before closing their doors they received<br />

confirmation regarding the scheduling change for summer edition:<br />

beginning in 2017, Milano Unica will be held in July. A decision that<br />

was in the air and finally taken in order to respond to the numerous<br />

requests on the part of the market, especially the exhibitors.<br />

The president of Milano Unica, Ercole Botto Poala, said that “The<br />

decision to move up the date was a sort of rapid response to the<br />

changes convulsing the world we are living in. It won’t be easy for<br />

the manufacturers to show up with their collection two months earlier<br />

than the traditional date they had grown used to. Nevertheless, I<br />

urge everyone to do everything in their power to make sure that the<br />

first July session has been properly prepared for in order to offer<br />

the market the most complete collections possible”.<br />

The next edition of Milano Unica is slated to take place from 1 to<br />

3 February 2017 at the Fieramilano Rho facility.<br />

WHO’S NEXT & PREMIÈRE CLASSE - ON A SMALLER SCALE<br />

Following the excellent performance of the 2015 edition, when<br />

September rolled around again a year later the fair registered a<br />

slight drop<br />

The Who’s Next & Premiere Classe session of September <strong>2016</strong><br />

registered a drop in the number of exhibitors and buyers as well.<br />

If September 2015 saw the pavilions of the Porte de Versailles<br />

facility filled to the tune of 41,198 industry members, representing<br />

a whopping 12% increase over the July 2014 edition, just a year<br />

later the attendance numbers dropped to a disappointing 38,258,<br />

amounting to a 7% drop (-8.2% for the French buyers and -5.4%<br />

in the case of the foreign contingents). This drop, however, was<br />

in many ways anticipated due current economic and political<br />

situation which cannot help but render Paris a more problematic<br />

destination than in past years. The reduction in the numbers of<br />

foreign buyers is primarily due to the representatives of the same<br />

company: during the last two editions participation was less numerous.<br />

Once again one is witnessing high attendance numbers of the<br />

part of countries from Northern Europe, in particular the buyers<br />

from Sweden (+11%) and Denmark (up a whopping 16.9%). By<br />

contrast, however, the attendance figures from Southern Europe<br />

are declining, in particular in the case of Italy (-8.3%) and Spain<br />

(-5.7%). Buyer numbers are holding their own when it comes to<br />

Portugal and Greece made a welcome return. The fair also attracted<br />

a lot of buyers from the Americas (+7.6%), especially from the<br />

United States (+13.3%). Despite the continuation of what can only<br />

be described as a delicate situation, the Middle East is valiantly<br />

holding its own. The same can be said for Asia, with a growth of<br />

8.1 % posted by China and a positive 1.2% by Japan.<br />

The next edition of Who’s Next is slated to take place from 20 to 23<br />

January 2017, as usual at the Porte de Versailles exhibition facilities.<br />

WHITE MILANO DONNA - CONTINUING TO EXPAND<br />

Five new sections and growing numbers of buyers<br />

More than 22,000 industry members attended the latest edition of<br />

White Milano Donna, which saw the launching of five new sections.<br />

The trade show hosted fully 22,176 fairgoers (up 10% compared<br />

with the September 2015 session) with a significant share of foreign<br />

buyers (+16%), thanks to the different projects and the collaboration<br />

with ICE-Agenzia. The countries with the largest contingents<br />

were Japan, China, Northern Europe and the United States. When<br />

it comes to Italy, the numbers are holding steady due to the strong<br />

presence of the best multi-brand boutiques. The fair boasted<br />

exhibition space of more than 20,000 m 2 (+12%) distributed over<br />

the three locations (Tortona 27 Superstudio Più, Tortona 54 ex<br />

Ansaldo, Tortona 35 Hotel Nhow) and accommodated more than<br />

500 exhibitors (346 Italians and 164 foreigners, the latter category<br />

having grown by 32%), including 200 new entries. There was a lot<br />

of interest in Whiteast introducing China, the new pavilion devoted<br />

to contemporary Chinese fashion design. The partner in this project<br />

was Luisaviaroma, who selected for its own online catalogue four<br />

emerging brands. There were special areas featuring designers<br />

from Georgia, Belgium, Portugal and Argentina. A lot of excitement<br />

was generated by the Break Time project which brought to Milan<br />

four designers from Estonia, Georgia, Belgium and Kazakhstan.<br />

In order to support the most promising designers they also awarded<br />

the Inside White prize to Giorgia Fiore, a brand created in 2014 by<br />

the designer with the same name, well known for having taken part<br />

in the famous Project Runway Italia fashion show and at the latest<br />

edition of It’s Time to South. The expansion project being carried<br />

out by White does not end with the fair. Thanks to its collaboration<br />

with ICE, White exports the made in Italy abroad, by means of four<br />

events held during the fashion weeks in Shanghai (15 October),<br />

Seoul (20 October), Dubai (23 October), Berlin (17 November).<br />

The It’s Time to White road show will bring abroad a sampling of<br />

the mix of brands presented at the fair, in order to promote the<br />

Italian manufacturers active on the fashion landscape by means of<br />

special events designed to appeal to the foreign press and markets.<br />

FILO - A POSITIVE BALANCE<br />

The 46 th edition of the yarn and fiber fair closed with improved<br />

numbers<br />

The number of buyers higher than expected, organizers and exhibitors<br />

definitely pleased. The most recent edition of Filo, held at the<br />

Palazzo delle Stelline facility on 28 and 29 September of this year,<br />

clearly demonstrated the interest on the part of the buyers when<br />

it came to the collections being presented. Paolo Monfermoso, the<br />

head of the big Milanese fair, placed the emphasis on the “effort<br />

to confirm and expand the role of Filo as the leading fair for yarns<br />

and woven fabrics on the international landscape, an endeavor in<br />

which we have been supported for years by Ice-Agenzia, which in<br />

the case of this particular edition served to promote getting to the<br />

fair an important delegation of foreign buyers from Japan, France,<br />

Great Britain, Spain, Turkey, Lithuania, Portugal, the United States<br />

and Belgium”. The fair also provided an opportunity for talking<br />

with the exhibitors regarding the possibility of moving the autumn<br />

session ahead to July, in the wake of Milano Unica. When it comes<br />

to the issue of style, this edition this edition celebrated the Luxury<br />

Revolution and also hosted the Il Filo del Design conference,<br />

organized by Filo in collaboration with ICE-Agenzia and Sistema<br />

Moda Italia; the focus of the debate was the strategies for the<br />

development and internationalization of the companies, an effort<br />

based on innovating and valorizing the fashion products which<br />

have been proudly made in Italy.<br />

SUPER - ALL NEW<br />

The change of location and in terms of format was wholeheartedly<br />

embraced by attending industry members<br />

The new location and the new format of Super, now in its eighth<br />

edition, have elicited numerous positive opinions on the part of<br />

both buyers and exhibitors. More than 5,100 buyers (from almost<br />

50 countries) registered for the fair featuring women’s accessories<br />

and prêt-à-porter, organized by Pitti Immagine. The Mall at Porta<br />

Nuova, the new location, proved itself to be strategically located.<br />

The fair is smaller, but it features a very carefully vetted selection<br />

of brands (142, or 50% Italian, 50% foreign).<br />

“With the new Super we have striven to aim high”, explained<br />

Agostino Poletto, the vice-director general of Pitti Immagine. “We<br />

have raised the bar in terms of the quality and selection of the<br />

collections being shown. Special attention was devoted to the<br />

crucial issue of brand mix, a focus that emphasized the needs of<br />

the buyers and turned out to be highly appreciated, an endeavor<br />

that had the effect of actually increasing the quality of the buyers:<br />

a real win-win situation”.

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!