Views
1 year ago

Lavoro e Diritto 6 5

dHTbNFb

esponsabile dei lavori,

esponsabile dei lavori, previa contestazione scritta alle imprese e ai lavoratori autonomi interessati, le inosservanze degli obblighi dei lavoratori autonomi (art. 94 T.U.), degli obblighi inerenti le misure generali di tutela a carico del datore di lavoro (art. 95), degli obblighi previsti a capo dei datori di lavoro, dei dirigenti e dei preposti (art. 96) e degli obblighi del datore di lavoro dell'impresa affidataria (art. 97, co. 1) e alle prescrizioni contemplate nel piano di sicurezza e di coordinamento (art. 100), ove previsto, proponendo la sospensione dei lavori, l'allontanamento delle imprese o dei lavoratori autonomi dal cantiere, o la risoluzione del contratto. Nel caso in cui il committente o il responsabile dei lavori non adotti alcun provvedimento in merito alla segnalazione, senza fornire idonea motivazione, il coordinatore per l'esecuzione dà comunicazione dell'inadempienza all'Azienda sanitaria locale ed alla Direzione Provinciale del Lavoro territorialmente competenti. Sicché, dalla clausola di salvezza contenuta nel dettato dell'art. 14 cit., attenta dottrina ha intuito come il provvedimento di sospensione possa essere adottato anche a seguito di segnalazione compiute ad opera del coordinatore per l'esecuzione dei lavori 335 . Ciò detto, resta da considerare la natura dell'atto di detta segnalazione e cioè resta da considerare se questa corrisponda all'adempimento di un obbligo giuridico 336 o sia, più semplicemente l'espressione di un potere 337 . La differenza non è di poco conto, poiché se detta segnalazione venisse qualificata come obbligo normativamente imposto al coordinatore, l'eventuale inadempimento renderebbe questi passibile delle sanzioni (penali) previste dall'art. 158, co. 2, lett. a), D. Lgs. n. 81/2008 338 ; se, al contrario, la si ritenesse 335 Cfr. F. Bacchini, Cosa cambia realmente in materia di sicurezza sul lavoro...cit., 31; P. Pennesi e P. Rausei, La sospensione dell'attività imprenditoriale in M. Tiraboschi e L. Fantini (a cura di) Il Testo Unico della salute e sicurezza sul lavoro dopo il correttivo (D. Lgs. n. 106/2009)...cit, 1030. 336 Secondo P. Pennesi e P. Rausei, La sospensione dell'attività imprenditoriale in M. Tiraboschi e L. Fantini (a cura di) Il Testo Unico della salute e sicurezza sul lavoro dopo il correttivo (D. Lgs. n. 106/2009)...cit., 1030, si tratta di obbligo che incombe sul coordinatore per l'esecuzione dei lavori. 337 P. Pascucci, L'interpello, la vigilanza e la sospensione dell'attività imprenditoriale in L. Zoppoli, P. Pascucci e G. Natullo (a cura di) Le nuove regole per la salute e la sicurezza dei lavoratori...cit., 225, nell'evidenziare come in dottrina sia stato “opportunamente rilevato” che il provvedimento di sospensione può essere emesso anche su segnalazione del coordinatore per l'esecuzione dei lavori, parla testualmente di “potere di segnalazione” che “spetta anche al coordinatore per l'esecuzione dei lavori nell'ambito dei cantieri temporanei o mobili ai sensi dell'art. 92, comma 1, lett. e)”. 338 Per la violazione dell'obbligo di cui all'art. 92, co. 1, lett. e), D. Lgs. n. 81/2008, l'art. 158, co. 2, lett. a), D. Lgs. n. 81/2008, come mod. dal D. Lgs. n. 106/2009, prevede la pena dell'arresto da tre a sei mesi o la pena dell'ammenda da 2.500 a 6.400 euro. Per effetto della prescrizione obbligatoria prevista dall'art. 301, D. Lgs. n. 81/2008 (come mod. dal D. Lgs. n. 106/2009) trova applicazione solo la sanzione amministrativa pari a 1.600 euro; vedi P. Rausei, Reati e illeciti amministrativi nel nuovo T.U. Sicurezza, Parte II, Inserto di diritto & pratica del lavoro, n. 37/2009 ... cit., IV. 143 143

mera espressione di un potere in capo al coordinatore per l'esecuzione dei lavori, il mancato esercizio dello stesso non integrerebbe alcun illecito, sostanziandosi in un atto riconducibile ad una valutazione di opportunità rimessa al coordinatore stesso. Al riguardo, però, non può non compiersi una duplice considerazione: innanzitutto, il testo dell'art. 14 contiene un esplicito richiamo all'art. 92 T.U.; in secondo luogo, quest'ultima norma elenca a carico del coordinatore una serie di adempimenti che qualifica testualmente come “Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori”. Ne deriva che, in base al tenore letterale delle disposizioni richiamate, la segnalazione del coordinatore per l'esecuzione dei lavori sembra assumere il rilievo di un vero e proprio obbligo giuridico. § 5. Il terreno di elezione del provvedimento di sospensione Per effetto del correttivo del 2009 il provvedimento di sospensione può essere adottato “in relazione alla parte dell'attività imprenditoriale interessata dalle violazioni”. La disposizione, per quanto breve e coincisa, reca con sé profili rilevanti sul piano operativo ciascuno dei quali merita doverose considerazioni. § 5.1. Sotto il profilo soggettivo: l'imprenditoria, l'unica “classe” a cui guarda la sospensione? Innanzitutto, riguardo ai soggetti destinatari del provvedimento, il Legislatore del 2009 ribadisce quanto già deciso dal Legislatore del 2008: l'ordine di sospensione può essere rivolto solo ai datori di lavoro imprenditori e cioè a coloro i quali esercitano professionalmente un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi (art. 2082 c.c.). In altri termini, possono costituire oggetto del provvedimento sospensivo solo quelle attività organizzate in forma imprenditoriale ai sensi dell'art. 2082 c.c., anche se svolte, quindi, da piccoli imprenditori (art. 2083 c.c.) 339 . Ne segue la non operatività dell'istituto rispetto ai lavori domestici (artt. 2240 e ss. c.c.); alle professioni intellettuali, per l'esercizio delle quali è necessaria l'iscrizione ad appositi albi (da qui la denominazioni di professioni cosiddette “protette”, artt. 2229 e ss. c.c.) 340 ; alle onlus, cioè alle organizzazioni non lucrative 339 Ai sensi dell'art. 2083 c.c., la piccola imprenditoria è costituita dai coltivatori diretti del fondo, dagli artigiani, dai piccoli commercianti e da coloro che esercitano un'attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. 340 Secondo V. Lippolis e G. Anastasio, La sospensione dell'attività d'impresa … cit.,7, l'ordine di sospensione non trova applicazione nell'ambito delle professioni intellettuali protette solo se il professionista non si avvale (nell'esercizio della professione) di un'autonoma organizzazione di 144 144