Views
3 months ago

FuoriAsse #19

Officina della cultura

FUOR ASSE Officina della

FUOR ASSE Officina della Cultura NOMEN OMEN Disgregazione è il titolo dell’opera che Luca Pannoli ha realizzato per vestire il nuovo numero di «FuoriAsse» che andremo via via a presentare. Il lavoro di Pannoli, studiato ad hoc per «FuoriAsse», rappresenta un anziano che tenta di ricomporre la sua stessa immagine, afferrando i «frammenti che fluttuano alla deriva». Da sempre, la ricerca artistica di Luca Pannoli, unita alla sua prolifica attività di architetto, è tesa ad evidenziare i rapporti tra «realtà-finzione», «segno-messaggio» e «identità-memoria», considerati dall’artista come «emblemi della nostra contemporaneità». L’indagine sui diversi aspetti della memoria continua nella rubrica Il rovescio e il diritto, in cui la curatrice Sara Calderoni richiama le figure danzanti ai margini dell’oblio del teatro di Rosso di San Secondo. Sempre qui, Giacomo Raccis si immerge in L’ultimo viaggio, «testo più bello tra i pochi pubblicati» da Enrico Filippini, mentre Alberto Marchi propone di recuperare nella memoria letteraria novecentesca lo scrittore e giornalista Arrigo Benedetti. Nella sua Redazione Diffusa, Caterina Arcangelo intervista Amedeo Anelli, che ci racconta la sua lunga esperienza ai vertici di «Kamen’, rivista di poesia e filosofia», mostrandoci come essa sia una risorsa di notevole valore culturale e ricchezza teoretica. Successivamente, la giovane Faith Aganmwonyi chiede al maestro del fumetto Igort di illustrare il suo viaggio tra i ricordi della propria giovinezza. Ricordi che hanno contribuito alla sua formazione artistica e che si sono di conseguenza cristallizzati nelle pagine del romanzo my generation. Inoltre, l’articolo proposto da Annabela Rita riassume le molteplici problematiche affrontate dall’autrice nel saggio Luz & Sombras do Cânone Literário, un testo sulle possibilità del Canone letterario di costruirsi anche nell’intreccio con discipline e arti diverse. Sempre dall’estero giunge la voce di Antonio Nazzaro che, in Venezuela, incontra per «FuoriAsse» il poeta Santos Lopez. A chiudere Redazione Diffusa è Alessandro Gangemi, questa volta fermatosi a Ikaria. Il tema del viaggio viene ripreso nella rubrica Riflessi Metropolitani da Nicola Dal Falco con il suo racconto Storia di Veterano e di me stesso. Accanto al racconto, si inserisce il breve saggio di Andrea Ferrara, una riflessione sul futuro che, in sintonia con il senso di disgregazione a cui fa riferimento Luca Pannoli, può essere interpretato come uno stimolo per i giovani ad educare la propria memoria. Un bellissimo viaggio è quello in cui ci accompagna Nanni Delbecchi nel suo nuovo romanzo Guida al giro del mondo attraverso l’intervista condotta da Mario Greco. La visione diventa scatto fotografico nella rubrica Sguardi di Antonio Nazzaro. Questa volta a raccontarsi è la fotografa venezuelana Maryori Cabrita attraverso la sua arte di catturare pezzi di realtà dove il simbolismo e il realismo nudo e crudo si unificano in una sintesi essenziale. FUOR ASSE 8

È a cura di Katia Cirrincione la sezione dedicata alla musica, che accoglie uno scritto di Francesco Lotoro sulla «letteratura musicale concentrazionaria» e che comprende opere scritte nei campi di concentramento oltre a tutte quelle tipologie di musica create in cattività militari, civili e politiche, in detenzioni provvisorie o permanenti. Fernando Coratelli nella sua rubrica Il testo non è tutto, il teatro custodisce un altro linguaggio affronta la tematica della staticità sul palco, cioè la capacità degli attori di restare immobili, e della staticità nelle idee: vicende scritte ai nostri giorni che riflettono «io narranti egotici». Anche nella rubrica Fumetto d’autore, a cura di Mario Greco, la Memoria è sviscerata in più punti. Difatti, la sezione contiene un’intervista di Alessandro Viti su I giorni del vino e delle rose a Diego Bertelli e a Silvia Bellucci; un’intervista di Annalaura Benincasa a Marco Rizzo autore di opere come Peppino Impastato, Ilaria Alpi ecc. Il concetto di memoria sociale è affrontata anche nel pezzo di Mario Greco sul fumetto Vivere di Ugo Bertotti. Infine, un pezzo di Gabriele Alessandro Bauchiero su Chanbara, fumetto dello sceneggiatore Roberto Recchioni e del disegnatore Andrea Accardi, pregno di spettacolari combattimenti tra valorosi samurai. Nella Biblioteca essenziale di Terranullius, Pier Paolo Di Mino scrive del «piccolo e fondamentale trattato» La casa ideale di Robert Louis Stevenson di Tullio Pericoli. In Tracce di noir, Luca Ipoliti scrive di James Ellroy, del cammino del grande scrittore verso l’autodistruzione. Giovanni Canadè dopo aver rivolto la sua attenzione al film Animali notturni di Tom Ford, prosegue la sua ricerca sul cinema indipendendente italiano intervistando il calabrese Andrea Belcastro. Riccardo Rama De Tisi nella sua rubrica a mano libera si sofferma sul lavoro dell’artista, attore e strumento essenziale del processo creativo. «FuoriAsse» accoglie anche la rubrica Il principio dell’iceberg curata da Andrea Serra, con i racconti di Mattia Patamia, che nel suo Le mie orme sulla sabbia racconta come il Nord e il Sud Italia si siano abbracciati nella sua vita, e Francesca Marzia Esposito che, in Terzo Atto, scatta alcune immagini di vita quotidiana conferendole parola. La fame di lettura può essere invece saziata con i libri recensiti da Claudio Morandini nella sezione di Cooperativa Letteraria come l’ambizioso romanzo di Alessio Cuffaro, La distrazione di Dio, assieme a Dalle rovine di Luciano Funetta; tra i recensisti figura anche Andrea Serra alle prese con Angeli dalla faccia sporca di Roberto Barbolini. Andrea Ferrara intervista Marco Forni e Nicola Dal Falco per mostrare ai lettori le Cuntedes de paroles, storie di lemmi raccolti nel loro omonimo libro. Inoltre, Mauro Tomassoli nel suo Allungare lo sguardo ci descrive il romanzo di Rainald Goetz Johann Holtrop. Ascesa e declino. Cristina De Lauretis racconta le Istantanee di Robert Frank. Infine, su «FuoriAsse» si impara a scrivere con Guido Conti. Questa volta a partire da Zavattini. Buona lettura dalla redazione FUOR ASSE 9