HALLOWEEN ITALIA MAGAZINE NUMERO 1

carnivalhalloween.com

Halloween Italia Magazine, la rivista italiana per chi ama Halloween, per chi si sente un vampiro, uno zombie, una strega, una mummia. Consigli, suggerimenti, curiosità sulla festa del 31 di Ottobre che tutti credono americana ma che in realtà... leggete il numero 1. Rivista gratuita!

Vedo la gente morta... (Il Sesto Senso)

Weeeendyyyyyy... (Shining)

Hai paura?! avanti Stanley fammi

sentire il tuo terrore.. sapete siete

più saporiti quando siete pieni di

paura! (IT)

Il Saluto del Jester

E’ per me un piacere darvi il benvenuto in questo nuovo

luogo di perdizione creato per tutti i folli che, come noi,

amano la notte delle streghe, la notte oscura, la notte

nera, la notte degli zombie insomma, come la

vogliate chiamare, la notte di Halloween.

Certo, molti guardano la festa del 31 ottobre con aria di sufficienza, scrollando le

spalle, e commentando sarcasticamente “la solita americanata”. In realtà, come

scoprite nell’articolo all’interno di questo primo numero, Halloween viene

storicamente festeggiato in molte regioni italiane da molto prima che Colombo

sbarcasse sul nuovo continente sebbene a nessuno fosse mai venuto in mente di

chiamarlo con l’ormai universale abbreviazione di All Hollows Eve. La ricerca,

effettuata da documenti riscontrati in varie biblioteche italiane, ci viene da La

Stranacasa di Genova, il primo Halloween Center italiano.

Certamente, però, gli americani sanno come fare business anche con un semplice

sasso, il grande successo della notte delle streghe sta invadendo il mondo ed anche

in Italia si sta ampliando sempre più. In molte città è già una tradizione fino ad

arrivare ad alcuni paesi in cui frotte di bambini in maschera girano per le case

chiedendo Dolcetto o Scherzetto.

Abbiamo quindi deciso di creare un magazine in cui condividere con tutti coloro cui

Halloween piace, senza se e senza ma, la nostra passione. Vi renderemo partecipi

delle nostre esperienze sotto forma di consigli e suggerimenti e, naturalmente,

pubblicheremo le vostre di cui ci vorrete mettere a parte. Se avete un bar, un pub,

una discoteca, un ristorante, un qualsiasi locale, se siete organizzatori di feste solo

per i vostri amici o P.R. dalle infinite liste di distribuzione oppure se semplicemente

vi piace far parte delle creature della notte, questo è il vostro Magazine.

Faremo di tutto per farvi vivere una serata di All Hallows Eve indimenticabile.

In questo numero, oltre alla già citata ricerca sulle tradizioni italiane della notte di

Ognissanti, vi parleremo del ritorno di uno dei più inquietanti cattivi della

letteratura che ritorna sugli schermi con un remake di grande produzione: IT.

L’infernale creatura eterna del Macroverso di Stephen King, che si manifesta ai

giorni nostri come il perverso clown Pennywise, ha fatto parte dell’immaginario

horror di tre generazioni ed ora, grazie alle nuove tecnologie, promette di rovinare i

sonni anche dei ragazzi di oggi.

Il costume di Pennywise (IT) in vendita

Su carnivalhalloween.com codice RK881562

Copyright 2017, Halloween Magazine Italia. Una pubblicazione

a cura di Gnocchi Donata D.I., direttore responsabile Marco

Marchionni. Sebbene ogni sforzo venga effettuato per

assicurarsi della qualità e veridicità di quanto pubblicato, il

pubblicante non si assume responsabilita’ su errori od

ommissioni. Contributi di terzi non riflettono necessariamente

il pensiero del pubblicante. Le pubblicita’ sono a titolo

esclusivamente gratuito e la loro ammissibilita’ è a giudizio

esclusivo del direttore senza alcuna giustificazione.

Vedremo poi le differenze tra le varie dentiere e vi spiegheremo come far restare su

i canini finti da vampiro e vi spiegheremo anche perché quelli che avete acquistato

cadono sempre lasciandovi con tristi dentature irregolari che ricordano più un

patetico lontano parente degli Addams che un succhiasangue pipistrello.

Nella rubrica Locali ad Halloween, incontriamo Luca e Pam, i titolari del Risto Pub La

Baita di Tagliolo Monferrato la cui serata Halloween è ormai un must per tutte le

streghe ed i maghi della zona delle colline dei vini

Per questa volta è tutto. Se il nostro lavoro vi piace, fatecelo sapere e scriveteci

sulla nostra pagina Facebook. Trovate il link in copertina di chiusura.

Buona notte ed incubi neri!

Jester

In copertina: costume Jolly Killer in vendita su carnivalhalloween.com codice MRCC00928 3


Halloween e’ davvero una festa americana?

La solita festa straniera importata in Italia?

Anche tu credi che Halloween sia: “la solita festa straniera importata da qualche anno in Italia”?

Ognissanti

La festa di Ognissanti fu istituita da Papa Bonifacio IV addirittura nell’anno 610 d.c. e fissata per il 13 maggio a ricordo dei

martiri. Nell’anno 835, per sovrapporla al paganesimo delle tradizioni contadine che esorcizzavano l’arrivo dell’inverno,

rappresentato con maschere di spiriti, con feste, danze e giochi, Papa Gregorio III la spostò al primo novembre.

Successivamente, sempre per tale ragione, anche la festa cattolica di commemorazione dei defunti venne collocata al 2

novembre.

Molte comunità cristiane, infatti, cominciavano a celebrare la giornata di preghiera per tutte le anime dei defunti nello

stesso giorno dell'antica festa di arrivo dell’inverno.

I toni cupi, la paura della morte e dell'aldilà per nulla presenti nella festa originaria, vennero enfatizzati dalla simbologia e

dalle gestualità proprie del cristianesimo. Come tutte le feste religiose con il passare dei secoli anche questa si fuse

gradualmente con le antiche abitudini popolari che ancora oggi si tramandano in molte regioni italiane dal nord al sud. Dalla

fusione si instaurò infatti la credenza che in quei giorni i defunti potessero tornare recandosi in visita dai parenti ancora in

vita.

Altro che America: Halloween in Sardegna

Altro che America: Halloween in Piemonte

In Piemonte, per cena si usava apparecchiare un posto in piu' a tavola, per i

defunti che sarebbero giunti in visita. In Val d'Ossola, dopo la cena, le famiglie

si recavano al cimitero per lasciare le case vuote in modo che i morti potessero

recarvisi a ristorarsi in pace. Prima del ritorno, si suonavano le campane

per dar modo ai defunti di ritirarsi senza fastidio.

Altro che America: Halloween in Puglia

In alcune aree rurali della Puglia, la sera precedente il due

novembre, si usa ancora imbandire la tavola per la cena, con

tutti gli accessori, pane acqua e vino, apposta per i morti, che

si crede tornino a visitare i parenti, approfittanto del

banchetto e fermandosi almeno sino a natale o alla befana.

Ad Orsara in particolare, la festa viene da sempre chiamata

Fuuc acost e coinvolge tutto il paese. Si decorano le zucche

chiamate Cocce priatorje, si accendono falo' di rami di

ginestre agli incroci e nelle piazze e si cucina sulle loro braci;

anche qui comunque gli avanzi vengono riservati ai morti,

lasciandoli disposti agli angoli delle strade.

Altro che America: Halloween in Lombardia

A Bormio in Lombardia invece, la notte del 2 novembre si

era soliti mettere sul davanzale una zucca riempita di vino.

Sempre in Lombardia si preparano le oss de mort, dolci di

pasta, mandorle e cannella, cotti al forno ed a forma di

osso.

Altro che America: Halloween in Liguria

In Liguria, infine, ad Arenzano, da tempo immemore nelle

campagne si festeggia l’arrivo dell’inverno con feste,

danze e falò come buon auspicio per una stagione mite.

In alcune zone della Sardegna, dopo la visita al

cimitero e la messa, le famiglie si riunivano per cena

ma senza sparecchiare la tavola al termine del pasto

per consentire agli eventuali defunti di visitare la casa

durante la notte e trovare del cibo. Addirittura, prima

della cena, proprio per questa tradizione i bambini

bussavano alle porte del paese, dicendo: "Morti,

morti!" e ricevendo in cambio frutta secca e dolci.

Altro che America: Halloween in Sicilia

In Sicilia c'e' l'usanza di preparare doni e dolci per i bambini, ai

quali viene detto che sono regali portati dai parenti trapassati. I

genitori infatti raccontano ai figli che se durante l'anno sono stati

buoni e hanno recitato le preghiere per le anime dei defunti, i

"morti" porteranno loro dei doni. Si preparano le “mani”, un pane

ad anello modellato a forma di unico braccio che unisce due mani,

e il pane dei morti, un pane a forma di uomo che si suppone fosse

un'offerta alimentare alle anime dei parenti trapassati.

Altro che America: Halloween in Emilia Romagna

In Emilia Romagna nei tempi passati, i poveri

andavano di casa in casa a chiedere "la carita' di

murt", ricevendo cibo dagli abitanti.

Altro che America: Halloween in Veneto

In Veneto da sempre si fanno le “lumere” svuotando, guarda un

po’, le zucche, dipingendole e trasformandole in lanterne

inserendovi una candela all'interno a rappresentare l'idea cristiana

della resurrezione. Ancora zucche decorate in Abruzzo in cui i

ragazzi di paese andavano a bussare di casa in casa domandando

offerte per le anime dei defunti (di solito dolci e frutta secca).

Copyright La Stranacasa® 2017 – riproduzione vietata

5


Denti finti canini da Vampiro, dentiere ed affini

Sul mercato si trovano ormai centinaia, se non migliaia, di modelli di denti finti da mostro, lupo mannaro e, soprattutto, da vampiro.Il

problema che si pone a tutti gli appassionati dei veri nobili succhiasangue o di chi vuole trasformare la propria smagliante dentatura

colgate in un orribile insieme casuale di zanne mostruose è sempre lo stesso: come far restare su i denti finti?

Diverse modalita’, un solo problema

Ciascun produttore di denti e dentiere finte ha pensato la propria miglior soluzione per rispondere alla domanda ma, al di la’ di essa,

bisogna prima pensare a come e soprattutto perché un dente finto si applica e resta in posizione. La colla, in senso lato, è un composto

adesivo che serve per unire permanentemente due superfici. Il solo fatto che si pensi ad unire “permanentemente” dovrebbe far

riflettere su come non sia molto saggio pensare ad un sistema che attacchi per sempre un pezzo di plastica al vostro dente. Questa è la

ragione per cui le cosiddette colle da dentiera finta non sono veramente una colla perché il vostro problema non è solo che il dente

resti al suo posto per la durata della festa ma anche che, alla fine, si stacchi e se ne torni nella sua confezione senza richiedere

l’intervento del dentista.

Mettere insieme le due necessità non è affatto semplice anche perché solitamente i denti finti che servono per la maggior parte dei

mostri o dei personaggi Halloween sono quelli dell’arcata superiore quindi c’è pure il problema della forza di gravità che tende di suo a

farli cadere. Il vostro stesso dentista ha lo stesso problema solo che se deve mettervi un dente finto o lo ancora a quelli ai lati con un

impianto o lo fissa al vostro osso con i perni.

Fino ad oggi ci sono tre diverse soluzioni. L’incastro di una formina, in lattice o PVC o materiale morbido, il collante bicomponente ed il

calco in resina.

L’incastro

Le dentiere ad incastro si basano sullo stesso principio del paradenti da boxeur. Sono dentiere

preformate in materiale morbido, solitamente PVC o, meno frequentemente, lattice e riproducono gran

parte della parte anteriore dell’arcata dentale, gengive incluse. Si incastrano sopra alla vostra

dentatura, meglio se preventivamente scaldate in acqua calda in modo da rendere il materiale

malleabile, e restano in posizione grazie all’attrito che avviene tra l’interno delle vostre labbra, la vostra

dentatura e le vostre gengive. Si possono adattare un poco ritagliandone le parte terminali perché

vengono realizzate più lunghe per potersi adattare alla maggior parte delle dentature. Purtroppo

queste dentiere finte sono sì efficaci dal punto di vista estetico ma la loro tenuta è precaria. Dipende

dalla regolarità della vostra arcata dentale e dal fatto che essa combaci al meglio con quella finta.

Il mastice

Anche se comunemente lo si definisce “colla per denti finti” in realtà il mastice per dentiere non

è propriamente una colla nel senso che non incolla la dentiera ai vostri denti. Naturalmente, se

lo facesse, vi rovinerebbe la dentatura. Il mastice per dentiere realizza un cuscinetto adesivo tra

la dentiera finta ed i vostri denti naturali. Il vantaggio è che con il mastice riuscite a riempire le

differenze tra i vostri denti e la base di quelli finti e colmare eventuali irregolarita’. Lo svantaggio

è che il mastice non asciuga completamente mai nel senso che resta comunque sempre

abbastanza morbido quindi sensibile agli urti della lingua e al naturale movimento delle labbra.

Tale sensibilità diventa ancora più marcata nel caso usiate il mastice con i denti canini da

vampiro singoli perché, vista la superficie ridotta di contatto tra il vostro dente e quello finto, la

possibilità di spostarlo e farlo cadere aumenta. D’altro canto il mastice è meno invasivo e

Dentiera a incastro in vendita su

carnivalhalloween.com cod.

PL9326l

Mastice “Colla per dentiere” su

carnivalhalloween.com cod. SM20920

consente di levare la dentiera o i denti, magari per mangiare, aggiungere nuovo mastice e riposizionare. Se il mastice è bicomponente,

ricordatevi di seguire con estrema attenzione le sue istruzioni. Se viene richiesto di mescolare tutta la quantità disponibile, non

cambiate le quantità a vostro giudizio. Il bicomponente ottiene una reazione tra i due componenti, appunto, che aumenta il potere

adesivante per cui, riducendo le quantità, rischiate di perdere l’adesivo.

Il calco

Se dovete indossare canini da vampiro o zanne singole, sicuramente il sistema migliore

anche se più costoso è il calco in resina. Utilizzando una resina plastica che può essere a

reazione chimica, bicomponente, oppure termica creerete un vero e proprio calco del

vostro dente naturale all’interno del dente finto. In questo modo il canino finto resterà in

posizione grazie alla doppia azione dell’attrito e dell’effetto vuoto che si forma tra il dente

vero e quello in plastica. Il vantaggio è innegabile: se seguite con scrupolo le istruzioni, i

Resina termoplastica per calco in vendita su

vostri canini non cadranno ma potrete tranquillamente indossarli, rimuoverli velocemente

carnivalhalloween.com cod. MRFM68871

e poi reindossarli a incastro

Seguite i video su come si usa la resina per il calco nel nostro canale youtube carnivalhalloweenYT.


Locali Italiani ad Halloween: il Risto Pub La Baita

Incontriamo Luca e Pam, i titolari del Ristopub La Baita di Tagliolo Monferrato, in una serata tranquilla di inizio settimana, per farci

raccontare come Halloween nel loro locale sia diventato così famoso.

La Baita è un pub birreria che ha fatto dell’organizzazione di eventi e feste a tema il suo tratto distintivo tanto da diventare ormai un

punto di riferimento per tutta l’area che sarà si’ famosa per i suoi straordinari vini ma anche per le serate di divertimento e mille

ricette di birra del locale.

H.I.M.: Come vi è venuto in mente di organizzare il vostro primo Halloween a La Baita?

Luca: forse perché in certe giornate di tardo Ottobre la nebbiolina del Monferrato ricorda un po’ quella di Salem. O forse perché alla

Baita facciamo di ogni occasione di festa un’attrazione (Luca si ferma e resta un po’ pensieroso): no, credo che sia per quel buon

grado di follìa che ci contraddistingue (Pam, sua moglie, annuisce convinta). Ci è sembrata da subito un’occasione per divertirsi con

un tema gradito alla clientela, facile da realizzare e, soprattutto, produttivo nel tempo.

H.I.M.: In che senso?

L: Puoi cominciare con poco, aumentando di anno in anno l’allestimento salvaguardando quello dell’anno prima.

Con un po’ di fantasia, e Pam ne ha tantissima, le stesse cose si riutilizzano in posizioni o modi diversi e in poco

tempo l’allestimento diventa impressionante per la clientela e davvero puoi essere un’attrazione.

Pam: Dopo il primo esperimento, ormai per noi Halloween è un evento fisso su cui abbiamo deciso di investire e

dal punto di vista professionale ha molti vantaggi. E’ sempre lo stesso giorno dell’anno, il che consente di

pianificare bene la serata, ha un filo conduttore costante nel tempo e commercialmente si mette proprio a metà

tra le ferie estive e quelle natalizie. E’ un’occasione per divertirsi in un periodo dell’anno abbastanza morto. Anzi,

visto l’argomento, decisamente morto. E risorto!

H.I.M.: Raccontateci un po’ la vostra esperienza

P: Potrei raccontare che studiamo un argomento da sviluppare e progettiamo. In realtà è un colpo che ci

viene naturale durante l’anno. Ci svegliamo con qualche stupidaggine in testa, cominciamo a riderci su, lo

raccontiamo agli altri (in totale siamo in cinque, tutti molto motivati sull’argomento) e poi su questo

organizziamo. Per esempio l’ultimo a tema La Famiglia Addams ci ha fatto morire dal ridere pensando a

rasare Luca totalmente e fargli fare lo Zio Fester di cui, diciamolo pure, ha un po’ il fisico. Soprattutto la

pancia.

H.I.M.: Be’, con tutte le birre strane e buone e gli eccellenti piatti che proponete, e possiamo confermarlo

personalmente per averli provati in questo incontro, temo che mantenere la linea sia un po’ un problema.

L: eeehhh, purtroppo sì. Naturalmente poi creiamo le ambientazioni. Partiamo con le ragnatele, che danno

subito al locale l’atmosfera. Poi appendiamo i vari mostri che incrementiamo di anno in anno. Poi ci sono un

po’ di segreti su allestimenti che ci costruiamo e realizziamo da noi così pian piano diventa sempre più

grande.

H.I.M. E per i vostri clienti come fate?

L: abbiamo una convenzione con carnivalhalloween.com grazie alla quale i nostri clienti possono ordinare sfruttando il vastissimo

catalogo online del primo Halloween Center italiano e ricevere la consegna in 24 ore in tempo per la festa senza nemmeno muoversi

dalla poltrona. Tanto si potranno rifare ballando da noi fino a notte fonda.

H.I.M.: Voi siete poi anche famosi, oltre che per le vostre serate, per i vostri video spassosissimi.

L: Anche quella è diventata una bella abitudine. Abbiamo un po’ l’animo degli attori comici ed Halloween si presta ai nostri sketch. Pensi

che i clienti ci fermano per strada per chiederci “allora quando esce il prossimo video?”

H.I.M.: non ne dubito. Sono divertentissimi. Per i nostri clienti indichiamo il link a quello della Famiglia Addams ma basta che cerchino il

vostro canale youtube Ristopub La Baita per divertirsi davvero di gusto.

L: Grazie!

H.I.M.: Grazie a voi! E per il vostro prossimo Halloween?

P: Eh, no! Quello è ancora un segreto. Ma posso dire che stiamo già ridendo adesso.

PER VEDERE IL VIDEO DI HALLOWEEN A LA BAITA: https://www.youtube.com/watch?v=_lleBPHCMLE

La Baita Ristopub, Tagliolo Monferrato Località Bessiche, 66, 15070 Tagliolo Monferrato (AL). Tel: 0143 841693

9


Il personaggio Halloween 2017: Il ritorno di

Pennywise

IT, il mutaforma che rappresenta tutte le nostre ancestrali paure, ha

trascinato nello spavento e nell'horror quasi tre generazioni nella sua

rappresentazione iconica di uno dei personaggi più amati dai bambini, il

pagliaccio.

Stephen King, insuperato maestro dell'horror, ha sempre puntato su figure

rassicuranti del nostro subconscio da usare come grimaldello per scatenare

le nostre peggiori paure.

Proprio questo rude contrasto tra immagini nate per divertire e

rasserenare e la violenza da esse scatenate è il segreto di molti suoi

romanzi.

Certamente il pagliaccio, il clown che fa ridere i bambini con i suoi

scherzetti, quando si rivela un assassino dai poteri apparentemente infiniti,

libera tutte le nostre insicurezze e ciascuno di noi si ritrova in almeno uno dei protagonisti del Club dei Perdenti, la compagnia di

ragazzini della cittadina di Derry, nel Maine, che dovranno affrontare insieme le loro peggiori paure.

IT racconta quindi sì la storia di un mutaforma, ma ormai nell'immaginario

collettivo quando se ne parla, si pensa immediatamente alla sua

raffigurazione come Pennywise, l'inquietante pagliaccio con gli artigli e le

fauci affamate di bambini.

Nella versione originale fu interpretato magistralmente dal grande Tim

Curry, indimenticabile anche nel suo ruolo di Frank n' Further, il

Trans...sylvano protagonista del Rocky Horror Picture Show, altro film cult

con decine di personaggi buoni per Halloween.

Ma a Settembre 2017 esce un totale remake della versione originale che

segue il libro del Maestro dell'Horror esattamente come venne fatto nel

1997. Sebbene realizzato con le tecniche cinematografiche più moderne,

basti confrontare la pioggia finta della prima versione (si vede

chiaramente che è una giornata di sole pieno e che l'acqua arriva da idranti) con quella dell'ultimo, è un vero e proprio reboot quello

diretto da Andrés Muschietti, che mantiene il plot originale e segue

fedelmente le ambientazioni del romanzo.

Abbandonato il costume colorato di Tim Curry, Pennywise diventa questa

volta un clown bianco, etereo, quasi uno spettro. Una via di mezzo tra il

pagliaccio killer ed un fantasma.

Interpretato da Bill Skarsgard basa la sua forza espressiva sul contrasto

bianco sporco da spettro e rosso vivo sangue. Il makeup infatti crea uno

spaventoso sorriso sardonico sul volto di Skarsgard sposandosi col cremisi

dell'onnipresente palloncino gonfiato ad elio ma che non decolla mai

restando sempre ad altezza uomo che fa capire ai ragazzini del Club dei

Perdenti che le nostre paure infantili, in realtà, non ci lasceranno mai.

Proprio seguendo i fondamenti di Stephen King, per una presenza

Halloween ispirata a Pennywise, non è per forza necessario vestirsi di tutto

punto dalla testa ai piedi.

Anzi.

E' proprio l'alternanza di normalità ed horror che può rendere il vostro

personale Clown Killer ad Halloween un vero essere spaventoso. Per

esempio anche una sola mano guantata con gli artigli e metà viso truccato

lasciando l'altra metà naturale.

Il semplice naso da Clown ma con la dentiera a zanne appuntite. Un abito

elegante ma con parrucca, guanti e trucco horror. Insomma: se volete

addormentarvi serenamente pensando a come vestirvi ad Halloween,

concentratevi su Pennywise. Magari riuscite anche a svegliarvi.


Grandi Eventi Halloween

Halloween Celebration, Borgo a Mozzano (LU)

Uno dei più grandi festival Halloween nazionali.

Tre giorni di spettacoli, intrattenimento, musica,

convegni, partecipazione.

Info: halloweencelebration.it

Monsterland, Milano

50 DJs, 7 Stages, fino a 18.000 partecipanti in costume,

allestimenti incredibili in un’ambientazione tra il

fantascientifico e l’horror. Uno dei più grandi eventi

europei Halloween

Info: monsterland.it

Organizzi un evento Halloween e vuoi

pubblicizzarlo? Segnalalo sulla nostra pagina

facebook

Halloween Italia Magazine

More magazines by this user