GV 2018 BREVE ALTA

sixeleven

2


INDICE

STORIA pag. 2

FORMAT E PUNTI DI FORZA IN BREVE pag. 4-5

Organizzazione

Filosofia

Programmazione

Target

Politica dei prezzi e welfare

Venue

Ospitalità

Sicurezza

Network di produzione territoriale e indotto

Sostenibilità ambientale, culturale e turistica

Partnership

Comunicazione

NUMERI DELLA 12a EDIZIONE DEL GRUVILLAGE pag. 6-7

Affluenza e artisti 2017

Biglietteria 2017

Partner 2017

LOCATION E ACCOGLIENZA pag. 8-19

Arena e Allestimenti

Dotazioni tecniche

Lounge VIP

Green

Backstage

COMUNICAZIONE COORDINATA pag. 20-21

Arte e immagine del Festival

Visibilità

PIANO DI COMUNICAZIONE GRUVILLAGE 2017 pag. 22-37

Brand Domination Le Gru

Comunicazione esterna: digital, ufficio stampa, foto e video, media

partner e press adv, affissioni comunali e arredo urbano, mezzi pubblici,

adv nei locali e negozi, video, volantini, partner

EVENTI E FESTE pag. 38-39

MAPPA DELL'ARENA pag. 40

1


STORIA

Il GruVillage nasce nel 2006 come punto verde per chi nel mese di agosto rimaneva a Torino, con serate animate da

DJ e ospiti, per ballare e chiacchierare con gli amici. A partire dal 2007 cambia format introducendo un cartellone

di concerti e spettacoli. Negli anni il GruVillage si è poi concentrato sempre più sulla musica live diventando uno dei

festival di punta nel panorama estivo del nord ovest. Dal 2007 a oggi si sono susseguiti artisti per tutti i gusti:

INTERNAZIONALI: Simple Minds, Cyndi Lauper, Alvaro Soler, Anastacia, Skunk Anansie, Dream Theater, SEAL,

Steve Lukather, LP, Orquesta Buena Vista Social Club feat. Omara Portuondo, Bastille, The Flaming Lips, Alan

Parson Project, Morcheeba, Clean Bandit, Sananda Maitreya (Terence Trent D’Arby), Yann Tiersen, G3 feat.

Joe Satriani, Steve Vai e The Aristocrats, The SugarHill Gang, Asaf Avidan, The Original Wailers, Jack Savoretti,

dEUS, Steven Wilson, Ian Anderson, 2Cellos, Alborosie & Shengen Clan, Steve Hackett, Parov Stelar Band, Ok Go,

The Crimson Project, Jess Glynne, Peter Hook performing Joy Division, Joan As Police Woman, Jestofunk feat. Cece

Rogers, Richard Bona e Raul Midón.

JAZZ: George Benson, Al Jarreau, Pat Metheny feat. Antonio Sanchez, Gwilym Simcock e Linda Oh, Toots

Thielemans, Joe Zawinul, Chick Corea e Bela Fleck, Incognito, Esperanza Spalding, Take 6, Joe Sample feat. Randy

Crawford, Mike Stern e Dave Weckl, Ivan Lins, Michel Camilo, Tomatito, The Manhattan Transfer, Eliane Elias, Gino

Vannelli, Bireli Lagrene, John Mc Laughlin, Yellowjackets, Tower of Power, Tribal Tech, Terri Lyne Carrington feat.

Dianne Reeves, Spyro Gyra, Enrico Pieranunzi feat. Sylvain Luc, The Start Point feat. Marcelo Sutera, Nicola Peruch,

Eric Marienthal e Dennis Chambers, Tullio De Piscopo, Gigi Cifarelli, Torino Jazz Orchestra.

ITALIANI: Litfiba, Elio e Le Storie Tese, J-Ax, Fedez, Franco Battiato e Alice + Ensemble Symphony Orchestra, Mario

Biondi, Caparezza, Fabri Fibra, Fabio Concato, Mannarino, Benji & Fede, Pino Daniele, Marracash, Francesco Renga,

Raphael Gualazzi, Rocco Hunt, I Ministri, Nek, Giusy Ferreri, Luca Carboni, Francesco Gabbani, Verdena, Fiorella

Mannoia, Niccolò Fabi, Planet Funk, Francesco De Gregori, Salmo, Teatro Degli Orrori, Raf, Samuele Bersani, Malika

Ayane, Enrico Ruggeri, Nomadi, Noemi, Alex Britti, Nino D’Angelo, Emma, Sud Sound System, Antonio Amato

Ensemble, Anna Tatangelo, Eiffel 65, Clementino, EmisKilla, Ensi, Gemitaiz, Madman, Raige, Entics, Onemic, Kiave,

Rankore, Djmyke, Ghemon, Lefty, Tormento, Double S, Mastafive, Pula, A.T.P.C, Le Vibrazioni, Lost, Valerio Scanu,

Alessandro Casillo, Annalisa, Sonohra, Melody Fall, Velvet, Finley, Marco Carta, Giovanni Caccamo, The Leading Guy,

The Sweet Life Society, DJ Mena, Oregon Trees, Boom Boom Vibrations, Foxhound, Nymphea Mate, Jack Jaselli,

Calibro 35, Steela, LN Ripley, N.A.M.B, Luca Morino, Mao, Bobo Boggio, Matteo Negrin, Federico Sirianni, Mario

Congiu, TreLilu, Cristina D’Avena e Gem Boy, Kelly Joyce, Loretta Grace.

COMICI: Checco Zalone, Ale&Franz, Giorgio Panariello, Maurizio Crozza, Sabina Guzzanti, Ficarra e Picone,

Giuseppe Giacobazzi, Dario Vergassola, Perroni e Pintus, Sergio Sgrilli, Giovanni Cacioppo, Enrico Bertolino,

Mr.Forest, Giovanni Vernia, Paolo Migone, Geppi Cucciari, Raul Cremona, Antonio Cornacchione, Pino Campagna,

Claudio Batta, Biagio Izzo, Claudio Lauretta, Pino Campagna, Paolo Cevoli, Duilio Pizzocchi, Pucci, Massimo

Bagnato, Pablo e Pedro, Max Pisu, Pali&Dispari, Mammuth, Diego Parassole, Fichi d’India, Ennio Marchetto, Baz,

Franco Neri.

ALTRO: Queen at The Opera (musical), Sunshine Gospel Choir, Simone Campa & la Paranza del Geco, Cirko Vertigo,

Discomania vs Discoinferno, Rocky Horror Live.

2


3


FORMAT E

PUNTI DI FORZA

DEL FESTIVAL

Il GruVillage continua la sua crescita:

negli ultimi due anni

ha incrementato l’investimento

per le scelte artistiche,

la comunicazione e i costi di

produzione. Attualmente il valore

complessivo della manifestazione

supera i 2 milioni di euro.

Il GruVillage è un festival “anomalo”

nel panorama nazionale

per diversi motivi. Il format prevede

un cartellone di 12-16 eventi

spalmati nell’arco di quasi due mesi,

fra metà giugno e fine luglio.

É ospitato in un’Arena all’aperto molto

particolare, con tanto di piscina:

uno spazio pensato appositamente

per mitigare il caldo e lo stress cittadino

estivo e dare la sensazione di essere

in vacanza pur rimanendo a Torino.

Il GruVillage in ogni sua sfumatura,

è pensato per il suo pubblico

e per dare un servizio al territorio.

ORGANIZZAZIONE

Il GruVillage è il risultato di un’operazione che si

fonda esclusivamente su risorse private. Il festival

è organizzato, prodotto e finanziato dal Consorzio

Esercenti di Le Gru, che investe nella manifestazione

una parte consistente del proprio budget, secondo

una linea di sviluppo basata sul concetto di “smart

investment”, investimento intelligente, che dà

impulso alle attività del Centro offrendo cultura,

intrattenimento e servizi a sostegno del territorio.

Il Centro può essere visto come un potente mezzo

per veicolare contenuti e proporre tematiche che

arricchiscano i visitatori visto il suo enorme bacino di

utenza. Si punta quindi su contenuti positivi (cultura,

solidarietà, green, famiglia, etc) in maniera creativa e si

investe su una manifestazione culturale che promuova

e dia una ricaduta positiva al territorio: in termini di

offerta di intrattenimento di alta qualità e ospitalità a

bassi prezzi per il pubblico, in termini di inserimento

nel calendario cittadino di una manifestazione che

richiami grande pubblico e animi l’estate piemontese,

in termini di indotto grazie a una rete di fornitori e

collaborazioni locali e in termini di volano economico

generato dal pubblico che viene da fuori città.

FILOSOFIA

Alla base c’é una filosofia che porta a trasformare

il mall in un’area polifunzionale: non solo shopping,

ma un laboratorio di progetti sociali, culturali e

d’intrattenimento. Un luogo d’incontro e divertimento,

per regalare un’esperienza sempre nuova e costruttiva.

Lo spazio verde di 6.000 mq che si trova all’esterno

del Centro ha mostrato fin da subito le potenzialità

per diventare la location perfetta per ospitare l’arena

di un grande festival.

PROGRAMMAZIONE

Una programmazione di grande qualità, eclettica e

trasversale -la più varia e lunga nell’estate piemontesecon

il meglio degli artisti italiani e internazionali in

circolazione, che oltre alla musica, abbraccia anche

arte, intrattenimento e cultura.

A pag 6: dettagli della programmazione 2017 come esempio.

TARGET

Il cartellone offre proposte capaci di soddisfare gli

sfaccettati gusti musicali di un pubblico sempre più

trasversale. L’obiettivo è presentare un ventaglio

di artisti per i target più vari, compresi i generi più

di nicchia (jazz, indie, etc) in modo da dare a tutti

l’opportunità di ascoltare la musica preferita.

La maggior parte del pubblico proviene da Torino e

provincia; il 18% dagli altri capoluoghi piemontesi

(+5% rispetto al 2016). L’introduzione nel cartellone di

artisti stranieri sempre più importanti e di date uniche

in Italia o nel nord ovest ha permesso di richiamare

il restante 19% del pubblico (+7% rispetto al 2016) da

altre regioni, da 89 province italiane, in particolare

Milano (2.93%) e altre province della Lombardia (4.25%),

Valle d’Aosta, Liguria, Emilia, con picchi in città come

Roma e Firenze, e un 1.64% dall’estero.

POLITICA DEI PREZZI E WELFARE

I concerti vengono offerti a prezzi molto accessibili

e calmierati rispetto alla media, per permettere a un

pubblico più vasto di accedere al Festival e magari di

vedere più di un concerto. La politica di accoglienza

del GruVillage ha inoltre reso disponibili diverse

agevolazioni sull’acquisto dei biglietti grazie a una serie

di convenzioni territoriali, oltre 300 biglietti omaggio

per contest e 1170 inviti sulle Lounge VIP. La stessa

filosofia viene applicata ai servizi di food & beverage:

i cocktail bar e la paninoteca all’interno dell’Arena

applicano prezzi molto bassi.

4


VENUE

L’Arena è costruita in uno splendido spazio verde

di circa 6.000mq. Gli allestimenti e le dotazioni

tecniche, non usuali per un festival musicale, sono

studiati nei minimi dettagli dal punto di vista

di bellezza, comfort, risultati e sicurezza

sia per il pubblico sia per gli artisti.

Dettagli e foto su location, accoglienza, allestimenti,

dotazioni tecniche, etc: pag. 8-19.

OSPITALITÁ

Il GruVillage non propone un semplice concerto,

ma un’esperienza a 360° grazie al suo salotto a cielo

aperto, alla gamma e qualità dei servizi (parcheggi,

food & beverage, free Wi-Fi, aree VIP, convenzioni

territoriali, etc) e all’accoglienza curata nei minimi

dettagli (personale, hostess, pulizie, sicurezza, etc).

SICUREZZA

Il GruVillage ha 4 ingressi che garantiscono un’entrata

fluida del pubblico ed evitano code nonostante

i puntuali controlli di sicurezza.

Un’importante squadra di steward si occupa della

sicurezza e dell’accoglienza in tutta l’area del Festival

(dai parcheggi ai varchi di entrata con metaldetector

e all’interno dell’Arena) garantendo il massimo della

discrezione e dell’efficienza. L’Arena è presidiata inoltre

da personale addetto al primo soccorso sanitario

avanzato (con autoambulanza e BLSD)

e all’antincendio. I piani di sicurezza del GruVillage

adottati durante gli eventi vengono gestiti grazie

alla collaborazione fra lo staff del Centro, quello del

Festival e le forze dell’ordine territoriali.

NETWORK DI PRODUZIONE

TERRITORIALE E INDOTTO

Il Festival ha sviluppato una rete di collaborazioni e

forniture volutamente locali, di alto profilo e qualità,

a sostegno dell’indotto locale.

Sono 28 le aziende e più di 100 i servizi territoriali

coinvolti: dai service agli allestimenti, palchi, tecnici

audio, video e luci, sicurezza, ristorazione, accoglienza,

biglietteria e fornitori di vario tipo, che prestano

le circa 180 persone che lavorano in ognuna delle sere

di spettacolo.

Un ulteriore volano economico è quello dell’indotto

indiretto generato dal pubblico, che si calcola in circa

1 milione di euro: la ricaduta del GruVillage

sul territorio appare positiva perché capace di attirare

un ampio pubblico proveniente anche da fuori Torino.

SOSTENIBILITÁ AMBIENTALE,

CULTURALE E TURISTICA

Il Festival ha un occhio di riguardo per

le parthership green e ambientali da un lato,

e per il sostegno culturale e turistico del territorio

dall’altro: chi viene al GruVillage ha a disposizione una

serie di ulteriori servizi o facilitazioni legati

alla mobilità sostenibile, alla cultura e alle visite

cittadine e pacchetti turistici creati ad hoc.

PARTNERSHIP

Il GruVillage stringe non solo collaborazioni territoriali

di alto livello, ma lavora anche con grandi player

nazionali.

I brand che investono nel Festival credono nel

progetto a diversi livelli e lo sostengono attraverso

i loro mezzi. Il Festival infatti non stringe partnership

con il semplice intento di “fare cassa”, ma di arricchire

il progetto grazie allo scambio di competenze,

visibilità, beni e/o servizi che migliorino l’accoglienza.

A pag. 7: dettagli dei partner 2017 come esempio.

COMUNICAZIONE

Ogni anno il GruVillage dà incarico a un artista diverso

di creare in esclusiva un’immagine che diventi

il fil rouge di tutta la comunicazione coordinata della

stagione, dando così un tocco di creatività e novità a

ogni edizione.

Il Festival ha un potente piano di comunicazione,

molto ben strutturato, che copre attraverso mezzi

di diversa natura tutto il territorio cittadino e la cintura

torinese in maniera radicale e il Piemonte e il resto

d’Italia con azioni mirate.

Ogni supporto e formato ha grafica e contenuti diversi,

creati ad hoc, in base al mezzo e alla sua funzione

e localizzazione.

Inoltre il GruVillage ha un ufficio stampa dedicato che

lavora tutto l’anno; ha due fotografi e video-giornalisti

e una crew video che producono ulteriori materiali di

comunicazione durante il Festival.

Dettagli del piano di comunicazione 2017 come esempio:

pag. 20-37.

5


I NUMERI DELLA 12 a EDIZIONE DEL GRUVILLAGE (19 giugno – 29 luglio)

AFFLUENZA E ARTISTI 2017

13 concerti con il meglio della musica italiana e internazionale

e 1 closing party per festeggiare un’altra grande stagione:

oltre 42.500 spettatori –una media di 3.000 a data- che

confermano il gradimento e l’affluenza del pubblico rispetto

alle passate edizioni (43.000 nel 2016 con 14 concerti).

Il Festival ha inaugurato il 19 giugno “con il botto”, grazie al

sold-out (5.000 persone) della prima tappa italiana del

6

tour di J-AX e FEDEZ (il rapper ha scelto per la terza volta il

GruVillage, visto che, come ama ricordare ai fan, gli ha portato

fortuna con il primo “tutto esaurito” della sua carriera).

Grande successo di pubblico con almeno 4.000 spettatori

per i seguenti concerti: i primi due classificati nel 2017 a

Sanremo FRANCESCO GABBANI e FIORELLA MANNOIA, la

star, giudice internazionale di X Factor ALVARO SOLER (che

ha inaugurato il suo tour italiano al GruVillage), e l’artista

americana rivelazione dell’anno LP.

Ottimo il successo anche per gli artisti che sono arrivati fino

a 3.500 persone: gli idoli delle teenager BENJI E FEDE

e il sex symbol NEK. Il GruVillage quest’anno ha inserito

una finestra sulle sonorità aggiornate agli ultimi trend

d’oltremanica, che oltre a importanti affluenze di pubblico

hanno portato al Festival incredibili risultati anche dal punto

di vista dell’immagine e della visibilità sui media nazionali:

BASTILLE (una delle esibizioni più energiche del 2017 guidati

da Dan Smith che ha attraversato più volte l’Arena durante

il concerto, cantando in mezzo ai fan), JESS

GLYNNE (unica data in Italia) e CLEAN BANDIT

(unica data nel nord Italia), ai quali si aggiunge

l’autentica sorpresa del Festival, l’austriaco

PAROV STELAR (una delle 2 date del tour

italiano) che ha trasformato l’Arena in una grande

dance hall all’aperto con uno show degno dei più

importanti festival internazionali.

Il GruVillage in formazione seduta ha riempito

quasi tutta la platea con l’imponente show

QUEEN AT THE OPERA e con l’elevata qualità

del concerto delle due icone del jazz CHICK

COREA e BELA FLECK (una delle 2 date del tour

italiano). Il Festival è terminato con il GruVillage

free Closing Party ispirato alla Taranta e alla

tradizione popolare salentina. Festa bagnata,

festa fortunata: nonostante la pioggia oltre 2.500

persone hanno ballato dalle 6 di pomeriggio fino a

notte inoltrata sulle note di Antonio Amato, voce

storica della Notte della Taranta accompagnato

dal suo Ensemble, preceduto da Simone Campa e

la Paranza del Geco.

A chiudere la galleria degli artisti passati

per il GruVillage 2017 non si può non citare

PIXELPANCHO: considerato uno dei più grandi

interpreti della street art internazionale, l’artista

torinese ha lasciato il suo inconfondibile segno sul

Festival con l’opera “Mademoiselle Le Gru”, leading

image di tutta la comunicazione e con l’Art Video

di presentazione della line up 2017.


BIGLIETTERIA 2017

Per il secondo anno è stato

confermato il partner tecnico

TicketOne come unico circuito

di vendita del GruVillage.

Per quanto riguarda le

prevendite, il 64% degli

acquisti dei biglietti è avvenuto

nei punti vendita “fisici” su tutto

il territorio italiano, e il 36%

dalle vendite online (che sono

cresciute rispetto al 2016).

Per quanto riguarda i p.v. fisici:

la maggior parte dei biglietti

è stata venduta a Torino e

Provincia il 65% (fra questi,

11.100 circa presso la biglietteria

nella Piazza Nord di Le Gru).

Seguono quasi il 17% di

biglietti acquistati nella

Regione (soprattutto nelle

provincie di Cuneo, Asti, Vercelli,

Alessandria, Novara, Biella).

Il restante 18% da fuori dal

Piemonte: annoveriamo 89

provincie italiane, in particolare

Milano (2.93%) e altre province

della Lombardia (4.25%), Valle

d’Aosta, Liguria, Emilia, con

picchi in città come Roma e

Firenze, e un 1.64% dall’estero.

Oltre alle prevendite nei punti

vendita fisici sopra descritte

e a quelle online (che sono più

difficilmente tracciabili dal

punto di vista della provenienza

geografica), si aggiungono quelle

del botteghino del Festival, la

sera stessa dei concerti (che in

media incrementano le vendite

di un ulteriore 10%).

In basso: il viale di accesso dal cancello D e l’arco di ingresso A accanto alle Lounge VIP con loghi e grafiche dei Partner, LP che beve una birra Beck’s durante il concerto.

PARTNER 2017

Nel 2017 il GruVillage è cresciuto anche dal punto di vista delle

partnership con: il main partner Ford Authos Smart Lab (aperto a Le

Gru ad aprile 2017), i media partner La Stampa e Radio Montecarlo, gli

official partner Bacardi Martini e Caffè Vergnano, i partner Beck’s, acqua

Valmora, Coca Cola, Carrefour, Coin, QC Terme e Assicurazioni Generali

che hanno scelto il GruVillage per premiare clienti e collaboratori con la

possibilità di seguire il Festival dalle Lounge VIP. I partner della mobilità

sostenibile: car2go (che ha aperto parcheggi dedicati a Le Gru ad aprile

2017), GTT e il consorzio dei Taxi. I partner legati a turismo, cultura e

sport: Turismo Torino e Provincia, la Fondazione Torino Musei, il Museo

Ettore Fico, Booking Piemonte, le librerie Feltrinelli e i villaggi fitness

Virgin Active. I communication partner: Newspettacolo, The Front Row,

Diario di Torino, SugoNews. E infine i partner tecnici: TicketOne, Sixcomm

Group (Wi-Fi), Telecontrol, Res Nova, Italambiente, Acla, Electroclima,

EdilService e Rear.

7


LOCATION E ACCOGLIENZA

Punto di forza del GruVillage si conferma l’attenzione riservata alla location, all’accoglienza -sia per il pubblico sia per le produzioni- e ai servizi.

8

ARENA E ALLESTIMENTI

Lo spazio e gli allestimenti sono studiati

al meglio per il benessere del pubblico.

L’Arena può ospitare fino a 5.000 persone

nei concerti in piedi e 1.500 nei concerti

con poltrona numerata. La platea si

affaccia su un palco di 250mq: il punto più

lontano dal palco è a circa 35 metri

di distanza e l’impianto audio è di altissimo

profilo, questo permette di vedere e

ascoltare al meglio il concerto ovunque

all’interno dell’Arena; inoltre ai 2 lati e sul

fondale del palco ci sono 3 ledwall che

mostrano i dettagli dei live in diretta.

All’interno dell’Arena sono presenti

2 cocktail bar e una paninoteca con

tavolini per mangiare (da non dimenticare i

bar, fast food e ristoranti dentro al Centro),

e un servizio di free Wi-Fi per tutti.

Il GruVillage offre inoltre 8 eleganti

terrazze Lounge per gli ospiti VIP.

Il GruVillage ha 4 accessi (cancelli A, B, C, D

ai 4 lati) e 5 casse per facilitare

i flussi, evitare code e far sì che il pubblico

si distribuisca in maniera omogenea

all’interno dell’Arena. Il pubblico può

usufruire di 4.700 parcheggi gratuiti

accanto ai varchi di entrata, oppure di una

serie di soluzioni per raggiungere il Festival

legate alla mobilità sostenibile.

Vengono stampati circa 3.200 mq di

grafiche per arredare l’Arena e vestire

gli allestimenti: ogni grafica è studiata in

base al supporto e al contenuto, al fine di

essere elegante e rendere la venue il più

accogliente e bella possibile.


Nella pagina accanto: l’Arena con formazione in piedi e seduta. In questa pagina dall’alto: la biglietteria, uno dei due cocktail bar e paninoteca all’interno dell’Arena, vista del pubblico sul prato in attesa di un concerto, viale esterno fra

biglietteria e cancello D su via Crea.

9


In questa pagina dall’alto: i controlli del personale di sicurezza in uno dei quattro ingressi del Festival (cancello C), vista dall’esterno dell’ingresso A con il personale di sicurezza, il palco durante un allestimento, regia palco. Nella pagina

accanto dall’alto: vista della regia di sala dall’esterno e dall’interno, Dan Smith dei Bastille canta sull’arco dell’ingresso A, palco e ledwall di sinistra.

10


DOTAZIONI TECNICHE

Il GruVillage ha una macchina di produzione

con personale super rodato e accurato,

disponibile a soddisfare qualsiasi richiesta

degli artisti. Offre le migliori dotazioni

tecniche del settore per quanto riguarda

palco, mixer, audio, luci.

Tutta l’Arena e il backstage sono coperti da

Wi-Fi. Il palco ha una superficie di 20x12m e

ai lati ha 2 baie 7x2.50m per la regia palco.

Vengono utilizzati impianti audio d&b,

regie di palco e sala Midas, un light plot

molto ricco, utile per soddisfare qualsiasi

esigenza di produzione, con 136 luci

montate su palco di cui 90 motorizzate, e

100mq di ledwall passo 3.9 suddivisi

fra palco (10x5) e ai due lati (6x4 a sinistra

e 6x4 a destra). La struttura della regia,

posizionata al fondo dell’Arena di fronte al

palco, è su due livelli per gestire al meglio le

crew e il lavoro di tecnici audio, luci e video.

La regia video trasmette in diretta sui 3

ledwall il concerto (3 telecamere a spalla

e 4 action cam).

11


LOUNGE VIP

L’Arena ospita 8 Lounge VIP: degli

spazi speciali dedicati agli ospiti in cui

chiacchierare, brindare, mangiare qualcosa

e godersi gli spettacoli del Festival da una

posizione privilegiata, rialzata e riparata.

Ogni Lounge è un comodo salotto arredato

con gusto con divani, poltrone, tavolini,

fiori, candele profumate e ha a diposizione

un frigorifero con soft drink, birre,

spumante, il necessario per prepararsi

deliziosi cocktail, una macchina del caffè,

stuzzichini e macedonie. Ogni ospite ha

inoltre la possibilità di accedere a un posto

riservato nel parcheggio VIP accanto

all’Arena.

12


Dettagli delle Lounge VIP.

13


In alto: esempi di alcuni pass per accedere alle Lounge VIP e ai posti auto riservati. In entrambe le pagine: dettagli delle Lounge VIP.

14

GREEN

Il GruVillage è 6.000 mq di accogliente

spazio verde, un grande prato digradante

curato e decorato con piante: siepi

e oleandri e 238 metri di vite vergine

canadese. Il viale principale d’accesso e

parte del backstage sono mantenuti in

ombra da grandi alberi. L’arredamento

delle 8 Lounge VIP è arricchito da piante

grasse e vasetti di fiori e da 32 grandi vasi

di surfinie; le lounge sono separate, per

mantenere la privacy degli ospiti da siepi e

piante di gelsomino. Il backstage, oltre agli

alberi, ha 30 fioriere con arbusti e piante di

grosse dimensioni e vasi di fiori sparsi per

rendere i salotti e gli spazi più accoglienti.


15


BACKSTAGE

Importantissimo per il Festival è lo spazio

dedicato alla privacy e al comfort degli

artisti e dei management. Il super

organizzato backstage del GruVillage è

immerso nel verde ed è suddiviso in 5 aree:

nell’area più appartata, sotto gli alberi, c’è lo

spazio dedicato agli artisti -adiacente alla

zona cambusa e lavanderia- con 3 blocchi

di camerini, zona relax e gioco, una serie

di salotti e zone food con 5 colonne frigo

suddivise per tipo di bevanda, zona buvette

per tè, caffè, frullati e centrifugati. La

seconda area del backstage ospita i blocchi

uffici dedicati ai management e alle

produzioni degli artisti; un’ulteriore area è

dedicata agli uffici della produzione e della

crew video/comunicazione del Festival,

con salotti per le interviste e il relax dello

staff. Ovviamente tutti i camerini e gli uffici

sono dotati di connessioni internet, bagni

con docce e frigoriferi e sono arredati

al meglio per rilassarsi e lavorare. Fiore

all’occhiello del backstage è l’area che

ospita una piscina 12x6 con solarium e

tanto di cabine. Rimane l’area dedicata a

magazzini, officina e personale tecnico.

Accanto all’Arena ci sono i parcheggi

riservati per le produzioni per macchine,

tour bus e mezzi tecnici.

Il Festival ha uno staff di 4 persone

dedicate in esclusiva al backstage.

Per l’edizione 2018 del GruVillage è

previsto un ulteriore ampliamento del

backstage.

16

In questa pagina: uno dei salotti.

Nella pagina accanto dall’alto: i salotti dedicati alle

interviste dei Media Partner, un’area relax sotto gli alberi

dietro al palco, la parte di backstage dedicata agli artisti

con camerini e zone relax.


17


18


Nella pagina accanto dall’alto: i tre uffici dedicati a management e produzioni di fronte alle cabine della piscina, la scalinata del palco che si affaccia sui salotti dei Media Partner e gli uffici di produzione del Festival, dettagli vari, zona

bouvette e foto di alcuni artisti che giocano e si rilassano in piscina. In questa pagina vista della piscina riservata al backstage.

19


COMUNICAZIONE COORDINATA

ARTE E IMMAGINE

DEL FESTIVAL

Il GruVillage sceglie l’arte contemporanea

come veicolo per comunicare il Festival

e rinnova ogni anno la sua immagine

affidando a un diverso artista visuale

il compito di creare in esclusiva per la

manifestazione un dipinto che diventi

il fil rouge di tutta la grafica (sia di

comunicazione sia di allestimento

dell’Arena).

L’intento è di essere sempre più

creativi e al passo con i grandi festival

internazionali.

Nel 2017 il lavoro è stato affidato a

PixelPancho, “l’artista venerato come

una rockstar nel mondo della street

art” (cit. Rolling Stone): che ha creato

“Mademoiselle Le Gru”, diventata

la leading image della comunicazione.

PixelPancho ha inoltre prodotto,

in collaborazione con il talentuoso

regista Marco Testa, un Art-Movie,

utilizzato come video teaser

per lanciare il GruVillage, che racconta

in 2 minuti la line-up attraverso

gli occhi e le atmosfere robotiche

dell’artista.

“Mademoiselle Le Gru”

acquerello su serigrafia

stampata a mano da Sericraft.

La donna robot in abiti ottocenteschi,

marchio di fabbrica di PixelPancho,

stringe al petto una gru, immersa in un enorme

bouquet di piante e fiori, simboli

della location verde che ospita il festival,

un tempo luogo di sosta per le migrazioni

stagionali, ora crocevia di musica e idee.

20


GruVillage festival 2017 • The Art Movie • official presentation video

Featuring PixelPancho & rs03 (robot snodabile 03)

Marco Testa regia, montaggio, musiche originali

Giulio Milone camera e Giulia Mola aiuto regia

Il GruVillage, viene raccontato in 45 secondi attraverso gli occhi e le atmosfere androidee di PixelPancho

e di rs03 - robot snodabile 03. Il video, diretto dal regista e musicista Marco Testa, si nutre delle atmosfere

post industriali che PixelPancho riproduce nelle sue opere e presenta la line up del Festival: i nomi degli artisti

che si esibiscono sul palco del GruVillage compaiono su vari oggetti metallici e non, nell’officina in cui l’artista

costruisce il robot, come se fossero ingredienti di un’antica pozione magica o elementi fondamentali di un

progetto in costruzione. Il video richiama l’immaginario gotico dei film di Tim Burton e delle illustrazioni di

Edward Gorey, portando lo spettatore in un’atmosfera steampunk onirica ma tangibile, fantastica ma reale.

Si rappresenta così l’anima più vera del GruVillage: nell’arena del festival il suono intangibile si trasforma

in emozione pura, diventando colore e memoria. L’esperienza di un concerto regala così alla nostra vita la

consistenza di una favola, un po’ reale e un po’ immaginaria.

Scansiona il QR Code

per vedere il video

VISIBILITÁ

Il GruVillage ha un piano di comunicazione

che copre attraverso mezzi di diversa

natura tutto il territorio cittadino e la

cintura torinese in maniera radicale,

e il Piemonte e il resto d’Italia con azioni

mirate. Ogni supporto e formato ha una

grafica e una comunicazione creata ad hoc

in base al mezzo e alla sua

funzione/localizzazione.

Dalla comunicazione interna a Le Gru

(13 milioni di passaggi l’anno),

ai mezzi pubblici con comunicazioni

dinamiche interne e esterne

che si muovono dal centro città alla

periferia, dalle affissioni che coprono tutte

le arterie principali della città,

ai maxiposter retroilluminati nelle zone

pedonali del centro.

Comunicazione nei locali notturni, bar,

ristoranti e negozi in diversi quartieri

della città, in punti d’incontro culturali e

turistici in tutta la regione,

impianti sportivi e università,

con locandine, porta flyer dedicati

e distribuzione capillare di flyer.

Volantinaggi mirati durante eventi

e manifestazioni in target.

Adv, campagne su media, web e social e

comunicazione one to one attraverso

una fitta rete di collaborazioni

e partnership locali e nazionali.

Tutta la comunicazione del Festival è

sostenuta dal lavoro di un ufficio stampa

dedicato.

Inoltre ogni anno vengono studiate

nuove soluzioni creative nell’ambito

comunicativo.

21


PIANO DI COMUNICAZIONE DEL GRUVILLAGE 2017

Segue il dettaglio del piano di comunicazione 2017, che attraverso una galleria di foto e grafiche mostra le soluzioni, i mezzi e i formati scelti per dare

visibilità ai diversi contenuti del Festival, compresi i loghi dei partner.

BRAND DOMINATION LE GRU

Il Centro Commerciale più grande in Piemonte

è uno dei più estesi in Italia con 13 milioni di

passaggi l’anno e una media di 35.000 giornalieri

(con picchi di 65/70.000 di sabato, domenica

o festività).

• 10 Manifesti 1x1.4m nella Galleria

• 40 Totem 0,70x2m bifacciali nella Galleria

• 3 Banner verticali 1.5x7m in Piazza Nord

e 3 in Piazza Sud

• Porta Flyer nei corridoi delle toilette nei punti

nevralgici del Centro

• Flyer nei 180 negozi (dettaglio a pag. 35)

• Locandine A4 nelle 3 toilette

• Messaggi audio nella Galleria

• Slide su schermi dei 10 digi-totem bifacciali

in Galleria

• Box Informazioni / biglietteria ufficiale del

GruVillage: vendita biglietti, 3 schermi TV +

Flyer + 2 Totem + Locandine A4

• 2 Ledwall verticali interni (1x7m) nella

Piazza Centrale

• 1 Ledwall orizzontale esterno (1x8m)

nel Piazzale Nord

• Adesivi 87x72cm sui vetri di Entrata Nord (x10),

Entrata Sud A (x8), Entrata Sud B (x10 + 2 vetri

92x178cm), due Entrate (x16) allo Stacco al

PrimoPiano (verso l’Arena del GruVillage)

• 4 banner (2,34x2,39 m) sulle strutture che

sovrastano i portali d’Ingresso Nord e Sud

22


Nella pagina accanto: i banner verticali in Piazza Nord. In questa pagina dall’alto: i due ledwall nella Piazza Centrale, digitotem, totem, manifesti, vetrofanie e banner sulle strutture degli ingressi Sud e Nord.

23


DIGITAL

A fine gennaio 2017 è stato lanciato il nuovo

sito con responsive web design

www.gruvillage.com: fra febbraio e

luglio sono state oltre 70.000 le visite di

utenti unici e 300.000 le visualizzazioni.

I visitatori sono per la maggior parte

provenienti dall’Italia: il 45% dalla città

di Torino, il 23% da Milano e il 32% dal

resto dell’Italia. Si attestano a un 10% i

visitatori provenienti dall’estero. Il 60%

dei visitatori ha un’età compresa tra i 18 e i

34 anni, mentre le pagine più visitate sono

quelle relative agli artisti che si sono esibiti

al Festival, in prima battuta J-Ax e Fedez,

seguiti da Francesco Gabbani e Alvaro

Soler.

Il canale FB.com/GruVillageFestival

oggi sfiora i 29.700 fan, e a luglio, periodo

clou del Festival, ha raggiunto una media

quotidiana di 117.768 persone con una

interazione a post di 141.248. I video relativi

agli artisti che si sono esibiti al Festival

hanno collezionato 46.561 visualizzazioni.

Straordinario il coinvolgimento del

pubblico anche attraverso gli altri canali

social del GruVillage (Twitter, Instagram,

Youtube, Spotify, G+) e attraverso gli

stessi account degli artisti che hanno

dato vita a un sistema di comunicazione

sinergico, coinvolgente e ricco di spunti.

Su Instagram, GruVillage ha collezionato

oltre 5000 citazioni, senza contare le

stories postate durante i concerti. Inoltre

è stato forte in termine di visibilità anche il

supporto dato da tutti i partner da maggio

fino alla fine del Festival attraverso i loro

canali social.

Il GruVillage si avvale anche dei mezzi web

di Le Gru: il sito www.legru.it e il profilo

facebook (75.000 a settembre 17).

24

In questa pagina: i siti web e profili social del GruVillage e di Le Gru.


In questa pagina: i post Instagram e Twitter di alcuni artisti che parlano del Festival.

25


UFFICIO STAMPA

L’ufficio stampa del GruVillage lavora

tutto l’anno: lancio di artisti e news

nei mesi che precedono il festival (1

comunicato per ogni lancio + recall,

lavoro PR, organizzazione interviste);

organizzazione della conferenza stampa

di presentazione del Festival (maggio)con

creazione di cartella stampa ad hoc; lavoro

quotidiano di lancio pre-festival e durante

il Festival con azioni mirate per ogni data:

comunicati stampa settimanali di recap,

organizzazione di interviste agli artisti

e invio materiali; gestione giornalisti,

interviste, fotografi, video maker durante

la manifestazione; comunicati e up-date

con i bilanci di fine Festival.

Risultati: anche l’edizione 2017 del Festival

ha registrato una rassegna stampa

importante e notevole, sia a livello locale

sia nazionale, con oltre 2.000 segnalazioni,

in crescita rispetto alle edizioni passate.

Sono state 20 le interviste realizzate

dai principali quotidiani locali e nazionali,

moltissime le interviste radio agli artisti

che si sono esibiti al Festival, numerosi

i passaggi sulle TV locali e nazionali.

Numerose anche le gallery apparse in

home page sui principali siti di settore e

dei due media partner La Stampa e Radio

Montecarlo. Il Festival ha contato 260

giornalisti e fotogiornalisti accreditati.

26

In queste pagine: invito e foto della Conferenza Stampa

di presentazione del GruVillage 2017; alcuni articoli dei

principali quotidiani e una cover story su una rivista.


COVER

timidezza: “Quella ce l’avevo da bambino mesi è passato dall’anonimato alla presenza al

quando passavo il tempo a piangere attaccato a Festival di Sanremo come ospite d’onore e al

mia madre. Con il tempo ho imparato a duetto con Jennifer Lopez. “Una super artista e

osservare le persone e cercare di capirle per una super donna che vive completamente in

quello che sono davvero. Adesso mi bastano un’altra dimensione rispetto a me – ha

pochi secondi per inquadrare chi mi sta di dichiarato una volta - Io parlavo di prezzi di

fronte”.

affitti e lei pensava che mi fossi dimenticato

Non male per un 26enne che fino a tre anni fa qualche zero nella cifra…”.

pensava di fare il progettista d’auto mentre Alvaro Soler ha scoperto in Italia anche

studiava design industriale: “Avevo una band in un’affinità con la nostra musica

cui si esibiva anche mio fratello, abbiamo contemporanea che lo ha portato già ad alcune

preso parte alla versione spagnola del talent collaborazioni importanti, come con Emma

show Tú sí que vales, dove ci siamo messi in Marrone per la versione italiana di “Libre”:

luce. Ma prima ho finito l'università e una “Lei è molto solare e con una grande umanità,

settimana dopo ho firmato per la Sony come ha energia e passione e siamo buoni amici.

autore di canzoni: sono ingegnere dentro, Solo amici”. L’altro duetto importante è stato

l’animo da rockstar o di artista bohemienne un percorso inverso, la versione in lingua

non mi appartiene. Infatti mi sono dato due spagnola del successo di Max Gazzé “La vita

anni di tempo dal mio arrivo in Germania per com’è”. In futuro si è vociferato molto di un

combinare qualcosa di buono, altrimenti avrei possibile duetto con l’ex collega del tavolo dei

provato ad usare la laurea per trovare un giudici di X Factor Fedez. “Ma sarebbe

lavoro”. La storia racconta, invece, che in 24 scontato. Mi piacerebbe molto fare qualcosa

FOTO e VIDEO

Il Festival ha 2 fotografi ufficiali e video

giornalisti, Daniele Solavaggione e Alberto

Giachino che seguono tutte le giornate di

concerto (backstage, interviste, concerto,

pubblico, etc) e producono materiali in

tempo reale da postare sul sito e social

del festival e dei parter e da inviare a

stampa, tv e radio.

Dal 2017 si è aggiunta alla squadra del

festival una crew di video maker diretti dal

regista Marco Testa (che ha diretto l’Art

Movie di lancio del GruVillage2017) che ha

seguito nei dettagli il Festival e lavorano

per produrre l’aftermovie e dei video

emozionali da utilizzare per la promozione

dell’edizione 2018 del Festival.

54 | 06 . 2017 | Shop in the City

Scansiona

il QR Code

per vedere

il video

#GruVillage2017 Aftermovie

Il video emozionale che racconta la 12ª edizione del Festival.

Marco Testa: regia, montaggio, musiche originali.

Giulio Milone, Massimiliano Mosca, Marco Testa: camera.

Giulia Mola: aiuto regia, fonico.

27


MEDIA PARTNER e PRESS ADV

La Stampa

media partner ufficiale:

ADV: 2 pag su La Stampa ed.Torino (5/7 e

12/7), 1 pag (13/6) e 1 mezza pag (27/6)

su Torino Sette + 15 giorni skin su

lastampa.it (dal 5/6 e 26/6).

Ottima copertura redazionale del Festival

su La Stampa, Torino Sette e

www.lastampa.it.

Interviste a tutti gli artisti nel salotto del

backstage: video inseriti su

www.lastampa.it in home page sul

nazionale e sul locale; ripresa delle pagine

sui social del quotidiano.

Trattamento VIP per 10 lettori a ogni

evento (parcheggio VIP, biglietto per il

concerto e aperitivo offerti dal Festival).

28


In queste pagine partendo da sinistra in alto: uscite pubblicitarie, foto del contenuto dei VIP Kit per i lettori de La Stampa, Tweet di Torino Sette e fotografie delle interviste agli artisti nel salotto La Stampa nel backstage del GruVillage.

29


Radio MonteCarlo

media partner ufficiale:

ADV: campagne spot on air a giugno e

luglio + 2 campagne web a giugno e luglio.

Approfondimenti redazionali all’interno

delle trasmissioni e contest.

Interviste ad alcuni artisti nel salotto del

backstage: audio in onda on air + video e

foto gallery inserite sul sito e sui social.

La voce di RMC Chiara Papanicolau ha

presentato alcuni concerti sul palco.

In questa pagina: visibilità sul sito RMC, foto del CD di RMC regalato agli ospiti delle Lounge VIP, foto delle interviste agli artisti e di Chiara Papanicolau mentre presenta il Festival.

30


Altri communication

partner:

• Torino Cronaca: 1 piede il 26/6

(in collab. con GTT)

• Metro News: 5 mezze pagine il 12/6,

19/6, 3/7, 10/7, 17/7 (in collab. con GTT)

• Torino Magazine: 1 pag ADV + 4 pag

articolo su numero giugno - luglio

• Newspettacolo: 1 pagina adv alla

settimana da aprile a fine luglio +

competition su newspettacolo.it

per vincere i biglietti

• TheFrontRow.com: spazi pubblicitari

+ contenuti sul festival

• DiariodiTorino.it: spazi pubblicitari

+ contenuti sul Festival

• Radio Italia Uno (radio Fantastica,

Manila, Party Groove, Torino e

Nichelino): contest + contenuti sul Festival

31


AFFISSIONI COMUNALI

2 campagne da 840 manifesti 140x200:

220 dal 15/5, 260 dal 17/5, 360 dal 22/5

220 dal 12/6, 260 dal 15/6, 360 dal 22/6

ARREDO URBANO

15 MUPI 120x180 retroilluminati

su circuito culturale

in aree pedonali del centro città

dal 15/5 al 28/5

dal 12/6 al 25/6

dal 10/7 al 23/7

32


MEZZI PUBBLICI GTT

• 10 twin (380x80) + 10 quadrotti (345x312) su 10 tram

modello 5.000 e 6.000 dal 20/5 al 21/7

• 10 moduli 120x180 sui 10 bus dal 20/5 al 21/7

• 5 maxiretro (267x238) di 5 bus dal 20/5 al 21/7

• 1500 locandine A4 su 1500 bus e tram per 3 mesi

• 50 locandine A4 negli uffici e punti vendita per 3 mesi

• Slide video sui TV sopra ai bus per 3 mesi

• Video su 40 monitor in tutte le stazioni della Metropolitana per 3 mesi

• Spot audio su GTT Radio (Metropolitana) per 3 mesi

• Sito, social e newsletter GTT

33


ADV NEI LOCALI E NEGOZI

• Toilet ADV: 90 locandine A4 nelle

toilette di 85 locali a Torino dal 12/6

per 2 settimane

• ADV SugoNews numero di

maggio/giugno (tovagliette in 300 locali

di torino e provincia – 30.000 copie)

1 ADV su una tovaglietta

+ 1 articolo su un’altra

• 300 display di cartone FreeCards con

9.000 flyer nei negozi del centro città

dal 29/5

VIDEO

Il video di lancio del Festival (con i loghi degli sponsor) è

stato trasmesso:

• 40 TV in tutte le stazioni della metropolitana

• Al multisala Massaua Cityplex prima di ogni proiezione

• TV all’interno delle 6 concessionarie Ford Authos

• Monitor sulle macchine dei 3 villaggi fitness Virgin Active

• Pareti di 200 TV all’interno di Carrefour Le Gru

• Sui 3 TV al Box Info Le Gru/biglietteria ufficiale

• Sito, social di Festival e media partner

Vedere dettaglio a pag. 20

34


VOLANTINI

Stampa e distribuzione a Torino e provincia di 137.000 flyer

con il programma e i dettagli dell’evento:

• 25.000 nei 180 punti vendita di Le Gru + 2 Box Info

• 10.000 nel circuito Sugo (300 locali di Torino e Provincia)

• 20.000 nel circuito FreeCards (240 locali e punti di incontro)

4 refill: 15/5, 29/5, 12/6, 26/6

• 16.000 nel circuito FreeCards Musicale (location legate alla musica)

2 refill: 29/5 e 19/6

• 9.000 nei display di cartone FreeCards (300 negozi) dal 29/5

• 800 in uffici e punti GTT + 3 tram ristorante

• 10.000 in 11 uffici e punti turistici a Torino e in Provincia

• Uffici InformaCittà

• 5000 nelle concessionarie Ford Authos

• 15000 nei bar Caffè Vergnano

• 5 Feltrinelli di Torino

• 3 Virgin Active di Torino

• Multisala Massaua Cityplex

• Uffici Fondazione Torino Musei, GAM (Galleria arte moderna),

MAO (Museo arte orientale), Palazzo Madama, Borgo Medievale

• Museo Ettore Fico

• Macchine car2go e sui Taxi Torino

• Sedi e punti contatto con il pubblico dei partner e sponsor

• Eventi cittadini, sedi culturali, sportive e di intrattenimento

35


PARTNER

• TicketOne: in home ticketone.it (30mln page views; 4.5mln visitatori unici) 3 settimane di hero slider a rotazione,

4 di poster sulle categorie, 8 di poster nella sezione concerti; 4 invii NL nazionale (2mln contatti) e

1 invio NLlocale; post sui profili social (800K FB, 150K twitter); 1 campagna Google adwords

• Turismo Torino: locandine personalizzate A4 in uffici e punti turistici + sito e social + NL agli albergatori

• Fondazione Musei: locandine nei 4 musei + siti e social 4 musei (GAM, MAO, Palazzo Madama, Borgo Medievale)

• Museo Ettore Fico: locandine nel museo

• 5 Feltrinelli: locandine personalizzate A4 nelle librerie + sito + NL e social

• 3 Virgin Active a Torino: video sulle macchine con TV, DEM, social, manifesti nelle palestre di Torino

• car2go: avvisi tramite APP, NL agli utenti di Torino , social e sito da maggio a luglio

• Caffè Vergnano: sito, social

• Multisala Massaua Cityplex: video prima degli spettacoli + manifesti 100x140cm

• 6 concessionarie Ford Authos: avvisi tramite sms, NL, social e sito + video e locandine

• Carrefour Le Gru: sito, social, manifesti 100x140cm, video sui TV

• Coin: sito, social

• Comunicazione attraverso sito e social di partner: Valmora, Beck’s, Bacardi Martini, ARCA

(associazione nazionale ricreativa culturale sportiva) etc.

36


37


EVENTI E FESTE

38


MAPPA DELL'ARENA

40


41


GruVillage Festival

Arena Esterna Le Gru

Via Crea 10 • Grugliasco (TO)

+39 011 7709665 • info@gruvillage.com

www.gruvillage.com

Edizione di settembre 2017

More magazines by this user
Similar magazines