30.10.2017 Views

i 100 personaggi dell'odonomastica di Brindisi che attraversano tutta la storia della città

Lo stradario di Brindisi conta più di mille, tra vie, piazze, vicoli, larghi, parchi, etc. Ebbene di quelle più di mille intitolazioni, poco più di cento sono dedicate a personaggi illustri di Brindisi: personaggi nati a Brindisi, o che a Brindisi hanno vissuto e operato significativamente, o che con Brindisi hanno avuto una qualche speciale relazione. Poche o molte, non è qui importante stabilirlo, ma certo è che quelle cento intitolazioni dello stradario cittadino, nonostante le molte ed importanti assenze, costituiscono in una qualche misura “uno specchio” della plurimillenaria ed avvincente storia della nostra città: dalla mitologia e dai gloriosi tempi della repubblica e dell'impero di Roma, alle due guerre mondiali del Novecento, e fin dentro questo Ventunesimo secolo, dopo aver percorso i secoli dell'Alto e del Basso Medioevo e quindi della Modernità e della Contemporaneità.

Lo stradario di Brindisi conta più di mille, tra vie, piazze, vicoli, larghi, parchi, etc. Ebbene di quelle più di mille intitolazioni, poco più di cento sono dedicate a personaggi illustri di Brindisi: personaggi nati a Brindisi, o che a Brindisi hanno vissuto e operato significativamente, o che con Brindisi hanno avuto una qualche speciale relazione. Poche o molte, non è qui importante stabilirlo, ma certo è che quelle cento intitolazioni dello stradario cittadino, nonostante le molte ed importanti assenze, costituiscono in una qualche misura “uno specchio” della plurimillenaria ed avvincente storia della nostra città: dalla mitologia e dai gloriosi tempi della repubblica e dell'impero di Roma, alle due guerre mondiali del Novecento, e fin dentro questo Ventunesimo secolo, dopo aver percorso i secoli dell'Alto e del Basso Medioevo e quindi della Modernità e della Contemporaneità.

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

URBANO II<br />

(Châtillon sur Marne, 28 luglio 1040 – Roma, 29 luglio 1099)<br />

Fu il 159º p apa del<strong>la</strong> Chiesa cattolica, eletto nel 1088 a T erracina perché a R oma c’era<br />

l’antipapa Clemente III. R iprese il programma politico <strong>di</strong> Gregorio VII e c ontinuò <strong>la</strong> lotta<br />

contro l’imperatore Enrico IV per <strong>la</strong> questione delle investiture. Nel 1095 convocò il Concilio<br />

<strong>di</strong> Clermont-Ferrand, <strong>che</strong> <strong>di</strong>venne occasione per ban<strong>di</strong>re <strong>la</strong> prima crociata.<br />

Nacque nel seno <strong>di</strong> una nobile famiglia francese, Oddone, e si formò a Cluny sotto <strong>la</strong> guida<br />

dell’abate Ugo il Grande. Poi si recò a Roma, dove nel 1078 fu c reato vescovo car<strong>di</strong>nale <strong>di</strong><br />

Ostia da Gregorio VII, <strong>che</strong> l’impiegò in missioni in Francia e in Germania.<br />

Fu eletto papa sei mesi dopo l a morte <strong>di</strong> Vittore III e s tabilì subito buoni rapporti coi<br />

Normanni, <strong>che</strong> l’aiutarono a rientrare a Roma, cacciando l’antipapa Clemente III appoggiato<br />

dall’imperatore. Energico, si <strong>di</strong>ede a r iformare <strong>la</strong> chiesa a par tire dall’Italia meri<strong>di</strong>onale,<br />

tenendo a Melfi, nel 1089, un concilio <strong>che</strong> ribadì <strong>la</strong> condanna del<strong>la</strong> simonia, del nico<strong>la</strong>ismo e<br />

dell’investitura <strong>la</strong>ica.<br />

A quel tempo, Brin<strong>di</strong>si, sotto il normanno Boemondo, figlio <strong>di</strong> Roberto il guiscardo, fu affidata<br />

all’amministrazione del conte Goffredo, il quale con sua moglie Si<strong>che</strong>lgaida e con l’appoggio<br />

del papato, oltre a pro<strong>di</strong>garsi per far rinascere fisicamente Brin<strong>di</strong>si, s’impegnò a far ritornare<br />

a Brin<strong>di</strong>si <strong>la</strong> cattedra <strong>di</strong> San Leucio con l’arcivescovato trasferito a Oria fin dagli ultimi anni<br />

del VII secolo, dovendo, per raggiungere tale obiettivo, scontrarsi con l’ostinata reticenza<br />

dell’arcivescovo Go<strong>di</strong>no il quale rimase ancora per anni a Oria, nonostante le reiterate<br />

pressioni papali.<br />

Goffredo iniziò <strong>la</strong> costruzione del<strong>la</strong> Cattedrale e riuscì ad<strong>di</strong>rittura, il 9 ottobre 1089, a portare<br />

a Brin<strong>di</strong>si proprio il papa Urbano II, per farne consacrare il perimetro.<br />

Quando nel 1093 Enrico IV scese in Italia, il papa Urbano II gli oppose una lega lombarda e<br />

incoronò re il figlio Corrado passato dal<strong>la</strong> sua parte. Preso definitivamente possesso del<br />

Laterano, nel 1094, i n<strong>di</strong>sse un concilio a P iacenza nel 1095, al quale presero parte<br />

rappresentanti dell’imperatore d’Oriente Alessio Comneno e del re Filippo I <strong>di</strong> Francia.<br />

Nel novembre dello stesso anno tenne un al tro concilio a C lermont-Ferrand, in cui fu<br />

scomunicato solennemente il re Filippo, per il suo irrego<strong>la</strong>re matrimonio con Bertrada <strong>di</strong><br />

Montfort, mentre il pontefice si proc<strong>la</strong>mò capo <strong>di</strong> tutte l e chiese, <strong>di</strong>chiarando <strong>che</strong> i re e i<br />

signori gli dovessero prestare giuramento <strong>di</strong> fedeltà. Al<strong>la</strong> fine dello stesso novembre in<strong>di</strong>sse<br />

<strong>la</strong> prima crociata. Tenne poi altri concili in Italia, a favore del<strong>la</strong> crociata, proseguendo altresì<br />

<strong>la</strong> sua opera <strong>di</strong> riorganizzatore.<br />

Al<strong>la</strong> sua morte, Urbano II, fu sepolto in San Pietro e da subito venerato. Poi, il 14 luglio1881,<br />

fu beatificato dal papa Leone XIII.<br />

29

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!