12.12.2017 Views

Completo artisti della piana (1)

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Fabrizio Borghini

Artisti

della Piana

Fiorentina


A cura di

Fabrizio Borghini

Artisti della Piana

Fiorentina

2017


COLLANA

28

Diretta da

FABRIZIO BORGHINI

Coordinatrice

Lucia Raveggi

Il volume è realizzato da

Iª edizione dicembre 2017

ISBN 978-88-6039-438-5

Tutti i diritti riservati

© Copyright Associazione Toscana Cultura

Masso delle Fate Edizioni

Masso delle Fate Edizioni

Via Cavalcanti, 9 - 50058 Signa (FI)

www.massodellefate.it

Grafica di Stefania Venuti


Il ventottesimo libro della collana “Artisti in

Toscana” è dedicato agli artisti attivi nel vasto

territorio compreso fra le pendici di Monte

Morello e la confluenza fra i fiumi Arno e Bisenzio.

Qualche anno fa si era ipotizzato di dar vita alla

Città della Piana destinata a diventare la quarta

città della Toscana per numero di abitanti,

oltre 135 mila, ma sicuramente posizionata

ancora meglio per quanto riguarda le attività

produttive e il reddito pro capite.

In virtù di un territorio pianeggiante, di un’articolata

rete stradale connessa con autostrade,

superstrade e snodi ferroviari importanti, la

Piana Fiorentina ha conosciuto uno sviluppo

industriale, artigianale e commerciale omogeneo

e di grandi dimensioni.

Negli anni, molte iniziative congiunte dei comuni

della Piana hanno contribuito a rendere

l’intera area omogenea anche dal punto di vista

culturale.

Se c’è stato un ritardo, ma sono pronto ad essere

smentito, lo si è avvertito nell’arte contemporanea

dove solo raramente si sono registrate

iniziative congiunte dei numerosi gruppi

di artisti presenti nei singoli territori comunali

pur essendo intensa e continuativa, sebbene

circoscritta, la loro attività espositiva.

Per questo, abbiamo cercato di coinvolgere in

un progetto che mirasse proprio a un avvicinamento

fra gli artisti contemporanei attivi nella

Piana, il maggior numero possibile di pittori,

scultori e fotografi, con l’intenzione di creare

un movimento capace di delineare un’identità

artistica dell’intero territorio.

I sindaci dei comuni di Calenzano, Campi Bisenzio

e Sesto Fiorentino hanno accolto con

entusiasmo la proposta di accompagnare l’uscita

di questa pubblicazione con tre mostre di

lunga durata, aperte a tutti gli artisti che hanno

scelto di rispondere all’appello di Toscana

Cultura, mettendo a disposizione il TeatroDante

Carlo Monni di Campi, la Biblioteca Civica di

Calenzano e il Centro Espositivo Berti di Sesto

dove è stato possibile esporre le opere che il

lettore potrà apprezzare sfogliano le pagine

che seguono, trovando anche notizie di carattere

biografico unite a profili critici che agevoleranno

la conoscenza di molti artisti della

Piana Fiorentina.

Fabrizio Borghini


Artisti della Piana Fiorentina

Mauro Baroncini

Sorriso Nascosto (omaggio a Carlo Monni), olio su legno telato,

cm 50x70, 2013

Nato a Pontassieve il 13 giugno 1944

vive a Firenze ed opera a Dicomano.

Ha frequentato lʼIstituto Statale

dʼArte.

Fedele alla migliore tradizione figurativa italiana

di costruire e coltivare la pratica pittorica

sulle solide basi del disegno e dello studio

del vero, Mauro Baroncini ci mostra al

contempo come lʼentusiasmo e la passione

per lʼarte abbia continuamente arricchito il

suo percorso. Non si è fermato ai risultati

pur edificanti raggiunti nel ritrarre con contorni

più vividi della realtà i suoi paesaggi,

le nature morte; è andato oltre e si è rimesso

in gioco affrontando il difficile tema

della figura umana. Le sue opere ora argomentano

non solo col realismo di scene o

di nudi o di volti, né solo con la bellezza,

ma si qualificano ed impongono per un loro

peculiare carattere, forte, dirompente, carico

di energia ed abilmente sostenuto da

un tessuto pittorico che unisce alla plasticità

gli scontri emozionali di luce e dʼombra

Roberta Fiorini

Cell: 3489172065

Email: maurobaroncini@yahoo.it

Blog: maurobaroncinipittore.blospot.com

6


Pietro Bellina

Artisti della Piana Fiorentina

Corrida, creazione del pittore, cm 80x90

Formatosi nel segno di una rigorosa tradizione

accademica, Pietro Bellina si è cimentato

nei principali generi della pittura

- ritratto, natura morta e paesaggio - per poi

approdare ad una cifra stilistica dove segno e

colore, slegati da ogni riferimento realistico,

diventano emblema di un’incontenibile energia

creativa. Osservando questi lavori - si pensi

in particolare al ciclo dedicato alla corrida - si

ha l’impressione di sentir palpitare, nell’impeto

gestuale dell’artista, qualcosa di primordiale,

una pulsione vitale le cui origini affondano

nella notte dei tempi, nei primi segni tracciati

sulle pareti delle caverne dall’uomo delle origini.

Forza e ritualità di un gesto antico che rivive

nell’opera di Bellina, restituendo così il senso

di un’ideale continuità tra presente e passato

dell’arte. Il ricordo della realtà si stempera nel

dinamismo potente del gesto, nella continua

alternanza di segni divisi, sovrapposti e moltiplicati,

nel caleidoscopio di linee e colori in

cui lo sguardo volentieri si perde, come rapito

dal ritmo frenetico di una danza tribale. E’ la

vita, con le sue passioni, lotte e contraddizioni,

a farsi materia del dipinto: così vuole l’artista,

che trasfonde la propria natura nell’incisività

del segno - colore, dettando così un’idea di

pittura al cui fondo si agitano le verità fondamentali

del cuore umano. Anche l’apparente

caoticità del segno nasconde una precisa

intenzione compositiva: basti a confermarlo

la presenza in ogni suo dipinto di un nucleo

centrale dell’opera, da cui si dipartono, come

proiezioni nello spazio di forze incontrollate,

linee chiuse, aperte, rette e spezzate. Una tensione

accentuata anche dai toni del giallo, del

rosso e del blu, colori chiamati ad esprimere

il temperamento mediterraneo ed appassionato

dell’artista. Nel “qui ed ora” dell’impulso

creativo, dell’azione guidata sulla tela, Bellina

raggiunge un non facile equilibrio tra ragione

ed istinto, pensiero ed emozione: un traguardo

raggiunto dopo anni di dedizione alla pittura,

in una fase ormai pienamente matura della

sua vicenda umana ed artistica.

Daniela Pronestì

7


Artisti della Piana Fiorentina

Pietro Bellina

Corrida, creazione del pittore, cm 60x80

Corrida, creazione del pittore, cm 60x80

Via Pistoiese 443 - Firenze

Cell: 3394002041

8


Artisti della Piana Fiorentina

Filippo Benci

C.Rso-N°2, acrilico materico, cm 50x50x5

Nasce a Firenze nel 1944. La sua esperienza

artistica inizia fin da bambino

con il disegno e nel tempo si matura

sperimentando diverse tecniche. Nelle sue

opere emerge l’essenziabilità, l’espressione,

la spontaneità intellettuale e pittorica non

comune, il tutto supportato da una tecnica

acquisita nel tempo, arrivando all’informale

di oggi, ma soprattutto da una spiccata

sensibilità di persona. Autodidatta, è da

tutta la vita che dipinge usando il colore per

esprimere le proprie emozioni, le esperienze

della vita, rielaborando visioni e sensazioni

del proprio vissuto.

L’arte per lui è libertà, così segue il suo

istinto creativo e con le sue opere cerca di

trasmttere alle persone che le guadano tutta

la passione che prova per questa forma

creativa.

Nella sua pittura l’uomo è assente figurativamente

eppure nello spazio dei suoi dipinti

si apre un mondo pieno di colori, segni

stratificazioni e corrugamenti materici. Che

trattengono, come impronte simboliche

nella loro sintesi estrema, tracce del suo

passato nel tempo.

Nel corso degli anni oltre a mostre personali

ha partecipato a numerosi eventi.

Cell: 3389753494

Email: filippo.benci@alice.it

9


Artisti della Piana Fiorentina

Marco Benvenuti

Nato a Firenze nel ‘65, la sua esperienza

fotografica inizia molto presto,

ancora ragazzino, quando inizia

a scattare con la vecchia Dacora del padre.

Poco più che adolescente, con la sua prima

reflex, si dedica alla fotografia naturalistica

e di paesaggio, collaborando anche con alcune

agenzie di Firenze ed iniziando a lavorare

come assistente fotografo. Durante gli

studi universitari, lavora come fotografo di

cerimonie e matrimoni e di still life per uno

studio di Firenze, affacciandosi al mondo

del professionismo.

Trasferitosi a Sesto Fiorentino molti anni fa,

oggi lavora come fotografo professionista

10

occupandosi di vari settori. Appassionato

di musica, si è specializzato nella fotografia

jazz. Le sue foto ed i suoi servizi sono stati

pubblicati su vari libri, quotidiani e riviste,

tra le quali Musica Jazz, Jazz.it, Il Giornale

della Musica, Drumset Mag e Chitarre. E’

fotografo ufficiale del Pinocchio Live Jazz e

del Metastasio Jazz, collabora regolarmente

con il Music Pool e Musicus Concentus

e segue inoltre varie altre rassegne come

Empoli Jazz, Estate Fiesolana, Super Jazz,

Valdarno Jazz, Musica dei Popoli. Le sue fotografie

sono state esposte in varie mostre

personali e collettive e alla Giornata Internazionale

del Jazz del 2016.


Artisti della Piana Fiorentina

Marco Benvenuti

Cell.3355457039

Email. info@marcobenvenuti.net

Sito internet: www.marcobenvenuti.net

11


Artisti della Piana Fiorentina

Alessandro Berti

Valle argentera Val di Susa, olio su tela, cm 60x80

12

Nato a Firenze, dove vive e lavora.

Diplomato come Maestro d’arte

all’Istituto Statale d’Arte di Porta

Romana, dove frequenta anche il biennio

di magistero. Presso l’Accademia di Belle

Arti di Firenze segue i corsi di disegno tenuti

dal prof. Emanuele Cavalli. Ha iniziato

l’attività di pittore negli anni 70. Ha esposto

le sue opere in numerose mostre personali

e collettive, in Italia e all’ estero (Boston,

Chicago, Città del Messico, Cracovia). Le

sue opere sono state presentate e recensite

da numeroi critici e storici dell’arte. Dal

1984 al 2003 ha insegnato Tecniche Pittoriche

presso l’Istituto per l’arte e il restauro

di Palazzo Spinelli a Firenze. Attualmente è

docente di Pittura e Disegno presso l’Accademia

Riaci di Firenze.


Artisti della Piana Fiorentina

Alessandro Berti

Exills Val di Susa, olio su tela, cm 60x80,

Torrente del montana Val di Susa, olio su tela, cm 60x80

Tel. studio: 055606834

13


Artisti della Piana Fiorentina

Piero Biondi

Composizione di conchiglie, olio su tela, cm 100x200

Nasce a Sesto Fiorentino il 29 settembre

del 1950.

Si diploma all’Istituto d’Arte di Sesto Fiorentino

nel 1970.

Consegue le abilitazioni all’insegnamento e inizia

giovanissimo ad insegnare a Firenze. Il 1978

è l’anno dell’immissione in ruolo come insegnante

d’Arte per le scuole medie; conclude la

sua carriera scolastica nel 2010 alla Scuola G.

Cavalcanti di Sesto Fiorentino dopo 30 anni di

insegnamento dedito a far scoprire a generazioni

di adolescenti la ricchezza insita nel mondo

artistico.

Oltre all’insegnamento, a metà degli anni 70

inizia la collaborazione con il famoso negozio

Arsenico e Vecchi Merletti di Firenze come

creatore di spille in ceramica.

Dall’80 al 95 collabora in qualità di Direttore Artistico

con l’azienda MA-GA Line ex Fulgenzi di

Arezzo creando tutta la modellistica preproduzione

di bambole in ceramica dipinte a mano

e oggettistica da regalo per primarie aziende

Italiane.

Sempre di quegli anni la realizzazione di linee

di bigiotteria di alta gamma per noti negozi fiorentini

e creazione di temi grafici per Decorline

e Italvelluti.

I primi anni 2000 vedono l’inizio della collaborazione

artistica con Il Forte srl e il Gruppo

Ludovico Martelli per la realizzazione di temi

grafici con soggetti naturali per la creazione del

packaging di linee cosmetiche dedicate all’esportazione

nel mercato del Nord America.

Dal 2006 firma tutta la collezione PRIMA SPRE-

MITURA di Idea Toscana con l’ormai noto tema

dell’Olivo Toscano essendo la linea cosmetica

in oggetto realizzata con olio di oliva toscano

IGP biologico.

A latere di queste importanti collaborazioni

con aziende manifatturiere del territorio, Piero,

non ha mai smesso di dipingere, decorare,

creare, inventare e realizzare oggetti e opere

destinate alla beneficienza, in special modo

per l’Opera della Madonnina del Grappa per la

quale da anni partecipa a realizzare la mostra

annuale a Montughi per raccogliere fondi.

14


Artisti della Piana Fiorentina

Piero Biondi

Passaggi di vita, olio su tela con fondo oro, cm 120x120

Salomè, Penna su carta, cm 29,7x42

Via delle Catese, 5 - 50019 Sesto Fiorentino (Fi)

Tel: 0554481932 / Cell: 3383916496

15


Artisti della Piana Fiorentina

16

Rosanna Boddi Bronzi

La boa, stucco e acrilico su faesite, cm 80x80

Quando il Museo di Santa

Croce in Firenze era

custodito da Rosanna

Boddi Bronzi, poetessa e pittrice

di notevoli capacità grafiche

e cromatiche, mi è accaduto di

andarla a trovare, di fermarmi

di fronte alle xilografie di Pietro

Parigi e avvertirne finalmente

non solo la patina temporale,

ma anche la severa ed insieme

pietosa rievocazione di icone

salvate nella loro profonda

umanità. Merito anche della

custode, figura quasi silente,

sororale, vivificante lo spazio

espositivo con la sua presenza

discreta che in qualche modo

dilatava il tempo della memoria.

Vedendo il catalogo percorso

delle opere di Rosanna

Boddi Bronzi ho poi compreso

il perché di questa sua silente suggestione.

Essa, a suo modo, riprende la lezione di Parigi

per l’assoluta abilità grafica, quando si dice che

“la mano fa ciò che vuole”. Ma riprende anche

l’inquieta stazione del tempo dove Erhos

e Thanatos si toccano in una sorte di mite,

terrena coscienza dell’esistere. Gli alberi tormentati

e tormentosi della Bronzi, addirittura

risolti in metamorfosi antropomorfe, portano

alle estreme conseguenze la condizione di cui

dicevo all’inizio. I rigorosi cemeteriali cipressi di

Parigi erano ancora simbolo di confine, confortanti

testimoni di uno spazio salvato. Gli alberi

della Bronzi nascono ormai da dentro, non

appartengono al paese del nostro Medioevo

dove tutto aveva una idetità, sono apparentabili

all’urlo di Munch, sono alberi che gridano

col loro sguardo monoloco, con le loro braccia

contorte. Ecco perchè Rosanna Boddi Bronzi

era in sintonia nel Museo di Santa Croce. Come

in ogni artista che si rispetti “l’abito fa il monaco”

ed il suo habitus era ed è divenuto abitudine

a ragionare con le forme, con le immagini

di un tempo che stava dissolvendosi come gli

alberi dei suoi incendi. Un’ artista senza tempo

finisce per essere un’artista senza tempo, ovvero

allo scoperto in una stagione dove l’inverno

somiglia molto all’inferno e dove, tuttavia,

si può ripartire da un punto di luce, un bosco

incantato, un cielo, un volo. La fede, insomma,

quella fede umile e ultima che era di Parigi e

che è di tutti quelli che hanno varcato la soglia

del borgo dove era possibile raccontarsi. Ora

che raccontarsi non è più possibile, quella fede

è rimasta e buca la cenere di una ricaduta storica

fatta di scorie grigie. Nell’opera della Bronzi,

la definizione di questo mondo combusto da

cui ripartire con una propria luce interiore è

quasi stoica, ma proprio per questo, collegandola

ad un figurativo di “passione”, incoraggia

a ricercare in noi i paesaggi dell’anima di Parigi,

come quando ne era discreta custode:

Franco Manescalchi


Artisti della Piana Fiorentina

Rosanna Boddi Bronzi

Mimosa, stucco e acrilico su legno, cm 50x70

Scorcio di marina, stucco e acrilico su legno, cm 50x70

Via Lino Chini, 68 - 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Cell: 3293933507

17


Artisti della Piana Fiorentina

Eliana Stefania Bonacchi

Omaggio a Swaroski tecnica mista su tavola con cristalli, cm 100x120

Nasce a San Piero a Ponti, diplomata

al Liceo Classico Galileo di Firenze,

segue i corsi universitari di Medicina

e Chirurgia e studia scienze varie di Medicina

alternativa. Amante dell’arte si dedica al

teatro e alla poesia. Spinta alla pittura dal

maestro G.Marotta, che l’ha seguita adolescente,

trova in essa un momento di eternità

vivendo appieno attimo per attimo la

vita. Essere artista è la sua condizione l’anima.

Ascolta e respira con i colori. Sfiora la

realtà...non tocca il mondo, la sua arte non è

solo rappresentazione, ma è intuitiva quasi

profetizza. L’immagine si tinge di un’aurea

altera, sicura di se, nitidamente aristocratica

combinando saggiamente cultura al

disegno accademico e al contemporaneo.

Non appare mai banale, la sua creatività la

si può esprimere non con la nominazione

ma con la contemplazione e lascia un’impronta

mnemonica netta e precisa.

Federico Zeri

18


Artisti della Piana Fiorentina

Eliana Stefania Bonacchi

Andrew, tecnica mista su tavola, cm 80x90

Autoritratto, tecnica mista su tavola con incrostazioni

di corallo, cm 50x70

Via XIII Martiri 30 - San Piero a Ponti (FI)

Cell: 3343230084

Email: eliastebo@yahoo.it

19


Artisti della Piana Fiorentina

Lorenzo Bonamassa

È

nato e vive a Firenze. Svolge l’attività

di Medico Psichiatra e di

Psicoterapeuta. Da sempre autodidatta,

si dedica alle arti figurative

ed alla poesia da molti anni. Dal 2008 è

presente nell’area fiorentina con personali

e collettive.

Lorenzo Bonamassa porta avanti un

percorso artistico definito “espressionismo

punk” in cui il sarcasmo e il gioco,

l’aggressività e la protesta incontrano

visionarietà e introspezione.

Dal 2009 è membro del Gruppo Medici

Pittori dell’Ordine Medici Chirurghi e

Odontoiatri di Firenze. Dal 2014 è socio

del “Gruppo Donatello” di Firenze. Dal

2014 a luglio 2017 ha partecipato alle

numerose manifestazioni artistiche della

Galleria d’Arte Puzzle di Firenze. Da

settembre 2015 partecipa alle performances

d’arte urbana Urban Garbage Art

(UGA). La Urban Garbage Art (UGA), di cui

Lorenzo Bonamassa è un fervente fautore,

è una espressione artistica estemporanea e

collettiva che trasforma i rifiuti ingombranti,

lasciati ai cassonetti, in opere scultoree e

pittoriche (con l’uso di tempera e acrilico)

che rimangono in loco in attesa di essere

portate via, dando allo scarto una nuova

vita prima della morte.

A settembre 2017, insieme a altri artisti, ha

creato il Gruppo Artistico d’Avanguardia Ar-

Tavanti.

“Il teorema estetico alla base della ricerca

antropologico-espressionista di Lorenzo

Bonamassa, è la messa in discussione del

concetto tradizionale di Bellezza per abbracciare

una prassi pittorica antiretorica

che privilegia uno spirito umanistico anticonformista,

riconoscendosi in un immaginario

postmoderno riflessivo e ludico

al contempo. Nelle sue tele prende corpo

un’indagine liberatoria e ricostruttiva

20

Terrore - Pubblicità, Smalto e acrilico su tela e plastica, cm

60x60, 2017

dell’ego tra soma e psiche, nella dialettica

tra pubblico e privato, natura e tecnologia,

nel quadro eclettico e contraddittorio della

civiltà urbana tra consumismo e le dilaganti

interconnessioni mediatiche (…). Il suo

composito e catalizzante linguaggio artistico

si avvale di tecniche miste nella polivalenza

di pigmenti con dinamiche stesure

materiche a pennello o a spatola secondo

cromatismi vividi ed accesi ad acrilico, olio,

smalti, gesso su tela e non da ultimo l’adozione

significativa di materiali eterogenei in

Combine-painting - carta, cartone, stoffa,

plastica - e ready-made tecnologici: reperti

accorpati ed assemblati in bidimensione

che onorano la cultura delle scarto per far

rinascere la tattilità tridimensionale veritiera

di additivi polimorfi tratti da più ambiti

esistenziali ed operativi, restituendo loro

nuova vita nell’aura creativa”.

Silvia Ranzi


Artisti della Piana Fiorentina

Lorenzo Bonamassa

Ceci n’est pas une pipe, smalto su tela manipolata a creare un incavo a

forma di pipa, cm 100x120, 2017

I love you - I’m not gonna crack, olio su polimaterico,

cm 80x60, 2015

Email: dr.bonamassa@gmail.com

Sito internet: www.lorenzobonamassa.it

FB: Lorenzo Bonamassa, Urban Garbage Art (UGA), ArTavanti

21


Artisti della Piana Fiorentina

Guido Botticelli

Acrobati, bronzo, h cm 120 Maternità, terracotta, h cm 90

Marchigiano di nascita, ma sestese

di adozione, Guido Botticelli è arrivato

a Sesto Fiorentino all’età di

12 anni per studiare alla locale Scuola d’Arte

Ceramica. Diplomatosi Maestro d’Arte, è

in seguito diventato restauratore di pitture

murali presso l’O.P.D. di Firenze, e da ormai

oltre 60 anni opera in questo settore.

Profondamente appassionato del suo mestiere,

ha lavorato in importanti cantieri di

restauro intervenendo su opere di rilevante

importanza – tra le quali la “Madonna del

Parto” di Piero della Francesca a Monterchi

– svolgendo per molti anni anche attività di

docenza.

Nonostante il suo lavoro, Guido non ha mai

abbandonato l’attività artistica. Nel tempo

libero si è sempre dedicato alla pittura e,

più recentemente, alla scultura: dopo aver

restaurato l’Annunciazione in terracotta di

Antonio Berti, ora nella Biblioteca Ragionieri

di Sesto Fiorentino, è nata in lui la voglia

di tornare a modellare la creta, oltre a materiali

non convenzionali, come blocchi di

cemento cellulare. Proprio da un modello

in terracotta è nata la scultura bronzea degli

“Acrobati”, che l’artista ha voluto donare

ai cittadini di Sesto per ringraziare la città

dell’accoglienza e dell’amicizia ricevuta ed

abbellire uno spazio urbano.

Nelle sue sculture Botticelli ama semplificare

le strutture in una sintesi formale che,

pur rimanendo figurativa, conferisce all’immagine

una solidità geometrica concettuale.

22


Artisti della Piana Fiorentina

Guido Botticelli

Irene, terracotta, cm 35x30

Atleta, bronzo, h cm 80

Cell: 3356751146

Email: guidbotticelli@gmail.com

Sito Internet: www.guidobotticelli.it

23


Artisti della Piana Fiorentina

Beatrice Brandini

L’estetismo creativo è la mia forma d’arte”.


Dopo molti anni trascorsi fra Milano e Firenze

come creativa nel mondo della moda

(Ferragamo, Champion, Puma, Zucchi, e

molti altri), Beatrice ha deciso d’intraprendere

un percorso artistico per esprimere la

sua vera essenza.

L’arte è prerogativa di famiglia (in passato il

padre ha avuto una galleria d’arte), una passione

vera nata già nell’infanzia, che le ha

permesso di apprezzare e conoscere artisti

di rilievo internazionale.

24

Black pink, tecnica mista, cm 28x38, 2016

E’ stata fra le prime a credere che arte e

moda fossero due forme artistiche molto

connesse, alimentandosi, si stimolano a

vicenda, per questo ha sentito il dipingere

un’esigenza, un percorso naturale che dalla

moda l’ha portata ad illustrare, dipingere,

decorare, le sue donne.

Già molte le mostre nazionali e internazionali

alla quale ha partecipato, con alcuni

importanti successi di pubblico e di critica.

Spesso queste donne sono caratterizzate da

un elemento distintivo, una sciarpa, che le

protegge nel corpo e nell’anima.


Artisti della Piana Fiorentina

Beatrice Brandini

Kiko, tecnica mista, cm 28x38, 2017

Laureline, tecnica mista, cm 28x38, 2017

Cell: 3387070471

Email: info@beatricebrandini.it

Sito Internet: www.beatricebrandini.it

25


Artisti della Piana Fiorentina

Aristide Bruno

Campo 1, olio su tela, cm 100x150

Nasce a Bari il 13 aprile 1955 e trascorre

i suoi primi anni a Lecce

dove inizia a frequentare corsi di

disegno dal vero avendo una particolare

attitudine al ritratto. Dal 1975 al 1988 vive

una appassionata esperienza che lo induce

a condividere le idee di maestri salentini

che ne influenzano la formazione artistica.

In questi anni espone a Lecce, Taranto,

Cavallino e Casarano; esegue inoltre importanti

opere commissionategli da illustri

personaggi del mondo ecclesiastico e della

politica tra cui il ritratto del Presidente del

Senato Giovanni Spadolini, commissionato

dal PRI di Lecce, a questi si accompagnano

altri innumerevoli ritratti commisionati in

tutto il meridione tra cui l’allora arcivescovo

di Taranto. Nel 1989 si trasferisce a Firenze

dove partecipa a varie collettive. Dal 1992

risiede a Sesto Fiorentino, dove ha sede il

laboratorio “Sesto Arte” in cui lavora ed

espone. Nel 1995 vince, con l’opera “Le

mele verdi”, il premio Gastone Razzaguta e

si impone successivamente con vari ritratti

per Francia, Inghilterra e Stati Uniti. In quel

26

periodo entra a far parte dei soci-artisti del

Circolo degli Artisti Casa di Dante dove nel

1998 espone con un‘ importante personale.

Nel 2004 comincia a sperimentare nuove

forme espressive ed inizia un nuovo ciclo

di rinnovamento influenzato dal realismo

informale di Scatizzi ed ancor di più di Mattioli

dal quale fu particolarmente attratto in

occasione di una mostra parmense a lui dedicata

nel decennale della morte. In questi

anni volge a conseguire aspetti cromatici e

chiaroscurali che pur essendo legati a meccanismi

di matrice realista, puntano ad ottenere

risultati cromatici con caratteristiche

informali in cui i particolari ed il complesso

stanno in un rapporto espressivo ed equilibrato.

Ma la continua ricerca nella sua evoluzione

artistica, lo conduce a forme e colori

contrastanti, sostenute da forti pennellate,

creando ombre e rilievi che animano paesaggi

astratti, mossi da un vento impulsivo,

come finestre su panorami contemporanei.

Dal 17 gennaio al 30 aprile 2016 ha esposto

nelle sale dell’Eataly a Firenze.


Artisti della Piana Fiorentina

Aristide Bruno

Tramonto, olio su tela, cm 103x143

Sopravvivere, acrilico su mdf, cm 112x145

Cell: 3476469830

Email: aristidebruno@gmail.com

27


Artisti della Piana Fiorentina

La recente antologica personale

della artista Anna

Bubba dal titolo “Grande

ritorno” a Campi Bisenzio - Firenze

(aprile - maggio 2017) è stata

allestita nel foyer del TeatroDante

Carlo Monni, accolta con entusiasmo

dal sindaco Emiliano

Fossi, dalla vicesindaco Monica

Roso nonché dall’Assessore alla

cultura, e dai cittadini campigiani,

ha ottenuto ampio successo

di critica e di pubblico, siglando il

successo perseguito in 48 anni di

vocazione e dedizione all’arte, affiorata

nell’artista fin dalla tenera

età.

Nata a Caraffa di Catanzaro, dopo

aver soggiornato in Piemonte, a

Torino, da 35 anni risiede a Campi

Bisenzio-Firenze città di adozione.

Ha affinato e consolidato in età matura la prassi

della tecnica ad olio in cicli di opere inneggianti

l’armonia della linea e del colore vivido secondo

una delicata e studiata figurazione, ricevendo

l’apprezzamento del pubblico, della stampa

locale, nazionale e internazionale, in rassegne

d’arte di rilievo ed allestendo numerose personali

dal 70 ad oggi. Ha registrato consensi sia

nell’amata Calabria che nella prediletta Toscana

ed a livello internazionale, con le sue opere

che si trovano a Parigi, Toronto, San Paolo del

Brasile, Lione. In Italia l’apprezzamento della

critica ha registrato brillanti recensioni sulla sua

cifra stilistica, improntata alla nitidezza dei tagli

e soggetti prescelti. Contraddistinta dall’amore

incondizionato per la natura e la resa della figura

umana, sino alla rivisitazione pittorica di monumenti

storici e piazze delle rinomate città in cui

ha vissuto: Torino e Firenze. Lo sguardo felice di

Anna Bubba “Maestra del Colore” è il meritato

giudizio, pubblicato nel luglio 2014 sul quotidiano

La Nazione di Firenze. Trapela dalle sue opere

il temperamento genuino dell’artista che ha

28

Anna Bubba

Il Duomo di Santa Maria del Fiore a Firenze, olio su tela, cm 40x40, 2015

sempre coltivato la creatività come progetto di

vita rigenerante per sé nella condivisione con il

pubblico, grazie a composizioni ricercate che rivelano

la sensibilità per il colore cristallino nella

purezza ed eleganza delle trame disegnative, in

forza del suo sereno approccio al reale. Un soggetto

sentito emozionale è la figura femminile:

donna, fanciulla, madre nella tenerezza degli affetti

più cari, nella tutela della maternità quale

compito imprescindibile. E’ l’epifania della vita

nei suoi valori etici e religiosi che si legge anche

nelle iconografie dedicate al “ Sacro”.

Il connotato costante della sua poetica risiede

nella capacità di stupirsi, alla stregua della “Poetica

del fanciullino” di Pascoliana memoria, dinnanzi

alla bellezza della natura come di fronte

alle opere della civiltà umana, attraverso il contrappunto

di una linea tersa e preziosa, alleata

alla soavità del colore secondo un’intima liricità

della visione. Numerosi i Premi ricevuti sia in Italia

che all’estero; presente in servizi televisivi sia

di Emittenti private che su Rai 3 Regionale.

Silvia Ranzi


Artisti della Piana Fiorentina

Anna Bubba

La Rocca Strozzi di Campi Bisenzio, olio su tela, cm 50x60, 2012

Panorama campigiano, olio su tela, cm 50x60, 2012

Cell: 3711852136

29


Artisti della Piana Fiorentina

Donatella Calamai

Note, tecnica mista su tela, cm 60x60

...Una sottolineatura, ovviamente, al

suo periodo figurativo che non è

stato certo trascurabile...

“Ma questo non le basta e, spinta da forti

motivazioni interiori, nel tentativo di approfondire

la propria ricerca artistica e per rispondere

alle nuove esigenze che questa impone,

sposta il punto d’indagine dall’esterno

all’interno.”

Franco Riccomini

Via R. Fucini, 35 - 50041 Calenzano (Fi)

Cell: 347 9495644

Email: donatellacalamai@donatellacalamai.it

Sito Internet: www.donatellacalamai.it

30


“La mia pittura è passionale, acuta e

scandaglia sensazioni ed emozioni” .

Liberato e la materia

Liberato Calenda

Artisti della Piana Fiorentina

La carica emotiva che riesce a turbarci,

osservando l’ultima produzione delle

opere di Liberato Calenda, supera

quella che ci ha coinvolto fino a ieri con la

pittura. Vediamo le sue opere diventare oggetti,

monumenti, composizioni, che fioriscono

sull’essenza di realtà vissute, di teorie

intime e radicate, di realtà scontate e sperimentate.

E’ un artista che è riuscito a evolversi,

a sviluppare i suoi concetti e trasformare

la sua pittura in ricerca materica; però una

materia estremamente elaborata, laboriosa,

mai affidata al caso. Il suo è un vero e proprio

esame sensoriale dove lui si affida alle

sue percezioni, ma anche alle sue profonde

acquisizioni affettive. Un’operazione mentale

estremamente complessa che vuole rivelare

i moti profondi dell’esistenza. Prima

di introdurre l’analisi dell’opera di Liberato

Calenda vorrei fare una piccola parentesi

che ritengo importante. Non vorrei, a onor

del vero, che qualcuno, anche in buona fede

o perchè profano dell’arte, facesse allusione

o riferimento ad Alberto Burri e per questo

motivo ne spiego la differenza, visto che

anche Burri usa la juta e si diletta in bruciature.

L’artista Burri usa juta vecchia, consunta,

sporca, logora che nessuno vuole più: la

cuce insieme a pezzi, anche di colori diversi

ottenendo come dei grandi patchwork. Per

le bruciature invece si affida a materiali diversi:

anche alla plastica. E’ la tematica del

brutto, del vecchio che nessuno vuole più.

Quindi il messaggio di Burri vuole trasmettere

anche abbastanza semplicemente che

la tragedia umana è il tempo che passa. Il

tempo invece nelle opere di Liberato non fa

nemmeno da comparsa. La juta di Liberato

è materia vivente, pronta per affrontare una

Lacerazioni multiple, acrilico su tela, cm 85x108

realtà incognita e deleteria, e non per colpa

del tempo che passa, ma per il vizio, la malattia,

il destino avverso. Le sue bruciature

sono ampie, irrecuperabili, ma poi ricucite:

una juta consumata, bruciata e tagliata direttamente

una volta montata su telaio. Come

un evento inaspettato, non atteso. E’ una

juta nuova e robusta: rappresenta il valore

della nostra materia, una materia che noi distruggiamo

giorno dopo giorno, sfidando la

nostra stessa esistenza, dove tutto ci sembra

dovuto, dove crediamo che tutto sia certo,

dove ci aggrappiamo a tutto, anche all’effimero,

mentre tutto è destinato a dissolversi

come il fumo. Quel fumo odiato, come tutti i

vizi che ci rendono schiavi e rovinano il bello

dell’esistenza. I polmoni bruciati, la metastasi,

l’undici settembre sono mali che abbiamo

voluto e cercato. Eppure i suoi colori, lucenti

e vibranti, come coriandoli di velluto, di tulle,

di seta, si posano sulle nostre incertezze, sui

nostri sospiri, sui nostri pianti, trasformando

morte e dolore nella parodia della vita. Per-

31


Artisti della Piana Fiorentina

Liberato Calenda

ché la morte fa parte della vita e viceversa.

Ecco perché questa materia fragile, provvisoria,

Liberato riesce a purificarla, rasserenarla,

liberarla da tutto quello che la appesantisce,

da tutto ciò che la rende drammatica e funesta.

La sostanza intima delle cose, che non

può essere rivelata tutta attraverso la parola,

nell’arte di Liberato è espressa per mezzo di

complesse analogie e si esplica penetrando

nell’intimità dei materiali che usa, rendendola

parte di un microcosmo spirituale. E’ il

piccolo ingranaggio di un insieme infinito ma

senza di esso incompiuto. E’ la logica-non logica

di Liberato che rende le sue composizioni

eccezionalmente belle da un punto di vista

estetico, perfette ed equilibrate. Nessun

calcolo potrebbe renderle così. Si potrebbe

definire “logica intuitiva”.

Patrizia Fattori

11 settembre, acrilico su tela, cm 99x97, 2014

Mostre ed esposizioni personali

1977 Federazione Artisti Pratesi, PRATO

1986 Federazione Artisti Pratesi, PRATO

2010 Palazzo Pretorio, SESTO FIORENTINO

2011 Galleria Via Larga, FIRENZE

2011 Palazzo Pretorio, SESTO FIORENTINO

2012 Galleria Fattori Arte, SESTO FIORENTINO

2014 Centro Studi e Documentazioni Arti Visive, PRATO

2015 Centro Espositivo “Antonio Berti” SESTO FIORENTINO

Il fumo uccide, collage su tela, cm 60x60, 2013

Via Cesare Beccaria, 65 - 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Cell: 3469771680

32


Julius Camilletti (JulCam)

Artisti della Piana Fiorentina

La mano del destino ha catturato un’altra anima, trattilismo pennarello,

tondo cm 100x100

Nato a Melbourne (Australia) nel 1960

rientro quasi subito in Italia dove inizio

il mio percorso artistico in “veneranda”

età ed in circostanze impensabili:

durante una riunione condominiale. A questo

primo insolito incontro con l’arte sono

seguite visite guidate nei musei fiorentini e

partecipazioni a conferenze tramite associazioni

del settore. Il mio amore per l’arte è

confluito nell’ideazione di una tecnica “unica”:

le mie opere nascono da sentimenti

riprodotti sulla superficie tramite “tratti” di

pennarello dal forte impatto visivo. Non vi

è un disegno preparatorio: le figure sono il

risultato di un lavoro certosino, di raffinati

incastri di colore e i supporti utilizzati sono

i più diversi. A questa tecnica ho dato il

nome di “TRATTILISMO” che per me significa

“istante di vita”. Ogni istante della nostra

vita è caratterizzato da momenti ed ogni

momento è formato da istanti. Ogni istante

è il trattilismo della nostra vita, una retta costituita

da tanti piccoli segmenti (tratti) nei

segmenti che si avviluppano, si susseguono

senza mai ripetersi. Il “tratto”, quale linfa vitale

che alimenta quella immagine nata dal

cuore, elaborata dalla mente e sviluppata

con la mano è l’inizio e contemporaneamente

la fine di un percorso di vita, la mia

vita. Per questo ho deciso di non pubblicare

le mie opere frontalmente, ma solo raffigurare

un particolare ed il retro della tela. La

mente deve viaggiare e allo stesso tempo,

incuriosita di ciò che sta dietro, realizzare il

proprio pensiero.

33


Artisti della Piana Fiorentina

Jiulius Camilletti

A mia moglie Susy e a tutti coloro che hanno e sapranno amare fino all’ultimo

respiro, trattilismo pennarello, cm 68x58

Il mondo racchiuso in una cornice, trattilismo pennarello,

cm 100x100

Cell: 3384006592

Email: trattilismocamilletti@gmail.com

Blog: trattilismocamilletti.blogspot.it / FB: Julius Camilletti - FB: Julius Camilletti Painter

34


Mario Catalano

Artisti della Piana Fiorentina

Tecnica mista, acrilico e matite colorate

Tecnica mista, acrilico e matite colorate

35


Artisti della Piana Fiorentina

Mario Catalano

Tecnica mista, acrilico e matite colorate

Tecnica mista, acrilico e matite colorate

Cell: 3476761507

Email: artesomma@gmail.com - mario.catalano@pec.architettifirenze.it

FB: bluartgallery - bluart6699 - blumario - mario.catalano.33

Google+:+blueartMarioCatalano - plus.google.com/103966315354256902798

YouTube: blueart6699

36


Sandra Checcacci

Artisti della Piana Fiorentina

Dolce - amaro, maiolica in terra refrattaria eseguita

a colombino e a strisce, altezza cm 20, circonferenza

cm 57

Sono nata l’ 11 febbraio 1960 a Firenze.

Da sempre amo gli animali tutti e la libertà

di muovermi e pensare, ma sempre

con rispetto. Da questa mia profonda necessità

di sentirmi libera, sento il bisogno di stare con

me nel bene e nel male. La solitudine è sempre

stata la mia compagna assieme alla capacità introspettiva

e di osservazione esterna.

Diplomata : insegnante scuola materna.

Diplomata: infermiera, faccio questo di mestiere.

Ho frequentato un corso organizzato dal Comune

di Sesto Fiorentino sulla ceramica per

circa 5 anni.

Il mio maestro è stato Stefano Innocenti ceramista

di Sesto Fiorentino.

Mi sono avvicinata alla maiolica anche perché

dalle magistrali ho mostrato particolare attitudine

per il disegno e tutte le altre esperienze

correlate, ma sentivo che l’uso di materiale

duttile come la plastilina era quello che più mi

faceva stare bene e perciò l’ho approfondito.

Ho acquistato nel 2017 il mio forno per le cotture

e ho creato in breve tempo un mio smalto

di base per la decorazione. Questa mia passione

è una rinascita, è il ritrovamento di me

che nel tempo si era perduto, dimenticato, non

ascoltato. Adesso che posso esprimere il mio

dentro con le mani nella terra, lo posso guardare

dall’esterno ed in questo modo mettere

in luce molti aspetti, sciogliere nodi e sentirmi

libera e più serena. La mia firma in manganese

è “ CHESA” (CH eccacci SA ndra ) e sotto un

uccellino, a rappresentare il pensiero libero.

Pensiero che vola

si posa e spicca nuovi voli.

Un uccellino piccolo ma che non cade preda

del vento.

E inoltre :

La forma può andare oltre quella conosciuta.

Le forme possono assumere aspetti inconsueti.

E questa è creatività .

CHESA

Cell: 333682803

Email: sandracheccacci@virgilio.it

37


Artisti della Piana Fiorentina

Silvana Cipriani

Mandarini, olio su compensato, cm 50x70

La poesia del visibile nei paesaggi e

nelle nature morte di Silvana Cipriani.

Che siano il paesaggio naturale o

la figura umana i soggetti della rappresentazione,

Silvana Cipriani riesce a darne, in

entrambi i casi, una lettura tanto singolare

quanto efficace sul piano pittorico e compositivo.

La ricerca di una dimensione lirica

del visibile è motivo ispiratore di molti suoi

dipinti, dove il reale appare intriso di sentimenti

semplici, aspirazioni profonde, suggestioni

vissute e visioni immaginate. Negli

scorci della campagna toscana lo sguardo

si allunga dal primo piano all’orizzonte per

abbracciare la varietà di forme e colori della

natura, in uno scenario che cattura insieme

l’atmosfera e l’anima dei luoghi, includendo,

talvolta, anche elementi fantastici ed

invenzioni oniriche. In chiave più intimista

debbono interpretarsi le nature morte, armoniosa

combinazione di frutti ed oggetti

sottratti al fluire del vivere quotidiano e

38

resi protagonisti di un dialogo silenzioso,

di una segreta corrispondenza tra le cose

reali e il mondo interiore della pittrice. Ad

una resa attenta dei particolari corrisponde

un’altrettanto scrupolosa restituzione degli

effetti chiaroscurali, da cui dipende spesso il

rapporto formale e simbolico tra gli oggetti

raffigurati. Ogni suo quadro è una dichiarazione

poetica, l’espressione chiara e sincera

di un modo d’intendere la pittura senza

doverne stravolgere, per essere ritenuti

“moderni”, i valori tradizionali. Al contrario,

sforzandosi di perseguire i principi fondanti

del dipingere, Silvana Cipriani ha maturato

negli anni una sempre maggiore libertà

espressiva, che oggi la vede più sicura nella

tecnica - ne è conferma il destreggiarsi tra

colori ad olio, acrilici e matite - ed attenta a

trasporre in pittura soltanto ciò che smuove

nel profondo la sua sensibilità.

Daniela Pronestì


Artisti della Piana Fiorentina

Silvana Cipriani

Osservare, acrilico su tela, cm 50x70

Conchiglia, olio su tela, cm 50x70

Via della Querciola 65 - 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Tel: 0554215719

Email: silvana.cipriani@gmail.com

39


Artisti della Piana Fiorentina

Rosita Comparini

40

Amore di patria, lana vetro e acrilico, diametro cm 45, 2015

Sestese di nascita e di residenza, si

presenta come un’artista semplice,

di modi garbati e silenziosa nelle sue

presenze. Eppure le sue composizioni sembrano

animate nella ricerca di uscire dalla

tela, i materiali di cui sono fatte le opere

risaltano per la loro unicità e si proiettano

verso l’osservatore di una tridimensionalità

simbolica che ne attrae l’attenzione. Come

socia dell’Associazione Culturale LiberArte

di Sesto Fiorentino, partecipa attivamente

presentando i suoi lavori nelle mostre collettive

che durante l’anno vengono organizzate;

ma il suo amore per l’arte non si ferma

alle sole arti visive, esso si estende alla poesia

e al racconto dove è possibile scorgere,

senza troppa fatica, una sensibilità sincera

dettata da valori antichi. Nel 2013 a Sesto

Fiorentino è stata vincitrice di un premio

di pittura con l’opera “Il Fiore”, ma è stata

presente anche ad altre manifestazioni

tenutasi a Firenze, Pescia e Montecatini. Il

percorso virtuoso di Rosita continua in una

crescita che si mostra ormai evidente.

Guido Nardi

Presidente Liberarte


Artisti della Piana Fiorentina

Rosita Comparini

Terra di Siena con spiga, lana vetro e acrilico,

cm 50x35, 2014

La creatività incontra i colori, lana vetro e acrilico,

cm 60x48, 2014

Capacità espressiva della materia, lana vetro e

acrilico, cm 70x50, 2015

Cell: 338 9071586 - Tel: 055 440808

41


Artisti della Piana Fiorentina

Mauro Conti

Natura morta con fiori, olio su tela, cm 60x60

Sestese doc ha lavorato come ceramista

fino alla fine degli anni

60 e poi come impiegato comunale

a Sesto Fiorentino, fino al 1992

quando è andato in pensione. Dedito

al volontariato per l’ associazione

Amici della Ceramica è andato nelle

scuole e nei centri civici a mostrare

come si lavora e come si dipinge la

ceramica, o ad insegnare il disegno;

un uomo sempre molto attento da

un punto di vista politico-sociale e un

artista libero e indipendente mai vincolato

ai capricci del mercato.

Questa è un’immagine breve di un

uomo-artista innamorato del disegno.

E cosi sono nati i ritratti dei personaggi

della letteratura, i suoi mitici

cavalli del Palio di Siena, altra passione

coltivata negli anni per la contrada

dell’Istrice, ritratti volutamente non

completati perchè come dice Mauro:

“non c’era bisogno di finirli”. E troviamo

anche il sommo poeta Dante,

il pianista Petrucciani, Madre Teresa

di Calcutta, Papa Francesco o il figlio

Lorenzo dipinto insieme ad uno dei

suoi miti : John Lennon, il Che Guevara

e tanti altri personaggi che hanno colpito la

sua fantasia. Da sottoliniare i quadri dedicati

ai campi di sterminio e soprattutto le opere

che componevano una bellissima mostra intitolata

“Il giorno dell’ira” ispirata all’ attacco

delle Torri Gemelle di New York, un terribile

accadimento che ha profondamente colpito

Mauro consapevole che da quel giorno tutto

il mondo sarebbe cambiato .

Anche se non praticante Mauro Conti è cattolico

vero e la sua religiosità lo ha spinto a

realizzare ben due Vie Crucis, una delle quali

si trova a Kathmandu in Nepal portata dal ciclista

solitario Marco Banchelli. E negli ultimi

suoi lavori la figura del Cristo ritorna prepotentemente:

notevole un Gesù che ha i lineamenti

di Mauro e di Farulli tormentati dalle sofferenze

della vita. Ma non servono tante parole per definire

questo artista, i suoi tratti, le sue linee,

riescono benissimo a trasmettere con grande

efficacia una valanga di emozioni e di sensazioni

che accomunano l’umanità e le sue “Croci”

quotidiane.

Alessandra Bruscagli

Cell: 3337508713

42


Artisti della Piana Fiorentina

Giuliano Corsi

È

nato a Scarperia (FI) e vive e lavora a

Sesto Fiorentino (FI).

Mostre collettive:

Bivigliano, Firenze - 1982

Arte in compagnia - 1985

Lastra a Signa, Firenze - 1986

Piazza delle Cure, Firenze - 1987

Scuola Media Pescetti, Sesto Fiorentino - 1987

Circolo Tre Pietre, Firenze - 1987

Galleria d’Arte Mentana, Firenze - 2001-2002

Natura morta con fiori, olio su tela, cm 60x60

Mostre personali:

Galleria Il Cenacolo, Firenze -1985

Galleria Palazzo Pretorio, Sesto Fiorentino,

1988-1990-1992

Galleria Toscana, Alessandria - 1993

Galleria Palazzo Pretorio, Sesto Fiorentino,

1994-2006-2008

Hurn Museum di Savannah, Georgia USA - 2015

La Soffitta, Sesto Fiorentino, 2016

Cell: 3345483582 / cell.figlia: 3493190567

Email: elisabetta.corsi@live.it

43


Artisti della Piana Fiorentina

Grazia Danti

Estasi

44

Nasce nel 1961 a Firenze dove attualmente

vive e lavora. E’ un’ artista

che fin dagli studi medi superiori si

evidenzia per le affinità artistiche.

Coltiva l’attitudine all’arte, che la porta nel

tempo ad essere protagonista con le sue

esposizioni in importanti gallerie italiane

e straniere, arrivando in ottobre 2017 ad

esporre a New York con una critica internazionale.


Artisti della Piana Fiorentina

Grazia Danti

Donna velo bianco

Follia

Emil: info@graziadanti.com

Sito Internet: www.graziadanti.com

45


Artisti della Piana Fiorentina

Michele De Nicolò

Paesaggio toscano, acrilico su tela, cm 80x80, 1˚ premio a Montemurlo, 2016

È

nato a Taranto. Vive a S.Donnino,

Campi Bisenzio. Autodidatta comincia

a dipingere con un forte stimolo

dell’arte ad età avanzata, anche se da ragazzo

dimostra una capacità istintiva nel

disegnare e colorare con rapidità. Quindi la

pittura di getto tuttora la pratica con risultati

soddisfacenti. Ha partecipato in ambito

regionale a numerose estemporanee, ottenendo

svariati premi e riconoscimenti. Ama

dipingere paesaggi e scorci urbani. La tecnica

che usa è l’acrilico su tela e ultimamente

si diletta sull’acquerello.

Cell: 3286950809

Email: michele.gaio@hotmal.it

46


Fabio Deiana

Artisti della Piana Fiorentina

Il momento, mezzo busto (modella dal vero) , cm h 50

Nasce a Firenze il 18 ottobre 1993. La

sua carriera artistica inizia dall’Istituto

Statale d’Arte di Porta Romana di

Firenze, studiando prima pittura e poi design.

Nel 2013 si diploma e decide di intraprendere

un percorso artistico mirato al sacro,

andando così a studiare alla Sacred Art

School di Firenze dove sceglie poi di specializzarsi

in scultura. Iniziando quindi le prime

commissioni attraverso la scuola di cui una

molto importante, il reliquiario di Pio Alberto

Del Corona, Arcivescovo di San Miniato

beatificato nel 1941 e approvato il 17 settembre

2014 da Papa Francesco.

Dopo due anni di studio ottiene un tirocinio

all’Opera di Santa Maria del Fiore come

scalpellino e restauratore continuando poi

a lavorare su commissione per una cappella

di Roma ‘’Opera Missionaria di Gesù e Maria’’

con tre rilievi tra cui il ritratto della fondatrice

Beata Madre Maria Pilar Izquierdo.

Al momento conduce lavori personali nella

propria bottega e sarà docente di corsi brevi

di scultura presso la Sacred Art School.

47


Artisti della Piana Fiorentina

Fabio Deiana

Adamo, calco in gesso , cm h 38 Venere e verogna, calco in gesso , cm h 36

Cell: 3493731912

Email: deianax3@yahoo.it

48


Tiziana Faccendi

Artisti della Piana Fiorentina

Stati d’animo, (Terrazza Mascagni, Livorno), resine bicomponenti

su vetro e inerti, cm 63x63, 2017

Maestro d’Arte, è nata a Signa (FI)

dove risiede e lavora come insegnante

di Arte e Immagine. Da

venti anni esprime la sua creatività sul vetro

utilizzando resine bicomponenti e integrando

talvolta altri materiali come garze,

tessuti e frammenti di recupero. Si esprime

anche con tecniche grafiche e pittoriche su

tela, legno, muro, ceramica, carta e stoffa

ma è dal vetro che trae maggiore soddisfazione

e immediatezza espressiva.

Ha realizzato la copertina e le illustrazioni

del libro “Storia di Juan” di Candida Vig,

edizioni Polistampa.

Ha esposto in varie mostre collettive e personali

e partecipato a concorsi dove è stata

premiata con riconoscimenti vari.

Alcune opere sono presenti in ambienti

pubblici del territorio.

Cell: 3385430830

Email: tizianafaccendi@gmail.com

49


Artisti della Piana Fiorentina

Luciano Faggi

Autunno, acrilico e olio su tela, cm 50x70

Quei quadri nati in garage.

Luciano e l’amore per i dipinti

Peretola. Dipingere è un’arte che spesso

comincia come hobby. Così è successo

a Luciano Faggi, peretolino doc

che fino ad oggi conoscevamo solo nelle vesti

di vicepresidente della Società di Mutuo

Soccorso di via Pratese. Nella sua casa a pochi

passi dall’Sms, invece, scopriamo la sua

passione privata. Lui, pensionato, trascorre

buona parte delle giornate nel garage, riadattato

a studio di pittura. “Ho cominciato

a dipingere nel 68 - ricorda - così, tanto per

occupare un po’ di tempo libero. In breve

ho scoperto che poteva essere più che

un’attività a perditempo. Mi piaceva sedermi

di fronte al cavalletto, mi rilassava molto.

Cominciò così, insomma: un cavalletto, una

manciata di pennelli e la classica tavolozza

di colori. Nessun insegnamento, nessun libro,

nessun consiglio di nessun maestro.

Solo una forte passione e, senza dubbio,

una buona mano che dimostra subito un

ottimo feeling con la tela”. All’inizio – come

la gran parte degli esordienti – si cimenta

con i paesaggi. Scopre i colori, i riflessi delle

pietre sull’acqua, il movimento delle fronde

degli alberi. ”Ho sempre dipinto senza soggetto,

il mio mondo è qui, nel mio garage

– racconta – non ho praticamente mai fatto

un quadro dal vivo. Mi basta chiudere gli

occhi e i paesaggi sono lì, nella mia mente”.

E ci mostra una bellissima laguna di Venezia,

con sullo sfondo la cupola di San Marco,

dipinta qui a Peretola. “Gli amici e non

solo hanno subito apprezzato le mie opere.

Col tempo, però, ho capito che i soggetti

paesaggistici erano un po’ scontati. Così

ho dato una svolta alla mia pittura. Gli ultimi

quadri, infatti, trattano temi molto più

moderni. Tagli di luce e vernice a olio, ma

anche sfumature velate di vernice spray che

creano ritagli di colore che si compenetrano

l’uno con l’altro suscitando emozioni diverse

a seconda delle tonalità”. Nell’anno 2016

ha ricevuto come riconoscimento il Collare

Laurenziano nel Salone dei Cinquecento di

Palazzo Vecchio a Firenze.

Giò.Fab

Cell: 3482267777

Email: fagluc2006@libero.it

50


Nata a Firenze, vive ed opera

a Scandicci (FI). Ha pubblicato:

“Dedicato a Lorenzo”

Ed. Helicon, “Piuma Leggera” Ed.

Masso delle Fate, “Dulcamara” Ed.

Ibiskos. Ha realizzato lo stendardo

per il Palio degli Arcieri raffigurante

la Beata Giovanna, patrona di

Signa. Sue sculture si trovano in

collezioni private in Italia, Francia,

Germania e Canada ed in permanenza

presso i Comuni di Firenze,

Montelupo F.no, Castel S. Niccolò,

Greve in Chianti, Colonna (Roma),

Grottole (MT), Signa, Stazzema,

nella Basilica Superiore di San

Francesco ad Assisi, nella Chiesa di

San Lorenzo a Signa e nella Chiesa

di San Francesco a Cortona.

Si è classificata al primo posto in

numerosi concorsi per la poesia

e le arti visive. Nel 2003 è stata

premiata presso la sede del Parlamento Europeo

di Bruxelles. Ha ricevuto, inoltre, il Fiorino

d’Oro per la poesia, il Fiorino d’Argento per la

scultura, il Premio Donna Città di Scandicci, il

Premio Toscana Cultura Donna, la medaglia

della Presidente della Camera Laura Boldrini

per il Premio Elisabetta e Maria Chiara Casini

e il Collare Laurenziano dell’Accademia Internazionale

Medicea.

“…..L’universo femminile è il fil rouge

tematico su cui ruotano le competenze

creative di un’artista sensibile e versatile,

impegnata su una pluralità di registri

espressivi: poesia, scultura, pittura. Raffinata

poetessa e fine scrittrice in prosa fin

dall’inizio della sua brillante attività artistica

Mara Faggioli

Artisti della Piana Fiorentina

Sognando la pace, olio su tela, cm 60x60, Premio Giuria Concorso di

Pittura Immagin-arci, 2017

il verseggiare fluido e sognante, pregnante

di sentimenti umani evocati con delicatezza

e forza propositiva ha trovato nei linguaggi

della scultura e pittura il suo più congeniale

parallelismo figurativo che spazia dalla figura

femminile a soggetti simbolici evocanti

temi sociali e in qualità di attenta cultrice di

valori letterari, Mara Faggioli recupera l’aura

sacra del mito attraverso le figure delle

Muse quali Divinità protettrici dell’universo

armonioso della Poesia e delle Arti. Scultura

e pittura, dunque, felicemente alleate nella

riscoperta della femminilità vissuta, testimoniata

e simboleggiata…”

Silvia Ranzi

Largo dei Mille, 6 - 50018 Scandicci (FI) / Esposizione permanente: piazza Marconi, 8 - Scandicci (FI)

Cell: 339 3594145

Email: marafaggioli@hotmail.it

51


Artisti della Piana Fiorentina

Miriam Ferretti

Panni tesi, olio su tavola, cm 70x50, 2014

È

nata a Milano nel 1956; dopo studi di

indirizzo artistico ha lavorato come grafica

e impaginatrice a Firenze dove si è

trasferita negli anni 70. Amante dell’arte in tutte

le sue forme ha sperimentato la pittura su

stoffa, ceramica e porcellana ma l’amicizia con

i decoratori di Oltrarno le ha aperto un mondo

nuovo: ha imparato ad amare il legno. La decorazione

dei mobili con la laccatura antica, il

restauro, l’affresco, la tecnica del finto marmo,

sono diventati insieme all’amore per la casa e

l’arredamento, la sua passione. ”È bello ridare

vita a vecchi mobili con .....un restauro alternativo”

come lei ama definire il suo lavoro. Ha

fatto tantissime mostre mercato in Toscana e

in Lombardia, diverse volte ha partecipato ad

Artigianato a Palazzo in Villa Corsini e alle mostre

annuali in Versiliana con le sue creazioni.

Solo da qualche anno è approdata alla pittura

ad olio su tavola o su tela ma ovviamente più

che una pittrice si definisce una artigiana. Ama

molto il colore e gli effetti materici sui suoi

quadri.... e la ricerca continua tra lavoro, famiglia,

nipoti.......

Cell: 3389917367

Email: ferrettimiriam@gmail.com

52


È

nato a Siena il 19/09/1955.

Fin da ragazzo ha manifestato

una forte propensione per

il disegno, passione che lo ha spinto

ad iscriversi alla Scuola d’Arte per

Ceramica di Sesto Fiorentino, dove

vive e lavora. Dal 1992 ha cominciato

a dipingere ad olio, trovando

nella pittura nuovi stimoli di ricerca

ed espressione. Nell’arco di questi

anni ha dipinto soggetti vari, raccogliendo

soddisfazione in particolare

dalle nature morte e dal figurativo.

Dal 2004 ad oggi si è dedicato anche

alla pittura del trompe l’oeil, una

tecnica pittorica che lo affascina e

nella quale esprime la sua creatività

e la sua sensibilità, sempre alla

ricerca della trasparenza del vetro

e dell’acqua, dei chiaroscuri nelle

pieghe dei panneggi, del realismo

degli oggetti e del corpo umano. Ha

partecipato, nel corso degli anni, a

diverse collettive di pittura e

di grafica, riscuotendo consensi e

premi. Più recentemente, nel 2013

ha preso parte al primo concorso

“Via Maestra incontra l’arte” a

Poggibonsi (SI); nel 2014 ha ricevuto una

segnalazione di merito nell’ambito del premio

letterario Osilo 2014 tenutosi a Osilo (SS), con

l’opera dal titolo “La fonte di Bacco”.

Nel 2015 ha partecipato:

alla collettiva Espressioni artistiche del terzo

millennio presso la Galleria Anacapri, Isola di

Capri;

alla mostra Artisti dal mondo a Firenze per

Expo 2015 alla quale ha partecipato con l’opera

dal titolo “Processo inverso” che gli ha valso

il premio di Artista dell’anno conferito dall’

Associazione Galleria d’ Arte Centro Storico di

Firenze;

alla mostra Arte Padova 2015 tenutasi presso

Padova Fiere.

Valter Figoni

Artisti della Piana Fiorentina

Acqua, olio su compensato multistrato, cm 70.4x50.5, 2015

Mostre personali

1996 presso il Centro Giovani del Comune di

Fiesole, alle Caldine;

2011 presso il Circolo ACLI di Colonnata, a Sesto

Fiorentino;

2012 presso il Bar Gran Caffè, a Sesto Fiorentino;

2013 nella Rocca Aldobrandesca di Piancastagnaio

(SI), nell’ambito della manifestazione

“Omaggio alla Rocca: dieci sale per dieci artisti”.

53


Artisti della Piana Fiorentina

Valter Figoni

Muro di campagna, olio su tela, cm 100x65, 2015

Fuoco, olio su compensato multistrato, cm 63.5x48, 2015

Indirizzo: Via F. De Sanctis n° 9 - 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Cell: 3347187481

Email: valterfigo@hotmail.it

54


Maria Grazia Fusi

Artisti della Piana Fiorentina

Giardino di rarità, olio, cm 90x90

Nasce il 25 gennaio 1943 a Empoli

(FI), dove vive il periodo della seconda

Guerra Mondiale frequentando

scuole elementari di campagna.

E’ in questa atmosfera puramente contadina

che Graziellina, così la chiamano sull’aia,

incomincia ad avere le prime esperienze artistiche.

Non può permettersi studi specifici

in materia artistica, ripiega quindi su esperienze

personali di lavoro, bozze e schizzi di

varia natura. A situazione familiare avanzata

e sistemata, si permette di seguire alcuni

corsi d’arte di ceramica e di pittura, con

soddisfazione e nuovo senso del creare. Qui

viene notata e poi seguita dal professore

Gino Terreni, noto pittore empolese, che la

incoraggia e la sostiene nell’esecuzione delle

opere di pittura.

55


Artisti della Piana Fiorentina

Maria Grazia Fusi

Morte e salvezza, olio, cm 90x90

Agguato alla vipera, olio, cm 35x45

Cell: 3334440464 -Tel: 0571920691

Email: eno.graziella@gmail.com

56


Elena Gheri

Artisti della Piana Fiorentina

Bosco in autunno, olio su tela, cm 50x60

Nata a Firenze (1942) dove tuttora

risiede. Dedita al disegno fin da piccola,

ha trasmesso questa passione

ai suoi alunni, avendo svolto per molti anni

la professione di maestra elementare. Un

insegnamento che ancor oggi, a distanza di

tempo, i suoi alunni ricordano con affetto e

gratitudine. Una volta in pensione si è avvicinata

alla pittura frequentando un corso tenuto

dalla pittrice Antonia Fontana. Nel 2014

ha vinto il premio Farfalla d’oro nell’ambito

della XXXII edizione del concorso nazionale

50& Più – Città di Baveno e nel 2016 ha

vinto il primo premio per l’opera “Fleur de

Lys” in occasione della mostra Colori e Sogni

organizzata dall’Anteas con il patrocinio della

città Metropolitana di Firenze e della Regione

Toscana presso la Galleria di Via Larga

(Palazzo Medici – Riccardi). Ama spaziare sia

nei soggetti rappresentati – paesaggi, animali,

persone – sia nelle tecniche adottate, coniugando

l’amore per la pittura a quello della

montagna, soprattutto della Valle Aurina,

dove trascorre un mese all’anno.

57


Artisti della Piana Fiorentina

Elena Gheri

La signora col parasole, olio su tela, cm 50x70

Flur de Lys, olio su tela, cm 60x90

Cell: 328 5375811

Email: gherielena@libero.it

58


Nasce a Firenze nel marzo del 1962.

Coltiva la passione per il disegno fin

dall’infanzia, passione che neppure

l’incidentale perdita della vista dall’occhio

destro ha limitato, divenendo, anzi, motivo

di maggiore impegno. Studia da autodidatta

documentandosi assiduamente sulle tecniche

del disegno e della pittura in generale, sperimentando

l’uso della grafite, delle matite colorate,

dell’acquerello e dell’olio. Inizia a lavorare

soprattutto con le matite colorate e nel 1992

partecipa al 16° Concorso G. Pescetti vincendo

il premio Grafica. Nel 2010 approfondisce le

proprie conoscenze grazie all’incontro con gli

artisti Mauro Sarti, Grazia Bonini (in arte Grabon)

e Domenico Mileto imparando le nozioni

base. Continua poi a lavorare da autodidatta

concentrandosi sul disegno a grafite, non tralasciando,

tuttavia, la pittura ad olio, le matite

colorate o la sperimentazione di materiali

nuovi come l’Ecoline. Nel 2014 apre, assieme

alla figlia, un piccolo studio dove lavora ed insegna

le basi del disegno dal vero, pittura ad

olio, acquerello e computer grafica. Nel 2017

l’incontro con l’artista Ruben Belloso la introduce

alla tecnica del pastello. Ha partecipato

a mostre collettive a Firenze, Treviso, Roma,

Mantova, Modena, Falconara riscuotendo un

positivo apprezzamento dal pubblico. “La sola

parola che per me meglio si adatta all’Arte è

Amore perché racchiude ogni tipo di emozione

che mi fa provare l’Arte. Amore è gioia

ma anche sofferenza, stupore e meraviglia,

piacere e angoscia, felicità e preoccupazione.

A volte è delusione ma anche entusiasmo, sacrificio

e dedizione. Tutto questo vale anche

per l’arte. L’arte è un’amante che ti prende e ti

rende completamente schiavo e dipendente,

ma quando amoreggi con Lei ti senti in Paradiso.

Disegnare, dipingere, creare mi fa sentire

veramente appagata e fiera di ciò che riesco a

fare, anche se spesso non sono soddisfatta e

mi lamento di non essere all’altezza. Mi fa meravigliare

ogni volta di quello che invece riesco

Cristina Landi

Artisti della Piana Fiorentina

Piccola monella, matite colorate su carta

a realizzare. Arte è per me cultura, conoscenza

ed imparare cose nuove per poi spingersi oltre

quello che hai appena raggiunto. Un crescere

in ogni campo cercando nuovi modi per esprimersi

e comunicare agli altri sensazioni ed

emozioni. Amo particolarmente fare ritratti,

ma questo non preclude altri soggetti. Sono

un’artista curiosa alla ricerca di crescita e formazione

per provare e vivere cose nuove. La

tecnica in cui sono maggiormente specializzata

è la grafite su carta con la quale realizzo ritratti

iperrealistici solo con la tecnica del tratteggio.

Non uso sfumini o polvere di grafite ma solo

un raffinato tratteggio che riproduce anche la

più delicata delle sfumature. Mi dedico anche

ad altre tecniche come olio, acquerello, matite

colorate e pastelli impiegando lo stesso impegno

e dedizione che ho per la grafite. Durante

la realizzazione dei miei lavori amo curare i

dettagli e vedere il soggetto che prende forma

e dà l’illusione di staccarsi dalla pagina o dalla

tela e diventare reale. Arte è emozione per chi

la fa e per chi la guarda.”

59


Artisti della Piana Fiorentina

Cristina Landi

Salomè, olio su tela

Gioconda, grafite su carta

Agli, cipolle e peperoncini, acquerello su carta

FB: Wingobia.Art.Graphic.Studio

​Sito Internet: www.wingobiaartgraphicstudio.com/

60


Giancarlo Landi

Artisti della Piana Fiorentina

Sulla credenza in cucina, tempera all’uovo, cm 40x30, 2017

Cell: 3391919226

Email: info@giancarlolandi.com

61


Artisti della Piana Fiorentina

Luigi Liotta

L’arte della Fotografia

Fotografo “free lance”, inizia la sua

lunga carriera come ritrattista dedicandosi

in particolare al volto

femminile ed alle immagini glamour. La

brillantezza dello sguardo, il fascino del

sorriso, le linee del corpo, catturano la

sua attenzione: le foto diventano delle

vere opere d’arte e con queste partecipa

a prestigiose mostre, concorsi e pubblicazioni,

ottenendo ampi consensi e premi.

Luigi Liotta ha poi iniziato a spaziare

nei diversi ambiti della moda, pubblicità,

spettacolo, cinema, ecc., dove con grande

competenza si è affermato in svariati

concorsi, ricevendo premi a Firenze, Pisa,

Roma, Capri, Amalfi, Parigi ed altre località.

Introdotto a pieno nel mondo della

moda, negli anni 90 apre due scuole per

indossatrici-fotomodelle, organizza prestigiose

sfilate di moda e per diversi anni

viene chiamato ad essere fotografo ufficiale

del concorso di Miss Italia ed altri.

Nel mondo dello spettacolo, è impegnato

come Direttore di Scena in un dramma di

Samuel Beckett al Piccolo Eliseo di Roma.

In tutti i suoi anni di carriera, ha anche

collaborato con le più importanti riviste

patinate, per le quali, frequentando prime

cinematografiche, teatrali e manifestazioni di

moda, ha ripreso con “eccellenti scatti”, centinaia

di personaggi contemporanei, per cui le

sue foto appaiono continuamente su queste

riviste. Con questa attività Liotta ha acquisito

un grandissimo archivio di ritratti di personaggi

famosi, che vorrebbe raccogliere in un libro

fotografico. Negli ultimi anni è tornato al “primo

amore”: il ritratto e la foto glamour del

corpo femminile, riscuotendo sempre ampi

ENIGMATICA, fotomodella Sara.

consensi e pubblicando su prestigiosi libri sia

in Italia che all’estero, mettendo a punto alcune

tecniche ed elaborazioni scaturite dalla sua

arte e lunga esperienza. L’artista invita le aspiranti

fotomodelle a contattarlo per i provini

delle prossime pubblicazioni, spot pubblicitari

e mostre fotografiche.

Luigi Liotta mostra, a chi è interessato, le sue

opere, nel suo studio fotografico di Sesto Fiorentino.

Cell: 3388888762

Email: luigielle@alice.it

62


Le danzatrici cosmiche di Mariani

Francesco Mariani

Artisti della Piana Fiorentina

La tela come centro di gravità

per amalgamare materia

ed eros. Francesco Mariani

è un pittore sestese che incarna

profondamente uno spirito

innovatore. Nato nel 1956 a Calenzano,

Mariani ha frequentato

l’Istituto Statale d’Arte per la Ceramica

di Sesto Fiorentino e si è

poi formato con il maestro Piero

Nincheri da cui ha anche ereditato

la passione e la professionalità

per la creazione e il restauro delle

vetrate artistiche gotiche e moderne.

“Malato d’arte” da sempre

è oggi, a Sesto Fiorentino, curatore

de La Soffitta Spazio delle Arti

e presidente dell’Associazione per

promuovere la conoscenza delle

opere di Antonio Berti e per il

restauro del suo studio. Le forme

femminili sono il cuore pulsante della sua

produzione. Ispirato da opere centrate sul

linguaggio del corpo - La zattera della Medusa

di Théodore Géricault ne è un esempio

- cerca ad ogni step nuovi canali espressivi.

La voglia di sperimentazione l’ha portato,

da 5 anni, in un cosmo nuovo, che lui stesso

sta scoprendo “stella dopo stella”, nel quale

si incontrano e si fondono fotografia, pittura

a olio ed elementi magmatici creati con

le resine. Dalla loro unione nascono opere

complesse che hanno sempre al centro

un clic di donna nella sua parte intimistica

collocato in un ambiente che ben si addice

al mondo onirico: muri, oggetti e, soprattutto,

sfondi si confondono in uno spazio

profondo di stelle lattiginose che danzano

vorticosamente e stimolano il quesito sul

dove si è. Le opere di Mariani non sono

di lettura veloce, anzi richiedono una profonda

riflessione. Le pose delle modelle,

Il frutto di Myrtis, olio su tela, carta fotografica e resina,

cm 50x50, 2017

accattivanti ma mai pornografiche, esteriorizzano

quella lotta interiore di ogni uomo

con la sua anima erosdinamica e stimolano

la ricerca della consapevolezza verso i valori

più alti della bellezza. Hanno fortemente

voluto opere di Francesco Mariani i curatori

del Museo d’Arte Contemporanea di San

Josè in Costarica (MACIA), della Pinacoteca

Amedeo Modigliani di Follonica e del Museo

della Fondazione Logudoro Meilogu in

Sardegna. Suoi quadri sono a Napoli e nella

hall del Teatro La Fenice di Venezia oltre

che in varie collezioni private. Nel 2016 ha

presentato una trentina di pezzi del suo ultimo

ciclo in una personale a Colle Val d’Elsa.

Le opere selezionate per “Artisti della Piana

Fiorentina” sono in prima visione assoluta.

Stefano Bandinelli

63


Artisti della Piana Fiorentina

Francesco Mariani

64

Il viaggio di Helphis, olio su tela, carta fotografica e resina, cm 200x100, 2014


Artisti della Piana Fiorentina

Francesco Mariani

L’ombra di Callidrone, olio su tela, carta fotografica e resina, cm 200x100, 2014

65


Artisti della Piana Fiorentina

Francesco Mariani

Abbandono, olio su tela, carta fotografica e resina,cm 150x120, 2017

Cell: 3356136979

66


Massimo Meucci

Artisti della Piana Fiorentina

Cosmocuore, tecnica mista, cm 100x100

Un costrutto che ha la capacità di trasmettere,

sin dal primo impatto visivo,

una curiosa sensazione proveniente

dall’ inconscio: quella di mondo onirico, ora

rivelato mirabilmente in chiave informale.

Costruzione arcana ricca di elementi segnici

dal potere immaginifico, immersi in una

struttura dal forte impatto visivo. La raffigurazione

è resa con una scrittura essenziale

nel tratto, ma assai ricca dal punto di vista

cromatico. Protagonista indiscusso, nell’

opera di Massimo Meucci, è infatti il colore

che, prepotente energico, dona dinamismo

all’ opera e diviene mezzo straordinario per

raccontare una visione libera artistica e creativa.

Arte come pura manifestazione dell’

emotività che insegna al fruitore una nuova

percezione della realtà,attraverso composizioni

eloquenti nella loro veste informale

67


Artisti della Piana Fiorentina

Massimo Meucci

Mistica attesa, tecnica mista, cm 90x90

Suono in ascesa, tecnica mista, cm 60x60

Cell: 3339704402

Email: meuccimassimo.mm@libero.it

68


Elena Migliorini

Artisti della Piana Fiorentina

Giglio rosso, acquerello, cm 40x56, 2014

Il disegno come sua prima passione;

dopo studia altre tecniche, tra cui l’acquerello,

sotto la guida di Fiorella Macchioni.

Espone in collettiva in Toscana ed in

altre regioni italiane tra cui: ARTPRIZE 2014,

Biennale di Pittura a Novara selezionata tra

i finalisti; MaremmArtEXpò 2015, invitata

alla mostra internazionale d’Arte Contemporanea

a Sorano (GR). Si classifica quarta

al Concorso Nazionale di Pittura Premio

Silver 2015 - (Empoli) FI; partecipa a Artisti

dal Mondo a Firenze per Toscana EXPO

2015; Spoleto Festival Art 2015; espone a

Villa Argentina a Viareggio come finalista

del Concorso Radicamenti indetto da Mds

Editori; collettiva all’Auditorium al Duomo

in via Cerretani a Firenze; Spoleto Festival

ART-Chiostro di S. Nicolò – Spoleto; espone

alla Mostra Internazionale dell’Artigianato

2016 a Firenze, Fortezza da Basso; partecipa

alla collettiva nel Museo Ugo Guidi di

Forte dei Marmi; artista selezionata per la

mostra del concorso Fuori dal tempo promosso

da Mds Editori 2016 (PI); partecipa

alla Mostra Internazionale dell’Artigianato

2017 a Firenze, Fortezza da Basso; partecipa

al concorso di pittura Città di Empoli

premio Il Ghibellino; partecipa con Toscana

Cultura alla mostra Artisti a Pisa e al Premio

Nazionale Castiglioncello 2017; finalista al

concorso Dipendenze promosso da Mds

Editori, Pisa, 2017.

69


Artisti della Piana Fiorentina

Elena Migliorini

Il tempo violato, acquerello, cm 76x56, 2015

I fiori della notte, acquerello, cm 70x50, 2015

Cell: 3332391473

Email: elenamiglio@hotmail.it

70


Michela Mura

Artisti della Piana Fiorentina

“Dolce sogno “

(In ricordo di mio Padre)

Mi sei venuto incontro sorridente

e mi hai stretto forte, forte al cuore.

Ero felice, non mi mancava niente.

Ti avevo ancora accanto,

“babbo mio”

Mi sono svegliata...

E fu un gran peccato

perché purtroppo...

avevo solo sognato.

Nata a Orune il 19 marzo 1939. Residente

a Sesto Fiorentino, insegnante

in pensione, poetessa e pittrice

autodidatta. Ha partecipato a numerosi concorsi

nazionali e regionali ottenendo premi

letterari e meritati riconoscimenti in campo

artistico e letterario. Ha avuto i primi successi

in campo musicale. Partecipò, nel

1962, al Festival degli autori a Prato con

due canzonette “No! Non Tentar” e “Canzonetta

del cuore” aggiudicandosi il secondo

e sesto premio. Iscritta alla S.I.A.E. come paroliera

dal 1966. Ha pubblicato: “I segreti di

un cuore” Lo Faro editore Roma, “Poesie “

Editore Gabrieli Roma. Molte altre poesie

sono state pubblicate in riviste e antologie

varie. “Orizzonti Junior”. “Orizzonti Letterari”

Milano. “Caducità nel tempo”, Editore

Gabrieli Roma. “Poeti dal Novecento ad

oggi”. “Il veliero” Pietro Chegai Editore Firenze.

Collettiva di opere pittoriche e letterarie

”Ricordi lontani” autopubblicazione di

poesie, con illustrazioni di opere pittoriche

presentate in ambito della prima mostra

personale, dallo stesso titolo “Ricordi Lontani”

promossa dall’Associazione Culturale

Sestese La Strada Nova di Sesto Fiorentino

il 2 maggio del 1999 ottenendo molto successo.

Ha partecipato a numerose mostre

collettive di opere pittoriche e concorsi

vari ottenendo premi e segnalazioni. Ha ricevuto

il diploma di encomio solenne Città

di Pescara M.A.I.P. 1975. Ha preso parte alla

mostra di pittura Artisti sardi in Toscana nel

mese di aprile del 2002, presso il ristorante

La Biritullera a Firenze. Nell’ambito

della terza mostra personale dal titolo

“Non Solo Pitture” sono stati presentati

due racconti “Zio Antonio” e “Presta l’anima

per far nascere un bambino”, risultati

finalisti alla seconda edizione del concorso

Libro nuovo edizione 2000 promossa dal

gruppo editoriale tipografico s.r.l. Chivasso

Torino. La quarta mostra personale dal titolo“Opere

Digitali” è stata presentata a Villa

San Lorenzo di Sesto Fiorentino nel 2004.

71


Artisti della Piana Fiorentina

Michela Mura

Bianchina, olio su faesite, cm 30x50

Casa Cecconi, olio su tela, cm 50x70

72


Artisti della Piana Fiorentina

Michela Mura

La vecchia brocca, olio su faesite, cm 40x30

Via del Risorgimento, 108/A - 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Tel: 0554210243

Email: michelamura@libero.it

Sito Internet: digilander.libero.it.argenisse

73


Artisti della Piana Fiorentina

Daniele Niccolai

Autoritratto in Pop Art, olio e acrilico su tela, cm 130x90, 2017

Attivo anche come designer e modellista,

espone con la pittura dal 1993.

Parte dall’associazione Rosso Tiziano

di Tiziano Bonanni in Scandicci (Fi) e del

Gruppo Studio 7 presieduto da Mario Mugnai

nel 1997, partecipando a diverse rassegne.

Tantissime le collettive della scuola

con la collaborazione del prof. Bonanni dal

1995-2000. Molte le personali a Firenze in

collaborazine con Eco d’arte Moderna di

Paolo Baracchi. Dal 1997- 2001 ricordiamo

le piu importanti: Premio Italia per le Arti

Visive, ex Convento del Carmine di Firenze

ed al XIX Premio Firenze; si ricorda anche il

Premio Internazionale Pescetti dove arriva

I° II° e III° nel 2001- 2002- 2003.

Dal 2010 collabora alla realizzazione dei

modelli di Leonardo da Vinci, alle mostre

sugli antichi romani e alle esposizioni dei

grandi della storia quali Archimede Pitagorico

a Galileo Galilei.

Mostre e rassegne internazionali della Niccolai

s.n.c. e della Teknoart col fratello Gabriele

Niccolai .

“L’atmosfera metafisica che Daniele

Niccolai attribuisce alle sue narrazioni

argomenta con uno spazio siderale

piuttosto che fisico, ma in esso proietta le

contraddizioni e le problematiche dell’esistenza,

affidando al colore sensazioni materiche

e pulviscolari sempre rivolte alla

luce. Nella sua ricerca di “mondi paralleli”

affronta la dimensione di una suadente narrazione

surreale il cui substrato psicologico

e simbolico trova forza espressiva in sintesi

cromatiche che prediligono gli azzurri e i

grigi.”

Roberta Fiorini

Daniele Niccolai pittore e modellista studio Via Pistoiese, 71 - 50013 Campi Bisenzio (FI)

Cell: 3337367888

Email: paintstudy@hotmail.it

74


Antonella Pancani

Artisti della Piana Fiorentina

Donna Velata, olio su tela, cm 50x50, 2016

Nata a Firenze e diplomata all’Istituto

d’Arte di Porta Romana. Vive a Sesto

Fiorentino, dove lavora come arredatrice

d’interni. La pittura è una passione

che la segue nella vita; alcuni suoi quadri

sono accompagnati da versi. Nel 2013 ha

partecipato alla mostra collettiva I diritti

dell’uomo al Centro Kennedy di Firenze, alla

collettiva Corpus al Museo della Specola di

Firenze e all’installazione “Lo sguardo collettivo”

alla Biennale di Arte Contemporanea

di Firenze. Nel 2015 mostra collettiva

al Centro Berti con la scuola di pittura di

Andrea Sole Costa, nel 2016 “Con le nostre

mani” mostra collettiva, con la scuola di Andrea

Sole Costa nella Sala Barducci a Palazzo

Medici Riccardi.

Una caratteristica importante della Pancani

è la sua determinazione. I volti che l’artista

dipinge con cura, studiano pazientemente

ogni particolare fino a renderlo vero, pur

essendo fedeli alla loro realtà apparente,

non mancano di un loro contenuto pittorico.

I volti realistici e precisi dell’artista ci

parlano di uno stile inconfondibile, pulito,

solido, consapevole, sempre verso accordi

cromatici accesi e personali.

Le tre opere di Antonella Pancani pubblicate

raccontano lo scorrere del tempo.

- “Michela” è accompagnato da pochi versi.

Sono qui.

Mi incammino verso la luce

I miei pensieri corrono furtivi verso un domani.

I miei occhi abbracciano la speranza nel futuro…

- ”Donna Velata” rappresenta un volto di

donna incappucciato da un velo spesso non

reale. Una maschera indossata per poter

continuare il cammino della propria esistenza,

fino al giorno della libertà: “Libertà

di essere se stessa”.

- “Remember” rappresenta la necessità di

fermarsi e riflettere su la propria vita.

75


Artisti della Piana Fiorentina

Antonella Pancani

Remember, olio su tela, cm 60x60, 2015

Michela, olio su tela, cm 60x80, 2013

Cell: 3484728024

Email: antonellapancani@alice.it

FB. antonella pancani

76


Federica Petrolini

Artisti della Piana Fiorentina

La tela di Penelope, tecnica mista,

cm 50x25x125, 2017


Sono nata nel 1969 in Abruzzo, ma ho sempre

vissuto in Campania dove nel 1993 mi

sono laureata all’Accademia di Belle Arti di Napoli

come scenografa. Fin da piccola sono sempre

stata curiosa di sperimentare nel campo

dell’arte o dell’artigianato, frequentando scuole

specifiche come l’Istituto di Ceramica o l’Accademia,

dove non mi soffermavo solo nelle

classi in cui ero iscritta, ma osservando anche

i lavori dei grafici, dei pittori, degli scultori o dei

falegnami cercando di apprendere il più possibile.

Raramente mi sono esposta al pubblico

non avendo avuto né la possibilità e né la voglia

di far vedere quali siano le mie capacità e il

mio pensiero. È dal 2016 che ho iniziato questo

nuovo percorso artistico, facendo anche parte

del Gruppo d’Arte Studio 7 che sicuramente mi

sollecita a uscire dal mio guscio”.

Cell: 333678 10 26

Email: petrolinif@gmail.com / Sito: www.damare.eu

77


Artisti della Piana Fiorentina

Cinzia Piccini

Dettaglio di I fiori di Tom Platz, acrilico su tela cartonata, cm 35x50

Nasce a Firenze e si trasferisce qualche

anno fa a Legri, una piccola oasi

nel Comune di Calenzano, dove vive

con il marito Marco ed i loro tre cagnolini

(Emy, GinoLevante e SallyMoon). Si definisce

una “artista per gioia”. Sono i colori ad

esprimersi, regalandole così un’immensa

e piacevole sensazione di libertà. I colori

prendono vita, si uniscono sulla tela ed

innescano quella meravigliosa armonia tra

mente e cuore. Ed è proprio mentre dipinge

che, sotto i suoi occhi, finalmente l’emozione

si rende visibile con tutta la sua bellezza

e fragilità.

I dipinti “I Fiori di Tom Platz” e “Il Cielo Sopra”

fanno parte di un gruppo di tele che

ha chiamato “Celestine”. Il colore celeste

che le unisce, nei diversi temi, rappresenta

la speranza. Sono dipinti che ha regalato

a persone care, perché nel momento più

fragile ma più veritiero della propria vita,

erano lì accanto a lei, quando volgendo gli

occhi al cielo, chiedeva di poter continuare

a sperare.

Il dipinto “Il Sentiero di Legri” è uno scorcio

del suo mondo visto sotto la fievole ma placante

luce del tardo pomeriggio.

78


Artisti della Piana Fiorentina

Cinzia Piccini

Il cielo sopra, acrilico su tela cartonata, cm 40x40

Il sentiero di Legri, acrilico su tela cartonata, cm 20x40

Email: luciz2003@gmail.com

79


Artisti della Piana Fiorentina

Augusto Ranfagni

Uomo, cipresso ed ulivo, cm 80x60

Realizza da moltissimi anni, nella sua

abitazione situata sulle colline di

Calenzano, sculture in legno nel più

grande rispetto della natura, non colora il

materiale che utilizza ma usa ed esalta le

varietà cromatiche del legno. Il cipresso e

l’ulivo sono i materiali preferiti con i quali,

con fantasia e passione, anima i suoi personaggi

e le sue opere, unendo creatività,

abilità tecnica ed artigianale. Le sue opere

nascono in un contesto della nostra bella

terra toscana dove la natura avvicinandosi

alle montagne dell’Appennino, ricca di olivi

e ginestre, diventa a volte aspra a volte

dolce, come le opere create dall’autore.

Augusto Ranfagni, periodicamente, affida

le sue opere ad una mostra il cui ricavato

è finalizzato alla beneficenza. L’ultima, in

ordine di tempo, che si è svolta ai primi di

marzo 2016 a Prato, ha devoluto il ricavato

totale alla Mensa La Pira, detta mensa dei

poveri; in passato è stato dato sostegno alla

Fondazione Pitigliani di Prato per la ricerca

oncologica e l’acquisto di strumenti per il

reparto oncologico di Prato. Ha esposto negli

USA a Martha’s Vinegard Mass a favore

delle vittime dell’uragano Katrina del 2005,

per molte associazioni quale Adisco, Amarti

e altre ancora.

80


Artisti della Piana Fiorentina

Augusto Ranfagni

Venere, cipresso ed ulivo, cm 100x65

Eventi

Asta di beneficenza per ADISCO associazione sangue cordone ombelicale, cura delle leucemie.

Mostra a Prato presso locali Minimoda per ADISCO.

Realizzazione di un’opera sacra per la cappella della chiesa S.Maria Regina di Cinquale MS.

Collettive negli anni 2003 2004 a cura dell’associazione culturale Il Chiassino.

Secondo premio al concorso Il fiume bello a Prato.

Personale a Vittoria Apuana LU presso il Bagno Oltremare.

Christmas Show a Carmignano, Prato.

Mostra a favore delle vittime uragano Katrina Martha’s Vinegard Mass, USA.

Mostra a Lugano presso la BIM Gallery.

Mostra a favore dell’associazione Pitigliani di Prato.

Mostra a Prato presso lo Spazio Valentini a favore della Mensa la Pira.

Via del Colle 7 - 50041 Calenzano (FI)

Cell: 3284785225

Tel: 0558877033

81


Artisti della Piana Fiorentina

Salvatore Romano

L’insidia celata, cm 75x55

Nasce a Palermo il 21 luglio 1957. Nella

stessa città frequenta sia l’Istituto

Statale d’Arte che l’Accademia di Belle

Arti del corso di Pittura. Nel 1981, subito

dopo aver conseguito il diploma dell’Accademia

di BB.AA. si trasferisce a Firenze.

Attualmente vive e lavora in via F.lli Cairoli,

11 - 50017 San Piero a Ponti,Campi Bisenzio

(FI). Oltre a numerose collettive e mostre

personali ha illustrato libri e riviste a carattere

nazionale. Tra le sue più importanti

esposizioni si ricordano due personali alla

Galleria Teorema di Firenze negli anni 80;

la mostra personale alla Galleria Mentana

di Firenze nel 1995; due mostre personali al

Caffè Pascò di Firenze negli anni 90; la partecipazione

alla mostra internazionale di

Firenze del 2007 dove è stato premiato per

le opere su carta; la mostra sui Nuovi Simbolisti

Italiani alla Galleria d’Arte Moderna

di Cento (FE) del 2007; la giornata dedicata

a lui al Palazzo Ariosteo di Ferrara del 2011

e infine la mostra personale al Museo del

Disegno di Palermo del 2016. Tra la critica

più qualificata si ricordano il poeta Giacomo

Giardina di Baheria, il critico Francesco Carbone,

il giornalista Fabrizio Borghini, il critico

Dino Pasquali, il critico Marcello Venturoli

e il critico Nicolò D’Alessandro.

Cell: 333 1130880

Sito Internet: www.salvatoreromano.eu

82


Anna Maria Romoli

Artisti della Piana Fiorentina

“La fotografia, una passione nata

da molti anni. La mia prima macchina

fotografica, una Ferrania.

Per me la fotografia è un deposito di

valori personali in un mondo saturo di

immagini. Raccontare la vita, tramandarne

i concetti, che attraverso la fotografia

si riassumono e prendono vita.

Uno specchio di memoria. Il click di un

secondo che racchiute l’attimo: il tuo

attimo. Impegnata nel sociale. Amo gli

animali e la vita. Il mio motto è: Carpe

Diem.”

Snapshot: Scattare un istantanea, foto scattata con uno smartphon

Snapshot: Scattare un istantanea, foto scattata con uno smartphon

83


Artisti della Piana Fiorentina

Anna Maria Romoli

Snapshot: Scattare un istantanea, foto scattata con la macchina fotografica

Snapshot: Scattare un istantanea, foto

scattata con uno smartphon

Snapshot: Scattare un istantanea, foto scattata

con uno smartphon

Cell: 3358233383

Email: amrfir@alice.it

FB: annamaria.romoli

84


Laura Ronchi

Artisti della Piana Fiorentina

Da Trittico smorfioso: Smorfia n°2, pittura ad olio, cm

70x100

Beniamino, pittura ad olio, cm 50x60

Quando l’artista Laura Ronchi dipinge i

volti non si limita a tracciare con cura

i lineamenti dei suoi giovani soggetti,

ma ne coglie appieno il soffio vitale di cui

sono portatori. Nei suoi quadri ci sono occhi,

capelli, labbra e nasi ma soprattutto c’è la

voglia di stare al mondo con vigore sbarazzino.

La vitalità dei suoi personaggi emerge,

infatti, vivace e birichina, grazie a mossacce

ed a simpatici garbacci. Si tratta però di sberleffi

gioiosi, fatti senza alcuna malizia. Sono

piccole prese in giro che i discoli rivolgono

a loro stessi giusto per vedere l’effetto che

fa. Freschi ritratti di monelli che si divertono

allo specchio, fanciulli birbanti che giocano a

scattarsi dei selfie irriverenti. I bambini sanno

come prendere la vita con ironia e Laura

riesce davvero ad infondere allo spettatore

un po’ di questa indispensabile leggerezza.

Giacomo Lucchesi

85


Artisti della Piana Fiorentina

Laura Ronchi

Da Primi selfie: Grido di battaglia...?, pittura ad olio, cm 50x70

Da Primi selfie: Bad girls, pittura ad olio, cm 50x70

Via E. Agnoletti, 16 - 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Cell: 3332220076

Email: l.ronchi1@libero.it

FB: Laura Ronchi - FB: Laura Ronchi - pittrice e ritrattista

86


Artisti della Piana Fiorentina

Marta Sarti

Atelier, collage, cm 40x40

È

nata a Sesto Fiorentino(Firenze) dove

tuttora vive e opera. I suoi lavori

sono dei collage eseguiti con ritagli

di carte stampate completati con interventi

a tempera. Ha partecipato a numerose manifestazioni

e rassegne d’arte in Italia e all‘estero,

ottenendo successi e riconoscimenti.

Varie mostre personali, fra cui Arte Fiera di

Bologna nel 1995 e Parigi nel 2001. Sue opere

figurano in collezioni italiane e straniere.

Sue anche le copertine di libri di poesie di

Alessandra Bruscagli del 1997 e del 2004. Fa

parte dell’ Antica Compagnia del Paiolo dal

1992 e di Liberarte di Sesto Fiorentino.

Hanno scritto di lei Tommaso Paloscia, Maria

Bernardini, Massimiliano Corsi, Romano

Morando e Francesca Bandinelli. Sul periodico

di cultura, arte e costume Pegaso del

novembre 2008 è apparso un servizio di Sonia

Salsi e sulla stessa rivista del luglio 2012

uno di Eleonora d’Aquino. Nel 2011 una sua

opera è stata inserita nel catalogo Fratelli

d’Italia, 150° anniversario dell’Unità d’Italia

celebrato per immagini edito da FASI (Federazione

Associazioni Sarde in Italia).

Molte mostre personali al suo attivo; tra

queste ricordiamo le più recenti: Parigi, Galleria

Contact - Art di J. Helpman (2001) , Antica

Compagnia del Paiolo, Saletta Boccuzzi

(2002), Sesto Fiorentino, Negozio Marlu’

(2003), Firenze, Negozio Armonia, via de’

Castellani (2004), Sesto Fiorentino, Galleria

La Soffitta (2009), Sesto Fiorentino, Gran

Caffè, piazza Ginori (2010), Centro Espositivo

Antonio Berti, Sesto Fiorentino (2013),

Firenze, Palazzo Medici Riccardi (2015),

Firenze Galleria Simultanea Spazi d’arte

(2017).

Cell: 3334208640

Email: martasarticollage@gmail.com

87


Artisti della Piana Fiorentina

Davide Sigillò

Firenze, olio su tavola, tecnica mista a spatola, cm 30x40, 2017

88

Nasce il 14 luglio 1978 a Firenze dove

tuttora vive; vocato all’arte del disegno

e alla pittura sin dalla tenera età

seppur indirizzato in gioventù verso studi

distanti da essa seguirà con passione e dedizione

la strada tracciata dalla propria indole

artistica. Diplomato commerciale, studia

poi per 5 anni all’ateneo musicale Lizard

di Fiesole chitarra moderna rock-blues per

laurearsi infine in Medicina nel 2015;ma

sarà la pittura ad irrompere ed a prevaricare

su ogni suo spazio libero e pensiero.

Seppur giovane è di formazione artistica

tradizionale, segue gli insegnamenti degli

impressionisti per poi trovare nell’utilizzo

della spatola il mezzo ideale per ricostruire

la propria identità attraverso lo studio della

materia e del movimento nelle aree più informali

della sua produzione.

Ha dipinto e si è confrontato con alcuni degli

ultimi maestri fiorentini del Novecento

tra cui Sergio Scatizzi. Compie vari viaggi

in Italia ed all’estero alla ricerca di nuove

esperienze umane e di realtà naturali e architettoniche

tra loro diverse. Dal giugno

all’ottobre 2015 si trasferisce in Belgio, nelle

terre fiamminghe, dipingendo e traendo

ispirazione da queste storiche atmosfere.

Successivamente ha modo di confrontarsi

con la cultura e l’arte in Russia .

Ha cambiato spesso stile, tornando talvolta

ad utilizzare e a fondere assieme pennello e

spatola, tecniche miste e nuovi colori, affinando

una ricerca che è elemento essenziale

del suo divenire espressivo.

Di carattere piuttosto mite e riservato vive

attualmente a Firenze dividendosi tra il lavoro

nella Medicina ed il raccoglimento nel

suo studio caratterizzato da una feconda

vena pittorica in continua metamorfosi.

Dal 2006 ad oggi sono varie le mostre tenutesi

in Italia e nelle varie gallerie fiorentine,

;ampio l’interesse ed il consenso ricevuto

all’estero. Nel 2017 viene premiato nell’ambito

della 35ª edizione del premio Firenze

con il fiorino d’argento per la pittura con

l’opera “Madonna Fiorentina”


Artisti della Piana Fiorentina

Davide Sigillò

Fiori in blue, olio su tavola, tecnica mista a spatola, cm

70x80x1, 2017

Poliedrica figura di artista che ha saputo

fare della materia la sua compagna di

vita, medium per il raggiungimento della

più alta forma dell’arte, Davide Sigillò continua

a inebriare il genere umano con creazioni

sublimi che si fanno mezzo di espressione del

suo vasto universo.

Fiorentino di nascita, il

nostro è stato da sempre

in profondo contatto

con la creazione

artistica, avvicinandosi

sin dalla più tenera età

a questa nobile arte,

realizzando di suo pugno

i primi schizzi espressivi.

Un’importante formazione

artistica lo ha portato,

poi, a frequentare

i più rinomati maestri

dell’ultimo Novecento

quali il fiorentino Scatizzi

che ha saputo fornirgli

tutti gli strumenti necessari

per trovare esso

stesso la sua strada artistica

prediletta.

Oggi realizza opere sublimi, quasi tridimensionali,

dove la tecnica dello spatolato la fa spesso

da padrone: la sua amata Firenze non può che

essere per Davide Sigillò una musa, fonte costante

di ispirazione. La bellezza materica delle

sue opere apre a uno scenario mozzafiato fatto

di colori, luci, ombre, linee, sagome, figure:

un modo unico di veicolare il proprio animo, i

propri sentimenti, le proprie emozioni e suggestioni

agli altri attraverso l’arte.

Il maestro Davide Sigillò è riuscito nel suo intento

di comunicare sè stesso attraverso l’arte,

dando vita a quella sublime bellezza che tutti

noi costantemente cerchiamo e costantemente

desideriamo: poterne possedere una testimonianza

tangibile, da custodire gelosamente,

è la massima forma di aspirazione.

Lungarni pisani, olio su tavola, tecnica mista a spatola, cm 25x40, 2017

Marco Grilli

Cell: 3209458818

Email: davidesigi@gmail.com

Sito Internet: www.davidesigillo.eu / FB: Davide Sigillò Artist

89


Artisti della Piana Fiorentina

Marco Simonelli

Voluttà, cm 50x50

“Sono nato a Fiuggi (FR) il 18 settembre

1956 e resiedo a Sesto Fiorentino (FI).

Terminata l’esperienza di lavoro presso la

Pubblica Amministrazione, già nel 2011 all’età

di 55 anni, ho intrapreso l’attività di fotografo

come libero professionista. In questi anni ho

potuto confrontarmi con i problemi della realtà

produttiva collaborando con alcune aziende

in diversi settori, ma anche e soprattutto con

i servizi alle persone. Parallelamente all’attività

commerciale, mi affascina il lato artistico

della fotografia essendo l’arte libera dai vincoli

di esigenze e condizionamenti di ogni genere.

L’arte è il luogo in cui posso spaziare, violare e

volare, credere e sognare, dove sono solo con

me stesso e con la personale visione di una

realtà fondamentalmente aliena. In questo

mondo le forme, i colori e la luce non sono più

regole, ma solo strumenti di cui mi servo per

esternare e forgiare nuovi concetti e punti di

vista.

Detesto i tecnicismi, gli stili, le scuole di pensiero

e le mode del momento. Sono gabbie pericolose.

Tale atteggiamento ha fatto si che lo

studio della luce ed una particolare attenzione

alle complesse regole della composizione non

mi distraessero da una innata libertà di espressione

e di pensiero. L’artista libera la forma dal

peso della materia così che l’arte diviene essenza,

priva del giogo delle regole per concepire ed

osare nuove frontiere. Ritengo sia facile comporre

immagini che possono stupire gli occhi,

molto più difficile e complesso produrre opere

fotografiche che inducono ad una attenta riflessione.

In tale ordine di idee risulta fondamentale

la libertà di espressione fotografica, quasi

come una forma maniacale di ricerca interiore

e di anarchia compositiva. In ogni foto, dalla

concettuale all’astratta, cerco quindi, con tutte

le difficoltà e gli invitabili insuccessi del caso, di

dare una personale interpretazione della visione

del mondo.”

Marco Simonelli

Largo IX Novembre, 1/C - 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Cell: 345 2997166

Email: info@formalux.it

Sito Internet: www.formalux.it

90


Artisti della Piana Fiorentina

Skim

I’ll cross the stream - I have a dream, cm 150x100, 2017

Nato a Firenze nel 1985 e cresciuto nella

vicina periferia fiorentina, Francesco Forconi,

in arte SKIM scopre fin da piccolo la

sua passione per l’arte, ammaliato come molti

dalle sirene di quel fenomeno artistico chiamato

Graffitismo. Si diploma all’ Istituto d’ Arte di

Firenze in Grafica Pubblicitaria e Fotografia nel

2006 e sceglie poi di seguire la sua passione per

il disegno e i cartoni animati presso la Scuola Internazionale

di Comics dove si diploma in Tecniche

di Animazione Tradizionali e Moderne nel

2009 dopodichè apre il suo primo studio d’ arte

a Scandicci in via Deledda occupandosi di pittura,

illustrazione, fumetti, graffiti, design, grafica

e performer dal vivo. Ma seguire il percorso di

Skim non è cosa semplice; stiamo parlando infatti

di un giovane artista assai eclettico, cresciuto

tra scuola d’arte e strada, che al contempo impara

ad esprimersi in tutte le tecniche pittoriche.

Skim rivela una sensibilità nell’uso di colori vivaci

ed accattivanti propria a pochi, così come la sua

tecnica, connubio perfetto tra old school e innovazione,

che definisce nettamente il suo stile

ironico, caustico e poetico. Con i suoi “Puppets”

e i suoi “Caos” interpreta le storie e le ambientazioni

più disparate: analizza la quotidianità e

la traduce in arte, di strada o di studio, sorprendendo

lo spettatore per il contrasto tra l’esplosione

di colore delle suo opere e il messaggio

mai banale che vuole trasmettere con esse.

Skim rappresenta un’arte diversa, attraente e

piacevole da osservare, e con il suo motto “In

Color We Trust” si sta facendo largo con mostre

e performance in contesti nazionali ed internazionali.

E soprattutto porta avanti il suo progetto

di colorare i grigi muri delle scuole e insegnare

ai ragazzi l ‘arte del graffito lasciando ovunque il

suo segno e ad oggi sono più di 12 scuole in italia

che hanno chiesto il suo intervento

Email: skim.infoarte@gmail.com

FB: skim world / Instagram: skim graffiti

91


Artisti della Piana Fiorentina

Gianluca Spanu

Annie Lennox, acrilico su tela, cm 53x39, 2017

“Nato nel 1970, fin da piccolo sono stato

assecondato nelle mie inclinazioni

artistiche e nella scelta del percorso

formativo che si è concluso nel 1993 con

il conseguimento del Diploma di laurea in

Scultura presso l’Accademia delle Belle Arti

di Napoli. Le mie fonti d’ispirazione sono

la figura umana, gli sguardi e m’intrigano

le espressioni sia umane che animali; allo

stesso tempo sono affascinato dalla precisione

e dalle infinite forme e colori della

Natura. Nei miei astratti, che ho chiamato

Banaker, non c’è un progetto predefinito:

tutto il processo creativo è molto istintivo e

legato alle sensazioni che provo in quel momento.

Banaker è la sintesi di due parole:

Banalità e Kermesse! Vivo e lavoro a Campi

Bisenzio”.

Cell: 3337266401

Email: spanugianluca@yahoo.it / Sito Internet: www.spanu6.it

92


Primo Spensierati

Artisti della Piana Fiorentina

I colori dell’autunno, olio su tela, cm 35x45

Nato a Cortona nel 1948, si è trasferito

nel 1961 a Sesto Fiorentino, dove ancora

abita. Si è avvicinato alla pittura a

olio come autodidatta nel 1979, interrompendo

la sua attività dal 1982 al 2000. Nel 2001

si è riavvicinato alla pittura, che da allora lo

accompagna in un percorso personale reso

particolarmente difficile dalla malattia.

La natura, nei suoi dipinti, non funge mai

solo da sfondo alle azioni umane, ma

racchiude in sé tutte le manifestazioni

del creato, ponendosi come chiave interpretativa

dell’esistenza. Una visione equilibrata

ed armoniosa del paesaggio domina la sua

pittura: infinito trascorrere di cieli ora scaldati

dalle tonalità del crepuscolo ora rischiarati da

un azzurro nitido come cristallo; quieto scorrere

d’acqua lungo sentieri antichi; risplendere

di luci che riempiono l’aria fino a disperdere i

contorni delle cose.. [...] non c’è inquietudine

nella pittura di Spensierati e tantomeno sfiducia

nell’essere umano e nella sua capacità

di risollevarsi. E’ il valore della vita a prevalere

su tutto e a sopravvivere nel tempo, ed oltre il

tempo, nell’immagine dipinta.

Daniela Pronestì

Lo stile di Primo Spensierati, fluido e

leggero, lontano da ingerenze scolastiche,

si mostra sincero ed essenziale,

sobrio e naturale; la schiettezza del segno,

la spontaneità dei cromatismi rendono

i suoi dipinti tutt’altro che elementari, ma

nel contempo estremamente chiari, accessibili

e comprensibili a tutti. [...] Le sue

opere nascono sia dalla memoria del tempo

trascorso con la numerosa famiglia contadina,

sia dalla realtà che ‘”incontra” nei suoi

viaggi e nelle sue passeggiate. Siano essi

paesaggi campestri, marine o scorci cittadini,

chiese e palazzi, animali, fiori o figure, tutti

sono dettati da una forte spinta emozionale.

Primo Spensierati dipinge solo quello che

lo “impressiona”, ciò che gli regala una sensazione

profonda che cerca di fermare sulla

tela. [...]

Alessandra Bruscagli

93


Artisti della Piana Fiorentina

Primo Spensierati

Gregge di pecore, olio su tela, cm 40x50, 2016

Spiaggia delle tartarughe (Sardegna), olio su tela, cm 30x60, 2008

Cell: 3401629670

Email: primo.spensierati@gmail.com

94


Artisti della Piana Fiorentina

Luigi Tarli

Prima di notte, acquerello, cm 30x40

Visioni di paesaggi dove prepotente

si sente il bisogno di superare i

“grumi” fisici, le connotazioni “narrative”

per esaltare l’evento, nella giovane

pittura di Tarli, squisitamente spaziale, il

fenomeno atmosferico che, temporale violento

o sfocato scroscio estivo, fa luce su

una verità presentita. Verità fatta di relazioni

sottili, tra stati d’animo e modo delle immagini

dove, ci sembra, il colore predomini

facendosi “segno”.

Indirizzo studio: viale Togliatti n 21 - 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Cell: 3385977022

95


Artisti della Piana Fiorentina

Mauro Ugolini

Pensieri, acrilico, cm 50x70, 2010 Di qua di là da noi, cere, cm 50x70, 2011

Pittore e poeta (insegnante di arte e immagine)

è nato a Calenzano il 30 maggio

1953 e risiede a Sesto Fiorentino. La

ricerca espressiva di Mauro Ugolini sviluppa i

paradigmi che il movimento artistico Post-Moderno

ha proposto come contesto culturale

che ha investito il pensiero filosofico, la letteratura

e l’arte negli anni di inizio del terzo millennio.

Le proposte di figurazioni che lui realizza propongono

stimoli e sensazioni che le differenti

sensibilità dei fruitori possono rielaborare liberamente

rispettando le personali percettività

strutturate e il proprio vissuto nella singola

idealità, nella personale sensibilità spirituale.

Ugolini si oppone all’esigenza di dare ordine

alla realtà sulla base di una chiave di lettura

unitaria ed univoca e nella sua ricerca vengono

esaltate (le differenze interpretative di ciascuno)

nel confrontarsi con un mondo sempre più

complesso. Questa attività può proporsi come

sottolineatura dei limiti dell’approccio razionalistico,

incapace di cogliere la propositività positiva

di ogni persona. Solo la libertà di leggere

e guardare quelle che ognuno vede e sente ci

fa conoscere la ricchezza interiore dell’umanità

nel nostro tempo. Partendo da un processo

di creazione spontanea, Ugolini ha eliminato la

presunzione di essere veicolatore di messaggi

di verità o di regole, limitandosi a predeterminare

condizioni (creativo-liberatorie) dove il

singolo, nel momento fruitivo, interagisce con

l’artista entrando nella dinamica Progettuale.

Questo permette a chi guarda di attivare dinamiche

di elaborazione interiore delle sensazioni

personali, rivisitando figurazioni fantastiche,

memorie di suggestioni vissute...scadagliando

il profondo del sè.

L’arte e la professione:

L’attività di insegnante di arte e immagine

si collega coerentemente con la sua ricerca

artistica, finalizzata alla predeterminazione

di situazioni nelle quali gli studenti trovano

occasioni dove prendere coscienza della loro

capacità di osservare lettura e produzione di

messagi visivi, sviluppando competenze che

liberano la creatività e la fantasia dagli stereotipi

e favoriscono la possibilità di interagire con

una realtà mutevole e sempre più complessa.

96


Artisti della Piana Fiorentina

Mauro Ugolini

Copia di opera classica, calco in cemento e pigmenti,

cm 37x55, 1972

Larici (aria acqua roccia e vita), acquerello, cm 50x70,

2013

Compagna di viaggio, matita, cm 33x48, 2009

Vitcong-dinamica di un ideale di tempo, calco in gesso

con azioni erosive controllate, cm 50x70, 1973-2013

Cell: 3299664135 - arte.care@gmail.com

Blog: artecare.wordpress.com

97


INDICE

Mauro Baroncini

Pietro Bellina

Filippo Benci

Marco Benvenuti

Alessandro Berti

Piero Biondi

Rosanna Boddi Bronzi

Eliana Stefania Bonacchi

Lorenzo Bonamassa

Guido Botticelli

Beatrice Brandini

Aristide Bruno

Anna Bubba

Donatella Calamai

Liberato Calenda

Julius Camilletti (Julcam)

Mario Catalano

Sandra Checcacci

Silvana Cipriani

Rosita Comparini

Mauro Conti

Giuliano Corsi

Grazia Danti

Michele De Niccolò

Fabio Deiana

Tiziana Faccendi

Luciano Faggi

Mara Faggioli

4

5

7

8

10

12

14

16

18

20

22

24

26

28

29

31

33

35

36

38

40

41

42

44

45

47

48

49

Miriam Ferretti

Valter Figoni

Maria Grazia Fusi

Elena Gheri

Cristina Landi

Giancarlo Landi

Luigi Liotta

Francesco Mariani

Massimo Meucci

Elena Migliorini

Michela Mura

Daniele Niccolai

Antonella Pancani

Federica Petrolini

Cinzia Piccini

Augusto Ranfagni

Salvatore Romano

Anna Maria Romoli

Laura Ronchi

Marta Sarti

Davide Sigillò

Marco Simonelli

Skim

Gianluca Spanu

Primo Spensierati

Luigi Tarli

Mauro Ugolini

50

51

53

55

57

59

60

61

65

67

69

72

73

75

76

78

80

81

83

85

86

88

89

90

91

93

94

Finito di stampare nel mese di dicembre 2017

presso la Nova Arti Grafiche

Via Cavalcanti, 9/D - 50058 Signa (FI)

www.novaartigrafiche.it

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!