Views
10 months ago

ilovepdf_merged-copy-1-ilovepdf-compressed

22 PALLACANESTRO

22 PALLACANESTRO Martedì 23 Gennaio 2018 - Anno 4 - N° 3 under 14 f csi Nella trasferta di Mondovì nulla da fare per le avversarie piemontesi Un’altra facile vittoria per le gialloblù Barbara Brioschi CAIRO MONTENOTTE Seconda di campionato e seconda affermazione per le nostre csi-girls in trasferta a Mondovì. Nella seconda partita del campionato affrontiamo in terra piemontese le giovani cestiste di Mondovì con le quali lo scorso anno si è vinto il campionato Avere avversarie 3 ragazze con cui abbiamo condiviso la vittoria crea un po' di emozione nelle cairese più piccole che sembrano disorientate. Ma avranno modo in campo di svegliarsi. La partita, a causa di un differente impatto fisico (Cairo gioca con 2 ragazze del 2003 in deroga), non è mai in discussione dal punto di vista del risultato. Difficile è mantenere alta la concentrazione senza permettere che il punteggio diventi troppo pesante. Basket Cairo si può permettere quindi di fare ampie rotazioni tenendo il quintetto base in campo per 4 minuti ed inserendo le 2005/06 che dimostrano di essere presenti ed impegnandosi al massimo riescono a giocare un buon basket. Il punteggio finale è 56 a 10 per le cairesi ma è il dato meno importante. Importante oggi è stato rivedere in campo un paio di ragazze del 2005 che per influenze e motivi vari nelle ultime settimane non si erano allenate con continuità. Importante oggi era mantenere alta la concentrazione in difesa ed impegnarsi nonostante la differenza. Non è raro vedere squadre che credendosi più forti non mettono impegno e non rispettano gli avversari (questo non rientra nel DNA di Basket Cairo) ma oggi le nostre atlete ci sono riuscite. Devo fare i complimenti al BC Mondovì che, nonostante queste ragazze siano in palestra da poco, ha iscritto la squadra per farle giocare e per l'impegno massimo che ci hanno messo fino allo scadere senza guardare il punteggio." Ecco le atlete scese in campo: Gigi H 6., Gambera, La Rocca M.C. 4, Boveri 5, Genta Marianna , Bergero 11, Genta Melania 6, Marrella 8, Baiocco 2, La Rocca 6, Brero 6, Gazzilli 2. Aquilotti: Senior e Junior in doppio turno Sabato impegnativo per i nostri miniatleti, impegnati sul campo di Alassio, pur nella ridotta palestra dell'istituto don Bosco per l'indisponibilità all'ultimo momento del più blasonato ed accogliente PalaRavizza, in un doppio scontro: gli aquilotti junior alle ore 10 e gli aquilotti senior che alle 11 recuperano il match rinviato per le condizioni climatiche di qualche settimana fa.Doppio impegno che chiama alcuni dei nostri atleti ad un doppio sforzo, contando la nostra compagine senior molte assenze tra le file, soprattutto per l'influenza che sta decimando i nostri ragazzi. Si parte comunque puntuali alle 10 con gli junior convocati APREA Riccardo, BAIGUINI Raffaele, BAZZANO Lorenzo, BOGAZZI Daniel, CORATELLA Marta, DELFINO Alessandro, GRILLO Chiara, PREGLIASCO Iris, RAMOGNINO Asia e RA- MOGNINO Francesco, ai quali si aggiungo gli amici dei centri minibasket SEMPERBONI Lorenzo, GAVAZZA Raffaele e DE SAVI Giacomo. Inizio contratto per i nostri atleti guidati dal dirigente-accompagnatore Maurizio Baiguini, che patiscono oltremodo la maggior tecnica degli avversari ed anche la loro maggior esperienza e fisicità nel tenere il campo. Dopo un primo tempino perso malamente senza possibilità di giocare al meglio la palla, i nostri ragazzi si riorganizzano e prendono fiducia nei periodi successivi, giocando sempre meglio e facendo vedere molta grinta verso gli avversari e mettendo in pratica al meglio quanto i coach hanno loro insegnato negli allenamenti settimanali. Anche se il referto finale parla di sei tempini persi a zero, la grinta e la capacità organizzativa dei nostri piccoli cestisti (alla prima sconfitta dopo tre vittorie consecutive) lasciano soddisfatti i coach, la società ed anche i genitori che hanno assistito ad una bella partita. Solo il tempo di riprendere fiato e si ricomincia dalla squadra senior , che agli ordini di Coach Cinzia Oliva schiera GUZZONI Giulio, BERRETTA Luca, MARTINO leonardo, MARCHISIO Bernardo, GIRIBONE Giacomo, PENNINO Angelica, CAMPANI Leonardo, PODESTA' Lorenzo, aiutati e completati dagli junior GRILLO Chiara, RAMOGNINO Asia e RAMOGNINO Francesco, BAZ- ZANO lorenzo, APREA Riccardo e DELFINO Alessandro [spero di non averne dimenticato nessuno n.d.r.] La partita inizia ancora una volta contratta, con un brutto parziale nel primo tempino , perso 10-0, prontamente riscattato da un perfetto secondo tempo vinto 10-4 . La maggior fisicità dei nostri avversari torna prepotentemente a dominare il parquet nel terzo e quarto tempino , vinti comunque da Alassio con distacchi minimi, mentre nel quinto tempo una reazione di orgoglio dei nostri ragazzi, unita ad una ritrovata precisione al tiro, porta i cinghialotti di Cairo a vincere dominando. Purtroppo tanto sforzo, e la panchina obbligatoriamente un po' scarica, portano alla sconfitta nel sesto e ultimo tempo, giocato onorevolmente dai nostri ragazzi. Quattro tempini persi contro due vinti recita il referto finale, ma torniamo da Alassio con la consapevolezza che i nostri ragazzi abbiano grinta da vendere e la capacità di mettere in campo quello che imparano tutti i giorni durante le sessioni di allenamento. Ci rivediamo la settimana prossima, tra le mura di casa, per il penultimo turno del campionato Aquilotti. B.B. BASKET UNDER 13 Basket Loano vs Basket Cairo 64 - 55 Seconda gara del girone di ritorno del campionato U13 per il Cairo che gioca sul campo di Loano; nonostante i problemi di salute dei giorni scorsi i ragazzi stringono i denti e riescono a presentarsi in nove sul parquet. 1° quarto che si sviluppa su alti ritmi e continui capovolgimenti di fronte con numerosi errori nelle conclusioni con Cairo che nel finale riesce ad ottenere un vantaggio di quattro punti sul 21 - 17. Nel secondo quarto, complice la fatica fatta nella gara U14 di sabato, il Coach deve utilizzare ampie rotazioni; questo nonostante l‘impegno die giocatori chiamati in campo comporta un calo di livello tecnico che si evidenzia nella difficoltà di concretizzare i tiri i canestri fatti ed il punteggio ne risente ed il Cairo va al riposo sotto di 7 punti. Nello spogliatoio il Coach fa recuperare mentalmente la squadra sfruttando anche la temperatura più fresca rispetto al campo di gioco; la partita riprende sula falsariga del primo quarto e sia nel terzo che nel quarto tempo i ragazzi lottano con grande impegno appoggiandosi ad un monumentale Pirotto che con il bottino realizzato ha supportato i compagni nel tentativo non riuscito di conquistare la vittoria. La squadra dopo il fischio finale ha dovuto accettare la sconfitta che ha portato con se la sensazione negativa lasciata da alcuni fischi non comprensibili. Come sempre la considerazione finale sulla partita lascia il Coach soddisfatto dal punto di vista dell’impegno e della voglia messe in campo ben sapendo che dal punto di vista tecnico bisogna ancora lavora tanto per essere ripagati da vittorie sul parquet. Questi gli atleti scesi in campo: Coratella (7), Diana (7), Servetto (1), Bagnasco, Giordano (3), Pirotti (31), Rolando (2), Butera (2), Benearrivato (2). Parziali: I° 17-21 (17-21), II° 18-07 (35-28), III° 14-13 (49-41), IV° 15-14 (64-55) B.B. - Csi Open: prima sconfitta - Incappa nella prima sconfitta stagionale la squadra Senior del Basket Cairo, che comunque su un campo ostico e difficile come quello del Mondovì si fa onore. La squadra avversaria a pari vittorie con Cairo in classifica anche se con due gare disputate in più, è una chiara favorita al salto di categoria e la fa quindi essere una avversaria temuta. Ma questo si sapeva già prima della gara per cui ci si aspettava di affrontare un match combattuto. Nonostante questo nei primissimi minuti Cairo non sembra patire e va subito sul 2-8 con una pregevole serie di Zullo e Giacchello. Poi però si spegne la luce anche perché gli avversari cominciano a martellare il canestro dalla linea da tre e segnano a raffica. Parziale inquietante che porta i piemontesi sul 18-8 e costringe coach Brioschi a chiamare time-out per far rifiatare e ragionare i suoi. Al rientro si vede una squadra più aggressiva in difesa che produce un ottimo recupero, il quarto si chiude sul punteggio di 19-15. Si immagina già che la gara sarà un continuo saliscendi e lo dimostra il secondo quarto con in campo alcuni cambi da entrambe la parti che però non sfigurano anzi danno impulso alla manovra cairese producendo un ottima difesa e palle recuperate che fermeranno il risultato all’intervallo addirittura sul più uno per il Cairo 26-27. Alla ripresa delle operazioni per almeno metà quarto la gara rimane in sostanziale equilibrio, i giocatori in campo pur non brillando e mettendo insieme giocate di pregio e banali palle perse si equivalgono e rispondono canestro su canestro, solo nella seconda metà del quarto Cairo si addormenta e non riesce più a produrre in attacco mentre Mondovì sembra graziata e segna da ogni dove infliggendo un parziale severo di 22-9 al Cairo che sembra alzare bandiera bianca. Ma i cairesi hanno forme sferiche grandi e non si lasciano intimidire sotto di 8 all’inizio dell’ultima frazione 48-40, grazie soprattutto ad un ottimo Giuliano Pera che prende per mano la squadra e suona la carica si affronta un forcing disperato che porta i cairesi al pareggio a 1 minuto dalla fine sul 56 pari. L’ultimo minuto è un mix di giocate e gite in lunetta per portare a casa la gara. L’ago della bilancia però pende verso i piemontesi che se anche non precisissimi dalla lunetta mettono alcuni liberi fondamentali, Cairo ha allo scadere addirittura 2 tiri per vincere o pareggiare ma entrambi escono per un soffio. La gara si chiude con la vittoria di Mondovì di soli 3 punti. C’è da fare una valutazione complessiva sull’immenso cuore che ha dimostrato la squadra senza mai abbattersi e combattendo sempre su ogni pallone. Una più tecnica sul valore e rispetto della palla con cui si gioca, che spesso non viene tenuto in buon conto. In questa gara molti palloni sono stati persi banalmente e alla fine questo ha contato più di altro. Nota a margine, manca una sola gara nel girone di andata che è stata rinviata e si giocherà più tardi e il Basket Cairo ha affrontato 6 gare giocando sempre contro difese a zona a volte molto conservative, e questo non ha certo giovato alla fluidità e bellezza del gioco. Parziali: 19-15; 7-12; 22-9; 11- 20. Tabellino: Pera G. 8, Brusco, Bardella 4, Pera M. 3, Patetta, Robaldo, Ravazza 13, Zullo 15, Giacchello 8, Diana, Lomonte 5. B.B.

LETTERE Martedì 23 Gennaio 2018 - Anno 4 - N° 3 23 Lettere al Direttore Dai ragazzi del ’99 ai giovani del 1999 Sono passati quasi cento anni dalla fine del primo conflitto mondiale, allora nella fase cruciale ella guerra, fu chiamata al fronte la giovane leva del 1899, erano perlopiù ragazzi che provenivano dalle campagne, abituati già al duro lavoro, molti di loro avevano avuto una bassa istruzione, nemmeno elementare, perché già da piccoli furono avviati al lavoro per aiutare la famiglia. Ma sul fronte, nelle trincee, servivano aiuti e forze fresche, ragazzi mandati allo sbaraglio senza una minima preparazione, sottratti da un mondo rurale e famigliare duro ma molto diverso. La decisione degli alti comandi militari fu irrevocabile, suscitando polemiche e dissensi, molti di loro non tornarono, sacrificando la loro giovane vita, per una patria, che era stata ingenerosa. Negli anni successivi, nelle ricorrenze del XXV Aprile, i reduci del ’99 furono il ricordo e l’emblema delle atrocità della Grande Guerra. Oggi, a cento anni di distanza la leva del 1999 sarà per la prima volta a votare per le prossime elezioni politiche. Tutt’altra cosa, rispetto a una volta, ma comunque importante, come ha dichiarato il nostro presidente della Repubblica, che ha invitato i giovani a partecipare alle nuove elezioni con senso del dovere e della responsabilità verso lo Stato, anche per rispetto e ricordo di quello che fecero i valorosi ragazzi del ’99. Due storie diverse che a distanza di cento anni accomunavano due leve, per il futuro del nostro paese, per il quale i principi democratici della nostra Costituzione, per 70 anni ci hanno garantito un lungo periodo di pace e di governabilità, che deve poter continuare, senza improvvisati e incerti cambiamenti. Giorgio Crocco La testa fra le nuvole Stavo passeggiando, quando ho incontrato il mio amico........, ovviamente non è il suo vera nome ma il soprannome che gli è stato rifilato per la sua distrazione, proprio come uno anziché sulla terra passeggia fra le nuvole. Dopo i solito convenevoli, abbiamo parlato del più e del meno, con accenni ad alcuni fatterelli che ci erano capitati. Mi ha fatta ridere quando mi ha raccontato quella che le è successo in un ristorante cittadino.Dopo la cena, per una necessità fisiologica si è recato alla toilette, nell'antibagno le parti erano tappezzate completamente da righi musicali, aprendo la porta del bagno si è trovato uno che gli veniva incontro. Chiestali scusa per l'indebita ingerenza ha richiuso la porta in faccia all'intruso e si è messo in attesa. Poiché conosceva la musica, ha passato qualche minuto leggendo e fischiettando un'aria di Schuman scritta sulle pareti nell'antibagno. Vedendo che l'intruso non usciva si è permessa di bussare, anche perché la necessità fisiologica si faceva impellente, non ricevendo la risposta ed un poco preoccupato ha aperto timidamente la porta e con sua grande sorpresa ha rivista l'intruso venirgli incontro. Sorpreso si è guardata intorno accorgendosi che le pareti della toilette erano specchi e l'intruso non era altro che se stesso, finalmente riconoscendolo.Ridendo di sé e rientrata nella sala dove i commensali, non avendola vista per tutto quel tempo erano sul punto di cercarlo .Non voleva dire quella che gli era successo ma essendo sempre fra le nuvole, senza pensare, ha raccontato il fatto suscitando l'ilarità di tutti. Anche io mi sono fatta una risata e per dimostrargli la mia solidarietà gli ha raccontata un fatto mio dopo di che lui ha replicato: “E vedi che fra le nuvole siamo almeno in due”. Il fatto: dopo una giornata trascorsa in spiaggia mi sono recato con mia moglie al ristorante. Il cameriere ricevute le nostre richieste ci ha servito il vino e l'acqua. Nell'attesa delle vivande mi sono recato alla toilette per lavarmi le mani. Al mio rientro anche mia moglie va alla toilette. Mi siedo al tavolo e nell'attesa assaggio il vino. L'attesa si prolungava più del lecito e mentre cominciavo a pensare che mia moglie fosse stata trattenuta per qualche inconveniente sento il cameriere che sicuramente stupito, dice: “Lei signora è sola?” Lei altrettanta stupida dice di attendere il marito che è andato alla toilette. A quel punto mi giro e vedo mia moglie seduta al tavolo dietro di spalle, dietro di me. Enrico Caviglia X PARTECIPAZIONE AL LUTTO Il direttore e tutto lo staff di “CartaBianca News” partecipano al lutto e al dolore dei Familiari per le morti di Valentino Caviglia (Cairo Montenotte) e della signora Maria Savi ved. Bruna (Cortemilia) rispettivamente padre di Giorgio e madre di Lalo, amici e collaboratori del settimanale, con sentimenti di stima, affetto e gratitudine. È mancato all’affetto dei suoi cari fRanco cecchin (Bosco) di anni 71. Ne danno il triste annuncio la moglie Ivana, il figlio Roberto con Alessandra e la piccola Matilda e parenti tutti. I funerali avranno luogo nella Chiesa Parrocchiale San Lorenzo di Cairo Montenotte mercoledì 24 gennaio alle ore 15, ove la cara salma giungerà direttamente. È mancato all’affetto dei suoi cari Giacomo Bosio (lino) di anni 85. Ne danno il triste annuncio la moglie Iolanda, i figli Silvana e Germano, la nuora Lorenza, il genero Giorgio, la nipote Denise, il fratello, le sorelle, i cognati, le cognate, i nipoti e parenti tutti. I funerali avranno luogo nella Chiesa Parrocchiale San Lorenzo di Cairo Montenotte martedì 23 gennaio alle ore 15. È mancata all’affetto dei suoi cari Giovanna molinaRi vedova mainetto di anni 92. A esequie avvenute in forma provata per volontà dell’estinta ne danno il triste annuncio il tato Giovanni, la figlia Anna con Giorgio, le nipoti Barbara con Roy e Giorgia con Esteban, le piccole pronipoti Nina e Ysè. È mancata all’affetto dei suoi cari Rita Romano in Gandolfo di anni 87. Ne danno il triste annuncio il marito Carlo, la figlia Fernanda, il genero Adriano, il nipote Adriano Junior e parenti tutti. I funerali hanno avuto luogo nella Chiesa Parrocchiale San Lorenzo di Cairo Montenotte mercoledì 17 gennaio alle ore 15 ove la cara salma è giunta direttamente. È mancato all’affetto dei suoi cari GiancaRlo Rizzo di anni 73. Ne danno il triste annuncio la moglie Angela, i figli Monica e Gabriele, il genero Leszek, la nuora Margherita, i nipoti Lorenzo, Lavinia, Alessandro e Federico, la sorella, parenti e amici tutti. I funerali hanno avuto luogo nella Chiesa Parrocchiale di Cairo Montenotte sabato 20 maggio alle ore 11 ove la cara salma è giunta direttamente.