Views
4 months ago

A RITROSO SCRIVENDO

IL REFERENDUM GRECO E LA

IL REFERENDUM GRECO E LA DEMOCRAZIA DIRETTA In Europa molti sono rimasti «turbati» dall’annuncio del premier Papandreou di indire un referendum sulle misure economiche richieste per il piano di salvataggio della Grecia. Non trova anche lei che ci sarebbe da approfondire il significato di questa «apprensione»? Se è vero che il referendum è lo strumento principe della democrazia diretta, c’è sempre chi delle decisioni del popolo sovrano non si fida molto. Dovremmo tutti ricordarci che proprio vivendo in un sistema democratico, rappresentativo o meno che sia, e andando a votare, ciascun popolo si merita sempre e solo ciò che ha. Altrimenti che democrazia sarebbe e perché ne avremmo bisogno? Mario Taliani Caro Taliani, Dare la voce al popolo sovrano è molto spesso la soluzione più democraticamente corretta. Quando si accorse che i moti del ‘ 68 stavano precipitando il Paese nell’anarchia, il presidente De Gaulle dichiarò che la situazione era diventata “inafferrabile”, sciolse l’Assemblea nazionale e chiamò i cittadini alle urne. Quando ha capito che la sua politica economica e finanziaria aveva creato dissensi e malumori, il premier spagnolo José Luis Zapatero ha deciso di farsi da parte e ha anticipato le elezioni. Quando si accorgono che la delega conferita dagli elettori ha perduto una parte della sua originale efficacia, i premier britannici non esitano a interrogare l’elettorato. Naturalmente il ricorso alle urne è tanto più utile quanto più il processo è rapido e produce nel giro di poche settimane un nuovo governo. In Italia, come è noto, i tempi sono più lunghi di quelli delle maggiori democrazie europee. Sull’opportunità del referendum, che lei definisce il principe della democrazia diretta, ho invece qualche dubbio. Sono utili e qualche volta indispensabili quando occorre modificare la forma istituzionale dello Stato o chiamare gli elettori a pronunciarsi su quesiti relativamente semplici. Diventano inopportuni e pericolosi quando al cittadino viene sottoposta una materia complessa con domande a cui è pressoché impossibile rispondere con un sì o con un no. Nella maggior parte dei casi il risultato rischia di 12

essere la fotografia degli umori popolari in una particolare circostanza e di vincolare il Paese anche quando le condizioni saranno alquanto diverse. Allorché un gruppo di deputati del partito conservatore britannico, nelle scorse settimane, ha chiesto un referendum sull’appartenenza del Regno Unito all’Unione europea, il primo ministro David Cameron ha rifiutato lasciando capire che il Paese non aveva interesse, in questo momento, ad accrescere con una consultazione popolare le incertezze e la gravità della crisi. Credo che il primo ministro greco avrebbe dovuto ispirarsi all’esempio di Cameron e ricordare che vi sono Paesi (l’Italia per esempio) in cui i referendum su materie fiscali sono espressamente esclusi. George Papandreou avrebbe dovuto ricordare inoltre, prima di avanzare la proposta, che l’Eurozona è ormai un corpo composto da beni comuni e interessi complementari, con uno straordinario tasso di solidarietà e interdipendenza. Molti lettori potrebbero replicare che la democrazia greca ha il diritto di esprimersi. Risponderei che la Grecia ha certamente il diritto di uscire dall’area dell’Euro. Ma un voto sull’intero pacchetto finanziario, deciso per il salvataggio del Paese, avrebbe dato a undici milioni di greci, se Papandreou non fosse stato costretto a cambiare opinione, il diritto di decidere la sorte di circa trecento milioni di cittadini dell’Eurozona. Sergio Romano Corriere della Sera (5 novembre 2011) 13

Dispensa Casa Bianca.qxd - Cineforum del Circolo
Il fascicolo n.107 in PDF - Istoreco
"l'impegno" in formato pdf - Istituto per la storia della Resistenza e ...
A-Colophon+ indice - Centro di Documentazione Del Boca – Fekini
Le guerre di Augusto contro i popoli Alpini - mura di tutti
9 Conversazioni su_Costruire le Istituzioni della democrazia.qxp
L'attività parlamentare di Sergio Silvestris
IL 15 GIUGNO AVREBBE COMPIUTO 90 ANNI ... - fleming press
Il colonnello Luca e un omicidio politico impunito - Istituto per la ...
Le legioni romane nella guerra d'Annibale - mura di tutti
1969/2009 - QUARANT'ANNI DOPO - Corriere della Sera
La politica mediterranea dell'Italia: continuità e cambiamenti
Scarica gratis - AgenziaX
"l'impegno" in formato pdf - Istituto per la storia della Resistenza e ...
E-book FrancoAngeli - Franco Angeli Editore
La Globalizzazione (pdf 1,74 Mb) - Marone a Colori
Dalla fine della Grande Guerra alla Resistenza - In Val Trompia
Libro-Omaggio-Chiarelettere
l'anno della Costituzione - Istituto per la storia della Resistenza e ...