Views
10 months ago

A RITROSO SCRIVENDO

Lettere al Corriere AL

Lettere al Corriere AL CONSIGLIO REGIONALE L’inno di Mameli E così dei consiglieri regionali lombardi hanno deciso di passare al bar i 70 secondi necessari per intonare l’inno di Mameli all’inizio di ogni seduta. Chissà se utilizzeranno questo tempo per parlare di politica, perché è per questo che sono stipendiati dai cittadini lombardi. A firma Italo Mariani, Parma Corriere della Sera (17 marzo 2011) 28

COME CELEBRARE L’UNITÀ NELLA PROVINCIA DI BOLZANO La Provincia autonoma di Bolzano ha così deciso di non partecipare ai festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia. La conferma è nelle parole del presidente della giunta provinciale Luis Durnwalder: «Noi ci sentiamo una minoranza austriaca e non siamo stati noi a scegliere di far parte dell’Italia. Anche per questo motivo non abbiamo grande interesse di parteciparvi». Personalmente non me la sento di criticare aprioristicamente questa decisione che rispecchia una sorta di coerenza locale. Considerato poi soprattutto che lo Stato italiano gli altoatesini della Provincia autonoma di Bolzano li «strapaga» anche per questo. A firma Italo Mariani, Parma Caro Mariani, Non credo che gli italiani abbiano il diritto di pretendere dai loro connazionali di lingua tedesca una partecipazione gioiosa alla celebrazione di un evento che i loro antenati hanno vissuto sull’altro lato della frontiera. Non possiamo chiedere patriottismo a chi ha avuto un’altra patria e altre tradizioni culturali. Fino al 1918 un numero considerevole di italiani ha sostenuto i movimenti irredentisti nel Trentino e nella Venezia Giulia. Possiamo dimenticare che i bolzanini di lingua tedesca sono per certi aspetti in una situazione non diversa da quella dei trentini e dei triestini prima della Grande guerra? Lasciamo quindi ai nostri connazionali di lingua tedesca il diritto di astenersi da una partecipazione che sarebbe, nella migliore delle ipotesi, ipocrita e opportunistica. Il caso del presidente della Provincia è diverso. Come ha ricordato Gian Antonio Stella in un articolo recente (Corriere del 15 febbraio), Luis Durnwalder aveva dato la sensazione di volere abbattere il muro invisibile che ha continuato a separare le due comunità nonostante la felice soluzione del problema altoatesino. Oggi sembra avere adottato una linea più «tirolese». Può darsi che sia tirato per la giacca dalla componente più radicale della società politica della provincia e che gli sembri conveniente, per il suo futuro, assumere toni più esplicitamente nazionalisti. Sull’opportunità e l’utilità di questa svolta giudicheranno gli elettori alla prossima occasione. Oggi, tuttavia, Durnwalder dovrà ricordare che ha una carica isti- 29

Il fascicolo n.107 in PDF - Istoreco
"l'impegno" in formato pdf - Istituto per la storia della Resistenza e ...
9 Conversazioni su_Costruire le Istituzioni della democrazia.qxp
Le guerre di Augusto contro i popoli Alpini - mura di tutti
Dispensa Casa Bianca.qxd - Cineforum del Circolo
A-Colophon+ indice - Centro di Documentazione Del Boca – Fekini
Scarica gratis - AgenziaX
La politica mediterranea dell'Italia: continuità e cambiamenti
"l'impegno" in formato pdf - Istituto per la storia della Resistenza e ...
Libro-Omaggio-Chiarelettere
per scaricare la rivista clicca qui - Cine Circolo Romano
C R I T I C A • C U L T U R A • C I N E M A - Cine Circolo Romano
Apri versione integrale in pdf del fascicolo e copertina 2011 n° 3
"Noi. Testimonianze e documenti in un libro per S. Lorenzo di ...
Numero 8 - Associazione Nazionale Carabinieri