Views
2 weeks ago

IL BOLLETTINO - Gemeindebrief CCPM (März-marzo - Juni-giugno 2018) - PACE & RICONCILIAZIONE - FRIEDEN & VERSÖHNUNG (WEB)

Al boicottaggio di

Al boicottaggio di Montgomery seguirono molte altre azioni e manifestazioni non violente che scatenarono reazioni da parte della polizia e oppositori talvolta violenti. Vi furono non solo arresti ma anche feriti e morti. Lo stesso M. L. King venne arrestato piú volte e vennero lanciate bombe a lui e alla sua famiglia. La manifestazione pacifista del 28 agosto del 1963 a Washington, alla quale parteciparono più di 250.000 persone, fra cui 60.000 bianchi, contribuì in modo rilevante a far sì che il presidente Johnson firmò il “Civil Rights Act” il 2 luglio 1964, che mise fine alla discriminazione razziale. Grazie a successive manifestazioni e al supporto del presidente Johnson si arrivò nel 1965 a emanare una legge, la “Voting Rights Act” che consentiva agli afroamericani di poter votare senza restrizioni. Le due grandi mete vennero così raggiunte. M. L. King si attivò a questo punto affinché i diritti a tali leggi venissero effettivamente esercitati e sempre più si occupò della giustizia sociale in generale, sia per i neri che per i bianchi. Per questo motivo e grazie alla sua lotta senza violenza l´10 dicembre del 1964 King ricevette il premio Nobel per la pace. Nel suo discorso disse: “Se ci penso bene, concludo che questo premio, che ricevo per quel movimento, è un profondo riconoscimento della nonviolenza quale risposta alle questioni cruciali, politiche e morali del nostro tempo: la necessità per l’uomo di superare l’oppressione e la violenza senza ricor-

ere alla violenza e all’oppressione. (…) Se questo deve essere perseguito, l’uomo deve elaborare per tutti i conflitti umani un metodo che respinga la vendetta, l’aggressione e la rappresaglia. Il fondamento di questo metodo è l´amore.” Anche se si può dubitare che la non violenza sia il giusto mezzo per opporre resistenza a dittature brutali che non hanno paura di genocidi, le parole di M. L. King sono di grande profondità e verità e rappresentano anche oggi una sfida. Nelle nostre società civilizzate siamo ancora ben lontani dall´aver raggiunto la giustizia sociale e il razzismo esiste ancora, sia in Europa che negli USA. Il sogno (o visione) di King di una società mondiale fraterna è ancora attuale ed è un bene per noi ricordarlo e capirlo a distanza di 50 anni dal suo assassinio. Tradizione: Pinuccia Ferrario

Bollettino 21 - Parrocchia di Sant'Abbondio
Italian AM for WEB
bollettino parrocchiale dicembre 2011 - Parrocchia San Benedetto
Bollettino d'informazione giugno 2003 (n°90) - ASNI
bollettino 2009 bassa definiz..pdf - Flumignano Giovane Web Site
Anno 1 – N. 6 Bollettino Parrocchiale Giugno 2013 - Basilica di ...
Bollettino Dicembre 2010 - Parrocchia CARPENEDOLO