Views
5 months ago

1_CDF_La Storia_17.01.2018

il 19 gennaio 2009

il 19 gennaio 2009 succede qualcosa: viene allontanato il direttore INCA. Anzi viene trasferito ad un altro Patronato, il patronato INAC, situato poco distante negli stabilimenti della sede di La Pagina, un noto giornale dell'emigrazione. Qui ci rimane per altri 6 mesi quando, in luglio 2009, viene arrestato. Cronologia della Truffa. L’ INCA fa unicamente una segnalazione interna che va anche al Consolato generale d’Italia e solo l’18 marzo 2009. Avvisa di assumere le decisioni e i comportamenti che i destinatari riterranno opportuni 7 . Non ci fu nessuna informazione pubblica. Né dalla stampa, né dalle autorità predisposte come il locale Comites, l’organo che rappresenta la comunità italiana a Zurigo. Di conseguenza il delinquente indisturbatamente può continuare a truffare la gente. Il 16 settembre 2015 il direttore INCA è condannato dal tribunale distrettuale di Zurigo per truffa, falso e appropriazione indebita a 9 anni di reclusione. È riconosciuto colpevole di aver raggirato 12 milioni di franchi a 76 connazionali. In veste di direttore del patronato che dipende dalla CGIL aveva gestito fra il 2001 e il 2009 le prestazioni previdenziali prelevate 7 Allegato 5: Avviso INCA dell’18 marzo 2009 6

illegalmente a 250 persone per la maggior parte pensionati, per una somma complessiva di 34 milioni di franchi 8 . 1.3 La truffa all' INCA di Zurigo non è unica La truffa perpetrata all’INCA non è l’unica del suo genere ma casi simili sono accaduti in vari patronati in Svizzera, Germania, Canada, Brasile e in Sud Africa. Viene alla luce che il Consolato Generale di Zurigo era stato avvisato varie volte in passato su irregolarità all’INCA senza che fossero mai state intraprese contromisure. La prima volta nel 2004 e l'allora Console Generale di Zurigo, Min. Plen. Bernardo Carloni, era contemporaneamente anche Segretario Esecutivo del CGIE, il supremo organo rappresentativo dell'emigrazione italiana nel mondo. Si apprende che il direttore INCA era stato direttore amministrativo del rinomato ristorante socialista Cooperativo di Zurigo e redattore del giornale socialista “L’Avvenire dei Lavoratori” ed era stato in procinto di diventare presidente della Federazione Socialista Italiana in Svizzera (FSIS). Nel 2000 viene però espulso dal partito perché i dirigenti furono avvisati di una sua frode nei confronti di un suo assistito. Peccato che non abbiano esposto denuncia o almeno avvisato chi di dovere. Avrebbero evitato parecchi problemi a tanti operai emigrati a Zurigo e d'intorni per i quali il partito socialista dovrebbe avere in teoria un riguardo speciale. 1.4 Le autorità preposte rimangono inattive Dopo che i cittadini chiedono insistentemente chiarezza il 12 settembre 2009, dopo un anno e mezzo dalla denuncia al Console, i responsabili delle istituzioni dell'emigrazione di Zurigo, incontrano la comunità italiana alla Casa d’Italia di Zurigo per una riunione informativa. 8 16.09.2015 Notizia SWISSINFO della sentenza del tribunale distrettuale di Zurigo http://www.swissinfo.ch/ita/zurigo--decine-di-pensionati-italiani-truffati--condannato-a-9-anni/41665362 . 7

Parma oltre Parma - Camera di Commercio Italiana per la Svizzera
che pratichiamo dal 1958 ha oggi un nome - Camera di Commercio ...
OFFERTA (pdf) - Camera di Commercio Italiana per la Svizzera
che pratichiamo dal 1958 ha oggi un nome - Camera di Commercio ...
La prospettiva migliore per la Svizzera - zu Antonio de Grada
PDF Passaporto Ospitalità - Ticino
Rivista SWISSLIFE Primavera 2013
PENSIONAMENTO PENSIONAMENTO - Alter & Migration
download PDF - La Voce
Programma - Ministero del lavoro, salute e politiche sociali
un dovere al diritto - Camera di Commercio Italiana per la Svizzera
download PDF - La Voce
Uno sguardo al settore automobilistico. Con tema centrale - AGVS
Dichiarazione di Caritas per la lotta alla povertà ... - Armut halbieren
La sfida dell'obesità strategie di risposta - Sinu
POLITICA DIFFERENZIATA - Pina Picierno
Clicca qui - Consolato Generale d'Italia a Boston
download PDF - La Voce