Views
10 months ago

CRIMINI VAT

la morte mettendoli

la morte mettendoli nelle mani di bande di miliziani estremisti Hutu. Costui, che fu giudicato da un tribunale ruandese, fu assolto dalle accuse per mancanza di prove, ma la stampa locale riferì che sicuramente c’erano state forti pressioni diplomatiche per il suo rilascio da parte del Vaticano. Il razzismo contro gli Ebrei Le persecuzioni degli Ebrei da parte dei cristiani cominciarono già nel 4° secolo allorché questi ultimi iniziarono ad incendiare le sinagoghe ed altri luoghi di culto, poi il Concilio di Toledo del 694 decretò la riduzione degli “infedeli” in schiavitù, ordinò la confisca dei loro averi ed il battesimo coatto dei loro bambini. Chi si ribellava veniva soppresso. Nel 1096, all’inizio della prima crociata, furono uccisi in tutta Europa circa 10.000 Ebrei, le città più colpite furono quelle del Centroeuropa che subirono anche saccheggi da parte dei crociati cattolici. In Germania, a Worms, furono uccisi 500 Ebrei, a Magonza mille, altri a Metz, Treviri, Colonia, Ratisbona, Neuss, Wevelinghofen, Xanten. Quando i crociati arrivarono a Praga fecero un vero e proprio massacro contro gli “anticristiani” uccidendone qualche migliaio. Durante le successive crociate vennero uccisi Ebrei francesi nelle città di Ham, Sully, Carentan e Rameru, poi ci fu il saccheggio e lo sterminio di intere comunità ebraiche stabilitesi in Inghilterra a Londra, Canterbury, Northampton, Lincoln, Cambridge ed altre città, con un numero imprecisato di vittime. Finite le crociate gli Ebrei che abitavano nei Paesi cattolici continuarono ad essere perseguitati ed uccisi; essi vivevano un’esistenza sempre più disumana, erano scherniti, umiliati, torturati o messi al rogo per un nonnulla poiché la Santa Inquisizione aveva decretato che dovevano essere considerati eretici e in quanto tali dovevano essere oppressi. D. Kertzer - I Papi contro gli Ebrei, il ruolo del Vaticano nell'ascesa dell'antisemitismo moderno - Rizzoli. ~ 38 ~

Con il 4° Concilio Lateranense del 1215, papa Innocenzo 3° impose a tutti gli Ebrei che risiedevano nei Paesi cristiani di portare un contrassegno di stoffa ben visibile cucito sul proprio abito affinché fossero ben riconoscibili; alle donne era imposto un velo giallo che oltretutto era il contrassegno delle prostitute. Ma queste restrizioni non furono niente rispetto ai fatti che si andavano verificando poiché i cronisti dell’epoca ci fanno sapere che dalla fine del 13° secolo alla fine del 14° in tutta Europa ci furono persecuzioni e stermini: in Boemia nel 1290 furono espulsi o uccisi 10.000 Ebrei; in Baviera, Austria e Polonia nel 1337 ci furono migliaia di vittime; a Basilea e Strasburgo nel 1348 furono bruciati sul rogo 2.000 persone; l’anno successivo in quasi tutte le città della Germania vennero soppressi tutti i cittadini di fede ebraica; nel 1389 a Praga gli Ebrei macellati furono 3.000, mentre nel 1391 nella città spagnola di Siviglia e in Andalusia, sotto la guida dell’arcivescovo Martinez, ne vennero soppressi circa 4.000 ed altri 25.000 vennero venduti come schiavi. Nel 1555 papa Paolo 4° volle peggiorare le condizioni di vita delle comunità ebraiche che vivevano nello Stato Pontificio ed emanò la bolla Cum nimis absurdum contro gli “insolenti” Ebrei definiti deicidi che osavano vivere in mezzo ai cristiani; così istituì due ghetti, a Roma e ad Ancona, denominati “Serraglio degli Ebrei”. Quello di Roma era un territorio di poco più di un ettaro situato nel rione Sant’Angelo lungo il corso del Tevere, con misere casupole che in caso di piena del fiume venivano completamente allagate. Era delimitato da un muro di recinzione con due porte di accesso e vi abitavano circa 2.000 persone. Oltre all’obbligo di risiedere all’interno del muro, gli Ebrei dovevano continuare a portare un distintivo che li Il ghetto di Roma verso la metà del 1800. rendesse identificabili; venne proibito loro di possedere immobili, di esercitare qualunque commercio ad eccezione di quello degli stracci e dei vestiti usati e molte altre limitazioni. Paolo 4° istigò anche i regnanti di altri Stati affinché anche loro segregassero gli Ebrei, così dal 16° al 18° secolo in quasi tutti i grandi e piccoli centri ~ 39 ~

Otto mesi a Roma durante il Concilio Vaticano : impressioni di un ...
Scarica la rivista - mondosalute
Di Pietro Gerardo 30 anni di cronache da Morra De Sanctis e dei ...
a_sud_europa_anno-8_n-44
Scarica il monografico - Pollicino Gnus
In questo numero: Concilio Vaticano II 2009-2010 - Diocesi ...
Mattacchine - Numero 7 - C.O.E.S. onlus - Coesonlus.it
Madrugada numero 68 - Associazione Macondo
il convegno diocesano nel segno della fede ora di religione
Linnio Accorroni (Stilos), Elettra Aldani (D- la ... - Satisfiction
maggio 2013 - I Siciliani giovani
000 : TRACCE:32:WEB - TraccEdizioni.it
000 : TRACCE:31:WEB - TraccEdizioni.it
Numero 29 - Ricre.Org