Views
1 week ago

CRIMINI VAT

(del resto, oppositori

(del resto, oppositori politici ce ne dovevano essere molti), ma di qui a dire che costui sia stato mandato sulla terra da un Dio (natura divina), abbia fatto dei miracoli e poi sia morto e resuscitato, questo per i critici è pura fantasia. Del resto anche i primi cristiani stessi non gli attribuirono una natura divina, questa gli fu attribuita pian piano come evidenzia il confronto fra il Vangelo di Marco, nel quale Gesù è rappresentato come “figlio dell’uomo” (2/10 - 2/28 - 8/31 - 8/38 - 9/9 - 9/12 - 9/30 - 10/33 - 10/45 - 13/26 - 14/21 - 14/41 - 14/62) o “Re dei Giudei” (15/2 - 15/9 - 15/12 - 15/18 - 15/26) e quello posteriore di Giovanni. Gesù è inoltre raffigurato come uomo d’azione, un esorcista, un guaritore, e da qui ad essere etichettato come operatore di miracoli il passo è breve. Altri dubbi sulla reale esistenza di Gesù nascono dal fatto che le prime notizie su di lui risalgono alla metà del 1° secolo e si trovano nelle Lettere di Paolo, che sono precedenti ai Vangeli. Si tratta dunque di testimonianze da parte di una persona che dichiaratamente non ha mai incontrato colui di cui predica. Anche tutti i personaggi biblici che hanno menzionato Gesù, a cominciare dai quattro evangelisti, Matteo, Marco, Luca e Giovanni, lo hanno fatto per sentito dire, ma nessuno lo ha mai conosciuto personalmente. Anche nei documenti storici contemporanei o poco successivi alla sua epoca, di lui non si parla mai; solo fra la fine del 1° secolo e l’inizio del 2° quattro storici, Flavio Giuseppe, Plinio il Giovane, Svetonio e Tacito, ne fanno qualche vago riferimento, ma sempre per sentito dire. Tutto ciò è sufficiente a provare l’esistenza di Gesù? I cattolici affermano di si, ma allora con lo stesso metro di giudizio l’Iliade, l’Odissea e altri poemi epici, dimostrerebbero l’esistenza dei personaggi e delle divinità greche che giustamente nessun cristiano sarebbe disposto ad accettare come reali. Un altro dubbio sulla reale esistenza di Gesù nasce anche dal fatto che gli Ebrei non ci credano: loro stanno ancora aspettando il Messia che dovrà salvarli… Chi ha ragione? C’è inoltre da dire che all’interno degli stessi Vangeli esistono evidenti incongruenze su alcuni dati fondamentali della vita di Gesù: 1) Data di nascita: prima del 4° secolo ne erano elencate almeno quattro: 28 marzo, 18 o 19 aprile, 29 maggio. Dopo fu fissata il 25 dicembre, mentre in Oriente usavano celebrarla il 6 gennaio. Ancora più incerto l’anno: l’inizio dell’era volgare (nascita di Gesù) fu stabilito nel 6° secolo dal monaco Dionigi il Piccolo, ignaro delle contraddizioni in cui era incorso il testo dell’evangelista Matteo a cui si riferiva; il contrasto con i dati storici è stridente: l’evangelista Matteo scrisse che Gesù nacque a Betlemme al tempo di Re Erode (2/1-3) e che quest’ultimo ~ 52 ~

chiese ai Re Magi notizie sul bambinello neonato poiché anch’esso intendeva conoscerlo e adorarlo (2/7-8), poi seguono altre vicende: la fuga in Egitto (2/15), la Strage degli Innocenti (2/16) ecc. (da notare che nessuno storico dell’epoca ha riportato tale avvenimento cioè una strage di bambini), mentre si sa per certo che Erode morì nell’anno 750 di Roma, cioè 4 anni prima dell’ipotetica nascita Re Erode con i Re Magi. di Gesù – E ancora: l’evangelista Luca parla di un censimento romano avvenuto nei giorni della nascita di Gesù (2/1-7) mentre le cronache dell’epoca fanno risalire l’avvenimento all’anno 6 d.C., censimento voluto dal nuovo governatore Quirino – L’evangelista Matteo indica che i Re Magi, nel loro cammino verso Betlemme, seguirono una stella (2/1- 12) ma nell’anno zero, secondo precisi calcoli astronomici, non ci furono passaggi di comete ad illuminare il loro tragitto. 2) Riguardo alla vita di Gesù gli stessi Vangeli sono scarsi di notizie peraltro poco attendibili. Anche le fonti di origine pagana ed ebraica, analizzate alla luce di una seria critica, si sono rivelate inconcludenti o addirittura interpolate da mano cristiana. Per quanto riguarda i miracoli attribuitigli, o sono frutto di pura fantasia degli autori degli scritti (per farlo apparire un personaggio soprannaturale) oppure il soggetto in questione può essere stato un abile prestigiatore ed aver ingannato la gente con le sue magie; del resto illusionisti ce ne dovevano essere anche a quell’epoca poiché in un Gesù ridà la vista ad un cieco. passo del Vecchio Testamento si può leggere: “Mosè ed Aronne andarono dal Faraone ed eseguirono ciò che il Signore aveva loro comandato: Aronne gettò il proprio bastone davanti al Faraone e ai suoi servi e il bastone divenne un serpente, allora il Faraone convocò i suoi sapienti, gli incantatori e i maghi d’Egitto e anch’essi, con le loro magie, fecero la stessa cosa, ciascuno gettò il proprio bastone ed essi divennero serpenti, ma il bastone di Aronne inghiottì i bastoni dei maghi” (Esodo 7/10-12). ~ 53 ~

Mattacchine - Numero 7 - C.O.E.S. onlus - Coesonlus.it
Il Vaticano e lo stato : studi e proposte
Madrugada numero 68 - Associazione Macondo
14 dicembre 2008 - Il Centro don Vecchi
Nuova antologia
Antologia; giornale di scienze, lettere e arti
000 TRACCE 34 WEB - TraccEdizioni.it
Maddalena - Figlie della Chiesa
Scarica la rivista - mondosalute
Gennaio-Aprile - Ex-Alunni dell'Antonianum
religioni - Homolaicus
crimini sessuali - Marco Cannavicci
Nuova antologia
Nuova antologia
Nuova antologia
Razzismo di Stato - Federazione Anarchica Italiana
scarica il pdf - Mese Sport
scarica il pdf - Mese Sport
S ocietà Talenti - CONI, Piemonte
N.107 aprile (8,2Mb Pdf) - la Notizia
Nuova antologia
Panorama - Edit
=T- Ife
7YnxQKNzr