Views
6 months ago

CRIMINI VAT

(Esodo 7/15 – 8/11)

(Esodo 7/15 – 8/11) – Dio disse a Mosè di andare dal Faraone e di riferirgli che se non avesse lasciato libero il popolo ebraico, lui stesso avrebbe duramente punito tutto il popolo egiziano. Mosè ubbidì ma il Faraone non accettò la proposta, allora Dio comandò a Mosè: “Digli a tuo fratello Aronne di prendere il suo bastone e di percuotere le acque degli egiziani, i fiumi, i canali, gli stagni e ogni serbatoio d’acqua ed esse diventeranno sangue, così ci sarà sangue per tutto l’Egitto, persino nei vasi di legno e di pietra”. Così fu fatto, le acque diventarono sangue, i pesci del Nilo morirono, sicché il fiume puzzava e gli Egiziani, non potendo bere l’acqua, scavarono nuovi pozzi. Di nuovo il Signore decise di infliggere un’altra dura punizione al popolo egiziano; chiamò Mosè e gli disse di andare dal Faraone e riferirgli queste parole: “Lascia libero il mio popolo affinché mi possa servire¹, se non lo farai il Signore farà venire un’invasione di rane che entreranno nella tua casa, nella tua camera, nel tuo letto, in casa dei tuoi servi, fra il popolo, nei tuoi forni e nelle tue madie”. Il Faraone non accettò e così ci fu l’invasione di rane. Poi il Faraone, pentito, disse a Mosè di pregare il Signore perché facesse allontanare le rane e lui avrebbe liberato il suo popolo. Dio esaudì la richiesta di Mosè, così le rane morirono e imputridirono emanando gran fetore. Ma il Faraone ci ripensò e non mantenne la parola data. (Esodo 8/12 – 11/10) – Allora il Signore disse a Mosè: “Di’ ad Aronne di prendere il suo bastone e con esso percuotere la polvere della terra, così essa diventerà zanzare per tutto il paese d’Egitto” Così fu fatto e ci fu l’invasione delle zanzare, ma il Faraone non cedette. Ancora una volta Dio ordinò a Mosè di riferire al Faraone che se non avesse liberato il suo popolo, lui avrebbe mandato uno sciame di tafani per invadere le sue case e tutto il suolo del popolo egiziano, e siccome lui era il sovrano Signore di questo Paese, avrebbe risparmiato dall’invasione dei tafani le terre del popolo ebraico. E così avvenne, molte terre furono danneggiate dai tafani e ancora una volta il Faraone promise la libertà agli Ebrei, ma ciò non avvenne. Poi Dio mandò altre “piaghe”: la moria di bestiame, le ulcere con pustole, la grandine, l’invasione delle cavallette, il buio completo ____________ ¹ Sembra che Dio ambisse alla libertà del popolo ebraico non per una questione di giustizia, ma perché voleva essere da esso servito. ~ 64 ~

per tre giorni ed infine la morte di ogni primogenito: “Verso mezzanotte il Signore percosse tutti i primogeniti d’Egitto, dal primogenito del Faraone, al primogenito del prigioniero in carcere e tutti i primogeniti degli animali….e vi fu un grande lamento in Egitto, perché non c’era casa dove non ci fosse un morto”. Solo i primogeniti del popolo ebraico non furono uccisi. (Ma perché tanta crudeltà? Non sarebbe stato meglio se avesse fatto un solo miracolo cioè convincere il Faraone a liberare il popolo ebraico, invece di far soffrire ed uccidere tanti uomini ed animali?). (Esodo 13/1-10) – Finalmente gli Ebrei poterono lasciare l’Egitto e appena giunti nella propria patria Dio volle essere ricompensato per averli liberati, quindi comandò a Mosè: “Consacra a me ogni primogenito, a me appartiene ogni primo nato tra i figli d’Israele, sia degli uomini che degli animali”. (E così le stragi continuarono). (Esodo 14/1-31) – Dio volle sterminare l’esercito egiziano, così fece in modo che esso inseguisse il popolo ebraico, guidato da Mosè, durante l’esodo verso la Palestina. Quando questi arrivarono sulla riva del Mar Rosso, Dio fece un miracolo: le acque del mare si aprirono e permisero il passaggio del popolo ebraico sull’altra sponda; l’esercito egiziano fece altrettanto, ma prima che arrivasse sull'altra riva, Dio fece richiudere il mare che si rovesciò su di esso facendo annegare gli inseguitori: “Le acque ritornarono e sommersero i carri e i cavalieri di tutto l’esercito del Faraone e non ne scampò nemmeno uno”. (Come fecero gli Egiziani a procurarsi gli animali per inseguire gli Ebrei dal momento che Dio, con la quinta piaga, glie li aveva fatti morire tutti?). (Esodo 17/9-13) – Durante il loro cammino verso la Palestina, gli Ebrei furono aggrediti dalla tribù degli Amaleciti, ma Mosè riuscì a sconfiggerli e i nemici “furono passati fil di spada”. (Esodo 19/12) – Dio disse a Mosè: “Non dovete salire al monte (Sinai) né toccarne la base, chi toccherà il monte sarà fatto morire”. (Esodo 20/5) – Il Signore dettò a Mosè i comandamenti; uno ordinava: “Non adorare tali cose (idoli, immagini) né devi servirli perché io, il Signore Iddio tuo, sono un Dio geloso (e qui confessa una sua ~ 65 ~

Otto mesi a Roma durante il Concilio Vaticano : impressioni di un ...
Scarica la rivista - mondosalute
Mattacchine - Numero 7 - C.O.E.S. onlus - Coesonlus.it
Di Pietro Gerardo 30 anni di cronache da Morra De Sanctis e dei ...
Madrugada numero 68 - Associazione Macondo
In questo numero: Concilio Vaticano II 2009-2010 - Diocesi ...
a_sud_europa_anno-8_n-44
Scarica il monografico - Pollicino Gnus
000 TRACCE 34 WEB - TraccEdizioni.it
maggio 2013 - I Siciliani giovani
000 : TRACCE:31:WEB - TraccEdizioni.it