Views
3 months ago

InfoMigrans n. 40

Foglio d'informazione del Progetto Migrans e sulla migrazione dei rapaci in Italia.

Malta sito 23 LA

Malta sito 23 LA MIGRAZIONE POST-RIPRODUTTIVA A MALTA NEL 2017 Edward Bonavia, Ray Vella Birdlife Malta Quest’anno il campo di osservazione ha avuto luogo dal 14 agosto al 2 novembre. Come ogni anno le osservazioni sono state effettuate nelle ore pomeridiane, sempre a Buskett, una zona boscosa protetta nella parte occidentale dell’isola. Il numero dei rapaci osservati (2.712) è stato minore rispetto all’anno scorso (nel 2016 abbiamo osservato 2.986 rapaci). Il risultato è stato influenzato dal basso numero di falchi pecchiaioli Pernis apivorus osservati, che è stato di 704 individui. Il falco di palude Circus aeruginosus è stato un po’ più numeroso quest’anno, ma il suo numero non ha fatto differenza nel totale delle osservazioni. Per la prima volta in molti anni non sono state osservate cicogne nere, mentre solamente 2 cicogne bianche sono passate da Buskett. Queste due cicogne, che hanno trascorso la notte in un villaggio più a Sud di Buskett chiamato Zurrieq, avevano anelli della Bosnia-Herzogovina. Il bracconaggio è risultato sfortunatamente di nuovo in aumento nell’immediate vicinanze di Buskett, a causa della presenza ridotta di pattuglie di polizia e, forse anche a causa delle direttive del nuovo sotto-ministro per la “protezione degli uccelli”, un cacciatore, che è stato eletto nel 2017. Falco pecchiaiolo Pernis apivorus - Foto di Aron Tanti Sfortunatamente questa è la nuova situazione a Malta: dopo anni di progresso a favore dell’ambiente, i politici riprendono ad assecondare una minoranza, piuttosto di dare maggiore importanza alla salvaguardia della natura. Specie N° indd Ciconia ciconia 2 Pernis apivorus 704 Milvus migrans 30 Circus aeruginosus 1187 Circus pygargus 18 Circus macrourus 10 Circus pygargus/macrourus 5 Accipter nisus 68 Aquila pomarina 4 Hieraaetus pennatus 7 Pandion haliaetus 26 Falco tinnunculus 272 Falco naumanni 124 Falco tinnunculus/naumanni 22 Falco vespertinus 11 Falco columbarius 3 Falco subbuteo 192 Falco eleonorae 18 Falco peregrinus 10 Falco specie 1 Totale 2714 2

sito 18 Calabria STRAIT OF MESSINA BIRD OBSERVATORY REPORT AUTUNNO 2017 Michele Cento, Nicolantonio Agostini, Giuseppe Bogliani, Giacomo Dell’Omo, Michele Panuccio Ornis italica MEDRAPTORS (Mediterranean Raptor Migration Network) DSTA - Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente, Università di Pavia www.straitobservatory.com Tra il 9 agosto e il 10 ottobre abbiamo effettuato il 4° monitoraggio della migrazione autunnale dei rapaci sul versante calabrese dello Stretto di Messina. La postazione fissa utilizzata si trova sui Piani d’Aspromonte (cfr. Panuccio et al. 2016a), località S. Stefano (1050 m s.l.m.), Comune di Sinopoli (RC), dove si concentra gran parte del flusso dei rapaci migratori (Panuccio et al. 2005, Agostini et al. 2015) prima dell’attraversamento dello Stretto, con direttrici di volo spostate di alcuni chilometri a sud rispetto alla primavera (Panuccio et al. 2016b, Pastorino et al. 2017). Come di consueto il monitoraggio è stato condotto da almeno un rilevatore esperto - spesso affiancato da volontari sia italiani che stranieri - e in maniera congiunta all’utilizzo di una stazione radar operante giorno e notte. Abbiamo effettuato 610 ore di rilevamento in 63 giorni e rilevato 14.893 rapaci in migrazione (tabella 1). Si tratta di un numero inferiore rispetto ai tre anni precedenti, probabilmente conseguenza di condizioni atmosferiche che potrebbero aver favorito il passaggio dei rapaci sul crinale dell’Appennino. D’altra parte abbiamo rilevato un incremento di aquile minori Hieraaetus pennatus, passate dai 24 e 34 individui rilevati nel 2015 e 2016, ai 136 dello stesso periodo del 2017. Interessanti i passaggi di 3 capovaccai Neophron percnopterus, 1 grifone Gyps fulvus, 5 aquile anatraie maggiori/minori Aquila clanga/ pomarina (probabilmente minori, anche se solo una determinata con sicurezza) e 48 bianconi Circaetus gallicus (fino a 7 insieme). Tra gli altri migratori segnaliamo moltissimi gruccioni Merops apiaster, alcune decine di cicogne bianche Ciconia ciconia, cicogne nere Ciconia nigra, aironi cenerini Ardea cinerea e garzette Egretta garzetta, nonché l’osservazione di un gufo di palude Asio flammeus. Tra i rapaci locali frequenti le aquile reali Aquila chrysaetos (anche tre insieme), l’astore Accipiter gentilis, il lodolaio Falco subbuteo e il falco pellegrino Falco peregrinus. Nibbio bruno dotato di trasmittente GPS GSM nella Riserva Naturale di Decima Malafede e successivamente transitato nei pressi della nostra postazione - Foto di Michele Panuccio 3