Views
4 months ago

Gulli Marzo2018 completo_Low

STILE DI VITA una serie

STILE DI VITA una serie di semplici consigli per riordinare non solo la casa, ma anche la propria vita. Un metodo che, pur basandosi molto sull’aspetto emotivo, permette di scegliere senza troppe titubanze quali sono gli oggetti di cui abbiamo davvero bisogno e quali, invece, non ci occorrono più. Se ormai abbiamo stuzzicato la vostra curiosità, eccovi spiegato in soli 10 punti il metodo Konmari. G Il riordino va effettuato tutto in una volta (sei mesi circa è l’arco di tempo necessario). Non riordinate stanza per stanza ma una categoria per volta. Vi accorgerete, infatti, che spesso anche la stessa tipologia di oggetti (libri, riviste, accessori tecnologici...) è sparsa in più punti della casa e questo genera disordine. Mai buttare via le cose degli altri: è una grave mancanza di rispetto. Radunate tutte le cose che appartengono alla stessa categoria sul pavimento e poi decidete da dove iniziare. È l’unica maniera per avere un quadro di insieme della quantità di cose che possediamo e per scegliere cosa conservare (e quindi riporre ordinatamente in armadi e cassetti). Pensare solo alle cose da eliminare ci rende infelici. Meglio scegliere che cosa conservare. È un po’ come la questione del mezzo bicchiere pieno o mezzo bicchiere vuoto. Dipende tutto da che prospettiva guardiamo la cosa. Eliminare può sembrare una privazione, conservare ha sicuramente una definizione di per sé più positiva. Prima di buttare via le cose pensate all’ideale di vita a cui aspirate. Questo consiglio è utilissimo per un efficace cambio dell’armadio, solitamente uno degli spazi più affollati in casa. E pensate soprattutto a quanto tempo libero avreste in più se smetteste una volta per tutte di riordinare casa ogni tre per due. Il metodo Konmari sostiene poi che un eccezionale riordino attuato in casa, non può che portare a uno stile di vita migliore. Vale la pena provare. Conservate solo le cose che vi emozionano e buttate via il resto. Capitolo a parte per le foto e le lettere conservate che generano sempre tanti ricordi e di cui è sempre difficile sbarazzarsi. Eliminate però tutti quegli oggetti che non vi trasmettono sensazioni positive: ne farete a meno o li sostituirete con qualcosa che sceglierete meglio. Riordinare deve essere un evento speciale non una cosa da fare tutti i giorni. Svuotate la borsa ogni giorno. Eliminate scontrini della spesa, volantini, fazzoletti usati e tutta la cianfrusaglia che finisce inevitabilmente nella borsa. E datemi retta, fatelo ogni giorno. Contenitori e divisori non servono: destinate uno spazio ad ogni categoria di cose. E soprattutto ricordatevi che più contenitori avete, più troverete una scusa per riempirli, mentre la regola base è “Less is more”. 77

Gulli completo_Low
Divagazioni sul Vinitaly - Gli Itinerari Gustosi
Numero zero – Alcoldipendenza - Centro Italiano di Solidarietà
L'ennesimo libro della fantascienza
Anno II, numero 3 - Marzo 2009 - Parrocchia BMV di Loreto
Focus sulle parrocchie del quinto decanato Speciale - Diocesi di Nola
Il cercatore di funghi nel mondo - Gustolocale
marzo 2012 - Parrocchia della Beata Vergine Immacolata in Longuelo