Views
3 months ago

Ricerca sui siti UNESCO

CULTURA GENERALE E

CULTURA GENERALE E REALTÀ PRODUTTIVE Come in passato le regge influenzavano il costume e l’arte, cosi oggi confermano la loro vitalità, ospitando collezioni storiche e proponendosi come centri di produzione culturale a livello internazionale. Arte, musica e teatro rinnovano il fascino dei luoghi, ricreando lo splendore scenografico storico e architettonico. Quest’ultima caratteristica risulta particolarmente valorizzata da un patrimonio di inestimabile valore in termine di aree verdi legate al sistema delle residenze. Basti pensare al Castello del Valentino, circondato da 42 ha di parco cittadino, o il Palazzo e l’Armeria Reale che alle loro spalle ospitano 10 ha di giardini Reali realizzati, per volere di Emanuele Filiberto, secondo il modello dei giardini di Versailles. In tutte le fasi attraversate dalla committenza sabauda tra il XVI e il XIX secolo è riscontrabile infatti una cura particolare riguardo ai giardini di ogni singola residenza che furono integrati nei programmi architettonici della corte e che ancora oggi sono testimonianza dell’evoluzione del gusto. I giardini delle residenze reali del Piemonte, proiezione dell’architettura quale immagine del potere nel territorio e nel paesaggio, vedono susseguirsi fasi d’impianto e trasformazioni che percorrono tutta la storia del giardino di epoca moderna e contemporanea, da quello all’italiana a quello all’inglese. I giardini sono una componente fondamentale dell’insieme costruito, costituiscono un punto di pregio e di valorizzazione per il complesso dei siti delle Residenze Reali Sabaude e nel loro progetto di restauro contribuiscono alla salvaguardia delle risorse architettoniche. Tra i più rappresentativi è importante ricordare quelli seicenteschi all’italiana di Villa della Regina, con una parte terreno destinata al vigneto per la produzione di vitivinicola; le grandi prospettive del giardino alla francese con la Reggia di Venaria; i giardini settecenteschi di Palazzo Reale, quelli della Palazzina di caccia di Stupinigi e del Castello di Agliè e infine i grandi parchi ottocenteschi di Racconigi e di Pollenzo. Il Castello di Racconigi offre infatti 170 ha di parco, destinati a diverse tipologie di alberi e frutteti, che oltre a svolgere la funzione di ornamento del sito sono una risorsa agroalimentare di notevole importanza, da salvaguardare e tutelare. La storia di tali siti si unisce ad uno scenario di arte, architettura e cultura materiale molto forte, unico nel suo genere a livello Europeo, rinforzato dallo scenario cittadino, della città di Torino, che accoglie la maggior parte delle Residenze Reali nel proprio perimetro. Il mantenimento futuro di queste risorse si basa sul saperle gestire con una attenzione sociale e di mobilità che miri allo sviluppo sostenibile e alla salvaguardia della tradizione locale. Pochi anni fa, partendo dalle Residenze Reali Sabaude, la Regione Piemonte ha infatti avviato uno dei suoi progetti più ambiziosi: trovare un filo conduttore, una strategia comune, per la riqualificazione dell’area metropolitana torinese, attraverso l’integrazione di parchi, fiumi, aree agricole e residenze reali che la circondano. L’obiettivo di tale progetto è ribaltare l’approccio tradizionale, urbano-centrico partendo dagli spazi aperti della campagna per proporre nuovi indirizzi urbanistici e infrastrutturali e nuove strategie di sviluppo sostenibile utili anche per l’assetto urbano. Torino e il territorio del Piemonte rappresentano oggi un contesto che attraversa una fase di interessante e significativa evoluzione nata dall’investimento nei decenni precedenti della città e della Regione sui suoi beni culturali. Tali elementi rinforzano tantissimo e danno valore all’intero sito Heritage UNESCO, che si contraddistingue ma allo stesso tempo possiede moltissimi punti in comune con altri siti UNESCO regionali ed anche Europei (Tavola 3). 32

Tavola 3: Cultura generale e Realtà produttive delle Reggie Reali Sabaude 33

dr. Giorgio Andrian consulente siti UNESCO - Lettere e Filosofia
Il Patrimonio Unesco dell.docx - Mlbianchi.altervista.org
Ricerche e proposte per il Progetto Cultura Materiale - Provincia di ...
Scarica la ricerca - vol I (13,1 MB) - federcasa lombardia
Presentazione del progetto UNESCO - Provincia di Viterbo
Testo Unesco ITALIANO - Fondazione Mediterraneo
Metodologia e analisi di ricerca sulle tracce dei percorsi ... - Unesco
ANNO UNESCO DI EVLIYA ÇELEBI - Ufficio Turismo Turco
ARCHIVIO STRUMENTI DI RICERCA SITI E MICROSITI ...
• Territori della Cultura
Questionario Siti scolastici ed accessibilità. Una ricerca tra le scuole ...
la ricerca sui siti delle associazioni non profit - Archivio rivista
sintesi della ricerca sui siti regionali e locali - Comunitazione.it
Annunci e siti web per la ricerca del lavoro - Università per Stranieri ...
I SITI ARCHEOLOGICI “MINORI” - Università degli Studi del Molise
l'innovazione nella ricerca - Corso di Dottorato in Tecnologia dell ...
Padovan - Istituto di Ricerca Sociale
(Turchia). Relazione preliminare sulle ricerche archeologiche ...
Le nuove geografie. ricerche, sguardi e prospettive per descrivere iL ...
IV,2_IT_Una traccia di ricerca - Villa Vigoni
Relazione di Sintesi - Centro di Ricerca sulle Biomasse
Malara - Seminario Nazionale di Ricerca in Didattica della Matematica
Rapporto sullo stato delle foreste in liguria 2010 - Liguria Ricerche
lezione 2 - GRED - Gruppo di ricerca educativa e didattica