Views
7 months ago

AGGREDIRE IL PSG

PRIMA PARTE ANALISI

PRIMA PARTE ANALISI GENERALE DEI SINGOLI La squadra di Unai Emery in fase di possesso può contare su un elevatissimo tasso tecnico e forse è proprio per questo che non ha bisogno di strategie particolari e di diavolerie alla Guardiola per intendersi, ma può permettersi di costruire semplicemente sfruttando, un corretto posizionamento dei propri difensori, tre dei quali brasiliani per altro, come D. Alves, T. Silva e Marquinos, più l’esterno sinistro L. Kurzawa, e la dinamicità sinergica dei propri centrocampisti, T.Motta, M.Verratti e A. Rabiot. In alternativa a questi poi, il tecnico dei francesi può contare su calciatori del calibro di J. Pastore, J. Draxler ed altri di indiscusso livello. Gli “avanti”, per usare un termine preso in prestito dal “calcio storico fiorentino”, sono tutti dei fuoriclasse che nei loro ruoli, si può affermare con assoluta tranquillità, sono tra i migliori del mondo attualmente per tecnica e senso tattico che li rendono molto funzionali all’attacco posizionale progettato dal tecnico spagnolo dei transalpini. Stiamo parlando di E. Cavani, K. Mbappè e Neymar. Si potrebbero inoltre snocciolare dati e statistiche su ogni reparto e singolo calciatore che compone l’undici transalpino ma in questo caso ciò che ci interessa è andare ad analizzare le caratteristiche dei componenti della difesa avversaria per comprenderne pregi ed eventualmente difetti sui quali basare la nostra strategia per arginarne la costruzione, e quindi punteremo il faro sul portiere A. Areola, i difensori centrali Marquinos e T. Srilva, gli esterni difensivi D. Alves e L. Kurzawa ed i centrocampisti T. Motta, M. Verratti ed A. Rabiot. Non molte cose da dire in fase di costruzione sul numero uno parigino se non che, se Unai Emery ha scelto di costruire dal basso è anche grazie alle doti che A. Areola possiede nel giocare con i piedi, e questo dà molta sicurezza ai compagni in fase di costruzione, infatti come vedremo più avanti l’estremo difensore del PSG possiede una percentuale di efficacia notevolissima quando si tratta di servire direttamente un esterno basso oltre la prima linea di pressione. 6

Riguardo ai due difensori centrali come abbiamo detto basti pensare che sono entrambi brasiliani, aspetto questo quindi che li pone un gradino sopra a molti altri colleghi di altre squadre almeno per quanto riguarda le capacità tecniche, che si riflettono poi nella costruzione del gioco lungo o corto a seconda delle necessità, anche se a volte subiscono oltre alla fisicità di qualche “centravanti d’area”, come nel caso di Lewandowsky del Bayern Monaco, anche qualche taglio o imbucata di troppo anche a causa della facilità con la quale il PSG subisce le transizioni in quanto un po carente nel gioco preventivo difensivo e troppo scoperto in costruzione. I terzini anche sembrano avere doti più offensive che difensive, specialmente D. Alves, vista l’enorme mole di lavoro che svolgono sulle corsie esterne in fase di possesso, sempre presenti a garantire l’ampiezza a qualsiasi altezza di campo, aspetto questo però che espone la squadra a riassestamenti tattici d’emergenza e gli stessi a grosse rincorse con un elevato dispendio fisico e psicologico in caso di perdita del possesso. Infine analizziamo le caratteristiche dei tre centrocampisti di Emery a partire da T. Motta il quale spesso sembra non brillare di luce propria ovvero non risulta così determinante agli occhi dei meno abituati alle letture di una gara, ma con i suoi movimenti anche se non a velocità elevatissima, sa sempre dove andare e perché, fornendo e rivelandosi un appoggio fondamentale per la riuscita delle costruzioni basse o alte o ancora per il collegamento fra la prima e la “seconda costruzione” ,dote questa dei quali non tutti sono dotati, unico neo appunto è che non essendo rapidissimo in fase di non possesso e specialmente di transizione difensiva lascia qualche metro di troppo. Il secondo analizzato è A. Rabiot, che francamente almeno il sottoscritto non riesce a comprendere bene se sia più un interno o più semplicemente un trequartista adattato, un po’ come il “Ninja” della Roma nel 4-3-3 di Eusebio Di Francesco, seppure con caratteristiche molto differenti, infatti spesso lo si può trovare alle spalle del centrocampo avversario, posizione che gli consente tra l’altro di andare spesso al tiro ma che in fase di interdizione lo trova spesso fuori posto, in ritardo per esempio sulle diagonali difensive di centrocampo nei casi di palla laterale ed altro difetto non trascurabile, secondo me, troppo spesso perde il tempo del passaggio. Infine troviamo il 7

PSG Consumer 1.5C09 HP Notebook Datasheet
Nuovi sviluppi alla PSG Plastic Service - psg-online.de
Untitled - PSG Plastic Service GmbH
Nuovi sviluppi alla PSG Plastic Service - PSG Plastic Service GmbH
PSG Consumer 3C09 HP Notebook Datasheet
Thermoject® Distributore a canale caldo Thermoject ... - psg-online.de
profiTEMP Controllo del canale caldo: con know ... - psg-online.de
PsG PRIMAVERA '12 via e-mail - Vito Mancuso
Ergebnisse Reiterfest 2009 - der PSG Mausdorf eV
Piano strategico Generale (PSG) - Federazione Italiana Vela
Obiettivo mirato su qualità e prezzo Le 2 nuove linee ... - psg-online.de
PSG Consumer Collateral Christmas08 HP Desktop Bundle Datasheet
Peripheral Control Unit - PROFINET IO PCU 128 ... - psg-online.de
Nennungs-Liste 01 Pony-Führzügel-Klasse (E) - PSG Taubenberg