Views
2 months ago

181645_Syndicom_04_2018_low_IT

Il periodico syndicom offre informazioni dal sindacato e dalla politica: la nostra rivista fa luce sui retroscena, mette ordine e offre spazio anche per la cultura e l’intrattenimento. La rivista cura il dialogo sui social media e informa riguardo ai più importanti eventi, servizi e offerte di formazione del sindacato e di organizzazioni vicine.

30 Un lavoro, una vita

30 Un lavoro, una vita Il sindacato: una grande famiglia Nata nel 1976 e cresciuta a Roveredo, nella Valle Mesolcina, Marzia oggi vive in Val Calanca con il suo compagno Davide. Dopo la Scuola Cantonale di Amministrazione di Bellinzona, ha iniziato la sua carriera alle Poste entrando all’ufficio rimpiazzi presso la Società Buralisti Postali Svizzeri SBP. Il suo lavoro consisteva nel sostituire il personale, assente per ferie o malattia, dei vari uffici postali. Nel 2002 è passata all’ufficio postale di Claro, 2900 abitanti, dove lavora tutt’oggi come consulente clienti allo sportello. L’ufficio figura sulla “black list” della Posta e rischia la chiusura. Questo ha spinto Marzia a entrare nel Gruppo d’azione Rete Postale, che lotta a favore del mantenimento del servizio postale universale. Testo: Barbara Iori Foto: Arno Derigo e Danila Santoro I miei valori guida: trasparenza e solidarietà Mi ritengo un po’ una doppia figlia d’arte: già mia mamma lavorava alle Poste ed è tuttora iscritta al sindacato. Mio nonno, Luigi Bologna, detto il “Ciri”, contadino di giorno e operaio alla Monteforno di notte, odiava le ingiustizie e difendeva sempre i più deboli: fu co-fondatore del Partito Socialista di Roveredo ed era affiliato alla FLMO (Federazione dei lavoratori metallurgici e orologiai). È da lui che ho ereditato questo spirito di solidarietà. Quando entrai in Posta arrivò subito la cedola del sindacato da pagare. All’epoca tutti erano iscritti al sindacato, era del tutto normale farne parte. Dunque m’iscrissi al Sindacato della Comunicazione, l’odierno syndicom. All’ufficio rimpiazzi ho dovuto assumere varie mansioni: ho sostituito responsabili di ufficio, colleghi allo sportello e a volte anche personale di recapito. Il vero incontro col sindacato l’ho avuto nel 2015 quando ho conosciuto Marco Forte, segretario regionale syndicom, a cui ho chiesto aiuto visto che sono entrata nel piano sociale in seguito a delle misure di riorganizzazione. Quello che mi è mancato alla Posta durante la riorganizzazione è il rispetto dei valori che mi stanno molto a cuore come la trasparenza. E questo in un momento difficile, perché stava morendo mia nonna che con mia mamma mi ha cresciuto. Mi sentivo debole. syndicom mi ha sostenuta senza giudicarmi, in maniera incondizionata. Il sindacato è questo: non ti senti mai sola. La passione per il mio lavoro mi ha spinto a entrare nel Gruppo d’azione di Rete Postale all’inizio del 2017 per contrastare la nuova ondata di chiusura di uffici postali. Qui ci ritroviamo tra vari colleghi della Posta, da tutte le parti del Ticino, e decidiamo insieme come affrontare i problemi, come agire, scambiandoci le nostre esperienze. Siamo tutti iscritti al sindacato e teniamo tutti in particolar modo alla nostra azienda. Stress lavorativo? Certo, a volte abbiamo più lavoro, ma ci aiutiamo tra di noi. Siamo una bella squadra. Ma so bene che non in tutti gli uffici postali regna l’armonia di Claro. Il vero stress si chiama incertezza sul futuro, paura di perdere il posto di lavoro. In questi momenti si è molto più vulnerabili. E di questo la Posta dovrebbe avere maggiore riguardo. Ecco perché il 6 maggio dell’anno scorso ho partecipato, con mia mamma, alla manifestazione di Bellinzona in difesa del servizio postale. E non siamo mancate nemmeno a quella contro l’iniziativa No Billag lo scorso 27 gennaio per manifestare tutti insieme e dire ad alta voce: giù le mani dal servizio pubblico! Più siamo, più verremo ascoltati, perché l’unione fa la forza! syndicom.ch/it/divisioni/ servizi-postali-e-finanziari/

Impressum Redazione: Marie Chevalley, Oliver Fahrni, Sylvie Fischer, Marc Rezzonico, Giovanni Valerio Tel. 058 817 18 18, redazione@syndicom.ch Traduzioni: Barbara Iori, Alleva-Translations Illustrazioni: Katja Leudolph Foto senza copyright: © zVg Layout e correzione: Stämpfli SA, Berna Stampa: Stämpfli SA, Berna, Wölflistrasse 1, 3001 Berna Notifica cambi di indirizzo: syndicom, Adressverwaltung, Monbijoustrasse 33, CP, 3001 Berna Tel. 058 817 18 18, Fax 058 817 18 17 Inserzioni: priska.zuercher@syndicom.ch Abbonamenti: info@syndicom.com Gratis per i soci. Per gli altri: Fr. 50.– (estero: 70.–) Editore: syndicom – sindacato dei media e della comunicazione, Monbijoustrasse 33, CP, 3001 Berna La rivista syndicom esce sei volte l’anno. Il prossimo numero uscirà il 25 maggio 2018 Chiusura redazionale: 18 aprile 2018 31 Il cruciverba di syndicom In palio un buono Coop da 40 franchi. La soluzione sarà pubblicata sul prossimo numero insieme al nome del vincitore. Non è previsto alcuno scambio di corrispondenza sul concorso. Sono escluse le vie legali. Inviare la soluzione entro il 18 aprile a syndicom, via Genzana 2, 6900 Lugano. La soluzione del cruciverba dello scorso numero è RETE. Il vincitore è Pierino Bernasconi di Coldrerio, a cui va il premio di una borsa frigo offerta da CPT. Congratulazioni! Pubblicità Offerta speciale Ordinate la vostra carta AgipPLUS SCONTO: - 4,5 cts /litro di benzina SP e Diesell Tassa annuale CHF 10.- offerta -4.5 Spese mensili di fatturazione CHF 2.50 offerte Ordinate la vostra richiesta di carta al nostro ufficio cts al litro +41 (0)58 817 18 18 - mail@syndicom.ch