Views
4 months ago

A come Amici no° 36

A come Amici n° 36 - aprile 2018

NATALE Quest’anno è

NATALE Quest’anno è stato il primo in cui abbiamo messo in scena Greccio per le scuole e in versione integrale. È stata un’esperienza unica vedere come i bambini che hanno assistito sono stati presi dalla trama e dalle sensazioni coinvolgenti dello spettacolo, dall’inizio alla fine, e mi ha ricordato quanto queste opere teatrali siano un regalo bellissimo da ricevere e soprattutto da donare agli altri, quanto la bellezza di Dio nasca nei cuori che ascoltano la sua chiamata che arriva nell’anima di tutti. Ringrazio Lui per aver fatto schiudere il fiore del mio spirito grazie a questi spettacoli, mezzi emozionanti e testimoni della Sua opera, che ci uniscono e ci permettono di divenire strumenti del canto e della danza di Dio. Giuliana Quest’anno è cominciato decisamente con una marcia in più! Ancora carichi dell’entusiasmo che ci aveva lasciato lo Svarietà, abbiamo subito colto l’occasione di mettere in scena Notte di Natale con un esito che è andato oltre le nostre aspettative. I mattinée con le scuole ci hanno regalato le risate e i volti colmi di stupore dei bambini che hanno scelto di vederci,ma la cosa più bella è stata sentirsi dire le seguenti parole: «Durante tutto lo spettacolo,si percepisce l’amore che vi unisce». Da lì, la conferma del fatto che l’arte sia il mezzo più nobile per trasmettere un messaggio. Il fine: quello di unirci sempre più, andando oltre l’etichetta di “accademia”, presentandoci agli altri come un gruppo di ragazzi che non recitano una parte, ma che in scena sono veri, ognuno con le proprie sfumature. Brigida È stato davvero impegnativo, basta pensare a quello che dovevo fare per capire la prova che ero chiamato a superare. Devo dire di essere abbastanza soddisfatto del percorso intrapreso fin qui anche perché non mi è mai mancato nulla. Nei periodi più difficili la vicinanza degli insegnanti e dei miei compagni di viaggio si faceva sentire. L’unione faceva realmente la forza. E tutto questo è sbocciato come un fiore nel saggio finale dell’anno scorso che è stato il coronamento di un anno bellissimo che mi ha fatto crescere tanto. Non ringrazierò mai abbastanza padre Luciano e Carlo Tedeschi perché hanno permesso di costruire una realtà così bella a Bagheria. Infine ringrazio Nicole e Carlo per tutti i giorni passati insieme per le risate e i pianti condivisi che mi fanno sentire realmente parte di qualcosa di speciale. Fabio 32

Musical al teatro L. Pavarotti Epifania con la compagine Anima Libera di Torino Ultima data dello spettacolo sulla natività di Carmine Passaro La compagine teatrale Anima Libera, formatasi grazie al progetto “Accademia PerLa Strada”, fortemente voluto e promosso dall’Associazione Sollievo, ha portato in scena nel periodo natalizio, in varie località della provincia di Torino il mini musical Un vagito nella notte. Grazie all’aiuto della Fondazione Leo Amici e dell’Associazione Dare, che hanno messo a disposizione grutuitamente basi e copione per lo spettacolo, gli artisti di Anima Libera hanno messo in scena quest’opera sulla natività coinvolgendo gli allievi che frequentano i corsi di danza e teatro nelle tre sedi che in questi anni sono state aperte nella provincia di Torino, punti di aggregazione e socializzazione dei giovani attraverso l’arte. Il musical ha debuttato il 17 dicembre al Teatro Cardinal Massaia di Torino per poi proseguire il 22 Dicembre al Teatro De Andrè di Robassomero (TO), il 23 dicembre presso la parrocchia di Balangero per concludersi il 6 gennaio al Teatro Civico Luciano Pavarotti di Leinì. I ragazzi coinvolti sono stati circa un centinaio e hanno riscosso un grande apprezzamento da parte di tutto il pubblico pervenuto, circa 1.500 spettatori. Tante le emozioni e gli stati d’animo vissuti sia durante le varie tappe degli spettacoli che e soprattutto durante l’allestimento della sua messa in scena. «Sono proprio quelli i momenti di crescita e di condivisione – spiega Silvana Papandrea, presidente dell’Associazione Sollievo – che i ragazzi sperimentano attraverso il lavoro in gruppo, il superamento delle difficoltà, dei limiti, con la scoperta dei loro talenti e la gioia di riconoscersi bisognosi l’uno dell’altro. Questo per noi è stato vivere il Natale attraverso il musical, con le parole scritte da Carlo Tedeschi che guida questi ragazzi alla ricerca della bellezza della verità. Il nostro progetto vuole essere luce e speranza per tutti i giovani che grazie all’arte hanno trovato il modo di esprimere la loro parte migliore, una scuola della bellezza che dal palco continua durante la loro quotidianità, scegliendo così di vivere e non di sopravvivere”. 33

A come Amici n° 35
Anno XI - n. 41 - Marzo 2012 - Periodico T ... - Amici di Gabry
Anno LVIII- N°2 Apr-Mag-Giu 2010 - Unione Amici di Lourdes
Il Velino, lo Sguardo dei Marsi Anno III, numero 36/02 del 31 ...
Ciclostile n. 49 - Amici della Bicicletta di Mestre
scarica il libro! - Amici della Musica
n. 6 novembre/dicembre 2003 - inComunione
Cari amici, - Associazione Advar
10 aprile 2012 anno XII n. 5 COPPA AMERICA LEGALITÀ ...
P a rro cch ia M issio n e C a tto lica d i L in gu a Ita lia n a
c o m e va la m e n s a del f r a t e l l o - amici oratorio San Mauro onlus
Scarica il BS in formato PDF - Bollettino Salesiano - Don Bosco nel ...
Numero zero – Alcoldipendenza - Centro Italiano di Solidarietà
n. 4 luglio/agosto 2005 - inComunione
2° semestre 1999 – n° 2 - Opera Don Bosco