Views
8 months ago

Caro francesco, dovunque tu sia...VINCEREMO INSIEME!

Francesco visto da

Francesco visto da Mariapaola Ciao a tutti, mi chiamo Francesco. Ho una forma di spasticità che non mi permette di muovermi come tutti voi e non me ne vergogno. Perché, in verità, la mia vita ha qualcosa di straordinario. Segni particolari? Oltre ad una decina di cicatrici qua e là, sono combattente e sognatore e nessun ostacolo è troppo grande per essere superato. A volte ci sono riuscito, altre volte no..il bello è stato provarci. Ho trascorso una vita tutt'altro che perfetta... Ma è stata piena! Piena di amore, di battaglie, di amici, di gioia e purtroppo talvolta anche di dolore. La vita mi ha tolto alcune cose: non saprò mai che cosa significa rompere le onde con una bella nuotata, non so che sensazione si provi a correre attraverso il vento su un prato verde, e mai saprò come sia saltare più in alto che si può per incoraggiare la mia squadra del cuore. Ma la vita mi ha anche dato tanto. Questo devo riconoscerglielo... La mia famiglia, gli amici, le occasioni, le battaglie, i viaggi, il mare , la neve, il cibo, e molto, molto altro ancora. Insomma, io ho vissuto al massimo finché il mio corpo me l’ha permesso e mai ho smesso di dedicarmi a qualcosa o a qualcuno, anche alle cose più stupide. Ho passato gli ultimi anni della mia vita in una nuova casa, un po' più brutta, piccola, e con persone diverse… ma io, insieme alle persone che ho incontrato, sono riuscito a rendere tutto un po' meno triste. Perché nessuna malattia aveva il diritto di mettermi in pausa. 38

Infine, il 31 Gennaio 2018, qualcosa cambiò. Era qualche giorno che i miei tentativi di ritrovare le forze fallivano miserabilmente. Ormai non avevo più l’Inter davanti a me per cui esultare, niente altro per cui urlare e farmi sentire in tutto il reparto. Non vedevo più le stesse facce di prima, era tutto diverso… gli odori, i volti, i rumori; mi sentivo spaesato, forse su una nave. Così, non avendo più la lucidità per prendere in giro qualcuno o per chiamare un amico… nel dubbio, mi aggrappavo alla mano di chi si trovava accanto a me e dicevo “ti voglio tanto bene”. Poi, da un momento all’altro, tutto si è fatto più chiaro. Quel giorno la mia anima si è liberata da un corpo così sfortunato. E’ cambiato tutto, nessuna saprà mai dove io mi trovi adesso… su un campo da calcio che corro veloce, oppure in fondo all’oceano, o sulla vetta più alta di una montagna. Poco importa il luogo. Quello che conta è che adesso ho la pace, sono in pace. Posso correre veloce, rido quando ridete e piango quando piangete. Però finalmente posso smettere di lottare, posso fermarmi e guardarmi indietro: sì, rifarei TUTTO trecento volte, amerei e vivrei con le stesse persone che ho incontrato. Così, in qualsiasi meandro del vostro cuore io possa trovarmi, spero che anche voi possiate guardare la vita con occhi diversi, vivi… e fare della vostra vita qualcosa di straordinario, come lo è stata la mia. A tutti voi che mi pensate con amore: VINCEREMO INSIEME, CAZZO! 39

Frasi del beato Francesco per aree tematiche - Suore Adoratrici
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit ... - XoMeGaP