12.05.2018 Views

Clamer informa 04 Aprile 2018

Gli Aleurodidi nelle colture in serra, Planta compie 40 anni!, Piante fiorite da vaso: Petunia x atkinsiana - Calibrachoa x hybrida, Selecta one a al MyPlant di Milano, La sicurezza nei lavori di giardinaggio, Gli azionisti di PlantPaper acquisiscono il 100

Gli Aleurodidi nelle colture in serra, Planta compie 40 anni!, Piante fiorite da vaso: Petunia x atkinsiana - Calibrachoa x hybrida, Selecta one a al MyPlant di Milano, La sicurezza nei lavori di giardinaggio, Gli azionisti di PlantPaper acquisiscono il 100

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

lamer<br />

4C i<br />

nforma<br />

Anno XLIII<br />

Mensile tecnico<br />

scientifico<br />

di floricoltura<br />

orticoltura e vivaismo<br />

<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong>


3<br />

lamer<br />

4C i<br />

nforma<br />

Anno XLIII<br />

Mensile tecnico<br />

scientifico<br />

di floricoltura<br />

orticoltura e vivaismo<br />

<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

C<br />

lamer<br />

nforma<br />

<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

i<br />

4<br />

Anno XLIII<br />

Spedito per oltre 40 anni in versione cartacea ai soli<br />

abbonati in tutta Italia, <strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> da Gennaio<br />

del 2016 abolisce l’abbonamento, la spedizione<br />

postale e la stampa, diventando il primo mensile<br />

storico della filiera paperless ed esclusivamente<br />

digitale.<br />

Una scelta radicale, coraggiosa e decisamente<br />

ecologica. La quantità di carta,<br />

inchiostro e film plastico utilizzati per la<br />

stampa e spedizione di 4000 pezzi 11 mesi<br />

all’anno non è trascurabile. Se poi prendiamo<br />

in considerazione tutte le riviste sul<br />

mercato, la quantità di carta e plastica in<br />

circolazione è impressionante. Oltre a ciò il<br />

numero di numeri spediti è incrementato esponenzialmente<br />

così come il numero di lettori. Ogni<br />

numero è liberamente condivisibile con amici e colleghi.<br />

Non si tratta di un’anteprima o di una versione limitata<br />

ma della rivista vera e propria.<br />

La condivisione e la diffusione è gradita e incoraggiata<br />

da parte nostra. Chi proprio non può fare a meno del-


la carta può comodamente<br />

stampare tutto il numero o<br />

solo gli articoli che gli interessano<br />

utilizzando la propria stampante<br />

oppure approfittare del servizio di<br />

C<br />

lamer<br />

i<br />

nforma<br />

<strong>Aprile</strong><br />

<strong>2018</strong><br />

“stampa on demand” messo a disposizione da Issuu/<br />

Peecho online, cliccando sull’ultimo pulsante in basso<br />

della newsletter del numero del mese. Per non perdere<br />

nemmeno un numero e ricevere via e-mail il link per<br />

scaricare il mensile, vi consigliamo di iscrivervi alla lista<br />

di distribuzione utilizzando l’apposita pagina<br />

http://www.clamer<strong>informa</strong>.it/registrazione.asp<br />

premurandovi di inserire il mittente<br />

rivista@clamer<strong>informa</strong>-news.it<br />

tra gli utenti affidabili (whitelist) in modo tale che il vostro<br />

client di posta non scambi erroneamente il messaggio<br />

contenente i link per scaricare il mensile, per spam.<br />

Se utilizzate Gmail come client di posta, vi consigliamo<br />

inoltre di spostare il messaggio dalla sezione Promozioni<br />

alla sezione Principale. Sarà sufficiente cliccare sul<br />

messaggio e trascinarlo sulla sezione Principale nella<br />

parte superiore della pagina.<br />

lamer<br />

nforma<br />

4C i<br />

Anno XLIII<br />

Mensile tecnico<br />

scientifico<br />

di floricoltura<br />

orticoltura e vivaismo<br />

<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

pubblicità<br />

lamer<br />

3C i<br />

nforma<br />

Marzo <strong>2018</strong><br />

Anno XLIII<br />

Mensile tecnico<br />

scientifico<br />

di floricoltura<br />

orticoltura e vivaismo<br />

4


Floradur<br />

A Block<br />

Floradur<br />

Block Bio<br />

Floradur<br />

B Seed<br />

Floradur<br />

Seed S<br />

Floradur Pot<br />

medium coarse<br />

Floradur Pot<br />

Container<br />

Floradur<br />

Pot medium<br />

Substrati per cubetto, semina,<br />

rinvaso e contenitori ...<br />

La qualità ha un nome:<br />

Floragard<br />

Floragard Vertriebs-GmbH<br />

Fon: +49 441 / 2092-197<br />

Fax: +49 441 / 2092-103<br />

sassi@floragard.de · www.floragard.de<br />

… e tutto fiorisce!


Block notes 08<br />

News, Eventi & Novità<br />

Gli azionisti di PlantPaper<br />

acquisiscono il 100 %<br />

del maggiore produttore<br />

scandinavo di Ellepot<br />

Castello Quistini: 2 a edizione<br />

del Festival del<br />

Giardino: Piante, fiori, artigianato,<br />

design e arte tra i giardini di rose<br />

Riforma del Pan fitofarmaci.<br />

Ancora una volta gli albi<br />

professionali non trovano unità<br />

08<br />

11<br />

16<br />

C<br />

lamer<br />

i<br />

nforma<br />

Marzo<br />

<strong>2018</strong><br />

lamer<br />

nforma<br />

4C i<br />

Anno XLIII<br />

Mensile tecnico<br />

scientifico<br />

di floricoltura<br />

orticoltura e vivaismo<br />

<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Indice<br />

1/2<br />

Itala, la margherita<br />

27<br />

dedicata a Italo Calvino,<br />

e Francesco, l’elleboro dedicato al<br />

Papa, Testimonial a Euroflora dell’innovazione<br />

in floricoltura<br />

Mipaaf: approvati in Cdm 20<br />

il decreto sulla gestione dei<br />

rischi in agricoltura e il testo<br />

Unisco sulle foreste<br />

Il Nuovo Almanacco<br />

BiodiverSO: 240 varietà<br />

di ortaggi pugliesi in 370<br />

pagine illustrate<br />

MIPAAF: misure nazionali<br />

di attuazione del<br />

regolamento Omnibus<br />

21<br />

23<br />

IL Mercatino<br />

dell’usato<br />

Occasioni & Offerte di lavoro<br />

32<br />

35<br />

Novità e tante idee<br />

nell’assortimento<br />

Planta <strong>2018</strong><br />

PanAmerican Seed Plant 26<br />

Planta compie<br />

40 anni!<br />

Culture è ora disponibile nelle<br />

principali lingue europee<br />

47<br />

6


Piante fiorite da vaso:<br />

Petunia x atkinsiana<br />

Calibrachoa x hybrida:<br />

Specie e coltivazione<br />

consigli<br />

per l’uso<br />

Melograno<br />

Selecta one<br />

al MyPlant di Milano<br />

Gli Aleurodidi nelle<br />

colture in serra<br />

La sicurezza nei<br />

lavori di giardinaggio<br />

58<br />

67<br />

71<br />

80<br />

91<br />

C<br />

lamer<br />

i<br />

nforma<br />

<strong>Aprile</strong><br />

<strong>2018</strong><br />

lamer<br />

nforma<br />

4C i<br />

Anno XLIII<br />

Mensile tecnico<br />

scientifico<br />

di floricoltura<br />

orticoltura e vivaismo<br />

<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Indice 2/2<br />

Guida<br />

alla coltivazione<br />

delle piante ornamentali<br />

di Giorgio Rampinini<br />

Cymbidium<br />

redazione<br />

Orchidaceae<br />

Coltura da fiore reciso e vaso fiorito<br />

II Edizione Cymbidium standard ‘Barcelona Magic Wand’<br />

Specie e varietà<br />

(foto Rampinini)<br />

I1 genere comprende 44 specie terricole, epifite o litofite, una sola è saprofita e sotterranea,<br />

che vegetano in zone montane fra i 700 e i 2500 m, solo poche crescono al live lo<br />

del mare. Si tratta di piante erbacee, con un apparato radicale formato da grosse radici,<br />

ricoperte da uno spesso velamen bianco<br />

e spugnoso; gli steli sono trasformati in<br />

pseudobulbi rigonfiati o appiattiti, prodotti<br />

su un corto rizoma, con crescita<br />

simpodiale (dalle gemme asce lari) che<br />

porta a la formazione di fitti ceppi. Dalla<br />

base degli pseudobulbi si sviluppano,<br />

ogni anno, una o più nuove vegetazioni,<br />

mentre le gemme in posizione superiore<br />

possono differenziare le inflorescenze.<br />

Ogni vegetazione è costituita da<br />

3-12 foglie che persistono 2-4 anni, con<br />

la base che avvolge completamente lo<br />

pseudobulbo e persistente oltre la vita<br />

de la foglia; la lamina è, in genere, nastriforme<br />

o lanceolata , acuta, con una<br />

nervatura centrale prominente, rigida<br />

C. madidum (foto Rampinini)<br />

Allium<br />

Alliaceae<br />

II Edizione<br />

Specie e varietà<br />

Il genere è composto da oltre 800 specie geofite perenni la cui classificazione non è<br />

ancora ben definita; tutte spontanee ne l’emisero boreale, tranne A lium dregeanum<br />

nativo del Sud Africa; il centro principale di diversità si estende dal bacino mediterraneo<br />

a l’Asia centrale e orientale; que lo secondario è nell’America occidentale.<br />

Oltre 50 specie sono coltivate a scopo alimentare, tra cui sono coltivate da moltissimo<br />

tempo: A lium cepa (cipo la coltivata, di origine asiatica e probabilmente derivata<br />

da A. oschanini ), A. sativum (aglio, il suo supposto precursore è A. longicuspis<br />

de l’Asia centrale), A. porrum ( porro, probabilmente selezionato da A. ampeloprasum),<br />

A. schoenoprasum (erba cipo lina, spontanea in una vasta area de l’emisfero<br />

boreale).<br />

Le specie di valore ornamentale come decorazione dei giardini e come fiore reciso<br />

sono circa 170, ma solo una trentina viene prodotta su scala commerciale.<br />

In alcune specie appartenenti al sottogenere Rhizirideum il bulbo perenne è formato<br />

da le guaine fogliari e si sviluppa su un corto rizoma verticale a ramificazione<br />

monopodiale.<br />

In altre specie il bulbo perenne è formato da spesse guaine fogliari, da scaglie specializzate<br />

e da guaine membranacee esterne, attaccate a un disco formato da lo<br />

stelo compresso; la ramificazione avviene a l’asce la de le foglie.<br />

In altre specie del sottogenere Melanocrommyum originarie di zone aride de l’Asia,<br />

Acquista online<br />

le schede della<br />

Guida alla<br />

coltivazione in<br />

formato PDF<br />

stampabile<br />

Clicca qui<br />

pubblicità<br />

Guida alla coltivazione delle piante<br />

ornamentali<br />

a cura di Giorgio Rampinini<br />

A lium karataviense (foto Rampinini)


Gli azionisti di PlantPaper acquisiscono<br />

il 100 percento del maggiore<br />

produttore scandinavo<br />

di Ellepot<br />

Nel 2015 il produttore di<br />

vasi di carta PlantPaper ha<br />

lanciato il primo foglio per<br />

produzione di vasi di carta<br />

al cento percento biologico. Nel Marzo del<br />

<strong>2018</strong> l’azienda si è ulteriormente espansa con l’acquisizione<br />

della Kvistgaarden A/S che operava sul mercato<br />

da 37 anni<br />

“Il nostro scopo è di essere il<br />

partner preferenziale dei nostri<br />

clienti. Perciò siamo mol -<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

to lieti di poter siglare l’accordo<br />

per l’acquisizione della<br />

Kvistgaarden A/S, senza dubbio<br />

il più grande produttore<br />

di Ellepot della scandinavia.<br />

Riceviamo un gran numero<br />

di richieste di vasi in carta<br />

PlantPaper già pronti da tutta<br />

Europa. La carta biologica<br />

PlantPaper funziona molto<br />

bene con tutti i macchinari<br />

Ellegaard, e questo passo ci<br />

garantirà l’opportunità di rifornire<br />

in maniera<br />

ottimale tutti<br />

Block notes<br />

8


i nostri clienti Europei” ci ha<br />

detto il Direttore Marketing e<br />

Vendite di PlantPaper Carsten<br />

Storgaard.<br />

Dopo aver rilevato l’azienda<br />

Kvistgaarden A/S, PlantPaper<br />

sarà in grado di produrre fino<br />

a 50 milioni di vasi in carta,<br />

nella gamma dai 20 mm agli<br />

80 mm, al mese. Aggiungendo<br />

infine alcuni dei macchinari<br />

sviluppati da PlantPaper per<br />

la produzione di vasi in carta,<br />

l’azienda acquisirà ulteriore<br />

versatilità.<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

La carta interamente biologica<br />

unica nel suo genere<br />

Il foglio di carta U1 di PlantPaper<br />

è unico nel suo genere.<br />

Prima di tutto non contiene<br />

collanti o aggreganti chimici,<br />

non contiene le colle, i fungicidi<br />

o le materie plastiche<br />

derivate dagli idrocarburi solitamente<br />

presenti nella carta<br />

per vasi convenzionale. Inoltre<br />

ha una struttura aperta<br />

che consente alle delicate radicelle<br />

della pianta di respirare,<br />

offrendo nel contempo alle<br />

radici una via di uscita verso<br />

il substrato. Tutto ciò crea<br />

una soluzione ecocompatibile<br />

e rispettosa dell’ambiente<br />

in grado di indurre una radicazione<br />

più rapida e produrre<br />

piante più robuste rispetto ad<br />

altri tipi di carta. In tal senso<br />

PlantPaper<br />

U1 è il<br />

prodotto<br />

ide-<br />

Block notes<br />

9


ale per tutti coloro che desiderano<br />

lavorare rispettando<br />

l’ambiente. PlantPaper U1<br />

si può utilizzare con tutti i<br />

macchinari per la produzione<br />

di vasi di carta esistenti sul<br />

mercato ed è biodegradabile<br />

al 100 percento. In virtù<br />

delle qualità speciali<br />

di PlantPaper U1, abbiamo<br />

acquisito, tra le altre<br />

cose, le seguenti certificazioni<br />

internazionali:<br />

USDA Certified Biobased<br />

Product, 4 Star Vinçotte<br />

e DIN Geprüft Biobased.<br />

Per ulteriori <strong>informa</strong>zioni:<br />

Direttore Vendite e Marketing<br />

Carsten Storgaard<br />

Cellulare +45 4084 7541<br />

W EEK 24<br />

12-15 Giugno <strong>2018</strong><br />

FlowerTrials ®<br />

where plants meet people<br />

La manifestazione internazionale dedicata<br />

a piante in vaso e da aiuola vede coinvolte<br />

32 sedi in Paesi Bassi e Germania<br />

Sono ben 60 gli ibridatori di piante in vaso e da aiuola intervenuti per presentare con<br />

orgoglio innovazioni, concetti creativi ed una sorprendente diversità di assortimenti<br />

varietali. I FlowerTrials® hanno qualcosa da offrire a tutti i professionisti del settore<br />

dell’orticoltura ornamentale, da <strong>informa</strong>zioni tecniche a spunti di ispirazione per la<br />

vendita al dettaglio e da innovazioni nel campo dell’ibridazione alle ultime tendenze.<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Registrazione online<br />

www.flowertrials.com<br />

Per un elenco completo delle aziende partecipanti, <strong>informa</strong>zioni sui<br />

siti ed effettuare la registrazione gratuita, la preghiamo di visitare il<br />

sito www.flowertrials.com.<br />

Block notes<br />

10


Castello Quistini: 2 a edizione del<br />

Festival del Giardino: Piante, fiori, artigianato,<br />

design e arte tra i giardini di rose<br />

5-6 Maggio <strong>2018</strong>, Castello Quistini - Rovato (Brescia)<br />

Dopo il grande successo<br />

della 1a edizione torna<br />

il Festival del giardino<br />

di Castello Quistini che si<br />

terrà Sabato 5 e Domenica<br />

6 Maggio dalle 9,30 alle<br />

19,30 tra i giardini fioriti<br />

e gli antichi saloni di Castello<br />

Quistini a Rovato in<br />

provincia di Brescia.<br />

Garden Festival ospiterà<br />

al suo interno una ricca mostra<br />

mercato suddivisa in diverse<br />

aree che raccoglieranno<br />

le diverse tipologia di realtà<br />

coinvolte con decine<br />

di protagonisti dei diversi<br />

settori: Vivaisti<br />

(rose, ortensie, perenni,<br />

orchidee, succulente<br />

e cactacee,<br />

carnivore, stagionali,<br />

agrumi e tanto altro),<br />

progettisti del<br />

verde, Artigiani (fa-<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Block notes<br />

11


legnami, fabbri, artisti), Creativi<br />

e designer, realtà specializzate<br />

nell’ Arredo da interni<br />

ed esterni (shabby chic, vintage,<br />

provenzale), Agricoltori<br />

e coltivatori.<br />

Durante l’evento si terranno<br />

una serie di incontri e seminari<br />

tecnici con professionisti ed<br />

esperti provenienti dal mondo<br />

della progettazione<br />

del verde. Gli incontri<br />

sono organizzati<br />

in collaborazione con<br />

lo studio di progettazione<br />

paesaggistica<br />

Matiteverdi<br />

del dottore<br />

agronomo Simone<br />

Montani, socio<br />

AIAPP (Associazione<br />

Italiana Architettura<br />

del Paesaggio), e<br />

Valter Angeli, esperto<br />

botanico<br />

con esperienza<br />

quarantennale<br />

nel campo delle erbacee perenni<br />

e graminacee, oltre che<br />

collaboratore di importanti<br />

paesaggisti e giardinieri in<br />

progetti di livello nazionale ed<br />

internazionale, per diffondere<br />

una corretta conoscenza del<br />

verde e una visione d’avanguardia<br />

e contemporanea del<br />

giardinaggio.<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Block notes<br />

12


<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Garden Festival sarà inoltre<br />

un’occasione unica per visitare<br />

i giardini di Castello Quistini<br />

in occasione della fioritura<br />

dei suoi magnifici roseti che<br />

ospitano una collezione di oltre<br />

1000 varietà di rose tra<br />

antiche, inglesi e moderne,<br />

il brolo dei frutti antichi con<br />

collezioni di piante da frutto<br />

ormai dimenticate, l’hortus<br />

botanico con una collezione<br />

di piante officinali, e il piccolo<br />

giardino delle ortensie.<br />

Per i più piccoli saranno presenti<br />

baby-laboratori gratuiti<br />

per avvicinare i bambini al<br />

mondo del verde e della natura.<br />

All’interno<br />

del castello<br />

sarà presente<br />

un’area dove<br />

saranno presenti<br />

food corner<br />

che prepareranno<br />

gustosi<br />

piatti vegani/<br />

vegetariani,<br />

frutta fresca,<br />

gelato biologico-naturale,<br />

dolci e tanto altro.<br />

Giardini di Castello Quistini<br />

I giardini di Castello Quistini<br />

sono famosi in tutto il nord<br />

Italia per la collezione di rose<br />

presente. Con oltre 1500 varietà<br />

è uno dei giardini con la<br />

più importante collezione di<br />

Block notes<br />

13


ose antiche, moderne e inglesi.<br />

Nel giardino sono presenti<br />

anche molte altre varietà di<br />

piante e giardini segreti con<br />

collezioni di ortensie e frutti<br />

antichi.<br />

Vivaisti<br />

Piante e fiori saranno i veri<br />

protagonisti con produttori<br />

e collezionisti di rose, piante<br />

grasse, perenni, carnivore,<br />

collezioni di aromatiche, bulbi<br />

e rizomi, orchidee, e tanto<br />

altro.<br />

Arredo da giardino<br />

Tra le sale e i giardini del castello<br />

saranno presenti espositori<br />

con arredo da esterni<br />

(gazebo, arredo in ferro e oggettistica<br />

da esterni).<br />

Gli artigiani e i creativi<br />

Tra le sale e i giardini del castello<br />

scoprirete tanti artigiani<br />

e creativi come falegnami,<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Block notes<br />

14


prepareranno gustosi piatti<br />

vegetariani, frutta fresca, gelato<br />

biologico-naturale, dolci.<br />

Gli incontri green<br />

Nel corso della giornata non<br />

mancheranno incontri e appuntamenti<br />

gratuiti per diffondere<br />

la conoscenza dei diversi<br />

aspetti del mondo del<br />

verde e della natura, con la<br />

terra come filo conduttore e<br />

a stretto contatto con maestri<br />

del verde per apprendere una<br />

cultura del giardino più consapevole<br />

e sostenibile.<br />

fabbri, artisti e giovani designer.<br />

Prodotti della terra<br />

Tra i giardini saranno presenti<br />

diversi produttori con prodotti<br />

della terra (confetture, miele,<br />

spezie e the).<br />

Seminari tecnici e incontri<br />

aperti al pubblico<br />

Nel corso delle giornate non<br />

mancheranno incontri e seminari<br />

tecnici sul tema del verde<br />

e del paesaggio.<br />

Food corner<br />

All’interno del castello sarà<br />

presente un’area dove saranno<br />

presenti food corner che<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Block notes<br />

15


Riforma del Pan fitofarmaci. Ancora una volta gli<br />

albi professionali non trovano unità<br />

Si è chiuso il termine offerto<br />

dal Ministero delle Politiche<br />

Agricole Alimentari e Forestali<br />

agli stakeholders (fra i quali i<br />

Consigli Nazionali degli Agrotecnici<br />

e degli Agrotecnici laureati,<br />

dei Dottori Agronomi<br />

e Forestali e dei Periti agrari)<br />

per segnalare le criticità<br />

riscontrate nel PAN-Piano di<br />

Azione Nazionale per l’uso dei<br />

Fitofarmaci (entrato in vigore<br />

il 12 febbraio 2014) ed offrire<br />

proposte migliorative ciò in<br />

quanto, ai sensi della Direttiva<br />

2009/128/CE, i Paesi membri<br />

dell’Unione Europea devono<br />

rivedere i rispettivi PAN almeno<br />

ogni 5 anni (per l’Italia<br />

dunque la revisione del documento<br />

dovrà essere conclusa<br />

entro il 12 febbraio 2019).<br />

Il PAN italiano (fondamentale<br />

per la tutela e la salvaguardia<br />

della salute dei cittadini) interessa<br />

oltre 1.000.000 di imprese<br />

agricole e oltre 50.000<br />

professionisti iscritti negli<br />

Albi professionali del settore,<br />

all’epoca molto critici con il<br />

Governo al quale imputavano<br />

l’illegittimo disconoscimento<br />

delle rispettive leggi ordinamentali.<br />

La normativa precedente al<br />

PAN (il D.Lgs. n. 290/2001 e<br />

Via Mattei - 20017 -Rho - Milano<br />

Tel. 02-9305393<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Block notes<br />

16


successive modificazioni) prevedeva<br />

infatti una netta distinzione<br />

fra gli operatori del<br />

settore agricolo ed i tecnici;<br />

i primi, per ottenere il permesso<br />

di vendere od acquistare<br />

fitofarmaci, dovevano<br />

sostenere un corso (sebbene<br />

relativamente semplice) ed<br />

un esame regionale finalizzato<br />

al rilascio di una specifica<br />

autorizzazione (il “patentino”)<br />

mentre ai tecnici agrari<br />

il “patentino” veniva rilasciato<br />

d’ufficio, dietro presentazione<br />

di una richiesta e previa verifica<br />

del possesso del titolo di<br />

studio.<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Ciò valeva, in particolare,<br />

per i tecnici liberi professionisti<br />

iscritti negli Albi degli<br />

Agrotecnici e degli Agrotecnici<br />

laureati, degli Agronomi e<br />

Forestali e dei Periti agrari in<br />

quanto per tutti loro la consulenza<br />

fitoiatrica è una delle<br />

competenze previste nelle<br />

rispettive leggi istitutive; ad<br />

esempio la legge professionale<br />

(n. 251/86 e successive<br />

modificazioni) degli Agrotecnici<br />

e degli Agrotecnici laureati<br />

prevede espressamente,<br />

fra le attività tipizzate:<br />

“l’assistenza tecnica per i programmi<br />

e gli interventi fitosa-<br />

Block notes<br />

17


nitari e di lotta integrata;”<br />

(la lotta integrata è un mix<br />

fra lotta biologica ai parassiti<br />

e lotta chimica tradizionale).<br />

Con il PAN del 2012 è stata<br />

operata una illogica assimilazione<br />

di tutte le figure tecniche<br />

(compresi i liberi professionisti)<br />

con qualsiasi altro<br />

soggetto: in altri termini anche<br />

un fitopatologo laureato<br />

in “Protezione delle piante”<br />

ed iscritto in un Albo, per poter<br />

svolgere la sua attività,<br />

deve sostenere un “esame<br />

regionale” ed in seguito corsi<br />

di aggiornamento sempre<br />

regionali (indifferente il fatto<br />

che egli già debba aggiornarsi<br />

obbligatoriamente come libero<br />

professionista).<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Ad un così disastroso<br />

risultato gli ordini<br />

e collegi professionali<br />

del settore agrario<br />

sono arrivati per non<br />

essere mai riusciti a<br />

definire una posizione<br />

comune, invece combattendosi<br />

ferocemente<br />

per ottenere “privative”<br />

di attività professionali<br />

l’uno in danno dell’altro; ad<br />

esempio gli Agronomi hanno<br />

sempre sostenuto di essere<br />

gli unici a poter operare nel<br />

settore della consulenza fitoiatrica<br />

(perciò con l’esclusione<br />

degli altri), salvo poi veder<br />

miseramente frantumato tanto<br />

egocentrismo nell’obbligo<br />

dei loro iscritti a dover stare<br />

in fila davanti al “competente”<br />

ufficio regionale, in attesa<br />

di sostenere -come chiunque<br />

altro- l’esame per il rilascio<br />

dell’autorizzazione fitosanitaria<br />

prevista nel PAN.<br />

E’ pertanto possibile affermare<br />

che il vizio esiziale degli ordini<br />

e collegi del settore agrario<br />

è stata la totale assenza di<br />

Block notes<br />

18


proposte condivise e comuni e<br />

l’incapacità di parlare con una<br />

sola voce alla politica.<br />

Questa divisione è continuata<br />

anche nelle successive opposizione<br />

giudiziarie al PAN,<br />

dove ogni categoria è andata<br />

per conto suo.<br />

Per questo, quando il Ministero<br />

delle Politiche Agricole<br />

Alimentari e Forestali ha interpellato<br />

gli stakeholders,<br />

per ottenere proposte migliorative<br />

al PAN, il Presidente<br />

del Collegio Nazionale degli<br />

Agrotecnici e degli Agrotecnici<br />

laureati Roberto ORLANDI ha<br />

immediatamente interpellato<br />

i Presidenti dei Dottori Agronomi<br />

e Forestali Andrea SISTI<br />

e quello dei Periti agrari Mario<br />

BRAGA, chiedendo la disponibilità<br />

ad inviare proposte congiunte,<br />

tuttavia ricevendo in<br />

risposta silenzi o rifiuti.<br />

Il risultato, ancora una volta,<br />

è che ogni Albo andrà con autonome<br />

proposte, forse anche<br />

fra loro antitetiche, circostanza<br />

che non fa ben sperare per<br />

l’effettivo miglioramento del<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

PAN fitofarmaci e per il buon<br />

esito dei ricorsi tuttora pendenti<br />

al Consiglio di Stato.<br />

La proposta dell’Albo degli<br />

Agrotecnici e degli Agrotecnici<br />

laureati è comunque già stata<br />

inviata e prevede che, sulla<br />

scorta delle leggi professionali<br />

di tutte e tre le categorie<br />

coinvolte (Agrotecnici, Agronomi<br />

e Periti agrari) abbiano<br />

titolo ad acquistare, vendere<br />

e prescrivere fitofarmaci senza<br />

dover acquisire alcuna altra<br />

abilitazione e senza dover<br />

far alcun altro tipo di aggiornamento<br />

che non sia quello<br />

previsto dalla professione di<br />

appartenenza.<br />

Sono poi state formulata altre<br />

proposte tecniche per il miglioramento<br />

della normativa<br />

e per così meglio garantire la<br />

salute pubblica.<br />

Block notes<br />

19


Mipaaf: approvati in Cdm il decreto sulla<br />

gestione dei rischi in agricoltura e il testo Unisco<br />

sulle foreste<br />

Il Ministero delle politiche<br />

agricole alimentari e forestali<br />

comunica che il Consiglio<br />

dei Ministri ha approvato<br />

oggi importanti<br />

misure per il settore. In<br />

particolare, via libera al<br />

decreto legislativo relativo<br />

alla gestione dei rischi<br />

in agricoltura e al Testo unico<br />

in materia di foreste e filiere<br />

forestali.<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Gestione dei rischi<br />

Si tratta di un intervento legislativo<br />

strategico. Il decreto<br />

promuove infatti lo sviluppo<br />

di strumenti assicurativi innovativi<br />

per la gestione dei<br />

rischi in agricoltura, anche<br />

tramite la previsione di nuove<br />

polizze sperimentali e di fondi<br />

sperimentali di mutualizzazione.<br />

Estende inoltre la tutela a<br />

tutta una serie di eventi come<br />

ad esempio le avversità atmosferiche<br />

assimilabili<br />

a calamità naturali,<br />

eventi di portata catastrofica,<br />

epizoozie, organismi nocivi ai<br />

vegetali, nonché ai danni causati<br />

dalla fauna selvatica protetta.<br />

Una misura fondamentale<br />

dettata dalle necessità degli<br />

agricoltori sempre più esposti<br />

a rischi economici e ambientali<br />

a causa degli effetti dei<br />

cambiamenti climatici e della<br />

crescente volatilità dei prezzi.<br />

In tale contesto, dunque, si è<br />

ritenuto necessario garantire<br />

un mix di strumenti adeguato<br />

Block notes<br />

20


nonché di interventi per aiutare<br />

gli agricoltori ad affrontare<br />

questi rischi. La gestione<br />

di questi fenomeni costituisce<br />

una delle priorità della nuova<br />

Politica Agricola Comune e<br />

allo stesso tempo rappresenta<br />

uno dei settori in cui maggiormente<br />

si stanno realizzando<br />

significative applicazioni delle<br />

innovazioni tecnologiche che<br />

si dimostrano utili sia per la<br />

prevenzione e la conoscenza<br />

dei fenomeni, sia per la valutazione<br />

delle produzioni e dei<br />

danni.<br />

Block notes<br />

Il Nuovo Almanacco BiodiverSO: 240 varietà di<br />

ortaggi pugliesi in 370<br />

pagine illustrate<br />

E’ stato presentato venerdì<br />

23 marzo, nell’Aula Magna<br />

dell’ex Facoltà di Agraria<br />

dell’Università di Bari Aldo<br />

Moro, il Nuovo Almanacco<br />

BiodiverSO: 240 varietà di<br />

ortaggi pugliesi recuperate<br />

e studiate dal progetto<br />

“Biodiversità<br />

delle Specie Orticole<br />

della Puglia<br />

(Biodiver-<br />

SO)” finanziato dalla Regione<br />

Puglia nell’ambito del PSR<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

2014-2020.<br />

Il libro, edito dall’Università<br />

Block notes<br />

21


degli Studi di Bari Aldo Moro e<br />

scritto dai responsabili scientifici<br />

del Progetto – Rita Accogli<br />

dell’Università del Salento,<br />

Giulia Conversa dell’Università<br />

di Foggia, Luigi Ricciardi<br />

dell’Università di Bari, Gabriella<br />

Sonnante dell’Istituto<br />

di Bioscienze e Biorisorse del<br />

CNR di Bari e Pietro Santamaria<br />

dell’Università di Bari<br />

–, si compone di 370 pagine,<br />

illustrate con oltre 400 foto,<br />

e una ricca raccolta di risultati<br />

ottenuti in quattro anni di<br />

lavoro finalizzati al recupero,<br />

alla caratterizzazione e alla<br />

conservazione delle risorse<br />

genetiche vegetali.<br />

Il libro contiene <strong>informa</strong>zioni<br />

su etnobotanica, biometria,<br />

agronomia, qualità dei<br />

prodotti e genetica delle 240<br />

varietà. Oltre ad aver caratterizzato<br />

le varietà locali, i 15<br />

partner coinvolti nel progetto<br />

BiodiverSO hanno assicurato<br />

la conservazione in situ ed ex<br />

situ, nonché il risanamento<br />

dalle infezioni da virus e funghi<br />

di diverse varietà di carciofo.<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Presentazione<br />

del Nuovo Almanacco<br />

BiodiverSO<br />

(240 varietà di ortaggi pugliesi in 370 pagine illustrate)<br />

BARI<br />

Aula Magna della ex Facoltà di Agraria<br />

Campus universitario Ernesto Quagliarello, Via Orabona<br />

Ore 16.00<br />

Registrazione partecipanti<br />

Indirizzi di saluto<br />

Ore 16.15-17.00 | Alcune evidenze scientifiche emerse dal Progetto<br />

I pool genici del melone pugliese e della Cipolla rossa di<br />

Acquaviva<br />

Luigi Ricciardi - Dipartimento di Scienze del suolo, della<br />

Pianta e degli Alimenti dell’Università degli Studi di Bari<br />

Aldo Moro<br />

Indagini genomiche evidenziano relazioni, sinonimie e<br />

omonimie di carciofi e zucche pugliesi<br />

Gabriella Sonnante - Istituto di Bioscienze e Biorisorse del<br />

CNR di Bari<br />

Ore 17.00-17.30 | Il Nuovo Almanacco BiodiverSO<br />

WWW.BIODIVERSITAPUGLIA.IT<br />

WWW.FACEBOOK.COM/BIODIVERSO<br />

BIODIVERSO@BIODIVERSITAPUGLIA.IT<br />

23 marzo <strong>2018</strong><br />

dalle ore 16.00<br />

Tre ortaggi straordinari della Capitanata: (cima di) rapa<br />

dalla testa, carote degli arenili e patata dei boschi<br />

Giulia Conversa - Dipartimento di Scienze Agrarie, degli<br />

Alimenti e dell’Ambiente dell’Università di Foggia<br />

La metabolomica per la valorizzazione di meloni e cicorie<br />

del Salento<br />

Rita Accogli - Dipartimento di Scienze e Tecnologie<br />

Biologiche ed Ambientali dell’Università del Salento<br />

Il nostro scrigno<br />

Pietro Santamaria - Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro<br />

A seguire<br />

Esibizione del gruppo musicale “The After 9 p.m.” con con docenti e ricercatori dei Dipartimenti<br />

Distribuzione del Nuovo Almanacco BiodiverSO per i partecipanti registrati<br />

Degustazione di prodotti BiodiverSO a cura del Consorzio per la valorizzazione e la tutela della cipolla bianca<br />

di Margherita IGP e dell’Azienda Iannone Anna di Acquaviva delle Fonti (BA)<br />

La presentazione del Nuovo<br />

Almanacco BiodiverSO sarà<br />

curata dal prof. Pietro Santamaria,<br />

coordinatore del Progetto.<br />

L’evento sarà aperto con i saluti<br />

del Rettore dell’Università<br />

di Bari, il prof. Antonio Uricchio,<br />

e del Direttore del Dipartimento<br />

agricoltura, sviluppo<br />

rurale ed ambientale<br />

della Regione Puglia, il prof.<br />

Gianluca Nardone.<br />

Il programma prevede, inoltre,<br />

quattro relazioni su alcune<br />

delle principali evidenze<br />

scientifiche emerse dal Progetto,<br />

l’esibizione del gruppo<br />

Block notes<br />

22


musicale “The After 9 p.m”<br />

(con alcuni docenti dei due dipartimenti<br />

della ex Facoltà di<br />

Agraria) e una degustazione<br />

di prodotti tipici della cucina<br />

tradizionale pugliese a base<br />

di Cipolla bianca di Margherita<br />

IGP e Cipolla rossa di Margherita.<br />

L’evento è stato organizzato<br />

dal partner Agriplan.<br />

Progetto BiodiverSO<br />

Coordinatore: Pietro Santamaria<br />

- Dipartimento di Scienze<br />

Agro-Ambientali e Territoriali<br />

- Università degli Studi di<br />

Bari Aldo Moro<br />

Tel.: 080 5443098<br />

Block notes<br />

MIPAAF: misure nazionali di attuazione del<br />

regolamento Omnibus<br />

Semplificazioni e aumento aiuti per i giovani agricoltori<br />

Il Ministero delle politiche<br />

agricole alimentari e forestali<br />

rende noto che, dopo un’intensa<br />

fase di consultazione<br />

che ha coinvolto le amministrazioni<br />

regionali, Agea e le<br />

diverse rappresentanze degli<br />

agricoltori, è stato predisposto<br />

un documento unitario<br />

contenente le scelte nazionali<br />

di attuazione del regolamento<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Omnibus per quanto<br />

riguarda i pagamenti<br />

diretti, notificato alla<br />

Commissione europea<br />

il 30 marzo <strong>2018</strong>.<br />

Sono state introdotte<br />

alcune novità particolarmente<br />

significative<br />

soprattutto per i<br />

giovani imprenditori:<br />

a partire dal <strong>2018</strong>,<br />

Block notes<br />

23


potranno beneficiare di diritti<br />

di aiuto più consistenti, avendo<br />

innalzato la percentuale di<br />

incremento dall’attuale 25%<br />

al 50%. Sempre in favore<br />

dei giovani, è stato deciso il<br />

prolungamento dell’erogazione<br />

del “pagamento giovani<br />

agricoltori” anche in favore di<br />

coloro che hanno concluso il<br />

quinquennio dal primo insediamento<br />

ma non dalla prima<br />

domanda del pagamento giovani.<br />

È stato inoltre deciso di consentire<br />

l’accesso alla riserva<br />

nazionale per<br />

le fattispecie<br />

non obbligatorie,<br />

contenendo tuttavia la<br />

riduzione lineare dei diritti<br />

all’aiuto assegnati, il cui importo<br />

sarà successivamente<br />

quantificato con decisione da<br />

parte della Conferenza Stato-<br />

Regioni.<br />

Altre modifiche riguardano<br />

aspetti di carattere tecnico<br />

agronomico, come l’introduzione<br />

del criterio dell’aratura<br />

per interrompere il conteggio<br />

dei cinque anni per la classificazione<br />

a prato permanente<br />

delle superfici coltivate ad<br />

erba ed altre erbacee da foraggio<br />

fuori avvicendamento.<br />

Questa semplificazione avrà<br />

incidenza sul carico ammi-<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Block notes<br />

24


nistrativo relativo al sistema<br />

autorizzatorio per la conversione<br />

del prato permanente in<br />

altri usi, necessario ai fini del<br />

rispetto dei requisiti greening.<br />

Non sono invece state apportate<br />

modifiche agli attuali<br />

meccanismi di riduzione e<br />

capping, né alla regola sulla<br />

flessibilità tra pilastri.<br />

Per il greening, oltre alle semplificazioni<br />

per leguminose,<br />

erba medica in particolare<br />

e riso che sono direttamente<br />

applicabili dal 1° gennaio<br />

<strong>2018</strong>, si è deciso di includere<br />

tra le aree d’interesse ecologico<br />

(EFA) i terreni a riposo<br />

con copertura vegetale di<br />

specie mellifere, redigendo<br />

anche una lista delle colture<br />

seminabili.<br />

Altre modifiche, sempre finalizzate<br />

alla semplificazione<br />

dell’attuale complesso impianto<br />

normativo dei pagamenti<br />

diretti della Pac, riguardano<br />

la verifica dei requisiti<br />

per l’agricoltore in attività.<br />

Vivaista?<br />

Floricoltore?<br />

Ogni giorno il tuo impegno per piante perfette<br />

Da sempre con ICL le migliori gamme a cessione controllata e idrosolubili<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Contattaci: www.icl-sf.it | T. <strong>04</strong>22 436331<br />

Block notes<br />

25


PanAmerican Seed Plant Culture è ora disponibile<br />

nelle principali lingue europee<br />

PanAmerican Seed ha aggiornato<br />

la pagina di “online culture”<br />

per includere i GrowerFacts<br />

in traduzioni in più lingue per i<br />

serricoltori<br />

PanAmerican Seed è felice<br />

di annunciare la disponibilità<br />

delle note colturali online per<br />

la vasta gamma di prodotti<br />

PanAmerican nelle principali<br />

lingue europee. Le <strong>informa</strong>zioni<br />

dettagliate e aggiornate<br />

in tempo reale sono disponibili<br />

in inglese. Tutte le note colturali<br />

PanAmerican Seed GrowerFacts<br />

sono state tradotte<br />

e sono disponibili anche in<br />

spagnolo, olandese, tedesco,<br />

francese e italiano. In alcuni<br />

casi, sono disponibili anche i<br />

GrowerFacts in lingua giapponese.<br />

“In quanto leader internazionale<br />

nell’ibridazione vegetale,<br />

siamo impegnati nella for-<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

mazione dei nostri clienti allo<br />

scopo di permettere loro di<br />

conoscere e comprendere al<br />

meglio i nostri prodotti. Offrendo<br />

<strong>informa</strong>zioni colturali<br />

di qualità in più lingue li aiutiamo<br />

a coltivare al meglio le<br />

piante per la clientela e per<br />

il consumatore finale”, afferma<br />

Claire Josephson, Product<br />

Marketing Manager di PanAmerican<br />

Seed.<br />

Per visualizzare le note colturali<br />

(GrowerFacts) delle annuali,<br />

perenni, piante da talea,<br />

da fiore reciso e delle piante in<br />

vaso di PanAmerican<br />

Seed, visita www.<br />

panamseed.com/<br />

culture.<br />

Block notes<br />

26


Itala, la margherita dedicata a Italo Calvino, e<br />

Francesco, l’elleboro dedicato al Papa, Testimonial<br />

a Euroflora dell’innovazione in floricoltura<br />

Si chiama “Itala”, in onore di<br />

Italo Calvino, cresciuto tra il<br />

parco della villa “la Meridiana”<br />

e la stazione sperimentale di<br />

floricoltura di Sanremo diretta<br />

dal padre Mario in collaborazione<br />

con la moglie Eva Mameli.<br />

E’ una margherita adatta alla<br />

coltivazione in vaso con il fiore<br />

bianco che ha da poco ottenuto<br />

la protezione comunitaria.<br />

“Francesco”, in onore di papa<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Bergoglio, è un bellissimo elleboro<br />

bianco presentato all’ultimo<br />

Festival di Sanremo come<br />

fiore contro la violenza di genere.<br />

Per la prima volta il grande<br />

pubblico avrà la possibilità<br />

di ammirarli dal vivo a Euroflora,<br />

le floralies in programma a<br />

Genova dal 21 aprile al 6 maggio,<br />

ai Parchi di Nervi.<br />

Le due novità sono il frutto<br />

della ricerca varietale portata<br />

avanti dall’Istituto Regionale<br />

della Floricoltura, con sede<br />

a Sanremo, e sviluppata dalle<br />

aziende del territorio con la<br />

collaborazione delle cooperative<br />

commerciali. Sono prodotti<br />

rustici, adatti alle condizioni<br />

del territorio e che permettono<br />

una gestione sostenibile, vale<br />

Block notes<br />

27


a dire riduzione di acqua, concimi<br />

e fitofarmaci.<br />

Nel settore della floricoltura<br />

l’attività di innovazione di prodotto<br />

svolge un ruolo fondamentale<br />

e ha contribuito negli<br />

ultimi anni a cambiamenti epocali<br />

per quanto riguarda le produzioni<br />

e le quote di mercato.<br />

Dall’inizio del 2000 la Liguria,<br />

e in particolare nella piana di<br />

Albenga, si è sviluppata la produzione<br />

di erbe aromatiche in<br />

vaso, con circa 150 milioni di<br />

pezzi all’anno per un totale di<br />

oltre 100 varietà, principalmente<br />

salvia, lavanda, timo e<br />

rosmarino, destinate ai mercati<br />

del nord Europa per un uso<br />

non esclusivamente alimentare.<br />

Una posizione di mercato<br />

che suscita anche qualche sentimento<br />

protezionistico se nelle<br />

settimane scorse la Gran Bretagna<br />

ha dichiarato “guerra” al<br />

rosmarino di Albenga. Questo<br />

è un comparto produttivo letteralmente<br />

“inventato” dai nostri<br />

produttori. E la Liguria viaggia<br />

ai primi posti in Europa anche<br />

per la produzione di fronde,<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Block notes<br />

28


<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

come il viburno e il ruscus, e di<br />

fronde fiorite, come la ginestra<br />

bianca e la mimosa. Sono ormai<br />

ritenute elementi indispensabili<br />

per le realizzazioni dei<br />

bouquet e molto richieste nei<br />

mercati dove l’acquisto di fiori<br />

è elemento abituale di consumo<br />

e le fronde accompagnano<br />

e “scaldano” i mazzi di fiori di<br />

“freddi” come i lilium e i tulipani.<br />

Questi mazzi misti, colorati,<br />

con fiori di taglia ridotta e<br />

molto “verde di complemento”<br />

sono meno costosi e più adatti<br />

alla spesa delle famiglie, a<br />

quello che è un consumo slegato<br />

da ricorrenze molto forte<br />

nei parsi nord europei. Si tratta<br />

di un’offerta che non esisteva è<br />

che è diventata il complemento<br />

indispensabile dei fiori principali.<br />

Poi ci sono i ranuncoli da<br />

clone, con colorazioni davvero<br />

bellissime, la cui coltivazione<br />

rappresenta circa il 10% della<br />

produzione totale della specie<br />

e sono il frutto di una intensa<br />

attività di selezione che ha<br />

visto una sinergia importante<br />

pubblico-privato. Anche le varietà<br />

di margherite compatte<br />

da vaso sono diventate in Liguria<br />

una realtà consolidata con<br />

circa 12 milioni di pezzi all’anno,<br />

venduti al 90% in Germania<br />

E sono anch’esse un brillante<br />

esempio di innovazione.<br />

L’avvio di questa metamorfosi<br />

produttiva risale agli anni ’80<br />

quando per contrastare la perdita<br />

di competitività delle tradizionali<br />

produzioni, fiori recisi<br />

in primis, senza molto clamore<br />

ma con una seria attività di studio<br />

e di ricerca, si sono cercati<br />

nuovi spazi di mercato e nuove<br />

varietà. E l‘impegno a proporre<br />

novità ha prodotto risultati<br />

molto promettenti anche in altri<br />

settori, dalle cactacee con le<br />

spine oggi si sta passando alle<br />

succulente senza spina, prodotte<br />

in Liguria leader nazionale<br />

e in Lazio, Abruzzo e Sicilia.<br />

A Euroflora se ne vedranno<br />

importanti esemplari anche di<br />

30-40 anni di età.<br />

Euroflora, cosa, quando,<br />

dove e come<br />

I colori e i profumi di Euroflora<br />

Block notes<br />

29


tornano a Genova dal 21 aprile al 6 maggio,<br />

per la prima volta nello scenario dei<br />

Parchi di Nervi, tra giardini e ville storiche<br />

affacciati sulla scogliera. La bellezza dei<br />

parchi sarà costellata da scenografie vegetali<br />

e da 500mila fiori a formare grandi<br />

composizioni a contrasto con il verde<br />

dei prati e degli alberi secolari del luogo.<br />

Euroflora <strong>2018</strong> esalterà la bellezza dei<br />

parchi storici arricchendoli con<br />

nuove fioriture e con scenografie<br />

vegetali che giocano con le<br />

forme e i colori dei fiori e del<br />

fogliame. L’acqua, la terra, l’aria<br />

ed il fuoco sono gli elementi<br />

rappresentati nei quattro quadri<br />

da scoprire uno dopo l’altro<br />

lungo il percorso principale<br />

di visita, in un crescendo di<br />

stupore. Le realizzazioni degli<br />

espositori invaderanno i parchi,<br />

86mila metri quadrati di superficie<br />

e 5 chilometri di percorsi,<br />

creando uno spettacolare paesaggio<br />

fiorito con un fondale<br />

d’eccezione, il mare. Splendide<br />

le fioriture del Roseto, le composizioni<br />

e le decorazioni floreali<br />

ospitate all’interno dei Musei<br />

dei Parchi.<br />

Informazioni utili<br />

Orari di apertura al<br />

pubblico: Euroflora<br />

sarà aperta tutti i giorni<br />

da sabato 21 aprile<br />

a domenica 6 maggio<br />

dalle 9 alle 19.30. Biglietti<br />

di ingresso: il<br />

numero giornaliero<br />

dei biglietti disponibili<br />

è limitato a 20mila unità. L’ingresso<br />

è gratuito per bambini<br />

fino a 8 anni, biglietto ridotto a<br />

16 Euro per i ragazzi dai 9 ai 16<br />

anni. Biglietto scontato a 21<br />

Euro per i gruppi di almeno 25<br />

persone con gratuità per l’accompagnatore.<br />

Info e prenotazioni:<br />

www.euroflora<strong>2018</strong>.<br />

it/visite-guidate<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong> <strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

Block notes<br />

30


32<br />

Mercatino dell’usato<br />

di <strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

,,,,,,,<br />

Telaino Termico 2.0 (No Cera)<br />

Arnia Fotovoltaica (alimenta 1-20 arnie)


33<br />

ILMercatino dell’usato<br />

di <strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

Apiario 5 Arnie<br />

Clima 110-220V<br />

Apiario 5 Arnie<br />

Clima 110-220V


Unisciti alle<br />

oltre 30.000<br />

persone che<br />

l’hanno già fatto<br />

guarda anche<br />

tu il Video Corso<br />

Gratuito<br />

SE VUOI IMPARARE A FARE<br />

SPREAD TRADING E OPERARE<br />

SULLE COMMODITIES<br />

ENTRA SUBITO ANCHE TU<br />

NELLA GRANDE FAMIGLIA HEKLA...


35<br />

<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

Novità e tante idee<br />

nell’assortimento<br />

Planta <strong>2018</strong><br />

Interviste<br />

Guido Franco <strong>Clamer</strong><br />

Anche l’edizione <strong>2018</strong> di<br />

Myplant & Garden si è rivelata<br />

un successo forse addirittura<br />

al di la delle più rosee aspettative.<br />

La presenza dei produttori<br />

storici di giovani piante<br />

è massiccia e tra i bellissimi<br />

stand fioriti troviamo quello di<br />

Planta.<br />

Il direttore di Planta Dott. Aldo<br />

Staboli è sempre stato un appassionato<br />

cacciatore di novità<br />

interessanti.<br />

Lo ricordo con piacere insieme<br />

al compianto Claudio Ferrarini<br />

puntualmente presente all’appuntamento<br />

dei pack trials<br />

olandesi armato di macchina<br />

fotografica, blocco per appunti<br />

e sempre a caccia di varietà<br />

nuove, interessanti e dal grande<br />

potenziale.


Cosa state esponendo<br />

qui a<br />

Myplant? Avete<br />

portato particolari<br />

novità?<br />

Il periodo della<br />

stagione per noi è<br />

un po’ complicato<br />

presentare come<br />

parte fiorita alcune<br />

delle novità<br />

che avremo in<br />

assortimento per<br />

la stagione <strong>2018</strong><br />

tra le Viole e le<br />

Primule.<br />

perché in<br />

questo momento la stagione<br />

in corso è quasi finita e quella<br />

nuova non è ancora iniziata,<br />

per cui per noi la data della<br />

fiera è un po’ penalizzante,<br />

tuttavia è una buona occasione<br />

per valorizzare le biennali e<br />

le piante da freddo che spesso<br />

non trovano abbastanza spazio.<br />

Abbiamo quindi approfittato<br />

dell’appuntamento per<br />

Quindi quelle in mostra<br />

sono novità che state presentando<br />

in anteprima?<br />

Sono tutte varietà che sono in<br />

via di introduzione e che saranno<br />

presenti sul nuovo catalogo<br />

delle Biennali attualmente<br />

in lavorazione, in uscita a<br />

Marzo. Il prodotto più importante<br />

in questo ambito sono le<br />

Viole. Tra le Viole abbiamo riscontrato<br />

un aumento di inte-<br />

36


esse nei confronti delle varietà<br />

ricadenti in generale ed in<br />

particolare per l’impiego delle<br />

viole ricadenti in vaso grande<br />

per l’allestimento<br />

di balconi fioriti come<br />

fossero gerani invernali<br />

o per composizioni<br />

in grossi basket.<br />

Rifacendoci all’interesse<br />

dimostrato dal pubblico<br />

e dai nostri clienti<br />

per questo particolare<br />

concetto, nella prossima<br />

stagione offriremo<br />

dei mix a toni (detti Super mix)<br />

seminati a strisce nei contenitori.<br />

Sono delle associazioni<br />

di colore a toni. Dei miscugli a<br />

toni seminati in maniera particolare<br />

nei contenitori per facilitare<br />

il lavoro dei coltivatori.<br />

In un contenitore tradizionale<br />

i vari colori vengono seminati<br />

a strisce in modo che i singoli<br />

colori del miscuglio siano<br />

facilmente riconoscibili e che<br />

quindi sia più semplice sapere<br />

esattamente dove si trova il<br />

giallo, il blu o il bianco per una<br />

preparazione più rapida, agevole<br />

e precisa dei basket per<br />

la clientela.<br />

Invece di prendere tre contenitori,<br />

uno giallo, uno rosso e<br />

uno blu, al coltivatore basterà<br />

prendere uno di questi speciali<br />

contenitori seminati a strisce,<br />

37


detto Super mix, per<br />

ritrovarsi i tre colori già<br />

abbinati. Nel contenitore<br />

verranno messe le<br />

etichette in corrispondenza<br />

dei vari colori.<br />

Sulle etichette comparirà<br />

infatti il nome della<br />

varietà e il relativo<br />

colore, per semplificare<br />

ulteriormente il processo<br />

di composizione.<br />

Sempre per quanto riguarda le<br />

Viole a portamento ricadente,<br />

dalla prossima stagione offriremo<br />

una selezione tratta dalle<br />

serie “Four Seasons” e “Rebelina”<br />

, entrambe a fiore di<br />

cornuta, entrambe molto fiorifere<br />

, ricadenti e a fiore piccolo.<br />

Questo è un materiale non<br />

nuovo dal punto di vista genetico,<br />

in alcuni casi la genetica<br />

risale a più di 10 anni fa. Allora<br />

tuttavia le Viole cornute<br />

non ebbero un grande riscontro,<br />

probabilmente perché non<br />

era il momento giusto. Oggi<br />

è diverso e ritorniamo a valorizzare<br />

il materiale migliore.<br />

Non credo che i nostri colleghi<br />

abbiano ancora preso in considerazione<br />

questo tipo di Viola<br />

e noi cerchiamo di fare un<br />

po’ i pionieri quando possiamo<br />

e quindi siamo andati a recuperare<br />

un po’ di materiale tra<br />

le varietà a fiore piccolo. Le<br />

Viole cornute della serie “Four<br />

Seasons” sono piante molto<br />

fiorifere che coprono bene,<br />

hanno un buon valore estetico,<br />

sono molto belle e sempre<br />

fiorite come consueto per le<br />

Viole cornute.<br />

Per quanto riguarda le Viole<br />

cornute tradizionali avremo<br />

invece qualche nuovo colore.<br />

Attualmente la ricerca sta<br />

sviluppando qualcosa di nuovo<br />

nelle tonalità di rosa, colore<br />

molto difficile da ottenere<br />

tra le Viole. Sono disponibili<br />

alcune Viole di varie tonalità<br />

di rosa molto valide che troverete<br />

sul catalogo Biennali<br />

<strong>2018</strong> Planta di prossima pub-<br />

38


le e quindi è piuttosto<br />

ricco.<br />

blicazione. Una delle novità,<br />

ad esempio è “Pineapple Lady”<br />

di un rosa e giallo mescolato.<br />

Molto interessante anche la<br />

varietà “Lady Soft Pink” che<br />

sarà in assortimento e quindi<br />

sul catalogo <strong>2018</strong> ma che non<br />

abbiamo portato in fiera.<br />

Un’altra interessante novità di<br />

quest’anno è la varietà a fiore<br />

grande di colore nero. Solitamente<br />

i neri hanno piante abbastanza<br />

brutte mentre<br />

questa varietà ha<br />

un bel portamento.<br />

Essendo nera ovviamente<br />

risulta particolarmente<br />

interessante<br />

nelle composizioni mescolata<br />

ad altri colori.<br />

L’assortimento di Viole<br />

di Planta conta ormai<br />

oltre 150 varietà di vio-<br />

Dal punto di vista<br />

quantitativo, quante<br />

Viole produce Planta<br />

all’anno?<br />

Come numeri di produzione,<br />

siamo a 8-9 milioni<br />

di piante all’anno,<br />

con una stima di produzione<br />

di Viole in Italia che<br />

supera i 50 milioni di piante. E’<br />

un quantitativo molto importante<br />

e rispecchia l’importanza<br />

che Planta attribuisce alle<br />

Viole.<br />

Per quanto riguarda le Primule,<br />

avete presentato delle<br />

novità a Myplant?<br />

Per quanto riguarda le Primule,<br />

la novità più interessante è<br />

39


senza dubbio la serie<br />

Perola. Innanzitutto si<br />

tratta di una Primula<br />

elatior e non di una<br />

acaulis, per cui i fiori<br />

formano una sorta di<br />

ombrella sospesa al di<br />

sopra delle foglie. La<br />

particolarità di questa<br />

varietà è la fioritura<br />

molto lunga. Perola<br />

è infatti in grado<br />

di fare fiori di qualità<br />

per almeno 3 mesi.<br />

Per quanto riguarda la<br />

parte tecnica e professionale,<br />

il vantaggio<br />

rispetto ad altre elatior<br />

attualmente presenti<br />

sul mercato, è il<br />

portamento molto ordinato<br />

della pianta in<br />

fase di coltivazione. Fino al primo<br />

fiore la pianta resta molto<br />

ordinata e ti permette quindi<br />

di coltivarla insieme a tutte le<br />

altre. In seguito la pianta produce<br />

dei nuovi cuori che portano<br />

ciascuno uno stelo fiorale<br />

e si allargano sempre più.<br />

Se spaziata sufficientemente<br />

la pianta diventa sempre più<br />

grande fino a sviluppare 7-8<br />

steli fiorali che fioriscono in<br />

continuazione. È facile da pulire<br />

perché basta staccare uno<br />

stelo alla volta ed è molto interessante<br />

per l’utente finale<br />

e chi la utilizza. La parte più<br />

difficile è vincere la resistenza<br />

dei coltivatori che, storicamente<br />

per qualche motivo,<br />

non hanno grande considerazione<br />

per queste piante che<br />

sono invece di ottima qualità e<br />

vantano caratteristiche importanti.<br />

Per ora non ci sono molti<br />

colori nell’assortimento ma la<br />

41


qualità è eccellente.<br />

E il prezzo<br />

al coltivatore<br />

è simile a<br />

quello della<br />

classica Primula<br />

acaulis?<br />

Il prezzo tecnico<br />

della<br />

pianta non è<br />

molto differente<br />

da quello delle acaulis,<br />

tuttavia Perola si può valorizzare<br />

in un vaso più grande e<br />

ha una fioritura di durata molto<br />

maggiore. Perola è molto<br />

interessante anche dal punto<br />

di vista della presentazione,<br />

perché nelle composizioni di<br />

fioriture invernali realizzate<br />

con primule o viole solitamente<br />

non c’è altezza. Le ciotole<br />

e i vasi risultano piatti, mentre<br />

l’impiego di questa varietà<br />

aiuta a creare altezza e movimento,<br />

ad esempio, in combinazione<br />

con un Miosotis o con<br />

un’altra specie.<br />

Messa sul classico davanzale,<br />

Perola si vede, perché si sviluppa<br />

in altezza, contrariamente<br />

alla classica acaulis che<br />

rimane bassa e quindi non visibile.<br />

È già in commercio in Italia<br />

o è una novità assoluta?<br />

Negli ultimi tre anni abbiamo<br />

offerto questo materiale specifico<br />

in prova ad alcuni coltivatori,<br />

ma la commercializzazione<br />

ufficiale avrà inizio nel<br />

<strong>2018</strong>.<br />

In Italia siete gli unici ad<br />

avere in assortimento la<br />

Primula Perola?<br />

In Italia sono in pochi a credere<br />

in questo prodotto. Altri<br />

colleghi la offriranno, noi la<br />

promuoveremo con attenzione<br />

42


e entusiasmo.<br />

non ci sono<br />

molti altri che<br />

la offrono.<br />

Questo materiale<br />

in particolare<br />

penso<br />

nessuno.<br />

Qualcuno in<br />

Francia e ovviamente<br />

in<br />

Olanda. È genetica<br />

Schoneveld,<br />

quindi<br />

Olandese ed è molto interessante.<br />

Planta già da anni offre<br />

materiale con stelo e con caratteristiche<br />

di qualità importanti,<br />

Perola tuttavia è diversa<br />

perché la forma iniziale molto<br />

ordinata della pianta, rende<br />

la coltivazione molto simile a<br />

quella di una classica acaulis.<br />

Non ti costringe a cambiare sistema<br />

di coltivazione o a tenerla<br />

separata dalle altre. Può<br />

essere coltivata insieme alle<br />

altre Primule. Una volta pronta<br />

invece bisogna imparare a<br />

sfruttarne le maggiori potenzialità<br />

dal punto di vista della<br />

vendita ed il maggiore valore<br />

aggiunto. Da quest’anno entreranno<br />

a far parte dell’assortimento<br />

Planta anche le<br />

serie Paradiso precoce e Bonelli,<br />

prodotti sicuramente interessanti<br />

e molto precoci,<br />

ideali per fioriture a Gennaio<br />

soprattutto per quanto riguarda<br />

i coltivatori del centro sud.<br />

Queste serie sono particolarmente<br />

adatte per coltivazioni<br />

intensive con un numero elevato<br />

di piante al metro quadro,<br />

laddove si desideri vendere<br />

tutta la produzione in<br />

una volta sola. Molto uniformi<br />

nella fioritura e con un periodo<br />

di fioritura molto corto, queste<br />

serie consentono a chi le produce<br />

di vendere il contenuto di<br />

una serra in una settimana.<br />

Altri prodotti complementari<br />

43


nuovi e interessanti sono ad<br />

esempio l’Antirrhinum “Candy<br />

Tops” caratterizzato da un<br />

portamento assurgente ed<br />

una pianta robusta che però<br />

resta compatta. Gli Antirrhinum<br />

attualmente sul mercato<br />

o sono bassi ma hanno un portamento<br />

più aperto, oppure<br />

sono eretti ma con piante alte<br />

almeno 50-60 cm. La particolare<br />

combinazione di forma e<br />

portamento di “Candy Tops”<br />

offre a mio parere grandi possibilità<br />

nelle coltivazioni invernali.<br />

Piantando in autunno per<br />

fioriture primaverili, si producono<br />

piante compatte che non<br />

necessitano di brachizzanti,<br />

erette e quindi facili da trasportare<br />

e resistenti nel punto<br />

vendita. Anche questo è materiale<br />

in commercio per il primo<br />

anno, la genetica è di Sakata e<br />

credo sia molto interessante.<br />

Anche l’assortimento di garofani<br />

Planta è moderno e degno<br />

di nota.<br />

Per quanto riguarda i Ciclamini<br />

abbiamo creato un’offerta<br />

di piante in contenitore grande<br />

per aiutare chi vuole produrre<br />

piante importanti senza<br />

anticipare troppo la messa in<br />

coltivazione. Oggigiorno chi<br />

volesse produrre un vaso al di<br />

sopra dello standard, attualmente<br />

rappresentato dal vaso<br />

14, ad esempio un Ciclamino<br />

in vaso 18, avrebbe bisogno di<br />

un mese in più di coltivazione.<br />

In pratica, anziché piantare<br />

tipicamente in settimana 20,<br />

dovrebbe piantare in settimana<br />

16. In settimana 16 però<br />

le serre sono ancora occupate<br />

dalle piante primaverili. Con<br />

questo contenitore è possibile<br />

piantare in settimana 20,<br />

chiudendo quindi la stagione<br />

primaverile, e produrre per<br />

tempo Ciclamini in vaso 18.<br />

44


Questa è una novità<br />

che sarà disponibile<br />

a partire dalla prossima<br />

stagione o è<br />

già disponibile?<br />

Lo stiamo già commercializzando,<br />

ha un<br />

costo chiaramente superiore,<br />

essendo una<br />

pianta già più avanti<br />

nella coltivazione, ma<br />

il rapporto tra costo e<br />

beneficio pende decisamente<br />

a favore del<br />

beneficio, poiché può<br />

essere venduto ad un<br />

prezzo superiore e<br />

permette a chi coltiva<br />

di risparmiare i costi e<br />

i rischi del mese in più<br />

di coltivazione.<br />

A livello andamento del<br />

mercato? Come è stata la<br />

stagione 2017?<br />

La stagione 2017 è stata buona<br />

per i nostri clienti, il mercato<br />

è stato discreto. Fondamentalmente<br />

non è ancora<br />

cambiato molto il trend. C’è<br />

ancora una discreta sofferenza<br />

e a mio avviso nel medio<br />

termine non si vedranno grandi<br />

cambiamenti. Si è ancora<br />

molto legati al tempo. Bisogna<br />

cercare di diversificare le produzioni<br />

e non prendersi troppi<br />

rischi nella coltivazione.<br />

Ringraziamo e salutiamo il<br />

Dott. Staboli e continuiamo la<br />

nostra visita in fiera.<br />

A questo punto siamo impazienti<br />

di sfogliare i nuovi cataloghi<br />

Planta, che potrete<br />

scaricare a breve<br />

dal sito www.planta.it<br />

o da uno dei prossimi<br />

numeri di <strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong>,<br />

per vedere tutte le novità<br />

in assortimento.<br />

45


<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

Planta compie 40 anni!<br />

Aziende<br />

La celebrazione avrà luogo durante lo svolgimento delle<br />

giornate Porte Aperte dal 31 maggio al 2 Giugno in contemporanea<br />

con Lazzeri, Psenner e Raffeiner<br />

Il <strong>2018</strong> è un anno importante<br />

per Planta. La storica azienda<br />

di Bressanone compie infatti<br />

40 anni.<br />

L’evento verrà celebrato durante<br />

le giornate porte aperte<br />

che si svolgeranno da Giovedì<br />

31 Maggio a Sabato 2 Giugno.<br />

Come da tradizione anche<br />

quest’anno Planta, Psenner,<br />

Raffeiner e Lazzeri hanno deciso<br />

di organizzare insieme<br />

l’evento.<br />

Qui di seguito potete trovare<br />

una breve anticipazione a cura<br />

delle aziende organizzatrici.<br />

Siete tutti invitati!<br />

47


Planta s.s.agr.<br />

Via Brennero 45<br />

39<strong>04</strong>2 Bressanone BZ<br />

Tel: <strong>04</strong>71-830000<br />

Data di apertura:<br />

Giovedì 31 maggio <strong>2018</strong> – sabato<br />

2 giugno <strong>2018</strong><br />

Orario di apertura:<br />

Giovedì 31 maggio: dalle ore<br />

9:00 alle ore 17:00<br />

Venerdì 01 giugno: dalle ore<br />

9:00 alle ore 16:00<br />

Sabato 02 giugno: dalle ore<br />

9:00 alle ore 17:00<br />

Planta compie quest’anno 40<br />

anni di attività. Il porte aperte<br />

sarà l’occasione per festeggiare<br />

assieme a voi questo importante<br />

traguardo. Vogliamo<br />

farlo presentando il meglio<br />

dell’assortimento di piante<br />

stagionali da seme e da talea<br />

a confronto con le novità della<br />

stagione 2019.<br />

La nostra collezione di piccoli<br />

frutti per il mercato hobbistico,<br />

le piante da orto a marchio<br />

Plantaland, qualche sorpresa<br />

di quanto Planta sta studiando<br />

per il prossimo futuro.<br />

Novità varietali:<br />

Petchoa Beautical<br />

Nuova generazione di Petchoa<br />

(l’ibrido tra petunia e calibrachoa).<br />

Cinque varietà a pianta<br />

compatta, fiori grandi e colori<br />

Petchoa Beautical<br />

48


particolari. Una notevole evoluzione<br />

nella genetica di questa<br />

specie finora un po’ sottovalutata.<br />

SunPatiens<br />

Compie 10 anni questa pianta<br />

regina dei giardini italiani. La<br />

sua forza, i colori, la tolleranza<br />

al caldo e al freddo rendono la<br />

SunPatiens un vero leader per<br />

le fioriture di tutta la stagione.<br />

Sunpatiens Compact Orchid<br />

Begonia Big<br />

Le avremo tutte in prova a<br />

confronto tra loro. E vinca il<br />

migliore.<br />

Piccoli frutti:<br />

nuove varietà di lampone,<br />

nuove varietà di ribes, ma soprattutto<br />

le prime piante di<br />

piccoli frutti compatte, coltiva-<br />

3 nuovi colori tra cui il Sunpatiens<br />

Compact Orchid dal colore<br />

chiaro molto elegante.<br />

Begonia Big<br />

Anche la begonia Big è ormai<br />

leader nel gruppo delle begonie<br />

a taglia gigante. Diverse<br />

concorrenti si affacciano sul<br />

mercato a contrastare questo<br />

dominio.<br />

Mora compatta<br />

49


ili sul balcone o in spazi piccoli.<br />

Produttive e ornamentali<br />

allo stesso tempo.<br />

Lazzeri - Società agricola<br />

a.r.l.<br />

Via Nazionale, 31<br />

39012, Merano<br />

Tel: +39 <strong>04</strong>73 246246<br />

Data di apertura:<br />

Giovedì 31 maggio <strong>2018</strong> – sabato<br />

2 giugno <strong>2018</strong><br />

Orario di apertura:<br />

dalle 9:00 alle 17:00<br />

Lazzeri: la genetica made in<br />

Italy!<br />

Partecipare alle porte aperte<br />

di Lazzeri è l’occasione perfetta<br />

per fare una scelta mirata,<br />

con il supporto della rete di<br />

vendita e dei tecnici Lazzeri.<br />

Non perdete l’occasione per<br />

trascorrere una giornata piacevole<br />

a Merano, con degustazioni<br />

gastronomiche tipiche!<br />

Prepariamo insieme la prossima<br />

stagione primavera/estate!<br />

Scoprite in anteprima l’assortimento<br />

Lazzeri 2019!<br />

Argyranthemum Bellavita<br />

• L’uniformità/omogeneità<br />

della serie » crescita e fabbisogno<br />

in nanizzante.<br />

• sincronizzazione della fiori-<br />

Argyranthemum<br />

Bellavita White<br />

50


40 anni<br />

di giovani<br />

piante<br />

ANNI • JAHRE<br />

Porte aperte <strong>2018</strong><br />

Da giovedi 31 maggio<br />

a sabato 2 giugno<br />

vi invitiamo a festeggiare<br />

con noi l’importante evento.<br />

PLANTA s.s.agr. - Via Brennero 45 Brennerstraße - 39<strong>04</strong>2 Bressanone / Brixen (BZ) - Tel. <strong>04</strong>72/830000 • Fax <strong>04</strong>72/837691<br />

www.planta.it • info@planta.it - Per ordini / für Bestellungen: order@planta.it • Fax <strong>04</strong>72/605101


Argyranthemum<br />

Bellavita Pink<br />

tura » precocità uniforme (finestra<br />

di fioritura di 7 giorni).<br />

• Foglia argentata.<br />

Duna Pink Star<br />

Portulaca DUNA<br />

Una serie incomparabile di<br />

Portulaca con 4 diverse tipologie<br />

di fiori:<br />

• Fiore grande.<br />

• Ramificazione straordinaria.<br />

• Eccezionale per aiuole e<br />

basket.<br />

1) Classic: fiori semplici e<br />

grandi, colori intensi.<br />

2) Bicolor: fiori semplici e<br />

grandi, bicolori esclusivi.<br />

3) Double: tipo di fiore unico,<br />

pieno.<br />

4) Peggy: fiori giganti con foglie<br />

a forma di ago.<br />

Duna Red Cross<br />

Duna Mandarin<br />

52


Calibrachoa<br />

Gran Mille Baci<br />

la NUOVA Mille Baci vigorosa<br />

• Fiorisce come la Mille<br />

Baci perfettamente sopra<br />

le foglie.<br />

• Sei colori molto attraenti.<br />

• Omogeneità della<br />

serie » bisogno minimo<br />

di nanizzante.<br />

• Sincronizzazione nella fioritura<br />

» una finestra di vendita<br />

di 5/7 giorni.<br />

• Ideale per balconi, aiuole<br />

ed anche per decorazioni.<br />

• Fiorisce costantemente e<br />

rimane bella tutta l’estate.<br />

Geranio<br />

interspecifico Gran Lazzeri<br />

• Fioritura molto precoce e<br />

duratura.<br />

• Molto resistente alle intemperie<br />

» anche in aiuola<br />

• Facilità di manutenzione.<br />

Calibrachoa Gran Mille Baci<br />

Pelargonium peltatum<br />

Gran Festa<br />

• Serie compatta ed innovativa<br />

con 4 colori, coltivabile anche<br />

senza gabbietta.<br />

• serie classica completa con<br />

6 colori.<br />

• L’uniformità/omogeneità<br />

della serie » Crescita e fabbisogno<br />

di nanizzante.<br />

• Sincronizzazione nella fio-<br />

Gran Lazzeri<br />

Gran Festa compact Amethyst<br />

53


itura » precocità uniforme<br />

(finestra di fioritura di circa 7<br />

giorni).<br />

Andreas Psenner<br />

& Figli s. s.<br />

Via Pallude 7<br />

Strada Provinciale 14<br />

39052 - Caldaro (BZ)<br />

Tel: <strong>04</strong>71/918489<br />

Data di apertura:<br />

Giovedì 31 maggio <strong>2018</strong> – sabato<br />

2 giugno <strong>2018</strong><br />

Orario di apertura:<br />

dalle 9:00 alle 17:00<br />

Una moltitudine di varietà<br />

e composizioni<br />

miste vi aspetta<br />

alle nostre<br />

giornate<br />

delle “Porte<br />

Aperte” che<br />

avranno luogo<br />

a Caldaro dal 31<br />

maggio al 02 giugno<br />

<strong>2018</strong>.<br />

In quest’occasione potrete selezionare<br />

le varietà adatte per<br />

il Vostro assortimento e valorizzare<br />

i Vostri prodotti con<br />

TOP Allegria<br />

Velvet Red<br />

nuove composizioni.<br />

Le nostre „Porte Aperte“ sono<br />

speciali ed ogni anno siamo riusciti<br />

a superare le aspettative<br />

dei visitatori.<br />

TOP Allegria Rosa<br />

Highlights varietali:<br />

Gamma „TOP Allegria“<br />

La continua voglia di innovazione<br />

ha dato vita a questa<br />

magnifica nuova gamma, la<br />

quale rispecchia<br />

le esigenze<br />

del<br />

consumatore<br />

finale, colori<br />

molto forti che<br />

mantengono la loro intensità<br />

anche durante le elevate<br />

temperature estive.<br />

Per il coltivatore abbiamo ottime<br />

caratteristiche di crescita<br />

e una fioritura precoce.<br />

54


Jamesbrittenia<br />

“Jammin Red”<br />

Questa pianta di origine sudafricana<br />

ha una forma armoniosa<br />

ed è elegante da combinare<br />

con qualsiasi altra varietà di<br />

vigorosità media. Le sue caratteristiche<br />

ricordano ad<br />

un mix tra Calibrachoa e<br />

Verbena.<br />

Bidens<br />

“Spicy Ice”<br />

Bidens “Spicy<br />

Margarita”<br />

Jamesbrittenia “Jammin Red”<br />

La Jamesbrittenia “Jammin<br />

Red” è resistente al caldo,<br />

estremamente fiorifera e infrangibile.<br />

La loro crescita sferica,<br />

semicascante e voluminosa<br />

fa di questa pianta un<br />

„must have“ assoluto per ogni<br />

amante di piante.<br />

Bidens “Spicy Fire”<br />

Bidens “Spicy Ice”, “Spicy<br />

Margarita” e “Spicy Fire”<br />

Si tratta di una Bidens cespugliosa,<br />

con una fioritura ultraprecoce<br />

e fiori di dimensione<br />

grande sopra una crescita<br />

compatta. Fiorisce instancabil-<br />

55


mente per tutta l’estate fino<br />

in autunno. Colore bianco e<br />

rosso-arancione.<br />

Petunia “Purple Cream”<br />

Come rivela il nome, si<br />

tratta di una petunia di colore<br />

purple e panna.<br />

Petunia “Purple Cream”<br />

Convince per l’omogeneità<br />

nella crescita ricadente, la stabilità<br />

dei colori ed è un ottimo<br />

prodotto da vaso e basket.<br />

Raffeiner Südtirol Orchidee<br />

Via Nazionale, 26<br />

39010 Gargazzone<br />

Tel: +39 <strong>04</strong>71 92 02 18<br />

La Raffeiner Südtirol Orchidee<br />

apre le sue porte dal 31 maggio<br />

al 2 giugno a tutti i colleghi<br />

floricoltori.<br />

Uno sguardo sulla produzione<br />

spiazza generalmente tutti i<br />

visitatori così come i conoscitori.<br />

Avreste mai pensato che<br />

le nostre orchidee per ben 5<br />

lunghi anni si nutrono dell’acqua<br />

proveniente dalle sorgenti<br />

alpine?<br />

Data di apertura:<br />

Giovedì 31 maggio <strong>2018</strong> – sabato<br />

2 giugno <strong>2018</strong>.<br />

56


57<br />

Le nostre orchidee vengono<br />

create nel nostro laboratorio<br />

dopo essere state testate per<br />

le loro proprietà, quali la resistenza,<br />

la lucentezza dei colori<br />

e lunga fioritura. Grazie a<br />

questi presupposti possiamo<br />

garantire una pianta forte e<br />

sana, curata dalle mani sapienti<br />

dei nostri giardinieri.<br />

Ammirate la varietà e l’unicità<br />

delle nostre Phalenopsis e<br />

delle orchidee tropicali. Lasciatevi<br />

ispirare dal grande assortimento<br />

e scoprite il mondo<br />

delle orchidee.


PIANTE FIORITE<br />

DA VASO<br />

a cura di Giorgio Rampinini<br />

Continuiamo a riproporvi alcuni brani estratti<br />

della monografia “Piante fiorite da vaso:<br />

coltivazione e difesa” di Giorgio Rampinini.<br />

Le piante oggetto di trattazione in questo<br />

volume sono: Geranio, Impatiens, Crisantemo<br />

e Petunia; se siete impazienti di leggere<br />

l’opera completa o siete ancora tradizionalmente legati alla<br />

versione cartacea, potete acquistare la monografia originale in<br />

formato cartaceo direttamente dal sito di e-commerce di <strong>Clamer</strong><br />

<strong>informa</strong>, con pochi semplici clic e utilizzando la piattaforma bancaria<br />

semplice e sicura di PayPal: buona lettura!<br />

Edizione digitale<br />

Versione cartacea<br />

Web store <strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

Petunia x atkinsiana<br />

Calibrachoa x hybrida<br />

Petunia da talea<br />

Specie<br />

Le varietà di Petunia a moltiplicazione<br />

generativa o vegetativa<br />

vengono attualmente<br />

classificate come P. x atkinsiana<br />

che deriva principalmente<br />

dalla ibridazione di 2 specie<br />

originarie del Sud America: P.<br />

P. x atkinsiana (foto web)<br />

axillaris e P. integrifolia.<br />

58


Petunia axillaris Surfinia Purple (foto web)<br />

La prima, introdotta in Europa<br />

nel 1823, ha steli eretti o decumbenti,<br />

tomentosi, alti fino a<br />

60 cm; foglie ovali o lanceolate,<br />

lunghe fino a 12 cm, decorrenti;<br />

fiori profumati di notte,<br />

imbutiformi, bianchi, con tubo<br />

di circa 6 cm e corolla con diametro<br />

di 5 cm; originaria di Argentina,<br />

Uruguay e Brasile meridionale.<br />

P. integrifolia (P. violacea), introdotta<br />

in Europa nel 1831,<br />

ha foglie ellittiche o lanceolate,<br />

lunghe 8 cm; steli prostrati<br />

ed assurgenti alla estremità,<br />

pubescenti, lunghi fino a 1 m;<br />

fiori imbutiformi, di colore da<br />

rosa violetto a carminio scuro,<br />

con tubo lungo 2-5 cm e co-<br />

rolla larga 3-4 cm;<br />

originaria di Brasile,<br />

Argentina, Uruguay,<br />

Paraguay.<br />

Le specie di Petunia<br />

sono caratterizzate<br />

da un corredo cromosonico<br />

2n = 14;<br />

steli che non lignificano;<br />

calice molto<br />

profondamente lobato;<br />

disposizione<br />

(estivazione) embricata<br />

dei petali nel<br />

bocciolo e cellule del<br />

tegumento del seme con pareti<br />

anticlinali ondulate.<br />

Il genere Calibrachoa é stato<br />

separato da Petunia nel 1825,<br />

ma é solo nel 1985 che la separazione<br />

viene confermata<br />

Petunia integrifolia (foto web)<br />

59


Surfinia Dark red (foto Planta)<br />

basandosi sul corredo cromosomico<br />

che é 2n = 18. Il genere<br />

comprende 25 specie, con<br />

steli lignificati eretti o prostrati,<br />

foglie ellittiche, intere; fiori<br />

imbutiformi con un diametro<br />

di circa 2,5 cm, che tendono<br />

a chiudersi in assenza di sole;<br />

calice lobato; estivazione conduplicata<br />

con 2 petali che coprono<br />

gli altri 3; cellule del tegumento<br />

del seme con pareti<br />

anticlinali diritte. La maggior<br />

parte delle specie selvatiche ha<br />

fiori di colore violetto.<br />

La prima petunia da talea<br />

commerciale, della serie Surfinia,<br />

é stata introdotta nel<br />

1989; successivamente é stata<br />

creata una intera famiglia<br />

con colori, dimensioni dei fiori<br />

e portamento diversi. A seguito<br />

dell’enorme successo<br />

della Surfinia ®<br />

molti ibridatori hanno<br />

introdotto sul mercato<br />

serie di petunie<br />

da talea al punto che<br />

attualmente ne sono<br />

disponibili una quarantina<br />

tra le quali<br />

alcune hanno un portamento<br />

compatto e<br />

tondeggiante più simile<br />

a quello delle<br />

piante da seme che a quello<br />

della capostipite da talea.<br />

Le serie di petunia da talea<br />

comprendono varietà che si<br />

distinguono per portamento<br />

della chioma (decumbente,<br />

assurgente, tondeggiante), dimesione<br />

dei fiori (maxi: 55-80<br />

mm; midi: 40-55 mm; mini:<br />

25-40 mm); numero dei petali<br />

(fiore semplice o doppio); colorazione<br />

del fiore; disposizione<br />

del colore del fiore (uniforme,<br />

venato, stellato, macchiato in<br />

gola, marginato); precocità di<br />

fioritura.<br />

Le serie di Calibrachoa disponibili<br />

sul mercato sono una<br />

dozzina e si differenziano per<br />

il portamento (decumbente,<br />

assurgente), la colorazione dei<br />

fiori; la sensibilità alla mancan-<br />

60


za di sole.<br />

In genere Calibrachoa<br />

rispetto a Petunia é<br />

più sensibile al ristagno<br />

idrico, alla clorosi<br />

ferrica, ma ha un più<br />

ampio assortimento<br />

di colori.<br />

Le petunie da talea<br />

sono più vigorose<br />

e più resistenti alla<br />

pioggia delle consanguinee<br />

da seme, però<br />

quest’ultimo carattere é<br />

inversamente proporzionale<br />

alla dimensione del fiore.<br />

L’attuale tendenza della ibridazione<br />

é verso l’ottenimento di<br />

serie complete per colore dei<br />

fiori, uniformi di sviluppo e<br />

precocità di fioritura, resistenti<br />

alle intemperie e alle malattie,<br />

con colorazioni stabili nel corso<br />

della stagione, fioritura prolungata<br />

e sterile.<br />

Coltivazione<br />

Fuseables® Calibrachoa Paradise<br />

Island (foto PanAmerican Seeds)<br />

Le talee apicali vengono ricavate<br />

da piante madri sottoposte<br />

a selezione fitosanitaria e<br />

coltivate in condizioni che ne<br />

impediscono la reinfezione.<br />

Per tali motivi, oltre che per<br />

non infrangere la legge sulla<br />

protezione dei brevetti vegetali,<br />

non é conveniente utilizzare<br />

per il taleaggio il materiale<br />

ricavato dalla cimatura delle<br />

piante in coltura. Sul mercato<br />

sono disponibili sia talee in<br />

erba che radicate.<br />

Le talee vengono impiantate in<br />

moduli di radicazione preconfezionati,<br />

paperpot, contenitori<br />

alveolari e collocate sotto<br />

un impianto di nebulizzazione<br />

o un tunnel di film plastico.<br />

La radicazione richiede circa 2<br />

settimane.<br />

Per la radicazione utilizzare un<br />

substrato specifico a base di<br />

torba ammendata a pH 5,5 e<br />

miscelata a perlite. Per l’invasatura<br />

scegliere una miscela<br />

a base di torba e argilla granulare,<br />

oppure di torba bionda<br />

62


e nera, piuttosto grossolana e<br />

ben drenante, soprattutto per<br />

le Calibrachoa sensibili al ristagno<br />

idrico. Il pH va regolato fra<br />

5 a 5,8 in modo da prevenire<br />

l’insorgenza della carenza di<br />

ferro e la concimazione di base<br />

ottenuta con 1,5 kg/m 3 di fer-<br />

tilizzante complesso e completo.<br />

Si tratta di piante esigenti<br />

di nutrimento e resistenti alla<br />

salinità. Il fabbisogno di una<br />

pianta di Surfinia ® in vaso 11,<br />

per una coltura di 8 settimane,<br />

é di 400 mg di N, provenienti<br />

da un concime con un rapporto<br />

1,7 : 1 : 1,7. Il soddisfacimento<br />

della esigenza nutrizionale<br />

può essere ottenuto mediante<br />

la fertirrigazione continua in<br />

modo da arrivare a 2-4% alla<br />

settimana oppure con la miscelazione<br />

di concime a cessione<br />

controllata nel terriccio e la<br />

fertirrigazione periodica.<br />

La concimazione di copertura<br />

viene iniziata quando le radici<br />

incominciano a “girare”, dopo<br />

circa 2 settimane dalla invasatura,<br />

e aumentata in concentrazione<br />

e frequenza col crescere<br />

Carenza di magnesio<br />

(foto Whipker)<br />

Clorosi ferrica da pH<br />

elevato (foto Whipker)<br />

63


64<br />

della pianta. La concimazione<br />

di base può essere aumentata<br />

mescolando 2-3 kg/m 3 di concime<br />

con cessione di 5-6 mesi<br />

e poi completata con la fertirrigazione<br />

settimanale per sopperire<br />

all’aumento del fabbisogno<br />

in fioritura. In genere si<br />

impiega un fertilizzante 2:1:2<br />

o 1,7:1:1,7 e con una preponderanza<br />

di azoto ammoniacale<br />

se l’acqua é dura in modo da<br />

mantenere il pH sotto 6.<br />

Durante la coltivazione, la nutrizione<br />

va integrata con 2-3<br />

apporti di chelato di ferro<br />

EDDHA.<br />

Le piante vanno mantenute<br />

ben concimate fino al momento<br />

della fioritura per evitare che<br />

le foglie basali ingialliscano sul<br />

punto di vendita.<br />

La irrigazione va regolata con<br />

la dimensione della pianta e le<br />

condizioni climatiche in modo<br />

da mantenere il terriccio ad<br />

una umidità costante e moderata.<br />

Un leggero stress idrico controlla<br />

l’allungamento dei rami<br />

ma causa facilmente l’ingiallimento<br />

delle foglie. Le irrigazioni<br />

per aspersione vanno effettuate<br />

in modo che la chioma si<br />

riasciughi rapidamente e sono<br />

da evitare sulle piante in fioritura.<br />

Se le piante sono coltivate su<br />

feltro o su bancali a terra, la<br />

superficie di appoggio va protetta<br />

con un telo antiradici in<br />

modo da evitare che l’espan-


sione dell’apparato radicale<br />

nel materiale sottostante<br />

renda la crescita<br />

incontrollabile a causa<br />

della maggiore disponibilità<br />

di acqua e nutrienti.<br />

Le nuove serie varietali di<br />

Petunia ramificano abbondantemente<br />

senza cimatura<br />

se coltivate con corrette<br />

condizioni termiche,<br />

fotoperiodiche e di irraggiamento.<br />

La cimatura é necessaria<br />

per favorire l’accestimento<br />

delle Calibrachoa che altrimenti<br />

stentano a ramificare se non<br />

dopo la induzione fiorale e per<br />

formare la chioma dei basket<br />

di Petunia. La cimatura viene<br />

effettuata ad una altezza dello<br />

stelo di 2-3 cm o sopra 3 paia<br />

di foglie, dopo circa 1 settimana<br />

dalla invasatura, oppure si<br />

possono cimare le talee ancora<br />

nel contenitore di radicazione.<br />

Le piante di grossa taglia possono<br />

richiedere una seconda<br />

cimatura, a distanza di 2-4 settimane<br />

dalla prima, per regolarizzare<br />

la chioma; la fioritura<br />

risulta però ritardata di 3-4<br />

settimane.<br />

Ventilare abbondantemente<br />

l’ambiente di coltura per mantenere<br />

la igrometria inferiore<br />

a 80% in modo da limitare gli<br />

attacchi di crittogame e l’innalzamento<br />

della temperatura.<br />

Le piante vanno spaziate adeguatamente<br />

ed in tempo per<br />

evitare che gli steli si intreccino<br />

rendendo la preparazione<br />

per la vendita molto onerosa<br />

a causa della pelosità adesiva<br />

che ricopre gli organi vegetativi.<br />

Una facilitazione é offerta<br />

dall’uso delle “gabbiette” per i<br />

gerani edera, che però vanno<br />

messe quando le ramificazioni<br />

sono abbastanza allungate da<br />

assumere una posizione verticale,<br />

per evitare che crescendo<br />

attraverso le finestrature rendano<br />

vana l’applicazione.<br />

Le petunie da talea e le Calibrachoa<br />

vengono normalmente<br />

prodotte in vasi da 12-14 cm<br />

ed in basket da 16-18 cm, tutti<br />

con una sola talea, mentre per<br />

65


i basket da 20-24 cm vengono<br />

usate tre talee.<br />

La durata della coltivazione dipende<br />

dalle condizioni colturali<br />

e, tenendo anche presente che<br />

si tratta di piante fotoperiodiche,<br />

dalla data di invasatura.<br />

Per fioriture di fine marzo-inizio<br />

aprile si possono calcolare<br />

6-8 settimane per il vaso da<br />

12-14 cm e 8-12 settimane per<br />

i basket da 18-25 cm. Più l’invasatura<br />

é anticipata e più si<br />

allunga la coltura; più é lungo<br />

il periodo di coltivazione sotto<br />

giorno corto e maggiormente<br />

la pianta ramifica e si infoltisce.<br />

Per ottenere piante compatte e<br />

ben accestite si può agire sulla<br />

scelta delle varietà, ricorrere<br />

a temperature controllate e a<br />

regimi termici particolari; moderare<br />

le irrigazioni e le concimazioni<br />

oppure utilizzare i nanizzanti.<br />

I prodotti registrati ed<br />

efficaci sono Alar a 0,2-0,3%,<br />

Topflor a 0,05-1%, ripetuti a<br />

seconda del vigore varietale e<br />

delle condizioni colturali. Altri<br />

prodotti efficaci ma non registrati<br />

per l’uso o in Italia sono<br />

Bonzi a 4-6 ml/litro, Regalis a<br />

0,125-0,25%, Tilt a 0,05.<br />

L’Alar incrementa la quantità di<br />

fiori prodotti, ma ritarda la fioritura.<br />

La risposta ai nanizzanti<br />

é una caratteristica varietale.<br />

Sul prossimo<br />

numero le sezioni<br />

Temperatura e Luce<br />

della Petunia x atkinsiana<br />

Calibrachoa x hybrida<br />

66


estate<br />

Esposizione e<br />

resistenza<br />

Al sole durante la<br />

fioritura; ombra in<br />

estate. Tollera il freddo<br />

alte<br />

15-20 cm cm<br />

consigli per l’uso<br />

sole<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

ratteristiche principali<br />

rimula comune, dai fiori gialli, e i suoi innumerevoli e colorati<br />

i sono tra i primi fiori a comparire in primavera. Erbacea<br />

nne, ma generalmente trattata come stagionale, facilissima e<br />

o esigente, da gennaio ad aprile dona vivacità ad aiuole, vasi<br />

assette con i suoi fiori semplici, semidoppi o doppi, in tinte<br />

aci, anche bicolori o screziati, molto durevoli.<br />

Melograno da fiore<br />

Dove collocarla<br />

www.natuweb.it<br />

n Caratteristiche principali<br />

Albere lo di grande eleganza, tipico de le zone mediterranee,<br />

rustico e longevo, molto popolare nei giardini e nei terrazzi per la<br />

sua fioritura stupenda e prolungata, il bel fogliame verde chiaro<br />

e i frutti decorativi. In maggio compaiono i fiori, che continuano<br />

a sbocciare per tutta l’estate. Esistono varietà con fiori bianchi,<br />

rosa, rossi e screziati.<br />

n Dove collocarlo<br />

Il nome botanico<br />

Punica granatum,<br />

varietà da fiore<br />

Utilizzo<br />

In giardino e in vaso<br />

per te razzi e balconi<br />

I valori<br />

Lunga e bella fioritura,<br />

bassa manutenzione,<br />

to lera salinità e smog<br />

Esposizione e<br />

resistenza<br />

Posizioni in pieno sole;<br />

clima caldo, ne le zone<br />

con inverno gelido va<br />

riparato in se ra<br />

fioritura:<br />

temperatura<br />

minima: -5 °C<br />

Deve vivere in pieno sole. Sopporta bene il caldo e la siccità,<br />

so fre se il freddo è intenso e prolungato; talvolta gela la chioma<br />

ma ricaccia da le radici. To lera bene lo smog urbano.<br />

spazio per inserire<br />

marchio punto vendita<br />

alte za media:<br />

fino a 3 m<br />

www.natuweb.it<br />

pieno sole<br />

Melograno da fiore<br />

Esistono varietà a fiori screziati e varietà nane con fru ti minuscoli.<br />

n Irrigazione<br />

Ha un’o tima resistenza a la siccità, ma per avere una fioritura<br />

abbondante e rigogliosa occorre innaffiare regolarmente nel<br />

periodo vegetativo, da una a due volte la settimana, curando il<br />

drenaggio per evitare i pericolosi ristagni idrici.<br />

n Concimazione e rinvaso<br />

Concimare una volta ogni due settimane con un fertilizzante per<br />

piante da fiore. In settembre e o tobre, fornire letame in pe let. Se<br />

coltivato in vaso, ampio e profondo, si rinvasa ogni due anni a<br />

inizio primavera nei primi anni, poi è sufficiente rinnovare lo strato<br />

superficiale di terriccio nel contenitore.<br />

ollocare in pieno sole durante la fioritura, per poi spostarla in<br />

mbra nei mesi estivi se si vuole tentare di conservarla (teme<br />

olto il caldo estivo). Sopporta bene il freddo.<br />

www.natuweb.it<br />

Stella di Natale<br />

n Cure generali<br />

Non richiede potature se non per asportare parti secche o malate.<br />

In primavera si possono spuntare i rami per favorire una migliore<br />

ripresa vegetativa.<br />

n Caratteristiche principali<br />

Curiosità e notizie utili<br />

Pianta di origine messicana, vive in appartamento; resiste<br />

all’aperto tutto l’anno nei climi molto miti (Sud e lungo le coste<br />

in zone protette) dove diventa un piccolo arbusto. I “fiori” sono<br />

in realtà foglie colorate, dette “brattee”; i fiori veri e propri sono<br />

piccoli, al centro delle foglie colorate.<br />

n I frutti de le varietà ornamentali non sono commestibili; per avere<br />

fru ti da portare in tavola occo re una varietà da fru to.<br />

n Esistono varietà nane che non superano i 50 cm di altezza: sono<br />

ideali per la coltivazione in vaso e in giardino in basse bordure.<br />

n Le leggende popolari vedono il melograno come simbolo di<br />

prosperità, ricchezza, fecondità e buona sorte.<br />

in collaborazione con<br />

n Dove collocarla<br />

Il nome botanico<br />

Euphorbia pulcherrima,<br />

sinonimo Poinsettia<br />

Utilizzo<br />

Pianta d’appartamento,<br />

classica nel periodo<br />

natalizio<br />

I valori<br />

I “fiori” (foglie colorate)<br />

durano a lungo<br />

Esposizione e<br />

resistenza<br />

Ambienti luminosi,<br />

all’aperto da maggio a<br />

settembre in posizione<br />

ombreggiata.<br />

spazio per inserire<br />

marchio punto vendita<br />

Deve vivere in una stanza fresca (al massimo 20 °C) e molto<br />

luminosa, con buona umidità, lontano da fonti di calore e da<br />

finestre che vengono aperte spesso. Gli ambienti troppo secchi<br />

provocano la precoce caduta delle foglie e il disseccamento.<br />

spazio per inserire<br />

marchio punto vendita<br />

www.natuweb.it<br />

fioritura:<br />

inverno<br />

temperatura<br />

minima: 15 °C<br />

altezza media:<br />

fino a 150 cm<br />

molta luce,<br />

non al sole<br />

Melograno<br />

Stella di Natale<br />

all’aperto tutto l’anno nei climi molto miti (Sud e lungo le coste<br />

in zone protette) dove diventa un piccolo arbusto. I “fiori” sono<br />

in realtà foglie colorate, dette “brattee”; i fiori veri e propri sono<br />

piccoli, al centro delle foglie colorate.<br />

n Caratteristiche principali<br />

Pianta di origine messicana, vive in appartamento; resiste<br />

luminosa, con buona umidità, lontano da fonti di calore e da<br />

finestre che vengono aperte spesso. Gli ambienti troppo secchi<br />

provocano la precoce caduta delle foglie e il disseccamento.<br />

n Dove collocarla<br />

Deve vivere in una stanza fresca (al massimo 20 °C) e molto<br />

Fioritura:<br />

estate<br />

Temperatura:<br />

spazio per inserire<br />

marchio punto vendita<br />

minima: -5°C<br />

Nome botanico:<br />

Punica granatum, varietà da fiore<br />

Esposizione e<br />

resistenza<br />

Ambienti luminosi,<br />

all’aperto da maggio a<br />

settembre in posizione<br />

ombreggiata.<br />

I valori<br />

I “fiori” (foglie colorate)<br />

durano a lungo<br />

Utilizzo<br />

Pianta d’appartamento,<br />

classica nel periodo<br />

natalizio<br />

Il nome botanico<br />

Euphorbia pulcherrima,<br />

sinonimo Poinsettia<br />

Utilizzo:<br />

In giardino e in vaso per terrazzi e balconi.<br />

fioritura:<br />

inverno<br />

Altezza media:<br />

fino a 3 m<br />

Esposizione:<br />

pieno sole<br />

molta luce,<br />

non al sole<br />

altezza media:<br />

fino a 150 cm<br />

temperatura<br />

minima: 15 °C<br />

I valori:<br />

Lunga e bella fioritura, bassa manutenzione,<br />

tollera salinità e smog.<br />

Esposizione e resistenza:<br />

Posizioni in pieno sole; clima caldo,<br />

67


nelle zone con inverno gelido<br />

va riparato in serra.<br />

Caratteristiche<br />

principali:<br />

Alberello di grande eleganza,<br />

tipico delle zone<br />

mediterranee,<br />

rustico e longevo, molto<br />

popolare nei giardini e nei terrazzi<br />

per la sua fioritura stupenda<br />

e prolungata, il bel fogliame<br />

verde chiaro e i frutti decorativi.<br />

In maggio compaiono i fiori,<br />

che continuano a sbocciare per<br />

tutta l’estate. Esistono varietà<br />

con fiori bianchi, rosa, rossi e<br />

screziati.<br />

Dove collocarla:<br />

Deve vivere in pieno sole. Sopporta<br />

bene il caldo e la siccità,<br />

soffre se il freddo è intenso<br />

e prolungato; talvolta gela la<br />

chioma ma ricaccia dalle radi-<br />

68


69<br />

ci. Tollera bene lo smog urbano.<br />

Irrigazione:<br />

Ha un’ottima resistenza alla<br />

siccità, ma per avere una fioritura<br />

abbondante e rigogliosa<br />

occorre innaffiare regolarmente<br />

nel periodo vegetativo, da<br />

una a due volte la settimana,<br />

curando il drenaggio per evitare<br />

i pericolosi ristagni idrici.<br />

Concimazione e rinvaso:<br />

Concimare una volta ogni due<br />

settimane con un fertilizzante<br />

per piante da fiore. In settembre<br />

e ottobre, fornire letame in<br />

pellet. Se coltivato<br />

in vaso,<br />

ampio e profondo, si rinvasa<br />

ogni due anni a inizio primavera<br />

nei primi anni, poi è sufficiente<br />

rinnovare lo strato superficiale<br />

di terriccio nel contenitore.


Cure generali:<br />

Non richiede potature se non<br />

per asportare parti secche o<br />

malate. In primavera si posso-<br />

no spuntare i rami per favorire<br />

una migliore ripresa vegetativa.<br />

Curiosità e<br />

notizie utili<br />

• I frutti delle varietà ornamentali<br />

non sono commestibili; per avere<br />

frutti da portare in tavola occorre una<br />

varietà da frutto.<br />

• Esistono varietà nane che non superano<br />

i 50 cm di altezza: sono ideali per<br />

la coltivazione in vaso e in giardino in<br />

basse bordure.<br />

• Le leggende popolari vedono<br />

il melograno come simbolo di<br />

prosperità, ricchezza, fecondità e<br />

buona sorte.<br />

70


<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

Selecta one<br />

al MyPlant di Milano<br />

JUNE <strong>2018</strong><br />

Aziende<br />

Dopo la<br />

splendida<br />

esposizione di Essen in<br />

cui figuravano tutte le principali<br />

varietà nonché l’allora recente<br />

vincitrice del premio LTO<br />

Novelty Award 2017, Selecta<br />

One espone i principali prodotti<br />

del proprio assortimento<br />

anche al Myplant & Garden di<br />

Milano, presentandoli ai clienti<br />

e al pubblico italiano.<br />

Veniamo accolti allo stand dal<br />

Dott. Pirisi, responsabile marketing<br />

che ci spiega le caratteristiche<br />

salienti delle varietà<br />

più importanti di questa stagione.<br />

La vincitrice del premio<br />

LTO Novelty Award 2017<br />

Non ha ancora un nome vero<br />

e proprio la Poinsettia SK 136<br />

vincitrice del LTO Novelty<br />

71


72<br />

Award 2017<br />

assegnato dal Land- en Tuinbouw<br />

Organisatie, la federazione<br />

olandese per la floricoltura<br />

e orticoltura a questa<br />

nuova varietà di Poinsettia<br />

a foglia scura. La varietà<br />

SK 136 è stata premiata<br />

dalla giuria per la<br />

grande durata dei ciazi<br />

e la conseguente resistenza<br />

nel punto vendita.<br />

Questa varietà è caratterizzata<br />

da brattee<br />

di color rosso brillante,<br />

tempo di reazione di sette settimane,<br />

ottimo apparato radicale,<br />

rami robusti e facilità di<br />

coltivazione.<br />

Winner of the LTO Novelty Award 2017<br />

The Dutch Federation of Agriculture and Horticulture LTO Nederland<br />

(Land- en Tuinbouw Organisatie) awarded the Poinsettia variety<br />

SK 136 by Selecta one with the highly appreciated LTO Novelty<br />

Award 2017.<br />

The red Poinsettia SK 136 is a perfect fusion of tradition and modernity.<br />

It develops light red bracts on top of the dark greenish<br />

leaves with many yellow cyathias in the centre of each bract, thus<br />

looking like a traditional Poinsettia. In contrary to the varieties of<br />

the past, these cyathias last very long, which ensures a long shelf<br />

life for every single plant. This is very important for today’s often<br />

very long distance selling between the grower and the actual place<br />

of sales. Characteristic for the SK 136 is a reaction time of seven<br />

weeks, its cleanliness and its good root system. Fur-thermore, it<br />

is easy to grow. It has got an uniform and upright growth and<br />

strong stems which are of very good quality. That’s why breakage<br />

of branches during packing and transport will be little. SK 136 is<br />

very durable and is very well suited for sale in 6 cm pots.<br />

The LTO Novelty Award 2017 reflects the appreciation of a great<br />

variety which will support growers worldwide marketizing poinsettia<br />

to consumers. Especially concerning the packing capacity<br />

and the durability SK 136 got a good evaluation by LTO Nederland.<br />

Also this year the popular variety Christmas Feelings ® has proved<br />

itself as most durable variety in all evaluated pot sizes.<br />

www.selecta-one.com


Petunia Night Sky<br />

Unica nel suo genere e di grande<br />

successo la Petunia Night-<br />

Sky si distingue particolarmente<br />

per il colore ed il motivo<br />

originale: la punteggiatura<br />

bianca su sfondo blu scuro<br />

dei suoi fiori ricorda decisamente<br />

il cielo stellato.<br />

Questa varietà è stata esposta<br />

con una semplice ma efficace<br />

ambientazione in cui gli accessori<br />

e gli espositori riprendevano il<br />

73


colore suggestivo dei fiori risaltandone<br />

le caratteristiche.<br />

NightSky è stata anche molto<br />

apprezzata dai visitatori. Molti<br />

infatti si fermavano allo stand<br />

per chiedere <strong>informa</strong>zioni e<br />

scattare foto.<br />

Petunia BabyDoll<br />

La Petunia BabyDoll<br />

è un’altra<br />

Petunia molto<br />

particolare caratterizzata<br />

da<br />

una punteggiatura<br />

bianca<br />

su uno sfondo<br />

rosa. Rispetto a<br />

NightSky BabyDoll<br />

ha una<br />

crescita più<br />

compatta ed è<br />

quindi più adatta<br />

alla coltivazione in vasi medio<br />

piccoli oltre che in basket.<br />

74


75<br />

Garofanino Pink Kisses<br />

Pink Kisses è<br />

la varietà di<br />

garofanino più<br />

venduta in Europa!<br />

Oltre all’aspetto<br />

accattivante<br />

in grado di<br />

catturare l’attenzione<br />

dei<br />

consumatori, Pink Kisses è anche facile<br />

da coltivare. Pink Kisses è caratterizzata<br />

da un’abbondante fioritura e<br />

da un colore dei fiori che può variare,<br />

in base alla maturazione degli stessi,<br />

da un rosa carico ad un rosa più carico.<br />

La varietà Pink Kisses è supportata da<br />

una campagna<br />

di marketing<br />

importante<br />

che l’ha<br />

fatta conoscere<br />

non solo<br />

ai coltivatori<br />

ma anche ai<br />

grossisti, ai<br />

responsabili


76<br />

del punto vendita ed ai clienti<br />

finali.<br />

Attraverso l’utilizzo di canali<br />

social molto seguiti soprattutto<br />

dai giovani - come Facebook,<br />

Twitter, e Instagram – è<br />

stato possibile promuovere in<br />

maniera importante lo slogan<br />

“Bella come la nostra amicizia”.<br />

Uno slogan rivolto principalmente<br />

alle donne, che identifica<br />

Pink Kisses come regalo<br />

ideale per celebrare una bella<br />

amicizia.


77<br />

Moonlight Tumbao<br />

Varietà di geranio zonale a<br />

foglia scura e zonata, vigorosa<br />

e rifiorente anche con<br />

condizioni di temperatura<br />

elevata come quella estiva.<br />

Il colore del fiore rosso carico<br />

ricorda il Sud America, da<br />

qui il nome “Tumbao”, classico<br />

ritmo afrocubano.<br />

TEMPERAMENTO E RITMO<br />

IN FORMATO XXL<br />

Nuovo geranio XXL<br />

Moonlight ® Tumbao!<br />

Rosso caldo dei fiori sullo sfondo<br />

scuro delle foglie.<br />

www.selecta-one.com<br />

<strong>Clamer</strong>_Informa_Tumbao_Ad_170x240mm.indd 1 9/13/2017 9:25:40 AM


MiniFamous<br />

Double PinkTastic<br />

La varietà MiniFamous Double<br />

PinkTastic è la Calibrachoa vincitrice<br />

del premio FleuroStar<br />

2017/18, una varietà bicolore<br />

bianco-rosa, a fiore doppio.<br />

Facilità di coltivazione, ottima<br />

radicazione, fioritura precoce<br />

e tolleranza all’oidio sono le<br />

principali caratteristiche che<br />

fanno apprezzare questa<br />

varietà ai coltivatori.<br />

La bellezza<br />

e l’abbondanza<br />

dei fiori,<br />

le eccellenti<br />

prestazioni<br />

in giardino ed il<br />

lungo periodo di fioritura<br />

conquisteranno<br />

invece il cliente<br />

finale.<br />

Salutiamo il<br />

Dott. Pirisi e<br />

proseguiamo la<br />

visita, in attesa<br />

di conoscere<br />

meglio la nuova<br />

varietà Selecta<br />

vincitrice della<br />

medaglia d’Oro<br />

Fleuroselect<br />

Dahlia ibrida<br />

Dalaya Amba.<br />

78


Unisciti alle<br />

oltre 30.000<br />

persone che<br />

l’hanno già fatto<br />

guarda anche<br />

tu il Video Corso<br />

Gratuito<br />

SE VUOI IMPARARE A FARE<br />

SPREAD TRADING E OPERARE<br />

SULLE COMMODITIES<br />

ENTRA SUBITO ANCHE TU<br />

NELLA GRANDE FAMIGLIA HEKLA...


<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

Gli Aleurodidi nelle<br />

colture in serra<br />

pATOLOGIA<br />

Fig. 1 -Aleurodide adulto delle<br />

serre (Trialeurodes vaporariorum).<br />

Nel video: ciclo vitale<br />

Biologia – danni e lotta<br />

Dopo la schiusa, l’Aleurodide<br />

passa attraverso quattro fasi<br />

intermedie tra l’uovo e l’adulto.<br />

L’uovo impiega da 5 a 10<br />

giorni per schiudersi e quindi<br />

dare origine al primo stadio<br />

larvale (Figura 4). In questa<br />

fase, le larve sono piatte<br />

e sembrano cocciniglie. Sono<br />

mobili solo per un breve periodo.<br />

Il secondo e il terzo<br />

Fig. 2 - Aleurodide adulto del<br />

genere Bemisia. Nel video: femmina<br />

di Bemisia che depone uova<br />

stadio larvale sono seguiti da<br />

80


Fig. 3a - Uova appena schiuse<br />

(di colore più chiaro) e uova<br />

schiuse da tempo (più scure)<br />

Fig. 4 - Prima fase larvale poco<br />

dopo la schiusa<br />

neralmente può sopravvivere<br />

finché c’è vegetazione nel suo<br />

ambiente.<br />

Fig. 3b - Uova disposte in cerchio<br />

su alcune colture dalla<br />

mosca bianca<br />

un quarto stadio, quello pupale.<br />

Dalla pupa emerge l’adulto<br />

(figure 5a e 5b). I gusci della<br />

pupa e gli adulti possono essere<br />

trovati nella parte inferiore<br />

delle foglie inferiori, che<br />

possono presentare sintomi di<br />

avvizzimento.<br />

In media, le mosche bianche<br />

completano il loro ciclo vitale<br />

in 35 giorni a 18 ° C e 18 giorni<br />

a 30 ° C. l’Aleurodide può<br />

svernare in tutte le fasi e ge-<br />

Specie di Aleurodidi<br />

Le specie Aleurodidi di interesse<br />

per i coltivatori sono: la mosca<br />

bianca delle serre (Trialeurodes<br />

vaporariorum) (Fig. 1) e<br />

la mosca bianca Bemisia (Fig.<br />

2). Questi ultimi appartengono<br />

a due specie: Bemisia tabaci,<br />

la mosca bianca del tabacco<br />

e Bemisia argentifolii. Poiché<br />

queste due specie sono difficili<br />

da distinguere l’una dall’altra,<br />

in questa scheda tecnica sono<br />

indicate entrambe come specie<br />

Bemisia.<br />

Gli adulti di Aleurodidi delle<br />

serre e le mosche bianche del<br />

genere Bemisia sono molto simili,<br />

ma hanno alcune diffe-<br />

81


Fig. 5a - Pupa di mosca bianca<br />

renze. Le mosche bianche del<br />

genere Bemisia sono leggermente<br />

più piccole delle mosche<br />

bianche della serra e sono<br />

di colore giallo più intenso. A<br />

riposo, le mosche bianche del<br />

genere Bemisia piegano le ali<br />

come una tenda sopra il loro<br />

corpo, mentre la mosca bianca<br />

vola più piatta e parallela alle<br />

superfici su cui atterra.<br />

Le principali caratteristiche<br />

diagnostiche per distinguere<br />

tra l’Aleurodide delle serre<br />

e l’Aleurodide del genere Bemisia<br />

si verificano nella fase<br />

pupale. La pupa della mosca<br />

bianca (Fig. 5a) sembra fluttuare<br />

sopra la superficie della<br />

foglia ed è circondata da una<br />

frangia di peli, mentre le pupe<br />

bianche del genere Bemisia<br />

(Fig. 5b) sono piatte sulla foglia<br />

e non hanno frangette.<br />

Queste caratteristiche sono<br />

Fig. 5b - Pupa di Aleurodide<br />

del genere Bemisia<br />

meglio osservate al microscopio.<br />

Inoltre:<br />

• le mosche bianche del genere<br />

Bemisia volano in modo<br />

più diretto, mentre la mosca<br />

bianca vola in modo più disordinato;<br />

• gli Aleurodidi del genere<br />

Bemisia hanno un ciclo vitale<br />

più lungo;<br />

• gli Aleurodidi del genere<br />

Bemisia sono meno adatte a<br />

temperature fredde.<br />

Danni<br />

Gli Aleurodidi sono dannosi<br />

per i seguenti motivi:<br />

• Non danneggiano direttamente<br />

le piante, danneggiano<br />

la capacità di fotosintetizzare<br />

della pianta e la qualità<br />

della coltura.<br />

• Possono trasmettere virus.<br />

Le mosche bianche del genere<br />

Bemisia trasmettono più<br />

di 60 virus e la mosca bian-<br />

82


nei cetrioli.<br />

• Nelle colture ornamentali,<br />

la loro presenza e l’alta visibilità<br />

rendono le piante poco<br />

attraenti (Figura 8).<br />

Fig. 6a - Residuo di melata su<br />

una foglia di poinsettia<br />

Fig. 6b - Fumaggine su una<br />

pianta di pomodoro<br />

Fig. 6c - Fumaggine sulle<br />

piante di gerbera<br />

ca contribuisce alla diffusione<br />

del virus pseudo-giallo della<br />

barbabietola BPYV (Figura 7)<br />

Strategie di lotta<br />

Raccomandazioni generali<br />

1. Attuare un programma di<br />

depistaggio di routine che preveda<br />

l’utilizzo di trapole adesive<br />

gialle e l’ispezione periodica<br />

delle piante.<br />

2. Utilizzare piante ospiti che<br />

attraggono le mosche bianche<br />

più della coltivazione principale,<br />

come strumento di individuazione<br />

precoce o come<br />

piante trappola (ad es. melanzane<br />

o tabacco).<br />

3. Contrassegnare le piante<br />

infestate, in modo che possano<br />

fungere da indicatori per<br />

valutare l’efficacia dei metodi<br />

di controllo.<br />

4. Intervenire prontamente<br />

non appena si osservano mosche<br />

bianche adulte sulle strisce<br />

o sulle foglie terminali.<br />

5. Identificare le specie di<br />

Aleurodidi in questione.<br />

6. Mantenere un buon controllo<br />

delle piante infestanti.<br />

7. Nel caso di colture orticole<br />

infette, mettere in quarantena<br />

83


Fig. 7 - Virus della barbabietola<br />

pseudo-giallo in cetriolo<br />

le nuove piantine, piantine o<br />

talee fino a quando è evidente<br />

che sono prive di virus.<br />

Lotta biologica<br />

Sono attualmente sul mercato<br />

un numero di agenti per la lotta<br />

biologica efficaci contro le<br />

mosche bianche:<br />

• tre vespe parassite: Encarsia<br />

formosa, Eretmocerus<br />

eremicus ed Eretmocerus<br />

mundus.<br />

• una piccola coccinella nera,<br />

Delphastus catalinae e<br />

• un insetto predatore, Hesperus<br />

di Dicyphus.<br />

Sul mercato sono presenti<br />

anche due parassiti entomopatogeni,<br />

Beauveria bassiana<br />

e Isaria fumosorosea, che<br />

hanno come ospite le mosche<br />

bianche.<br />

Fig. 8 - Significative popolazioni<br />

di Aleurodide compromettono<br />

la qualità e la commerciabilità<br />

delle colture ornamentali<br />

Encarsia formosa<br />

L’Encarsia è più efficace contro<br />

l’Aleurodide della serra,<br />

ma anche in una certa misura<br />

contro l’Aleurodide del genere<br />

Bemisia.<br />

L’adulto<br />

è lungo<br />

circa 0,6<br />

Fig. 9a<br />

- Encarsia<br />

formosa<br />

nella sua<br />

forma<br />

adulta<br />

84


Fig. 9b - Aleurodide della serra<br />

parassitato da Encarsia formosa<br />

Fig. 9c - Pupa di Aleurodide<br />

del genere Bemisia parassitata<br />

da Encarsia formosa<br />

mm; la sua gabbia toracica<br />

è nera e il suo addome giallo<br />

(Figura 9a). Questa vespa attacca<br />

le mosche bianche, principalmente<br />

deponendo le uova<br />

nelle forme immature (specialmente<br />

il terzo e il quarto stadio<br />

larvale). Nella fase adulta,<br />

Encarsia formosa può vivere<br />

da pochi giorni a un mese a<br />

seconda della temperatura. Le<br />

femmine depongono da 50 a<br />

350 uova durante la loro vita.<br />

Le pupe di Aleurodide del-<br />

le serre anneriscono una volta<br />

trascorsi 10-14 giorni dalla<br />

parassitizzazione (Figura 9b).<br />

Prima che emerga la vespa<br />

adulta trascorrono in media<br />

due settimane. Una volta prossima<br />

alla maturità l’Encarsia si<br />

apre una breccia nella parte<br />

superiore del corpo della pupa<br />

prima di emergere.<br />

Il parassitismo di Encarsia non<br />

è altrettanto efficace contro<br />

le mosche bianche del genere<br />

Bemisia rispetto all’Aleurodide<br />

delle serre. Nel caso della<br />

mosca bianca del genere Bemisia,<br />

è più difficile stabilire<br />

se la pupa è stata o meno parassittizzata,<br />

perché non diventa<br />

nera, ma passa da un<br />

color marrone chiaro a marrone<br />

scuro (figura 9c). Per controllare<br />

le mosche bianche del<br />

genere Bemisia con Encarsia,<br />

prendere in considerazione<br />

tassi di introduzione più alti<br />

del parassita antagonista.<br />

Ecco alcuni suggerimenti per<br />

migliorare l’efficacia di Encarsia:<br />

1. Evitare di usare pesticidi a<br />

lunga persistenza almeno tre<br />

mesi prima del rilascio iniziale<br />

85


di Encarsia. Per i dettagli sugli<br />

effetti dei pesticidi sugli agenti<br />

della lotta biologica, consultare<br />

i siti Biobest o Koppert o<br />

consultare uno specialista della<br />

gestione dei parassiti antagonisti<br />

2. Ispezionare le colture in<br />

tutte le fasi della crescita per<br />

rilevare le mosche bianche e<br />

monitorare l’andamento della<br />

popolazione. Questa misura<br />

consente di stabilire più precisamente<br />

quando e dove introdurre<br />

i parassitoidi.<br />

3. Introdurre l’Encarsia al primo<br />

segno della presenza di<br />

mosche bianche o, preventivamente,<br />

prima che compaiano.<br />

Prima di rilasciare Encarsia,<br />

potrebbe essere necessario<br />

utilizzare un pesticida a bassa<br />

persistenza per ridurre le popolazioni<br />

di Aleurodidi se sono<br />

già presenti.<br />

4. Evitare l’uso di Encarsia tra<br />

dicembre e febbraio, a meno<br />

che non si regoli l’illuminazione<br />

e la temperatura in base<br />

alle esigenze del parassitoide.<br />

5. Distribuire i parassitoidi<br />

nelle parti ombreggiate delle<br />

piante per proteggerli dalla<br />

luce diretta del sole.<br />

6. Distribuire le strisce in<br />

modo abbastanza uniforme,<br />

ma posizionarle maggiormente<br />

nelle aree in cui sono state<br />

osservate mosche bianche.<br />

7. Durante la potatura o l’allargatura<br />

delle piante evitare<br />

di rimuovere foglie con larve<br />

immature parassite. L’eliminazione<br />

di queste foglie rallenta<br />

la proliferazione di Encarsia e<br />

riduce il tasso di parassitismo.<br />

Continuare ad introdurre Encarsia<br />

nelle colture orticole finché<br />

almeno l’80% delle pupe<br />

sulle foglie più vecchie sono<br />

nere. Durante i mesi più caldi,<br />

quando le mosche bianche<br />

entrano in serra dall’esterno,<br />

potrebbe essere necessario<br />

continuare o aumentare i lanci<br />

dei parassiti.<br />

Eretmocerus eremicus ed<br />

Eretmocerus mundus<br />

E. eremicus parassitizza sia<br />

gli Aleurodidi delle serre che<br />

le mosche<br />

bianche<br />

del genere<br />

Bemisia,<br />

mentre<br />

Fig. 10a - Adulto di Eretmocerus<br />

eremicus<br />

86


Eretmocerus eremicus<br />

su larva di<br />

aleurodide<br />

E. mundus<br />

è un<br />

parassita specifico<br />

dell’Aleurodide del genere<br />

Bemisia. L’Eretmocerus adulto<br />

ha all’incirca la stessa forma<br />

e dimensione di Encarsia,<br />

ma è interamente giallo (Figura<br />

10a). Sebbene la vespa di<br />

questa specie possa parassitare<br />

le quattro fasi intermedie<br />

della mosca bianca, ha una<br />

predilezione per il secondo e<br />

il terzo stadio. Gli adulti vivono<br />

tra una e due settimane<br />

e depongono cento uova durante<br />

la loro vita. Depongono<br />

la maggior parte delle loro<br />

uova durante i primi sei giorni<br />

dall’uscita dal guscio della<br />

pupa. Poiché questa vespa si<br />

sviluppa a temperature più<br />

elevate di Encarsia, è meglio<br />

rilasciarla più avanti nell’anno,<br />

verso il mese di marzo. Le mosche<br />

bianche parassitate hanno<br />

una tonalità leggermente<br />

diversa rispetto alle loro controparti<br />

non parassitate, ma la<br />

differenza non è chiara come<br />

nel caso di Encarsia (Figure<br />

Fig. 10b - Parassita della serra,<br />

parassita da Eretmocerus<br />

Fig. 10c - Pupa di Aleurodide<br />

del genere Bemisia parassitata<br />

da Eretmocerus<br />

10b e 10c). I modi per migliorare<br />

l’efficacia di questo parassitoide<br />

sono simili a quelli<br />

elencati per Encarsia. Poiché<br />

Eretmocerus è molto attratto<br />

dalle strisce gialle adesive,<br />

potrebbe essere necessario ridurre<br />

l’uso di questi strumenti<br />

quando si cerca di stabilire<br />

una popolazione di questo ausilio<br />

per la lotta.<br />

Delphastus catalinae<br />

Le forme adulte (Figura 11a) e<br />

87


Fig. 11a - Adulto di Delphastus<br />

catalina che si alimenta su una<br />

larva di Aleurodide<br />

Fig. 11b - Larva di Delphastus<br />

catalinae<br />

larvale (Figura 11b) di Delphastus<br />

si nutrono di Aleurodidi,<br />

in particolare uova e larve, ma<br />

evitano pupe parassitate, un<br />

comportamento che rende il<br />

loro uso compatibile con l’uso<br />

di vespe parassiti. Si raccomanda<br />

l’uso di queste coccinelle<br />

per integrare l’attività<br />

delle vespe parassita contro<br />

le popolazioni di Aleurodidi.<br />

L’adulto di Delphastus vive da<br />

sei a nove settimane e apparentemente<br />

deve consumare<br />

almeno 10 uova di mosca<br />

bianca al giorno per riprodursi<br />

con successo. Poiché questa<br />

coccinella ha bisogno di un<br />

gran numero di mosche bianche<br />

per completare il suo ciclo<br />

di vita, è più adatta per colture<br />

che hanno una tolleranza<br />

maggiore all’Aleurodide, come<br />

le colture orticole o la gerbera<br />

per il mercato dei fiori recisi.<br />

Dicyphus hesperus<br />

Dicyphus (Figure 12a e 12b) è<br />

un insetto predatore succhiatore.<br />

Questo bruco si nutre<br />

di un po’ di tutto, ma sembra<br />

preferire le mosche bianche,<br />

in particolare le uova e le forme<br />

larvali.<br />

Si nutre anche,<br />

in mi-<br />

Ninfa di Dicyphus<br />

Fig. 12a - Dicyphus hesperus<br />

adulto<br />

88


Fig. 12b - Adulto verde pallido<br />

di Dicyphus poco dopo la sua<br />

apparizione<br />

Fig. 12c - Pianta di verbasco<br />

usata come pianta-serbatoio in<br />

una coltivazione di pomodori<br />

sura minore, di afidi, acari, tripidi,<br />

larve di foglie di minatrice<br />

e uova di falena. In assenza di<br />

preda, una grande popolazione<br />

di Dicyphus può causare<br />

danni ai pomodori e alle colture<br />

floreali come la gerbera.<br />

Nel controllo del’Aleurodide, è<br />

preferibile utilizzare Dicyphus<br />

insieme alle vespe parassite<br />

Encarsia formosa ed Eretmocerus<br />

eremicus. L’uso di una<br />

pianta-serbatoio, come il verbasco<br />

(Verbascum thapsus)<br />

(Figura 12c), può facilitare la<br />

creazione di una popolazione<br />

adeguata di Dicyphus quando<br />

le popolazioni di mosche bianche<br />

sono basse.<br />

Lotta fisica<br />

La lotta fisica contro le mosche<br />

bianche assume le seguenti<br />

tre forme:<br />

1. Trappole adesive: le trappole<br />

gialle adesive di varie forme<br />

possono essere utilizzate<br />

per catturare un gran numero<br />

di mosche bianche adulte.<br />

Nelle aree critiche utilizzare<br />

grandi strisce adesive gialle o<br />

nastri gialli adesivi di 30 cm.<br />

Grandi quantità di nastri gialli<br />

adesivi tra i vasi possono essere<br />

utilizzati anche lungo i<br />

filari delle piante (Figura 13).<br />

Fig. 13 - Uso di strisce gialle collose<br />

per l’intrappolamento di massa<br />

89


Fig. 14a - Aspirazione manuale di Aleurodidi<br />

adulti in un raccolto di pomodori<br />

Queste trappole adesive attirano<br />

anche tripidi, mosche del<br />

terriccio, mosche zone umide e<br />

vespe parassite (specialmente<br />

quando le popolazioni di mosche<br />

bianche sono basse).<br />

2. L’aspirazione manuale:<br />

l’aspirazione manuale degli<br />

adulti nelle zone particolarmente<br />

infestate è molto efficace<br />

per eliminare rapidamente<br />

gli Aleurodidi adulti, ma è<br />

antieconomica in colture che<br />

occupano grandi aree (14a e<br />

14b).<br />

3. Barriere contro gli insetti:<br />

il posizionamento di reti<br />

sottili sulle prese d’aria e<br />

sulle porte riduce significativamente<br />

l’ingresso<br />

degi insetti in serra. In<br />

certi periodi dell’anno<br />

(ad esempio durante la<br />

raccolta), quando le mosche<br />

bianche arrivano in<br />

gran numero dai campi<br />

vicini (come i campi di<br />

pomodori), considerate di<br />

posizionare le reti come<br />

prima linea di difesa.<br />

Lotta chimica<br />

Le mosche bianche possono<br />

sviluppare resistenza a molti<br />

pesticidi. L’uso giudizioso<br />

di questi prodotti consentirà<br />

un uso più lungo e ritarderà<br />

l’insorgere della resistenza.<br />

Utilizzare sempre i pesticidi<br />

insieme a un programma di<br />

screening che includa soglie<br />

di intervento, utilizzare molti<br />

prodotti appartenenti a diversi<br />

gruppi chimici e utilizzare tutte<br />

le strategie di controllo disponibili.<br />

Fig. 14b - Aspirazione manuale di<br />

Aleurodidi adulti nelle piante di gerbera<br />

90


<strong>Aprile</strong> <strong>2018</strong><br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong><br />

La sicurezza<br />

nei lavori di giardinaggio<br />

sicurezza<br />

Dott. Edoardo e Mario Vietti<br />

avv. Edoardo Carmagnola<br />

Studio Legale Mazzuchetti Magnani<br />

In questi ultimi anni la normativa<br />

sulla sicurezza in agricoltura<br />

ed in particolare nei<br />

lavori di giardinaggio ha stabilito<br />

una serie di adempimenti<br />

obbligatori, che rendono il lavoro<br />

di giardiniere molto più<br />

complicato e costoso. Tutti i<br />

dipendenti e i nuovi assunti<br />

devono frequentare diversi<br />

corsi per l’operatività e l’uso<br />

dei vari macchinari, da ripetere<br />

periodicamente per aggiornamenti.<br />

L’attività e l’uso<br />

delle macchine operatrici è<br />

autorizzato solo per i giardinieri<br />

che hanno frequentato i<br />

corsi di formazione generale<br />

sulla sicurezza e siano dotati<br />

di patentino per l’utilizzo dei<br />

fitofarmaci. Inoltre sono necessari<br />

i corsi specifici (con<br />

una durata media di 8-16<br />

ore) per l’utilizzo delle diver-<br />

91


se macchine:<br />

• Piattaforme aeree per potature;<br />

• Camion con gru;<br />

• Trattori agricoli e forestali;<br />

• Escavatori e pale meccaniche;<br />

• Carrelli elevatori;<br />

• Motoseghe<br />

Tutti questi nuovi oneri, oltre<br />

la stesura del Documento<br />

di Valutazione<br />

di Rischi (DUVR)<br />

e altri che non elenchiamo<br />

per brevità, hanno<br />

determinato un aumento dei<br />

costi di produzione. I lavori<br />

di potatura in arrampicata<br />

o con funi (Tree-climbing)<br />

sono consentiti solo a chi ha<br />

frequentato dei corsi appositi,<br />

ha conseguito specifico<br />

patentino ed è coperto da assicurazioni<br />

verso terzi e per<br />

infortuni. I giardinieri senza<br />

queste caratteristiche possono<br />

solo utilizzare scale apposite<br />

certificate e per altezze<br />

non superiori a 2 -3 metri.<br />

Durante i lavori è obbligatorio<br />

allontanare estranei fino<br />

ad una distanza di sicurezza,<br />

in modo che non possano essere<br />

feriti da sassi proiettati<br />

da tosaerba o decespugliatori,<br />

o peggio, durante potature<br />

o abbattimenti di alberi. Se i<br />

lavoratori non hanno frequentato<br />

i corsi obbligatori o non<br />

hanno seguito le normative o<br />

non hanno tutti i dispositivi<br />

personali di sicurezza previsti<br />

(tute e guanti antitaglio, scarpe<br />

apposite, elmetti, visiere<br />

o occhiali protettivi ecc.), in<br />

caso di incidente, il titolare<br />

dell’impresa viene sottoposto<br />

a verifiche immediate ed approfondite<br />

da parte delle ASL.<br />

Se non sono stati adempiuti<br />

92


corsi<br />

tutti gli obblighi per<br />

i corsi e le protezioni<br />

individuali e specifiche<br />

delle operazioni<br />

in atto o sono stati<br />

usati dei macchinari<br />

non a norma o obsoleti<br />

scatta una procedura<br />

di indagine da parte<br />

degli ispettori delle ASL, per<br />

appurare quali cause abbiano<br />

provocato l’infortunio. Ne<br />

consegue una segnalazione<br />

alle autorità giudiziarie con<br />

pesanti sanzioni economiche<br />

ed in caso che ci sia una prognosi<br />

di più di 40 giorni si attiva<br />

il processo penale obbligatorio.<br />

Teniamo presente che anche<br />

il Committente è tenuto a verificare<br />

preventivamente che i<br />

lavoratori siano in regola con<br />

le assunzioni e tutte le normative<br />

sulla sicurezza; in caso<br />

di irregolarità viene coinvolto<br />

nel processo e tenuto in solido<br />

col datore di lavoro al risarcimento<br />

all’INAIL o direttamente<br />

al lavoratore. In pratica se<br />

l’incidente è molto grave con<br />

indennizzi corrispondenti a cifre<br />

elevatissime, che il datore<br />

di lavoro titolare dell’impresa<br />

non è in grado di corrispondere,<br />

il Committente è tenuto ad<br />

indennizzare i lavoratori infortunati.<br />

Nel caso che il lavoratore<br />

sia un artigiano o peggio<br />

un lavoratore non in regola o<br />

senza partita IVA il Committente<br />

è tenuto all’indennizzo<br />

per lesioni, invalidità o decesso.<br />

Oltre a sanzioni per irregolarità<br />

di vario genere.<br />

Vediamo da un punto di vista<br />

legale la situazione. La<br />

normativa principale in ordine<br />

alla sicurezza sul lavoro è,<br />

come noto, il D. Lgs. 9 aprile<br />

2008 n. 81 che conferma —<br />

pur con diverse integrazioni<br />

e modifiche —l’impianto precedentemente<br />

disposto dal<br />

D. Lgs. n. 626/1994 (la c.d.<br />

“626”). Una novità rilevante,<br />

93


introdotta dal nuovo comparto<br />

normativo, tuttavia, risiede<br />

nel fatto che destinatari di<br />

tali disposizioni non siano più<br />

solamente i datori di lavoro<br />

ed i dirigenti preposti, bensì<br />

anche i singoli lavoratori<br />

sui quali gravano precisi obblighi<br />

in materia di sicurezza<br />

sul lavoro. L’art. 20 D. Lgs. n.<br />

81/2008, infatti, prevede che<br />

al lavoratore non si richieda<br />

più solo una prestazione professionalmente<br />

adeguata alla<br />

mansioni a cui è preposto, ma<br />

—altresì — un preciso e puntuale<br />

rispetto della normativa<br />

sulla sicurezza sul lavoro ed<br />

una fedele attuazione delle disposizioni<br />

impartite dal datore<br />

di lavoro. L’art. 20, comma<br />

1, D. Lgs. n. 81/2008, in particolare,<br />

è chiaro nel prevedere,<br />

in capo al lavoratore, un<br />

generale dovere di “prendersi<br />

cura della propria salute e sicurezza<br />

e di quella delle altre<br />

persone presenti sul luogo di<br />

lavoro, su cui ricadono gli effetti<br />

delle sue azioni o omissioni,<br />

conformemente alla sua<br />

formazione, alle istruzioni e ai<br />

mezzi forniti dal datore di lavoro”.<br />

Tale norma, di carattere<br />

volutamente generale, ha<br />

un contenuto ampio che è poi<br />

maggiormente precisato nelle<br />

indicazioni contenute nel comma<br />

secondo dell’art. 20, ove<br />

vengono specificate le singole<br />

condotte comportamentali<br />

alle cui violazioni conseguono<br />

(ad eccezione di quanto previsto<br />

per la lett. a) irrogazioni<br />

di sanzioni penali. La nuova<br />

normativa, così come delineata,<br />

obbliga dunque il lavoratore<br />

a tenere una condotta<br />

consapevole delle possibili<br />

ripercussioni e di assumere<br />

un comportamento idoneo<br />

a seconda di ciascuna situazione;<br />

ciò, ovviamente, limitatamente<br />

a quelle che siano<br />

le sue competenze e capacità<br />

professionali. In conclusione<br />

si potrebbe sostenere che la<br />

normativa richieda al lavoratore<br />

di attuare tutte le misu-<br />

94


e necessarie (si ribadisce in<br />

base alle specifiche possibilità<br />

e capacità) per assicurare la<br />

propria e l’altrui sicurezza. Su<br />

tale responsabilità del lavoratore,<br />

tuttavia, si innesta quella<br />

del datore di lavoro, il quale<br />

— parimenti — ha un obbligo<br />

giuridico di organizzare le attività<br />

lavorative in modo sicuro,<br />

garantendo anche l’adozione,<br />

da parte dei dipendenti, di<br />

tutte le doverose misure tecniche<br />

ed organizzative per ridurre<br />

al minimo i rischi. Onere<br />

del datore di lavoro è altresì<br />

quello di farsi promotore della<br />

formazione, dell’<strong>informa</strong>zione<br />

e dell’istruzione dei lavoratori,<br />

impartendo loro adeguati<br />

insegnamenti e dotandoli<br />

di idonei mezzi di protezione.<br />

Occorre, inoltre, ricordare<br />

come sul datore di lavoro<br />

gravi l’obbligo di accertare<br />

l’idoneità di chi presta una<br />

determinata attività, di<br />

fornire dettagliate <strong>informa</strong>zioni<br />

sui rischi specifici<br />

esistenti nell’ambiente di<br />

lavoro, nonché l’ulteriore<br />

obbligo di promuovere la<br />

cooperazione ed il coordinamento<br />

al fine di attuare<br />

misure precauzionali attraverso<br />

la predisposizione di un<br />

unico documento di valutazione<br />

dei rischi. Poste queste<br />

concise premesse, ci si andrà<br />

ora a soffermare brevemente<br />

sulla posizione propria del<br />

committente. Questi — per<br />

costante giurisprudenza di<br />

legittimità — è ormai riconosciuto<br />

responsabile qualora l’inadeguatezza<br />

di colui che era<br />

stato chiamato ad eseguire in<br />

concreto i lavori avrebbe dovuto<br />

risultare immediatamente<br />

percepibile, senza particolari<br />

indagini (Cass. Pen. sez.<br />

IV, 14 luglio 2006, n. 16123).<br />

Alla luce di tale corrente giurisprudenziale<br />

risulta, pertanto,<br />

sempre più imprescindibile<br />

la stretta necessità — ed il<br />

chiaro invito legislativo in tal<br />

senso — di ridurre il fenome-<br />

95


96<br />

no di coloro che operano lavorando<br />

al limite del consentito<br />

o affidandosi a soggetti<br />

terzi che agiscono senza una<br />

vera e propria organizzazione<br />

d’ impresa. La verifica dei<br />

requisiti dell’impresa, infatti,<br />

ha una precisa funzione di<br />

responsabilizzazione in capo<br />

al committente, il quale può<br />

trovarsi a rispondere nei riguardi<br />

dei terzi, quando il<br />

compimento dell’opera o del<br />

servizio sia stato affidato ad<br />

un’impresa appaltatrice priva<br />

della capacità e dei mezzi<br />

tecnici indispensabili per eseguire<br />

la prestazione del contratto.<br />

Secondo la Giurisprudenza<br />

di legittimità, dunque,<br />

solo ove si sia dimostrato che<br />

l’impresa prescelta fosse tecnicamente<br />

affidabile, si può<br />

ritenere che si siano anche<br />

predisposte adeguate attrezzature<br />

e che fossero presenti<br />

le necessarie conoscenze in<br />

materia di prevenzione degli<br />

infortuni (Cass. civ. 2 marzo<br />

2005, n. 4361). E’ bene ricordare<br />

in conclusione che l’art.<br />

20, comma primo, D. Lgs. n.<br />

81/2008 citi —quali soggetti<br />

beneficiari della normativa —<br />

anche “altre persone presenti<br />

sul luogo di lavoro”. La giurisprudenza,<br />

sollecitata sull’interpretazione<br />

da dare a tale<br />

proposizione, ha più volte sostenuto<br />

che le norme sulla sicurezza<br />

sul lavoro siano poste<br />

non solo a tutela dei lavoratori,<br />

ma anche di chiunque altro<br />

si sia trovato “occasionalmente”<br />

sul posto di lavoro (si veda<br />

ad ex Cass. pen., sez. IV, 6<br />

novembre 2009, n. 43966).<br />

Le norme sulla prevenzione<br />

e sulla sicurezza, pertanto,<br />

si intendono emanate a beneficio<br />

di tutti e valevoli nei<br />

confronti di qualsiasi soggetto<br />

che —legittimamente — si<br />

trovi sul posto di lavoro.


Iscriviti a<br />

<strong>Clamer</strong> <strong>informa</strong>

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!