Views
8 months ago

Efrin_sfollati_23_5_18

Valutazione dei bisogni degli sfollati ad Efrin A causa del bombardamento indiscriminato e intensivo degli aerei e delle artiglierie turchi sugli edifici residenziali nel centro di Afrin, densamente popolato da sfollati provenienti da villaggi, le infrastrutture, gli istituti di servizio e i centri vitali (forni, ospedali, dispensari, depuratori delle acque) sono stati gravemente danneggiati e ci sono stati centinaia di morti e feriti civili. Inoltre, questi attacchi hanno causato un esodo di massa forzato di civili da Afrin verso le regioni di Shirawa, AlSahba, Nabal e Zahra. Rifugi Il numero di sfollati raggiunse circa quota 177000 all'inizio, ma l'OCHA ha registrato 137.000 persone aggiunte a 80000 residenti originari dell'area. Alcuni dei civili sfollati sono stati ospitati in scuole, moschee e case semidistrutte, oltre ai tre campi: - Campo di Berkhwedan a Favin: numero di tende 674, numero di famiglie 700 e numero di individui 3042 - Campo di Al-Asr a Tel Suzain: numero di tende 299, numero di famiglie 299 e numero di individui 132 - Campo di Afrin: numero di tende 74, numero di famiglie 77 e numero di individui 391 Salute 1 -Assistenza sanitaria primaria; Assistenza sanitaria di emergenza e secondaria Bisogni Per gestire la tragica situazione degli sfollati, la Mezzaluna Rossa Curda con le sue potenzialità molto modeste ha iniziato a lavorare nell'area di Shahba per fornire assistenza medica e di soccorso agli sfollati, nonostante le numerose difficoltà.