Romana Gens (series nova)

associazionearcheologicaromana.it

Romana Gens (series nova)

La sinuosità delle forme, unita

all’eleganza del portamento del cigno,

fecero si che esso ebbe via via un crescente

rilievo nell’ornato mondo zoomorfo

dell’Inghilterra di metà Ottocento. Celebre

fu la realizzazione di Walter Crane,

presidente dell’Arts and Crafts Exhibition

Society ed eccellente illustratore di libri di

fiabe, per una carta da parati ora conservata

al Victoria & Albert Museum di Londra

del 1875 . In uno splendido sfondo

dorato, che in successive versioni divenne

blu di Prussia o nero fumo, si fronteggiano

due grandiosi cigni, accigliati e regali,

avvolti da un raffinato intreccio di giunchi

e affiancati da iris stilizzati ed elegantissimi.

Il motivo dei cigni con iris divenne immediatamente

celebre e molto apprezzato

dalla facoltosa borghesia vittoriana che

lo scelse per arredare gli interni delle proprie

dimore di città.

Tante ancora sono le presenze del cigno

nell’arte della fin de siecle distribuite con

uguale generosità e talento in tutta Europa.

La “febbre vivificante”, come Robert

Walter Crane

Swan, rush & iris

Victoria and Albert Museum, Londra

Romana Gens (series nova)

PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

25

Musil nell’Uomo senza qualità definì quel

fluido magmatico, quell’ultima euforia

ottimista che caratterizzò l’ultimo decennio

del XIX secolo, toccò in ugual misura

la Francia come l’Inghilterra, la Germania

come la Spagna fino ad arrivare, forse un

po’ tardivamente anche in Italia.

L’intreccio della geografia e delle lingue

declinò questo periodo artistico in modo

diverso: Art Nouveau per la Francia e il

Belgio, Jugendstil nei paesi di cultura e

lingua tedesca, Liberty in Inghilterra e in

Italia, Stile Modernista in Spagna; la cultura

visuale specifica, pur indicando uno

stile comune, evidenzia modulazioni ed

esiti talvolta fortemente differenti tra loro.

Del cigno l’Art Nouveau amò la linea flessuosa

del collo e l’aristocratico vagare.

Sotto le spoglie del cigno il gusto nouveau

di fine ottocento ebbe il pretesto per portare

quasi ad una rarefatta figurazione, al

limite dell’astrazione, i colli lunghissimi e

le piume candide a sottilissime. Ecco allora

superbi vasi in vetro ed argento dalle

More magazines by this user
Similar magazines