21.08.2018 Views

Il Jazz Italiano per le terre del sisma

Anche quest’anno, il jazz Italiano torna a mobilitarsi per le terre colpite dal sisma. Saranno quattro le città coinvolte, confermando l’impegno avviato nell’edizione 2017 in quattro giornate consecutive di concerti: il 30 agosto a Camerino (MC), il 31 agosto a Scheggino (PG), il 1 settembre ad Amatrice (RI) e per finire il 2 settembre a L’Aquila. Centinaia di musicisti coinvolti, provenienti da tutta Italia, confermeranno la loro partecipazione a questo grande evento, ormai simbolo dell’impegno e dell’unione del mondo del jazz a favore dei territori e delle popolazioni colpiti dal terremoto. Con lo stesso spirito e forti della nascita della Federazione Nazionale “Il Jazz Italiano”, organo che, in questo senso, va a riassumere perfettamente il lavoro di rete fatto in questi anni, presentiamo anche per il 2018 la manifestazione, promossa da MiBAC – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e dal Comune dell’Aquila-Comitato Perdonanza, sostenuta da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, in qualità di main sponsor, con il supporto di NUOVOIMAIE e il contributo tecnico di CAFIM, e organizzata dalla Federazione stessa, Associazione I-Jazz, MIDJ – Musicisti Italiani di Jazz e Casa del Jazz; anche per questo anno è confermata l’adesione anche dei comuni di Scheggino, Camerino e Amatrice. Da segnalare, per quest’ultime amministrazioni coinvolte, l’organizzazione e il sostegno di Associazione VisioninMusica (Scheggino), Musicamdo Jazz e TAM-Tutta un'Altra Musica (Camerino) e Fara Music (Amatrice).

Anche quest’anno, il jazz Italiano torna a mobilitarsi per le terre colpite dal sisma. Saranno quattro le città coinvolte, confermando l’impegno avviato nell’edizione 2017 in quattro giornate consecutive di concerti: il 30 agosto a Camerino (MC), il 31 agosto a Scheggino (PG), il 1 settembre ad Amatrice (RI) e per finire il 2 settembre a L’Aquila.
Centinaia di musicisti coinvolti, provenienti da tutta Italia, confermeranno la loro partecipazione a questo grande evento, ormai simbolo dell’impegno e dell’unione del mondo del jazz a favore dei territori e delle popolazioni colpiti dal terremoto. Con lo stesso spirito e forti della nascita della Federazione Nazionale “Il Jazz Italiano”, organo che, in questo senso, va a riassumere perfettamente il lavoro di rete fatto in questi anni, presentiamo anche per il 2018 la manifestazione, promossa da MiBAC – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e dal Comune dell’Aquila-Comitato Perdonanza, sostenuta da SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, in qualità di main sponsor, con il supporto di NUOVOIMAIE e il contributo tecnico di CAFIM, e organizzata dalla Federazione stessa, Associazione I-Jazz, MIDJ – Musicisti Italiani di Jazz e Casa del Jazz; anche per questo anno è confermata l’adesione anche dei comuni di Scheggino, Camerino e Amatrice. Da segnalare, per quest’ultime amministrazioni coinvolte, l’organizzazione e il sostegno di Associazione VisioninMusica (Scheggino), Musicamdo Jazz e TAM-Tutta un'Altra Musica (Camerino) e Fara Music (Amatrice).

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

8<br />

AUDITORIUM DEL PARCO interno<br />

15:00<br />

16:00<br />

17:00<br />

18:00<br />

19:00<br />

A<strong>le</strong>ssandro Scala Quartetto<br />

A<strong>le</strong>ssandro Scala, sassofono; Emiliano Pintori, pianoforte; Mauro Massoni, contrabbasso; Stefano<br />

Paolini, batteria<br />

Joe Pisto 5et<br />

Joe Pisto, voce e chitarra; Claudio Vignali, piano, rhodes, moog; Federico Sportelli, sassofono; Tiziano<br />

Bianchi, tromba; Marco Frattini, batteria<br />

Gianni Cazzola “Tributo Ellington – Monk”<br />

Gianni Cazzola, batteria; Simone Daclon, pianoforte; A<strong>le</strong>x Orciari, contrabbasso<br />

Enzo Favata “Inner Roads”<br />

Enzo Favata, sax e clarinetti; Enrico Zanisi, pianoforte; Salvatore Maiore, contrabbasso; Ut Gandhi,<br />

batteria<br />

Carla Marcotulli and her band: “Love is… the sound of surprise”<br />

Carla Marcotulli, voce; Fernando Ramses Pena Diaz, pianoforte; A<strong>le</strong>ssandro Bintzios, contrabbasso;<br />

Sami Nanni, chitarra; Federico Chiarofonte, batteria; Va<strong>le</strong>rio Prigiotti, tromba; Stefano Di Grigiori, sax<br />

tenore; Patrizio Destriere, sax soprano; Riccardo Nebbiosi, sax baritono; Elisabetta Mattei, trombone<br />

9<br />

PIAZZA CHIARINO<br />

15:30<br />

16:30<br />

17:30<br />

18:30<br />

19:30<br />

Giacomo Tantillo 4et “Water Trumpet”<br />

Giacomo Tantillo, tromba; Andrea Rea, pianoforte; Giovanni Villafranca, contrabbasso; Enrico Morello,<br />

batteria<br />

A<strong>le</strong>ssandro Paternesi P.O.V. Quintet<br />

A<strong>le</strong>ssandro Paternesi, batteria; Simone La Maida, sax; Enrico Zanisi, pianoforte; Francesco Fiorenzani,<br />

chitarra; Gabrie<strong>le</strong> Evangelista, contrabbasso<br />

Andrea Polinelli “Vision of Sylvian”<br />

Andrea Polinelli, sax alto; Antonio Magli, pianoforte<br />

Tiziano Bianchi “Now and Then”<br />

Tiziano Bianchi, tromba e flicorno; Samue<strong>le</strong> Riva, violoncello; Claudio Vignali, pianoforte; Marco<br />

Frattini, batteria<br />

Cinzia Tedesco “Like a Bob Dylan”<br />

Cinzia Tedesco, voce; Stefano Sabatini, pianoforte e arrangiamenti; Roberto Guarino, chitarra e synth;<br />

Luca Pirozzi, contrabbasso; Pietro Iodice, batteria

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!