Vademecum-Generale-Trial

calzettimariucci

VADEMECUM DEL BUON ORGANIZZATORE

La FMI si impegna, inoltre, affinché nell’individuazione dei percorsi sia riposta primaria attenzione al

rispetto delle normative che disciplinano la tutela del territorio montano e l’uso del suolo, nonché

alle effettive condizioni ambientali contingenti;

- la FMI si impegna ad aggiornare il regolamento ufficiale delle competizioni motoristiche con specifica

attenzione al tema delle targhe, delle ulteriori dotazioni dei mezzi previste in base alla rispettiva

omologazione, ed ai requisiti e verifiche di rumorosità;

- la FMI si impegna, altresì, affinché gli organizzatori adottino misure di garanzia volte al rispetto, da

parte dei partecipanti alle gare, dei tracciati individuati, con particolare attenzione alle aree aperte

ed ai tratti di viabilità non inequivocabilmente definiti, mediante segnalazioni, eventuali tratti di

canalizzazione e dislocazione di giudici di percorso, oltre ai dispositivi che possano essere richiesti

ai fini dell’ordine e sicurezza pubblica da parte dell’Autorità competente;

- La FMI si impegna, infine, affinché al termine delle manifestazioni, gli organizzatori assicurino la

ricognizione del tracciato ed il recupero di ogni segnale, residuo o rifiuto derivante dalla manifestazione

stessa nonché, a seconda degli accordi e/o prescrizioni dettate dall’autorizzazione e/o dai titolari della

viabilità interessata, all’eventuale ripristino dello stato dei luoghi nei termini definiti.

il CFS si rende disponibile a collaborare con la FMI come dai seguenti punti k), l) ed m):

- nel rispetto delle competenze previste dalla normativa vigente, il CFS si rende disponibile a

collaborare con la FMI, anche attraverso le rispettive articolazioni territoriali, affinché le istanze di

richiesta di autorizzazione delle gare e manifestazioni presentate dalla FMI possano essere

preliminarmente valutate in accordo con i Comandi provinciali del CFS per assicurare garanzie circa

il rispetto della normativa vigente in materia di protezione della natura e indirizzi per conseguire il

massimo livello di tutela ambientale;

- a tal fine, preliminarmente alla presentazione delle richieste di autorizzazione agli organi territoriali

competenti, i Moto Club organizzatori della FMI possono rivolgersi ai Comandi provinciali del CFS

per verificare i tracciati proposti e la relativa idoneità nei riguardi delle prescrizioni regolamentari,

delle condizioni specifiche contingenti rispetto all’ambito interessato, dell’esistenza di vincoli o di

altri strumenti di protezione, ed in rapporto alla stagione, ai cicli biologici delle specie animali ed a

condizioni locali emergenti, nonché all’esistenza di aree contenenti habitat relitti, vulnerabili e di

primaria importanza ai fini della conservazione della biodiversità;

- il CFS aderisce alla presente intesa impartendo apposite direttive alle articolazioni territoriali

dipendenti, nell’ambito delle quali sarà data evidenza delle intese con la FMI delle quali saranno

informati altresì i Prefetti e gli enti territoriali preposti al rilascio delle autorizzazioni delle gare.

Roma, lì

IL CAPO

DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO

IL PRESIDENTE

DELLA FEDERAZIONE MOTOCICLISTICA ITALIANA

Ing. Cesare Patrone

Dott. Paolo Sesti

More magazines by this user