IperSoap Magazine Settembre 2019

ipersoap

ELODIE

è pop ma anche rap, è trasgressiva e casta,

dolce e aggressiva. E soprattutto è se stessa.

GABRIELE GORI

uno dei migliori al mondo nel beach soccer

© Claudio Porcarelli/Photomovie

IPERCONNESSIONE

un fenomeno che riguarda tutti,

ma gli adolesenti sono più a rischio.

LE RICETTE

DI IPERSOAP

Tante gustose idee da cucinare!

ACCADDE DOMANI

Gli appuntamenti imperdibili

del mese di Settembre.

FIORELLO

“Siamo pronti per questa

avventura che mi ha

fatto dire tante volte:

chi me lo ha fatto fare?”

ANNO V - NUMERO IX

SETTEMBRE 2019

Copia omaggio


2hbbGiF

SCOPRI ALL’INTERNO TANTI

BUONI SCONTO

PER LA TUA SPESA!


ROSSETTO

VOLUME

VINYL

COLORE PIENO

ALTA COPRENZA

EXTRA BRILLANTEZZA

EFFETTO VOLUME 3D

MADE IN ITALY

DEBORAHMILANO.COM


Ti aspettiamo negli oltre 250 punti vendita

LENOR

AMMORBIDENTE

CONCENTRATO

ASSORTITO

26LAVAGGI

€ 1,79 FINISH

0% BRILLANTANTE

250ML

€ 3,66

DASH

DETERSIVO

LIQUIDO

LAVATRICE

ASSORTITO

18+2MISURINI

FINISH

€ 4,49

0% POWERBALL

LAVASTOVIGLIE

22TABS

€ 4,47

*ad esclusione del sale. Regolamento completo su www.concreta-


FINISH

0% POWER

GEL LAVASTIVIGLIE

600ML

€ 4,47

REGINA

ASCIUGONI

2ROTOLI

€ 2,99






-33% € 1,19 Seguici su: -33% www.ipersoap.com

€ 2,99 26% € 2,19

-18% € 2,99

-26%

e sui canali social: € 3,29

-26% € 3,29

IN: TOSCANA - LIGURIA - EMILIA - PIEMONTE - LOMBARDIA - VENETO - FRIULI VENEZIA GIULIA - TRENTINO ALTO ADIGE

Viareggio Viareggio (LU) (LU) Parco Parco Commerciale Burlamacca Via Via Pisanica


Torino Via Via S. S. Tommaso, 18 18 (ang. (ang. Via Via Bertola) Bertola)

Viareggio Viareggio (LU) (LU) Via Via C. C. Battisti, Battisti, 213 213


Torino Via Via Tripoli 34 34

Viareggio Viareggio (LU) (LU) Via Via Marco Marco Polo, Polo, 68 68

Sarzana (SP) - MAXI STORE - Via Variante Aurelia, 38

Torino Via Via Vibò, 59 59

Viareggio (LU) (LU) Via Via Mazzini ang. ang. Via Via Sant’Andrea

(di (di fronte GRANCASA e GRANBRICO)

Trofarello (TO) (TO) Piazza 1 Maggio, 4 (Piazza del del mercato)

LIGURIA

Savona C.so Tardy e Benech, 101-103R

Venaria Reale (TO) (TO) Corso Garibaldi, 34 34

Alassio (SV) (SV) Via Via Leonardo Da Da Vinci, 104-11O

Savona C.so Vittorio Veneto,124 R

LOMBARDIA

Albenga (SV) (SV) Via Via Patrioti, 95-97

Savona P.zza Diaz, 68-70-72R

Bellano (LC) Via Via Carlo Porta, 3

Albenga (SV) (SV) loc. loc. Vadino, Via Via Piave 68 68


Bergamo Via A.Locatelli, 14 14

Albissola Marina (SV) (SV) Via Via dell’Oratorio, 38 38 ang. Via Via dei dei

Savona Via Mistrangelo, 63

Bergamo Via Borgo S.Caterina 67 67

Ceramisti


Brembate di di Sopra (BG) Via Via XXV Aprile, 14 14

Albisola Superiore (SV) (SV) Via Via Mazzini, 112


Brescia Via Martiri della libertà, 12 12



Broni (PV) P.zza Vittorio Veneto, 11 11

Arenzano (GE) (GE) C.so Matteotti, 42-44

Vado Ligure (SV) via Gramsci, 38-40


Cerca...ne troverai

Arma di di Taggia (IM) Via Via Stazione, 211 (Palazzo Quadrivio)

Vallecrosia (IM) Via Colonnello Aprosio, 256 ang. Via Cristoforo Colombo

Cremona C.so Garibaldi, 164

uno vicino a casa tua!

Bordighera (IM) Via Via Vittorio Emanuele, 263


Desenzano del Garda (BS) Via Nazzario Sauro, 21 21

Borghetto S.Spirito (SV) Corso IV IV Novembre 33R

Ventimiglia (IM) Via Martiri della Libertà, 20

Lodi Viale Dalmazia, 1

TOSCANA

Busalla (GE) Via Via Vittorio Veneto, 85 85

Ventimiglia (IM) Via Mazzini, 9


Aulla Aulla (MS) (MS) Via Via della della Resistenza, 28 28

Cairo Montenotte (SV) Piazzo XX XX Settembre, 1

EMILIA ROMAGNA

Milano Corso Lodi 76

Avenza (MS) (MS) V.le V.le XX XX Settembre, 264 264

Campomorone (GE) Via A. A. De Gasperi 276R

Borgotaro (PR) Via Cesare Battisti, 84

Milano Via Carlo lmbonati, 24 Maciachini

Calenzano (FI) (FI) Via Via Cherzani (Parco Commerciale Carrefour)

Carcare (SV) Via Via Giuseppe Garibaldi, 115

Comacchio Lido degli Estensi (FE)

Business Park (neipressi della palestra Virgin Active)

Campi Bisenzio (FI) (FI) Via Via Barberinese (vicino lidl) lidl)

Ceparana (SP) Via Romana, 103-105

Via Carducci, 31

Milano Via Casarsa, 16

Carrara (MS) (MS) Via Via Mazzini, 15 15

Ceriale (SV) Via Aurelia, 70 70

Fidenza (PR) Via Berenini, 102

Milano Viale Certosa, 46

Cascina (Pi) (Pi) Via Via Tosco Romagnola, 178 178

Chiavari (GE) C.so Dante, 87 87

Fiorenzuola d’Arda (PC) V.le XX Settembre, 19

Milano Via F. Lippi, 19

Castelfranco di di Sotto (PI) (PI) Via Via Francesca Sud, 12 12

Chiavari (GE) Via Vinelli, 36

Langhirano (PR) P.zza Ferrari, 11

Milano Via Giuseppe Meda, 16


Cogoleto (GE) Piazza Martiri delle libertà angolo via Mazzini


Milano Via Giuseppe Meda, 36


Diano Marina (IM) C.so Roma ang. Via Colombo

Salsomaggiore Terme (PR) Viale Matteotti, 12

Milano Via Montecatini, 15 Ang. Via Solari


Diano Marina (IM) Corso Roma, 196 cond. Le Magnolie


Milano Via Monza, 59

(FI) Via XX Via Certaldo (FI) Via XX Settembre ang. Via Mazzini


San Polo d‘Enza (RE) Galleria Carlo Levi, 1

Milano Via Ripamonti, 109

(FI) Via 1

Certaldo (FI) Via Togliatti 1

Genova C.so Europa, 430-442 (zona incrocio con via Isonzo)

Milano Via Sabotino, 38

(LI) Via del 6,

Collesalvetti (LI) Via del Commercio 6,

Genova C.so de Stefanis, 1 (entrata carrabile Corso Sardegna) PIEMONTE

Sant’Angelo Lodigiano (LO) Via Cesare Battisti, 28

Centro Commerciale SUMA

Acqui Terme (Al) C.so Bagni, 116

Saronno (VA) Via Marconi, 25

(FI) 55

Empoli (FI) Piazza Guido Guerra, 55

Genova Via Bettini 3,5,7 R

Alba (CN) C.so Piave, 54

Sirmione (BS) Via Colombare, 51

Via Firenze Via Allori 48-52


Alessandria Via Caniggia, 7

Voghera (PV) Via Emilia, 72 ang. Via De Pretis

Via 7

Follonica (GR) Via Santini, 7


Arona (NO) Via Matteotti, 13

VENETO

- - Follonica (GR) - MAXI STORE - Strada Provinciale Aurelia Vecchia

Chieri (TO) Strada Roaschia, 2

Anguillara Veneta (PD) Via Lungo Adige, 25



Chivasso (TO) Viale Giacomo Matteotti, 2 A, B,C

Arzignano (VI) P.zza Campo Marzio, 8

di Via Fornaci di Barga (LU) Via della Repubblica, 116-118


Ciriè (TO) Via Lanzo, 45-47

Castelcucco (TV) Piazzetta Elio Boito, 15




Castelmassa (RO) P.zza Libertà, 37

(FI) Via 5-7

di Fucecchio (FI) Via Cesare Battisti, 5-7

Genova Via di Brera, 20r

Cuorgné (TO) Via Torino, 13

Fiesso Umbertiano (RO) Via Giuseppe Verdi, 432

di Via Del 44

Lido di Camaiore (LU) Via Del Fortino, 44


Fossano (CN) Piazza Vittorio Veneto, 2

Porto Viro (RO) Corso Risorgimento, 72

di Via 86

Lido di Camaiore (LU) Via Italica, 86


Moncalieri (TO) Via Carlo Tenivelli, 29

Rovigo Corso del Popolo, 84

Livorno Corso Amedeo, 55-63


Mondovì (CN) P.zza Ellero, 66

Schio (VI) P.zza dello Statuto, 5

Via 40

Livorno Via Buontalenti, 40

Genova Certosa Via Canepari 110-112

Nichelino (TO) Via Torino 166 angolo Via Moncenisio

Solesino (PD) Via Papa Giovanni XXIII, 201

Via 106

G. Livorno Via Pisana, 106

Genova Nervi Via G. Oberdan, 106

Nizza Monferrato (AT) Via Carlo Alberto, 21-23


Lucca Via Via Borgo Giannotti, 241 241




Lucca P.zza dei dei Cocomeri 6-7 6-7

Verona Via XX Settembre, 98-100


Novi Ligure (AL) Via Girardengo, 74

Lucca Via Via Fillungo, 190 190

Vicenza Via G. Durando, 45


Ovada (Al) Via Torino, 83-85

Lucca Viale San San Concordio, 324 324



Poirino (TO) Via Cavour, 3

Marina di di Massa (MS) (MS) Via Via Cristoforo Colombo 22

FRIULI VENEZIA GIULIA


Racconigi (CN) - MAXISTORE - Bacci - Corso Principi di Piemonte, 22

Marina di di Carrara (MS) (MS) Via Via Garibaldi 75 75

Maniago (PN) Via Roma, 4


Rivoli (TO) Corso Francia, 4

Massa Via Via Cairoli, 42 42

35

Pordenone Via Borgo San Antonio 2

Imperia Via Don Abbo, 35


17

Massa Via Via Democrazia, 33

La Pordenone - Rorai Grande Piazzale San Lorenzo, 17

La Spezia C.so Cavour, 134

Santena (TO) Piazza Martiri della Libertà, 10

(LU) Via 248

La Sacile (PN) Via Giuseppe Garibaldi, 24

Massarosa (LU) Via Roma, 248

La Spezia C.so Cavour, 431

Savigliano (CN) Via Muratori, 28

(PT) Via La Via di San Martino al Tagliamento (PN)

Monsummano Terme (PT) Via Matteotti, 67-71

La Spezia Via di Monale 84-86-88

Settimo Torinese (TO) Via Italia, 80

I, (FI) Via Aldo 2

La Via 79

P.zza Umberto I, 10

Montaione (FI) Via Aldo Moro 2

La Spezia Via Giulio della Torre, 79

Torino - MAXISTORE - Bacci- Via Nizza, 210

(PT) Via 44

La TRENTINO ALTO ADIGE

Montecatini Terme (PT) Via Mazzini, 44

La Spezia Viale Italia, 575

Torino C.so Agnelli, 98-100

La Via 46

Bolzano Via Sassari, 75


La Spezia Via Lunigiana, 46

Torino C.so Giulio Cesare, 44

(MS) P.zza 5

La Via 62

Montignoso (MS) P.zza Bertagnini, 5

La Spezia Via Manzoni, 62 (ang. Via del Torretto)

Torino C.so Racconigi 39 angolo via Frejus

(PI) Via Tosco 2247

Cles (TN) Piazza De Bertolini, 8

Navacchio (PI) Via Tosco Romagnola 2247



Pescia (PT) Via 1

Via 14

Imer (TN) Via Nazionale, 2

Pescia (PT) Via Buonvicini 1

Lavagna (GE) Via Cesare Battisti, 14

Torino C.so San Maurizio, 61

Pescia (PT) Via 188 Loc. (SP) 75


Pescia (PT) Via Provinciale Lucchese, 188 Loc. Ponte all’Abate Levanto (SP) C.so Roma, 75

Torino C.so Vercelli, 97

31

(LU) Via 52

Naturno (BZ) Via Principale, 31

Pietrasanta (LU) Via Oberdan, 52


Torino Piazza Villari

Pisa Via L. 88-92

(SV) Via ex Via Postal (BZ) Via Roma, 83c

Pisa Via L. Bianchi, 88-92

Pietra Ligure (SV) Via Rossello, 13-15 ex Via XXV Aprile

Torino Via Barletta, 85

de Pistoia Via E.Fermi 78, Loc. S. (SV) Via Via di Nanni 105 ang. Volvera

Predazzo (TN) Via Alcide de Gasperi, 6

Pistoia Via E.Fermi 78, Loc. S. Agostino

Pietra Ligure (SV) Via Ghirardi, 6

Torino Via Cibrario 47, angolo Via Collegno

(MS) Via G. 35-37

(IM) Via XX Galliari, 17

Salorno (BZ) Via Asilo, 3

Pontremoli (MS) Via G. Sismondo Vescovo, 35-37

Porto Maurizio (IM) Via XX Settembre, 59-61

Torino Via di Nanni 105 ang. Via Volvera

64

Prato Via Ferrara ang. Via Torino, 30

(GE) Via S. 18

Monginevro, 19

Prato Via Ferrara ang. Via Torino, 30

Rapallo (GE) Via S. Filippo Neri, 18

Torino Via Galliari, 17

Silandro (BZ) Via Principale, 64

Querceta (LU) P.zza 82

(GE) C.so

Querceta (LU) P.zza Matteotti, 82

Rapallo (GE) C.so Mameli 200-202

Torino Via Monginevro, 19

San Vincenzo (LI) P.zza Roma 15-17

(GE) Via Torino Via Nizza, 358

San Vincenzo (LI) P.zza Roma 15-17

Rapallo (GE) Via Assereto, 45-47


Siena Strada 31

Recco (GE) Via Milito Torino Via Nizza, Onorato 358Vigliani, 113

Siena Strada Sant’Eugenia, 31

Recco (GE) Via Milito Ignoto, 3

Sovigliana Vinci (FI) Via 1

Recco (GE) Via V. 1-3-5

Torino Via Onorato Principi D’Acaia Vigliani, 37113

Sovigliana Vinci (FI) Via Pietramarina, 1

Recco (GE) Via V. Veneto, 1-3-5

Torre del Lago (LU) Viale Marconi, 63

(IM) Via Pietro Agosti, 187

Torino Via Principi Porpora, D’Acaia 37

Torre del Lago (LU) Viale Marconi, 63

Sanremo (IM) Via Pietro Agosti, 187

Venturina (LI) Via Indipendenza

Sanremo (IM) Via Roma, 159

Torino 56

Via Porpora, 9

Venturina (LI) Via Indipendenza

Sanremo (IM) Via Roma, 159

Torino Via San Secondo, 56

PROSSIME APERTURE: Genova via Canepari 14-16 rr

LEGENDA:

NUOVE APERTURE

SERVIZIO STAMPA IMMEDIATA FOTO

IperSoap è una catena con più più di di 250 250 punti vendita.

Sei proprietario di di un un locale di di almeno in in una una buona

posizione commerciale?


3


4


LA VIGNETTA

di DANILO MARAMOTTI

5


DERMATOLOGICAMENTE

T E S TATA


FUORI LUOGO

di MARIO TOZZI

Orsi e libertà.

Ancora una volta dobbiamo scrivere del rapporto fra uomini e animali

selvatici, che sembra non volersi comporre armonicamente nel nostro

paese. E dobbiamo ancora scrivere di M49, la cui sorte ci è, al momento,

sconosciuta. E dobbiamo domandarci come sia possibile che un milione

di trentini, con una densità di popolazione di 79 abitanti per kmq, non

riescano a convivere con un orso bruno e con qualche decina di suoi

compari sparsi in questo settore dell’arco alpino.

Anzi, chi li amministra ha deciso, di suo proprio

conto, che l’esemplare è pericoloso e va abbattuto

quanto prima, pena danni inimmaginabili alle

attività produttive e rischio per la vita delle persone.

Tutto questo mentre alcune persone protestano

contro i ripopolamenti faunistici incentivati dagli

animalisti e altre ancora temono per l’incolumità di

chi si reca a fare una passeggiata, incolpando chi

difende l’orso M49 (come tempo fa l’orsa Daniza) di

farlo dal divano di casa sua e non in tuta mimetica

nella foresta. Raramente ignoranza del mondo

naturale e incompetenza si sono rafforzati così tanto

a vicenda.

Per prima cosa va ricordato che, nella vicinissima Slovenia, si convive

tranquillamente con 450 orsi (da noi una cinquantina), registrando solo

rare catture, dimostrando che sono l’informazione e l’educazione gli

elementi per la convivenza, non le battute di caccia. In secondo luogo,

per decidere l’esecuzione di un animale selvatico ci vuole sempre il

parere vincolante dell’ISPRA. Va poi precisato che la decisione della

Corte Costituzionale, sbandierata come una giustificazione dell’eventuale

abbattimento, non ha nulla a che vedere con l’attuale vicenda dell’orso

M49. L’ordinanza urgente firmata dal Presidente della Provincia di Trento,

senza alcuna motivazione concreta e dimostrabile, continua a essere

illegittima, tanto che lo stesso Ministero dell’Ambiente ha diffidato la

provincia di Trento ad abbattere l’animale che si è macchiato della grave

colpa di aver razziato un po’ di cibarie. Insomma, è sempre necessario il

parere positivo dello Stato e la dimostrazione concreta che non esistano

valide soluzioni alternative alla cattura o all’abbattimento di animali

protetti da leggi europee.

Peraltro, non abbiamo ancora compreso come l’orso sia riuscito a

scappare attraverso un recinto alto più di quattro metri e per di più

elettrificato fino a 7000 volts, visto che gli orsi ancora non volano.

Infine M49 è tutt’al più da considerarsi un orso

problematico perché ha causato danni economici

ad attività produttive, danni favoriti dalla mancata

adozione di strumenti di prevenzione adeguati.

Mentre la sua pericolosità per le persone è ancora

da dimostrare’’ (‘potenziale’ è il termine più

appropriato al momento).

L’orso è una “specie-ombrello”,

garantendone la sopravvivenza la si garantisce

anche ad altre specie. È anche una “speciecritica”,

visto che espleta una seria di funzioni

fondamentali per l’intero ecosistema. Infine è una

“specie-bandiera”, perché amato dalle persone e

dai turisti e catalizzatore di interesse. Capendo questo si potrà anche

comprendere che sapere che l’orso continuerà a sopravvivere vale bene

il prezzo di qualche pecora o gallina in meno.

INTATTA TOUR

In questi mesi, tra giugno e agosto, andiamo in tour

con Mario Tozzi in un viaggio alla scoperta del paese

e dei suoi luoghi integri e inalterati.

Un percorso straordinario che si snoda per sentieri

incontaminati e posti in cui le opere degli antichi

abitanti hanno mantenuto lo stupefacente splendore

originario. Le prossime tappe da non perdere?

Il 15 giugno L’Aquila; il 16 giugno Ancona;

il 22 giugno Padova; il 7 luglio Sestri Levante;

il 14 luglio Rovereto; il 3 agosto Sarre (AO).

7


8


LA MONETA

INVISIBILE

di CARLO ROMANO

Siamo troppi? Sorpresa, il trend si è invertito

E in italia il problema è opposto: diventiamo pochi.

Sorpresa. Siamo tanti, saremo tantissimi, tantissimi di più, ma non durerà

all’infinito. E non serviranno pandemie, disastri climatici, cadute di meteoriti

catastrofiche come quella che provocò l’estinzione dei dinosauri in epoca

preistorica o altre sciagure di proporzioni bibliche. Il mondo affollato sarà

ancora più affollato ancora per qualche decina di anni, ma almeno il trend

della crescita si sta invertendo e le antenne dell’Onu hanno recepito il cambio

in corso. Raccogliendo indicazioni che hanno sorpreso demografi e governi

di tutto il mondo e che sicuramente determineranno

decisioni e cambiamenti importanti nel futuro

prossimo per tutti. Ciò che avviene da ormai diversi

decenni in Italia in misura evidente, sempre meno

nascite e invecchiamento della popolazione esistente,

piano piano sta diffondendosi nel resto del mondo.

E verso la fine di questo secolo potremmo ritrovarci,

dopo centinaia di anni di crescita tumultuosa, in un

mondo demograficamente stabile.

Per millenni sono state le malattie ed i tassi di

mortalità altissimi a fare la selezione naturale e a tenere

sostanzialmente invariata la popolazione mondiale. Da

quando è iniziata la corsa evolutiva dell’uomo sulla

terra, infatti, ci sono volute decine di migliaia di anni

per arrivare a 600 milioni di abitanti terrestri. Era il

1700, il secolo dell’Illuminismo e della Rivoluzione Francese. Ma nemmeno il

ricorso alla ghigliottina e la mortalità per malattie che oggi ci appaiono perfino

banali riuscirono più come in passato a riequilibrare le nascite con le morti

e a inizio 1800 per la prima volta la popolazione mondiale tagliò il traguardo

del primo miliardo. A incidere furono i primi miglioramenti della qualità della

vita, che nei due secoli successivi si sarebbero moltiplicati esponenzialmente.

In poco più di 100 anni infatti, dal 1803 al 1928 la popolazione mondiale è

passata da un miliardo a due miliardi. Ma è proprio il ‘900, pur essendo il

secolo delle guerre mondiali, il momento chiave dell’esplosione demografica

sulla terra.

In appena 60 anni, dai due miliardi del 1928 si è passati ai 5 miliardi di abitanti

nel 1987. Un incremento del 150% rapidissimo e per molti aspetti incredibile,

figlio soprattutto dei grandi progressi della medicina nel corso del secolo

scorso. La cosa peraltro non si è fermata con il nuovo millennio: nel 2019,

a 40 anni di distanza dal superamento della quota 5 miliardi, la popolazione

mondiale è ora di 7,7 miliardi.

Cambiamenti climatici e inquinamento sono lì a ricordarci ogni giorno

che siamo vicini al limite e che un tasso di crescita così sostenuto sarebbe

insostenibile invece proprio per il pianeta.

Ma qualcosa ha già iniziato a cambiare. Perché se da un lato il miglioramento

delle condizioni e degli stili di vita diffuso in un numero di Paesi e continenti

sempre più elevato ha allungato la vita media della popolazione mondiale

favorendo così l’affollamento della Terra, dall’altro il tasso di incremento delle

nascite ha iniziato piano piano a calare, determinando un rallentamento che

fra qualche decina di anni sarà evidente. L’anno della fine del boom delle

nascite per il mondo e dell’inizio del trend inverso, ossia sempre meno nati,

è il 1968: quando dal 2,2% di crescita del 1967 si scende per la prima volta

negli ultimi 300 anni al 2,1%. Quasi uno scherzo della storia, se si pensa

che si tratta proprio dell’anno della rivoluzione sessuale. Da allora ad oggi il

tasso di crescita è sceso all’1,08%, in pratica attualmente da un anno all’altro

la popolazione mondiale aumenta di 82 milioni. E tutte le nuove previsioni

dell’Onu dicono che rallenterà ancora, fino ad attestarsi allo 0,1% nel 2100.

Quando in pratica si chiuderà il cerchio e gli abitanti della terra torneranno a

stabilizzarsi esattamente come avvenne dalla preistoria al 1700.

Con due differenze non da poco. La prima: fino al 1700 erano le tante morti a

compensare le tante nascite. Ora e nei prossimi anni invece sarà il contrario:

poche nascite, a partire dai Paesi più ricchi dove ricchezza fa sempre più rima

con culle vuote, e poche morti grazie al continuo innalzamento dell’aspettativa

di vita media. La seconda: allora si era stabilmente

in pochissimi. Nel 2100 la popolazione terrestre si

stabilizzerà a 10,9 miliardi.

Analogie e differenze con epoche totalmente diverse

che costringeranno comunque il mondo a cercare un

nuovo, difficilissimo, equilibrio. La stabilizzazione

demografica globale, peraltro, non sarà avvertita

nello stesso modo ovunque. Gli italiani ad esempio

continueranno a diminuire, perché figli non ne

se ne fanno e non si intravede nessun cambio

del trend all’orizzonte. Solo tra il 2014 e il 2018 le

morti superiori alle nascite nel nostro Paese hanno

determinato una riduzione di quasi 700 mila italiani.

In pratica è come se una città delle dimensioni di

Palermo fosse stata totalmente cancellata.

Si nasce in Italia nel 2019 meno di quanto si nasceva in qualsiasi momento

dall’Unità nazionale, pur avendo attraversato periodi di crisi, carestie e due

guerre mondiali. E i dati dell’Onu, uniti a quelli dell’Istat, dicono che assai

prima del 2100, ovvero già nel 2050, fra trent’anni, gli italiani in età lavorativa

saranno 6 milioni in meno di quanti siano oggi. Un dato drammatico, perché

con 6 milioni in meno di persone che lavorano e pagano le tasse sarà

praticamente impossibile mantenere gli attuali livelli di servizi, dalla Sanità

alle pensioni. La bomba demografica mondiale, insomma, tutto sommato si

sta disinnescando da sola. Quella italiana, invece, si rivela ogni giorno che

passa più una minaccia devastante per il nostro domani.

9


Il trattamento

di bellezza che

non ti aspetti?

da

amica del

tuo benessere

Nuove salviettine struccanti LYCIA pro>derma

Con il 97% di ingredienti naturali, per una pelle morbida, radiosa e libera dalle

impurità in un solo gesto. Acido Ialuronico per idratare. Latte d’Avena e Prebiotico

per una protezione ottimale. Complesso Minerale e Anti Pollution Tech

ad azione purificante e detox.


EDITORIALE

di MAURIZIO BONUGLI

I have a dream!

Era il 28 agosto 1963. Sono trascorsi 56 anni dallo storico

discorso che Martin Luther King tenne davanti a una folla

oceanica al Lincol Memorial di Washington al termine della

marcia per il lavoro e la libertà. “I have a dream” a questo

celeberrimo incipit seguirono parole che, ancora oggi,

rappresentano il simbolo globale contro le discriminazioni e il

razzismo. Un discorso che trasformò per sempre il suo Paese

nel segno dell’uguaglianza, dell’affermazione diritti civili e

sociali e della democrazia concreta. Un sogno che si realizzò e

che, ancora oggi, vale, che va difeso o che magari, da qualche

parte, deve ancora essere conquistato.

Perché i sogni che si realizzano sono il sale della vita. E, spesso, bisogna

lottare per realizzarli. Tutti. Non solo quelli “grandi” che fanno la storia

e che entrano nei libri di storia. Ognuno di noi ne ha almeno uno e tutti

ne devono realizzare almeno uno. Ed è così importante non rinunciare ai

propri sogni che, da alcuni anni, il 25 settembre (dal

2012) tutti i sognatori, in ogni angolo di mondo,

possono celebrare il loro/nostro “World Dream Day”,

la Giornata Mondiale dei Sogni. Un giorno speciale

che vuole sostenere ed incoraggiare le persone a non

smettere mai di sognare. Per dirla con le parole di

Antoine de Saint-Exupery per fare: “…della loro vita

un sogno, e di un sogno, una realtà”. Una ricorrenza

utile a rafforzare la volontà e la determinazione di

ognuno per trasformare un’idea, una nota, un colore

o una emozione in un progetto, in una canzone, in

un quadro o in un amore. Certo magari non sarà

facile e ci sarà da lottare, ma i sogni son fatti così

altrimenti restano nel cassetto e senza l’impegno

giusto, spesso, quel cassetto rischia di restar chiuso. Bene! Tutto quel che

c’è da sapere sulla Giornata Mondiale dei Sogni (www.worlddreamday.org)

lo troviamo soprattutto sul web e questa data, nel corso degli anni, proprio

col “passaparola” online è diventata un appuntamento “concreto” grazie

al potere comunicativo della rete e di internet. L’idea è davvero semplice,

prima di iniziare a lavorare a un progetto occorre immaginarlo, sognarlo

per l’appunto. Senza l’immaginazione e il sogno non potremmo realizzare

i nostri progetti di vita, professionali, legati alle passioni o agli hobby,

individuali o collettivi, privati o pubblici. Il sogno è dunque un “tesoro”

immenso un vero e proprio “motore” che ci muove e che ci aiuta a centrare

i nostri obiettivi.

Il World Dream Day si basa proprio sul presupposto che ogni sogno

rappresenta una speranza per il futuro e nel cuore di ogni sognatore è

custodita la capacità di credere nelle proprie

forze, di lottare per i propri ideali e di investire il

proprio impegno per costruire il proprio futuro. I

sogni sono l’ottimismo e la speranza insieme e la

Giornata mondiale a loro dedicata nasce proprio

per farci “tirar fuori” questa forza che coincide col

cambiamento contro i rischi della rassegnazione,

del pessimismo e del conformismo. Ogni 25

settembre, in tutto il mondo persone, aziende,

organizzazioni e comunità celebreranno dunque

l’opportunità di trasformare i propri pensieri in

azioni concrete. E lo fanno con iniziative ed eventi.

In famiglia, al lavoro, con gli amici da trascorrere

in un clima positivo e costruttivo. Ed è meglio farlo

in compagnia perché sognare insieme è bello, è la realtà che comincia.

E soprattutto perché per “fare”, per passare dal sogno alla realtà spesso

abbiamo bisogno di aiuto e di collaborazione. In una società dove sempre

di più l’individualismo sembra prevalere nelle relazioni tra persone quasi

come se il “realizzarsi” o il realizzare i propri sogni possa avvenire

solo imponendosi o a discapito degli altri, è bello invece immaginare e

condividere le proprie aspirazioni e le proprie aspettative con chi ci sta

vicino.

E voi? Quando lo aprirete quel “magico” cassetto?

Qual’è il sogno che volete realizzare? Pensateci il prossimo 25 settembre e

quel sogno comincerà a diventar realtà. Basta crederci!

11


12


34

ADOLESCENTI

ANALFABETI FUNZIONALI

84

ELODIE

28

IPERCONNESSIONE

RUBRICHE

14 Benessere & Bellezza

16 Mondo Donna

18 Accadde domani

20 News Italia

22 News Mondo

24 Salute & Benessere

27 Correva l’anno

REPORTAGE

28 IPERCONNESSIONE

34 ADOLESCENTI

ANALFABETI FUNZIONALI

STORIA DI COPERTINA

40 FIORELLO

RUBRICHE

46 Tutto intorno all’arte

47 TANTI BUONI SCONTO PER TE

51 Zona Beauty

52 Speciale Moda

55 Zona Fitness

56 Red carpet

58 Consigli per la casa

60 Io viaggio da sola

62 Le ricette di IperSoap

66 Eco Good

68 Garden Place

70 Matrix

72 The Winner - GABRIELE GORI

76 Sulla strada

78 La 25°ora

80 My book

82 Teatro & Musica

84 On stage ELODIE

88 Home sweet home

90 I giochi di IperSoap Magazine

92 I Care

94 Qua la zampa!

96 L’Oroscopo naturale

72

GABRIELE

GORI

ANNO V - NUMERO IX SETTEMBRE 2019

40

FIORELLO

“Siamo pronti per questa

avventura che mi ha fatto

dire tante volte:

chi me lo ha fatto fare?”

IPERSOAP MAGAZINE

è una rivista di GENERAL PROVIDER Srl registrata presso il Tribunale Ordinario di

Lucca. Num. R.G.1009/2015

Numero Reg. Stampa: 9in data 01/09/2015

EDITORE

Pietro Paolo Tognetti

DIRETTORE RESPONSABILE

Luigi Grasso

DIRETTORE EDITORIALE

Maurizio Bonugli

ART DIRECTOR

Luca Baldi

HANNO COLLABORATO:

Danilo Maramotti - Mario Tozzi - Alice Lancetti - Antonio Provenzano - Irene Castelli

Giulia Landini - GIovanni Lorenzini - Igor Faiella - Greta Rossi - Santo Pirrotta

Alta scuola di cucina di Roma - Michela Chimenti - Matteo Montanaro - Valentina

Vida - Daniele Masseglia - Carlo Romano - Tiziano Baldi Galleni - Marta Grassi

- Luca Alberti - Lara Venè - Chiara Zaccarelli - Virginia Torriani - Marta Zannoner

Direzione, redazione e amministrazione:

Via delle Ciocche, 1157/A

55047 Querceta - Seravezza (LU)

Tel. 0584/752891 - 0584/752892

Fax 0584/752893

www.ipersoap.com

redazione@ipersoap.com

Fotolito e stampa:

Rotolito S.p.A. Via Sondrio 3

(angolo Via Achille Grandi)

20096 Seggiano di Pioltello (MI) Italy

n° ROC 25471

Copyright 2015 GENERAL PROVIDER Srl

Tutti i dirittti riservati. Testi, fotografie e disegni contenuti inquesto numero non

possono essere riprodotti, neppure parzialmente, senza l’Autorizzazione dell’Editore.

Pubblicazione mensile in attesa di registrazione presso il tribunale di Lucca.

Le immagini utilizzate, dove non diversamente indicato, sono di proprietà

dell’archivio fotografico SHUTTERSTOCK.

Per la pubblicità su questo magazine scrivere a:

pubblicita@ipersoap.com

13


BENESSERE &

BELLEZZA

di DR. MARIO PUCCI

Quello che nessuno ti ha mai

detto sull’epilazione permanente.

C’è molta confusione sull’argomento “epilazione permanente” per questo motivo partiamo

da un chiarimento lessicale: quella che fanno laser e luce pulsata non è una depilazione

(cioè l’eliminazione del pelo dal punto in cui emerge sulla pelle, come fa il rasoio)

ma una epilazione, perchè viene rimosso anche il bulbo sotto la superficie cutanea.

Avere una preoccupazione in meno, è un po’ quello che

desideriamo tutti quando scegliamo un trattamento di epilazione

definitiva, del resto come si fa a non prenderla in considerazione,

la libertà che promette è unica, fine del supplizio delle cerette ogni

tre settimane, del rasoio ogni tre giorni, delle ore in posa con la

crema depilatoria, insomma fine degli appuntamenti fissi con il

pelo.

Si parla di epilazione definitiva quando si è certi che non si dovrà

mai più togliere un solo pelo, mentre permanente se per tanto

tempo i peli non ricresceranno ma, a lungo termine, potrebbero

ricomparire dei peli isolati. I centri estetici in teoria, non possono

fare nulla di definitivo, il mio consiglio è di affidarsi a un centro

medico e non a un’estetista , che non può sempre garantire

quello che promette. Oltre alle apparecchiature a uso medico o

estetico a fare la differenza nella durata dei risultati è l’età, si parla

di epilazione definitiva dopo i trentacinque anni mentre nei più

giovani si parla di permanente, perchè in età fertile è facile che

ricrescano dei peli qua e là.

Epilazione Laser o luce pulsata?

I due metodi sono molto simili, entrambi sfruttano l’energia

luminosa che viene trasformata in energia termica, ovvero calore,

il trattamento viene effettuato sulla pelle pulita e depilata: si

lasciano crescere i peli per le quattro settimane che precedono la

seduta e si rasano due giorni prima.

Siamo tutti epilabili?

Si e NO, i risultati dipendono da due fattori: la tipologia di pelo e la

zona da trattare, il pelo deve essere colorato perchè sia luce pulsata

che laser riconoscono la melanina, quindi più grosso e più scuro

è il pelo meglio è. I peli bianchi e biondo chiaro non vengono letti.

Bastano poche sedute per migliorare, ma per ottenere un risultato

permanente, bisogna lavorare 18 mesi che è il ciclo di crescita

del pelo. In questi mesi i peli non si potranno strappare ma ci si

può depilare col rasoio. Questo è ciò che dice la biologia umana,

il resto è Marketing. Le controindicazioni esistono per chi soffre di

patologie legate alla luce, come la porfiria e il lupus.

Il momento migliore per iniziare un trattamento di epilazione

definitiva o permanente è l’autunno, quando l’abbronzatura non

rischia di inficiare i risultati

INFO&CONTATTI

Via Ascoli 42 - 54100 Marina di Massa (MS)

telefono: 388 3099780

studiomedicodrpucci@gmail.com

www.medicinaesteticapucci.it

14


TRATTAMENTI VISO

CARBONE ATTIVO GEL DETERGENTE • Deterge delicatamente,

rimuovendo ogni traccia di make-up, residui di smog e tossine,

rendendo la pelle più luminosa, fresca e detersa. 200 ml.

CARBONE ATTIVO MASCHERA PEEL OFF • Agisce sulle impurità

del viso, lasciando la pelle purificata e levigata. 100 ml.

CARBONE ATTIVO SAPONE 100% VEGETALE • Al Carbone

Attivo, ingrediente noto per le sue proprietà assorbenti, rigeneranti e

depurative. Crea una schiuma cremosa che deterge e mantiene la pelle

del viso e del corpo morbida e luminosa. 100 gr.

CARBONE ATTIVO

VEGETALE

Il carbone utilizzato deriva dai gusci

della noce del cocco. È in grado di

detossinare e detergere in profondità

lasciando una piacevole sensazione di

pulizia e freschezza. Naturale, efficace e

sostenibile.

T E S TAT O

DERMATOLOGICAMENTE

LA DETERSIONE

CARBONE ATTIVO DOCCIASCHIUMA

È un morbido gel ad azione detossinante,

ideale per la detersione della pelle. Il

Carbone Attivo, rimuove naturalmente le

impurità e le tossine. 250 ml.

CARBONE ATTIVO SHAMPOO • Deterge

con dolcezza i capelli ed il cuoio capelluto

appesantiti da inquinamento, eccesso di

sebo e impurità. 250 ml.

ALOE

Dalle proprietà lenitive ed idratanti.

IGIENE ORALE

CARBONE ATTIVO GEL DENTIFRICIO

È un gel delicato dal gusto fresco,

privo di saccarina. Grazie all’azione del

Carbone Attivo, agisce efficacemente su

placca e tartaro, rimuovendo le impurità

e fornendo uno sbiancamento naturale.

75 ml.

LA LINEA COMPLETA PER DETOSSINARE LA PELLE

SENZA

PARABENI • SLES E SLS

15


MONDO

DONNA

di LARA VENÈ

Single & Felice.

Fino a qualche anno fa erano “zitelle” o “signorine”. E lo sappiamo tutti:

questi appellattivi tradivano un giudizio e insieme un sentimento quando di

compassione quando di ironia o di scandalo. Perchè se non si era spostate ad una certa

età, è perchè si era un pò sfigate, o si era state sfortunate o magari troppo libertine.

Con l’evolversi dei costumi la donna non maritata è diventata “single” e

oggi si scopre che è pure felice. Molto felice. Sicuramente più appagata

degli uomini nelle stesse condizioni. Il dato arriva da un’indagine condotta

in Inghilterra dalla Mintel, società di ricerche di mercato di Londra, secondo

cui il 75 per cento delle donne sole, contro il 70 per cento degli uomini,

ha raccontato di non essersi impegnata nell’ultimo anno per trovare un

partner. Il 61 per cento delle intervistate ha anche aggiunto di essere felice

della propria condizione sentimentale, contro il 49 per cento degli uomini.

faticoso rispetto a un uomo perché comporta un aumento del lavoro in

casa e “implica un intenso supporto emotivo per il partner.” Per un uomo

invece avere una relazione vuol dire lavorare di meno.

Tra le ragioni del benessere delle single poi ci sarebbero la soddisfazione

dovuta al lavoro e alle possibilità di affermarsi maggiormente nel panorama

lavorativo.

Ecco perchè non si affrettano a trovare un lui per viverci stabilmente e

vivono bene così

Ad essere felici sono soprattutto le donne vicine alla mezza età: secondo

l’indagine infatti il 32% delle donne

single tra i 45 e i 65 anni dimostra

di essere molto più felice rispetto alle

loro coetanee con famiglia o che vivono

in coppia. Gli esperti spiegano che per

una donna essere in una relazione è più

16


NUOVI PROGRAMMI COSMETICI PER OGNI ESIGENZA DI BELLEZZA

Prova le nuove formule CERA DI CUPRA e scopri la tua nuova beauty routine!

Formulazioni innovative e mirate, con risposte specifiche alle esigenze di ogni età:

la linea RICETTA DI BELLEZZA, trattamento nutriente e protettivo a base di Cera Vergine d’Api ed Estratto di Miele,

e la linea ANTI-AGE, il nuovo trattamento antirughe per una bellezza senza tempo.

CREMA ROSA E BIANCA Ricetta Originale:

nella versione Rosa per pelli secche e Bianca

per pelli normali, dona nutrimento e protezione

dagli agenti esterni.

CREMA ROSA E BIANCA PLUS: due nuove

formule arricchite con Acido Ialuronico ed

Estratto di Miele. Rosa Plus adatta alle pelli più

secche e Bianca Plus ad azione nutriente con

una texture leggera per pelli normali.

LATTE DETERGENTE E TONICO:

con Estratto di Miele e Vitamine per soddisfare le

esigenze quotidiane di pulizia della pelle.

CREMA MANI: formula nutriente e protettiva a rapido

assorbimento con Cera Vergine d’Api e Glicerina.

CREMA ANTIRUGHE Multiazione: trattamento

Anti-age Multifunzione ad azione idratante tonificante.

17


ACCADDE

DOMANI

di ANTONIO PROVENZANO

Gli appuntamenti

imperdibili di SETTEMBRE

La grande festa del vino

7/8

SETTEMBRE

Quest’anno La Grande Festa del Vino, giunta ormai alla 12.ma edizione, offre una

prestigiosa vetrina a produttori emergenti e affermati che hanno così l’opportunità

di far assaggiare i loro prodotti in questo bellissimo spazio. Ci saranno tantissime

novità. Oltre ad essere la più grande di sempre, l’edizione 2019 sarà anche la più

coinvolgente prodotta fino ad ora. Questa edizione include proprie tutte le regioni

italiane, vini della regione dello champagne e dell’Alsazia in Francia, vini del Burgenland

in Austria, vini della Mosella in Germania, vini del Collio Sloveno, i rinomati

vini Tokaj dell’Ungheria, i cava spagnoli, vini del Portogallo tra i quali i rinomati e

prestigiosi Porto, vini da oltre Europa tra cui: Sudafrica, Messico, Brasile, Uruguay,

Perù, Usa, Argentina, Australia, Nuova Zelanda, Cile, Israele e Georgia. 7 e 8 settembre

a SANTA MARIA DI SAL, VENEZIA.

Ferrara Balloons Festival 2019

Ferrara Balloons Festival nato nel 2004, ha conosciuto una continua a progressiva

crescita che l’ha portato ad essere considerato il più importante Festival delle Mongolfiere

in Italia e uno dei più prestigiosi d’Europa. Il Festival, giunto alla sua decima

edizione, colora il Parco Urbano “Giorgio Bassani” di Ferrara, polmone verde

della città, proponendo agli oltre 120.000 visitatori un evento unico nel suo genere:

mongolfiere in volo libero, vincolato e dalle forme speciali, spettacoli, shopping,

specialità eno-gastronomiche, eventi sportivi, artistici e musicali.

Gli spettatori potranno assistere al gonfiaggio delle mongolfiere, un rito di grande

suggestione, e provare l’emozione di salire a bordo dei palloni la mattina presto

e verso sera, i due migliori momenti per alzarsi in volo in tutta sicurezza. 6 – 15

settembre.

6/15

SETTEMBRE

Sagra Nazionale del Gorgonzola

21/22

SETTEMBRE

La “Sagra Nazionale del Gorgonzola”, che quest’anno festeggia la 21° edizione, è

un’occasione per conoscere da vicino questo importantissimo prodotto e riscoprire

il suo luogo di origine. Il gorgonzola è uno dei formaggi DOP più conosciuti ed apprezzati

in Italia e all’estero così la Regione Lombardia, in linea con quanto stabilito

dal PSR, tutela ed esalta questa produzione tipica. La città di Gorgonzola ha dato il

nome a questo formaggio ed ogni settembre celebra le proprie tradizioni grazie alla

Sagra, cogliendo ancora una volta l’occasione per far conoscere ciò che questa terra

ha da offrire in tutte le sue svariate espressioni. Rendendo onore a questo formaggio,

ci si può avventurare in un viaggio non solo puramente gastronomico, ma anche di

valorizzazione culturale, di elogio ai mestieri tradizionali, oltre che di educazione

nutrizionale e civica; da quest’anno sarà una manifestazione “plastic free”. 21 e 22

settembre.

18


19


NEWS

ITALIA

di ANTONIO PROVENZANO

PILLOLE

Guida ubriaco 7 volte oltre il limite:

“Sto andando al lavoro, ma non ricordo dove”

I poliziotti lo hanno notato mentre, a bordo di una Peugeot 206, zigzagava per strada: fermato

da una moto della Polizia locale al controllo dell’etilometro è risultato con un tasso di alcol

nel sangue di ben sette volte superiore al limite consentito. L’uomo, un bergamasco 40enne di

Serina, ha detto agli agenti che lo hanno fermato fra Lavenone e Idro, di essere partito 5 ore prima

per andare a fare dei lavori di giardinaggio. Peccato che non ricordava più dov’era diretto: facile

a credersi, dato che aveva un tasso alcolemico di 3,31 mg/l. Agli agenti non ha però mentito:

nel baule sono stati trovati tosasiepi, motoseghe e decespugliatori. Al suo fianco sedeva un suo

coetaneo, anch’esso ubriaco fradicio. L’auto è stata sequestrata, la patente ritirata: i due hanno

dovuto attendere in paese che qualcuno venisse a prenderli.

Va in bagno al bar e non esce

più, arrivano ambulanza e

carabinieri ma lui stava solo

dormendo

Quando lo hanno visto entrare in bagno senza più uscirne,

i gestori di un bar di Gemona del Friuli si sono preoccupati

e hanno chiamato il 118, per poi scoprire che l’uomo

semplicemente si era appisolato dentro uno dei servizi.

L’esercente aveva chiesto l’intervento dei carabinieri, dopo

aver notato la prolungata assenza del cliente. Sul posto

erano arrivati oltre ai militari dell’Arma anche i vigili del

fuoco per forzare la serratura e il personale sanitario del

pronto intervento, nell’eventualità che l’uomo potesse aver

bisogno di cure mediche. Una volta aperta la porta, la

sorpresa: nessun malore, nessun problema, il cliente stava

semplicemente facendo un sonnellino. L’uomo è stato

successivamente identificato dai carabinieri.

Bordighera, orchestra interrompe lo spettacolo e

se ne va: “Scusate, ma non siamo stati pagati”

Presa di posizione clamorosa quella avvenuta ai Giardini Loewe di Bordighera dove l’orchestra

ha interrotto la propria esibizione lasciando il palco su cui andava in scena una rappresentazione

de “La Traviata”. “Scusate ma l’accordo non è stato rispettato e non siamo stati pagati. Lo

spettacolo finisce qui”. Così l’annuncio del direttore d’orchestra ai circa 200 ospiti attoniti.

Secondo quanto si apprende, infatti, il contratto stipulato tra promoter e musicisti prevedeva la

paga di questi a metà concerto. La vicenda ha scatenato anche una bufera politica. L’assessore

allo Spettacolo, Melina Rodà ha fatto il possibile, recandosi a ritirare i soldi delle prevendite,

ma la somma raccolta si è rivelata insufficiente a onorare il debito con i musicisti. Alla fine, non

potendo far altro, l’assessore ha atteso gli spettatori all’uscita e li ha rimborsati con gli introiti

dello spettacolo, scusandosi per quanto accaduto.

Orrori segnaletici:

così lo “Stop” diventa “Stpo”

Un errore clamoroso su una segnaletica stradale più una

foto condivisa su Facebook: sono gli ingredienti perfetti

per un post virale tutto italiano. Arriva da Boscoreale, in

provincia di Napoli, una delle foto più condivise negli

ultimi giorni. Postata sui social dall’ex sindaco Gennaro

Langella, la foto mostra la classica scritta sull’asfalto

(segnaletica orizzontale) messa in corrispondenza della

segnaletica verticale (il cartello), ma c’è qualcosa che

non va: la parola “stop” è diventata “stpo”. Ma quella che

sembrava una semplice svista si è trasformata in un vero

e proprio caso. Come riporta anche il Corriere della Sera,

il primo ad intervenire in merito è stato l’attuale sindaco

di Boscoreale Antonio Diplomatico, che ha precisato: ‘’La

realizzazione della segnaletica orizzontale in via Vecchia

Aquini non è stata disposta dal Comune’’, annunciando

l’avvio di indagini per individuare e denunciare gli

esecutori. Ma gli errori che hanno commesso erano ben

due. Oltre alla realizzazione errata della scritta, avrebbero

anche sbagliato strada.

20


21


NEWS

MONDO

di ANTONIO PROVENZANO

PILLOLE

Mette una statua di Buddha in strada:

il crimine scende dell’82%

Un uomo (non credente) di Oakland, in Ohio, è riuscito a ridurre quasi a zero il crimine di

quartiere, con nient’altro che una statua di Buddha acquistata da un negozio di ferramenta

locale. Il quartiere tra la 11th Avenue e East 19th Street era in passato una parte “difficile”

di Oakland, e c’erano continui reati di ogni tipo: dal vandalismo allo spaccio di droga, alle

rapine, alla prostituzione, alle aggressioni. Tutto questo fino a quando uno dei residenti,

Dan Stevenson, ha acquistato una statua di pietra di Buddha alta 60 cm, e l’ha messa

all’angolo della strada di fronte alla sua casa. La scelta di mettere la statua di Buddha

non è legata alle preferenze religiose di Stevenson, ma al fatto che a suo parere Buddha

è più “neutrale”. La sua idea infatti, era che la statua avrebbe magari un po’ scoraggiato

la gente che scaricava continuamente materassi, divani e altri cianfrusaglie nell’area, e

magari “fatto riflettere” i tipi loschi che si aggiravano nella zona. La cosa ha funzionato

oltre ogni più rosea aspettativa: Stevenson sperava che la presenza della statua portasse

un senso di serenità, o, per lo meno, facesse riflettere la gente due volte prima di buttare

l’immondizia. Quello che certamente non si aspettava era che la statua creasse un effetto a

catena che avrebbe portato alla completa trasformazione del suo quartiere.

Lite tra passeggeri in aereo:

lei lo prende a colpi di laptop

in testa

Una lite furiosa quella scoppiata tra una coppia di passeggeri

a bordo di una aereo della American Airlines in partenza

da Miami e diretto a Los Angeles. Tutto è iniziato quando

la donna ha “pizzicato” il proprio partner guardare un’altra

passeggera. La discussione degenera quasi subito in un

diverbio che attira l’attenzione degli altri passeggeri che

riprendono la scena con i telefonini. Una assistente di volo ha

provato ad intervenire cercando di spiegare alla donna come

con il suo comportamento stesse non solo infastidendo gli

altri passeggeri, ma anche terrorizzando i bambini presenti

sul volo. La passeggera ha quindi lanciato il proprio laptop

contro l’uomo colpendolo al volto. Anche l’assistente di

volo è finita in mezzo al battibecco rimanendo lievemente

contusa. La coppia è stata quindi accompagnata all’uscita

dove sono stati presi in consegna dalle forze dell’ordine. Lo

“spettacolo” ha causato altre sì un ritardo di due ore al volo,

mentre il video pubblicato sui social è diventato subito virale

finendo sugli schermi di milioni di persone in tutto il mondo.

22

In fuga vestito da T-rex: l’inseguimento è tutto da ridere

A tutte le volanti, stiamo inseguendo un uomo vestito da T-rex’’: saranno state più o meno

queste le parole pronunciate da due agenti di polizia di Plymouth, in Inghilterra, che durante il

turno di notte si sono trovati a dover correre dietro ad un dinosauro. Inutile dirlo, i due agenti

non sono riusciti a trattenere le lacrime, dando vita ad un inseguimento a dir poco esilarante.

Come mostrano le immagini di ITV, l’uomo vestito da T-rex si dà alla fuga dopo aver visto la

macchina della polizia, correndo poi nell’area storica della cittadina inglese. In fuga vestito da

T-rex: l’inseguimento è tutto da ridere L’inseguimento si è concluso poi tra le risate, con la polizia

che ha condiviso tutto su Twitter scrivendo: ‘’Possiamo confermare che non si è estinto e corre

molto velocemente’’.

L’uomo volante prova ad

attraversare la Manica,

ma finisce in mare

Finisce (almeno per ora) il sogno dell’uomo volante. Franky

Zapata era determinato ad attraversare la Manica a bordo

della Flyboard, la tavola a turboreazione da lui stesso

inventata, spinta da cinque reattori alimentati da cherosene

e controllata dai movimenti del corpo. Un’avventura che,

però, è finita prima del previsto. Infatti il 40enne francese

è caduto in mare circa a metà percorso, quando avrebbe

dovuto fare un rifornimento di carburante prima di ripartire.

Zapata, che è partito senza problemi, è riuscito a volare

per circa 18 chilometri e superare le acque francesi ma

è poi caduto in quelle inglesi, proprio accanto alla barca

dove doveva cambiare lo zainetto con il cherosene. È stato

soccorso immediatamente dai sommozzatori e stava bene,

ma non è riuscito a ripartire perché il Flyboard era ormai

fuori uso. A quanto sembra da una prima ricostruzione,

Zapata avrebbe dovuto fermarsi sulla barca-appoggio e

cambiare lo zainetto che fa da serbatoio per i jet del suo

attrezzo. Il moto ondoso avrebbe fatto muovere la barca

causando la caduta in mare e la fine del tentativo. L’uomo

volante, tuttavia, non demorde. Il tentativo verrà ripetuto in

futuro.


23


SALUTE &

BENESSERE

di VIRGINIA RICCI

I semi della bellezza

I semi offrono molte possibilità terapeutiche grazie alle loro qualità: qualche esempio? I semi di

zucca, in Cina, insieme alla polpa dell’ortaggio sono usati per il loro potere ipoglicemizzante,

tenendo sotto controllo gli zuccheri nel sangue. Il cumino nero annovera vitamine, ben 9

amminoacidi essenziali e sostanze antiossidanti attive contro i radicali liberi: depurativi,

antinfiammatori e analgesici, il consiglio è quello di aggiungerlo alla cottura dei legumi per

renderli più digeribili.

Un olio per la vita

Non solo oliva: gli oli vegetali (di provenienza

biologica) sono ricavati dalla spremitura a freddo dei

semi delle piante da cui derivano. Se l’olio di germe di

grano è ricco di vitamina E (che contribuisce a ritardare

l’invecchiamento e a migliorare pelle e capelli) le

proprietà dell’olio di borragine permettono combattere

artrite reumatoide, infiammazioni e dermatite atopica.

Dai semi di sesamo, un valido aiuto per contrastare

colesterolo alto e rafforzare il sistema nervoso; dal lino,

un alleato contro i sintomi della menopausa.

Dal Giappone, il benessere del viso

L’arte del massaggio può contrastare l’invecchiamento? Sì, lo dimostra il Kobido che arriva da

Oriente: rituale di bellezza che distende i tratti e dona tono alla pelle cancellando le piccole

rughe. Tutto sta nell’ossigenazione: unendo massaggio energico e delicato, la circolazione viene

riattivata lasciando pervenire una maggior quantità di ossigeno, stimolando poi la produzione

di elastina e collagene, sostanze fondamentali per la turgidità dei tessuti. Il risultato è un aspetto

più disteso, luminoso… e tanto relax.

Una bocca al top

L’oil pulling è un’antica terapia Ayurvedica usata per

la salute orale e per l’effetto disintossicante globale.

Potrebbe farvi sorridere, ma sappiate che nella medicina

indiana, questa tecnica che consiste nel fare sciacqui orali

con un cucchiaio di olio vegetale (il più a lungo possibile

a stomaco vuoto, preferibilmente appena alzati) stimola

l’eliminazione di tossine, batteri e placca. Rafforza i denti,

le gengive e le mascelle e previene carie, alitosi, gengive

sanguinanti e labbra screpolate: come farlo? Al top l’olio

di cocco, un vero toccasana.

L’acqua gasata e il ph

L’acqua gasata, che ci aiuta nella digestione e sembra dissetarci più dell’acqua

naturale, ha però un lato negativo: il ph. In una scala che va da 0 (massima acidità)

a 14 (massima basicità) quello neutro corrisponde a 7. Il ph delle acque naturali è

generalmente compreso tra 6.5 e 8, ma l’acqua gasata viene addizionata con anidride

carbonica, un gas che si scioglie nell’acqua rendendo il ph acido. Attenzione, quindi:

sappiamo ormai che l’acidosi dell’organismo è una delle peggiori minacce per la

nostra salute.

24


ALOE VERA

HYDRA BOMB

#LIBERATIDELPHON

Con Aloe Vera per capelli IDRATATI e MORBIDI

anche senza l’utilizzo del phon

25


L’ALTA QUALITÀ

IN CUCINA

PELLICOLA TRASPARENTE E PER MICROONDE

Pellicola 300 mt

Pellicola 24+6 mt

Pellicola 12 mt

Pellicola microonde 25 mt

ALLUMINIO E CARTA FORNO

Alluminio 150 mt

Alluminio 16 mt

Alluminio 8 mt

Cartaforno 6 mt

CONTENITORI CON COPERCHIO

8 porzioni

6 porzioni

4 porzioni

Plum Cake

3 porzioni

2 porzioni

CONTENITORI E VASSOI SENZA COPERCHIO

12 porzioni

8 porzioni

6 porzioni

4 porzioni

Plum Cake

2 porzioni

Vassoio

Ø 32 cm

Ø 28 cm

Ø 28 cm

Creme Caramel

SACCHETTI FREEZER

26

18x28 cm

23x35 cm

28x42 cm

38x48 cm


CORREVA

L’ANNO

di MARTA ZANNONER

Il 29 settembre del 1964

nasceva il fumetto di Mafalda

Una bambina di sei anni dalla chioma ribelle, presa da grandi interrogativi esistenziali. Creata da Joaquìn Lavado, noto come Quino, Mafalda

appare sulla rivista “Primera Plana”. La sua ansia di cambiare il mondo la farà diventare in poco tempo un’icona per le giovani generazioni,

conquistando fan illustri come John Lennon e lo scrittore Gabriel Garcia Marquez.

27


REPORTAGE

IPERCONNESSIONE

Basta fare un viaggio in treno, guardarsi intorno in una stanza d’attesa

o alla fermata di un bus per capire che qualcosa non va: siamo tutti con

lo sguardo fisso sullo schermo del nostro smartphone.

Del resto, in quella piccola scatolina piatta c’è tutto un mondo:

dalle mail ai social alle app di messsaggistica e di intrattenimento, alla

musica e a molto altro ancora.

Il problema sorge quando quel mondo diventa l’unico.

Allora, diventano guai. Per tutti: adulti, adolescenti e bambini.

di ANNA GRECO

Foto ©Shutterstock

28


“In una fase di rapida trasformazione dei contesti giovanili, degli stili

di vita e delle scene dei consumi – spiega il Dott. Guido Intaschi

Responsabile U.F.S. Servizio Dipendenze Azienda Usl Toscana Nord

Ovest - Ambito territoriale Viareggio - sembrano dilagare quelle che

Spinoza chiamava le “passioni tristi”: senso pervasivo di impotenza

e d’incertezza rispetto al futuro, mondo vissuto come minaccia che

porta l’uomo moderno ad accartocciarsi su sé stesso. Emerge una

forte contraddizione fra richiesta di prevenzione dei comportamenti

d’abuso e cultura dominante orientata verso il rischio, l’azzardo,

l’additivo come scorciatoia per il piacere, il consumismo che,

rendendoci analfabeti delle nostre emozioni non permettendo alla

nostra soggettività emotiva di esprimersi, favorisce di fatto le varie

dipendenze o meglio “addiction”(:diventare schiavi) come dicono gli

anglosassoni.Circa la metà della popolazione mondiale del mondo

sviluppato manifesta “addiction” nei confronti di “qualcosa” e per la

maggior parte delle persone quel “qualcosa” è un comportamento! Le

attuali condizioni di vita nelle società occidentali - continua Intaschi

-sembrano rendere infatti indispensabile l’uso di sostanze psicoattive

e di nuove tecnologie , senza le quali non pare più possibile far fronte

all’intensificazione dei ritmi di vita (sia nel lavoro che nel tempo libero)

e alla conseguente ansia sociale. I fenomeni in continua evoluzione ed

espansione del consumo problematico dell’alcol e degli stupefacenti

(cannabinoidi, cocaina, eroina...) e delle dipendenze comportamentali

(come il disturbo da gioco d’azzardo patologico e le dipendenze dalla

Rete ) rappresentano una delle maggiori cause di problematiche sociosanitarie

nella nostra società, sia in riferimento alla persona che alla

famiglia ed alla comunità”.

Un fenomeno che riguarda tutti,

ma gli adolesenti sono più a rischio.

Siamo di fronte ad una generazione di bambini e giovani cresciuta “nella

rete”. “Sono molti gli autori che parlano di vera e propria “mutazione

antropologica” – spiega il dott. Intaschi- e si interrogano sui criteri

per distinguere, non solo nei giovani, ma in tutta la popolazione, un

uso adattivo dei social e dei videogiochi da un sintomo di malessere

o dipendenza. Piuttosto che concentrarsi sulla dipendenza da Internet,

è utile studiare il cambiamento, le opportunità e le minacce che

comporta”. “Come spiega Tonino Cantelmi dell’Università di Roma

– riferisce Intaschi siamo alle soglie di una mutazione antropologica

e i fenomeni che chiamiamo patologici vanno compresi all’interno

di questo cambiamento. Internet, allora, non ci rende malati. Ma

solo diversi. Gli adulti si muovono in contesti poco interattivi e

ripropongono dipendenze già note, dal sesso o dal gioco d’azzardo,

solo ampliate dalla Rete. Nei ragazzi la situazione è diversa. Hanno tra

29


REPORTAGE

IPERCONNESSIONE

la semplice regola 3-6-9-12 di Tisseron”. Sempre al Congresso

Nazionale della Societa’ Italiana di Pediatria di Bologna i pediatri

hanno diffuso una serie di raccomandazioni:

gli 11 e i 23 anni, intelligenti, timidi. «Vivono relazioni prive di corpo

— spiega Federico Tonioni del Policlinico Gemelli di Roma—. Nelle

chat o nei giochi online non puoi né colpire né baciare per davvero.

Lo schermo è uno scudo protettivo». I genitori, «immigrati digitali»,

non capiscono i figli «nativi digitali », e pensano di dover curare una

dipendenza mentre spesso si tratta di altro.

Attenzione all’isolamento sociale.

Nel Congresso Nazionale della Società Italiana di Pediatria tenutosi

a maggio nella città di Bologna si è parlato di quando l’isolamento

di preadolescenti ed adolescenti nella fascia d’età tra gli 11 e i 17

anni diventa patologico (fenomeno da molti anni studiato in Giappone

e chiamato “Hikikomori”), che in Italia coinvolgerebbe circa 120

mila adolescenti che trascorrono su internet oltre 12 ore al giorno,

mostrando sintomi importanti di patologie psichiatriche. In generale,

le ragazze sono le più esposte all’utilizzo eccessivo dei media device,

per loro il rischio è 3 volte maggiore rispetto ai ragazzi perché

trascorrono più tempo soprattutto alla ricerca di maggiori relazioni

sociali. Secondo la Società Italiana di Pediatria ci sono alcuni

campanelli d’allarme da non sottovalutare, come disturbi visivi o

problemi agli occhi, modifiche nei ritmi del sonno, la connessione

online che sostituisce i rapporti dal vivo, la mancanza di interessi nelle

attività della vita quotidiana e incapacità di parlare di cose diverse da

quelle che si vedono in internet o i sintomi da astinenza quando il

dispositivo è inaccessibile.

• Parla con tuo figlio – è importante favorire una comunicazione

aperta tra genitore e adolescente, spiegando ai ragazzi cosa vuol dire

un utilizzo positivo e intelligente dei media device;

• Comprendi, impara e controlla – il genitore dovrebbe

monitorare il tempo che il proprio figlio spende su tablet, smartphone

e pc, imparando per primo le tecnologie a disposizione per poterle

comprendere per quanto è possibile, giocando insieme a lui e

condividendo per quanto possibile le attività sui media device;

• Stabilisci limiti e regole chiare – occorre limitare il tempo

di utilizzo di smartphone, tablet e pc durante il giorno o nei fine

settimana, stabilendo orari precisi di divieto per esempio durante i

pasti, i compiti e le riunioni familiari;

• Dai il buon esempio – come genitore l’esempio è fondamentale,

per questo mamme e papà dovrebbero limitare per primi l’utilizzo di

smartphone quando si è in famiglia e durante i pasti;

• Fai rete – è indispensabile la collaborazione tra genitori, pediatri e

operatori sanitari per tutelare e sostenere i ragazzi attraverso campagne

di informazione che forniscano una maggiore consapevolezza degli

aspetti positivi ma anche dei rischi che presenta l’uso eccessivo dei

media device.

30

Prevenire è meglio che curare.

I genitori svolgono un ruolo cruciale nella prevenzione di questo tipo

di dipendenze, fornendo sostegno e educazione affettiva. “Una buona

relazione genitore-adolescente contribuisce a prevenire il rischio di

dipendenza – spiega Intaschi - diminuendo il livello di ansia sociale

spesso diffuso tra i ragazzi e suggerisco di mettere dei limiti ai propri

figli nell’utilizzo delle nuove tecnologie (come mi risulta abbiano

fatto anche i padri della rivoluzione digitale) seguendo ad esempio


31


REPORTAGE

IPERCONNESSIONE

DAL SONNO AGLI INCIDENTI STRADALI

I RISCHI DEGLI IPERCONNESSI

L’iperconnessione espone ognuno di noi ad una serie di rischi da

non sottovalutare. A partire dal l’alterazione del ritmo circadiano del

A qualsiasi età,

sonno, che risente negativamente dell’utilizzo degli smartphone prima

di dormire perché causa eccitazione e difficoltà ad addormentarsi.

Studi recenti riportano che l’uso dei media device prima di dormire

riduce la durata totale del sonno di ben 6 ore e mezzo durante la

settimana scolastica/lavorativa. Un utilizzo di 5 o più ore dei media

device aumenta il rischio di dormire meno rispetto a chi li utilizza solo

un’ora al giorno. Recenti ricerche confermano inoltre, che il sonno

è fondamentale per il funzionamento mentale e fisico del nostro

organismo e che quando è insufficiente o non adeguato è correlato

scegliamo insieme i programmi,

limitiamo il tempo del consumo,

invitiamo i bambini a parlare

di quel che vedono o fanno,

camminavano o attraversavano la strada.

incoraggiamo le loro produzioni.

3 - 6 - 9 - 12

all’insorgenza di malattie cardiovascolari, disfunzioni metaboliche e

diabete. Poi ci sono i danni psichici, emotivi e sociali causati dall’uso

eccessivo delle nuove tecnologie.

A cui gli adolescenti, non avendo ancora una piena maturazione

cerebrale (raggiunta solo intorno ai 23-25 anni), sono più

vulnerabili. L’iperattività legata all’utilizzo dei device è connessa a

una maggiore distrazione cognitiva. Come emerge dai recenti dati

dei CDC americani (Centers for Disease Control and Prevention),

gli Stati Uniti hanno registrato nel 2018 un aumento del 5% degli

incidenti mortali che coinvolgono gli adolescenti: tra le cause, un

utilizzo improprio dello smartphone da parte dei ragazzi impegnati

ad ascoltare musica, giocare o rispondere ai messaggi mentre

schermi a misura delle singole età

Prima dei

3 anni

Giocare con il

proprio figlio è

il modo migliore

per favorire il

suo sviluppo.

Preferisco le

storie lette

insieme a TV e

DVD.

La TV accesa

nuoce agli

apprendimenti

dei vostri

bambini anche

se non la

guardano.

Mai la televisione

nella cameretta.

Vieto l’uso dei

media digitali

durante i pasti

e prima della

nanna. Non li

uso mai per

calmare mio

figlio.

Da 3 a

6 anni

Fisso delle regole

chiare sui tempi

del consumo.

Rispetto le età

indicate per la

fruizione dei

programmi.

Il tablet, la Tv e il

computer stanno

in sala e non in

camera.

Vieto l’uso dei

media digitali

durante i pasti

e prima della

nanna.

Non li uso mai

per calmare mio

figlio.

Giocare in tanti

è meglio che da

soli.

Da 6 a

9 anni

Fisso delle regole

chiare sui tempi

del consumo e

parlo con lui/lei

di quel che vede

e fa.

Il tablet, la Tv e il

computer stanno

in sala e non in

camera.

Amministro io

la console dei

videogiochi.

Parlo di diritto

all’intimità e

all’immagine e

dei 3 principi di

internet:

1) Tutto quel

che ci si mette

può diventare

di pubblico

dominio.

2) Tutto quel

che ci si mette

ci resterà per

sempre.

3) Non bisogna

credere a tutto

quel che ci si

trova.

Da 9 a

12 anni

Decido insieme a

mio figlio a quale

età avrà il suo

primo cellulare.

Può entrare in

internet, decido

io se solo o

accompagnato.

Decido insieme a

lui quanto tempo

possa dedicare

ai diversi tipi di

schermo.

Parlo con lui

di quel che vede

e fa.

Gli ricordo i

tre principi di

internet.

Dopo

i 12 anni

Mio figlio naviga

da solo in rete

ma fisso io

insieme a lui

gli orari da

rispettare.

Parliamo del

download e

dell’upload dei

file, del plagio,

della pornografia

e degli insulti

che si possono

scambiare nel

Web.

La notte

spegniamo

il Wi-fi e i

cellulari.

Non accetto

di diventare

suo “amico” in

Facebook.

32

Diffondiamo questo manifesto. Non cambieremo il nostro modo di relazionarci agli schermi se non insieme.


33


REPORTAGE

ADOLESCENTI

ANALFABETI

FUNZIONALI

Non riescono a decodificare un testo e hanno problemi

con i calcoli matematici, anche elementari.

La percentuale di adolescenti che ha problemi con l’italiano

è molto alta di più con la matematica è addirittura altissima.

“nuovi” analfabeti.

Sono quelli che vanno a

scuola o ci sono andati,

hanno ricevuto

un’istruzione e quindi

capaci di leggere e scrivere,

ma hanno difficoltà

a elaborare e utilizzare

le informazioni...”

DI LARA VENÈ

Foto ©Shutterstock

34


E’ questa la fotografia che ci consegna l’ultimo”Rapporto di

informazioni statistiche per l’Agenda 2030” elaborato dall’Istat e

pubblicato nel Maggio 2019. Secondo i dati dell’istituto nazionale

di statistica, il 34,4% dei ragazzi dell’ultimo anno delle scuole medie

non ha competenze sufficienti nella lingua italiana. Ancora peggio in

matematica dove la percentuale arriva al 40%.

Campania, Calabria e Sicilia le regioni con i risultati peggiori in cui

più del 50% di studenti risultano insufficienti in materie scientifiche

e letterarie.

Maglia nera per le scuole professionali dove uno studente su tre

non raggiunge la sufficienza. Precisamente raggiunge il 69,4% la

perecntuale di studenti insufficienti nelle materie italiane e sale al

77,2% quella di insufficienze in matematica. Va molto meglio nei

Licei: qui uno studente su cinque non ha competenze letterarie

sufficienti, mentre la matematica rimane sempre la bestia nera, con

un 29,2% di insufficienze. Negli istituti tecnici, invece, il livello di

preparazione si attesta sulla media di un’insufficienza su tre.

I numeri sono particolarmente ostici per le studentesse: a livello

nazionale l’insufficienza matematica tra le ragazze si attesta sul 41%,

mentre è del 38% quella maschile. Nelle materie letterarie il quadro

si ribalta e nlle materie letterarie le alunne hanno profitti migliori dei

ragazzi, con un 30% di insufficienze a fronte di un 38%.

Il report non è una novità e conferma, purtroppo, altri studi impietosi

che evidenziano tutte le difficoltà tra gli alunni nella lettura o nella

comprensione di un semplice brano.

Non hanno competenza alfabetica, riescono cioè a decodificare solo

brani semplici e con informazioni esplicite.

Appena il testo richiede di riconoscere e ricostruire autonomamente

significati complessi, anche impliciti, entrano in crisi e non riescono

a farlo. Di fatto i nostri ragazzi hanno le competenze solo per

comprendere superficialmente e non hanno gli strumenti per entrare

in profondità, pur promuovendo magari, anche con una buona

media. La situazione non migliora se si analizzano i dati relativi ai

ragazzi del secondo anno della scuola superiore.

La quota di studenti che, nonostante le promozioni a scuola, incontra

difficoltà in italiano e matematica resta praticamente invariata.

35


REPORTAGE

ADOLESCENTI - ANALFABETI FUNZIONALI

RAGAZZI “ANALFABETI FUNZIONALI”.

C’è un’illuminante definizione del linguista Tullio De Mauro, che

ci fa inquadrare al meglio il problema. Ed è la precisazione della

differenza che corre tra analfabetismo strumentale (totale incapacità

di decifrare uno scritto) e analfabetismo funzionale (incapacità di

passare dalla decifrazione e faticosa lettura alla comprensione di un

testo anche semplice). Gli analfabeti funzionali, secondo il famoso

linguista, manifestano livelli di comprensione della scrittura e del

calcolo insufficienti per orientarsi nella vita di una società moderna.

Bene, stando alle statistcihe, non ci sono più quelli che un tempo

erano considerati “analfabeti”, cioè le persone che non sanno

neppure leggere il proprio nome.

Ma ci suono “nuovi” analfabeti. Sono quelli che vanno a scuola o ci

sono andati, hanno ricevuto un’istruzione e quindi capaci di leggere

e scrivere, ma hanno difficoltà a elaborare e utilizzare le informazioni,

come ad esempio capire un contratto di lavoro, un articolo di

giornale, un foglietto di istruzioni o un manuale d’uso.

Peggio ancora capire uno scritto ed elaborare delle conclusioni

proprie.

“Oggi, spiegano gli insegnanti, gli studenti fanno fatica a concentrarsi

nello studio perché immersi in un mondo iper connesso in cui tutte le

operazioni si svolgono a velocità sostenuta. E per gli approfondimenti

c’è sempre meno tempo.” Il problema sembra di una portata tale che

la scuola probabilmente da sola difficilmente riuscirà a fronteggiare.

Inondati da un linguaggio super veloce, “cmq”, “xchè”, quello

smisurato delle emoticon e senza l’uso della punteggiatura, hanno

poche occasioni di allenarsi nell’uso dell’italiano.

E NEL MONDO?

A livello internazionale l’ OCSE (Organizzazione per la Cooperazione

e lo Sviluppo Economico) promuove un’indagine (PISA, acronimo

di Programme for International Student Assessment) nel campo

dell’educazione, che coinvolge più di 80 paesi. Stando ai risultati

dell’ultima edizione (PISA 2018), che è ralativa al 2015 ed è stata

elaborata su ragazzi che hanno compiuto 18 anni nel 2018, l’Italia

non si discosta dalla media OCSE per quanto riguarda la percentuale

di studenti che raggiunge bassi livelli di comprensione del testo, ma

la forbice aumenta se si sale di livello.

36


37


REPORTAGE

ADOLESCENTI - ANALFABETI FUNZIONALI

Il livello “base “ è il 2, implica saper riconoscere l’idea principale

in un testo, comprendere le relazioni, o costruire il significato

all’interno di una parte limitata del testo quando l’informazione non è

evidente e il lettore deve compiere delle inferenze di livello inferiore.

Un quarto degli studenti italiani non lo raggiunge. Ma l’Italia è al

25,4% di studenti, supera la media OCSE che è al 23,2%

Il livello 5 è raggiunto dal 5,1% degli studenti italiani mentre la

media OCSE è al 7,2%.

Il livello più alto è il 6 e qui si registra il gap maggiore: solo lo

0,6% dei quindicenni italiani contro l’1,1% della media OCSE che

raggiunge il livello più elevato di preparazione. A questo livello

sta capacità di effettuare confronti e contrapposizioni in maniera

dettagliata e precisa che implicano l‘integrazione di informazioni da

più di un testo. I compiti possono richiedere al lettore di confrontarsi

con idee non familiari, in presenza di più informazioni plausibili, e di

generare categorie interpretative astratte.

LEGGERE LEGGERE E LEGGERE

Non ci sono cure immediate né soluzioni certe. Dati incrociati

ci dicono però che leggere può essere un argine importante al

problema. Da alcune ricerche risulta che spesso gli analfabeti

funzionali sono cresciuti in famiglie in cui erano presenti un numero

limitato di libri.

Un dato particolarmente accentuato nel nostro Paese dove, secondo

la fonte Inapp su dati Ocse-Piaac) il 73 percento dei low skilled è

cresciuto in famiglie in cui erano presenti meno di 25 libri.

La scuola può aiutare molto ad incentivare e promuovere la lettura,

ma in questa battaglia, visti i numeri di scarsi lettori, non può essere

certo la sola.

38


39


40

Rosario Tindaro “ Fiorello”

è un uomo dai mille talenti:

showman, imitatore, attore,

comico, cantante, conduttore

radiofonico, disc jockey,

conduttore televisivo e

talent scout italiano.


COPERTINA

FIORELLO

Nonostante sia il re degli showman, l’uomo che tutte le televisioni

vogliono, l’artista da cui tutti vogliono andare ospiti,

Fiorello, all’anagrafe Rosario Tindaro, non ha ancora fatto pace

con le sue paure.

“Siamo pronti

per questa

avventura

che mi ha

fatto dire

tante volte:

chi me lo

ha fatto fare?”

di CLOE D. BETTI

Teme il giudizio degli altri, i titoli dei giornali,

i gossip sul web, gli haters sui social, con

la differenza che tempo fa faceva finta di

non averne paura, ora invece lo dichiara

serenamente. Al punto che dopo l’annuncio

del suo ritorno in tv da parte dei vertici Rai,

ha subito postato un video sul suo profilo

Instagram, in cui ha confessato di sperare

che andasse tutto a monte. «Siamo pronti

per questa avventura che mi ha fatto dire

tante volte: chi me lo ha fatto fare? A volte

confido nel fatto che i vertici Rai possano

saltare, così il programma salta…». Ma

stavolta non salterà. In autunno Fiorello sarà

la superstar della tv di Stato, che lo aspetta a

braccia aperte, anche se stavolta non passerà

dal tradizionale varietà di prima serata, ma

si infilerà nelle pieghe del web, là dove si

annida Raiplay, la tv via Internet di Viale

Mazzini. Basterà scaricare la app, attendere

il 4 novembre e Fiorello spunterà con un

nuovo programma, ancora tutto da costruire.

41


COPERTINA

FIORELLO

Tutti i look di Fiorello

Certamente saranno diciotto show live, preceduti da cinque serate in

onda nell’access su Rai1, alle 20.30 subito dopo il Tg1. Puntate che

serviranno a lanciare il programma via web che al momento porta il

nome di “Viva Raiplay”, rievocazione del storico programma “Viva

Radiodue” che Fiorello ha condotto per otto edizioni tra il 2001 e il

2008 con Marco Baldini. «Il progetto che abbiamo condiviso con

Fiorello è unico a livello mondiale», ha sottolineato l’amministratore

delegato Rai, Fabrizio Salini, che ha lasciato allo showman tutte le

porte aperte, ma puntando a una nuova idea di tv. Non più quella

classica solo generalista di Raiuno, ma una nuova strada che strizza

l’occhio a Netflix e lascia indietro anche il satellite di Sky, in pratica

l’unica tv che Fiorello non aveva ancora tentato. Ma proprio per le sue

ansie da prestazione, lo showman siciliano ha faticato ad accettare,

spaventato soprattutto dalla politica che “corrode” dall’interno una tv

come la Rai. «Credo che il male della Rai sia la politica, ho parlato

con diversi dirigenti che mi dicevano di non poterne più di non poter

iniziare un progetto che poi si fermava - ha confessato Fiorello - Come

può funzionare se cambiano di continuo i vertici? Così un’azienda

non può crescere e ti credo che restano gli stessi programmi. Se

inizi a lavorare e non hai più gli stessi interlocutori che fai? Stavo

per tornare a fare varietà, parlavo col direttore generale Mario Orfeo

e con quello di Rai1 Angelo Teodoli. Poi è cambiato tutto. Ora si

ricomincia». E Fiorello ricomincia ancora una volta, da quella tv a

cui negli ultimi anno ha anteposto le dirette Facebook e Instagram,

là dove non esistono punti di share o possibili flop. «Voglio fare il

mio lavoro e impegnarmi per l’azienda, ci ho lavorato tanto, la sento

davvero “mamma Rai” - ha sottolineato - Corro anche il rischio di

sbagliare, a tentoni, ma di smuovere le acque. Grazie a Dio c’è ancora

attenzione su di me. Ho voglia di cercare nuovi stimoli: il varietà con

lo smoking, il papillon e la scrittona “Fiorello” alle spalle l’ho già

fatto». L’ha fatto su Raiuno, conquistando pubblico e stampa ai tempi

del suo celebre “Stasera pago io”, andato in onda per tre edizioni tra

il 2001 e il 2004. Era un’altra epoca, non esistevano i canali digitali,

le tv via streaming erano di là da venire, le App un nome sconosciuto

e Fiorello portava su Raiuno milioni di spettatori, numeri che oggi

sarebbe impossibile radunare davanti a un solo schermo. Armato

di cellulare lo showman continua a postare i video dai suoi profili

social, invitando tutti a scaricare la app di Rai play, mostrando il work

in progress per l’imminente ritorno, raccontando le sue vacanze, in

attesa di un nuovo inizio. A 59 anni, il suo sessantesimo compleanno

scatterà il prossimo 16 maggio, Fiorello è tornato un principiante.

Ma con un passato già scarico di esperienze.

42

Fiorello con la moglie Susanna

Fiorello e suo fratello Beppe


MA QUANTI PROFUMI CI SONO

NEI BAGNODOCCIA FELCE AZZURRA?

Un sorprendente mondo di profumi, tutto da scoprire.

Sono i nuovi Bagnodoccia Felce Azzurra. Nuove essenze,

nuove esperienze sensoriali: cocco e bambù, bergamotto

Ogni giorno una scoperta, ogni giorno un profumo nuovo.

43


TUTTO INTORNO

ALL’ARTE

di IRENE CASTELLI

Lo stile di Pierre Cardin

fra moda, arte e design.

Lo stile italiano in mostra a Brooklyn.

Pierre Cardin “Cardine” dress, 1968.

(Photo: Courtesy of Archives Pierre Cardin. © Archives Pierre Cardin)

Pierre Cardin, classe 1922, nato a Sant’Andrea di Barbarana, nel trevigiano

(ma cresciuto a Parigi) è lo stilista più longevo del Pianeta, ancora a

capo della sua Maison fondata nel 1950. Primo sarto della maison Dior e

pioniere della minigonna in passerella, la sua attività lo rese l’avanguardista

di cui oggi tutti conosciamo il nome: ed è per questo che Pierre Cardin:

Future Fashion, al Brooklyn Museum di New York (fino al 5 luglio 2020), si

conferma come la prima retrospettiva newyorkese in quarant’anni incentrata

su questo leggendario creativo. Tratta principalmente dall’archivio Pierre

Cardin, la mostra attraversa la carriera decennale dello stilista che fu

sempre in prima linea nelle creazioni di moda d’avanguardia. Conosciuto

oggi per i suoi look audaci e futuristi degli anni ‘60, ‘70 e ‘80, Cardin

estese il suo modernissimo concetto di design dalla moda all’arredamento,

fino al design industriale… e anche oltre. La mostra presenta oltre 170

oggetti tratti dal suo atelier e dal suo archivio: da haute couture a prêt-àporter,

ma anche accessori, mobili preziosissimi, illuminazione, schizzi di

moda, fotografie ed estratti di programmi televisivi; e poi documentari ma

anche lungometraggi. Gli oggetti sono esposti in un ambiente immersivo

ispirato ai progetti, agli showroom e alle case dello stesso Cardin; la

mostra include inoltre disegni rari su tessuti preziosi degli anni ‘50, e

poi un grande raggruppamento della storica collezione “Cosmocorps”,

creata per snellire l’abbigliamento maschile eliminando dettagli eccessivi,

con tuniche e pantaloni stretti ispirati al nuovissimo stile Star Treck del

tempo. Creazioni che incorporano vinili, PVC, materie plastiche e l’iconico

tessuto sintetico Cardine, fino alle giacche dalle maxi spalline anni Ottanta

basate su Origami giapponesi. Senza dimenticare gli abiti “cinetici”, e capi

protagonisti della sua nuova estetica maschile, che comprendeva completi

alla coreana e pantaloni a sigaretta. Sue le prime presentazioni all’estero,

dal Giappone alla Cina al Vietnam: un’internazionalizzazione della moda di

cui è stato pioniere.

Oggi, a 97 anni, siamo certi che ne sarà orgoglioso.

44


Pierre Cardin “Cardine” dress, 1968.

(Photo: Courtesy of Archives Pierre Cardin. © Archives Pierre Cardin)

45


46


I NOSTRI

SCONTI

PER te!

VALIDI DALL’ 1 AL 30

SETTEMBRE

SCONTO DEL 32%

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN

ARROGANCE

ROSA

EDT 100ML VAPO

SCONTO DEL 32%

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN

ARROGANCE

GRIGIO

EDT 100ML VAPO

PREZZO FINALE

916,90

PREZZO FINALE

916,90

INVECE DI e24,90

(RISPARMI e8,00)

BUONO VALIDO DALL’1 AL 30 SETTEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di una

confezione di ARROGANCE ROSA EDT 100ML VAPO

SCONTO DEL 26%

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN

POLICE

ORIGINAL UOMO

EDT 100ML VAPO

INVECE DI e24,90

(RISPARMI e8,00)

BUONO VALIDO DALL’1 AL 30 SETTEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di una

confezione di ARROGANCE GRIGIO EDT 100ML VAPO

SCONTO DEL 30%

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN

ELIZABETH ARDEN

5TH AVENUE NIGHT

EDP125ML VAPO

PREZZO FINALE

910,90

PREZZO FINALE

920,90

INVECE DI e14,90

(RISPARMI e4,00)

BUONO VALIDO DALL’1 AL 30 SETTEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di una

confezione di POLICE ORIGINAL UOMO EDT 100ML VAPO

INVECE DI e29,90

(RISPARMI e9,00)

BUONO VALIDO DALL’1 AL 30 SETTEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di una

confezione di ELIZABETH ARDEN 5TH AVENUE NIGHT EDP125ML VAPO

47


I NOSTRI

SCONTI

PER te!

VALIDI DALL’ 1 AL 30

SETTEMBRE

SCONTO DEL 32%

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN

ARROGANCE

GRIGIO

EDT 100ML VAPO

SCONTO DEL 32%

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN

ARROGANCE

ROSA

EDT 100ML VAPO

PREZZO FINALE

916,90

E ROSA EDT 100 VAPO

PREZZO FINALE

916,90

ARROGANCE GRIGIO EDT 100 VAPO POLICE ORIGINAL ARROGANCE U.EDT 100VAPO ROSA EDT

ccolxuF

INVECE DI e24,90

(RISPARMI e8,00)

BUONO VALIDO DALL’1 AL 30 SETTEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di una

confezione di ARROGANCE GRIGIO EDT 100ML VAPO

SCONTO DEL 30%

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN

ELIZABETH ARDEN

5TH AVENUE NIGHT

EDP125ML VAPO

2aahbabGccolAlF

INVECE DI e24,90

(RISPARMI e8,00)

BUONO VALIDO DALL’1 AL 30 SETTEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di una

confezione di ARROGANCE ROSA EDT 100ML VAPO

SCONTO DEL 26%

VALIDO PER L’ACQUISTO DI UN

POLICE

ORIGINAL UOMO

EDT 100ML VAPO

2aahbabGccolDcF 2aahbabGccolxuF

48

PREZZO FINALE

920,90

IGINAL ARROGANCE U.EDT 100VAPO ROSA EDT 100 VAPO E.A.5TH AVENUE ARROGANCE NIGHT EDP125V GRIGIO EDT 100 VAPO

INVECE DI e29,90

(RISPARMI e9,00)

ccolDcF 2aahbabGccolxuF

BUONO VALIDO DALL’1 AL 30 SETTEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di una

confezione di ELIZABETH ARDEN 5TH AVENUE NIGHT EDP125ML VAPO

2aahbabGccoocuF 2aahbabGccolAlF

PREZZO FINALE

910,90

INVECE DI e14,90

(RISPARMI e4,00)

BUONO VALIDO DALL’1 AL 30 SETTEMBRE

I buoni sconto non sono cumulabili con altre promozioni

in corso su questo prodotto. Questo buono è valido per l’acquisto di una

confezione di POLICE ORIGINAL UOMO EDT 100ML VAPO

POLICE ORIGINAL U.EDT

2aahbabGccolDcF


49


70 Dischetti &

40 Maxi Dischetti

Argan

100% COTONE IDROFILO

Lato struccante

Lato tonificante

Sono realizzati con materiale d’altissima qualità.

Ideali per rimuovere il trucco e per una profonda

pulizia della pelle.

Massima resistenza e morbidezza, non lasciano

pelucchi.

Rispettosi dell’ambiente:

Biodegradabili.

Cotone sbiancato esclusivamente con ossigeno senza

l’impiego di sbiancanti ottici artificiali.

Processo di produzione con acqua ad alta pressione

senza l’aggiunta di leganti chimici e colle.

PRODOTTI DA

50


ZONA BEAUTY

di CHIARA ZACCARELLI

L’uva ti fa bella.

Il resveratrolo, un polifenolo contenuto nell’uva, è un anti age naturale ed è considerato la

molecola dell’eterna giovinezza. Particolarmente efficace per combattere fotoinvecchiamento

e stress ossidativo, dà il meglio di sé quando applicato di sera

Settembre è il mese dell’uva e le ragioni per consumare questo frutto,

tipicamente autunnale, sono molteplici. L’uva apporta infatti un vasto

ventaglio di benefici al nostro organismo: è un alimento energetico,

antianemico e rimineralizzante, rinforza il sistema immunitario e aiuta a

depurare il fegato dalle tossine. Contiene inoltri numerosi sali minerali: il

potassio, il ferro, il manganese, il fosforo e il rame e vitamine, come la C,

B1, B2 e A. La così detta “cura dell’uva”, che veniva praticata già migliaia di

anni fa da arabi, greci e antichi romani, prevede che si mangi unicamente

uva per due o tre giorni a settimana. Ma tra i vari nutrienti presenti in questo

prezioso frutto, quello che ci interessa maggiormente, da un punto di vista

prettamente estetico, è il resveratrolo. Il resveratrolo, un polifenolo che si

trova nella buccia degli acini dell’uva rossa, è un potente antiossidante.

È particolarmente efficace nel combattere gli effetti del fotoinquinamento,

aiuta a ridurre discromie e macchie solari e stimola la sintesi del collagene.

Ha fama di essere la più potente molecola conosciuta per combattere

l’invecchiamento cutaneo. Per questo è diventato ingrediente principale di

moltissimi prodotti anti age che gli affidano l’arduo compito di attenuare le

rughe, i segni di espressione e la perdita di compattezza e tono. Esistono

i commercio una grande varietà di oli, sieri, maschere, contorno occhi

e creme giorno a base di resveratrolo, anche se questo polifenolo dà il

meglio di sé in qualità di trattamento notturno.

Mentre dormiamo, infatti, la nostra pelle è in una fase di rigenerazione

e di massima capacità di assorbimento degli attivi che applichiamo

durante la routine serale. Per questo utilizzare una crema notte

a base di resveratrolo aiuta a favorire la riparazione della pelle,

riducendo gli effetti visibili della degradazione del collagene.

Ma quindi se ci beviamo due o tre bicchieri di vino otteniamo gli stessi

effetti anti age? No, mi spiace. Purtroppo il resveratrolo assunto con gli

alimenti difficilmente arriva ad avere effetti visibili sulla pelle, perché

viene assorbito principalmente dagli organi vitali. Servirebbero decine di

bottiglie di vino al giorno per avere qualche risultato.

L’applicazione a livello locale invece permette a questo attivo di penetrare

direttamente nella pelle, stimolando direttamente le difese antiossidanti

naturali della cute. Per un effetto anti age assicurato, quindi, è meglio

affidarci a un cosmetico o a un trattamento estetico a base di resveratrolo e

limitarci al classico calice di vino giornaliero.

51


SPECIALE

MODA

di IRENE CASTELLI

Splendenti da mattino a sera.

Piccoli divertissement, importantissimi per sentirsi sempre più belle, in ogni situazione. Ogni donna sa bene quanto

un solo bijoux possa essere “terapeutico” per il look quotidiano: su una T-shirt come su un maglione, sul bavero di

un blazer o persino su una camicia, veder risaltare il proprio gioiello preferito infonderà un nuovo stile all’intero look.

Collier, orecchini smaglianti, bracciali luminosi o nuovi anelli… ma non stiamo parlando solo di linee esuberanti:

basterà un “punto luce” per regalare nuove sensazioni. E se il desiderio di originalità è tanto, ecco modelli laccati, ricchi

di fiori e frutti, per iniziare la nuova stagione con bucolico charme. Le più griffate? Per loro, i marchi più chic offrono

nuovi modelli effetto logo… forse meno a prova di budget: ma il risultato, è garantito.

Bracciale multifilo in pelle con

cristalli, Emmendemm.

Collier con fiori e frutti laccati,

Les Néréides.

Bracciale in metallo con charms e

perle, Chanel.

Bracciale in tessuto con cristalli,

Swarovski.

Anello effetto corona con cristallo,

Pandora.

Orecchini d’ispirazione astrologica,

Guess Jewelry.

Outfit luminoso decorato da borchie e strass, Balmain.

Anello in metallo rosé con strass

multicolor, Brosway.

Mini creola con medagliette,

Barbara Biffoli.

52


Sportive (ma non troppo)

Un nuovo oggetto del desiderio in versione street-style:

che ne dite di uno zaino da usare in città, da sfoggiare in

momenti di grande stile? No, non stiamo parlando di un

accessorio sportivo: morbido e pratico, il nuovo modello di

Fontana Milano 1915 unisce un’eleganza british a un mood

decisamente urbano e contemporaneo.

La bisaccia, scomposta e riadattata con uno sguardo attuale,

è sottolineata da “spallacci” dal taglio inusueto, rifiniti con

cura. Vince il comfort di volumi e proporzioni pratiche,

senza dimenticare il colore: lime, turchese e corallo, abbinati

a colori naturali; alternando pelle a morbido suède.

Non solo discodance

La sentite la febbre del sabato sera? I nuovi capi

ultra shine di Luisa Spagnoli porteranno un tocco

lucente in ogni vostro look… sì, anche in ufficio.

Con camicie in tessuto iridescente perfette con

un pantalone maschile, ma anche con un jeans:

i metalli? Oro o argento, per assecondare ogni

gusto adattandosi perfettamente al colore

dell’incarnato.

Di sera, anche il look più austero diventa glam

con un blazer che fa dello splendore la sua parola

d’ordine: perfetto per un cocktail fra amici come

per una serata a teatro. Provare per credere.

Bambole metropolitane

«Io credo nel rosa» diceva già una romantica Audrey

Hepburn. Questa stagione ci crederemo ancora di più:

perché la nuova collezione #thisisHUMAN di Bimba

Y Lola porta con sé tutte le sfumature del “pink” più

assoluto… sdrammatizzato da silhouette oversize degli

anni Ottanta, per chi trovasse questa cromia ancora troppo

“baby”. Si punta sulla linea: spalle larghe e vita aderente,

impreziosita da elementi metallici e stampe fumetto in

puro stile pop. Per le amanti di stile maschile, non manca

anche un blazer effetto pesca, da illuminare con bijoux

luminosi.

53


54


ZONA FITNESS

di LARÀ VENÈ

Pattinare.

Se al ritono in città non vogliamo subito chiuderci in una palestra, ma vogliamo mantenere

o ritrovare la buona forma fisica, il pattinaggio pù essere una bella alternativa.

Ha molti benefici, primo tar tutti quello di poter godere di un’aria

salutare e fresca che, oltre a far bene al fisico, dona benessere anche

alla mente e, in un certo senso, ci fa sentire ancora un pò in vacanza.

Anche perchè,generalmente, si pattina in un parco immersi nel verde o

in una pista ciclabile lungo fiume o meglio ancora lungo mare, luoghi

che aiutano a tener lontano lo stress e migliorare l’umore. Il pattinaggio

sui rollerblades (o pattini in linea), come quello sui pattini a rotelle (roller

skating) è un’attività che tutti possono praticare, perfino chi soffre di cuore.

Il pattinaggio è uno sport del gruppo aerobico: questo significa che lo

sforzo lungo e costante migliora la circolazione con un ruolo importante

nell’attività del cuore. E l’organismo è meglio ossigenato. Pattinare

aumenta l’equilibrio. Essendo obbligati a tenere la posizione di corretta

postura del corpo per evitare di cadere, i muscoli si abituiano a lavorare in

sinergia e sviluppare meglio la coordinazione dei movimenti.

La corsa sui pattini è un toccasana per le gambe, i glutei e la cellulite. Le

gambe si tonificano e si modellano, i glutei si rassodano mentre, il dover

mantenere l’equilibrio sviluppa gli addominali e in particolare e i muscoli

lombari

Infine, un avvertenza: per praticare il pattinaggio è sempre consigliato

indossate casco, gomitiere, ginocchiere e parapolsi, tutti di plastica rigida

per evitare traumi, escoriazioni e fratture varie.

E le calorie? Il pattinaggio aiuta a bruciare addrittura 750kcal in un’ora. Il

risultato finale dipende soprattutto dall’intensità e dal ritmo di movimento.

55


RED CARPET

di ANTONIO PROVENZANO

Gli 80 anni di Peppino di Capri, l’italiano che suonò con i Beatles

(e fu la rovina)

Quindici Festival di Sanremo, due vittorie (nel 1973 e nel 1976), 54 album e 35 milioni di

dischi venduti, l’unico cantante italiano a salire sullo stesso palco dove suonavano i Beatles:

Giuseppe Faiella ha compiuto 80 anni. Detto così un fenomeno di cui nessuno ha sentito

parlare, ma al suono di Peppino di Capri — ah è lui — tutto torna. Nato il 27 luglio 1939,

ovviamente a Capri, la sua carriera è stata un’altalena: i grandi successi — Champagne

e Roberta su tutti —, le cadute, la rinascita fino a diventare il monumento di se stesso.

Originario di una famiglia di musicisti, comincia davvero presto: a quattro anni suona il

pianoforte davanti alle truppe americane di stanza sull’isola durante la guerra. Ha l’America

nelle orecchie perché i suoi inizi sono nel solco del rock d’importazione, ma il dna alla fine

viene fuori e diventa un simbolo della canzone tradizionale all’italiana. Nel giugno del 1965

Peppino di Capri suonava già con i Beatles (cioè lui scendeva dal palco quando loro salivano,

ma vuoi mettere la soddisfazione): «Guardavo i loro amplificatori giganti e pensavo che

fossero armadi — ha raccontato in un’intervista di qualche tempo fa —. Per fare una foto con

loro ho dovuto attendere l’ultimo pomeriggio della tournée. Hanno smosso il mercato, ma noi

abbiamo esagerato: dal giorno dopo tutti con le chitarre e i capelli lunghi». Arriva a incidere

versioni italiane di Yesterday e di Girl, ma strana la vita, perché proprio lì ecco la crisi: «Non

mi chiamava più nessuno. Ci facemmo prestare tre chitarre elettriche. Mi ritrovai sul palco a

cantare She loves you. Poi la sera mi guardavo allo specchio: ma che stai facendo? E sono

tornato alla mia musica»

Michelle Hunziker, la richiesta di aiuto

dopo l’errore della figlia Aurora:

“Il mio numero è su Instagram”

“Sto ricevendo 60 milioni di messaggi al secondo”. E’

una Michelle Hunziker disperata dopo che la figlia, Aurora

Ramazzotti, ha per sbaglio diffuso il suo numero di cellulare sul

web. La ragazza aveva condiviso su Instagram uno screenshot

in cui chiamava la famosa showgirl e nello scatto era visibile

il numero di telefono. Un errore che ha pagato sua madre:

tantissimi di coloro che hanno visualizzato la Instagram Story

di Aurora Ramazzotti hanno chiamato o inviato messaggi

a Michelle Hunziker tanto da costringerla a fare un appello

online: “Non ho voglia di cambiare numero e so che mi volete

bene: queste cose possono capitare, Aurora è mortificata,

ma voi fate i bravi: io vi voglio bene ma non inondatemi di

telefonate e di messaggi”. Parole condivise anche dalla figlia.

“Ho fatto un errore enorme: per favore, se volete bene a mia

madre, non tartassatela di telefonate e messaggi, lasciatela in

pace”, ha chiesto la ventiduenne su Instagram.

STAR DA PICCOLI

Ora li riconoscete, ma com’erano prima? Soluzione a pagina 96

Nato a Milano il 20 maggio 1955) è un attore, sceneggiatore, comico e conduttore televisivo

italiano. Agli inizi della sua carriera ha fatto parte del Gruppo Repellente, ideato da Enzo Jannacci

e Beppe Viola, assieme ad attori quali Massimo Boldi, Giorgio Faletti, Giorgio Porcaro, Mauro

Di Francesco ed Ernst Thole. Reso celebre dal personaggio del “terrunciello”, che ha condiviso

con Giorgio Porcaro, lo ha poi parzialmente accantonato, sapendosi ritagliare un proprio spazio

nel cinema italiano. Il primo approccio con il cinema avviene grazie a I Gatti di Vicolo Miracoli

che lo portano con loro a fare un provino. Qui viene notato dal regista Romolo Guerrieriche gli

offre una parte nel film Liberi armati pericolosi. Dopo una serie di partecipazioni a commedie

quali Saxofone, Prestami tua moglie, Fantozzi contro tutti e Il pap’occhio, la prima vera parte da

protagonista la ottiene su insistenza di Monica Vitti con il film Il tango della gelosia (1981) di

Steno, decretando così il successo del personaggio del “terrunciello” che lo porterà a firmare

il contratto per I fichissimi ed Eccezzziunale... veramente di Carlo Vanzina, che lo consacra

definitivamente in tale ruolo e per il quale registra anche la colonna sonora, cantando la canzone

omonima. Con Vanzina lavorerà ancora in

Viuuulentemente mia, Il ras del quartiere,

Eccezzziunale... veramente - Capitolo

secondo... me, 2061 - Un anno eccezionale

e Buona giornata. Sarà Pupi Avati a

condurlo nella svolta, avendone intuito le

potenzialità di attore anche drammatico.

Avati lo inserirà nel dittico Regalo di Natale

(1986) e La rivincita di Natale (2004),

nonché in Il testimone dello sposo (1997),

La cena per farli conoscere (2007) e Gli

amici del bar Margherita (2009).

Louis Ducruet, nipote di Alberto II, si sposa

a Montecarlo. Come nonna Grace

Fiori d’arancio a Monaco per Louis, figlio della principessa

Stéphanie, e la ragazza francese ma di origini vietnamite,

Marie Hoa Chevallier. Nozze civili e religiose in cattedrale ,

la stessa di nonna Grace e nonno Ranieri dove da 63 anni un

Grimaldi non diceva sì. «Louis? È un ragazzo meraviglioso,

speciale, ha grandi qualità e con Marie il legame va avanti

da anni, sono davvero felice per loro. Si sono fidanzati in

Vietnam, mi ha telefonato mia sorella Stéphanie per dirmelo»

ha raccontato al Corriere lo zio, il principe Alberto di Monaco,

all’annuncio del fidanzamento, svelando lo speciale legame

con il nipote. Già Louis — figlio della principessa Stéphanie e

di Daniel Ducruet, che oggi ha sposato a Montecarlo la storica

fidanzata, compagna di banco alla business school francese

Skema, Marie Hoa Chevallier — è (forse) il nipote prediletto

del principe. Non fosse altro per la comune passione per lo

sport, e in particolare la squadra del Monaco.

56


Fragranze infuse

con oli essenziali

Regolabile fino

a 5 livelli di intensità

Fino a 100 giorni

di fragranza

57


CONSIGLI

PER LA CASA

di ANNA GRECO

Arredare con il marmo.

Negli ambienti interni la tradizione lo vuole tagliato in lastre come basamento

per tavoli da cucina, piani di lavoro, top del bagno, scale e pavimenti.

Ma il marmo, a dispetto della sua resistenza, oggi veste molte forme, spesso inedite e si

adatta nei più svariati complementi d’arredo.

Questo materiale millenario ha trovato una versatilità che lo vede in utilizzi

diversi, dalla poltrona alla lampada, dal porta hipad all’amplificatore per

smartphone, al classico svuotatasche.

Le lampade in marmo sono bellissime. Di forme e dimensioni diverse,

a soffitto o a terra e da tavolo, sono un complemento d’arredo unico e

prezioso.

L’elemento di arredo in marmo ha forme pulite e lineari in cui la forza

sposa la leggerezza per un risultato elegante e chic. Piccoli oggetti come

champagne bucket, sono dettaglio di lusso che impreziosisce una tavola,

è bellissimo anche a vista, sul mobile bar o al centro di un tavolo di legno.

Il colore e lo stile del marmo possono trovare spazio anche in camera da

letto grazie a copripiumini, cuscini o lenzuola marmorizzati. In questo caso

sono i tessuti che riproducono la pietra con effetti talvolta sorprendenti.

Questa pietra viva si abbina con altri materiali, dal cotto negli ambienti

rustici, al legno e al vetro e negli ambienti super moderni sta benissimo

insieme all’acciaio. Le diverse techiche di lucidatura, di levigatura che

donano alle superfici un aspetto satinato, o la spazzolatura per donare un

aspetto visuuto, permettono al marmo di avere molti impieghi con risultati

sempre diversi.

58


Loctite Super Attak Loctite Super Attak Loctite Super Attak

Loctite Super Attak

Original 3g

Precision 5g

Easy Brush 5g

Power Flex Gel 3g

59


IO VIAGGIO

DA SOLA

di VIRGINIA TORRIANI

L’Isola d’Elba.

L’Isola d’Elba è una promessa di leggerezza e felicità.

In nessun altro luogo al mondo come su quest’isola sento allentare le preoccupazioni

e riesco finalmente a respirare a pieni polmoni.

Di tutto l’arcipelago Toscano l’Elba è l’isola che vanta una maggiore

varietà, a partire dalla sua geologia e mineralogia fino alla morfologia e

biodiversità. Sul territorio si trovano così a poca distanza castagni, macchia

mediterranea e orchidee; montagne e colline digradano e si trasformano

in spiagge di sabbia quarzifera dal granito o di ciottoli bianchissimi, in

spiagge di sabbie nere di ematite o in scogli rossi di ferro.

Imbarcatevi su un traghetto e sbarcate a Portoferraio. Il centro storico della

cittadina è una vera chicca e deve essere visitato. Se siete dell’avviso che

ogni momento sia buono per una pizza fermatevi al Castagnacciaio: una

delle migliori pizze mai assaggiate.

A pochi chilometri di distanza segnalo la spiaggia delle Ghiaie: è fatta

di piccoli ciottoli bianchi, e la trasparenza unica dell’acqua sfuma dal

cristallino all’azzurro e al verde prima di diventare una distesa di velluto

blu dove è più profonda.

La notorietà di questa insenatura si deve anche all’antica leggenda secondo

cui gli Argonauti, dopo la conquista del vello d’oro, avrebbero stabilito

proprio alle Ghiaie il mitico porto di Argon: traccia di questa impresa e

fatica si rinviene ancora oggi sui sassi levigati della spiaggia, che sono

singolarmente macchiati di nero a segno indelebile dell’antico sudore degli

eroi mitologici che vi approdarono.

Le spiagge dell’Elba sono tutte da scoprire. Fetovaia, Cavoli, Lacona,

Procchio, La Biodola… Una delle mie preferite è Galenzana, una sottile

distesa di sabbia, raggiungibile con una camminata di 20 minuti su un

sentiero che parte dalle scalinate del porto di Marina di Campo.

La relativa difficoltà di accesso tiene alla larga la massa dei turisti e

assicura a chi non si lascia spaventare dalla strada un piccolo paradiso

personale. Proprio sopra la Galenzana si trova La Collina Sul Mare, un

b&b gestito da Sara e Filippo, dove è possibile anche cenare: sorseggiare

un bicchiere di vino al tramonto sulla loro terrazza di fronte al mare vi

assicuro che sarà un’esperienza indimenticabile, come pure la tartare di

tonno con erba cipollina e basilico viola, i paccheri al sugo di aragosta e

la gallinella al forno.

Imperdibili dall’orario aperitivo in poi Capoliveri e Porto Azzurro.

60


Per variare la routine marittima fate un’escursione guidata al parco

minerario dell’isola e visitate i principali cantieri di Rio Marina e Rio

Albano: il rosso e il giallo ocra delle rocce ricche di ferro conferiscono al

paesaggio un fascino unico, quasi surreale.

Ripercorrete le vecchie strade ferrate e le storie degli uomini che vi hanno

lavorato a piedi, in bici, a bordo di un trenino o di un fuoristrada militare.

Se amate davvero il mare e la barca un’altra opzione per scoprire l’Elba è

salpare a bordo dell’Artiglio, il motorsailer dell’omonimo club subacqueo

di Viareggio: il gruppo organizza mini crociere in tutto l’arcipelago toscano,

ma di questa avventura vi racconterò meglio il prossimo mese!

Agli amanti del trekking consiglio di salire sul monte Capanne, la vetta più

alta dell’isola: dai suoi 1019 metri di altezza potrete godere di una vista

unica su Pianosa, Capraia, Montecristo, Gorgona e anche Corsica.

La cima si può raggiungere anche con la cabinovia che parte da Marciana,

dove per altro vale assolutamente la pena fermarsi a gustare una schiaccina

da Monilli.

Se amate le immersioni l’Elba è il vostro Paradiso: le diverse aree protette

hanno fatto sì che il pesce sia abbondante e pareti e fondali ricchi e variegati.

Io mi sono appassionata alla subacquea proprio sull’isola, precisamente

a Morcone, dove si trova il Mandel Diving Center. Valerio, Giacomo e

tutto il loro staff sono persone squisite, oltre che affidabili e competenti.

Vi guideranno con la passione e la simpatia che li contraddistingue alla

scoperta di tutte le bellezze sommerse. Da non perdere un tuffo allo

Scoglietto di Portoferraio, al Remaiolo, al Ginevro e a Capo Stella; se avete

tempo fate anche una notturna e un’escursione giornaliera a Pianosa a

bordo del Nibbio.

61


LE RICETTE DI

RIin

collaborazione con:

Barrette crudiste

di fichi e cocco

Frullare le mandorle fino a ridurle in farina, quindi aggiungere i fichi spezzettati e

continuare a frullare fino a ottenere un composto omogeneo e lavorabile con le mani.

Travasare il composto in una ciotola, aggiungere l’olio sciolto e il cacao e mescolare,

amalgamando tutto molto bene. Foderare una terrina con carta forno, quindi stendere il

composto omogeneamente dello spessore di un paio di cm; riporre in frigo per almeno

due ore, trascorso questo tempo le vostre barrette sono pronte!

Ingredienti per 5 barrette

250 gr di fichi secchi ammollati per almeno 30 minuti

100 gr di noci + 50 gr di semi di girasole

1 cucchiaio di olio di cocco sciolto a bagnomaria

2 cucchiai di cioccolato crudo o in polvere del mercato equo e

solidale

LUNEDÌ

Calamari e fichi con composta di cipolle

Per la ricetta dei calamari e fichi con composta di cipolle, sbucciate le cipolle,

tagliatele a fette sottili e cuocetele con un cucchiaio di olio, uno spruzzo di aceto

e un pizzico

di sale. Quando l’aceto sarà evaporato, bagnate con mezzo bicchiere di acqua

e stufate per 20 minuti. Per i fichi: lavate i fichi, tagliateli in 4 spicchi e arrostiteli

in una padella antiaderente con un velo di olio per 3-4 minuti, girandoli di tanto

in tanto.

Per i calamari: pulite i calamari, condite sacchi e tentacoli con olio, sale e

pepe, quindi cuoceteli i padella con un rametto di rosmarino per 3 minuti,

schiacciandoli bene con un coperchio tenuto premuto sopra; girateli dall’altro

lato e proseguite la cottura per altri 2-3 minuti.

Servite i calamari con i fichi arrostiti e la composta di cipolle, condendo tutto

con scorza di lime grattugiata.

•6 fichi

•4 calamari

•2 cipolle rosse di Tropea

•aceto

•rosmarino

•lime

•olio extravergine di oliva

•sale

•pepe

62


MARTEDÌ

Crema di avocado e cetrioli alla menta

Per la ricetta della crema di avocado e cetrioli alla menta, tagliate

la calotta superiore degli avocado e scavate con un cucchiaio;

recuperate tutta la polpa lasciando integri i «gusci».

Mettete i «gusci» vuoti degli avocado in freezer per almeno 30

minuti. Pulite il cipollotto, eliminando il verde, e tagliatelo a

pezzetti. Sbucciate i cetrioli, eliminate i semi e tagliateli a pezzetti.

Frullate insieme la polpa di avocado, i cetrioli e il cipollotto

con un goccio di acqua (aumentate la quantità, se preferite una

consistenza più fluida) e il succo dei lime. Salate e aggiungete

anche qualche foglia di menta e peperoncino a pezzetti. Tagliate

il bordo dei gusci con le forbici, per allargarne l’imboccatura.

Riempiteli con la crema e serviteli su un letto di ghiaccio.

•6 avocado scuri medi

•5 lime

•2 cetrioli

•un cipollotto

•menta

•sale

•peperoncino fresco

MERCOEDÌ Tortilla di patate

Per la ricetta della tortilla di patate, Sbucciate le patate e

grattugiatele con la grattugia a fori grossi. Raccoglietele in una

ciotola e mescolatele con le uova. Aggiungete 2 cucchiai di erba

cipollina tagliata a rondelline, sale, pepe. Scaldate in una padella

2-3 cucchiai di olio. Quando sarà ben caldo, unite il misto di uova

e patate, abbassate la fiamma e cuocete per 8-9 minuti, con il

coperchio.

Girate la frittata e cuocetela per altri 6-7 minuti. È buona calda

e fredda.

•500 g patate

•4 uova

•erba cipollina

•olio extravergine di oliva

GIOVEDÌ

Spaghetti alla chitarra con le cozze del pontile

Per la ricetta degli spaghetti alla chitarra con le cozze del pontile,

impastate la farina e la semola con un cucchiaio di olio, un pizzico

di sale e 200-250 g di acqua ottenendo una pasta omogenea ed

elastica. Copritela con un panno umido e fatela riposare fuori

del frigo per 30 minuti. Stendete la pasta col matterello, sul

piano infarinato, a uno spessore di circa 4 mm. Tagliatela sulla

chitarra e spolverizzate gli spaghetti con la semola per evitare che

si attacchino. Raccogliete 15 cozze in casseruola con un filo di

olio, coprite, fatele aprire, sgusciatele e filtrate il liquido di cottura

attraverso un colino fine. Sgusciate e tritate le cozze. Preparate

un soffritto di aglio, olio, peperoncino e basilico. Unite le cozze

tritate e il resto delle cozze ancora chiuse. Coprite e fate aprire.

Bagnate con un mestolino di brodo vegetale e con il liquido di

cottura filtrato.

Sgusciate parzialmente le cozze. Lessate gli spaghetti per 2 minuti

in acqua bollente salata, scolateli nella padella con le cozze e

terminate la cottura aggiungendo il restante brodo, i pomodorini

tagliati e altro basilico. Servite subito completando a piacere con

pomodorini freschi tagliati a spicchi.

•1 Kg cozze pulite

•280 g farina 0

•200 g brodo vegetale

•120 g semola rimacinata di grano duro

•12 pomodorini ciliegia

•aglio

•basilico

•peperoncino fresco

•olio extravergine d’oliva

•sale

63


GLI ESPERTI DELLA

PULIZIA INTERDENTALE

UNA BOCCA SANA MIGLIORA

LA QUALITÀ DELLA TUA VITA

GUM® crede in una forte relazione tra salute orale e

benessere generale: per questo offre una linea completa

di prodotti che aiuta a prendersi cura della bocca e di

ogni sua esigenza.

Seguici su

Facebook: Quelli che GUM

Sito: www.SunstarGUM.it

64


VENERDÌ

Sgombro e zucchine agrodolci con salsa alla senape

Per la ricetta dello sgombro e zucchine agrodolci con salsa alla

senape, mondate le zucchine, tagliatele a bastoncini, scottatele in

una padella con un filo di olio per 2 minuti, quindi unite una foglia

di salvia, una di alloro, un rametto di rosmarino e due cucchiai di

pinoli, precedentemente tostati. Mescolate, fate insaporire e sfumate

con 3-4 cucchiai di aceto di mele; unite anche 15 g di zucchero di

canna, fate evaporare l’aceto e proseguite la cottura per un altro

minuto. Mescolate 2 cucchiai di senape rustica con un cucchiaio di

olio, mezzo cucchiaino di scalogno tritato finemente, un cucchiaio

di maionese e un cucchiaio di acqua. Per lo sgombro: cuocete i

filetti di sgombro in una padella antiaderente con un filo di olio e un

pizzico di sale dalla parte della pelle per 3-4 minuti, quindi voltateli,

spegnete la fiamma e lasciateli riposare per 3-4 minuti. Serviteli con

le zucchine agrodolci e la salsa alla senape.

SABATO

Fetta al limone

Per la ricetta della fetta al limone, scaldate il forno a 180°C. Imburrate

una teglia di 20 cm di lato e foderatela con 2 fasce di carta da forno

incrociate, facendole debordare abbondantemente su tutti i lati (saranno

utili per sformare il dolce); imburrate anche la carta. Per la pasta base:

fondete il burro e lasciatelo raffreddare. Mescolate 95 g di farina con

la farina di mandorle, lo zucchero a velo, mezzo cucchiaino di sale, la

scorza grattugiata di un limone grande e mezzo cucchiaino di lievito.

Aggiungete il burro fuso, a temperatura ambiente, e mescolate tutto

con una forchetta, amalgamando bene. Versate l’impasto nella teglia

preparata e stendetelo in uno strato uniforme con una spatola o con il

manico di un cucchiaio. Infornate la teglia a 180°C per 15 minuti circa,

fino a quando l’impasto non sarà sodo e leggermente dorato. Toglietelo

quindi dal forno e lasciatelo intiepidire. Per la crema al limone: lavorate

vigorosamente le uova con lo zucchero semolato, unite quindi mezzo

cucchiaino di lievito, poi 175 g di succo di limone e infine il resto

della farina; mescolate vigorosamente ogni volta che aggiungete un

ingrediente. Versate la crema sulla pasta base, stendetela su tutta la

superficie; infornate a 180°C per altri 20-25 minuti. Per verificare che

la crema sia cotta, muovete con delicatezza la teglia avanti e indietro: la

crema non deve tremolare. Sfornate il dolce e lasciatelo raffreddare per

20 minuti, quindi mettetelo in frigo a rassodare

•400 g filetti di sgombro

•5 zucchine

•Salvia

•Rosmarino

•Pinoli

•Scalogno

•Alloro

•Maionese

•senape rustica

•aceto di mele

•olio extravergine di oliva

•zucchero di canna

•sale

200 g zucchero semolato

185 g farina senza glutine per dolci

125 g burro

60 g zucchero a velo

50 g farina di mandorle

4 uova

sale

un cucchiaino di lievito in polvere

limone

DOMENICA Crema alla violetta

Per la ricetta della crema alla violetta, mettete le mandorle a bagno

in 1 litro di acqua per 3 ore , in modo che si ammorbidiscano.

Frullate le mandorle con tutta l’acqua il più finemente possibile,

filtrate in una garza, strizzando fino a spremere fuori tutto il latte.

Pesatene 800 g e scaldatelo in una casseruola con lo zucchero e

la farina di riso. Cuocete mescolando per circa 10 minuti, finché

la crema non si addensa. Spegnete e ammorbidite la crema con il

burro, quindi aggiungete i fiori e versatela nel contenitore nel quale

la porterete in tavola. Lasciatela raffreddare prima di servirla.

•350 g mandorle pelate

•100 g zucchero

•70 g farina di riso

•30 g burro

•10 g violette fresche

65


ECO GOOD

di GIULIA LANDINI

4 rimedi per superare

indenni i mesi invernali.

La salute passa per la prevenzione e un corretto stile di vita:

già da settembre possiamo prenderci cura del nostro corpo e della nostra mente

per rimanere sani più a lungo possibile

Prevenire e’ meglio che curare, si sa: antico detto, ma sempre vero e attuale.

La stagione fredda non e’ ancora iniziata, settembre e’ il mese ideale per

prevenire e per curarsi del proprio corpo e della propria anima, in modo da

ammalarsi di meno ed essere più forti durante l’autunno e l’inverno.

Queste pratiche da fare giornalmente o settimanalmente, ci aiutano

moltissimo a rimanere sani nel corpo e nella mente.

Acqua e limone

Ormai un cult, l’acqua e limone e’ la prima cosa da fare al mattino. Ci sono

varie ricette per l’acqua e limone, ma quella più efficace e’ questa: scaldare

a 45 gradi una tazza di acqua; spremere il limone in una tazza filtrandone

il succo, quindi aggiungere l’acqua portata alla giusta temperatura. Da fare

ogni mattina!

Decotto ai semi di lino

In una pentola portare a ebollizione, a fuoco basso, 800 ml di acqua con tre

cucchiai di semi di lino: fate bollire sempre a fuoco basso per tre minuti,

quindi filtrare subito. Questo decotto si conserva in frigorifero.

Berne almeno due tazze al giorno a stomaco vuoto.

Probiotici

I probiotici sono molto utili per mantenere un microbiota intestinale sano e

proattivo; recatevi nella vostra farmacia di fiducia e fatevi consigliare quelli

che fanno al caso vostro.

Echinacea, Rosa Canina e Ribes Nigrum

in tintura madre

Questi tre rimedi naturali sono ottimi sia per prevenire i malanni di stagione,

quindi presi già all’inizio di settembre, ma anche come aiuto quando il virus

arriva e ci costringe a letto. Recatevi nella vostra erboristeria o farmacia di

fiducia per farvi consigliare le modalità più adeguate.

Verdura cruda o cotta?

E’ ormai normale leggere che tanta verdura cruda fa bene: ma e’ sempre

così?

Ci sono delle persone, ad esempio quelle che tendono ad avere mani e

piedi freddi e ad essere freddolosi in generale, alle quali la verdura cruda

non sempre produce beneficio, soprattutto in inverno: può provocare

infiammazione intestinale, gonfiori e meteorismo.

La regola d’oro, un po’ per tutti, e’ mangiare verdura cruda a pranzo,

sempre prima del pasto, e cotta alla sera (sempre almeno due ore prima di

andare a dormire).

Per agevolare l’intestino, e’ consigliato condire bene la verdura cruda con

del buon olio extravergine di oliva.

66


Idratante

DOPPIA AZIONE igienizzante ed idratante

Pant.485 CVC

Pant. 654 C

D E R M AT O L O G

I C A M E N T E

T

E

S

T A T O

Lascia le mani morbide - Con concentrato di ALOE VERA

67


GARDEN PLACE

di TIZIANO BALDI GALLENI

Le cinque piante ornamentali da

vaso più belle in vista dell’autunno.

Prepariamoci a non salutare i colori con l’arrivo della stagione che i colori se le porta

via. Lo faremo con alcuni dei fiori più belli da coltivare in vaso, sul balcone e in casa.

Perché anche in questo periodo dell’anno la natura ci regala meravigliose fioriture, con

sfumature di tonalità scenografiche.

Ortensie

Con le sue straordinarie variazioni cromatiche non potevamo non citare le

Ortensie. Sono piante generose, forti ed adattabili. Prediligono l’ombra e

prosperano quasi in ogni tipo di terreno e soprattutto in vaso. Non temono

neppure l’inverno e generalmente resistono bene a qualche grado sotto

zero. Fate una potatura regolare delle parti secche in modo da dare una

forma all’ortensia. E’ bella anche come decorazione sulla tavola.

Peperoncino ornamentale

Con il suo rosso potrà rendere vivace il balcone o il vostro salotto. I suoi

frutti danno vita a macchie multicolore spettacolari, anche violacee giallo

o arancio. E’ ottima per giardini o aiuole autunnali. I fiori piccoli e bianchi

con corolla a 5 petali sono fitti e riuniti in folti gruppi. Predilige un luogo

luminoso, e un terreno soffice ed umido.

Sternbergia

E’ una bellezza. Un esemplare di pianta piuttosto raro, ma molto apprezzata

da esperti e amanti del giardinaggio. Conta oltre dieci specie, e fiorisce

dalla fine dell’estate fino all’autunno inoltrato (novembre). Si tratta di un

fiore di piccole dimensioni, che non supera i 20 centimetri in altezza. A

caratterizzarla è ovviamente il bocciolo di colore giallo intenso: solitamente

se ne producono due per bulbo.

Giacinto

Settembre è il periodo giusto per piantare i bulbi di Giacinto. Oltre a

regalarci splendidi colori - da rossi, bianchi, rosa, arancioni, lilla e di

diverse tonalità di blu – il Giacinto è una specie molto profumata. Ha foglie

di color verde brillante e fiori di forma tubolare con apertura a stella. Il

suo aroma dal balcone di casa porterà tutta la dolcezza della stagione in

chiusura.

Salvia e timo

Sarà il vostro angolo aromatico. Queste due piante sono resistenti al freddo

e saranno preziose in cucina per la preparazione di alcuni piatti. Anche

queste specie regalano un aroma buonissimo e delizioso. Non avranno

particolari colori ma continueranno a regalarci un bel verde intenso, che

nel periodo autunnale non guasta. Consideratele anche come una parte

integrante del vostro orto verticale.

68


SOSTENIAMO

LA PET THERAPY CON I NONNI

&

VINCI OGNI SETTIMANA

100€ IN BUONI SPESA.

Acquista 5€ di prodotti tra i marchi sotto indicati,

invia un sms** al n. 3341600900 e scopri se hai vinto

+

Concorso valido dal 1 settembre 2019 al 31 ottobre 2019. Estrazione riserve entro il 15 novembre 2019.

Montepremi complessivo Euro 900,00 IVA esente.

Consulta il regolamento sul sito www.concretaconcorsi.it/reg/mars/WAD2019.htm

*II premio consiste in un buono spesa Valassis da Euro 100, spendibile presso la tua insegna di fiducia.

**Testo SMS: numero scontrino (senza eventuali zeri che lo precedono)!data scontrino(ggmmaaaa)lora scontrino(hhmm)limporto scontrino

(comprensivo di decimali, ma senza virgola) Esempio: per una giocata effettuata con scontrino numero 0042, 69

del 01 settembre 2019, ore 9:12, importo totale € 51.34, il testo SMS sarà: 42!01092019!0912!5134


MATRIX

di ANTONIO PROVENZANO

70

I primi test di un’auto a guida autonoma

sulle strade italiane

Se abitate a Parma o a Torino, nel futuro prossimo potreste iniziare a vedere per strada auto che

si guidano da sole. Il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti ha autorizzato con un decreto

ministeriale la sperimentazione dei veicoli senza conducente. I primi veicoli a essere testati

saranno quelli di VisLab, un’azienda con sede a Parma controllata dalla società di progettazione

di semiconduttori Ambarella: l’unica che aveva fatto domanda per dare il via ai test su strada.

L’ok del ministero è arrivato dopo quello dell’Osservatorio tecnico di supporto per le smart road,

l’organismo istituito lo scorso giugno proprio con l’obiettivo di accelerare sul tema. Secondo

quanto si apprende, le auto di VisLab verranno testate in alcune strade e aree di Torino e Parma.

I veicoli sono a guida autonoma, ma le regole vogliono che al loro interno ci sarà sempre un

conducente che avrà l’obiettivo di vigilare sulla tenuta e sulla sicurezza del veicolo. Se tutto filerà

liscio, il supervisore non metterà mai le mani sul volante; in caso contrario, sarà pronto a evitare

incidenti prendendo il controllo della vettura. VisLab è una startup fondata nel 2009 da Alberto

Broggi, professore di Ingegneria informatica dell’università di Parma, come spinoff del laboratorio

di ricerca della facoltà. Nel 2015 è stata acquistata per 30 milioni di dollari da Ambarella Inc,

una multinazionale americana della Silicon Valley quotata in Borsa a Wall Street. VisLab ha già

sperimentato i suoi veicoli su strada, peraltro con grandissimo e pioneristico anticipo rispetto alla

moderna ondata di self driving car: il primo test risale addirittura all’inizio di giugno del 1998.

Come riporta Il Sole 24 Ore, quella mattina una Lancia Thema imboccò l’A1 al casello di Parma e

iniziò a guidare sul tracciato della Mille Miglia. L’esperimento, ribattezzato Argo, durò sei giorni e

passò alla storia perché l’auto riuscì a guidare da sola per il 94% del tempo. All’interno dell’auto

c’era proprio Broggi, il quale non mise quasi mai le mani sul volante. Una telecamera del Tg1, che

coprì l’evento, lo riprese intento a leggere il giornale.

Aurora Station, il primo hotel nello spazio.

“Nel 2022 il lancio inaugurale”

Dormire tra le stelle e avere la sensazione (sul serio) di toccare il cielo con le dita. Guardando

la terra da lontano, da molto lontano. Un privilegio che, in un futuro non così distante, potrebbe

non essere più ad appannaggio esclusivo di astronauti e multimilionari. Nella corsa al turismo

spaziale, con le dovute proporzioni, sembra allargarsi la platea dei potenziali clienti. Si presenta

così Aurora Space Station, il nuovo progetto di hotel nello spazio, appena annunciato. Una vera

e propria struttura alberghiera orbitante che, nei piani dei suoi ideatori, dovrebbe vedere la luce

entro la fine del 2022. Tra meno di quattro anni. A progettarla una startup americana - Orion Span

- con sede a Houston, in Texas. Da fuori, guardando le immagini del prototipo diffuse dalla società

costruttrice, sembra un normale modulo spaziale. Dentro, però, nasconde un design ben diverso

dalle classiche navicelle: due suite matrimoniali extra-lusso e oblò panoramici (in numero maggior

rispetto agli altri veicoli concorrenti) che trasformeranno la permanenza in orbita in un soggiorno

turistico. Lunga dieci metri e larga quattro (più o meno come un jet privato), Aurora Station è

stata pensata per ospitare fino a sei passeggeri: quattro clienti e due persone d’equipaggio. Verrà

lanciata a 200 miglia (circa 350 chilometri) dalla superficie della Terra e i suoi tour dureranno 12

giorni. Nel corso dei quali si potranno osservare 16 albe e altrettanti tramonti al giorno (il modulo

completerà un’orbita terrestre ogni 90 minuti). Ma anche sperimentare concretamente la vita in

assenza di gravità. Tra le attività incluse nel pacchetto venduto: la possibilità di coltivare piante, di

giocare a ping-pong, di fare sport.

Va detto, le cifre sono ancora astronomiche: le vacanze spaziali a bordo di Aurora Station

costeranno quasi dieci milioni di dollari, 800mila dollari a notte (compreso il lancio della navicella

che aggancerà la stazione, quest’ultima in orbita forse già nel 2021). Tra l’altro, per essere tra i

primi a partire, sul sito della startup ci si può già prenotare versando una caparra di 80mila dollari,

rimborsabili in caso di ripensamenti o di slittamento del progetto.


72

Il campione di beach soccer viareggino, Gabriele

Gori, punto di forza del Viareggio Beach Soccer

e della Nazionale azzurra è stato nominato

ambasciatore del beach soccer nel mondo, è

l’unico italiano inserito nell’elenco delle stelle

stilato dall’organismo internazionale che si

propone di promuovere questo sport.


THE WINNER

GABRIELE

GORI

Giocatore ordinario sui campi in erba, straordinario sulla sabbia.

Gabriele Gori è uno dei migliori al mondo nel beach soccer, sport nato sulle

spiagge del Brasile che si è progressivamente diffuso in ogni angolo del globo,

compresi quelli senza mare.

“Mi reputo

uno dei giocatori

più forti,

ma non il migliore

in assoluto.

Per quello

devo lavorare

ancora moltissimo”

di GABRIELE NOLI

32 anni il prossimo ottobre, è nato e cresciuto a Viareggio, dove tale disciplina è

tra le più in voga, merito anche dei tanti trofei vinti dalla squadra cittadina (storico

il “triplete” del 2016: scudetto, Coppa Italia e Euro Winners Cup, la versione

su spiaggia della Champions League). E proprio Gori è il principale artefice dei

successi del Viareggio, grazie ai suoi gol, che destano impressione per frequenza

e bellezza. Il 13 luglio scorso a San Benedetto del Tronto, durante una partita della

tappa di Serie A contro il Catania campione in carica, ha segnato in rovesciata da

una distanza di quasi trenta metri, lasciando tutti sbalorditi, in primis il portiere

73


THE WINNER

GABRIELE NOLI

avversario. Il video di quel capolavoro balistico è divenuto

virale sui social, ottenendo milioni di visualizzazioni: è stato

persino riproposto dai siti sportivi (e non) del mondo intero, con

conseguente accrescimento di popolarità non soltanto per Gori,

ma per il beach soccer stesso, che non è sport olimpico e paga il

fatto di svolgersi in un limitato periodo dell’anno, genericamente

tra maggio e settembre, includendo gli impegni delle Nazionali.

Oltretutto i protagonisti sono ragazzi che d’inverno giocano nei

campionati dilettantistici di calcio a undici. Proprio come Gori, che

nelle ultime tre stagioni si è diviso tra calcio (con il Castelnuovo

Garfagnana, squadra di Eccellenza Toscana) e, appunto, beach

soccer, considerati i frequenti raduni predisposti in previsione

degli impegni ufficiali. Ed è proprio sulla sabbia che “Tin-Tin” -

questo il suo soprannome – si è tolto le maggiori soddisfazioni di

una carriera ben lontana dal considerarsi in discesa, nonostante

i 30 anni li abbia già superati. I record stratosferici che (ri)

stabilisce di volta in volta sono la testimonianza (uno su tutti:

nel 2019 ha già realizzato più di 100 reti), la cura maniacale del

proprio fisico, una delle motivazioni, abbinata ad una mentalità

vincente che lo porta a non accontentarsi mai, anche quando

potrebbe sembrare fisiologico. “Mi reputo uno dei giocatori più

forti, ma non il migliore in assoluto. Per quello devo lavorare

ancora moltissimo”. Consapevole delle proprie capacità senza

correre il rischio di scivolare nella presunzione, per Gori i primati

non sono un’ossessione. I titoli di capocannoniere collezionati

non hanno influenzato l’atteggiamento mentale di un ragazzo per

il quale le vittorie di squadra costituisconola priorità. “Il sogno

più grande sarebbe conquistare il Mondiale”, ammette. I due

quarti posti ottenuti nel 2015 e nel 2017 certificano da una parte

il valore dell’Italia, dall’altra indicano che c’è ancora un gap da

colmare con le nazionali più forti, nonostante le impressionanti

cifre di Gori, che nel 2016 era rientrato tra i tre candidati al Pallone

d’Oro del beach soccer, sfumato per una manciata di voti.

“Ci speravo, ma essere arrivato tra i finalisti è già stato per

me un orgoglio”. Come quello provato più di recente, a

metà luglio, quando il video della sua prodezza in acrobazia

ha letteralmente fatto il giro del mondo. “Forse è stata la

rete più spettacolare che io abbia mai segnato. Quando ho

visto il pallone spiovere dall’alto, ho calciato senza pensarci

su due volte. E per fortuna è andata bene. Gesti simili non

li pensi, li fai e basta”. Già dai minuti immediatamente

successivi a quella partita, il fuoriclasse viareggino è stato

subissato di messaggi e chiamate da parte di persone che

volevano complimentarsi con lui. “A un certo punto non

sapevo più nemmeno io come gestire la situazione – afferma

scherzando - mi ha fatto comunque piacere percepire così

tanto affetto. All’inizio non riuscivo a rendermi conto, c’è

74


voluto del tempo. Spero che questo gol venga ricordato a

lungo e aiuti ad aumentare la visibilità del beach soccer”. Gori

è cresciuto, come la maggior parte dei ragazzi, giocando a

calcio. Nei settori giovanili di Pisa e Lucchese, per poi disputare

svariati campionati dilettantistici in Toscana e Liguria. A quel

tempo il calcio sulla spiaggia era un semplice divertimento

da condividere in estate, con gli amici di sempre. Ma nel

2010, con la nascita della squadra del Viareggio in ricordo di

Matteo Valenti (scomparso in un incidente sul lavoro), il suo

destino sportivo è mutato drasticamente. Neppure lui poteva

sapere quanto straordinariamente forte sarebbe divenuto in

pochissimo tempo. Non a caso già in quell’anno è arrivata

la chiamata in nazionale, di cui è tuttora un punto fermo.

Impossibile anche soltanto dubitarlo, trattandosi del miglior

marcatore della storia azzurra con oltre 200 reti, molte delle

quali decisive per alzare trofei, come la Euro League del 2018

ad Alghero, in Sardegna: un titolo che all’Italia mancava da

ben tredici anni. C’è stato un periodo in cui “Tin-Tin” esultava

come Paulo Dybala, tra i suoi idoli calcistici: lui, infatti, è tifoso

della Juventus. I colori, il bianco e il nero, sono guarda caso

gli stessi della maglia della sua squadra, il Viareggio, con cui

la scalata all’empireo continentale l’aveva già completata nel

2016, con un gruppo formato interamente da ragazzi del posto,

con l’unica eccezione di un nippo-brasiliano. Due gioie diverse,

tra loro non equiparabili perché caratterizzate da sensazioni

uniche nel loro genere. Alle quali vorrebbe ne seguissero altre.

Basta citarne due non ancora provate: la vittoria del Mondiale

e quella del Pallone d’Oro, a potenziale coronamento di una

carriera già di per sé eccezionale.

75


SULLA STRADA

di TIZIANO BALDI GALLENI

La prima Harley Davidson senza il

marchio di fabbrica, il rombo.

E’ nata - e sarà acquistabile già nel 2019 - la prima Harley elettrica.

La casa motociclistica di Milwaukee aveva presentato la versione definitiva - la LiveWire –

nel 2018 in occasione del party per festeggiare i 115 anni di storia dell’azienda americana.

Oggi questa nuovo moto, questo cambio di paradigma, è realtà

Se anche Harley è disposta a rinunciare al suo rumore vuol dire che

la svolta è universale. La Livewire è tutta un’altra moto. Gli amanti

harleysti dovranno rassegnarsi e rinunciare a quel sound che la rendeva

unica. Secondo le riviste di motociclismo più accreditate arriverà nei

concessionari italiani proprio a settembre, circa dopo 5 anni dalla

presentazione del primo progetto, che era avvenuta nel 2014.

«La motocicletta Livewire è dotata – spiega sul sito internet Harley

Davidson - di una batteria ad alta tensione (o RESS, sistema ricaricabile di

accumulo dell’energia) formata da celle agli ioni di litio circondate da un

involucro alettato in lega d’alluminio.

La batteria ad alta tensione fornisce un’autonomia di 235 km nei tratti

urbani e 152 km di autonomia in tracciati misti con frequenti arresti e

ripartenze e lunghi tratti rettilinei». Si collega a qualsiasi presa domestica

standard (ricarica completa una notte), più rapidamente nelle stazioni a

ricarica rapida a corrente continua (un’ora). Questi i dati più interessanti.

Sull’estetica al momento ci sono solo le immagini di quello che è ancora

un prototipo ma che ovviamente è molto vicino alla realtà: telaio leggero in

alluminio pressofuso, propulsore posizionato al di sotto della batteria, in

basso rasente l’asfalto, per abbassare il baricentro.

Sospensioni regolabili anteriori e posteriori Showa. La linea è aggressiva e

snella e tende a quello di una naked. La Livewire è in grado di raggiungere

da 0 i 100 chilometri orari in 3 secondi. «Potenza istantanea – spiegano

i costruttori - nel momento in cui ruoti l’acceleratore. Nessuna frizione da

rilasciare. Niente cambi di marcia. Basta dare un colpo di acceleratore e

sfrecciare via». Tutto ciò con un sistema di guida sensazionale, grazie ai

controlli elettronici sulle performance sia sulla sicurezza (sistema Reflex

per la protezione del motociclista).

Ha infine quattro modalità pre-programmate: sport, strada, autonomia

e pioggia. La Harley elettrica sarà nelle concessionarie per un prezzo di

listino di 34 mila 200 euro.

76


77


LA 25°ORA

di ANTONIO PROVENZANO

C’era una volta… a Hollywood

Regia: Quentin Tarantino

Con Brad Pitt e Leonardo Di Caprio

Genere: drammatico

Da settembre al cinema

Sharon Tate, promettente attrice americana e sposa di Roman Polanski, è la nuova vicina di Rick

Dalton, star di Hollywood in declino. Dalton condivide la scena con Cliff Booth, controfigura

che da anni ammortizza le sue cadute. Dopo un lungo viaggio, i due tornano a Los Angeles

dove li attende la notte più calda del 1969.Il cinema può salvare il mondo? Tarantino crede che

possa vendicare gli ebrei, affrancare dalla schiavitù, cambiare il passato e offrire la chance ai

vinti di regolare i conti coi propri carnefici. La vendetta, sempre. Sempre più selvaggia, sempre

più catartica. Ma la vendetta questa volta non è quella dei personaggi, ma quella di un autore

romantico che crede nel potere del cinema, quel cinema che lo ha innamorato, mentre Hollywood

perdeva l’innocenza sotto i colpi di coltello di Charles Manson.

78

Ad Astra

Regia: James Gray

Con: Brad Pitt e Tommy Lee Jones

Genere: Fantascienza

Da settembre al cinema

Vent’anni dopo la partenza di suo padre, per una

missione di sola andata verso Nettuno alla ricerca

di segni di vita extraterrestre, Roy McBride segue

le orme paterne. Ingegnere dell’esercito attraversa

il sistema solare in cerca di indizi sul fallimento

della spedizione paterna, nella speranza anche di

ricongiungersi al genitore. Ma lo spazio non lascia

indenne il cuore dell’uomo..

Rambo – Last Blood

Regia: Adrian Grumberg

Con Sylvester Stallone e Paz Vega

Genere: azione

Da settembre al cinema

John Rambo sembra essersi ritirato e vive finalmente

in tranquillità nel ranch di famiglia in Arizona, ma non

ha superato i traumi del Vietnam. Ha un rapporto quasi

da fratello con Maria Beltran, la donna messicana di

servizio che in realtà per anni ha mandato avanti il

ranch e vive lì con la nipote, Gabrielle. Questa, che per

Rambo è quasi come una figlia, decide di andare in

Messico per trovare il suo vero padre e finisce rapita

dagli uomini del cartello, quindi John attraversa la

frontiera ed entra in un nuovo territorio di guerra per

salvarla.

Angry Bird 2 – Nemici amici per sempre

Regia di Thurop Van Orman

Genere: animazione

Da settembre al cinema

I pennuti arrabbiati e gli astuti maialini verdi tornano

in una nuova avventura. All’emergere di una nuova

minaccia, che metterà in pericolo entrambe le loro

isole, Red, Chuck, Bomb e Grande Aquila recluteranno

la sorella di Chuck, Silver, e si uniranno alla squadra

dei maialini, Leonard, il suo assistente Courtney e il

tecnologico Garry per giungere a una tregua e creare

un’improbabile supersquadra per salvare le loro isole.


Umidificata, morbida, profumata. Fria Easy, la carta veramente

igienica, è la soluzione ideale per sentirsi freschi e puliti tutte le

volte che ne hai bisogno. Portala sempre con te, per una migliore

igiene intima in casa, in viaggio o a scuola.

fria.it

79


MY BOOK

di ANTONIO PROVENZANO

Il rumore del mondo

Autore: Benedetta Cibrario

Casa Editrice: Newton

L’ufficiale piemontese Prospero Carlo Carando di Vignon, di stanza a Londra, sposa Anne Bacon,

figlia di un ricco mercante di seta. Quando, dopo essere stata vittima del vaiolo, arriva a Torino,

Anne è molto diversa. La vita coniugale si annuncia come un piccolo inferno domestico, ma il

suocero Casimiro la invita a occuparsi della proprietà del Mandrone, il cui futuro soltanto a lui –

conservatore di ferro – sembra stare a cuore. Tra i due si stabilisce un’imprevedibile complicità

e Anne matura amore e dedizione per la vita appartata e operosa che vi conduce. La storia della

famiglia Vignon si intreccia ai fili dello spirito del tempo, e non di meno a quelli della seta.

Anne Bacon scopre come conquistarsi un posto nella storia di un paese non ancora nato, di un

orizzonte ideale che infiamma il mondo. Progressisti e conservatori, al di là degli schieramenti

politici, si trovano davanti alla necessità di rispondere al cambiamento e lo fanno agendo –

nell’economia, nel costume, nella morale, nella cultura. E l’Italia appare, vista da lontano (complici

anime migranti come Anne, e il suo entourage femminile), vista come utopia e come sfida.

80

La vita davanti a se

Autore: Romain Gary

Casa Editrice: Neri Pozza

Eroe di guerra, diplomatico, cineasta, Romain Gary

si suicidò il 3 dicembre 1980. La sua scomparsa

fece scalpore ma il vero colpo di scena arrivò

quando, pochi mesi dopo la morte, si scoprì che

Gary ed Emile Ajar, autore del romanzo “La vita

davanti a sé”, erano in realtà la stessa persona.

Il libro, che narra le vicende di Momo, ragazzo

arabo nella banlieu di Belleville, figlio di nessuno,

accudito da una vecchia prostituta ebrea, vinse

il Goncourt inaugurando uno stile gergale da

banlieu e da emigrazione, cantore di quella Francia

multietnica che cominciava a cambiare il volto di

Parigi.

Ricette e ricordi

Autore: Anna Cortopassi

Casa editrice: Pacini Fazzi

In un’epoca in cui trovare una ricetta nuova è

divenuto molto facile cliccando su un qualsiasi

sito di cucina, sembra assai inutile raccogliere

ricette e consigli di cucina in un libriccino. Tuttavia

ha senso raccogliere quelle ricette che hanno in

qualche modo accompagnato la vita e quella dei

familiari attraverso momenti storici diversi e le

varie stagioni dell’esistenza. Sembra che i piatti

cucinati in famiglia siano dei documenti che

ci aiutano a ricordare le consuetudini familiari

attraverso i cambiamenti delle generazioni e i

giorni di festa che scandivano i tempi dell’anno,

seguendone i ritmi liturgici e le occasioni

particolari. Non è inteso affatto fare un manuale

sistematico di cucina, ma mettere insieme ricette

e memorie, pezzi di storia della famiglia e della

storia.

Mister Napoleone

Autore: Luigi Garlando

Casa Editrice: Pickwick

15 ottobre 1815. È l’alba quando a bordo della

Northumberland si sente gridare: “Terra!”. Ecco

Sant’Elena. Un pezzo di carbone in mezzo al mare.

Da quel giorno Napoleone Bonaparte, l’uomo che è

entrato vincitore in tutte le capitali d’Europa, si ritrova

segregato su una roccia in mezzo all’oceano. Con lui

c’è Emanuele, quindici anni, che sogna di diventare

un soldato della Grande Armata, di cavalcare

imprendibile come Murat e di avere in battaglia il

coraggio folle di Massena. E che soprattutto sogna

di potersi presto vendicare combattendo contro gli

inglesi traditori al fianco del suo Imperatore. Per

questo Emanuele de Las Cases comincia a scrivere

un diario: per raccontare, momento per momento,

il loro viaggio all’inferno di Sant’Elena e poi il loro

ritorno sul trono del mondo. Ma Amani, un ragazzino

africano dai denti di luna che non ama le battaglie e

che si accompagna a un esercito di granchi pacifici,

farà traballare la sua sete di vendetta. Perché Amani,

nella lingua della sua terra, significa “pace”.


81


Woodstock 50:

Il sogno di un festival infinito

TEATRO &

MUSICA

di MARTA ZANNONER

Coloro che hanno partecipato come pubblico alla serata inaugurale della

quinta edizione del Blues Festival di Seravezza, si sono trovati davanti un

Andrea Scanzi in una veste che racchiude tutte le sue molteplici nature:

autore, attore e, non di meno, giornalista. Woodstock 50: il sogno di

un festival infinito è l’ultimo spettacolo che il poliedrico Scanzi ha

scritto e portato in scena per la prima volta in assoluto sul palco del

Seravezza Blues Festival. Una ricerca accurata, frutto di molto studio,

accompagnata da immagini e video inediti hanno dato vita e dipinto

la storia del Festival più famoso della storia davanti agli occhi di un

pubblico incantato. A cinquanta anni da quell’agosto del 1969, il prato

del Palazzo Mediceo di Seravezza è tornato nella piccola città di Bethel,

New York, tra hippie e musica. E che musica. Woodstock 50: il sogno di

un festival infinito è una cronaca e un approfondimento di quei magici

giorni, che conquista sia chi non ne sa nulla e chi tutto. Aneddoti e

storie di band indimenticabili portano gli spettatori indietro nel tempo,

senza perdere una sola parola, mostrando come la musica sia un grande

connettore di passioni, caratteri e generazioni. Peace & love.

Irene Grandi

Grandissimo (2019)

Daniele Stefani

La fiducia

Raige

Affetto Placebo

82

Irene Grandi ha dato vita a un progetto speciale

per festeggiare i 25 anni di carriera. Si intitola

“Grandissimo” ed è il suo nuovo album articolato in

tre capitoli. disco si apre con cinque inediti, tra i quali

spicca il singolo “I passi dell’amore”. Nelle nuove

canzoni colpisce la dolcezza del suo canto, specie nei

brani “Sono qui per te” e “Accesa”.

A seguire arrivano sei brani di repertorio in duetto con

alcune delle più belle voci italiane e con il pianoforte del

suo grande amico Stefano Bollani. Di questa sezione,

nella quale spiccano anche Levante, Carmen Consoli

e Fiorella Mannoia, vi segnalo “La tua ragazza sempre”

cantata con Loredana Bertè e una sorprendente cover

dei Rolling Stones, “Time is on my side”, cantata con

Sananda Maitreya .

La musica è la miglior cura per la nostra anima, ci

allieta nei momenti tosti e ci accompagna in quelli

piacevoli, influenzando quotidianamente ogni singolo

stato d’animo. Daniele Stefani torna a surfare sulle

onde di quei sentimenti che, in fondo, lo esaltano e

contraddistinguono. “La fiducia” è il titolo del nuovo

singolo che anticipa l’imminente uscita dell’omonimo

album che, di fatto, segna il suo atteso ritorno

discografico, a di distanza di undici anni dal suo ultimo

progetto in patria, dopo aver collezionato positive

esperienze all’estero e inciso per il mercato latino il

disco “Siento la distancia”. Ad impreziosire il pezzo

un featuring speciale con l’attore Paolo Ruffini, che

arricchisce il risultato finale con un suo breve monologo

recitato a cavallo tra il primo e il secondo tempo del

brano.

11 inediti più 4 bonus track in cui Raige propone agli

ascoltatori l’unico vero rimedio all’apparente vuoto di

questa vita, fatta di schermi, delusioni e voglia di rivalsa:

i rapporti umani. Pezzo dopo pezzo i testi lasciano spazio

ad ogni stato d’animo: troviamo brani più leggeri, come

Quanto Male Mi Fai, che portano con sé i ritmi e le note

dell’estate (Ritorni Da Me), brani sentimentali (Davvero),

oppure pezzi molto profondi, come Un Milione Di Sassi

o Ne riderai. Trova spazio anche la nostalgia per i tempi

andati e la consapevolezza delle difficoltà del diventare

grandi, come in Scuola Calcio, collaborazione con Ensi e

Rayden. Quello che accomuna questi testi è la capacità di

rendere delle immagini chiare, forti, poetiche, che a volte

strappano anche una lacrima, attraverso un linguaggio

molto semplice.


i detergenti ideali

per la tua casa!

Piazza Vittoria, 13/1

35012 Camposampiero (PD)

info@sgr-group.it

www.sgr-group.it

83


84

Elodie Di Patrizi, in arte Elodie è

nata a Roma da padre italiano e

madre francese creola originaria

della Guadalupa nelle Antille

francesi.

Dopo aver lasciato la carriera da

modella, essere stata eliminata

durante le fasi iniziali di X Factor

nel 2009 ed essersi trasferita a

Lecce, Elodie ha esordito nel

2015 nel talent show Amici di

Maria De Filippi (dove aveva

provato a entrare nel 2009),

arrivando al secondo posto e

vincendo i premi Premio della

critica giornalista Vodafone

e Premio RTL 102.5 - Amici

alla radio


ON STAGE

ELODIE

“Non sono un contenitore unico con scritto ‘Elodie’...”.

C’è una frase che la cantante pronuncia spesso e che più di altre la fotografa.

Perché Elodie è pop ma anche rap, è trasgressiva e casta, dolce e aggressiva.

E soprattutto è se stessa.

“Sono molto socievole,

le persone che mi seguono

sui social lo sanno.

La musica serve

a comunicare,

lo faccio con le mie canzoni

o con le interviste

per raccontarmi meglio

alle persone che non

incontro per strada”

di SANTO PIRROTTA

Sono lontani i tempi di “Amici”, dove si è

classificata seconda nella quindicesima

edizione. Anche se già allora si ribellava

ai prof mostrando tutte le sfaccettature del

suo carattere. Oggi che è la protagonista

assoluta dell’anno con alcune delle hit

più ballate e trasmesse in radio ricorda

così quel periodo: “Amici mi ha aiutato a

capirmi, a gestire le emozioni. Sono quattro

anni di cambiamento, i più belli della mia

vita”. Cambiamento è la parola chiave

per descrivere meglio la cantante che ha

cambiato pelle già tante volte. Subito dopo

il talent di Maria De Filippi è stata prodotta

da Emma, sua coach, ha calcato il palco

di Sanremo con “Tutta colpa mia”. Ma

poi ha tirato il freno a mano. Spiazzando

tutti, allontanandosi dalla Marrone: “Dopo

Sanremo ho capito che forse era il momento

di fare le cose a modo mio. Quando hai una

persona molto forte accanto è difficile dire

la propria, ma non perché le altre persone

85


ON STAGE

ELODIE

non te ne diano la possibilità. A febbraio ho pensato che potevo

volare con le mie ali. Ci ho messo due settimane per arrivare a questa

decisione, mi sono sentita in colpa perché, quando una persona ti

dà tanto, pensi che ti stai comportando male o che sei ingrata, ma

è giusto che le persone siano libere, che ragionino con la propria

testa e facciano il loro percorso. Poi i rapporti, quando sono sinceri,

rimangono sinceri”. Elodie è coraggiosa, sceglie la strada più difficile,

come quando si “separa” dal produttore Fabrizio Giannini, lo stesso di

Tiziano Ferro. Lei scalpita, lui aveva in mente “una strategia diversa”.

“Bisogna prendersi delle responsabilità - sottolinea la cantante - non

Lorenzo Fragola, Carl Brave e Franco 126 - ma in realtà sembra scritto

da una donna: “Una donna di carattere, che vive. E mi ci riconosco.

C’è seduzione, c’è femminilità...”. Che donna è oggi Elodie? “Una

donna che comincia ad essere consapevole di essere donna. Credo

che questo sia l’anno più bello della mia vita. Sono giovane ma

comincio ad avere più sicurezze, mi fido di me ciecamente”. Milano,

dove vive da un anno, l’ha aiutata: “E’ una città speciale. Che dà

grandi possibilità, di connetterti a mondi diversi. Se hai un sogno

qui lo puoi realizzare”. Ma la Di Patrizi è sempre stata così: “Faccio

questo lavoro con un pizzico di leggerezza e spensieratezza in più, le

cose possono anche non piacere, ma se fai quello che senti almeno

sei coerente. Sono molto socievole, le persone che mi seguono sui

social lo sanno. La musica serve a comunicare, lo faccio con le

mie canzoni o con le interviste per raccontarmi meglio alle persone

che non incontro per strada. Ho questo animo un po’ rapper, un po’

gitano, sono una ragazza di strada. Sono cresciuta per strada. Ho

imparato a vivere guardando gli altri, questo è risultato”. Elodie è

molto apprezzata dai rapper, con i quali collabora: “Sono una artista

versatile e forse questo viene apprezzato. E’ bello quando altri artisti

ti stimano, per me è motivo di orgoglio”. Lei che ci ha abituati ai look

più strani, negli ultimi tempi ha optato per un taglio di capelli e un

coloro più sobrio: “Ci stavo giusto pensando qualche giorno fa, no

so se tenerli così, ma sono sicuramente in una fase di cambiamento,

non ho ancora capito dove approderò. Voi preparatevi...”. Da un

da un lato “struggente”, dall’altro “auto-ironica”, non le piace mai

prendersi troppo sul serio: “Ci sono tante sfumature di me, non sono

un contenitore unico con scritto Elodie”.

voglio appoggiarmi agli altri, preferisco provare a capire, avere paura,

anche di non riuscire a fare il proprio mestiere. Se fallisci fai i conti.

Se vinci vai avanti”. Elodie oggi ha vinto. Sta vivendo un periodo

magico. “Margarita”, il travolgente singolo che la vede collaborare

con il rapper Marracash, ha conquista la certificazione di disco d’oro

e macina milioni di stream. Un esempio di quando il rap e il pop si

alleano segnando l’estate: un anno dopo “Nero Bali” (feat Michele

Bravi e Gue Pequeno), la cantante duetta con Marra per descrivere

un amore più urbano che vacanziero che a quanto pare tra i due si è

concretizzato anche nella vita privata. “E’ un brano fresco, giovane,

che mi rispecchia - ci racconta - Fabio è un artista prezioso. Ha

accetto questa collaborazione da subito e mi ha reso felice. Mi sono

trovata molto bene con lui. E’ una persona socievole, collaborativa

e generosa... ha tante idee”. Il brano è stato scritto da tre uomini -

Margarta Elodie feat Marracash

86


87


HOME

SWEET HOME

di MAURIZIO BONUGLI

IMÈR!

In Via Nazionale 2 c’è IperSoap col “vostro” punto vendita bello, colorato, ricco in

assortimento e di offerte vantaggiosissime. Con i prezzi migliori e la convenienza di sempre.

E in negozio, sorridenti e professionali, vi aspettano Egizia, Donatella, Margherita, Laura

e la capo area Marzia Zuglian. Imèr è adagiata nella parte più bassa della Valle del Cismón

a 670 sul livello del mare, presso i confini orientali della provincia autonoma di Trento, conta

circa 1.300 abitanti, ma una vitalità invidiabile, una comunità accogliente e un ambiente

variegato e particolarmente adatto alle attività all’aperto.

Imèr è una terra di confine dove si sono intrecciate culture

mitteleuropee e italiane, dove persone operose, accoglienti alla

maniera dei montanari, mantengono ancora significativi legami con

le proprie tradizioni ed il proprio territorio, pur essendo cittadini del

mondo.

Parlando di storie di cibo e artigianato artistico, della tipica passione

per gli orti, della pesca al lago e sul torrente, dei fantastici balconi

sulle Dolomiti, di percorsi a piedi, in bicicletta e con gli sci, di epiche

arrampicate, di interessanti impianti sportivi, di arte antica e rigenerata,

di ispirazioni divine e leggende locali, di feste grandiose

e iniziative culturali, di attenzione alla famiglia e di offerta ricettiva;

questa è Imèr!

Non si conosce esattamente l’etimologia del suo nome. Vero è che

molto si è fantasticato. Per chi vuole saperne di più, all’entrata della

Sala Adunanze: un pannello vi svelerà i più reconditi significati.

Nel 2009, l’UNESCO ha iscritto le Dolomiti tra i Patrimoni naturali

dell’umanità: Imèr e i suoi dintorni sono i luoghi privilegiati per

ammirarle in tutta la loro maestosità. Numerosi sono infatti i balconi

per abbracciarle con lo sguardo: uno su tutti Col Marés.

Imèr fa il paio con la porta meridionale di accesso al “Sistema 3”, uno

dei nove che raggruppano le Dolomiti: 31.666 ettari che annoverano

le Pale di San Martino, le Vette Feltrine, le Pale di San Lucano e le

Dolomiti Bellunesi.

Da Imèr lo sguardo abbraccia tre dei cinque settori in cui sono state

divise le Pale di San Martino che hanno saputo plasmarsi in una

miriade di guglie, torrioni, pinnacoli, campanili che tanto richiamano

le canne d’organo.

La valle si apre a ventaglio, accogliendo la frazione di Masi da dove

si comincia a scorgere il più esteso gruppo di Dolomia, invidiato

arcipelago fossile.

C’è il settore più immortalato, quello della catena di San Martino, con

il trio Sass Maor, Cima della Madonna e Cimerlo che prosegue verso

nord con i Campanili di Val di Roda e le celebri pareti della Pala di San

Martino, della Rosetta e del Cimon della Pala; il Massiccio Centrale, a

corona sulla Val Canali, che comprende pure i 50 chilometri quadrati

dell’altipiano delle Pale, facilmente raggiungibile da San Martino di

Castrozza con gli impianti di risalita; la Catena Meridionale, dalla

Croda Grande a sua maestà l’Agnèr.

E poi il Gruppo del Cimonega, con il Piz de Sagron e il Sass de

Mura, sul confine con il bellunese, con cui si condividono pure le

Vette Feltrine che culminano con la spettacolare piramide del Monte

Pavione.

L’intera catena di creste è attraversata da nord a sud dall’Alta Via delle

Dolomiti, conosciuta come l’Alta Via delle Leggende, da Bressanone

a Feltre.

INFO: www.imereventi.it

88


89


I GIOCHI DI

Cruci foto 400

Teresa Mannino

Trovi tutte le soluzioni a pagina 96 della rivista.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

13 14 15

16 17 18 19

20 21 22

23 24 25

26 27 28 29 30 31 32

33 34 35 36

37 38 39

40 41 42 43 44

45 46 47 48

49 50 51

ORIZZONTALI: 1. Accordi – 6. Donna 1. Accordi pettegola – 12. – Commissario 6. Donna Tecnico – pettegola 13. L’attrice e conduttrice – 12. televisiva Commissario italiana nella foto – Tecnico 16. Andrea – 1

calciatore azzurro – 17. I giorni di novembre – 18. Elaborazione Automatica dei Dati – 20. Manie senza estremi – 21. Prive di asperità – 22. Il fedele

televisiva

cane di Ulisse – 23.

italiana

Finiscono dentro

nella

– 24. Spazio

foto

vuoto


di

16.

un oggetto

Andrea

– 25. Raccolta

calciatore

di brani musicali –

azzurro

26. Precedono


domeniche

17. I

– 31.

giorni

Capitale della

di nov

Automatica

Guinea equatoriale –

dei

32. Gara

Dati

motociclistica

– 20.

fuoristrada

Manie

– 33. Longeva

senza

attrice

estremi

brillante italiana


di

21.

cinema

Prive

e teatro –

di

35.

asperità

Depredazione –– 37.

22.

Grido

Il fe

d’esultanza – 38. Colleriche – 39. Fibra naturale – 40. Le pari dell’ostico – 41. Milo fumettista italiano – 43. Osteria francese – 44. Il partito di Renzi

Finiscono (sigla) – 45. Poco dentro ovvio – 46. Compagno – 24. Spazio – 47. Duplicati vuoto – 48. Io più di voi – un 49. oggetto Lavoratore in tuta – blu 25. – 50. Raccolta Relativo al Mongibello di brani – 51. Fiume musicali lombardo. – 2

31. VERTICALI: Capitale 2. Privo di della accento tonico Guinea – 3. Grossi equatoriale asciugamani – 4. La – metà 32. di esa Gara – 5. Coda motociclistica di quaglie – 6. Una meta fuoristrada agognata – 7. Birillo – del 33. biliardo Long

– 8. Grosso pesce romboidale – 9. Sportelli d’armadio – 10. Simbolo dell’acido ribonucleico – 11. Limiti di errori – 12. Grumi rappresi di sangue

di – 14. cinema Caricare merci e teatro sulla nave – 15. 35. Bastonare Depredazione – 16. Intoccabile indiano – – 37. 19. Dio Grido Ottimo Massimo d’esultanza – 21. Rendere manifesto – 38. – Colleriche 22. Extraterrestre – 39. F

– 24. Passione – 25. Relativo alle piante – 26. Non confezionato – 27. Contrario di partenza – 28. Ha sempre l’asso nella manica – 29. Sigla per ex

dell’ostico – 41. Milo fumettista italiano – 43. Osteria francese – 44. Il partito di Renz

alpini – 30. Sigla del Camerun – 31. Antonio dirigente televisivo – 32. Totali 34. Battuti – 35. L’anfibio più brutto – 36. Sonoro – 39. Si dice per chiarire

46. – 41. Compagno Il terzo mese abbreviato – – 47. 42. Misura Duplicati terriera – 43. – Banca 48. Centrale Io più Nazionale voi – 44. – In 49. seguito Lavoratore – 46. Metà peso – 48. in Nepal tuta ai confini. blu – 50. Re

Fiume lombardo.

VERTICALI: 2. Privo di accento tonico – 3. Grossi asciugamani 6– 4. La metà di es

Una meta agognata – 7. Birillo del biliardo – 8. Grosso pesce romboidale – 9. Sportel

dell’acido ribonucleico – 11. Limiti di errori – 12. Grumi rappresi di sangue – 14. Cari

Bastonare – 16. Intoccabile indiano – 19. Dio Ottimo Massimo – 21. Rendere manif

24. Passione – 25. Relativo alle piante – 26. Non confezionato – DIFFERENZE

27. Contrario di parte

nella manica – 29. Sigla per ex alpini – 30. Sigla del Camerun – 31. Antonio dirigen

34. Battuti – 35. L’anfibio più brutto – 36. Sonoro – 39. Si dice per chiarire – 41. Il t

Misura terriera – 43. Banca Centrale Nazionale – 44. In seguito – 46. Metà peso – 48.

90

TROVA LE


Cruci foto 401 Elisabetta Canalis

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

12 13 14 15 16

17 18 19

20 21 22 23

24 25 26

27 28 29 30 31 32 33 34

35 36 37

38 39 40

41 42 43 44

45 46 47 48 49 50

51 52 53 54

ORIZZONTALI: 1. Colpo di pietra – 7. Come dire paio – 12. Gruppo di persone poco raccomandabili – 13. Samuel compositore statunitense del XX

secolo – 15. Danno inizio al ballo – 17. Il Vergani scrittore e giornalista – 18. Prediletto – 19. Sono in rete – 20. Smista le telefonate – 22. Misura elettrica

– 24. Testa di cobra – 25. Città in provincia di Trapani – 26. Distinguono gli individui – 27. Imposto dall’autorità – 32. Lo è anche il falco

– 34. Metropoli costiera della Cina – 35. Dissodare la terra – 36. Penna poetica – 37. Il cognome della cantante Mina – 38. Pronome plurale

– 39. Renzo eclettico personaggio televisivo – 40. In alcuni casi è killer – 41. La show girl e attrice italiana nella foto – 45. Simbolo della radiofrequenza

– 47. Partite di merci – 48. Prive dei genitori – 49. Frazioni di chili – 51. Cortile rustico – 52. Fibra ricavata dalla cellulosa – 53. Scelto tra più cose

– 54. Azienda Elettrica Municipale.

ORIZZONTALI: 1. Colpo di pietra – 7. Come dire paio – 12. Gruppo di persone poco r

Samuel compositore statunitense del XX secolo – 15. Danno inizio al ballo – 17. Il Vergani

– 18. Prediletto – 19. Sono in rete – 20. Smista le telefonate – 22. Misura elettrica – 24. Test

in provincia di Trapani – 26. Distinguono gli individui – 27. Imposto dall’autorità – 32. Lo

Metropoli VERTICALI: 1. Arma costiera bianca – 2. della Compie Cina decolli e – atterraggi 35. Dissodare – 3. Rotazione nel la tennis terra – 4. Intermezzo – 36. Penna pubblicitario poetica – 5. Gemelle – in 37. gamba Il – cognome 6. Privo d

38.

d’interessi

Pronome

– 7. Pelo di

plurale

coda di cavallo

– 39.

– 8.

Renzo

Finestrino della

eclettico

nave – 9. Pelato…

personaggio

solo metà

televisivo

– 10. Del sud della

– 40.

Francia

In

– 11.

alcuni

Philip Hauge

casi

fisico

è killer

statunitense del XX secolo – 14. Culmine – 16. È detto anche anemone di mare – 18. Criterio di giudizio – 21. Settore del supermarket – 23. Astio 26.

attrice Satolla – italiana 27. Opprime in nella estate – foto 28. Lo pretese – 45. Brenno Simbolo – 29. Fiume della Svizzera radiofrequenza – 30. Mitico gnomo delle – 47. foreste Partite nordiche – 31. di Bevanda merci ambrata – 48. Pr

– 32. Piccola rete per la pesca – 33. Pianta dal succo amaro – 34. Taccuino – 36. Fiume della Calabria – 37. Quella… di Susa è in provincia di Torino

Frazioni

– 39. Regge

di

la bandiera

chili

–– 40.

51.

Genere

Cortile

di canto jazzistico

rustico

– 42.


Sigla

52.

della

Fibra

banca vaticana

ricavata

– 43. Archivio

dalla

Fotografico

cellulosa

Toscano

– 44.

53.

Scuola

Scelto

Tributaria

tra pi

Elettrica Europea – 46. Municipale.

Firenze sulle targhe – 50. Centro di Roma.

VERTICALI: 1. Arma bianca – 2. Compie decolli e atterraggi – 3. Rotazione nel ten

TROVA LE

pubblicitario – 5. Gemelle in gamba – 6. Privo d’interessi – 7. Pelo di

10

coda di cavallo – 8. Fi

9. Pelato… solo per metà – 10. Del sud della Francia – 11. Philip Hauge fisico statunitense

Culmine – 16. È detto anche anemone di mare – 18. Criterio di giudizio – 21. Settore d

Astio – 26. Satolla – 27. Opprime in estate – 28. Lo pretese Brenno – 29. Fiume della S

gnomo delle foreste nordiche – 31. Bevanda ambrata – 32. Piccola rete per la pesca – 33. Pi

– 34. Taccuino – 36. Fiume della Calabria – 37. Quella… di Susa DIFFERENZE

è in provincia di To

bandiera – 40. Genere di canto jazzistico – 42. Sigla della banca vaticana – 43. Archivio Fo

44. Scuola Tributaria Europea – 46. Firenze sulle targhe – 50. Centro di Roma.

S A S S A T A C O P P I A

91


I CARE

di MAURIZIO BONUGLI

Charity in the World

“ITALIA” onlus

A metà luglio è terminata la lunga corsa del Team Charity in the World che, dopo la partecipazione

di Nicola Ciani, Mario Paonessa e Moustapha Ahmad alla Marathon Des Sables, e raccolti i fondi

necessari, ha visto la costruzione di due pozzi potabile in Togo grazie al lavoro dell’infaticabile

Raffaele Brattoli e, per l’appunto, grazie alla campagna di crowfunding “No water, no life”.

costruzione di pozzi d’acqua potabile nel continente Africano nel tentativo

di migliorare così le condizioni dei “poveri pi poveri” del mondo. Migliaia

di bambini etiopi ogni giorno si ammalano e muoiono bevendo acqua

inquinata. Per vivere hanno un estremo bisogno anche di noi!

INFORMAZIONI&CONTATTI

Cell. 348 711 8152

email: cwonlus@gmail.com

www.charityintheworld.com

Lo scorso 12 luglio è stato inaugurato il primo pozzo; due giorni dopo,

appena al di fuori dei cancelli del Centro per malati mentali di Zooti,

il secondo. Anche in questa occasione, una moltitudine di bambini

comparsi come dal nulla sono venuti festosi a farci visita ed insieme ad

alcuni dei malati del Centro abbiamo posto la nostra targa. L’incontro

con i malati mentali ospiti del Centro è stato molto forte. Queste persone,

spesso abbandonate dalle loro famiglie, vengono “raccolte” dalle suore

misericordine nelle zone limitrofe e, ad ognuna di loro, con tanto amore,

gli viene offerta la possibilità di curarsi e di ricostruirsi una vita dignitosa.

Anche col Vostro aiuto “No Water, no life” continua… .

L’Associazione Charity in the World Onlus nasce dalla volontà di Raffaele

Brattoli l’ultramaratoneta che corre per la solidarietà. Sportivo da sempre,

Raffaele ha affrontato le sfide più impegnative ed estreme del mondo.

Tuttavia, la sfida più importante, voluta insieme ad alcuni amici (Ivana,

Giorgio, Gianfranco, Alberto, Paolo e Tullio) accomunati dalla passione

sportiva e da un animo filantropico, è a favore della beneficienza.

A partire dallo scorso settembre, è cominciata l’avventura della Charity

in the World Onlus, un’associazione No Profit che opererà su scala

internazionale e che si propone di ideare e realizzare progetti a favore delle

persone che vivono in situazioni disagiate.

L’attenzione del nostro gruppo, oltre ad essere rivolto verso la disabilità e le

malattie oculistiche che colpiscono soprattutto i primi anni di vita portando

totale cecità, avrà come obiettivo primario quello di raccogliere fondi per la

DONAZIONI:

Charity in the World Onlus, riferimenti bancari:

CF97725660159

Iban It 70C0100501616000000002153

(foto credit Paola Nizza)

92


-

93


QUA LA ZAMPA!

di LUCA ALBERTI

Il Cane Nudo Messicano.

Il Cane Nudo Messicano, conosciuto anche con il nome di Xoloitzcuintle nella lingua

della sua nazione di origine, il Messico, è una razza riconosciuta e classificata dalla

F.C.I. nel proprio Gruppo 5, quello dei cani di tipo spitz e di tipo primitivo.

La sua denominazione deriva dall’unione delle parole in lingua nahuatl Xolotl e itzcuintli,

ovvero “cane del dio Xolotl”.

La razza è considerata una delle più antiche al mondo, tanto che le

sue origini si perdono nel tempo. Del Cane Nudo Messicano si sa che

anticamente veniva allevato come un qualsiasi animale dal quale ricavare

cibo, infatti gli indigeni si nutrivano della sua carne in modo abituale.

Anche gli impieghi per i quali è destinato il Cane Nudo Messicano

dipendono dalla taglia: quelli che presentano la taglia standard e la taglia

intermedia sono considerate essenzialmente come cane da guardia, mentre

gli esemplari di taglia miniatura sono considerati cane da compagnia.

Ha un’altezza al garrese di 28 – 31 cm per un peso compreso tra i 4 e 12

kg. Caratteristica principale di questa razza è la mancanza quasi totale di

pelo su una pelle completamente liscia. Proprio per la mancanza di pelo se

esposta al sole la pelle dell’animale può riportare scottature. Preferibile il

colore uniforme, sono ammessi il grigio, marrone scuro e color oro.

Il suo carattere è nobile e molto riservato, anche se si lega moltissimo

al padrone tanto che sotto alcuni aspetti risulta molto simile all’omonima

razza peruviana.

La tranquillità che mostra quando si trova con il padrone e la di lui sua

famiglia viene persa e diventa attento e diffidente in presenza di estranei.

94


L’OROSCOPO di

Cruci foto 400

Teresa Mannino

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

13 14 15

ARIETE

Periodo sereno, positivo, ricco di

interessi, di voglia di goderti l’ultimo

scampolo di estate, di conoscere

gente e di divertirti. Ma anche di

tornare alla vita quotidiana, che

cercherai di migliorare per poter

raggiungere i tuoi traguardi prima

e meglio che puoi. «Se siete tanto

fortunati da trovare il tipo di vita che

vi piace, dovreste anche trovare il

coraggio di viverla» (John Irving).

TORO

Settembre inizierà in quarta: per

affrontare il mondo e a prenderti

quello che desideri. Per partire,

concederti una vacanza settembrina

GEMELLI

Ecco un periodo positivo, che ti

fornirà tutti gli strumenti necessari

per riprendere il controllo della tua

vita e pilotarla nella direzione che

o avviare progetti, le prime desideri. Finalmente sentirai che il

dieci giornate del mese saranno

eccellenti: avrai le idee chiare, sarai

comunicativo nel modo giusto. “Il

denaro che si ha è lo strumento della

libertà. Quello che s’insegue è lo

strumento della schiavitù”.

vento sta girando e che puoi, e devi,

lasciarti alle spalle ogni incertezza

e ogni tensione precedente. “La

meraviglia è propria della natura del

filosofo; e la filosofia non si origina

altro che dallo stupore”.

(Jean Jacques Rousseau)

(Platone)

Cruci foto 401 Elisabetta Canalis

CANCRO

Ci sarà un po’ di agitazione:

imprevisti familiari, preoccupato per

una situazione bizzarra, oppure solo

stanco e bisognoso di tranquillità.

Guarda avanti e sii forte come sai

essere. Da metà mese, tornerai sulla

breccia e riprenderai il controllo. E

tutti i problemi a fine mese saranno

passati. “Vivere è la cosa più rara

al mondo. La maggior parte della

gente esiste, ecco tutto”.

(Oscar Wilde)

16 17 18 19

20 21 22

23 24 25

26 27 28 29 30 31 32

33 34 35 36

37 38 39

40 41 42 43 44

LEONE

A inizio mese sarà il tuo Segno

protagonista: una combinazione

planetaria esplosiva, che ti renderà

dinamico, scoppiettante, desideroso

di divertimento, di progettare

qualcosa di piacevole o costruttivo,

di impegnarti per la famiglia e

nel sociale. “Il valore di un uomo

dovrebbe essere misurato in base a

quanto dà, e non in base a quanto è

in grado di ricevere”.

(Albert Einstein)

SAGITTARIO

Settembre ti troverà prontissimo

al nastro di partenza, pieno di

entusiasmo e di voglia di fare. Fa

tesoro di questa serenità interiore per

migliorare gli aspetti esteriori della

tua vita: per dialogare in famiglia e

appianare divergenze, per goderti

una vacanza, per divertirti, per

mettere in cantiere un progetto cui

tieni. “Se altre persone l’hanno

fatto prima di me, possoanch’io”.

(William Faulkner)

Le soluzioni dei giochi

STAR DA PICCOLI:

Diego Abatantuono

VERGINE

Un po’ perché questo è il periodo

del tuo compleanno e un po’

perché i pianeti saranno pigri, sarai

riflessivo, sui risultati raggiunti o sulle

prospettive future. E poi ti rimetterai

in moto, pronto ad affrontare nuovi

traguardi, a farti valere, a goderti

vita e perfino una vacanza tra fine

estate e inizio autunno. “Pigrizia:

l’abitudine di riposarsi ancor prima

di essere stanchi”.

(Jules Renard)

45 46 47 48

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

BILANCIA

Le prime giornate del mese saranno

perfette in vacanza, ma per divertirti

nel tempo libero, conoscere

persone interessanti o affrontare

un argomento delicato in famiglia.

Gli affetti saranno in primo piano

e ti mostrerai attento alle esigenze

di tutti. “Qualcuno ha detto che la

bellezza è una promessa di felicità.

Nessuno ha mai detto che sia stata

mantenuta”.

(Paul-Jean Toulet)

SCORPIONE

“La più grande prova di coraggio

è sopportare la sconfitta senza

perdere il cuore” (Robert

Green Ingersoll). Settembre inizierà

con temperature torride, ma il meteo

non c’entra. Sarai teso, nervoso,

irritato per un imprevisto o di una

persona. Un umore litigioso e

polemico che durerà almeno per la

prima parte del mese. Poi ecco che

tornerà a splendere il sereno.

E che sereno!

49 50 51

12 13 14 15 1

17 18 19

ORIZZONTALI: 1. Accordi – 206. Donna pettegola 21 – 12. Commissario 22 Tecnico 23 – 1

televisiva italiana nella foto – 16. Andrea calciatore azzurro – 17. I giorni di nov

24 25 26

Automatica dei Dati – 20. Manie senza estremi – 21. Prive di asperità – 22. Il f

27 28 29 30 31 32 33 34

Finiscono dentro – 24. Spazio vuoto di un oggetto – 25. Raccolta di brani musicali – 2

31. Capitale della 35 Guinea equatoriale 36– 32. Gara motociclistica 37fuoristrada – 33. Long

di cinema e teatro – 35. Depredazione – 37. Grido d’esultanza – 38. Colleriche – 39.

38 39 40

dell’ostico – 41. Milo fumettista italiano – 43. Osteria francese – 44. Il partito di Renz

41 42 43 44

46. Compagno – 47. Duplicati – 48. Io più voi – 49. Lavoratore in tuta blu – 50. Re

Fiume lombardo.

CAPRICORNO

45 ACQUARIO

46 47 48 PESCI

49 5

Settembre partirà con calma, Settembre sarà impegnativo, Come forse avrai intuito non tutto

rifletterai o ti lascerai alle spalle le 51

soprattutto per

52

gli affetti. Forse andrà

53

secondo i tuoi piani, ma non

54

tensioni precedenti. VERTICALI: E poi ecco che il 2. snervante, Privo di specie accento se dovrai tonico discutere – 3. Grossi perdere asciugamani la fiducia. Dovrai – 4. affrontare La metà di es

cielo si metterà in moto, per elargirti situazioni che per te saranno una situazione irritante, munendoti

soddisfazioni. Sì, potrebbe

Una meta

essere

agognata

la

– 7. Birillo del biliardo – 8. Grosso pesce romboidale – 9. Sportel

scontate, ma per altri no. Fatti forza, di pazienza e fiducia. Le stelle però

tua possibilità di migliorare dell’acido la ribonucleico vita ORIZZONTALI:

perché la – 11. tua situazione Limiti 1. Colpo di di

migliorerà errori pietra –– 12. 7.

vi

Come Grumi vedono

dire rappresi speciali:

paio –

da di 12.

metà sangue Gruppo

ottobre – di 14. person Car

sociale, familiare o personale. Samuel “Il e compositore potrai concludere statunitense in maniera del XX secolo starai – molto 15. Danno meglio. inizio “Un albero ballo è – 17. Il

Bastonare – 16. Intoccabile indiano – 19. Dio Ottimo Massimo 21. Rendere mani

denaro non dà soddisfazione se – si 18. serena Prediletto e vantaggiosa. – 19. Sono in “Ciò rete di – 20. cui Smista noto le per telefonate i suoi frutti, – 22. un Misura uomo per elettrica –

deve lavorare troppo 24. per Passione ottenerlo, in


provincia

25. abbiamo Relativo

di bisogno Trapani

alle piante è – 26. una Distinguono

– tazza 26. Non di confezionato le gli sue individui azioni. – Chi 27.

– 27. semina Imposto

Contrario cortesia dall’autorità

di parte


poiché in questo modo nella non manica si ha il – 29. comprensione, Sigla per ex un barile alpini di amore 30. Sigla e miete del amicizia, Camerun chi – pianta 31. Antonio gentilezza dirigen

tempo per spenderlo”. Metropoli un oceano costiera di pazienza”. della Cina – 35. Dissodare raccoglie la terra amore”. – 36. Penna poetica – 37. Il co

(Aldous Huxley) 34. Battuti – 38. 35. Pronome (San L’anfibio Francesco plurale più di – brutto Sales) 39. Renzo – 36. eclettico Sonoro (S. personaggio – Basilio) 39. Si dice televisivo per chiarire – 40. In – alcuni 41. Il cat

Misura terriera attrice – 43. italiana Banca nella Centrale foto – 45. Nazionale Simbolo – della 44. radiofrequenza In seguito – 46. – 47. Metà Partite peso di – merci 48.

Frazioni di chili – 51. Cortile rustico – 52. Fibra ricavata dalla cellulosa – 53. Sce

Elettrica Municipale.

P A T T I C O M A R E C T

T E R E S A M A N N I N O

VERTICALI: 1. Arma bianca – 2. Compie decolli e atterraggi – 3. Rotazion

P O L I T R E N T A E A D

pubblicitario – 5. Gemelle in gamba –

A6. NPrivo I

d’interessi

P I A T


T

7.

EPelo Adi Rcoda G Odi caval

9. Pelato… solo per metà – 10. Del sud R Odella CFrancia A V I– T11. APhilip A LHauge B U Mfisico sta

Culmine – 16. È detto anche S A Banemone A T I di Mmare A L– A18. B OCriterio T Rdi Igiudizio A L – 21. S

Astio – 26. Satolla – 27. FOpprime R A N Cin Aestate V A L– 28. E RLo Ipretese R U Brenno E R I– A29. Fium

gnomo delle foreste nordiche U R– R31. A Bevanda I Rambrata O S E – C32. OPiccola T O Nrete E per U la pesca

– 34. Taccuino – 36. Fiume S I Odella MCalabria A N A R– A37. Quella… B I S Tdi RSusa O Pè Dprovinc

bandiera – 40. Genere di

Ocanto V

jazzistico

P A R T– N42. ESigla R Cdella O Pbanca I Evaticana N O I– 43. Ar

O P E R A I O E T N E O O G L I O

44. Scuola Tributaria Europea – 46. Firenze sulle targhe – 50. Centro di Roma.

S A S S A T A C O P P I A

T E P P A B A R B E R B A

O R I O P U P I L L O E T

C E N T R A L I N O V O L T

C O E R I C E S E S S I

C O A T T O R A P A C E C A N T O N

A R A R E C A L A M O M A Z Z I N I

L O R O A R B O R E S E R I A L A

U E L I S A B E T T A C A N A L I S

R F L O T T I O R F A N E E T T O

A I A R A I O N O P T A T O A E M

96


Castello di Pontebosio

Luxury Resort L

BARBARA CASINI

MutaMenti, realizzato dall’Istituto Valorizzazione Castelli sotto la direzione artistica di Max De Aloe, è un

festival che racchiude in sé un progetto policromo: portare i concerti nei “Luoghi della Cultura” della Provincia di

Massa-Carrara aprendosi a una musica che trova nel jazz il significato di incontro di culture e generi diversi.

È un percorso che non si esaurisce nel tempo limitato dell’ascolto, ma permane come segno tangibile di una magica

esperienza, avvolgendo e coinvolge il pubblico e rendendolo partecipe del Bello e della sua conservazioni.

PRIMA SESSIONE CONCERTI:

18 settembre ore 21.00, Castello di Pontebosio (Licciana Nardi), Barbara Casini & Choro de Rua

19 settembre ore 21.00, Castello Malaspina (Massa), Max De Aloe Quartet

20 settembre ore 21.00, Castello di Lusuolo (Mulazzo), Elise Hall Saxophone Quartet

21 settembre ore 21.00, Castello del Piagnaro (Pontremoli), Bebo Ferra Andrea Dulbecco duo

28 settembre ore 21.00, Convento degli Agostiniani (Fivizzano), Matteo Goglio

29 settembre ore 21.00, C.D.P.D. Pieve di Sorano (Filattiera), Eugenia Canale Trio

Per info visitare www.istitutovalorizzazionecastelli.it/mutamenti oppure la pagina FB mutamenti,

spazi fluidi di un jazz senza frontiere o ancora scrivere a mutamenti@istitutovalorizzazionecastelli.it

Via Pontebosio 3 - 54016 Pontebosio Loc. Licciana Nardi (MS)

t: +39 0187 472050 - www.castellodipontebosio.it - info@castellodipontebosio.it


MASCARA

100%volumeEXTRA

EFFETTO

“CIGLIA MOLTIPLICATE”

IMMEDIATO. PER UN

VOLUME ESAGERATO!

More magazines by this user
Similar magazines